Model Based Design per lo sviluppo e la verifica di moduli software in ambito Automotive

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Model Based Design per lo sviluppo e la verifica di moduli software in ambito Automotive"

Transcript

1 Model Based Design per lo sviluppo e la verifica di moduli software in ambito Automotive Automotive SPIN Italia - 4 Workshop on Automotive Software Roberto Sobrito, Software Engineer - FIAT Group Automobiles Antonio Marino, Test Engineer - FIAT Group Automobiles Politecnico di Torino, Centro Polifunzionale Lingotto Agenda MODEL BASED DESIGN Moduli software in ambito Automotive Presentazione del gruppo di lavoro L approccio Model Based Design per lo sviluppo del software Verifica e validazione Applicazioni reali: Risultati & Sviluppi FGA Software Factory - Model Based Design 2 1

2 Presentazione del gruppo La progettazione e sperimentazione di soluzioni tecniche, architetture, sistemi, componenti e l innovazione tecnica di Fiat Group Automobiles (FGA) è affidata all ente Engineering & Design. In particolare lo sviluppo di tutte le architetture elettrico/elettroniche all interno del veicolo è svolto dal team Electronic Architecture che provvede inoltre alla standardizzazione di tutti gli aspetti hardware, software, di reti e diagnosi. In questo contesto, il team Software Factory sviluppa e verifica software applicativo per centraline veicolo. FGA Software Factory - Model Based Design 3 Descrizione sistema veicolo Rete di comunicazione tra le centraline ECU: Electronic Control Unit Centraline a bordo del veicolo ECU Applicativo SW 1 Applicativo SW 2 Applicativo SW n FGA Software Factory - Model Based Design 4 2

3 Architettura del Software Struttura architetturale proposta dal consorzio per una centralina Application Layer Application Software Component AUTOSAR Interface Application Software Component AUTOSAR Interface Application Software Component AUTOSAR Interface AUTOSAR Software... AUTOSAR Runtime Environment (RTE) Application Software Component AUTOSAR Interface Con metodologia Model Based Design (MBD) vengono sviluppati applicativi Basic relativisoftware a funzionalità in Layer ambito BodyComputer. (BSW) Ogni Application SW Component (SWC) racchiude una parte di algoritmo funzionale. Microcontroller L AUTOSAR SWC comunica con le altre funzionalità/componenti e con i servizi del Basic Layer (BSW) attraverso lo strato RTE necessità di standardizzazione delle interfacce FGA Software Factory - Model Based Design 5 Ciclo a V di sviluppo del SW per centralina ECU Requirements Analisi dei requisiti di ECU System Test Verifica a livello di ECU Architecture - Definizione dei sottosistemi (ovvero le diverse funzionalità) - Specifica delle Interfacce tra sottosistemi Integration Test Verifica Interfacce tra i vari sottosistemi Attività svolte dalla FGA SW Factory Coding -Implementazione SW Applicativo -Implementazione Basic SW Subsystem Integration Integr. SW Applicativo con BSW FGA Software Factory - Model Based Design 6 3

4 Ciclo di sviluppo e tracciabilità del SW Applicativo Requirements Analisi dei requisiti Architecture Definizione dei sottosistemi della funzionalità Specifica delle Interfacce Project Planning Configuration Management Sw Quality Assurance Model Based Design Implementazione modello Simulink/Stateflow Model Validation Model in the Loop (MIL) test (Manual/Automatic) Auto Coding Generazione automatica codice C Code Validation Software in the Loop (SIL) test (Automatic) FGA Software Factory - Model Based Design 7 Model Based Design per lo sviluppo del SW Vantaggi del MBD Analisi dei requisiti Struttura del modello Vincoli di modellazione Interfaccia grafica Generazione di codice FGA Software Factory - Model Based Design 8 4

5 Vantaggi del Model Based Design Vantaggi del MBD rispetto all approccio di design tradizionale: Irrobustimento e maggior definizione della specifica Riduzione del rischio di errori e accorciamento del ciclo di sviluppo consentendo l applicazione dei test per verifica e validazione già durante lo sviluppo e prima dell integrazione. Riutilizzo dei modelli Ridotta dipendenza dai prototipi fisici piattaforma di integrazione non necessaria Possibilità di valutare più rapidamente soluzioni di design diverse in termini di performance e affidabilità migliora la qualità del SW Riduzione dei costi di design e dei tempi di sviluppo (Time to market) FGA Software Factory - Model Based Design 9 Analisi dei requisiti e decomposizione dei moduli Analisi critica delle specifiche funzionali (database Doors ) eventuale modifica/irrobustimento Classificazione dei requisiti Scelta architetturale a livello applicativo: decomposizione della funzionalità in SWCs modelli Definizione delle Interfacce tra i vari SWCs e il livello RTE (inclusi i Timer): documento basilare condiviso con il fornitore di centralina/integratore del SW applicativo SW Component Configuration Database Specifiche Application Software Component Application Interface SWComponent Configuration RTE FGA Software Factory - Model Based Design 10 5

6 Struttura del modello Top Level La struttura del modello in Simulink si compone al livello più elevato di due macro blocchi: Blocco di Logica in cui sono sviluppate le logiche della funzionalità (dal livello Applicativo sino al Basso livello) Blocco Boundary che alloggia l interfaccia grafica per l interazione con l utente, ovvero la visualizzazione delle uscite e la stimolazione degli ingressi Logic Boundary FGA Software Factory - Model Based Design 11 Modello Logica (1/2) Premessa: le logiche sviluppate per il BodyComputer sono tipicamente logiche ad eventi, ovvero l applicativo viene risvegliato solo a fronte di una variazione su uno degli ingressi. RTE trigger Il principale sottosistema Simulink racchiuso all interno del blocco di logica contiene il livello applicativo e si identifica con il SWC. Ad esso arrivano tre tipologie di ingressi: Data inputs 1. Gli eventi di trigger provenienti dal livello RTE 2. Gli ingressi di dato della funzionalità 3. Le scadenze dei timer ( expiration ) Timer SWC FGA Software Factory - Model Based Design 12 6

7 Modello Logica (2/2) I blocchi che provvedono la simulazione del basso livello (BSW), necessari per chiudere il loop di simulazione sono essenzialmente: - il blocco di generazione degli eventi risveglianti per l applicativo (FunctionCall generation). Rappresenta le chiamate effettuate dal livello RTE dell architettura -il blocco di implementazione degli allarmi (servizi temporali provvisti nella realtà dal sistema operativo) necessari all applicativo. Le chiamate a tali servizi sono effettuate a livello di applicativo con delle funzioni. Tale blocco provvede anche i segnali di scadenza dei timer. eventi risveglianti per l applicativo Segnale di scadenza di un timer FGA Software Factory - Model Based Design 13 Interfaccia grafica utente Viene realizzata nel blocco di Boundary Viene utilizzato il tool grafico Altia (integrato attraverso opportuna libreria in Simulink) che permette una percezione immediata del corretto funzionamento della logica attraverso la stimolazione diretta degli ingressi e la visualizzazione delle uscite. Input al modello Output dal modello N.B. Non sostituisce la fase di validazione vera e propria del modello a carico del test engineer FGA Software Factory - Model Based Design 14 7

8 Vincoli di modellazione (1/2) Obiettivi: rispettare i target di occupazione di memoria all interno della centralina (in termini di Rom e Ram) Ottenere la stessa efficienza del codice scritto a mano Si devono applicare già in fase di modellazione dei concetti volti alla massima ottimizzazione del codice generato. Eliminazione degli stati superflui e uso dei Control Flow Alcuni aspetti sono: Utilizzo dei ControlFlow e logica combinatoria ove possibile Riduzione del numero degli stati in StateFlow Utilizzo di Strong Data Typing nel modello FGA Software Factory - Model Based Design 15 Vincoli di modellazione (2/2) Logica combinatoria StateFlow e uso dei Timer Cancel del timer Set del timer Scadenza del timer FGA Software Factory - Model Based Design 16 8

9 Generazione automatica del codice Attraverso l utilizzo di macro e il generatore di codice TargetLink C da consegnare al fornitore per l integrazione con il Basso Livello si ottiene il codice SWComponent Configuration Macro da SWCC a DD TargetLink DataDictionary Conversione del modello da Simulink a TargetLink Applicazione Macro al modello TargetLink TargetLink CODE Generation Autogenerated C CODE files FGA Software Factory - Model Based Design 17 Testing Area V&V per applicativi MBD Tipologie di test Processo di verifica Struttura di un test case...open driver door Definizione e traduzione del test Linee Guida per la scrittura di un test case Validazione funzionale di un modello Simulink Verifica e validazione FGA Software Factory - Model Based Design 18 9

10 Testing Area Attività di test LIVELLO DEI TEST SW Engineering Unit Test Test di integrazione Test di Sistema Verifica il funzionamento singolo delle parti di software che possono essere testate. Questa tipologia di test è relativa a sottosistemi quali moduli, classi o funzioni. È il processo che verifica l iterazione tra più componenti software. È relativo al comportamento del sistema nel suo complesso. In questa categoria sono verificate le interfacce esterne con altre applicazioni sia hardware che software. FGA Software Factory - Model Based Design 19 Testing Area Processo di validazione Utilizzo di EXCEL Signal Builder Simulink Scrittura TEST CASE Uscite Desiderate Ingressi per il modello Signal Builder Simulink - + Signal Builder Simulink No Differenze Sì Modello validato SWC Simulink/Stateflow Uscite del modello Signal Builder Simulink FGA Software Factory - Model Based Design 20 10

11 Testing Area Linee guida per la stesura di un test case In un modello funzionale si considerano 3 diverse tipologie di test: 1. Requisiti Nominal 2. Requisiti Fault 3. Requisiti Misuse I primi rappresentano tutti gli aspetti nominali che il SWC deve ricoprire per soddisfare la funzionalità. I Test di Fault consistono nel testare che, in condizioni di funzionamento difettoso degli elementi a contorno, il SWC sappia gestire il difetto e quindi la nuova situazione. Infine i test case della classe Misuse servono a verificare alcune richieste da parte dell utente poco probabili. FGA Software Factory - Model Based Design 21 Testing Area Scrittura dei Test Case Excel FGA Software Factory - Model Based Design 22 11

12 Testing Area Scrittura dei Test Case Excel FGA Software Factory - Model Based Design 23 Testing Area Realizzazione Signal Builder Signal Builder: generatore di segnali in Simulink, contiene la sequenza temporale del test impostato in Excel. Si utilizza un programma scritto in Matlab, per trasformare le sequenze di Test generati in Excel, in un unico Signal Builder. Applicativo MATLAB FGA Software Factory - Model Based Design 24 12

13 Testing Area Generazione del Signal Builder Strumenti di lavoro utilizzati Macro Matlab scritta in linguaggio M. Generate Signal Builder FGA Software Factory - Model Based Design 25 Testing Area Realizzazione Signal Builder Due Signal Builder generati: uno contenente l evoluzione temporale degli ingressi, ed un altro contenente i valori attesi delle uscite istante per istante. FGA Software Factory - Model Based Design 26 13

14 Testing Area Simulazione del modello Generato il Signal Builder (SB), si integra il blocco Simulink nel modello da testare, in particolare nella parte Boundary. L integrazione del SB viene fatta in automatico. Integrazione Signal Builder IN Applicativo MATLAB Boundary FGA Software Factory - Model Based Design 27 Testing Area Simulazione del modello Si esegue una simulazione automatica del modello del SWC con gli ingressi generati dai test case. Si registrano le uscite reali in formato Signal Builder. Simulazione e verifica del Test applicata al modello Software Component Applicativo MATLAB Boundary Element FGA Software Factory - Model Based Design 28 14

15 Testing Area Simulazione del modello Finita la simulazione, si registrano le uscite reali (del SWC) in formato Signal Builder e le si confrontano con le uscite attese, quelle definite in fase di scrittura del test (Excel). Applicativo MATLAB FGA Software Factory - Model Based Design 29 Testing Area Validazione Confronto tra le uscite reali (Signal Builder OUT) e le uscite attese (Signal Builder OUT generato dai test case, di riferimento) Uscite Reali Uscite Attese Differenza FGA Software Factory - Model Based Design 30 15

16 Testing Area Validazione Dall analisi del Signal Builder delle differenze si trovano i malfunzionamenti (bachi) del SW Component. Il Test Engineer traccia e segnala al modellatore le anomalie. Il modellatore corregge i malfunzionamenti riscontrati. Una volta corretti i difetti, la differenza tra uscite REALI e uscite ATTESE è nulla. A tal punto il modello si definisce validato, ossia soddisfa tutti i requisiti richiesti dalla funzionalità. Validazione di non regressione Se un modello già validato, subisce delle modifiche in uno o più sottosistemi che lo compongono, si rieseguono gli stessi test utilizzati per il modello precedente sui rimanenti sottosistemi rimasti immutati. Successivamente si confrontano i risultati con quelli ottenuti nella validazione precedente: gli output di quest ultimi sottosistemi devono essere gli stessi in entrambi i casi. I sottosistemi inalterati si dice che non regrediscono. FGA Software Factory - Model Based Design 31 Testing Area Riepilogo Analisi della specifica funzionale. Segnalazione eventuali punti non chiari / irrobustimento della specifica. Gestione tracciabilità tra Test Case e requisiti (Doors ) Realizzazione e rilascio Test Case. Esecuzione dei Test Case e validazione a livello Simulink del modello realizzato dal Software Engineer. Realizzazione e rilascio Test Report. Compilazione bug-list. Definizione, mantenimento e aggiornamento del piano di test. FGA Software Factory - Model Based Design 32 16

17 Progetti reali: Risultati & Sviluppi Software Factory ha finora sviluppato e validato i seguenti applicativi integrati su progetti reali (vetture già in produzione e prossimi lanci): Funzionalità Sbrinamento Lunotto Posteriore Monitoraggio Stato Alternatore Gestione Temperatura Esterna Luci Interne Luci Esterne Selettore Alfa DNA (Dynamic Normal All Weather) Stop & Start Sistema Tergitura e Lavafari Gestione Telecomando Gestione Chiusura Centralizzata Indicazione Livello Carburante Vettura Nuova 500 Fiorino Alfa MiTo Nuova Alfa 147 Nuovo Doblò Grande Punto (restyling) Nuova Lancia Y Nuova Panda FGA Software Factory - Model Based Design 33 Approfondimenti Domande, dubbi? FGA Software Factory - Model Based Design 34 17

18 Contatti Grazie per l attenzione! Roberto Sobrito, FIAT Group Automobiles, Antonio Marino, FIAT Group Automobiles, FGA Software Factory - Model Based Design 35 18

Software Embedded Integration Testing. Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011

Software Embedded Integration Testing. Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011 Software Embedded Integration Testing Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011 Chi siamo Skytechnology è una società di ingegneria che opera nell area dei sistemi embedded aiutando i propri Clienti

Dettagli

Gli strumenti di simulazione per lo sviluppo di sistemi elettronici automotive

Gli strumenti di simulazione per lo sviluppo di sistemi elettronici automotive 18 aprile 2012 Gli strumenti di simulazione per lo sviluppo di sistemi elettronici automotive Andrea Delmastro R&D Manager La normativa ISO 26262 Road vehicles Functional Safety Soddisfare esigenze per

Dettagli

Un esperienza di Miglioramento di Processo secondo Automotive SPICE attraverso l Uso di Tools sviluppati ad Hoc.

Un esperienza di Miglioramento di Processo secondo Automotive SPICE attraverso l Uso di Tools sviluppati ad Hoc. Un esperienza di Miglioramento di Processo secondo Automotive SPICE attraverso Paolo Marceca Standard Digital Core Responsible Pisa, 15 May 2008 Architettura a layer teorica Application Layer System Layer

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard Quality gate Nei punti chiave del processo di sviluppo del software, viene integrato un insieme di quality gate per monitorare la qualità del prodotto intermedio prima che quest ultimo possa passare al

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Mystic Pizza Gestione Pizzeria Scheda di Progetto Version 1.0 Data 19/03/2007 Indice degli argomenti 1. Introduzione 3 a. Scenario

Dettagli

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale La Sicurezza Funzionale del Software Prof. Riccardo Sisto Ordinario di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Dipartimento di Automatica e Informatica Sicurezza Funzionale del Vari Aspetti Sicurezza

Dettagli

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test Software e difetti Il software con difetti è un grande problema I difetti nel software sono comuni Come sappiamo che il software ha qualche difetto? Conosciamo tramite qualcosa, che non è il codice, cosa

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Paolo Salvaneschi 1 Obiettivi Scopi del corso: - Fornire gli elementi di base della disciplina,

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

Il Model-Based Design per lo sviluppo di controlli embedded nell ambito della climatizzazione automotive

Il Model-Based Design per lo sviluppo di controlli embedded nell ambito della climatizzazione automotive Il Model-Based Design per lo sviluppo di controlli embedded nell ambito della climatizzazione automotive Pietro Petrenga Research and Development Interiors HVAC System Control Desing 20 Novembre, 2010

Dettagli

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software.

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La fase di Test Giulio Destri Ing. del Software: Test - 1 Scopo del modulo Definire

Dettagli

Verifica del codice con Interpretazione Astratta

Verifica del codice con Interpretazione Astratta Verifica del codice con Interpretazione Astratta Daniele Grasso grasso@dsi.unifi.it grasso.dan@gmail.com Università di Firenze, D.S.I., Firenze, Italy December 15, 2009 D.Grasso (Università di Firenze)

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Introduzione ai database 1 Prerequisiti Concetto di sistema File system Archivi File e record 2 1 Introduzione Nella gestione di una attività, ad esempio un azienda, la

Dettagli

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Fasi del ciclo di vita overview Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Modularità Individuazione più agevole delle componenti riutilizzabili Ciclo di vita Esaustività Certezza di coprire tutte

Dettagli

Ciclo di vita dimensionale

Ciclo di vita dimensionale aprile 2012 1 Il ciclo di vita dimensionale Business Dimensional Lifecycle, chiamato anche Kimball Lifecycle descrive il framework complessivo che lega le diverse attività dello sviluppo di un sistema

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Collaudo e qualità del software Quali test eseguire

Collaudo e qualità del software Quali test eseguire Collaudo e qualità del software Relatore Ercole Colonese Roma, Tipologie di test Temi trattati nel libro Modello a V Livelli di testing Tipi di test Test funzionali Test delle funzionalità Test di gestione

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Ciclo di vita del software

Ciclo di vita del software Ciclo di vita del software Nel corso degli anni, nel passaggio dalla visione artigianale alla visione industriale del software, si è compreso che il processo andava formalizzato attraverso: un insieme

Dettagli

Gestione di progetto: pianificazione. Introduzione: dove siamo? Introduzione: pianificazione. Simona Bernardi

Gestione di progetto: pianificazione. Introduzione: dove siamo? Introduzione: pianificazione. Simona Bernardi Gestione di progetto: pianificazione Simona Bernardi Corso di Ingegneria del Software 04/ 05 Prof.Susanna Donatelli Introduzione: dove siamo? Gestione di progetto: Pianificazione Monitoraggio e controllo

Dettagli

Il modello di ottimizzazione SAM

Il modello di ottimizzazione SAM Il modello di ottimizzazione control, optimize, grow Il modello di ottimizzazione Il modello di ottimizzazione è allineato con il modello di ottimizzazione dell infrastruttura e fornisce un framework per

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM.

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. La sfida Certificare il corretto montaggio dell impianto elettrico, escludendo la presenza di cortocircuiti

Dettagli

OCS Open Control System

OCS Open Control System OCS Open Control System L OCS è una applicazione software innovativa di supervisione e controllo, progettata e realizzata da Strhold S.p.A. per consentire la gestione centralizzata di sottosistemi periferici.

Dettagli

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software di sistema e software applicativo I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software soft ware soffice componente è la parte logica

Dettagli

Implementazione di sistemi real time

Implementazione di sistemi real time Implementazione di sistemi real time Automazione 28/10/2015 Vincenzo Suraci STRUTTURA DEL NUCLEO TEMATICO HARDWARE ABSTRACTION LAYER IMPLEMENTAZIONE EVENT-DRIVEN IMPLEMENTAZIONE TIME-DRIVEN SISTEMI DI

Dettagli

SOFTWARE. È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software:

SOFTWARE. È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software: 1 SOFTWARE È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software: SOFTWARE DI SISTEMA (o di base), che deve gestire le funzioni

Dettagli

Business Simulation in ambiente web

Business Simulation in ambiente web Business Simulation in ambiente web Da soluzione Stand Alone ad un ambiente condiviso Lecco, Novembre 2013 Documento riservato. Ogni riproduzione è vietata salvo autorizzazione scritta di MAS Consulting

Dettagli

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale 18 aprile 2012 Il punto di vista dell OEM sulla norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale dei veicoli: la sfida dell integrazione nei processi aziendali Marco Bellotti Functional Safety Manager Contenuti

Dettagli

Summer of LabVIEW The Sunny Side of System Design

Summer of LabVIEW The Sunny Side of System Design Summer of LabVIEW The Sunny Side of System Design 30th June - 18th July 1 Test di visione: soluzioni implementative con NI LabVIEW e NI TestStand Gian Luca Pizzocolo Alessandro Ricco IPSES S.r.l. info@ipses.com

Dettagli

CONVEGNO AUTOMAZIONE NEL PACKAGING: TRA INNOVAZIONE ED EFFICIENZA. Giovedì, 1 Marzo 2012 Fiera Milano Rho. Spazio per una figura

CONVEGNO AUTOMAZIONE NEL PACKAGING: TRA INNOVAZIONE ED EFFICIENZA. Giovedì, 1 Marzo 2012 Fiera Milano Rho. Spazio per una figura CONVEGNO AUTOMAZIONE NEL PACKAGING: TRA INNOVAZIONE ED EFFICIENZA Spazio per una figura Giovedì, Fiera Milano Rho Simulink per applicazioni in macchine automatiche 1 Agenda Modellazione e simulazione del

Dettagli

LA VALIDAZIONE DEL SOFTWARE

LA VALIDAZIONE DEL SOFTWARE Frosinone 15 giugno 2004 B. CAVIGIOLI G. CINATO Themis s.r.l. 1. Perchè serve? 2. Le norme. 3. Conseguenze. 4. In pratica. 5. La soluzione Palmer. Software: in sintesi è DATI di INPUT ELABORAZIONE RISULTATI

Dettagli

SISTEMA UNICO E CENTRALIZZATO

SISTEMA UNICO E CENTRALIZZATO SISTEMA UNICO E CENTRALIZZATO DIS-DYNAMICS INSURANCE SYSTEM DIS-DYNAMICS INSURANCE SYSTEM è una soluzione completa per le Compagnie ed i Gruppi assicurativi italiani ed internazionali. Grazie alla gestione

Dettagli

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi Software relazione Hardware Software di base Software applicativo Bios Sistema operativo Programmi applicativi Software di base Sistema operativo Bios Utility di sistema software Software applicativo Programmi

Dettagli

Real Time Control (RTC): modalità di invio dei dati

Real Time Control (RTC): modalità di invio dei dati C EQAS - CNR External Quality Assessment Schemes CNR - Istituto di Fisiologia Clinica Real Time Control (RTC): modalità di invio dei dati R. Conte, A. Renieri v.1.1-15/11/2012 Introduzione Il programma

Dettagli

Realizzazione di un prototipo di un software web based per la gestione di un inventario comunale

Realizzazione di un prototipo di un software web based per la gestione di un inventario comunale tesi di laurea inventario comunale Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana correlatore Ch.mo Ing. Luigi Pontillo candidato Michele Vitelli Matr. 534 2170 Redazione dell Inventario

Dettagli

Insegnare Model-Based Design al Politecnico di Torino. Massimo Violante Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Torino, Italy

Insegnare Model-Based Design al Politecnico di Torino. Massimo Violante Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Torino, Italy Insegnare Model-Based Design al Politecnico di Torino Massimo Violante Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Torino, Italy Lo speaker Professore Associato Politecnico di Torino Dip. di Automatica

Dettagli

Sistemi informativi secondo prospettive combinate

Sistemi informativi secondo prospettive combinate Sistemi informativi secondo prospettive combinate direz acquisti direz produz. direz vendite processo acquisti produzione vendite INTEGRAZIONE TRA PROSPETTIVE Informazioni e attività sono condivise da

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Automazione industriale dispense del corso 2. Introduzione al controllo logico Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Modello CIM Un moderno sistema di produzione è conforme al modello CIM (Computer Integrated

Dettagli

DESCRIZIONE SRS (SETUP & RELEASE SYSTEM)

DESCRIZIONE SRS (SETUP & RELEASE SYSTEM) SRS PROJECT Una nota società Italiana, costituita per la produzione di Motori e Cambi, ha scelto Hermes Reply per la reingegnerizzazione di Sistemi dei Controllo Produzione di Linea (stazioni SRS) che

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Applicazione: Sistema Informativo Integrato per il Controllo di Gestione

Applicazione: Sistema Informativo Integrato per il Controllo di Gestione Riusabilità del software Catalogo delle applicazioni Pror_ne/Controllo Applicazione: Sistema Informativo Integrato per il Controllo di Gestione Amministrazione: Ministero della Giustizia Responsabile dei

Dettagli

Software di base. Corso di Fondamenti di Informatica

Software di base. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Software di base Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

Vulnerability Assessment relativo al sistema Telecom Italia di autenticazione e autorizzazione basato sul protocollo Radius

Vulnerability Assessment relativo al sistema Telecom Italia di autenticazione e autorizzazione basato sul protocollo Radius Vulnerability Assessment relativo al sistema Telecom Italia di autenticazione e autorizzazione basato sul protocollo Radius L obiettivo del presente progetto consiste nel sostituire il sistema di autenticazione

Dettagli

Dispensa di database Access

Dispensa di database Access Dispensa di database Access Indice: Database come tabelle; fogli di lavoro e tabelle...2 Database con più tabelle; relazioni tra tabelle...2 Motore di database, complessità di un database; concetto di

Dettagli

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna 1 Un approccio difficile perchè Il Team conta più del singolo Utilizza risorse condivise E trasversale

Dettagli

L Italia si colloca all avanguardia sul tema della Telegestione Elettrica. Cos è la telegestione?

L Italia si colloca all avanguardia sul tema della Telegestione Elettrica. Cos è la telegestione? group Telegestione CONTESTO BENEFICI CARATTERISTICHE OFFERTA CASE HISTORY CONTESTO BENEFICI CARATTERISTICHE OFFERTA CASE HISTORY Cos è la telegestione? La Telegestione, che si colloca nell attività di

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Monitoraggio e gestione dell IDoc per i sistemi SAP

Monitoraggio e gestione dell IDoc per i sistemi SAP Libelle EDIMON Monitoraggio e gestione dell IDoc per i sistemi SAP Versione documento: 3.0 Un operazione IDoc correttamente funzionante e senza interruzioni è una parte essenziale dell esecuzione dei processi

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Hardware & Software Development

Hardware & Software Development Hardware & Software Development MISSION Realizzare prodotti ad alta innovazione tecnologica e fornire servizi con elevati standard qualitativi 3 AZIENDA ATTIVITÀ Prodotti 4 6 8 10 5 AZIENDA ISER Tech

Dettagli

Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica

Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Informatica Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica Relatore:

Dettagli

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Introduzione Il software e l ingegneria del software Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Sommario Il software L ingegneria del software Fasi del ciclo di vita del software Pianificazione di sistema

Dettagli

Business white paper. Sette best practice per creare applicazioni che rispondano alle esigenze aziendali

Business white paper. Sette best practice per creare applicazioni che rispondano alle esigenze aziendali Business white paper Sette best practice per creare applicazioni che rispondano alle esigenze aziendali Indice 3 Sommario esecutivo 3 Introduzione 3 Best practice a livello aziendale 5 Best practice a

Dettagli

Università degli Studi di Milano 16 gennaio 2007. Dipartimento Informatica e Comunicazione aula Beta

Università degli Studi di Milano 16 gennaio 2007. Dipartimento Informatica e Comunicazione aula Beta Università degli Studi di Milano 16 gennaio 2007 Dipartimento Informatica e Comunicazione aula Beta DICo: seminario 16/01/07 Reply Reply è una società di Consulenza, System Integration, Application Management

Dettagli

L utilizzo del Virtual Prototyping come strumento previsionale di indagine della sicurezza ed esercizio ferroviario ROMA, 2-10-2015

L utilizzo del Virtual Prototyping come strumento previsionale di indagine della sicurezza ed esercizio ferroviario ROMA, 2-10-2015 L utilizzo del Virtual Prototyping come strumento previsionale di indagine della sicurezza ed esercizio ferroviario ROMA, 2-10-2015 1 AGENDA SVILUPPO KNOW HOW NEL SETTORE FERROVIARIO: TRASFERIMENTO DI

Dettagli

SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets

SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets Milano, 01/12/2008 sia ssb 2008 Importante per la nuova funzione

Dettagli

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 16 Indice 1. PREMESSA... 3 2. ELEMENTI DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA DELLA SOLUZIONE...

Dettagli

Software Testing. Lezione 2 Livelli di test. Federica Spiga. federica_spiga@yahoo.it. A.A. 2010-2011 Autori: F.Rabini/F.Spiga

Software Testing. Lezione 2 Livelli di test. Federica Spiga. federica_spiga@yahoo.it. A.A. 2010-2011 Autori: F.Rabini/F.Spiga Software Testing Lezione 2 Livelli di test Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it A.A. 2010-2011 Autori: F.Rabini/F.Spiga 1 2 Livelli di test Unit Testing Integration Testing System Testing Unit Testing

Dettagli

MANUALE D USO SWEDA MASTER

MANUALE D USO SWEDA MASTER MANUALE D USO SWEDA MASTER COMPATIBILE WINDOWS VISTA Versione 1.2.0.3 Manuale RTS WPOS1 INDICE INDICE... 2 LEGENDA... 2 PREMESSA... 3 VERSIONI DEL PROGRAMMA... 3 COMPATIBILITA CON WINDOWS VISTA... 3 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Progetto SAP. Analisi preliminare processi e base dati

Progetto SAP. Analisi preliminare processi e base dati Progetto SAP Analisi preliminare processi e base dati Progetto SAP Agenda Obiettivo dell intervento Condivisione fasi progettuali Analisi base dati sistema legacy Schema dei processi aziendali Descrizione

Dettagli

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia DB 1 Due Situazioni Estreme Realtà Descritta da un documento testuale che rappresenta un insieme di requisiti del software La maggiore

Dettagli

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità Corso di Eccellenza in Business Process Management per la Sanità Con il patrocinio e la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

NEAL. Increase your Siebel productivity

NEAL. Increase your Siebel productivity NEAL Increase your Siebel productivity Improve your management productivity Attraverso Neal puoi avere il controllo, in totale sicurezza, di tutte le Enterprise Siebel che compongono il tuo Business. Se

Dettagli

Il processo di sviluppo sicuro. Kimera Via Bistolfi, 49 20134 Milano www.kimera.it info@kimera.it

Il processo di sviluppo sicuro. Kimera Via Bistolfi, 49 20134 Milano www.kimera.it info@kimera.it Il processo di sviluppo sicuro Kimera Via Bistolfi, 49 20134 Milano www.kimera.it info@kimera.it Kimera Via Bistolfi, 49 20134 Milano www.kimera.it info@kimera.it Argomenti: Perchè farlo Il processo di

Dettagli

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al.

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello Code and fix Processo parte III Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello iniziale Iterazione di due passi scrittura del codice correzione degli errori Problemi: dopo una serie di cambiamenti, la

Dettagli

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance 17 Esther BEVERE Miriam MERENDA ALTEN Italia Agenda Rilevanza della Professionalità del Software Tester Professionalità nel Testing Percorsi

Dettagli

ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE

ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 1 di 16 Indice 1 CICLI DI VITA... 3 1.1 Ciclo di Sviluppo... 3 1.2 Ciclo di Manutenzione... 5 2 LE FASI PROGETTUALI...

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Eccellenza in Business Process Management edizione 2010 Con il patrocinio e la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

Qualità del Software - una panoramica -

Qualità del Software - una panoramica - Qualità del Software - una panoramica - More Quality, More World, More Future [Finmeccanica 2007] Dott. Alan Franzi Ing. Francesca Malcotti - Politecnico di Milano Indice della presentazione Panoramica

Dettagli

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Sommario Principi dell ingegneria del software Leggere Cap. 3 Ghezzi et al. Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Principi Metodi e tecniche Metodologie Strumenti Descrizione dei principi

Dettagli

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività Schemi di scomposizione delle attività Gestione parte IIC Work Breakdown Structures (WBS) Struttura ad albero: radice: attività principale i nodi figli rappresentano la scomposizione del nodo padre le

Dettagli

automazione impianti produzione calcestruzzo per alimentazione vibropresse e tubiere

automazione impianti produzione calcestruzzo per alimentazione vibropresse e tubiere Contatto: DUECI PROGETTI srl Emanuele Colombo +39 335 8339312 automazione impianti produzione calcestruzzo per alimentazione vibropresse e tubiere Realizzato con Unigest-DP PRESENTAZIONE Si tratta di un

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI EMBEDDED

INTRODUZIONE AI SISTEMI EMBEDDED 1 INTRODUZIONE AI SISTEMI EMBEDDED DEFINIZIONE DI SISTEMA EMBEDDED SVILUPPO HW/SW DI SISTEMI EMBEDDED \ DEFINIZIONE DI SISTEMA EMBEDDED UN SISTEMA EMBEDDED È UN SISTEMA DI ELABORAZIONE (COMPUTER) SPECIALIZZATO

Dettagli

Novità di Visual Studio 2008

Novità di Visual Studio 2008 Guida al prodotto Novità di Visual Studio 2008 Introduzione al sistema di sviluppo di Visual Studio Visual Studio Team System 2008 Visual Studio Team System 2008 Team Foundation Server Visual Studio Team

Dettagli

REFERENZIAZIONI 2001) NUP

REFERENZIAZIONI 2001) NUP Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - TECNICO INFORMATICO PROGRAMMATORE SOFTWARE E APPLICAZIONI

Dettagli

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari Gubiani & Montanari Il DBMS Oracle 1 Il DBMS Oracle Express Edition Donatella Gubiani e Angelo Montanari Il DBMS Oracle Il DBMS Oracle Oracle 10g Express Edition Il DBMS Oracle (nelle sue versioni più

Dettagli

Lezione 8. Motori di Ricerca

Lezione 8. Motori di Ricerca Lezione 8 Motori di Ricerca Basi di dati Un campo prevalente dell applicazione informatica è quello costituito dall archiviazione e dalla gestione dei dati (basi di dati). Sistema Informativo. Un sistema

Dettagli

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da PROCEDURA PR.07/03 Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE NUMERO REVISIONE DATA Emesso da DT Fabio 0 15/07/03 Matteucci 1 22/12/03 Fabio Matteucci 2 Verificato da Rappresentante della Direzione

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI INDIRIZZO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ARTICOLAZIONE TELECOMUNICAZIONI Utilizzare consapevolmente gli strumenti

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO DIREZIONE EMITTENTE CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile

Dettagli

IL SOFTWARE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 13849-1:2008 (IIA PARTE) 1

IL SOFTWARE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 13849-1:2008 (IIA PARTE) 1 Ernesto Cappelletti (ErnestoCappelletti) IL SOFTWARE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 13849-1:2008 (IIA PARTE) 6 April 2012 1. Requisiti per la scrittura del software secondo la norma UNI EN ISO 13849-1:2008

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI

MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI Clienti, prodotti, categorie merceologiche e stabilimenti di produzione. Difetti, tipologia difetti, test ed esiti finali di verifica. Raggruppamento dei test loro in schede

Dettagli

Computer Integrated Manufacturing

Computer Integrated Manufacturing Computer Integrated Manufacturing Sistemi per l automazione industriale Ing. Stefano MAGGI Dipartimento di Elettrotecnica Politecnico di Milano lunedì 10 novembre 2008 Contenuti Il processo e l impianto

Dettagli

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Enterprise e Orgware NOTE

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Enterprise e Orgware NOTE I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI Baan IV IV - Enterprise e Orgware Strumento Enterprise (Azienda) Sistema Informativo Aziendale (EIS Enterprise Information System) Indicatori di Rendimento (PI - Performance

Dettagli

Procedures Management Tool Una consolle Tanti tools Niente caffè INFO@GRUPPORES.IT WWW.GRUPPORES.IT

Procedures Management Tool Una consolle Tanti tools Niente caffè INFO@GRUPPORES.IT WWW.GRUPPORES.IT Procedures Management Tool Una consolle Tanti tools Niente caffè INFO@GRUPPORES.IT WWW.GRUPPORES.IT Una soluzione completa che si adatta alle esigenze Aziendali e alle metodologie di lavoro per gestire

Dettagli