CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI"

Transcript

1 ,j CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER PRESSO L MNSTERO DELLA GUSTZA - 00llS6 ROMA VA ARENULA, 71 PRESDEl\ZA E SEGRETERA ROMA - VA V NOVEMBRE. 114 TEL r,a. - FAX 06, CONSGLO NAZONALE NGEGNER 08/07/20100,00,00 U-nd/3050/ U-MC Circo n. 350/XV Sesso Ai Consigli degli Ordini e alle Federazioni elo Consulte Regionali degli ngegneri Loro Sedi Oggetto: Possibilità di duplice iscrizione nelle sezioni A e B dell'albo in settori differenti - possibilità di iscrizione alla sezione B dell'albo dei laureati in Architettura e produzione edilizia - richiesta parere - risposta del Ministero dell'struzione, dell'università e della Ricerca riepilogo del quadro normativo - prot. CN n.2654 Con la presente si trasmette a tutti gli Enti in indirizzo l'importante pronunciamento della Direzione Generale per l'università del Ministero dell'struzione, dell'università e della Ricerca, datato 8 giugno 2010 e pervenuto in risposta alle sollecitazioni del Consiglio Nazionale sulla annosa questione della possibilità o meno di contemporanea duplice iscrizione nelle sezioni A e B dell'albo in settori differenti di colui che abbia maturato i relativi requisiti (v. allegati). Come noto, fin dal 2006 il Consiglio Nazionale - nel silenzio del DPR 328/2001 sul punto - aveva richiesto ai Ministeri competenti di esprimere autorevole parere sull'estensione del divieto di doppia iscrizione. l Ministero della Giustizia, con nota prot. DAG del 24/10/2006 (v. circolare CN n.39 del 6/11/2006), aveva infatti sancito il divieto per il professionista, iscritto in un settore della sezione B dell'albo, di iscriversi al corrispondente settore della sezione A, mantenendo la precedente iscrizione.

2 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER li Rimaneva da chiarire se il divieto di doppia iscrizione dovesse valere anche per la differente ipotesi dell'eventuale istanza di duplice iscrizione alle due sezioni dell'albo ma in settori diversi (v. richiesta di parere CN datata 4/12/2006, allegata). Su tale problematica per lungo tempo le Autorità competenti non si sono pronunciate in via definitiva. Soltanto nel 2009 il Ministero della Giustizia, nella nota datata 16/06/2009, prot. DAG U - indirizzata al Ministero dell'università -, accogliendo la tesi del Consiglio Nazionale, ha per la prima volta affermato che "la possibilità di una duplice iscrizione non appare in contrasto con il dato nonnativo.. e pare, inoltre, ragionevole, non ravvisandosi motivi per non consentire al professionista che abbia conseguito un titolo abilitativo di poter poi procedere allo svolgimento effettivo dell'attività conseguente", ravvisando comunque la necessità di un pronunciamento comune e di arrivare ad una soluzione condivisa con il Dicastero dell'università (v. circolare CN n.244 del 3/07/2009). Successivamente il Ministero dell'università, con nota interlocutoria datata 14/01/2010, indirizzata all'ufficio Legislativo e al Ministero della Giustizia, aveva espresso l'avviso che la duplice iscrizione "comporterebbe una inammissibile duplicazione del diritto di voto in sede di elezione dei consigli nazionali e territoriali, dal momento che ad uno stesso professionista verrebbero attribuiti due votr (v. circolare CN n. 307 del 12/02/2010). Adesso, con un parziale revirement, la Direzione Generale per l'università del MUR informa che l'ufficio Legislativo del Ministero, investito della questione sulla possibilità di una duplice iscrizione nelle sezioni A e B dell'albo degli ngegneri in settori differenti "ha espresso un parere concorde a quello indicato nella nota 1583 in data 16/06/2009 del Ministero" della Giustizia. n particolare l'ufficio Legislativo del Ministero dell'università ha affermato che l'iscritto nella sezione B dell'albo che passa al corrispondente settore della sezione A non può mantenere l'iscrizione nella sezione B, perché co sarebbe fonte di ingiustificate prerogative (quali, per esempio, quelle in materia elettorale), mentre - nel caso che qui interessa - l'iscritto ad un dato settore, che chiede di essere iscritto ad un diverso settore di un'altra sezione, può mantenere la precedente iscrizione, "non esistendo preclusioni nonnative in tal senso e dovendosi in tal caso ritenere del tutto giustificate le prerogative derivanti dalla duplice iscrizione". 2

3 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER n sostanza il Ministero dell'università fa proprio il parere legale espresso dall'ufficio Legislativo e con ciò, innovando la propria posizione sul punto, definitivamente e in via ufficiale riconosce la possibilità, ai sensi del DPR n.328/2001, di iscrizione in due differenti settori dell'albo, sia che si tratti di un diverso settore della stessa sezione, sia che si tratti di un diverso settore di un'altra sezione. Riguardo, poi, la possibilità di svolgere l'esame di Stato attraverso una prova semplificata per coloro che sono già iscritti in un settore e richiedano l'iscrizione in un diverso settore dell'altra sezione, l'ufficio Legislativo del MUR - confermando quanto già sostenuto nel parere ministeriale datato 14/01/ riconosce l'inapplicabilità dell'art.5, comma 2, DPR 328 al caso di specie e ritiene necessario un apposito intervento normativo, di integrazione del suddetto Regolamento, per giungere a questo risultato. Rimane adesso da attendere una eventuale presa d'atto del Ministero della Giustizia sulle conseguenze in materia di diritto di voto di questa soluzione, tenendo presente che l'ufficio Legislativo del MUR una indicazione - in verità assai sbrigativa - in questa direzione l'ha già fornita col parere allegato. Per il momento, comunque, è possibile tracciare un riepilogo del quadro normativo vigente in tema di duplice iscrizione, a seguito delle determinazioni ministeriali succedutesi nel tempo : ) L'iscritto ad un dato settore della sezione A dell'albo può esercitare anche le attività proprie del corrispondente settore della sezione B dell'albo (senza necessità - ed essendo anzi vietato - di iscriversi alla sezione B) ; ) L'iscritto in un settore di una sezione può essere iscritto in un diverso settore della medesima sezione, ove sia in possesso del necessario titolo di studio e abbia conseguito la relativa abilitazione mediante il superamento di un apposito esame di Stato cd semplificato, ex art.3, comma 4, DPR 328/2001 (v. parere Ministero della Giustizia del 16/06/2009) ; ) L'iscritto ad un settore di una sezione, in possesso del necessario titolo di studio e della relativa abilitazione, può essere iscritto in un diverso settore dell'altra sezione, mantenendo la precedente iscnzlone (ad es., un iscritto al settore c) dell'informazione della sezione B dell'albo, avendone ottenuto i requisiti, può iscriversi al settore a) civile e ambientale, della sezione A dell'albo). 3 il ~

4 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER Su tale terza ipotesi occorrerà attendere il pronunciamento del Ministero della Giustizia, per quanto riguarda le sue ricadute sulla materia elettorale. *** La stessa nota ministeriale si pronuncia su di un'altra richiesta di parere inoltrata dal Consiglio Nazionale al MUR. L'Ordine degli ngegneri della provincia di Mantova, su sollecitazione del Politecnico di Milano, Polo Regionale di Mantova, aveva infatti chiesto al Consiglio Nazionale di sapere se i laureati in Architettura e produzione edilizia (laurea triennale) possono iscriversi alla sezione B dell'albo, pur in mancanza di indicazioni espresse in tal senso nel DPR 328/2001, alla luce del fatto che il decreto ministeriale 26 luglio 2007 ha sancito la corrispondenza tra la classe L 23- Scienze e tecniche dell'edilizia (cui appartiene il corso di laurea in Architettura e produzione edilizia) e la classe di laurea 4- Scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile (di cui al DM n.509/1999), quest'ultima espressamente indicata dalla norma tra quelle che consentono l'iscrizione alla sezione B dell'albo degli ngegneri. l Consiglio Nazionale aveva ritenuto che fosse il Ministero dell'università l'autorità competente a esprimersi in materia (v. richiesta CN del 12 maggio 2010, allegata). E nello stesso senso si era pronunciato il Ministero della Giustizia (v. allegati). Adesso, la Direzione Generale per l'università del Ministero dell'struzione, dell'università e della Ricerca - con una nota avente valenza generale - precisa che "costituiscono titoli validi ai fini dell'ammissione all'esame di Stato di abilitazione all'esercizio della professione di ingegnere iunior non soltanto i titoli accademici espressamente previsti dalle norme contenute nel DPR 328/2001, ma anche quelli conseguiti sotto la vigenza dell'ordinamento di cui al DM 270/2004 e ritenuti dall'allegato 2 del decreto ministeriale 26 luglio 2007 corrispondenti a quelli conseguiti sotto la vigenza dell'ordinamento di cui al DM 509/1999". E poiché la laurea nella classe L 23 (Scienze e tecniche dell'edilizia), di cui fa parte il corso di laurea in Architettura e produzione edilizia - ai sensi del citato Allegato 2 - è corrispondente alla classe di laurea 4 (Scienze dell'architettura e dell'ingegneria civile), il MUR esprime l'avviso che "la laurea in Architettura e produzione edilizia sia titolo idoneo a consentire 4

5 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER l'accesso all'esame di Stato di ngegnere per l'iscrizione nella sezione B, settore civile e ambientalè'. Ovviamente questa indicazione e questo autorevole chiarimento risulta di utilità non soltanto per il Politecnico di Milano, ma per tutte le Università italiane e per gli Ordini provinciali. E' con soddisfazione, dunque, che il Consiglio Nazionale trasmette il parere del Ministero dell'struzione, dell'università e della Ricerca datato 8 giugno 20 lo, in quanto si confida possa costituire l'ultimo tassello di una vicenda - quella relativa alla possibilità di contemporanea duplice iscrizione nelle sezioni A e B dell'albo per settori differenti, senza quindi perdere diritti e competenze acquisite - che da anni attendeva una sistemazione, per consentire ai Consigli degli Ordini di deliberare sulle istanze di iscrizione ai diversi settori dell'albo in un quadro di certezze giuridiche, evitando l'insorgere di contestazioni e ricorsi giurisdizionali. A tal fine si invitano gli Ordini provinciali a darne ampia diffusione nel proprio ambito territoriale di riferimento, a beneficio di tutti gli operatori interessati, professionisti e Università. Per quanto riguarda invece le conseguenze della anzidetta duplice iscrizione sul diritto di voto spettante all'iscritto, è intenzione del Consiglio Nazionale di chiedere al Ministero della Giustizia di esaminare la questione nella sua complessità, dando senza indugio le necessarie indicazioni agli Ordini provinciali su come comportarsi, in quanto non è altrettanto chiaro - e non appare analizzato dal parere del MUR con la compiutezza che la delicatezza della materia richiede - quali siano le ripercussioni sul diritto di elettorato attivo e passivo, in sede di rinnovo dei Consigli degli Ordini provinciali, della affermata possibilità di doppia iscrizione nelle due sezioni dell'albo. Sarà cura di questo Consiglio Nazionale, non appena si otterrà risposta sull'importante questione, di trasmetterla immediatamente agli Enti in indirizzo. Distinti saluti. L CONSGLERE SEGRETARO (Dott. ng. Roberto Brandi) L PRESDENTE (Dott. ng. Giovanni Rolando) 5,

6 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER Allegati: 1) Richiesta parere CN del 4/ 12/2006; 2) Richiesta parere CN del 12/05/2010; 3) Parere Ministero della Giustizia del 19/05/2010, U; 4) Parere Ministero dell'struzione, dell'università e Ricerca de18/06/2010, prot prot. della MC1706cir 6

7 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER., PRESSO L MNSTERO DELLA GUSTZA ROMA - VA ARENULA. 71 PRESDENZA E SEGRETERA ROMA - VA V NOVEMBRE. 114 TEL r.a. - FAX Roma, Gt Prat. n. ~~'3>O /U-BR/06 ( Oggetto: Al Ministero della Giustizia Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Civile Ufficio - Libere Professioni Via Arenula, ROMA Quesito su possibilità duplice iscrizione nelle sezioni A e B dell'albo - risposta del Ministero della Giustizia richiesta di precisazioni e chiarimenti ( l Consiglio Nazionale, con nota datata 18/9/2006, aveva t richiesto al Ministero Vigilante di pronunciarsi sulla possibilità di doppia iscrizione nelle sezioni A e B dell'albe )er coloro che, iscritti nella sezione B, maturano i requisiti per la iscrizione nella sezione A per il medesimo settore. l l Ministero della Giustizia, con nota prot. DAG del 24/10/2006, ha risposto nel senso della impossibilità della duplice iscrizione ("... anche se in possesso dei relativi requisiti, il professionista iscritto ad una sezione dell'albo non può esserlo anche ad altra sezione".). ~. t f t Poiché la richiesta del CN riguardava l'ipotesi della doppia iscrizione "nel medesimo settore", resta da chiarire se il i pronunciamento ministeriale deve ritenersi limitato a tale fattispecie, oppure valga anche per il caso del professionista che, in ipotesi, già iscritto ad un settore della sezione B dell'albo (es. J l

8 (GLO NAZONALE DEGL NGEGNER ( civile e ambientale), consegua anche i requisiti per iscriversi in un diverso settore della sezone A dell'albo (es. settore dell'infonnazione). Riassumendo: la doppia iscrizione è da intendersi sempre preclusa, oppure è vietata solo qualora si tratti del medesimo settore delle due Sezioni dell'albo, con conseguente ammissibilità della doppia iscrizione che riguardi due settori diversi? E' evidente che anche tale questione necessita di un chiarimento ministeriale, a beneficio dell'attività degli Ordini p ro.vin cial i. Ulteriore aspetto su cui si richiede l'autorevole avviso dell'autorità Ministeriale, già accennato nel quesito datato 18,'9/2006, è se il professionista che (avendone i requisiti) passa dalla sezione B alla sezione A dell'albo, nel medesimo settore, possa "portare con sé" ed utilizzare la precedente anzianità dì iscrizione, ai fini del raggiungimento del numero minimo di anni di iscrizione previsto da alcune normative di settore (ad es., antincendio o sicurezza cantieri). n sintesi: l'anzianità di iscrizione conseguita nella sezione B dell'albo può essere sommata a quella ottenuta nella sezione A, qualora il settore di iscrizione sia il medesimo? Un espresso pronunciamento del Ministero Vigilante si rende necessario per rispondere con cognizione di causa agli Ordini provinciali che vi hanno interesse e, quindi, agli iscritti. Per le due questioni suesposte si richiede quindi l'autorevole parere dell'autorità in indirizzo. Con i migliori saluti. t L CONSGLERE SEGRET.4.RO (Dott. ng. Roberto Brandi) ~-~ J,'HP_SERVEKS.::greteria'XVP Sessione 2006\Doc.Proierri'ConsS.::gr'BR2711~{ing.doc 2

9 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER PRESSO L MNSTERO DELLA GUSTZA ROMA - VA ARENULA. 71 PRESDENZA E SEGRETERA ROMA VA V NOVEMBRE,114 TEL l r.a. - FAX CONSGLO NAZONALE NGEGNER 12/ U-nd/2215/ fu-mc lo Raccomandata A/R Al Ministero della Giustizia Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Civile Via Arenula Roma c.a. del Direttore Generale Dott.ssa Maria Teresa Saragnano Al Ministero dell'struzione dell'università e della Ricerca Direzione Generale per l'università P.le Kennedy, ROMA c.a. del Direttore Generale Dott. Marco Tomasi Oggetto: Richiesta di parere sulla possibilità di iscrizione alla Sezione B dell'albo dei laureati in Architettura e produzione edilizia - prot. CNr n. 328 Con la presente si chiede alle Autorità in indirizzo di esprimere il proprio autorevole parere sulla questione che si va ad illustrare.

10 CONSGLO NAZJONALE DEGL NGEGNER L'Ordine degli ngegneri della Provincia di Mantova ha trasmesso a questo Consiglio Nazionale la richiesta di parere proveniente dal Politecnico di Milano, Polo Regionale di Mantova, e riguardante la possibilità o meno di iscrivere i laureati in Architettura e produzione edilizia (laurea triennale) alla sezione B dell'albo degli ngegneri, settore al ngegneria civile e ambientale, con il titolo di ngegnere iunior, alla luce del fatto che il decreto ministeriale 26 luglio 2007 ha sancito la corrispondenza tra la classe L 23-Scienze e tecniche dell'edilizia (cui appartiene il corso di laurea in Architettura e produzione edilizia) e la classe di laurea 4-Scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile (di cui al DM n. 509/1999), quest'ultima espressamente indicata tra quelle che consentono l'iscrizione alla Sezione B dell'albo degli ngegneri (in allegato). n realtà, ad avviso dello scrivente, stabilire se la corrispondenza tra le Classi di laurea relative al DM n. 270/2004 e le Classi di laurea relative al DM n. 509/1999 di cui all'allegato 2 del DM 26/7/2007 ("Definizione delle linee guida per l'istituzione e l'attivazione, da parte delle Università, dei corsi di studio - attuazione decreti ministeriali del 16 marzo 2007, di definizione delle nuove classi dei corsi di laurea magistrale") sia idonea a determinare il risultato ipotizzato dal Pro Rettore Vicario del Polo Regionale di Mantova non è compito che spetta al Consiglio Nazionale. E' il Ministero dell'struzione, dell'università e della Ricerca - autore delle Linee guida in questione - il soggetto competente in materia di titoli di studio, determinazione delle classi di laurea ed esami di Stato. Si tratta, infatti, di stabilire le finalità, il valore e gli eventuali limiti di tale corrispondenza, ai sensi del DM 26 luglio 2007 (che, per inciso, all'art.2 - "Chiarimenti interpretativi dei decreti mìnisterialf' - relativamente all'art. l, commi 7 e 8, del decreto ministeriale riguardante i corsi di laurea magistrale, afferma laconicamente che "Ai fini dell'applicazione della norma le corrispondenze tra le classi relative al DM n.509/ 1999 e quelle relative al DM n.270/2004 sono riportate in allegato alle presenti linee-guida"). Da parte sua il Ministero della Giustizia, Autorità Vigilante per la Categoria degli ngegneri, ha competenza in materia di iscrzone all'albo e può autorevolmente pronunciarsi sulla problematica in discussione. 2

11 1 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER l l A ciò si aggiunga che è il MUR - assieme al Ministero della Giustizia - ad aver partecipato alla stesura del DPR 5 giugno 200 l n. 328, per cui le due Autorità hanno, ciascuna per quanto di spettanza, titolo a fornire indicazioni interpretative del contenuto e della ratia delle relative disposizioni. f l Consiglio Nazionale, in questa sede, non può mancare di rilevare come fin dal suo apparire abbia denunciato anche formalmente - le incongruenze e le lacune da cui è affetto il DPR 328/2001, incongruenze e lacune che hanno comportato confusione ed incertezze tra gli interessati, in primis Università e Ordini professionali, tenuti a darvi applicazione. Basti qui pensare alla annosa questione della possibilità o meno di duplice iscrizione (avendone i requisiti) alla sezione A e alla sezione B dell'albo degli ngegneri, in settori differenti, problematica sulla quale si attende ancora un chiarimento ministeriale definitivo (v., da ultimo, la nota interlocutoria della Direzione Generale della Giustizia Civile del Ministero della Giustizia, datata 16 giugno 2009, prot. m_dg.dag u). E' noto, comunque, che il comma 2 dell'art. 48 del DPR 5/6/200 l n.328 ("Esami di Stato per l'iscrizione nella Sezione B e relative prove")' indica espressamente quali lauree consentono l'ammissione all'esame di Stato, condizione necessaria per l'iscrizione alla Sezione B dell'albo. E l'art. 48 del DPR 328/2001 che non risulta modificatoprevede che per sostenere l'esame di Stato propedeutico all'iscrizione nella Sezione B dell'albo per il settore a) civile e ambientale è necessario il possesso della laurea nella classe 4 Scienze dell'architettura e dell'ngegneria edile, oppure nella classe 8 ngegneria civile e ambientale (in allegato). Ogniqualvolta si ha di fronte un determinato titolo accademico, quindi, come noto, occorre verificare la classe di laurea cui appartiene e confrontare tale elemento con le due classi di laurea sopracitate, idonee per l'iscrizione alla Sezione B dell'albo. Detto questo, si ritiene che soltanto il Ministero dell'università e il Ministero della Giustizia possono fornire una risposta ufficiale al Politecnico di Milano e alle rappresentanze istituzionali degli ngegneri circa la possibilità di iscrizione alla 3

12 '1 CONSGLO i NAZONALE DEGL NGEGNER Sezione B dell'albo degli ngegneri (e, prima ancora, circa la possibilità di sostenere il corrispondente esame di Stato) dei laureati in Architettura e produzione edilizia. Si chiede dunque alle Autorità ministeriali in indirizzo di esprimersi sulla problematica rappresentata, in modo da dissipare ogni dubbio al riguardo. n attesa di una cortese risposta si inviano i sensi della più viva stima. L CONSGLERE SEGRETARO (Dott. ng. Roberto Brandi) ~~ Allegati: L PRESDENTE (Dott. ng. Giovanni Rolando) 1) richiesta parere Ordine degli ngegneri di Mantova del 22 gennaio 2010; 2) art. 48 DPR 328/2001; 3) art.2 DM 26/07/2007. MCl902Mi/1Gludoc 4

13 .,._._ , t.1 /j~// Ministero della Giustizia Dipartimento per gli Affari di Giustizia Via Arenula, Roma T Direttore Generale Giustizia Civile /JU1 CONSGLO NAZONALE NGEGNER 24105/2010 E-nd/2424/2010 Roma, 19 maggio 2010 Al Ministero dell 'struzione dell 'Università e della Ricerca Direzione Generale per l'università P.le Kennedy, ROMA Al'Ufficio Legislativo SEDE.D p.c. Al Consiglio Nazionale degli ngegneri Via V novembre, ROMA Oggetto: Richiesta di parere sulla possibilità di iscrizione alla Sezione B dell'albo dei laureati in Architettura e produzione edilizia - prot. CN n. 328 n relazione al' oggetto si rappresenta quanto segue. n primo luogo si concorda con il Consiglio Nazionale degli ngegneri che rientra nella competenza di codesto Ministero stabilire, se la corrispondenza tra le classi di laurea relative al D.M. 270/2004 e le classi di laurea relative al D.M. 509/1999 di cui all'allegato 2 del D.M. 26 luglio 2007, sia idonea a determinare il risultato ipotizzato dal Pro Rettore Vicario del Polo Regionale di Mantova. Vorrà, pertanto codesto Ministero provvedere direttamente a corrispondere alla richiesta del Consiglio Nazionale, notiziando questa Direzione Generale.

14 \ Quanto all'altro problema prospettato, e già analizzato nella nota del 16 giugno 2009, prot. n. 8l583U, vorrà ugualmente codesto Ministero notiziare anche questa Direzione Generale delle determinazioni eventualmente assunte. l carteggio viene inviato anche all'ufficio Legislativo perché valuti la necessità di un intervento normativo modificativo nei termini indicati nella citata nota, che si allega. l Direttore Generale (Maria Teresa Saragnano)

15 $ ~ck//:f~ck//~e~~ DPARTMENTO PER L'UNVERSTÀ, L'ALTA FORMAZONE ARTSTCA, MUSCALE E COREUTCA E PER LA RCERCA DREZONE GENERALE PER L'UNVERSTÀ, LO STUDENTE E L DRTTO ALLO STUDO UNVERSTARO Ufficio V Prot. n. '2$(g; del l) / Ò - l!> - 20\ t!) CONSGLO NAZONALE NGEGNER 11f E-fcal Al Ministero della Giustizia Dipartimento per gli Affari di Giustizia D.G. della Giustizia Civile via Arenula ROMA e p.c. A Consiglio Nazionale degli ngegneri c/o Ministero della Giustizia Presidenza e Segreteria via V Novembre ROMA OGGETT A. Parere sulla possibilità di iscrizione alla sezione B dell'albo dei laureati in architettura e produzione edilizia e parere su duplice iscrizione nella sezione A e B dell' Albo in settori differenti. Con riferimento alle richieste di parere in oggetto si rappresenta quanto segue. n merito alla possibilità per un laureato in architettura e produzione edilizia - corso di laurea afferente alla classe L23 - di essere ammesso ali 'esame dì Stato per l'iscrizione nella sezione B dell' Albo degli ingegneri - settore civile e ambientale, s~ fa presente che hanno titolo di accesso all'esame di che trattasi soltanto i possessori dei titoli espressamente elencati dall'art. 48, comma, lett. a), del regolamento sulle libere professioni di cui al d.p.r , ovvero i laureati nella classe 4 - Scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile e classe 8 - ngegneria civile e ambientale dell'ordinamento di cui al D.M. 509/1999.

16 Per i possessori dei titoli accademici del "nuovo" ordinamento di cui al D.M. 270/2004, l'allegato 2 del decreto ministeriale 26 luglio 2007, concernente la "attuazione dei dd.mm. in data 16 marzo decreto ministeriale di definizione delle linee guida per l'istituzione e l'attivazione da parte delle Università dei corsi di studio", fissa la corrispondenza tra le classi di laurea magistrale di cui al predetto decreto e le classi di laurea e laurea specialistica di cui al D.M. 509/1999 anche ai fini dell'accesso agli esami di Stato per l'esercizio delle libere professioni. Pertanto, costituiscono titoli validi ai fini dell'ammissione all'esame di Stato di abilitazione all'esercizio della professione di ingegnere junior non soltanto i titoli accademici espressamente previsti dalle norme contenute nel d.p.r. 328/2001, ma anche quelli conseguiti sotto la vigenza dell'ordinamento di cui al D.M. 270/2004 e ritenuti dall'allegato sopra citato corrispondenti a quelli conseguiti sotto la vigenza dell'ordinamento di cui al D.M. 509/1999. Secondo quanto riportato nel citato Allegato 2 la laurea nella classe L23 (Scienze e tecniche dell'edilizia), di cui fa parte il corso in di laurea in Architettura e produzione edilizia, è corrispondente alla classe di laurea 4 (Scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile). Pertanto, si esprime l'avviso che la laurea in Architettura e produzione edilizia sia titolo idoneo a consentire l'accesso all'esame di Stato di ngegnere per l'iscrizione nella sezione B settore civile ed ambientale. Con riferimento al secondo quesito, si fa presente che l'ufficio legislativo di questo Ministero, investito della questione sulla possibilità di una duplice iscrizione nella sezione A e B dell' Albo degli ingegneri in settori differt; " ha espresso un parere concorde a quello indicato nella nota 1583 in data 16/06/2009 del Ministero in indirizzo. n particolare, nella nota dell'ufficio legislativo si afferma che l'iscritto in un determinato settore della sezione B può accedere al corripsondente settore della sezione A, se in possesso del titolo previsto e previo superamento dell'esame di Stato, ma non può mantenere l'iscrizione nella sezione B perché ciò "sarebbe fonte di ingiustificate prerogative (quali per esempio quelle in materia elettorale)". Altresì, si riconosce la possibilità per coloro che sono già iscritti in un determinato settore di accedere ad un diverso settore dell' Albo, sia che si tratti di un diverso settore della stessa sezione sia che si tratti di un diverso settore di un'altra sezione, non esistendo preclusioni normative in tal senso e "dovendosi in tal caso ritenere del tutto giustificate le prerogative derivanti dalla duplice iscrizione", l i, f, t i

17 ... n merito, poi, all'accesso attraverso una prova semplificata per coloro che sono già iscritti e richiedano l'iscrizione in un diverso settore, si riconosce l'inapplicabilità dell'art. 5, comma 2, in assenza di una specifica disposizione che indichi la prova da cui si è esonerati e si ritiene necessario uno specifico intervento nonnativo volto ad integrare per questa parte il regolamento di cui al citato D.P.R. Si ringrazia per la collaborazione. ; \!. \ r t

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001.

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. VISTA la legge 9 maggio 1989, n.168, con la quale è

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

Pagina 1 di 12 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Legge quadro relativa alla disciplina delle libere professioni. Noi Capitani Reggenti. la Serenissima Repubblica di San Marino

Legge quadro relativa alla disciplina delle libere professioni. Noi Capitani Reggenti. la Serenissima Repubblica di San Marino LEGGE 20 febbraio 1991 n.28 (pubblicata il 26 febbraio 1991) Legge quadro relativa alla disciplina delle libere professioni Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Promulghiamo e

Dettagli

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS...

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS... SAPIENZA 1 7 FEB. 2015 Nell'anno duemilaquindici, addì 17 febbraio alle ore 16.00, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0009903 del 12.02.2015, per

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

CAPO I Disposizioni generali

CAPO I Disposizioni generali D.Lgs. 28 giugno 2005, n. 139: Costituzione dell'ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, a norma dell'articolo 2 della legge 24 febbraio 2005, n. 34. (Pubblicato nel Suppl. Ord. alla

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Oggetto: Parere legale sulla legittimità dell affidamento esterno di collaudi di opere pubbliche a dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Oggetto: Parere legale sulla legittimità dell affidamento esterno di collaudi di opere pubbliche a dipendenti della Pubblica Amministrazione. A v v. V I T T O R I N O C A G N O N I PATROCINANTE IN CASSAZIONE A v v. S A N D R A B O N F E A v v. A L E S S A N D R O C A G N O N I A v v. E M I L I A N O C A G N O N I A v v. F E D E R I C O C A G

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 Regolamento concernente il riconoscimento dei titoli di studio accademici, a norma dell'articolo 5 della legge 11 luglio 2002, n. 148. (09G0197)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Le competenze professionali degli ingegneri iuniores

Le competenze professionali degli ingegneri iuniores Le competenze professionali degli ingegneri iuniores Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri 7 Il presente testo è stato redatto da Nicola Colacino (capitoli 1 e 2) e Lorenzo Passeri (capitolo 3). 8

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a Deliberazione n. 52 /2014 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a composta dai seguenti magistrati: Ennio COLASANTI Angela PRIA

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia. TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.it Firenze,.18. (?D.-l ~ AI SIGG.RI PRESIDENTIDEGLI ORDINI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Alcune considerazioni sul personale non strutturato del Politecnico di Torino: il caso degli assegnisti di ricerca

Alcune considerazioni sul personale non strutturato del Politecnico di Torino: il caso degli assegnisti di ricerca Alcune considerazioni sul personale non strutturato del Politecnico di Torino: il caso degli assegnisti di ricerca TIPOLOGIE DI LAVORATORI NON STRUTTURATI 1. Assegnista di ricerca con fondi di ateneo 2.

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

IL RESPONSABILE RENDE NOTO. Art. 1 Oggetto dell'avviso

IL RESPONSABILE RENDE NOTO. Art. 1 Oggetto dell'avviso AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI PROFESSIONISTI DA UTILIZZARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ESTERNI DI PATROCINIO E DIFESA DEL COMUNE DI BACOLI IL RESPONSABILE Vista la deliberazione

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE

AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE La iscrizione all'aire e' obbligatoria se la durata prevista per il soggiorno all' estero e' superiore ai dodici mesi.

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia REGOLAMENTO COMUNALE SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia REGOLAMENTO COMUNALE SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia REGOLAMENTO COMUNALE SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 27/09/2007 S O M M A

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza.

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza. REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALLE LAUREE MAGISTRALI IN INGEGNERIA 14/15 (Approvato dal CCSA di ingegneria Industriale del 17/7/2014) 1. PREMESSA E NORME GENERALI 1.1. Norme e principi di riferimento Il

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 45 del 23 Febbraio 2006 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

Gazzetta Ufficiale N. 45 del 23 Febbraio 2006 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Gazzetta Ufficiale N. 45 del 23 Febbraio 2006 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 26 gennaio 2006 Accordo Stato, regioni

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PROCEDURE TERMINI E TASSE (Modificato con delibera del Senato Accademico del 19 luglio 2011) INDICE PARTE I NORME GENERALI Art. 1 Art. 2 Ambito di applicazione

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DEI DIRITTI DI ACCESSO DEI CITTADINI ALL INFORMAZIONE ED AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DEI DIRITTI DI ACCESSO DEI CITTADINI ALL INFORMAZIONE ED AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DEI DIRITTI DI ACCESSO DEI CITTADINI ALL INFORMAZIONE ED AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione consiliare n. 40 dd. 17.10.1995

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto " ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA L'UNIVERSITA' DI SCIENZE GASTRONOMICHE E L'UNIVERSIT A' DEGLI STUDI DI TORINO. L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con sede legale

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PROCEDURE TERMINI E TASSE (Modificato con D.R. n.1508 del 31/07/2013) INDICE PARTE I NORME GENERALI Art. 1 Art. 2 Ambito di applicazione Definizioni PARTE

Dettagli

Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011

Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011 Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011 Unione dei Comuni dell Anglona e della Bassa Valle del Coghinas Bulzi - Chiaramonti Erula Laerru Martis Nulvi - Perfugas S.M. Coghinas Sedini - Tergu - Valledoria - Viddalba

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Capo II - Degli esami per la professione di procuratore

Capo II - Degli esami per la professione di procuratore R.D. 22 gennaio 1934, n. 37. Norme integrative e di attuazione del R.D.L. 27 novembre 1933, n. 1578, sull'ordinamento della professione di avvocato e di procuratore. TITOLO I Delle iscrizioni nei registri

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA - Provincia di Vicenza -

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA - Provincia di Vicenza - COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA - Provincia di Vicenza - REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO DEI CITTADINI AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ******************* 1 I N D I C E Capo I - I DIRITTI DI ACCESSO

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera: Problematiche relative alla nuova formulazione dell art. 2 Legge Guarentigie. Interpretazione del nuovo testo dell'art. 2 L.G., così come modificato dal D.L.vo n. 109/2006 (Risoluzione del 6 dicembre 2006)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

Il I 0002590-25/01/2012-SCCLA-Y28PREV-A

Il I 0002590-25/01/2012-SCCLA-Y28PREV-A VIST A la legge 7 agosto 1990, n. 241, recante «Nuove nonne in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti ~t201~ e successive modifiche e integrazioni ed, in particolare,

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI. Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli

COMUNE DI NAPOLI. Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli COMUNE DI NAPOLI Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli (approvato con delibera di Consiglio comunale n. 238 del 10.7.02) TITOLO I Art. 1 - Oggetto

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco?

Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Al fine dell iscrizione alle Lauree specialistiche delle professioni sanitarie non è necessario

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE 1. L istanza di riconoscimento dei CFP, deve essere presentata esclusivamente al CNI mediante una compilazione online di apposito modulo disponibile sulla piattaforma della formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli