PARTE I IL CONSORZIO DI BONIFICA BASSA FRIULANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE I IL CONSORZIO DI BONIFICA BASSA FRIULANA"

Transcript

1 RELAZIONE TECNICO ECONOMICA E FANZIARIA SULL ATTIVITA SVOLTA DALLA AMMISTRAZIONE CONSORZIALE NEL QUQUENNIO

2 PARTE I IL CONSORZIO DI BONIFICA BASSA FRIULANA 1

3 La bonifica - Dal fuoco ci si puó difendere, dall'acqua no Il termine bonifica deriva da "bonum facere" cioè rendere buono. La bonifica è un attività antichissima, con la quale l uomo cerca nuovi equilibri con l ambiente che lo circonda intervenendo su di esso, plasmandolo per rendenderlo più ospitale. I primi nella Penisola a sviluppare una raffinata tecnica di bonifica furono gli Umbri e poi gli Etruschi, nel XII sec. a.c., sull esempio degli antichi Egizi. L eredità fu raccolta dai Romani che, avendo riunito i vari popoli sotto un unico governo, si trovarono a necessitare di nuova terra utile per una popolazione in continua crescita demografica. Agli interventi di bonifica i Romani assegnarono un duplice fine: quello igienico, come lotta all endemia malarica (l aer graevis, forse importata dall Africa attorno al V sec. a.c.) e quello agrario, come sistemazione e messa a coltura dei terreni. Alle opere concrete (tra le quali il Canale Anfora nell'aquileiese) si affiancò un accurata gestione tecnica e legislativa che tutelava il principio dell interesse comune, al quale le attività erano destinate. Nella seconda metà del III sec. d.c. la progressiva decadenza dell impero aveva già compromesso la gestione agricola: le invasioni barbariche posero fine in pochi decenni alla grande opera dei Romani e i terreni furono abbandonati all incuria: tornarono carestie, siccità, inondazioni e malattie endemiche. Durante il regno di Teodorico ( d.c.) si ebbe una ripresa, ma la riapertura di strade, la regimazione di fiumi, la bonifica di zone palustri furono vanificate dalle violente calamità atmosferiche che imperversarono sulla Penisola tra il 479 e il 596, le quali modificarono in modo sostanziale il territorio. Tra l' VIII e il XIV sec. si distinse l iniziativa dei Padri Benedettini e Cistercensi, che collocarono i monasteri in zone incolte e le risanarono con un lavoro paziente e costante, fatto di paludi bonificate, argini, canali, opere di supporto, avviando un periodo di bonifiche che pur tra alterne vicende continua ancor oggi. Se nel Medio Evo la bonifica subì un rallentamento per l impossibilità di un efficace coordinamento degli interventi, il Rinascimento segnò un rilancio dell attività: vennero costituiti i primi Enti, deputati - sotto il controllo centrale - alla conservazione e all utilizzo delle opere realizzate. Venezia naturalmente si distinse per l'ampia e articolata attività di bonifica in laguna e nell'entroterra. 2

4 La bonifica integrale Alla fine del XIX sec. il concetto di bonifica venne limitato alla lotta contro il paludismo, il disordine idraulico e la malaria. Ma la malaria non regredì e fu quindi chiaro che la sola opera di risanamento idraulico non risolveva i problemi igienici e andava integrata con interventi sanitari e con la razionale sistemazione dei terreni. Nel 1933 la bonifica assunse con la dimensione ternaria - cioè ad un tempo idraulica, igienica ed agraria - il suo significato più completo: quello di integrale. La bonifica così intesa comprende non solo gli interventi di risanamento idraulico dei terreni, ma anche quelli rivolti all esercizio di una normale attività agricola, quali la sistemazione dei terreni, l'irrigazione, la ricomposizione dei fondi frammentati, la costruzione di fabbricati rurali, di elettrodotti, di acquedotti, di strade, il rimboschimento delle pendici montane. L attività di bonifica è una costante opera di salvaguardia ambientale rivolta alla difesa ed al mantenimento del delicato equilibrio terra-acque di cui i Consorzi sono i naturali custodi. Il canale Anfora Già nel 169 a.c. i Romani realizzarono lo scavo del canale Anfora - collegato al Porto di Aquileia da un sistema di corsi d'acqua e canali artificiali - sia come via navigabile (Acquae Gradatae - Aquileia - Mare Adriatico) sia come adduttore di una consistente portata necessaria per il ricambio d acqua nel reticolo idraulico di Aquileia e dei suoi dintorni. Parte di questo canale è ancora funzionante per lo scarico delle idrovore dell Anfora, mentre il tratto verso la laguna risulta ormai interrato. 3

5 Il Consorzio Nella normativa austriaca sulle acque del 1870 e nella legislazione italiana di fine 800 viene indicata un ampia fascia di terreni dell area aquileiese e di quella circumlagunare delimitata dai fiumi Stella e Turgnano da sottoporre a sistemazione idraulica. Su quei terreni furono insediati i primi Consorzi di bonifica della Bassa. Altri Consorzi nacquero sia nella fascia circumlagunare, che in quella superiore del comprensorio, per un totale di 16 Enti, un numero elevato che male consentiva un azione organica sul territorio. Nel 1929 si costituì il Consorzio di II grado per la Trasformazione Fondiaria della Bassa Friulana, che ebbe il compito di compilare il Piano Generale di Bonifica dell'intero territorio classificato e di provvedere al coordinamento delle attività dei diversi Consorzi nell interesse comune. Con l emanazione del testo unico sulla bonifica integrale, Regio Decreto del 1933, fu avviata una più intensa e razionale attività di bonifica insieme ad un accorpamento dei Consorzi esistenti, che vennero ridotti a 8. Nel 1966 la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia dispose la fusione in un Consorzio unico denominato Consorzio per la Bonifica e lo Sviluppo Agricolo della Bassa Friulana. Con il successivo accorpamento dei consorzi Isola Morosini e Rotta Primero, sorse un nuovo ente con il nome definitivo di CONSORZIO di BONIFICA BASSA FRIULANA, e competenza su di un territorio comprendente 35 Comuni. I Consorzi di Bonifica del Friuli Venezia Giulia Nella Regione Friuli Venezia Giulia - che si estende su un'area di ettari - ben ettari, pari al 43% dell intera superficie, sono classificati in comprensorio di bonifica. Quest'area è distribuita fra quattro consorzi: Bassa Friulana, Ledra-Tagliamento, Cellina-Meduna, Pianura Isontina. 4

6 Le tre fasce di suddivisione del territorio L intero territorio del Friuli Venezia Giulia presenta numerosi fattori di rischio, ed anche la sua pianura offre diverse e articolate problematiche. La pianura friulana si estende su ettari e si può suddividere in tre fasce: zona arida, zona umida, zona a scolo meccanico. La ZONA ARIDA è la più estesa ed è costituita da un materasso ghiaioso, accentuato nei settori dove i corsi d acqua torrentizi hanno accumulato i loro detriti e solo parte delle acque scorre in superficie, mentre il resto viene ingoiato dal sottosuolo permeabile. La ZONA UMIDA riguarda la bassa friulana e la bassa pordenonese: qui vaste aree sono interessate dal fenomeno delle risorgive, dalle quali traggono origine vari fiumi. Regolare il sistema scolante non è agevole; tuttavia la zona è fertile e non presenta urgenze irrigue come accade invece per la zona arida. La ZONA A SCOLO MECCANICO comprende i terreni circumlagunari tra il Tagliamento e l Isonzo le cui acque, per mancanza di quota, non sgrondano in modo naturale in laguna e nei corsi d'acqua adiacenti, ma devono essere sollevate e scaricate tramite le idrovore. Oltre ettari della bassa, infatti, si trovano ad una quota inferiore al livello medio del mare, in particolare vaste aree dei Comuni di Aquileia, Terzo di Aquileia, Palazzolo: il blocco degli impianti di sollevamento ne provocherebbe la parziale sommersione in soli due o tre giorni. Questa zona è in costante estensione principalmente a causa del bradisismo (il terreno della regione si abbassa di circa cm ogni 10 anni) e dell eustatismo (innalzamento del livello del mare per effetto dello scioglimento dei ghiacci). Bradisismo, eustatismo e subsidenza Dal greco bradi (lento) e seismos (scossa, movimento), il bradisismo è un movimento lento del suolo in senso verticale, chiamato positivo se si verifica dall'alto al basso (sommersione) e negativo dal basso all'alto (emersione). I risultati del movimento sono ben visibili lungo le rive del mare dove si possono osservare le erosioni delle rive (e perciò lo spostamento della linea di spiaggia) ad opera delle onde marine. Se il bradisismo è positivo, il mare avanza con sommersione della costa; se è 5

7 negativo, il mare si ritira. Le cause del bradisismo vengono spiegate con numerose teorie, tra cui quella che lo riconduce al movimento delle placche tettoniche. L eustatismo è l innalzamento o l abbassamento del livello dei mari per lo scioglimento o la formazione delle calotte glaciali. Dalla fine dell ultima era glaciale, anni fa, la temperatura media va aumentando, le calotte polari si sciolgono e il livello dei mari aumenta progressivamente. A questo fenomeno naturale si aggiunge l effetto serra, dovuto all utilizzo dei combustibili fossili, che contribuisce all aumento della temperatura terrestre. Il Mediterraneo si è formato dalla deriva dei continenti, nello scontro dell Africa con l Eurasia. Ai lati si sono formate catene montuose, al centro un lago, mentre le fessure createsi nella crosta sono causa di eruzioni vulcaniche e terremoti. Mano a mano che il bacino si riempie, il peso dello strato d acqua aumenta e il fondo viene spinto verso il basso. Questo movimento si chiama subsidenza. La linea delle risorgive Tra la alta e la bassa pianura friulana vi è una netta separazione di tipologia degli strati sotterranei lungo la una linea ideale, che con andamento ovest-est, segue la direttrice Codroipo-Gonars-Ruda-Turriaco-Staranzano-Timavo. È la linea delle risorgive, dove le acque che incontrano il sottosuolo impermeabile affiorano in superficie, formando corsi di portata abbondante. In passato questi corsi d'acqua, dall andamento spontaneo ed imprevedibile, hanno determinato situazioni di disordine idraulico e gravi inconvenienti, che solo gli articolati interventi di bonifica hanno risolto. Un tempo la zona sotto alla linea delle risorgive era quasi interamente incompatibile con gli insediamenti umani: tra i pochi abitanti regnavano malaria, pellagra e povertà. Di questa vasta area si poteva percorrere solo il perimetro: le sponde del Tagliamento e dell Isonzo, la SS. 252 "Stradalta" a nord, mentre lungo la laguna si utilizzavano le levade, strade precarie che diventavano impercorribili dopo il maltempo. All interno, terreni paludosi, alluvioni provocate da fiumi e torrenti, inondazioni dal mare. 6

8 Sotto il suolo La falda freatica è uno strato d acqua la cui superficie è a pressione pari a quella atmosferica e per essere usata in superficie, deve essere sollevata tramite pompe o drenata con canali emuntori. L acqua della falda è sempre in lento movimento, da Nord verso Sud, attraverso i piccoli meati del materiale ghiaioso che il Tagliamento e l Isonzo hanno depositato costruendo la grande pianura friulana. Le falde artesiane sono strati d acqua che scorrono, in pressione, fra due strati di terreno impermeabile. L acqua pertanto può risalire e uscire dal piano di campagna per pressione naturale, senza necessità di pompaggio, attraverso un pozzo, nel quale viene inserita una tubazione fino a raggiungere in profondità la falda stessa. Le risorgive si formano quando la falda freatica tracima al di sopra degli strati impermeabili che si oppongono come una grande diga al suo avanzamento, determinando il rigurgito della corrente sotterranea e la creazione di un grande lago freatico. Questo si forma con le acque che si infiltrano nel terreno ghiaioso a valle della cerchia morenica e defluiscono verso sud fino ad affiorare in corrispondenza della linea delle risorgive. Il moto è estremamente lento: una particella d acqua impiega due o tre mesi per spostarsi di un chilometro nei materassi ghiaiosi dell alta e media pianura friulana. Per questo sfasamento temporale, qui il livello delle acque è medio o massimo proprio durante gli utilizzi irrigui, cioè da giugno a settembre. La zona circumlagunare Le aree che si affacciano sul mare e sulla laguna sono difese dalle alte maree da arginature che si estendono su tutto il fronte tra il Tagliamento e l Isonzo. 7

9 Queste furono portate a 3 metri d'altezza dopo l alluvione del 1966, quando le mareggiate sormontarono e danneggiarono le precedenti, allagando migliaia di ettari di terreno bonificato. Quasi tutta la zona circumlagunare è situata ad una quota inferiore rispetto a quella dell alta marea ed è interessata da una rete di canali di scolo che fanno capo a 30 impianti idrovori. I corsi d acqua di risorgiva e i collettori delle reti di bonifica a scolo naturale attraversano quest area tra arginature che risalgono verso nord fino al limite di influenza della marea, senza interessare i terreni che scolano le proprie acque tramite le idrovore. Inizialmente la zona non era minimamente difesa dal mare: le prime strutture permettevano lo scolo solo nei periodi di bassa marea, con l alta marea il canale terminale doveva essere chiuso per impedire il riflusso del mare. Opere di difesa dall erosione e dalle alluvioni Nella gestione idraulica del territorio il Consorzio si avvale delle seguenti opere di difesa: BRIGLIE: L'erosione a opera delle acque superficiali dipende dalla velocità della corrente, che può essere rallentata con la costruzione di gradini lungo il corso d'acqua, chiamati briglie. Tra una briglia e l'altra l'acqua scorre con scarsa pendenza, per poi passare con un salto brusco al gradino successivo. In questo modo si diminuisce la velocità della corrente e di conseguenza anche l'asportazione di materiali. ARGI ARTIFICIALI: Per impedire le alluvioni si può intervenire sui corsi d'acqua costruendo argini artificiali. La progettazione di queste opere di difesa deve tenere adeguato conto dell'aumento delle masse d'acqua durante le piene. Per questo motivo gli argini sono eretti ad una certa distanza dall'alveo, così da consentire lo sfogo alle acque in caso di necessità. SERBATOI DI PIENA E SCOLMATORI: Allo scopo di diminuire la portata dei corsi d'acqua in piena si costruiscono i serbatoi di piena e i canali scolmatori. I serbatoi di piena sono bacini nei quali vengono convogliate le acque al fine di trattenere una parte dell'ondata di piena. Gli scolmatori sono canali o gallerie che, aperti prima dell'arrivo dell'ondata di piena, fanno defluire parte delle acque in altro fiume o canale, o in mare. 8

10 CANALI ARTIFICIALI: Per contenere le ondate di piena lungo il corso inferiore dei fiumi, fin dai tempi più antichi vengono scavati canali artificiali e allargamenti dell'alveo. In alcuni vasti tratti di pianura alluvionale vengono lasciati sgombri, così che l'acqua delle piene possa riversarvisi completamente Le strutture idrovore Vasti bacini circumlagunari, caratterizzati da piani situati a quote inferiori al livello medio del mare, necessitano del sollevamento con idrovore delle acque di piena con il versamento delle stesse in mare o in laguna. Gli impianti idrovori, realizzati al termine delle canalizzazioni di questi bacini, sono costituiti da macchinari che sollevano le portate di piena. Questi sollevano l'acqua da quote sotto il livello medio del mare fra 2 e 4 metri, sino a superare le quote arginali poste a 3 metri sul l.m.m. I dislivelli che questi macchinari devono vincere sono dunque dell ordine di 7-8 metri, a seconda delle differenti situazioni orografiche del comprensorio. L'idrovora viene realizzata a valle di un grande bacino di arrivo, denominato «mandracchio». L'acqua, ripulita da fogliame e detriti tramite gli sgrigliatori, viene poi immessa in alcune «camere» dove sono installate le pompe di sollevamento azionate da motori elettrici, il cui funzionamento è garantito - in caso di black out - da gruppi elettrogeni. Gli argini a mare vengono superati con tubazioni metalliche o in vetroresina. 9

11 L'attività consorziale L'attività consorziale richiede da un lato l'esercizio, la manutenzione e la gestione delle emergenze, dall'altro la realizzazione di nuovi progetti. Le avversità atmosferiche hanno spesso dimostrato l importanza vitale dell attività bonificatoria per la salvaguardia dei centri abitati, delle aree agricole, di quelle industriali, commerciali e turistiche dell'intera bassa pianura. Provvedimenti tesi a fronteggiare la subsidenza, a prevenire gli allagamenti, a contenere l erosione di sponde ed argini, come pure la regimazione, la raccolta e lo smaltimento a mare o a fiume delle acque sgrondate dalle campagne, dalle aree urbanizzate, da quelle turistiche ed industriali sono interventi per la tutela dell'ambiente e per la sicurezza della Comunità. Sono pertanto interventi di pubblico interesse. L'esercizio delle strutture avviene tramite una articolata organizzazione operativa d ufficio ed in sito, con un'attività costante di manutenzione, in collaborazione anche con le altre realtà operanti sul territorio: le Direzioni Regionali (Agricoltura, Ambiente, Protezione Civile, Viabilità e Trasporti) e i Comuni. All esterno sono attivi tre nuclei operativi per il settore idraulico: area occidentale di Latisana; area centrale di S.Giorgio di Nogaro e area orientale di Cervignano/Aquileia, oltre a sei idrovoristi per la gestione dei 30 impianti di sollevamento. Uno specifico nucleo operativo è adibito al settore irriguo (Zona Superiore Asciutta). L attività ordinaria comprende il diserbo e lo sfalcio dei canali, il decespugliamento di scarpate, banchine, canali e argini, interventi di espurgo e ripresa di frane nei canali di scolo, opere di manutenzione degli impianti idrovori, dei sistemi di irrigazione e dei manufatti idraulici in genere. Rilevanza particolare viene riservata ai servizi di piena, con compiti di vigilanza e intervento in caso di calamità naturali anche in collaborazione con la Protezione Civile regionale. 10

12 Il Consorzio in cifre: TERRITORIO Superficie consortile (ha): Superficie a scolo naturale (ha): Superficie a scolo meccanico (ha): COMUNI TERESSATI In provincia di Udine: 33 In provincia di Gorizia: 2 OPERE IDRAULICHE Arginature a mare e a laguna (km): 79 Arginature a fiume (km): 146 Impianti idrovori (180 m3/s): 30 Canali di scolo (km): OPERE IRRIGUE Superficie irrigata (ha): Pozzi irrigui: 37 Comizi irrigui : 41 Impianti di irrigazione a pioggia: 2 Canali irrigui (km): 180 Condotte in pressione (km): 26 Superficie con irrigazione di soccorso (ha): SEDI CONSORZIALI: 4 MAGAZZI E CAPANNONI: 7 I progetti di miglioramento: - Riconversioni dei sistemi di irrigazione da scorrimento a pioggia. - Ristrutturazioni e impermeabilizzazioni di reti di adduzione irrigua. - Adeguamenti e miglioramenti dei sistemi di irrigazione. - Sistemi di telecomando e telemisura. - Adeguamenti e miglioramenti di impianti idrovori e manufatti idraulici. - Trasformazioni da scolo naturale a scolo meccanico. - Ristrutturazioni di sistemi scolanti. - Rinforzi e ripristini di arginature a mare, a laguna e a fiume. - Interventi di rinaturazione e tutela ambientale. 11

13 L'irrigazione La disponibilità idrica nel comprensorio della Bassa friulana è rilevante, ma non uniforme: gran parte delle risorse si rinvengono nel ventaglio di risorgive dello Stella. Le strutture per la captazione e la distribuzione delle acque sono: i pozzi che attingono dalla falda freatica nella zona superiore asciutta; i pozzi artesiani; i canali emuntori, che prelevano l acqua dalla falda freatica dove è più copiosa per trasferirla in aree carenti; le canalizzazione con derivazione dai corsi di risorgiva. L irrigazione può avvenire con impianti a scorrimento o a pioggia: attualmente il 11% del territorio consortile risulta irrigato. Il 32% del territorio è servito da irrigazione di soccorso. La superficie agricola corrisponde al 77% dell intera area consorziata. Valorizzazione e salvaguardia dell'ambiente La bonifica è una attività svolta a beneficio dell intera collettività: il Consorzio di bonifica si adopera per la valorizzazione e la salvaguardia del territorio e dell'ambiente affinché possano coesistere e svilupparsi le varie attività agricole, industriali, turistiche. Il Consorzio di Bonifica ha natura giuridica di ente pubblico economico non commerciale, e deve il suo sostentamento al contributo dei consorziati, cioè chiunque possieda un terreno o un fabbricato e goda dei benefici derivanti dalla bonifica. A carico dei consorziati, quindi, sono le spese di amministrazione e l attività di manutenzione da parte del Consorzio, mentre le nuove opere sono finanziate (in modo parziale o totale) dalla Regione o dallo Stato, che mantengono la proprietà delle stesse, ma ne affidano tutti gli aspetti di gestione al Consorzio. Nella bassa pianura friulana la bonifica integrale - idraulica, igienica ed agraria - trova la sua espressione più completa, perché proprio qui - per la natura peculiare dei terreni - risulta più complesso e delicato il mantenimento dell'equilibrio idraulico. In simili pianure, la sicurezza dalle acque - condizione prima per ogni ipotesi di sviluppo - è frutto del lavoro silenzioso di persone che ieri come oggi attivano idrovore, manovrano chiaviche, aprono paratoie idrauliche, riempiono e svuotano canali. Gli obiettivi primari del Consorzio sono la gestione delle risorse idriche, il recupero e la salvaguardia del territorio e dell'ambiente, la tutela dalle calamità naturali con attività di protezione civile. In programma vi sono numerosi progetti relativi ad adeguamenti di strutture esistenti, al miglioramento del sistema irriguo e al consolidamento dell assetto idrogeologico accompagnato da un attività di monitoraggio sistematica. 12

14 Gli Amministratori del Consorzio nel quinquennio Presidente: RIGONAT ROBERTO Vicepresidenti: RIGONAT GIORGIO, ZANONE PIERFRANCO Deputazione Amministrativa: BENVEGNU ALBO FOSSALON DI GRADO GO BI PIERO FERRUCCIO PALAZZOLO DELLO STELLA UD MIZZAU GIANFRANCO CARLO UD ODORICO IVANO PRECENICCO UD SICILIOTTO BRUNO BAGNARIA ARSA UD STEL FLAVIO CODROIPO UD VENDRAME FRANCO CODROIPO - UD ZAMPAR GO CERVIGNANO DEL FRIULI UD Collegio revisori dei conti: COMUZZO MARCELLO (Presidente) FERRARA GIOVANNA GIUNCHI FRANCO Consiglio dei delegati: BOARO CARLO AIELLO DEL FRIULI UD BRUGNERA EUGENIO AQUILEIA UD CALLIGARO ROBERTO VARMO UD CANTARUTTI STEFANO MANZANO UD CLEMENT FRANCO TERZO D AQUILEIA UD COMISSO EVARISTO RIVIGNANO UD CUDI GIORGIO VARMO UD DEAN RENATO PORPETTO UD DEL ZOTTO SILVANO LIGNANO SABBIADORO UD DELLA MORA DANILO RIVIGNANO UD FERES CARLO FIUMICELLO UD FLABOREA GO GRADO GO GALLO VITTORO MUZZANA DEL TURGNANO UD GENTILI GIOVANNA CODROIPO UD GEREMIA DAVIDE LATISANA UD GIUDICI NICOLA PRECENICCO UD GREGORIS EMILIO CAMO AL TAGLIAMENTO UD MARCOL CLAUDIO TALMASSONS UD MURARO ADRIANO LIGNANO SABBIADORO UD PANIGUTTI REMO CAMO AL TAGLIAMENTO UD PARDUCCI SUSANNA TERZO D AQUILEIA UD PIZZ CLAUDIO CERVIGNANO DEL FRIULI UD ROMANO ELIGIO MUZZANA DEL TURGNANO UD SALA ROMANO MUZZANA DEL TURGNANO UD SBRUGNERA MAURIZIO BERTIOLO UD SCAI FELICIANO VARMO UD SCAI FRANCO VARMO UD STOCCO GIULIANO CASTIONS DI STRADA UD TAVERNA ERMILIO SAN GIORGIO DI NOGARO UD TESSAR ALDO TORVISCOSA UD TOMAS FULVIO TERZO D AQUILEIA UD TOSO PIERFRANCESCO CARLO UD TURATO FRANCESCO SAN VITO AL TORRE UD TURCO STEFANO TALMASSONS UD URBAN ORLANDO RONCHIS UD ZON PIERANTONIO SAN GIORGIO DI NOGARO UD ZUZZI GIAMPAOLO PORDENONE - PN Direttori del quinquennio: RENATO DUCA fino al LUCA GARGIOLI dal

15 PARTE II IL QUQUENNIO : ANALISI TECNICO ECONOMICA E FANZIARIA 14

16 In esecuzione della lettera o) dell'art.7 del vigente Statuto consorziale spetta al Consiglio dei Delegati redigere, alla scadenza del proprio mandato, una relazione tecnico-economica e finanziaria sull'attività svolta nel quinquennio di competenza, da pubblicarsi nell'albo pretorio dei Comuni ricadenti nel comprensorio ed in quello del Consorzio. La prescrizione consente all'organo consorziale di dare un quadro del proprio operato e dello stato dell Ente in relazione ai programmi ed alle aspettative, tenuto conto delle varie problematiche che ne hanno condizionato l attività. Le problematiche di carattere irriguo e di difesa del territorio dalle acque L attività principale dei Consorzi di Bonifica si esplica in prevalenza in due momenti fondamentali: la tutela del suolo e la difesa dalle alluvioni durante tutto l arco dell anno e l attività di irrigazione durante il periodo estivo. In merito all irrigazione il quinquennio ha visto campagne irrigue molto impegnative per il Consorzio: in particolare le annate 2003 e 2006, nel corso delle quali si sono manifestati periodi prolungati e particolarmente siccitosi con la quasi completa assenza di precipitazioni. Tali situazioni hanno fatto sì che l'assessore all'agricoltura Enzo Marsilio abbia convocato varie unità di crisi sulla siccità, riunendo a più riprese attorno ad un tavolo le principali istituzioni legate alla gestione dell'acqua (consorzi di bonifica, organizzazioni agricole, prefetture, province, gestori idroelettrici, servizi regionali ecc.) al fine di concertare le azioni da porre in essere per far fronte ad una siffatta situazione. La necessità di indire i suddetti incontri conferma il cambiamento climatico in atto dovuto allo "effetto serra" che determina un progressivo aumento della temperatura media del pianeta, con conseguente scarsità d'acqua e significativi cali della quota delle falde freatiche che quotidianamente si rilevano sul territorio. La tal cosa desta preoccupazione se consideriamo che il nostro comprensorio non ha mai sofferto carenze di questo bene prezioso in quanto ha sempre avuto un'abbondante presenza di acque sia di risorgiva che di falda. Le situazioni atmosferiche determinano oramai l avvio del servizio irriguo con notevole anticipo rispetto ai tempi consueti, con domande irrigue particolarmente sostenute durante tutto il ciclo di crescita delle coltivazioni, con conseguente prolungato esercizio degli impianti e costi di esercizio rilevanti. Questo ha determinato negli anni un impegno sempre maggiore per le strutture consortili, anche per quanto concerne l irrigazione di soccorso per le zone nelle quali tale attività risulta normalmente contenuta. Nonostante queste condizioni, in genere, non si sono avute anomalie o grossi disservizi. Gli anni 2003, 2006 e 2007 sono stati inoltre caratterizzati da scarse precipitazioni (inferiori del 30 40% rispetto alle medie storiche), come si evince dal grafico sotto riportato che rappresenta la piovosità annua, espressa in mm, in 3 punti diversi del comprensorio: 15

17 Piovosità annua Piovosità (mm) Anno 2003 Anno 2004 Anno 2005 Anno 2006 Anno 2007 Latisana Carlino Fossalon Vista la possibilità concreta di dover far fronte a periodi di tale portata, la Direzione Regionale dell Agricoltura ha indicato come obiettivo primario, per i Consorzi di Bonifica, quello di ricercare le soluzioni più idonee per il miglior utilizzo del bene acqua. Sono stati previsti anche nel bilancio dello Stato (MIPAF - Ministero delle Politiche Agricole, Forestali e della Montagna), oltre che in quello regionale dei finanziamenti per progettare e dare esecuzione ad opere di riconversione degli attuali sistemi di irrigazione in opere tali da permettere un più razionale uso dell acqua (la trasformazione da scorrimento ad aspersione, opere di impermeabilizzazione di canali, ammodernamenti di impianti vetusti, espurghi e riprese di frane, ecc.). In merito alla bonifica, va segnalata la cementificazione del suolo determinata dalla progressiva dilatazione degli insediamenti urbani, industriali e turistici, la ramificazione degli assi viari e delle reti tecnologiche che comporta una irreversibile alterazione della situazione idraulica originaria del comprensorio causando non pochi problemi all esercizio delle strutture scolanti consorziali, destinatarie terminali di acque meteoriche, di risorgiva ed anche di apporti idrici di provenienza non convenzionale. Questo stato di cose ha provocato in passato e dà luogo ora, in concomitanza di persistenti precipitazioni piovose, ad un veloce accumulo di acque nei nodi idraulici cruciali con possibilità di ristagni e di allagamenti diffusi, aggravati dal pericolo delle esondazioni dei predetti corsi d acqua, come già avvenuto in un recente passato. Oltre a ciò va segnalata la precarietà dello stato in cui si trovano molti corsi d acqua ricadenti all interno del Comprensorio consorziale e non di competenza del Consorzio: un esempio per tutti le acque pubbliche gestite dalla Regione sulle quali il Consorzio non può intervenire. A seguito degli eventi piovosi di portata eccezionale verificatisi negli anni 2004 e 2007, anche in accordo con le Amministrazioni Comunali, è stato deciso di prescrivere il principio della Invarianza idraulica per tutti i progetti di nuove lottizzazioni e nuove aree cementate che verranno presentati al Consorzio. Tale principio si basa sull equivalenza tra il volume dei fossi e dei canali, che diminuisce per effetto del tombinamento, ed un pari volume (sotto forma di vasche di 16

18 raccolta, di aree depresse, ecc.) che deve essere individuato nell ambito delle nuove realizzazioni. Il Consorzio di Bonifica quale braccio operativo della Regione: i finanziamenti ricevuti Si riporta di seguito la tabella dei decreti di delegazione amministrativa emessi dalle Direzioni Centrali Agricoltura, Ambiente, Protezione Civile e dal MIPAF a favore del Consorzio di Bonifica Bassa Friulana. Si precisa che per alcuni decreti il finanziamento assentito è pari al 100% mentre per altri, in genere quelli legati alle manutenzioni ordinarie degli impianti, è pari al 95%, con rimanente quota a carico della proprietà e quindi distribuita, con mutuo, su tutti i consorziati. La tabella riporta gli estremi del decreto, l importo, il titolo del progetto e lo stato di fatto del procedimento. DECRETI EMESSI NEL QUQUENNIO A FAVORE DEL CONSORZIO DECRETO N DATA DECRETO di delegazione amministrativa CODICE REGIONALE PROGETTO N IMPORTO DI DECRETO ( ) IMPORTO FANZIATO ( ) TITOLO PROGETTO STATO DI FATTO /03/03 OPI , ,35 Intervento urgente di protezione civile in comune di Castions di Strada e Talmassons - Torrente Cormor, consistente nella messa in sicurezza dei corpi arginali di perimetrazione delle casse di espansione di S.Andrat a salvaguardia dei territori urbanizzati circostanti LIQUIDATO /07/03 B/10/AG/ , ,00 Piano preliminare di caratterizzazione delle aree interessate dai lavori di al docup obiettivo misura azione (ripristino e tutela ambientale delle aree costiere e lagunari) LAVORI CORSO 17

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO Preambolo Le Regioni dell'andalusia, del Languedoc-Roussillon e della Toscana, agendo nel quadro degli obiettivi del Consiglio d'europa e condividendone l'obiettivo che

Dettagli

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V.

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V. Circolare del Presidente della Giunta Regionale n. 12 del 9/8/02, approvata con D.G.R.V. n. 2106 del 2/8/02, recante "Norme di Attuazione del Piano Regionale di Risanamento delle Acque. Testo coordinato

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974)

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633 (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) Istruzioni per la progettazione delle fognature e degli impianti di trattamento delle acque

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE COMUNE DI: SAN GIACOMO FILIPPO Provincia di Sondrio ATTUAZIONE DELLA D.G.R n.- 7/7868 del 25 gennaio 2002 e successive integrazioni Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Rispetta il tuo canale

Rispetta il tuo canale A CURA DI CENTRO INTERNAZIONALE Rispetta il tuo canale Il Regolamento di Polizia Idraulica: un vademecum da conoscere e mettere in pratica 2014 Consorzio di Bonifica Acque Risorgive Rispetta il tuo canale

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

TESTO UNICO TITOLO I NORME SULLE DERIVAZIONI E SULLE UTILIZZAZIONI DELLE ACQUE PUBBLICHE CAPO I CONCESSIONI E RICONOSCIMENTI DI UTENZE

TESTO UNICO TITOLO I NORME SULLE DERIVAZIONI E SULLE UTILIZZAZIONI DELLE ACQUE PUBBLICHE CAPO I CONCESSIONI E RICONOSCIMENTI DI UTENZE REGIO DECRETO - 11/12/1933, n. 1775 - Gazzetta Uff. 08/01/1934, n.5 EPIGRAFE REGIO DECRETO 11 dicembre 1933, n. 1775 (in Gazz. Uff., 8 gennaio, n. 5). - Testo unico delle disposizioni di legge sulle acque

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

2-5. Giornata mondiale dell acqua 2007 Fronteggiare la scarsità d acqua. Quantità e qualità. In cattive acque. Acqua e ricchezza.

2-5. Giornata mondiale dell acqua 2007 Fronteggiare la scarsità d acqua. Quantità e qualità. In cattive acque. Acqua e ricchezza. Invertire la rotta la penuria d acqua nel mondo: problemi e risposte KENYA: servizi igienici scadenti I famigerati gabinetti volanti della baraccopoli di Kibera, a Nairobi, in Kenya, sono una delle conseguenze

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA C V A M O S T R E Mostre in Centrale 2010 Doppio appuntamento a Maën A Valtournenche, in occasione dei dieci anni

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente.

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente. Direzione Ambiente Linee guida per la verifica dei fabbisogni irrigui, la revisione delle concessioni e il calcolo dei riparti in condizioni di magra Quant4 Software di calcolo dei fabbisogni irrigui comprensoriali

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli