Certificazione Software e CENELEC nella pratica aziendale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Certificazione Software e CENELEC nella pratica aziendale"

Transcript

1 Certificazione Software e CENELEC nella pratica aziendale Parte I 1/2 Febbraio 2005 Presentazione relatore e azienda La Certificazione qualità, processo, prodotto La Certificazione del Software Misurare la Qualità del Software Processi di sviluppo per il Software Software certificabile Parte II 1/2 Marzo 2005 Ingegneria della Sicurezza Sistemi in sicurezza Il Software nel ciclo di vita di Sistema Il Software e la sicurezza Meccanismi di sicurezza realizzati dal software La Certificazione del Software 1

2 Relatore : coordinate Alessandro Paganone Safety e V&V Tel La Certificazione del Software 2

3 Relatore : esperienze demanding Requirements Functionality Commanding, Control,... Interfaces Embedded systems Resources CPU and memory budgets Management Planning, Monitoring,... Space Defence advanced Technology Tools C. A. S. E. Languages High-level languages (C, Ada, ) Infrastructures Simulators, Emulators Methods Analysis, Design,... Principles Modularity, Abstraction,... Techniques Modelling Software Engineering Transports La Certificazione del Software 3

4 Relatore : azienda Elettromeccanica CM Fondata nel 1956 Primi rapporti con FS nel 1966 Clienti principali : RFI, Ansaldo, Alstom, Bombardier, Arsenale MM La Spezia; Arsenale MM - Taranto Certificazione ISO 9001 dal 1997 progettazione, produzione, installazione, assistenza per: Apparati per alimentazione elettrica degli impianti di sicurezza e segnalamento ferroviario Dispositivi in sicurezza intrinseca per apparati ferroviari Sistemi di telecomando, telegestione e diagnostica Q La Certificazione del Software 4

5 Definizione di Certificazione Definizione secondo la terminologia adottata da SINCERT Certificazione: attestazione, rilasciata da un organismo accreditato, atta ad assicurare, con un livello di confidenza precisamente definito, la conformità a requisiti prefissati di un determinato prodotto, servizio, processo, sistema di qualità o personale. Certificazione di qualità Certificazione funzionale Certificazione di sicurezza La Certificazione del Software 5

6 Ruolo della Certificazione Entità coinvolte nel caso più generale Cliente/Gestore azienda, ente, industria o privato che usufruisce del prodotto o servizio oppure lo gestisce Autorità d Approvazione l ente certificatore o chi da esso designato Fornitore l azienda o l industria fornitrice del prodotto o del servizio La Certificazione del Software 6

7 Cosa si certifica Certificazione personale Attestazione dell attitudine ed esperienza personale Il rapporto cliente/fornitore comprende anche il caso datore di lavoro/dipendente. Titoli di studio, master, corsi di formazione. Nel caso di formazione finanziata esistono precise procedure di accreditamento degli enti che erogano i corsi. Titoli rilasciati da organizzazioni professionali. Attestazioni professionali come l attestato di Programmatore Certificato Microsoft. Standard di fatto nel mondo del lavoro. La Certificazione del Software 7

8 Cosa si certifica Certificazione del Sistema di Qualità Esiste un organismo nazionale di accreditamento degli enti certificatori: SINCERT Si certifica che il Sistema di Qualità di una organizzazione (industria, azienda, ente) è conforme ai requisiti di una normativa di riferimento, generalmente ISO 9001:2000 La certificazione, in particolare, vale per ben determinati campi applicativi. Attesta che esistono e sono conformi alla normativa tutti i processi aziendali di riferimento per la progettazione e la produzione. I campi applicativi comprendono, ad esempio, anche il progetto, la produzione e la manutenzione di sistemi software Le attività di V&V indipendente sul software La Certificazione del Software 8

9 Cosa si certifica Esempi di Certificazione del Sistema di Qualità La Certificazione del Software 9

10 Cosa si certifica Esempi di Certificazione del Sistema di Qualità Progettazione, produzione, installazione, assistenza apparati per r alimentazione elettrica degli impianti di sicurezza e segnalamento ferroviario. Dispositivi ivi in sicurezza intrinseca per apparati ferroviari. Sistemi di telecomando, telegestione e diagnostica La Certificazione del Software 10

