L INDUSTRIA DELLE POMPE IN ITALIA OVERVIEW ED. 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L INDUSTRIA DELLE POMPE IN ITALIA OVERVIEW ED. 2014"

Transcript

1 L INDUSTRIA DELLE POMPE IN ITALIA OVERVIEW ED Ufficio Studi ANIMA Federata

2 Obiettivi della ricerca A. Individuazione del settore sulla base delle combinazioni prodotto/mercato; B. Descrizione delle forme organizzativo/produttive tipiche; C. Analisi della domanda e del contesto di riferimento (in termini di segmenti di mercato, suddivisione delle quote di mercato, ecc.); D. Presentazione del trend storico e delle previsioni circa i principali dati economici aggregati di settore; E. Analisi della strategia delle imprese; F. Discussione degli indicatori economico-finanziari maggiormente rilevanti per l apprezzamento delle performance delle imprese; G. Valutazione delle prospettive del settore 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 2

3 Metodologia Per lo studio ci si è avvalsi sia di strumenti di ricerca quantitativi che qualitativi con analisi di documenti pubblici, questionari strutturati e interviste ai responsabili marketing di alcune imprese individuate nell ambito dell associazione e rappresentative del campione indagato. Le tecniche di indagine sono state prevalentemente di tipo descrittivo ma in talune circostanze si sono applicati alcuni semplici metodi induttivi. 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 3

4 Metodologia Gli step di ricerca: individuazione dei prodotti individuazione del campione d indagine analisi dati commercio internazionale analisi macroeconomica (settore e macro settore impiantistica) individuazione delle strategie prevalenti nel settore analisi dei principali indicatori economico-finanziari 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 4

5 Fonti utilizzate Lo studio è realizzato sulla base di fonti secondarie e primarie. I dati pubblicamente disponibili sono stati reperiti tramite le seguenti banche dati: BvD-AIDA per i bilanci delle imprese; ISTAT, EUROSTAT e UN-Comtrade per il commercio internazionale Banca dati «BeOnBusiness» dell Agenzia delle Entrate 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 5

6 Il campione Il settore è composto da tutti i produttori di pompe realizzate con tecnologia elettromeccanica costruite con tutti i materiali possibili. I codici ATECO che descrivono il settore sono i seguenti: Fabbricazione di apparecchiature fluidodinamiche Fabbricazione di altre pompe e compressori 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 6

7 28.12 Fabbricazione di apparecchiature fluidodinamiche fabbricazione di componenti idrauliche e pneumatiche (incluse pompe idrauliche, motori idraulici, pistoni idraulici e pneumatici, valvole idrauliche e pneumatiche, accessori idraulici e pneumatici) fabbricazione di attrezzature per la preparazione dell'aria per sistemi pneumatici fabbricazione di sistemi fluidodinamici fabbricazione di apparecchiature di trasmissione idraulica fabbricazione di trasmissione idrostatica Dalla classe sono escluse: fabbricazione di compressori; fabbricazione di pompe per applicazioni non idrauliche; fabbricazione di valvole per applicazioni non fluidodinamiche; fabbricazione di apparecchiature di trasmissione meccanica 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 7

8 28.13 Fabbricazione di altre pompe e compressori fabbricazione di pompe ad aria o per vuoto e di compressori d'aria o di altro gas fabbricazione di pompe per liquidi dotate o meno di un dispositivo di misurazione fabbricazione di pompe per motori a combustione interna, inclusi quelli per veicoli a motore: pompe per la circolazione di olio, acqua e carburante fabbricazione di pompe a mano fabbricazione di pompe per autoveicoli e loro motori fabbricazione di elettropompe Dalla classe è esclusa: fabbricazione di apparecchiature idrauliche e pneumatiche 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 8

9 Definizione del perimetro Tali codici includono anche i compressori e le pompe oleodinamiche, prodotti che esulano dalla presente trattazione. L analisi si è quindi focalizzata sulle circa 200 aziende produttrici di pompe individuano 600 aziende circa aziende 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 9

10 I mercati di destinazione Settore di utilizzo - quota di mercato mondiale Siderurgia 3% Altro 16% Oil&Gas 20% Industria alimentare 5% Energia 7% Servizi idrici 12% Uso domestico 8% Industria chimica 9% Edilizia e costruzioni 10% Industria mineraria 10% 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 10

11 Il settore: la distribuzione geografica L UNIVERSO DI RIFERIMENTO 2,6% 2,9% 4,6% 2,1% 1,9% 7,2% 33,2% Lombardia Emilia-Romagna Veneto 7,3% Piemonte 17,3% 20,9% Toscana Campania Puglia Marche Liguria altro IL CAMPIONE SOSE 1,60% 1,60% 1,90% 2,10% 2,40% 2,40% 5,10% 6,10% 15,40% 1,30% 1,30% 2,90% 18,60% 37,30% Lombardia Emilia Romagna Veneto Piemonte Toscana Umbria Puglia Friuli Venezia Giulia Liguria Lazio Campania Sicilia Abruzzo Altri 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 11

12 Le aziende analizzate Le prime 18 aziende realizzano il 60% del fatturato complessivo 40% 60% prime 18 aziende altre 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 12

13 Le aziende analizzate Il sistema si presenta molto «polverizzato» causa un elevato numero di aziende aventi fatturato inferiore a 10 mln Classe di fatturato n. oltre 40 mln 25 tra 10 e 40 mln 31 meno di 10 mln /06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 13

14 Ruolo delle pompe nel macro-settore componentistica All interno di ANIMA sono rappresentate numerose produzioni riconducibili al macro-settore della componentistica per impianti industriali. Escludendo il settore del montaggio impianti industriali, il settore delle pompe rappresenta, in termini quantitativi, il secondo comparto produttivo di maggior peso. 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 14

15 Macro-settore ANIMA componentistica Valore complessivo mln euro Turbine a vapore 13,3% 26,7% 9,0% 2,4% 2,6% 9,9% 13,7% 6,1% 16,3% Turbine idrauliche Turbine a gas Compressori d'aria e pompe per vuoto Pompe Attrezzature ed impianti petroliferi Caldareria Valvolame industriale Materiale Antincendio 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 15

16 Analisi macroeconomica Dall analisi effettuata, per quanto attiene i valori di produzione ed esportazione, emerge per il settore delle pompe, un quadro di leggera crescita nel triennio * Produzione mln Esportazioni mln * Previsioni Le aziende del settore si distinguono per la loro marcata propensione all export * Export / Produzione mln 71% 72% 72% 72% * Previsioni 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 16

17 L export italiano di pompe 7,5% 40,1% 10,2% 26,2% 9,2% 5,1% 1,7% 18/12/2014 Attività Ufficio Studi ANIMA 17

18 Il commercio internazionale delle pompe per liquidi e il posizionamento dell Italia (1/2) L analisi dei dati di commercio internazionale è una preziosa fonte d informazione e costituisce uno strumento: di comparazione tra la performance commerciale del sistema produttivo nazionale e quelli dei paesi concorrenti suscettibile di elaborazione ulteriore capace di fornire informazioni più sofisticate sulla potenziale collocazione dei paesi all interno del commercio internazionale 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 18

19 Il commercio internazionale delle pompe per liquidi e il posizionamento dell Italia (2/2) L analisi dell export mondiale del settore pompe con riferimento al periodo è stata articolata in tre fasi distinte. 1. Definizione delle classi merceologiche più rappresentative del settore, individuazione dei codici merceologici e definizione delle classifiche a livello mondiale in termini di export e saldo commerciale (banca dati UN-Comtrade) 2. Analisi e posizionamento dell Italia rispetto ai principali competitors europei sul mercato internazionale (UE28) (Banca dati Eurostat) 3. Analisi dei principali mercati internazionali di importazione del settore pompe e posizione occupata in essi dal nostro Paese (banca dati Trade Map dell International Trade Centre) 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 19

20 Pompe centrifughe nel mondo nell anno 2012 la Cina ha importato pompe centrifughe per un valore complessivo di circa 889 mln $ quali sono i principali Paesi che hanno esportato verso il mercato cinese? 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 20

21 Pompe centrifughe in Cina Giappone e Usa sono i principali esportatori di pompe centrifughe in Cina L Italia è il 10 Paese esportatore con una quota di poco superiore a quella della Svizzera e di poco inferiore a quella dei Paesi Bassi 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 21

22 Il settore e le imprese che vi operano Struttura dell offerta Processo di creazione del valore I mercati di sbocco I mercati geografici Focus sulle piccole e micro aziende Il sistema di valore Le strategia adottate 18/12/2014 Ufficio Studi ANIMA 22

23 Il settore: le micro-piccole DIPENDENTI Le piccole e micro imprese mostrano una prevalenza di società di capitali Con un fatturato che per il 50% del campione è sotto il milione di euro L attività prevalente è quella della produzione (solo il 14% indica la commercializzazione come business prevalente) Ed in particolare rispetto a prodotti finiti Si opera con un marchio proprio 11,78% 0 dipendenti 1 dipendente 2 dipendenti da 3 a 5 da 6 a 9 da 10 a 15 da 16 a 19 da 20 a 49 2,56% 5,23% 2,60% 12,05% 2,10% 6,10% 0,0% 17,60% 19,90% 62,82% 15,70% 20,00% 11,20% 7,40% MERCATI DI SBOCCO 1,54% 1,42% Industria Commercianti all'ingrosso Artigiani Altra clientela Enti pubblici e privati Commercianti al dettaglio Privati Grande distribuzione organizzata 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 23

24 Il settore: una prima mappatura 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 24

25 Il settore: il sistema di valore FCS e problematiche elevati standard di qualità problema del controllo percezione di qualità e affidabilità vicinanza al cliente rapporti consolidati vicinanza al cliente barriere all ingresso per nuovi mercati creazione di asimmetrie informative (es. efficienza) efficacia tempi brand awarness efficienza innovazione servizio prezzo vicinanza col cliente continuità del rapporto informazioni di feedback Catena del valore dei fornitori Catena del valore del produttore Catena del valore dei canali Catena del valore dell End user Fonderie Forgiatori Stampatori Officine meccaniche (altri produttori di pompe) Società di ingegneria Agenti (mono/plurimandatari) Distributori Filiali Impianti normalmente di varie dimensioni che operano nei diversi mercati Con necessità legate al fluido pompato, al mercato di utilizzo e alle normative di settore 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 25

26 Il settore: la generazione del valore Una strategia dominante appare quella di una forte integrazione delle fasi produttive dove si può presidiare la creazione del valore per il cliente Il know-how (diversamente declinato: innovazione, conoscenza del cliente, capacità di controllo, capitale relazionale) ed il brand rappresentano delle risorse fondamentali Queste evidenze trovano conferma dalle analisi economico finanziarie e nelle considerazioni sul sistema di valore ideazione progettazi one approvvigi onamento produzion e marketing e vendite servizio post vendita Innovazione di prodotto e di processo Ricerca e sviluppo Presenza vendor list Conoscenza del mercato Conoscenza del cliente finale Capacità di integrazione a monte (efficacia e d efficienza) Controllo fornitura Conoscenza del mercato Conoscenza del cliente finale Know how Conoscenza del mercato Vicinanza al cliente Brand affidabile Prezzo Presenza vendor list Capacità di innovare Capacità di comunicare Collaudo (sala prove) Capitale relazionale Vicinanza al cliente Brand Tempi Know how 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 26

27 Il settore: la generazione del valore e le strategie adottate Investimenti per tipologia materiali immateriali 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 27

28 Distribuzione del rapporto Valore Aggiunto / Vendite inf. 10% da 10% a 20% da 20% a 30% da 30% a 40% da 40% a 50% sup. 50% 100% 5,10% 5,92% 5,68% 7,73% 5,88% 90% 8,92% 16,57% 14,20% 9,39% 14,97% 80% 70% 60% 26,11% 25,44% 28,41% 28,73% 29,41% 50% 40% 30% 32,48% 26,04% 31,82% 28,18% 28,34% 20% 10% 19,75% 18,93% 17,05% 20,99% 14,97% 0% 7,64% 7,10% 2,84% 4,97% 6,42% /12/2014 Titolo titolo titolo 28

29 Il settore: le strategie (1/2) Si rafforza la necessità di integrazione che, quando non passa dalle acquisizioni, richiede coordinamento e cooperazione (a monte) ma anche a valle A fronte di questa evoluzione assume un ruolo chiave il controllo Catena del valore dei fornitori Catena del valore del produttore Catena del valore dei canali Catena del valore dell End user Integrazione a valle partnership - Controllo qualità e affidabilità - Integrazione a monte di alcuni processi (efficienza, qualità) Azioni per : - migliorare feedback control - potenziare CRM 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 29

30 Il settore: le strategie (2/2) - Prevale un vantaggio competitivo basato sulla differenziazione: - il prezzo diventa sempre più importante ma prevale l attenzione alla qualità e all efficacia anche misurata sui servizi - si profilano imprese sempre più concentrate sulla soluzione di problemi - tema all ordine del giorno con riferimento all efficienza: saving energetico - Spiccata specializzazione per prodotto o mercato - Con la tendenza dei leader ad ampliare la gamma di prodotti offerti attraverso politiche di brand extension - si afferma una ricerca sempre maggiore di integrazione (più o meno stretta) lungo la filiera a monte e a valle (problema controllo) - Crescita dimensionale esterna (fusioni e acquisizioni) - Marcata internazionalizzazione 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 30

31 I risultati economici e finanziari L attenzione è stata svolta su tutte le imprese del settore (194) al fine di evidenziare nel quinquennio le dinamiche relative a: Redditività e gestione delle imprese del settore; Dinamica degli investimenti; Indebitamento e liquidità delle imprese; Patrimonializzazione e solidità Finanziaria imprese per fatturato <1 mln >1<10 mln >10<40 mln >40 mln # imprese I dati sono illustrati sia a livello aggregato, sia, ove rilevante, per classe dimensionale delle imprese. Si tratta di elaborazioni sulla base di dati AIDA-BVD. 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 31

32 L equilibrio economico Fatturato (base 2008) FATTURATO 14,00 12,00 10,00 8,00 6,00 4,00 Redditività delle imprese 2,00 redditività per classe dimensionale (ultimo anno) anno 2012 da 1 a 10 da 10 a 40 >40 Redditività di tutto il capitale investito (ROI%) Redditività delle venditite (ROS%) Redditività del capitale proprio (ROE%) , EBITDA/Vendite (%) Redditività di tutto il capitale investito (ROI%) Redditività delle venditite (ROS%) Redditività del capitale proprio (ROE%) 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 32

33 Efficienza e investimenti 1,40 Rotazione capitale investito Investimenti per tipologia 4,50% 1,30 4,00% 1,20 3,50% 1,10 3,00% 1,00 2,50% 0, ,00% 1,50% Rotaz. cap. investito (volte) 1,00% 180,00 170,00 Durata ciclo commerciale INVESTIMENTI.MAT. (% VENDITE) 0,50% 0,00% INVESTIMENTI.IMM. (% VENDITE) 160,00 150,00 140,00 130,00 120, Durata Ciclo Commerciale investimenti per classe dimensionale (ultimo anno) anno 2012 da 1 a 10 da 10 a 40 >40 INVESTIMENTI (% VENDITE) 4.7% 3.0% 9.3% INVESTIMENTI.MAT. (% VENDITE) 3.8% 2.1% 3.4% INVESTIMENTI.IMM. (% VENDITE) 0.8% 0.9% 5.9% 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 33

34 L equilibrio finanziario Liquidità immediata Costo dell'indebitamento (%) 1,60 7,00 1,50 6,50 1,40 6,00 1,30 5,50 1,20 5,00 1,10 4,50 1, , Indice di liquidità Costo denaro a prestito (%) Debiti vs banche su fatturato (%) Grado di copertura degli interessi passivi 18,00 45,00 17,00 40,00 16,00 35,00 15,00 30,00 14,00 25,00 13, , /06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 34

35 La solvibilità Composizione fonti di finanziamento (base 2008) 0,35 Leva finanziaria ,3 0,25 0, Patromonio Netto Posizione Finanziaria Netta 0,15 0,1 0,05 1,50 Copertura delle immobilizzazioni materiali LEVA FINANZIARIA LEVA FINANZIARIA "rettificata" 1,40 1,30 soggetti con NCP (PFN<0) 1,20 anno , Indice di copertura delle immob. mat. (patrimoniale) # ammontare totale , /06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 35

36 Conclusioni IL SETTORE ESAMINATO, SEPPUR NELLA DISOMOGENEITA DI COMPORTAMENTO DELLE IMPRESE PRESE SINGOLARMENTE E/O NELLE DIVERSE CLASSI DIMENSIONALI, MOSTRA UNA BUONA TENUTA DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI NEL QUINQUENNIO (RECESSIVO) IN PARTICOLARE RISALTANO: 1. IL MIGLIORAMENTO DELLA LIQUIDITA DELLE IMPRESE, che si traduce nella loro capacità di far fronte agli impegni finanziari. 2. IL RAFFORZAMRNTO PATRIMONIALE, sintetizzato dalla notevole contrazione della leva finanziaria. 3. LA CRESCENTE CAPACITA DI SOSTENERE IL DEBITO, dovuta alla contemporanea riduzione del livello dei tassi e dell indebitamento netto delle imprese. 10/06/2014 RICERCA E STUDIO SETTORE ASSOPOMPE 36

Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI

Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI Divisione Ricerche Claudio Dematté Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI 10 luglio 2014 Premessa L Osservatorio OPMI, promosso dal Knowledge Center di SDA

Dettagli

Il settore estrattivo in Italia

Il settore estrattivo in Italia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Sala del Consiglio 9 aprile 2013 Il settore estrattivo in Italia Analisi e valutazione delle strategie competitive per lo sviluppo sostenibile Francesca CERUTI

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Workshop Trade Finance 27 maggio 2014

Workshop Trade Finance 27 maggio 2014 Workshop Trade Finance 27 maggio 2014 1 1 Euler Hermes: Overview del Gruppo 2 Lo scenario economico: le insolvenze aziendali 3 La Partnership Euler Hermes Crédit Agricole 4 Le nostre offerte di prodotti

Dettagli

ELITE. Thinking long term

ELITE. Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE valorizza il presente e prepara al futuro. Per aiutare le imprese a realizzare i loro progetti abbiamo creato ELITE, una piattaforma unica di servizi

Dettagli

IL MONDO DEI PICCOLI E MEDI OPERATORI INTERNET: ANALISI E DATI DI SETTORE

IL MONDO DEI PICCOLI E MEDI OPERATORI INTERNET: ANALISI E DATI DI SETTORE INTERNET SERVICE PROVIDER ITALIANI una risorsa ed una opportunità per il Paese IL MONDO DEI PICCOLI E MEDI OPERATORI INTERNET: ANALISI E DATI DI SETTORE Fabrizio D Ascenzo - Francesco Bellini Dipartimento

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI. Preparato per: Assobioplastiche

IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI. Preparato per: Assobioplastiche IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI Preparato per: Assobioplastiche Plastic Consult Le due anime aziendali Dal 1979 Consulenza e business intelligence nel settore petrolchimico / materie plastiche

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

EnErgia particolare.

EnErgia particolare. Energia particolare. LA STRUTTURA DEL GRUPPO. Gruppo UNOGAS aree di attività: Area vendita gas Area vendita energia Area servizi energetici e impiantistica Area importazione e trading ABBIAMO FATTO MOLTA

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 1 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 06 Aprile 2015 1 Principali evidenze A fine marzo 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI. Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006

FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI. Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006 FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006 IL COMPARTO INDUSTRIALE E COMMERCIALE: Pagina 1. LA COMPOSIZIONE

Dettagli

EDILIO crea opportunità di business

EDILIO crea opportunità di business EDILIO crea opportunità di business LUOGO D INCONTRO TRA PROFESSIONISTI E AZIENDE Listino Pubblicità 2014 EDILIO: testata giornalistica, network, community. Uno strumento per la tua azienda Edilio.it è

Dettagli

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato.

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, la nuova piattaforma fieristica B2B dedicata ai sistemi

Dettagli

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione 2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione La creatività è uno dei principali driver della competitività del nostro sistema produttivo. Le imprese che investono in creatività e nelle capacità individuali

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

L'importanza del Fattore Umano:

L'importanza del Fattore Umano: L'importanza del Fattore Umano: Tendenze e testimonianze dalle Eccellenti 2015 7 a Edizione Palazzo Mezzanotte 15 giugno 2015 Agenda 1 Osservatorio PMI Global Strategy PMI Italiane: competitività e eccellenza

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 3 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 07 Ottobre 2015 Principali evidenze A fine settembre 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a)

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a) Il Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/1996, art. 2 comma 1, lett. a) Report mensile I risultati al 3 aprile 215 1 Indice 1. Le domande presentate... 3 1.1 Le domande presentate nel periodo 1 gennaio-3

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

BCC FACTORING - SOLUZIONI PER LE IMPRESE

BCC FACTORING - SOLUZIONI PER LE IMPRESE BCC FACTORING - SOLUZIONI PER LE IMPRESE - Relatore: Oliviero Sabato Direttore Generale BCC Factoring Aula Magna Università degli Studi di Reggio Emilia, 08 ottobre 2014 2 Agenda Il mercato BCC Factoring

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Francesca Belinghieri. Novara, 11 giugno 2014

Francesca Belinghieri. Novara, 11 giugno 2014 Novara, 11 giugno 2014 "Il Nuovo SET (Servizio Emergenze Trasporti), uno strumento operativo per la gestione delle emergenze a supporto delle Autorità Pubbliche e delle Imprese". Francesca Belinghieri

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 119 117 114 69 52 28 14 1 343 267 242 215 444 607 736 946 938 1.168 1.066 1.622 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 Il caldo torrido di questa estate sembra aver

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI

LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI Conegliano, 20 febbraio 2014 DENIS PANTINI Direttore Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI I temi di approfondimento

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Focus sul settore high tech 5 Dicembre 2007 Indice Overview generale Il mercato italiano del Private equity e Venture capital Focus sul settore

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO M A G G I O 2002 DODICI Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA Alla sua elaborazione hanno partecipato: Paolo Andreozzi

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Il settore della REFRIGERAZIONE

Il settore della REFRIGERAZIONE Il settore della REFRIGERAZIONE Progetto MISE-Unioncamere Luglio 2014 Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali - Università di Padova Agenda Inquadramento del settore Descrizione del

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa Confartigianato Imprese Mantova CONVEGNO RILANCIO DELL EDILIZIA COME USCIRE DAL TUNNEL Proposte per cittadini e imprese Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa A cura di Licia

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: 20 gennaio 2015 Principali evidenze A fine dicembre 2014 il numero di startup innovative

Dettagli

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia Febbraio 2015 Con il contributo scientifico di Indice Obiettivi

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico Decreto del direttore generale per il personale scolastico n. 82 del 24 settembre 2012: indizione dei concorsi a posti e cattedre, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento del personale docente

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori)

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori) Consumo annuo (kwh) Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di energia elettrica Corrispettivi previsti dall offerta free di eni alla data del 01/02/2011, valida fino alla data del 15/04/2011

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale FC-VECA.A-I_SW_DOM_ DOM_DUAL - All.8 Sconta prezzo gas sul valore della componente commercializzazione all'ingrosso (componente relativa alla materia prima Materia Prima Gas (CCI) /Smc 0,414734 L offerta

Dettagli

Modulo Raccolta Dati Dati dell Azienda e della sua Attività

Modulo Raccolta Dati Dati dell Azienda e della sua Attività Modulo Raccolta Dati Dati dell Azienda e della sua Attività 1 Dati dell Azienda Ragione e forma sociale Codice Nace Sede Legale: Via/Piazza Stato/Città C.A.P. Sede Operativa: Via/Piazza Stato/Città C.A.P.

Dettagli

I principali temi. Crescita dimensionale. Reti d impresa e altre forme di alleanza. Innovazione e ricerca. Capitale umano e formazione

I principali temi. Crescita dimensionale. Reti d impresa e altre forme di alleanza. Innovazione e ricerca. Capitale umano e formazione I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale umano e formazione Internazionalizzazione: Esportazioni Investimenti diretti esteri Efficienza

Dettagli

ANALISI RICAMBI AUTO E MOTO 2008 2012

ANALISI RICAMBI AUTO E MOTO 2008 2012 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione Generale per la lotta alla contraffazione UIBM ANALISI RICAMBI AUTO E MOTO AUTO E MOTO. RICAMBI E ACCESSORI

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Report incentivi ISI 2011

Report incentivi ISI 2011 Report incentivi ISI 2011 Il 28 giugno 2012 si è conclusa regolarmente la procedura telematica che nell'arco di tre giorni ha coinvolto circa 20.600 imprese per l'assegnazione dei 205 milioni di euro stanziati

Dettagli

Marco Barbi Commissione Regionale ABI Emilia Romagna

Marco Barbi Commissione Regionale ABI Emilia Romagna CONVEGNO AGRIFIDI UNO EMILIA ROMAGNA Nuova PAC - Politica Agricola Comunitaria 2014-2020 «Il punto di vista del sistema bancario: analisi del contesto, credito all agricoltura, il rapporto con i Confidi»

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

Produzione di energia elettrica in Italia

Produzione di energia elettrica in Italia PRODUZIONE Produzione di energia elettrica in Italia Tabella 25 Lorda Idro Termo Eol. Fotov. Totale Idro Termo Eol. Fotov. Totale B 2008 2009 Produttori 46.351,0 248.963,5 5.050,4 300.364,9 52.553,9 212.596,6

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 giugno 2015 I trimestre 2015 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel primo trimestre del 2015, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri sono in aumento sia per le regioni

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

Il quinto Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito Italiano sulle reti d impresa. Direzione Studi e Ricerche Novembre 2014

Il quinto Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito Italiano sulle reti d impresa. Direzione Studi e Ricerche Novembre 2014 Il quinto Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito Italiano sulle reti d impresa Direzione Studi e Ricerche Executive summary 2 1. Numeri, struttura ed efficacia dei contratti di rete 4 1.1 Le caratteristiche

Dettagli

Fallimenti delle aziende in Italia Dati aggiornati a settembre 2014

Fallimenti delle aziende in Italia Dati aggiornati a settembre 2014 Fallimenti delle aziende in Italia Dati aggiornati a settembre 2014 Marketing CRIBIS D&B Agenda Analisi dei Fallimenti in Italia Company Profile Gli Strumenti Utilizzati e Metodologia 2 Tipologia di analisi

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA di Massimo Lazzari, Davide Mondaini e Violante Battistella (*) In questo contributo verrà illustrato il caso di un impresa che, aderendo al Progetto Ri-Lancio,

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 BILANCI Elaborazioni a: Settembre 2015 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Risultati economici 0. Analisi

Dettagli

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014 La storia Lettera Presidente Renzi; 1650 Comuni segnalano oltre 3300 richieste. (insieme eterogeneo) Incarico a DIPE per inizio istruttoria sui finanziamenti del DL DPCM 28/10 su allentamento Patto di

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

ELITE Crescita, Cambiamento, Leadership

ELITE Crescita, Cambiamento, Leadership ELITE Crescita, Cambiamento, Leadership ELITE ELITE è una piattaforma di servizi integrati creata per supportare le Imprese nella realizzazione dei loro progetti di CRESCITA Supporto/stimolo ai cambiamenti

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

Factoring e convenzione fornitori

Factoring e convenzione fornitori Factoring e convenzione fornitori Reggio Emilia, 25 marzo 2015 Giuliano Casagrande Direttore Commerciale Credemfactor S.p.A. Il Factoring Il concetto può essere sintetizzato in 4 parole chiave: 1. Valutazione

Dettagli

La Gestione del Personale nelle PMI

La Gestione del Personale nelle PMI La Gestione del Personale nelle PMI 1 GIRO D ITALIA AIDP Verso il 41^ Congresso Nazionale 3^ tappa Orvieto, 13 marzo 2012 LA GESTIONE DEL PERSONALE NELLE PMI APPROCCI E TESTIMONIANZE TRA NORMATIVA E FATTORI

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

Il Management Consulting in Italia

Il Management Consulting in Italia Il Management Consulting in Italia Sesto Rapporto 2014/2015 Università di Roma Tor Vergata Giovanni Benedetto Corrado Cerruti Simone Borra Andrea Appolloni Stati Generali del Management Consulting Roma,

Dettagli

totale Dal punto di vista settoriale sono particolarmente vivaci le imprese appartenenti al comparto editoria, telecomunica-

totale Dal punto di vista settoriale sono particolarmente vivaci le imprese appartenenti al comparto editoria, telecomunica- Introduzione LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE UN INDICATORE SINTETICO FRANCESCO SOLARO 1 - - ad esempio alla crescita del fenomeno e-commerce che ha fatto registrare un aumento sia degli ordini che degli

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 1 SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 2 1. Chi è è una nuova società di commercializzazione del gas e dell energia elettrica nata a Pordenone, ma presente su tutto il nord Italia. Il capitale sociale

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

Scienza e Tecnologia in cifre

Scienza e Tecnologia in cifre Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA SULL IMPRESA E LO SVILUPPO 2013 AGGIORNAMENTI Scienza e Tecnologia in cifre STATISTICHE SULLA RICERCA E INNOVAZIONE ehjkhh Ottobre 2013 Aggiornamento

Dettagli

Dati Statistici sull Energia Elettrica in Italia. Terna S.p.A. e Gruppo Terna

Dati Statistici sull Energia Elettrica in Italia. Terna S.p.A. e Gruppo Terna 2012 Dati Statistici sull Energia Elettrica in Italia Terna S.p.A. e Gruppo Terna 2012 Dati Statistici sull Energia Elettrica in Italia TERNA PER SISTAN Lavori inseriti nel: Programma Statistico Nazionale

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2013 STESSO INSIEME DI BILANCI NEI 3 ANNI Elaborazioni a: Marzo 2015 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale di imprese

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

Le aziende siciliane secondo la Normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa. Elena Desiderio Senior Product Marketing Manager

Le aziende siciliane secondo la Normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa. Elena Desiderio Senior Product Marketing Manager Le aziende siciliane secondo la Normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa Elena Desiderio Senior Product Marketing Manager Caratteristiche del campione analizzato Numerosità : 16.036 società

Dettagli

PROTOCOLLO R.e.p.i.e.

PROTOCOLLO R.e.p.i.e. PROTOCOLLO R.e.p.i.e. L innovazione per rilanciare il comparto dell edilizia WWW.R.E.P.I.E.IT 1. PARTE GENERALE 2. OPERATORI ECONOMICI 3. AFFIDAMENTO LAVORI 4. OPERATORI FINANZIARI 5. FORNITORI TECNOLOGIA

Dettagli

Come costruire itinerari turistico responsabili

Come costruire itinerari turistico responsabili Come costruire itinerari turistico responsabili GIUSEPPE MELIS INTRODUZIONE AL CONVEGNO ITINERARI TURISTICO-RESPONSABILI: STRUMENTI PER ATTIVARE PERCORSI DI QUALITÀ ORISTANO, 27 MAGGIO 2008 AUDITORIUM

Dettagli

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Controllo Interno Aree Territoriali RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Agenda 2 Il modello organizzativo : logiche e obiettivi Il perimetro organizzativo/geografico Controllo Interno: Aree Territoriali

Dettagli

Primi sui Motori. Aiutiamo le aziende a comunicare attraverso Internet

Primi sui Motori. Aiutiamo le aziende a comunicare attraverso Internet Primi sui Motori Aiutiamo le aziende a comunicare attraverso Internet SMALL CAP CONFERENCE - 21 Novembre 2013 Milestones 1998 Alessandro Reggiani fonda Syner.it Informatica, società di software orientata

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

L ambiente scolastico e sua influenza su alimentazione ed attività fisica

L ambiente scolastico e sua influenza su alimentazione ed attività fisica Roma 20 novembre 2008 Conferenza Nazionale su OKkio alla SALUTE: risultati del primo anno di indagini L ambiente scolastico e sua influenza su alimentazione ed attività fisica E. MASTANTUONO M.T. SILANI

Dettagli

REPORTISTICA ISCRITTI

REPORTISTICA ISCRITTI Augusta Tartaglione REPORTISTICA ISCRITTI Elaborazione dati periodici forniti da Previnet. Aggiornamento al 30 giugno 2014 Augusta Tartaglione Comunicazione & Promozione comunicazione@fondofonte.it tel.

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2002 NUMERO TREDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2002 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

Analisi dei fabbisogni formativi per i Dirigenti delle imprese della Distribuzione intermedia di beni di consumo non alimentari

Analisi dei fabbisogni formativi per i Dirigenti delle imprese della Distribuzione intermedia di beni di consumo non alimentari Analisi dei fabbisogni formativi per i Dirigenti delle imprese della Distribuzione intermedia di beni di consumo non alimentari ALCUNE IPOTESI FORMATIVE PER COMPARTO E TRASVERSALI Pagina 1 di 27 INDICE:

Dettagli

Addetti L-A - ripartizione per comparto

Addetti L-A - ripartizione per comparto STIMA DELLE QUANTITA DI RESIDUI LEGNOSI PRODOTTI IN ITALIA Sebastiano Cerullo* e Alessandra Pellegrini * Responsabile di AssoLegno/Federlegno-Arredo Responsabile Ufficio Normative Ambientali - Centro Studi

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli