COMPLETARE I CAMBIAMENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMPLETARE I CAMBIAMENTI"

Transcript

1

2 COMPLETARE I CAMBIAMENTI In Toscana ormai si è dato piena attuazione alle nuove norme sulla bonifica. Quasi tutti i comprensori sono stati assoggettati a tributo: consorzi di bonifica e comunità montane sono interlocutori privilegiati e responsabilizzati delle politiche ambientali. In questo contesto i Consorzi sono più conosciuti e riconosciuti e, date le competenze (regimazione delle acque, difesa del suolo, valorizzazione del territorio e difesa idraulica) sono diventati uno dei soggetti deputati alla salvaguardia dell ambiente. Concertando l attività con Province e Comuni e con una rappresentanza sempre più collegata agli Enti locali, i Consorzi rispondono al principio di sussidiarietà e contribuiscono alla sostenibilità e alla sicurezza ambientale. Nel quadro delle modifiche legislative della Regione Toscana, nel 1997 nasce, dallo storico Consorzio di bonifica Val di Pesa, il Consorzio di bonifica Colline del Chianti, che nel Comprensorio n. 22 comprende diciotto comuni. Nel 2004 inizia il cammino verso un ulteriore estensione dell attività nel Comprensorio n. 21, nel quale rientrano 22 comuni della Val d Elsa. Dopo una intensa fase di concertazione tra Consorzio, Circondario Empolese Valdelsa, comuni dell area fiorentina e senese, è stato prodotto il nuovo statuto, approvato poi dal Consiglio dei Delegati, dalla Provincia di Firenze e dal Consiglio Regionale. Intanto l attività del Consorzio è continuata -ed è stata potenziata- sui territori dei bacini Pesa e Virginio, già a tributo. Si è consolidata nella Piana di Settimo, a tributo dal 2005 ed è stata avviata sui bacini Greve e Ema, a tributo nel Dalla metà del 2006 grazie ad un protocollo d intesa che la Provincia di Firenze ha stretto con il Circondario Empolese e i Comuni dell area fiorentina, abbiamo iniziato a lavorare nel bacino dell Elsa. Oggi, in procinto di completare il ciclo dei cambiamenti intervenuti, torniamo, come già fatto nel 2005, a presentarci alle istituzioni, abbracciando però due comprensori di bonifica: n. 21 e n. 22. Due comprensori che come superficie rappresentano il secondo consorzio di bonifica della Toscana e per densità abitativa, con oltre mezzo milione di abitanti, il primo. Consorzio di bonifica per la difesa del suolo e la tutela dell ambiente della Toscana Centrale è questo il nostro nuovo nome. Anche in questa fase vogliamo continuare il percorso di comunicazione che ci ha contraddistinto, mettendo a disposizione di tutti vari supporti informativi. Il Consorzio è attrezzato per essere sempre più conosciuto per efficienza, produttività e trasparenza aspetti questi non sempre percepiti correttamente. Invitiamo quindi tutti quelli che danno vitalità alle istituzioni a consultare il materiale presente sul sito e considerare questa pubblicazione come un invito all approfondimento. Quello che resta da fare è ancora molto. Per il Consorzio la strada dal 2002 è sempre stata in salita, ma il dovere resta amministrare questo ente secondo l impianto normativo esistente o secondo gli adeguamenti e la riorganizzazione che il legislatore regionale intenderà adottare. In qualità di Commissionario, appena insediato, raccolgo dunque il testimone lasciatomi dal gruppo dirigente del Consorzio di bonifica Colline del Chianti - oggi dimessosi per la conclusione del mandato consortile e rilancio la sfida perseguendo con convinzione il percorso di chiarezza e trasparenza avviato: credo che per quanto impegnativo sia stato, resti ancora necessario per creare e poi alimentare, tra Consorzio e cittadini, la più duratura e necessaria tra le risorse: la fiducia. Mauro Cresti Il Commissario

3 IL SALUTO DELLA PROVINCIA DI FIRENZE La Provincia ha in questi anni seguito con grande attenzione il lavoro del Consorzio di bonifica Colline del Chianti, con il quale intensi sono stati i rapporti sia sul piano del controllo della attività che su quello della collaborazione. Ora il Consorzio con al sua nuova denominazione Consorzio di bonifica per la difesa del suolo e la tutela dell ambiente della Toscana Centrale continua una fase delicata, con l estensione dell area di contribuzione ad ampie porzioni del territorio in Val d Elsa. Continua ad essere importante far conoscere a tutti i cittadini normative, ruolo, competenze, bilanci, organizzazione e attività progettuale e tecnico operativa del Consorzio. È giusto e opportuno che metodi di calcolo e di pagamento dei tributi siano correttamente metabolizzati e soprattutto posti in relazione con le funzioni e gli obiettivi consortili. Di qui la scelta delle istituzioni locali di sostenere una vasta e articolata campagna di informazione, che attraverso strumenti mirati e diversificati contribuisca a generare un flusso comunicativo fra il Consorzio ed i suoi nuovi e vecchi contribuenti, mettendo in luce il legame fra adempimenti burocratici e rilevanti interventi di gestione del territorio. Stefano Giorgetti Assessore alla Pianificazione territoriale, Difesa del suolo e Bonifica della Provincia di Firenze CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA La Regione Toscana con deliberazione del Consiglio numero 123 del 5 ottobre 2004 ha esteso l operatività del Consorzio di bonifica Colline del Chianti anche ai territori ricadenti del Comprensorio n. 21: un area estesa che abbraccia tre province, Siena, Firenze e Pisa, attraversata dal fiume Elsa. Nella Val d Elsa per anni hanno operato per la difesa del suolo soggetti diversi, province, consorzi idraulici, Circondario Empolese-Valdelsa, ma la salvaguardia del territorio e la prevenzione dal rischio idraulico hanno bisogno di sistematicità, di capacità tecniche ed organizzative e di una gestione più razionale delle risorse assegnate. Penso che sia chiaro a tutti l utilità di un costante impegno sui territori. La manutenzione dei corsi d acqua e delle casse di espansione, il taglio selettivo degli alberi sulle rive dei fiumi, lo sfalcio dell erba lungo i tratti urbani: sono attività fondamentali per la sicurezza di tutti. L ambiente è un bene comune, tutti traggono benefici dalle azioni che mirano alla sua salvaguardia, ma è dalla sempre più strutturata organizzazione, dalla concertazione continua con gli Enti locali, dalla conoscenza approfondita del territorio che prendono forma e sostanza i concetti di mitigazione del rischio, difesa del suolo, prevenzione delle esondazioni. Io credo che la gestione di questi aspetti da parte di un unico soggetto per un area molto vasta, come oggi è il Consorzio di bonifica per la difesa del suolo e la tutela dell ambiente della Toscana Centrale, consenta di agire e pianificare strategie in un ottica di sistema raggiungendo risultati più efficienti e ottenendo anche economie di scala. Rossana Mori Delegato del Circondario al Governo del Territorio e Difesa del Suolo

4 IL NOSTRO CONSORZIO Quando oggi parliamo di tutela e salvaguardia dell ambiente ci rendiamo conto che non si tratta di una formula vuota e buona per ogni occasione ma piuttosto di una reale esigenza dei tempi attuali: dall attenzione per le risorse ambientali passa infatti lo sviluppo sostenibile e una gestione moderna e consapevole dei nostri territori. Il Consorzio di bonifica per la difesa del suolo e la tutela dell ambiente della Toscana Centrale (CBTC) è dunque frutto di una mutata coscienza dei rischi e delle opportunità che provengono dal territorio in cui viviamo e lavoriamo quotidianamente. Questa consapevolezza ha trovato riflesso nelle nuove norme di bonifica emanate nella legge regionale 34 del 1994: non più risanamento delle zone paludose ma soprattutto manutenzione ordinaria dei corsi d acqua e delle opere idrauliche e interventi straordinari mirati alla mitigazione del rischio idraulico e alla tutela ambientale. Con questa nuova normativa tutta la Toscana è diventata soggetta a bonifica ed è stata ripartita in 41 comprensori. Il Consorzio di bonifica Toscana Centrale nasce sul territorio dello storico Consorzio della Val di Pesa, istituito nel 1933 e diventato nel 1997 Consorzio di bonifica Colline del Chianti. Con le attribuzioni del 1997 il Consorzio aveva visto allargare la propria area di competenza al Comprensorio di bonifica n. 22 e dalla fine del 2004 (Deliberazione 123 del Consiglio Regionale 5 ottobre 2004) al Comprensorio n. 21. Con la odierna fisionomia il CBTC comprende una vasta zona che include, la Val di Pesa, i bacini dei torrenti Greve e Ema, il bacino del torrente Vingone e, più genericamente, tutti i bacini di sinistra idraulica del Fiume Arno tra le Gualchiere di Remole e Montelupo ed infine il bacino imbrifero della Val d Elsa e minori affluenti in sinistra d Arno, tra Montelupo Fiorentino e Empoli per un totale complessivo di 1756, 58 kmq. Il Consorzio di bonifica Toscana Centrale, che interessa dunque 33 comuni (17 nella provincia di Firenze, 13 in provincia di Siena, 2 in provincia di Pisa e 1 in quella di Arezzo) diventa uno dei più grandi e uno dei più densamente popolati della Toscana. L ORGANIZZAZIONE Il Consorzio è un Ente pubblico economico gestito dai proprietari degli immobili (terreni e fabbricati) ricadenti nel comprensorio consortile e da amministratori nominati dagli Enti locali. Di conseguenza ogni cittadino, i cui immobili traggano beneficio dalla bonifica, può candidarsi alle cariche consortili, in occasione delle elezioni che si tengono ogni cinque anni. La rappresentanza dei cittadini, ottenuta per elezione diretta è attualmente del 51% mentre il restante 49 % dei delegati è nominato istituzionalmente. Sono organi del Consorzio: il Consiglio dei Delegati la Deputazione Amministrativa (composta da presidente, vicepresidente e 5 consiglieri: 4 dei membri sono individuati tra i delegati dei consorziati e 3 sono nominati dalle Province) il Presidente il Collegio dei Revisori dei Conti (composto da un presidente nominato dalla Provincia di Firenze e due revisori nominati dal Consorzio). Il Consiglio dei Delegati è costituito da 34 componenti di cui 18 eletti dai Consorziati e 16 nominati dalle Province di Firenze (8 nomine) e di Siena (8 nomine), prescelti fra gli amministratori dei comuni rientranti anche parzialmente nel comprensorio di bonifica. Di questi Consiglieri, 7 sono deputati, tra cui il Presidente ed il Vicepresidente. All intera organizzazione del Consorzio sovrintende il Direttore, che ne dirige, coordina e sorveglia il funzionamento. La struttura operativa del Consorzio comprende due aree operative: l Area Amministrativa e l Area Tecnica. I dipendenti sono 43 (2/3 area tecnica, 1/3 area amministrativa).

5 ORGANIGRAMMA DIRETTORE UFFICIO DIREZIONE CAPO AREA TECNICO CAPO AMMINISTRATIVA SETTORE OPERATIVO SETTORE AFFARI GENERALI SETTORE SERVIZI TECNICI SETTORE CONTABILITÀ E BILANCIO i UFFICIO ESPROPRI SETTORE PAGHE E TRIBUTI SETTORE CATASTO Parco mezzi Negli ultimi anni si è proceduto ad un graduale potenziamento della struttura operativa in termini di uomini e mezzi che ha permesso, prima di estendere il tributo, di intervenire concretamente nei nuovi territori. Il parco mezzi comprende 12 macchine operatrici gommate cingolate (escavatori) allestite con varie attrezzature trincianti e per movimento terra, oltre a un parco di automezzi per spostamenti e trasporto materiale. Catasto consortile La struttura che si occupa del catasto ha visto una riorganizzazione e un graduale e mirato potenziamento: è stato abbandonato l utilizzo dei vecchi archivi consortili, relativi solo alla Val di Pesa, per attingere i nuovi dati direttamente dall Agenzia del Territorio. Questa scelta, con il tempo e con le correzioni eseguite grazie alle informazioni ricevute dai consorziati, sta determinando un reale miglioramento della qualità del dato in possesso dell Agenzia del Territorio: un beneficio sia per il Consorzio che per i consorziati e, più ampiamente, per la collettività. Comunicazione È stato attivato un sito web, sono state predisposte campagne informative ed infine, limitatamente al periodo che va dall invio degli avvisi di pagamento fino alla scadenza di pagamento degli stessi, è stato istituito un call center per la gestione delle informazioni. Riferimenti legislativi: Regio Decreto 215/1933 (norme per la bonifica integrale) Regio decreto 368/1904 (bonifica delle paludi e dei terreni paludosi) Regio decreto 523/1904 (testo unico sulle opere idrauliche) Leggi regionale della Toscana 34/1994, 38/2003, 3/2004 (norme in materia di bonifica) Esercita la propria attività tributaria così come dispone l articolo 16 della legge regionale 38/2003 Legge regionale della Toscana 91/98 (Norme per la difesa del suolo)

6 COMPRENSORIO N VAL D ELSA Territorio del Comprensorio n. 21 Territorio del Consorzio di bonifica Toscana Centrale 1756 superficie (Kmq) 4 numero province 33 numero comuni RADDA IN CHIANT I VOLTERRA SIENA Il territorio Il Comprensorio di bonifica n. 21 è sostanzialmente costituito dal bacino imbrifero del Fiume Elsa, oltre che dai bacini minori affluenti di sinistra d Arno tra Montelupo ed Empoli (in particolare Torrente Orme). Il territorio, diviso tra le province di Firenze (bassa valle) e Siena (alto bacino), è caratterizzato da morfologia prevalentemente collinare con quota medie dei rilievi generalmente inferiore ai 300 m sul livello del mare. Il Comprensorio comprende varie tipologie di territorio che includono zone di acque basse (area pianeggiante tra Arno Vecchio e Empoli), pianure di fondovalle con diversi livelli di vulnerabilità idraulica, aree pedo-collinari e di versante. Le opere II Consorzio ha già realizzato un attività ricognitiva finalizzata alla redazione dell inventario delle opere sul territorio della Val d Elsa. Il Comprensorio n. 21 si caratterizza per opere idrauliche di rilevanza quali il sistema di laminazione di Castelfiorentino (canale scolmatore e Cassa di espansione di Madonna della Tosse), varie casse di espansione sulla rete di affluenti dell Elsa, sia in provincia di Firenze che in provincia di Siena, tratti arginati a difesa dei centri abitati di fondovalle, canali di acque basse, sistemi di portelle e organi mobili per la difesa idraulica di aree agricole e urbanizzate. Il territorio 955 superficie (Kmq) 3 numero province 22 numero comuni f. Elsa, t. Orme, t. Casciano, t. Agliena, principali corsi d acqua t. Staggia 684 massima quota m s.l.m. Empoli, Castelfiorentino, Certaldo, San Gimignano, Colle Val d Elsa, Poggibonsi, San Miniato, Montelupo Fiorentino, Montaione, Gambassi Terme, Principali centri abitati Tavarnelle Val di Pesa, Barberino Val d Elsa, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Monteriggioni, Montespertoli, Volterra.

7 COMPRENSORIO N COLLINE DEL CHIANTI Territorio del Comprensorio n. 22 Il territorio Si tratta di una vasta area prevalentemente collinare con quote medie dei rilievi generalmente inferiore ai 500 m sul livello del mare. Le zone urbanizzate di recente espansione occupano prevalentemente i fondovalle mentre gli insediamenti minori più antichi solo generalmente localizzati su aree di crinale. Il Comprensorio di bonifica n. 22 comprende varie tipologie di territorio che includono zone di acque basse (Piana di Settimo), bordate quindi da corsi d acqua arginati (è il caso della Piana di Settimo delimitata dagli argini di Arno, Vingone e Greve), pianure di fondovalle con diversi livelli di vulnerabilità idraulica, aree pedo-collinari e di versante. Il territorio 734 superficie (Kmq) 3 numero province 18 numero comuni t.pesa, t. Greve, t. Grassina t. Isone, t. Virginio, principali corsi d acqua t. Vingone 892 massima quota m s.l.m. Firenze, Scandicci, Lastra a Signa, San Casciano Val di Pesa, Greve in Chianti, Bagno a Ripoli, Impruneta, Principali centri abitati Montelupo Fiorentino, Montespertoli, Tavarnelle Val di Pesa, Castellina in Chianti, Radda in Chianti. Le opere Numerose le opere idauliche in gestione da alcuni anni dal Consorzio nel territorio del Comprensorio n. 22. Ad oggi sono infatti censite oltre 90 opere trasversali (traverse, briglie), oltre 50 opere di difesa di sponda (muri, gabbionate, scogliere, ecc.) e ben 19 aree di laminazione strutturate (prevalentemente casse di espansione in derivazione). Importante anche la rete di canali artificiali (oltre 20 Km di sviluppo), le strutture arginali a difesa di aree urbane e gli impianti forestali, prevalentemente in aree di fondovalle.

8 LE ATTIVITÀ DEL CONSORZIO Le linee di sviluppo del Piano di bonifica, approvate dal Consorzio di bonifica Toscana Centrale nel 1996, individuano tra le loro priorità la realizzazione delle opere finalizzate alla moderazione delle piene e alla mitigazione del pericolo idraulico, la riqualificazione ambientale delle aree fluviali e la conservazione e manutenzione delle opere idrauliche già realizzate. Con un inversione di tendenza rispetto al passato, quando la pianificazione e la gestione dei corsi d acqua erano mirate a uno sfruttamento intensivo delle risorse del territorio e al recupero del suolo da destinare a nuovi insediamenti o ad attività agricole, adesso le attività principali di intervento sui bacini idrografici sono prevalentemente di valorizzazione ambientale. Le mutate esigenze del territorio e i nuovi criteri di intervento ecologicamente sostenibili - in particolar modo dopo le piene degli anni 1991, 1992 e 1993 che portarono allagamenti in tutto l alto e medio bacino - hanno obbligato ad un rapido adeguamento dei piani di difesa idraulica. In quest ottica vengono privilegiati gli interventi dalle spiccate componenti di bioingegneria, gli interventi di recupero naturalistico delle fasce di pertinenza fluviale e le opere destinate a incrementare la capacità di contenere e smorzare le piene: casse di espansione e zone di esondazione controllata laterali all alveo del fiume. L attività tecnico-operativa del Consorzio è organizzata secondo schemi pluriennali, attuati in programmi annuali e si divide in manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria delle opere presenti sul territorio e realizzazione di opere ed in attività di servizio tecnico (studi, progettazioni, direzioni lavori, collaudi, ecc.). L attività ordinaria Il settore operativo del Consorzio svolge la sua attività ordinaria sulle numerose opere e tratti d alveo in gestione diretta con varie azioni: due o più passaggi di sfalcio (taglio erba) con macchine operatrici e attrezzature manuali; interventi di controllo, mantenimento della vegetazione arborea, sopralluoghi per la vigilanza della funzionalità ed efficienza delle opere idrauliche. Il sistema di segnalazioni Il consorzio compie un importante numero di interventi in seguito a comunicazioni e segnalazioni che pervengono all Area Tecnica dal personale consortile stesso, dagli altri Enti che operano sul territorio e, in misura sempre crescente, dagli stessi Consorziati. Si tratta spesso di problematiche legate ad alberi caduti, rimozione rifiuti, piccole erosioni, ecc. Ad ogni contatto segue un sopralluogo e, se opportuno, un intervento. Volontà del Consorzio è rafforzare ulteriormente il settore considerato che svolge attività di utile prevenzione per dissesti di maggior entità e quindi interventi di maggior costo.

9 Principali segmenti di attività tecnico-operativa: Proposte di piano e/o di programma: il Consorzio individua obiettivi specifici da perseguire con la propria attività e utilizza, per il loro raggiungimento, i programmi di finanziamento disponibili. Procedimenti di attuazione (completi o parziali) di opere pubbliche di difesa del suolo, bonifica, idraulica: il Consorzio attua (ovvero progetta, esegue, collauda) opere idrauliche, di bonifica, di difesa del suolo indicate nel proprio piano o da altri pianificate e programmate. Manutenzione e controllo delle opere di bonifica, idrauliche di III, IV e V categoria: il Consorzio provvede alle manutenzione delle numerose opere idrauliche e di bonifica inventariate e interviene sui corsi d acqua eliminando quegli alberi che sono a fine ciclo vitale oppure a rischio di caduta. Attività di corretta gestione e profilassi del reticolo idrografico naturale Collaborazioni con Enti pubblici su problematiche inerenti l assetto del territorio: il Consorzio collabora con gli Enti locali su problematiche riguardanti l assetto del territorio (anche elaborando progetti di opere, realizzandole, dirigendone l esecuzione) Attività per avvalimento della provincia (L.R.T. n. 91/1998 Norme per la difesa del suolo ). Realizzazione di una cassa di espansione integrata al progetto di variante alla S.P. n. 12 a San Vincenzo a Torri nel comune di Scandicci (FI): costo stimato di 4,6 milioni di Euro Il progetto, redatto da gruppo di progettazione congiunto Consorzio di bonifica-direzione viabilità della Provincia di Firenze, si caratterizza per prevedere in modo integrato l opera stradale e l opera idraulica. L intervento prevede che la nuova viabilità di circonvallazione dell abitato di San Vincenzo a Torri vada sul perimetro arginale lato alveo della prevista cassa di espansione del vicino torrente Pesa. La Greenway sul Vingone: costo stimato 6 milioni di euro. Un articolato progetto per diminuire il rischio idraulico del torrente Vingone (con casse di espansione, ringrossi arginali, creazioni di golene e altre attività) permetterà la creazione di un percorso verde (greenway) destinato prevalentemente ad uso turistico e ricreativo oltre che, all occorrenza, come utile pista di servizio ad uso consortile. Piste Pedociclabili Le piste pedociclabili progettate dal consorzio sono quella della Val di Pesa (25 km da Montelupo Fiorentino a Radda in Chianti) e quelle, ancora in fase di approvazione, in riva sinistra d Arno (tra la passerella delle Cascine a Firenze e il parco di San Colombano a Lastra a Signa) e sul torrente Ema, tra Galluzzo e Ponte a Ema. Il risparmio energetico e le biomasse Il Consorzio si è attivato per definire procedure ottimizzate che consentano lo sfruttamento energetico delle biomasse (residui vegetali) derivanti da parte della propria attività di controllo della vegetazione sui corsi d acqua naturali e dalle lavorazioni forestali necessarie per la manutenzione delle opere in gestione. Grazie a questa attività sarà possibile una significativa immissione di energie rinnovabili nel sistema energetico del territorio locale. Il piano stralcio rischio idraulico Il Consorzio è incaricato della progettazione preliminare degli interventi (per un totale di 110 siti) per la riduzione del rischio idraulico pianificati dalla Autorità di Bacino del Fiume Arno sui bacini di propria competenza ( Piano Stralcio Rischio Idraulico approvato con D.P.C.M. del ). Le scelte progettuali degli interventi sono guidate dai risultati di analisi e da qualificate ricerche universitarie di tipo ambientale, naturalistico, paesaggistico e geomorfologico.

10 IL TRIBUTO Che cosa è Il Consorzio di bonifica, dotato di potere impositivo, determina di anno in anno l ammontare della contribuenza da ripartire tra tutti i consorziati, sulla base delle previsioni di spesa iscritte in bilancio. Il contributo di bonifica è un onere reale che grava su tutti i beni immobili (terreni e fabbricati) del comprensorio ed è pertanto dovuto da tutti i proprietari dei singoli beni. Le entrate tributarie vengono ripartite tra i proprietari di immobili del comprensorio secondo il Piano di classifica (approvato con Deliberazione del Consiglio dei Delegati n. 2/04 del , Deliberazione n. 4/05 del , Deliberazione n. 4/06 del ), che valuta, secondo una serie di parametri, come il tributo si ripartisca tra gli immobili sulla base del beneficio relativo. Sono soggetti all imposizione del contributo anche i fabbricati extra agricoli laddove esista il beneficio accertato attraverso il piano di bonifica e il piano di classifica. Elaborazione del Piano di bonifica, dove sono individuate le opere, le attività da svolgere e i loro costi. Redazione del Piano di classifica che definisce l incidenza del beneficio per ogni zona e/o sottobacino. Determinazione del Piano di riparto delle spese per la suddivisione dei costi fra tutti i proprietari di immobili e terreni secondo l indice del beneficio. I rapporti di beneficio tra i vari immobili si ottengono con la valutazione e l utilizzazione di alcuni parametri tecnici ed economici (altimetria, densità delle opere e costi di manutenzione, permeabilità del suolo, ecc.): la composizione di questi elementi, espressi attraverso indici (idraulico ed economico), fornisce i rapporti esistenti tra gli immobili per quanto riguarda la misura del beneficio prodotto dall attività di bonifica. L unità areale elementare presa in considerazione dell indice di beneficio è il foglio catastale. L indice idraulico è stato calcolato nell intero comprensorio sulla base di unità funzionali omogenee. L indice economico, il parametro che si riferisce al valore del bene preso in esame, si calcola sulla base dei limiti comunali attraverso le rendite catastali dell immobile urbano e il reddito domenicale dei terreni. Il piano di riparto degli oneri a carico della proprietà consorziata provvede a ripartire la previsione di entrata tributaria sulle proprietà consorziate. Con l istituzione dei nuovi comprensori, l estensione delle competenze e il nuovo concetto di beneficio (inteso come diretto e indiretto) l avviso di pagamento del tributo raggiungerà d ora in poi nuovi territori e tutti i cittadiniproprietari di immobili presenti. Ogni anno, dopo una attività di monitoraggio e concertazione con gli Enti locali che presiedono al governo del territorio, il Consorzio stila una lista di interventi necessari per la manutenzione delle opere idrauliche e la corretta gestione dei tratti d acqua a rischio ricadenti nel comprensorio. Vengono così stimati i costi, individuati i mezzi, i tempi e stabilito il fabbisogno economico del Consorzio (tecnico-operativo e amministrativo). Il tributo è annuo e non divisibile. Perché pagare? Pagare il tributo non è solo un obbligo di legge ma è soprattutto un modo per contribuire alle spese sostenute dall ente nello svolgimento delle attività annualmente pianificate. Non si tratta di un canone fisso: l importo richiesto è strettamente legato alle attività concrete, alla previsione di spesa e ai progetti redatti con la partecipazione degli enti locali. Da questo lavoro di concertazione esce rafforzata la salvaguardia di un bene comune come l ambiente. Ogni consorziato può calcolare l importo del proprio tributo prima dell arrivo dell avviso di pagamento grazie al nostro servizio on line

11 LA DIFESA DEL SUOLO Chi progetta e realizza opere idrauliche in provincia di Firenze Numero interventi Progettazione Enti attuatori Comuni 7 7 Comunità montane Consorzio di bonifi ca Amministrazione Regione Provinciale Toscana - URTT Soggetti attuatori 4 6 Stato 12 Altro Chi progetta e realizza opere idrauliche in Toscana Progettazione Enti attuatori Consorzio di bonifi ca Comunità Montane Provincie Comuni Reg. Toscana - URTT Altro - privati Stato Nella provincia di Firenze il 45% delle nuove opere idrauliche a mitigazione del rischio idraulico sono progettate e realizzate dai due consorzi di bonifica presenti: Consorzio di bonifica Colline del Chianti e Consorzio di bonifica dell Area fiorentina. Le risorse che i consorzi toscani drenano con il tributo di bonifica da circa consorziati, secondo i dati consuntivi del 2005, sono di circa 33 milioni di euro. Su questa cifra ritornano come investimenti e come attività di manutenzione sui territori dei vari comprensori circa 25 milioni di euro. Tale importo è pari a circa il 70% delle risorse prelevate con il tributo. Tratto da Catalogo degli interventi di prevenzione e ripristino del dissesto idrogeologico Regione Toscana (febbraio 2005)

12 Racconto fertile di Giuliano Ghelli INFORMAZIONI Consorzio di bonifica per la difesa del suolo e la tutela dell ambiente della Toscana Centrale Sede: via G. Verdi, Firenze - tel / fax Coordinate GPS: N E Sede operativa S.P. del Virginio, Baccaiano (Montespertoli) (FI) Coordinate GPS: N E Sito Internet: ORARIO UFFICIO SEDE VIA G. VERDI, 16 - FIRENZE Lunedì: Martedì: e Mercoledì: Giovedì: e Venerdì:

COMUNICATI STAMPA. Anno 2006. Via Verdi 16, 50122 Firenze Tel: 055 240269 Fax: 055 241458 www.cbtc.it info@cbtc.it

COMUNICATI STAMPA. Anno 2006. Via Verdi 16, 50122 Firenze Tel: 055 240269 Fax: 055 241458 www.cbtc.it info@cbtc.it COMUNICATI STAMPA Anno 2006 CBTC Consorzio di Bonifica per la difesa del suolo e la tutela dell ambiente della Toscana Centrale Via Verdi 16, 50122 Firenze Tel: 055 240269 Fax: 055 241458 www.cbtc.it info@cbtc.it

Dettagli

COMUNICATI STAMPA. Anno 2007. Via Verdi 16, 50122 Firenze Tel: 055 240269 Fax: 055 241458 www.cbtc.it info@cbtc.it

COMUNICATI STAMPA. Anno 2007. Via Verdi 16, 50122 Firenze Tel: 055 240269 Fax: 055 241458 www.cbtc.it info@cbtc.it COMUNICATI STAMPA Anno 2007 CBTC Consorzio di Bonifica per la difesa del suolo e la tutela dell ambiente della Toscana Centrale Via Verdi 16, 50122 Firenze Tel: 055 240269 Fax: 055 241458 www.cbtc.it info@cbtc.it

Dettagli

Il Consorzio di Bonifica delle Marche

Il Consorzio di Bonifica delle Marche Il Consorzio di Bonifica delle Marche CONSORZIO DI BONIFICA DELLE MARCHE Caratteri generali Costituito e regolato dalla L.R. 17 giugno 2013 n. 13, di «riordino degli interventi in materia di bonifica e

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA DI BONIFICA 2015

PIANO DELLE ATTIVITA DI BONIFICA 2015 SEDE LEGALE: Via degli Speziali 17 Loc. Venturina Terme 57021 CAMPIGLIA MARITTIMA (LI) Telefono: +39 0565 85761 Fax: +39 0565 857690 Posta Certificata: cbaltamaremma@pcert.it - consorzio@pec.collinelivornesi.it

Dettagli

RIPARTO DELLE SPESE CONSORTILI

RIPARTO DELLE SPESE CONSORTILI RIPARTO DELLE SPESE CONSORTILI 1) Che differenza c è fra bonifica idraulica e bonifica intergale e quando si è introdotto per la prima volta il concetto di bonifica integrale? Con il termine bonifica si

Dettagli

Premessa 23/05/2014 2

Premessa 23/05/2014 2 Regione Toscana NORMATIVA sulla DIFESA DEL SUOLO Legge Reg. 27 dicembre 2012 n. 79 Nuova Disciplina in materia di Consorzi di bonifica. Modifiche (Ver. alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/98. 1.0) Abrogazione

Dettagli

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013 OBIETTIVO APPENNINO Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali Alghero 8-10 maggio 2013 L.R. 5/2009 Riordino regionale dei consorzi - da 16 a 8 L.R. 06 luglio 2012, n. 7 ha fornito

Dettagli

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA PIANO DELLE ATTIVITA 2015 (L.R. 79/2012 ART. 26 comma 2) VERSIONE 2 APPROVATA DEL 13/03/2015 RELAZIONE COMPRENSORIO Il Direttore Tecnico di Comprensorio Pianura Pisana (Dott. Ing. Sandro Borsacchi) 1 /

Dettagli

Che cosa è un consorzio di bonifica? Che cosa è il perimetro di contribuenza? Che cosa si intende per attività di bonifica? Chi sono i consorziati?

Che cosa è un consorzio di bonifica? Che cosa è il perimetro di contribuenza? Che cosa si intende per attività di bonifica? Chi sono i consorziati? Domande frequenti Che cosa è un consorzio di bonifica? Un Consorzio di Bonifica è un ente con personalità giurica che esercita le funzioni previste dalle Leggi nazionali e regionali (R.D. 215/1933, L.R.

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

R 2 - LINEE DI INTERVENTO

R 2 - LINEE DI INTERVENTO Accordo di Pianificazione ai sensi dell art. 57 della L.R. 36/1997 tra Autorità di bacino del fiume Po Regione Liguria e Provincia di Genova R 2 - LINEE DI INTERVENTO PROGETTO Codice : 1.2/17/04 VARIANTE

Dettagli

Determina n. 404 del 22/11/2012

Determina n. 404 del 22/11/2012 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Centro di Responsabilità DIREZIONE VIABILITA' - EDILIZIA - MOBILITA' - PIANIFICAZIONE TERRITORIALE - DIFESA DEL SUOLO - PROTEZIONE CIVILE Determina n. 404 del 22/11/2012 OGGETTO:

Dettagli

L Imprenditore Agricolo come Custode del Territorio. Dott.ssa Pamela Giani p.giani@bonificavalleserchio.it

L Imprenditore Agricolo come Custode del Territorio. Dott.ssa Pamela Giani p.giani@bonificavalleserchio.it L Imprenditore Agricolo come Custode del Territorio Dott.ssa Pamela Giani p.giani@bonificavalleserchio.it 1 Punti dell intervento: Rischio idrogeologica e fragilità territoriale Attività di Bonifica Il

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

PROGETTO PER LA MESSA IN SICUREZZA PERMANENTE E SISTEMAZIONE AMBIENTALE DELL AREA INTERNA AL SITO FI 117 ARGINGROSSO LE ISOLE

PROGETTO PER LA MESSA IN SICUREZZA PERMANENTE E SISTEMAZIONE AMBIENTALE DELL AREA INTERNA AL SITO FI 117 ARGINGROSSO LE ISOLE PROGETTO PER LA MESSA IN SICUREZZA PERMANENTE E SISTEMAZIONE AMBIENTALE DELL AREA INTERNA AL SITO FI 117 ARGINGROSSO LE ISOLE RELAZIONE TECNICA GENERALE E QUADRO ECONOMICO Ubicazione e caratteristiche

Dettagli

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF)

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF) CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF) tra i Comuni di: Bagno a Ripoli, Barberino Val d Elsa, Calenzano, Campi Bisenzio, Fiesole, Figline Valdarno,

Dettagli

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni FASE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA (art.66 c.7 D.Lgs 152/06) I INCONTRO PUBBLICO PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. FIRENZE a cura dell Ufficio Statistiche e Studi

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. FIRENZE a cura dell Ufficio Statistiche e Studi NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre Settore residenziale a cura dell Ufficio Statistiche e Studi data di pubblicazione: 28 novembre periodo di riferimento: primo semestre

Dettagli

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana IL PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PAI Relazione introduttiva 1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana 1.1 La disciplina La difesa del suolo

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Anno 2008. Volume I. Via Verdi 16, 50122 Firenze Tel: 055 240269 Fax: 055 241458 www.cbtc.it info@cbtc.it

RASSEGNA STAMPA. Anno 2008. Volume I. Via Verdi 16, 50122 Firenze Tel: 055 240269 Fax: 055 241458 www.cbtc.it info@cbtc.it RASSEGNA STAMPA Anno 2008 Volume I CBTC Consorzio di Bonifica per la difesa del suolo e la tutela dell ambiente della Toscana Centrale Via Verdi 16, 50122 Firenze Tel: 055 240269 Fax: 055 241458 www.cbtc.it

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni.

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. Piano di Gestione del Rischio Alluvioni dicembre 2013 A cura di: Direzione

Dettagli

STATUTO CONSORTILE. Art. 50, comma 4

STATUTO CONSORTILE. Art. 50, comma 4 STATUTO CONSORTILE Art. 50, comma 4 Entro due anni dall approvazione dello statuto da parte della Giunta regionale, il Consorzio provvede ad esplicitare nell avviso di pagamento lo specifico beneficio

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA. Allegati

INDAGINE CONOSCITIVA. Allegati INDAGINE CONOSCITIVA CONSORZI DI BONIFICA E POLITICHE PER LA BONIFICA COMPETENZE, COSTI, FUNZIONAMENTO E REVISIONI LEGISLATIVE IN CORSO Allegati 23 Unione comuni Media Valle del Serchio - Custodia del

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA Ns. Rif. 202/14 Palermo, 21/01/2014 Egr. Presidente della Regione Siciliana dott. Rosario Crocetta Egr. Assessore al Territorio ed all Ambiente dott.ssa Maria Lo Bello Egr. Presidente IV Commissione Ambiente

Dettagli

CONFERENZA STAMPA PRESENTAZIONE DELLA CONVENZIONE

CONFERENZA STAMPA PRESENTAZIONE DELLA CONVENZIONE CONFERENZA STAMPA PRESENTAZIONE DELLA CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI PESARO E URBINO, IL CONSORZIO DI BONIFICA DELLE MARCHE E IL CORPO FORESTALE DELLO STATO, PER L'ORGANIZZAZIONE, LA GESTIONE E IL MONITORAGGIO

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

COMUNE di EMPOLI. Servizio Edilizia Privata. Comune di Bagno a Ripoli. comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it. Comune di Barberino di Mugello

COMUNE di EMPOLI. Servizio Edilizia Privata. Comune di Bagno a Ripoli. comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it. Comune di Barberino di Mugello COMUNE di EMPOLI Servizio Edilizia Privata Empoli, 07/07/2015 A: Comune di Bagno a Ripoli comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it Comune di Barberino di Mugello barberino-di-mugello@postacert.toscana.it

Dettagli

A) OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICA ED IDRAULICO-FORESTALE, DI DIFESA DEL SUOLO, DI TUTELA DELL AMBIENTE E DI BONIFICA IDRAULICA.

A) OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICA ED IDRAULICO-FORESTALE, DI DIFESA DEL SUOLO, DI TUTELA DELL AMBIENTE E DI BONIFICA IDRAULICA. A) OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICA ED IDRAULICO-FORESTALE, DI DIFESA DEL SUOLO, DI TUTELA DELL AMBIENTE E DI BONIFICA IDRAULICA. Il Consorzio esplica le funzioni ed i compiti che gli sono attribuiti dalla

Dettagli

"CONFERENZA SEMINARIO FORMATIVO

CONFERENZA SEMINARIO FORMATIVO Verso una gestione innovativa del Territorio nella Regione Marche Il contributo delle buone pratiche agroforestali e geologico-ambientali al governo del territorio ed alla prevenzione del dissesto idrogeologico

Dettagli

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Mauro Agnoletti Dipartimento di Economia, Ingegneria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Università degli Studi di Firenze La ricerche sulle dinamiche

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

Autorità di Bacino del Fiume Arno

Autorità di Bacino del Fiume Arno BUONE NORME PER GESTIRE LE PIENE La redazione dei regolamenti di piena nel quadro normativo attuale Firenze 16 aprile 2014 Gli strumenti di pianificazione dell AdB Arno per la gestione del rischio idraulico:

Dettagli

12 Normative di piano (norme di attuazione e direttive)

12 Normative di piano (norme di attuazione e direttive) 12 Normative di piano (norme di attuazione e direttive) Gli atti di tipo politico - amministrativo utilizzati nel piano sono rappresentati da norme e da direttive: NORME DI ATTUAZIONE - Atti a contenuto

Dettagli

EX COMPRENSORIO 11 VERSILIA MASSACIUCCOLI IL PIANO DI CLASSIFICA DEGLI IMMOBILI PER IL RIPARTO DELLA CONTRIBUENZA E MODALITÀ DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO

EX COMPRENSORIO 11 VERSILIA MASSACIUCCOLI IL PIANO DI CLASSIFICA DEGLI IMMOBILI PER IL RIPARTO DELLA CONTRIBUENZA E MODALITÀ DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO EX COMPRENSORIO 11 VERSILIA MASSACIUCCOLI IL PIANO DI CLASSIFICA DEGLI IMMOBILI PER IL RIPARTO DELLA CONTRIBUENZA E MODALITÀ DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO Il Piano di Classifica degli Immobili ha il fine di

Dettagli

Problematica Idraulica e piani urbanistici

Problematica Idraulica e piani urbanistici Associazione Nazionale Urbanisti e Pianificatori Territoriali e Ambientali con il patrocinio di Comune di Este Consorzio di Bonifica Adige Euganeo PREVENZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO: UN COMPITO PER LA PIANIFICAZIONE

Dettagli

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Autore: Alberto Meucci Titolo di Laurea: Laurea Triennale in Ingegneria Civile Università: Facoltà di Ingegneria

Dettagli

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 207 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 8.1 Criteri generali di individuazione e valutazione degli interventi Gli

Dettagli

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012 1. DOCUMENTAZIONE TECNICA 1.1) RICHIEDENTE: CITTA DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE INGEGNERIA DIREZIONE INFRASTRUTTURE E MOBILITA SERVIZIO PONTI, VIE D ACQUA E INFRASTRUTTURE 1.2) INDIRIZZO CIVICO DELL

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI - PISA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA

CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI - PISA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI - PISA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA V1 1990 1 i n d i c e 1. premessa pag. 1.1 quadro di riferimento generale 2 1.2 scopi del servizio di piena 2 2.

Dettagli

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa La presente proposta di legge,

Dettagli

TAVOLO 2: Rischio idraulico e geomorfologia, attuazione direttive, cambiamenti climatici Premessa:

TAVOLO 2: Rischio idraulico e geomorfologia, attuazione direttive, cambiamenti climatici Premessa: TAVOLO 2: Rischio idraulico e geomorfologia, attuazione direttive, cambiamenti climatici Dossier di sintesi: quadro attuale finalizzato all analisi SWOT partecipata Premessa: Con riferimento ai temi da

Dettagli

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PARERE ESPRESSO DAL GENIO CIVILE DI VENEZIA CON NOTA PROT. N. 279721/46.10 DEL 23 APRILE 2004. VARIANTE n. 23 Il Comune

Dettagli

Governo delle acque e del territorio

Governo delle acque e del territorio Governo delle acque e del territorio Indicazioni per una gestione comunale Sala Puerari Museo Civico Cremona 22/07/2010 1 Quadro Acque Cremona La realtà cremonese è interessata da un sistema delle acque

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Casse di espansione in linea nell'alto bacino del torrente Vingone nel Comune di Scandicci (FI) CASSA SOGLIA RELAZIONE GENERALE

Casse di espansione in linea nell'alto bacino del torrente Vingone nel Comune di Scandicci (FI) CASSA SOGLIA RELAZIONE GENERALE Comune di Scandicci Consorzio di Bonifica n.3 Medio Valdarno Via Verdi, 16-50122 FIRENZE tel: 055-240269; fax: 055-241458; e-mail: info@cbmv.it progetto n. 519/B Casse di espansione in linea nell'alto

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia. Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo. Patrocinio Confindustria Foggia

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia. Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo. Patrocinio Confindustria Foggia Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo Patrocinio Confindustria Foggia Foggia 21/11/2006 Relatore: Ing. Dario Tricoli PROGRAMMA

Dettagli

Autorità dei Bacini Regionali Romagnoli

Autorità dei Bacini Regionali Romagnoli Provincia di Forlì-Cesena Provincia di Ravenna Autorità dei Bacini Regionali Romagnoli Prot. n. 572 DELIBERAZIONE COMITATO ISTITUZIONALE Oggi, 16 (sedici) del mese di novembre dell anno 2011, presso la

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA DELLA VERSILIA V I A R E G G I O * * *

CONSORZIO DI BONIFICA DELLA VERSILIA V I A R E G G I O * * * 1 CONSORZIO DI BONIFICA DELLA VERSILIA V I A R E G G I O * * * REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA 2 INDICE 1. Premessa 1.1 quadro di riferimento generale pag. 3 1.2 scopi del servizio di piena pag. 3 2.

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020 ELEZIONI COMUNALI DI CIVIDALE DEL FRIULI DOMENICA 31 MAGGIO 2015 Candidato Sindaco: MASSIMO MARTINA Liste a sostegno: Partito Democratico Cittadini per Massimo Martina Sindaco Alternativa Libera Cividale

Dettagli

APPUNTI PER IL NUOVO TESTO UNICO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO DOCUMENTO REGIONALE PRELIMINARE SU T.U. DIFESA DEL SUOLO

APPUNTI PER IL NUOVO TESTO UNICO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO DOCUMENTO REGIONALE PRELIMINARE SU T.U. DIFESA DEL SUOLO APPUNTI PER IL NUOVO TESTO UNICO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO DOCUMENTO REGIONALE PRELIMINARE SU T.U. DIFESA DEL SUOLO Il documento dal titolo Scheda di valutazione preliminare della proposta di legge

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 REGIONE N. 1 REGIONE N. 2 Comuni di: FIRENZUOLA, LONDA, MARRADI, PALAZZUOLO SUL SENIO, SAN GODENZO Comuni di: PELAGO, REGGELLO BOSCO CEDUO 1816,00 SI 1743,00

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE PARCO REGIONALE DELLA VALLE DEL LAMBRO DIPARTIMENTO DI RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE Monza, 12 aprile 2013 Caso Studio LAMBRO DESCRIZIONE CASO STUDIO Inquadramento

Dettagli

Valutazione Globale Provvisoria

Valutazione Globale Provvisoria REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Territorio e Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO Attuazione della direttiva 2007/60/CE

Dettagli

IDENTITA FLUVIALI: luoghi e percorsi per vivere il fiume. L Arno da Pontassieve a Firenze

IDENTITA FLUVIALI: luoghi e percorsi per vivere il fiume. L Arno da Pontassieve a Firenze PARCO FIUME ARNO - Inquadramento territoriale - PAESAGGIO FLUVIALE - ARNO DA PONTASSIEVE A FIRENZE; - RELAZIONI CON IL TERRITORIO CIRCOSTANTE. STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE: - COMPETENZA PROVINCIA DI FIRENZE,

Dettagli

OGGETTO: Pubblico incanto per la fornitura di Gas Metano per l Anno Termico 2013-14 alla Società

OGGETTO: Pubblico incanto per la fornitura di Gas Metano per l Anno Termico 2013-14 alla Società Firenze, 18 settembre 2013 OGGETTO: Pubblico incanto per la fornitura di Gas Metano per l Anno Termico alla Società Consortile Energia Toscana. Esito gara. Il giorno 14 Agosto 2013, si è formalmente chiusa

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

--------------------------------------------------------------------------------

-------------------------------------------------------------------------------- D.P.R. 14 aprile 1993 "Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni recante criteri e modalità per la redazione dei programmi di manutenzione idraulica e forestale." Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO

Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO REGIONE TOSCANA REGIONE LAZIO Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO Legge 18 maggio 1989 n. 183 art. 17 comma 6 - ter, Legge 3 agosto 1998 n. 267 modificata con

Dettagli

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica 20 ottobre 2004 Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Norme di Attuazione: Titolo 6 Elaborati grafici di riferimento: Tavola 2 OBIETTIVI DEL PTCP COORDINAMENTO

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO Ora e sempre resilienza Interventi, pianificazione e cultura del rischio per la difesa e l autodifesa dalle alluvioni nelle aree urbane Roma 3 luglio 2015 BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

Dettagli

!"" #""$%&! #'$ " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$

! #$%&! #'$  # &%!$! ' &! &$)#$*!!# + $!# &'$!$!#$$ !"" #""$%&! #'$ % ( " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$ L anno duemilasette il giorno trenta del mese di maggio nella sala Informalavoro del Comune di Busalla, TRA Il Presidente in rappresentanza

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A COMUNI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

Consorzio di Bonifica «UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI» PISA

Consorzio di Bonifica «UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI» PISA 1. PROGRAMMA ANNUALE AREA TECNICA 1.1 gestione ordinaria 1.1.1 piano di manutenzione ordinaria 2011 (come da piano annuale) 1.1.2 esecuzione lavori in economia 1.1.3 esecuzione lavori in gestione diretta

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E DAL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Dettagli

tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività

tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività inerenti al servizio di piena e intervento idraulico e presidio territoriale.

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Progetto Definitivo Rev. Novembre 2013

Progetto Definitivo Rev. Novembre 2013 Accordo di Programma tra Ministero della Tutela del Territorio e del Mare e Regione Lombardia per la mitigazione del rischio idrogeologico Convenzione per la progettazione e realizzazione dell intervento

Dettagli

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 SCHEDA RILEVAMENTO PROGETTO (in attuazione della Legge regionale del 20 gennaio 2004 n. 2 Legge

Dettagli

Il Comprensorio del cuoio incontra il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio. Santa Croce sull Arno, 28-05-2010

Il Comprensorio del cuoio incontra il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio. Santa Croce sull Arno, 28-05-2010 Il Comprensorio del cuoio incontra il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio Santa Croce sull Arno, 28-05-2010 IL COMPRENSORIO CONSORTILE Il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio si estende

Dettagli

Tesi congressuale 3 GOVERNO DEL TERRITORIO: DALLA GESTIONE DELL EMERGENZA ALLA PREVENZIONE

Tesi congressuale 3 GOVERNO DEL TERRITORIO: DALLA GESTIONE DELL EMERGENZA ALLA PREVENZIONE Tesi congressuale 3 GOVERNO DEL TERRITORIO: DALLA GESTIONE DELL EMERGENZA ALLA PREVENZIONE RIFLESSIONI IN MERITO AI CRITERI DI CONTRIBUENZA: CHI CONTRIBUISCE A PREVENIRE? Andrea Salvagnini, dottore agronomo

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011 del CENTRO DI RESPONSABILITA' BONIFICA E DIFESA DEL SUOLO

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011 del CENTRO DI RESPONSABILITA' BONIFICA E DIFESA DEL SUOLO PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011 del CENTRO DI RESPONSABILITA' BONIFICA E DIFESA DEL SUOLO Approvato dalla Giunta Esecutiva con deliberazione n. 31 del 28/04/2011 variazioni apportate dalla Giunta Esecutiva

Dettagli

L. 27 luglio 1967, n. 632 (1). Autorizzazione di spesa per l'esecuzione di opere di sistemazione e difesa del suolo.

L. 27 luglio 1967, n. 632 (1). Autorizzazione di spesa per l'esecuzione di opere di sistemazione e difesa del suolo. L. 27 luglio 1967, n. 632 (1). Autorizzazione di spesa per l'esecuzione di opere di sistemazione e difesa del suolo. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 7 agosto 1967, n. 197. 1. Per l'esecuzione delle opere

Dettagli

LA GESTIONE DEI FIUMI TRA TUTELA, VALORIZZAZIONE E DISSESTO IDRAULICO. Torino, 8 luglio 2015

LA GESTIONE DEI FIUMI TRA TUTELA, VALORIZZAZIONE E DISSESTO IDRAULICO. Torino, 8 luglio 2015 LA GESTIONE DEI FIUMI TRA TUTELA, VALORIZZAZIONE E DISSESTO IDRAULICO. POSSIBILI MODELLI DI GOVERNANCE Torino, 8 luglio 2015 Ore 14 INTRODUZIONE a cura di Alberto Rudellat, Patrizia Saroglia (LaPo) Ore

Dettagli

CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA. Provincia di Firenze

CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA. Provincia di Firenze CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA Provincia di Firenze CONVENZIONE TRA COMUNI E CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DEL LOTTO UNICO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE

Dettagli

InformazIonI generali sui contributi di bonifica e IrrIgazIone determinazione delle tariffe di contribuenza

InformazIonI generali sui contributi di bonifica e IrrIgazIone determinazione delle tariffe di contribuenza Informazioni generali sui contributi di bonifica e irrigazione Determinazione delle tariffe di contribuenza Il Consorzio di bonifica Territori del Mincio è stato costituito con Decreto del Presidente della

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART. 25 E 26, 40 COMMA 5 LETTERA B), 55 COMMA 4 E ART 56 VISTA la

Dettagli

OPERE DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO NEL TERRITORIO COMUNALE DI OLBIA - BACINO DEL RIO SELIGHEDDU PROGETTO DEFINITIVO - INDICE 1 PREMESSE...

OPERE DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO NEL TERRITORIO COMUNALE DI OLBIA - BACINO DEL RIO SELIGHEDDU PROGETTO DEFINITIVO - INDICE 1 PREMESSE... INDICE 1 PREMESSE... 2 2 CRONOPROGRAMMA DEGLI INTERVENTI... 3 3 CALENDARIO DI SPESA... 5 4 OPERE ACCESSORIE... 6 5 MISURE DI COMPENSAZIONE E DI MITIGAZIONE... 10 - Relazione generale Pag. 1 di 10 1 PREMESSE

Dettagli

Area Risorse Ambientali Smart City e Innovazione Manutenzione dei corpi idrici superficiali Indicazioni generali

Area Risorse Ambientali Smart City e Innovazione Manutenzione dei corpi idrici superficiali Indicazioni generali Comune di Perugia Area Risorse Ambientali Smart City e Innovazione Manutenzione dei corpi idrici superficiali Indicazioni generali 1 Manutenzione dei corpi idrici superficiali Indicazioni generali. 1.

Dettagli

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004).

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Attività di previsione, prevenzione, contenimento del danno e mitigazione

Dettagli

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure Misura 5 - Ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali e da eventi catastrofici e introduzione di adeguate

Dettagli

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua 1. Premessa Nel 2010 ISPRA ha pubblicato il metodo per la valutazione della qualità morfologica dei corsi d acqua basato sull Indice di Qualità

Dettagli

PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO

PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO Le politiche di bacino ed il contesto nel quale si colloca l intervento di laminazione di Bregnano-Lomazzo Dario Fossati Regione Lombardia DG

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Il rischio idrogeologico nel Lazio

Il rischio idrogeologico nel Lazio Il rischio idrogeologico nel Lazio Geol. Tiziana Guida Consigliere dell Ordine dei Geologi del Lazio Il territorio della Regione Lazio, per la sua conformazione morfologica, si presta a varie tipologie

Dettagli

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica 12 13 11 4 5 Estratto Elaborato A7 PIT 10 6 7 3 2 8 9 1 1) Località Terrafino 2) Località Terrafino 3) Località Castelluccio 4) Località Avane 5) Località S. Maria 6) Empoli centro 7) Empoli centro 8)

Dettagli