11 Cosa si certifica Certificazione di prodotto misura "sostanziale" della qualità di prodotto tramite una certificazione, mirata a stabilire che il prodotto, operante in un ambiente operativo ben definito, risulti conforme rispetto alla specifica dei requisiti, spesso con particolare riguardo a requisiti ritenuti importanti per quella classe di prodotti es. requisiti di sicurezza (safety) Certificazione da parte di un ente terzo, es. marchio IMQ Auto certificazione del produttore, es marchio CE La certificazione si appoggia sulle normative di settore La Certificazione del Software 11

12 Cosa si certifica Certificazione di processo (Certificazione rispetto a norme di processo) Misura "formale" della qualità del prodotto tramite una certificazione mirante a stabilire che il processo di sviluppo ed il processo di verifica e validazione (riesami, test, etc.) sono svolti secondo modalità, attività, tecniche e misure conformi ai requisiti della norma di riferimento. Es. omologazione secondo una normativa La Certificazione del Software 12

13 Enti normativi internazionali ISO International Organization for Standardization (http://www.iso.ch/) Costituita nel 1947, l'iso è una federazione non governativa che abbraccia oltre 130 enti normatori di altrettante nazioni a livello mondiale. I lavori dell'iso sono il risultato di lunghi accordi internazionali e danno luogo a "International Standards". I Paesi aderenti all'accordo, tramite i singoli comitati di standardizzazione nazionali, si impegnano ad introdurre le "International Standard" nelle corrispondenti norme nazionali. In questi comitati partecipano ai lavori rappresentanti qualificati delle industrie, istituti di ricerca, autorità governative, organizzazioni dei consumatori e organizzazioni internazionali di tutto il mondo. E' collegato all'economic and Social Council delle Nazioni Unite. ISO lavora a stretto contatto con: IEC - International Electrotechnical Commission per quanto concerne tutti i problemi legati all'elettrotecnica. ISO e IEC collaborano con: ITU - International Telecommunication Union ISO ha stretto accordi di collaborazione tecnica con: CEN - Comitato Europeo di Normalizzazione CESI - Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano ISO si occupa di standardizzazione in tutti i settori, demandando ad IEC la normazione in campo elettrotecnico-elettronico. Membro di ISO per l Italia è UNI Dal sito SCAME (http://www.scame.com/it/infotec/enti/enti.htm) La Certificazione del Software 13

14 Enti normativi internazionali IEC International Electrotechnical Commission (http://www.iec.ch/) L'IEC (Commissione Elettrotecnica Internazionale), fondata nel 1906, è l'organismo normatore su scala mondiale nel campo elettrico ed elettrotecnico e prepara le Norme Tecniche che vengono adottate nei paesi maggiormente industrializzati (vi aderiscono circa 60 nazioni). Insieme, IEC e WTO, svolgono un ruolo fondamentale per lo sviluppo del commercio internazionale, per il progresso della sicurezza, il miglioramento della salute e la tutela dell'ambiente a livello mondiale. IEC svolge attività di coesione fra le importanti organizzazioni di standardizzazione che operano nelle macroaree del mondo. In Europa IEC collabora, ad esempio, con: CENELEC - European Committee for Electrotechnical Standardization ETSI - European Telecommunications Standards Institute In Italia partecipa ai lavori di IEC, ad esempio: CESI - Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano Le norme redatte dall'iec sono documenti con dettagliate specifiche tecniche, adottate di comune accordo in tutto il mondo fra i paesi membri, quali guide per la realizzazione di prodotti, scelta di materiali, processi o servizi a livello internazionale nel settore elettrotecnico con l'intento comune di migliorare la qualità della vita. Le Norme IEC, redatte in lingua inglese e francese, anticipano le norme CEI che, generalmente, ne sono la traduzione in italiano con alcune modifiche. La Certificazione del Software 14

15 Enti normativi europei CEN Comitato Europeo di Normalizzazione (http://www.cenorm.be/) Il CEN è il comitato europeo responsabile della normalizzazione in tutti i campi, eccetto quello Elettrotecnico (demandato al CENELEC) e quello delle Telecomunicazioni (demandato all'etsi), in ambito Europeo.Il CEN quindi collabora strettamente con i due enti: CENELEC - Comitato Europeo di Normalizzazione Elettrotecnica ETSI - European Telecommunications Standardization Institute Con sede a Bruxelles, solo di recente è divenuto specificatamente coinvolto nelle attività legate all ambiente, mentre per quanto riguarda l attività a livello mondiale il CEN ha stretto un accordo di cooperazione tecnica (Vienna Agreement) con la sua controparte internazionale: ISO - International Organization for standardization Il CEN/CENELEC ha lo scopo di facilitare gli scambi di beni e servizi tra i Paesi membri, armonizzando le rispettive norme nazionali e cooperando con le organizzazioni europee politiche, economiche e scientifiche interessate alla normalizzazione. La Certificazione del Software 15

16 Enti normativi europei CENELEC Comitato Europeo di Normalizzazione Elettrotecnica (http://www.cenelec.org/ Il CENELEC è il comitato europeo di standardizzazione per il settore elettrotecnico e collabora strettamente con il: CEN - Comitato Europeo di Normalizzazione. ETSI - European Telecommunications Standardization Institute Il CENELEC ha lo scopo di facilitare gli scambi di beni e servizi tra i Paesi membri, armonizzando le rispettive norme nazionali e cooperando con le organizzazioni europee politiche, economiche e scientifiche interessate alla normalizzazione elettrotecnica. Il CENELEC emette Norme Europee (EN), Documenti di Armonizzazione (HD) e Norme Europee Sperimentali (ENV). Le Norme Europee (EN) adottate dal CENELEC devono essere introdotte, senza alcuna modifica, dai paesi membri del CENELEC come Norma Nazionale e devono essere ritirate tutte le Norme Nazionali contrastanti. I Documenti di Armonizzazione (HD) devono essere recepiti, con il loro contenuto tecnico, nelle corrispondenti Norme Nazionali oppure eliminando le Norme Nazionali contrastanti. Il CENELEC si avvale largamente dei lavori di: ISO - Organizzazione Internazionale di Normazione IEC - Commissione Elettrotecnica Internazionale La Certificazione del Software 16

17 Enti normativi nazionali UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione (http://www.uni.com/it/) E' un ente italiano di normazione, senza fini di lucro, fondato nel Sono membri dell'uni diverse associazioni fra industriali e commerciali, associazioni di categoria e soci individuali. L'UNI svolge attività di studio, produzione e diffusione di norme tecniche, nonché attività di certificazione. Con il Decreto del Presidente della Repubblica n 1522 del 1955, l'uni assume personalità giuridica. Con Legge n 317 del 1983 (Direttiva Comunitaria CE 83/189) l'uni viene preposto quale unico organismo nazionale in grado di emanare norme tecniche per tutti i settori merceologici (escluso il settore elettrotecnico ed elettronico, incarico demandato al CEI). L'UNI ha un proprio "Settore di Certificazione" per la certificazione di prodotto accreditato SINCERT. L'attività di certificazione è rivolta in special modo al settore della sicurezza del lavoro. UNI è membro del: ISO - International Organization for Standardization CEN - Comitato Europeo di Normalizzazione CESI - Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano La Certificazione del Software 17

18 Enti normativi nazionali CEI Comitato Elettrotecnico Italiano (1/2) (http://www.ceiuni.i Costituito nel 1909, il CEI è l'ente italiano che si occupa di normativa e di unificazione nel settore elettrotecnico ed elettronico a livello nazionale. Ha il compito, quale unico organismo nazionale competente, di stabilire i requisiti di sicurezza che devono avere i materiali, le macchine, le apparecchiature, gli impianti elettrici e i criteri per realizzare tali requisiti (Direttiva CE 83/189, recepita dalla Legge n 317 del 1983). Con il Decreto Presidente della Repubblica dell' 11 luglio 1967 n.822 il CEI è stato riconosciuto come associazione privata con personalità giuridica. Lo statuto del CEI è stato approvato, nella versione definitiva, con il Decreto Presidente della Repubblica del 9 settembre 1972 n.837. Soci Promotori: AEI - Associazione Elettrotecnica Italiana ENEL - Ente Nazionale per l'energia Elettrica ANIE - Associazione Nazionale Industrie Elettrotecniche ed Elettroniche Soci Di diritto: CNR - Consiglio Nazionale delle Ricerche vari Ministeri La Certificazione del Software 18

19 Enti normativi nazionali CEI Comitato Elettrotecnico Italiano (2/2) Il contrassegno CEI viene applicato ai prodotti ammessi dal Consiglio del CEI sotto la piena responsabilità del costruttore. Tale contrassegno indica che il prodotto risponde alle norme CEI corrispondenti. Il contrassegno CEI può essere apposto sugli apparecchi non compresi nell'elenco degli apparecchi ammessi al regime dell'istituto del Marchio di Qualità Italiano (IMQ). Il CEI è suddiviso in appositi comitati tecnici ed emette norme tecniche e tabelle dimensionali nel settore elettrico in base ad una convenzione con il CNR. Riconosciuto dallo stato quale organismo normalizzatore, è stato segnalato in tal senso agli altri paesi della Comunità con Decreto Ministeriale 15 dicembre Il CEI è il comitato nazionale che rappresenta l'italia in sede internazionale: IEC - Comitato Elettrotecnico Internazionale CENELEC - Comitato Europeo di Normalizzazione Elettrotecnica CEE - Comunità Economica Europea La Certificazione del Software 19

20 Chi accredita SINCERT Sistema Nazionale per l'accreditamento degli Organismi di Certificazione (http://www.sincert.com) ' una associazione italiana di Accreditamento degli Organismi di Certificazione di prodotti, di istemi di qualità aziendali e di personale. pera senza fini di lucro. Il SINCERT nasce su iniziativa di: UNI - Ente Nazionale Italiano di Unificazione CEI - Comitato Elettrotecnico Italiano e con il patrocinio di: Ministero dell'industria, del Commercio e dell'artigianato CNR - Consiglio Nazionale delle Ricerche ENEA - Ente per le Nuove Tecnologie, l'energia e l'ambiente Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura SINCERT è membro di: EAC - European Accreditation for Certification IAF - International Accreditation Forum La Certificazione del Software 20

21 Chi accredita SINAL Sistema Nazionale di Accreditamento dei Laboratori (www.sinal.it) Il SINAL è una associazione senza fini di lucro per l'accreditamento dei laboratori di prova. Costituita nel 1988 dal CEI e UNI, ha il patrocinio del Ministero dell'industria, Commercio e Artigianato Svolge le attività di accreditamento dei laboratori secondo le procedure stabilite dalle norme della serie UNI CEI EN Per essere accreditato SINAL un laboratorio di prova deve : garantire il riferimento metrologico; garantire l'affidabilità e la riproducibilità delle procedure impiegate; garantire dotazione adeguata di strumentazione, personale competente, ente, giudizio tecnico imparziale. garantire permanenza nel tempo delle condizioni che hanno consentito l'accreditamento Il SINAL fa parte dell'associazione: EAL - European Cooperation for Accreditation of Laboratories che raccoglie in ambito Europeo gli Enti di Accreditamento di : Laboratori (come il SINAL) e Centri di Taratura (fra cui l'italiano SIT) La Certificazione del Software 21

22 Chi certifica IQNet International Quality System Assessment and Certification Network (http://www.iqnet-certification.com/) L' IQNet è un accordo fra Organismi Certificatori a livello Internazionale, ciascuno leader nel sistema di certificazione della qualità nella propria area di interesse, per il mutuo riconoscimento delle certificazioni dei Sistemi Qualità di enti e delle Aziende. AENOR - Spagna AFAQ - Francia AIB - Belgio APCER - Portogallo BSI - Gran Bretagna CISQ - Italia CQS - Repubblica Ceca DQS - Germania DS - Danimarca ELOT -Grecia FCAV -Brasile ICONTEC - Colombia IRAM - Argentina JQA - Giappone KEMA - Olanda KSA-QA - Corea MSZT - Ungheria NCS - Norvegia NSAI - Irlanda ÖQS -Austria PCBC - Polonia PSB - Singapore QAS - Australia QMI - Canada SFS - Finlandia SII - Israele SIQ - Slovenia SIS - Svezia SQS - Svizzera La Certificazione del Software 22

23 Chi certifica CISQ Certificazione Italiana dei Sistemi di Qualità. (http://www.cisq.com/) Il CISQ è una Federazione sovra-settoriale, indipendente e senza scopo di lucro, di enti italiani di certificazione dei Sistemi Qualità aziendali, operanti ciascuno nei settori di propria competenza CERTICHIM - Istituto di Certificazione della Qualità per l'industria Chimica. ICILA - Istituto per la Certificazione di Qualità per le Industrie del Legno e dell'arredamento. ICIM - Istituto di Certificazione Industriale per la Meccanica ICMQ - Istituto Certificazione e Marchio Qualità per Prodotti e Servizi per le Costruzioni. IGQ - Istituto Italiano di Garanzia della Qualità per i Prodotti Metallurgici. IIP-SQP - Istituto Italiano dei Plastici. CSQ-IMQ - Istituto Italiano del Marchio di Qualità. RINA - Registro Navale Italiano CERTITEX (RITA) - Associazione per la Ricerca e l'innovazione nel settore Tessile e Abbigliamento. CISQ-CERT - Federazione di Certificazione Italiana Sistemi Qualità Aziendali (Per tutti quei settori non coperti dai precedenti). La Certificazione del Software 23

24 Chi certifica IMQ Istituto Italiano del Marchio di Qualità (http://www.imq.it) IMQ è la società italiana di prove e certificazioni per la sicurezza e la qualità di prodotti e aziende. Sorta nel 1951 per volere dei principali organi scientifici e tecnici nazionali, da più di 50 anni si occupa di verificare e certificare la non pericolosità dei materiali e degli apparecchi elettrici e a gas, autorizzando l'uso del marchio IMQ solo a quelli che risultano pienamente in regola con le norme di sicurezza e affidabilità. Dal 1988 IMQ gestisce anche il CSQ, un sistema di certificazione dei sistemi di gestione aziendale che l'ha portata a confermare il suo ruolo strategico anche in ambito europeo e internazionale. Tali riconoscimenti da parte dell'amministrazione Pubblica nei diversi settori, affidano all'imq il compito di svolgere delle attività di valutazione della conformità ai sensi di atti legislativi nazionali anche in recepimento di direttive comunitarie. L'IMQ è ente di certificazione accreditato dal SINCERT quale ente certificatore sia di prodotto sia di sistema qualità delle aziende. Il laboratorio di prova è accreditato dal SINAL (Sistema Nazionale di Accreditamento dei Laboratori) e relativamente alle prove di compatibilità elettromagnetica, dal Ministero delle comunicazioni. La Certificazione del Software 24

25 Det Norske Veritas Chi certifica (http://www.dnv.it/) Grazie alla partecipazione degli Enti di Accreditamento nazionali ad Organizzazioni internazionali quali EA (European Cooperation for Accreditation) a livello europeo e IAF (International Accreditation Forum) a livello internazionale e alla sottoscrizione degli Accordi di Mutuo Riconoscimento (MLA) gestiti da tali Organizzazioni, le certificazioni rilasciate da Organismi accreditati da Enti di Accreditamento firmatari degli Accordi MLA risultano valide e credibili, nonché fra loro equivalenti, e come tali universalmente accettate e riconosciute, in quanto emesse in un contesto di regole e procedure uniformate. Anche per mezzo di questi meccanismi, DNV Italia ha ottenuto i seguenti accreditamenti: Sistemi di gestione qualità Ambiente Sicurezza sul lavoro Responsabilità sociale Agroalimentare Sicurezza delle informazioni Certificazione di prodotto Cambiamenti climatici La Certificazione del Software 25

26 Chi certifica TÜV Italia TUV Rheinland Italia (http://www.tuv.it/) (http://www.tuvitalia.com/hp.asp) TÜV Italia è un ente indipendente di certificazione ed ispezione presente in Italia dal 1987 appartenente al gruppo TÜV Süddeutschland (Monaco) È accreditato per i settori: Automotive Sanità e medicale Certificazione di sistema e di prodotto Marcatura CE Ispezione e certificazione industriale Formazione Laboratori TUV Rheinland (Colonia) ha caratteristiche generali e accreditamenti simili. Inoltre è notified body per la certificazione di sistemi ferroviari in sicurezza nella maggior parte delle nazioni europee. La qualifica di notified body costituisce l equivalente dell accreditamento in questo campo applicativo ed è rilasciata dai Ministeri dei Trasporti nazionali o Enti da essi delegati. La Certificazione del Software 26

27 Chi certifica RINA S.p.A. (http://www.rina.it/) è la società per azioni creata nel corso del 1999 dal Registro Italiano Navale, e che ne rappresenta il braccio operativo nel settore della classificazione navale, certificazione, controllo e servizi per l industria, formazione, assistenza e ricerca. Il RINA è membro del CISQ (Certificazione Italiana Sistemi Qualità) ed aderisce all accordo internazionale IQNet. E un organismo accreditato dal SINCERT nei più svariati settori merceologici per gli schemi di certificazione di Sistemi di gestione (Qualità, Ambiente, Sicurezza, Automotive, Saldatura), di Prodotti e di Persone. I servizi di certificazione che il RINA riguardano i Sistemi di gestione di Qualità (norme di riferimento serie ISO 9000/AVSQ 94 e QS 9000/EN 729), i Sistemi di gestione ambientale (norme di riferimento ISO ed EMAS), i Sistemi di Gestione sicurezza e salute (norma di riferimento BS 8800). RINA SpA ha ottenuto il riconoscimento dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (pubblicato sulla G.U. n 207 del 4 settembre 2002 e notificato alla Commissione Europea), quale organismo idoneo a svolgere attività nel settore ferroviario, ai sensi del D.L. 299/2001 "Attuazione della direttiva 96/48/CE relativa all Interoperabilità del Sistema Ferroviario Transeuropeo ad Alta Velocità. La Certificazione del Software 27

28 Chi certifica Marcatura CE : autocertificazione del produttore A partire dal 1 Gennaio 1996 per i prodotti soggetti alla Direttiva 89/336/CEE (Compatibilità elettromagnetica) e dal 1 Gennaio 1997 per i prodotti soggetti alla Legge 18 Ottobre 1977 n 791 (Direttiva 73/23/CEE, meglio conosciuta come Direttiva Bassa Tensione) deve essere applicata la marcatura amministrativa CE. La marcatura CE, indispensabile per la libera circolazione del prodotto nella Comunità Europea, deve essere apposta sul prodotto o, qualora non possibile, sulla confezione o sul foglio di istruzioni e costituisce una dichiarazione di conformità del prodotto alla direttiva CEE di riferimento rilasciata dal produttore. Per l esecuzione delle prove il produttore deve comunque coinvolgere un laboratorio accreditato dal SINAL La Certificazione del Software 28

29 La Certificazione del Software Caratteristiche peculiari del Software Il software non e tangibile Il software e sviluppato, non costruito (es: scheda hardware) Il software non si consuma Il software si replica a costo praticamente nullo Il software è legato ad una piattaforma, ovvero ad una scheda Hardware con, eventualmente, un Sistema Operativo La Certificazione del Software 29

30 La Certificazione del Software Processo Hardware e Processo Software Processo Hardware Definito il progetto, ed il processo di produzione, si può delegare la produzione a strutture esterne senza influenzarne il risultato I parametri e le tecniche usate per descrivere un prodotto sono consolidate affidabili ed efficaci Sono possibili economie di scala Processo Software A partire da una specifica comune, la realizzazione da diversi soggetti, porta alla realizzazione di prodotti totalmente diversi La descrizione delle caratteristiche funzionali e di qualità del prodotto rimane un problema aperto. Le tecniche usate sono in evoluzione continua Non è distinguibile la produzione su larga scala da quella su piccola scala Sono necessari continue revisioni ed aggiornamenti non comparabili con prodotti tradizionali La Certificazione del Software 30

31 Approccio ingegneristico La Certificazione del Software Definizione IEEE di ingegneria: L applicazione di un approccio sistematico, disciplinato, quantificabile a strutture, macchine, sistemi, processi. Institute of Electrical and Electronics Engineers STATI UNITI (http://www.ieee.org) L ingegneria mette in pratica la conoscenza scientifica accumulata per fornire tecniche volte alla soddisfazione del cliente al minimo costo ed entro i limiti di tempo previsti. Soddisfacimento del cliente = Qualità del prodotto (Quality in Use - ISO-9126) La qualità del prodotto puo essere specificata e stimata usando i modelli di qualità. La Certificazione del Software 31

32 La Certificazione del Software Gli Standards ed il Software ISO 9001:2000 Quality Management System: Requirements ISO 9126:1998 Software engineering Product Qualtiy (Quality models and metrics) ISO/TR 15504:1998 Software Process Assessment Standards di processo: Standards internazionali (ISO) Standards militari (DOD-STD) 2167A Standards professionali (IEEE) 1074 Standards di organizzazioni (i.e. ECSS, PSS-05, CENELEC) Standards nazionali Gli standards di processo indicano le attività da svolgere, i documenti da produrre, la loro struttura e le linee guida per un loro adattamento al progetto. La Certificazione del Software 32

33 Misurare la Qualità del Software Valutazione della qualità per mezzo di caratteristiche standardizzate Caratteristiche in ISO 9126: Funzionalità Manutenibilità Efficienza Portabilità Usabilità Affidabilità Portabilità Manutenibilità Funzionalità Affidabilità Usabilità Efficienza La Certificazione del Software 33

34 Misurare la Qualità del Software Le caratteristiche ISO 9126 (1/3) Funzionalità, Manutenibilità, Efficienza, Portabilità, Usabilità, Affidabilità Esistono sotto-caratteristiche, metriche per misurarle e criteri per combinarle e dare un valore alle caratteristiche => LOGISCOPE Ad esempio una sotto-caratteristica misurabile è il rapporto linee di codice / linee di commento.. Ha effetto su manutenibilità, portabilità, usabilità. Questa metrica può essere facilmente ottenuta mediante un tool automatico che analizza il testo dei sorgenti MA un tool non potrà distinguere tra commenti privi di senso e commenti menti ben strutturati che aiutano a comprendere il funzionamento del softwares È necessario un processo di verifica che valuta il contenuto informativo dei commenti, la loro strutturazione, la loro efficienza. enza. Questo processo ad oggi non è automatizzabile La Certificazione del Software 34

35 Misurare la Qualità del Software Le caratteristiche ISO 9126 (2/3) Funzionalità, Manutenibilità, Efficienza, Portabilità, Usabilità, Affidabilità Lo stile di programmazione (coding standards) ha effetto su tutte e le caratteristiche Include concetti come Evitare l uso di costrutti pericolosi del linguaggio Limitare il numero di parametri dei sottoprogrammi Limitare la complessità dei costrutti iterativi e condizionali MA lo stile di programmazione deve essere pianificato a monte dello sviluppo per mediare tempi e costi con la qualità richiesta È necessario un processo di pianificazione che stabilisce regole di progetto e sviluppo e un processo di verifica che ne conferma l uso La Certificazione del Software 35

36 Misurare la Qualità del Software Le caratteristiche ISO 9126 (3/3) Funzionalità, Manutenibilità, Efficienza, Portabilità, Usabilità, Affidabilità I test cui viene sottoposto il software ne misurano funzionalità, efficienza, usabilità, affidabilità MA il risultato non è un valore indiscutibile, occorre verificare, in modo non automatizzabile, che i test coprono tutti i requisiti espliciti, i, impliciti e cogenti Metriche come la copertura del codice misurano la qualità del processo di test, non quella del software, tuttavia, migliore è la batteria dei test, migliore è il software una volta che li ha superati con successo In ciascuno dei casi esaminati quello che effettivamente si riesce a dimostrare è la qualità del processo di sviluppo,, mentre la qualità del software ne è una conseguenza. Indispensabile una verifica di ciascuna delle attività coinvolte. La Certificazione del Software 36

37 Processi di sviluppo per il Software Migliorare il processo per migliorare il prodotto Migliorare la qualità e la produttività agendo sul processo piuttosto che sul prodotto. Si focalizza su: Definizione dei processi Procedure Metodi Strumenti Controllo tramite misure Standard di riferimento : ISO 12207:1995 Software life cycle processes La Certificazione del Software 37

38 I processi ISO Processi di sviluppo per il Software Processi Primari Acquisizione Fornitura Processi di Supporto Documentazione Gestione Configurazione Assicurazione Qualità ISO definisce i processi, ma non il ciclo di vita come successione di fasi Sviluppo Accettazione/ Operazione Verifica Validazione Riesami Manutenzione Ispezioni Gestione Non-Conformità Gestione Processi organizzativi Infrastruttura Miglioramento Addestramento La Certificazione del Software 38

39 Processi e Fasi Processi di sviluppo per il Software Processo: Una pianificata serie di azioni al fine di produrre un risultato. Un processo ha sempre un input ed un output Fase: insieme di processi allocati nel tempo (pianificati). Processo (si svolge completamente in una fase) Ore di lavoro Fase Processo (si svolge a cavallo di più fasi) Tempo La Certificazione del Software 39

40 Processi di sviluppo per il Software Ciclo di vita modello sequenziale (a cascata) La Certificazione del Software 40

41 Processi di sviluppo per il Software Ciclo di vita modelli incrementali Viene ripetuto l intero sviluppo Analisi ed architettura non sono ripetute La Certificazione del Software 41

42 Processi di sviluppo per il Software Ciclo di vita modello a spirale La Certificazione del Software 42

43 Processi di sviluppo per il Software Ciclo di vita modello a V Sviluppo del Sistema Manutenzione del Software Accettazione del Software Specifica dei Requisiti Software Architettura Software Validazione del Software Integrazione Software/Hardware Integrazione del Software Progettazione dei Moduli Software Test dei Moduli Software Codifica La Certificazione del Software 43

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

Valutazione della conformità A cura di Marco Cibien - Funzionario Tecnico UNI

Valutazione della conformità A cura di Marco Cibien - Funzionario Tecnico UNI Valutazione della conformità A cura di Marco Cibien - Funzionario Tecnico UNI dossier La locuzione valutazione della conformità (conformity assessment) cela, dietro la sua apparente semplicità, uno spettro

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC)

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC) REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC) 1 OGGETTO... 1 2 INDIRIZZI POLITICI... 2 3 GENERALITÀ... 2 4 SCHEMA DI CERTIFICAZIONE... 3 4.1 Richiesta di certificazione...

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione

n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione UADERNI DI CONFORMA QUADERNI DI CONFORMA I QUAD n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione La riproduzione totale o parziale con qualunque mezzo di questo documento nella sua versione italiana

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità In alcuni casi, le somiglianze apparenti tra le attività

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0 Processi Scelta dei processi adeguati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del marchio ACCREDIA. Regulation for the use of the ACCREDIA Mark

Regolamento per l utilizzo del marchio ACCREDIA. Regulation for the use of the ACCREDIA Mark Titolo/Title Regolamento per l utilizzo del marchio ACCREDIA Regulation for the use of the ACCREDIA Mark Sigla/Reference RG-09 Revisione/Revision 05 Data/Date 2014-12-04 Redazione Approvazione Autorizzazione

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese PRESENTAZIONE Il presente lavoro si propone l obiettivo di fornire un modello organizzativo ispirato ai Sistemi

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Manuale del Sistema di Gestione Integrato Ambiente & Sicurezza per PMI

Manuale del Sistema di Gestione Integrato Ambiente & Sicurezza per PMI SISTEMA GESTIONALE INTEGRATO Ambiente Sicurezza con la collaborazione di: e di: pag. 1 di 272 INDICE Cap. 1 Introduzione... 12 1.1 Premessa... 12 1.2 Perché i sistemi gestionali... 12 1.3 Elementi principali

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO QUESITO n. 1 con riferimento all'elenco dei servizi analoghi prestati nell'ultimo triennio (2004/2005/2006) volevo cortesemente sapere se i certificati di buona esecuzione rilasciati dai committenti devono

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Armonizzazione della documentazione dei Dipartimenti ACCREDIA Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici Adelina Leka - Funzionario

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008

DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 IL SISTEMA GESTIONE QUALITA DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 Col termine know-how ( so come ) si definisce il patrimonio brevettuale e brevettabile di un azienda, per la quale rappresenta

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli