nelle medie imprese italiane eccellenti EXECUTIVE BRIEFING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "nelle medie imprese italiane eccellenti EXECUTIVE BRIEFING"

Transcript

1 I L VA L O R E D E L B R A N D nelle medie imprese italiane eccellenti EXECUTIVE BRIEFING

2 Ricerca Il valore del brand nelle medie imprese italiane eccellenti economico-finanziaria

3 DISCLAIMER Le informazioni e i dati utilizzati nel presente documento provengono da informazioni fornite al pubblico dalle società citate e/o da altra documentazione di pubblico dominio e da data base economico-finanziari. ICM Advisors s.r.l. non risponde della completezza, precisione e imparzialità di tali informazioni e dati. Il presente documento è stato redatto con la massima accuratezza e diligenza, utilizzando metodologie e pratiche riconosciute dalla comunità business-finanziara internazionale, in via autonoma e indipendente e senza la collaborazione delle società oggetto di analisi. In nessun caso ICM Advisors s.r.l. può essere ritenuta responsabile per danni derivanti dall utilizzo delle informazioni e delle opinioni riportate nello studio. Il presente documento ha esclusivamente finalità informative e non può essere riprodotto, ridistribuito a terzi, né pubblicato per qualsiasi finalità. I destinatari del presente documento sono vincolati ad osservare le limitazioni sopra riportate.

4 Il valore del brand nelle medie imprese italiane eccellenti PREMESSA Esiste ormai un ampio consenso sul fatto che il brand abbia un ruolo importante nella generazione dei risultati finanziari dei business ad esso associati. Sintesi di tutte le associazioni emozionali e razionali che costituiscono l identità di marca, determinante per offrire un orientamento ai clienti, il marchio è tra gli intangibili l asset più tangibile e sta acquisendo sempre maggior valore economico-finanziario. In particolare, per le imprese del Made in Italy, il brand è un bene immateriale di fondamentale importanza per la crescita e la competitività aziendale. ICM Advisors, società internazionale indipendente di business advisory e ricerca economicofinanziaria specializzata nella valutazione, valorizzazione e finanziamento dei beni immateriali d impresa, con il supporto del proprio Brand Intelligence System, database organizzato di marche del Made in Italy comprendente i dati di oltre mille PMI italiane, ha condotto la prima ricerca italiana sul valore del brand delle medie imprese eccellenti. La ricerca ha individuato il valore della marca sia dal punto di vista finanziario che marketing ed ha analizzato i percorsi di sviluppo che hanno contribuito al successo aziendale. I risultati e le evidenze della ricerca sono descritti in questo sommario, insieme alle opportunità di finanziamento delle imprese attraverso l utilizzo del valore del brand.

5 COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA ITALIA PATRIMONIO IMMATERIALE E VALORE DELLA MARCA Il contesto nel quale si colloca il sistema produttivo italiano è stato recentemente caratterizzato da una forte crisi di competitività e da un processo di trasformazione che sta cambiando in profondità il modo di fare impresa e di stare sui mercati nazionali e internazionali. Negli ultimi anni, i dati di fatturato hanno rivelato un erosione delle vendite e si è registrata una tendenza al ribasso anche delle attese di domanda. Sulla base dei dati settoriali, le difficoltà dell industria italiana risultano strettamente legate a quelle dei settori tipici del Made in Italy, quali l industria agroalimentare e le filiere del tessile-abbigliamento, delle calzature e del legno-arredamento. Difficoltà derivanti principalmente da una maggior concorrenza da parte dei Paesi emergenti, che affliggono l intera Europa, ma condizionano in misura più stringente Paesi come il nostro che in tali produzioni sono specializzati. Dopo un lungo periodo di sofferenza, il 2006, grazie principalmente ad un aumento delle esportazioni, ha rappresentato un anno di ripresa. Ciò tuttavia non vuole ancora dire che la crisi sia completamente alle spalle. La competizione internazionale ha premiato MILIARDI DI EURO quelle società che per fronteggiare la crisi hanno saputo cambiare pelle e adattarsi alle nuove esigenze dei mercati internazionali. L obiettivo prioritario di molte imprese italiane, in questo ultimo periodo, è stato infatti il riposizionamento strategico verso nuovi mercati ad alto potenziale e verso nuovi prodotti a maggior valore aggiunto. Esse hanno saputo rivedere i propri punti di forza, facendo sempre maggiore leva sul ricco patrimonio di asset immateriali, quali creatività, design, tradizione e know-how, che sono alla base del successo di molte imprese, in particolare modo delle PMI. 50,3 22,8 Alimentari Bevande VALORE AZIENDALE E VALORE DEGLI ASSET INTANGIBILI DI SETTORE (società con fatturato > 2 milioni ) 17,4 8,2 Abbigliamento 9,2 Mobili Fonte: Elaborazioni ICM Advisors su database finanziari dati 2005 ICM Advisors ha stimato il valore di mercato dei beni immateriali nei principali settori 4,2 Valore aziendale 5,9 3,3 Calzature Pelleteria Valore degli intangibili 2,4 1,2 Gioielleria Oreficeria

6 Il valore del brand nelle medie imprese italiane eccellenti del Made in Italy (alimentari e bevande, abbigliamento, calzature e pelletteria, mobili, gioielleria e oreficeria) e dall analisi è emerso che, in tali comparti, gli asset intangibili contano in media circa il 50% del valore di settore. Il brand: il più tangibile tra gli intangibili In uno scenario di crescente intensità competitiva i consumatori si confrontano con un ampia gamma di prodotti e servizi le cui diversità funzionali e di qualità si stanno sempre più assottigliando. IL VALORE DEL BRAND SUL VALORE DEGLI ASSET INTANGIBILI In questo contesto, il brand è lo strumento principe per differenziare in maniera rilevante la singola offerta aziendale, determinandone il successo e la sostenibilità economica nel tempo. Il brand è un asset immateriale chiaramente identificabile e valutabile e dalle stime di ICM Advisors risulta che, nei principali settori del Made in Italy, esso rappresenta tra il 50-70% del valore intangibile totale, con apici in aziende totally brand-driven in cui esso arriva a coprire l 80-90%. Il marchio è tra gli intangibili l asset più tangibile e sta acquisendo sempre maggior valore economico-finanziario. La ricerca Il valore del brand delle medie imprese italiane eccellenti parte proprio da questa riflessione. 63% 69% 54% 67% 59% Alimentari Bevande Abbigliamento Mobili Calzature Pelletteria Fonte: Elaborazioni ICM Advisors su database finanziari dati 2005 Gioielleria Oreficeria 5

7 LA RICERCA SUL VALORE DEL BRAND NELLE MEDIE IMPRESE ITALIANE ECCELLENTI Lo scopo della ricerca è stimare il valore del portafoglio marchi delle imprese italiane di medie dimensioni operanti in settori in cui il marchio rappresenta un vettore critico di sviluppo (settori brand-driven) e che negli ultimi anni si sono maggiormente distinte per la loro eccellenza economica (crescita del fatturato e redditività) e marketing (forza del brand). Aziende che spesso non godono dell attenzione e della notorietà delle aziende di maggiori dimensioni, ma che costituiscono l ossatura del Made in Italy e sono un ottimo modello di riferimento per molte altre piccole e medie realtà nostrane. Nel determinare il campione di analisi si sono stabiliti alcuni criteri di selezione e, in particolare, si sono considerate le società che: hanno sede in Italia e con la maggioranza della proprietà italiana; svolgono attività manifatturiera; operano in settori brand driven; hanno presentato nell esercizio 2005 (l ultimo disponibile alla data di svolgimento della ricerca) un fatturato compreso fra 30 e 290 milioni di euro; non fanno parte di holding operative di maggiori dimensioni. Si è così individuato un campione di partenza rappresentato da 918 società distribuite sui seguenti cinque settori: Alimentari e bevande (55%), Abbigliamento (19%), Calzature e Pelletteria (11%), Mobili (11%), Gioielleria e Oreficeria (4%). 11% 19% IL CAMPIONE DELLE MEDIE IMPRESE (918 società) 11% Calzature Pelleteria Mobili Abbigliamento 4% Gioielleria Oreficeria 55% Alimentari Bevande Le 918 aziende sono state quindi analizzate secondo criteri di performance economica e marketing e solo quelle che hanno dimostrato la superiorità in entrambi i parametri sono entrate a far parte delle medie imprese italiane eccellenti. Per quanto riguarda l eccellenza economica, per ogni impresa sono stati considerati due parametri: il tasso di crescita medio composto dei ricavi (CAGR) e l utile netto medio (Net Margin) negli ultimi 3 esercizi disponibili (2003, 2004, 2005). In base ai valori calcolati il campione, ripartito per settore, è stato ordinato in 4 quartili per ciascun para-

8 Il valore del brand nelle medie imprese italiane eccellenti metro (dal più basso al più elevato). Sono tassi di crescita, intensità competitiva, tasso state quindi selezionate le aziende che, nel di innovazione); il posizionamento e gli elementi di differenziazione dell offerta (quali- rispettivo settore, si posizionavano nell'ultimo quartile (25% più elevato) sia per CAGR tà, ampiezza della gamma, unicità, servizio che per Net Margin. cliente, ecc.); l impatto sul business (profittabilità, quota di mercato, sostegno al posizionamento di prezzo); l immagine sul mercato Dopo aver esaminato la performance economica delle aziende, si è proceduto all analisi (notorietà, fedeltà, percezione e rilevanza); e della forza del brand. In particolare, sono la modalità di gestione del brand (brand stati analizzati da un architecture, investimenti punto di vista quantitativo/qualitativo i portafogli marchi delle aziende economicamente eccellenti utilizzando il Brand Equity Score ; metodo- La valutazione per "misurare" la forza, i rischi e il potenziale del marchio marketing, protezione legale, strategia di sviluppo, stato delle attività di marketing). Sono state considerate eccellenti dal punto di vista marke- logia sviluppata da ICM Advisors che, tramite l analisi di parametri significativi, assegna Brand Equity Score pari o superiore a 3. ting/branding le società caratterizzate da un ad un marchio, o ad un portafoglio marchi, un punteggio (compreso tra 0 e 5) rappresentativo della forza, delle potenzialità e dei imprese eccellenti è stato, infine, calcolato Il valore del portafogli marchi delle medie rischi in esso contenuti. con il metodo del royalty relief, utilizzando I parametri del Brand Equity Score analizzati sono: l attrattività e il potenziale del mer- appartenenza e sostenibile dalla redditività un tasso di royalty in linea con il settore di cato in cui opera il marchio (dimensione, aziendale. 7

9 IL VALORE DEL BRAND DELLE IMPRESE ECCELLENTI Solo 76 società (8,3% del campione) hanno superato la soglia di eccellenza economica. Questo, tuttavia, non significa che tutte le altre imprese siano poco performanti. Infatti, tra esse ci sono aziende con tassi di crescita e valori di redditività consistenti, seppure non eccellenti in base ai criteri definiti. I parametri individuati per l analisi sono volutamente elevati per selezionare quelle aziende con performance caratterizzate da valori molto positivi. Delle 76 società che hanno superato la soglia di eccellenza economica, 27 sono risultate eccellenti anche dal punto di vista marketing e branding. Conformemente con il campione analizzato, la maggior parte di queste imprese opera nel settore alimentari e bevande (dieci), in quello tessile (sette) e tre rispettivamente nel comparto delle calzature/accessori in pelle e dei mobili. Mentre, nonostante il peso esiguo del settore della gioielleria/oreficeria all interno del campione iniziale (solo il 4% del totale), ben quattro società sono risultate ad alta performance. Gruppo Binda Gruppo Fornari Gruppo Galligaris Gruppo Pomellato Zeis Excelsa Gruppo Galbusera Gruppo Morellato Gruppo Liu.Jo Gruppo Tessilform Fonti di Vinadio Icam Mutti Molinari Italia Gruppo Manifattura Paoloni Gruppo Ciro Paone Inticom Casoni Fabbricazione Liquori Global Watch Industries Valsoia Gruppo Marni Flexform Casa Vinicola Sartori Braccialini Morato Pane Spazio Sei Pedrali Acetum NET MARGIN MEDIO RIPARTIZIONE DEL CAMPIONE SECONDO I CRITERI DI ECCELLENZA ECONOMICA 3 QUARTILE 17,1% (157 IMPRESE) 58,2% (535 IMPRESE) 104,3 95,2 94,3 93,0 91,9 86,5 77,9 65,5 62,22 60,9 57,3 54,2 50,1 47,77 45,8 44,4 43,8 37,1 34,8 33,73 33,43 31,5 31,0 30,4 3 QUARTILE 8,3% (76 IMPRESE) 16,4% (150 IMPRESE) CAGR MEDIO MEDIE IMPRESE ECCELLENTI RANKING PER FATTURATO 2005 (milioni ) 155,6 152,2 230,2

10 Il valore del brand nelle medie imprese italiane eccellenti ICM Advisors ha quindi stimato il valore dei portafogli marchi delle 27 medie imprese italiane eccellenti. SOCIETÀ SETTORE PRINCIPALI MARCHI REGISTRATI VAL. AZIENDALE VAL. PORTAFOGLIO MARCHI BV/EV% ( MILIONI) (EV) ( MILIONI) (BV) BINDA Gioielli BREIL, DONT TOUCH MY BREIL, WYLER VETTA 218,3 149,5 68,5% POMELLATO Gioielli POMELLATO, LE LUCCIOLE DI POMELLATO, IL CIONDOLIERE 222,9 123,9 55,6% LIU.JO Abbigliamento LIU.JO 173,8 103,2 59,4% CALLIGARIS Mobili CALLIGARIS, CALLIGARIS ITALIAN LIVING, CALLIGARIS DAL ,0 98,0 45,6% MORELLATO Gioielli MORELLATO, FELSINEA, GIOIELLI DA VIVERE 170,1 84,0 49,4% TESSILFORM Abbigliamento PATRIZIA PEPE, SALE & PEPE 132,0 82,0 62,3% ZEIS EXCELSA Calzature ZEIS EXCELSA, ZEIS HOUSE, CULT, DOCKSTEPS, SONORA 147,3 78,8 53,5% MOLINARI ITALIA Bevande MOLINARI, MOLINARI SAMBUCA EXTRA, MOLINARI SAMBUCA CAFFÉ 116,5 65,2 56,0% FORNARI Abbigliamento/Calzature FORNARINA, FORNARINA GIRL, LA FORNARINA 130,3 60,0 46,0% FONTI DI VINADIO Bevande ACQUA MINERALE SANT ANNA, CIME BIANCHE, ALTISSIMA 190,2 57,9 53,1% CIRO PAONE Abbigliamento KITON, NAPOLI KITON 112,0 46,3 41,3% GLOBAL WATCH Gioielli CRONOTECH, CRONOTECH PRISMA, CT CRONOTECH, BLUE VOICE 71,5 40,6 56,8% MANIFATTURA PAOLONI Abbigliamento PAOLONI, MANUEL RITZ PIPO 88,1 40,4 45,8% INTICOM Abbigliamento YAMAMAY, NYYN 55,3 33,8 61,1% BRACCIALINI Pelletteria BRACCIALINI, TUA 42,9 31,3 73,0% GALBUSERA Alimentari GALBUSERA, GALBUSERA SALUTE, PERCORSO SALUTE 71,4 27,6 38,6% ICAM Alimentari ICAM, VANINI, MINI DESSERT, GOLD ROSE, BLUE ROSE, CARIBE 63,5 26,2 41,3% CASONI LIQUORI Bevande CASONI, BRAULIO, SORBEST, CABOCO 55,6 26,1 46,9% PEDRALI Mobili PEDRALI 42,6 24,2 56,9% FLEXFORM Mobili FLEXFORM 53,6 24,2 45,1% VALSOIA Alimentari VALSOIA, VALSOIA BONTÀ E SALUTE, RYS, SOLATTIVA, VITASOYA 43,8 23,1 52,9% MUTTI Alimentari MUTTI, MUTTI PARMA, MUTTI SOLO POMODORO 60,7 22,5 37,1% CASA VINICOLA SARTORI Bevande SARTORI, MURARI, REGOLO, VERNUS, VILAMURA, REUS 47,4 18,0 38,0% MORATO PANE Alimentari MORATO, SPUNTINELLE, BRUSCHELLE 40,1 15,8 39,3% ACETUM Alimentari ACETUM, CANTINE MOTTA, DIMODENA, BLAZE 41,2 15,4 37,4% SPAZIO SEI Abbigliamento PARROT, M.P.D., KI6?, LU-MA 28,6 14,8 51,9% GRUPPO MARNI Abbigliamento MARNI 30,6 12,5 40,8% 9

11 MEDIE IMPRESE ECCELLENTI RANKING PER CAGR FATTURATO Global Watch Industries Inticom Braccialini Gruppo Liu.Jo Zeis Excelsa Fonti di Vinadio Pedrali Gruppo Tessilform Gruppo Morellato Gruppo Marni Casa Vinicola Sartori Morato Pane Gruppo Binda Gruppo Ciro Paone Gruppo Manifattura Paoloni Spazio Sei Casoni Fabbricazione Liquori Gruppo Pomellato Gruppo Fornari Molinari Italia Acetum Icam Mutti Flexform Gruppo Galligaris Valsoia Gruppo Galbusera 37,1% 36,7% 35,7% 31,6% 29,2% 25,7% 25,5% 23,0% 21,0% 18,6% 18,3% 16,5% 16,5% 15,9% 15,4% 13,7% 13,6% 13,5% 13,3% 3 12,7% 12,2% 10,8% 10,4% 10,4% 10,3% 895,5% 94,8% Le aziende eccellenti hanno registrato tassi di crescita significativamente superiori alla media di settore. MEDIE IMPRESE ECCELLENTI RANKING PER NET MARGIN MEDIO Gruppo Morellato Gruppo Galligaris Global Watch Industries Flexform Gruppo Pomellato Gruppo Liu.Jo Acetum Molinari Italia Gruppo Manifattura Paoloni Pedrali Morato Pane Gruppo Tessilform Inticom Gruppo Marni Spazio Sei Zeis Excelsa Gruppo Ciro Paone Casa vinicola Sartori Valsoia Casoni Fabbricazione Liquori Gruppo Fornari Mutti Braccialini Gruppo Binda Fonti di Vinadio Gruppo Galbusera Icam 7,1% 7,1% 6,4% 5,8 5,7% 5,5% 5 5,1% 4,6% 4,1% 4,0% 4,0% 3,9% 3,8% 3,5% 2,6% 2,2% 2% 2,1% 11,6% 1 11,2% 10,6% 10,5% 10,4% 9,7% 9,6% 9,6% 9,3% 8,3%

12 Il valore del brand nelle medie imprese italiane eccellenti PECORSI DI VALORIZZAZIONE DEL BRAND DELLE AZIENDE ECCELLENTI Le performance superiori che le società eccellenti hanno fatto registrare sono dovute, in gran parte, a scelte strategiche in termini di marketing e di posizionamento in segmenti di mercato a maggiore valore aggiunto. Esse sono infatti riuscite a crearsi una ben definita identità di marca, legata a fattori quali l originalità, la qualità e l innovazione di servizio/prodotto, che ha contribuito notevolmente allo sviluppo d impresa. Nel settore dell oreficeria e della gioielleria, ad esempio, è da sempre stata privilegiata la qualità intrinseca dei prodotti e per questo motivo solo il 4% delle aziende (12% nel mercato dell alta gamma) ha sviluppato strategie focalizzate sulla riconoscibilità del brand. La preziosità e la qualità del gioielli, tuttavia, non sono più elementi sufficienti per giustificare sia il prezzo del prodotto sia il desiderio di possederlo. Elementi simbolici ed evocativi risultano, infatti, sempre più dominanti rispetto a quelli tecnico-funzionali e rappresentano per molte imprese una leva strategica per differenziare l offerta e raggiungere una posizione di vantaggio competitivo. Molte aziende, che non hanno una tradizione e un expertise diretta nel gioiello, hanno così MILIONI DI EURO fatto leva su mirate azioni di marketing e comunicazione che le posizionassero con successo agli occhi del cliente fra i maggiori brand del cosiddetto lusso di massa ; gioielli per uso quotidiano, economicamente accessibili a tutti e caratterizzati da un forte contenuto stilistico e di design. Il first mover in tal senso è stato il gruppo Binda con la celebre campagna pubblicitaria legata ad una donna sicura di sé, determinata e disposta a rinunciare a tutto tranne che al suo Breil ( Toglietemi tutto ma non il mio Breil ). Anche nel settore dell abbigliamento per fronteggiare il crescente livello di competitività le imprese devono riuscire a creare una solida identità che le differenzi dalle concorrenti ed instauri, attraverso i prodotti ed il 200,0 150,0 100,0 50,0 00,0 IL VALORE DEL PORTAFOGLIO MARCHI DEL GRUPPO BINDA Valore Aziendale 41,8 Valore Asset Tangibili GRUPPO BINDA 176,5 149,5 Valore Asset Intangibili Valore Portafoglio Brand 27,0 Valore altri Asset Intangibili 11

13 portafoglio marchi, un rapporto fedele e duraturo con il cliente. I prodotti devono avere un anima e saper trasmettere emozioni e tale obiettivo è raggiungibile solo attraverso un attenta strategia di valorizzazione del portafoglio marchi/prodotti. Ne è un esempio Lui-Jo, azienda di moda femminile specializzata nella maglieria e nel pret-à-porter, che incentra la Il brand come vettore di sviluppo strategico propria strategia di crescita sulla creazione di una forte identità di marca tramite ingenti investimenti pubblicitari e uno spinto dinamismo dell offerta (due collezioni a stagione e frequenti riassorbimenti della merce). Tessilform, azienda nota al grande pubblico con il marchio Patrizia Pepe e che commercializza solo le taglie 40, 42 e 44, predilige invece una strategia di marketing incentrata sulla diffusione della consapevolezza della qualità dei propri prodotti e sull espansione retail tramite negozi monomarca che fungono da vetrine per il marchio anche a livello internazionale. Nei comparti fashion-driven, quali l abbigliamento, l oreficeria, ma anche il settore delle calzature e degli accessori in pelle, l investimento sui marchi aziendali consente alle imprese di competere non sul prezzo, ma piuttosto sulle caratteristiche intrinseche del prodotto come la qualità dei materiali, delle lavorazioni e delle rifiniture, così come le caratteristiche esteriori (il design, il contenuto moda e l immagine). L'affermazione del marchio Braccialini, ad esempio, è stata determinata dalla creatività dell'offerta che ogni stagione propone collezioni di linee innovative e dalle caratteristiche ben distinte tra loro. Il tutto supportato da un'attenta strategia di valorizzazione del marchio che ha portato l'azienda ad essere presente in oltre 30 paesi nel mondo con negozi monomarca e numerosi corner dedicati. Il problema dell identità di marca è fortemente sentito anche nel settore del mobile e dell arredamento. In media, infatti, meno del 20% dei consumatori ricorda la marca degli articoli che compongono la propria casa e, al momento dell acquisto, solo il 7% ha in mente un brand specifico di riferimento (di questi solo il 51% acquista il brand cui

14 Il valore del brand nelle medie imprese italiane eccellenti aveva pensato). Negli ultimi anni, tuttavia, la spesa pubblicitaria è in crescita e le imprese del settore sentono sempre più la necessità di incrementare la propria brand awareness. In questa strategia di sviluppo, canale e design sono gli elementi che ricoprono un ruolo chiave. Il primo favorisce il rapporto tra produttore e consumatore, volto a garantire la personalizzazione del prodotto, la valorizzazione del brand e il monitoraggio della domanda. Il secondo facilita l associazione del prodotto al brand che lo commercializza. Esempio di inconfondibile personalità sono, ad esempio, i divani Flexform, sobri, raffinati, di qualità e dall inconfondibile design in cui il moderno si fonde con il classico, o i complementi d arredo Calligaris, solidi, pratici, moderni ed eleganti allo stesso tempo. Nel settore alimentari e bevande diverse aziende sono riuscite a differenziarsi cogliendo un trend di mercato particolarmente sentito dal consumatore italiano: la volontà di conciliare un piatto buono e saporito con il dovere di una alimentazione sana e genuina. L intera offerta Valsoia è infatti rivolta a chi ama la buona tavola, ma al tempo stesso vuole mantenersi in forma, MILIONI DI EURO proteggendosi dalle insidie del colesterolo. Galbusera ha invece lanciato la Linea Speciali Salute: biscotti senza zucchero, latte, uova o glutine creata appositamente per soddisfare le richieste di un alimentazione corretta o per le particolari esigenze di 120,0 100,0 80,0 60,0 40,0 20,0 00,0 IL VALORE DEL PORTAFOGLIO MARCHI DI FONTI DI VINADIO 109,2 99,8 57,9 Valore Aziendale 9,4 Valore Asset Tangibili FONTI DI VINADIO Valore Asset Intangibili Valore Portafoglio Brand SANT ANNA 41,8 Valore altri Asset Intangibili consumatori affetti da intolleranze alimentari, quali diabetici e celiaci. La società produttrice di acque minerali Fonti di Vinadio, è riuscita a diffondere la consapevolezza che le acque in bottiglia non sono tutte uguali. Forte di un prodotto dalle caratteristiche competitive e grazie ad una coraggiosa strategia di comunicazione comparativa, la società ha in pochi anni scalato la vetta del mercato, posizionando in maniera indiscussa il marchio Sant Anna, come un acqua sana, leggera e con il minor residuo fisso. 13

15 FINANZIARE LO SVILUPPO CON LA MONETIZZAZIONE DEL BRAND Lo sviluppo di un brand richiede sensibili investimenti di marketing in termini di comunicazione e distribuzione, ma soprattutto richiede costanza nel tempo. Le strategie finanziarie delle imprese sono varie. Prevale ancora l indebitamento a breve, ma l ingresso dei fondi di private equity, la possibilità di quotazione in Borsa e nuovi strumenti finanziari asset-backed cominciano ad essere una realtà, sebbene ancora limitata. RAPPORTO DEBT EQUITY 2005 E INCIDENZA % DELL INDEBITAMENTO FINANZIARIO A BREVE DEI SETTORI (società con fatturato > 2 milioni ) 0,69 75,7% Gioielleria Oreficeria 0,35 71,5% Calzature Pelleteria 0,67 61,0% Mobili 0,45 70,1% Fonte: Elaborazioni ICM Advisors su database finanziari dati ,68 62,6% Abbigliamento Alimentari Bevande Esistono inoltre nuove forme di finanziamento basate sul valore degli asset di proprietà intellettuale (Intellectual Property Finance). Ad esempio, il brand, oltre ad incrementare la redditività aziendale con strategie di valorizzazione, può ottimizzare la gestione finanziaria dell impresa tramite un suo utilizzo per ottenere nuove risorse finanziarie. È, infatti, possibile utilizzare il marchio quale strumento finanziario in operazioni di finanziamento a medio termine (IP Loan), oppure cartolarizzare i flussi di royalties derivanti dal licensing (IP Securitization) o, infine, tramite operazioni combinate di vendita e contestuale contratto di leasing del bene oggetto della transazione (IP Sale-Lease Back). L importanza degli asset intangibili, come fonte di valore corrente o futuro, non è tuttavia ancora pienamente riconosciuta né dalle imprese né dalle istituzioni finanziarie e l utilizzo di queste forme di finanziamento risulta ancora limitato. Le istituzioni finanziare erogano finanziamenti garantendosi principalmente con le voci degli attivi materiali e finanziari (beni strumentali, magazzino e crediti); dati facilmente reperibili da bilancio e soggetti ad un basso livello di rischiosità, ma che sottostimano il reale valore delle

16 Il valore del brand nelle medie imprese italiane eccellenti imprese. Sono poche le istituzioni finanziarie che hanno sviluppato strumenti per una corretta valutazione degli asset immateriali. di valore finanziabile pari al 30% del valore del marchio, emerge che il potenziale teorico di finanziamento per le imprese potrebbe Questi ultimi, infatti, a essere complessiva- causa della loro natura e della maggiore rischiosità ad essi correlata, richiedono metodologie adeguate Valutare il marchio per finanziare lo sviluppo d'impresa mente di 7,6 miliardi di euro. Per le istituzioni finanziarie, assumendo, invece, che il 15% ed una elevata esperienza nel campo della delle aziende utilizzi strumenti finanziari valutazione degli intangibili. basati sul valore del brand, il potenziale di impieghi sarebbe di circa 1,1 miliardi di L utilizzo dei beni immateriali in operazioni euro. di IP Finance rappresenta una grande opportunità per le aziende e le istituzioni finanziamenti di finanza innovativa si basano sul Le opportunità di sviluppo di questi strurie. Considerando il potenziale di valore insito nei beni intangibili, risulta infatti evidente presente all interno delle aziende italiane, grande patrimonio di know-how e creatività che se le banche e le altre istituzioni analizzassero più accuratamente le imprese valu- ultime al finanziamento tramite il capitale di nonché sull elevata propensione di queste tandone la componente non espressa in debito rispetto a quello di rischio. bilancio, si aprirebbero interessanti opportunità di finanziamento, generando un incre- Italia, con il suo ricco portafoglio di intangi- Nell incalzante arena competitiva, il Sistema mento dei margini d intermediazione per le bili, trova così un insieme di strumenti che banche stesse e fornendo nuove fonti di offrono agli imprenditori la possibilità di finanziamento a sostegno dello sviluppo e sostenere e rafforzare la competitività aziendale attraverso la monetizzazione del porta- della competitività aziendale. Sulla base del valore del brand dei settori foglio marchi. analizzati nella ricerca ed assunta una quota 15

17 In conclusione, conoscere il valore economico del marchio e utilizzarlo per reperire finanziamenti è un opportunità che le aziende devono valutare attentamente in quanto la conoscenza del valore economico del brand è il punto di partenza per aumentare la consapevolezza del proprio patrimonio immateriale e guidare il percorso di valorizzazione aziendale. Un percorso impegnativo che richiede investimenti e competenze di management sovente da sviluppare. MILIONI DI EURO VALORE POTENZIALE TEORICO DI FINANZIAMENTO E IMPIEGHI POTENZIALI DEI SETTORI (società con fatturato> 2 milioni ) Valore potenziale teorico di finanziamento Impieghi potenziali Alimentari Bevande Abbigliamento Mobili Calzature Pelleteria Gioielleria Oreficeria Fonte: Elaborazioni ICM Advisors su database finanziari dati 2005

18 PROFILO AZIENDALE ICM Advisors è una società internazionale indipendente di business advisory e ricerca economico-finanziaria specializzata nella valutazione,valorizzazione e finanziamento degli Asset Immateriali e della Proprietà Intellettuale sia di marketing (brand, relazioni con clienti/canali, ecc.) sia tecnologica (know-how, brevetti, ecc.). Fondata da un team di advisor internazionali con forte esperienza nella gestione del valore degli asset intangibili, ICM Advisors è tra le prime realtà europee, l unica in Italia, che opera in tale ambito in un ottica strategico-finanziaria. In particolare, ha sviluppato una forte competenza nel finanziamento basato sul valore degli asset immateriali e della proprietà intellettuale. È infatti la prima società europea che fornisce servizi professionali integrati con soluzioni finanziarie che utilizzano il brand come collateral. ICM Advisors in collaborazione con IntesaSanpaolo ha sviluppato IntesaBrand, la prima soluzione finanziaria in Italia basata sul valore di un asset immateriale. Disponendo di una profonda esperienza finanziaria e marketing e di strumenti professionali allo stato dell arte, ICM Advisors è particolarmente specializzata nella valutazione del brand. Ad oggi sono oltre cento le valutazioni condotte su marchi di medie imprese operanti in settori Business-to-Consumer (abbigliamento, alimentari e bevande, calzature, motoveicoli, mobili, pelletteria, gioielli) e Business-to-Business (beni strumentali, high-tech). ICM Advisors dispone di un database del valore dei marchi (Brand Intelligence System ) di oltre 1000 medie imprese italiane. Database unico in Italia, organizzato per settori industriali e contenente sia dati economico-finanziari sia informazioni sulla forza e sulle potenzialità dei marchi (Brand Equity Score ). ICM Advisors annovera tra i suoi clienti PMI, grandi aziende, istituzioni finanziarie e filiere industriali che l hanno scelta per le sue competenze specialistiche, i suoi servizi innovativi e la sua avanzata unità di ricerca e competitive intelligence (ICM Research), che gestisce una base informativa economico-finanziaria sui vari settori industriali e sulle best practice di valutazione e valorizzazione degli intangibili.

Il valore del brand nelle medie imprese italiane eccellenti

Il valore del brand nelle medie imprese italiane eccellenti Il valore del brand nelle medie imprese italiane eccellenti Ricerca economico-finanziaria E ormai ampio il consenso sul fatto che il brand abbia un ruolo importante nella generazione dei risultati finanziari

Dettagli

La performance economico-finanziaria ed il valore del patrimonio immateriale delle aziende metalmeccaniche torinesi

La performance economico-finanziaria ed il valore del patrimonio immateriale delle aziende metalmeccaniche torinesi La performance economico-finanziaria ed il valore del patrimonio immateriale delle aziende metalmeccaniche torinesi Management Briefing Intellectual Property Finance Institute C.so Trento, 21 10121 Torino

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Finanziare lo sviluppo con la proprietà intellettuale delle aziende piemontesi del settore tecnologie pulite

Finanziare lo sviluppo con la proprietà intellettuale delle aziende piemontesi del settore tecnologie pulite Finanziare lo sviluppo con la proprietà intellettuale delle aziende piemontesi del settore tecnologie pulite Opportunità di valorizzazione e monetizzazione Progetto multi-aziendale Con la collaborazione

Dettagli

Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio?

Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio? La metamorfosi del «modello emiliano»: c è ancora un futuro per i distretti industriali? Una prospettiva economica Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio? Cristina

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Made in Italy in una prospettiva di mercato

Made in Italy in una prospettiva di mercato Made in Italy in una prospettiva di mercato 13 Novembre 2014 11/13/2014 2:15:47 PM 2010 DB Blue template Le strategie produttive delle aziende quotate coprono un ampio spettro di possibilità Non esiste

Dettagli

TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del 2012 ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6%

TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del 2012 ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6% Milano, 13 novembre TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

Top players in Europa. PARVEST Equity Best Selection Euro

Top players in Europa. PARVEST Equity Best Selection Euro Top players in Europa PARVEST Equity Best Selection Euro 5 motivi per investire in PARVEST Equity Best Selection Euro 1 I nostri esperti ritengono che potrebbe essere il momento opportuno per investire

Dettagli

La comunicazione degli eventi

La comunicazione degli eventi La comunicazione degli eventi 1 2 Gli strumenti di comunicazione 3 4 Immagine e branding 5 Il branding è l insieme delle attività strategiche e operative relative alla costruzione della marca. Definizione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

DIP Diffusione Italiana Preziosi Spa. Company Profile

DIP Diffusione Italiana Preziosi Spa. Company Profile DIP Diffusione Italiana Preziosi Spa BLUESPIRIT Company Profile Uno sguardo d insieme Storia dell azienda e del suo successo Le tappe fondamentali I brand Il piano marketing Il format Bluespirit Scheda

Dettagli

Roadmap per la ricerca e l innovazione

Roadmap per la ricerca e l innovazione Roadmap per la ricerca e l innovazione EXECUTIVE SUMMARY Questo documento ha l obiettivo di descrivere visioni e strategie per il futuro del manufacturing italiano. Il documento è il risultato dell'attività

Dettagli

CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO

CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO Settembre 2003 INDICE PRESENTAZIONE DELL'OSSERVATORIO...pag. 1 EXECUTIVE SUMMARY... 3 Capitolo 1 STATO ED EVOLUZIONE DEL MERCATO...7

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Corso: Analisi Finanziaria e Valutazione della Brand Equity Laurea Specialistica: Marketing e Comunicazione

Corso: Analisi Finanziaria e Valutazione della Brand Equity Laurea Specialistica: Marketing e Comunicazione Corso: Analisi Finanziaria e Valutazione della Brand Equity Laurea Specialistica: Marketing e Comunicazione a.a. 2006-2007 Prof.: Daniela Favaretto Ricevimento: martedì ore 13.30 e-mail: favaret@unive.it

Dettagli

Introduzione al Retail

Introduzione al Retail Introduzione al Retail Lezione 14.03.13 Pio Zito MARKETING RELAZIONALE FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI Il Retail etailè un sistema di vendita evoluto composto da una rete di punti caratterizzati da: SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

A u m e n t o d i c a p i t a l e. M i l a n o, 2 7 M a g g i o 2 0 0 4

A u m e n t o d i c a p i t a l e. M i l a n o, 2 7 M a g g i o 2 0 0 4 A u m e n t o d i c a p i t a l e M i l a n o, 2 7 M a g g i o 2 0 0 4 Contenuti La struttura e l attività del Gruppo BasicNet Il Business System L acquisizione del marchio K-Way e della licenza del marchio

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA In collaborazione con Milano, 17 aprile 2008 Questo materiale è di proprietà intellettuale di VVA-Valdani Vicari & Associati S.r.l. Non può essere utilizzato

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo Datalogic redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno.

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno. COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SETTIMO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 214 CON 46.5 AZIENDE ANALIZZATE protagonisti della ripresa: già nel biennio 213-14

Dettagli

Breil: un orologio... da non toccare di Stefano FONTANA

Breil: un orologio... da non toccare di Stefano FONTANA Breil: un orologio... da non toccare di Stefano FONTANA Esaminiamo la storia e le strategie della Binda Italia spa, società che propone al mercato un offerta contrassegnata dal marchio Breil e da altri

Dettagli

Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2014.

Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2014. Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2014. Ricavi netti 1 a 175,8 milioni di Euro, in crescita dell 11,6% (a cambi correnti

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014. Risultati di sintesi

RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014. Risultati di sintesi RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014 Risultati di sintesi 2 Rilevazione Saldi invernali 2014 - I risultati Panel e note metodologiche Altri beni persona 9% Altre merceologie 6% Calzature 14% Abbigliamento

Dettagli

Il capitale circolante del settore siderurgico

Il capitale circolante del settore siderurgico Il capitale circolante del settore siderurgico Quale impatto sulla posizione finanziaria nel 21? Analisi elaborata dall Unità di di Centrobanca Pio De Gregorio Stefania Baccalini Gianluca De Sanctis 8

Dettagli

il nuovo outlet di lusso

il nuovo outlet di lusso il nuovo outlet di lusso MY GRIFFE Vende Online Grandi Marchi e Grandi Firme valorizza creazioni di nuovi Stilisti e nuove Case predilige Linee di classe e di tendenza abbigliamento, accessori, design

Dettagli

LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA

LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA Il metodo CVRP per l analisi delle maggiori società tessili italiane Stefano Cordero di Montezemolo

Dettagli

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design IL BRAND Il marchio GAZZARRINI nasce nel 1993 dall iniziativa e dall esperienza trentennale nel mondo della moda. Fin dall inizio, si distingue subito per un approccio innovativo al prodotto, tanto da

Dettagli

BrandForum. Toglietemi tutto ma non il mio BREIL Scritto da Nicola Maienza Un caso esemplare di brand management nel settore dell orologeria.

BrandForum. Toglietemi tutto ma non il mio BREIL Scritto da Nicola Maienza Un caso esemplare di brand management nel settore dell orologeria. Toglietemi tutto ma non il mio BREIL Scritto da Nicola Maienza Un caso esemplare di brand management nel settore dell orologeria. 1. Introduzione: una chiave di lettura 2. Il caso BREIL: la costruzione

Dettagli

Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale

Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale Venezia, 30 settembre 2015 La Tavola Rotonda si pone l obiettivo di analizzare i nuovi orientamenti che il sistema produttivo italiano può

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SESTO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 2013 CON 50.000 AZIENDE ANALIZZATE

INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SESTO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 2013 CON 50.000 AZIENDE ANALIZZATE COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SESTO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 2013 CON 50.000 AZIENDE ANALIZZATE Migliore andamento delle imprese dei distretti

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3%

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Milano, 11 novembre 2015 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

DESCRIZIONE PROGETTI NEL DETTAGLIO

DESCRIZIONE PROGETTI NEL DETTAGLIO DESCRIZIONE PROGETTI NEL DETTAGLIO Sviluppo di un modello organizzativo DESCRIZIONE CLIENTE: società toscana specializzata nell edilizia con una forte focalizzazione su innovazione e investimenti in ricerca

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo CDC redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli IAS/IFRS

Dettagli

LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO

LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO http://www.sinedi.com ARTICOLO 19 GENNAIO 2008 LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO Anche per il 2007 Altagamma, l associazione che riunisce le aziende del lusso, in collaborazione con Bain & Company,

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato A cura di Thomas Schael e Gloria Sciarra (irso e Butera e Partners) Il Citizen Relationship Management (CRM) in

Dettagli

Il Business Plan nei rapporti con gli Investitori Istituzionali in Equity

Il Business Plan nei rapporti con gli Investitori Istituzionali in Equity S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Business Plan nei rapporti con gli Investitori Istituzionali in Equity Luciano Tarantino Commissione Finanza e Controllo di Gestione ODCEC Milano 26 maggio

Dettagli

Ringraziamenti. Evoluzione storica e fenomenologica del mercato italiano dell orologeria 1. 1.1 Premessa 1. 1.2 Glialboridelmercato 1

Ringraziamenti. Evoluzione storica e fenomenologica del mercato italiano dell orologeria 1. 1.1 Premessa 1. 1.2 Glialboridelmercato 1 Prefazione di Guido Corbetta Presentazione di Giacomo Bozzi Ringraziamenti XIII XV XIX 1 Evoluzione storica e fenomenologica del mercato italiano dell orologeria 1 1.1 Premessa 1 1.2 Glialboridelmercato

Dettagli

La scelta della strategia di marketing

La scelta della strategia di marketing LA SCELTA DELLA STRATEGIA DI L obiettivo che l impresa deve perseguire in questa fase è quello di individuare la strategia di marketing che sia in grado di offrire all impresa il mezzo per realizzare i

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard Prospettiva conoscenza e competenze Prospettiva dei processi Prospettiva dei clienti Prospettiva economico finanziaria le relazioni causa-effetto

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

HC DUBAI LA SOLUZIONE PER APRIRE E SVILUPPARE I L TUO BUSINESS NEGLI EMIRATI ARABI

HC DUBAI LA SOLUZIONE PER APRIRE E SVILUPPARE I L TUO BUSINESS NEGLI EMIRATI ARABI LA SOLUZIONE PER APRIRE E SVILUPPARE I L TUO BUSINESS NEGLI EMIRATI ARABI SELEZIONA E SVILUPPA OCCASIONI PER ENTRARE NEI MIGLIORI DEPARTEMENT STORE E RETAILS CHI SIAMO CREIAMO OPPORTUNITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

Giuseppe Campanella: da Fondamenta SGR a Futura Invest spa

Giuseppe Campanella: da Fondamenta SGR a Futura Invest spa Giuseppe Campanella: da Fondamenta SGR a Futura Invest spa stampa chiudi 12 Luglio 2010 Scritto da: Redazione L azionista di Fondamenta SGR ha scambiato il 51% delle azioni di Fondamenta SGR con il 7,7%

Dettagli

La vetrina. Focus cliente

La vetrina. Focus cliente Focus cliente La vetrina 1 BIALETTI from inside. L azienda, fondata nel 1919 da Alfonso Bialetti, è nata come officina per la produzione di semilavorati in alluminio. Nel 1933 l atelier per la progettazione

Dettagli

Valori e Principi Rieter

Valori e Principi Rieter Valori e Principi Rieter Comfort thanks to Rieter Delight your customers Enjoy your work Fight for profits Rieter is a publicly-listed Swiss industrial group providing innovative solutions to the global

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

Il profilo degli intervistati

Il profilo degli intervistati Il profilo degli intervistati In quale classe di fatturato rientra la sua azienda? n. % Fino a 50 milioni di euro 17 20.7 Da 50 milioni di euro a 300 milioni di euro 23 28.0 Da 300 milioni di euro a 1.000

Dettagli

Hard information e credito alla filiera

Hard information e credito alla filiera Banking Summit 2013 Hard information e credito alla filiera Fabrizio Guelpa Servizio Studi e Ricerche Milano, 26 settembre 2013 I principali temi Hard information ancora da incorporare Nuove possibilità

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

Creazione di valore. di Massimo Lazzari (*)

Creazione di valore. di Massimo Lazzari (*) Il settore delle telecom, tra crescita e creazione di valore di Massimo Lazzari (*) Prosegue con questo contributo il filone dedicato all analisi di una serie di settori industriali tipicamente Business

Dettagli

Portafogli Modello Giugno 2014

Portafogli Modello Giugno 2014 Portafogli Modello Giugno 2014 Investment Advisory 10 Giugno 2014 Milano Indice Commento Generale (p. 3) Portafoglio Obbligazionario (p. 4) Portafoglio Bilanciato (p. 6) Portafoglio Azionario (p. 8) Ranking

Dettagli

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE Mario Schiano lo Moriello Cesena, 7 ottobre 2011 Report Economico Finanziario Gli obiettivi dell analisi ISMEA IPSOA Il REF è

Dettagli

Centro di Alti Studi Superiori per la Cultura e il Territorio

Centro di Alti Studi Superiori per la Cultura e il Territorio Media partner Con la collaborazione di Incubatore non tecnologico di imprese giovanili Centro di Alti Studi Superiori per la Cultura e il Territorio NOVEMBRE - DICEMBRE 2015 SEMINARI DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Agevolazioni Finanziarie 7 di Tommaso Zarbo (1) Esperto in materia di finanziamenti agevolati Finanziamenti comunitari L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Con le recenti turbolenze finanziarie

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Torino, 25 gennaio 2011 AGENDA Macroeconomia Factoring Ruolo del factoring

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

Mostra Maglifico 21 Giugno - 2 Setttembre 2012 Palazzo Morando, via Sant Andrea 6 - Milano

Mostra Maglifico 21 Giugno - 2 Setttembre 2012 Palazzo Morando, via Sant Andrea 6 - Milano Mostra Maglifico 21 Giugno - 2 Setttembre 2012 Palazzo Morando, via Sant Andrea 6 - Milano dentro e fuori casa... in ogni momento della tua giornata, il benessere veste FRANCHISING I NOSTRI PUNTI DI FORZA

Dettagli

Affrontare una competizione difficile Quali strategie di offerta

Affrontare una competizione difficile Quali strategie di offerta Forum dell assicurazione auto Affrontare una competizione difficile Quali strategie di offerta Enea Dallaglio IAMA Consulting Copyright by IAMA Consulting Srl, Milano All rights of translation, reproduction

Dettagli