GLI EFFETTI DELLA CONTRAFFAZIONE SULL INTRODUZIONE DI UN ABBIGLIAMENTO DI LUSSO NEL MERCATO ITALIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI EFFETTI DELLA CONTRAFFAZIONE SULL INTRODUZIONE DI UN ABBIGLIAMENTO DI LUSSO NEL MERCATO ITALIANO"

Transcript

1 GLI EFFETTI DELLA CONTRAFFAZIONE SULL INTRODUZIONE DI UN NUOVO MARCHIO DI ABBIGLIAMENTO DI LUSSO NEL MERCATO ITALIANO

2 Alcuni punti chiave: CONTRAFFAZI ONE Marca del prodotto BRAND CONSUMER BEHAVIOR LUSSO (La contraffazione era già esistente ai tempi dei romani e alla fine del Rinascimento. Ha avuto origine in Inghilterra durante l era industriale). Si configura quando si riproduce un determinato marchio al fine di apporlo su un manufatto, che imita il prodotto originale, per creare confusione nei consumatori ed indurli ad acquistare un bene che, altrimenti, difficilmente si porrebbe alla loro attenzione. La confondibilità è dunque un elemento qualificante della contraffazione. Comportamento del consumatore Vivere un tenore di vita dispendioso, sfoggio di ricchezza, bene di consumo superfluo, divertimento o spesa che rappresenta un eccesso rispetto alle possibilità economiche di qualcun altro.

3 Diffusione + il Consumo di Prodotti di lusso Contraffatti = MINACCIA C è stato un incremento dal 1999 al La contraffazione è un fenomeno in crescita. Nel mirino della contraffazione troviamo ai primi posti l abbigliamento e gli accessori vari, seguiti da cosmetica, giocattoli, gioielli ed orologi.

4 Casillo (Docente di Sociologia industriale) Sostiene che le imprese che contrastano le contraffazioni sono le imprese che fanno prodotti di lusso SCENARIO PARADOSSALE Falsari non sottraggono direttamente i clienti all impresa che produce beni di lusso Consumatori consapevoli di acquistare i prodotti contraffatti

5 Introduzione alla Ricerca: Obiettivo: - Rappresentare gli effetti della contraffazione - Capire l effetto che ha la contraffazione sull intenzione di acquisto del consumatore Oggetto: - Lancio sul mercato nazionale di una nuova marca di abbigliamento di lusso indiana Realizzazione: - Procedura sperimentale ad hoc, con l ausilio di tecniche di analisi quantitative Risultati: - Ai consumatori non importa se l oggetto ha come qualità l esclusività e la qualità. Lo comperano, anche se non è originale, solo per appartenere ad una certa categoria di persone.

6 ATTRIBUTI INTANGIBILI > ATTRIBUTI TANGIBILI L eccellenza funzionale, ossia la qualità intrinseca del prodotto è un dato secondario, scontato per il consumatore NON è, da sola, FONTE DI VANTAGGIO COMPETITIVO Il valore di un prodotto dipende molto dal significato simbolico, emotivo e identitario che il consumatore gli attribuisce.

7 L imitazione e la contraffazione sono diventati degli strumenti per entrare in nuovi mondi più seducenti e sorprendenti. CONTRAFFAZIONE PIRATERIA MERCI CONTRAFFATTE: quelle sulle quali sia stato apposto senza autorizzazione un marchio non facilmente distinguibile da quello validamente registrato. Si distingue in deceptive (o ingannevole) quando l individuo non è consapevole di acquistare una copia falsa; o non-deceptive quando la merce è facilmente riconoscibile come falsa dall aspetto fisico, dal prezzo o dal canale attraverso cui viene distribuita. MERCI PIRATA: riproduzioni realizzate senza il consenso del titolare, la cui realizzazione costituisce una violazione del diritto d autore.

8 Le associazioni che il consumatore attiva nella sua mente quando è esposto ad un brand possono essere di due tipi: associazioni primarie: quelle che discendono direttamente dalle caratteristiche del brand che il consumatore ha appreso. Ad esempio: il nome del brand, il jingle, il logo associazioni secondarie: quelle che nascono al di fuori del brand stesso, che possono essere controllabili o non controllabili da parte dell azienda. Ad esempio: il paese di origine del brand o eventuali persone pubbliche legate al brand sono associazioni controllabili, mentre la contraffazione non è direttamente controllabile da parte dell impresa. La contraffazione è una associazione secondaria poiché nasce al di fuori del brand e della stessa volontà dell azienda.

9 Vigneron e Johnson propongono due classi di attributi con le quali si distinguono due diversi marchi: attributi personali: sono legati al sé, all appagamento di propri desideri indipendentemente da altre dimensioni; attributi impersonali: unicità, qualità e cospicuità, slegati dalle proprie espressioni personali e maggiormente rivolti alla relazione con gli altri; Questi attributi richiamano un altra distinzione: Attributi personali lusso interiorizzato : il consumatore non cerca l ostentazione di uno status symbol ma un appagamento di un desiderio personale; Attributi impersonali lusso esteriorizzato : prevale il valore di distinzione rispetto ai comuni consumatori;

10 RICERCA SU EFFETTI DELLA CONTRAFFAZIONE Il 58% non ritiene che i prodotti di marca contraffatti riducano la domanda di prodotti originali; Il 69% indica che il valore, la soddisfazione e lo status di un prodotto di lusso originale non diminuisce in ragione della presenza di contraffatti sul mercato; In generale i risultati dello studio indicano che la presenza di un contraffatto non riduce il valore di un bene di lusso ed in alcuni particolari contesti culturali, sociali e di mercato la presenza di contraffatti potrebbe addirittura aumentare la domanda per i prodotti originali.

11 La conoscenza che esistono versioni contraffatte di un brand di lusso agisce soprattutto sulle dimensioni interpersonali rispetto che quelle interiori, il prodotto di lusso continuerà a fornire soddisfazioni estetiche e di espressione personale al consumatore. L acquisto è spinto dal desiderio di distinguersi dalle classi inferiori e quindi la presenza di contraffatti potrebbe aggiungere valore a causa dell esistenza della volontà di imitazione. Con queste considerazioni si posso sviluppare due ipotesi: 1. La consapevolezza dell esistenza di versioni contraffatte induce il consumatore ad aumentare la propria propensione all acquisto del brand originale; 2. La consapevolezza dell esistenza di versioni contraffate induce il consumatore ad aumentare il prezzo al quale è disponibile a pagare il brand originale.

12 Metodo

13 Per la ricerca è stato scelto il metodo SPERIMENTALE, utilizzando un questionario composto da tre sezioni: 1- descrizione/presentazione della marca 2- intenzione d acquisto e prezzo che si è disposti a pagare per un paio di jeans Amdala 3- informazioni sul capitale economico degli intervistati.

14 1- DESCRIZIONE MARCA I soggetti sottoposti al questionario devono prima consultare questa parte in cui viene presentata la marca fittizia Amdala, appartenente al settore del fashion di lusso.

15 2- INTENZIONE DI ACQUISTO E PREZZO DI RISERVA A) Intenzione di acquisto: scala Likert (1-10), tre item: - probabilità che tu scelga i pantaloni Amdala; - probabilità che tu prenda in considerazione la possibilità di acquistarli; - eventualità che tu li compri. B) Prezzo: indicazione diretta da parte dei soggetti di quanto sono disposti a spendere.

16 3- CAPITALE ECONOMICO Influenza che ha sul consumo in generale e su quello di contraffatto. < C.E. > propensione acquisto contraffatto > C.E. < propensione acquisto contraffatto Il C.E. rilevato come variabile categorica e poi trasformato in variabile numerica: CE rating=(n lavoratori/componenti nucleo familiare)*categoria di reddito indicata

17 Obiettivo primario ricerca Testare se nel settore del fashion di lusso, la conoscenza dell esistenza della versione contraffatta del prodotto di marca, aumenti l attrattività dell originale o meno. Due versioni del questionario: - SPERIMENTALE si dichiara che i prodotti Amdala sono già stati colpiti dalla contraffazione - CONTROLLO si sostiene che i prodotti Amdala non sono stati ancora colpiti dalla contraffazione.

18 Nella realtà, la marca Amdala non esiste. Si è deciso di usare un brand fittizio per evitare influenze di pregressi atteggiamenti nei confronti della marca consolidati nella mente dei consumatori. L effetto sulle intenzioni di acquisto, quindi, dipende solo dalla manipolazione sperimentale (sapere o meno dell esistenza di versioni contraffatte). Disegno sperimentale BETWEEN SUBJECTS I soggetti rispondenti son stati assegnati in maniera casuale ad una delle due condizioni sperimentali. 279 questionari analizzati: 187 versione sperimentale 92 versione di controllo

19 RISULTATI

20 I risultati derivano da una ricerca fatta con dei questionari, diversi solo in un punto, in uno veniva data la notizia che fuori i negozi Amdala venivano venduti prodotti contraffatti, mentre nell altro veniva solo detto che Shirshi Amdala si considerava fortunata da non aver avuto nessun danno da tale problema. Quindi le due ipotesi di ricerca sono: IPOTESI 1 (IP1) INTENZIONE D ACQUISTO PER L ORIGINALE IPOTESI 2 (IP2) PREZZO CHE SI E DISPOSTI A PAGARE PER L ORIGINALE

21 Dall analisi sull intenzione d acquisto dei soggetti nelle due diverse condizioni, emerge che il sapere della contraffazione dei prodotti Amdala non costituisce una minaccia per l azienda, anzi sembra avere effetti positivi sui consumatori facendone aumentare l intenzione d acquisto. Per il prezzo, i soggetti che si dicono disposti a pagare di più per il prodotto originale sono quelli a conoscenza della contraffazione del prodotto che in media propongono un prezzo più alto. Riferendosi al settore della moda di lusso molti ritengono gli acquirenti di originali e falsi due target diversi, a causa del loro diverso potere d acquisto del rispondente, suddividendo a metà il campione, uno con capitale medio-basso e l altro medio-alto, ora quindi si andrà a valutare l effetto che il capitale economico può avere per ciascuno dei due segmenti.

22 Per IP1 si è visto che l intenzione d acquisto aumenta solo per il segmento con potere d acquisto medio-basso, confermando quanto detto da Barnett, cioè che l incremento della popolarità di un prodotto originale è dovuto a consumatori non d elitè che decidono d acquistarlo per beneficiare dello status che rappresenta. Per IP2 il risultato è analogo, coloro che hanno un capitale economico medio-alto, indipendentemente che sappiano che il brand sia contraffatto non variano significativamente il prezzo disposti a pagare (PGS=82, PGC=84). Molto diversa è la situazione per il segmento medio-basso che, a conoscenza della contraffazione, sarebbe disposto a pagare di più il prodotto originale (PGS=74, PGC=54). Quindi i consumatori NON D ELITE non solo aumentano la propensione all acquisto, ma sono anche disposti a pagare di più per il prodotto originale.

23 I risultati possono essere così sintetizzati: IPOTESI 1 (IP1) INTENZIONE D ACQUISTO PER L ORIGINALE IPOTESI 2 (IP2) PREZZO CHE SI E DISPOSTI A PAGARE PER L ORIGINALE CAMPIONE COMPLESSIVO Aumenta se sa della contraffazione CAPITALE ECONOMICO MEDIO-ALTO Invariata MEDIO-BASSO Aumenta se sa della contraffazione Invariato Invariata Aumenta se sa della contraffazione In definitiva, per entrambe le ipotesi, gli effetti significativi si verificano nel segmento medio-basso.

24 Discussione e implicazioni manageriali Il prodotto falso può causare un danno rilevante alle aziende non tanto quello acquistato con consapevolezza che sia un falso ma quello acquistato con convinzione che si tratti di un prodotto autentico Il danno può essere: Diretto: es. calo delle vendite per l azienda Indiretto: come cambia la percezione dell originale sapendo che esistono versioni contraffate?

25 La presenza di contraffazione aumenta in generale la propensione all acquisto. In particolare considerando il capitale economico del soggetto: Capitale economico medio basso + intenzione di acquisto + disposizione a spendere di più Capitale economico medio - alto Nessun cambiamento

26 Questi risultati si possono ricondurre a due tipi di effetti: Effetti derivanti dalla segmentazione del mercato: infatti i due target reagiscono in modo differente. Come già sappiamo: Acquisto di beni di lusso principalmente per manifestare la propria collocazione nella struttura sociale; La firma diventa più importante della qualità del prodotto stesso; Per quanto riguarda il target medio basso: La contraffazione permette di trovare prodotti con un marchio importante di lusso ad un prezzo basso Tentativo dei consumatori di mascherare la propria posizione sociale, con la consumazione di beni che notoriamente si sanno appartenere ad una classe superiore.

27 Effetti derivanti dalla contraffazione come elemento secondario per classificare il brand Contraffazion e Elemento segnalatore di lusso per un brand Nell ambito del fashion L esistenza di contraffazione per un brand implica Solo brand di lusso sono oggetti di contraffazione L esistenza di un segmento di persone non di elìte che aspirano ad uno status symbol Quindi: brand contraffatto = brand di lusso Determinato dal consumo di prodotti di lusso

28 E da notare comunque che il potere segnaletico delle contraffazione è valido se: Il soggetto appartiene al segmento medio basso Il soggetto non ha informazioni personali e dirette sul prodotto La decisone di acquisto: Segmento medio basso Segmento medio - alto Processo decisionale semplificato > forte reazione al segnale della Contraffazione dovuta alla minor abitudine all acquisto di beni di lusso originali. Processo decisionale in base a criteri sofisticati: qualità del prodotto, design, performance, canale distributivo impiegato

29 A livello manageriale: Il produttore di Brand di lusso ha interesse a subire la contraffazione. Non sempre è cosi! La Contraffazione non è l unico fattore che incide sul comportamento finale del consumatore. Occorre inserirla in un sistema più complesso con molteplici fattori come: Prezzo -> valutato al momento dell acquisto, e non solo in sede di pianificazione Altre variabili concrete -> es. Situazione d acquisto Il concetto di Lusso ha dei confini non limitati solamente a: Esclusività Prestigio Unicità Alta Qualità Ma anche a elementi esterni al Brand ed esterni alle strategie di Marketing Infatti il fenomeno della Contraffazione contribuisce a definire il lusso.

30 Strategie manageriali per contrastare la contraffazione Impostare una politica di contrasto alla contraffazione e comunicarla al cliente ha duplice efficacia: a livello effettivo -> contrasta la contraffazione e ne riduce i danni a livello comunicativo e di immagine di brand -> l ipotesi della presa in considerazione dall impresa del fenomeno, mostra al cliente che il brand appartiene al empireo del lusso Queste considerazioni sono valide in particolare per i nuovi brand che devono ancora guadagnare notorietà e diffusione.

31 Considerazioni sullo studio effettuato concentrazione sugli effetti della contraffazione sul segmento medio basso, e non sui consumatori abituali di prodotti originali; impiego di un metodo sperimentale. Non mancano però le limitazioni dello studio, ovvero: utilizzo di un campione di convenienza formato da studenti universitari utilizzo di una marca inesistente Più opportuno un campione significativo di consumatori reali Interessante utilizzare brand realmente esistenti in future ricerche per poi confrontare i risultati ottenuti

Simona Romani. LUISS Guido Carli Viale Romania, 32-00197 Roma - Italy Tel. 06.85225736 sromani@luiss.it

Simona Romani. LUISS Guido Carli Viale Romania, 32-00197 Roma - Italy Tel. 06.85225736 sromani@luiss.it Giacomo Gistri Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze della Comunicazione Via Armaroli, 9 62100 Macerata Italy Tel. 0733.258.2557 giacomo.gistri@unimc.it Stefano Pace Università Bocconi

Dettagli

Pricing & Costing: La percezione di valore per il cliente e il ruolo del prezzo

Pricing & Costing: La percezione di valore per il cliente e il ruolo del prezzo Pricing & Costing: La percezione di valore per il cliente e il ruolo del prezzo G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Ottobre 2012 Anno accademico 2012/13 1 VALORE PER CHI?

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

Abstract indagine sulla contraffazione in Italia

Abstract indagine sulla contraffazione in Italia Abstract indagine sulla contraffazione in Italia Roma Palazzo Valentini 1 marzo - 2011 ABSTRACT INDAGINE SULLA CONTRAFFAZIONE IN ITALIA Nell ambito del Progetto IO NON VOGLIO IL FALSO, realizzato da ADICONSUM,

Dettagli

Comportamento del cliente

Comportamento del cliente Comportamento del cliente Obiettivi conoscitivi Inquadrare l analisi del comportamento del cliente nelle diverse prospettive disciplinari che hanno affrontato l argomento Comprendere la sequenza delle

Dettagli

Come sviluppare un marketing plan

Come sviluppare un marketing plan Come sviluppare un marketing plan Fasi del marketing plan 1. analisi della situazione; 2. definizione degli obiettivi; 3. individuazione del target; 4. sviluppo strategia di posizionamento 5. definizione

Dettagli

LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA

LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA ABSTRACT LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA Per poter comprendere a fondo cosa si intende per lusso e per moda e individuare punti di forza e di debolezza di queste realtà durante la recente crisi

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business- Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2013

GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2013 24 a cura del Gruppo GfK Italia GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2013 La consueta indagine annuale sugli acquisti di orologi da polso in Italia, è stata realizzata da GfK Italia, su incarico

Dettagli

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 529 568 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La criminalità oltre l emotività Negli ultimi tre anni la criminalità in

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL POSIZIONAMENTO. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL POSIZIONAMENTO 1 Il processo di creazione del valore Analisi per l identificazione del valore La pianificazione del processo e delle attività Progettazione del valore Produzione del valore Comunicazione

Dettagli

Contraffazione dei Marchi in Internet Analisi del fenomeno e soluzioni possibili

Contraffazione dei Marchi in Internet Analisi del fenomeno e soluzioni possibili Contraffazione dei Marchi in Internet Analisi del fenomeno e soluzioni possibili Consulenti in proprietà intellettuale dal 1882 INDICE - PREMESSA Gli obiettivi di questo ebook - CONTESTO I numeri del fenomeno

Dettagli

Sostenibilità ambientale e ricadute economiche delle innovazioni Stayfresh

Sostenibilità ambientale e ricadute economiche delle innovazioni Stayfresh UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Dipartimento di Scienze degli Alimenti STAYFRESH Sostenibilità ambientale e ricadute economiche delle innovazioni Stayfresh consumatori - costi di produzione Sillani S.,

Dettagli

POSIZIONAMENTO. La strategia di posizionamento è rivolta a costruire intorno al prodotto connotati di distintività di immagine e di beneficio offerto.

POSIZIONAMENTO. La strategia di posizionamento è rivolta a costruire intorno al prodotto connotati di distintività di immagine e di beneficio offerto. POSIZIONAMENTO L'impresa deve offrire un sistema di prodotto: - rispondente alle attese del target ( beneficio offerto) - distinto da quello dei concorrenti ( superiorità del beneficio) - con immagine

Dettagli

Online shopping. & Conversion. Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic. tradedoubler.com

Online shopping. & Conversion. Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic. tradedoubler.com Online shopping & Conversion Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic I consumatori europei in cerca di ispirazione sui brand o sui prodotti da acquistare si rivolgono prima di tutto

Dettagli

Le aziende famigliari torinesi: gli ostacoli al loro sviluppo

Le aziende famigliari torinesi: gli ostacoli al loro sviluppo Le aziende famigliari torinesi: gli ostacoli al loro sviluppo I risultati della ricerca 1 Luglio 00 Centro Studi sull impresa di famiglia Family Business Office -Milano - La traduzione, l adattamento totale

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management www.intesasanpaoloimprese.com

di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management www.intesasanpaoloimprese.com IL RUOLO DEL BRAND di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management Sommario Introduzione...3 Definizione di marchio...4 Che cosa rende un marchio forte...4 Marchio e pubblicità...5 Monitoraggio...6

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 8 30 marzo 2009

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 8 30 marzo 2009 Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO Lezione 8 30 marzo 2009 Come reagiscono i consumatori di fronte agli stimoli di marketing comportamento di consumo e

Dettagli

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing Marketing research Definition (AMA): Marketing research is the function that links the consumer, customer, and public to the marketer through information--information used to identify and define marketing

Dettagli

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1 Capitolo 7 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Capitolo 7- slide 1 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Obiettivi

Dettagli

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo Fasi nell evoluzione del rapporto con mercato Marketing di massa Sono curate la produzione e la promozione del prodotto a livello di massa, per tutti

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Marketing Industriale Prof. Ferruccio Piazzoni L analisi di competitività dei segmenti I Mktg-L06 SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLA CONCORRENZA

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Promuovere e valutare competenze nella scuola

Promuovere e valutare competenze nella scuola Promuovere e valutare competenze nella scuola Intervento di Michele Pellerey Sul concetto di competenza in un contesto scolastico Nei documenti della Commissione Europea sulla competenze chiave della cittadinanza

Dettagli

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DI MTKG È LA SEQUENZA LOGICA DI ATTIVITÀ CHE CONSENTE DI: Stabilire gli obiettivi di mtkg, Formulare

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

CORPORATE GIFT E REGALISTICA AZIENDALE

CORPORATE GIFT E REGALISTICA AZIENDALE Ricerca di scenario: CORPORATE GIFT E REGALISTICA AZIENDALE - focus sui regali di Natale - Il sistema delle attività promozionali Il business di riferimento è quello della regalistica aziendale, che può

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane 2015

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane 2015 C E N S I S OUTLOOK ITALIA Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane 2015 Roma, settembre 2015 1. CLIMA DI FIDUCIA, PREVISIONI PER IL FUTURO Per la prima volta, dall inizio della crisi economica,

Dettagli

Marketing. La segmentazione del mercato

Marketing. La segmentazione del mercato Marketing La segmentazione del mercato 1 Fase analitica e conoscitiva Analisi di settore e comportamenti concorrenziali Definizione del mercato e analisi della domanda Comportamento del consumatore Struttura

Dettagli

Principi di marketing

Principi di marketing Principi di marketing Corso di Gestione e Marketing delle Imprese Editoriali (A Z) Prof.ssa Fabiola Sfodera Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione Anno Accademico 2013/2014 1 L utilità

Dettagli

Marketing turistico. L acquisto ed il consumo dei servizi turistici. Prof. ROBERTO PAPA 18

Marketing turistico. L acquisto ed il consumo dei servizi turistici. Prof. ROBERTO PAPA 18 Marketing turistico L acquisto ed il consumo dei servizi turistici Prof. ROBERTO PAPA 18 Comportamento turistico leisure Distacco e ritorno Solo il turismo implica un allontanamento fisico dalle località

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

5. Segmentazione, targeting e posizionamento Giacomo Gistri

5. Segmentazione, targeting e posizionamento Giacomo Gistri 5. Segmentazione, targeting e posizionamento Giacomo Gistri UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MACERATA Facoltà di Scienze della Comunicazione Anno 2011-12 Segmentazione Un singolo prodotto non può soddisfare

Dettagli

Consumeeting 2013. Consumatori, Imprese e Istituzioni: idee a confronto

Consumeeting 2013. Consumatori, Imprese e Istituzioni: idee a confronto Consumeeting 2013. Consumatori, Imprese e Istituzioni: idee a confronto Abstract dei risultati 1 Contesto: percezioni sulla situazione economica La crisi economica continua ad essere fonte di costanti

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

Hong Kong e Cina Mercati di forte interesse per la moda Made in Italy Opportunità e analisi dei fattori di rischio per l export italiano

Hong Kong e Cina Mercati di forte interesse per la moda Made in Italy Opportunità e analisi dei fattori di rischio per l export italiano Hong Kong e Cina Mercati di forte interesse per la moda Made in Italy Opportunità e analisi dei fattori di rischio per l export italiano Milano 16 marzo 2012 Stefano de Paoli Strategie di inserimento nel

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Corso di Marketing Progredito Scuola di economia Dipartimento di Economia, Società e Politica Anno Accademico 2014/2015

Corso di Marketing Progredito Scuola di economia Dipartimento di Economia, Società e Politica Anno Accademico 2014/2015 A cura di: Amadori Mattia Fraternali Martina Gennaioli Arianna Mosca Martina Ruggiero Agostino Stabili Sara Corso di Marketing Progredito Scuola di economia Dipartimento di Economia, Società e Politica

Dettagli

Il marketing dei servizi

Il marketing dei servizi Il marketing dei servizi Standard di servizio 38 P f ROBERTO PAPA La standardizzazione dei servizi Per chiudere il gap 2 è opportuno tradurre le aspettative del cliente in standard di qualità da erogare

Dettagli

Il consumatore e la contraffazione dei cosmetici. Centro Studi Unipro Movimento Difesa del Cittadino

Il consumatore e la contraffazione dei cosmetici. Centro Studi Unipro Movimento Difesa del Cittadino Il consumatore e la contraffazione dei cosmetici Unipro Movimento Difesa del Cittadino Il sondaggio (1/2) condotto su tutto il territorio nazionale, aveva lo scopo di approfondire il percepito dei consumatori

Dettagli

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi Alessandro Danovi Concetto di servizi Servizi = effetti economicamente utili di beni materiali o attività umane di cui beneficiano altri beni o gli uomini Classificazioni Servizi reali -Servizi personali

Dettagli

Definizione di prodotto

Definizione di prodotto Capitolo 8 La strategia del prodotto, dei servizi e della marca Capitolo 8 - slide 1 Definizione di prodotto Prodotto qualunque cosa che possa essere offerta al mercato per l attenzione, l acquisizione,

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE Executive summary DNV GL - BUSINESS ASSURANCE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Sommario Introduzione Metodologia e campione della ricerca Analisi dello scenario attuale Gestione della salute e sicurezza sul

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Natale. Gli italiani e i regali di Natale: scelte e tendenze per il 2006. Milano, 12 ottobre 2006 Lavoro n 25600683

Natale. Gli italiani e i regali di Natale: scelte e tendenze per il 2006. Milano, 12 ottobre 2006 Lavoro n 25600683 Natale Gli italiani e i regali di Natale: scelte e tendenze per il 2006 Milano, 12 ottobre 2006 Lavoro n 25600683 Marketing background e obiettivi della ricerca Fondato nel settembre del 1995, ebay è un

Dettagli

RUSSIA:COME CAMBIA LA SPESA DELLA CLASSE MEDIA DEI PRODOTTI NON-ALIMENTARI NEL PERIODO DI CRISI

RUSSIA:COME CAMBIA LA SPESA DELLA CLASSE MEDIA DEI PRODOTTI NON-ALIMENTARI NEL PERIODO DI CRISI RUSSIA:COME CAMBIA LA SPESA DELLA CLASSE MEDIA DEI PRODOTTI NON-ALIMENTARI NEL PERIODO DI CRISI Abbiamo scelto di segnalare questa grande indagine nella Russia, per fornire delle informazioni che reputiamo

Dettagli

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 Tel. 0871. 961126-961587 Fax 0871 961126 email chic81300t@istruzione.it chic81300t@pec.istruzione.it www.istitutocomprensivotollo.it CHIC81300T Cod. Fisc. 80003000694 PROGETTO

Dettagli

LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA

LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA ADEM LAB- UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA Silvia Bellini Università degli Studi di

Dettagli

Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09

Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09 Dott. Mario Liguori 1 Definizioni Comportamento di acquisto = l insieme delle

Dettagli

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 IL DELITTO DI ABUSO DI UFFICIO: APPROFONDIMENTI PROF. FABIO FOGLIA MANZILLO Indice 1 LE CONDOTTE TIPICHE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

ABSTRACT. V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione "L impegno sociale delle aziende in Italia"- 2012

ABSTRACT. V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione L impegno sociale delle aziende in Italia- 2012 ABSTRACT V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione "L impegno sociale delle aziende in Italia"- 2012 INDICE Con il contributo di Dompé Farmaceutici, Novartis e Pfizer

Dettagli

Tre prerequisiti per essere stimolati a imparare qualcosa di nuovo

Tre prerequisiti per essere stimolati a imparare qualcosa di nuovo Tre prerequisiti per essere stimolati a imparare qualcosa di nuovo 1. Ritrattazione o mancanza di conferma Una persona non va alla ricerca di aiuto se non si trova di fronte a un problema come, ad esempio,

Dettagli

Metodi per valutare la User Experience nei servizi web

Metodi per valutare la User Experience nei servizi web Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Metodi per valutare la User Experience nei servizi web Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA In collaborazione con Milano, 17 aprile 2008 Questo materiale è di proprietà intellettuale di VVA-Valdani Vicari & Associati S.r.l. Non può essere utilizzato

Dettagli

3.7 L affidabilità delle fonti

3.7 L affidabilità delle fonti 3.7 L affidabilità delle fonti Un altro aspetto indagato dal questionario riguarda i criteri con cui i giovani adulti valutano l affidabilità di una fonte informativa, in particolar modo quando riferita

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. prof. Vincenzo Russo (Coordinatore Osservatorio Consumi Alimentari Fondazione Università IULM)

COMUNICATO STAMPA. prof. Vincenzo Russo (Coordinatore Osservatorio Consumi Alimentari Fondazione Università IULM) COMUNICATO STAMPA prof. Vincenzo Russo (Coordinatore Osservatorio Consumi Alimentari Fondazione Università IULM) I giovani consumano regolarmente molti prodotti tipici lombardi senza saperlo Milano, 22

Dettagli

Un approccio innovativo alla lotta contro i farmaci contraffatti: il progetto SAVEmed

Un approccio innovativo alla lotta contro i farmaci contraffatti: il progetto SAVEmed Un approccio innovativo alla lotta contro i farmaci contraffatti: il progetto SAVEmed Torino, 29 gennaio 2014 Seventh Framework Programme of the European Commission SAVEmed: Microstructure secured and

Dettagli

Lab4 per l innovazione della piccola e media Impresa

Lab4 per l innovazione della piccola e media Impresa Lab4 per l innovazione della piccola e media Impresa Indice 1. CHI SIAMO... 1 1.1 I servizi... 2 1.2 I Corsi... 2 2. CMV - LA MISSION, LA VISION... 3 2.1 I risultati del metodo CMV... 4 3. PING PONG Il

Dettagli

Principi di marketing turistico Prof. M. UGOLINI - a.a. 2011-12 Ripasso mirato del programma 1

Principi di marketing turistico Prof. M. UGOLINI - a.a. 2011-12 Ripasso mirato del programma 1 Principi di marketing turistico Prof. M. UGOLINI - a.a. 2011-12 Ripasso mirato del programma 1 Di che cosa si occupa il marketing? Qual è l obiettivo del marketing? Si spieghi la differenza tra consumatori

Dettagli

Creare un emozione per rendere

Creare un emozione per rendere di Luca Figini visual merchandiser L acquisto deve essere un emozione bisogna puntare a coinvolgere il cliente con un contesto che crei sensazioni, che faccia vivere un sogno, che proponga la merce in

Dettagli

Indice. 1 Il settore reale --------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il settore reale --------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VI IL MERCATO REALE PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Il settore reale ---------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LE STRATEGIE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE STRATEGIE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE STRATEGIE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero 1 STRUTTURA DEL PIANO DI MARKETING SOMMARIO ANALISI SCELTE STRATEGICHE PROGRAMMI OPERATIVI CONTO ECONOMICO CONTROLLI Prof. Giancarlo Ferrero 2 LA SEGMENTAZIONE

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Corso di Marketing Lezione 1 Concetti base di marketing

Corso di Marketing Lezione 1 Concetti base di marketing Corso di Marketing Lezione 1 Concetti base di marketing Prof. Elena Cedrola elena.cedrola@unimc.it http://docenti.unimc.it/docenti/elena-cedrola Elena Cedrola - Marketing - Università degli Studi di Macerata

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 2009-1-FR1-LEO05-0303 Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 1 6 Strategia di sviluppo aziendale OBIETTIVO: verifica della fattibilità

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

Il valore del marchio territoriale: il caso Fior d Arancio Colli Euganei

Il valore del marchio territoriale: il caso Fior d Arancio Colli Euganei Abbazia di Praglia, 28 Settembre 2013 Il valore del marchio territoriale: il caso Fior d Arancio Colli Euganei Dott. Gianpaolo Borin Prof. Davide Gaeta Il valore del marchio territoriale: il caso Fior

Dettagli

PattiChiari I giovani e il denaro. 1 ottobre 2008

PattiChiari I giovani e il denaro. 1 ottobre 2008 PattiChiari I giovani e il denaro 1 ottobre 2008 Il 46% degli adulti italiani discute poco di denaro in famiglia, e i giovani sembrano essere generalmente meno coinvolti (55%) Nella mia famiglia raramente

Dettagli

Le famiglie, il motore dell economia

Le famiglie, il motore dell economia Le famiglie, il motore dell economia Sommario 1. Le famiglie, protagoniste dell'economia... 2 1.1 Le attività delle famiglie... 2 2. Il lavoro e le fonti di reddito... 2 3. I consumi... 3 3.1 La propensione

Dettagli

Concetto di Strategia

Concetto di Strategia Strategia 1 Concetto di Strategia L'etimologia della parola "strategia" è greca e significa "l'arte del generale", cioè la capacità di arrivare ad una visione d'insieme che permetta di prendere le decisioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO

LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO http://www.sinedi.com ARTICOLO 19 GENNAIO 2008 LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO Anche per il 2007 Altagamma, l associazione che riunisce le aziende del lusso, in collaborazione con Bain & Company,

Dettagli

Perché adottare una strategia. di customer experience. e perché misurare la experience quality

Perché adottare una strategia. di customer experience. e perché misurare la experience quality Mettere in pratica una strategia di customer experience Michele Gorgoglione, Politecnico di Bari Phil Klaus, ESCEM School of Business and Management Le strategie di customer experience stanno rapidamente

Dettagli

Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili. Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi

Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili. Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi LA STRATEGIA DI INTERNET FASI DELLA STRATEGIA Analisi MARKETING Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi Posizionamento:

Dettagli

CAPITOLO II. (non downloader consapevoli)

CAPITOLO II. (non downloader consapevoli) CAPITOLO II Utenti che non hanno scaricato contenuti digitali nell ultimo anno ma sono consapevoli della possibilità di acquistare contenuti culturali da internet (non downloader consapevoli) I COMPORTAMENTI

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA AZIENDALE STRATEGIA AZIENDALE CONOSCENZE IL CONCETTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO DI FONDO (OSF) L orientamento strategico di fondo delle imprese si basa su una nozione

Dettagli

Introduzione al Marketing Mix

Introduzione al Marketing Mix Introduzione al Marketing Mix Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it) Il Marketing Mix Le 4 P Product Price Promotion Place È la combinazione delle variabili controllabili di marketing che l

Dettagli

ECONOMIA DELLE AZIENDE TURISTICHE

ECONOMIA DELLE AZIENDE TURISTICHE ECONOMIA DELLE AZIENDE TURISTICHE PROF.SSA EMANUELA DE CARLO E STEFANIA BARTOLINI A.A. 2013-2014 Libera Università di Lingue e comunicazione IULM Introduzione Il corso di economia delle aziende turistiche

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese

Economia e Gestione delle Imprese Economia e Gestione delle Imprese Esplicazione e Slide Marco D Epifano Liberamente tratto da Economia e gestione delle imprese, McGraw-Hill, Fontana Caroli. L acquisto del lavoro è subordinato a quello

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

Gli Spuntini formativi. ASSISTENTE DI DIREZIONE: LE COMPETENZE Docente: Helga Ogliari

Gli Spuntini formativi. ASSISTENTE DI DIREZIONE: LE COMPETENZE Docente: Helga Ogliari Gli Spuntini formativi ASSISTENTE DI DIREZIONE: LE COMPETENZE Docente: Cos è una competenza? Una caratteristica intrinseca individuale che è casualmente collegata ad una performance efficace o superiore

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE A conclusione del lavoro di ricerca, si ritiene di riassumere alcune considerazioni nate alla luce sia del lavoro di documentazione, sia di quello di indagine.

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

IL MARKETING E COME USARLO

IL MARKETING E COME USARLO voglia D impresa IL MARKETING E COME USARLO QUADERNI DI ORIENTAMENTO 2 DIECI CONSIGLI CHE COSA FARE voglia D impresa? Non sei sola! LA COLLANA I QUADERNI DI ORIENTAMENTO I Quaderni di Orientamento nascono

Dettagli

DINAMICHE COMPETITIVE E STRATEGIE DELLE IMPRESE

DINAMICHE COMPETITIVE E STRATEGIE DELLE IMPRESE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN DIREZIONE AZIENDALE IL SETTORE GLOBALE DEI BENI DI LUSSO. DINAMICHE COMPETITIVE E STRATEGIE DELLE IMPRESE Tania Licciardello

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli

Lab4 per l innovazione di una Struttura sanitarie

Lab4 per l innovazione di una Struttura sanitarie Lab4 per l innovazione di una Struttura sanitarie Indice 1. Chi Siamo... 1 1.1 I servizi... 2 1.2 I Corsi... 2 2. CMV La Mission e la Vision... 4 2.1 I risultati del metodo CMV... 5 3. PING PONG Il Piano

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli