s.r.l. - Via Monte Rosa, MILANO (Italy) - Tel r.a. - Fax

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "s.r.l. - Via Monte Rosa, 14-20149 MILANO (Italy) - Tel. 02.76.11.03.19 r.a. - Fax 02.76.11.00.41 - E-mail: info@westcar.it - www.westcar."

Transcript

1 WES TCR s.r.l. MILNO ITLY ITLINO GIUNTI IDRULICI s.r.l. Via Monte Rosa, MILNO (Italy) Tel r.a. Fax

2 WES TCR MILNO ITLY PRODOTTI WESTCR Giunti idraulici ROTOFLUID per potenze fino 4 kw Giunti a denti ROTOGER per coppie fino a Nm Giunti idraulici ROTOFLUID GGG (con casse in ghisa) per potenze da 1 a kw Giunti elastici ROTOFLEXI ad anello in gomma a rapida sostituzione senza spostamento dei mozzi per coppie fina a 4. Nm. Giunti idraulici ROTOFLUIDSCF/DCF con camera di ritardo semplice/doppia Giunti a lamelle HX GCX HPX Con spaziatore HSX GCSX HPSX E Coppie fino a Nm. Giunti idraulici ROTOFLUID con tripla camera di ritardo e coppia di avviamento uguale alla coppia nominale del motore Giunti elastici ROTOPIN a pioli con sfilamento assiale per coppie fino a 3. Nm. Freni a ceppi e freni a disco con servofreno GiuntI elasticiflk STEELFLEX con lamelle rastremate per coppie fino a Nm SOFTSTRT vviatore statico a controllo digitale per potenze fino a kw. Funzione risparmio energetico Controllo colpo di ariete Programmabile anche via RS 485 Giunti idromeccanici ROTOMEC ad accelerazione idraulica con innesto meccanicocentrifugo senza scorrimento a regime RICHIEST SI POSSONO FORNIRE I PRODOTTI CERTIFICTI TEX.

3 WES TCR MILNO ITLY MILNO ITLY CTLOGO ROTOFLUID Codice 1395 Edizione: Italiano (Rev.3) 156 IT 726 INDICE PG. Principio di funzionamento e caratteristiche del giunto ROTOFLUID...2 Curve caratteristiche dei motori senza giunto idraulico e con giunto idraulico...3 Giunti idraulici con camera di ritardo...4 Curve caratteristiche di avviamento...5 Diagramma di selezione giunti ROTOFLUID...6 Tabella di selezione giunti ROTOFLUID per motori UNEL MEC a 5 Hz e Hz...7 Calcoli di verifica...89 Momento di inerzia giunti ROTOFLUID...1 Versioni giunti ROTOFLUID LF per montaggio in linea...11 Varianti di installazione MONTGGIO STNDRD MONTGGIO ROVESCITO...12 bbinamento giunti ROTOFLUID con giunti elastici per motori UNEL MEC 5 Hz...13 Tabella ROTOFLUID LF K...14 Tabella ROTOFLUID LF SCF K...15 Tabella ROTOFLUID LF DCF K...16 Tabella ROTOFLUID LF KS SCF KS DCF KS...17 Tabella ROTOFLUID LF KLRV SCF KLRV DCF KLRV...18 Tabella ROTOFLUID LF KLRU SCF KLRU DCF KLRU Tabella ROTOFLUID LF KFRV SCF KFRV DCF KFRV...2 Tabella ROTOFLUID LF KFRU SCF KFRU DCF KFRU...21 Tabella ROTOFLUID LF K SCF K DCF K...22 Tabella ROTOFLUID LF KFRD SCF KFRD DCF KFRD...23 Tabella ROTOFLUID LF KFF SCF KFF DCF KFF...24 Tabella ROTOFLUID LF KFRPV SCF KFRPV DCF KFRPV...25 Tabella ROTOFLUID LF KK SCF KK DCF KK Fasce freno FP per ROTOFLUID LF KK Tabella ROTOFLUID LF WG SCF WG DCF WG per giunti in pollici...3 Tabella ROTOFLUID LF WGG SCF WGG DCF WGG con giunto a denti...31 Tabella ROTOFLUID LF CKLRS...32 Giunto ROTOFLUID LF KSS v Versioni giunti ROTOFLUID ET per montaggio a sbalzo con puleggia...34 Esempi di installazione giunti eta con puleggia...35 Tabella ROTOFLUID ET X SCF X DCF X Tabella ROTOFLUID ET J SCF J DCF J Tabella ROTOFLUID ET H SCF H DCF H...4 Tabella ROTOFLUID ET Z ZI SCF Z / ZI DCF Z / ZI...41 Tabella fori e cave per giunti ROTOFLUID...42 Tabella fori e cave per mozzi giunto elastico e fascia freno...43 Istruzione variazione del livello e sostituzione olio nei giunti ROTOFLUID...44 Quantita e tipi di olio raccomandati...44 Istruzione variazione del livello e sostituzione olio nei giunti ROTOFLUID SCF e DCF...45 Quantità e tipi di olio raccomandati...45 Tappo fusibile di sicurezza...46 Tappo espansibile di sicurezza...47 Dispositivo di sicurezza per tappi termoespansibili ET...48 Dispositivo SCD controllo sovraccarico...49 Istruzioni per montaggio ROTOFLUID al motore...5 Istruzioni per smontaggio ROTOFLUID dal motore...51 Vite di estrazione VE sistema di estrazione SE...51 Profilo esterno e parti principali...52 Parti di ricambio consigliate...53 Funzioni opzionali...54 Scheda tecnica per selezione... pplicazioni...56 INDICE FOGLI TECNICI D D C

4 WES TCR MILNO ITLY MILNO ITLY PRINCIPIO DI FUNZIONMENTO E CRTTERISTICHE DEL GIUNTO ROTOFLUID 1137 IT 526 PRTE MOTRICE PRTE CONDOTT OLIO LTO MOTORE OLIO Il giunto idraulico ROTOFLUID è realizzato per garantire ai vostri impianti massima sicurezza di buon funzionamento e durata, trova la sua collocazione tra il motore (parte motrice) e la macchina (parte condotta). Il giunto idraulico ROTOFLUID è essenzialmente costituito da due giranti, palettate radialmente e contrapposte tra loro, l una collegata all albero motore e l altra alla macchina condotta. La parte motrice, agisce come una pompa centrifuga, l olio passa dalla palettatura motrice a quella condotta che, funzionando come una turbina, trascina la macchina. L olio con il quale il giunto idraulico è riempito, serve a trasmettere la coppia e a lubrificare le parti in movimento. Il giunto idraulico rappresenta il mezzo più semplice ed economico per realizzare una trasmissione perfettamente elastica, in quanto elimina ogni forma di connessione meccanica tra i due elementi, motore e macchina. Non essendoci alcuna connessione meccanica tra i due elementi, non vi è praticamente usura. Le perdite subite dal giunto idraulico si traducono in una perdita di potenza raffigurabile nello scorrimento che è espresso dalla formula: nm S%= nu x1 n m dove: n m= velocità motore g/1 n u= velocità uscita dal giunto idraulico g/1 La perfetta elasticità di questa trasmissione idraulica permette di risolvere quasi tutti i problemi relativi allo spunto dei motori elettrici e delle macchine ad essi collegati. VNTGGI DEL GIUNTO IDRULICO facilitare l avviamento accelerando gradualmente la macchina operatrice adeguare automaticamente la velocità del carico alla velocità di sincronismodi due o più motori proteggere gli organi della trasmissione da sovraccarichi assorbire le vibrazioni torsionali limitare la coppia trasmessa a valori prestabiliti consentire l impiego di motori elettrici in corto circuito, facendo a meno di avviatori stellatriangolo e di motori ad anelli con reostato MONTNDO UN GIUNTO ROTOFLUID SI POSSONO EVIDENZIRE I SEGUENTI VNTGGI: vasta gamma di accessori interscambiabilità degli accessori sulla cellula base dimensionamento del sistema albero puleggia alle reali esigenze della trasmissione tutti i giunti con trasmissione a cinghia, a partire dalla grandezza 4P, sono equipaggiati con cuscinetti a rulli sotto la puleggia per garantire un carico radiale superiore agli standard tutti i giunti per montaggio in linea sono equipaggiati con giunto elastico ROTOFLEXI, con il notevole vantaggio di poter sostituire la parte elastica sfilandola radialmente dal giunto, senza rimuovere ne il motore ne la macchina condotta. 2

5 WES TCR MILNO ITLY MILNO ITLY CURVE CRTTERISTICHE DEI MOTORI SENZ GIUNTO IDRULICO E CON GIUNTO IDRULICO 161 IT Fig.1 5 Senza Giunto Fig Coppia motore Fig.3 1% Corrente ssorbita % Ca Coppia motore Corrente Cm Corrente ssorbita % Con Giunto Coppia vviamento % Coppia di stallo C Scorrimento 26% 2 4 % Velocità Motore Tempo % Velocità Uscita % 1 VVIMENTO SENZ GIUNTO IDRULICO La figura 1 rappresenta il tipico avviamento diretto di un motore elettrico direttamente accoppiato al carico, la parte tratteggiata rappresenta l energia dissipata per portare contemporaneamente sia il motore che il carico alla velocità di regime. Possiamo osservare che l avviamento diretto presenta i seguenti svantaggi: la differenza tra coppia all avviamento (Ca) e quella richiesta dal carico (Cm) è molto bassa, la massima coppia è disponibile tra l 8%85% della velocità di regime. la corrente assorbita in avviamento può raggiungere un valore pari a 6 volte la corrente nominale, causando sovraccarichi sulla linea elettrica con maggiori costi e un aumento di temperatura del motore limitandone il numero degli avviamenti. Per limitare l elevata corrente di spunto, che contraddistingue l avviamento diretto, è necessario ricorrere a sistemi di avviamento a tensione ridotta. Il più usato è l avviamento Y /.In questo modo la corrente e la coppia di spunto, si riducono a 1/3 rispetto all avviamento diretto. Gli svantaggi che presenta questo tipo di avviamento sono: maggior costo dei cavi in quanto vengono portati 2 cavi tripolari al motore correnti elevate durante la commutazione da Y a impossibilità di scelta delle caratteristiche di avviamento in quanto i parametri,corrente/coppia, sono predefiniti e non possono essere regolati. non può essere utilizzato per macchine operatrici che si avviano con carico o con elevata coppia resistente VVIMENTO CON GIUNTO IDRULICO ROTOFLUID Quando tra motore elettrico e macchina comandata è interposto il giunto idraulico ROTOFLUID il motore può partire in corto circuito e la coppia motrice all avviamento (Ca) serve unicamente per accelerare il rotore e la parte primaria dell accoppiatore ad esso collegata. La figura 2 mette a confronto la corrente assorbita da un motore elettrico collegato direttamente al carico, con avviamento in corto circuito, e lo stesso avviamento con interposto il giunto idraulico. La parte tratteggiata evidenzia l energia persa in calore durante l avviamento senza giunto idraulico. Nel primo caso, la corrente raggiunge un picco di circa sei volte la nominale, e persiste con valori alti fino al raggiungimento della velocità nominale. Col giunto idraulico ROTOFLUID, il picco di corrente è alto solo per pochi secondi (energia necessaria per accelerare solo il rotore ) e scende a valori accettabili per il tempo necessario a portare la macchina a regime. CURVE CRTTERISTICHE DI VVIMENTO CON GIUNTO IDRULICO La figura 3 mostra la curva della coppia caratteristica di un motore elettrico, la curva di stallo del giunto idraulico e la curva dello scorrimento alla velocità a regime. Il giunto idraulico permette al motore di raggiungere In pochi secondi la velocità dell 8%85%, ( passaggio dal punto al punto ) dove incontra la curva di stallo del giunto (scorrimento=1%),punto in cui il motore da la sua coppia massima. Il punto C è il punto di funzionamento del giunto idraulico dopo aver portato la macchina alla sua velocità di regime. 3

6 WES TCR MILNO ITLY MILNO ITLY GIUNTI IDRULICI CON CMER DI RITRDO 1141 IT 925 L utilizzo del giunto idraulico con camera di ritardo, permette di limitare la coppia massima durante la fase d avviamento, senza peggiorare lo scorrimento in funzionamento normale. Questa soluzione consente al motore di salire velocemente di giri senza incontrare la coppia resistente (come se partisse a vuoto). Il giunto con camera di ritardo è equipaggiato con un serbatoio supplementare, così da ridurre la quantità di olio contenuta nel circuito lavoro. (vedi Fig. 1). Il serbatoio è in comunicazione con il circuito di lavoro attraverso degli ugelli calibrati e tarabili ( vedi Fig. 2). La variazione dei fori degli ugelli calibrati fa variare il tempo di passaggio dell olio dal serbatoio al circuito di lavoro, allungando o diminuendo il tempo di avviamento della macchina operatrice. Quando tutto l olio defluisce dal serbatoio al circuito di lavoro il giunto idraulico raggiunge la velocità nominale trasmettendo la coppia richiesta con un minimo scorrimento. (vedi Fig. 3) I giunti idraulici possono essere equipaggiati con camera di ritardo semplice o doppia. Con la camera di ritardo semplice la limitazione di coppia Ca/Cn varia dal 18%.al 15% regolando la quantità di olio. Con la camera di ritardo doppia la limitazione di coppia Ca/Cn varia dal 15%.al 12% regolando la quantità di olio. I vantaggi delle camere di ritardo si esaltano al crescere della potenza da trasmettere. Le camere di ritardo SCF e DCF sono disponibili dalla grandezza 3 alla grandezza 95P. Fermo In avviamento passaggio dell'olio dalla camera di ritardo al circuito di lavoro regime ugelli calibrati olio supplementare presente nella camera di ritardo olio in circuito a fine avviamento olio disponibile Fig. 1 per l'avviamento Fig. 2 Fig. 3 iniziale VNTGGI ssorbimenti limitati anche con notevoli inerzie La possibilità di regolare il tempo di avviamento Limitazione della coppia d avviamento a valori prestabiliti senza pregiudicare lo scorrimento La limitazione della corrente d avviamento, aumenta la vita del motore Per comandi a più testate, il giunto adegua automaticamente la velocità del carico alla velocità di sincronismo Maggior numero di avviamenti / ora Permette di invertire il senso di rotazione Utilizzo di motori elettrici asincroni a gabbia di scoiattolo in sostituzione di motori speciali o dispositivi elettrici d avviamento (Reattanze, autotrasformatori, stella/triangolo, ecc.) Nel caso di bloccaggio del carico il giunto protegge sia il motore che il carico. 4

7 WES TCR MILNO ITLY MILNO ITLY CURVE CRTTERISTICHE DI VVIMENTO 18 IT 925 GIUNTO ROTOFLUID La particolarità del giunto idraulico ROTOFLUID SCF/DCF con camere di ritardo semplici e doppie appare più evidente confrontando le curve di avviamento dei diversi tipi di giunti idraulici a riempimento costante. COPPI 2% COPPI MOTORE COPPI DI VVIMENTO 18 2% 1% COPPI NOMINLE TEMPO (sec.) GIUNTO ROTOFLUIDSCF (con camera di ritardo semplice) COPPI COPPI MOTORE 2% COPPI DI VVIMENTO 15 18% 1% COPPI NOMINLE 5 TEMPO DI VVIMENTO (sec.) 1 15 TEMPO (sec.) GIUNTO ROTOFLUIDDCF ( con camera di ritardo doppia) COPPI COPPI MOTORE 2% COPPI DI VVIMENTO 12 15% COPPI NOMINLE 1% 5 TEMPO DI VVIMENTO (sec.) 1 15 TEMPO (sec.) MONTGGIO CORRETTO DEL GIUNTO CON CMER DI RITRDO SSE ORRIZZONTLE SSE VERTICLE CON CMER DI RITRDO IN SSO SSE VERTICLE CON CMER DI RITRDO IN LTO NO SI SI 5

8 WES TCR MILNO ITLY MILNO ITLY DIGRMM DI SELEZIONE GIUNTI ROTOFLUID 11 IT [HP] [KW] P 9P 85P 8P P 7P P 3P , ,5 7,5 1 5,5 5, ,2 2 1,5 1,5 1,1 1,,,,5,37 5 Hz, Hz ,18 [GIRI/MIN.] [R.P.M.] Effettuare la scelta del giunto sulla base della potenza e della velocità in entrata. Le curve del diagramma indicano le potenze e le velocità limite dei giunti In caso di selezione sulla curva limite del giunto si consiglia di verificare l idoneità del giunto, utilizzando le formule, del tempo di avviamento e della temperatura massima raggiungibile 6

9 WES TCR MILNO ITLY MILNO ITLY TELL DI SELEZIONE GIUNTI ROTOFLUID PER MOTORI UNEL MEC 5 Hz E Hz 12 IT 1225 MOTORI 5 Hz Hz ELETTRICI 8 poli 6 poli 4 poli 2 poli 6 poli 4 poli UNIFICTI Giri/1 1 Giri/1 15 Giri/1 3 Giri/1 12 Giri/1 18 Giri/1 TIPO Ø lbero kw HP Giunto kw HP Giunto kw HP Giunto kw HP Giunto kw HP Giunto kw HP Giunto,25,33,37,5,25, ,25,33,25,33,37,5,,,37,5 1,37,5,,, 1,37,5 1,, 8 19,,, 1 1,1 1,5,,, S 24, 1 1,1 1,5 1,5 2, 1 1,1 1,5 2 9L 24,, 2 1,1 1,5 1,5 2 2,2 3 1,1 1,5 1,5 2 2, ,2 3 1L 28 1,1 1,5 3 1, , M 28 1,5 2 2, ,5 4 5,5 2, ,5 5,5 7, P 3 4 5,5 7, ,5 7,5 7, P 4 5, ,5 132M P 7,5 1 7,5 1 5,5 7,5 2 5,5 7,5 1M ,5 5 7,5 1 4P ,5 1 3P P L 42 7, , M 48 18, P 18,5 25 4P 3P 18L , ,5 25 2L P S 18, M 25M 28S 28M 315S 315M 3S 3M MOTORI ELETTRICI NON UNIFICTI Per potenze max. trasmissibili P P P P P P P P 7P P P 8 P 85P P P P P P P P P 44 P 8 95P 8 9P P 44 85P P P P P P / P P / / P 4P Per Giunti a 3 giri chiedere esecuzione speciale Per conoscere il rendimento del Giunto richiedere le curve di scorrimento 7

10 Dopo avere determinato la grandezza del giunto ROTOFLUID sul diagramma di selezione (foglio n.11) in casi di macchine con frequenti avviamenti/ora, avviamenti gravosi, con tempi lunghi di avviamento o con grosse masse da avviare, bisogna verificare i seguenti parametri: 1 Calcolo del tempo d avviamento (ta) 2 Calcolo della massima temperatura raggiungibile (Ta) 3 Numero di cicli max. orari (H) Per effettuare i seguenti calcoli di verifica occorre conoscere i seguenti dati: Pm = POTENZ IN ENTRT (MOTORE) kw Nm = VELOCIT IN ENTRT L GIUNTO IDRULICO Giri/min. () Nu = VELOCIT IN USCIT L GIUNTO IDRULICO Giri/min. Pl = POTENZ SSORIT DL CRICO IN FSE DI LVORO kw Nl = VELOCIT DEL CRICO Giri/min. T = TEMPERTUR MIENTE C DTI J= INERZI DEL CRICO ( ) Kgm² Jr= INERZI DEL CRICO RPPORTTI LL SSE DI USCIT DEL GIUNTO (Kgm²) Jr= J. ( NI Nu ) 1 S 1 PD² (macchina) () Nu=Nm ( ) dove : S= percentuale scorrimento del giunto ROTOFLUID N..: Per i giunti ROTOFLUID considerare la velocità in uscita (Nu) pari a quella in entrata (Nm) meno uno scorrimento di circa 4% 4 CLCOLI I VERIFIC 13 IT CLCOLO DEL TEMPO D VVIMENTO Per effettuare il calcolo del tempo d avviamento impiegare la seguente formula tenendo presente che il tempo ottenuto sarà espresso in secondi (sec.) Nu Jr ta = =... (sec) 9, Ma SI DEFINISCE : Ma = COPPI DI CCELERZIONE (Nm) Per definire il seguente valore avvalersi della formula qui di seguito Ma = 1,65 Mm Ml =... (Nm) Mm = COPPI NOMINLE(Nm) 9 Pm Mm = =...(Nm) Nm Ml = COPPI SSORIT DL CRICO (Nm) 9 Pl Ml = =...(Nm) Nu 2 CLCOLO MSSIM TEMPERTUR RGGIUNGIILE Per semplicità di calcolo, si ignora la quantità di calore dissipato durante l accelerazione. La temperatura del giunto risulta: SI DEFINISCE : Q Ta = =... ( C) C Q = CLORE GENERTO NELL FSE D VVIMENTO (Kcal) C = CPCIT TERMIC TOTLE (METLLO+OLIO), rilevabile dalla tabella C Per definire il valore Q, avvalersi della seguente formula: Nu Jr Nu Ml ta Q = ( + ) =... (Kcal) ,5 8 La temperatura finale di un giunto alla fine del ciclo sarà : Tf = T + Ta + TL ( C) dove : Tf = Temperatura finale ( C) T = Temperatura ambiente ( C) Ta = umento temperatura in fase di avviamento ( C) TL = umento temperatura in fase di lavoro ( C) Pl S TL = 2,4 ( C) K dove : K = coefficiente ricavabile dalla T. D CPCIT TERMIC GIUNTI ROTOFLUID TELL Grand. Senza SCF/DCF Con SCF Con DCF Kcal / C Kcal / C Kcal / C 1,73 2 1,2 3 2,8 3,1 3,3 3P 3,5 3,8 4 4P 4 4, ,1 6,9 7,4 8,8 9,6 1, , , ,2 7P 22 25,6 27,8 P 28,6 32,2 34,4 8P P P P /2 25 C 8

11 CLCOLI DI VERIFIC 131 IT NUMERO DI CICLI MX ORRI H l calore generato dallo scorrimento in fase di lavoro, occorre aggiungere il calore generato durante la fase d avviamento. Per dare tempo a questo calore di essere dissipato, non si devono superare un certo numero di avviamenti per ora. Ciò lo si deduce da : dove : tl = tempo di lavoro minimo TTENZIONE: 3 H max = ta + tl Q tl = 1 3 (sec) ( Ta 2 + TL ) K I giunti ROTOFLUID con guarnizione standard (NR), non devono superare il valore massimo di Tf=12 C. Nell esecuzione con guarnizioni in Vyton il valore massimo di Tf=18 C. Nel caso le tre verifiche di cui sopra diano come risultato valori non idonei, riverificarli, prendendo in esame un giunto ROTOFLUID di grandezza superiore e se necessita, interpellare i tecnici della Westcar. 4 Coeff. K T. D /2 95P 12 9P 85P 8P P 7P ,5 3 2,5 5 4P 3P ,8 1,6 1,4 1, RPM 9

12 WES TCR MILNO ITLY MILNO ITLY MOMENTO DI INERZI GIUNTI ROTOFLUID 135 IT 925 I valori del momento d inerzia del giunto ROTOFLUID sono riportati in tabella in modo distinto tra: PRTE INTERN (lbero cavo + pompa +metà olio) PRTE ESTERN (Gusci esterni + metà olio). I valori sono da riferirsi al giunto ROTOFLUID con livello di riempimento olio a 45 escluso pulegge e/o accessori di collegamento alla macchina. Per Giunti con camera di ritardo SCF/DCF, sommare i rispettivi valori alla parte esterna del giunto PRTE INTERN PRTE ESTERN PRTE INTERN PRTE ESTERN CMER DI RITRDO GRNDEZZE: 1, 2, 3, 3P. 4P, 5,, 7P, 8P, 9P. GRNDEZZE:, 65, P, 85P, 95P. SCF DCF GRNDEZZ GIUNTO ROTOFLUID VERSIONE LF VERSIONE ET CMER DI RITRDO I INTERNO Kgm 2 Tipo K Tipo Z, X, I Tipo J Tipo H SCF DCF I ESTERNO Kgm 2 I INTERNO Kgm 2 MOMENTO DI INERZI I = m x R² ( Kgm² ) 2 I ESTERNO Kgm 2 I INTERNO Kgm 2 I INTERNO Kgm 2 I INTERNO Kgm 2 I ESTERNO Kgm 2 1,3,11,3,11,3,12 2,6,24,6,24,6,26,6,27 3,21,81,22,81,22,84,22,86,6,7 3P,4,14,45,14,45,144,45,147,6,7 4P,,179,65,179,65,19,65,197,13,16 5,15,363,19,363,19,376,19,385,26,32,28,474,214,474,214,487,214,496,26,32,311,795,326,795,326,823,326,842,53,62 65,564 1,4,583 1,4,583 1,68,583 1,87,53,62 7P,71 2,23,78 2,23,78 2,37,78 2,357,11,14 P 1,426 2,834 1,462 2,834 1,462 2,911 1,462 2,961,11,14 8P 2,389 7,276 2,499 7,276 2,499 7,393,215,254 85P 4,668 8,977 4,792 8,977 4,792 9,94,215,254 9P 8,372 23,2,49, 95P 15,613 28,8,49, 12 54, 2, 12/2 14, 32, I Kgm 2 I Kgm 2 1

13 Y W WES TCR MILNO ITLY MILNO ITLY VERSIONI GIUNTI ROTOFLUID LF PER MONTGGIO IN LINE 157 IT 327 GLI CCESSORI POSSONO ESSERE MONTTI NCHE SUI GIUNTI ROTOFLUID LF CON CMER DI RITRDO SCF K E DCF K ROTOFLUID LF senza accessori K ROTOFLUID LF KK per MONTGGIO ROVESCITO SCF K DCF K Lato motore ROTOFLUID LF KS con perno rigido pag. 14 pag. 15 pag. 16 pag. 26/27 pag. 17 ROTOFLUID LF KLRV/LRU con giunto elastico ROTOFLEXI LRV ROTOFLUID LF KFRV/FRU con giunto elastico ROTOFLEXI maggiorato FRV ROTOFLUID LF K con giunto elastico ROTOPIN pag. 18 LRU pag. 19 pag. 2/21 FRU pag. 22 ROTOFLUID LF KFRD con giunto elastico ROTOFLEXI maggiorato e fascia freno ROTOFLUID LF KFF con giunto elastico ROTOPIN e fascia freno ROTOFLUID LF KFRPV/PV con giunto elastico e disco freno Disco freno PV pag. 23 pag. 24 pag. 25 ROTOFLUID LF WG con flange per montaggio giunto a denti in pollici ROTOFLUID LF WGG con giunti ROTOGER montati ROTOFLUID LF CKLRS Giunti smontabili radialmente senza rimuovere le macchine pag. 3 pag. 31 pag. 32 ROTOFLUID LF KW con albero flangiato ESEMPI DI PPLICZIONI SPECILI GIUNTI ROTOFLUID LF ROTOFLUID LF KY con albero a perno ROTOFLUID LF KWVF con manicotto rigido ROTOFLUID LF KVF per "montaggio rovesciato" WVF FRV VF WRV WRD WRPV Fig. 1 Fig. 2 Fig. 3 Fig. 4 11

14 WES TCR MILNO ITLY MILNO ITLY VRINTI DI INSTLLZIONE 1138 IT 925 MONTGGIO STNDRD MONTGGIO ROVESCITO PRTE INTERN PRTE ESTERN PRTE INTERN PRTE ESTERN ENTRT USCIT USCIT ENTRT VNTGGI MONTGGIO STNDRD Nel montaggio STNDRD il giunto idraulico viene montato con la parte interna calettata al motore. Questo tipo di montaggio è comune per i giunti con puleggia e quelli in linea e presenta i seguenti vantaggi: ) Unificazione dei fori conformi agli alberi dei motori elettrici unificati; ) Durante l avviamento l inerzia del giunto grava meno sul motore che può raggiungere la velocità di regime con minor assorbimento di corrente; C) Nelle applicazioni in linea, dove è richiesta l installazione di un disco/fascia freno, questi vengono calettati direttamente sull albero del riduttore senza aumentare gli ingombri assiali del giunto; D) Nei giunti equipaggiati di camera di ritardo, l avviamento è più graduale poiché l olio che si trova nella camera di ritardo viene centrifugato nella camera di lavoro man mano che la stessa aumenta di giri; E) Il giunto elastico montato sul giunto idraulico è meno sollecitato, poichè riceve il moto dal giunto idraulico e non direttamente dal motore. VNTGGI DEL MONTGGIO ROVESCITO Nel montaggio ROVESCITO il giunto idraulico viene montato con la parte esterna calettata al motore. Questo tipo di montaggio è sempre possibile quando il giunto idraulico è montato tra motore e riduttore. Per i giunti con puleggia occorre montare il giunto sull albero condotto e tenere conto del rapporto tra puleggia motrice e puleggia condotta. (In questi casi consultare la WESTCR.) Questo tipo di di montaggio presenta comunque i seguenti importanti vantaggi: F) Maggiore dissipazione del calore, soprattutto durante la fase di avviamento, raccomandato nei casi di avviamenti frequenti o molto lunghi; G) È facilitato il controllo e la regolazione del livello d olio nel giunto potendo ruotare la parte esterna senza dover muovere la macchina; H) IMPORTNTE!, nei casi in cui il giunto è equipaggiato del TPPO TERMO ESPNSIILE, il suo funzionamento è garantito anche quando si verifica l arresto della macchina con motore in rotazione. In assenza di segnalazione specifica o evidente necessità applicativa, il giunto verrà fornito in configurazione adatta al montaggio Standard. Segnalare quindi in sede di richiesta di offerta se si desidera il montaggio rovesciato. 12

15 INMENTO GIUNTI ROTOFLUID CON GIUNTI ELSTICI PER MOTORI UNEL MEC 5 Hz IN FUNZIONE LLE POTENZE TRSMISSIILI 14 IT 628 Gli elementi in gomma «R» sono disponibili con anello in gomma telata R con fattore di servizio maggiore. GIUNTO giri/1 GIUNTO 1 giri/1 GIUNTO 15 giri/1 GIUNTO 3 giri/1 CV/HP KW CV/HP KW CV/HP KW CV/HP KW,33,25,33,25 1, 2 KLR..2,, 1 KLR..1,5,37,5,37 1,5 1,1 3 KLR..3 1,5 1,1,,,, 1 KLR..1 1 KLR ,5 3P KLR ,5 2 KLR..2 1, 1, 3 2,2 4P KLR ,5 1,1 1,5 1, KLR..5 5, ,5 2 1,5 5,5 4 KLR ,5 3 KLR ,2 3 2,2 7,5 5,5 2 KLR KLR..6 2 KLR , P KLR..3 5,5 4 5, KLR ,5 7,5 5,5 7,5 5,5 3 KLR P KLR ,5 3 KLR , ,5 65 KFR KLR P KFR..4 3 KFR P KLR KLR , , P KLR P KFR P KFR..8 1 KLR P KFR..5 8P K KLR P K KFR KFR KFR KFR P 8M KFR..6x P K8M P KLR..7 KFR P KFR KFR..6x P K KFR P K P KFR P K P KFR K P KFR P KFR P K P KFR Per potenze maggiori consultare nostro Ufficio Tecnico. Per potenze maggiori consultare nostro Ufficio Tecnico. 85P K8M P K8 85P K8M P K8M P K8M P K9 8 9P K P K P K K9 (1) Potenza massima trasmessa dal giunto per motori non unificati. (1) Verificare Fattore di servizio del giunto elastico con la potenza motore installata NOT Per MONTGGIO ROVESCITO dare avviso a WESTCR NOT Per giunti a 3 giri/1 consultare nostro Ufficio Tecnico 13

16 WES TCR MILNO ITLY MILNO ITLY GIUNTO ROTOFLUID LF K 41 IT 828 L C Y P TM CH(1) K HC(1) M PF(1) W F I N D(1) TF Nr. ø X Z NOTE : (1) PER DIMENSIONI FORO E CVE VEDERE FOGLIO 119D Dimensioni in mm Peso Grand Tipo D C F H7 Kg. K I L M N Nr.Ø P TF TM W X Y Z 1 K K M ø8,5, , K M M8 8 8 K M K1 K3 K M M ,5 185,5 214,5 13,2 13,2 14 3P K1 K3 K M M ,5 185,5 214, P K K M M K , M M ,5 3 K M24 28,5 11 4, M K M3 27,5 4 K K M M K M M P K2N K3N M M P K2N K3N M M P K2N max K3N max M M P K2N max K3N max M M P K2 max K3 max M M P K2 max K3 max M M K2 max M M Peso con olio Chiavetta ribassata Profondità foro PF = 21 Fori standard in grassetto 14

17 WES TCR MILNO ITLY MILNO ITLY GIUNTO ROTOFLUID LF SCF K 526 IT C L 2 Y P T CH(1) K HC(1) M PF(1) W F I N O D(1) TF Nr.ø X1 NOTE: (1) PER DIMENSIONI FORO E CVE VEDERE FOGLIO 119D Dimensioni in mm Peso Grandezza Tipo D C 2 F H7 K I L M N Nr.Ø O P TF TM W X1 Y Kg. 3 SCF K2 K3 K M M ,6 15,6 16,4 3P SCF K2 K3 K M M ,4 23,4 24,4 4P SCF K M M ,7 5 SCF K , M M ,8 SCF K , M M K M ,8 SCF K M M3 K ,4 65 SCF K M M ,4 7P SCF K2N M M36 K3N P SCF K2N M M36 K3N P SCF K2N max M M36 K3N max P SCF K2N max K3N max M M P SCF K2 max M M K3 max P SCF K2 max M M K3 max Peso con olio Chiavetta ribassata Profondità foro PF = 21 Fori standard in grassetto 15

18 WES TCR MILNO ITLY MILNO ITLY GIUNTO ROTOFLUID LF DCF K 51 IT C L 2 Y TM P Nr.ø CH(1) K HC(1) M PF(1 W F I N O D(1) T X1 NOTE: (1) PER DIMENSIONI FORO E CVE VEDERE FOGLIO 119D Dimensioni in mm Peso Grandezza Tipo D C 2 F H7 Kg. K I L M N Nr.Ø O P TF TM W X1 Y 3 DCF K2 K3 K M M ,2 16,2 17,2 3P DCF K2 K3 K M M P DCF K M M ,2 5 DCF K , M M DCF K ,5 14 K M M24 21 M DCF K M M3 K DCF K M M P DCF K2N M M36 K3N P DCF K2N M M36 K3N P DCF K2N max M M36 K3N max P DCF K2N max K3N max M M P DCF K2 max K3 max M M P DCF K2 K3 max. 13 max Peso con olio Chiavetta ribassata Profondità foro PF = 21 Fori standard in grassetto M M

19 WES TCR MILNO ITLY MILNO ITLY GIUNTO ROTOFLUID LF KS SCF KS DCF KS 452 IT 526 R C1 1 C2 [SCF KS] C3 [DCF KS] S SEZ. 1 CH(1) T HC(1) PF(1 G N SEZ. D(1) KS SCF KS DCF KS NOTE: (1) PER DIMENSIONI FORO E CVE VEDERE FOGLIO 119D Grand P 4P KS SCF KS DCF KS Dimensioni in mm. Peso Dimensioni in mm. Peso Dimensioni in mm. Peso Tipo D 1 C1 G Kg. Kg. Kg. N R S T Tipo C2 Tipo C3 h6 K1S K3S ,5 25 4,4 K1S K3S ,7 K1S K3S K4S K1S K3S K4S K1S K2S , , ,5 24,5 17 SCF K2S SCF K3S SCF K4S SCF K2S SCF K3S SCF K4S SCF K2S SCF K2S ,9 24, ,2 DCF K2S DCF K3S DCF K4S DCF K2S DCF K3S DCF K4S DCF K2S DCF K2S ,5 17,5 18,5 25,3 25,3 26, ,7 5 K2S SCF K2S ,8 DCF K2S K2S SCF K2S 383 DCF K2S ,8 K3S 32 SCF K3S 382 DCF K3S K2S SCF K2S 392 DCF K2S ,4 K3S SCF K3S 422 DCF K3S K2S SCF K2S 44 8,4 DCF K2S P K2NS SCF K2NS 472 DCF K2NS , K3NS 1 42 SCF K3NS 512 DCF K3NS P K2NS SCF K2NS 497 DCF K2NS , K3NS 1 42 SCF K3NS 512 DCF K3NS P K2NS max SCF K2NS 533 DCF K2NS K3NS max SCF K3NS 549 DCF K3NS P K2NS max. 125 SCF K2NS DCF K2NS K3NS max. 135 SCF K3NS DCF K3NS P K2S max K3S max SCF K2S 74 DCF K2S SCF K3S 84 DCF K3S P K2S max K3S max SCF K2S 819 DCF K2S SCF K3S 926 DCF K3S K2S max Peso con olio Chiavetta ribassata Profondità foro PF = 21 Fori standard in grassetto

20 WES TCR MILNO ITLY MILNO ITLY GIUNTO ROTOFLUID LF KLRV SCF KLRV DCF KLRV 4542 IT 828 CH1(2) C1 3 C2 [SCF KLRV] C3 [DCF KLRV] 3 HC(2) P(2) sez. T2 CH(1) PF(1) Q O HC(1) D(1) LRV sez. KLRV SCF KLRV DCF KLRV NOTE: (1) PER DIMENSIONI FORO E CVE VEDERE FOGLIO 119D (2) RICHIEST: I FORI P LVORTI VEDERE FOGLIO 123 KLRV SCF KLRV DCF KLRV Dimensioni in mm. Peso Dimensioni in mm. Peso Dimensioni in mm. Peso Grand. P Tipo D 3 C1 O Q T2 Kg. Kg. Kg. Tipo C2 Tipo C3 Max. 1 K1LRV K3LRV ,7 2 K1LRV K3LRV ,6 3 K1LRV3 K3LRV3 K4LRV ,2 16,2 17,2 SCF K2LRV3 SCF K3LRV3 SCF K4LRV ,6 18,6 19,6 DCF K2LRV3 DCF K3LRV3 DCF K4LRV ,2 19,2 2,2 3P K1LRV3 K3LRV3 K4LRV SCF K2LRV3 SCF K3LRV3 SCF K4LRV ,4 26,4 27,4 DCF K2LRV3 DCF K3LRV3 DCF K4LRV P K1LRV SCF K2LRV4 DCF K2LRV , ,9 K2LRV4 SCF K2LRV4 DCF K2LRV ,4 5 K2LRV ,6 SCF K2LRV ,4 DCF K2LRV ,6 K2LRV SCF K2LRV5 41 DCF K2LRV ,6 53,4 K3LRV5 32 SCF K3LRV5 4 DCF K3LRV5 4,6 K2LRV K3LRV SCF K2LRV6 46 DCF K2LRV ,3 SCF K3LRV6 436 DCF K3LRV ,7 65 K2LRV ,9 SCF K2LRV ,3 DCF K2LRV ,7 7P K2NLRV SCF K2NLRV7 49 DCF K2NLRV ,3 117,3 K3NLRV SCF K3NLRV7 53 DCF K3NLRV ,3 P Vedere tipo KFRV Vedere tipo SCF KFRV Vedere tipo DCF KFRV 8P 85P 9P 95P Sono costruiti con giunto elastico serie ROTOPIN vedere tipo K Vedere tipo SCF K Vedere tipo DCF K Peso con olio Chiavetta ribassata Fori standard in grassetto 18

GIUNTI IDRAULICI PER AVVIAMENTO A RIEMPIMENTO COSTANTE

GIUNTI IDRAULICI PER AVVIAMENTO A RIEMPIMENTO COSTANTE GIUNTI IDRAULICI PER AVVIAMENTO A RIEMPIMENTO COSTANTE VANTAGGI DEL GIUNTO IDRAULICO Facilitare l avviamento Accelerazione graduale senza urti Protezione da sovraccarichi parziali o totali Assorbire le

Dettagli

GIUNTI IDROMECCANICI AD ACCELERAZIONE IDRAULICA CON INNESTO MECCANICO-CENTRIFUGO, SENZA SCORRIMENTO A REGIME

GIUNTI IDROMECCANICI AD ACCELERAZIONE IDRAULICA CON INNESTO MECCANICO-CENTRIFUGO, SENZA SCORRIMENTO A REGIME WES TCR s.r.l. MILNO ITLY NUOVO NEW GIUNTI IDROMECCNICI D CCELERZIONE IDRULIC CON INNESTO MECCNICO-CENTRIFUGO, SENZ SCORRIMENTO REGIME HYDROMECHNICL COUPLINGS HYDRULIC STRT-UP WITH CENTRIFUGL MECHNICL

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

GIUNTI IDRAULICI FLUID COUPLINGS

GIUNTI IDRAULICI FLUID COUPLINGS WES TCR MILNO ITLY ROTOFLUID s.r.l. GIUNTI IDRULICI FLUID COUPLINGS s.r.l. - Via Carlo Poma, 21-129 MILNO (Italy) Tel. 02.76.11.03.19 - Telefax 02.76.11.00.41 E-mail: westcar.mi@tin.it PROGRMM DI PRODUZIONE

Dettagli

Catalogo Tecnico Giunti GF con gabbia in resina

Catalogo Tecnico Giunti GF con gabbia in resina Catalogo Tecnico Giunti GF con gabbia in resina - Trasmissioni Industriali S.a.s. - Via Lago di Annone,15 36015 Z.I. Schio ( VI ) Tel. 0445/500142-500011 Fax. 0445/500018 NUOVO SITO GIFLEX GF CON MANICOTTO

Dettagli

Fissaggio e giochi dei cuscinetti

Fissaggio e giochi dei cuscinetti Fissaggio e giochi dei cuscinetti Fissaggio dei cuscinetti 9 Fissaggio radiale 9 Fissaggio assiale 91 Posizionamento su un unico supporto 91 Posizionamento su due supporti 92 Processi di fissaggio assiale

Dettagli

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO 1 CCOPPIMENTI LBERO - ccoppiare due o più elementi di un qualsiasi complessivo, significa predisporre dei collegamenti in modo da renderli, in qualche maniera, solidali. Ciò si realizza introducendo dei

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

SERVOFLEX - ARCOFLEX GIUNTI A LAMELLE GIUNTI A LAMELLE METALLICHE

SERVOFLEX - ARCOFLEX GIUNTI A LAMELLE GIUNTI A LAMELLE METALLICHE SERVOFLEX - ARCOFLEX METALLICHE I giunti Mönninghof ServoFlex ed ArcoFlex sono costituiti da due mozzi metallici collegati ad un elemento elastico lamellare in acciaio armonico per mezzo di bulloni ad

Dettagli

DFP 13 100/112 ID POMPE A PALETTE A CILINDRATA FISSA SERIE 20 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE TECNICHE SIMBOLO IDRAULICO.

DFP 13 100/112 ID POMPE A PALETTE A CILINDRATA FISSA SERIE 20 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE TECNICHE SIMBOLO IDRAULICO. 3 00/ ID DFP POMPE A PALETTE A CILINDRATA FISSA PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Le pompe DFP sono pompe a palette a cilindrata fissa, realizzate in quattro diverse grandezze, divise a loro volta in cinque dimensioni

Dettagli

PRESE DI FORZA A COMANDO IDRAULICO/PNEUMATICO

PRESE DI FORZA A COMANDO IDRAULICO/PNEUMATICO HF PRESE DI FORZA A COMANDO IDRAULICO/PNEUMATICO PRESE DI FORZA HF HFO - PER APPLICAZIONI CON CARICO RADIALE Cuscinetto singolo ingrassato a vita Cuscinetto pilota lato motore non necessario HFR Giunto

Dettagli

Motori elettrici by COMPONENTI PRINCIPALI & CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE. A gabbia in alluminio pressofuso

Motori elettrici by COMPONENTI PRINCIPALI & CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE. A gabbia in alluminio pressofuso COMPONENTI PRINCIPALI & CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE CARCASSA Le carcasse dei motori sono costruite in lega di alluminio pressofuso. Al fine di ottenere una buona finitura superficiale, tutte le carcasse

Dettagli

Al fine di ottimizzare le condizioni di lavoro e prolungare la durata del riduttore si consiglia una velocità di entrata < 1400 rpm.

Al fine di ottimizzare le condizioni di lavoro e prolungare la durata del riduttore si consiglia una velocità di entrata < 1400 rpm. G SIMBOLI P = Potenza (Kw) i = Rapporto T = Coppia (Nm) n = Numero giri (giri/min) Fr = Carico Radiale (N) Fa = Carico Assiale (N) f.s. = Fattore di Servizio D = Diametro (mm) 1 Kw = 1,36 HP 9,81 N= 1

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

MOTORI ASINCRONI TRIFASI AUTOFRENANTI A CORRENTE ALTERNATA SERIE FE

MOTORI ASINCRONI TRIFASI AUTOFRENANTI A CORRENTE ALTERNATA SERIE FE MOTORI ASINCRONI TRIFASI AUTOFRENANTI A CORRENTE ALTERNATA SERIE FE MANUALE ISTRUZIONI PARTI FRENANTI MM-2CA-rev 00-IT AVVERTENZE GENERALI SULLA SICUREZZA...3 I MOTORI ASINCRONI TRIFASI AUTOFRENANTI...4

Dettagli

Prestazioni Rotore di taglio con effetto agitazione

Prestazioni Rotore di taglio con effetto agitazione Applicazioni Le pompe sommerse con sistema di taglio MultiCut vengono impiegate come stazioni fisse nella protezione di abitazioni singole e negli impianti di sollevamento. Sono indicate per l estrazione

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI INDUSTRIALI

IMPIANTI ELETTRICI INDUSTRIALI indice ALIMENTATORE TRIFASE ALIMENTATORE CC ALIMENTATORI DL 2102AL DL 2102ALCC MODULI PULSANTE DI EMERGENZA TRE PULSANTI TRE LAMPADE DI SEGNALAZIONE CONTATTORE RELE TERMICO RELE A TEMPO SEZIONATORE SENSORE

Dettagli

MINEX -S. Giunti magnetici

MINEX -S. Giunti magnetici 155 Indice 155 Descrizione generale 157 Descrizione tecnica 158 Grandezze SA 22/4 - SB 60/8 159 Grandezze SA 75/10 - SF 250/38 160 Grandezze SB 135/20 - SE 200/30 con boccola di contenimento in ceramica

Dettagli

Istruzioni per l uso e la manutenzione di motori per atmosfere potenzialmente esplosive Serie PE

Istruzioni per l uso e la manutenzione di motori per atmosfere potenzialmente esplosive Serie PE ELECTRO ADDA S.p.A COSTRUZIONI ELETTROMECCANICHE 23883 BEVERATE di BRIVIO (LECCO) ITALY Via Nazionale, 8 Tel. 039 / 5320621 Fax 039 / 5321335 E-mail electro.adda@electroadda.it Istruzioni per l uso e la

Dettagli

ATTUATORI ELETTRICI MechForce

ATTUATORI ELETTRICI MechForce Attuatori con viti a ricircolo Quattro taglie: 50-63 - 80-100 50 63 80 100 size Attuatori lineari potenti e precisi ATTUATORI ELETTRICI MechForce Caratteristiche generali CARATTERISTICHE GENERALI Gli attuatori

Dettagli

I motori asincroni trifase possono essere considerati tra le macchine elettriche più affidabili; svolgono la loro funzione per molti anni con

I motori asincroni trifase possono essere considerati tra le macchine elettriche più affidabili; svolgono la loro funzione per molti anni con MOTORE ASINCRONO Il Motore Asincrono Trifase (MAT), venne per la prima volta realizzato da Galileo Ferraris nel 1885. Esso viene alimentato direttamente dalla rete di distribuzione, a tensione e frequenza

Dettagli

La gamma dei prodotti si completa, con la serie di accessori, quali:

La gamma dei prodotti si completa, con la serie di accessori, quali: ACCESSORI La gamma dei prodotti si completa, con la serie di accessori, quali: Piedi di montaggio, quali supporto al gruppo motopompa nel caso di utilizzo di motori elettrici senza piedino di supporto.

Dettagli

technology made in Italy RN RO RV

technology made in Italy RN RO RV technology made in Italy IT RN RO RV * * VS made in China Tecnologia Made in Italy Dal 1955 Varvel progetta e realizza riduttori e variatori per applicazioni fisse di piccola e media potenza. Partner affidabile

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

V30 - V75. Compressori rotativi a palette. Intelligent Air Technology

V30 - V75. Compressori rotativi a palette. Intelligent Air Technology V30 - V75 Compressori rotativi a palette Intelligent Air Technology Compressori rotativi a palette a una velocità V30 - V75 La soluzione ideale per ogni applicazione in cui aria compressa di alta qualità

Dettagli

Attuatori oleodinamici

Attuatori oleodinamici Un sistema oleodinamico con regolazione di potenza utilizza come vettore di energia olio minerale, o sintetico, che in prima approssimazione può essere considerato incomprimibile. Un tale sistema comprende

Dettagli

MOTORIDUTTORI E RIDUTTORI A VITE SENZA FINE CH

MOTORIDUTTORI E RIDUTTORI A VITE SENZA FINE CH MOTORIDUTTORI E RIDUTTORI A VITE SENZA FINE CH PREMESSA II nuovi riduttori a vite senza fine serie CH della Chiaravalli Group S.p.A. nascono per venire incontro alle esigenze di parte del mercato che richiede

Dettagli

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento Guida tecnica N. 7 Il dimensionamento di un azionamento 2 Guida tecnica N. 7 - Il dimensionamento di un azionamento Indice 1. Introduzione... 5 2. L azionamento... 6 3. Descrizione generale di una procedura

Dettagli

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili M 3000, 50 Hz

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili M 3000, 50 Hz Catalogo prodotto Pompe sommergibili M 3000, 50 Hz Indice Introduzione...3 Caratteristiche costruttive...4 Identificazione prodotto...5 M 3068...6 M 3085...9 M 3102...12 M 3127...16 Selezione del modello

Dettagli

v. p. green Energy G3 30KW

v. p. green Energy G3 30KW v. p. green Energy G3 30KW costruzione molto robusta che si adatta a tutti venti manutenzione ridotta triplo freno a disco non necessita di inverter il migliore compromesso qualità/prezzo diametro del

Dettagli

MULTI-HE MONOFASE CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI. Portata max: 10 m 3 /h

MULTI-HE MONOFASE CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI. Portata max: 10 m 3 /h CAMPO DI IMPIEGO Portata max: m 3 /h Prevalenza max: 8 mc.a. Pressione d esercizio max: bar Pressione in aspir. max: 6 bar Temperatura d esercizio: da a + 1 C* Temperatura ambiente max: + 4 C DN Attacchi:

Dettagli

MOTORIDUTTORE K 911 CARATTERISTICHE GENERALI

MOTORIDUTTORE K 911 CARATTERISTICHE GENERALI Cat Kenta ITAOK 9-03-00 :39 Pagina MOTORIDUTTORE K 911 CARATTERISTICHE GENERALI Nell ampia gamma dei motoriduttori K 911 sono presenti versioni con motori in corrente alternata (AC) a poli spezzati e in

Dettagli

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI DL 1010B DL 1010D DL 1012Z KIT PER TRASFORMATORI E MOTORI KIT PER IL MONTAGGIO

Dettagli

SCHEDE DI FRENATURA ELETTRONICA

SCHEDE DI FRENATURA ELETTRONICA Informazioni generali I moduli di frenatura elettronici Frenomat e Frenostat sono in grado di frenare motori asincroni, sono senza manutenzione e non producono abrasione ed inquinamento. Riducono i tempi

Dettagli

Martinetti meccanici con vite a sfere

Martinetti meccanici con vite a sfere . Descrizione martinetti meccanici con vite a ricircolo di sfere I martinetti meccanici permettono di trasformare un movimento rotativo fornito da un motore elettrico, idraulico o pneumatico in un movimento

Dettagli

SERIE 3D ELETTROPOMPE CENTRIFUGHE MONOBLOCCO E NORMALIZZATE SECONDO EN 733 (EX DIN 24255) 3DS 3DP. Your Life, our Quality. Worldwide.

SERIE 3D ELETTROPOMPE CENTRIFUGHE MONOBLOCCO E NORMALIZZATE SECONDO EN 733 (EX DIN 24255) 3DS 3DP. Your Life, our Quality. Worldwide. Elettropompe centrifughe monoblocco (3D) e normalizzate secondo EN 733 (3DS-3DP) in ghisa. APPLICAZIONI Movimentazione di acqua e di liquidi puliti chimicamente non aggressivi Approvvigionamento idrico

Dettagli

MOBILE FLESSIBILE POTENTE BLUE SHARK. Mulino a Martelli mobile. www.zato.it

MOBILE FLESSIBILE POTENTE BLUE SHARK. Mulino a Martelli mobile. www.zato.it Mulino a Martelli mobile BLUE SHARK MOBILE RECYCLING FLESSIBILE POTENTE www.zato.it LA SOLUZIONE IDEALE PER LA TRASFORMAZIONE DI ROTTAMI METALLICI MEDIO PESANTI IN PROLER DI ELEVATA QUALITÀ, IN VERSIONE

Dettagli

ACCESSORI LL-25 INTERFACCE & ACCESSORI

ACCESSORI LL-25 INTERFACCE & ACCESSORI HANDLING - PLASTICS - SENSORS ACCESSORI LL-25 INTERFACCE & ACCESSORI SERIE 0-200 Dimensioni standard Ogni carrello completo pesa 0.82 kg. La guida (profilo in alluminio più barre in acciaio) pesa 4.22

Dettagli

Progetto gruppo trazione carrello per gru a cavalletto

Progetto gruppo trazione carrello per gru a cavalletto Premessa Progetto gruppo trazione carrello per gru a cavalletto 1 La gru a cavalletto si caratterizza per la presenza di un proprio sostegno che le permette di essere installata in ambienti esterni senza

Dettagli

INDICE ECOLINE: MODULI LINEARI A ROTELLE LEGGERI ED ECONOMICI...E4 DATI TECNICI E CODICI D ORDINAZIONE...E5 CAPACITA DI CARICO...

INDICE ECOLINE: MODULI LINEARI A ROTELLE LEGGERI ED ECONOMICI...E4 DATI TECNICI E CODICI D ORDINAZIONE...E5 CAPACITA DI CARICO... INDICE ECOLINE: MODULI LINERI ROTELLE LEGGERI ED ECONOMICI...E4 DTI TECNICI E CODICI D ORDINZIONE...E5 CPCIT DI CRICO...E6 REGISTRZIONI VRIE CURSORE...E7 ESEMPIO DI MONTGGIO...E7 DDI QUDRI PER IL FISSGGIO...E7

Dettagli

L argomento trattato nella presente dispensa riguarda la macchina elettrica piú diffusa in

L argomento trattato nella presente dispensa riguarda la macchina elettrica piú diffusa in "!#%$& '( )* +-,./10 243#,5768)9;: / Nella presente trattazione verranno analizzate alcuni aspetti dell avviamento del motore asincrono trifase ed alcuni problemi relativi. L argomento trattato nella presente

Dettagli

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE PRODOTTI

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE PRODOTTI Rev. 00 del 04/10/2013 LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE PRODOTTI La LGB s.r.l. Vi ringrazia per l acquisto dei propri prodotti. Per un uso sicuro, efficace, efficiente e corretto del Vostro prodotto LGB s.r.l.,

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

MANUALE ISTRUZIONI. Cod. 100 REGOLATORE DI TENSIONE UNIVERSALE MONOFASE. Motori, azionamenti, accessori e servizi per l'automazione

MANUALE ISTRUZIONI. Cod. 100 REGOLATORE DI TENSIONE UNIVERSALE MONOFASE. Motori, azionamenti, accessori e servizi per l'automazione MANUALE ISTRUZIONI Cod. 100 REGOLATORE DI TENSIONE UNIVERSALE MONOFASE CONFORMITA EMC Motori, azionamenti, accessori e servizi per l'automazione Via Ugo Foscolo, 20 - CALDOGNO - VICENZA - ITALIA Tel.:0444-905566

Dettagli

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione Classificazione Turbine idrauliche 1/8 Una turbina è una macchina che estrae energia da un fluido in possesso di un carico idraulico sufficientemente elevato. Tale carico (o caduta) è generato dal dislivello

Dettagli

Pompe e motori ad ingranaggi

Pompe e motori ad ingranaggi Pompe e motori ad ingranaggi Serie PGP / PGM Pompe a portata fissa, Versioni in ghisa ed alluminio Inhaltsverzeichnis Indice Serie 500 aluminio PGP, PGM 500 PGP 502 PGP 505 PGP, PGM 511 PGP 517 PGP 502

Dettagli

Giunti a magneti permanenti GMDO

Giunti a magneti permanenti GMDO Giunti a magneti permanenti made in Metau the talent s wave Documento -00970 rev.1 04/14 Le nostre sedi Piombino Dese ( Padova ) Head office & Factory Tel.: +39 049 9367021 Fax.: +39 049 9367020 Castiglione

Dettagli

Cilindri a norma ISO 15552 con tiranti

Cilindri a norma ISO 15552 con tiranti Cilindri a norma ISO 5552 con tiranti seriecpui DESCRIZIONE I cilindri serie CPUI sono conformi alla normativa ISO 5552 che ne assicura la completa intercambiabilità con i precedenti cilindri a norma ISO

Dettagli

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05)

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Sostituzione guarnizione della testa, rovinata a causa di una perdita dell acqua dal tubo inferiore del radiatore (la vettura ha circolato senza liquido

Dettagli

SHS-SBS. POMPE SOMMERGIBILI Acque chiare, poco cariche e piovane SBS Bassa Pressione - SHS Alta Pressione 2 POLI - 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI

SHS-SBS. POMPE SOMMERGIBILI Acque chiare, poco cariche e piovane SBS Bassa Pressione - SHS Alta Pressione 2 POLI - 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI CAMPO DI IMPIEGO Portata max: 57 m 3 /h Prevalenza fino a: mc.a. Temperatura d esercizio: da +3 a +35 C* Granulometria max: Ø 1 mm Densità fluido max: 1,5 ph fluido: 6-11 Profondità d immersione max: 1

Dettagli

MOTORIDUTTORI E RIDUTTORI A VITE SENZA FINE CHM

MOTORIDUTTORI E RIDUTTORI A VITE SENZA FINE CHM MOTORIDUTTORI E RIDUTTORI A VITE SENZA FINE CHM CHM - MOTORIDUTTORI E RIDUTTORI A VITE SENZA FINE CHME CHM 26 CHM - MOTORIDUTTORI E RIDUTTORI A VITE SENZA FINE CHMRE CHMR PREMESSA I riduttori a vite senza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 Corso di Disegno Tecnico Industriale per i Corsi di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dell Energia Elementi di

Dettagli

Elementi di disegno di macchine

Elementi di disegno di macchine Elementi di disegno di macchine Elementi Collegamenti Filettati Alberi per trasmissione di potenza Collegamenti albero mozzo Trasmissione del moto rotatorio Cuscinetti e supporti Tenute e guarnizioni Collegamenti

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

cinghie e pulegge dentate passo metrico EDIZIONE 2001 CATALOGO 3583

cinghie e pulegge dentate passo metrico EDIZIONE 2001 CATALOGO 3583 cinghie e pulegge dentate passo metrico EDIZIONE 2001 CATALOGO 3583 DISTRIBUITO DA: Copyright - Poggi - 2001 - Italy tutti i diritti riservati Questo catalogo annulla e sostituisce ogni precedente edizione.

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

KSL GIUNTI IDRODINAMICI A RIEMPIMENTO VARIABILE

KSL GIUNTI IDRODINAMICI A RIEMPIMENTO VARIABILE KSL GIUNTI IDRODINAMICI A RIEMPIMENTO VARIABILE INTRODUZIONE Per superare le difficoltà incontrate durante le fasi di avviamento e di variazione della velocità per macchinari di media e grande potenza

Dettagli

Motori asincroni monofase

Motori asincroni monofase Motori asincroni monofase Pubblicato il: 30/07/2003 Aggiornato al: 30/07/2003 di Massimo Barezzi I motori asincroni monofase possono essere utilizzati nelle più svariate applicazioni, in particolare nell'ambito

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M334 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M334 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M334 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: ELETTROTECNICA E AUTOMAZIONE Tema di: ELETTROTECNICA (Testo

Dettagli

MOTORI ELETTRICI ASINCRONI TRIFASI. Serie MS (frame 56-200 Alluminio) Serie TC (frame 160-355 Ghisa)

MOTORI ELETTRICI ASINCRONI TRIFASI. Serie MS (frame 56-200 Alluminio) Serie TC (frame 160-355 Ghisa) MOTORI ELETTRICI ASINCRONI TRIFASI Serie MS (frame 56-200 Alluminio) Serie TC (frame 160-355 Ghisa) INDICE 01. Caratteristiche generali p.03 02. Norme e unificazioni p.04 03. Forme costruttive p.05 04.

Dettagli

MOTORI ELETTRICI ASINCRONI TRIFASE E MONOFASE LIBRETTO DI USO E MANUTENZIONE

MOTORI ELETTRICI ASINCRONI TRIFASE E MONOFASE LIBRETTO DI USO E MANUTENZIONE MORATTO S.R.L. Electrical Machinery I 31030 PERO DI BREDA (Treviso) Italy Via A Volta, 2 Tel. +390422904032 fax +39042290363 www. moratto.it - moratto@moratto.it MOTORI ELETTRICI ASINCRONI TRIFASE E MONOFASE

Dettagli

STAR Unità viti a sfere con motore ad albero cavo Sistema di azionamento MHS 40. RI 83 315/2001-01 Rev.2. Linear Motion and Assembly Technologies

STAR Unità viti a sfere con motore ad albero cavo Sistema di azionamento MHS 40. RI 83 315/2001-01 Rev.2. Linear Motion and Assembly Technologies STAR Unità viti a sfere con motore ad albero cavo Sistema di azionamento MHS 40 RI 83 315/2001-01 Rev.2 Linear Motion and Assembly Technologies STAR Unità viti a sfere Sistema di azionamento MHS 40 L'

Dettagli

RU - STEEL I T A L I A

RU - STEEL I T A L I A GIUNTI LAMELLARI FLESSIBILI RU-STEEL Allegato ATEX 95 Indice: 1 Scelta del Giunto 2 Montaggio e allineamento 3 Controllo allineamento simultaneo 4 Protezione del Giunto 5 Intervalli di controllo 6 Disfunzioni

Dettagli

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase La prova di laboratorio considerata consente di determinare le prestazioni dei motori ad induzione con il metodo

Dettagli

PREMESSA INDICE. GRAMEGNA S.r.l. PAG. DESCRIZIONE DELLA MACCHINA... 2 DATI TECNICI... 4 NORME DI SICUREZZA... 4

PREMESSA INDICE. GRAMEGNA S.r.l. PAG. DESCRIZIONE DELLA MACCHINA... 2 DATI TECNICI... 4 NORME DI SICUREZZA... 4 INDICE PAG. PREMESSA Vi ringraziamo per la preferenza accordataci e siamo lieti di potervi annoverare tra i nostri affezionati clienti. La nostra spollonatrice, progettata e realizzata con i sistemi più

Dettagli

Serie World K. Motori AC standard. Conforme alla direttiva sulla restrizione dell'uso di sostanze pericolose

Serie World K. Motori AC standard. Conforme alla direttiva sulla restrizione dell'uso di sostanze pericolose Conforme alla direttiva sulla restrizione dell'uso di sostanze pericolose Motori AC standard Serie World K Motori con freno elettromagnetico Motori coppia La Serie World K è il nome che identifica a livello

Dettagli

N 1 telaio in acciaio di sostegno gruppi completo di forature per l ancoraggio a pavimento;

N 1 telaio in acciaio di sostegno gruppi completo di forature per l ancoraggio a pavimento; Caratteristiche tecniche relative a N 2 gruppi Turbina Elica Generatore Asincrono Trifase non regolante, Quadro Elettrico di automazione/parallelo gruppi. Dati di Impianto: Q max = 0,64 mc/s Hlordo=9,35

Dettagli

Rotex. Revolex KX. Poly-Norm. Novità all interno. Giunti elastici. Giunti elastici a boccole di compressione. Giunti elastici ROTEX

Rotex. Revolex KX. Poly-Norm. Novità all interno. Giunti elastici. Giunti elastici a boccole di compressione. Giunti elastici ROTEX Novità all interno Rotex Giunti elastici 40 ROTEX Revolex KX Giunti elastici a boccole di compressione Poly-Norm Giunti elastici ORGANI DI TRASMISSIONE Indice ROTEX Giunti elastici Descrizione generale

Dettagli

MOTORI ELETTRICI ASINCRONI

MOTORI ELETTRICI ASINCRONI ELETTRICI ASINCRONI ELETTRICI ASINCRONI UNEL/ MONOFASE ESECUZIONI STANDARD - FORMA B3 Carcasse in lega leggera di alluminio pressofuso con piedi solidali Grado di protezione IP54 Servizio continuo S1 Classe

Dettagli

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 4 Componentistica di base: alberi, trasmissione per cinghie e catene, giunti Alberi Appunti

Dettagli

SOMMARIO UNITÀ LINEARI. Serie CC - Unità con cilindro con stelo. - Unità con cilindro senza stelo. Serie CM - Unità con cinghia mobile

SOMMARIO UNITÀ LINEARI. Serie CC - Unità con cilindro con stelo. - Unità con cilindro senza stelo. Serie CM - Unità con cinghia mobile SOMMARIO UNITÀ LINEARI UNITÀ LINEARI AFP pag. 2 AFP - SERIE CC pag. 8 AFP - SERIE CS pag. 11 AFP - SERIE CM pag. 14 AFP - SERIE VT pag. 17 UNITÀ LINEARI PFP pag. 23 PFP - SERIE CC pag. 30 PFP - SERIE CS

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone

Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone Le macchine asincrone o a induzione sono macchine elettriche rotanti utilizzate prevalentemente come motori anche se possono funzionare come generatori. Esistono macchine

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter Elettropompe con inverter: analisi tecnico economica Il risparmio energetico delle elettropompe è un elemento cruciale per il sistema produttivo, in quanto la presenza di motori elettrici nella produzione

Dettagli

e Universal PRO costituiscono i modelli di punta della

e Universal PRO costituiscono i modelli di punta della Le serie e Universal PRO costituiscono i modelli di punta della gamma Comparato per uso industriale. DENOMINAZIONE: Sul servocomando sono riportate le seguenti indicazioni: Marchio e nome della società

Dettagli

IL WC DOVE VUOI TU. Pompe. acque di condensa. Trituratori. Stazioni di sollevamento. da incasso. classici. acque chiare. acque nere.

IL WC DOVE VUOI TU. Pompe. acque di condensa. Trituratori. Stazioni di sollevamento. da incasso. classici. acque chiare. acque nere. IL WC DOVE VUOI TU SF Trituratori classici da incasso Pompe WC con trituratore acque chiare acque di condensa Stazioni di sollevamento acque chiare acque nere CTLOGO C T L O GTECNICO O T E C N2012 I C

Dettagli

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA E ALTERNATA

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA E ALTERNATA MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA E ALTERNATA Motori AC integrali: soluzione ingegnerizzata e sviluppata specificamente per minicentraline con potenze da, a kw, monofase o trifase, o poli. Per ridurre

Dettagli

SCELTA MOTORI ASINCRONI PER AZIONAMENTI INDUSTRIALI (EXCEL) 1

SCELTA MOTORI ASINCRONI PER AZIONAMENTI INDUSTRIALI (EXCEL) 1 Enzo Rizzi (rizzi) SCELTA MOTORI ASINCRONI PER AZIONAMENTI INDUSTRIALI (EXCEL) 15 November 2010 Abstract A disposizione della community un programma che consente di stabilire le caratteristiche del motore

Dettagli

Mototamburo 80S. Descrizione del prodotto. Tipi di materiale. Dati tecnici. Opzioni. Accessori. Informazioni per l ordinazione

Mototamburo 80S. Descrizione del prodotto. Tipi di materiale. Dati tecnici. Opzioni. Accessori. Informazioni per l ordinazione Descrizione del prodotto Tipi di materiale Applicazioni Caratteristiche Grazie alla sua potenza, all affidabilità e all assenza di manutenzione, questo mototamburo è ideale per trasportatori di piccoli

Dettagli

GIUNTI FLESSIBILI di accoppiamento

GIUNTI FLESSIBILI di accoppiamento GIUNTI FLESSIBILI di accoppiamento Installando un giunto flessibile tra invertitore ed asse elica si ottiene una netta riduzione del passaggio di vibrazione allo scafo dell imbarcazione con conseguente

Dettagli

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO:

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO: RSISTZA D MZZO R m 1 C X ρ A v Adimensionale Massa volumica kg/m 3 Velocità m/s Sezione maestra m Valori medi dei coefficienti: Superfici piane normali al moto: acqua: K9,81 60, aria: K9,81 0,08 1 K C

Dettagli

ECO Plus 2 la nuova generazione dell unità mozzo BPW ECO

ECO Plus 2 la nuova generazione dell unità mozzo BPW ECO Allg 7124703d ECO Plus 2 la nuova generazione dell unità mozzo BPW ECO L unità mozzo BPW ECO, già venduta e collaudata milioni di volte nella versione ECO Plus, verrà sostituita a partire da settembre

Dettagli

10.1 Disegno, p. o. i. V

10.1 Disegno, p. o. i. V 0. tema proposto all'esame di Stato 20 DIMENSIONAMENTO DELL'ALBERO L'albero, che ha una lunghezza complessiva di 700 mm (0,70 m), è da considerarsi come una trave isostatica disposta su due cerniere ed

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali 28111.03 www.caleffi.com Regolatore digitale SOLCAL 1 Copyright 2012 Caleffi Serie 257 MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE Funzione 1 Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici 3 Caratteristiche

Dettagli

Viti a sfera rullate e supporti d estremità

Viti a sfera rullate e supporti d estremità ROMANI COMPONENTS Viti a sfera rullate e supporti d estremità Warner Linear HighDYN Indice Warner Linear Introduzione pag. Tabelle chiocciole standard pag. 3 Questionario viti a ricircolo di sfere pag.

Dettagli

1 A DISEGNO PROGETTAZIONE ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE. T n. =C, con C = 366 ed n = 0.25, Motore

1 A DISEGNO PROGETTAZIONE ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE. T n. =C, con C = 366 ed n = 0.25, Motore Disegno, Progettazione ed rganizzazione Industriale esame 03 DISEGN PRGETTZINE RGNIZZZINE INDUSTRILE Sessione ordinaria 03 L albero di trasmissione rappresentato in figura trasmette una potenza P = 5 kw

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Compressori serie 134-XS e 134-S Dispositivi Elettrici (EA_05_09_I)

Compressori serie 134-XS e 134-S Dispositivi Elettrici (EA_05_09_I) Compressori serie 134-XS e 134-S Dispositivi Elettrici (EA_05_09_I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 5.1 GENERALITÀ 2 5.2 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE 5 5.2.1 Termistori motore 5 5.2.2 INT 69 VS 5 5.2.3 INT 69 RCY 6

Dettagli

Sistemi di climatizzazione per quadri elettrici

Sistemi di climatizzazione per quadri elettrici Sistemi di climatizzazione per quadri elettrici Indice Indice Condizionatori da parete 2 Versione Parete 3 300 W 4 500 W 8 800 W 12 1000 W 16 1500 W 20 2000 W 26 3000 W 32 4000 W 34 Condizionatori da

Dettagli

HEVS Kit solare IT 06. Ecoenergia. Idee da installare

HEVS Kit solare IT 06. Ecoenergia. Idee da installare HEVS Kit solare IT 6 Ecoenergia Idee da installare Kit solare HEVS Il Kit solare HEVS è composto da un bollitore solare HEVS, da una stazione solare SSX integrata e premontata sul bollitore completa di

Dettagli

IMP2200/ ITP2200 INVERTER MONOFASE E TRIFASE DA 2200W

IMP2200/ ITP2200 INVERTER MONOFASE E TRIFASE DA 2200W INVERTER MONOFASE E TRIFASE DA 2200W SPECIFICHE Tensione alimentazione inverter monofase Tensione alimentazione inverter trifase Corrente max all uscita delle 3 fasi Potenza massima in uscita IP da 100

Dettagli

INDICE RIFERIMENTI NORMATIVI

INDICE RIFERIMENTI NORMATIVI catalogo tecnico completamento del programma di produzione la nuova gamma di motori ad alta efficienza IE2 (vedi catalogo dedicato), i motori elettrici speciali, costruiti secondo le più particolari esigenze

Dettagli

Energia Eolica Parte ottava

Energia Eolica Parte ottava Energia Eolica Parte ottava Generatori elettrici per l energia eolica Corso di ENERGETICA A.A. 2012/2013 Docente: Prof. Renato Ricci Introduzione al generatore La quasi totalità della potenza elettrica

Dettagli

AVVIATORE STATICO STS SOFT TOUCH STARTER MANUALE ISTRUZIONI

AVVIATORE STATICO STS SOFT TOUCH STARTER MANUALE ISTRUZIONI AVVIATORE STATICO STS SOFT TOUCH STARTER MANUALE ISTRUZIONI 2 AVVERTENZE Leggere le istruzioni prima di installare e operare sull avviatore. PERICOLO TENSIONE - Indica la presenza di tensione che può essere

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

COMPONENTI PER L'AUTOMAZIONE 250 DISEGNI ESPLOSI 10. con PARTI DI RICAMBIO. Ediz. Gennaio 2004

COMPONENTI PER L'AUTOMAZIONE 250 DISEGNI ESPLOSI 10. con PARTI DI RICAMBIO. Ediz. Gennaio 2004 250 1 2 3 2 8 9 10 4 5 6 DISEGNI ESPLOSI 10 con PARTI DI RICAMBIO 5 7 11 12 9 13 Ediz. Gennaio 2004 DISEGNI ESPLOSI INDICE -COMPOSIZIONE LINEE -MOTORIDUTTORI -TESTATA MOTORIZZATA -TESTATA TENDICATENA -DISTANZIALI

Dettagli

LIMITATORI DI COPPIA - INNESTI

LIMITATORI DI COPPIA - INNESTI LIMITATORI DI COPPIA - INNESTI LIMITATORI DI COPPIA - INNESTI: introduzione I limitatori di coppia della ComInTec sono componenti meccanici indispensabili per l'installazione lungo la catena cinematica

Dettagli

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Sezione 10.1: Motori DC senza spazzole Problema 10.1 Macchina sincrona bifase a sei poli a magnete permanente. L ampiezza della tensione di fase a circuito aperto

Dettagli

CUSCINETTI SPECIALI PER MOVIMENTAZIONE

CUSCINETTI SPECIALI PER MOVIMENTAZIONE CUSCINETTI SPECIALI PER MOVIMENTAZIONE La realizzazione del presente catalogo è avvenuta nel controllo più rigoroso dei dati in esso contenuti. In seguito alla costante evoluzione tecnica dei nostri prodotti,

Dettagli