SISTEMAZIONI IDRAULICO - FORESTALI. LAVORO ESEGUITO DA: Colombo G. Conte S. Cozzani L. Negri S. Negri V. Santonastaso M. Vivenzi P.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMAZIONI IDRAULICO - FORESTALI. LAVORO ESEGUITO DA: Colombo G. Conte S. Cozzani L. Negri S. Negri V. Santonastaso M. Vivenzi P."

Transcript

1 SISTEMAZIONI IDRAULICO - FORESTALI LAVORO ESEGUITO DA: Colombo G. Conte S. Cozzani L. Negri S. Negri V. Santonastaso M. Vivenzi P.

2 Il termine SIF, è relativo ad un insieme di basi scientifiche e applicazioni tecniche, e contenuto in testi normativi, tecnici e scientifici. Le sistemazioni idraulico - Forestali (SIF) interessano: le regole di dimensionamento e costruzione; il modo di impiego delle opere che vengono eseguite per eliminare le cause e o contrastare gli effetti dei fenomeni alluvionali, dei processi erosivi e franosidelle colate detritiche e fangose, del distacco di massi e delle cadute di valanghe, che avvengo nei bacini collinari e montani, creando, con opere intensive ed estensive, le condizioni per il ritorno della vegetazione, chiudendo il ciclo ricostruttivo degli equilibri naturali distrutti o alterati. Inoltre delle sistemazioni idraulico forestali si associa l ingegneria naturalistica che è una disciplina tecnicoscientifica, che prevede l utilizzo di materiali, reperibili in loco, vivi, da soli o in combinazione con materiali inerti, per la realizzazione di sistemazione a difesa del territorio.

3 FUNZIONI Le funzioni sono: La tutela, la conservazione e il miglioramento degli ecosistemi e delle risorse naturali; Il miglioramento dell assetto idrogeologico e la conservazione del suolo; La conservazione e miglioramento dei pascoli montani; La conservazione e l adeguato sviluppo delle attività produttive; Conservazione e adeguato sviluppo delle condizioni socio-economiche.

4 Pertanto gli obiettivi citati nella pagina precedente orientano la gestione dei boschi ponendo particolare attenzione alle principali caratteristiche positive e negative dei singoli boschi, tenendo conto: Dell estrema variabilità dei tipi colturali; Della diffusione di formazioni vegetali di origine naturale (arbusteti, formazioni riparie, pascoli) che contribuiscono ad accentuare la diversità ambientale nei comprensori forestali; Della presenza di importanti realtà produttive legate ai ripopolamenti specializzati per la produzione di legname e di specie non legnose; Dell elevata incidenza di fattori di degrado dei sistemi forestali, quindi erosione; Dei suoli, il dissesto dei versanti, gli incendi ed il pascolo non regolamentato; Del sempre più preoccupante fenomeno dell abbandono della aree interne.

5 REALIZZAZIONI Tecniche di rivegetazione La tecnica più usata è quella dell inerbimento che ha lo scopo di stabilizzare il terreno attraverso l apparato radicale riuscendo cosi a proteggere il terreno dall erosione superficiale causata dall azione battente delle piogge, ricostruendo cosi la vegetazione e le condizioni di fertilità. Negli inerbimenti devono essere utilizzate specie erbacee adatte ai diversi tipi di terreno tenendo conto del clima e della quota del sito di intervento. Le semine sono effettuate solitamente tra l inizio dell autunno e l inizio di primavera. La ricostruzione della cotica erbosa può avvenire mediante diversi modi, ma prima bisogna preparare il terreno in modo che sia nelle migliori condizioni per ospitare il seme e per la conseguente germinazione di quest ultimo. La semina manuale è effettuata a spaglio, ma la più usata per zone estese e per zone di estrema pendenza è la semina idraulica - idrosemina eseguita con miscugli di sementi composti principalmente da graminacee e leguminose. Oltre a ques ultime nel composto è presente acqua, concime, fitoormoni e altre sostanze miglioratrici del terreno. Il tutto viene distribuito attraverso potenti macchine denominate idroseminatrici.

6 Altre tecniche di rivegetazione La messa a dimora di piantine o di talee, viene effettuata principalmente nel periodo di ripresa vegetativa (marzo-aprile). Le piante arbustive possono essere ottenute da seme, da piantine a radice nuda o in contenitore, oppure da parti di pianta sotto forma di talea, astoni, ramaglia viva. Le gradonate vive sono un tipo di intervento che consiste nel consolidamento di pendii e scarpate attraverso la messa a dimora di materiale vegetale vivo. L infissione di talee a chiodo è una tecnica di messa a dimora per la rivegetazione di versanti, scarpate e sponde, che prevede l impiego di talee di grosse dimensioni, lunghe in genere dai 50 centimetri a 1 metro, da posare a seguito dell eventuale rimodellamento del terreno.

7 Opere in legname: Le palificate semplici vengono utilizzate per la stabilizzazione superficiale del suolo. L azione di ancoraggio è data dagli ancoraggi e dallo sviluppo dell apparato radicale delle piantine o talee messe a dimora dietro la paleria posta sul terreno. Per la costruzione della palizzata semplice si utilizza legname scortecciato preferibilmente di castano o larice di diametro minimo di 20 cm, che viene predisposto perpendicolarmente alla linea di massima pendenza e viene infine fissato a valle da picchetti metallici (tondini in acciaio) che vengono fissati nel terreno a profondità dagli 1 ai 2 metri. L altezza della struttura può essere aumentata soprapponendo più pali orizzontali anche di diametro inferiore rispetti al palo basale in modo da riuscire a contenere meglio il terreno, costituendo cosi un gradone che non deve avere altezza superiore ai 50 centimetri.

8 Le palificate vive di sostegno a una parete sono una evoluzione delle palificate semplici data dall inserimento di pali trasversali e da pali orizzontali sovrapposti. Anche queste strutture sono ancorate alla base da picchetti metallici. Il legname usato è di castano e larice, e queste palificate vive di sostegno rispetto alle precedenti consentono il recupero di quote maggiori grazie ad un notevole innalzamento della struttura. Le palificate vive di sostegno a doppia parete sono strutture autoportanti che vengono soprattutto utilizzati nella ricostruzione di versanti che in passato avevano subito azione di cedimento del suolo. Perciò questo tipo di palificata è costituita da una sorta di cassone di pali in legno, riempito di materiale inerte e di materiale vegetale. Il materiale di riempimento è di solito recuperato sul sito di lavoro, come materiale derivante da scavi, e di solito viene aggiunto ad esso ciottolame per migliorare l azione di drenaggio. La profondità della palizzata deve essere di 1.5 metri minimo, e di solito vengono effettuati profondi ancoraggi per avere una struttura più resistente e che perciò svolge meglio il lavoro di contenimento.

9 Le grate vive in legname rappresentano una valida tecnica di sistemazione di scarpate con elevate pendenze (ma non oltre i 60 ), vengono principalmente usate nella sistemazione delle scarpate a monte di tracciati stradali. La struttura di queste grate vive è costituita da una serie di tronchi verticali aderenti alla scarpata e distanziati tra loro di 1/2 metri. Su questi vengono fissati tramite tondini in acciaio, tronchi orizzontali, andando cosi a costituire una grata a maglie quadrate o rettangolari. Le briglie in legname e pietrame: In questo caso si tratta di opere idrauliche utilizzate trasversalmente negli alvei, e sono utilizzate per la regolazione e correzione dei corsi d acqua riducendone cosi la pendenza attraverso l inserimento di salti che rallentano la velocità dell acqua. Inoltre fermano anche il materiale solido trasportato dall acqua. La loro costruzione è molto simile alle palificate di sostegno a doppia parete ma il riempimento è composto da pietrami di adeguata pezzatura in base al lavoro da svolgere che viene di solito reperito sul posto se idoneo.

10 CANALIZZAZIONE E SISTEMI DRENANTI Le canalizzazioni ha la funzione di evitare fenomeni di dissesto geologico del suolo grazie allo scavo di canali per il deflusso dell acqua nei periodi di abbondanti precipitazioni. I canali hanno la funzione di contenere l acqua in eccesso che il terreno non può trattenere. Essi sono costituiti da pareti che ne determinano la portata a seconda della loro ampiezza. Quest ultime sono costituite da materiali appositi per evitare il disfacimento dei canali che possono essere: Legno; Pietrame; Metalli. Questi materiali vengono posati in seguito allo scavo di un canale nel terreno e vengono fissati attraverso pali e ancoraggi. Dopo il lavoro la zona interessata alle lavorazioni viene reintegrata con piante ed altre elementi utili, sia al ripopolamento della zona che all ulteriore ancoraggio e stabilizzamento del terreno circostante.

11 I materiali utilizzati per la costruzione dell opera dipendono dal tipo di funzione che andranno a svolgere e dalle forze che devono sopportare causate dalla portata d acqua, dalle pendenze e dalla capacità di erosione che l acqua possiede. Le opere hanno diverse funzioni a seconda del luogo in cui si trovano: Taglia acqua: interruzione di piccoli flussi d acqua; Rallentamento dell acqua; Canalizzazione dell eccesso d acqua; Interruzione dell erosione di tratti boschivi causata da questa. Tutte le opere hanno bisogno di una costante manutenzione per la riuscita della loro funzione perché a causa dei danni o dei mal funzionamenti può avvenire un interruzione della continuità dell opera.

12 MATERIALI I materiali normalmente utilizzati in campo di sistemazioni idraulico forestali sono: Materiale vegetale vivo; Legname; Pietrame; Materiali ferrosi; Geosintetici e fibre naturali.

13

14 MATERIALE VEGETALE VIVO: Il materiale vegetale vivo (specie erbacee, arbusti e alberi) sono di fondamentale utilizzo e vengono utilizzato insieme ad altri materiali come pietrame, materiali ferrosi ect. Per la scelta del materiale bisogna guardare le altitudini biotecniche, la capacità di resistere a fenomeni franosi e all erosione, capacità di consolidare superficialmente il terreno, capacità di resistenza della radice e capacità del drenaggio del terreno. Le specie vegetali che vengono utilizzate devono appartenere alla vegetazione autoctona, devono avere rispetto delle caratteristiche ecologiche dell area di intervento. LEGNAME: Le principali caratteristiche sono: resistenza meccanica e durabilità. Per questo sono facilmente reperibili nell arco alpino Larice o Castagno. Il diametro dei pali non deve essere superiore ai 30 centimetri, inoltre devono essere sempre scortecciati e non devono presentare difetti. PIETRAME: Il pietrame viene utilizzato per la costruzione di opere di contenimento o di difese spondali, come materiale per la fondazione di opere di sostegno e come materiale di riempimento. Il reperimento di pietrame (ghiaie, ciottoli, massi) può avvenire sul luogo di cantiere oppure dagli alvei di corsi d acqua o da cave.

15 MATERIALI FERROSI: Il materiale ferroso è composto principalmente da ferro e acciaio. Essi vengono utilizzati per giunzione di elementi come opere in legname, ancoraggio di strutture e rivestimenti di scarpate per la stabilizzazione superficiale con reti o funi. GEOSINTETICI E FIBRE NATURALI: I geosintetici sono prodotti derivati dall industria tessile. I tessuti geotessili sono materiali plastici resistenti intrecciati in modo da costruire maglie molto fitte. I tessuti geotessili non tessuti sono materiali plastici intrecciati in modo caotico hanno la funzione di drenaggio e filtrante. Le georeti e le geogriglie sono costituite da nastri di materiale sintetico saldate tra loro in intrecci che presentano maglie molto più larghe, la loro funzione consiste nel rinforzamento dei terreni e ha il vantaggio di agevolare la ripresa vegetativa. Le geomembrane sono teli di materiale plastico utilizzato per l impermeabilizzazione. I biotessuti sono materiali biologici(fibre naturali di cocco) intrecciati a costituire reti a maglie aperte. Sono biodegradabili svolgono funzione anti-erosiva e di supporto allo sviluppo delle vegetazione. Le fibre naturali vengono utilizzate tra il periodo di fine lavoro e dell affermazione della copertura vegetale in modo da contenerne l erosione in terreni con elevata pendenza.

16 I COSTI INTERVENTI ANTIEROSIVI Inerbimento di superfici piane o poco inclinate o comunque caratterizzate da fenomeni erosivi superficiali mediante spargimento manuale di un idoeneo miscuglio di sementi a seconda delle caratteristiche ecologiche stazionali (semina a spaglio). Parametri di riferimento: semente 50 g/mq. Esclusa la preparazione del piano di semina. METROQUADRO 1.00 Spargimento meccanico di una miscela formata da sementi, fertilizzanti, ammendanti, fitoregolatori in acqua, collanti tramite idroseminatrice su superfici di pendenza <20 (idrosemina semplice). Parametri di riferimento: semente 40 g/mq. Esclusa la preparazione del piano di semina. METROQUADRO 3.08

17 GRIGLIE E RETI Rivestimento di scarpata di elevata pendenza o con alto grado di erosione, previa semina(40 g/mq) mediante la stesura di una biostuia in cocco (peso minimo di 400 g/mq), fissata al terreno con interro ai bordi e con picchetti (o staffe) in acciaio (Biostuoia in cocco) METROQUADRO 9,23 Protezione di scarpate in terra mediante la posa di struttura sintetica a geocelle a nido d'ape geocella di spessore 10 cm, ed al suo intasamento con terreno vegetale, considerando di intervenire su un sottofondo precedentemente livellato e liberato da radici e sassi sporgenti, e fissaggio in trincea in testa con picchetti di ferro acciaioso a "U", altri ancoraggi andranno posizionati in ragione di 1 ogni 2 celle lungo la scarpata (Geocelle a nido d'ape in materiale sintetico tipo Armater). Inclusi il successivo riempimento con terreno e la semina (40 gr/mq) METRIQUADRI 19,38

18 SCOGLIERE E GABBIONATE Formazione di scogliera costituita da massi ciclopici di dimensioni minime 0,80 x 0,80 m, volume medio 0,45 m 3, intasata con calcestruzzo con resistenza caratteristica R'ck 250 kg/cm 2, compresa l'eventuale regolarizzazione e semina delle scarpate sovrastanti fino al vertice delle sponde ed ogni altro onere per dare l'opera compiuta secondo le indicazioni della D.L. METROQUADRO 56,19 Realizzazione di gabbionate come la voce F Distribuzione di terreno agrario sulla pedata della gabbionata per uno spessore medio di 40 cm, e messa a dimora di robuste talee di specie arbustive ad elevata capacità vegetativa (diametro 5 cm e lunghezza talee da toccare la scarpata retrostante), in numero di almeno 5 per m; compresi tutti i materiali, ed ogni altro onere per dare l'opera compiuta secondo le indicazioni della D.L. CADAUNO 269,19

19

Relazione tecnico illustrativa delle opere di Ingegneria Naturalistica previste sulla strada di nuova costruzione.

Relazione tecnico illustrativa delle opere di Ingegneria Naturalistica previste sulla strada di nuova costruzione. Relazione tecnico illustrativa delle opere di Ingegneria Naturalistica previste sulla strada di nuova costruzione. I. Introduzione Si intende con il termine ingegneria naturalistica l insieme di tutte

Dettagli

B.3: Opere di sostegno

B.3: Opere di sostegno B.3: Opere di sostegno Queste tipologie di opere riguardano il consolidamento e la stabilizzazione dei versanti attraverso opere di sostegno dei terreni. La scelta della tipologia da utilizzarsi nei singoli

Dettagli

TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI

TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI SICUREZZA AMBIENTE TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI / /////// ///// www.altaquotasrl.it LAVORIAMO PER L UOMO CON LA

Dettagli

4 TECNICHE NATURALISTICHE PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI SOSTEGNO E CONSOLIDAMENTO PROFONDO.

4 TECNICHE NATURALISTICHE PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI SOSTEGNO E CONSOLIDAMENTO PROFONDO. 4 TECNICHE NATURALISTICHE PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI SOSTEGNO E CONSOLIDAMENTO PROFONDO. 4.1 INTRODUZIONE Nel capitolo precedente si sono analizzate tutte quelle tecniche utili per la sistemazioni

Dettagli

Relazione tecnico-illustrativa

Relazione tecnico-illustrativa Relazione tecnico-illustrativa Premessa Gli interventi in progetto sono finalizzati a consolidare il tratto terminale della Valle dei Flaccadori, per circa 250 m, al fine di migliorarne la funzionalità

Dettagli

L Ingegneria Naturalistica è una disciplina tecnico-scientifica che, attraverso metodologie proprie dell ingegneria e sulla base di criteri

L Ingegneria Naturalistica è una disciplina tecnico-scientifica che, attraverso metodologie proprie dell ingegneria e sulla base di criteri L Ingegneria Naturalistica è una disciplina tecnico-scientifica che, attraverso metodologie proprie dell ingegneria e sulla base di criteri meccanici, biologici ed ecologici, utilizza come materiale da

Dettagli

Tecnovia Srl. Modalità di esecuzione

Tecnovia Srl. Modalità di esecuzione Modalità di esecuzione 1. recupero di verghe di specie legnose con capacità di propagazione vegetativa (salici, tamerici) ømin.1cm e loro assemblaggio (preferibilmente su cavalletti); la posa delle verghe

Dettagli

Superficie di RETE METALLICA A DOPPIA TORSIONE. scorrimento potenziale Biostuoia O BIORETE. Chiodature

Superficie di RETE METALLICA A DOPPIA TORSIONE. scorrimento potenziale Biostuoia O BIORETE. Chiodature Approccio qualitativo per la definizione delle soluzioni integrate a protezione e rinverdimento di versanti stradali in erosione: Nuove soluzioni e ruolo della vegetazione Massimo Salmi Responsabile Ufficio

Dettagli

14.3 Interventi combinati di consolidamento

14.3 Interventi combinati di consolidamento 14.3 Interventi combinati di consolidamento 14.3.1 Grata viva Descrizione sintetica: la grata viva è un opera realizzata con pali in legname, disposti tra loro perpendicolarmente, e successiva messa a

Dettagli

Terra rinforzata rinverdita 33

Terra rinforzata rinverdita 33 SINONIMI Descrizione sintetica Opera di sostegno realizzata mediante l'abbinamento di materiali di rinforzo in reti sintetiche o metalliche plastificate, inerti di riempimento e rivestimento in stuoie

Dettagli

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31 SINONIMI Descrizione sintetica Gabbie in rete metallica zincata a doppia torsione e maglia esagonale, riempite in loco con pietrisco di pezzatura minima 15 cm, disposti a file parallele sovrapposte. Talee

Dettagli

B.2: Opere di protezione e consolidamento superficiale

B.2: Opere di protezione e consolidamento superficiale B.2: Opere di protezione e consolidamento superficiale Queste tipologie di opere riguardano il consolidamento e la stabilizzazione dei versanti attraverso il contenimento delle coltri di terreno più superficiali.

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO Dottore Forestale ZERBINI MATTEO Via G.B. Montaldo 26/3-17027 Pietra Ligure (SV) Cell: 349 4718197 E-mail:zerbini.matteo@email.it; m.zerbini@epap.conafpec.it Cod.Fiscale: ZRBMTT79A20D600E Partita IVA:

Dettagli

Bio tecniche: opere in legname per il consolidamento e il sostegno dei versanti e per il controllo dell assetto dei corsi d acqua

Bio tecniche: opere in legname per il consolidamento e il sostegno dei versanti e per il controllo dell assetto dei corsi d acqua Verificadellastabilitàdiopereinlegname Capitolo3 Capitolo3: Biotecniche:opereinlegnameperilconsolidamentoeilsostegno deiversantieperilcontrollodell assettodeicorsid acqua 3.1Palificatedisostegno Tali opere

Dettagli

PARTE 4: PROPOSTE DI INTERVENTO PER LA RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE E LA DIFESA IDRAULICA DEL CORSO D ACQUA

PARTE 4: PROPOSTE DI INTERVENTO PER LA RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE E LA DIFESA IDRAULICA DEL CORSO D ACQUA PARTE 4: PROPOSTE DI INTERVENTO PER LA RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE E LA DIFESA IDRAULICA DEL CORSO D ACQUA 1 TIPOLOGIE DI INTERVENTI REALIZZABILI SUL TORRENTE LANZA Sulla base di quanto evidenziato nei

Dettagli

TECNICHE DI SISTEMAZIONE IDROGEOLOGICA - NATURALISTICA

TECNICHE DI SISTEMAZIONE IDROGEOLOGICA - NATURALISTICA TECNICHE DI SISTEMAZIONE IDROGEOLOGICA - NATURALISTICA Le operazioni preliminari Sono necessarie e fondamentali sia per la messa in sicurezza del cantiere da ulteriori dissesti, al fine della realizzazione

Dettagli

IPSASR Giustino Fortunato LAGONEGRO

IPSASR Giustino Fortunato LAGONEGRO ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE RUGGERO DI LAURIA LAURIA IPSASR Giustino Fortunato LAGONEGRO Contributi per buone pratiche e progetti di valenza scientifica e culturale realizzati dagli istituti

Dettagli

7. SCHEDE DELLE PRINCIPALI TECNICHE DI INGE- GNERIA NATURALISTICA

7. SCHEDE DELLE PRINCIPALI TECNICHE DI INGE- GNERIA NATURALISTICA Schede delle principali tecniche di ingegneria naturalistica 7. SCHEDE DELLE PRINCIPALI TECNICHE DI INGE- GNERIA NATURALISTICA Interventi antierosivi 7.1 Semina 7.2 Idrosemina 7.3 Idrosemina a spessore

Dettagli

Interventi di Ingegneria Naturalistica

Interventi di Ingegneria Naturalistica Interventi di Ingegneria Naturalistica Prof. Ing. Francesco Canestrari Interventi di ingegneria naturalistica - 1 Interferenze Naturalistiche dovute alla realizzazione di infrastrutture viarie : perdita

Dettagli

INDICE 1 PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI:... 2 2 PREMESSA... 2 3 DATI IDENTIFICATIVI DELL OPERA... 3

INDICE 1 PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI:... 2 2 PREMESSA... 2 3 DATI IDENTIFICATIVI DELL OPERA... 3 INDICE 1 PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI:... 2 2 PREMESSA... 2 3 DATI IDENTIFICATIVI DELL OPERA... 3 4 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 4 5 PIANO DI MANUTENZIONE DELLE OPERE DI INGEGNERIA

Dettagli

In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto

In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto 120 Comune di Piandimeleto - Pesaro Urbino In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto di procedere

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GEOTECNICA TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GEOTECNICA TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GEOTECNICA TESI DI LAUREA L uso dei Geosintetici nella Stabilizzazione dei pendii Relatore: Candidato: Ch.mo

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

UTILIZZO DI SOLUZIONI TECNICHE A DOPPIA TORSIONE NEL CAMPO DELLA PROTEZIONE E CONSOLIDAMENTO IDRAULICO:

UTILIZZO DI SOLUZIONI TECNICHE A DOPPIA TORSIONE NEL CAMPO DELLA PROTEZIONE E CONSOLIDAMENTO IDRAULICO: UTILIZZO DI SOLUZIONI TECNICHE A DOPPIA TORSIONE NEL CAMPO DELLA PROTEZIONE E CONSOLIDAMENTO IDRAULICO: CARATTERISTICHE CAMPI DI APPLICAZIONE POTENZIALITA Dott. Geol. Massimo Salmi Ufficio Tecnico Borghi

Dettagli

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA:

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: CARATTERISTICHE CAMPI DI APPLICAZIONE POTENZIALITA Dott. Geol. Massimo Salmi Ufficio

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

QUADERNO DELLE OPER TIPO

QUADERNO DELLE OPER TIPO REGIONE CAMPANIA AUTORITA DI BACINO REGIONALE DESTRA SELE PROGETTO DI VARIANTE AGGIORNAMENTO DEL VIGENTE PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PROGETTO DI PIANO PER L ASSETTO IDRO-GEOLOGICO QUADERNO

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 03//04 COMUNE DI FABRIANO PIAZZA DEL COMUNE - FABRIANO (AN) LAVORI - Piani di Recupero Centro Storico-Borgo - studio di fattibilità - modifiche apportate dopo incontro del 07-0-2004 00 - Sistemazione torrente

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania Aggiornamento anno 2010 autorità di bacino nord occidentale Autorità

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI PRESEMINATO è il biotessile preseminato, interamente biodegradabile, contenente sementi di prima qualità, fornito in rotoli, che consente la realizzazione di inerbimenti in varie situazioni a seguito della

Dettagli

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria. Pietro Piccarolo. Realizzazione e gestione del verde pubblico

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria. Pietro Piccarolo. Realizzazione e gestione del verde pubblico Realizzazione e gestione Quando si progetta e realizza un area verde, non si può prescindere da quella che sarà la sua gestione. Una manutenzione inadeguata infatti, porta inevitabilmente al degrado dell

Dettagli

SCHEDA TECNICA : GEOTESSILE

SCHEDA TECNICA : GEOTESSILE COMPOSIZIONE: Mix di fibre sintetiche in fiocco (Poliestere 100%). CARATTERISTICHE: Tessuto non tessuto calandrato e termofissato.esente da collanti o leganti chimici. Prodotto ecologico completamente

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO. Facoltà di Agraria. Corso di Laurea in Valorizzazione e Tutela dell Ambiente e del Territorio Montano

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO. Facoltà di Agraria. Corso di Laurea in Valorizzazione e Tutela dell Ambiente e del Territorio Montano UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Agraria Corso di Laurea in Valorizzazione e Tutela dell Ambiente e del Territorio Montano INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALE IN LOCALITA MOLA (EDOLO,BRESCIA)

Dettagli

LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI

LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI Computo metrico estimativo pag. 1 di 5 LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI 1 47 Sfalcio meccanico di vegetazione spontanea eterogenea costituita in prevalenza da canne e cespugli pulizia

Dettagli

Piano Generale di Utilizzazione delle Acque Pubbliche

Piano Generale di Utilizzazione delle Acque Pubbliche MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Decreto del Presidente della Repubblica 15 febbraio 2006 Piano Generale di Utilizzazione delle Acque Pubbliche ALLEGATO

Dettagli

Università di Roma La Sapienza,

Università di Roma La Sapienza, Università di Roma La Sapienza, interuniversitario con l Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Architettura Corso di laurea in: Progettazione e Gestione dell Ambiente Anno accademico: 2009/2012

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

Prezzo unitario. Prezzo unitario

Prezzo unitario. Prezzo unitario ANALISI PREZZI Viminata/palizzata: viminata RMD_01.1 U.M. m Manodopera specializzata h 0,35 20,87 7,30 RU.M01.001.002 Manodopera qualificata h 0,35 18,98 6,64 RU.M01.001.003 Verghe m 5 2,00 10,00 Indagine

Dettagli

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: POS FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

A: Opere di consolidamento dell alveo

A: Opere di consolidamento dell alveo A: Opere di consolidamento dell alveo Le opere di sistemazione idraulica sono interventi diretti alla stabilizzazione del fondo dell alveo e alla salvaguardia del territorio circostante lo stesso da esondazioni.

Dettagli

INGEGNERIA NATURALISTICA: nozioni e tecniche di base C E

INGEGNERIA NATURALISTICA: nozioni e tecniche di base C E INGEGNERIA NATURALISTICA: nozioni e tecniche di base C E l manuale Ingegneria Naturalistica- nozioni e tecniche di base è stato elaborato da CSEA (Società Consortile per Azioni) I nell'ambito del progetto

Dettagli

SISTEMA R.E.C.S. (Reinforced. Erosion Control System) Dott. Massimo Borghi Borghi Azio S.pA.

SISTEMA R.E.C.S. (Reinforced. Erosion Control System) Dott. Massimo Borghi Borghi Azio S.pA. CONSOLIDAMENTI ESTENSIVI IN PARETI ROCCIOSE E SCARPATE IN TERRA MEDIANTE SISTEMI DI CONTROLLO DELL EROSIONE EROSIONE E CONTENIMENTO PERMEABILI ALLA VEGETAZIONE ABBINATE A CHIODATURE: SISTEMA R.E.C.S. (Reinforced

Dettagli

Il capping geosintetico di una discarica

Il capping geosintetico di una discarica TeMa srl Divisione Ambiente 1-5 Campo di applicazione : Il capping geosintetico di una discarica di RSU SEPARAZIONE FUNZIONE CAMPO DI APPLICAZIONE BACINI IDRICI FILTRAZIONE CANALI Titolo : Realizzazione

Dettagli

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da CAPITOLO 20 Il recupero delle aree percorse dal fuoco con tecniche di Ingegneria Naturalistica U. Bruschini, P. Cornelini 20.1 Introduzione Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da tempo una drammatica

Dettagli

Borghi Azio S.p.A. - 42020 S. Polo d'enza (RE) Tel. 0522-873193 Fax 0522-873267 e-mail: info@borghiazio.com web: www.borghiazio.

Borghi Azio S.p.A. - 42020 S. Polo d'enza (RE) Tel. 0522-873193 Fax 0522-873267 e-mail: info@borghiazio.com web: www.borghiazio. Borghi Azio S.p.A. - 42020 S. Polo d'enza (RE) Tel. 0522-873193 Fax 0522-873267 e-mail: info@borghiazio.com web: www.borghiazio.com SOLUZIONI TECNICHE DRENAGGIO E GEOTECNICA CONSERVAZIONE DEL SUOLO INGEGNERIA

Dettagli

L ingegneria naturalistica tende ad utilizzare in modo equilibrato materiali ed elementi costruttivi vivi ed inerti, spesso associati per usufruire

L ingegneria naturalistica tende ad utilizzare in modo equilibrato materiali ed elementi costruttivi vivi ed inerti, spesso associati per usufruire L ingegneria naturalistica tende ad utilizzare in modo equilibrato materiali ed elementi costruttivi vivi ed inerti, spesso associati per usufruire dei rispettivi vantaggi. L efficacia dei metodi che usano

Dettagli

Provincia di Pistoia

Provincia di Pistoia Provincia di Pistoia Servizio infrastrutture di comunicazione, viarie, ferroviarie, espropri, patrimonio immobiliare, edilizia scolastica e sportiva, protezione civile e sicurezza Piazza S. Leone n. 1-51100

Dettagli

14. Elenco delle tecniche. Tab. 14.16 - Rivestimento vegetativo in rete metallica a doppia torsione e geostuoia tridimensionale. Quantità.

14. Elenco delle tecniche. Tab. 14.16 - Rivestimento vegetativo in rete metallica a doppia torsione e geostuoia tridimensionale. Quantità. Tab. 14.16 - Rivestimento vegetativo in rete metallica a doppia torsione e geostuoia tridimensionale Oggetto a) Manodopera: Operaio specializzato Unità di misura Ora Quantità Operaio qualificato Ora 0,08

Dettagli

APAT. Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i servizi Tecnici. Atlante delle opere. di sistemazione dei versanti MANUALI E LINEE GUIDA 10/2002

APAT. Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i servizi Tecnici. Atlante delle opere. di sistemazione dei versanti MANUALI E LINEE GUIDA 10/2002 APAT Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i servizi Tecnici Atlante delle opere di sistemazione dei versanti 10/2002 MANUALI E LINEE GUIDA APAT Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i

Dettagli

Tecnovia Srl. Sezione tipo

Tecnovia Srl. Sezione tipo Sezione tipo 151 Sezione tipo 152 Corazzatura spondale in massi legati con funi d acciaio. Rio Bianco Tarvisio Boscoverde (UD) - Foto G. Sauli 153 Particolare corazzatura spondale in massi legati con funi

Dettagli

5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE

5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE Norme di attuazione - Direttive di Piano 5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE approvata con deliberazione di C.I. n. 1 in data 15 aprile 1998

Dettagli

COMPUTO METRICO. Comune di magisano Provincia di catanzaro. Progetto di per la realizzazione del sentiero Ponte del Diavolo o della Preneta OGGETTO:

COMPUTO METRICO. Comune di magisano Provincia di catanzaro. Progetto di per la realizzazione del sentiero Ponte del Diavolo o della Preneta OGGETTO: Comune di magisano Provincia di catanzaro pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: Progetto di per la realizzazione del sentiero Ponte del Diavolo o della Preneta COMMITTENTE: amministrazione comunale di MAGISANO

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

Regione Toscana. Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale

Regione Toscana. Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale Regione Toscana Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale Settore foreste e patrimonio agroforestale PREZZARIO REGIONALE PER INTERVENTI ED OPERE

Dettagli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI CONSERVATIVI ED INTEGRATIVI ALLA BRENNERO E DEGLI INTERVENTI DI Anno 2003-2004 Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Dettagli

INTERVENTI IN AMBITO IDRAULICO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO CON TECNICHE AD ELEVATA INTEGRAZIONE AMBIENTALE MEDIANTE RIVESTIMENTI ANTIEROSIVI, MATERASSI METALLICI RINVERDITI, GABBIONI RINVERDITI E TECNICHE

Dettagli

PRATI ARMATI Srl SOCIETA DI RICERCA BIOINGEGNERIA TECNOLOGIE AMBIENTALI

PRATI ARMATI Srl SOCIETA DI RICERCA BIOINGEGNERIA TECNOLOGIE AMBIENTALI PRATI ARMATI Srl SOCIETA DI RICERCA BIOINGEGNERIA TECNOLOGIE AMBIENTALI Rinforzo meccanico dei terreni con il VETIVER e calcolo del fattore di sicurezza Scopo dell intervento La tecnologia del VETIVER

Dettagli

EDIZIONE 1 / Volume 3

EDIZIONE 1 / Volume 3 EDIZIONE 1 / Volume 3 Raccomandazioni per l impiego di elementi grigliati per pavimentazioni erbose e per il consolidamento dei terreni e criteri per la valutazione della qualita di tali prodotti ASSOBETON

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde delimitate da muro in c.a. ( m. 25 circa ) OPERE COMPUTATE

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde delimitate da muro in c.a. ( m. 25 circa ) OPERE COMPUTATE PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde delimitate da muro in c.a. ( m. 25 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI 708.288,00 1 Demolizione di strutture esistenti:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

Sistema SPIDER : per il rinforzo di reti semplici in opere di consolidamento

Sistema SPIDER : per il rinforzo di reti semplici in opere di consolidamento Sistema SPIDER : per il rinforzo di reti semplici in opere di consolidamento Consolidamento del fenomeno franoso lungo la S.P. n. 9 Gargnano Magasa e la S.P. 58 Idro-Capovalle Molino di Bollone Documentazione

Dettagli

Schemi progettuali delle opere di ingegneria naturalistica Bibliografia essenziale

Schemi progettuali delle opere di ingegneria naturalistica Bibliografia essenziale Schemi progettuali delle opere di ingegneria naturalistica Vengono riportati di seguito gli schemi progettuali delle opere di ingegneria naturalistica di limitata complessità strutturale ed esecutiva,

Dettagli

Scheda tecnica scavo piscina 8x4 prefabbricata con scala romana e realizzazione soletta

Scheda tecnica scavo piscina 8x4 prefabbricata con scala romana e realizzazione soletta Scheda tecnica scavo piscina 8x4 prefabbricata con scala romana e realizzazione soletta Caratteristiche principali piscina: Dimensioni vasca: come da disegno Perimetro totale: 25,14 m (22 m dritto - 3,14m

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COMUNE DI MONTALDO B.DA Provincia di Alessandria LAVORI COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Progetto Principale Montaldo B.da 04/02/204 IL PROGETTISTA IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO Ing. G. Boccaccio Pag.

Dettagli

Dr ENRICO MARVELLI. IPERWOOD S.r.l. Work Shop

Dr ENRICO MARVELLI. IPERWOOD S.r.l. Work Shop DIFESE DI SPONDA E REGIMAZIONI IDRAULICHE NELL OTTICA DELLA TUTELA E DELLA RIQULIFICAZIONE AMBIENTALE ATTRAVERSO L UTILIZZO DI ESSENZE LIGNEE DUREVOLI. ALCUNI ESEMPI. Dr ENRICO MARVELLI IPERWOOD S.r.l.

Dettagli

COS È L INGEGNERIA NATURALISTICA?

COS È L INGEGNERIA NATURALISTICA? Capitolo 1 COS È L INGEGNERIA NATURALISTICA? L ingegneria naturalistica (IN) è una disciplina tecnica che utilizza le piante vive negli interventi antierosivi, di consolidamento e di rinaturazione, da

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7 1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 2.1 PRESTAZIONI... 3 2.2 CONTROLLI... 3 2.3 INTERVENTI DI MANUTENZIONE... 4 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 3.1 PRESTAZIONI... 4 3.2 CONTROLLI... 4 3.3 INTERVENTI

Dettagli

1) RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA. CRONOPROGRAMMA. QUADRO ECONOMICO.

1) RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA. CRONOPROGRAMMA. QUADRO ECONOMICO. Servizio Tecnico di Bacino Romagna (CESENA, FORLI, RAVENNA, RIMINI) Assetto Idraulico Sede di Forlì MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACCORDO DI PROGRAMMA FINALIZZATO ALLA

Dettagli

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE Atlantis produce una serie di prodotti geosintetici in polipropilene (PP) pressofuso ad alta resistenza, anche rivestiti con geotessile, che trovano applicazione

Dettagli

7.1 7. INTERVENTI SUL COSTRUITO

7.1 7. INTERVENTI SUL COSTRUITO 7.1 7. INTERVENTI SUL COSTRUITO Soggetto/contesto d intervento Viminata viva spondale Si tratta di una sistemazione stabilizzante lineare su sponda, composta da un intreccio di verghe, fissato al terreno

Dettagli

Tecco stabilizza i pendii, impedisce le fuoriuscite di materiale e si mimetizza nella natura.

Tecco stabilizza i pendii, impedisce le fuoriuscite di materiale e si mimetizza nella natura. Tecco stabilizza i pendii, impedisce le fuoriuscite di materiale e si mimetizza nella natura. La rete Tecco in acciaio ad alta resistenza è una soluzione innovativa per le opere di contenimento ed è una

Dettagli

PROVIDUNE (LIFE07NAT/IT/000519) Conservazione e ripristino di habitat dunali nei siti delle Provincie di Cagliari, Matera e Caserta

PROVIDUNE (LIFE07NAT/IT/000519) Conservazione e ripristino di habitat dunali nei siti delle Provincie di Cagliari, Matera e Caserta Provincia di Matera PROVIDUNE (LIFE07NAT/IT/000519) Conservazione e ripristino di habitat dunali nei siti delle Provincie di Cagliari, Matera e Caserta Interventi nei SIC IT9220055 "BOSCO PANTANO DI POLICORO

Dettagli

Documentazione disponibilità Luogo di conservazione Provincia di Pistoia preliminare

Documentazione disponibilità Luogo di conservazione Provincia di Pistoia preliminare 1 te generali Il presente piano di manutenzione relativo alla realizzazione della Variante alla SR 66 Pistoiese in località Limestre (San Marcello P.se), è redatto tenendo conto delle specifiche norme

Dettagli

Tutto comincia da una goccia di pioggia che colpisce il suolo e lo distacca allontanandolo.

Tutto comincia da una goccia di pioggia che colpisce il suolo e lo distacca allontanandolo. EROSIONE DEL SUOLO Erosione del Suolo Tutto comincia da una goccia di pioggia che colpisce il suolo e lo distacca allontanandolo. splash erosion: indotta dall impatto diretto delle gocce sul suolo, determina

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI DI INGEGNERIA NATURALISTICA NELLE MARCHE

LINEE GUIDA ALLA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI DI INGEGNERIA NATURALISTICA NELLE MARCHE AIPIN MARCHE LINEE GUIDA ALLA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI DI INGEGNERIA NATURALISTICA NELLE MARCHE Supervisione Paolo Cornelini, Ingegnere e Naturalista, vicepresidente AIPIN Coordinamento Paolo Giacchini,

Dettagli

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero PREMESSA Il presente progetto prende le mosse da un finanziamento per complessivi 367.021,00 necessario la manutenzione straordinaria del Rio Salsero e cofinanziato dalla Regione Toscana, Provincia di

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente Dipartimento Regionale dell Ambiente Servizio 3 - Assetto del Territorio e Difesa del Suolo PO FESR 2007-2013 - Linea di intervento

Dettagli

Le opere di sostegno dei fronti di scavo

Le opere di sostegno dei fronti di scavo a cura dello Studio Associato Pilati Le opere di sostegno dei fronti di scavo Inauguriamo una collaborazione editoriale con lo Studio Associato Pilati di Costabissara (Vi). Al centro degli interventi,

Dettagli

COMUNE DI TROPEA Area Gestione del Territorio PROGETTO ESECUTIVO

COMUNE DI TROPEA Area Gestione del Territorio PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI TROPEA Area Gestione del Territorio PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI INTEGRATI DI SISTEMAZIONE IDROGEOLOGICA NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TROPEA (LOCALITA ARGANI), CON SISTEMAZIONE DEI FOSSI E MESSA

Dettagli

QUALITA NON SUPERFICIALE

QUALITA NON SUPERFICIALE QUALITA NON SUPERFICIALE STORIA GEOSINTEX opera nel mercato dei geosintetici dagli anni 80 ed ha maturato in questi anni una significativa esperienza nella commercializzazione e nell impiego di tali prodotti.

Dettagli

Sistemi di Fondazione

Sistemi di Fondazione Sistemi di Fondazione Fondazione: struttura di base a contatto col terreno che ripartisce opportunamente il peso della costruzione per garantirne la definitiva stabilità; viene disposta secondo un determinato

Dettagli

Il contenimento del suolo tende

Il contenimento del suolo tende Contenimento del suolo Analisi delle cause e soluzioni proposte: un vademecum per risolvere i problemi di stabilità dei terreni Elena Lucchi* Il contenimento del suolo tende a frenare il naturale spostamento

Dettagli

Il progetto in esame prevede la realizzazione di interventi di manutenzione e protezione spondale attia a

Il progetto in esame prevede la realizzazione di interventi di manutenzione e protezione spondale attia a 1 - Breve descrizione della natura e dei fini del progetto Il progetto in esame prevede la realizzazione di interventi di manutenzione e protezione spondale attia a mitigare il livello di rischio idraulico

Dettagli

Presentazione del Sottoprogetto B Ampliamento rete di siti e spazi protetti e/o sensibili

Presentazione del Sottoprogetto B Ampliamento rete di siti e spazi protetti e/o sensibili Presentazione del Sottoprogetto B Ampliamento rete di siti e spazi protetti e/o sensibili 22 ottobre 2011 Centro per l educazione ambientale e la sostenibilità Lago di Baratz Modello di di linee guida

Dettagli

2. Sistemazione movimento franoso loc. Rif. Rey/San Giusto: RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (29 settembre 2008)

2. Sistemazione movimento franoso loc. Rif. Rey/San Giusto: RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (29 settembre 2008) INDICE 1. Lavori di mitigazione dei fattori di rischio idrogeologico nel bacino del Rio San Giusto (Frana Rifugio Rey / Rio San Giusto) : RELAZIONE E CERTIFICATO DI COLLAUDO (13 aprile 2006) 2. Sistemazione

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio CRITERI E TECNICHE PER LA MANUTENZIONE DEL TERRITORIO AI FINI DELLA PREVENZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO maggio 2002 1 INDICE 1. Introduzione 2. Il

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

Capitolo 2. tecniche di sistemazione

Capitolo 2. tecniche di sistemazione Capitolo 2. tecniche di sistemazione 2.1 COME INTERVENIRE SUI DISSESTI: CENNI ALLE TECNICHE DI MONITORAGGIO DI COMUNE IMPIEGO PER ALCUNI FENOMENI FRANOSI Per la stabilizzazione di un pendio che presenti

Dettagli

acqua Istruzioni di messa in opera Bentocell AG barriera geosintetica bentonitica rinforzata

acqua Istruzioni di messa in opera Bentocell AG barriera geosintetica bentonitica rinforzata Istruzioni di messa in opera acqua Bentocell AG barriera geosintetica bentonitica rinforzata Preparazione della superficie di posa Platea di fondazione Per la posa in orizzontale, si deve prevedere uno

Dettagli

INDICE RELAZIONE DESCRITTIVA E QUADRO ECONOMICO

INDICE RELAZIONE DESCRITTIVA E QUADRO ECONOMICO INDICE RELAZIONE DESCRITTIVA E QUADRO ECONOMICO 1. Premessa e Descrizione dello Stato Attuale. 2. Descrizione delle Opere e degli Interventi nella proposta di Progetto Esecutivo. 3. Quadro economico. 1

Dettagli

1. PREMESSE... 2 2. BARRIERA DI SUPERFICIE... 3 3. SISTEMAZIONE FINALE DELL AREA DI INTERRAMENTO... 6

1. PREMESSE... 2 2. BARRIERA DI SUPERFICIE... 3 3. SISTEMAZIONE FINALE DELL AREA DI INTERRAMENTO... 6 SOMMARIO 1. PREMESSE... 2 2. BARRIERA DI SUPERFICIE... 3 3. SISTEMAZIONE FINALE DELL AREA DI INTERRAMENTO... 6 4. INSERIMENTO PAESAGGISTICO DEL CAMPO FOTOVOLTAICO... 7 5. SIMULAZIONI FOTOGRAFICHE... 8

Dettagli

TRINCEA DRENANTE PREFABBRICATA

TRINCEA DRENANTE PREFABBRICATA SISTEMA GABBIODREN TRINCEA DRENANTE PREFABBRICATA AD ELEVATE PRESTAZIONI IDRAULICO-MECCANICHE MANUALE TECNICO 1 Caratteristiche e principio di funzionamento CARATTERISTICHE Il sistema GABBIODREN consente

Dettagli

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013 OBIETTIVO APPENNINO Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali Alghero 8-10 maggio 2013 L.R. 5/2009 Riordino regionale dei consorzi - da 16 a 8 L.R. 06 luglio 2012, n. 7 ha fornito

Dettagli