CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI"

Transcript

1 ,j CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER PRESSO L MNSTERO DELLA GUSTZA - 00llS6 ROMA VA ARENULA, 71 PRESDEl\ZA E SEGRETERA ROMA - VA V NOVEMBRE. 114 TEL r,a. - FAX 06, CONSGLO NAZONALE NGEGNER 08/07/20100,00,00 U-nd/3050/ U-MC Circo n. 350/XV Sesso Ai Consigli degli Ordini e alle Federazioni elo Consulte Regionali degli ngegneri Loro Sedi Oggetto: Possibilità di duplice iscrizione nelle sezioni A e B dell'albo in settori differenti - possibilità di iscrizione alla sezione B dell'albo dei laureati in Architettura e produzione edilizia - richiesta parere - risposta del Ministero dell'struzione, dell'università e della Ricerca riepilogo del quadro normativo - prot. CN n.2654 Con la presente si trasmette a tutti gli Enti in indirizzo l'importante pronunciamento della Direzione Generale per l'università del Ministero dell'struzione, dell'università e della Ricerca, datato 8 giugno 2010 e pervenuto in risposta alle sollecitazioni del Consiglio Nazionale sulla annosa questione della possibilità o meno di contemporanea duplice iscrizione nelle sezioni A e B dell'albo in settori differenti di colui che abbia maturato i relativi requisiti (v. allegati). Come noto, fin dal 2006 il Consiglio Nazionale - nel silenzio del DPR 328/2001 sul punto - aveva richiesto ai Ministeri competenti di esprimere autorevole parere sull'estensione del divieto di doppia iscrizione. l Ministero della Giustizia, con nota prot. DAG del 24/10/2006 (v. circolare CN n.39 del 6/11/2006), aveva infatti sancito il divieto per il professionista, iscritto in un settore della sezione B dell'albo, di iscriversi al corrispondente settore della sezione A, mantenendo la precedente iscrizione.

2 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER li Rimaneva da chiarire se il divieto di doppia iscrizione dovesse valere anche per la differente ipotesi dell'eventuale istanza di duplice iscrizione alle due sezioni dell'albo ma in settori diversi (v. richiesta di parere CN datata 4/12/2006, allegata). Su tale problematica per lungo tempo le Autorità competenti non si sono pronunciate in via definitiva. Soltanto nel 2009 il Ministero della Giustizia, nella nota datata 16/06/2009, prot. DAG U - indirizzata al Ministero dell'università -, accogliendo la tesi del Consiglio Nazionale, ha per la prima volta affermato che "la possibilità di una duplice iscrizione non appare in contrasto con il dato nonnativo.. e pare, inoltre, ragionevole, non ravvisandosi motivi per non consentire al professionista che abbia conseguito un titolo abilitativo di poter poi procedere allo svolgimento effettivo dell'attività conseguente", ravvisando comunque la necessità di un pronunciamento comune e di arrivare ad una soluzione condivisa con il Dicastero dell'università (v. circolare CN n.244 del 3/07/2009). Successivamente il Ministero dell'università, con nota interlocutoria datata 14/01/2010, indirizzata all'ufficio Legislativo e al Ministero della Giustizia, aveva espresso l'avviso che la duplice iscrizione "comporterebbe una inammissibile duplicazione del diritto di voto in sede di elezione dei consigli nazionali e territoriali, dal momento che ad uno stesso professionista verrebbero attribuiti due votr (v. circolare CN n. 307 del 12/02/2010). Adesso, con un parziale revirement, la Direzione Generale per l'università del MUR informa che l'ufficio Legislativo del Ministero, investito della questione sulla possibilità di una duplice iscrizione nelle sezioni A e B dell'albo degli ngegneri in settori differenti "ha espresso un parere concorde a quello indicato nella nota 1583 in data 16/06/2009 del Ministero" della Giustizia. n particolare l'ufficio Legislativo del Ministero dell'università ha affermato che l'iscritto nella sezione B dell'albo che passa al corrispondente settore della sezione A non può mantenere l'iscrizione nella sezione B, perché co sarebbe fonte di ingiustificate prerogative (quali, per esempio, quelle in materia elettorale), mentre - nel caso che qui interessa - l'iscritto ad un dato settore, che chiede di essere iscritto ad un diverso settore di un'altra sezione, può mantenere la precedente iscrizione, "non esistendo preclusioni nonnative in tal senso e dovendosi in tal caso ritenere del tutto giustificate le prerogative derivanti dalla duplice iscrizione". 2

3 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER n sostanza il Ministero dell'università fa proprio il parere legale espresso dall'ufficio Legislativo e con ciò, innovando la propria posizione sul punto, definitivamente e in via ufficiale riconosce la possibilità, ai sensi del DPR n.328/2001, di iscrizione in due differenti settori dell'albo, sia che si tratti di un diverso settore della stessa sezione, sia che si tratti di un diverso settore di un'altra sezione. Riguardo, poi, la possibilità di svolgere l'esame di Stato attraverso una prova semplificata per coloro che sono già iscritti in un settore e richiedano l'iscrizione in un diverso settore dell'altra sezione, l'ufficio Legislativo del MUR - confermando quanto già sostenuto nel parere ministeriale datato 14/01/ riconosce l'inapplicabilità dell'art.5, comma 2, DPR 328 al caso di specie e ritiene necessario un apposito intervento normativo, di integrazione del suddetto Regolamento, per giungere a questo risultato. Rimane adesso da attendere una eventuale presa d'atto del Ministero della Giustizia sulle conseguenze in materia di diritto di voto di questa soluzione, tenendo presente che l'ufficio Legislativo del MUR una indicazione - in verità assai sbrigativa - in questa direzione l'ha già fornita col parere allegato. Per il momento, comunque, è possibile tracciare un riepilogo del quadro normativo vigente in tema di duplice iscrizione, a seguito delle determinazioni ministeriali succedutesi nel tempo : ) L'iscritto ad un dato settore della sezione A dell'albo può esercitare anche le attività proprie del corrispondente settore della sezione B dell'albo (senza necessità - ed essendo anzi vietato - di iscriversi alla sezione B) ; ) L'iscritto in un settore di una sezione può essere iscritto in un diverso settore della medesima sezione, ove sia in possesso del necessario titolo di studio e abbia conseguito la relativa abilitazione mediante il superamento di un apposito esame di Stato cd semplificato, ex art.3, comma 4, DPR 328/2001 (v. parere Ministero della Giustizia del 16/06/2009) ; ) L'iscritto ad un settore di una sezione, in possesso del necessario titolo di studio e della relativa abilitazione, può essere iscritto in un diverso settore dell'altra sezione, mantenendo la precedente iscnzlone (ad es., un iscritto al settore c) dell'informazione della sezione B dell'albo, avendone ottenuto i requisiti, può iscriversi al settore a) civile e ambientale, della sezione A dell'albo). 3 il ~

4 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER Su tale terza ipotesi occorrerà attendere il pronunciamento del Ministero della Giustizia, per quanto riguarda le sue ricadute sulla materia elettorale. *** La stessa nota ministeriale si pronuncia su di un'altra richiesta di parere inoltrata dal Consiglio Nazionale al MUR. L'Ordine degli ngegneri della provincia di Mantova, su sollecitazione del Politecnico di Milano, Polo Regionale di Mantova, aveva infatti chiesto al Consiglio Nazionale di sapere se i laureati in Architettura e produzione edilizia (laurea triennale) possono iscriversi alla sezione B dell'albo, pur in mancanza di indicazioni espresse in tal senso nel DPR 328/2001, alla luce del fatto che il decreto ministeriale 26 luglio 2007 ha sancito la corrispondenza tra la classe L 23- Scienze e tecniche dell'edilizia (cui appartiene il corso di laurea in Architettura e produzione edilizia) e la classe di laurea 4- Scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile (di cui al DM n.509/1999), quest'ultima espressamente indicata dalla norma tra quelle che consentono l'iscrizione alla sezione B dell'albo degli ngegneri. l Consiglio Nazionale aveva ritenuto che fosse il Ministero dell'università l'autorità competente a esprimersi in materia (v. richiesta CN del 12 maggio 2010, allegata). E nello stesso senso si era pronunciato il Ministero della Giustizia (v. allegati). Adesso, la Direzione Generale per l'università del Ministero dell'struzione, dell'università e della Ricerca - con una nota avente valenza generale - precisa che "costituiscono titoli validi ai fini dell'ammissione all'esame di Stato di abilitazione all'esercizio della professione di ingegnere iunior non soltanto i titoli accademici espressamente previsti dalle norme contenute nel DPR 328/2001, ma anche quelli conseguiti sotto la vigenza dell'ordinamento di cui al DM 270/2004 e ritenuti dall'allegato 2 del decreto ministeriale 26 luglio 2007 corrispondenti a quelli conseguiti sotto la vigenza dell'ordinamento di cui al DM 509/1999". E poiché la laurea nella classe L 23 (Scienze e tecniche dell'edilizia), di cui fa parte il corso di laurea in Architettura e produzione edilizia - ai sensi del citato Allegato 2 - è corrispondente alla classe di laurea 4 (Scienze dell'architettura e dell'ingegneria civile), il MUR esprime l'avviso che "la laurea in Architettura e produzione edilizia sia titolo idoneo a consentire 4

5 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER l'accesso all'esame di Stato di ngegnere per l'iscrizione nella sezione B, settore civile e ambientalè'. Ovviamente questa indicazione e questo autorevole chiarimento risulta di utilità non soltanto per il Politecnico di Milano, ma per tutte le Università italiane e per gli Ordini provinciali. E' con soddisfazione, dunque, che il Consiglio Nazionale trasmette il parere del Ministero dell'struzione, dell'università e della Ricerca datato 8 giugno 20 lo, in quanto si confida possa costituire l'ultimo tassello di una vicenda - quella relativa alla possibilità di contemporanea duplice iscrizione nelle sezioni A e B dell'albo per settori differenti, senza quindi perdere diritti e competenze acquisite - che da anni attendeva una sistemazione, per consentire ai Consigli degli Ordini di deliberare sulle istanze di iscrizione ai diversi settori dell'albo in un quadro di certezze giuridiche, evitando l'insorgere di contestazioni e ricorsi giurisdizionali. A tal fine si invitano gli Ordini provinciali a darne ampia diffusione nel proprio ambito territoriale di riferimento, a beneficio di tutti gli operatori interessati, professionisti e Università. Per quanto riguarda invece le conseguenze della anzidetta duplice iscrizione sul diritto di voto spettante all'iscritto, è intenzione del Consiglio Nazionale di chiedere al Ministero della Giustizia di esaminare la questione nella sua complessità, dando senza indugio le necessarie indicazioni agli Ordini provinciali su come comportarsi, in quanto non è altrettanto chiaro - e non appare analizzato dal parere del MUR con la compiutezza che la delicatezza della materia richiede - quali siano le ripercussioni sul diritto di elettorato attivo e passivo, in sede di rinnovo dei Consigli degli Ordini provinciali, della affermata possibilità di doppia iscrizione nelle due sezioni dell'albo. Sarà cura di questo Consiglio Nazionale, non appena si otterrà risposta sull'importante questione, di trasmetterla immediatamente agli Enti in indirizzo. Distinti saluti. L CONSGLERE SEGRETARO (Dott. ng. Roberto Brandi) L PRESDENTE (Dott. ng. Giovanni Rolando) 5,

6 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER Allegati: 1) Richiesta parere CN del 4/ 12/2006; 2) Richiesta parere CN del 12/05/2010; 3) Parere Ministero della Giustizia del 19/05/2010, U; 4) Parere Ministero dell'struzione, dell'università e Ricerca de18/06/2010, prot prot. della MC1706cir 6

7 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER., PRESSO L MNSTERO DELLA GUSTZA ROMA - VA ARENULA. 71 PRESDENZA E SEGRETERA ROMA - VA V NOVEMBRE. 114 TEL r.a. - FAX Roma, Gt Prat. n. ~~'3>O /U-BR/06 ( Oggetto: Al Ministero della Giustizia Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Civile Ufficio - Libere Professioni Via Arenula, ROMA Quesito su possibilità duplice iscrizione nelle sezioni A e B dell'albo - risposta del Ministero della Giustizia richiesta di precisazioni e chiarimenti ( l Consiglio Nazionale, con nota datata 18/9/2006, aveva t richiesto al Ministero Vigilante di pronunciarsi sulla possibilità di doppia iscrizione nelle sezioni A e B dell'albe )er coloro che, iscritti nella sezione B, maturano i requisiti per la iscrizione nella sezione A per il medesimo settore. l l Ministero della Giustizia, con nota prot. DAG del 24/10/2006, ha risposto nel senso della impossibilità della duplice iscrizione ("... anche se in possesso dei relativi requisiti, il professionista iscritto ad una sezione dell'albo non può esserlo anche ad altra sezione".). ~. t f t Poiché la richiesta del CN riguardava l'ipotesi della doppia iscrizione "nel medesimo settore", resta da chiarire se il i pronunciamento ministeriale deve ritenersi limitato a tale fattispecie, oppure valga anche per il caso del professionista che, in ipotesi, già iscritto ad un settore della sezione B dell'albo (es. J l

8 (GLO NAZONALE DEGL NGEGNER ( civile e ambientale), consegua anche i requisiti per iscriversi in un diverso settore della sezone A dell'albo (es. settore dell'infonnazione). Riassumendo: la doppia iscrizione è da intendersi sempre preclusa, oppure è vietata solo qualora si tratti del medesimo settore delle due Sezioni dell'albo, con conseguente ammissibilità della doppia iscrizione che riguardi due settori diversi? E' evidente che anche tale questione necessita di un chiarimento ministeriale, a beneficio dell'attività degli Ordini p ro.vin cial i. Ulteriore aspetto su cui si richiede l'autorevole avviso dell'autorità Ministeriale, già accennato nel quesito datato 18,'9/2006, è se il professionista che (avendone i requisiti) passa dalla sezione B alla sezione A dell'albo, nel medesimo settore, possa "portare con sé" ed utilizzare la precedente anzianità dì iscrizione, ai fini del raggiungimento del numero minimo di anni di iscrizione previsto da alcune normative di settore (ad es., antincendio o sicurezza cantieri). n sintesi: l'anzianità di iscrizione conseguita nella sezione B dell'albo può essere sommata a quella ottenuta nella sezione A, qualora il settore di iscrizione sia il medesimo? Un espresso pronunciamento del Ministero Vigilante si rende necessario per rispondere con cognizione di causa agli Ordini provinciali che vi hanno interesse e, quindi, agli iscritti. Per le due questioni suesposte si richiede quindi l'autorevole parere dell'autorità in indirizzo. Con i migliori saluti. t L CONSGLERE SEGRET.4.RO (Dott. ng. Roberto Brandi) ~-~ J,'HP_SERVEKS.::greteria'XVP Sessione 2006\Doc.Proierri'ConsS.::gr'BR2711~{ing.doc 2

9 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER PRESSO L MNSTERO DELLA GUSTZA ROMA - VA ARENULA. 71 PRESDENZA E SEGRETERA ROMA VA V NOVEMBRE,114 TEL l r.a. - FAX CONSGLO NAZONALE NGEGNER 12/ U-nd/2215/ fu-mc lo Raccomandata A/R Al Ministero della Giustizia Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Civile Via Arenula Roma c.a. del Direttore Generale Dott.ssa Maria Teresa Saragnano Al Ministero dell'struzione dell'università e della Ricerca Direzione Generale per l'università P.le Kennedy, ROMA c.a. del Direttore Generale Dott. Marco Tomasi Oggetto: Richiesta di parere sulla possibilità di iscrizione alla Sezione B dell'albo dei laureati in Architettura e produzione edilizia - prot. CNr n. 328 Con la presente si chiede alle Autorità in indirizzo di esprimere il proprio autorevole parere sulla questione che si va ad illustrare.

10 CONSGLO NAZJONALE DEGL NGEGNER L'Ordine degli ngegneri della Provincia di Mantova ha trasmesso a questo Consiglio Nazionale la richiesta di parere proveniente dal Politecnico di Milano, Polo Regionale di Mantova, e riguardante la possibilità o meno di iscrivere i laureati in Architettura e produzione edilizia (laurea triennale) alla sezione B dell'albo degli ngegneri, settore al ngegneria civile e ambientale, con il titolo di ngegnere iunior, alla luce del fatto che il decreto ministeriale 26 luglio 2007 ha sancito la corrispondenza tra la classe L 23-Scienze e tecniche dell'edilizia (cui appartiene il corso di laurea in Architettura e produzione edilizia) e la classe di laurea 4-Scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile (di cui al DM n. 509/1999), quest'ultima espressamente indicata tra quelle che consentono l'iscrizione alla Sezione B dell'albo degli ngegneri (in allegato). n realtà, ad avviso dello scrivente, stabilire se la corrispondenza tra le Classi di laurea relative al DM n. 270/2004 e le Classi di laurea relative al DM n. 509/1999 di cui all'allegato 2 del DM 26/7/2007 ("Definizione delle linee guida per l'istituzione e l'attivazione, da parte delle Università, dei corsi di studio - attuazione decreti ministeriali del 16 marzo 2007, di definizione delle nuove classi dei corsi di laurea magistrale") sia idonea a determinare il risultato ipotizzato dal Pro Rettore Vicario del Polo Regionale di Mantova non è compito che spetta al Consiglio Nazionale. E' il Ministero dell'struzione, dell'università e della Ricerca - autore delle Linee guida in questione - il soggetto competente in materia di titoli di studio, determinazione delle classi di laurea ed esami di Stato. Si tratta, infatti, di stabilire le finalità, il valore e gli eventuali limiti di tale corrispondenza, ai sensi del DM 26 luglio 2007 (che, per inciso, all'art.2 - "Chiarimenti interpretativi dei decreti mìnisterialf' - relativamente all'art. l, commi 7 e 8, del decreto ministeriale riguardante i corsi di laurea magistrale, afferma laconicamente che "Ai fini dell'applicazione della norma le corrispondenze tra le classi relative al DM n.509/ 1999 e quelle relative al DM n.270/2004 sono riportate in allegato alle presenti linee-guida"). Da parte sua il Ministero della Giustizia, Autorità Vigilante per la Categoria degli ngegneri, ha competenza in materia di iscrzone all'albo e può autorevolmente pronunciarsi sulla problematica in discussione. 2

11 1 CONSGLO NAZONALE DEGL NGEGNER l l A ciò si aggiunga che è il MUR - assieme al Ministero della Giustizia - ad aver partecipato alla stesura del DPR 5 giugno 200 l n. 328, per cui le due Autorità hanno, ciascuna per quanto di spettanza, titolo a fornire indicazioni interpretative del contenuto e della ratia delle relative disposizioni. f l Consiglio Nazionale, in questa sede, non può mancare di rilevare come fin dal suo apparire abbia denunciato anche formalmente - le incongruenze e le lacune da cui è affetto il DPR 328/2001, incongruenze e lacune che hanno comportato confusione ed incertezze tra gli interessati, in primis Università e Ordini professionali, tenuti a darvi applicazione. Basti qui pensare alla annosa questione della possibilità o meno di duplice iscrizione (avendone i requisiti) alla sezione A e alla sezione B dell'albo degli ngegneri, in settori differenti, problematica sulla quale si attende ancora un chiarimento ministeriale definitivo (v., da ultimo, la nota interlocutoria della Direzione Generale della Giustizia Civile del Ministero della Giustizia, datata 16 giugno 2009, prot. m_dg.dag u). E' noto, comunque, che il comma 2 dell'art. 48 del DPR 5/6/200 l n.328 ("Esami di Stato per l'iscrizione nella Sezione B e relative prove")' indica espressamente quali lauree consentono l'ammissione all'esame di Stato, condizione necessaria per l'iscrizione alla Sezione B dell'albo. E l'art. 48 del DPR 328/2001 che non risulta modificatoprevede che per sostenere l'esame di Stato propedeutico all'iscrizione nella Sezione B dell'albo per il settore a) civile e ambientale è necessario il possesso della laurea nella classe 4 Scienze dell'architettura e dell'ngegneria edile, oppure nella classe 8 ngegneria civile e ambientale (in allegato). Ogniqualvolta si ha di fronte un determinato titolo accademico, quindi, come noto, occorre verificare la classe di laurea cui appartiene e confrontare tale elemento con le due classi di laurea sopracitate, idonee per l'iscrizione alla Sezione B dell'albo. Detto questo, si ritiene che soltanto il Ministero dell'università e il Ministero della Giustizia possono fornire una risposta ufficiale al Politecnico di Milano e alle rappresentanze istituzionali degli ngegneri circa la possibilità di iscrizione alla 3

12 '1 CONSGLO i NAZONALE DEGL NGEGNER Sezione B dell'albo degli ngegneri (e, prima ancora, circa la possibilità di sostenere il corrispondente esame di Stato) dei laureati in Architettura e produzione edilizia. Si chiede dunque alle Autorità ministeriali in indirizzo di esprimersi sulla problematica rappresentata, in modo da dissipare ogni dubbio al riguardo. n attesa di una cortese risposta si inviano i sensi della più viva stima. L CONSGLERE SEGRETARO (Dott. ng. Roberto Brandi) ~~ Allegati: L PRESDENTE (Dott. ng. Giovanni Rolando) 1) richiesta parere Ordine degli ngegneri di Mantova del 22 gennaio 2010; 2) art. 48 DPR 328/2001; 3) art.2 DM 26/07/2007. MCl902Mi/1Gludoc 4

13 .,._._ , t.1 /j~// Ministero della Giustizia Dipartimento per gli Affari di Giustizia Via Arenula, Roma T Direttore Generale Giustizia Civile /JU1 CONSGLO NAZONALE NGEGNER 24105/2010 E-nd/2424/2010 Roma, 19 maggio 2010 Al Ministero dell 'struzione dell 'Università e della Ricerca Direzione Generale per l'università P.le Kennedy, ROMA Al'Ufficio Legislativo SEDE.D p.c. Al Consiglio Nazionale degli ngegneri Via V novembre, ROMA Oggetto: Richiesta di parere sulla possibilità di iscrizione alla Sezione B dell'albo dei laureati in Architettura e produzione edilizia - prot. CN n. 328 n relazione al' oggetto si rappresenta quanto segue. n primo luogo si concorda con il Consiglio Nazionale degli ngegneri che rientra nella competenza di codesto Ministero stabilire, se la corrispondenza tra le classi di laurea relative al D.M. 270/2004 e le classi di laurea relative al D.M. 509/1999 di cui all'allegato 2 del D.M. 26 luglio 2007, sia idonea a determinare il risultato ipotizzato dal Pro Rettore Vicario del Polo Regionale di Mantova. Vorrà, pertanto codesto Ministero provvedere direttamente a corrispondere alla richiesta del Consiglio Nazionale, notiziando questa Direzione Generale.

14 \ Quanto all'altro problema prospettato, e già analizzato nella nota del 16 giugno 2009, prot. n. 8l583U, vorrà ugualmente codesto Ministero notiziare anche questa Direzione Generale delle determinazioni eventualmente assunte. l carteggio viene inviato anche all'ufficio Legislativo perché valuti la necessità di un intervento normativo modificativo nei termini indicati nella citata nota, che si allega. l Direttore Generale (Maria Teresa Saragnano)

15 $ ~ck//:f~ck//~e~~ DPARTMENTO PER L'UNVERSTÀ, L'ALTA FORMAZONE ARTSTCA, MUSCALE E COREUTCA E PER LA RCERCA DREZONE GENERALE PER L'UNVERSTÀ, LO STUDENTE E L DRTTO ALLO STUDO UNVERSTARO Ufficio V Prot. n. '2$(g; del l) / Ò - l!> - 20\ t!) CONSGLO NAZONALE NGEGNER 11f E-fcal Al Ministero della Giustizia Dipartimento per gli Affari di Giustizia D.G. della Giustizia Civile via Arenula ROMA e p.c. A Consiglio Nazionale degli ngegneri c/o Ministero della Giustizia Presidenza e Segreteria via V Novembre ROMA OGGETT A. Parere sulla possibilità di iscrizione alla sezione B dell'albo dei laureati in architettura e produzione edilizia e parere su duplice iscrizione nella sezione A e B dell' Albo in settori differenti. Con riferimento alle richieste di parere in oggetto si rappresenta quanto segue. n merito alla possibilità per un laureato in architettura e produzione edilizia - corso di laurea afferente alla classe L23 - di essere ammesso ali 'esame dì Stato per l'iscrizione nella sezione B dell' Albo degli ingegneri - settore civile e ambientale, s~ fa presente che hanno titolo di accesso all'esame di che trattasi soltanto i possessori dei titoli espressamente elencati dall'art. 48, comma, lett. a), del regolamento sulle libere professioni di cui al d.p.r , ovvero i laureati nella classe 4 - Scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile e classe 8 - ngegneria civile e ambientale dell'ordinamento di cui al D.M. 509/1999.

16 Per i possessori dei titoli accademici del "nuovo" ordinamento di cui al D.M. 270/2004, l'allegato 2 del decreto ministeriale 26 luglio 2007, concernente la "attuazione dei dd.mm. in data 16 marzo decreto ministeriale di definizione delle linee guida per l'istituzione e l'attivazione da parte delle Università dei corsi di studio", fissa la corrispondenza tra le classi di laurea magistrale di cui al predetto decreto e le classi di laurea e laurea specialistica di cui al D.M. 509/1999 anche ai fini dell'accesso agli esami di Stato per l'esercizio delle libere professioni. Pertanto, costituiscono titoli validi ai fini dell'ammissione all'esame di Stato di abilitazione all'esercizio della professione di ingegnere junior non soltanto i titoli accademici espressamente previsti dalle norme contenute nel d.p.r. 328/2001, ma anche quelli conseguiti sotto la vigenza dell'ordinamento di cui al D.M. 270/2004 e ritenuti dall'allegato sopra citato corrispondenti a quelli conseguiti sotto la vigenza dell'ordinamento di cui al D.M. 509/1999. Secondo quanto riportato nel citato Allegato 2 la laurea nella classe L23 (Scienze e tecniche dell'edilizia), di cui fa parte il corso in di laurea in Architettura e produzione edilizia, è corrispondente alla classe di laurea 4 (Scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile). Pertanto, si esprime l'avviso che la laurea in Architettura e produzione edilizia sia titolo idoneo a consentire l'accesso all'esame di Stato di ngegnere per l'iscrizione nella sezione B settore civile ed ambientale. Con riferimento al secondo quesito, si fa presente che l'ufficio legislativo di questo Ministero, investito della questione sulla possibilità di una duplice iscrizione nella sezione A e B dell' Albo degli ingegneri in settori differt; " ha espresso un parere concorde a quello indicato nella nota 1583 in data 16/06/2009 del Ministero in indirizzo. n particolare, nella nota dell'ufficio legislativo si afferma che l'iscritto in un determinato settore della sezione B può accedere al corripsondente settore della sezione A, se in possesso del titolo previsto e previo superamento dell'esame di Stato, ma non può mantenere l'iscrizione nella sezione B perché ciò "sarebbe fonte di ingiustificate prerogative (quali per esempio quelle in materia elettorale)". Altresì, si riconosce la possibilità per coloro che sono già iscritti in un determinato settore di accedere ad un diverso settore dell' Albo, sia che si tratti di un diverso settore della stessa sezione sia che si tratti di un diverso settore di un'altra sezione, non esistendo preclusioni normative in tal senso e "dovendosi in tal caso ritenere del tutto giustificate le prerogative derivanti dalla duplice iscrizione", l i, f, t i

17 ... n merito, poi, all'accesso attraverso una prova semplificata per coloro che sono già iscritti e richiedano l'iscrizione in un diverso settore, si riconosce l'inapplicabilità dell'art. 5, comma 2, in assenza di una specifica disposizione che indichi la prova da cui si è esonerati e si ritiene necessario uno specifico intervento nonnativo volto ad integrare per questa parte il regolamento di cui al citato D.P.R. Si ringrazia per la collaborazione. ; \!. \ r t

SEZIONE B REQUISITI DI ACCESSO E ARTICOLAZIONE DELLE PROVE

SEZIONE B REQUISITI DI ACCESSO E ARTICOLAZIONE DELLE PROVE SEZIONE B REQUISITI DI ACCESSO E ARTICOLAZIONE DELLE PROVE Riferimenti normativi D.M. 9 settembre 1957 e sue modificazioni e integrazioni. Approvazione del regolamento sugli esami di Stato di abilitazione

Dettagli

Convenzione. tra. l'ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Viterbo

Convenzione. tra. l'ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Viterbo Convenzione tra l'ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Viterbo e II Dipartimento di Economia e Impresa - D.E.Im., delll'università degli Studi della Tuscia per lo svolgimento

Dettagli

SEZIONE A REQUISITI DI ACCESSO E ARTICOLAZIONE DELLE PROVE

SEZIONE A REQUISITI DI ACCESSO E ARTICOLAZIONE DELLE PROVE SEZIONE A REQUISITI DI ACCESSO E ARTICOLAZIONE DELLE PROVE Riferimenti normativi D.M. 9 settembre 1957 e sue modificazioni e integrazioni. Approvazione del regolamento sugli esami di Stato di abilitazione

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 5 giugno 2001, n. 328

Decreto del Presidente della Repubblica 5 giugno 2001, n. 328 Decreto del Presidente della Repubblica 5 giugno 2001, n. 328 (Pubblicato nel S.O. n. 212/L alla G.U. n. 190 del 17 agosto 2001) Modifiche ed integrazioni della disciplina dei requisiti per l'ammissione

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 27 marzo 2015 n. 198. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2015. Professioni regolamentate dal D.P.R.

Ordinanza Ministeriale 27 marzo 2015 n. 198. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2015. Professioni regolamentate dal D.P.R. Ordinanza Ministeriale 27 marzo 2015 n. 198 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2015. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001 il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 143 Esami di Stato di abilitazione Dottore Commercialista ed Esperto Contabile anno 2014

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 143 Esami di Stato di abilitazione Dottore Commercialista ed Esperto Contabile anno 2014 Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 143 Esami di Stato di abilitazione Dottore Commercialista ed Esperto Contabile anno 2014 VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168, recante "Istituzione del Ministero

Dettagli

EQUIPARAZIONE DEI TITOLI

EQUIPARAZIONE DEI TITOLI EQUIPARAZIONE DEI TITOLI PER L'ACCESSO ALLA LAUREA SPECIALISTICA (57/S) Roma, 7 gennaio 2002 Il Senato della Repubblica ha approvato definitivamente il 21 dicembre scorso, il disegno di conversione del

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA CONCORSO Prima e seconda sessione degli esami di stato di abilitazione all'esercizio delle professioni regolamentate dal D.P.R. 5 giugno 2001,

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001.

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. VISTA la legge 9 maggio 1989, n.168, con la quale è

Dettagli

CONVENZIONE TRA VISTO

CONVENZIONE TRA VISTO CONVENZIONE per lo svolgimento del tirocinio in concomitanza con il percorso formativo e per l'esonero dalla prima prova scritta dell'esame di Stato per l'esercizio della professione di Dottore Commercialista

Dettagli

Circo n. 497/xvnI Sesso Ai Consigli degli Ordini degli Ingegneri

Circo n. 497/xvnI Sesso Ai Consigli degli Ordini degli Ingegneri CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI 19/02/2015 U-nd/1229/2015 11111111111111111111111111 11111111111111111 CONSIGLIO NAZIONALE Ci DEGLI INe G Hl pn'ssù il M/m'sIero df'lia Cù/sli=ia U-MC/15 Circo n. 497/xvnI

Dettagli

UNIVERSITÀ ALDO MORO

UNIVERSITÀ ALDO MORO "*^^HF*" Ordine del Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili -BRWDISI- UNIVERSITÀ DEGÙ STUDI DI BARI ALDO MORO Convenzione tra gli Ordini dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di

Dettagli

Note interpretative. Indicazioni per l applicazione del Regolamento del tirocinio (DM 7 agosto 2009, n. 143)

Note interpretative. Indicazioni per l applicazione del Regolamento del tirocinio (DM 7 agosto 2009, n. 143) Note interpretative Indicazioni per l applicazione del Regolamento del tirocinio (DM 7 agosto 2009, n. 143) 11 novembre 2009 Mandato 2008-2012 Area di delega Consigliere Delegato Consiglieri Co-Delegati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 308/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 308/E QUESITO RISOLUZIONE N. 308/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2007 OGGETTO: Art. 10, n. 20) del DPR n. 633 del 1972 IVA. Esenzione Corsi di formazione per l accesso alla professione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA - 00186 ROMA - VIA ARENULA, 71 PRESIDENZA E SEGRETERIA 00187 ROMA - VIA IV NOVEMBRE, l 14 TEL. 06.6976701 r.a. - FAX 06.69767048 CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

Dettagli

Area Formazione, Cultura e Servizi agli Studenti Servizio Speciale Segreterie Studenti IL RETTORE

Area Formazione, Cultura e Servizi agli Studenti Servizio Speciale Segreterie Studenti IL RETTORE Titolo V Classe 2 Fascicolo N. 55283 del 4.8.2015 UOR CC RPA Decreto n. 2663/2015 IL RETTORE - Visto il D.M. n. 270 del 22.10.2004 Modifiche al regolamento recante norme concernenti l'autonomia didattica

Dettagli

Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, Sezione terza, sentenza n. 3312/2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, Sezione terza, sentenza n. 3312/2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il diploma rilasciato dalle scuole di specializzazione per le professioni legali equivale ad un anno di pratica presso uno studio legale - TAR LAZIO, Sezione III, Sentenza n. 3312 del 04/05/2005 Il praticante

Dettagli

Normativa ministeriale di riferimento:decreto Ministeriale 9 settembre 1957

Normativa ministeriale di riferimento:decreto Ministeriale 9 settembre 1957 Esami di Stato professione di Ingegnere Normativa ministeriale di riferimento Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. L'Albo è attualmente diviso in due Sezioni: Sez. A (Ingegnere) Sez. B (Ingegnere

Dettagli

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011)

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) FINALITA EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) Il Decreto di equivalenza, in applicazione a quanto preannunciato dalla Legge n 42/99 art 4 comma 2, riconosce ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

CONSIDERATO STIPULANO

CONSIDERATO STIPULANO ACCORDO TRA l'ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Catania, con sede in Via Grotte Bianche n. 150 95128 Catania rappresentato dalla Prof.ssa Margherita Poselli, in qualità di

Dettagli

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso RISOLUZIONE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 gennaio 2007 OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso Con l interpello

Dettagli

ACCORDO FRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA E GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI FOGGIA E DI LUCERA

ACCORDO FRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA E GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI FOGGIA E DI LUCERA ODCEC Foggia Facoltà di Economia ODCEC Lucera ACCORDO FRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA E GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI FOGGIA E DI LUCERA L Università degli Studi

Dettagli

II Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ed il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili VISTO

II Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ed il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili VISTO \.. "CONVENZIONE QUADRO~~ FRA IL MINISTERO DELL~ISTRUZIONE,DELL~UNIVERSITA~E DELLA RICERCA ED IL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI II Ministero dell'istruzione, dell'università

Dettagli

CONSIDERATO. stipulano. la seguente CONVENZIONE

CONSIDERATO. stipulano. la seguente CONVENZIONE CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PROFESSIONALE PER L ACCESSO ALLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO IN CONCOMITANZA CON IL PERCORSO DI LAUREA AI SENSI DELL ART. 9, COMMA 6, D.L. 24.01.2012,

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP RISOLUZIONE N.79/E Roma,31 marzo 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 01829/2013

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 01829/2013 Numero 00503/2015 e data 19/02/2015 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Seconda Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 01829/2013 OGGETTO: Autorita' garante della

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

Risoluzione n.125/e. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.P.R. n. 131 del 1986, è stato esposto il seguente

Risoluzione n.125/e. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.P.R. n. 131 del 1986, è stato esposto il seguente Risoluzione n.125/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 aprile 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - riacquisto di prima casa a titolo gratuito Decadenza dai benefici di cui alla nota II-bis

Dettagli

IL RETTORE. Data 05/03/2014. Protocollo n. 6019-V/9. Rep. D.R.n. 360-2014. Area Intestazione Area. Settore Intestazione Settore.

IL RETTORE. Data 05/03/2014. Protocollo n. 6019-V/9. Rep. D.R.n. 360-2014. Area Intestazione Area. Settore Intestazione Settore. Protocollo n. 6019-V/9 Data 05/03/2014 Rep. D.R.n. 360-2014 Area Intestazione Area Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Intestazione Settore Responsabile Dott. Tommaso Vasco Oggetto: INDIZIONE PER

Dettagli

RISOLUZIONE N. 70 /E

RISOLUZIONE N. 70 /E RISOLUZIONE N. 70 /E Roma, 13 aprile 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Interpretazione dell art. 10, comma 1, del D.P.R.

Dettagli

Area dei Rapporti Istituzionali e con il Territorio

Area dei Rapporti Istituzionali e con il Territorio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Area dei Rapporti Istituzionali e con il Territorio Prot. n. é; s"6-5 Ali. 1 N.B. Nella risposta vanno citati il numero di protocollo della presente e l'area di provenienza

Dettagli

I li 111111111111111111111 11 111111

I li 111111111111111111111 11 111111 PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA - 00186 ROMA - VIA ARENULA, 71 PRESIDENZA E SEGRETERIA 00187 ROMA - VIA IV NOVEMBRE, 114 TEL. 06.6976701 r.a. - FAX 06.69767048 U-GF/ 13 Circ. n. 210/XVIII Sess. CONSIGLIO

Dettagli

contabile; CONSIDERATO

contabile; CONSIDERATO "CONVENZIONE QUADRO" FRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA, Il MINISTERO DELLA GIUSTIZIA ED Il CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI "Tirocinio

Dettagli

O R D I N A: ART. 1 ART. 2

O R D I N A: ART. 1 ART. 2 Ordinanza Ministeriale 11 febbraio 2008 Prima e seconda sessione degli esami di stato di abilitazione all'esercizio delle professioni disciplinate dal d.p.r. 5 giugno 2001, n.328, relative all anno 2008

Dettagli

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011)

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) FINALITA EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) Il Decreto di equivalenza, in applicazione a quanto preannunciato dalla Legge n 42/99 art 4 comma 2, riconosce ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

LA COSTITUZIONE ITALIANA

LA COSTITUZIONE ITALIANA LA PROFESSIONE DELL ARCHITETTO E REGOLAMENTATA DA LEGGI O REGOLAMENTI DELLO STATO CHE NE DEFINISCONO I CRITERI MINIMI NECESSARI PER L ESERCIZIO DELLA STESSA, STABILENDONE LA «REGOLAMENTAZIONE DELL ACCESSO»

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA. Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA. Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Circolare n.4/2005 8 novembre 2005 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri A tutti i Ministeri - Gabinetto

Dettagli

L Università Telematica Guglielmo Marconi (di seguito denominata UTGM),

L Università Telematica Guglielmo Marconi (di seguito denominata UTGM), UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI CONVENZIONE TRA L Università Telematica Guglielmo Marconi (di seguito denominata UTGM), istituita con D.M. 1 marzo 2004, (G.U. n. 65 del 18 marzo 2004) con sede

Dettagli

DECRETO n. 213 del 03/04/2014

DECRETO n. 213 del 03/04/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 98 del 28 Aprile 2006

Gazzetta Ufficiale N. 98 del 28 Aprile 2006 Gazzetta Ufficiale N. 98 del 28 Aprile 2006 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 12 aprile 2006 Definizione, modalita' e contenuti delle prove di ammissione alle scuole di

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2015. Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2015. Per motivi di organizzazione ed efficacia della didattica,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Studenti - Area Post Lauream Responsabile Dott.ssa Maria Letizia De Battisti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Studenti - Area Post Lauream Responsabile Dott.ssa Maria Letizia De Battisti PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO AUTONOMIA DIDATTICA Legge 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari (G.U. 23 novembre 1990, n.274) Decreto Ministeriale 3 novembre 1999,

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Provinciale seduta n. 52. Deliberazione di Giunta N. 140

Verbale di deliberazione della Giunta Provinciale seduta n. 52. Deliberazione di Giunta N. 140 Verbale di deliberazione della Giunta Provinciale seduta n. 52 Deliberazione di Giunta N. 140 OGGETTO: Premio per tesi di laurea magistrale "Ondina Barduzzi". Aggiornamento di alcuni indirizzi generali

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Nella camera di consiglio del 15 maggio 2013, composta dai magistrati

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Nella camera di consiglio del 15 maggio 2013, composta dai magistrati REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per la Puglia Nella camera di consiglio del 15 maggio 2013, composta dai magistrati Raffaele Del Grosso Michele Grasso Luca Fazio

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI O DI VIAGGIATORI (D. Lgs. n. 395/2000 e successive

Dettagli

visto l iscrizione nella sezione B dell Albo, il quale dispone, al comma 3, che siano esentati

visto l iscrizione nella sezione B dell Albo, il quale dispone, al comma 3, che siano esentati Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Genova, Chiavari, Imperia, La Spezia, Sanremo e Savona Accordo tra L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA,

Dettagli

Art. 2. Procedura amministrativa per il riconoscimento delle qualifiche professionali IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

Art. 2. Procedura amministrativa per il riconoscimento delle qualifiche professionali IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE D.M. 16 aprile 2008 (1). Applicazione di misure compensative ai sensi degli articoli 22, 24 e 25 del decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206, ai fini del riconoscimento delle qualifiche professionali

Dettagli

0574/534439 417 (Ing. F.Agostini Dott. C.Renzi) Fax. 0574/534281 e-mail: motorizzazione@provincia.prato.it; fagostini@provincia.prato.

0574/534439 417 (Ing. F.Agostini Dott. C.Renzi) Fax. 0574/534281 e-mail: motorizzazione@provincia.prato.it; fagostini@provincia.prato. Amministrazione Trasparente Servizi erogati - Carta dei servizi e Standard di qualità art.32 c.1 D.Lgs.33/2013 > Iscrizione Albo Autotrasportatori di cose per conto di terzi > Licenze per l autotrasporto

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO. D.M. 2 dicembre 1997

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO. D.M. 2 dicembre 1997 CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO D.M. 2 dicembre 1997 Nuove modalità sulla disciplina dei due anni di praticantato necessari per l'ammissione all'esame di Stato per l'abilitazione all'esercizio

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

Kt-p. N. -11G;2/ielS ~~.w. L\.tLSS ljel 2~lo+1

Kt-p. N. -11G;2/ielS ~~.w. L\.tLSS ljel 2~lo+1 Kt-p. N. -11G;2/ielS ~~.w. L\.tLSS ljel 2~lo+1 CONVENZIONE TRA L'Ordine dei Dottori CommerciaHsti e degli Esperti Contabili di Vallo della Lucania, con sede in Vallo della Lucania (SA), Piazza Vittorio

Dettagli

ORDINE dei DOTTORI COMMERCIALISTI e degli ESPERTI CONTABILI di CASERTA

ORDINE dei DOTTORI COMMERCIALISTI e degli ESPERTI CONTABILI di CASERTA Accordo tra l Ordine dei dottori commercialisti e esperti contabili di Caserta e la Facoltà di Economia della Seconda Università di Napoli visto - l articolo 43 del Decreto Legislativo 28 giugno 2005,

Dettagli

Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato.

Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato. CONSIGLIO DI STATO CONCORSO (scad. 13 giugno 2011) Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato. IL PRESIDENTE Visto il regio decreto 26 giugno 1924, n. 1054, che approva il Testo

Dettagli

Prot. n. 1200/atm 12 Roma, 01.04.2009 A TUTTE LE PROVINCE UFFICIO TRASPORTI LORO SEDI A TUTTI GLI UFFICI UMC LORO SEDI

Prot. n. 1200/atm 12 Roma, 01.04.2009 A TUTTE LE PROVINCE UFFICIO TRASPORTI LORO SEDI A TUTTI GLI UFFICI UMC LORO SEDI Prot. n. 1200/atm 12 Roma, 01.04.2009 A TUTTE LE PROVINCE UFFICIO TRASPORTI A TUTTI GLI UFFICI UMC A TUTTI I COMITATI PROVINCIALI A TUTTE LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA DEGLI AUTOTRASPORTATORI PRESENTI NEL

Dettagli

Convenzione tra l Università Ca Foscari di Venezia e la Guardia di Finanza per il riconoscimento di crediti formativi universitari.

Convenzione tra l Università Ca Foscari di Venezia e la Guardia di Finanza per il riconoscimento di crediti formativi universitari. Convenzione tra l Università Ca Foscari di Venezia e la Guardia di Finanza per il riconoscimento di crediti formativi universitari Premesso che - con DM n. 509/1999 Regolamento recante norme concernenti

Dettagli

Quali sono le classi di laurea magistrale per l'abilitazione di perito industriale laureato?

Quali sono le classi di laurea magistrale per l'abilitazione di perito industriale laureato? Ai sensi dell'art. 55, comma 2d del DPR 328/01, per accedere all'esame di abilitazione di perito industriale laureato, può essere utilizzata una delle seguenti lauree quinquennali di vecchio ordinamento,

Dettagli

BREVE GUIDA PER LE SOCIETA' DI MUTUO SOCCORSO : ISCRIZIONE NELLA SEZIONE SPECIALE DEL REGISTRO DELLE IMPRESE LE SOCIETA' DI MUTUO SOCCORSO

BREVE GUIDA PER LE SOCIETA' DI MUTUO SOCCORSO : ISCRIZIONE NELLA SEZIONE SPECIALE DEL REGISTRO DELLE IMPRESE LE SOCIETA' DI MUTUO SOCCORSO BREVE GUIDA PER LE SOCIETA' DI MUTUO SOCCORSO : ISCRIZIONE NELLA SEZIONE SPECIALE DEL REGISTRO DELLE IMPRESE LE SOCIETA' DI MUTUO SOCCORSO 1. Le Società di mutuo soccorso Natura giuridica La legge 15 aprile

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 56384 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2009 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER IN DIRITTO IMMOBILIARE A.A. 2006/2007 MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Prot. n.33628 OBIETTIVI FORMATIVI Il Master,

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 27 marzo 2015 n. 197 Esami di Stato di abilitazione Dottore Commercialista ed Esperto Contabile anno 2015

Ordinanza Ministeriale 27 marzo 2015 n. 197 Esami di Stato di abilitazione Dottore Commercialista ed Esperto Contabile anno 2015 Ordinanza Ministeriale 27 marzo 2015 n. 197 Esami di Stato di abilitazione Dottore Commercialista ed Esperto Contabile anno 2015 VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive modificazioni,

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

La Sezione del Controllo per la Regione Sardegna

La Sezione del Controllo per la Regione Sardegna Parere n. 7/2007 composta dai magistrati: REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI La Sezione del Controllo per la Regione Sardegna prof. Avv. Giuseppe Palumbi dott. Giorgio Longu avv. Nicola Leone avv. Maria

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE CONVENZIONE FRA L ORDINE DEI MEDICI DI FIRENZE E L'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE - FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA PER L'ATTUAZIONE DI A)..ATTIVITA' DI TIROCINIO CLINICO PRELAUREA NELL'AMBITO DEL

Dettagli

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento)

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente:

Dettagli

RISOLUZIONE 25/E. OGGETTO: Istanza di interpello - Imposta di registro - Ampliamento della c.d. prima casa. Agevolazioni.

RISOLUZIONE 25/E. OGGETTO: Istanza di interpello - Imposta di registro - Ampliamento della c.d. prima casa. Agevolazioni. RISOLUZIONE 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 25 febbraio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello - Imposta di registro - Ampliamento della c.d. prima casa. Agevolazioni. Con l istanza di

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 501 del 16-7-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 501 del 16-7-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 501 del 16-7-2015 O G G E T T O Convenzione con l'università degli Studi di Pavia per lo svolgimento del tirocinio

Dettagli

SI RENDE NOTO. L assunzione è subordinata al rispetto dei vincoli finanziari di cui all art. 1, comma 198, della legge 266/2005.

SI RENDE NOTO. L assunzione è subordinata al rispetto dei vincoli finanziari di cui all art. 1, comma 198, della legge 266/2005. Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale num. 40 del 26-Maggio-2006 Scadenza 26-Giugno-2006 SELEZIONE PUBBLICA, PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA DI IDONEI IN FIGURA PROFESSIONALE DI COORDINATORE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3592 del 21/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3592 del 21/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo DR/2015/3592 del 21/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo U.S.R. IL RETTORE VISTO l'art. 9 del D.P.R. 3/8/1990, n. 319; VISTO il D.Lgs. 30/3/2001 n. 165; VISTO il vigente CCNL relativo al personale del Comparto

Dettagli

ART.182 COMMI: 1-sexies. Nelle more dell'attuazione dell'articolo 29, comma 10, acquisisce la qualifica di collaboratore restauratore di beni

ART.182 COMMI: 1-sexies. Nelle more dell'attuazione dell'articolo 29, comma 10, acquisisce la qualifica di collaboratore restauratore di beni ART.182 COMMI: 1-sexies. Nelle more dell'attuazione dell'articolo 29, comma 10, acquisisce la qualifica di collaboratore restauratore di beni culturali, in esito ad apposita procedura di selezione pubblica

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 11 luglio 1980, n. 382; VISTA la legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTA la legge 24 dicembre 1993, n. 537 recante «Interventi correttivi di finanza pubblica»

Dettagli

AGGIORNAMENTO 31.01.2014

AGGIORNAMENTO 31.01.2014 AGGIORNAMENTO 31.01.2014 NOTA ESPLICATIVA SUI REQUISITI CURRICULARI E SUL TIROCINIO PROFESSIONALE DI CUI ALLA CONVENZIONE FRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA E ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI

Dettagli

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi Documento contenente le linee guida per l attivazione dei Corsi di studio delle professioni sanitarie (DM 8 gennaio 2009 e DI 19 febbraio 2009) a partire dall offerta formativa dell a.a. 2011-2012 In attesa

Dettagli

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 La risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 dell Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti interpretativi sull applicabilità della detrazione alle spese

Dettagli

autocertificazione comprovante l idoneità ottenuta all esame di ammissione presso la sede di provenienza se sostenuto;

autocertificazione comprovante l idoneità ottenuta all esame di ammissione presso la sede di provenienza se sostenuto; TRASFERIMENTI AD ANNI SUCCESSIVI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE DI ARCHITETTURA - CORSO DI LAUREA TRIENNALE DI DESIGN DEL PRODOTTO INDUSTRIALE A.A. 2013/2014 La domanda per la copertura dei posti disponibili

Dettagli

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Circolare 5 agosto 2009 (in G.U. n. 187 del 13 agosto 2009) Nuove norme tecniche per le costruzioni approvate con decreto del Ministro delle infrastrutture

Dettagli

CONVENZIONE PER LE ATTIVITA DIDATTICHE E PER LO SVOLGIMENTO DEI TIROCINI tra l'università degli studi di Roma Sapienza (d ora in avanti denominata Sapienza), rappresentata dal Rettore pro tempore prof.

Dettagli

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Provvedimento d'urgenza n. 24/2015 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT - vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, ed in particolare

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali IL SEGRETARIO GENERALE VISTO il D.Lgs. 20 ottobre 1998, n.368 e successive modificazioni, concernente l istituzione del Ministero per i beni e le attività culturali

Dettagli

Articolo 1 Riferimento normativo e obiettivi formativi

Articolo 1 Riferimento normativo e obiettivi formativi Prot. n. 1002 /D1 Bando per l ammissione al corso biennale di Diploma Accademico di secondo livello in DESIGN DEI SISTEMI Anno Accademico 2011/2012 (Delibera n. 217 del Consiglio Accademico del 30.06.11)

Dettagli

NOTA. Interpretazione delle principali questioni connesse all emanazione del Decreto del Ministero del Tesoro, 30 giugno 1997, n. 322.

NOTA. Interpretazione delle principali questioni connesse all emanazione del Decreto del Ministero del Tesoro, 30 giugno 1997, n. 322. NOTA Interpretazione delle principali questioni connesse all emanazione del Decreto del Ministero del Tesoro, 30 giugno 1997, n. 322. Con nostra circolare Serie Tecnica n. 146 del 22 dicembre 1997 è stato

Dettagli

D E C R E T A. Dipartimento Risorse Umane e Organizzazione Area Reclutamento Settore V Oggetto: bando concorso ammissione C.L.M. in Psicologia clinica

D E C R E T A. Dipartimento Risorse Umane e Organizzazione Area Reclutamento Settore V Oggetto: bando concorso ammissione C.L.M. in Psicologia clinica Decreto n.5315 IL RETTORE VISTA la legge 9.5.1989, n. 168; VISTA la legge 7.8.1990, n. 241 e successive modificazioni ed integrazioni; VISTA la legge 5.2.1992, n.104, così come modificata dalla legge 28

Dettagli

CONVENZIONE TRA VISTO

CONVENZIONE TRA VISTO CONVENZIONE TRA L Università Telematica Guglielmo Marconi (di seguito denominata UTGM), istituita con D.M. 1 marzo 2004, (G.U. n. 65 del 18 marzo 2004) con sede in Roma, Via Fabio Massimo, 88, rappresentata

Dettagli

2012 REPERTORIO N 4/2012 PROT. 750 POS. II/2.2

2012 REPERTORIO N 4/2012 PROT. 750 POS. II/2.2 2012 REPERTORIO N 4/2012 PROT. 750 POS. II/2.2 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Accordo con l Ordine di Firenze relativo al DM del 05.XI.2010 Accordo tra l Ordine dei Dottori

Dettagli

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb.

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb. ACCORDO tra L Ordine dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Pesaro e Urbino e il dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo visto - la Legge 11 gennaio 1979, n. 12 recante Norme per l ordinamento

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE

PROVINCIA DI CROTONE PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI IDONEITA PER DIRETTORE TECNICO DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (approvato con delibera consiliare N nella seduta del, ) La Provincia di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA TASSE E CONTRIBUTI UNIVERSITARI A CARICO DEGLI STUDENTI PER L A.A. 2014/2015 (Delibera Consiglio di Amministrazione n. 266/15743 del 26/05/2014) Modalità di determinazione della situazione economica dello

Dettagli

Bando di esame di abilitazione all'esercizio della professione di Avvocato - Sessione 2010. IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

Bando di esame di abilitazione all'esercizio della professione di Avvocato - Sessione 2010. IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA Bando di esame di abilitazione all'esercizio della professione di Avvocato - Sessione 2010. (G.U. n. 58 del 23-7-2010-4 a serie speciale) IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA Visti il regio decreto-legge 27 novembre

Dettagli

Deliberazione n. SCCLEG/9/2011/PREV

Deliberazione n. SCCLEG/9/2011/PREV Deliberazione n. SCCLEG/9/2011/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni pubbliche formata dai Magistrati:

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

Deliberazione n.11/2003/p

Deliberazione n.11/2003/p Deliberazione n.11/2003/p REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti In Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I Collegio *** Nell adunanza congiunta

Dettagli

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Ufficio Legislativo Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Alla Direzione Generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l architettura e l arte contemporanee e per conoscenza al Segretariato Generale Oggetto:

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

RISOLUZIONE 353/E QUESITO. Le questioni rappresentate dall interpellante sono così riassumibili:

RISOLUZIONE 353/E QUESITO. Le questioni rappresentate dall interpellante sono così riassumibili: RISOLUZIONE 353/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 dicembre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Imposta di bollo art. 1, comma 1-bis.1 della tariffa.

Dettagli

Sezione Consultiva per gli Atti Normativi

Sezione Consultiva per gli Atti Normativi CONSIGLIO DI STATO Sezione Consultiva per gli Atti Normativi N. della Sezione: 3640/2010 OGGETTO: Ministero della giustizia. Schema di regolamento recante la determinazione dei criteri e delle modalità

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE UFFICIO III - ATTIVITA CONCORSUALI N. 333-B/12S.4.11 DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA IL CAPO DELLA POLIZIA DIRETTORE GENERALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA VISTA

Dettagli

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; LEGGE 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari. Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015

CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015 CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2014 (mercoledì). Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2014 (mercoledì). Nel rispetto delle scadenze

Dettagli

I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE)

I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE) I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE) MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA E RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE piazza della Maddalena, 53 00186 Roma tel.

Dettagli

Nuova disciplina dell attività di Restauro. Sintesi

Nuova disciplina dell attività di Restauro. Sintesi Nuova disciplina dell attività di Restauro Sintesi Definizione dei profili professionali Il D.M. n. 86 del 26 maggio 2009 definisce così i profili professionali degli operatori che eseguono interventi

Dettagli