CONTENUTI ING. MARCO CIMARELLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTENUTI ING. MARCO CIMARELLI"

Transcript

1

2 CONTENUTI PREMESSA... 2 DESCRIZIONE STATO ATTUALE DEI LUOGHI E DEL PROGETTO... 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE E VINCOLISTICO... 4 DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO E DELLE OPERE CIVILI... 5 Opere di ricostruzione della briglia... 5 Opere da effettuare sull argine... 6 Opera di presa... 6 Opere di realizzazione dell impianto a coclee... 6 DESCRIZIONE DELL IMPIANTO E DELLA TECNOLOGIA... 7 Sistema di presa... 7 Viti idrauliche... 8 Generatore... 8 Quadro apparecchiature elettriche... 8 Sistema di telecontrollo... 8 Locale tecnico... 9 Percorso di risalita della ittiofauna... 9 CALCOLI IDRAULICI DI PORTATA Dati del punto di prelievo Dati a disposizione per l elaborazione delle portate Elaborazione dei dati Calcolo del deflusso minimo vitale Determinazione della portata di prelievo DATI CARATTERISTICI DELL IMPIANTO Calcolo della potenza idraulica: Calcolo della resa elettrica media e potenza massima di connessione: DESCRIZIONE DEI MATERIALI UTILIZZATI QUALITA DELLE ACQUE RESTITUITE E OPERE DI MITIGAZIONE PIANO PARTICELLARE E INQUADRAMENTO CATASTALE PIANO ECONOMICO E RIENTRO DELL INVESTIMENTO

3 PREMESSA Il presente progetto riguarda la costruzione di un impianto mini idroelettrico da realizzare sul fiume Esino, nel territorio del comune di Rosora (sponda idrografica sinistra), in località Angeli, 150 m circa a valle del ponte sulla strada provinciale n.9 (Ponte di Apiro-Mergo). La ditta attuatrice è l azienda GENERAL IMPIANTI SRL del Gruppo Loccioni, con sede in Via Monteschiavo n.3 in località Moie di Maiolati Spontini (An) P.IVA: La costruzione dell impianto avverrà in parallelo alla ricostruzione della briglia esistente a protezione del ponte di Apiro-Mergo, opera idraulica in corso di autorizzazione in separata sede con altro procedimento presso il settore di competenza della Provincia di Ancona. Si anticipano in via preliminare i dati principali caratteristici dell impianto che si intende realizzare e che saranno spiegati e ricavati nello specifico ai paragrafi successivi: Asta fluviale: Fiume Esino Località: Rosora (An) Coordinate impianto: Nord(WGS 84) Est(WGS84) Salto idraulico: 1.80 m Portata di progetto impianto: 4.00 mc/s. Portata massima di prelievo: 5.50 mc/s. Potenza impianto: kw DESCRIZIONE STATO ATTUALE DEI LUOGHI E DEL PROGETTO Il luogo dove si prevede di realizzare l impianto mini idroelettrico è situato lungo il tratto di fiume Esino circa 150 m a valle del ponte di Apiro-Mergo sulla S.P.9, in sponda idrografica sinistra ricadente nel territorio del comune di Rosora. Nella zona dove si prevede di realizzare l impianto sono già esistenti dei manufatti dell Enel costituiti dal canale di adduzione della centrale di Angeli, da un muro di contenimento della scarpata dove è presente anche una paratoia di scarico del predetto canale, da uno stramazzo di scarico a fiume del fosso di Mergo realizzato in calcestruzzo. L impianto sarà inserito a valle di questi manufatti sulla scarpata ripariale del corso d acqua e sarà inserito in incasso rispetto al piano di campagna attuale dell argine che è circa 4,5 m al di sopra del fondo alveo del fiume. 2

4 Il progetto sarà integrato con la ricostruzione della briglia attualmente esistente a protezione del ponte di Apiro-Mergo e che, essendo realizzata in scogli appoggiati, presenta notevoli problemi di scalzamento con conseguenti problemi di stabilità per i piloni centrali del ponte. L autorizzazione della nuova briglia a protezione del ponte sarà autorizzata in separato procedimento e comunque lo stato di progetto riporta anche il suo stato futuro affinchè si possa valutare complessivamente il risultato finale dell intervento. L intervento è studiato per un migliore inserimento possibile nell ambiente utilizzando tecniche e materiali di ingegneria naturalistica, proponendo una briglia in calcestruzzo ma il cui paramento a vista sarà realizzato con scogli cementati e non con il classico scivolo in calcestruzzo. L impianto mini idroelettrico in progetto prevede l installazione di turbina a coclea che si inserisce perfettamente nell intervento a basso impatto ambientale, visto che non sono richieste opere civili di rilievo, ma soprattutto non determina l interruzione dell ecosistema fluviale in quanto non richiede la canalizzazione dell acqua, ma il punto di prelievo e quello di restituzione sono praticamente coincidenti. L impianto sarà posizionato in affiancamento alla briglia ricostruita che determinerà il salto idraulico utile ai fini idroelettrici e sarà incassato nella scarpata dell argine idrografico sinistro. L impianto sarà accessibile e visitabile dal futuro percorso ciclo-pedonale denominato Flumen. POSIZIONE IMPIANTO PERCORSO FLUMEN BRIGLIA IN PROGETTO BRIGLIA ATTUALE Vista dall alto della zona 3

5 INQUADRAMENTO TERRITORIALE E VINCOLISTICO Per l inquadramento territoriale della zona di intervento si rimanda alla Tavola n.1 dove viene riportato lo stralcio della Carta Tecnica Regionale e precisamente: - Foglio 292, sezione n Provincia di Ancona; Per quanto concerne la vincolistica presente sul luogo di intervento, si anticipa che l area ricade in zonizzazione E (zona agricola), inoltre è sottoposta a regime di tutela paesaggistica ambientale del P.P.A.R. in quanto ricadente nella zona di rispetto da corsi d acqua in ambito fluviale sistema geomorfologico. Posizione impianto Stralcio aerofotogrammetrico 1:10000 della zona 4

6 Posizione impianto Stralcio carta tecnica 1:25000 della zona DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO E DELLE OPERE CIVILI L obiettivo principale del progetto, per quanto concerne la richiesta di prelievo idrico, è produrre energia idroelettrica sfruttando il salto idraulico pari a 1.80 m generato dalla briglia esistente (con progetto di ricostruzione in corso di autorizzazione). L impianto sarà posizionato nella sinistra idrografica e adicentemente alla briglia, con derivazione dell acqua subito a monte della stessa e restituzione immediatamente a valle. L opera prevederà anche una scaletta di risalita dell ittiofauna e la continuità biocenotica con inoltre la realizzazione di una paratoia di sghiaiamento per il controllo del trasporto solido tra monte e valle. Opere di ricostruzione della briglia La briglia sarà ricostruita in calcestruzzo e lo scivolo a vista sarà realizzato in scogli cementati e appoggiati sopra la platea di fondazione. Il posizionamento della nuova opera sarà immediatamente a valle dei manufatti enel presenti sull argine. Lateralmente sono previsti due muri d ala dove sulla sinistra (lato impianto) è posizionata una paratoia sghiaitrice mentre sul lato destro nella parete è prevista una 5

7 predisposizione per un eventuale futura riattivazione del canale Enel esistente ad oggi dismesso e che alimentava il vecchio Mulino di Scisciano. Opere da effettuare sull argine Sull argine destro le uniche opere previste sono quelle di innesto della briglia con la sua fondazione alla scarpata ripariale tramite muro d ala in calcestruzzo che proseguirà verso monte fino al ponte con argine in scogli e successivamente rinterro per il ripristino della scarpata ripariale. Sull argine sinistro va realizzata la sede dell impianto a coclea che rimarrà incassato nel terreno senza strutture emergenti dal piano campagna ad eccezione del locale tecnico. Inoltre integrata all impianto sul lato briglia sarà realizzata la scaletta di risalita dell ittiofauna e la paratoia di sghiaimanento. A valle della restituzione dell acqua sarà effettuato un tratto di argine in babbioni per una lunghezza di circa 8 m a ricongiungersi con quello già esistente sul posto. Opera di presa L opera di presa sarà realizzata sulla sponda sinistra del fiume immediatamente a monte della briglia e la parete di presa si andrà a raccordare con il muro d argine esistente. L adduzione dell acqua sarà regolata da apposita paratoia a valle della griglia metallica disposta in allineamento con l argine. Tale paratoia ha la funzione sia di chiusura immediata nelle situazioni di emergenza, sia di regolazione della portata in ingresso. Essa sarà gestita dal sistema di controllo che agirà sulla base dei dati rilevati dal sensore di livello dell acqua a monte. Opere di realizzazione dell impianto a coclee L impianto di produzione è posizionato subito a valle dell opera di presa dopo una piccola vasca di calma ed è costituito da n.1 turbine idrauliche a coclea del diametro pari a 310 cm operante su un salto lordo di 180 cm. Lo scarico dell acqua turbinata avviene immediatamnete al piede della briglia. Il monoblocco della coclea ha integrato sul lato fiume il passaggio di risalita dell ittiofauna e la paratoia di sghiaiamento. In sintesi, il blocco impianto consiste nella realizzazione delle seguenti opere: - Realizzazione dell opera di presa sulla sponda sinistra del fiume, immediatamente a monte della briglia; 6

8 - Realizzazione della vasca di adduzione e della sede delle turbine in incasso rispetto al piano campagna, senza la costruzione di strutture in elevazione ad eccezione del locale tecnico; - Realizzazione dello scarico a valle delle coclee che si va a raccordare con l argine attuale subito al piede della briglia; - Realizzazione del passaggio di risalita dei pesci realizzato con successione altimentrica di vasche in muratura con passaggi di rimonta; - Realizzazione della paratoia di sghiaiamento con raccolta frontale all opera di presa e rilascio a lato della restituzione dell acqua dalla coclea. DESCRIZIONE DELL IMPIANTO E DELLA TECNOLOGIA In generale l impianto di produzione si basa sull applicazione della turbina a coclea o vite idraulica che permette la trasformazione in energia anche del potenziale dato da piccoli salti. In particolare, nello specifico dell impianto in questione, si è progettato utilizzando la Tecnologia impiantistica LEAF WATER prodotta dal Gruppo Loccioni che prevede i seguenti componenti impiantistici: - Opera di presa con griglia e paratoia metallica; - N.1 coclea idrauliche a 4 principi; - N.1 generatori Direct Drive sincrono polifase; - Quadro apparecchiature elettriche; - Sistema di controllo con telegestione da remoto e sensoristica; - Sensori di livello; - Sistema di video sorveglianza; - Apparecchiatura e pannello di interfaccia utente Leaf Meter. Sistema di presa L adduzione dell acqua sarà regolata da n.1 paratoia metallica a scorrimento verticale con antistante griglia a maglia larga disposta in allineamento con l argine al fine di evitare l accumulo di materiale di trasporto. Tali paratoie sono attivate da sistema oleodinamico con un meccanismo di chiusura rapida in situazioni di emergenza, quali: - superamento del livello massimo dell acqua in impianto; - caduta di tensione in rete; - emergenza generica funzionamento impianto segnalata dal sistema di controllo. 7

9 Viti idrauliche La vite idraulica ha un diametro di 3.10 m per una lunghezza di 4.70 m circa e sono realizzate in acciaio verniciato. La turbina è alloggiata all interno di un tregolo in lamiera fissato al fondo dello scivolo in calcestruzzo ed è sostenute da un appoggio nella parte bassa al quale è collegata la coclea tramite un cuscinetto speciale in sfere ceramiche raffreddato ad acqua (senza utilizzo di grassi sintetici) e da una piastra di appoggio nella soletta di calpestio nella parte alta. Generatore Il generatore è costituito da motore sincrono polifase in grado di funzionare in un ampio intervallo di portata (10-125% della portata di progetto) mediante il sistema di gestione elettronica ad inverter. Questo consente di aumentare il rendimento di generazione e riuscire a modulare in maniera più adeguata la generazione elettrica in base alla portata d acqua disponibile con gestione software che permette la taratura variabile con inseguimento del punto di massimo rendimento. Quadro apparecchiature elettriche Il quadro con le apparecchiature elettriche di comando sarà installato vicino ai generatori in apposto armadio all interno del locale tecnico e comprenderà: - Modulo di potenza, che integra l inverter di controllo del sistema con logica di funzionamento basata su software specifico e allaccio alla rete in B.T. ; - Modulo di comando che comprende un pannello operatore e una pulsantiera; - Predisposizione per l installazione di sistema di supervisione. Sistema di telecontrollo Il sistema prevede il controllo e il monitoraggio a distanza dello stato di funzionamento dell impianto e dei suoi componenti, quali produzione, stato delle paratoie, livello dell acqua, numero di giri dei generatori, stato di usura delle componenti meccaniche quali i cuscinetti di rotazione, ecc. Inoltre il sistema prevede l invio dello stato di emergenza ad apposita squadra di intervento nei casi di fermo impianto o funzionamento anomalo. 8

10 Locale tecnico Il generatore insieme ai quadri elettrici, alla centralina oleodinamica ed ai sistemi di controllo, saranno posizionati all interno del locale tecnico che ha una superificie utile in pianta di circa 14 mq ed un altezza interna di circa 2,70 m. Il suo ingombro non eccederà l ingombro in pianta delle pareti laterali della coclea e le pareti laterali saranno realizzate in calcestruzzo impostate sopra le pareti controterra dell impianto. La copertura sarà realizzata in legno con lattoneria di finitura in acciaio corten. Percorso di risalita della ittiofauna In affiancamento alle turbina lato fiume, verrà opportunamente realizzata una struttura di risalita della ittiofauna in ottemperanza alle prescrizioni della L.R. n.11 del 3/6/2003 sulla disciplina della fauna ittica. La struttura è stata opportunamente dimensionata a costituire una sezione di settori successivi disposti ognuno a quota altimetrica maggiore di quello precedente, fino a colmare il dislivello tra monte e valle determinato dallo sbarramneto. Il funzionamento della risalita sarà garantito da un deflusso vitale di mc/sec (150 l/sec) che sarà assicurato in maniera permanente permettendo così la continuità ecologica dell ecosistema acquatico e della biocenosi. Inoltre sarà installato un gargame per l eventuale regolazione del flusso d acqua. 9

11 CALCOLI IDRAULICI DI PORTATA In base ai dati contenuti sul Piano Tutela delle Acque della Regione Marche (DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152, ARTICOLO 121 D.A.C.R. 145 del 2010) è stata determinata la portata media annua del fiume Esino nella sezione di chiusura di Angeli di Rosora utilizzando il metodo delle altezze di pioggia medie ragguagliate e i dati di rilevamento della stazione di Moie, localizzata più a valle. Dati del punto di prelievo Di seguito si riportano i dati geografici caratteristici della sezione fluviale di calcolo in corrispondenza del punto di realizzazione dell impianto: - Località: Angeli di Rosora, Ancona; - Bacino idrografico: Fiume Esino; - Coordinate geografiche WGS84 GMS: Nord Est Altitudine sito: 130 m.s.l.m. - Superficie bacino idrografico: 726 kmq Dati a disposizione per l elaborazione delle portate Analizzando i dati a disposizione riportati sul Piano di Tutela Acque della regione, si fa diretto riferimento alle misurazioni eseguite nelle seguenti stazioni di misura: 1. LE MOIE; Attraverso i dati pluviometrici registrati e di portata fluviale è possibile calcolare la portata media del fiume in corrispondenza della sezione di chiusura del bacino idrografico corrispondente al punto di realizzazione dell impianto idroelettrico. Elaborazione dei dati L elaborazione dei dati per la determinazione della portata media di progetto nel punto di realizzazione dell impianto viene effettuata tramite il calcolo dei contributi unitari dei bacini di competenza delle varie sezioni e ragguagliandoli alle altezze di pioggia medie annue integrate delle località in questione. 10

12 I dati sono stati reperiti sul P.T.A. della regione Marche e sullo studio fatto dal centro di Ecologia e Climatologia dell osservatorio Geofisico e Geologico di Macerata dove sono riportati i dati climatologici e di precipitazioni medie del periodo Stazione 1): Le Moie Dati di calcolo q 2 : contributo unitario bacino Esino a Le Moie Q 2 /A 2 *1000= l/s km -2 Q 2 : portata media a Le Moie mc/s A 2 : bacino idrografico a Le Moie km 2 P 2 : precipitazione media annua integrata a Le Moie mm P 1 : precipitazione media annua integrata a Angeli di Rosora mm A 1 : bacino idrografico dell Esino a Angeli di Rosora km 2 Calcolo portata media annua ad Angeli di Rosora q 1 : contributo unitario bacino Esino a Angeli di Rosora P 1 /P 2 * q 2 = l/s km -2 Q 1 = stima portata media Esino a Angeli di Rosora Q 2 *(q 1 /q 2 )*(A 1 /A 2 ) = mc/s. Calcolo del deflusso minimo vitale Per quanto concerne la determinazione del D.M.V. si evidenzia che l impianto è del tipo ad acqua fluente ed è posizionato in adiacenza della briglia esistente in calcestruzzo con prelievo subito a monte e restituzione immediatamente a valle, pertanto, il calcolo del deflusso minimo vitale è superfluo in quanto il tratto di fiume in cui esso deve essere assicurato ha praticamente lunghezza irrisoria proprio perché l acqua turbinata viene restituita pochi metri a valle senza interruzione dell asta fluviale. Alcuni regolamenti regionali hanno già normato in tal senso il rilascio del DMV permettendo deroga agli impianti ad acqua fluente senza canalizzazione. Comunque si riporta ugualmente il calcolo del D.M.V. e esso verrà assicurato attraverso il deflusso permanente che avverrà all interno del percorso di risalita della ittiofauna e nel passaggio coclee. In base al Piano di Tutela Acque della Regione Marche adottato con DACR n.145 del 26/01/2010, si assume la determinazione del D.M.V. pari a : D.M.V. = [q d.m.v. * G * S * P * A] 1 * [E * max(n, IFF) * Gm *M] 2 1) : Componente idrologica 2) : Componente morfologica ambientale (rif. Fiume Esino) 11

13 CALCOLO DEL DMV - metodo 1 COMPONENTE IDROLOGICA qdmv 1.6 rilascio specifico G 0.7 fattore geografico S 726 superficie imbrifera P 1 parametro di precipitazione media A parametro di altitudine risultato l/sec COMPONENTE MORFOLOGICA-AMBIENTALE E 1.3 stato ecologico SACA N 1 parametro naturalita IFF 1 indice funzionalità fluviale Gm 1 parametro geomorfologico M 1 modulazione di portata risultato 1.3 D.M.V. : x 1.3 = l/sec PARAMETRO M - Modulazione del DMV durante l'anno gg Valore del paramentro Fattore comp. Morf. D.M.V. [l/sec.] Come sopra descritto, per impianti puntuali come in questo caso dove non esiste di fatto una derivazione d acqua effettiva dal corso d acqua, non si applica il rilascio del DMV ma in accordo con la Provincia di Ancona e come già autorizzato per altri 2 impianti precedenti (autorizzazione n.83/efr e n.84/efr del 27/07/2012), si assume comunque un rilascio permanente di 400 l/s di cui 150 l/s attraverso la scala di risalita della ittiofauna e 250 l/s attraverso la paratoia di sghiaiamento. Determinazione della portata di prelievo In base ai calcoli effettuati utilizzando come dati di riferimento quelli relativi alla sezione di rilevamento, sono state ottenute le seguenti portate medie fluviali riferite al punto di prelievo dell acqua: ANGELI DI ROSORA: Qm = mc/sec 12

14 Inoltre considerato il prelievo medio annuo della centrale Enel di Angeli situata subito a monte della derivazione: Qm Enel Angeli = 2.00 mc/sec (Dati Enel) e il D.M.V. massimo richiesto da garantire al fiume: Q DMV max = 3.38 mc/sec Si determina la portata media annua disponibile sul fiume come: Q = Qm Qm Enel Angeli - Q DMV max = = 6.05 mc/s Pertanto si assume come portata di progetto Qp (o anche portata media di prelievo) dell impianto idroelettrico una la portata pari a: Qp = 4.00 mc/s (n. 1 coclee Dg 3100 mm) E come portata massima di prelievo la seguente: Qmax = 5.50 mc/s < di Q = 6.05 mc/sec Per quanto riguarda il rilascio del D.M.V., si ribadisce che la soluzione impiantistica della coclea che non prevede l interruzione dell asta fluviale e nella fattispecie del caso in esame in cui le coclee saranno posizionate sul punto dove attualmente transita il deflusso di magra estivo, ovvero in aderenza alla sponda idrografica sinistra, si prevede attualmente di far defluire attraverso le coclee anche il D.M.V. durante il periodo di magra (parte eccedente la quantità transitante sulla risalita ittiofauna). Inoltre va sottolineato che lo scopo principale del D.M.V. è quello della continuità dell ecosistema fluviale che è messo a maggior rischio più dalla presenza di una briglia che non dalla presenza di un impianto ad acqua fluente come le coclee, e per questo motivo, l inserimento del percorso di risalita della ittiofauna garantito permanentemente da mc/sec sicuramente attenua notevolmente l impatto della presenza della briglia. A questo rilascio si aggiunge in accordo con la Provincia di Ancona, 250 l/s fatti defluire dalla paratoia di sghiaiamento per un totale di 400 l/s. Di seguito si riporta la curva di durata della portata del fiume Esino nella sezione di Angeli di Rosora, con indicazione del D.M.V. e delle portate di progetto e massime di prelievo. 13

15 DATI CARATTERISTICI DELL IMPIANTO Di seguito si riportano i dati caratteristici dell impianto di produzione: - Salto nominale lordo: 1.80 m - Portata di progetto (Qp): 4.00 mc/s - Portata massima in prelievo: 5.50 mc/s Calcolo della potenza idraulica: La resa idraulica intesa come potenza nominale di concessione, è calcolata in funzione della portata di progetto Qp ed il salto netto H: Pn = Qp * H * g = 4.00*1.80*9.81 = 70.6 kw (g = acceleraizone di gravità) 14

16 Calcolo della resa elettrica media e potenza massima di connessione: La resa elettrica media Pel è calcolata considerando il rendimento totale del sistema dato dai singoli rendimenti delle parti componenti, considerando come punto di funzionamento quello alla portata di progetto Qp, mentre la potenza massima di connessione in rete viene calcolata utilizzando la portata massima derivabile. DATI IMPIANTO Qmax 5.50 m 3 /s Portata massima derivata Qp 4.00 m 3 /s Portata di progetto Hn 1.80 m Salto idraulico netto DATI RENDIMENTO SISTEMI h turb 0.82 % Eff. turbina alla portata di progetto h gen 0.92 % Efficienza del generatore h inv 0.95 % Efficienza dell'inverter h tot 0.72 % Efficienza Totale sistema CALCOLO RESA DEL SISTEMA P n kw Potenza di concessione (con Qp) P el kw Potenza elettrica media P el max kw Potenza elettrica massima di connessione Da cui si dichiarano i seguenti valori: Pel max = kw Potenza massima di connessione DESCRIZIONE DEI MATERIALI UTILIZZATI Le opere civili connesse alla realizzazione dell impianto, quali platee di fondazione, pareti di contenimento, collettori, sono realizzate in calcestruzzo armato, mentre le parti elettromeccaniche sono realizzate in acciaio. La briglia sarà ricostruita in calcestruzzo nelle fondazioni e nel paramento diaframma di monte mentre lo scivolo a vista sarà realizzato in scogli appoggiati sopra la platea di fondazione e cementati alla base, per un inserimento ambientale e naturalistico il più ottimale possibile. 15

17 Le finiture esterne dell impianto e del locale tecnico saranno realizzate con pavimentazione in pietra naturale così come il persorso per l ittiofauna e le spallette della paratoia di sghiaimento. Il locale tecnico sarà realizzato con calcestruzzo colorato tinta sabbia, il tetto sarà realizzato in legno e la lattoneria di finitura e la griglia inferiore in acciaio corten. Tutte le delimitazione saranno realizzate con paletti in legno e rete plastificata verde. Le paratie metalliche così come le viti idrauliche, saranno verniciate di colore verde scuro. QUALITA DELLE ACQUE RESTITUITE E OPERE DI MITIGAZIONE L acqua prelevata dall opera di presa è completamente restituita a fiume immediatamente a valle dell impianto, senza nessun rilascio di sostanze inquinanti. In particolare si richiama l attenzione sulle uniche componenti meccaniche a bagno, ovvero il sostegno di valle delle turbine, in cui saranno installati dei cuscinetti speciali raffreddati ad acqua, pertanto senza utilizzo di ingrassatori ad olio sintetico, garantendo così la non alterazione delle acque restituite a fiume. Tutte le altre parti elettromeccaniche a bagno saranno prive di ingrassaggio mentre quelle in asciutto saranno presi degli accorgimenti per eliminare qualunque riversamento in acqua di materiali lubrificanti e/o comunque contaminanti. Dal punto di vista dell ecosistema acquatico la mitigazione dell opera è ottenuta tramite la realizzazione a regola d arte del passaggio di risalita della ittiofauna con deflusso vitale transitante in maniera permanente. Inoltre in merito a questo aspetto, si precisa che il passaggio della fauna ittica attraverso le viti idrauliche in funzione non determinano danni per la maggior le specie ittiche che caratterizzano i corsi d acqua interni. Per quanto riguarda la morfologia del punto di realizzazione, si ritiene l impatto praticamente nullo rispetto alla situazione attuale dato che l impianto sarà collocato per la quasi totalità in incasso sulla scarpata dell argine fluviale e gli scavi di sbancamento sono estremamente ridotti date le modeste dimensioni di occupazione in pianta. Inoltre, al completamento dei lavori, la zona verrà recuperata con una sistemazione a verde nell area perimetrale l impianto e potranno essere previsti degli spazi di interazione con eventuali visitatori dell impianto essendo questo, soprattutto perché basato sull utilizzo della vite idraulica a vista, estremamente utile ai fini didattici e illustrativi sull uso della risorsa idrica come fonte di produzione di energia rinnovabile. Per eventuali opere di mitigazione che riguardano il contesto si veda relazione paesaggistica. 16

18 PIANO PARTICELLARE E INQUADRAMENTO CATASTALE L impianto sarà collocato in parte su area demaniale ed in parte su proprietà privata per la quale esiste già un atto preliminare di cessione a favore della ditta attuatrice del progetto GENERAL IMPIANTI Srl del Gruppo Loccioni. Le particelle di proprietà privata interessate dalla realizzazione dell impianto sono le seguenti: -comune di Rosaora, Foglio n.9, mappali di proprietà dell Istituto Diocesano Sostentamento Clero di Jesi La proprietà dei 3 mappali sono state promesse in vendita dall Istituto Diocesano al comune di Rosora, il quale a sua volta si è impegnato alla cessione delle stesse proprietà al Gruppo Loccioni del quale fa parte la ditta GENERAL IMPIANTI Srl, attuatrice del progetto, con atto formale allegato alla presente. Per la porzione dell impianto che ricade su area demaniale, si dichiara che l occupazione di superficie è pari a 40 mq. L accesso all impianto avverrà da valle attraverso il percorso ciclo pedonale denominato Flumen della quale realizzazione è capofila il comune di Castelplanio. PIANO ECONOMICO E RIENTRO DELL INVESTIMENTO Di seguito si riporta il calcolo del numero di anni in cui rientra l investimento e il piano economico dell opera. PAYBACK TIME Costo totale impianto 400, Costo annuo manutenzione ordinaria Incidenza annua riparazioni Produzione lorda annua impianto max impianto kwh massima produzione stimata kwh Rientro dell'investimento 6.20 anni PIANO ECONOMICO 25 anni Costo totale impianto Costo annuo manutenzione ordinaria Incidenza annua riparazioni

19 Tariffa omnicomprensiva gse (0-15 anno) 0.22 /kw Produzione lorda annua impianto (0-15 anno) Tariffa vendita energia (16-25 anno) /kw Produzione lorda annua impianto (16-25 anno) Conto economico cumulativo al 25 anno 852, (*): dipende dal costo dell'energia del momento GRAFICIZZAZIONE DEI FLUSSI ECONOMICI PIANO 25-ENNALE Il progettista Alla presente si allegano: -Tavola 1: Inquadramento cartografico, planimetria generale stato attuale e futuro; -Tavola 2: Planimetria stato futuro 1:200, sezioni stato attuale e futuro; -Tavola 3: Piante e sezioni impianto 1:100; -Tavola 4: Inquadramento catastale, occupazione area demaniale, schema elettrico e connesisone alla rete; 18

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici PROCEDURE APPLICATIVE DEL D.M. 6 luglio 2012 CONTENENTI I REGOLAMENTI OPERATIVI PER LE PROCEDURE

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV)

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) Individuazione del sito di installazione Il sito individuato per la realizzazione dell Impianto Fotovoltaico si trova nel Comune

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Comune di Potenza ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Task 3.3. Programma di formazione sullo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili 1 Indice

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Sommario - esigenze della fauna ittica reofila - il valore di un patrimonio straordinario - esigenze dei produttori di energia - le azioni attuali per

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 Oggetto Corso Docente PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 PROTEZIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO (2 MODULO) Ingegneria Civile Prof. Corrado Paolo Mancini Berti Andrea Campolese Mattia

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

tutela e ripristino degli habitat come azione di tutela delle popolazioni ittiche: qualche esperienza e qualche prospettiva per il Trentino

tutela e ripristino degli habitat come azione di tutela delle popolazioni ittiche: qualche esperienza e qualche prospettiva per il Trentino Fondazione E. Mach S. Michele all Adige, 24 aprile 2013 Lorenzo Betti naturalista ittiologo tutela e ripristino degli habitat come azione di tutela delle popolazioni ittiche: qualche esperienza e qualche

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo Provincia di Torino Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria Servizio Pianificazione Risorse Idriche Regione Piemonte Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste Settore Pianificazione

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv )

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv ) SIVIERA GIREVOLE A RIBALTAMENTO IDRAULICO BREVETTATA TRASPORTABILE CON MULETTO MODELLO S.A.F.-SIV-R-G SIVIERA A RIBALTAMENTO MANUALE MODELLO S.A.F. SIV-R1-R2 1 DESCRIZIONE DELLA SIVIERA Si è sempre pensato

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Anatomia di un sistema idroelettrico su piccola scala L'articolo è stato presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, giugno 2011

Anatomia di un sistema idroelettrico su piccola scala L'articolo è stato presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, giugno 2011 Anatomia di un sistema idroelettrico su piccola scala L'articolo è stato presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, giugno 2011 Panoramica L'energia solare fa evaporare le nubi e la produzione

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento

REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento INDICE PREMESSA 4 1 INTERVENTI SU IMPIANTI INCENTIVATI IN CONTO ENERGIA 6 1.1 SPOSTAMENTO DELL IMPIANTO 7 1.2

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE COMUNE DI: SAN GIACOMO FILIPPO Provincia di Sondrio ATTUAZIONE DELLA D.G.R n.- 7/7868 del 25 gennaio 2002 e successive integrazioni Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente.

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente. Handöl 26 Magnifici focolari Handöl 26T e Handöl 26K sono le prime stufe di grandi dimensioni della serie Handöl 20. Un magnifico focolare di produzione svedese per tutti coloro che sono alla ricerca di

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli