CONTENUTI ING. MARCO CIMARELLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTENUTI ING. MARCO CIMARELLI"

Transcript

1

2 CONTENUTI PREMESSA... 2 DESCRIZIONE STATO ATTUALE DEI LUOGHI E DEL PROGETTO... 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE E VINCOLISTICO... 4 DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO E DELLE OPERE CIVILI... 5 Opere di ricostruzione della briglia... 5 Opere da effettuare sull argine... 6 Opera di presa... 6 Opere di realizzazione dell impianto a coclee... 6 DESCRIZIONE DELL IMPIANTO E DELLA TECNOLOGIA... 7 Sistema di presa... 7 Viti idrauliche... 8 Generatore... 8 Quadro apparecchiature elettriche... 8 Sistema di telecontrollo... 8 Locale tecnico... 9 Percorso di risalita della ittiofauna... 9 CALCOLI IDRAULICI DI PORTATA Dati del punto di prelievo Dati a disposizione per l elaborazione delle portate Elaborazione dei dati Calcolo del deflusso minimo vitale Determinazione della portata di prelievo DATI CARATTERISTICI DELL IMPIANTO Calcolo della potenza idraulica: Calcolo della resa elettrica media e potenza massima di connessione: DESCRIZIONE DEI MATERIALI UTILIZZATI QUALITA DELLE ACQUE RESTITUITE E OPERE DI MITIGAZIONE PIANO PARTICELLARE E INQUADRAMENTO CATASTALE PIANO ECONOMICO E RIENTRO DELL INVESTIMENTO

3 PREMESSA Il presente progetto riguarda la costruzione di un impianto mini idroelettrico da realizzare sul fiume Esino, nel territorio del comune di Rosora (sponda idrografica sinistra), in località Angeli, 150 m circa a valle del ponte sulla strada provinciale n.9 (Ponte di Apiro-Mergo). La ditta attuatrice è l azienda GENERAL IMPIANTI SRL del Gruppo Loccioni, con sede in Via Monteschiavo n.3 in località Moie di Maiolati Spontini (An) P.IVA: La costruzione dell impianto avverrà in parallelo alla ricostruzione della briglia esistente a protezione del ponte di Apiro-Mergo, opera idraulica in corso di autorizzazione in separata sede con altro procedimento presso il settore di competenza della Provincia di Ancona. Si anticipano in via preliminare i dati principali caratteristici dell impianto che si intende realizzare e che saranno spiegati e ricavati nello specifico ai paragrafi successivi: Asta fluviale: Fiume Esino Località: Rosora (An) Coordinate impianto: Nord(WGS 84) Est(WGS84) Salto idraulico: 1.80 m Portata di progetto impianto: 4.00 mc/s. Portata massima di prelievo: 5.50 mc/s. Potenza impianto: kw DESCRIZIONE STATO ATTUALE DEI LUOGHI E DEL PROGETTO Il luogo dove si prevede di realizzare l impianto mini idroelettrico è situato lungo il tratto di fiume Esino circa 150 m a valle del ponte di Apiro-Mergo sulla S.P.9, in sponda idrografica sinistra ricadente nel territorio del comune di Rosora. Nella zona dove si prevede di realizzare l impianto sono già esistenti dei manufatti dell Enel costituiti dal canale di adduzione della centrale di Angeli, da un muro di contenimento della scarpata dove è presente anche una paratoia di scarico del predetto canale, da uno stramazzo di scarico a fiume del fosso di Mergo realizzato in calcestruzzo. L impianto sarà inserito a valle di questi manufatti sulla scarpata ripariale del corso d acqua e sarà inserito in incasso rispetto al piano di campagna attuale dell argine che è circa 4,5 m al di sopra del fondo alveo del fiume. 2

4 Il progetto sarà integrato con la ricostruzione della briglia attualmente esistente a protezione del ponte di Apiro-Mergo e che, essendo realizzata in scogli appoggiati, presenta notevoli problemi di scalzamento con conseguenti problemi di stabilità per i piloni centrali del ponte. L autorizzazione della nuova briglia a protezione del ponte sarà autorizzata in separato procedimento e comunque lo stato di progetto riporta anche il suo stato futuro affinchè si possa valutare complessivamente il risultato finale dell intervento. L intervento è studiato per un migliore inserimento possibile nell ambiente utilizzando tecniche e materiali di ingegneria naturalistica, proponendo una briglia in calcestruzzo ma il cui paramento a vista sarà realizzato con scogli cementati e non con il classico scivolo in calcestruzzo. L impianto mini idroelettrico in progetto prevede l installazione di turbina a coclea che si inserisce perfettamente nell intervento a basso impatto ambientale, visto che non sono richieste opere civili di rilievo, ma soprattutto non determina l interruzione dell ecosistema fluviale in quanto non richiede la canalizzazione dell acqua, ma il punto di prelievo e quello di restituzione sono praticamente coincidenti. L impianto sarà posizionato in affiancamento alla briglia ricostruita che determinerà il salto idraulico utile ai fini idroelettrici e sarà incassato nella scarpata dell argine idrografico sinistro. L impianto sarà accessibile e visitabile dal futuro percorso ciclo-pedonale denominato Flumen. POSIZIONE IMPIANTO PERCORSO FLUMEN BRIGLIA IN PROGETTO BRIGLIA ATTUALE Vista dall alto della zona 3

5 INQUADRAMENTO TERRITORIALE E VINCOLISTICO Per l inquadramento territoriale della zona di intervento si rimanda alla Tavola n.1 dove viene riportato lo stralcio della Carta Tecnica Regionale e precisamente: - Foglio 292, sezione n Provincia di Ancona; Per quanto concerne la vincolistica presente sul luogo di intervento, si anticipa che l area ricade in zonizzazione E (zona agricola), inoltre è sottoposta a regime di tutela paesaggistica ambientale del P.P.A.R. in quanto ricadente nella zona di rispetto da corsi d acqua in ambito fluviale sistema geomorfologico. Posizione impianto Stralcio aerofotogrammetrico 1:10000 della zona 4

6 Posizione impianto Stralcio carta tecnica 1:25000 della zona DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO E DELLE OPERE CIVILI L obiettivo principale del progetto, per quanto concerne la richiesta di prelievo idrico, è produrre energia idroelettrica sfruttando il salto idraulico pari a 1.80 m generato dalla briglia esistente (con progetto di ricostruzione in corso di autorizzazione). L impianto sarà posizionato nella sinistra idrografica e adicentemente alla briglia, con derivazione dell acqua subito a monte della stessa e restituzione immediatamente a valle. L opera prevederà anche una scaletta di risalita dell ittiofauna e la continuità biocenotica con inoltre la realizzazione di una paratoia di sghiaiamento per il controllo del trasporto solido tra monte e valle. Opere di ricostruzione della briglia La briglia sarà ricostruita in calcestruzzo e lo scivolo a vista sarà realizzato in scogli cementati e appoggiati sopra la platea di fondazione. Il posizionamento della nuova opera sarà immediatamente a valle dei manufatti enel presenti sull argine. Lateralmente sono previsti due muri d ala dove sulla sinistra (lato impianto) è posizionata una paratoia sghiaitrice mentre sul lato destro nella parete è prevista una 5

7 predisposizione per un eventuale futura riattivazione del canale Enel esistente ad oggi dismesso e che alimentava il vecchio Mulino di Scisciano. Opere da effettuare sull argine Sull argine destro le uniche opere previste sono quelle di innesto della briglia con la sua fondazione alla scarpata ripariale tramite muro d ala in calcestruzzo che proseguirà verso monte fino al ponte con argine in scogli e successivamente rinterro per il ripristino della scarpata ripariale. Sull argine sinistro va realizzata la sede dell impianto a coclea che rimarrà incassato nel terreno senza strutture emergenti dal piano campagna ad eccezione del locale tecnico. Inoltre integrata all impianto sul lato briglia sarà realizzata la scaletta di risalita dell ittiofauna e la paratoia di sghiaimanento. A valle della restituzione dell acqua sarà effettuato un tratto di argine in babbioni per una lunghezza di circa 8 m a ricongiungersi con quello già esistente sul posto. Opera di presa L opera di presa sarà realizzata sulla sponda sinistra del fiume immediatamente a monte della briglia e la parete di presa si andrà a raccordare con il muro d argine esistente. L adduzione dell acqua sarà regolata da apposita paratoia a valle della griglia metallica disposta in allineamento con l argine. Tale paratoia ha la funzione sia di chiusura immediata nelle situazioni di emergenza, sia di regolazione della portata in ingresso. Essa sarà gestita dal sistema di controllo che agirà sulla base dei dati rilevati dal sensore di livello dell acqua a monte. Opere di realizzazione dell impianto a coclee L impianto di produzione è posizionato subito a valle dell opera di presa dopo una piccola vasca di calma ed è costituito da n.1 turbine idrauliche a coclea del diametro pari a 310 cm operante su un salto lordo di 180 cm. Lo scarico dell acqua turbinata avviene immediatamnete al piede della briglia. Il monoblocco della coclea ha integrato sul lato fiume il passaggio di risalita dell ittiofauna e la paratoia di sghiaiamento. In sintesi, il blocco impianto consiste nella realizzazione delle seguenti opere: - Realizzazione dell opera di presa sulla sponda sinistra del fiume, immediatamente a monte della briglia; 6

8 - Realizzazione della vasca di adduzione e della sede delle turbine in incasso rispetto al piano campagna, senza la costruzione di strutture in elevazione ad eccezione del locale tecnico; - Realizzazione dello scarico a valle delle coclee che si va a raccordare con l argine attuale subito al piede della briglia; - Realizzazione del passaggio di risalita dei pesci realizzato con successione altimentrica di vasche in muratura con passaggi di rimonta; - Realizzazione della paratoia di sghiaiamento con raccolta frontale all opera di presa e rilascio a lato della restituzione dell acqua dalla coclea. DESCRIZIONE DELL IMPIANTO E DELLA TECNOLOGIA In generale l impianto di produzione si basa sull applicazione della turbina a coclea o vite idraulica che permette la trasformazione in energia anche del potenziale dato da piccoli salti. In particolare, nello specifico dell impianto in questione, si è progettato utilizzando la Tecnologia impiantistica LEAF WATER prodotta dal Gruppo Loccioni che prevede i seguenti componenti impiantistici: - Opera di presa con griglia e paratoia metallica; - N.1 coclea idrauliche a 4 principi; - N.1 generatori Direct Drive sincrono polifase; - Quadro apparecchiature elettriche; - Sistema di controllo con telegestione da remoto e sensoristica; - Sensori di livello; - Sistema di video sorveglianza; - Apparecchiatura e pannello di interfaccia utente Leaf Meter. Sistema di presa L adduzione dell acqua sarà regolata da n.1 paratoia metallica a scorrimento verticale con antistante griglia a maglia larga disposta in allineamento con l argine al fine di evitare l accumulo di materiale di trasporto. Tali paratoie sono attivate da sistema oleodinamico con un meccanismo di chiusura rapida in situazioni di emergenza, quali: - superamento del livello massimo dell acqua in impianto; - caduta di tensione in rete; - emergenza generica funzionamento impianto segnalata dal sistema di controllo. 7

9 Viti idrauliche La vite idraulica ha un diametro di 3.10 m per una lunghezza di 4.70 m circa e sono realizzate in acciaio verniciato. La turbina è alloggiata all interno di un tregolo in lamiera fissato al fondo dello scivolo in calcestruzzo ed è sostenute da un appoggio nella parte bassa al quale è collegata la coclea tramite un cuscinetto speciale in sfere ceramiche raffreddato ad acqua (senza utilizzo di grassi sintetici) e da una piastra di appoggio nella soletta di calpestio nella parte alta. Generatore Il generatore è costituito da motore sincrono polifase in grado di funzionare in un ampio intervallo di portata (10-125% della portata di progetto) mediante il sistema di gestione elettronica ad inverter. Questo consente di aumentare il rendimento di generazione e riuscire a modulare in maniera più adeguata la generazione elettrica in base alla portata d acqua disponibile con gestione software che permette la taratura variabile con inseguimento del punto di massimo rendimento. Quadro apparecchiature elettriche Il quadro con le apparecchiature elettriche di comando sarà installato vicino ai generatori in apposto armadio all interno del locale tecnico e comprenderà: - Modulo di potenza, che integra l inverter di controllo del sistema con logica di funzionamento basata su software specifico e allaccio alla rete in B.T. ; - Modulo di comando che comprende un pannello operatore e una pulsantiera; - Predisposizione per l installazione di sistema di supervisione. Sistema di telecontrollo Il sistema prevede il controllo e il monitoraggio a distanza dello stato di funzionamento dell impianto e dei suoi componenti, quali produzione, stato delle paratoie, livello dell acqua, numero di giri dei generatori, stato di usura delle componenti meccaniche quali i cuscinetti di rotazione, ecc. Inoltre il sistema prevede l invio dello stato di emergenza ad apposita squadra di intervento nei casi di fermo impianto o funzionamento anomalo. 8

10 Locale tecnico Il generatore insieme ai quadri elettrici, alla centralina oleodinamica ed ai sistemi di controllo, saranno posizionati all interno del locale tecnico che ha una superificie utile in pianta di circa 14 mq ed un altezza interna di circa 2,70 m. Il suo ingombro non eccederà l ingombro in pianta delle pareti laterali della coclea e le pareti laterali saranno realizzate in calcestruzzo impostate sopra le pareti controterra dell impianto. La copertura sarà realizzata in legno con lattoneria di finitura in acciaio corten. Percorso di risalita della ittiofauna In affiancamento alle turbina lato fiume, verrà opportunamente realizzata una struttura di risalita della ittiofauna in ottemperanza alle prescrizioni della L.R. n.11 del 3/6/2003 sulla disciplina della fauna ittica. La struttura è stata opportunamente dimensionata a costituire una sezione di settori successivi disposti ognuno a quota altimetrica maggiore di quello precedente, fino a colmare il dislivello tra monte e valle determinato dallo sbarramneto. Il funzionamento della risalita sarà garantito da un deflusso vitale di mc/sec (150 l/sec) che sarà assicurato in maniera permanente permettendo così la continuità ecologica dell ecosistema acquatico e della biocenosi. Inoltre sarà installato un gargame per l eventuale regolazione del flusso d acqua. 9

11 CALCOLI IDRAULICI DI PORTATA In base ai dati contenuti sul Piano Tutela delle Acque della Regione Marche (DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152, ARTICOLO 121 D.A.C.R. 145 del 2010) è stata determinata la portata media annua del fiume Esino nella sezione di chiusura di Angeli di Rosora utilizzando il metodo delle altezze di pioggia medie ragguagliate e i dati di rilevamento della stazione di Moie, localizzata più a valle. Dati del punto di prelievo Di seguito si riportano i dati geografici caratteristici della sezione fluviale di calcolo in corrispondenza del punto di realizzazione dell impianto: - Località: Angeli di Rosora, Ancona; - Bacino idrografico: Fiume Esino; - Coordinate geografiche WGS84 GMS: Nord Est Altitudine sito: 130 m.s.l.m. - Superficie bacino idrografico: 726 kmq Dati a disposizione per l elaborazione delle portate Analizzando i dati a disposizione riportati sul Piano di Tutela Acque della regione, si fa diretto riferimento alle misurazioni eseguite nelle seguenti stazioni di misura: 1. LE MOIE; Attraverso i dati pluviometrici registrati e di portata fluviale è possibile calcolare la portata media del fiume in corrispondenza della sezione di chiusura del bacino idrografico corrispondente al punto di realizzazione dell impianto idroelettrico. Elaborazione dei dati L elaborazione dei dati per la determinazione della portata media di progetto nel punto di realizzazione dell impianto viene effettuata tramite il calcolo dei contributi unitari dei bacini di competenza delle varie sezioni e ragguagliandoli alle altezze di pioggia medie annue integrate delle località in questione. 10

12 I dati sono stati reperiti sul P.T.A. della regione Marche e sullo studio fatto dal centro di Ecologia e Climatologia dell osservatorio Geofisico e Geologico di Macerata dove sono riportati i dati climatologici e di precipitazioni medie del periodo Stazione 1): Le Moie Dati di calcolo q 2 : contributo unitario bacino Esino a Le Moie Q 2 /A 2 *1000= l/s km -2 Q 2 : portata media a Le Moie mc/s A 2 : bacino idrografico a Le Moie km 2 P 2 : precipitazione media annua integrata a Le Moie mm P 1 : precipitazione media annua integrata a Angeli di Rosora mm A 1 : bacino idrografico dell Esino a Angeli di Rosora km 2 Calcolo portata media annua ad Angeli di Rosora q 1 : contributo unitario bacino Esino a Angeli di Rosora P 1 /P 2 * q 2 = l/s km -2 Q 1 = stima portata media Esino a Angeli di Rosora Q 2 *(q 1 /q 2 )*(A 1 /A 2 ) = mc/s. Calcolo del deflusso minimo vitale Per quanto concerne la determinazione del D.M.V. si evidenzia che l impianto è del tipo ad acqua fluente ed è posizionato in adiacenza della briglia esistente in calcestruzzo con prelievo subito a monte e restituzione immediatamente a valle, pertanto, il calcolo del deflusso minimo vitale è superfluo in quanto il tratto di fiume in cui esso deve essere assicurato ha praticamente lunghezza irrisoria proprio perché l acqua turbinata viene restituita pochi metri a valle senza interruzione dell asta fluviale. Alcuni regolamenti regionali hanno già normato in tal senso il rilascio del DMV permettendo deroga agli impianti ad acqua fluente senza canalizzazione. Comunque si riporta ugualmente il calcolo del D.M.V. e esso verrà assicurato attraverso il deflusso permanente che avverrà all interno del percorso di risalita della ittiofauna e nel passaggio coclee. In base al Piano di Tutela Acque della Regione Marche adottato con DACR n.145 del 26/01/2010, si assume la determinazione del D.M.V. pari a : D.M.V. = [q d.m.v. * G * S * P * A] 1 * [E * max(n, IFF) * Gm *M] 2 1) : Componente idrologica 2) : Componente morfologica ambientale (rif. Fiume Esino) 11

13 CALCOLO DEL DMV - metodo 1 COMPONENTE IDROLOGICA qdmv 1.6 rilascio specifico G 0.7 fattore geografico S 726 superficie imbrifera P 1 parametro di precipitazione media A parametro di altitudine risultato l/sec COMPONENTE MORFOLOGICA-AMBIENTALE E 1.3 stato ecologico SACA N 1 parametro naturalita IFF 1 indice funzionalità fluviale Gm 1 parametro geomorfologico M 1 modulazione di portata risultato 1.3 D.M.V. : x 1.3 = l/sec PARAMETRO M - Modulazione del DMV durante l'anno gg Valore del paramentro Fattore comp. Morf. D.M.V. [l/sec.] Come sopra descritto, per impianti puntuali come in questo caso dove non esiste di fatto una derivazione d acqua effettiva dal corso d acqua, non si applica il rilascio del DMV ma in accordo con la Provincia di Ancona e come già autorizzato per altri 2 impianti precedenti (autorizzazione n.83/efr e n.84/efr del 27/07/2012), si assume comunque un rilascio permanente di 400 l/s di cui 150 l/s attraverso la scala di risalita della ittiofauna e 250 l/s attraverso la paratoia di sghiaiamento. Determinazione della portata di prelievo In base ai calcoli effettuati utilizzando come dati di riferimento quelli relativi alla sezione di rilevamento, sono state ottenute le seguenti portate medie fluviali riferite al punto di prelievo dell acqua: ANGELI DI ROSORA: Qm = mc/sec 12

14 Inoltre considerato il prelievo medio annuo della centrale Enel di Angeli situata subito a monte della derivazione: Qm Enel Angeli = 2.00 mc/sec (Dati Enel) e il D.M.V. massimo richiesto da garantire al fiume: Q DMV max = 3.38 mc/sec Si determina la portata media annua disponibile sul fiume come: Q = Qm Qm Enel Angeli - Q DMV max = = 6.05 mc/s Pertanto si assume come portata di progetto Qp (o anche portata media di prelievo) dell impianto idroelettrico una la portata pari a: Qp = 4.00 mc/s (n. 1 coclee Dg 3100 mm) E come portata massima di prelievo la seguente: Qmax = 5.50 mc/s < di Q = 6.05 mc/sec Per quanto riguarda il rilascio del D.M.V., si ribadisce che la soluzione impiantistica della coclea che non prevede l interruzione dell asta fluviale e nella fattispecie del caso in esame in cui le coclee saranno posizionate sul punto dove attualmente transita il deflusso di magra estivo, ovvero in aderenza alla sponda idrografica sinistra, si prevede attualmente di far defluire attraverso le coclee anche il D.M.V. durante il periodo di magra (parte eccedente la quantità transitante sulla risalita ittiofauna). Inoltre va sottolineato che lo scopo principale del D.M.V. è quello della continuità dell ecosistema fluviale che è messo a maggior rischio più dalla presenza di una briglia che non dalla presenza di un impianto ad acqua fluente come le coclee, e per questo motivo, l inserimento del percorso di risalita della ittiofauna garantito permanentemente da mc/sec sicuramente attenua notevolmente l impatto della presenza della briglia. A questo rilascio si aggiunge in accordo con la Provincia di Ancona, 250 l/s fatti defluire dalla paratoia di sghiaiamento per un totale di 400 l/s. Di seguito si riporta la curva di durata della portata del fiume Esino nella sezione di Angeli di Rosora, con indicazione del D.M.V. e delle portate di progetto e massime di prelievo. 13

15 DATI CARATTERISTICI DELL IMPIANTO Di seguito si riportano i dati caratteristici dell impianto di produzione: - Salto nominale lordo: 1.80 m - Portata di progetto (Qp): 4.00 mc/s - Portata massima in prelievo: 5.50 mc/s Calcolo della potenza idraulica: La resa idraulica intesa come potenza nominale di concessione, è calcolata in funzione della portata di progetto Qp ed il salto netto H: Pn = Qp * H * g = 4.00*1.80*9.81 = 70.6 kw (g = acceleraizone di gravità) 14

16 Calcolo della resa elettrica media e potenza massima di connessione: La resa elettrica media Pel è calcolata considerando il rendimento totale del sistema dato dai singoli rendimenti delle parti componenti, considerando come punto di funzionamento quello alla portata di progetto Qp, mentre la potenza massima di connessione in rete viene calcolata utilizzando la portata massima derivabile. DATI IMPIANTO Qmax 5.50 m 3 /s Portata massima derivata Qp 4.00 m 3 /s Portata di progetto Hn 1.80 m Salto idraulico netto DATI RENDIMENTO SISTEMI h turb 0.82 % Eff. turbina alla portata di progetto h gen 0.92 % Efficienza del generatore h inv 0.95 % Efficienza dell'inverter h tot 0.72 % Efficienza Totale sistema CALCOLO RESA DEL SISTEMA P n kw Potenza di concessione (con Qp) P el kw Potenza elettrica media P el max kw Potenza elettrica massima di connessione Da cui si dichiarano i seguenti valori: Pel max = kw Potenza massima di connessione DESCRIZIONE DEI MATERIALI UTILIZZATI Le opere civili connesse alla realizzazione dell impianto, quali platee di fondazione, pareti di contenimento, collettori, sono realizzate in calcestruzzo armato, mentre le parti elettromeccaniche sono realizzate in acciaio. La briglia sarà ricostruita in calcestruzzo nelle fondazioni e nel paramento diaframma di monte mentre lo scivolo a vista sarà realizzato in scogli appoggiati sopra la platea di fondazione e cementati alla base, per un inserimento ambientale e naturalistico il più ottimale possibile. 15

17 Le finiture esterne dell impianto e del locale tecnico saranno realizzate con pavimentazione in pietra naturale così come il persorso per l ittiofauna e le spallette della paratoia di sghiaimento. Il locale tecnico sarà realizzato con calcestruzzo colorato tinta sabbia, il tetto sarà realizzato in legno e la lattoneria di finitura e la griglia inferiore in acciaio corten. Tutte le delimitazione saranno realizzate con paletti in legno e rete plastificata verde. Le paratie metalliche così come le viti idrauliche, saranno verniciate di colore verde scuro. QUALITA DELLE ACQUE RESTITUITE E OPERE DI MITIGAZIONE L acqua prelevata dall opera di presa è completamente restituita a fiume immediatamente a valle dell impianto, senza nessun rilascio di sostanze inquinanti. In particolare si richiama l attenzione sulle uniche componenti meccaniche a bagno, ovvero il sostegno di valle delle turbine, in cui saranno installati dei cuscinetti speciali raffreddati ad acqua, pertanto senza utilizzo di ingrassatori ad olio sintetico, garantendo così la non alterazione delle acque restituite a fiume. Tutte le altre parti elettromeccaniche a bagno saranno prive di ingrassaggio mentre quelle in asciutto saranno presi degli accorgimenti per eliminare qualunque riversamento in acqua di materiali lubrificanti e/o comunque contaminanti. Dal punto di vista dell ecosistema acquatico la mitigazione dell opera è ottenuta tramite la realizzazione a regola d arte del passaggio di risalita della ittiofauna con deflusso vitale transitante in maniera permanente. Inoltre in merito a questo aspetto, si precisa che il passaggio della fauna ittica attraverso le viti idrauliche in funzione non determinano danni per la maggior le specie ittiche che caratterizzano i corsi d acqua interni. Per quanto riguarda la morfologia del punto di realizzazione, si ritiene l impatto praticamente nullo rispetto alla situazione attuale dato che l impianto sarà collocato per la quasi totalità in incasso sulla scarpata dell argine fluviale e gli scavi di sbancamento sono estremamente ridotti date le modeste dimensioni di occupazione in pianta. Inoltre, al completamento dei lavori, la zona verrà recuperata con una sistemazione a verde nell area perimetrale l impianto e potranno essere previsti degli spazi di interazione con eventuali visitatori dell impianto essendo questo, soprattutto perché basato sull utilizzo della vite idraulica a vista, estremamente utile ai fini didattici e illustrativi sull uso della risorsa idrica come fonte di produzione di energia rinnovabile. Per eventuali opere di mitigazione che riguardano il contesto si veda relazione paesaggistica. 16

18 PIANO PARTICELLARE E INQUADRAMENTO CATASTALE L impianto sarà collocato in parte su area demaniale ed in parte su proprietà privata per la quale esiste già un atto preliminare di cessione a favore della ditta attuatrice del progetto GENERAL IMPIANTI Srl del Gruppo Loccioni. Le particelle di proprietà privata interessate dalla realizzazione dell impianto sono le seguenti: -comune di Rosaora, Foglio n.9, mappali di proprietà dell Istituto Diocesano Sostentamento Clero di Jesi La proprietà dei 3 mappali sono state promesse in vendita dall Istituto Diocesano al comune di Rosora, il quale a sua volta si è impegnato alla cessione delle stesse proprietà al Gruppo Loccioni del quale fa parte la ditta GENERAL IMPIANTI Srl, attuatrice del progetto, con atto formale allegato alla presente. Per la porzione dell impianto che ricade su area demaniale, si dichiara che l occupazione di superficie è pari a 40 mq. L accesso all impianto avverrà da valle attraverso il percorso ciclo pedonale denominato Flumen della quale realizzazione è capofila il comune di Castelplanio. PIANO ECONOMICO E RIENTRO DELL INVESTIMENTO Di seguito si riporta il calcolo del numero di anni in cui rientra l investimento e il piano economico dell opera. PAYBACK TIME Costo totale impianto 400, Costo annuo manutenzione ordinaria Incidenza annua riparazioni Produzione lorda annua impianto max impianto kwh massima produzione stimata kwh Rientro dell'investimento 6.20 anni PIANO ECONOMICO 25 anni Costo totale impianto Costo annuo manutenzione ordinaria Incidenza annua riparazioni

19 Tariffa omnicomprensiva gse (0-15 anno) 0.22 /kw Produzione lorda annua impianto (0-15 anno) Tariffa vendita energia (16-25 anno) /kw Produzione lorda annua impianto (16-25 anno) Conto economico cumulativo al 25 anno 852, (*): dipende dal costo dell'energia del momento GRAFICIZZAZIONE DEI FLUSSI ECONOMICI PIANO 25-ENNALE Il progettista Alla presente si allegano: -Tavola 1: Inquadramento cartografico, planimetria generale stato attuale e futuro; -Tavola 2: Planimetria stato futuro 1:200, sezioni stato attuale e futuro; -Tavola 3: Piante e sezioni impianto 1:100; -Tavola 4: Inquadramento catastale, occupazione area demaniale, schema elettrico e connesisone alla rete; 18

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

COLLOCAZIONE DELLE PARTI MENZIONATE

COLLOCAZIONE DELLE PARTI MENZIONATE COLLOCAZIONE DELLE PARTI MENZIONATE L impianto in progetto si compone dei seguenti elementi principali: -l'opera di presa -la condotta forzata; -la centrale; -l opera di restituzione; -opere accessorie.

Dettagli

PROGETTO CENTRALE IDROELETTRICA IN LOCALITA' PONTEVECCHIO COMUNE DI COLBORDOLO

PROGETTO CENTRALE IDROELETTRICA IN LOCALITA' PONTEVECCHIO COMUNE DI COLBORDOLO PROGETTO CENTRALE IDROELETTRICA IN LOCALITA' PONTEVECCHIO COMUNE DI COLBORDOLO Soggetto proponente: CONSORZIO DI BONIFICA DELLE MARCHE (già CONSORZIO DI BONIFICA DEI FIUMI FOGLIA METAURO E CESANO DI PESARO)

Dettagli

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 SOMMARIO 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 2. CONDOTTA FORZATA...3 2.1 Percorso della condotta forzata...3 2.2 Mappali

Dettagli

MICRO IMPIANTI IDROELETTRICI

MICRO IMPIANTI IDROELETTRICI MICRO IMPIANTI IDROELETTRICI Descrizione Tecnologica La coclea idraulica è conosciuta fin dall antichità, come ruota o chiocciola di Archimede. In base a questo principio l energia viene trasferita ad

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO IDROELETTRICO SUL RIO COMBAFERE LOCALITA' B.TA PALUCH - PEROLAR Documentazione ai sensi del D.lgs.387/03

PROGETTO DI IMPIANTO IDROELETTRICO SUL RIO COMBAFERE LOCALITA' B.TA PALUCH - PEROLAR Documentazione ai sensi del D.lgs.387/03 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI DEMONTE PROGETTO DI IMPIANTO IDROELETTRICO SUL RIO COMBAFERE LOCALITA' B.TA PALUCH - PEROLAR Documentazione ai sensi del D.lgs.387/03 Piano di gestione e manutenzione

Dettagli

37. AMBITO AVA FIUME SECCHIA OPERE DI INTERESSE PUBBLICO: CENTRALE IDROELETTRICA A VALLE DEL VIADOTTO DELLA STRADA PEDEMONTANA Il progetto di impianto idroelettrico è previsto su un area demaniale, a ridosso

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO

IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO Torino, 9-10 Ottobre 2013 Ing. S. Rossato L'impianto idroelettrico Corso

Dettagli

Marlengo. Gruppo SEL SPA. Via Canonico Michael Gamper 9 39100 Bolzano T +39 0471 060 700 F +39 0471 060 703 E info@hydros.bz.it I www.hydros.bz.

Marlengo. Gruppo SEL SPA. Via Canonico Michael Gamper 9 39100 Bolzano T +39 0471 060 700 F +39 0471 060 703 E info@hydros.bz.it I www.hydros.bz. Prati di Vizze Curon Barbiano-Ponte Gardena Brunico-Valdaora Lasa Marlengo Premesa Centro di teleconduzione Bolzano La nostra acqua. La nostra energia. Marlengo Impianto idroelettrico Curon/Val Venosta

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA VA 1

RELAZIONE TECNICA VA 1 REGIONE MARCHE PROVINCIA ANCONA COMUNE FABRIANO VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA CENTRALE IDROELETTRICA ROCCHETTA BASSA Impianto per la produzione di energia elettrica con derivazione di acqua in sponda sinistra

Dettagli

Coclea (o vite idraulica) per produzione di energia

Coclea (o vite idraulica) per produzione di energia 6^ CONFERENZA ORGANIZZATIVA ASSOCIAZIONE NAZIONALE BONIFICHE E IRRIGAZIONI 1 ASSOCIAZIONE IRRIGAZIONE EST SESIA Energia L evoluzione del mini e del micro idroelettrico: gli impianti a coclea Fulvio Bollini

Dettagli

Strumenti tecnici per una corretta valutazione del Potenziale Idroelettrico Massimo e Residuo

Strumenti tecnici per una corretta valutazione del Potenziale Idroelettrico Massimo e Residuo L ENERGIA IDROELETTRICA in ITALIA Strumenti tecnici per una corretta valutazione del Potenziale Idroelettrico Massimo e Residuo J. Alterach, ERSE S.p.A. (già CESI RICERCA) Sabato 13 Giugno 2009 Ricerca

Dettagli

Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico?

Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico? Trasporto e stoccaggio dell energia: come diventare smart Milano 11 luglio 2011 Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico? Clara Risso Direttore Fonti

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE E LINEE GUIDA

PRESCRIZIONI TECNICHE E LINEE GUIDA AUTORIZZAZIONI / CONCESSIONI PRESCRIZIONI TECNICHE E LINEE GUIDA - aggiornamento agosto 2010 - pag. 1 PARALLELISMI - aggiornamento agosto 2010 - pag. 2 1. Canali a cielo aperto incassati (non arginati)

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 03//04 COMUNE DI FABRIANO PIAZZA DEL COMUNE - FABRIANO (AN) LAVORI - Piani di Recupero Centro Storico-Borgo - studio di fattibilità - modifiche apportate dopo incontro del 07-0-2004 00 - Sistemazione torrente

Dettagli

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare ANALISI DELLE CRITICITA IDRAULICHE PORTATE COMPATIBILI NEI DIVERSI TRATTI Il sistema idraulico Parma Baganza è stato oggetto di numerosi studi allo

Dettagli

Impianto idroelettrico con derivazione dal Torrente Mondalavia, localizzato nel Comune di Bene Vagienna (CN) Progetto definitivo

Impianto idroelettrico con derivazione dal Torrente Mondalavia, localizzato nel Comune di Bene Vagienna (CN) Progetto definitivo REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO Comune di Bene Vagienna Impianto idroelettrico con derivazione dal Torrente Mondalavia, localizzato nel Comune di Bene Vagienna (CN) Progetto definitivo PIANO DI GESTIONE

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA

COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI ACCEGLIO E CANOSIO COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA LAVORI DI REALIZZAZIONE DI OPERE DI MANUTENZIONE IDRAULICO-FORESTALE E DI TUTELA DELLE RISORSE IDRICHE

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia Sperimentazione di Linee guida per la valutazione della compatibilità ambientale degli impianti idroelettrici sull ecosistema fluviale in ambiente montano Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian

Dettagli

N 1 telaio in acciaio di sostegno gruppi completo di forature per l ancoraggio a pavimento;

N 1 telaio in acciaio di sostegno gruppi completo di forature per l ancoraggio a pavimento; Caratteristiche tecniche relative a N 2 gruppi Turbina Elica Generatore Asincrono Trifase non regolante, Quadro Elettrico di automazione/parallelo gruppi. Dati di Impianto: Q max = 0,64 mc/s Hlordo=9,35

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 8.

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 8. Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 8 Pagina 1 di 10 1. Premessa Il presente elaborato intende fornire un quadro

Dettagli

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI 2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI Il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi, un tempo chiamato Consorzio di Bonifica Eugenio Villoresi, è nato nel 1918

Dettagli

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA Art. 1 : Oggetto delle concessioni e licenze Il presente documento, relativo alle opere pubbliche di bonifica, le opere idrauliche e le opere

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 4 PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO... 2 4.1 NODO VALLONE CERNICCHIARA/RAFASTIA...

Dettagli

v. p. green Energy G3 30KW

v. p. green Energy G3 30KW v. p. green Energy G3 30KW costruzione molto robusta che si adatta a tutti venti manutenzione ridotta triplo freno a disco non necessita di inverter il migliore compromesso qualità/prezzo diametro del

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI COMUNE DI ANCONA Provincia di Ancona Regione Marche Piano di Recupero tav. scala: C 5 data: Luglio 2011 agg.: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE APPROVAZIONE PROPRIETA' : Sig.ra Maria Lodovica Cesaroni, Ancona

Dettagli

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa:

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa: 1. Premesse La seguente relazione idraulica è redatta allo scopo di indicare le modalità di raccolta, deflusso e smaltimento delle acque meteoriche di dilavamento del nuovo tratto di pista ciclopedonale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI 1.144 CASSETTONI LUNGO IL MURO DI CINTA AD OVEST DELLA ZONA DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1 - PREMESSE L Amministrazione Comunale

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA Il presente Piano Urbanistico Attuativo, si pone l obbiettivo

Dettagli

CENTROELETTRICA S.p.A. Sede amministrativa: via E. Fermi 5 25087 Salò (Brescia) tel. 0365 522661 Fax 0365 448245

CENTROELETTRICA S.p.A. Sede amministrativa: via E. Fermi 5 25087 Salò (Brescia) tel. 0365 522661 Fax 0365 448245 ECOELETTRICA S.r.l. Cod.Fiscale Nr.Reg.Imp. 02079570178 Nr. R.E.A. 212084 Società incorporata in CENTROELETTRICA S.p.A. Sede amministrativa: via E. Fermi 5 25087 Salò (Brescia) tel. 0365 522661 Fax 0365

Dettagli

5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE

5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE Norme di attuazione - Direttive di Piano 5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE approvata con deliberazione di C.I. n. 1 in data 15 aprile 1998

Dettagli

DOCUMENTO ISTRUTTORIO

DOCUMENTO ISTRUTTORIO DOCUMENTO ISTRUTTORIO OGGETTO: DISCIPLINARE TECNICO, PARTE IV SEZ 1, ART. 4 AUTORIZZAZIONE DEL PROGETTO DEL PIANO D AMBITO DEFINITIVO: Nuovo collettore di costa per raccolta sfiori rete fognaria e relativi

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento DIREZIONE LL. PP., CICLO IDRICO INTEGRATO, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA, PROTEZIONE CIVILE Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento Le attività della Regione

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO PROGETTO PRELIMINARE Approvato con Decreto del Commissario Straordinario della C.M. del Pinerolese n. 43 del 16/07/2015 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE

Dettagli

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO SERVIZIO IDROLOGICO SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 ARPAV

Dettagli

Minidraulica. Gli impianti possono essere poi: A. ad acqua fluente; B. a bacino; C. di accumulo a mezzo pompaggio.

Minidraulica. Gli impianti possono essere poi: A. ad acqua fluente; B. a bacino; C. di accumulo a mezzo pompaggio. Minidraulica Quadro sintetico della tecnologia, degli impianti e delle macchine Energia idroelettrica è un termine usato per definire l'energia elettrica ottenibile a partire da una caduta d'acqua, convertendo

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI

CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI Sergio Papiri Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate Alla PROVINCIA di COMO SETTORE ECOLOGIA E AMBIENTE SERVIZIO ACQUE via Borgovico, 148 22100 COMO Il/La sottoscritto /a C.F. in qualità di (*) del Comune di / del Consorzio / della Società nato/a a prov.

Dettagli

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Relazione idraulica per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, reflue e degli invasi di laminazione Luglio,

Dettagli

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani REGIONE MARCHE Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile Centro Funzionale per la Meteorologia, l Idrologia e la Sismologia Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi

Dettagli

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia Associazione Imprenditori Idroelettrici del Friuli Venezia Giulia Monitoraggio dei corsi d'acqua per la realizzazione e la gestione delle derivazioni Palazzo Torriani, Udine, 20 settembre 2013 Piano Regionale

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE...

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... 4 2.1 CARATTERISTICHE DEL RETICOLO IDRICO COMUNALE... 4 2.2 CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO MINORE E COMPETENZE DI GESTIONE....

Dettagli

DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA ANALISI DI SOSTENIBILITÀ DI OPPORTUNI CASI STUDIO TRAMITE IL SOFTWARE EUREKA

DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA ANALISI DI SOSTENIBILITÀ DI OPPORTUNI CASI STUDIO TRAMITE IL SOFTWARE EUREKA DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA ANALISI DI SOSTENIBILITÀ DI OPPORTUNI CASI STUDIO TRAMITE IL SOFTWARE EUREKA Pisa, Gennaio 2015 Ing. Giulia Ludovici, Ph.D. Indice 1. Introduzione... 3 2. Parco eolico... 4 2.1

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico Aggiornato al: 14.09.2009 SCENARI DI EVENTO pag. 2.1 2 SCENARI DI EVENTO Il primo passo nella redazione di un Piano di Emergenza di Protezione Civile si realizza con la creazione degli Scenari di Evento.

Dettagli

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE 1 Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini RELAZIONE GENERALE PREMESSE Il presente progetto esecutivo si riferisce all intervento 17029/2013 Cimiteri Comunali: costruzione ossarini, relativo

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 3 3. PROGETTO URBANISTICO... 4 4. STUDIO IDROLOGICO... 6 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6 4.2 Coefficiente di deflusso...7 4.2.1 Tempo

Dettagli

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 Indice Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 A1.1 Relazione generale illustrativa dell opera... 2 A1.2 Normativa di riferimento... 3 A1.3 Descrizione del modello strutturale... 4 A1.4 Valutazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO PREMESSA Su incarico del Comune di Rosarno (Comunicazione del 24.09.2012 prot. n.17914 con riferimento alla Determinazione del 3^ U.O.C. n 525 del

Dettagli

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A)

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA INTERVENTI SU RETI

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

COMUNE DI NOLE (Capofila)

COMUNE DI NOLE (Capofila) COMUNE DI NOLE (Capofila) Provincia di Torino INTEGRZIONE CONNESSIONE CICLOPEDONLE LUNGO L FSCI FLUVILE STUDIO IDROLOGICO IDRULICO TRTTO DI CUNETT STRDLE INTUBT IN COMUNE DI CIRIE FRZIONE VSTLL * * * *

Dettagli

Cabine elettriche metalliche containercabl Coibentazione Sistema di raffreddamento Cabina containerizzata di conversione Piano di appoggio

Cabine elettriche metalliche containercabl Coibentazione Sistema di raffreddamento Cabina containerizzata di conversione Piano di appoggio CONTAINERCABL Cabine elettriche metalliche containercabl Nascono dalla esigenza di spostare rapidamente una centrale elettrica di trasformazione o distribuzione, poichè complete al loro interno di apparecchiature

Dettagli

Impianti idroelettrici

Impianti idroelettrici Impianti idroelettrici Un impianto idroelettrico è costituito da opere civili ed idrauliche (diga o traversa di sbarramento, sistema di presa, vasca di carico, opere di convogliamento e di restituzione,

Dettagli

1 OGGETTO. 1.1 Cenni storici

1 OGGETTO. 1.1 Cenni storici 1 OGGETTO Il sig. BORRA Roberto, nato a Cuneo il 06 gennaio 1969, residente a Margarita via rovere 19, è proprietario di centralina elettrica sita in Margarita via rovere ed utilizzante le acque del canale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO RCHIDUE Associati x l'architettura Arch. Stefano NANNINI arch. Debora INNOCENTI via Castel de Toni, 1/A Casalguidi 51034 (PT) Tel./Fax. 0573.526389; e-mail: archidueassociati@tiscali.it Al Sig. Sindaco

Dettagli

A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSE Nell ambito della programmazione all art. 31 della L.183/89 e dell art. 9 della L. 253/90 il Ministero delle LL.PP. assegnava alla Regione dell Umbria la somma

Dettagli

COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA COSTRUZIONE DI UNA PISTA CICLOPEDONALE LUNGO VIA MARTIRI DELLA LIBERTA' PROGETTO DEFINITIVO - I STRALCIO TRATTO IN CORRISPONDENZA DEL MAPPALE 87 PIANO PARTICELLARE

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI MICRO HYDRO. CasaSoleil 2006-2010 - Appunti sulle fonti rinnovabili -

ENERGIE RINNOVABILI MICRO HYDRO. CasaSoleil 2006-2010 - Appunti sulle fonti rinnovabili - ENERGIE RINNOVABILI MICRO HYDRO CasaSoleil 2006-2010 - Appunti sulle fonti rinnovabili - Che cos'è E' in piccolo, quello che si fa con un impianto idroelettrico ma senza costruire una diga: l'acqua che

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

Comuni di Vicoforte Montaldo Mondovì Torre Mondovì Provincia di Cuneo Regione Piemonte SIA3- QUADRO PROGETTUALE

Comuni di Vicoforte Montaldo Mondovì Torre Mondovì Provincia di Cuneo Regione Piemonte SIA3- QUADRO PROGETTUALE Comuni di Vicoforte Montaldo Mondovì Torre Mondovì Provincia di Cuneo Regione Piemonte PROGETTO: Impianto idroelettrico SUL TORRENTE CORSAGLIA STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Elaborati ai sensi dell allegato

Dettagli

Minieolico verticale

Minieolico verticale Micro-Eolico GENIUS Minieolico verticale Piccola generazione di energia eolica per utilizzi domestici e produttivi La tecnologia che permette l indipendenza energetica alla piccola utenza domestica e produttiva

Dettagli

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA Pagina 2 di 7 INDICE OPERE IDRAULICHE... 3 RETI FOGNARIE... 3 TOMBINATURA AUSA... 3 MATERIALI E POSA IN OPERA... 4 RETE IDRICA... 5 RETE GAS METANO... 5 IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO

Dettagli

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI: SCAFA PROVINCIA DI: PESCARA OGGETTO: Piano Scuole Abruzzo il Futuro in Sicurezza edificio scolastico c.so I Maggio Scuola Elementare. Intervento indicato al n.132 dell allegato al D.C.D. n.

Dettagli

Area Risorse Ambientali Smart City e Innovazione Manutenzione dei corpi idrici superficiali Indicazioni generali

Area Risorse Ambientali Smart City e Innovazione Manutenzione dei corpi idrici superficiali Indicazioni generali Comune di Perugia Area Risorse Ambientali Smart City e Innovazione Manutenzione dei corpi idrici superficiali Indicazioni generali 1 Manutenzione dei corpi idrici superficiali Indicazioni generali. 1.

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

Regione Veneto Provincia di Verona

Regione Veneto Provincia di Verona Regione Veneto Provincia di Verona Comune di Villafranca di Verona CAMPAGNA MOBILE DI RECUPERO RIFIUTI NELL EX CAVA IN LOCALITÀ VALENE VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ ALLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO

Dettagli

Studio di Ingegneria Ferrari e Giraudo s.s. Corso Nizza 67/a CUNEO. Sommario

Studio di Ingegneria Ferrari e Giraudo s.s. Corso Nizza 67/a CUNEO. Sommario Sommario PREMESSA... 3 INQUADRAMENTO GEOGRAFICO... 4 FINALITA DI INTERVENTO... 5 SCELTE ED ALTERNATIVE PROGETTUALI... 5 SOLUZIONE ADOTTATA... 6 SOLUZIONE ALTERNATIVA A... 6 SOLUZIONE ALTERNATIVA B... 7

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria PRIMA PROVA SCRITTA DEL 23 NOVEMBRE 2011 Tema n. 1 Il candidato illustri i tipi edilizi residenziali. Si discutano inoltre le principali relazioni tra tipologie edilizie e morfologie urbane. Si richiede,

Dettagli

--------------------------------------------------------------------------------

-------------------------------------------------------------------------------- D.P.R. 14 aprile 1993 "Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni recante criteri e modalità per la redazione dei programmi di manutenzione idraulica e forestale." Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

Comune di Sassoferrato. Progetto per la realizzazione di un impianto fotovoltaico a terra di potenza pari a 690,00 Kwp

Comune di Sassoferrato. Progetto per la realizzazione di un impianto fotovoltaico a terra di potenza pari a 690,00 Kwp Comune di Sassoferrato Progetto per la realizzazione di un impianto fotovoltaico a terra di potenza pari a 690,00 Kwp AGROS di Nussbaumer Inge & C. S.A.S. Autorizzazione unica ai sensi del D.Lgs. 387/2003

Dettagli

Corso di Valutazione e Sicurezza del progetto Norme e tecnologie della sicurezza a.a. 2009/2010 PARTE 4 Prof. Arch. Armando Bueno Pernica

Corso di Valutazione e Sicurezza del progetto Norme e tecnologie della sicurezza a.a. 2009/2010 PARTE 4 Prof. Arch. Armando Bueno Pernica Facoltà di Architettura L. Quaroni Corso di Valutazione e Sicurezza del progetto Norme e tecnologie della sicurezza a.a. 2009/2010 PARTE 4 Prof. Arch. Armando Bueno Pernica BOZZA DI LAVORO Le slidesseguenti

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO Maurizio Brown, Fabio Marelli SOMMARIO pag.03 pag.07 pag,11 pag.16 pag.21 Rete idrometrica e pluviometrica Analisi delle piogge e cambiamenti climatici La

Dettagli

LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI

LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI Computo metrico estimativo pag. 1 di 5 LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI 1 47 Sfalcio meccanico di vegetazione spontanea eterogenea costituita in prevalenza da canne e cespugli pulizia

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO Comune di Arzignano (VI) PIANO LOTTIZZAZIONE "VIA POZZETTI" (C2-8029) PROGETTO DEFINITIVO ALLEGATO Norme di attuazione N. B Commessa D13LG022 Codice Elaborato D13LG022-CAR-00B-R0 SCALA: File Z:\ANNO-2013\D13LG022\PROGETTO\DISEGNI\D13LG022-CAR-000-R1.DWG

Dettagli

Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014

Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014 Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014 OPERE DI GESTIONE E CONTROLLO DEGLI SCARICHI: INTERVENTI LOCALIZZATI Carlo Ciaponi Dipartimento di Ingegneria Civile e

Dettagli

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013 OBIETTIVO APPENNINO Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali Alghero 8-10 maggio 2013 L.R. 5/2009 Riordino regionale dei consorzi - da 16 a 8 L.R. 06 luglio 2012, n. 7 ha fornito

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

Tabella 1 Altezze idrometriche minime raggiunte durante la magra estiva del 2003 e valori minimi assoluti in alcune sezioni del fiume Po.

Tabella 1 Altezze idrometriche minime raggiunte durante la magra estiva del 2003 e valori minimi assoluti in alcune sezioni del fiume Po. SULLA MAGRA ESTIVA DEL FIUME PO NELL ANNO 2003 Silvano Pecora, Alessandro Allodi* (Versione sintetica) Sommario L andamento idrometrico del fiume Po durante i mesi di giugno e luglio 2003 sta caratterizzando

Dettagli