CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI"

Transcript

1 ,j CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER PRESSO L MNSTERO DELLA GUSTZA - 00llS6 ROMA VA ARENULA, 71 PRESDEl\ZA E SEGRETERA ROMA - VA V NOVEMBRE. 114 TEL r,a. - FAX 06, CONSGLO NAZONALE NGEGNER 08/07/20100,00,00 U-nd/3050/ U-MC Circo n. 350/XV Sesso Ai Consigli degli Ordini e alle Federazioni elo Consulte Regionali degli ngegneri Loro Sedi Oggetto: Possibilità di duplice iscrizione nelle sezioni A e B dell'albo in settori differenti - possibilità di iscrizione alla sezione B dell'albo dei laureati in Architettura e produzione edilizia - richiesta parere - risposta del Ministero dell'struzione, dell'università e della Ricerca riepilogo del quadro normativo - prot. CN n.2654 Con la presente si trasmette a tutti gli Enti in indirizzo l'importante pronunciamento della Direzione Generale per l'università del Ministero dell'struzione, dell'università e della Ricerca, datato 8 giugno 2010 e pervenuto in risposta alle sollecitazioni del Consiglio Nazionale sulla annosa questione della possibilità o meno di contemporanea duplice iscrizione nelle sezioni A e B dell'albo in settori differenti di colui che abbia maturato i relativi requisiti (v. allegati). Come noto, fin dal 2006 il Consiglio Nazionale - nel silenzio del DPR 328/2001 sul punto - aveva richiesto ai Ministeri competenti di esprimere autorevole parere sull'estensione del divieto di doppia iscrizione. l Ministero della Giustizia, con nota prot. DAG del 24/10/2006 (v. circolare CN n.39 del 6/11/2006), aveva infatti sancito il divieto per il professionista, iscritto in un settore della sezione B dell'albo, di iscriversi al corrispondente settore della sezione A, mantenendo la precedente iscrizione.

2 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER li Rimaneva da chiarire se il divieto di doppia iscrizione dovesse valere anche per la differente ipotesi dell'eventuale istanza di duplice iscrizione alle due sezioni dell'albo ma in settori diversi (v. richiesta di parere CN datata 4/12/2006, allegata). Su tale problematica per lungo tempo le Autorità competenti non si sono pronunciate in via definitiva. Soltanto nel 2009 il Ministero della Giustizia, nella nota datata 16/06/2009, prot. DAG U - indirizzata al Ministero dell'università -, accogliendo la tesi del Consiglio Nazionale, ha per la prima volta affermato che "la possibilità di una duplice iscrizione non appare in contrasto con il dato nonnativo.. e pare, inoltre, ragionevole, non ravvisandosi motivi per non consentire al professionista che abbia conseguito un titolo abilitativo di poter poi procedere allo svolgimento effettivo dell'attività conseguente", ravvisando comunque la necessità di un pronunciamento comune e di arrivare ad una soluzione condivisa con il Dicastero dell'università (v. circolare CN n.244 del 3/07/2009). Successivamente il Ministero dell'università, con nota interlocutoria datata 14/01/2010, indirizzata all'ufficio Legislativo e al Ministero della Giustizia, aveva espresso l'avviso che la duplice iscrizione "comporterebbe una inammissibile duplicazione del diritto di voto in sede di elezione dei consigli nazionali e territoriali, dal momento che ad uno stesso professionista verrebbero attribuiti due votr (v. circolare CN n. 307 del 12/02/2010). Adesso, con un parziale revirement, la Direzione Generale per l'università del MUR informa che l'ufficio Legislativo del Ministero, investito della questione sulla possibilità di una duplice iscrizione nelle sezioni A e B dell'albo degli ngegneri in settori differenti "ha espresso un parere concorde a quello indicato nella nota 1583 in data 16/06/2009 del Ministero" della Giustizia. n particolare l'ufficio Legislativo del Ministero dell'università ha affermato che l'iscritto nella sezione B dell'albo che passa al corrispondente settore della sezione A non può mantenere l'iscrizione nella sezione B, perché co sarebbe fonte di ingiustificate prerogative (quali, per esempio, quelle in materia elettorale), mentre - nel caso che qui interessa - l'iscritto ad un dato settore, che chiede di essere iscritto ad un diverso settore di un'altra sezione, può mantenere la precedente iscrizione, "non esistendo preclusioni nonnative in tal senso e dovendosi in tal caso ritenere del tutto giustificate le prerogative derivanti dalla duplice iscrizione". 2

3 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER n sostanza il Ministero dell'università fa proprio il parere legale espresso dall'ufficio Legislativo e con ciò, innovando la propria posizione sul punto, definitivamente e in via ufficiale riconosce la possibilità, ai sensi del DPR n.328/2001, di iscrizione in due differenti settori dell'albo, sia che si tratti di un diverso settore della stessa sezione, sia che si tratti di un diverso settore di un'altra sezione. Riguardo, poi, la possibilità di svolgere l'esame di Stato attraverso una prova semplificata per coloro che sono già iscritti in un settore e richiedano l'iscrizione in un diverso settore dell'altra sezione, l'ufficio Legislativo del MUR - confermando quanto già sostenuto nel parere ministeriale datato 14/01/ riconosce l'inapplicabilità dell'art.5, comma 2, DPR 328 al caso di specie e ritiene necessario un apposito intervento normativo, di integrazione del suddetto Regolamento, per giungere a questo risultato. Rimane adesso da attendere una eventuale presa d'atto del Ministero della Giustizia sulle conseguenze in materia di diritto di voto di questa soluzione, tenendo presente che l'ufficio Legislativo del MUR una indicazione - in verità assai sbrigativa - in questa direzione l'ha già fornita col parere allegato. Per il momento, comunque, è possibile tracciare un riepilogo del quadro normativo vigente in tema di duplice iscrizione, a seguito delle determinazioni ministeriali succedutesi nel tempo : ) L'iscritto ad un dato settore della sezione A dell'albo può esercitare anche le attività proprie del corrispondente settore della sezione B dell'albo (senza necessità - ed essendo anzi vietato - di iscriversi alla sezione B) ; ) L'iscritto in un settore di una sezione può essere iscritto in un diverso settore della medesima sezione, ove sia in possesso del necessario titolo di studio e abbia conseguito la relativa abilitazione mediante il superamento di un apposito esame di Stato cd semplificato, ex art.3, comma 4, DPR 328/2001 (v. parere Ministero della Giustizia del 16/06/2009) ; ) L'iscritto ad un settore di una sezione, in possesso del necessario titolo di studio e della relativa abilitazione, può essere iscritto in un diverso settore dell'altra sezione, mantenendo la precedente iscnzlone (ad es., un iscritto al settore c) dell'informazione della sezione B dell'albo, avendone ottenuto i requisiti, può iscriversi al settore a) civile e ambientale, della sezione A dell'albo). 3 il ~

4 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER Su tale terza ipotesi occorrerà attendere il pronunciamento del Ministero della Giustizia, per quanto riguarda le sue ricadute sulla materia elettorale. *** La stessa nota ministeriale si pronuncia su di un'altra richiesta di parere inoltrata dal Consiglio Nazionale al MUR. L'Ordine degli ngegneri della provincia di Mantova, su sollecitazione del Politecnico di Milano, Polo Regionale di Mantova, aveva infatti chiesto al Consiglio Nazionale di sapere se i laureati in Architettura e produzione edilizia (laurea triennale) possono iscriversi alla sezione B dell'albo, pur in mancanza di indicazioni espresse in tal senso nel DPR 328/2001, alla luce del fatto che il decreto ministeriale 26 luglio 2007 ha sancito la corrispondenza tra la classe L 23- Scienze e tecniche dell'edilizia (cui appartiene il corso di laurea in Architettura e produzione edilizia) e la classe di laurea 4- Scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile (di cui al DM n.509/1999), quest'ultima espressamente indicata dalla norma tra quelle che consentono l'iscrizione alla sezione B dell'albo degli ngegneri. l Consiglio Nazionale aveva ritenuto che fosse il Ministero dell'università l'autorità competente a esprimersi in materia (v. richiesta CN del 12 maggio 2010, allegata). E nello stesso senso si era pronunciato il Ministero della Giustizia (v. allegati). Adesso, la Direzione Generale per l'università del Ministero dell'struzione, dell'università e della Ricerca - con una nota avente valenza generale - precisa che "costituiscono titoli validi ai fini dell'ammissione all'esame di Stato di abilitazione all'esercizio della professione di ingegnere iunior non soltanto i titoli accademici espressamente previsti dalle norme contenute nel DPR 328/2001, ma anche quelli conseguiti sotto la vigenza dell'ordinamento di cui al DM 270/2004 e ritenuti dall'allegato 2 del decreto ministeriale 26 luglio 2007 corrispondenti a quelli conseguiti sotto la vigenza dell'ordinamento di cui al DM 509/1999". E poiché la laurea nella classe L 23 (Scienze e tecniche dell'edilizia), di cui fa parte il corso di laurea in Architettura e produzione edilizia - ai sensi del citato Allegato 2 - è corrispondente alla classe di laurea 4 (Scienze dell'architettura e dell'ingegneria civile), il MUR esprime l'avviso che "la laurea in Architettura e produzione edilizia sia titolo idoneo a consentire 4

5 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER l'accesso all'esame di Stato di ngegnere per l'iscrizione nella sezione B, settore civile e ambientalè'. Ovviamente questa indicazione e questo autorevole chiarimento risulta di utilità non soltanto per il Politecnico di Milano, ma per tutte le Università italiane e per gli Ordini provinciali. E' con soddisfazione, dunque, che il Consiglio Nazionale trasmette il parere del Ministero dell'struzione, dell'università e della Ricerca datato 8 giugno 20 lo, in quanto si confida possa costituire l'ultimo tassello di una vicenda - quella relativa alla possibilità di contemporanea duplice iscrizione nelle sezioni A e B dell'albo per settori differenti, senza quindi perdere diritti e competenze acquisite - che da anni attendeva una sistemazione, per consentire ai Consigli degli Ordini di deliberare sulle istanze di iscrizione ai diversi settori dell'albo in un quadro di certezze giuridiche, evitando l'insorgere di contestazioni e ricorsi giurisdizionali. A tal fine si invitano gli Ordini provinciali a darne ampia diffusione nel proprio ambito territoriale di riferimento, a beneficio di tutti gli operatori interessati, professionisti e Università. Per quanto riguarda invece le conseguenze della anzidetta duplice iscrizione sul diritto di voto spettante all'iscritto, è intenzione del Consiglio Nazionale di chiedere al Ministero della Giustizia di esaminare la questione nella sua complessità, dando senza indugio le necessarie indicazioni agli Ordini provinciali su come comportarsi, in quanto non è altrettanto chiaro - e non appare analizzato dal parere del MUR con la compiutezza che la delicatezza della materia richiede - quali siano le ripercussioni sul diritto di elettorato attivo e passivo, in sede di rinnovo dei Consigli degli Ordini provinciali, della affermata possibilità di doppia iscrizione nelle due sezioni dell'albo. Sarà cura di questo Consiglio Nazionale, non appena si otterrà risposta sull'importante questione, di trasmetterla immediatamente agli Enti in indirizzo. Distinti saluti. L CONSGLERE SEGRETARO (Dott. ng. Roberto Brandi) L PRESDENTE (Dott. ng. Giovanni Rolando) 5,

6 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER Allegati: 1) Richiesta parere CN del 4/ 12/2006; 2) Richiesta parere CN del 12/05/2010; 3) Parere Ministero della Giustizia del 19/05/2010, U; 4) Parere Ministero dell'struzione, dell'università e Ricerca de18/06/2010, prot prot. della MC1706cir 6

7 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER., PRESSO L MNSTERO DELLA GUSTZA ROMA - VA ARENULA. 71 PRESDENZA E SEGRETERA ROMA - VA V NOVEMBRE. 114 TEL r.a. - FAX Roma, Gt Prat. n. ~~'3>O /U-BR/06 ( Oggetto: Al Ministero della Giustizia Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Civile Ufficio - Libere Professioni Via Arenula, ROMA Quesito su possibilità duplice iscrizione nelle sezioni A e B dell'albo - risposta del Ministero della Giustizia richiesta di precisazioni e chiarimenti ( l Consiglio Nazionale, con nota datata 18/9/2006, aveva t richiesto al Ministero Vigilante di pronunciarsi sulla possibilità di doppia iscrizione nelle sezioni A e B dell'albe )er coloro che, iscritti nella sezione B, maturano i requisiti per la iscrizione nella sezione A per il medesimo settore. l l Ministero della Giustizia, con nota prot. DAG del 24/10/2006, ha risposto nel senso della impossibilità della duplice iscrizione ("... anche se in possesso dei relativi requisiti, il professionista iscritto ad una sezione dell'albo non può esserlo anche ad altra sezione".). ~. t f t Poiché la richiesta del CN riguardava l'ipotesi della doppia iscrizione "nel medesimo settore", resta da chiarire se il i pronunciamento ministeriale deve ritenersi limitato a tale fattispecie, oppure valga anche per il caso del professionista che, in ipotesi, già iscritto ad un settore della sezione B dell'albo (es. J l

8 (GLO NAZONALE DEGL NGEGNER ( civile e ambientale), consegua anche i requisiti per iscriversi in un diverso settore della sezone A dell'albo (es. settore dell'infonnazione). Riassumendo: la doppia iscrizione è da intendersi sempre preclusa, oppure è vietata solo qualora si tratti del medesimo settore delle due Sezioni dell'albo, con conseguente ammissibilità della doppia iscrizione che riguardi due settori diversi? E' evidente che anche tale questione necessita di un chiarimento ministeriale, a beneficio dell'attività degli Ordini p ro.vin cial i. Ulteriore aspetto su cui si richiede l'autorevole avviso dell'autorità Ministeriale, già accennato nel quesito datato 18,'9/2006, è se il professionista che (avendone i requisiti) passa dalla sezione B alla sezione A dell'albo, nel medesimo settore, possa "portare con sé" ed utilizzare la precedente anzianità dì iscrizione, ai fini del raggiungimento del numero minimo di anni di iscrizione previsto da alcune normative di settore (ad es., antincendio o sicurezza cantieri). n sintesi: l'anzianità di iscrizione conseguita nella sezione B dell'albo può essere sommata a quella ottenuta nella sezione A, qualora il settore di iscrizione sia il medesimo? Un espresso pronunciamento del Ministero Vigilante si rende necessario per rispondere con cognizione di causa agli Ordini provinciali che vi hanno interesse e, quindi, agli iscritti. Per le due questioni suesposte si richiede quindi l'autorevole parere dell'autorità in indirizzo. Con i migliori saluti. t L CONSGLERE SEGRET.4.RO (Dott. ng. Roberto Brandi) ~-~ J,'HP_SERVEKS.::greteria'XVP Sessione 2006\Doc.Proierri'ConsS.::gr'BR2711~{ing.doc 2

9 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER PRESSO L MNSTERO DELLA GUSTZA ROMA - VA ARENULA. 71 PRESDENZA E SEGRETERA ROMA VA V NOVEMBRE,114 TEL l r.a. - FAX CONSGLO NAZONALE NGEGNER 12/ U-nd/2215/ fu-mc lo Raccomandata A/R Al Ministero della Giustizia Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Civile Via Arenula Roma c.a. del Direttore Generale Dott.ssa Maria Teresa Saragnano Al Ministero dell'struzione dell'università e della Ricerca Direzione Generale per l'università P.le Kennedy, ROMA c.a. del Direttore Generale Dott. Marco Tomasi Oggetto: Richiesta di parere sulla possibilità di iscrizione alla Sezione B dell'albo dei laureati in Architettura e produzione edilizia - prot. CNr n. 328 Con la presente si chiede alle Autorità in indirizzo di esprimere il proprio autorevole parere sulla questione che si va ad illustrare.

10 CONSGLO NAZJONALE DEGL NGEGNER L'Ordine degli ngegneri della Provincia di Mantova ha trasmesso a questo Consiglio Nazionale la richiesta di parere proveniente dal Politecnico di Milano, Polo Regionale di Mantova, e riguardante la possibilità o meno di iscrivere i laureati in Architettura e produzione edilizia (laurea triennale) alla sezione B dell'albo degli ngegneri, settore al ngegneria civile e ambientale, con il titolo di ngegnere iunior, alla luce del fatto che il decreto ministeriale 26 luglio 2007 ha sancito la corrispondenza tra la classe L 23-Scienze e tecniche dell'edilizia (cui appartiene il corso di laurea in Architettura e produzione edilizia) e la classe di laurea 4-Scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile (di cui al DM n. 509/1999), quest'ultima espressamente indicata tra quelle che consentono l'iscrizione alla Sezione B dell'albo degli ngegneri (in allegato). n realtà, ad avviso dello scrivente, stabilire se la corrispondenza tra le Classi di laurea relative al DM n. 270/2004 e le Classi di laurea relative al DM n. 509/1999 di cui all'allegato 2 del DM 26/7/2007 ("Definizione delle linee guida per l'istituzione e l'attivazione, da parte delle Università, dei corsi di studio - attuazione decreti ministeriali del 16 marzo 2007, di definizione delle nuove classi dei corsi di laurea magistrale") sia idonea a determinare il risultato ipotizzato dal Pro Rettore Vicario del Polo Regionale di Mantova non è compito che spetta al Consiglio Nazionale. E' il Ministero dell'struzione, dell'università e della Ricerca - autore delle Linee guida in questione - il soggetto competente in materia di titoli di studio, determinazione delle classi di laurea ed esami di Stato. Si tratta, infatti, di stabilire le finalità, il valore e gli eventuali limiti di tale corrispondenza, ai sensi del DM 26 luglio 2007 (che, per inciso, all'art.2 - "Chiarimenti interpretativi dei decreti mìnisterialf' - relativamente all'art. l, commi 7 e 8, del decreto ministeriale riguardante i corsi di laurea magistrale, afferma laconicamente che "Ai fini dell'applicazione della norma le corrispondenze tra le classi relative al DM n.509/ 1999 e quelle relative al DM n.270/2004 sono riportate in allegato alle presenti linee-guida"). Da parte sua il Ministero della Giustizia, Autorità Vigilante per la Categoria degli ngegneri, ha competenza in materia di iscrzone all'albo e può autorevolmente pronunciarsi sulla problematica in discussione. 2

11 1 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER l l A ciò si aggiunga che è il MUR - assieme al Ministero della Giustizia - ad aver partecipato alla stesura del DPR 5 giugno 200 l n. 328, per cui le due Autorità hanno, ciascuna per quanto di spettanza, titolo a fornire indicazioni interpretative del contenuto e della ratia delle relative disposizioni. f l Consiglio Nazionale, in questa sede, non può mancare di rilevare come fin dal suo apparire abbia denunciato anche formalmente - le incongruenze e le lacune da cui è affetto il DPR 328/2001, incongruenze e lacune che hanno comportato confusione ed incertezze tra gli interessati, in primis Università e Ordini professionali, tenuti a darvi applicazione. Basti qui pensare alla annosa questione della possibilità o meno di duplice iscrizione (avendone i requisiti) alla sezione A e alla sezione B dell'albo degli ngegneri, in settori differenti, problematica sulla quale si attende ancora un chiarimento ministeriale definitivo (v., da ultimo, la nota interlocutoria della Direzione Generale della Giustizia Civile del Ministero della Giustizia, datata 16 giugno 2009, prot. m_dg.dag u). E' noto, comunque, che il comma 2 dell'art. 48 del DPR 5/6/200 l n.328 ("Esami di Stato per l'iscrizione nella Sezione B e relative prove")' indica espressamente quali lauree consentono l'ammissione all'esame di Stato, condizione necessaria per l'iscrizione alla Sezione B dell'albo. E l'art. 48 del DPR 328/2001 che non risulta modificatoprevede che per sostenere l'esame di Stato propedeutico all'iscrizione nella Sezione B dell'albo per il settore a) civile e ambientale è necessario il possesso della laurea nella classe 4 Scienze dell'architettura e dell'ngegneria edile, oppure nella classe 8 ngegneria civile e ambientale (in allegato). Ogniqualvolta si ha di fronte un determinato titolo accademico, quindi, come noto, occorre verificare la classe di laurea cui appartiene e confrontare tale elemento con le due classi di laurea sopracitate, idonee per l'iscrizione alla Sezione B dell'albo. Detto questo, si ritiene che soltanto il Ministero dell'università e il Ministero della Giustizia possono fornire una risposta ufficiale al Politecnico di Milano e alle rappresentanze istituzionali degli ngegneri circa la possibilità di iscrizione alla 3

12 '1 CONSGLO i NAZONALE DEGL NGEGNER Sezione B dell'albo degli ngegneri (e, prima ancora, circa la possibilità di sostenere il corrispondente esame di Stato) dei laureati in Architettura e produzione edilizia. Si chiede dunque alle Autorità ministeriali in indirizzo di esprimersi sulla problematica rappresentata, in modo da dissipare ogni dubbio al riguardo. n attesa di una cortese risposta si inviano i sensi della più viva stima. L CONSGLERE SEGRETARO (Dott. ng. Roberto Brandi) ~~ Allegati: L PRESDENTE (Dott. ng. Giovanni Rolando) 1) richiesta parere Ordine degli ngegneri di Mantova del 22 gennaio 2010; 2) art. 48 DPR 328/2001; 3) art.2 DM 26/07/2007. MCl902Mi/1Gludoc 4

13 .,._._ , t.1 /j~// Ministero della Giustizia Dipartimento per gli Affari di Giustizia Via Arenula, Roma T Direttore Generale Giustizia Civile /JU1 CONSGLO NAZONALE NGEGNER 24105/2010 E-nd/2424/2010 Roma, 19 maggio 2010 Al Ministero dell 'struzione dell 'Università e della Ricerca Direzione Generale per l'università P.le Kennedy, ROMA Al'Ufficio Legislativo SEDE.D p.c. Al Consiglio Nazionale degli ngegneri Via V novembre, ROMA Oggetto: Richiesta di parere sulla possibilità di iscrizione alla Sezione B dell'albo dei laureati in Architettura e produzione edilizia - prot. CN n. 328 n relazione al' oggetto si rappresenta quanto segue. n primo luogo si concorda con il Consiglio Nazionale degli ngegneri che rientra nella competenza di codesto Ministero stabilire, se la corrispondenza tra le classi di laurea relative al D.M. 270/2004 e le classi di laurea relative al D.M. 509/1999 di cui all'allegato 2 del D.M. 26 luglio 2007, sia idonea a determinare il risultato ipotizzato dal Pro Rettore Vicario del Polo Regionale di Mantova. Vorrà, pertanto codesto Ministero provvedere direttamente a corrispondere alla richiesta del Consiglio Nazionale, notiziando questa Direzione Generale.

14 \ Quanto all'altro problema prospettato, e già analizzato nella nota del 16 giugno 2009, prot. n. 8l583U, vorrà ugualmente codesto Ministero notiziare anche questa Direzione Generale delle determinazioni eventualmente assunte. l carteggio viene inviato anche all'ufficio Legislativo perché valuti la necessità di un intervento normativo modificativo nei termini indicati nella citata nota, che si allega. l Direttore Generale (Maria Teresa Saragnano)

15 $ ~ck//:f~ck//~e~~ DPARTMENTO PER L'UNVERSTÀ, L'ALTA FORMAZONE ARTSTCA, MUSCALE E COREUTCA E PER LA RCERCA DREZONE GENERALE PER L'UNVERSTÀ, LO STUDENTE E L DRTTO ALLO STUDO UNVERSTARO Ufficio V Prot. n. '2$(g; del l) / Ò - l!> - 20\ t!) CONSGLO NAZONALE NGEGNER 11f E-fcal Al Ministero della Giustizia Dipartimento per gli Affari di Giustizia D.G. della Giustizia Civile via Arenula ROMA e p.c. A Consiglio Nazionale degli ngegneri c/o Ministero della Giustizia Presidenza e Segreteria via V Novembre ROMA OGGETT A. Parere sulla possibilità di iscrizione alla sezione B dell'albo dei laureati in architettura e produzione edilizia e parere su duplice iscrizione nella sezione A e B dell' Albo in settori differenti. Con riferimento alle richieste di parere in oggetto si rappresenta quanto segue. n merito alla possibilità per un laureato in architettura e produzione edilizia - corso di laurea afferente alla classe L23 - di essere ammesso ali 'esame dì Stato per l'iscrizione nella sezione B dell' Albo degli ingegneri - settore civile e ambientale, s~ fa presente che hanno titolo di accesso all'esame di che trattasi soltanto i possessori dei titoli espressamente elencati dall'art. 48, comma, lett. a), del regolamento sulle libere professioni di cui al d.p.r , ovvero i laureati nella classe 4 - Scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile e classe 8 - ngegneria civile e ambientale dell'ordinamento di cui al D.M. 509/1999.

16 Per i possessori dei titoli accademici del "nuovo" ordinamento di cui al D.M. 270/2004, l'allegato 2 del decreto ministeriale 26 luglio 2007, concernente la "attuazione dei dd.mm. in data 16 marzo decreto ministeriale di definizione delle linee guida per l'istituzione e l'attivazione da parte delle Università dei corsi di studio", fissa la corrispondenza tra le classi di laurea magistrale di cui al predetto decreto e le classi di laurea e laurea specialistica di cui al D.M. 509/1999 anche ai fini dell'accesso agli esami di Stato per l'esercizio delle libere professioni. Pertanto, costituiscono titoli validi ai fini dell'ammissione all'esame di Stato di abilitazione all'esercizio della professione di ingegnere junior non soltanto i titoli accademici espressamente previsti dalle norme contenute nel d.p.r. 328/2001, ma anche quelli conseguiti sotto la vigenza dell'ordinamento di cui al D.M. 270/2004 e ritenuti dall'allegato sopra citato corrispondenti a quelli conseguiti sotto la vigenza dell'ordinamento di cui al D.M. 509/1999. Secondo quanto riportato nel citato Allegato 2 la laurea nella classe L23 (Scienze e tecniche dell'edilizia), di cui fa parte il corso in di laurea in Architettura e produzione edilizia, è corrispondente alla classe di laurea 4 (Scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile). Pertanto, si esprime l'avviso che la laurea in Architettura e produzione edilizia sia titolo idoneo a consentire l'accesso all'esame di Stato di ngegnere per l'iscrizione nella sezione B settore civile ed ambientale. Con riferimento al secondo quesito, si fa presente che l'ufficio legislativo di questo Ministero, investito della questione sulla possibilità di una duplice iscrizione nella sezione A e B dell' Albo degli ingegneri in settori differt; " ha espresso un parere concorde a quello indicato nella nota 1583 in data 16/06/2009 del Ministero in indirizzo. n particolare, nella nota dell'ufficio legislativo si afferma che l'iscritto in un determinato settore della sezione B può accedere al corripsondente settore della sezione A, se in possesso del titolo previsto e previo superamento dell'esame di Stato, ma non può mantenere l'iscrizione nella sezione B perché ciò "sarebbe fonte di ingiustificate prerogative (quali per esempio quelle in materia elettorale)". Altresì, si riconosce la possibilità per coloro che sono già iscritti in un determinato settore di accedere ad un diverso settore dell' Albo, sia che si tratti di un diverso settore della stessa sezione sia che si tratti di un diverso settore di un'altra sezione, non esistendo preclusioni normative in tal senso e "dovendosi in tal caso ritenere del tutto giustificate le prerogative derivanti dalla duplice iscrizione", l i, f, t i

17 ... n merito, poi, all'accesso attraverso una prova semplificata per coloro che sono già iscritti e richiedano l'iscrizione in un diverso settore, si riconosce l'inapplicabilità dell'art. 5, comma 2, in assenza di una specifica disposizione che indichi la prova da cui si è esonerati e si ritiene necessario uno specifico intervento nonnativo volto ad integrare per questa parte il regolamento di cui al citato D.P.R. Si ringrazia per la collaborazione. ; \!. \ r t

SEZIONE B REQUISITI DI ACCESSO E ARTICOLAZIONE DELLE PROVE

SEZIONE B REQUISITI DI ACCESSO E ARTICOLAZIONE DELLE PROVE SEZIONE B REQUISITI DI ACCESSO E ARTICOLAZIONE DELLE PROVE Riferimenti normativi D.M. 9 settembre 1957 e sue modificazioni e integrazioni. Approvazione del regolamento sugli esami di Stato di abilitazione

Dettagli

SEZIONE A REQUISITI DI ACCESSO E ARTICOLAZIONE DELLE PROVE

SEZIONE A REQUISITI DI ACCESSO E ARTICOLAZIONE DELLE PROVE SEZIONE A REQUISITI DI ACCESSO E ARTICOLAZIONE DELLE PROVE Riferimenti normativi D.M. 9 settembre 1957 e sue modificazioni e integrazioni. Approvazione del regolamento sugli esami di Stato di abilitazione

Dettagli

Circo n. 497/xvnI Sesso Ai Consigli degli Ordini degli Ingegneri

Circo n. 497/xvnI Sesso Ai Consigli degli Ordini degli Ingegneri CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI 19/02/2015 U-nd/1229/2015 11111111111111111111111111 11111111111111111 CONSIGLIO NAZIONALE Ci DEGLI INe G Hl pn'ssù il M/m'sIero df'lia Cù/sli=ia U-MC/15 Circo n. 497/xvnI

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 143 Esami di Stato di abilitazione Dottore Commercialista ed Esperto Contabile anno 2014

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 143 Esami di Stato di abilitazione Dottore Commercialista ed Esperto Contabile anno 2014 Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 143 Esami di Stato di abilitazione Dottore Commercialista ed Esperto Contabile anno 2014 VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168, recante "Istituzione del Ministero

Dettagli

Normativa ministeriale di riferimento:decreto Ministeriale 9 settembre 1957

Normativa ministeriale di riferimento:decreto Ministeriale 9 settembre 1957 Esami di Stato professione di Ingegnere Normativa ministeriale di riferimento Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. L'Albo è attualmente diviso in due Sezioni: Sez. A (Ingegnere) Sez. B (Ingegnere

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA CONCORSO Prima e seconda sessione degli esami di stato di abilitazione all'esercizio delle professioni regolamentate dal D.P.R. 5 giugno 2001,

Dettagli

IL RETTORE. Data 05/03/2014. Protocollo n. 6019-V/9. Rep. D.R.n. 360-2014. Area Intestazione Area. Settore Intestazione Settore.

IL RETTORE. Data 05/03/2014. Protocollo n. 6019-V/9. Rep. D.R.n. 360-2014. Area Intestazione Area. Settore Intestazione Settore. Protocollo n. 6019-V/9 Data 05/03/2014 Rep. D.R.n. 360-2014 Area Intestazione Area Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Intestazione Settore Responsabile Dott. Tommaso Vasco Oggetto: INDIZIONE PER

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 27 marzo 2015 n. 198. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2015. Professioni regolamentate dal D.P.R.

Ordinanza Ministeriale 27 marzo 2015 n. 198. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2015. Professioni regolamentate dal D.P.R. Ordinanza Ministeriale 27 marzo 2015 n. 198 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2015. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001 il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001.

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. VISTA la legge 9 maggio 1989, n.168, con la quale è

Dettagli

Convenzione. tra. l'ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Viterbo

Convenzione. tra. l'ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Viterbo Convenzione tra l'ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Viterbo e II Dipartimento di Economia e Impresa - D.E.Im., delll'università degli Studi della Tuscia per lo svolgimento

Dettagli

ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE/INGEGNERE IUNIOR SESSIONI ANNO 2015

ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE/INGEGNERE IUNIOR SESSIONI ANNO 2015 ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE/INGEGNERE IUNIOR SESSIONI ANNO 2015 Indicazioni di carattere generale e modalità di iscrizione In applicazione del D.P.R. 5 giugno

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 5 giugno 2001, n. 328

Decreto del Presidente della Repubblica 5 giugno 2001, n. 328 Decreto del Presidente della Repubblica 5 giugno 2001, n. 328 (Pubblicato nel S.O. n. 212/L alla G.U. n. 190 del 17 agosto 2001) Modifiche ed integrazioni della disciplina dei requisiti per l'ammissione

Dettagli

Università Vita-Salute San Raffaele

Università Vita-Salute San Raffaele Università Vita-Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4188 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

UNIVERSITÀ ALDO MORO

UNIVERSITÀ ALDO MORO "*^^HF*" Ordine del Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili -BRWDISI- UNIVERSITÀ DEGÙ STUDI DI BARI ALDO MORO Convenzione tra gli Ordini dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di

Dettagli

CONVENZIONE TRA VISTO

CONVENZIONE TRA VISTO CONVENZIONE per lo svolgimento del tirocinio in concomitanza con il percorso formativo e per l'esonero dalla prima prova scritta dell'esame di Stato per l'esercizio della professione di Dottore Commercialista

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI " ',, C", -, 'ra L," ' CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER PRESSO L MNSTERO DELLA GUSTZA - 00186 ROMA - VA ARENULA, 71 PRESDENZA E SEGRETERA 00187 ROMA - VA V NOVEMBRE, 114 TEL. 06.6976701 r.a. - FAX 06.69767048

Dettagli

contabile; CONSIDERATO

contabile; CONSIDERATO "CONVENZIONE QUADRO" FRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA, Il MINISTERO DELLA GIUSTIZIA ED Il CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI "Tirocinio

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 27 marzo 2015 n. 197 Esami di Stato di abilitazione Dottore Commercialista ed Esperto Contabile anno 2015

Ordinanza Ministeriale 27 marzo 2015 n. 197 Esami di Stato di abilitazione Dottore Commercialista ed Esperto Contabile anno 2015 Ordinanza Ministeriale 27 marzo 2015 n. 197 Esami di Stato di abilitazione Dottore Commercialista ed Esperto Contabile anno 2015 VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive modificazioni,

Dettagli

Facoltà Giurisprudenza Ufficio Segreteria Studenti I L R E T T O R E

Facoltà Giurisprudenza Ufficio Segreteria Studenti I L R E T T O R E Facoltà Giurisprudenza Ufficio Segreteria Studenti I L R E T T O R E VISTO lo Statuto dell Ateneo Federico II; VISTI gli artt. 2 e 19 del Regolamento Didattico di Ateneo, emanato con D.R. n 2440 del 18/07/2008;

Dettagli

Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2015. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001

Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2015. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001 Ordinanza Ministeriale 27 marzo 2015 n. 198 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2015. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001 VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA - 00186 ROMA - VIA ARENULA, 71 PRESIDENZA E SEGRETERIA 00187 ROMA - VIA IV NOVEMBRE, l 14 TEL. 06.6976701 r.a. - FAX 06.69767048 CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4186 IL RETTORE

Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4186 IL RETTORE Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4186 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia

Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia Prot.n. 4823/09 Roma, 29 luglio 2009 Ai Collegi Provinciali dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati.

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Agenzia delle Entrate DIREZIONE CENTRALE NORMATIVA E CONTENZIOSO Risoluzione del 24/01/2007 n. 6 Oggetto: Interpello 954-541/2006 - Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Universita' Telematica Pegaso

Dettagli

CONSIDERATO STIPULANO

CONSIDERATO STIPULANO ACCORDO TRA l'ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Catania, con sede in Via Grotte Bianche n. 150 95128 Catania rappresentato dalla Prof.ssa Margherita Poselli, in qualità di

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI PRESSO IL MINISTERO DELLA G IU STIZIA - 00186 ROMA - VIA ARENULA, 7 l CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI PRESIDENZA E SEGRETERIA 30/04/2013 U-ss/2281/2013 00187 ROMA

Dettagli

I L R E T T O R E. gli articoli 2 e 19 del Regolamento Didattico di Ateneo emanato con D.R. n 2332 del

I L R E T T O R E. gli articoli 2 e 19 del Regolamento Didattico di Ateneo emanato con D.R. n 2332 del Ufficio Segreteria Studenti Area Didattica Giurisprudenza I L R E T T O R E VISTO VISTI 02/07/2014; l'articolo 37 dello Statuto; gli articoli 2 e 19 del Regolamento Didattico di Ateneo emanato con D.R.

Dettagli

REGISTRO DEI REVISORI CONTABILI

REGISTRO DEI REVISORI CONTABILI REGISTRO DEI REVISORI CONTABILI 1. L ESAME PER L'ISCRIZIONE NEL REGISTRO DEI REVISORI CONTABILI 2. MODALITÀ DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DEI REVISORI CONTABILI 3. ESONERO DALL ESAME 4. PROVVEDIMENTI SANZIONATORI

Dettagli

CONSIDERATO. stipulano. la seguente CONVENZIONE

CONSIDERATO. stipulano. la seguente CONVENZIONE CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PROFESSIONALE PER L ACCESSO ALLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO IN CONCOMITANZA CON IL PERCORSO DI LAUREA AI SENSI DELL ART. 9, COMMA 6, D.L. 24.01.2012,

Dettagli

TITOLO I Istituzione e finalità della Scuola. Art.1 (Istituzione della Scuola)

TITOLO I Istituzione e finalità della Scuola. Art.1 (Istituzione della Scuola) REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI ISTITUITA PRESSO LA FACOLTA' DI GIURISPRUDENZA DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. TITOLO I Istituzione e finalità

Dettagli

http://www.miur.it/0006menu_c/0012docume/0015atti_m/7684ordina_cf2.htm

http://www.miur.it/0006menu_c/0012docume/0015atti_m/7684ordina_cf2.htm MIUR - Università Pagina 1 di 3 Ordinanza Ministeriale 27 marzo 2009 Ordinanza esami di Stato abilitazione professionale sessioni anno 2009. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001 VISTA la legge

Dettagli

Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Civile Ufficio I. Nota

Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Civile Ufficio I. Nota Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Civile Ufficio I Nota Prot. n. m_dg.dag.57695.u Ai Sigg. Presidenti delle Corti di Appello Loro sedi Ai Sigg. Procuratori Generali

Dettagli

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso RISOLUZIONE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 gennaio 2007 OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso Con l interpello

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICA Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA CLINICA afferisce

Dettagli

O R D I N A: ART. 1 ART. 2

O R D I N A: ART. 1 ART. 2 Ordinanza Ministeriale 11 febbraio 2008 Prima e seconda sessione degli esami di stato di abilitazione all'esercizio delle professioni disciplinate dal d.p.r. 5 giugno 2001, n.328, relative all anno 2008

Dettagli

TITOLO I Istituzione della Scuola

TITOLO I Istituzione della Scuola REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI ISTITUITA PRESSO LA FACOLTA' DI GIURISPRUDENZA DELL'UNIVERSITA' LUM JEAN MONNET (DR. 1009/09 DEL 16/03/2009 ALLEGATO NR. 1) TITOLO

Dettagli

Università Ca'Foscari Venezia

Università Ca'Foscari Venezia Rep.N.) la Prot. N."jI.[J} DSSOF-SSTUDOF. -'Y1y del Z~/o.L!lo./). ACCORDO FRA L'UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA E L'ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI VENEZIA L'Università Ca'

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE, RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE IN SANITÀ E ASSISTENZA SANITARIA DI COMPETENZA STATALE

MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE, RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE IN SANITÀ E ASSISTENZA SANITARIA DI COMPETENZA STATALE MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE, RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE IN SANITÀ E ASSISTENZA SANITARIA DI COMPETENZA STATALE Ufficio III N. DPS / III L.40/ OC-1259 OGGETTO: Cittadini

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE MODERNE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso

Dettagli

OGGETTO Bando ammissione CdLM - Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate. IL RETTORE

OGGETTO Bando ammissione CdLM - Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate. IL RETTORE Prot.n. 20069 III/2 Data 05.08.2015 Rep. D.R. n 977/2015 Coordinamento Amministrativo Responsabile Dott. Matteo Di Trani Settore Didattica, Servizi agli Studenti Responsabile Dott. Tommaso Campagna Ufficio

Dettagli

AL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE TECNICA PER I TIROCINI ED IL VOLONTARIATO DEGLI PSICOLOGI

AL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE TECNICA PER I TIROCINI ED IL VOLONTARIATO DEGLI PSICOLOGI DIREZIONE SANITARIA e_mail: tirocinipsicologia@scamilloforlanini.rm.it AL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE TECNICA PER I TIROCINI ED IL VOLONTARIATO DEGLI PSICOLOGI Oggetto: domanda di frequenza Tirocinio

Dettagli

- Dipartimento Politiche Comunitarie 00100 R O M A

- Dipartimento Politiche Comunitarie 00100 R O M A DIPARTIMENTO PROFESSIONI SANITARIE, RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE IN SANITA' E ASSISTENZA SANITARIA DI COMPETENZA STATALE DPS/III/L.40/00-1259 Cittadini stranieri non comunitari. Riconoscimento titoli professionali

Dettagli

Kt-p. N. -11G;2/ielS ~~.w. L\.tLSS ljel 2~lo+1

Kt-p. N. -11G;2/ielS ~~.w. L\.tLSS ljel 2~lo+1 Kt-p. N. -11G;2/ielS ~~.w. L\.tLSS ljel 2~lo+1 CONVENZIONE TRA L'Ordine dei Dottori CommerciaHsti e degli Esperti Contabili di Vallo della Lucania, con sede in Vallo della Lucania (SA), Piazza Vittorio

Dettagli

Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, Sezione terza, sentenza n. 3312/2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, Sezione terza, sentenza n. 3312/2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il diploma rilasciato dalle scuole di specializzazione per le professioni legali equivale ad un anno di pratica presso uno studio legale - TAR LAZIO, Sezione III, Sentenza n. 3312 del 04/05/2005 Il praticante

Dettagli

N. 349/2012 Reg. Prov. Coll. N. 4043 Reg. Ric. ANNO 1998 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 349/2012 Reg. Prov. Coll. N. 4043 Reg. Ric. ANNO 1998 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 349/2012 Reg. Prov. Coll. N. 4043 Reg. Ric. ANNO 1998 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di Catania (Sezione Quarta)

Dettagli

L. 18 febbraio 1989, n. 56 (1). Ordinamento della professione di psicologo (2) (3).

L. 18 febbraio 1989, n. 56 (1). Ordinamento della professione di psicologo (2) (3). L. 18 febbraio 1989, n. 56 (1). Ordinamento della professione di psicologo (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 24 febbraio 1989, n. 46, S.O. (2) Modifiche ed integrazioni alla disciplina dell'ordinamento,

Dettagli

EQUIPARAZIONE DEI TITOLI

EQUIPARAZIONE DEI TITOLI EQUIPARAZIONE DEI TITOLI PER L'ACCESSO ALLA LAUREA SPECIALISTICA (57/S) Roma, 7 gennaio 2002 Il Senato della Repubblica ha approvato definitivamente il 21 dicembre scorso, il disegno di conversione del

Dettagli

D. LGS. C.P.S. 13 SETTEMBRE 1946, N. 233

D. LGS. C.P.S. 13 SETTEMBRE 1946, N. 233 D. LGS. C.P.S. 13 SETTEMBRE 1946, N. 233 RICOSTITUZIONE DEGLI ORDINI DELLE PROFESSIONI SANITARIE E PER LA DISCIPLINA DELL'ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI STESSE. CAPO I - DEGLI ORDINI E DEI COLLEGI PROVINCIALI

Dettagli

D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946.

D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946. D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946. Ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell'esercizio delle professioni stesse. Capo I - Degli Ordini e dei Collegi Provinciali

Dettagli

Regolamento della Scuola di Specializzazione in Farmacia Ospedaliera ART. 1 - NORME GENERALI

Regolamento della Scuola di Specializzazione in Farmacia Ospedaliera ART. 1 - NORME GENERALI Regolamento della Scuola di Specializzazione in Farmacia Ospedaliera ART. 1 - NORME GENERALI L'ordinamento degli studi del corso di diploma di specializzazione in Farmacia Ospedaliera della Facoltà di

Dettagli

MODALITA DI ISCRIZIONE ALL ALBO PROFESSIONALE CON PROVENIENZA DALLA SEZIONE B

MODALITA DI ISCRIZIONE ALL ALBO PROFESSIONALE CON PROVENIENZA DALLA SEZIONE B SEZIONE A MODALITA DI ISCRIZIONE ALL ALBO PROFESSIONALE CON PROVENIENZA DALLA SEZIONE B Elenco documentazione richiesta: 1. Domanda di iscrizione in marca da bollo di 16,00 (pagina 1/8) 2. Ricevuta del

Dettagli

0574/534439 417 (Ing. F.Agostini Dott. C.Renzi) Fax. 0574/534281 e-mail: motorizzazione@provincia.prato.it; fagostini@provincia.prato.

0574/534439 417 (Ing. F.Agostini Dott. C.Renzi) Fax. 0574/534281 e-mail: motorizzazione@provincia.prato.it; fagostini@provincia.prato. Amministrazione Trasparente Servizi erogati - Carta dei servizi e Standard di qualità art.32 c.1 D.Lgs.33/2013 > Iscrizione Albo Autotrasportatori di cose per conto di terzi > Licenze per l autotrasporto

Dettagli

I li 111111111111111111111 11 111111

I li 111111111111111111111 11 111111 PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA - 00186 ROMA - VIA ARENULA, 71 PRESIDENZA E SEGRETERIA 00187 ROMA - VIA IV NOVEMBRE, 114 TEL. 06.6976701 r.a. - FAX 06.69767048 U-GF/ 13 Circ. n. 210/XVIII Sess. CONSIGLIO

Dettagli

DI INGEGNERE ANNO 2002

DI INGEGNERE ANNO 2002 CONSIGLIO NAZIONALE INGEGNERI GIUNTA DEL COLLEGIO DEI PRESIDI DELLE FACOLTÀ DI INGEGNERIA ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE ANNO 2002 ULTERIORI LINEE DI INDIRIZZO

Dettagli

LA COSTITUZIONE ITALIANA

LA COSTITUZIONE ITALIANA LA PROFESSIONE DELL ARCHITETTO E REGOLAMENTATA DA LEGGI O REGOLAMENTI DELLO STATO CHE NE DEFINISCONO I CRITERI MINIMI NECESSARI PER L ESERCIZIO DELLA STESSA, STABILENDONE LA «REGOLAMENTAZIONE DELL ACCESSO»

Dettagli

II Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ed il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili VISTO

II Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ed il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili VISTO \.. "CONVENZIONE QUADRO~~ FRA IL MINISTERO DELL~ISTRUZIONE,DELL~UNIVERSITA~E DELLA RICERCA ED IL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI II Ministero dell'istruzione, dell'università

Dettagli

ACCORDO FRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA E GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI FOGGIA E DI LUCERA

ACCORDO FRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA E GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI FOGGIA E DI LUCERA ODCEC Foggia Facoltà di Economia ODCEC Lucera ACCORDO FRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA E GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI FOGGIA E DI LUCERA L Università degli Studi

Dettagli

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BRESCIA BANDO ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE E INGEGNERE JUNIOR ANNO 2014 IL RETTORE VISTA l Ordinanza del 21 febbraio 2014 n. 144,

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso di laurea in MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE

Dettagli

D E C R E T A. Dipartimento Risorse Umane e Organizzazione Area Reclutamento Settore V Oggetto: bando concorso ammissione C.L.M. in Psicologia clinica

D E C R E T A. Dipartimento Risorse Umane e Organizzazione Area Reclutamento Settore V Oggetto: bando concorso ammissione C.L.M. in Psicologia clinica Decreto n.5315 IL RETTORE VISTA la legge 9.5.1989, n. 168; VISTA la legge 7.8.1990, n. 241 e successive modificazioni ed integrazioni; VISTA la legge 5.2.1992, n.104, così come modificata dalla legge 28

Dettagli

autocertificazione comprovante l idoneità ottenuta all esame di ammissione presso la sede di provenienza se sostenuto;

autocertificazione comprovante l idoneità ottenuta all esame di ammissione presso la sede di provenienza se sostenuto; TRASFERIMENTI AD ANNI SUCCESSIVI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE DI ARCHITETTURA - CORSO DI LAUREA TRIENNALE DI DESIGN DEL PRODOTTO INDUSTRIALE A.A. 2013/2014 La domanda per la copertura dei posti disponibili

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE in PSICOLOGIA CLINICA PROVA DI AMMISSIONE AL I ANNO A.A. 2008/2009 RISERVATO AI LAUREATI NON MEDICI È indetto

Dettagli

Decreto del Ministero dell economia e delle finanze 20 giugno 2012, n. 145.

Decreto del Ministero dell economia e delle finanze 20 giugno 2012, n. 145. Decreto del Ministero dell economia e delle finanze 20 giugno 2012, n. 145. Regolamento in applicazione degli articoli 2, commi 2, 3, 4 e 7 e 7, comma 7, del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39,

Dettagli

I soggetti abilitati alla certificazione energetica degli edifici dopo il D.P.R. 75/2013: indicazioni pratiche e analisi di casi dubbi e criticità

I soggetti abilitati alla certificazione energetica degli edifici dopo il D.P.R. 75/2013: indicazioni pratiche e analisi di casi dubbi e criticità I soggetti abilitati alla certificazione energetica degli edifici dopo il D.P.R. 75/2013: indicazioni pratiche e analisi di casi dubbi e criticità L emanazione del D.P.R. 75/2013, recante i requisiti professionali

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA U.O.C. Esami di Stato, Master e Perfezionamento IL RETTORE D.R. Reg. XXXI n. 258 del 16/04/2013 Pubblicato all Albo Pretorio d Ateneo VISTA l Ordinanza del 21 febbraio

Dettagli

DOTTORE COMMERCIALISTA SESSIONI 2016 Indicazioni di carattere generale e modalità di iscrizione

DOTTORE COMMERCIALISTA SESSIONI 2016 Indicazioni di carattere generale e modalità di iscrizione DOTTORE COMMERCIALISTA SESSIONI 2016 Indicazioni di carattere generale e modalità di iscrizione Con Ordinanza del Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca del 01.03.2016, consultabile

Dettagli

FOTO. DOMANDA DI REISCRIZIONE ALL ALBO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONI (ART. 46 D.P.R 445 DEL 28 dicembre 2000) al N. Il/la sottoscritto/a

FOTO. DOMANDA DI REISCRIZIONE ALL ALBO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONI (ART. 46 D.P.R 445 DEL 28 dicembre 2000) al N. Il/la sottoscritto/a DOMANDA DI REISCRIZIONE ALL ALBO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONI (ART. 46 D.P.R 445 DEL 28 dicembre 2000) Al Presidente del Consiglio dell'ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti

Dettagli

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BRESCIA BANDO ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE E INGEGNERE JUNIOR ANNO 2016 IL RETTORE VISTA l Ordinanza Ministeriale dell 1 marzo 2016

Dettagli

Ricerche e Azioni Partecipate in Psicologia e Psicoterapia

Ricerche e Azioni Partecipate in Psicologia e Psicoterapia LEGGE 18 FEBBARAIO 1989, N. 56 - Pagina 1 di 9 Legge 18 febbraio 1989, n. 56 (da www.rap.org) Ordinamento della professione di psicologo. (Pubblicata in G.U. del 24 febbraio 1989, n. 46) Art. 1 Definizione

Dettagli

Università Vita,Salute San Raffaele

Università Vita,Salute San Raffaele Università Vita,Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4184 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

CONVENZIONE PER LE ATTIVITA DIDATTICHE E PER LO SVOLGIMENTO DEI TIROCINI tra l'università degli studi di Roma Sapienza (d ora in avanti denominata Sapienza), rappresentata dal Rettore pro tempore prof.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO. D.M. 2 dicembre 1997

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO. D.M. 2 dicembre 1997 CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO D.M. 2 dicembre 1997 Nuove modalità sulla disciplina dei due anni di praticantato necessari per l'ammissione all'esame di Stato per l'abilitazione all'esercizio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI LINK CAMPUS UNIVERSITY. Art.

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI LINK CAMPUS UNIVERSITY. Art. REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI LINK CAMPUS UNIVERSITY Art. 1 Istituzione 1. È istituita presso la Link Campus University (da qui in poi

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 352 del 09 ottobre 2014

Il Rettore. Decreto n. 352 del 09 ottobre 2014 Decreto n. 352 del 09 ottobre 2014 Bando di selezione relativo alle modalità di ammissione, per l anno accademico 2014/2015, ai Corsi di Tirocinio Formativo Attivo (TFA) per l'insegnamento nella scuola

Dettagli

" Nuove norme in materia di revisori contabili"

 Nuove norme in materia di revisori contabili Page 1 of 5 Legge 13 maggio 1997, n. 132 " Nuove norme in materia di revisori contabili" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 116 del 21 maggio 1997 Art. 1. Indizione della prima sessione di esami per

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STRATEGIE DI COMUNICAZIONE Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso di laurea magistrale in STRATEGIE DI

Dettagli

Note interpretative. Indicazioni per l applicazione del Regolamento del tirocinio (DM 7 agosto 2009, n. 143)

Note interpretative. Indicazioni per l applicazione del Regolamento del tirocinio (DM 7 agosto 2009, n. 143) Note interpretative Indicazioni per l applicazione del Regolamento del tirocinio (DM 7 agosto 2009, n. 143) 11 novembre 2009 Mandato 2008-2012 Area di delega Consigliere Delegato Consiglieri Co-Delegati

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I P A R M A

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I P A R M A U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I P A R M A Bando per il riconoscimento di attività formative svolte nei corsi di diploma universitario o titoli equipollenti IL RETTORE VISTO il Decreto Ministeriale

Dettagli

Art.2 - Domanda di ammissione -

Art.2 - Domanda di ammissione - Avviso ammissione Master - Anno accademico 2013/2014 Art.1 Ammissione - Per l'anno accademico 2013/2014 è indetta la procedura per l ammissione al master. La scheda, contenente gli elementi utili per l

Dettagli

RIPARTIZIONE STUDENTI IL DIRIGENTE

RIPARTIZIONE STUDENTI IL DIRIGENTE Ufficio Esami di Stato e Scuole di Specializzazione RIPARTIZIONE STUDENTI IL DIRIGENTE VISTO il D.R. n. 712 del 25/03/2011 con il quale sono state individuate le funzioni spettanti ai Dirigenti di questa

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche Decreto Rettorale n. 168 del 2 marzo 2015 IL RETTORE VISTO il decreto ministeriale 3 novembre 1999, n.509, e successive modificazioni e integrazioni, concernente " Regolamento recante norme concernenti

Dettagli

Ordinanza esami di Stato sessioni anno 2007 Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/ 2001

Ordinanza esami di Stato sessioni anno 2007 Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/ 2001 Ordinanza esami di Stato sessioni anno 2007 P rofessioni regolamentate dal D.P.R. 328/ 2001 Allegati Ordinanza Ministeriale 22 gennaio 2007 Ordinanza esami di Stato sessioni anno 2007 Professioni regolamentate

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE CORSO SINGOLO Anno Accademico

DOMANDA DI ISCRIZIONE CORSO SINGOLO Anno Accademico POLO DIDATTICO DI RIFERIMENTO *: Romano d'ezzelino - VI - Cod. Sede VI01 DOMANDA DI ISCRIZIONE CORSO SINGOLO Anno Accademico (vedi regolamento esami singoli sul sito Unicusano) Punto 1 Dati anagrafici

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. DECRETO 20 giugno 2012, n. 145

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. DECRETO 20 giugno 2012, n. 145 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 20 giugno 2012, n. 145 Regolamento in applicazione degli articoli 2, commi 2, 3, 4 e 7 e 7, comma 7, del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, recante

Dettagli

Area Formazione, Cultura e Servizi agli Studenti Servizio Speciale Segreterie Studenti IL RETTORE

Area Formazione, Cultura e Servizi agli Studenti Servizio Speciale Segreterie Studenti IL RETTORE Titolo V Classe 2 Fascicolo N. 55283 del 4.8.2015 UOR CC RPA Decreto n. 2663/2015 IL RETTORE - Visto il D.M. n. 270 del 22.10.2004 Modifiche al regolamento recante norme concernenti l'autonomia didattica

Dettagli

È NULLA LA CARTELLA DI PAGAMENTO NOTIFICATA SENZA "CAN" di ANGELO GINEX. 1. La pronuncia della CTP di Campobasso n. 68/2016

È NULLA LA CARTELLA DI PAGAMENTO NOTIFICATA SENZA CAN di ANGELO GINEX. 1. La pronuncia della CTP di Campobasso n. 68/2016 È NULLA LA CARTELLA DI PAGAMENTO NOTIFICATA SENZA "CAN" di ANGELO GINEX SOMMARIO: 1. La pronuncia della CTP di Campobasso n. 68/2016. - 2. La giurisprudenza di legittimità in tema di notifica della cartella

Dettagli

Art.2 - Domanda di ammissione -

Art.2 - Domanda di ammissione - Avviso ammissione Master - Anno accademico 2013/2014 Art.1 Ammissione - Per l'anno accademico 2013/2014 è indetta la procedura per l ammissione al master. La scheda, contenente gli elementi utili per l

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 20 aprile 2015, n. 48 - (GU n.99 del 30-4-2015) Regolamento concernente le modalita' per l'ammissione dei medici alle scuole di specializzazione

Dettagli

Allegato alla delibera di C.C. n. 74 del 28.11.2013 Il Segretario Comunale (Dr.ssa Giuseppina Crisci)

Allegato alla delibera di C.C. n. 74 del 28.11.2013 Il Segretario Comunale (Dr.ssa Giuseppina Crisci) Allegato alla delibera di C.C. n. 74 del 28.11.2013 Il Segretario Comunale (Dr.ssa Giuseppina Crisci) REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE REGOLAMENTO CONTENENTE I REQUISITI E LE

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI DI GIUSTIZIA

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI DI GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI DI GIUSTIZIA CONCORSO Bando di esame di abilitazione all'esercizio della professione di Avvocato - Sessione 2014. (GU n.71 del 12-9-2014) IL MINISTRO

Dettagli

Testo pubblicato a cura della redazione internet del CED della Corte Suprema di Cassazione. INDICE del D.Lgs. n. 115/1992:

Testo pubblicato a cura della redazione internet del CED della Corte Suprema di Cassazione. INDICE del D.Lgs. n. 115/1992: Testo pubblicato a cura della redazione internet del CED della Corte Suprema di Cassazione INDICE del D.Lgs. n. 115/1992: Art. 1 - Riconoscimento dei titoli di formazione professionale acquisiti nella

Dettagli

REGOLAMENTO TIROCINIO POST-LAUREAM (Approvato Consiglio di Facoltà n. 69 del 15.10.2009. Modificato Consiglio di Facoltà n. 106 del 10.05.

REGOLAMENTO TIROCINIO POST-LAUREAM (Approvato Consiglio di Facoltà n. 69 del 15.10.2009. Modificato Consiglio di Facoltà n. 106 del 10.05. REGOLAMENTO TIROCINIO POST-LAUREAM (Approvato Consiglio di Facoltà n. 69 del 15.10.2009. Modificato Consiglio di Facoltà n. 106 del 10.05.2012) La professione di psicologo La legge n. 56 del 18.2.1989

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 501 del 16-7-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 501 del 16-7-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 501 del 16-7-2015 O G G E T T O Convenzione con l'università degli Studi di Pavia per lo svolgimento del tirocinio

Dettagli

PROFESSIONE DOTTORE COMMERCIALISTA ed ESPERTO CONTABILE

PROFESSIONE DOTTORE COMMERCIALISTA ed ESPERTO CONTABILE PROFESSIONE DOTTORE COMMERCIALISTA ed ESPERTO CONTABILE Link Ordinanza Ministeriale: http://attiministeriali.miur.it/anno-2015/marzo/om-27032015-(2).aspx La data della prima prova degli esami di Stato

Dettagli