GESTIONE DEL PORTAFOGLIO PRODOTTI E ARCHITETTURA DELLA MARCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE DEL PORTAFOGLIO PRODOTTI E ARCHITETTURA DELLA MARCA"

Transcript

1 GESTIONE DEL PORTAFOGLIO PRODOTTI E ARCHITETTURA DELLA MARCA Fonte: Mauri C. Product & Brand Management, EGEA, 2007 Giulia Dibiagi Agnese Formica Valentina Giardini Francesco Gulini Ilenia Pirani Flavia Tarsilla

2 STRUTTURA E DIMENSIONE DEL PORTAFOGLIO Il portafoglio prodotti rappresenta la combinazione dei prodotti offerti dall impresa. Il product mix si struttura su tre livelli gerarchici: PRODOTTO LINEA GAMMA Generalmente un PM è responsabile di una o più linee di prodotti MA deve avere una chiara visione delle caratteristiche della gamma completa e delle strategie di portafoglio che l azienda intende perseguire Iniziamo indicando la struttura e la dimensione del portafoglio prodotti. Esso definisce la combinazione di prodotti offerti dall impresa. Il product mix può essere diviso su tre livelli gerarchici: Al livello più elementare ci sono le varianti di prodotto Le varianti sono poi raggruppate in linee di prodotto; ciascuna linea comprende prodotti strettamente collegati perché svolgono funzioni simili, sono venduti allo stesso segmento di clienti, ricadono nella stessa classe di prezzo. L insieme delle linee costituisce la gamma.

3 Per valutare la dimensione della gamma si utilizzano : AMPIEZZA (numero linee offerte) PROFONDITA (numero di varianti di ogni marca o prodotto della linea) LUNGHEZZA (numero totale di prodotti della gamma) COERENZA (correlazione delle diverse linee di prodotti) Per valutare la dimensione di una gamma si utilizzano tre misure: l ampiezza si riferisce al numero di linee offerte, la profondità si riferisce al numero di varianti di ogni marca o prodotto della linea; la lunghezza si riferisce al numero totale di prodotti della gamma. Questi parametri possono essere utilizzati per confrontare le gamme dei vari concorrenti presenti sul mercato, valutando le scelte in termini di differenziazione, di ricchezza e di completezza della gamma. Infine la coerenza è una misura qualitativa che si riferisce a quanto, strettamente, sono correlate le diverse linee di prodotti al loro uso finale, ai requisiti di produzione, ai canali di distribuzione.

4 POLITICHE DI PORTAFOGLIO Quattro modalità: 1- Ampliamento della gamma con l aggiunta di nuove linee 2- Aumento o diminuzione della coerenza di una o più linee (FACE LIFTING RESTYLING) Nuova lattina sleek can Queste quattro caratteristiche della gamma forniscono le basi per definire la strategia di prodotto, che può svilupparsi secondo quattro modalità: un ampliamento della gamma con aggiunta di nuove linee; un aumento o diminuzione della coerenza di una o più linea, a seconda che l impresa desideri conseguire una forte reputazione in un solo o in diversi settori: possiamo parlare di politiche di face lifting che riguardano l innovazione parziale o sostanziale di alcuni elementi che la connotano e di politiche di restyling le quali implicano una modifica sostanziale degli attributi fondamentali dei prodotti (es. nuova lattina sleek can by coca cola).

5 3- Allungamento verso l alto e/o il basso di una o più linee 4- Completamento di una o più linee con l aggiunta di varianti LINE EXTENSION FLANKERING Altra modalità è un allungamento verso l alto e/o verso il basso di una o più linee. Si tratta di aggiungere nuove varianti di prezzo rispettivamente superiori o inferiori rispetto al range attuale. Un ultima modalità riguarda il completamento di una o più linee con l aggiunta di varianti diverse. In questi due casi parliamo di politiche di line extension e flankering.

6 Il Flankering: differenziazione laterale Soddisfare bisogni specifici ed eterogenei e di consentire molteplici modalità di utilizzazione dei beni, anche e forse soprattutto da parte del medesimo consumatore. Vantaggi: Risvegliare interesse sul prodotto Comporre assortimenti mirati Svantaggi: Sovrapposizione con altri prodotti e confusione per il cliente Difficoltà di impostazione di strategie produttive integrate Parliamo di Flankering: mentre la line extension indica un generico approfondimento della linea di prodotti, il flankering è più assimilabile al concetto di differenziazione laterale; all origine di questa differenziazione vi è la volontà di soddisfare bisogni specifici eterogenei e di consentire molteplici modalità di utilizzazione dei beni, anche e forse soprattutto da parte del medesimo individuo; il flankering è dunque fortemente collegata alla segmentazione dei clienti sulla base dei benefici ricercati e delle occasioni d uso del prodotto. L obiettivo principale è quello di aumentare le vendite con l attrazione di nuovi segmenti di consumatori (es. nuovi piccolini Barilla alle zucchine e al pomodoro). L aumento della varietà consente di risvegliare l interesse dei consumatori nei confronti di beni ormai in fase avanzata del ciclo di vita (ad es. i salumi a cubetti, le mozzarelline per l insalata). Queste varianti, volte a rispondere in modo puntuale a esigenze specifiche, rivolgendosi a segmenti con una domanda tendenzialmente più rigida al prezzo permettono di praticare politiche di premium price che mantengono elevata la redditività. Inoltre un flankering intelligente, in un ottica di trade marketing permette di comporre assortimenti mirati a misura di canale, di format distributivo e di cliente. Di contro un eccessiva varietà se non ben gestita può portare a numerose sovrapposizioni che confondono i clienti e possono disaffezionarli alla gamma. Inoltre l eccesso di gamma impedisce di impostare strategie produttive integrate, con il conseguente aumento dei costi di produzione.

7 COME MISURARE LA VARIETÀ REALE DI UNA LINEA DI PRODOTTI? LE RICERCHE DI MKTG HANNO RAGGIUNTO TRE RISULTATI: 1. La varietà ha un impatto positivo significativo sulla quota di mercato di una marca; 2. La varietà effettiva è scarsamente correlata alla varietà percepita dal consumatore; 3. È opportuno utilizzare indicatori che considerano gli attributi dei prodotti. Individuazione del trade-off tra differenziazione e standardizzazione dei prodotti che massimizza la redditività Non è facile misurare la varietà reale di un insieme di prodotti; la letteratura si orienta su 2 fronti: uno prevede la misurazione della varietà in base all impatto sulle vendite e sulla quota di mercato, l altro prevede l individuazione delle migliori soluzioni produttive e logistiche per ottimizzare i processi aziendali in funzione della varietà desiderata. I tre risultati ottenuti dagli studi di marketing suggeriscono in realtà di focalizzarsi sugli attributi caratterizzanti del prodotto, individuare le componenti che comunicano questi attributi e massimizzare la % delle parti comuni e nel contempo massimizzare la differenziazione tra prodotti.

8 Albero di prodotto Caffè Macinato Chicchi Gusto intenso Gusto classico Gusto delicato Gusto intenso Gusto classico Gusto delicato Variante 1 Variante 2 Variante 3 Variante 4 Variante 5 Variante 6 Un modello utilizzabile al fine della misurazione della varietà di una linea di prodotti è il c.d. albero del prodotto (ripreso da Chong, Ho e Tang 1998). I rami dell albero sono gli attributi del prodotto: lo stato della MP (il caffè macinato o in chicci) e successivamente il gusto (intenso, classico, delicato). In questo modo abbiamo una visione generale delle opzioni offerte dall azienda. Questo strumento può servire per confrontarsi con l albero di prodotto offerto dai concorrenti e avere, quindi, un quadro complessivo della varietà nella stessa categoria.

9 IMPATTO DELLA VARIETÀ SULLA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO PRODOTTI Effetti positivi Effetti negativi La variante crea vendite aggiuntive SINERGIE La variante sottrae vendite ai prodotti della linea già esistenti CANNIBALIZZAZIONE Il caso Apple: Quando fu annunciato l'ipad molti analisti sostenerono che questo non avrebbe avuto un gran successo e che, in ogni caso, avrebbe causato una cannibalizzazione verso i desktop o i portatili dove i margini sono maggiori. Non è andata così; non solo le vendite dell'ipad sono state grandiose con 3,27 milioni di unità vendute, ma le vendite dei Mac sono state ancora meglio con 3,47 milioni di unità vendute nel 3 trimestre del 2010.

10 CANNIBALIZZAZIONE Definizione: fenomeno per cui un nuovo prodotto lanciato sul mercato sottrae vendite a un prodotto fratello, ovvero presente nel portafoglio della stessa azienda Cause: Convinzione che le vendite aumentino con il lancio della nuova variante di prodotto; Convinzione che una linea completa di prodotti possa far aumentare la quota di marcato; Posizionamento non sufficientemente distintivo delle nuove varianti; Eccessiva segmentazione della domanda Aggressiva promozione della nuove varianti a scapito di quelli già esistenti.

11 IL CASO Acquista il 10% della quota di mercato in un anno sottraendo quote di mercato a Surf e il 4% della quota di marcato a Perlana Fonte: Shaw, Merrick (2006):Marketing payback. Il contributo del marketing alla redditività dell impresa. Nel 1985 Unilever lancia Wisk, detersivo con acido grasso in grado di sciogliersi in acqua e impedire allo sporco di ridepositarsi sul bucato. La nuova variante acquista in un anno il 10% della quota di mercato, sottraendo quote a Surf e Perlana (4%) che sono prodotti del portafoglio della stessa azienda.

12 MA La cannibalizzazione potrebbe essere il risultato pianificato di un product management intelligente effetti positivi sul portafoglio prodotti Il Product Manager dovrebbe: 1. Valutare il potenziale di cannibalizzazione (attraverso ricerche e test di mercato riferiti a domanda e concorrenza) 2. Stimare gli effetti economico-finanziari della cannibalizzazione; 3. Stimare l incremento delle vendite necessario per neutralizzare l effetto di cannibalizzazione. 1. Il PM può utilizzare i dati sull uso delle marche e delle varianti di un prodotto raccolti attraverso ricerche e test di mercato condotti ai vari stadi del processo di sviluppo della variante somministrati a panel di consumatori. Egli deve predisporre di un quadro della struttura competitiva del mercato di riferimento e delle caratteristiche principali della domanda, quindi valutare il grado di interazione competitiva tra marche e varianti. 2. Il PM deve predisporre un prospetto che contabilizza costi, ricavi e investimenti necessari (produzione e lancio della nuova variante). 3. Molto spesso, conseguenza di tale stima sono prezzi e/o margini superiori rispetto alle varianti pre esistenti.

13 Le politiche di portafoglio mantengono costanti le vendite nel medio termine ma allo stesso tempo possono erodere la brand equity perché incrementano il portafoglio prodotti iniziale con nuovi prodotti. Allora il management e il product manager cosa devono fare per non logorare la propria immagine? Questi nuovi prodotti a volte si insediano come vere e proprie marche, che possono portare a un disagio nella gestione del marketing dato dall elevata numerosità di prodotti e marche.

14 SEMPLIFICARE IL PROPRIO PORTAFOGLIO ATTRAVERSO VARIE FASI: 1. Individuare le tipologie di relazioni tra marche; 2. Comporre tali relazioni nel brand relationship spectrum; 3. Collocare le marche nel brand relationship spectrum e valutarne la posizione rispetto alle altre marche; 4. Applicare il modello dell architettura di marca 5. Effettuare un controllo strategico della brand architecture La semplificazione consiste nella concentrazione delle risorse su poche marche forti, caratterizzate da un posizionamento chiaro, e nella conseguente riconfigurazione del portafoglio prodotti

15 BRAND RELATIONSHIP SPECTRUM APPROCCIO CORPORATE APPROCCI MISTI APPROCCIO FURTIVE Branded house Master brand. Sub-brands Erdorserendorsed brands House of brands Rolex philadelphia-philadelphia Fantasie Unilever: Svelto, Coccolino Ferrero: Nutella La branded housè è usata principalmente nei mercati omogenei e con un portafoglio prodotti limitato. Nella master brand l'impresa associa alla marca corporate una marca di livello inferiore che identifica uno specifico prodotto o una versione del prodotto sviluppata ad hoc. La Brand Endorsement prevede la presenza di marche forti e indipendenti sostenute da una master brand garante dell'offerta, con un ruolo meno diretto e più secondario rispetto al sub branding. Il brand endorsement ha inoltre il vantaggio di consentire l'impiego discrezionale del corporate brand in funzione del profilo e del ruolo strategico di ogni singolo mercato. La house of brand è indicata principalmente in quei mercati incompatibili, con un abbondante portafoglio prodotti

16 Dopo aver costruito il brand relationship spectrum, si andrà ad analizzarne la strategia di branding. Questa è possibile, analizzando l architettura della marca, la quale ci permette di avere una visuale del passato ma anche le possibili strategie future di branding

17 UN ESEMPIO VELOCE: IL CASO DI PHILADELPHIA Il marchio, Philadelphia, era costituito da un solo prodotto (gusto classico in panetto o vaschetta) ma con l avanzare del tempo il portafoglio prodotti aumenta, sia per contrastare la concorrenza sia per stare al passo con i cambiamenti della società (philadelphia fantasie, philadelphia snack, philadelphia light). La comunicazione era incentrata sul prodotto: caratteristiche e sui benefici della cremosità, spalmabilità, gusto e leggerezza. Le campagne pubblicitarie erano fatte da testiomonial (Kaori, nonno e nipotino, fatina) CONSOLIDAMENTO MARCA Il consolidamento della marca ha portato a diversificare il messaggio pubblicitario: non si comunica più i classici benefici: spalmabilità perché sono stati recepiti dal consumatore finale, ma si concentrano sul fatto di mantenere costanti questi valori nel tempo ( ci mettono il cuore ), slogan utilizzato per pubblicizzare il nuovo prodotto: Philadelphia Duo

18 RE-BRANDING Il re-branding consiste nel sostituire il nome di una marca con un altro mantenendo tuttavia il portafoglio prodotti originario. E usato principalmente nei casi in cui un impresa acquisisce un altra impresa PERCHE SI FA RE-BRANDING? 1. La marca acquisita ha lo stesso portafoglio prodotti dell impresa acquisitrice. 2. La marca acquisita ha un posizionamento distinto rispetto all impresa acquisitrice.

19 RE-BRANDING: IL CASO CAFFE SPLENDID Kraft Food è leader mondiale nel caffè tostato e macinato, ed è seconda nel settore del caffè solubile dove Nestlè detiene il primato. Kraft Italia acquisisce nel 1994 da P&G la marca Splendid e nel 1995 da Crippa & Berger la marca Caffè Hag e Caffè Faemino Prima Kraft si focalizza su Splendid e Hag e successivamente su Faemino (nel 2000) Per entrare nel mercato del caffè solubile, Kraft adotta una strategia di re-branding

20 Posizionamento: tutto il gusto e l aroma di Splendid in un istante; Comunicazione: copy internaz. basato sul prodotto; Innovazione: introduzione di stick monodose Marca: da Faemino a Splendid; Prodotto: armonizzazione del pack (vasetto) e miscela al portafoglio internaz. Iniziative consumer: dedicate alla prova prodotto

21 Il piano di re-branding è stato implementato nel 2001 con i seguenti punti: 1. Obiettivo: accrescere la quota di mercato per Kraft nel mercato del solubile; 2. Re-branding pack: graduale e non rischioso 3. Comunicazione: basata sulle coffee credentials di Splendid e sulle promessa di prodotto; 4. Consumer iniziatives: azioni incrociate con il portafoglio Splendid Roast & Ground per creare consapevolezza e fiducia nel nuovo prodotto attraverso: buoni sconti, stick pack di solubile in omaggio. RISULTATI La quota di mercato e il fatturato nel triennio sono aumentati

22 RE-BRANDING: IL CASO SIMPLY MARKET-SMA Nel 2005 nasce Simply market, dall idea di Sma, come risposta all aumento di hard-discount Essi hanno ambienti gradevoli ed offrono prezzi bassi tutto l anno Nel 2008 si passa ad una strategia di re-branding da parte di Sma: vogliono reingegnerizzazione il marchio Simply market, diventando così Simply market-sma Attraverso questo progetto aziendale, Sma cerca di posizionarsi nell'area della prossimità e dell'attrazione, mantenendo comunque i plus qualitativi dell'offerta Sma (qualità,promozioni), ma con logiche di prezzo più competitive. Fonte: Il sole 24 0re

23 PRODUCT MANAGEMENT E CATEGORY MANAGEMENT: L integrazione tra la gamma dell impresa e gli assortimenti commerciali

24 Rapporti tra produttore e distributore Nel rendere disponibile la varietà di gamma dell impresa, il PM è coinvolto nel Category Management della distribuzione. E un processo comune tra produttore e distributore in cui le categorie sono gestite come unità strategiche di business, con l obiettivo di aumentare il fatturato e l utile attraverso una maggiore soddisfazione dei bisogni dei consumatori. NIELSEN 1991 CATEGORIA: un insieme di prodotti che il consumatore percepisce come interrelati e/o sostituibili. Nasce dall aumento delle alternative in presenza di due risorse scarse: lo spazio espositivo e il tempo a disposizione del cliente.

25 Rapporti tra produttore e distributore Nella piccola distribuzione i problemi che il PM si trova ad affrontare sono: Fare in modo che l offerta dei prodotti del dettagliante si differenzi dai concorrenti Cercare di spargere l intera gamma su tutti i negozi Per raggiunge tali obiettivi, è bene ch il PM crei dei menu di varianti. In questo caso, il category managemet per il PM, è inteso come una soluzione o un approccio per trovare un punto d incontro tra l abbondante gamma di varianti e lo spazio limitato disponibile dei negozi. Il negozio infatti assume un ruolo molto importante, dal momento che ha la funzione di informare il consumatore delle alternative disponibili, riducendone cosi i costi di ricerca (Pellegrini,1990). Per costruire gli assortimenti di ciascun reparto, il dettagliante dovrà prima di tutto sceglie i fornitori a cui affidarsi, dopo di che, a seconda della loro varietà di prodotti, prendere delle decisioni in merito di ampiezza (Numero di prodotti che rispondono a bisogni diversi all interno della stessa categoria) e profondità (marchi e formati diversi di prodotti che rispondono allo stesso bisogno) dell assortimento.

26 Rapporti tra produttore e distributore Nella GDO vi è un vero e proprio co-marketing tra produttore e distributore per capire: L atteggiamento del consumatore verso la categoria La migliore esposizione nel punto di vendita Il prezzo più conveniente per vendere Le promozioni da adottare I risultati di vendita ottenuti Occuparsi degli acquisti e del controllo delle scorte: per far si che i prodotti siano disponibili nel punto vendita

27 IL PROCESSO DI CATEGORY MANAGEMENT 1. Definizione 2. Ruolo 3. Valutazione 8. Revisione 4. Obiettivi 5. Strategie 6. Tattiche 7. Implementazione

28 Vantaggi: Le aziende di produzione si sono accorte che aiutando la distribuzione a migliorare le performance sulle vendite di categoria al tempo stesso è possibile far crescere la quota della propria marca. Ostacoli: Diverso ruolo che le categorie possono assumere Rielaborazione del modello organizzativo aziendale Replicabilità delle soluzioni testate Il primo ostacolo, nasce dal fatto che distributore e produttore hanno una differente visione del marketing: il distributore ha l obiettivo di generare traffico che lo porta ad adottare una visione oltre la categoria mentre il produttore non ha interesse ad andare oltre la categoria. Il secondo ostacolo deriva dal fatto che l introduzione del categoty management richiede un controllo da parte del top management, che fino ad ora hanno manifestato di adottare una grande prudenza nell evoluzione del CM. L ultimo ostacolo fa riferimento agli elevati costi che richiede l implementazione di tali progetti dopo i test effettuati : è opportuni che una volta ottenuti i risultati, essi vengano implementati in diversi punti vendita.

29 Category management in Barilla Progetto di ridefinizione della categoria pasta Obiettivi Ampliamento quota mercato Miglioramento efficienza nel processo di offerta Sviluppo politiche di servizio per il consumatore Miglioramento soddisfazione del consumatore definiti dal distributore Risultati: nelle vendite: aumento nel segmento della pasta di semola tipologia di marca: premium price formato: riduzione

30 Pasta semola Asciutta Pastine Specialità Lunga Corta Tale modello ECR, viene poi integrato con le percezioni dei consumatori: i formati di pasta possono essere associati a diversi modalità di consumo e preparazione. La soluzione adottata da Barilla consiste nell analisi dell offerta della categoria in ampiezza profondità attraverso due assi: segmento di prodotto prezzo.

31 ALCUNI ESEMPI KELLOGG S Adulti Bambini Teenagers FERRERO Merenda Cioccolatini (Acquisti d impulso) Fonte: Come si puo notare dagli esempi, sia la Kellogg che la Ferrero, hanno ampliato la varietà di gamma aggiungendo o arricchendo le varie categorie. Nello specifico la Kellogg s ha introdotto prodotto volti a soddisfare i bisogni dei bambini (cerealix o i cereali al cioccolato), di essere in linea e degli adulti. La Ferrero, tra le varie categorie di prodotti, ho evidenziato quella delle merende (kinder Brioss) e dei cioccolatini introducendo novità come kinder merendero( il kinder Sorpresa dell estate) e Raffaello. In entrambi i casi, si può notare come hanno ampliato la propria gamma, favorendo un assortimento nella grande distributori più ampia e volta a soddisfare al meglio i bisogni dei consumatori ( come il Kinder merendero e il Raffaello hanno aumentato la scelta degli acquisti d impulso).

32 CONCLUSIONI La gestione del portafoglio prodotti ha un importanza sia a livello strategico che operativo. La composizione dell offerta di un prodotto in termini di varietà, costituisce il cuore del lavoro del PM. Il PM deve stare attento all aumento di varietà che può erodere la brand equity. Il category management e l architettura della marca si configurano come degli approcci che aiutano il PM a comporre e gestire il portafoglio prodotti.

33 IDENTITA DI MARCA

34 CHE COS E LA MARCA Asset intangibile e fonte di vantaggio competitivo, la marca è una risorsa mediante la quale instaurare forti legami simbolici con il consumatore. Esso riconosce in un determinato brand un insieme di contenuti, valori, messaggi e attributi. GRATIFICAZIONE DIVERTIMENTO SICUREZZA

35 VANTAGGI DI UN BRAND FORTE PER IL CONSUMATORE PRATICITA GARANZIA Il brand agisce da sostituto dell informazione. Orienta il processo decisionale e il comportamento d acquisto.

36 VANTAGGI DI UN BRAND FORTE PER L IMPRESE VANTAGGI DI RELAZIONE CON IL MERCATO Possibilità di creare rapporti di lungo termine con i consumatori (fiducia maggiore). Si possono avere ricadute positive su altre tipologie di prodotti della stessa marca. Potenziamento delle relazioni con fornitori, media, dipendenti VANTAGGI DI NATURA DISTRIBUTIVA Capillarità distributiva, miglior esposizione nei punti vendita, entrata in nuovi canali VANTAGGI NEL MARKETING MIX Definisce e rafforza il posizionamento, crea barriere all entrata, possibili strategie premium price, possibili strategie di brand extension.

37 GESTIONE DELL IDENTITA DI MARCA

38 LA DEFINIZIONE E LA COSTITUZIONE DELL IDENTITA DEL MARCHIO A LIVELLO CORPORATE: DEVE COSTITUIRE UN CHIARO E PRIORITARIO OBIETTIVO AZIENDALE DEVE RICEVERE UN ADEGUATA ALLOCAZIONE DI RISORSE FINANZIARIE E UMANE DEVE CONTINUAMENTE ALLINEARSI CON I TARGET DI RIFERIMENTO In quanto nel lungo periodi è possibile creare rapporti duraturi con i consumatori che si sono fidelizzati al marchio. In particolare le risorse umane devono essere adeguate alla filosofia dell impresa. Attraverso una continua interazione, possibile anche grazie a Internet. Questo strumento è utile a mantenere i rapporti con i consumatori e a ricevere utili feed back dal mercato.

39 DETERMINANTI NELLA COSTRUZIONE DELLA BRAND IDENTITY Insieme di elementi espressivi utilizzati dall azienda per veicolare le credenziali di una marca (Gelder 2003) Trasferire nel marchio una serie di contenuti simbolici come la filisofia manageriale, la cultura e i valori aziendali. Agire in coerenza con cultura e valori aziendali. Selezionare i veicoli comunicazionali in modo da raggiungere specifici target di clienti. Coinvolgere il target di riferimento nella costruzione dell identità. Il caso che andremo ad analizzare riguarda il settore della moda, settore caratterizzato in misura maggiore che in altri da forti connotazioni simboliche e da veloci cambiamenti nei gusti e nelle tendenze di consumo. Proprio per questo è importante che i brand delle aziende che operano in questo settore riescano a differenziarsi da quelli dei concorrenti.

40 IL CASO:

41 CHI E : Impresa produttrice di abbigliamento casual Costituita nel 1978 a Molvena (VI) da Renzo Rosso Filosofia: we do what we like DIESEL nasce dall esigenza del suo fondatore di creare un azienda che riflettesse i suoi desideri, ovvero riunire un team di persone accumunate dalla filosofia che anima tutt oggi le creazioni Diesel. La condivisione della vision aziendale ha rappresentato un criterio di selezione delle risorse soprattutto in fase di start up: il team di Renzo Rosso è rappresentato da persone selezionate dallo stesso nel corso di un viaggio in giro per il mondo durato 6 mesi alla ricerca di stilisti, creativi e partner commerciali in sintonia con lo stile di vita e la filosofia che animano tuttora il Diesel Planet. L obiettivo era duplice: trovare persone che possedessero le competenze e l esperienza necessaria, e soprattutto, che condividessero in senso ampio il modo di vivere Diesel,un modo di vivere internazionale.

42 FATTURATO ANNO IN NUMERI(1): FATTURATO 1,70 miliardi 0,76 miliardi $ 0,60 miliardi $ 0,50 miliardi $ 0,38 miliardi $ 0,35 miliardi $ 0,33 miliardi $ L 85% del fatturato è generato fuori dall Italia Los Echos, principale giornale economico-finanziario francese L apertura dell impresa veneta verso il mercato internazionale intesa come creazione di network internazionali, è divenuta un punto di forza nel suo sviluppo sia in termini economici finanziari sia dimensionale.

43 IN NUMERI(2): SVILUPPO DIMENSIONALE 50 sono i Paesi in cui è presente sono i punti vendita 40 sono i negozi di proprietà 1000 sono i dipendenti in tutto il mondo 12 sono le subsidiary che gestisce in Europa, Asia e America

44 I PILASTRI DELLA FILOSOFIA DIESEL: Il modo di essere Diesel costruire il Diesel Planet, un mondo fatto di idee e valori, in grado di acquisire una precisa identità presso un definito target di consumatori Gli stupidi possono fallire. Gli intelligenti non rischiano. Gli intelligenti criticano. Gli stupidi creano. Gli intelligenti ascoltano la testa. Gli stupidi ascoltano il cuore. Opinion leader nella visione di Renzo Rosso: Leader di un gruppo Non un consumatore medio Persona con carisma

45 I PILASTRI DELLA FILOSOFIA DIESEL: Il target di rifermento tutte quelle persone che, indipendentemente dal Paese di origine e dall età, si identificano con il Diesel Planet (target globale). L idealtipo del consumatore Diesel è costituito dagli opinion leader. L orientamento all innovazione interrelato all attenzione all estrema qualità in tutte le attività e in tutti i processi aziendali Opinion leader nella visione di Renzo Rosso: Leader di un gruppo Non un consumatore medio Persona con carisma

46 ANCORA Libertà creativa coerente con l identità di marca e la storia dell impresa Varietà e overcreativity Spirito di gruppo Diesel Creative Team In particolare queste caratteristiche sono riconducibili agli aspetti gestionali che caratterizzano il lavoro del team di stilisti. Il gruppo di stilisti è eterogeneo in termini di cultura e nazionalità, per la realizzazione delle loro collezioni compiono 2/3 volte all anno dei viaggi alla scoperta di nuove idee ricercandole tra i gusti, le sensazioni, gli odori di culture diverse... Con l intento di allargare il più possibile il raggio di esplorazione su quello che accade in tutto il mondo e favorire così un processo di contaminazione delle idee e degli input raccolti all estero. La numerosità dei soggetti coinvolti nel processo di sviluppo di nuove collezioni e quindi le differenti esperienze e culture a confronto, spiegano la ricchezza innovativa di Diesel, definita dai manager overcreativity. La ridondanza di idee prodotta a ogni stagione ha un duplice effetto: da un lato non impone ai creativi vincoli nella fase di concezione di una nuova creazione; dall altro, è la fonte di quella potenza innovativa che rinforza l immagine Diesel e l identità del marchio.

47 DIESEL CREATIVE TEAM Si dedica esclusivamente alla comunicazione: - Campagne pubblicitarie - Sponsorizzazioni -Eventi - - Arredamento dei punti vendita Valuta la coerenza tra comunicazione e l identità di marca partecipando alla definizione dei contenuti delle singole collezioni

48 DIESEL CREATIVE TEAM Ne fanno parte: Il titolare dell azienda Il responsabile della comunicazione I creativi, responsabili dell immagine Il capo stilista Il responsabile delle linee di produzione

49 EVOLUZIONE DELL ORIENTAMENTO STRATEGICO Anni 80 soc. dei consumi: era dell appartenenza ai gruppi focus sul prodotto QUALITA produzione tout court Anni 90 soc. dei consumi: individualità valorizzazione della creatività DIESEL CREATIVE TEAM comunicazione a supporto del prodotto Diesel NON si è unita alle tendenze prevalenti che si svilupparono negli anni 80 ma ha ricercato propri spazi di mercato; questa strategia gli ha permesso di vedere valorizzata la propria identità 10 anni dopo, quando negli anni 90 c è un ritorno all individualità. l orientamento strategico è evoluto dalla focalizzazione sul prodotto verso un progetto fondato sulla valorizzazione della creatività ampiamente intesa: sia in termini di nuove collezioni ma anche mediante un progetto comunicazionale integrato; la costituzione del DIESEL CREATIVE TEAM; Il DCT ha segnato il passaggio di orientamento dalla produzione tout court alla comunicazione a supporto del prodotto. In questo senso l impresa veneta ha lavorato alla costruzione di un messaggio che comunicasse l attenzione rivolta a determinate tendenze, e che proponesse particolari sensazioni ed atmosfere. Raggiunta la sintonia con il target di consumatori desiderato hanno avuto inizio politiche di comunicazione volte a esternare tale sintonia.

Cap.8 Strategie di marca. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.8 Strategie di marca. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.8 Strategie di marca Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it 2 Brand Management Costruzione del sistema della brand identity Definizione del

Dettagli

Prodotto vs. Brand. Un prodotto si fabbrica. Un brand si compra (fiducia) Un brand (se ben costruito) è unico. Un prodotto si copia

Prodotto vs. Brand. Un prodotto si fabbrica. Un brand si compra (fiducia) Un brand (se ben costruito) è unico. Un prodotto si copia BRAND MANAGEMENT Prodotto vs. Brand Un prodotto si fabbrica Un brand si compra (fiducia) Un prodotto si copia Un brand (se ben costruito) è unico Un prodotto diventa obsoleto Un brand di successo vive

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Introduzione al Retail

Introduzione al Retail Introduzione al Retail Lezione 14.03.13 Pio Zito MARKETING RELAZIONALE FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI Il Retail etailè un sistema di vendita evoluto composto da una rete di punti caratterizzati da: SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA In collaborazione con Milano, 17 aprile 2008 Questo materiale è di proprietà intellettuale di VVA-Valdani Vicari & Associati S.r.l. Non può essere utilizzato

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

Marketing Internazionale

Marketing Internazionale Marketing Internazionale Facoltà di Economia CdL in Economia e Gestione Aziendale II semestre A.A. 2008-2009 Il posizionamento nei mercati internazionali Posizionamento Dopo aver scelto il segmento l impresa

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 2009-1-FR1-LEO05-0303 Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 1 6 Strategia di sviluppo aziendale OBIETTIVO: verifica della fattibilità

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

Introduzione al Marketing Mix

Introduzione al Marketing Mix Introduzione al Marketing Mix Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it) Il Marketing Mix Le 4 P Product Price Promotion Place È la combinazione delle variabili controllabili di marketing che l

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Conoscendo l evoluzione storica della moda, è possibile affermarne la caratteristica di variabilità nel tempo, che dà vita ad un processo di cambiamento continuo,

Dettagli

La comunicazione degli eventi

La comunicazione degli eventi La comunicazione degli eventi 1 2 Gli strumenti di comunicazione 3 4 Immagine e branding 5 Il branding è l insieme delle attività strategiche e operative relative alla costruzione della marca. Definizione

Dettagli

Ringraziamenti dell Editore

Ringraziamenti dell Editore 00 Pratesi romane.qxp:. 23-12-2008 16:56 Pagina VII INDICE Prefazione Ringraziamenti dell Editore XVII XXI Capitolo 1 Introduzione al processo di marketing management 1 1.1 La filosofia del marketing,

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

www.mauriziovinci.it

www.mauriziovinci.it www.mauriziovinci.it Il mercato impone decisioni rapide ed efficaci, obiettivi chiari e sostenibili, strategie ben strutturate che non lasciano spazio all improvvisazione. Studio di consulenza integrata

Dettagli

Pricing & Costing: Soluzioni del Caso One-O-One

Pricing & Costing: Soluzioni del Caso One-O-One Pricing & Costing: Soluzioni del Caso One-O-One G.TOSCANO e A.VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Ottobre 2012 Anno accademico 2012/13 1 Domande guida per la discussione 1. Si presentino

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

TRONY. Profilo dell insegna

TRONY. Profilo dell insegna TRONY Profilo dell insegna Chi è Trony La mission L offerta sul punto vendita E-Commerce e CRM Trony e i fattori di successo Il nuovo modello di vendita L importanza del personale di vendita La comunicazione

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One

Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One G.TOSCANO e A.VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 Lucidi di Giuseppe Toscano 1 Domande guida per

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 1. INDICE 2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 3. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 4. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 5. MISSION pag. 4 6. APPROCCIO pag. 4 7. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

Mercato Lavatrice LAVATRICE LIQUIDI POLVERI LIQUIDI CONCENTRATI PROFUMATI COLORATI MARSIGLIA TRADIZIONALI PREDOSATI

Mercato Lavatrice LAVATRICE LIQUIDI POLVERI LIQUIDI CONCENTRATI PROFUMATI COLORATI MARSIGLIA TRADIZIONALI PREDOSATI 2 0 1 1 Mercato Lavatrice LAVATRICE LIQUIDI POLVERI CONCENTRATI TRADIZIONALI PROFUMATI COLORATI MARSIGLIA LIQUIDI PREDOSATI Mercato Lavatrice - Predosati 2 0 1 0 Nascono i detersivi lavatrice liquidi pre-dosati

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Marketing. La segmentazione del mercato

Marketing. La segmentazione del mercato Marketing La segmentazione del mercato 1 Fase analitica e conoscitiva Analisi di settore e comportamenti concorrenziali Definizione del mercato e analisi della domanda Comportamento del consumatore Struttura

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ]

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] MODELLI DI SVILUPPO INTERNAZIONALE I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] La scelta del modello ottimale per lo sviluppo nei

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006 Branding Cos è e perché è così importante Antonio Tresca, 2006 1 Agenda Definizioni: cos è il Brand Anatomia del Brand: le componenti della Brand Equity Perché costruire un Brand forte 2 Definizioni: cos

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice.

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. Lezione 3 La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

La Gestione della Complessità

La Gestione della Complessità La Gestione della Complessità Only variety can destroy variety (Ross. W. Ashby) Prof. Claudio Saita 1 La struttura del modello cognitivo proposto, conosciuto più comunemente in letteratura come la legge

Dettagli

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO!

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! MONDO GRAFICA 7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! IL MATTONE di ogni comunicazione Grafica La pubblicità è quella forma di comunicazione che raggruppa la diffusione di messaggi

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Corso di Strategie d impresa

Corso di Strategie d impresa Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani CASO J- BasicNet strategy Un sistema innovativo basato su tecnologia e stile A cura di: Sara Barone e Alessandra

Dettagli

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE In un mondo del lavoro altamente competitivo, nel quale l offerta turistica è molto vasta e i clienti possono scegliere tra

Dettagli

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore)

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) 6 La Strategia di Marketing Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) Il Marketing operativo Gli adeguamenti di breve periodo 1 La strategia di marketing (o MKTG

Dettagli

I Principi di Marketing Management Filosofia e Funzione

I Principi di Marketing Management Filosofia e Funzione I Principi di Marketing Management Filosofia e Funzione 1 Che cosa si intende con il termine? Una lettura attraverso i grandi cambiamenti sociali, economici e i cambiamenti, last but not least, tecnologici

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE COME GESTIRE I PROGETTI IN MODO PIÙ SEMPLICE, VELOCE E COLLABORATIVO? COME RENDERE LA PROGETTAZIONE E LO SVILUPPO DEI PRODOTTI PIÙ VELOCE ED EFFICIENTE? COME RIDURRE LA COMPLESSITÀ DEI PRODOTTI GARANTENDO

Dettagli

Principi di marketing

Principi di marketing Principi di marketing Corso di Gestione e Marketing delle Imprese Editoriali (A Z) Prof.ssa Fabiola Sfodera Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione Anno Accademico 2013/2014 1 L utilità

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ IL NOSTRO LAVORO I NOSTRI SERVIZI CI HANNO SCELTO CONTATTI

L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ IL NOSTRO LAVORO I NOSTRI SERVIZI CI HANNO SCELTO CONTATTI L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ Ma&Mi è un agenzia di comunicazione a servizio completo, dove differenti professionalità si mettono al servizio del cliente per creare valore e per supportare lo

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Ofi cina. d impresa. Marketing

Ofi cina. d impresa. Marketing d impresa Ofi cina d impresa Siamo una società di consulenza e servizi marketing che sviluppa innovazione e creatività fi nalizzate al raggiungimento di obiettivi tangibili e percepibili dal cliente,

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PRODOTTO O SERVIZIO. a cura di Annamaria Annicchiarico

DEFINIZIONE DEL PRODOTTO O SERVIZIO. a cura di Annamaria Annicchiarico DEFINIZIONE DEL PRODOTTO O SERVIZIO a cura di Annamaria Annicchiarico Settembre 2005 Indice dei contenuti Definizioni utili Il prodotto/servizio Il rapporto col mercato Valutare le idee Il piano d azione

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo Fasi nell evoluzione del rapporto con mercato Marketing di massa Sono curate la produzione e la promozione del prodotto a livello di massa, per tutti

Dettagli

Il Progetto «Freschi e Freschissimi» : una sfida (vinta) di Change Management. 04 giugno2015

Il Progetto «Freschi e Freschissimi» : una sfida (vinta) di Change Management. 04 giugno2015 Il Progetto «Freschi e Freschissimi» : una sfida (vinta) di Change Management 04 giugno2015 La COOP : Il Distretto Nord Ovest Il Sistema Coop si presenta come un insieme articolato di Cooperative e Consorzi

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

what your brand wants Relazioni Pubbliche

what your brand wants Relazioni Pubbliche Relazioni Pubbliche ottimi motivi per una campagna di RP Progettiamo e sviluppiamo campagne di Relazioni Pubbliche utilizzando in modo strategico ed integrato attività di comunicazione online ed offline

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Aldo Santalco ALL RIGHTS RESERVED

Aldo Santalco ALL RIGHTS RESERVED Aldo Santalco ALL RIGHTS RESERVED Indice: Nestlè e i suoi marchi Nestlè in Italia Nescafè in Italia Livelli di consumo pro-capite Quote di consumo caffè istantaneo Evoluzione dei comportamenti di consumo

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione.

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Scegliere i settori su cui sia opportuno investire fondi pubblici a fini promozionali, non è sempre

Dettagli

Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati

Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati LE AMMINISTRAZIONI LOCALI E LA VALORIZZAZIONE E GESTIONE DEI BENI CULTURALI Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati Gianluca Comin 25 febbraio 2015 Quando parliamo di settore cultura,

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente Scheda Progetto Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale Indirizzo Sede Amministrativa Nome del Referente Telefono del Referente 1 1. In quale fase si colloca la Tua Impresa? (inserisci

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013 CARTELLA STAMPA di CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE

Dettagli

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard Prospettiva conoscenza e competenze Prospettiva dei processi Prospettiva dei clienti Prospettiva economico finanziaria le relazioni causa-effetto

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli