Logistica e agroalimentare, due realtà produttive divergenti nel territorio della piana nolana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Logistica e agroalimentare, due realtà produttive divergenti nel territorio della piana nolana"

Transcript

1 Logistica e agroalimentare, due realtà produttive divergenti nel territorio della piana nolana Anna Maria Zaccaria* MEZZOGIORNO A caratterizzare la vitalità economica del Sistema Locale del Lavoro di Nola, in Campania, sono il Distretto logistico e il settore agroalimentare. Tra il Distretto logistico e il tessuto produttivo locale c è però un rapporto molto limitato, che pone limiti allo sviluppo di entrambi. 1. Il contesto I 31 comuni del Sistema Locale del Lavoro di Nola coprono una superficie complessiva di 337 kmq, compresa tra la provincia di Napoli e quella di Avellino; nel 2010 l area contava complessivamente residenti. Il nucleo centrale del sistema - che non ha specializzazione e non comprende Distretti produttivi - coincide con la cosiddetta piana nolana, un area a nord-est di Napoli, racchiusa ad oriente dalla dorsale appenninica (monti del Partenio), a sud dai comuni vesuviani, ad Est/ Sud-Est dalla Valle di Lauro e dai monti di Palma Campania e ad occidente dal comprensorio Pomigliano-Acerra. La realizzazione, tra il XVI e il XVII sec. dei Regi Lagni, un complesso sistema idraulico di bonifica, segna le origini dello sviluppo dell area dal punto di vista sia degli insediamenti abitativi, sia delle attività agricole. Nei secoli successivi la trama dei campi e delle colture, come quella degli agglomerati residenziali, è stata significativamente condizionata dallo schema idraulico dei Regi Lagni 1. Da sempre elemento strutturante ed anche identitario del territorio, oggi i Regi Lagni si trovano in evidente stato di degrado igienico ambientale, hanno perso la loro funzionalità idraulica e sono soggetti a frequenti esondazioni 2. Ma questo non è il solo elemento di criticità dell area: sversamento illecito dei rifiuti (spesso in cave non più in uso), *Dipartimento di Scienze Sociali, Università di Napoli Federico II 1 Il sistema idraulico convoglia le acque nell alveo dell antico Clanio. Una rete di canali che si estende per circa ettari, cui si associano tracciati viari con caratteri prevalentemente rurali. Nell area nolana i Lagni si estendono per circa 25 Km. 2 Cfr. Agenda 21 per lo sviluppo territoriale dell area nolana.

2 presenza di discariche nelle vicinanze (Tufino), rischi di natura geologica (alluvionali, franosi, sismico e vulcanico) configurano ormai da decenni - uno scenario chiaramente poco favorevole a sostenere forme di vitalità produttiva. Di contro, altri fattori connotano positivamente questo paesaggio. Innanzitutto, l espansione del maggiore centro della piana, Nola, attorno al quale i vecchi casali si sono via via estesi sia pure spesso con selvaggi interventi di urbanizzazione - fino a formare le attuali cittadine. In secondo luogo, Nola e l intero SLL di cui rappresenta il nodo centrale, godono una posizione geografica particolarmente felice, all incrocio tra Campania, Puglia e alto Lazio, sostenuta da un articolato sistema di infrastrutture di collegamento: nodo autostradale A16/A30 (Campania-Puglia); connessioni con i porti di Napoli, Salerno, Bari, Brindisi e Taranto; contiguità con l interporto regionale di Marcianise (CE); vicinanza all aeroporto internazionale di Napoli-Capodichino; linea metropolitana circumvesuviana Baiano-Napoli. La più recente realizzazione della stazione di Nola-Interporto completa il quadro. La vicinanza del Distretto Industriale Agroalimentare Nocerino (SA) e di quello Tessile di S. Giuseppe Vesuviano (NA) accrescono l importanza strategica dell area nel panorama produttivo regionale 3. Un quadro, dunque, alquanto controverso dentro il quale è possibile individuare i principali fattori che hanno segnato l evoluzione delle due originarie vocazioni economiche del territorio: quella agricola e quella commerciale. Fig.1- Collocazione geografica dell area nolana 3 Nola è il secondo comune della provincia per rappresentatività imprenditoriale (rapporto imprese/abitanti) con 144 unità produttive/1000 ab. (San Giuseppe Vesuviano 145; Napoli 108).

3 Controversi anche, per certi aspetti, i dati di sintesi dell economia locale. Infatti, da un lato tra il 2004 e il 2010 calano i tassi di attività (-7%), di occupazione (-3,6%) e anche quello di disoccupazione (-5,5%) legato, quest ultimo, ad un plausibile effetto scoraggiamento nella ricerca di lavoro 4. Dall altro, il dato - sia pur parziale - riferito all andamento dell export nel triennio rivela il generale aumento delle esportazioni (+3,8%) in direzione dei paesi UE e, soprattutto, dei paesi extra-europei (32%); quest ultimo dato è comprensivo della lieve flessione registrata tra il 2010 e il 2011 (-3,8%) 5, legata alla crisi economica del In pratica, da un lato abbiamo uno scenario in regressione che restituisce una immagine poco confortante dell area nolana, dall altro uno positivo e in evoluzione che consente di considerare la stessa una area vitale nel quadro economico regionale e nazionale. Buona parte di questa contraddizione trova spiegazione nel fatto che ci troviamo di fronte ad una notevole concentrazione settoriale della vitalità economica del sistema nolano, che trova espressione sostanzialmente nel Distretto logistico CIS-Interporto- Vulcano Buono di Nola e nel settore agroalimentare, specificatamente nel sotto-settore merceologico della lavorazione, conservazione e commercializzazione di prodotti alimentari. Il Distretto logistico si struttura sulla base della vocazione commerciale dell area nolana sostenuta, come abbiamo visto, da una posizione geografica strategica e da una ricca dotazione infrastrutturale. Il settore agroalimentare conserva ben poco della tradizione agricola dell area che, grazie al sistema idraulico dei Regi Lagni, ha segnato almeno fino ai primi anni Settanta l economia della piana. Queste due realtà economiche prendono corpo in ambiti sub-territoriali diversi, esprimono logiche economiche e di sviluppo diverse e sono popolate da attori diversi: due realtà con pochissimi punti di contatto. 2. Il Distretto logistico Il Distretto CIS- Interporto Campano - Vulcano Buono sorge nell immediata periferia di Nola. Prende il via nel 1977 con il trapianto delle attività commerciali della zona Mercato di Napoli, in 4 Fonte: Istat, occupati nei sistemi locali del lavoro Frutta e ortaggi lavorati e conservati rappresentano il primo prodotto esportato; a seguire, i prodotti del settore aereospaziale e dell abbigliamento. In ambito europeo, i primi due mercati di destinazione sono il Regno Unito e la Francia; in ambito extra-europeo è il mercato statunitense a rappresentare il principale destinatario. Fonte: Istat Le esportazioni dei prodotti dei Sistemi locali del lavoro. Anni

4 cerca di spazi più ampi e servizi più efficienti. Artefice di questo processo è Gianni Punzo, imprenditore tessile napoletano con alle spalle una lunga tradizione familiare di commercio: una leadership unica, carismatica, imprenditrice, capace di tessere e nutrire reti ad elevata valenza fiduciaria. Legami strategici con attori di rilievo sullo scenario politico ed economico nazionale e internazionale rafforzano il tessuto relazionale di Punzo, da un lato alimentandone l affidabilità economica e dall altro sostenendo la globalizzazione dei legami commerciali e finanziari. Le vicende giudiziarie che hanno coinvolto il cavaliere Punzo, inoltre, non consentono di escludere del tutto rapporti con la criminalità organizzata giocati in termini di vantaggio competitivo. L implementazione incrementale di beni collettivi, i collegamenti proprietari incrociati con imprese e istituti finanziari, lo sguardo costante sulle tendenze del mercato globale con particolare attenzione alle tecnologie avanzate costituiscono le principali strategie su cui si è sviluppato un Distretto logistico di rilevanza internazionale 6. La raffinata regìa di Gianni Punzo incrocia la logica dell incremento dei servizi e quella della concentrazione delle funzioni. Vediamo come. Nel 1977 Punzo individua l area ASI di Nola come luogo ideale per la delocalizzazione delle attività commerciali storicamente impiantate nel centro urbano di Napoli; nel 1986 nasce il CIS: Punzo convince 12 grossisti del Mercato con cui aveva rapporti più stretti e costituiscono una società, che poco dopo si allarga a 189 soci. Presentano il progetto (alla Regione), che viene approvato. Così nasce il CIS S.p.a. specializzato nella grande distribuzione all ingrosso (Intervista al responsabile PR Interporto Campano). Ben presto, gli operatori del CIS hanno bisogno di servizi primari che consentano l ottimizzazione delle pratiche commerciali ed ecco che scatta il principio della concentrazione delle funzioni: nascono il posto di Polizia di Stato, la Caserma dei Vigili del Fuoco, il servizio di vigilanza interna, un ufficio postale, 7 sportelli bancari, tabacchi e giornali, ambulatorio medico, ristoranti, bar e self service, stazione di servizio carburante. Il CIS cresce anche al suo interno: la realizzazione di nuovi capannoni consente ai commercianti la disponibilità di spazi sia espositivi che di magazzinaggio delle merci e, quindi, un notevole risparmio di tempi e costi di trasporto: 6 Il Distretto si estende su una superficie di circa 5 milioni di metri quadrati, con aziende e addetti, e integra tutte le fasi della filiera logistica/distributiva ed ogni tipo di servizio, da quello ai trasporti, a quello alle aziende ed alle persone. Servizi finanziari con 7 sportelli bancari, in rappresentanza dei principali gruppi italiani, un ufficio postale e una Dogana integrano le strutture principali del Distretto.

5 Abbiamo cominciato con un capannone per il negozio, poi abbiamo acquisito spazi progressivamente più ampi. Ora, alle spalle di questo capannone ne abbiamo un altro, comunicante, in cui teniamo il magazzino merci e abbiamo ricavato anche uno spazio per gli uffici finanziari e una serie di servizi per il compratore (M.C., commerciante, CIS di Nola). Il successo del CIS sollecita Punzo ad acquisire nuovi spazi -sempre in area ASI- da destinare al trasporto intermodale. Nel dicembre 1987 nasce la Interporto Campano S.p.a, a capitale interamente privato 7, concessionaria della Regione Campania per la progettazione, costruzione e gestione dell Interporto di Nola. Anche lo sviluppo di questa componente del Distretto rispetta il principio incrementale insieme a quello della concentrazione funzionale. La possibilità di acquisire clienti con particolari esigenze di conservazione di alimenti spinge, per esempio, alla creazione del Polo del freddo: mc di magazzini frigoriferi, con celle polivalenti da 0 a -30, dotati di vani scarico/carico merci direttamente collegabili con i vagoni TIR. Continuo è l investimento in macchinari e tecnologie avanzate -e relativo personale specializzato addetto- per dotare magazzini e capannoni di servizi di spostamento, trattamento, catalogazione delle merci stoccate. L integrazione più recente riguarda le Officine di Manutenzione di NTV (Nuovo Trasporto Viaggiatori) operative dal 2011, corollario dell ultima creatura dell impero Punzo: il treno AV ITALO, esito dell operazione finanziaria congiunta di Punzo, Montezemolo e Della Valle. Le Officine occupano l area di un ulteriore, già previsto ampliamento dell interporto campano: nuovi capannoni altamente tecnologizzati, nuovi magazzini frigoriferi, palazzine direzionali ed edifici di servizi per aziende che operano sul mercato internazionale. Intanto spunta il Vulcano Buono, concepito con la funzione di un centro servizi e come luogo di attrazione e di aggregazione. Progettato da Renzo Piano, si ispira alla caratteristica forma del Vesuvio e ha come elemento caratterizzante una grande Piazza Centrale, che evoca l antica Piazza Mercato di Napoli. L idea di fondo del Vulcano Buono (circa 2500 addetti) è, ancora, quella di concentrare una serie di servizi in risposta ai possibili bisogni non solo dei visitatori/clienti del Distretto, ma anche delle persone che vi lavorano: 8000 posti auto, ipermercato Auchan, galleria commerciale con 160 negozi, multisala cinematografica, centro benessere, 23 tra ristoranti, bar e 7 Il 54,11% delle azioni della Spa sono della CISFI, società finanziaria costituita dalle aziende CIS, di cui è presidente l imprenditore tessile napoletano Gianni Cacace. Nella compagine societaria figurano soci di eccellenza tra cui primari istituti bancari ed importanti società di costruzione.

6 punti d incontro, un albergo cinque stelle della catena Idea Hotel. E la storia continua. La crisi economica non ferma il presidente Punzo, che riorienta la logica di sviluppo mirando alla riduzione dei costi più che all aumento dei profitti: i nuovi progetti in campo riguardano, infatti, investimenti nelle energie rinnovabili e nella sicurezza. 3. L agroalimentare Oltre il muro di cinta del Distretto logistico emerge una realtà in cui aree industriali depresse, scempi ambientali, piccole ma vivaci attività manifatturiere, terziario più o meno avanzato e imprese operanti nel settore agroalimentare si affiancano in un organico disordine. Nel solo settore agroalimentare compaiono realtà imprenditoriali ben diverse tra loro per misura, organizzazione, mercato e prospettive di sviluppo. Un solo elemento in comune: la tradizione familiare e il radicamento territoriale. Molte di esse sono l esito di un duplice passaggio; il primo, dalla coltura orticola a quella corilicola (del nocciolo), meno impegnativa in termini di tempo e di cura delle piantagioni: Prima c era una notevole produzione di ortaggi (patate, pomodori..) perché il territorio era ricco di acque. Poi le acque sono scese a 20 metri ed è diventato difficile coltivare ortaggi. Così si sono piantate le nocciole, su iniziativa di alcune famiglie di contadini. Queste richiedono meno cura e l attività di coltivatore di nocciole può essere condotta ad integrazione di altre occupazioni (servizi, terziario..). La produzione di nocciole è stato un ripiego (int. 18, Presidente Agenzia di Sviluppo Areanolana). Il secondo è segnato dal progressivo potenziamento dell attività commerciale rispetto a quella agricola, a lungo combinate nella tradizione economica locale. Passaggi paralleli, forzati dal dissesto idrogeologico e ambientale, dalla parcellizzazione della proprietà agraria e dalla terziarizzazione dell occupazione a partire dagli anni 70. A seguire, il salto dal commercio all impresa, di solito segnato dall ingresso nei consigli di amministrazione delle nuove generazioni; i finanziamenti pubblici sono quasi sempre alla base della svolta. Le strategie di crescita delle imprese puntano soprattutto sull innovazione produttiva: il miglioramento del prodotto in termini di qualità è l obiettivo primo dell innovazione tecnologica e del potenziamento degli impianti; i

7 passaggi successivi prevedono la diversificazione del prodotto, la concentrazione delle varie fasi di lavorazione, l apertura del mercato, la delocalizzazione di stabilimenti e magazzini. Due elementi principali fanno la differenza tra le poche imprese leader (fatturato medio annuo superiore ai 100 milioni di euro) e le tante imprese minori (fatturato medio annuo tra 10 e 30 milioni di euro) nella filiera del sistema nolano: il mercato di riferimento e le pratiche cooperative. Mentre le prime sono lanciate sul mercato globale, le altre restano ancorate ad un mercato locale non competitivo, strutturato sulla base di relazioni personali informali e in cui le modalità di produzione, commercio e trasformazione sono difficilmente separabili tra loro: Nel mercato di Piazza Duomo ( a Nola) c è la contrattazione del prezzo. I mediatori sono conosciuti. Ho ereditato i miei da mio padre, mi conoscono da quando ero piccolo. C è, con alcuni, un rapporto di fiducia ( ). Niente di scritto. Si chiude l affare con una stretta di mano (int. 2, imprenditore) E un mercato regolato da intermediatori locali, che tenacemente ostacolano processi di organizzazione sistemica sia della produzione che della commercializzazione alimentare. La cooperazione intenzionale come risorsa di sviluppo appartiene solo alle grandi imprese, per le quali si traduce più spesso in collegamenti proprietari e consorzi. Tra le imprese minori, ma soprattutto tra i piccoli produttori la logica del mettersi insieme incontra ancora il muro dell individualismo. 4. Confini La vitalità economica del sistema locale nolano si concretizza in due settori tra loro distinti e separati: la logistica del Distretto CIS-Interporto-Vulcano Buono e la lavorazione e commercializzazione di prodotti agroalimentari. Due realtà che hanno tra loro un unico, recente nodo di contatto: solo la Besana, impresa multinazionale operante nell agroalimentare, ha un magazzino per lo stoccaggio delle merci all interno del Distretto e utilizza la logistica dell Interporto. Per il resto, gli imprenditori si attrezzano in maniera da essere autosufficienti sia per il trasporto che per lo stoccaggio delle merci, piuttosto che accedere ai servizi del Distretto, il più delle volte ritenuti fuori taglia e troppo costosi per le loro esigenze. Dal canto suo, il Distretto

8 logistico punta su altri settori merceologici ed è diretto ai grandi circuiti commerciali; il principio dell autosufficienza governa tutte le attività dentro la sua cintura, alimentando una sorta di sviluppo implosivo che trova sfogo nella colonizzazione di mercati esteri attraverso il trasferimento del modello logistico. Sullo sfondo, il degrado ambientale, la crisi profonda degli altri settori produttivi, l ombra delle economie criminali. Nel quadro complicato restituito da queste dinamiche, almeno altri due punti messi a fuoco dall indagine condotta vanno evidenziati. Il primo riguarda il ruolo dell attore pubblico nello sviluppo locale. Ebbene, è il ricorso a finanziamenti pubblici a segnare il primo salto di qualità delle imprese agroalimentari, soprattutto negli anni 80-90; anche la prima componente del Distretto Interporto, il CIS, nasce con contributi pubblici. Inoltre, non sono poche le imprese ammesse di recente a progetti regionali (PSR, POR) che finanziano infrastrutturazioni o adeguamenti/innovazione degli impianti. Sul fronte delle politiche agricole, poi, emerge un assessorato regionale proattivo, che intercetta risorse e si impegna a renderle operative nella prospettiva di evitare gli sprechi che il dato generale sulla Campania mette spesso in evidenza. La chiave di volta di queste buone prassi pare stia in una dirigenza qualificata e motivata, che costruisce rapporti di fiducia con gli operatori economici del territorio. Il secondo riguarda il rapporto tra ambiente e sviluppo. Secondo gli imprenditori nolani il fattore più importante per lo sviluppo del settore agroalimentare è la protezione dell ambiente: una consapevolezza che potrebbe favorire politiche di sviluppo sostenibile e arginare lo sfruttamento selvaggio del territorio.

CAMPUS DELL INNOVAZIONE (AUTOMOTIVE e METALMECCANICA ) Prime indicazioni

CAMPUS DELL INNOVAZIONE (AUTOMOTIVE e METALMECCANICA ) Prime indicazioni CAMPUS DELL INNOVAZIONE (AUTOMOTIVE e METALMECCANICA ) Prime indicazioni 22 Maggio 2007 1. LA SITUAZIONE IN ABRUZZO CON RIFERIMENTO ALLA PROVINCIA DI CHIETI L apparato industriale della Regione Abruzzo

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

Scheda Sistema Territoriale

Scheda Sistema Territoriale VERONA E LE VALLI PREALPINE Scheda Sistema Territoriale Dati identificativi del Sistema Territoriale Nome: Verona e le valli prealpine Stato: Italia Centro urbano di riferimento: Verona Regione: Veneto

Dettagli

Sorrento, 21 novembre 2015

Sorrento, 21 novembre 2015 Sorrento, 21 novembre 2015 «Mezzogiorni d Europa d e Mediterraneo» e mobilità delle merci Linee guida per lo sviluppo dei trasporti e della logistica nel Mezzogiorno Sergio Curi, Fabrizio Dallari, Marco

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

AGORA' 6 Completamento e riqualificazione del comparto orientale del Centro Direzionale di Napoli Nell area orientale della città di Napoli è partita una grande iniziativa di sviluppo. Con la firma della

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di. Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel

Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di. Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel Consorzio Zai Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel 1948 da Comune, Provincia e Camera di Commercio di Verona ed

Dettagli

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali Il rapporto tra attività produttive e territorio negli ultimi due decenni è andato in contro a profondi cambiamenti a causa di tre fenomeni interdipendenti:

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Comune: Lugo Tav.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 9-1 Tav.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:10.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia attività (l.r.

Dettagli

Corriere Espresso Colli. Corriere Espresso Pallet. Distribuzione. Fashion Service. Logistica Integrata. Trasporto Combinato

Corriere Espresso Colli. Corriere Espresso Pallet. Distribuzione. Fashion Service. Logistica Integrata. Trasporto Combinato Corriere Espresso Colli Smyb effettua ritiro e consegna di colli senza limite di peso, in 24/48h, su tutto il territorio nazionale con controllo spedizioni via Track & Trace. Corriere Espresso Pallet Il

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese VINCENZO MAGGIONI Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese Parlare del Mezzogiorno è al tempo stesso cosa molto facile e molto difficile: facile, perché tutti sono pieni

Dettagli

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare con il sostegno della Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare Spunti di riflessione su società, economia e progetti dell area metropolitana

Dettagli

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio,

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio, PIEMONTE, EMILIA-ROMAGNA E LAZIO Cosa riservano i Psr alle agroenergie Nel tentativo di semplificare e chiarire la grande mole di materiale contenuto nei Psr, vengono qui prese in esame le Misure specifiche

Dettagli

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto)

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2.1 GLI OPERATORI COINVOLTI NELL INDAGINE Sono stati intervistati

Dettagli

Azienda Agricola Biologica La Tranquilla

Azienda Agricola Biologica La Tranquilla Azienda Agricola Biologica La Tranquilla Dove nascono i veri fuoriclasse 1 L Azienda agricola L'azienda biologica La Tranquilla, costituita grazie ai fondi del Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013, si

Dettagli

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011*

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011* Si attenua la dinamica imprenditoriale Scende, anche se di poco, per la prima volta in 10 anni il numero di imprese registrate a Torino e provincia. Cala il tasso di natalità e sale quello di mortalità.

Dettagli

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA.

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA. 4.1.7. L ATTIVITÀ TURISTICA. Secondo le stime del World Travel and Tourism Council, l industria dei viaggi e del turismo diventerà, a breve termine, la prima industria mondiale sia in termini di fatturato

Dettagli

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics La società Interporto Bologna Spa gestisce dal 1971 l Interporto di Bologna, una delle piattaforme logistiche ed intermodali più grandi in Europa. L Interporto

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

GUIDA AL MERCATO DEGLI UFFICI DI MILANO E HINTERLAND 2013-2015

GUIDA AL MERCATO DEGLI UFFICI DI MILANO E HINTERLAND 2013-2015 ESTRATTO GUIDA AL MERCATO DEGLI UFFICI DI MILANO E HINTERLAND 2013-2015 Domanda, offerta e rating di zona per investire e vendere al meglio Il mercato degli uffici di Milano e hinterland è il più importante

Dettagli

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario 2.1 Il terziario a Roma: dimensioni e tendenze evolutive 2.2 Caratteristiche della realtà romana 2.3 Le attività del terziario nel comune di Roma:

Dettagli

PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA. Giuseppe Roma DG Censis. Roma 29 novembre 2012

PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA. Giuseppe Roma DG Censis. Roma 29 novembre 2012 PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA Giuseppe Roma DG Censis Roma 29 novembre 2012 La forza della cooperazione nell economia italiana 80 mila cooperative Circa 1 milione 350 mila occupati (7,2%

Dettagli

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese I prezzi non dovrebbero essere fissati al livello più basso possibile, ma a quello sufficiente per fornire ai produttori degli standard adeguati

Dettagli

Provincia di Forlì Cesena Assessorato alle Politiche Agroalimentari

Provincia di Forlì Cesena Assessorato alle Politiche Agroalimentari Provincia di Forlì Cesena Assessorato alle Politiche Agroalimentari Gian Luca Bagnara RUOLO E STRATEGIE DEI MERCATI ALL INGROSSO AL SERVIZIO DELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA 1 SOMMARIO Perché parlare di mercati

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI Progetto Territorio Snodo di Jesi Verso una piastra logistica verde per l Italia centrale Daniele Olivi, Assessore Comune di Jesi ANCONA JESI Indice della

Dettagli

LE FILIERE AGROALIMENTARI TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE:

LE FILIERE AGROALIMENTARI TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE: MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E SOCIALI LE FILIERE AGROALIMENTARI TRA : L ANALISI QUANTITATIVA DEL SISTEMA

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

Il Terziario Innovativo e l e-government come opportunita per la ripartenza del territorio

Il Terziario Innovativo e l e-government come opportunita per la ripartenza del territorio Il Terziario Innovativo e l e-government come opportunita per la ripartenza del territorio Domenico Favuzzi Presidente Terziario Innovativo e Comunicazione di Confindustria Bari e BAT Agenda 1. Contesto

Dettagli

Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti

Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti corso di Storia economica lezione 7.03.2014 L impresa tradizionale e la sua specializzazione Nel mondo preindustriale, conviene ricordarlo, gli affari

Dettagli

C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A

C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A COOPERAZIONE CATALOGO ISMEA 2014 B A N D O P R O M O Z I O N E D E L L O S P I R I T O E D E L L A C U L T U R A D I M P R E S A PUNTI VENDITA MULTI FUNZIONALITà

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Urbanistica e industria in Lombardia Franco Sacchi (Direttore Centro Studi PIM)

Urbanistica e industria in Lombardia Franco Sacchi (Direttore Centro Studi PIM) Urbanistica e industria in Lombardia Franco Sacchi (Direttore Centro Studi PIM) Il rinnovo della città industriale Politecnico di Milano, Polo di Mantova, Salone Mantegnesco, 24 maggio 2012 http://www.pim.mi.it.

Dettagli

1.1 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.1 Struttura insediativa territoriale

1.1 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.1 Struttura insediativa territoriale DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI 1.1 Struttura insediativa territoriale ANALISI E DATI La struttura insediativa è ciò che costituisce i punti fermi del territorio, che ha più lunga durata nel tempo e che

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

La Strategia Nazionale Aree Interne

La Strategia Nazionale Aree Interne La Strategia Nazionale Aree Interne Stimolare la crescita investendo nella coesione territoriale Teresa Capece Galeota (DPS-UVAL) Comitato Nazionale Aree Interne 9 dicembre 2014 - Varese Ligure (SP) Fabrica

Dettagli

Le strategie internazionali

Le strategie internazionali Le strategie internazionali Le strategie internazionali costituiscono alternative di fondo seguite nella costruzione e/o nel rafforzamento del vantaggio competitivo in ambito internazionale (Valdani &

Dettagli

Il territorio, l economia, le imprese

Il territorio, l economia, le imprese Il territorio, l economia, le imprese Il territorio e la popolazione La Puglia è suddivisa dal punto di vista amministrativo in cinque province e 258 comuni, distribuiti su un territorio di oltre 300.000

Dettagli

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta.

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. Andrea Payaro Le regole della supply chain devono essere applicate anche al settore dell ortofrutta. Frammentazione degli operatori e dimensioni aziendali ridotte

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli

5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (iv) e 24 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 15 e punto 5.3.1.1.4. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06 1.1.4.

Dettagli

Dai cereali alla birra agricola, come trasformare un azienda

Dai cereali alla birra agricola, come trasformare un azienda Dai cereali alla birra agricola, come trasformare un azienda Due giovani imprenditori agricoli puntano sull innovazione per rendere la loro azienda più competitiva La Masseria è nata nel 1940 quando i

Dettagli

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani DIPARTIMENTO POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Viale Vincenzo Verrastro, 10-85100 Potenza ass_agricoltura@regione.basilicata.it tel. 0971668710 fax 0971668731 L ASSESSORE Potenza lì 05/05/2014 MATERA 2019

Dettagli

Classificazione dei nodi di trasporto merci

Classificazione dei nodi di trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Classificazione dei nodi di trasporto merci Strutture, caratteristiche, funzioni Struttura del trasporto

Dettagli

Il sistema economico locale: industria e terziario

Il sistema economico locale: industria e terziario Capitolo 6 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 6 Il sistema economico locale: industria e terziario In questo capitolo sono presentati gli indicatori

Dettagli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna Marco Sassatelli Il quadro - Produzione industriale ed export - 60 Produzione Fatturato Ordini 40 20 0-20 2003 - I 2003 - II 2003 - III 2003 - IV 2004 -

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Information Memorandum Strettamente privato & confidenziale Novembre 2012 Con la consulenza fornita da: Indice & Disclaimer 1. Finalità della presentazione

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

I fondi europei per la coesione. passodopopasso

I fondi europei per la coesione. passodopopasso I fondi europei per la coesione >> passodopopasso FONDI EUROPEI 2014-2020 All Italia spettano 44 miliardi di Euro (22.2 miliardi alle Regioni del Sud) Sviluppo regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA MOSSA

AZIENDA AGRICOLA MOSSA AZIENDA AGRICOLA MOSSA quando allevare gli animali significa curarne il benessere 1 L azienda agricola L azienda agricola Mossa pratica l allevamento della pecora di razza sarda. La conduttrice Francesca

Dettagli

Azienda Agricola biologica Costa Dorothea

Azienda Agricola biologica Costa Dorothea Azienda Agricola biologica Costa Dorothea Qualità e ricerca in una produzione di nicchia 1 L azienda agricola L azienda agricola Dorothea Costa nasce nel 2007 con i fondi del Piano di Sviluppo Rurale 2007/2013

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

dove siamo L ottima posizione strategica facilmente raggiungibile da qualsiasi direzione

dove siamo L ottima posizione strategica facilmente raggiungibile da qualsiasi direzione i numeri del CAAR Superficie: estensione 17 ettari Aree coperte: mq. 45.000 Viabilità e parcheggi: mq. 20.000 Imprese insediate: n. 150 Settori: ortofrutta - fiori - ittico - forniture alberghiere - servizi

Dettagli

Classificazione dei nodi di trasporto merci

Classificazione dei nodi di trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt_2008 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Classificazione dei nodi di trasporto merci Strutture, caratteristiche, funzioni Struttura del trasporto

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

Il Sud si muove. Si muove l Europa.

Il Sud si muove. Si muove l Europa. Il Sud si muove. Si muove l Europa. PON TRASPORTI 2000-2006 Programma di sviluppo infrastrutturale della rete trasporti nel Sud Italia Il Programma Nell ambito delle politiche cofinanziate dai Fondi strutturali

Dettagli

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12.1 Strategia integrata e strumenti di coordinamento Nel capitolo precedente abbiamo illustrato alcuni

Dettagli

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO CORERAS IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO La Sicilia sulle tavole italiane Legge Regionale N 25 del 2011, Art. 10 VETRINE PROMOZIONALI E PUNTI MERCATALI Allarghiamo gli orizzonti, accorciamo

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei La promozione del territorio- lezione 14/ 02/ 08 Docente d. ssa Silvia Sarzanini Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei LE STRATEGIE DI SVILUPPO E PROMOZIONE DEL

Dettagli

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol.

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol. La storia e la teoria economica ci insegnano che il superamento della povertà in ambito agricolo è legato dalla capacità dei produttori di operare su una scala che consenta l accesso a mercati più ampi

Dettagli

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Roma, 3 Aprile, 2014 1 PARTE PRIMA La filiera agroalimentare italiana: operatori,

Dettagli

Campobasso. Presentazione del Rapporto. L economia del Molise

Campobasso. Presentazione del Rapporto. L economia del Molise Campobasso - 15 giugno 2010 - Presentazione del Rapporto L economia del Molise Il quadro di riferimento: il Molise Aggravamento della fase recessiva L economia reale Contrazione valore aggiunto in tutti

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

Relazione del Presidente ANICAV ANTONIO FERRAIOLI

Relazione del Presidente ANICAV ANTONIO FERRAIOLI Relazione del Presidente ANICAV ANTONIO FERRAIOLI Foggia, 26 novembre 2013 IL FILO ROSSO DEL POMODORO FOGGIA 26 Novembre 2013 Intervento del Presidente Antonio Ferraioli L incontro di oggi rappresenta

Dettagli

RAPPORTO SULLA MOBILITÀ NELL AREA NAPOLETANA

RAPPORTO SULLA MOBILITÀ NELL AREA NAPOLETANA RAPPORTO SULLA MOBILITÀ NELL AREA NAPOLETANA (PROF. ALESSANDRO BIANCHI) NAPOLI, 16 MAGGIO 2016 NATURA E OBIETTIVI DEL RAPPORTO La collaborazione tra Unione Industriale di Napoli e SVIMEZ I Piani di Primo

Dettagli

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino - Palermo Rapporto Finale Dicembre 2009 Dicembre 2009 pagina 1 Uniontrasporti è una società promossa da Unioncamere

Dettagli

ANALISI delle BUONE PRATICHE

ANALISI delle BUONE PRATICHE ANALISI delle BUONE PRATICHE POR FESR FVG 2007-2013 Scheda di valutazione Asse 3, Attività 3.1.b INVESTIAMO NEL NOSTRO FUTURO www.regione.fvg.it Progetto Safe and Efficient Cargo [ la scheda fa riferimento

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015

LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015 LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015 Nota a cura di SMI SISTEMA MODA ITALIA Il commercio con l estero nei primi dieci mesi del 2014 Secondo i dati ISTAT ad oggi disponibili, relativi al periodo gennaio-ottobre

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere.

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. L idea Il Consorzio Il Made in Italy, conosciuto ovunque nel mondo, ha nei PRODOTTI AGROALIMENTARI una delle

Dettagli

Abruzzo 2015 Accordo di Programma. tra il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Abruzzo

Abruzzo 2015 Accordo di Programma. tra il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Abruzzo 1 Abruzzo 2015 Accordo di Programma tra il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Abruzzo Progetto speciale a sostegno dello sviluppo produttivo dei Distretti della Regione Abruzzo Pescara, 21

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

Relazione. Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di. essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio.

Relazione. Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di. essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio. Relazione Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio. L assemblea odierna non è solo un momento di verifica e di approvazione

Dettagli

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie Osservatorio congiunturale della Fondazione Res Photo & Design Maria Izzo Fondazione Res ongiunturares Lo scenario di previsione Lo scenario inerziale La crisi in atto La ricomposizione della domanda al

Dettagli

Le iniziative regionali a favore dello sviluppo e della crescita di nuove imprese

Le iniziative regionali a favore dello sviluppo e della crescita di nuove imprese Le iniziative regionali a favore dello sviluppo e della crescita di nuove imprese Carolina Cortese - Regione Campania Assessorato alle Attività Produttive INCIPIT 26 novembre 2007 Iniziative regionali

Dettagli

La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità

La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità MCE 2012 La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità Prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica Università Carlo Cattaneo - LIUC 1 Distribuzione

Dettagli

A n a l i s i s i n t e t i c a d e l l e p r i n c i p a l i c a r a t t e r i s t i c h e

A n a l i s i s i n t e t i c a d e l l e p r i n c i p a l i c a r a t t e r i s t i c h e COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali U. Org. Studi e Statistica LE ATTIVITÀ ECONOMICHE NEL COMUNE DI UDINE 2006 A n a l i s i s i n t e t i c a d e l l e p r i n c i p a l i c a r a t t e r i s

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA. Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola. Roma, Gennaio 2007

LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA. Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola. Roma, Gennaio 2007 LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola Roma, Gennaio 2007 1 Indice Definizioni La logistica La logistica integrata Il trasporto intermodale L interporto La

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

Le piccole ci à. Sociologia dello sviluppo economico locale A.A. 2012/2013 Relazione di Valentina Barbaglia Marta Gallina

Le piccole ci à. Sociologia dello sviluppo economico locale A.A. 2012/2013 Relazione di Valentina Barbaglia Marta Gallina Le piccole ci à Sociologia dello sviluppo economico locale A.A. 2012/2013 Relazione di Valentina Barbaglia Marta Gallina L ogge o di studio Ø Sistemi economici caratterizzati da attività ad alta tecnologia

Dettagli

distretti industriali: nuove dimensioni della

distretti industriali: nuove dimensioni della La parabola dei distretti industriali: nuove dimensioni della competitività di Giuseppe GAROFALO (Facoltà di Economia Università della Tuscia) Civita Castellana (Vt) 4 febbraio 2010 Uno studio Fase 1 -

Dettagli

Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione:

Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione: GAL Riviera dei fiori. Asse 4 Leader del Programma regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013. Misura 421 Cooperazione. Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione: 1) Valorizzazione

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli