CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO"

Transcript

1 Via Paci, SARZANA Tel. 0187/ Fax 0187/ CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Relativo all incarico avente ad oggetto la progettazione preliminare degli interventi di messa in sicurezza idraulica dell abitato di Pontremoli in

2 Art. 1 - Oggetto L incarico, disciplinato dal D. Lgs 12 aprile 2006, n. 163 e dal DPR , n. 207, e relativo all'affidamento dei servizi attinenti all'ingegneria idraulica, ha come oggetto la progettazione preliminare degli interventi di messa in sicurezza dell abitato di Pontremoli, in Provincia di Massa Carrara, rispetto alle portate di piena con tempo di ritorno di 200 anni del Fiume Magra, del T. Verde, del T. Gordana e del Canale dell Ardoglia. Gli obiettivi della progettazione preliminare di cui sopra sono: 1. Definizione degli interventi di messa in sicurezza, finalizzati alla difesa delle zone urbanizzate presenti nelle aree circostanti i corsi d acqua sopra citati. 2. Verifica degli interventi previsti, sia dal punto di vista idraulico e geotecnico che di inserimento ambientale. 3. Aggiornamento delle perimetrazioni delle aree a diversa pericolosità idraulica nei tratti di interesse, attraverso l individuazione delle aree inondabili per tempi di ritorno di anni. L'incarico da affidarsi prevede come prima fase l acquisizione di dati e l esecuzione di rilievi topografici di nuove e più dettagliate sezioni; successivamente, attraverso modellazioni idrauliche, sarà effettuata la verifica dello stato attuale, con i necessari aggiornamenti delle perimetrazioni delle aree inondabili. Saranno inoltre definite e verificate dal punto di vista idraulico le tipologie delle opere di messa in sicurezza e sarà anche eseguito un loro dimensionamento di massima. Sarà infine redatta anche una relazione preliminare ambientale relativa alla realizzazione delle difese idrauliche, ai fini del procedimento di Verifica di Assoggettabilità a VIA. Di seguito si riporta l elenco sommario degli elaborati che compongono il progetto preliminare, oggetto della prestazione professionale, come previsto dall art. 17 del DPR 207/2010: relazione illustrativa relazione tecnica studio di prefattibilità ambientale rilievo topografico studio idrologico studio idraulico relazione geologica elaborati grafici dimensionamento delle difese idrauliche calcolo sommario della spesa e quadro economico piano particellare preliminare delle aree Gli elaborati del progetto preliminare, sopra indicati e meglio specificati al successivo art. 2, dovranno essere firmati dai componenti del gruppo di lavoro ognuno per la propria parte di competenza. Uno dei componenti il gruppo di lavoro assumerà la responsabilità della reciproca coerenza degli elaborati progettuali. L Aggiudicatario (indipendentemente se soggetto singolo, RTI, ecc.) dovrà indicare la composizione del gruppo di progettazione con l evidenza dei ruoli dei singoli professionisti, nonché il Coordinatore del gruppo di progettazione che sarà l unico soggetto formalmente accreditato dall Aggiudicatario a svolgere il ruolo di interfaccia tecnica ai fini della conduzione del progetto. 2

3 Il presente capitolato fornisce le indicazioni tecniche da seguire durante lo svolgimento delle prestazioni richieste, come meglio specificato negli articoli che seguono. Art. 2 - Contenuti e articolazione delle varie fasi di progettazione 2.1 Acquisizione dati Preliminarmente alla redazione del progetto dovranno essere acquisiti i seguenti dati: Cartografia di base e foto aeree; Dati disponibili relativi alla localizzazione dell intervento, alle sezioni fluviali, ai dati idrologici e idraulici reperibili presso l Autorità di Bacino; Dati disponibili presso l Autorità di Bacino, relativi alle verifiche idrauliche e idrologiche condotte nel bacino del Magra a monte ed valle dell abitato di Pontremoli. 2.2 Rilievo topografico Localizzazione del rilievo Sarà quindi eseguito un rilevo topografico nel rispetto delle seguenti indicazioni: Rilievo plano-altimetrico di sezioni da eseguirsi sui corsi d acqua di seguito indicati: Fiume Magra, dalla loc. Piano di Mignegno fino a valle della loc. Santa Giustina; T. Verde, da valle della briglia in loc. Polveriera fino alla confluenza con il Fiume Magra; Canale dell Ardoglia, dalla linea ferroviaria Parma La Spezia fino alla confluenza con il Fiume Magra; Torrente Gordana, dall Autostrada A15 fino alla confluenza con il Fiume Magra. Oggetto della rilevazione Rilievo topografico di almeno n.120 sezioni trasversali, distribuite lungo l alveo del F. Magra, tra le sezioni M129 a valle ed M166 a monte (circa 5 Km), del T. Verde, tra le sezioni 39 e MVE10 (circa 2 Km), del T. Gordana, tra le sezioni MGO1_1 e MGO6 (circa 0,4 Km) e del Canale dell Ardoglia, nel tratto compreso fra lo sbocco nel F. Magra fino alla linea ferroviaria Parma La Spezia (circa 1,5 Km), come rappresentate nello stralcio planimetrico (Tav. 7B elemento 8 del PAI - allegato 1), comunque convenientemente estese alle aree golenali e da concordarsi preventivamente con l Autorità di Bacino. Realizzazione di monografie: È prevista la realizzazione di un caposaldo per ogni sezione, compresa livellazione di precisione e inquadramento, nonché la redazione di documentazione atta a consentire l individuazione dei capisaldi relativi a tutte le sezioni per una eventuale futura ripetizione dei rilievi. Sistemi di riferimento e di coordinate: I sistemi di riferimento e di coordinate per tutte le attività dovranno essere i seguenti: in coordinate piane nella proiezione Gauss - Boaga espresse in metri con sistemi di riferimento Roma 40 e UTM WGS 84-fuso 32. Coordinate geografiche WGS84. Quote ortometriche espresse in metri, riferite ai capisaldi principali della rete di livellazione di alta precisione dell Istituto Geografico Militare Italiano. 3

4 Dislocazione planimetrica delle sezioni da rilevare La dislocazione planimetrica di massima e l estensione trasversale delle sezioni sono rappresentate nello stralcio planimetrico (allegato 1). Attività da svolgere Pulizia delle zone interessate da rilievi La ditta incaricata provvederà alla pulizia, allo sfalcio e/o al decespugliamento delle sponde e dell area interessata dal rilievo delle sezioni, con eventuale abbattimento di cespugli e arbusti lungo la linea di sezione. Sarà cura della ditta incaricata ottenere le necessarie autorizzazioni per le suddette operazioni di pulizia, attenendosi alle prescrizioni ed alle cautele che saranno suggerite dalle competenti Autorità. Partecipazione alle attività Ai fini della verifica di regolare esecuzione, ii Responsabile del Procedimento si riserva la facoltà di partecipare, tramite la Segreteria Tecnico Operativa di questa Autorità di Bacino, alle operazioni di rilievo. Pertanto, si rende necessario che la ditta incaricata comunichi un cronoprogramma delle rilevazioni che potrà essere soggetto ad eventuali variazioni. Capisaldi di sezione Per ciascuna delle sezioni da rilevare dovrà essere realizzato almeno un caposaldo di sezione, in area facilmente accessibile. Il caposaldo dovrà essere materializzato secondo le seguenti modalità: in presenza di terreno, tramite l infissione diretta nel suolo di puntali inamovibili, verniciati di colore intenso, debitamente trattati con soluzioni protettive ed isolanti. Nella sommità piana del puntale dovrà essere posizionata una borchia chiodata. La sporgenza del picchetto dal piano di campagna dovrà essere a raso o ben in evidenza per un altezza di almeno 80 cm; in presenza di roccia o manufatti in calcestruzzo, tramite tasselli o chiodi sparati e verniciati in colore intenso. ogni caposaldo dovrà essere monumentato tramite targa identificabile, che riporti la dicitura Autorità di Bacino del Fiume Magra ed il relativo n di sezione come riportato nelle planimetrie allegate. Le targhe verranno fornite dalla ditta aggiudicataria, oltre a dettagliata scheda monografica e relativa documentazione fotografica. Per ogni caposaldo di sezione dovrà essere prodotta la relativa monografia di descrizione corredata dalle seguenti informazioni (come da fac - simile allegato 2): codice identificativo del caposaldo; quota ortometrica espressa in metri s.l.m. al riferimento della faccia superiore del chiodo, come risultante dalla livellazione; coordinate cartografiche piane nella proiezione Gauss - Boaga espresse in metri, con sistemi di riferimento Gauss - Boaga Roma 40 e UTM WGS 84-fuso 32; coordinate geografiche secondo il sistema WGS84. Rilievo delle sezioni trasversali Il rilievo di ciascuna sezione trasversale dovrà essere opportunamente esteso e comunque dovrà ricomprendere la Fascia di Riassetto Fluviale. Tale rilievo dovrà essere effettuato con lettura dei dislivelli parziali dai punti di riferimento quotati a ciascun punto di rilievo, utilizzando strumentazione di precisione idonea al rispetto delle tolleranze sotto riportate. Dovranno essere rilevati un adeguato e sufficiente numero di punti, tali da rappresentare fedelmente il profilo della sezione assicurando che siano rilevati i principali dislivelli di sezione e in modo dettagliato opere e manufatti. 4

5 La posizione dei punti di rilievo dipenderà dalla conformazione dell alveo e dalle caratteristiche delle zone circostanti. Questi saranno posizionati in maniera che la spezzata risultante presenti uno scostamento dalla linea di sezione sul terreno non superiore a 1/100 dell estensione planimetrica della sezione. Per ciascuno dei punti rilevati dovranno essere descritte le caratteristiche morfologiche ai fini dell implementazione del modello idraulico tramite i codici della seguente tabella: CODICE A1 A2 A3 A4 A5 A6 A7 A8 A9 A10 A11 A12 A13 TIPOLOGIA Caposaldo di sezione Piano di campagna Sommità dell argine o sponda Area golenale Presenza di vegetazione arborea Presenza di vegetazione arbustiva Cambio di pendenza Alveo plateato Alveo inciso in roccia Alveo inciso con massi \ sassi Alveo inciso con ghiaia \ sassi Alveo inciso con sabbia \ ghiaia Altro... Comunque dovrà essere assicurata la rilevazione di due punti sulle sponde, di due punti al piede di sponda e di almeno due punti in alveo. La tolleranza indicata per tale operazione dovrà essere sub centimetrica, sia per punti considerati stabili (muri, gradoni, manufatti fissi, etc.) che per punti nel terreno considerati instabili. Restituzione dei rilievi I dati del rilievo dovranno essere restituiti in formato cartaceo ed informatico; la documentazione informatica dovrà avere le caratteristiche di seguito specificate. Dovranno essere restituiti su base cartografica, in un unico file formato DXF: su un unico layer, le posizioni plano-altimetriche dei capisaldi di sezione tramite elementi tipo point 3D ; l etichetta di ciascun caposaldo, tramite elementi di tipo text posizionati in maniera ottimizzata per la loro associazione ai punti; su un unico layer, la plano-altimetria di ciascuna sezione e dei relativi punti battuti tramite elementi di tipo polilinea 3D (un punto di polilinea per ciascun punto battuto, con orientamento della polilinea da sinistra verso destra idrografica, vista della sezione da monte verso valle); Dovranno inoltre essere restituite in formato DXF le sezioni sviluppate complete di numerazione, data del rilievo, distanze parziali, distanze progressive e quote dei punti. Sulle sezioni sarà inoltre evidenziata la posizione del caposaldo. Dovranno essere riportati su layers distinti la linea relativa alla quota di riferimento e la linea 5

6 della sezione. Le sezioni dovranno essere sviluppate proiettando i punti battuti sull'allineamento e quindi calcolando la distanza progressiva a partire dal riferimento di sinistra verso quello di destra idrografica. Le sezioni saranno restituite anche in forma numerica-tabellare in files ASCII. In un ulteriore file in formato DXF verrà restituito il profilo altimetrico del fondo alveo (thalweg), indicando data del rilievo, posizionamento delle sezioni rilevate, distanze parziali, distanze progressive e quota del fondo alveo. 2.3 Relazione illustrativa La relazione illustrativa dovrà essere redatta secondo quanto indicato all art. 18 del DPR 207/2010 e comunque dovrà articolarsi nei punti sotto indicati: a) Descrizione puntuale dell intervento da realizzare e indicazioni per la prosecuzione dell iter progettuale da svilupparsi secondo i seguenti aspetti: esposizione della fattibilità dell intervento, documentata anche attraverso i risultati delle verifiche idrologiche ed idrauliche, della relazione geologica e della relazione preliminare ambientale relative alle aree interessate; accertamento in ordine alla disponibilità delle aree da utilizzare, alle relative modalità di acquisizione ed ai prevedibili oneri; accertamento in ordine alle interferenze con i pubblici servizi che interferiscono con le difese e prevedibili oneri conseguenti; indirizzi per la redazione del progetto definitivo; cronoprogramma delle fasi attuative, con l indicazione dei tempi massimi di svolgimento delle varie attività di progettazione, approvazione, affidamento, esecuzione e collaudo, da redigersi in collaborazione con l Autorità di Bacino; indicazioni su accessibilità, utilizzo e manutenzione delle opere. b) Aspetti economici e finanziari da svilupparsi secondo i seguenti aspetti: calcoli estimativi giustificativi della spesa; suddivisione dell intervento in lotti funzionali che garantiscono la riduzione della pericolosità ai livelli di messa in sicurezza o mitigazione di porzioni significative delle aree interessate, senza comportare aggravi significativi delle condizioni di pericolosità e rischio in aree limitrofe, né a monte né a valle; quadro economico; La relazione darà chiara e precisa nozione di quelle circostanze che non possono risultare dai disegni e che hanno influenza sulla scelta e sulla riuscita del progetto. 2.4 Relazione tecnica La relazione tecnica dovrà essere redatta secondo quanto indicato all art. 19 del DPR 207/2010 dove applicabili e comunque dovrà articolarsi nei punti sotto indicati. La relazione tecnica dovrà riportare lo sviluppo degli studi tecnici specialistici del progetto ed indicare requisiti e prestazioni che devono essere riscontrate nell intervento. Dovrà descrivere nel dettaglio le indagini effettuate e la caratterizzazione del progetto dal punto di vista dell inserimento nel territorio, dovrà descrivere e motivare le scelte tecniche del progetto. Di seguito sono indicati i principali argomenti che dovranno essere contenuti nella relazione tecnica: idrologia ed idraulica; geologia ; sismica; stabilità delle opere; 6

7 studio preliminare di inserimento urbanistico e vincoli; censimento delle interferenze e prevedibili oneri; indicazioni in merito all utilizzo del materiale movimentato (rocce e terre da scavo); occupazioni ed espropri (quantificazione preliminare degli importi) tracciato planoaltimetrico, schemi grafici e sezioni tipo; impianti e sicurezza. 2.5 Studio idrologico Lo studio dovrà essere redatto con i seguenti scenari di stato attuale e progetto: Evento con tempo di ritorno di 30 anni Evento con tempo di ritorno di 100 anni Evento con tempo di ritorno di 200 anni Evento con tempo di ritorno di 500 anni I relativi idrogrammi di piena per il f. Magra, per il t. Verde, per il t. Gordana e per il c. dell Ardoglia saranno forniti dall Autorità di Bacino. 2.6 Studio idraulico Lo studio idraulico comprenderà: Verifica dello stato attuale secondo i diversi scenari idrologici di progetto indicati al punto 2.5. Valutazione dei livelli idrici e dei franchi idraulici delle opere arginali in progetto secondo i diversi scenari idrologici di progetto indicati al punto 2.5. Valutazione delle aree inondabili dello stato di progetto, con individuazione degli scenari di pericolosità residua, secondo i diversi scenari idrologici indicati al punto 2.5. Verifiche in ipotesi di fondo mobile finalizzate ad individuare le tendenze evolutive dell alveo dei corsi d acqua in termini di trasporto solido, secondo gli scenari idrologici indicati al punto 2.5. Le simulazioni idrauliche potranno essere condotte in ipotesi di moto permanente, moto vario monodimensionale, quasi-bidimensionale a celle e bidimensionale, utilizzando, tra le precedenti, la tipologia più adatta alle analisi e valutazioni sopra elencate. 2.7 Relazione geologica La relazione dovrà comprendere i seguenti aspetti: quadro normativo con riferimento anche allo strumento urbanistico comunale e alla vincolistica sovraordinata (PAI); inquadramento geologico, geomorfologico ed idrogeologico con approfondimenti e modellazione locale; modellazione stratigrafica e/o strutturale con riferimento ad eventuali campagne geognostiche effettuate nell area (ad esempio progetto VEL); azione sismica con particolare riferimento alle problematiche relative alla liquefazione e al sifonamento; modello geologico di sintesi per la progettazione; indicazioni sulla campagna geognostica e sulle analisi geotecniche necessarie alle fasi successive della progettazione. 7

8 2.8 Elaborati grafici Gli elaborati grafici richiesti sono quelli di cui all art. 21 del DPR 207/2010 e comunque dovranno essere redatti in scala opportuna e debitamente quotati, con le necessarie differenziazioni in relazione alla dimensione, alla categoria e alla tipologia dell intervento, e tenendo conto della necessità di includere le misure e gli interventi previsti nello studio di prefattibilità ambientale. Essi saranno costituiti: 1) dallo stralcio del PAI, degli strumenti di pianificazione territoriale e di tutela ambientale e paesaggistica, nonché degli strumenti urbanistici vigenti, sui quali sono indicate la localizzazione degli interventi da realizzare; 2) dalle planimetrie con le indicazioni delle curve di livello in scala non inferiore a 1: 500, sulle quali sono riportati separatamente le opere ed i lavori da realizzare; 3) dagli elaborati relativi alle indagini e studi preliminari, in scala adeguata alle dimensione dell intervento in progetto: planimetria con indicate le sezioni fluviali utilizzate per il progetto; sezioni e profilo longitudinale (stato attuale, di progetto e raffronto); planimetria delle interferenze planimetrie catastali; planimetria ubicativa dei tratti di alveo da movimentare il materiale inerte con indicate le zone di scavo e di deposito. 4) dagli schemi grafici e sezioni tipo nel numero, nell articolazione e nelle scale necessarie a permettere l'individuazione di massima di tutte le caratteristiche spaziali, tipologiche, funzionali e tecnologiche delle opere e dei lavori da realizzare. 2.9 Dimensionamento delle difese idrauliche Il dimensionamento dovrà essere effettuato sia per le opere idrauliche trasversali e per quelle longitudinali, dovrà essere definita la tipologia delle opere e dovrà comprendere le verifiche di stabilità, di infiltrazione e sifonamento Studio preliminare ambientale (art. 48 LRT 10/2010 e ss.mm.ii.) Poiché il progetto è relativo ad un opera soggetta a procedimento di Verifica di Assoggettabilità a VIA di competenza della Provincia di Massa Carrara (Legge Regionale Toscana , n. 10, All. B2, il progetto preliminare dovrà essere corredato di uno Studio Preliminare Ambientale, con i contenuti di cui al comma 1, lettere da a) a e), art. 48 LRT 10/10 e ss.mm.ii, di seguito riportati: a) una specifica relazione che dia conto della conformità del progetto preliminare con le norme ambientali e paesaggistiche, nonché con i vigenti piani e programmi aventi valenza ambientale; b) uno specifico studio sugli effetti ambientali prevedibili in relazione alla realizzazione del progetto, e sulle misure necessarie per l inserimento territoriale ed ambientale del progetto stesso; c) lo studio prescritto all articolo 5, comma 3, del DPR 357/1997, redatto secondo gli indirizzi espressi nell allegato G al medesimo decreto, nel caso in cui il progetto possa avere effetti su uno o più dei siti individuati ai sensi della dir. 92/43/CEE e delle norme statali e regionali di attuazione della medesima; d) una relazione che evidenzi motivazioni, finalità, nonché alternative di localizzazione e di intervento ipotizzabili; e) ogni altro documento utile ai fini dell applicazione degli elementi di verifica di cui all allegato D alla presente legge. 8

9 2.11 Calcolo sommario della spesa e quadro economico Il calcolo sommario della spesa è effettuato: a) per quanto concerne le opere o i lavori, applicando alle quantità caratteristiche degli stessi, i corrispondenti costi standardizzati determinati dall'osservatorio dei lavori pubblici. In assenza di costi standardizzati, applicando parametri desunti da interventi similari realizzati, ovvero redigendo un computo metrico-estimativo di massima con prezzi unitari ricavati dai prezziari o dai listini ufficiali vigenti nell area interessata; b) per quanto concerne le ulteriori somme a disposizione della stazione appaltante, attraverso valutazioni di massima effettuate in sede di accertamenti preliminari in collaborazione con il responsabile del procedimento. Il quadro economico dovrà essere redatto secondo quanto indicato all art. 22 del DPR 207/2010. Art. 3 - Personale per l esecuzione del servizio Le attività oggetto del presente capitolato devono essere eseguite dal soggetto affidatario mediante le figure professionali abilitate e nominativamente indicate dal soggetto affidatario nella scheda di rilevazione (MOD A paragrafo 3.1). Nel caso eccezionale in cui si rendesse necessaria una sostituzione di personale con soggetti non indicati nella scheda di rilevazione stessa, l aggiudicatario è tenuto a richiedere l'autorizzazione alla stazione appaltante con un preavviso di almeno 10 giorni. La stazione appaltante autorizzerà la sostituzione, previa verifica del possesso dei requisiti di capacità tecnico-organizzativa richiesti nella scheda di rilevazione (MOD A). Art. 4 - Importo stimato L ammontare presunto determinato per le attività di progettazione preliminare ammonta ad Euro ,00 oltre I.V.A. in vigore e contributo integrativo nella misura prevista dalla legge secondo l Ordine e/o Collegio professionale di appartenenza. Art. 5 - Criterio di aggiudicazione L aggiudicazione dell incarico di progettazione preliminare oggetto del presente capitolato è effettuata ai sensi dell art. 83, comma 1, del D.Lgs. n. 163/2006, con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, individuata sulla base della valutazione degli elementi indicati al successivo art. 6 e con i criteri e punteggi indicati all art. 7. L Autorità di Bacino si riserva la facoltà di non aggiudicare la gara, ai sensi dell art. 81, comma 3, del D. Lgs. n. 163/2006. Art. 6 - Contenuti dell offerta Ogni concorrente dovrà presentare un offerta articolata in due parti distinte: 1) PROPOSTA METODOLOGICA: ai fini della valutazione delle caratteristiche qualitative e metodologiche dell offerta, di cui al successivo art. 7, punto 1, così 9

10 articolata: relazione descrittiva ai fini della valutazione delle modalità di svolgimento delle prestazioni oggetto dell incarico, costituita da non più di 6 (sei) pagine formato A4 dalla quale si possano desumere le caratteristiche qualitative e metodologiche dell offerta, attraverso l illustrazione delle modalità con cui si intendono svolgere le prestazioni oggetto dell incarico nel rispetto di quanto indicato nella documentazione di progetto preliminare predisposta da questa Autorità di Bacino, nonché nel rispetto della disciplina vigente. La relazione deve illustrare le attività che si intendono svolgere in ordine alle prestazioni oggetto dell incarico e le relative metodologie di esecuzione. relazione organizzativa ai fini della valutazione del metodo di organizzazione del lavoro e composizione del gruppo di lavoro proposto, costituita complessivamente da non più di 3 (tre) pagine di formato A4. La relazione deve illustrare la composizione e la struttura organizzativa del gruppo di lavoro preposto all incarico. Dovranno in particolare essere indicati i professionisti che si intendono impiegare per lo svolgimento delle singole prestazioni, ed i rispettivi ruoli, la struttura e l organizzazione del gruppo di lavoro, in modo da individuare chiaramente la ripartizione dei compiti e delle funzioni dei vari professionisti sulle specifiche prestazioni. 2) OFFERTA ECONOMICA: l offerta dovrà essere presentata mediante l indicazione dell importo complessivo offerto, così come dettagliato al punto 1.4 della lettera invito. Art. 7 - Valutazione Offerte L aggiudicazione avverrà secondo il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art. 83 del D.Lgs 163/2006. Sulla base della valutazione della seguente documentazione, presentata dai concorrenti, verrà attribuito un punteggio massimo pari a 100 punti così suddiviso: 1) Proposta metodologica: 70 su 100 punti. 2) Offerta economica: 30 su 100 punti. 1) PROPOSTA METODOLOGICA: 70 su 100 punti. La proposta metodologica è composta da una relazione descrittiva e una relazione organizzativa. Il punteggio massimo della proposta metodologica, fissato in 70 punti su 100, è attribuito come di seguito indicato: 1.1 relazione descrittiva ai fini della valutazione delle modalità di svolgimento delle prestazioni oggetto dell incarico punteggio massimo 50 su 100 punti. La valutazione sarà effettuata sulla base dell adeguatezza dei metodi proposti, dei processi e delle strumentazioni utilizzate rispetto alla complessità delle prestazioni richieste. In particolare, per l attribuzione del punteggio, si farà riferimento a: strumentazioni e processi di lavoro adottati per l espletamento delle prestazioni richieste (punteggio massimo 30 su 50 ); 10

11 metodologie e soluzioni proposte in conformità alle indicazioni contenute nella documentazione tecnica di riferimento (punteggio massimo 20 su 50 punti); 1.2 relazione organizzativa ai fini della valutazione del metodo di organizzazione del lavoro e composizione del gruppo di lavoro proposto punteggio massimo 20 su 100 punti. La valutazione avverrà sulla base dell adeguatezza del gruppo e delle modalità organizzative proposte rispetto alla complessità delle prestazioni richieste. In particolare, per l attribuzione del punteggio, si farà riferimento a: numero di professionisti preposti all espletamento delle prestazioni richieste; figure professionali impiegate per l espletamento delle prestazioni richieste; modalità di impiego (ruoli) delle diverse figure professionali. 2) OFFERTA ECONOMICA: 30 su 100 punti. L offerta sarà valutata con riferimento a: 2.1 prezzo offerto per la progettazione preliminare: 30 su 100 punti. Il sub-punteggio sarà determinato mediate la seguente formula: OA A i = A i OA max OAmin OA base base, in cui: A i è il punteggio parziale assegnato all offerta iesima determinato dall importo richiesto per lo svolgimento dell incarico; A max è uguale a 30 e si riferisce al punteggio assegnato all offerta economica più bassa per lo svolgimento dell incarico tra le offerte valide; OA i è l offerta economica del professionista esimo per la progettazione preliminare; OA base è l ammontare stimato dall AdB per la progettazione preliminare; OA min è l offerta economica più bassa per la progettazione preliminare. Il punteggio complessivo da attribuirsi a ciascuna offerta (relativo sia alla valutazione della parte tecnica sia della parte economica) sarà determinato nel modo seguente: Pi= A i + C i Dove: Pi è il punteggio complessivo assegnato all offerta iesima; A i è il punteggio parziale assegnato in riferimento all offerta economica sopraindicata C i è il punteggio parziale assegnato in riferimento alla proposta metodologica Nel caso in cui due o più soggetti partecipanti alla gara ottengano lo stesso punteggio complessivo, l aggiudicazione è disposta a favore dell offerta che ha ottenuto il maggior punteggio in relazione alla Proposta Metodologica. Nel caso di parità totale di punteggio sia dell offerta economica che della proposta metodologica l aggiudicazione avverrà mediante sorteggio. Art. 8 - CAUZIONE PROVVISORIA E DEFINITIVA L offerta dei concorrenti deve essere corredata ai sensi dell art. 75 del D.Lgs. n. 163/2006 e successive modifiche e integrazioni di una cauzione provvisoria del 2% (due per cento) 11

12 pari ad 1.500,00 (millecinquecento/00) dell'importo previsto per l affidamento dell incarico, costituita, a scelta dell offerente, secondo le seguenti modalità: deposito di contanti o di titoli del debito pubblico garantiti dallo Stato al corso del giorno del deposito, presso una sezione della Tesoreria Provinciale dello Stato (qualsiasi filiale provinciale della Banca d Italia) o presso le aziende autorizzate; in questo caso, la quietanza dovrà riportare, quale causale, la dicitura: Cauzione provvisoria per la procedura relativa all affidamento dell incarico progettazione preliminare degli interventi di messa in sicurezza idraulica dell abitato di Pontremoli in Provincia di Massa Carrara, indetta dall Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Magra : fideiussione bancaria o polizza assicurativa o polizza rilasciata da un intermediario finanziario iscritto nell elenco speciale di cui all articolo 107 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n.385. In questo caso essa dovrà avere validità per almeno 180 giorni dalla data di scadenza del termine per la presentazione dell offerta stabilita nella presente lettera. La fideiussione bancaria o assicurativa dovrà prevedere la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la sua operatività entro 15 giorni a semplice richiesta dell Amministrazione appaltante, la rinuncia alle eccezioni di cui all art. 1957, comma 2, del codice civile. Qualora nelle more dell approvazione dei nuovi schemi di polizza-tipo di cui all art. 252, comma 6, del D.Lgs. 163/2006 e successive modifiche e integrazioni la fideiussione sia redatta secondo lo schema tipo previsto dal Decreto del Ministero delle Attività Produttive n. 123 del , la stessa dovrà essere integrata mediante la previsione espressa della rinuncia all eccezione di cui all art. 1957, comma 2, del codice civile e mediante la sostituzione espressa di ogni riferimento all art. 30 della L. 109/1994 con l art. 75 del D.Lgs. 163/2006 e successive modifiche e integrazioni; A seguito dell aggiudicazione definitiva dell incarico, ai fini della stipula del contratto il soggetto aggiudicatario si impegna a presentare una garanzia fideiussoria (cauzione definitiva), ai sensi dell art. 113 del D.Lgs , n. 163, pari al 10% dell importo contrattuale. Lo svincolo di tale garanzia sarà operato secondo le previsioni di legge (art. 113, comma 3, DLgs 163/06 s.m.i.). La garanzia copre gli oneri per il mancato od inesatto adempimento e cessa di avere effetto solo alla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio o del certificato di regolare esecuzione. Art. 9 - Stipula, decorrenza e condizioni del contratto La stipula del contratto avviene entro 60 giorni dall aggiudicazione mediante scrittura privata, ai sensi dell art. 11, comma 13, del D. Lgs. 163/2006 e ss.mm. e ii.. Il concorrente resta impegnato alla stipula fin dal momento della presentazione dell offerta, mentre la stazione appaltante resta impegnata dalla data del provvedimento di aggiudicazione, salvo quanto previsto dall art. 56, comma 3, della L.R.T n. 38/2007. Il contratto potrà essere stipulato solo a seguito della produzione della cauzione definitiva di cui all art. 8 del presente capitolato. Il mancato rilascio di dette garanzie e dichiarazioni entro il termine previsto per la sottoscrizione del contratto, determina la revoca dell affidamento da parte di questa Autorità, la quale procederà conseguentemente all aggiudicazione dell incarico al soggetto immediatamente successivo alla graduatoria di gara. 12

13 La mancata attivazione della garanzia di cui all art. 8 determina la revoca dell affidamento dell incarico. L Aggiudicatario (indipendentemente se soggetto singolo, RTI, ecc.) dovrà indicare la composizione del gruppo di progettazione con l evidenza dei ruoli dei singoli professionisti, nonché il Coordinatore del gruppo di progettazione che sarà l unico soggetto formalmente accreditato dall Aggiudicatario a svolgere il ruolo di interfaccia tecnica ai fini della conduzione del progetto. Il contratto decorre dalla data di sottoscrizione. Art Termini di consegna e penali Gli elaborati di progettazione preliminare oggetto del presente capitolato dovranno essere consegnati nei termini massimi di seguito indicati: L acquisizione dati, il rilievo topografico, dovranno essere presentati entro 4 mesi dalla sottoscrizione del contratto; I restanti elaborati progettuali indicati all articolo 1 dovranno essere presentati entro 10 mesi dalla sottoscrizione del contratto; I tempi sopra specificati sono improrogabili, e potranno essere modificati solo per cause oggettive non imputabili al soggetto affidatario, e comunque solo previa approvazione del Responsabile Unico del Procedimento. In caso di ritardo ingiustificato ovvero non approvato dal Responsabile del Procedimento nella consegna degli elaborati sarà applicata una penale giornaliera pari all 1 per mille del compenso professionale riferito alla prestazione oggetto del ritardo. Per l applicazione della penale i giorni verranno conteggiati come naturali e consecutivi. Della proposta di applicazione della penale viene data comunicazione al soggetto affidatario incaricato il quale, entro 7 giorni dalla comunicazione, può avanzare le proprie controdeduzioni, sulle quali decide il Responsabile del Procedimento, disponendo o meno per l'applicazione della penale in via definitiva. La penale può non essere applicata qualora il Tecnico incaricato dimostri che il ritardo dell adempimento discende da cause di forza maggiore o da circostanze, oggettivamente riscontrabili, indipendenti da fatti, volontà o facoltà a lui attribuibili. La penale applicata è trattenuta in occasione del primo pagamento successivo alla sua applicazione. Il ritardo nella consegna degli elaborati oltre 30 giorni dalla previsione, verrà ritenuto grave inadempienza e potrà provocare la risoluzione del contratto come previsto all art. 15 del presente Capitolato oltre al risarcimento del danno sofferto dall Amministrazione. Prima della consegna definitiva degli elaborati, è richiesto almeno un controllo/verifica dei medesimi elaborati, da effettuarsi in contraddittorio con il Responsabile del Procedimento e i tecnici incaricati della progettazione preliminare. Art Elaborati progettuali da presentare Dovrà essere elaborata la documentazione indicata all art. 1 del presente capitolato come specificatamente descritto all articolo 2. Tutta la documentazione dovrà essere resa, senza costi aggiuntivi per l Amministrazione, in quanto comprese nelle spese tecniche per la progettazione, in numero 2 copie cartacee. L incaricato, oltre alle copie cartacee, dovrà consegnare all Amministrazione una copia in formato digitale (CD-ROM) di tutti gli elaborati. Tutti gli elaborati progettuali dovranno essere resi in formato PDF. 13

14 Gli elaborati grafici progettuali dovranno essere resi in formato DWG o DXF. Le perimetrazioni e i dati cartografici, georiferiti nel sistema di riferimento Gauss-Boaga fuso Ovest, dovranno essere forniti in formato shapefile. Gli elaborati alfanumerici dovranno essere restituiti anche in formato compatibile con i tradizionali programmi di Office Automation. Art Validazione degli elaborati progettuali Per ogni fase progettuale dell incarico, l Autorità di Bacino verificherà e/o validerà, ai sensi dell art. 55 del D.P.R. n. 207/2010, la qualità degli elaborati progettuali medesimi e la loro conformità alla normativa vigente. Tale verifica potrà essere effettuata da organismi esterni di certificazione o direttamente dagli uffici tecnici dell Autorità di Bacino. Qualora durante le verifiche si riscontrino contrasti rispetto alla normativa vigente, incongruenze di natura tecnica o violazione degli indirizzi progettuali, sarà stabilito un termine massimo per ricondurre gli elaborati progettuali a conformità. Tale termine sarà stabilito in proporzione all entità della modifica ma non potrà mai superare 1/4 del tempo contrattuale previsto ai sensi dell art. 10 in rapporto al livello progettuale. Scaduto il termine assegnato sarà applicata la penale di cui all art. 10. In caso di mancato adeguamento entro i termini suddetti, si procederà ai sensi del successivo art.15. Le modifiche agli elaborati progettuali, che dovessero essere apportate in fase di progettazione in adempimento a quanto sopra, saranno da considerarsi non onerose per l Autorità di Bacino. Art Modifiche agli elaborati di progetto Il soggetto affidatario è tenuto, senza aver diritto a speciali e maggiori compensi, a introdurre negli elaborati progettuali, anche se già redatti e presentati, tutte le modifiche richieste dalle Autorità preposte alla loro approvazione per il rilascio delle necessarie autorizzazioni e tutte le modifiche necessarie per il rispetto delle norme vigenti al momento della presentazione dei progetti. Qualora, dopo le approvazioni di cui al precedente comma, venissero richieste dall Autorità di Bacino e, prima o durante l esecuzione dei lavori di realizzazione dell opera, modifiche di lieve entità e che non alterino il progetto nella sostanza, il soggetto affidatario è tenuto a redigere gli elaborati necessari senza diritto ad alcun compenso aggiuntivo e nei tempi che saranno concordati tra le parti. Qualora, dopo le approvazioni di cui al primo capoverso del presente articolo, venissero richieste dall Autorità di Bacino, prima o durante l esecuzione dei lavori di realizzazione dell opera, modifiche che comportino cambiamenti d impostazione progettuale, determinate da nuove e diverse esigenze e/o da normative intervenute successivamente, l affidatario è tenuto ad introdurle negli elaborati di progetto: per tali modifiche dovranno essere concordate fra le parti le relative competenze, da definirsi sulla base delle tariffe di cui al D.M (tariffe professionali). Art Corrispettivo e Pagamento Il corrispettivo contrattuale è determinato in sede di aggiudicazione di gara e coincide con quanto indicato nell offerta economica dall affidatario. Al corrispettivo dovrà essere 14

15 aggiunto il contributo integrativo, nella misura prevista dalla legge secondo l ordine e/o Collegio professionale di appartenenza,oltre all I.V.A. in vigore. Il pagamento sarà eseguito come di seguito indicato: 1. 30% dell importo contrattuale dopo l acquisizione dati e la consegna dei rilievi topografici, previa approvazione degli elaborati stessi da parte del Comitato Tecnico di questa Autorità di Bacino % dell importo contrattuale dopo la consegna dei restanti elaborati indicati all articolo 1 previa approvazione del Comitato Tecnico di questa Autorità di Bacino % a saldo dell importo contrattuale entro 60 giorni dalla data di consegna degli elaborati progettuali complessivi; I pagamenti dei corrispettivi di cui ai precedenti punti 1, 2 e 3 verranno effettuati entro 30 giorni dalla data di presentazione di regolare fattura redatta secondo le norme in vigore. La fattura potrà essere emessa, per ognuna delle tre fasi di attività sopra elencate, solo dopo la comunicazione scritta da parte di questa Autorità che attesti l esito favorevole da parte del Comitato Tecnico. Nel caso in cui le fatture vengano emesse prima della comunicazione scritta predetta, i termini previsti per il pagamento decorreranno dalla data della comunicazione stessa. Le notule/fatture, in originale, dovranno essere intestata a: Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Magra, C.F e inviata alla sede in via Paci, Sarzana e dovrà riportare i seguenti riferimenti: codice CIG: C50 codice CUP: D13B L affidatario è tenuto ad assicurare gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari, inerenti tutte le transazioni di cui al presente incarico, ai sensi e per gli effetti della Legge n. 136 del e ss.mm.ii. I pagamenti, da effettuarsi in conformità dei comma precedenti, saranno eseguiti con mandati di pagamento mediante accreditamento su un c/c bancario o postale dedicato anche in via non esclusiva alla presente commessa pubblica, che deve essere comunicato con lettera da inviarsi a questa Autorità entro 7 giorni dal ricevimento da parte della stessa dell aggiudicazione definitiva, unitamente agli estremi identificativi ed al codice fiscale dei soggetti abilitati ad operare sul conto corrente bancario o postale indicato. Ai sensi dell art. 48-bis del DPR n. 602/1973, delle Circolari del Ministero dell Economia e delle Finanze n. 28 e 29 del 2007 e del Decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze n. 40 del 18 gennaio 2008, l Amministrazione, prima di effettuare il pagamento per un importo superiore ad Euro ,00 procede alla verifica di mancato assolvimento da parte del beneficiario dell obbligo di versamento di un ammontare complessivo pari almeno ad Euro ,00 derivante dalla notifica di una o più cartelle di pagamento, relative a ruoli consegnati agli agenti della riscossione a decorrere dal 1 gennaio Nel caso siano state contestate inadempienze all affidatario, la stazione appaltante può sospendere, ferma l applicazione delle eventuali penali, i pagamenti fino a che l affidatario stesso non si sia posto in regola con gli obblighi contrattuali. Art Risoluzione Costituiscono causa di risoluzione del contratto di diritto ai sensi dell art del Codice Civile, salvo l ulteriore risarcimento del danno, le seguenti inadempienze: 15

16 la consegna degli elaborati progettuali di cui all art. 1 oltre 30 giorni di ritardo rispetto al termine previsto per la consegna degli elaborati stessi; l utilizzo da parte del soggetto affidatario, in assenza dell autorizzazione di cui all art. 3, di professionalità diverse da quelle nominativamente indicate dal soggetto affidatario stesso al paragrafo 3.1 della scheda di rilevazione per l esecuzione della prestazione. Le seguenti circostanze costituiscono invece causa di risoluzione del contratto a seguito di diffida ad adempiere ai sensi dell art del Codice Civile, salvo l ulteriore risarcimento del danno: il mancato svolgimento anche di una sola delle attività previste dal presente capitolato; la mancata conformazione entro il termine assegnato dalla stazione appaltante ai sensi del precedente art. 12. In caso di risoluzione del contratto, nonché nel caso di applicazione delle penali di cui all art. 10, la stazione appaltante ha la facoltà di rivalersi oltre che sulla cauzione definitiva anche sui pagamenti dovuti al soggetto affidatario in relazione al contratto cui essi si riferiscono. La stazione appaltante, a seguito della risoluzione del contratto, può porre a carico del soggetto affidatario anche i maggiori costi derivanti dalla procedura di nuovo affidamento. Art Diritti sul materiale Tutti i materiali, documenti, studi, ricerche ed elaborati prodotti durante e al termine del presente incarico restano di proprietà della stazione appaltante, la quale potrà, a suo insindacabile giudizio, darvi o meno esecuzione, utilizzarli nei modi e nei tempi che ritiene opportuni e apportarvi modifiche ed integrazioni, senza che il soggetto affidatario possa sollevare eccezioni di sorta o pretendere compensi aggiuntivi rispetto a quelli previsti dal presente capitolato. Resta inteso che è precluso all affidatario di divulgare a terzi informazioni, dati, notizie o documenti messi a disposizione dalla stazione appaltante o reperiti tramite essa durante l esecuzione dell incarico o comunque in relazione ad esso. Il soggetto affidatario esonera la stazione appaltante da ogni responsabilità ed onere derivante da pretese di terzi in ordine a diritti di proprietà intellettuale sull oggetto della prestazione. Art Subappalto e cessione del contratto Il subappalto delle prestazioni oggetto del presente capitolato è ammesso per le sole attività individuate dall articolo 91, comma 3, del D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii.. La quota parte subappaltabile deve essere in ogni caso non superiore al 30% dell importo complessivo del contratto. E vietata la cessione totale o parziale del contratto. Art Recesso La stazione appaltante, sulla base di quanto previsto dall'art del codice civile, può in 16

17 ogni momento recedere dal contratto rimborsando al soggetto affidatario le spese sostenute e provvedendo al pagamento dell'attività svolta. Il soggetto affidatario dell'incarico può recedere dal contratto, ai sensi dell'articolo 2237 c.c., per giusta causa. In tal caso ha diritto al rimborso per le spese sostenute e al compenso per l'attività svolta da determinarsi in relazione al risultato utile che ne è derivato per la stazione appaltante. Art Spese contrattuali Il contratto è soggetto alle disposizioni di cui al DPR 633/72 per quanto concerne l IVA, al DPR 131/86 per quanto concerne l imposta di registro ed al DPR 642/72 per quanto riguarda l imposta di bollo, tenuto conto delle loro successive modifiche ed integrazioni. L imposta di bollo e tutti gli altri oneri tributari sono a carico del soggetto affidatario, senza diritto di rivalsa. L imposta di registro del contratto in caso d uso è a carico della parte che chiede la registrazione. Art Foro competente Per qualsiasi controversia inerente il contratto, ove la stazione appaltante sia attore o convenuto, resta intesa tra le parti la competenza del Foro di La Spezia, con espressa rinuncia di qualsiasi altro. Art Norme di rinvio Per quanto non espressamente previsto dal presente capitolato, si fa riferimento al D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii, al D.P.R. n. 207/2010, alla L.R.T n. 38/2007 e ss.mm.ii., al Regolamento emanato con DPGRT n. 30/R del 27/05/2008, alle altre disposizioni vigenti in materia e, in particolare, alle norme contenute nel vigente Capitolato Generale d appalto. Il Dirigente responsabile del contratto Segretario Generale (Dott. Ing. Alessandro Fignani) 17

18 Il sottoscritto, nella sua qualità di, dichiara sotto la propria responsabilità di aver preso visione e di accettare senza riserva alcuna tutti i patti e condizioni previsti dal presente capitolato. Data Il Contraente (timbro e firma del legale rappresentante) Il sottoscritto, nella qualità di, dichiara di aver preso conoscenza e di accettare espressamente, ai sensi e per gli effetti dell art del Codice Civile, le clausole contenute negli articoli seguenti: Art. 10 Termini di consegna e Penali Art. 13 Modifiche agli elaborati di progetto Art. 14 Corrispettivo e Pagamenti Art. 15 Risoluzione Art. 16 Diritti sul materiale Art. 18 Recesso Art. 20 Foro competente Art. 21 Norme di rinvio Data Il Contraente (timbro e firma del legale rappresentante) 18

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

ART. 1 Ente appaltante

ART. 1 Ente appaltante La Scuola è sede di progetti Istituto Omnicomprensivo Statale San Demetrio Corone (CS) Dirigenza ed Uffici Amministrativi Via Dante Alighieri, n. 146 87069 San Demetrio Corone (CS) Tel. +39 0984 956086

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Supplemento n. 1 al B.U. n. 20/I-II del 15/05/2012 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 15/05/2012 Nr. 20/I-II 200 ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Il progetto definitivo

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC ACCORDO QUADRO BIENNALE PER I SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILI, MACCHINE ED ARREDI PER UFFICIO, APPARECCHIATURE INFORMATICHE ED ELETTRONICHE, DOCUMENTAZIONE CARTACEA DA TRASFERIRE NELLA NUOVA

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13 del 26 febbraio 2014. REGOLAMENTO

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 marzo 2003 Oggetto: Istanza di interpello D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642 imposta di bollo su atti e documenti connessi con i contratti

Dettagli

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE CAPO AREA INFRASTRUTTURE CIVILI ING. WALTER RICCI DIRIGENTE SERVIZIO STRADE ARCH. MARTA MAGNI CAPO AREA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE Importo superiore a 150.000 euro ed inferiore a 1.000.000 euro 1 Sommario 1. Oggetto, durata ed importo dell appalto...

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO Appalto di sola esecuzione - offerta economicamente più vantaggiosa Importo superiore a

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO Appalto di sola esecuzione - offerta economicamente più vantaggiosa Importo superiore a LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO Appalto di sola esecuzione - offerta economicamente più vantaggiosa Importo superiore a 150.000 euro ed inferiore a 1.000.000 euro 1 Sommario 1. Oggetto,

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR)

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) Tel. 0564 861111 Fax 0564 860648 C.F. 82001470531 P.I. 00105110530 DETERMINAZIONE N 722 DEL 27/10/2011 U.O. Politiche

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli