Certificazione Software e CENELEC nella pratica aziendale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Certificazione Software e CENELEC nella pratica aziendale"

Transcript

1 Certificazione Software e CENELEC nella pratica aziendale Parte I 1/2 Febbraio 2005 Presentazione relatore e azienda La Certificazione qualità, processo, prodotto La Certificazione del Software Misurare la Qualità del Software Processi di sviluppo per il Software Software certificabile Parte II 1/2 Marzo 2005 Ingegneria della Sicurezza Sistemi in sicurezza Il Software nel ciclo di vita di Sistema Il Software e la sicurezza Meccanismi di sicurezza realizzati dal software La Certificazione del Software 1

2 Relatore : coordinate Alessandro Paganone Safety e V&V Tel La Certificazione del Software 2

3 Relatore : esperienze demanding Requirements Functionality Commanding, Control,... Interfaces Embedded systems Resources CPU and memory budgets Management Planning, Monitoring,... Space Defence advanced Technology Tools C. A. S. E. Languages High-level languages (C, Ada, ) Infrastructures Simulators, Emulators Methods Analysis, Design,... Principles Modularity, Abstraction,... Techniques Modelling Software Engineering Transports La Certificazione del Software 3

4 Relatore : azienda Elettromeccanica CM Fondata nel 1956 Primi rapporti con FS nel 1966 Clienti principali : RFI, Ansaldo, Alstom, Bombardier, Arsenale MM La Spezia; Arsenale MM - Taranto Certificazione ISO 9001 dal 1997 progettazione, produzione, installazione, assistenza per: Apparati per alimentazione elettrica degli impianti di sicurezza e segnalamento ferroviario Dispositivi in sicurezza intrinseca per apparati ferroviari Sistemi di telecomando, telegestione e diagnostica Q La Certificazione del Software 4

5 Definizione di Certificazione Definizione secondo la terminologia adottata da SINCERT Certificazione: attestazione, rilasciata da un organismo accreditato, atta ad assicurare, con un livello di confidenza precisamente definito, la conformità a requisiti prefissati di un determinato prodotto, servizio, processo, sistema di qualità o personale. Certificazione di qualità Certificazione funzionale Certificazione di sicurezza La Certificazione del Software 5

6 Ruolo della Certificazione Entità coinvolte nel caso più generale Cliente/Gestore azienda, ente, industria o privato che usufruisce del prodotto o servizio oppure lo gestisce Autorità d Approvazione l ente certificatore o chi da esso designato Fornitore l azienda o l industria fornitrice del prodotto o del servizio La Certificazione del Software 6

7 Cosa si certifica Certificazione personale Attestazione dell attitudine ed esperienza personale Il rapporto cliente/fornitore comprende anche il caso datore di lavoro/dipendente. Titoli di studio, master, corsi di formazione. Nel caso di formazione finanziata esistono precise procedure di accreditamento degli enti che erogano i corsi. Titoli rilasciati da organizzazioni professionali. Attestazioni professionali come l attestato di Programmatore Certificato Microsoft. Standard di fatto nel mondo del lavoro. La Certificazione del Software 7

8 Cosa si certifica Certificazione del Sistema di Qualità Esiste un organismo nazionale di accreditamento degli enti certificatori: SINCERT Si certifica che il Sistema di Qualità di una organizzazione (industria, azienda, ente) è conforme ai requisiti di una normativa di riferimento, generalmente ISO 9001:2000 La certificazione, in particolare, vale per ben determinati campi applicativi. Attesta che esistono e sono conformi alla normativa tutti i processi aziendali di riferimento per la progettazione e la produzione. I campi applicativi comprendono, ad esempio, anche il progetto, la produzione e la manutenzione di sistemi software Le attività di V&V indipendente sul software La Certificazione del Software 8

9 Cosa si certifica Esempi di Certificazione del Sistema di Qualità La Certificazione del Software 9

10 Cosa si certifica Esempi di Certificazione del Sistema di Qualità Progettazione, produzione, installazione, assistenza apparati per r alimentazione elettrica degli impianti di sicurezza e segnalamento ferroviario. Dispositivi ivi in sicurezza intrinseca per apparati ferroviari. Sistemi di telecomando, telegestione e diagnostica La Certificazione del Software 10

11 Cosa si certifica Certificazione di prodotto misura "sostanziale" della qualità di prodotto tramite una certificazione, mirata a stabilire che il prodotto, operante in un ambiente operativo ben definito, risulti conforme rispetto alla specifica dei requisiti, spesso con particolare riguardo a requisiti ritenuti importanti per quella classe di prodotti es. requisiti di sicurezza (safety) Certificazione da parte di un ente terzo, es. marchio IMQ Auto certificazione del produttore, es marchio CE La certificazione si appoggia sulle normative di settore La Certificazione del Software 11

12 Cosa si certifica Certificazione di processo (Certificazione rispetto a norme di processo) Misura "formale" della qualità del prodotto tramite una certificazione mirante a stabilire che il processo di sviluppo ed il processo di verifica e validazione (riesami, test, etc.) sono svolti secondo modalità, attività, tecniche e misure conformi ai requisiti della norma di riferimento. Es. omologazione secondo una normativa La Certificazione del Software 12

13 Enti normativi internazionali ISO International Organization for Standardization (http://www.iso.ch/) Costituita nel 1947, l'iso è una federazione non governativa che abbraccia oltre 130 enti normatori di altrettante nazioni a livello mondiale. I lavori dell'iso sono il risultato di lunghi accordi internazionali e danno luogo a "International Standards". I Paesi aderenti all'accordo, tramite i singoli comitati di standardizzazione nazionali, si impegnano ad introdurre le "International Standard" nelle corrispondenti norme nazionali. In questi comitati partecipano ai lavori rappresentanti qualificati delle industrie, istituti di ricerca, autorità governative, organizzazioni dei consumatori e organizzazioni internazionali di tutto il mondo. E' collegato all'economic and Social Council delle Nazioni Unite. ISO lavora a stretto contatto con: IEC - International Electrotechnical Commission per quanto concerne tutti i problemi legati all'elettrotecnica. ISO e IEC collaborano con: ITU - International Telecommunication Union ISO ha stretto accordi di collaborazione tecnica con: CEN - Comitato Europeo di Normalizzazione CESI - Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano ISO si occupa di standardizzazione in tutti i settori, demandando ad IEC la normazione in campo elettrotecnico-elettronico. Membro di ISO per l Italia è UNI Dal sito SCAME (http://www.scame.com/it/infotec/enti/enti.htm) La Certificazione del Software 13

14 Enti normativi internazionali IEC International Electrotechnical Commission (http://www.iec.ch/) L'IEC (Commissione Elettrotecnica Internazionale), fondata nel 1906, è l'organismo normatore su scala mondiale nel campo elettrico ed elettrotecnico e prepara le Norme Tecniche che vengono adottate nei paesi maggiormente industrializzati (vi aderiscono circa 60 nazioni). Insieme, IEC e WTO, svolgono un ruolo fondamentale per lo sviluppo del commercio internazionale, per il progresso della sicurezza, il miglioramento della salute e la tutela dell'ambiente a livello mondiale. IEC svolge attività di coesione fra le importanti organizzazioni di standardizzazione che operano nelle macroaree del mondo. In Europa IEC collabora, ad esempio, con: CENELEC - European Committee for Electrotechnical Standardization ETSI - European Telecommunications Standards Institute In Italia partecipa ai lavori di IEC, ad esempio: CESI - Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano Le norme redatte dall'iec sono documenti con dettagliate specifiche tecniche, adottate di comune accordo in tutto il mondo fra i paesi membri, quali guide per la realizzazione di prodotti, scelta di materiali, processi o servizi a livello internazionale nel settore elettrotecnico con l'intento comune di migliorare la qualità della vita. Le Norme IEC, redatte in lingua inglese e francese, anticipano le norme CEI che, generalmente, ne sono la traduzione in italiano con alcune modifiche. La Certificazione del Software 14

15 Enti normativi europei CEN Comitato Europeo di Normalizzazione (http://www.cenorm.be/) Il CEN è il comitato europeo responsabile della normalizzazione in tutti i campi, eccetto quello Elettrotecnico (demandato al CENELEC) e quello delle Telecomunicazioni (demandato all'etsi), in ambito Europeo.Il CEN quindi collabora strettamente con i due enti: CENELEC - Comitato Europeo di Normalizzazione Elettrotecnica ETSI - European Telecommunications Standardization Institute Con sede a Bruxelles, solo di recente è divenuto specificatamente coinvolto nelle attività legate all ambiente, mentre per quanto riguarda l attività a livello mondiale il CEN ha stretto un accordo di cooperazione tecnica (Vienna Agreement) con la sua controparte internazionale: ISO - International Organization for standardization Il CEN/CENELEC ha lo scopo di facilitare gli scambi di beni e servizi tra i Paesi membri, armonizzando le rispettive norme nazionali e cooperando con le organizzazioni europee politiche, economiche e scientifiche interessate alla normalizzazione. La Certificazione del Software 15

16 Enti normativi europei CENELEC Comitato Europeo di Normalizzazione Elettrotecnica (http://www.cenelec.org/ Il CENELEC è il comitato europeo di standardizzazione per il settore elettrotecnico e collabora strettamente con il: CEN - Comitato Europeo di Normalizzazione. ETSI - European Telecommunications Standardization Institute Il CENELEC ha lo scopo di facilitare gli scambi di beni e servizi tra i Paesi membri, armonizzando le rispettive norme nazionali e cooperando con le organizzazioni europee politiche, economiche e scientifiche interessate alla normalizzazione elettrotecnica. Il CENELEC emette Norme Europee (EN), Documenti di Armonizzazione (HD) e Norme Europee Sperimentali (ENV). Le Norme Europee (EN) adottate dal CENELEC devono essere introdotte, senza alcuna modifica, dai paesi membri del CENELEC come Norma Nazionale e devono essere ritirate tutte le Norme Nazionali contrastanti. I Documenti di Armonizzazione (HD) devono essere recepiti, con il loro contenuto tecnico, nelle corrispondenti Norme Nazionali oppure eliminando le Norme Nazionali contrastanti. Il CENELEC si avvale largamente dei lavori di: ISO - Organizzazione Internazionale di Normazione IEC - Commissione Elettrotecnica Internazionale La Certificazione del Software 16

17 Enti normativi nazionali UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione (http://www.uni.com/it/) E' un ente italiano di normazione, senza fini di lucro, fondato nel Sono membri dell'uni diverse associazioni fra industriali e commerciali, associazioni di categoria e soci individuali. L'UNI svolge attività di studio, produzione e diffusione di norme tecniche, nonché attività di certificazione. Con il Decreto del Presidente della Repubblica n 1522 del 1955, l'uni assume personalità giuridica. Con Legge n 317 del 1983 (Direttiva Comunitaria CE 83/189) l'uni viene preposto quale unico organismo nazionale in grado di emanare norme tecniche per tutti i settori merceologici (escluso il settore elettrotecnico ed elettronico, incarico demandato al CEI). L'UNI ha un proprio "Settore di Certificazione" per la certificazione di prodotto accreditato SINCERT. L'attività di certificazione è rivolta in special modo al settore della sicurezza del lavoro. UNI è membro del: ISO - International Organization for Standardization CEN - Comitato Europeo di Normalizzazione CESI - Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano La Certificazione del Software 17

18 Enti normativi nazionali CEI Comitato Elettrotecnico Italiano (1/2) (http://www.ceiuni.i Costituito nel 1909, il CEI è l'ente italiano che si occupa di normativa e di unificazione nel settore elettrotecnico ed elettronico a livello nazionale. Ha il compito, quale unico organismo nazionale competente, di stabilire i requisiti di sicurezza che devono avere i materiali, le macchine, le apparecchiature, gli impianti elettrici e i criteri per realizzare tali requisiti (Direttiva CE 83/189, recepita dalla Legge n 317 del 1983). Con il Decreto Presidente della Repubblica dell' 11 luglio 1967 n.822 il CEI è stato riconosciuto come associazione privata con personalità giuridica. Lo statuto del CEI è stato approvato, nella versione definitiva, con il Decreto Presidente della Repubblica del 9 settembre 1972 n.837. Soci Promotori: AEI - Associazione Elettrotecnica Italiana ENEL - Ente Nazionale per l'energia Elettrica ANIE - Associazione Nazionale Industrie Elettrotecniche ed Elettroniche Soci Di diritto: CNR - Consiglio Nazionale delle Ricerche vari Ministeri La Certificazione del Software 18

19 Enti normativi nazionali CEI Comitato Elettrotecnico Italiano (2/2) Il contrassegno CEI viene applicato ai prodotti ammessi dal Consiglio del CEI sotto la piena responsabilità del costruttore. Tale contrassegno indica che il prodotto risponde alle norme CEI corrispondenti. Il contrassegno CEI può essere apposto sugli apparecchi non compresi nell'elenco degli apparecchi ammessi al regime dell'istituto del Marchio di Qualità Italiano (IMQ). Il CEI è suddiviso in appositi comitati tecnici ed emette norme tecniche e tabelle dimensionali nel settore elettrico in base ad una convenzione con il CNR. Riconosciuto dallo stato quale organismo normalizzatore, è stato segnalato in tal senso agli altri paesi della Comunità con Decreto Ministeriale 15 dicembre Il CEI è il comitato nazionale che rappresenta l'italia in sede internazionale: IEC - Comitato Elettrotecnico Internazionale CENELEC - Comitato Europeo di Normalizzazione Elettrotecnica CEE - Comunità Economica Europea La Certificazione del Software 19

20 Chi accredita SINCERT Sistema Nazionale per l'accreditamento degli Organismi di Certificazione (http://www.sincert.com) ' una associazione italiana di Accreditamento degli Organismi di Certificazione di prodotti, di istemi di qualità aziendali e di personale. pera senza fini di lucro. Il SINCERT nasce su iniziativa di: UNI - Ente Nazionale Italiano di Unificazione CEI - Comitato Elettrotecnico Italiano e con il patrocinio di: Ministero dell'industria, del Commercio e dell'artigianato CNR - Consiglio Nazionale delle Ricerche ENEA - Ente per le Nuove Tecnologie, l'energia e l'ambiente Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura SINCERT è membro di: EAC - European Accreditation for Certification IAF - International Accreditation Forum La Certificazione del Software 20

21 Chi accredita SINAL Sistema Nazionale di Accreditamento dei Laboratori (www.sinal.it) Il SINAL è una associazione senza fini di lucro per l'accreditamento dei laboratori di prova. Costituita nel 1988 dal CEI e UNI, ha il patrocinio del Ministero dell'industria, Commercio e Artigianato Svolge le attività di accreditamento dei laboratori secondo le procedure stabilite dalle norme della serie UNI CEI EN Per essere accreditato SINAL un laboratorio di prova deve : garantire il riferimento metrologico; garantire l'affidabilità e la riproducibilità delle procedure impiegate; garantire dotazione adeguata di strumentazione, personale competente, ente, giudizio tecnico imparziale. garantire permanenza nel tempo delle condizioni che hanno consentito l'accreditamento Il SINAL fa parte dell'associazione: EAL - European Cooperation for Accreditation of Laboratories che raccoglie in ambito Europeo gli Enti di Accreditamento di : Laboratori (come il SINAL) e Centri di Taratura (fra cui l'italiano SIT) La Certificazione del Software 21

22 Chi certifica IQNet International Quality System Assessment and Certification Network (http://www.iqnet-certification.com/) L' IQNet è un accordo fra Organismi Certificatori a livello Internazionale, ciascuno leader nel sistema di certificazione della qualità nella propria area di interesse, per il mutuo riconoscimento delle certificazioni dei Sistemi Qualità di enti e delle Aziende. AENOR - Spagna AFAQ - Francia AIB - Belgio APCER - Portogallo BSI - Gran Bretagna CISQ - Italia CQS - Repubblica Ceca DQS - Germania DS - Danimarca ELOT -Grecia FCAV -Brasile ICONTEC - Colombia IRAM - Argentina JQA - Giappone KEMA - Olanda KSA-QA - Corea MSZT - Ungheria NCS - Norvegia NSAI - Irlanda ÖQS -Austria PCBC - Polonia PSB - Singapore QAS - Australia QMI - Canada SFS - Finlandia SII - Israele SIQ - Slovenia SIS - Svezia SQS - Svizzera La Certificazione del Software 22

23 Chi certifica CISQ Certificazione Italiana dei Sistemi di Qualità. (http://www.cisq.com/) Il CISQ è una Federazione sovra-settoriale, indipendente e senza scopo di lucro, di enti italiani di certificazione dei Sistemi Qualità aziendali, operanti ciascuno nei settori di propria competenza CERTICHIM - Istituto di Certificazione della Qualità per l'industria Chimica. ICILA - Istituto per la Certificazione di Qualità per le Industrie del Legno e dell'arredamento. ICIM - Istituto di Certificazione Industriale per la Meccanica ICMQ - Istituto Certificazione e Marchio Qualità per Prodotti e Servizi per le Costruzioni. IGQ - Istituto Italiano di Garanzia della Qualità per i Prodotti Metallurgici. IIP-SQP - Istituto Italiano dei Plastici. CSQ-IMQ - Istituto Italiano del Marchio di Qualità. RINA - Registro Navale Italiano CERTITEX (RITA) - Associazione per la Ricerca e l'innovazione nel settore Tessile e Abbigliamento. CISQ-CERT - Federazione di Certificazione Italiana Sistemi Qualità Aziendali (Per tutti quei settori non coperti dai precedenti). La Certificazione del Software 23

24 Chi certifica IMQ Istituto Italiano del Marchio di Qualità (http://www.imq.it) IMQ è la società italiana di prove e certificazioni per la sicurezza e la qualità di prodotti e aziende. Sorta nel 1951 per volere dei principali organi scientifici e tecnici nazionali, da più di 50 anni si occupa di verificare e certificare la non pericolosità dei materiali e degli apparecchi elettrici e a gas, autorizzando l'uso del marchio IMQ solo a quelli che risultano pienamente in regola con le norme di sicurezza e affidabilità. Dal 1988 IMQ gestisce anche il CSQ, un sistema di certificazione dei sistemi di gestione aziendale che l'ha portata a confermare il suo ruolo strategico anche in ambito europeo e internazionale. Tali riconoscimenti da parte dell'amministrazione Pubblica nei diversi settori, affidano all'imq il compito di svolgere delle attività di valutazione della conformità ai sensi di atti legislativi nazionali anche in recepimento di direttive comunitarie. L'IMQ è ente di certificazione accreditato dal SINCERT quale ente certificatore sia di prodotto sia di sistema qualità delle aziende. Il laboratorio di prova è accreditato dal SINAL (Sistema Nazionale di Accreditamento dei Laboratori) e relativamente alle prove di compatibilità elettromagnetica, dal Ministero delle comunicazioni. La Certificazione del Software 24

25 Det Norske Veritas Chi certifica (http://www.dnv.it/) Grazie alla partecipazione degli Enti di Accreditamento nazionali ad Organizzazioni internazionali quali EA (European Cooperation for Accreditation) a livello europeo e IAF (International Accreditation Forum) a livello internazionale e alla sottoscrizione degli Accordi di Mutuo Riconoscimento (MLA) gestiti da tali Organizzazioni, le certificazioni rilasciate da Organismi accreditati da Enti di Accreditamento firmatari degli Accordi MLA risultano valide e credibili, nonché fra loro equivalenti, e come tali universalmente accettate e riconosciute, in quanto emesse in un contesto di regole e procedure uniformate. Anche per mezzo di questi meccanismi, DNV Italia ha ottenuto i seguenti accreditamenti: Sistemi di gestione qualità Ambiente Sicurezza sul lavoro Responsabilità sociale Agroalimentare Sicurezza delle informazioni Certificazione di prodotto Cambiamenti climatici La Certificazione del Software 25

26 Chi certifica TÜV Italia TUV Rheinland Italia (http://www.tuv.it/) (http://www.tuvitalia.com/hp.asp) TÜV Italia è un ente indipendente di certificazione ed ispezione presente in Italia dal 1987 appartenente al gruppo TÜV Süddeutschland (Monaco) È accreditato per i settori: Automotive Sanità e medicale Certificazione di sistema e di prodotto Marcatura CE Ispezione e certificazione industriale Formazione Laboratori TUV Rheinland (Colonia) ha caratteristiche generali e accreditamenti simili. Inoltre è notified body per la certificazione di sistemi ferroviari in sicurezza nella maggior parte delle nazioni europee. La qualifica di notified body costituisce l equivalente dell accreditamento in questo campo applicativo ed è rilasciata dai Ministeri dei Trasporti nazionali o Enti da essi delegati. La Certificazione del Software 26

27 Chi certifica RINA S.p.A. (http://www.rina.it/) è la società per azioni creata nel corso del 1999 dal Registro Italiano Navale, e che ne rappresenta il braccio operativo nel settore della classificazione navale, certificazione, controllo e servizi per l industria, formazione, assistenza e ricerca. Il RINA è membro del CISQ (Certificazione Italiana Sistemi Qualità) ed aderisce all accordo internazionale IQNet. E un organismo accreditato dal SINCERT nei più svariati settori merceologici per gli schemi di certificazione di Sistemi di gestione (Qualità, Ambiente, Sicurezza, Automotive, Saldatura), di Prodotti e di Persone. I servizi di certificazione che il RINA riguardano i Sistemi di gestione di Qualità (norme di riferimento serie ISO 9000/AVSQ 94 e QS 9000/EN 729), i Sistemi di gestione ambientale (norme di riferimento ISO ed EMAS), i Sistemi di Gestione sicurezza e salute (norma di riferimento BS 8800). RINA SpA ha ottenuto il riconoscimento dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (pubblicato sulla G.U. n 207 del 4 settembre 2002 e notificato alla Commissione Europea), quale organismo idoneo a svolgere attività nel settore ferroviario, ai sensi del D.L. 299/2001 "Attuazione della direttiva 96/48/CE relativa all Interoperabilità del Sistema Ferroviario Transeuropeo ad Alta Velocità. La Certificazione del Software 27

28 Chi certifica Marcatura CE : autocertificazione del produttore A partire dal 1 Gennaio 1996 per i prodotti soggetti alla Direttiva 89/336/CEE (Compatibilità elettromagnetica) e dal 1 Gennaio 1997 per i prodotti soggetti alla Legge 18 Ottobre 1977 n 791 (Direttiva 73/23/CEE, meglio conosciuta come Direttiva Bassa Tensione) deve essere applicata la marcatura amministrativa CE. La marcatura CE, indispensabile per la libera circolazione del prodotto nella Comunità Europea, deve essere apposta sul prodotto o, qualora non possibile, sulla confezione o sul foglio di istruzioni e costituisce una dichiarazione di conformità del prodotto alla direttiva CEE di riferimento rilasciata dal produttore. Per l esecuzione delle prove il produttore deve comunque coinvolgere un laboratorio accreditato dal SINAL La Certificazione del Software 28

29 La Certificazione del Software Caratteristiche peculiari del Software Il software non e tangibile Il software e sviluppato, non costruito (es: scheda hardware) Il software non si consuma Il software si replica a costo praticamente nullo Il software è legato ad una piattaforma, ovvero ad una scheda Hardware con, eventualmente, un Sistema Operativo La Certificazione del Software 29

30 La Certificazione del Software Processo Hardware e Processo Software Processo Hardware Definito il progetto, ed il processo di produzione, si può delegare la produzione a strutture esterne senza influenzarne il risultato I parametri e le tecniche usate per descrivere un prodotto sono consolidate affidabili ed efficaci Sono possibili economie di scala Processo Software A partire da una specifica comune, la realizzazione da diversi soggetti, porta alla realizzazione di prodotti totalmente diversi La descrizione delle caratteristiche funzionali e di qualità del prodotto rimane un problema aperto. Le tecniche usate sono in evoluzione continua Non è distinguibile la produzione su larga scala da quella su piccola scala Sono necessari continue revisioni ed aggiornamenti non comparabili con prodotti tradizionali La Certificazione del Software 30

31 Approccio ingegneristico La Certificazione del Software Definizione IEEE di ingegneria: L applicazione di un approccio sistematico, disciplinato, quantificabile a strutture, macchine, sistemi, processi. Institute of Electrical and Electronics Engineers STATI UNITI (http://www.ieee.org) L ingegneria mette in pratica la conoscenza scientifica accumulata per fornire tecniche volte alla soddisfazione del cliente al minimo costo ed entro i limiti di tempo previsti. Soddisfacimento del cliente = Qualità del prodotto (Quality in Use - ISO-9126) La qualità del prodotto puo essere specificata e stimata usando i modelli di qualità. La Certificazione del Software 31

32 La Certificazione del Software Gli Standards ed il Software ISO 9001:2000 Quality Management System: Requirements ISO 9126:1998 Software engineering Product Qualtiy (Quality models and metrics) ISO/TR 15504:1998 Software Process Assessment Standards di processo: Standards internazionali (ISO) Standards militari (DOD-STD) 2167A Standards professionali (IEEE) 1074 Standards di organizzazioni (i.e. ECSS, PSS-05, CENELEC) Standards nazionali Gli standards di processo indicano le attività da svolgere, i documenti da produrre, la loro struttura e le linee guida per un loro adattamento al progetto. La Certificazione del Software 32

33 Misurare la Qualità del Software Valutazione della qualità per mezzo di caratteristiche standardizzate Caratteristiche in ISO 9126: Funzionalità Manutenibilità Efficienza Portabilità Usabilità Affidabilità Portabilità Manutenibilità Funzionalità Affidabilità Usabilità Efficienza La Certificazione del Software 33

34 Misurare la Qualità del Software Le caratteristiche ISO 9126 (1/3) Funzionalità, Manutenibilità, Efficienza, Portabilità, Usabilità, Affidabilità Esistono sotto-caratteristiche, metriche per misurarle e criteri per combinarle e dare un valore alle caratteristiche => LOGISCOPE Ad esempio una sotto-caratteristica misurabile è il rapporto linee di codice / linee di commento.. Ha effetto su manutenibilità, portabilità, usabilità. Questa metrica può essere facilmente ottenuta mediante un tool automatico che analizza il testo dei sorgenti MA un tool non potrà distinguere tra commenti privi di senso e commenti menti ben strutturati che aiutano a comprendere il funzionamento del softwares È necessario un processo di verifica che valuta il contenuto informativo dei commenti, la loro strutturazione, la loro efficienza. enza. Questo processo ad oggi non è automatizzabile La Certificazione del Software 34

35 Misurare la Qualità del Software Le caratteristiche ISO 9126 (2/3) Funzionalità, Manutenibilità, Efficienza, Portabilità, Usabilità, Affidabilità Lo stile di programmazione (coding standards) ha effetto su tutte e le caratteristiche Include concetti come Evitare l uso di costrutti pericolosi del linguaggio Limitare il numero di parametri dei sottoprogrammi Limitare la complessità dei costrutti iterativi e condizionali MA lo stile di programmazione deve essere pianificato a monte dello sviluppo per mediare tempi e costi con la qualità richiesta È necessario un processo di pianificazione che stabilisce regole di progetto e sviluppo e un processo di verifica che ne conferma l uso La Certificazione del Software 35

36 Misurare la Qualità del Software Le caratteristiche ISO 9126 (3/3) Funzionalità, Manutenibilità, Efficienza, Portabilità, Usabilità, Affidabilità I test cui viene sottoposto il software ne misurano funzionalità, efficienza, usabilità, affidabilità MA il risultato non è un valore indiscutibile, occorre verificare, in modo non automatizzabile, che i test coprono tutti i requisiti espliciti, i, impliciti e cogenti Metriche come la copertura del codice misurano la qualità del processo di test, non quella del software, tuttavia, migliore è la batteria dei test, migliore è il software una volta che li ha superati con successo In ciascuno dei casi esaminati quello che effettivamente si riesce a dimostrare è la qualità del processo di sviluppo,, mentre la qualità del software ne è una conseguenza. Indispensabile una verifica di ciascuna delle attività coinvolte. La Certificazione del Software 36

37 Processi di sviluppo per il Software Migliorare il processo per migliorare il prodotto Migliorare la qualità e la produttività agendo sul processo piuttosto che sul prodotto. Si focalizza su: Definizione dei processi Procedure Metodi Strumenti Controllo tramite misure Standard di riferimento : ISO 12207:1995 Software life cycle processes La Certificazione del Software 37

38 I processi ISO Processi di sviluppo per il Software Processi Primari Acquisizione Fornitura Processi di Supporto Documentazione Gestione Configurazione Assicurazione Qualità ISO definisce i processi, ma non il ciclo di vita come successione di fasi Sviluppo Accettazione/ Operazione Verifica Validazione Riesami Manutenzione Ispezioni Gestione Non-Conformità Gestione Processi organizzativi Infrastruttura Miglioramento Addestramento La Certificazione del Software 38

39 Processi e Fasi Processi di sviluppo per il Software Processo: Una pianificata serie di azioni al fine di produrre un risultato. Un processo ha sempre un input ed un output Fase: insieme di processi allocati nel tempo (pianificati). Processo (si svolge completamente in una fase) Ore di lavoro Fase Processo (si svolge a cavallo di più fasi) Tempo La Certificazione del Software 39

40 Processi di sviluppo per il Software Ciclo di vita modello sequenziale (a cascata) La Certificazione del Software 40

41 Processi di sviluppo per il Software Ciclo di vita modelli incrementali Viene ripetuto l intero sviluppo Analisi ed architettura non sono ripetute La Certificazione del Software 41

42 Processi di sviluppo per il Software Ciclo di vita modello a spirale La Certificazione del Software 42

43 Processi di sviluppo per il Software Ciclo di vita modello a V Sviluppo del Sistema Manutenzione del Software Accettazione del Software Specifica dei Requisiti Software Architettura Software Validazione del Software Integrazione Software/Hardware Integrazione del Software Progettazione dei Moduli Software Test dei Moduli Software Codifica La Certificazione del Software 43

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA...1 a) I principi di gestione della qualità evidenziati dalla Vision 2000...2 b) I principali cambiamenti introdotti dalla Vision 2000...4 c) Il processo di certificazione...5

Dettagli

La Direttiva Macchine

La Direttiva Macchine La Direttiva Macchine Enti, Norme, Presupposti Il Quadro Normativo Presupposto fondamentale: distinguere subito ed in modo preciso le due grandi famiglie di Norme di riferimento. Le Norme Legislative Le

Dettagli

Sistemi Qualità e normativa

Sistemi Qualità e normativa Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi B2_1 V2.1 Sistemi Qualità e normativa Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XII COMMISSIONE IGIENE E SANITÀ AUDIZIONE INFORMALE A. S. 1611 DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ FUNERARIE 15 SETTEMBRE 2015 pag.: 1/6 ACCREDIA ACCREDIA è l'ente Unico Nazionale di Accreditamento,

Dettagli

LE NORME E LA CERTIFICAZIONE

LE NORME E LA CERTIFICAZIONE LE NORME E LA CERTIFICAZIONE Introduzione alla Qualità 1 DEFINIZIONE DI NORMA Documento, prodotto mediante consenso ed approvato da un organismo riconosciuto, che fornisce, per usi comuni e ripetuti, regole,

Dettagli

Sistemi Qualità e normativa

Sistemi Qualità e normativa Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi B2_1 V3.0 Sistemi Qualità e normativa Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Management e Certificazione della Qualità

Management e Certificazione della Qualità Management e Certificazione della Qualità Prof. Alessandro Ruggieri A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Certificazione: normazione e accreditamento terminologia e concetti ISO 9001:2008 Introduzione e

Dettagli

ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE NORME?

ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE NORME? Le norme volontarie sono emesse da Enti di Normazione, questi sono nazionali o europei: ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI DI QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE

LE CERTIFICAZIONI DI QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE LE CERTIFICAZIONI DI QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE 1 L'obbedienza da parte di un produttore, agli standard fissati dalle norme volontarie viene garantita e certificata attraverso una: Certificazione

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

I sistemi di gestione: modelli e certificazioni

I sistemi di gestione: modelli e certificazioni I sistemi di gestione: modelli e certificazioni Ing. Fulvio Mete Premessa Vedremo assieme un breve excursus circa i sistemi di gestione Argomenti tratti dall articolo La certificazione dei Sistemi di Gestione.

Dettagli

Linea Guida. Termini e Definizioni

Linea Guida. Termini e Definizioni Istituto Meridiana S.r.l. Linea Guida 03 Linea Guida Termini e Definizioni 2 27.02.12 Rilievo Accredia e adeguamento normativo RQ RQ CT 1 10.11.11 Prima Emissione RQ RQ DG Em. Data Descrizione Redazione

Dettagli

LE NORME DELLA SERIE EN 45000

LE NORME DELLA SERIE EN 45000 LE NORME DELLA SERIE EN 45000 Le EN 45000 riguardano il processo di accreditamento di: laboratori di prova; organismi di accreditamento dei laboratori di prova; organismi di certificazione di prodotto;

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

Sistemi di certificazione e accreditamento

Sistemi di certificazione e accreditamento Sistemi di certificazione e accreditamento Beniamino Cenci Goga L accreditamento riduce i rischi delle imprese e dei clienti poiché garantisce che gli organismi accreditati sono in grado di portare a termine

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Il controllo di qualità nei progetti informatici

Il controllo di qualità nei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software Il controllo di qualità nei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Qualità

Dettagli

Normativa tecnica e marcatura CE. Sommario. Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni

Normativa tecnica e marcatura CE. Sommario. Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni Normativa tecnica e marcatura CE Sommario Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni 1 Documenti Normativi Finalità ed Uso Finalità Definire lo Stato dell Arte nei rispettivi settori di competenza

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001 Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 Sommario Come è nata la EN 9100 Gli Standard Aerospaziali Emessi In studio La Norma EN 9100 - I

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

QUALITA DEL DATO E ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI DI ECOTOSSICOLOGIA

QUALITA DEL DATO E ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI DI ECOTOSSICOLOGIA QUALITA DEL DATO E ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI DI ECOTOSSICOLOGIA 1 REQUISITI ISO/IEC17025 E ACCREDIA RIFERIBILITA DELLE MISURE REQUISITI COGENTI QUALITA DEL DATO METODO DI PROVA CONFRONTI INTERLABORATORIO

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze 1 Focus sulla Certificazione Organismi di certificazione Certificazione personale Certificazione

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN)

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 1 di 11 NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 2 di 11 Indice 1.0 PREMESSA... 3 2.0 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 3.0 DEFINIZIONI... 3 4.0 DOCUMENTI

Dettagli

LA NORMAZIONE COGENTE E QUELLA VOLONTARIA NELL INGEGNERIA INDUSTRIALE

LA NORMAZIONE COGENTE E QUELLA VOLONTARIA NELL INGEGNERIA INDUSTRIALE Seminari di preparazione all Esame di Stato per Ingegneri - Sessioni 2007 LA NORMAZIONE COGENTE E QUELLA VOLONTARIA NELL INGEGNERIA INDUSTRIALE Relatore Ing. Elio Candussi - Gorizia Udine, 10 maggio 2007

Dettagli

TÜV Italia s.r.l. - TÜV SÜD Group

TÜV Italia s.r.l. - TÜV SÜD Group 1 di 7 INDICE 1. Scopo ed entrata in vigore 2. Campo di applicazione 3. Termini e definizioni 4. Responsabilità 5. Controllo del regolamento 6. Iter di certificazione 6.1 Generalità 6.2 Modalità di svolgimento

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO DEL SOFTWARE BM-33T

PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO DEL SOFTWARE BM-33T Proc. 23 Pag. 1 di 8 PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO DEL SOFTWARE BM-33T 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme e leggi di riferimento... 2 3.2.

Dettagli

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software Giuseppe Santucci Qualità nella Produzione del Software 03 Revisione del contratto (Contract review) & Piani di sviluppo e qualità (Development and quality plans) 03CR&DQP.1 Contract review? Una cattiva

Dettagli

ACCREDIA SINCERT E SINAL in cammino verso l Ente unico di accreditamento italiano (Regolamento CE 765/08)

ACCREDIA SINCERT E SINAL in cammino verso l Ente unico di accreditamento italiano (Regolamento CE 765/08) SINCERT E SINAL in cammino verso l Ente unico di accreditamento italiano (Regolamento CE 765/08) I protagonisti SINAL 1988 SINAL accredita i Laboratori competenti per qualsiasi tipo di prova. E stato costituito

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete

ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete I dispositivi di interfaccia con la rete ENEL di distribuzione in bassa tensione devono essere sottoposti ad una procedura di approvazione.

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici Prof. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Le Basi

Dettagli

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005)

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005) La Qualità secondo ISO Qualità è l insieme delle proprietà e delle caratteristiche di un prodotto o di un servizio che conferiscono ad esso la capacità di soddisfare esigenze espresse o implicite (UNI

Dettagli

IRIS International Railway Industry Standard

IRIS International Railway Industry Standard Italiano Appendice, 19 Giugno 2008 IRIS International Railway Industry Standard Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Principali Processi Applicativi per lo Sviluppo e Commercializzazione di Dispositivi Medici - Seminario Gruppo di Lavoro Dispositivi Medici Auditorium Bayer

Dettagli

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI -CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI Norma ISO 9001 e sue applicazioni Iter di certificazione e sistema di accreditamento Sistemi

Dettagli

Tecnoteam. Servizi integrati per l organizzazione aziendale

Tecnoteam. Servizi integrati per l organizzazione aziendale Tecnoteam Servizi integrati per l organizzazione aziendale 1 La Tecnoteam in breve Data di nascita: gennaio 1994 Soci: 2 Consulenti: 18 Attività principali della nostra Società: PROGETTAZIONE ED EROGAZIONE

Dettagli

Sistema Edificio Seminario CAM - "Edilizia"

Sistema Edificio Seminario CAM - Edilizia Sistema Edificio Seminario CAM - "Edilizia" Ing. Roberto Garbuglio Coordinatore Operativo ICMQ Spa Roma 21 settembre 2012 presso il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Chi

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO

MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO 25/02/2011 Pag. 1 di 6 MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

Camera dei Deputati. Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici. Audizione

Camera dei Deputati. Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici. Audizione Camera dei Deputati Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici Audizione Schema di decreto legislativo concernente modifiche ed integrazioni del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 155, recante

Dettagli

ADVANCE SAN MARINO. Ovvero FARE SQUADRA PER MIGLIORARE

ADVANCE SAN MARINO. Ovvero FARE SQUADRA PER MIGLIORARE ADVANCE SAN MARINO Ovvero FARE SQUADRA PER MIGLIORARE Progetto interdipartimentale della Segreteria di Stato per l Industria, Segreteria di Stato per il Turismo, Segreteria di Stato per il Territorio In

Dettagli

TÜVRheinland Italia. www.tuvitalia.com. La certificazione a supporto del Modello Organizzativo 231/2001

TÜVRheinland Italia. www.tuvitalia.com. La certificazione a supporto del Modello Organizzativo 231/2001 TÜVRheinland Italia www.tuvitalia.com La certificazione a supporto del Modello Organizzativo 231/2001 TÜVRheinland - la Mission TÜVRheinland assicura innovazione combinata in perfetta armonia tra l uomo,

Dettagli

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da PROCEDURA PR.07/03 Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE NUMERO REVISIONE DATA Emesso da DT Fabio 0 15/07/03 Matteucci 1 22/12/03 Fabio Matteucci 2 Verificato da Rappresentante della Direzione

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Requisiti sulla qualità del software secondo lo standard ISO/IEC 25010

Requisiti sulla qualità del software secondo lo standard ISO/IEC 25010 1. Premessa. Requisiti sulla qualità del software secondo lo standard ISO/IEC 25010 Domenico Natale AB Medica Versione 1 Riunione delle Commissione UNINFO Informatica Medica Milano, 30 settembre 2013 La

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI rev. 02 Data: 30-09-2009 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico

Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico relativo alle certificazioni di prodotto agroalimentare di cui al Regolamento per il rilascio del Certificato di Conformità del prodotto agroalimentare

Dettagli

Ciclo di vita del software

Ciclo di vita del software Ciclo di vita del software Nel corso degli anni, nel passaggio dalla visione artigianale alla visione industriale del software, si è compreso che il processo andava formalizzato attraverso: un insieme

Dettagli

FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA

FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA DE TALI s.n.c. Di Tali R. & Tizio F. Via per Dovado, 95/A 790344 Vattelapesca (ZZ) SEZ. 1 Redatto Consulente

Dettagli

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA MODULI DI CONFORMITA DIRETTIVA 97/23/EC del 29/05/1997 MODULO A (Controllo di fabbricazione interno) Nell ambito di questa procedura il fabbricante si accerta e dichiara che le attrezzature a pressione

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

Calendario Corsi 2013

Calendario Corsi 2013 Calendario Corsi 2013 Calendario Corsi - rev. 17/12/2012 CORSI QUALIFICATI Non cliente Cliente MB29 MB30 AS30 AS31 AS29 AS SN5 Modulo base Auditor/Responsabili Gruppo di Audit (16 ore) (Corso propedeutico

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 1.0 Scopo e campo di applicazione Lo scopo della procedura è quello di definire le principali attività svolte dall Organizzazione per garantire l'affidabilità degli approvvigionamenti

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ISPEZIONE SULL ESECUZIONE DELLE OPERE Mod. TEC-11

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ISPEZIONE SULL ESECUZIONE DELLE OPERE Mod. TEC-11 pag. 1 di 9 Pag.1 di 9 INDICE 1 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 2 PROCEDURE DI ISPEZIONE 2 2.1 CLASSIFICAZIONE DELLE CRITICITÀ... 3 2.2 IMPOSTAZIONE DELL ATTIVITÀ DI VERIFICA... 4 2.3 VERIFICA DOCUMENTALE... 4

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta, la soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità, Ambiente e Sicurezza fortemente integrato è in grado di garantire l efficacia

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 2.0 REQUISITI GENERALI E DESCRIZIONE DEI PROSSI Groupservice ha stabilito, attuato e documentato un Sistema Gestione Qualità mantenendone l'aggiornamento e verificandone costantemente l'efficacia, nell'ottica

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE

GESTIONE DELLA PRODUZIONE 25/02/2011 Pag. 1 di 5 GESTIONE DELLA PRODUZIONE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 1 2 REGOLE PARTICOLARI CERTIFICAZIONE IN ACCORDO Alle norme EN 9100 EN 9110 EN 9120... 1

1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 1 2 REGOLE PARTICOLARI CERTIFICAZIONE IN ACCORDO Alle norme EN 9100 EN 9110 EN 9120... 1 1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 1 2 REGOLE PARTICOLARI CERTIFICAZIONE IN ACCORDO Alle norme EN 9100 EN 9110 EN 9120... 1 1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente documento costituisce il Regolamento

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Certificazione. Certificazione e accreditamento. Tipi di certificazione. Iter di certificazione. Iter di certificazione

Certificazione. Certificazione e accreditamento. Tipi di certificazione. Iter di certificazione. Iter di certificazione Certificazione Certificazione e accreditamento L'Organismo di Certificazione (spesso abbreviato con OdC) è una società che certifica la conformità dei sistemi di gestione o dei prodotti a specifiche norme

Dettagli

TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI

TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI Rev.0 Data 10.10.2002 TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI Indice: 1.0 SCOPO 2.0 CAMPO DI APPLICAZIONE 3.0 RIFERIMENTI E DEFINIZIONI 4.0 RESPONSABILITÀ 5.0 MODALITÀ ESECUTIVE 6.0 ARCHIVIAZIONE 7.0

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS

Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS a cura di Francesco Botte Delta Consulting S.a.S. w w w. d e l t a c o n s u l t i n g f e l t r e. e u aprile 2010 Indice Il PiMUS 3 La persona

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Nadia Geranio, Leonardo Merlini, Olga Moretti Il primo obiettivo di

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

!" # $ % # "!& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n..

! # $ % # !& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. Pagina 1 di 13 Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DELLA VISITA DI VALUTAZIONE DEI LABORATORI CHE DEVONO ESSERE AUTORIZZATI ALL ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI SPECIFICI... 2 3. ITER DI EMISSIONE ESAME CE DI TIPO...

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 In vigore dal 17 Marzo 2010 RINA SERVICES S.p.A. Società coordinata dal Socio unico RINA S.p.A. Via Corsica 12 16128 Genova

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI

PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI OBIETTIVI 1. Descrivere approcci e attività tipiche per pianificare e impostare il progetto di un S.I. 2. Identificare problemi chiave 3. Illustrare alcuni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA QUALITA 1 di 11 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI FORNITURE DI PRODOTTI SULLA BASE DI DOCUMENTI DI PIANIFICAZIONE DELLA Parte PARTE I I.1 PREMESSA Titolo I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE

Dettagli