La guida JLL al real estate High Street di Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La guida JLL al real estate High Street di Milano"

Transcript

1 Milano Shopping La guida JLL al real estate High Street di Milano In collaborazione con

2

3 Prefazione Nel mondo dinamico del retail, il segmento High Street attira un crescente interesse. I retailers dell High Street e del lusso sono sinora riusciti a resistere al difficile clima economico. In questo contesto Milano mantiene la propria reputazione di capitale della moda, con retailer internazionali di primo livello che hanno recentemente aperto o stanno per aprire i loro punti vendita, che rappresentano anche il primo approdo in Italia. Tra gli altri possiamo ricordare Hackett, COS e Le Coq Sportif. I retailer già presenti riportano prestazioni migliori sulle high street milanesi che sul resto delle location presidiate, e alcuni operatori, tra cui ad esempio Burberry, Damiani e Valentino hanno rinnovato la loro offerta con nuovi flagship store. Questo report mira ad offrire una chiave di lettura del mercato immobiliare High Street di Milano, analizzando sia le location del lusso che quelle del cosiddetto mainstream high street (come via Torino e corso Buenos Aires ad esempio) per fornire a specialisti corporate ed investitori una panoramica su questo segmento dinamico. Presenteremo prima un breve quadro dell economia retail della città di Milano, guardando ai suoi fondamentali e punti di forza anche in un ottica comparativa rispetto ad altre realtà europee. Poi illustreremo le tendenze emergenti sulle high street milanesi, e i cambiamenti nelle politiche locali e nazionali che possono influenzare le dinamiche di queste grandi strade commerciali. Infine presenteremo le nove high street milanesi analizzate, con un breve profilo di ognuna. Indice Prefazione Key messages Consumer outlook Milano nella gerarchia internazionale dell immobiliare high street Il panorama retail di Milano Il contesto di policy Le high street milanesi Metodologia

4 Questo progetto è il risultato della collaborazione tra Jones Lang LaSalle e Sincron Inova. Jones Lang LaSalle è una società di consulenza immobiliare di vasta esperienza sia con clienti investitori che corporate. La conoscenza del mercato retail di Jones Lang LaSalle la rende top advisor per operare nel mercato italiano. Sincron Inova è una società di consulenza che sviluppa ricerche statistiche ed economiche per fornire analisi, trend, stime e simulazioni a valore aggiunto per supportare gli operatori retail nelle proprie decisioni strategiche e di investimento. Sebbene tutte le informazioni siano fornite al meglio delle nostre capacità, non ci assumiamo responsabilità circa la correttezza delle informazioni. La conoscenza del mercato retail di Jones Lang LaSalle, unita agli oltre 40 anni di esperienza di Sincron Inova hanno permesso di elaborare un approfondita analisi qualitativa e quantitativa di questo importante segmento che non mostra segni di recessione nonostante la crisi. Vorremmo ringraziare Franco Benatti, Pietro Croce, Avv. Guido Inzaghi e il Prof. Luca Tamini per il loro tempo e per aver contribuito al nostro lavoro.

5 Key messages 1 emea/en-gb/pages/newsitem. aspx?itemid=24393 Milano alle vette del settore retail europeo Se da un lato l Italia sta affrontando serie difficoltà dovute a problemi sia strutturali che contingenti nell economia italiana, rimane il quarto paese europeo per PIL nazionale e l ottavo su scala mondiale. Dal punto di vista dei consumi, Milano offre degli indicatori ancora più positivi: è decima per potere d acquisto tra le città europee del campione JLL e beneficia di una base di consumatori potenziali ampia e variegata, che include abitanti più ricchi della media nazionale, turisti del mondo business, fashion e design, e studenti. Si posiziona al quinto posto tra le destinazioni più attrattive per i retailer internazionali ed è terza per presenza dei primi 100 marchi di lusso. Il tasso di nuove aperture di punti vendita conferma che Milano è ancora una destinazione preferenziale per i retailer italiani ed internazionali. Guardando ai livelli dei canoni, via Montenapoleone è nella top ten delle strade del lusso in Europa, e corso Vittorio Emanuele II e corso Venezia hanno valori in linea con Sloan Street a Londra e Boulevard Saint Germain a Parigi. Espansione mirata I retailer adottano strategie di portafoglio sempre più strutturate, al fine di massimizzare i ricavi in qualsiasi location ne offra l opportunità. Il risultato è un espansione mirata perseguita da retailer sia mainstream che del lusso, e Milano sembra essere in alto nella lista delle location prioritarie. Secondo il Jones Lang La- Salle 2011 Cross Border Retailer Attractiveness Index Milano è la quinta città europea per attrattività verso i retailers internazionali, dopo Londra, Parigi, Mosca e Madrid. È anche terza dopo Parigi e Londra per presenza dei top 100 operatori del lusso. Opportunità di espansione per retailer internazionali Dei 153 brand internazionali considerati nel JLL Cross Border Retailer Attractiveness study 1, più di 60 ancora non presidiano il mercato italiano. Tra questi sono i giganti dell high street come Topshop, Uniqlo e Urban Outfitters, per citarne solo alcuni. Mancano anche i grandi department store internazionali come Debenhams e Marks & Spencer. Insieme all evidenza di performance relativamente solide nelle migliori location Milano Shopping 5

6 high street, questo sembra suggerire che alcuni dei brand attualmente assenti potrebbero considerare un ingresso nell High Street milanese. Specializzazione dell high street Anche a Milano sta emergendo una crescente specializzazione della shopping experience, con una domanda sempre più forte per le location primarie. Come già accade altrove in Europa, le destinazioni retail devono sempre più proporre una shopping experience a tutto tondo, che includa un offerta retail specializzata per consentire ai consumatori di confrontare prezzi, qualità e design, e per offrire loro la possibilità di trovare prodotti di prezzo e qualità desiderati. La concentrazione di brand della stessa categoria merceologica, il clustering, è quindi una caratteristica sempre più evidente delle high street milanesi, come accaduto per l urban fashion e la telefonia di via Torino, o l abbigliamento sportivo di corso Buenos Aires: ciò dimostra che i retailer sono sempre più consapevoli del vantaggio potenziale derivante dalla prossimità di concorrenti di successo e che le location fuori mano rischiano di diventare ancor più periferiche. Il lusso continua a brillare Un segmento di mercato che ha resistito meglio di altri di fronte alla turbolenza dello scenario macroeconomico è quello del lusso. Dal punto di vista immobiliare, la crescente concorrenza per l attenzione e la spesa dei consumatori in un mondo dello shopping globalizzato e multicanale ha portato i brand del lusso a cercare nuovi mercati e allo stesso tempo rinnovare i punti vendita esistenti o rilocalizzarsi in posizioni più strategiche. Inoltre le case di moda puntano a massimizzare i benefici derivanti dalla propria location e razionalizzare la propria rete commerciale. I nuovi entranti cercano sempre più di posizionarsi nelle location primarie e soprattutto nelle vicinanze di brand di alta gamma, al fine di beneficiare delle ricadute. Questo trend sta generando una fiorente domanda a fronte della già scarsa disponibilità di unità nelle high street del lusso, sostenendo i canoni nonostante il contesto macroeconomico negativo. High Street: un opzione core Dal punto di vista degli investimenti, l High Street milanese sta anche diventando in misura crescente un op- 6 Milano Shopping

7 2 3 zione core per investitori nazionali ed internazionali. Questo si riflette in volumi investiti che hanno raggiunto quasi 900 mln nel 2011, con 10 transazioni contro 16 transazioni del retail moderno per un totale di poco più di un miliardo di euro. Nel Q Milano non ha visto transazioni, ma il trimestre è stato piuttosto calmo per tutti i settori e anche per il resto d Europa. Il retail e l high street Un crescente numero di consumatori che sceglie il centro città per i propri acquisti si è accompagnato a politiche urbane finalizzate a rivitalizzare le high street, dando così un nuovo slancio a aree che avevano perso parte del loro lustro grazie al carattere distintivo che i centri storici mantengono rispetto ad un offerta retail relativamente omogenea. Con la circolarità che spesso caratterizza le dinamiche urbane, a questi fenomeni si è aggiunto un rinnovato interesse verso l high street milanese da parte di retailer di tutti i tipi. Brand nazionali in cerca di un riposizionamento, come OVS in via Torino, brand internazionali che cercano un ingresso di successo nel mercato italiano, come Banana Republic in corso Vittorio Emanuele II, o brand che puntano a rafforzare il proprio posizionamento competitivo attraverso l espansione o il rinnovo degli spazi esistenti come è il caso del nuovo flagship Bershka in corso Vittorio Emanuele II. La posizione delle nove strade analizzate e l attuale offerta retail suggeriscono che c è spazio per brand iconici e iniziative mirate di place marketing per stimolare ulteriormente la vitalità, e di conseguenza il passaggio pedonale e le vendite potenziali, di alcune delle aree considerate. Guardando ad esempi all estero, si pensi a Primark e Selfridges, nell estremità più tranquilla di Oxford Street a Londra o Abercrombie & Fitch a Parigi ed al numero di consumatori che attraggono, inclusi i turisti che sono attratti da iconici, seppur in modo diverso, retailer. Ci sono poi le giornate dello shopping traffic-free a Londra, in Oxford Street e Regent s Street, che nel 2012 si indica abbiano attratto un milioni di visitatori nell area nell arco di un fine settimana 2. E nella stessa area si pensi alla compagnia di gestione privata New West End Company ed ai servizi che offre a chi fa shopping ed ai retailer 3, fornendo di fatto la shopping experience di una galleria commerciale in un contesto di high street urbana. Milano Shopping 7

8

9 Outlook sui consumi 4 rb377.html 5 IMF, 2012, principalglobalindicators.org/ default.aspx 6 Il secondo dato si riferisce alla provincia di Milano Nel panorama italiano Milano è considerata un centro primario all interno della gerarchia dei centri metropolitani globali 4. Nonostante la debole performance dell economia italiana negli ultimi dieci anni, Milano mantiene una posizione di primato a livello europeo, contribuendo al 9% del PIL italiano, essendo sede dei quartier generali di una varietà di aziende nazionali e multinazionali, e risultando decima per potere d acquisto nel campione JLL di città europee. In linea con queste caratteristiche Milano gode di una ampia e variegata base di consumatori potenziali. Milano è l ottava di 55 città europee per popolazione residente, accoglie una grossa popolazione studentesca grazie alle università private e pubbliche che attraggono studenti da tutta Italia e ospita un largo numero di eventi della moda e del design in aggiunta al più tradizionale business aziendale. La retail economy di Milano Trovare un equilibrio tra crescita e tagli di bilancio si sta dimostrando difficile per tutti i paesi europei. L Italia sta affrontando una condizione di particolare problematicità a causa del rischio paese percepito dagli investitori internazionali, soprattutto alla luce dei problemi di governance dell Unione Europea e delle debolezze strutturali del sistema economico. Un mercato del lavoro rigido e dicotomico, in cui donne e giovani sono tradizionalmente poco presenti e a condizioni economiche penalizzanti, ed inefficienze nella spesa pubblica contribuiscono ad acuire la condizione di crisi economica. Ciononostante l Italia rimane la quarta economia europea per valore del PIL 5, dopo la Germania, il Regno Unito e la Francia, con un PIL che è una volta e mezzo quello spagnolo e di solo un quinto inferiore a quello francese. Nonostante l economia nazionale sia ufficialmente tornata in recessione, dal quarto trimestre del 2011, la posizione di Milano nella global city network permane intatta e il mercato immobiliare High Street è vivace come sempre, come dimostrato dalla recente offerta di Prada per lo spazio in Galleria Vittorio Emanuele II. Milano è la più dinamica delle aree urbane italiane, oltre ad esserne il cuore commerciale e finanziario. Con oltre 1,3 milioni di residenti nell area urbana e circa tre milioni in quella metropolitana 6, Milano è ottava per popolazione su un campione JLL di 55 città europee. Milano Shopping 9

10 Il PIL pro capite è relativamente stabile dal 2006, e nonostante non ci si aspetti una crescita dei valori fino ad almeno il 2013 i milanesi non perderanno il primato sull economia nazionale. Da un punto di vista retail, Milano presenta un clima economico favorevole. Il reddito lordo disponibile ed il consumo lordo pro capite, a più di e rispettivamente entro i confini urbani, sono superiori alle medie regionale e nazionale. Per la spesa in consumi ci si attende una crescita dell 1% fino al Con un potere d acquisto di Milano è decima nel campione JLL. Guardando ai percettori di reddito, il 24% dei residenti, ovvero il doppio della media italiana, guadagna più di , ed il 12%, ovvero più del doppio della media nazionale, guadagna più di Inoltre, la vocazione settoriale della città verso moda e design è conosciuta in tutto il mondo. Il turismo dello shopping rappresenta in effetti una componente importante di per sé per l economia dei consumi milanese. Milano è una delle capitali mondiali della moda, che ospita i quartier generali di alcune tra le case di moda più famose. A febbraio e settembre si tiene la Settimana della Moda, uno dei quattro eventi Milano, Indicatori sull economia dei consumi, 2010 e Gross disposable income per capita ( ) Gross consumption per capita ( ) 2006 City of Milan Province of Milan Lombardy Italy GDP per capita ( ) Fonte: Reddito lordo pro capite e consumi lordi pro capite, Sincron Inova PIL pro capite, OEF dati al 12/03/ Italy Province of Milan 10 Milano Shopping

11 Milano, % dei percettori di reddito per livello di reddito, 2010 Fonte: Sincron Inova 2010 Milano, Il turismo come fattore economico, 2010 N (mln) % sul totale Totale arrivi Di cui dall estero % Pernottamenti Di cui dall estero % Durata media del pernottamento 2 giorni Crescita dei pernottamenti dal 2009 al ,1 Fonte: Osservatorio del Turismo, Provincia di Milano, 2010 più importanti del settore insieme a quelli tenuti a Parigi, Londra e New York. Tra le altre manifestazioni fieristiche, anche il Salone Internazionale del Mobile, che si tiene in aprile, attrae operatori e visitatori a livello sia nazionale che internazionale. Questi eventi hanno contribuito alla reputazione della città come vera e propria destinazione dello shopping internazionale. Secondo una ricerca dell università IULM il 70% dei turisti dichiarano che lo shopping è la prima o seconda ragione per visitare Milano. Inoltre, il 42% di coloro che arrivano in città decide di prolungare la propria visita proprio per fare acquisti. Il flusso turistico nazionale ed internazionale raggiunge il picco tra febbraio e maggio e tra settembre ed ottobre. L apertura di un nuovo centro conferenze con una capacità di persone, il Mico, in prossimità di Fiera MilanoCity (dove il progetto CityLife sta prendendo forma) è un ulteriore conferma dell importanza del turismo d affari a Milano. Dall Expo 2015 ci si attendono altri 20 milioni di visitatori, che potrebbero dare ulteriore impulso a questo tipo di turismo. Il turismo d affari internazionale rappresenta il 60% delle permanenze annue, provenienti soprattutto da Germania, Milano Shopping 11

12 Milano e UE 27, PIL pro capite a livello NUTS 3, 2011 Fonte: Jones Lang LaSalle su dati Oxford Economics 2011

13 7 Inspiration-g1-c5-World.html 8 news/ /italy-is-unlikelyto-need-emergency-rescue-fitchsays.html 9 Stime Oxford Economics Stati Uniti e Russia. Il segmento degli hotel di lusso beneficia di questi flussi, con alti tassi di occupazione e ricavi medi per stanza, che contribuiscono anche alla vitalità del comparto dello shopping del lusso. E su un sito specializzato, Milano risulta essere la terza miglior destinazione dello shopping del mondo dopo New York e Parigi 7. Variabili economiche retail e outlook Le debolezze storiche dell economia italiana hanno cominciato a destare seria preoccupazione negli investitori internazionali negli ultimi due anni, a seguito della crisi del debito pubblico greca e delle incertezze politiche e di governance emerse a livello europeo. Il tutto è culminato nella decisione di Standard & Poor s di abbassare il rating dell economia italiana insieme ad altri 15 paesi dell eurozona, e di dare un outlook negativo. Il nuovo peggioramento della situazione nelle prime settimane di giugno ha messo l economia italiana nuovamente al centro dell attenzione dei mercati, nonostante Fitch abbia dichiarato negli stessi giorni altamente improbabile che l Italia necessiti di aiuto da parte dell Unione Europea 8. In generale gli indicatori di andamento dell economia dei consumi suggeriscono che il 2012 sarà un anno difficile per i retailers. Ci si attende che i comportamenti di consumo degli italiani siano influenzati dalla contrazione del prodotto interno lordo e dalla crescita dei prezzi al consumo. La fiducia dei consumatori, in diminuzione anno su anno e anche trimestre su trimestre nel dicembre 2011, a marzo è risalita del 5% sul trimestre precedente, pur mantenendosi al di sotto dell anno base (2005). Le percezioni dei consumatori si riflettono sulle previsioni di vendita aggregate, per le quali si prevede un declino sia a livello nazionale che locale nel 2012 e La crisi è tuttavia anche un opportunità di cambiamento nell economia dei consumi, ed è ragionevole aspettarsi che quest opportunità sia anche alla portata dell Italia come sta già succedendo altrove. I consumatori Italiani stanno in una certa misura recuperando il divario con i gemelli europei, dimostrando un desiderio sempre maggiore per un esperienza di acquisto consapevole e a tutto tondo. Secondo GFK Eurisko la crisi economica potrebbe condurre non tanto, o almeno non solo, ad una semplice riduzione delle vendite, ma ad un più ampio cambiamento nelle abitudini di consumo e nell at- Milano Shopping 13

14 teggiamento nei confronti del consumo. Il questionario annuale Climi di consumo condotto dalla società di ricerche di mercato rileva infatti sì una contrazione nei consumi leisure e di abbigliamento, ma anche un continuo interesse in marche che hanno una reputazione di qualità che ne rende la domanda meno sensibile a campagne promozionali di prezzo. Poco meno del 20% dei consumatori indica di preferire ancora la qualità al prezzo. I valori di qualità, socialità e tradizione sembrano sinora essere sopravvissuti alla recessione, contribuendo ad una concezione del concetto di consumer experience più complessa che sarà sempre più richiesta. Allo stesso tempo, la crescita significativa delle vendite del lusso online e le buone performance registrate dai luxury factory outlet centre suggeriscono che i consumatori continuano a cercare acquisti aspirazionali ma stanno diventando più astuti e più flessibili nelle modalità di acquisto: il lusso accessibile desta crescente interesse nei consumatori. Piccoli oggetti di lusso con un costo unitario relativamente basso, come make up o occhiali da vista e da sole e altri accessori di piccole dimensioni, sono tra gli articoli che i consumatori sembrano concedersi, dovendo ridurre la spesa su prodotti più costosi. Dal lato dell offerta, le politiche nazionali e urbane emergenti sembrano fornire ulteriori stimoli al cambiamento sulle high street milanesi. A livello nazionale la legislazione ha introdotto una liberalizzazione degli orari di apertura delle attività commerciali e rimosso una serie di vincoli normativi all estensione degli spazi commerciali. Queste misure potrebbero stimolare la crescita nel medio lungo periodo, oltre a contribuire al cambiamento nei comportamenti di consumo. D altro canto variazioni ai regimi fiscali, pensionistico e del mercato del lavoro rischiano di deprimere i fondamentali dell economia dei consumi nel breve periodo, con la Corte dei Conti che rileva come una pressione fiscale stimata a più del 45% confligga con obiettivi di crescita economica. Una panoramica più dettagliata delle misure qui citate e delle loro possibili implicazioni per l High Street milanese è presentata più avanti. 14 Milano Shopping

15 Milano nella gerarchia internazionale dell immobiliare High Street Nonostante la crisi economica Milano rimane una delle location retail più interessanti a livello mondiale. Mentre i brand cercano città che offrano opportunità di crescita dei ricavi, la concentrazione di marchi internazionali ed il numero di aperture recenti di negozi del lusso e mainstream confermano che l interesse dei retailer è ancora vivo. Il differente posizionamento delle nove high street considerate in termini di canoni e standing è un ulteriore elemento di attrattiva per i retailer che possono considerare una varietà di location a seconda del proprio budget e del posizionamento target per il proprio brand. Città globali a caccia di brand retail Nel corso degli ultimi anni, Milano ha visto crescere l interesse da parte di marchi high street di tutte le fasce di prezzo e livello. Hackett ha aperto di recente il suo primo negozio italiano in Corso Venezia, con un unità molto visibile, COS ha aperto nell ex negozio Armani in Corso Venezia, e Comptoir des Cotonniers e Zadig & Voltaire hanno portato il Parisian chic in Corso Vercelli. Queste aperture sono il risultato di una strategia di gestione dei portafogli immobiliari sempre più strutturata da parte dei retailer, che puntano a massimizzare i ricavi in qualsiasi location ne offra l occasione. Il target potrebbe essere una location ad alte prospettive di crescita oppure una già affermata, ma anche una che compensi eventuali perdite nel breve periodo con un alta visibilità sul mercato che porti a guadagni nel medio lungo. Nel clima economico attuale i retailer sono ancor più attenti ad identificare nicchie di crescita che non sono state intaccate dalla crisi. Questo approccio di espansione mirata è condiviso sia dai retailer mainstream che da quelli del lusso, e Milano è tra le location preferite. Secondo il Jones Lang LaSalle Cross Border Retailer Attractiveness Index 2011, Milano è la quinta destinazione più attrattiva per retailer stranieri dopo Londra, Parigi, Mosca e Madrid. Per parecchi tra i marchi internazionali considerati di fascia sia media che alta Milano è l unica città in cui sono attivi, come per esempio è il caso di Abercrombie & Fitch e Banana Republic. In particolare, il comparto del lusso è il più internazionale tra i segmenti del retail, con Italia, Francia, Regno Unito, Germania e Russia che sono i principali mercati per beni di lusso. L Europa rimane il mercato più impor- Milano Shopping 15

16 tante a livello mondiale, rappresentando circa il 40% dei fatturati totali di aziende come LVMH e Hermès. Il report JLL Glitter & glamour shining brightly, studiando i 100 marchi del lusso più conosciuti e la loro presenza sulle piazze europee ha trovato che Milano è terza dopo Parigi e Londra per concentrazione di tali marchi. Chloé, Marc Jacobs e Ralph Lauren, che non erano considerati nello studio, hanno scelto Milano per entrare nel mercato italiano. Tra aperture e rinnovi recenti sono quella di Stella McCartney, Burberry Brit ed il nuovo flagship store di Louis Vuitton. Tra le top tre città, Milano è anche quella con la maggiore densità di marchi del lusso in relazione alla popolazione residente. Canoni di locazione: il confronto europeo Via Montenapoleone, nel cuore del Quadrilatero della moda Milanese è la quarta strada più cara d Europa, mettendo Milano in cima della gerarchia dell immobiliare retail globale. La concentrazione di marchi del lusso e la visibilità di una nuova apertura in questa location si traducono chiaramente in un premio di prezzo considerevole per i retailer. Europa, Numero di punti vendita dei primi 100 marchi del lusso per città, 2011 Paris London Milan Moscow Rome Madrid Munich Berlin Barcelona Zurich Hamburg Dusseldorf Brussels Prague Frankfurt Vienna Istambul Amsterdam Antwerp Budapest Warsaw Fonte: Jones Lang LaSalle, Milano Shopping

17 Population, mln people Europa, Numero di punti vendita dei primi 100 marchi del lusso e quota di mercato per città, per popolazione, Madrid Moscow Rome Milan London Paris Number of luxury brand stores Inoltre, le strade commerciali di Milano offrono un assortimento di location differenziate per canoni di locazione e standing adeguate dunque ad una varietà di esigenze di proprio budget e del target di riferimento. Corso Venezia, dove Hackett e COS hanno recentemente aperto i loro primi punti vendita in Italia, e Corso Vittorio Emanuele II fanno rilevare canoni di locazione in linea con quelli di Sloan Street a Londra e di Boulevard Saint Germain a Parigi, tra i ed i annui al metro quadro. Le altre strade considerate mostrano canoni prime al di sotto della soglia dei Sarebbe tuttavia scorretto dedurre che le high street milanesi siano una location retail accessibile. Le dimensioni unitarie della proprietà nonché il key money sono determinanti per l identificazione dei canoni effettivi, e canoni teorici relativamente bassi possono essere associati a livelli di key money notevoli. Fonte: Jones Lang LaSalle, 2012, e Eurostat 2012, INSEE 2012, ONS 2012, Russian Office for National Statistics 2012, Turkish office for National Statistics 2012 e iamsterdam.com Milano Shopping 17

18 Europa, Le vie del lusso, canoni prime in / m²/ anno Fonte: Jones Lang LaSalle, 2011 e Il canone prime è definito come il prezzo in all anno di un canone sostenibile che può essere ottenuto per un unità tipo di nuova locazione in una posizione primaria. Tale unità è caratterizzata da una superficie di vendita tra i 100 ed i 200 m 2, con accesso al piano terra senza scale. I canoni di locazione in Galleria Vittorio Emanuele II ne riflettono la pubblica proprietà. Si è cominciato a parlare negli ultimi mesi di una proprietà mista pubblico privata per il futuro che potrebbe influenzare i valori.

19 Il panorama retail di Milano Il centro della città di Milano accoglie una delle scene retail più vibranti d Europa, con circa 500,000 m² di spazio destinato alle attività commerciali. Il team JLL Research ha analizzato le nove strade più importanti del centro città, quelle con la maggior rilevanza storica e commerciale e che presidiano l intera gamma dell offera retail, dal mercato di massa fino a quello del lusso. La nostra analisi mostra che l offerta retail milanese si sta evolvendo, così come la shopping experience che si presenta ai consumatori milanesi. La mappa nella pagina successiva mostra la posizione delle nove vie considerate, ossia Corso Vittorio Emanuele II, presentato al MAPIC 2011; Via Montenapoleone; Corso Venezia; Via Manzoni; Via Dante; Corso Buenos Aires; Via Torino; Corso Vercelli; e la Galleria Vittorio Emanuele II, il Salotto di Milano e la più vecchia galleria dello shopping in Europa adottata come modello da molte altre e che ha visto aprire il primo negozio dei Fratelli Prada nel Le high street stanno diventando sempre più specializzate a seguito di un insieme di dinamiche i cui esiti sono già visibili altrove in Europa: da un lato è evidente la tendenza dei retailer a posizionarsi in prossimità dei propri competitor al fine di beneficiare di effetti di diffusione e di attrarre consumatori. Dall altro si osserva una maggior consapevolezza dei consumatori che preferiscono una destinazione unica per i propri acquisti che consenta loro di soddisfare meglio, e talvolta con un risparmio economico, i propri bisogni, oltre che di avere un esperienza di consumo più completa passeggiando per le vie della città. Inoltre si consolida la tendenza dei brand ad aprire punti vendita in tutto il mondo e ad investire in flagship store sensazionali nelle piazze principali. Questo non significa però necessariamente che le high street italiane siano uguali alle controparti europee: in realtà, la maggior parte dei punti vendita appartiene a grandi marchi italiani globalizzati. Corso Vittorio Emanuele II per esempio ha mantenuto il tradizionale mix di negozi mono e multi brand del lusso (come Max Mara, Vergelio e Gobbi) e di numerosi brand di livello medio alto che rappresentano qualità e made in Italy come Luisa Spagnoli, Max&Co, Pennyblack, Pollini, e Furla tra gli altri. La presenza di un numero crescente di marchi noti, i risultati relativamente positivi dei negozi high street Milano Shopping 19

20 Via Montenapoleone C.so Buenos Aires Via Manzoni C.so Venezia C.so Vercelli C.so Vittorio Emanuele II Galleria Vittorio Emanuele II Via Dante Via Torino Milano, Le nove strade considerate in Milano Shopping Fonte: Jones Lang LaSalle 2012

21 Milano, Passaggi pedonali stimati nelle vie in analisi Corso Vittorio Emanuele II Galleria Vittorio Emanuele II Via Montenapoleone Corso Venezia Via Manzoni Via Dante Corso Buenos Aires Via Torino Corso Vercelli Fonte: Elaborazione Jones Lang LaSalle di dati Sincron Inova e Jones Lang LaSalle, media tra passaggi pedonali registrati il 16/04/2011 e il 22/04/2011 rispetto ad altre location, e la relativa opacità e prevalenza dei privati nel settore, sono fattori che insieme contribuiscono a rendere l High Street un opzione sempre più core per gli investitori. Con rendimenti che rendono Milano una scelta appetibile anche rispetto alle altre città europee, appare ragionevole attendersi che nuovi investitori internazionali potrebbero considerarla una potenziale location per i loro investimenti. Specializzazione: location prime sempre più prime Milano sta sperimentando una crescente specializzazione della shopping experience che offre ai propri consumatori. Nel corso degli anni, gerarchie piuttosto definite hanno cominciato ad emergere tra e all interno dei diversi distretti dello shopping. Per esempio Corso Vittorio Emanuele II ha visto rafforzarsi la propria reputazione di top location per i marchi dell abbigliamento e degli accessori, dai brand di alta gamma (e.g. Luisa Spagnoli o Furla) e lusso coma Max Mara sino a giganti dell high street globale come H&M e Gap. In quella che è la location preferita dalla maggior parte dei retailer per l ingresso nel mercato Italiano, i passaggi pedonali sono i più alti tra le strade considerate con Milano Shopping 21

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita GUALTIERO TAMBURINI ASSEMBLEA ANNUALE FEDERIMMOBILIARE ROMA, 18 GENNAIO 2012 Il quadro macroeconomico PIL ed occupazione (variazioni %

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

/pulse/ Italy Capital Markets Q1 2014

/pulse/ Italy Capital Markets Q1 2014 /pulse/ Italy Capital Markets Q1 2014 Overview economica 2013 2014 2015 previsione PIL tasso di crescita 1-1,8% 0,6% 1,1% Tasso di disoccupazione 1 12,2% 12,8% 12,5% Inflazione 1 1,2% 0,8% 1,1% Consumi

Dettagli

Pianificare il futuro

Pianificare il futuro Pianificare il futuro THINK private. Linea Planning Banca Fideuram Banca Fideuram è uno dei principali protagonisti del private banking in Europa, con oltre 50 miliardi di euro di attività in gestione.

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 27 aprile 2010 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale Capitolo 2.3 Il turismo in Piemonte Carlo Alberto Dondona Si ringraziano Cristina Bergonzo (Sviluppo Piemonte Turismo), Amedeo Mariano(Città Metropolitana di Torino Sistema Informativo Turistico) La situazione

Dettagli

La prospettiva di mercato: da crescita a produttività

La prospettiva di mercato: da crescita a produttività Moda & Lusso La prospettiva di mercato: da crescita a produttività 13 Novembre 2015 La crescita? Una passeggiata Lusso: crescita della domanda pari a 70mld solo negli ultimi 5 anni, il 30% della domanda

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Venezia Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1)

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Venezia Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1) Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 215 Venezia VENEZIA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 215 1 Venezia Evoluzione delle compravendite Figura 1 Settore residenziale Settore

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO Un indagine di ANIE Energia analizza le possibili evoluzioni del mercato interno di inverter, sistemi di accumulo e colonnine di ricarica.

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA 14 settembre 2007 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte di esso può essere riprodotta, memorizzata in un

Dettagli

A NATALE LE VENDITE ONLINE CONTRIBUIRANNO AD INCREMENTARE LA CRESCITA DEL COMPARTO RETAIL IN EUROPA

A NATALE LE VENDITE ONLINE CONTRIBUIRANNO AD INCREMENTARE LA CRESCITA DEL COMPARTO RETAIL IN EUROPA A NATALE LE VENDITE ONLINE CONTRIBUIRANNO AD INCREMENTARE LA CRESCITA DEL COMPARTO RETAIL IN EUROPA Per le vendite al dettaglio complessive in Europa durante il periodo natalizio si prevede un aumento

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI. Elena Molignoni

PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI. Elena Molignoni PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI Elena Molignoni Mercato dei capannoni industriali Il comparto dei capannoni industriali ha evidenziato nel

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Immobili d impresa: Milano torna ad attrarre investimenti

Immobili d impresa: Milano torna ad attrarre investimenti Osservatorio Assolombarda e Camera di commercio - Osmi Borsa Immobiliare Immobili d impresa: Milano torna ad attrarre investimenti Grazie ai prezzi più bassi e a una maggiore presenza di immobili di pregio

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee The AR Factor Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee Media Executive Summary Lo scopo di questa ricerca è valutare

Dettagli

Sintesi dei principali risultati

Sintesi dei principali risultati Milano e i congressi internazionali Posizionamento in Europa e impatto economico Sintesi dei principali risultati La ricerca, condotta da Paola Bensi, Roberto Nelli e Stefano Oliva presso il Laboratorio

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

Private Banking e Fondi Immobiliari

Private Banking e Fondi Immobiliari 0 Private Banking e Fondi Immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari nel mondo e in Europa Nel 2005 il portafoglio dei gestori professionali ha superato gli 800 mld di

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia 5. INDIVIDUARE LE OPPORTUNITA : STRUMENTI PER L ANALISI DEI MERCATI Fabio Cassia Introduzione Analisi dei mercati per: 1) individuare opportunità di mercato Da circa 150 mercati emergenti A una o più opportunità

Dettagli

/pulse/ Italia Il mercato della Logistica Q4 2014

/pulse/ Italia Il mercato della Logistica Q4 2014 /pulse/ Italia Il mercato della Logistica Q4 2014 Contesto macroeconomico Italia, Principali indicatori macroeconomici 1 2013 2014 2015 previsione PIL tasso di crescita 1-1.8% -0.3% 0.4% Tasso di disoccupazione

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

I N V E S T I E T I C O

I N V E S T I E T I C O I N V E S T I E T I C O FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE DI TIPO CHIUSO RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede legale: Bastioni di Porta Nuova,

Dettagli

LA CONTRATTUALISTICA TRA RETAILER E CENTRI COMMERCIALI ALL ESTERO focus UK, Francia, Spagna e Germania. Inquadramento delle tematiche

LA CONTRATTUALISTICA TRA RETAILER E CENTRI COMMERCIALI ALL ESTERO focus UK, Francia, Spagna e Germania. Inquadramento delle tematiche LA CONTRATTUALISTICA TRA RETAILER E CENTRI COMMERCIALI ALL ESTERO focus UK, Francia, Spagna e Germania Inquadramento delle tematiche Milano, 29 gennaio 2015 Lo Studio Crowe Horwath - Studio Associato Servizi

Dettagli

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL Utilizzare la Location Intelligence come vantaggio competitivo L O C AT I O N L O C AT I O N L O C AT I O N! MapInfo fornisce soluzioni per l analisi spaziale e la visualizzazione

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

I N V E S T I E T I C O

I N V E S T I E T I C O I N V E S T I E T I C O FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE DI TIPO CHIUSO RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2010 AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede legale: Bastioni di Porta Nuova,

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma OBIETTIVI Da qualche anno a questa parte, le soluzioni di trasporto condivise stanno conoscendo

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

E-Commerce. Commerce, vendere sul web. Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano. stefano.mainetti@polimi.it. Trento, 4 marzo 2010

E-Commerce. Commerce, vendere sul web. Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano. stefano.mainetti@polimi.it. Trento, 4 marzo 2010 E-Commerce Commerce, vendere sul web Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@polimi.it Trento, 4 marzo 2010 E-Commerce Commerce: una definizione Il termine e-commerce indica

Dettagli

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners Studio Martelli Ulissi & Partners Il Kazakhstan conseguita l indipendenza dall'unione Sovietica e terminato il periodo di transizione con la ristrutturazione organizzativa, economica e legislativa ha dato

Dettagli

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A A N N O 2 0 1 0 R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 1. L andamento

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011 SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE COMUNICATO STAMPA CRESCE DEL 4,3 PER CENTO IL RISPARMIO GESTITO IN IMMOBILI TOTALE MONDIALE A 1.450 MILIARDI DI EURO OBIETTIVO 100 MILIARDI

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO

LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO http://www.sinedi.com ARTICOLO 19 GENNAIO 2008 LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO Anche per il 2007 Altagamma, l associazione che riunisce le aziende del lusso, in collaborazione con Bain & Company,

Dettagli

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF Barometro CRIF della domanda di credito da parte delle famiglie: a ottobre ancora vivace la domanda di mutui (+42,5%) e prestiti finalizzati (+17,8%). In controtendenza, si consolida la flessione dei prestiti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2012 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2012 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2012 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 15 maggio 2012 - Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

UN FUTURO PER MILANO: CITTÀ DEL TERZIARIO? PIÙ DEL 75% DELL OFFERTA DI UFFICI E OGGI DI BASSA QUALITÀ

UN FUTURO PER MILANO: CITTÀ DEL TERZIARIO? PIÙ DEL 75% DELL OFFERTA DI UFFICI E OGGI DI BASSA QUALITÀ Nasce l Osservatorio sull offerta di immobili a uso uffici 1 Rapporto CRESME- II semestre 2014 Monitorati oltre 4.500 annunci per vendita e affitto UN FUTURO PER MILANO: CITTÀ DEL TERZIARIO? PIÙ DEL 75%

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

No, grazie! Si nota una certa tensione nel mercato immobiliare mondiale, quello italiano sembra resistere egregiamente. A cura di Donato Palombella

No, grazie! Si nota una certa tensione nel mercato immobiliare mondiale, quello italiano sembra resistere egregiamente. A cura di Donato Palombella CRISI NEL MERCATO immobiliare? No, grazie! Si nota una certa tensione nel mercato immobiliare mondiale, quello italiano sembra resistere egregiamente. A cura di Donato Palombella 36 CRISI NEL MERCATO IMMOBILIARE?

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Ecco la fotografia del mercato immobiliare relativo a uffici, commerciale e industriale delle due città

Ecco la fotografia del mercato immobiliare relativo a uffici, commerciale e industriale delle due città Immobili: a Roma e Milano il mercato corporate si concentra su superfici di dimensioni contenute. Domanda di uffici sempre più orientata verso le zone a più alta vocazione direzionale Tendenziale ritorno

Dettagli

Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica

Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica 1 Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica Giovanni Giuseppe Ortolani L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE Venezia, 17 aprile 2012 http://www.bancaditalia.it indagineturismo@bancaditalia.it

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

LA RESIDENZIALITA PER GLI ANZIANI: POSSIBILE CONIUGARE SOCIALE E BUSINESS? FONDO DI PREVIDENZA «MARIO NEGRI»

LA RESIDENZIALITA PER GLI ANZIANI: POSSIBILE CONIUGARE SOCIALE E BUSINESS? FONDO DI PREVIDENZA «MARIO NEGRI» LA RESIDENZIALITA PER GLI ANZIANI: POSSIBILE CONIUGARE SOCIALE E BUSINESS? AGENDA 1 Il mercato degli investimenti in Italia 2 Il mercato immobiliare delle R.S.A. 3 Caratteristiche dell investimento immobiliare

Dettagli

INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo

INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo 1 IL RILANCIO DELLA DOMANDA Roberto Ravazzoni, CERMES Bocconi Scenari economici e prospettive per i consumi Assemblea Annuale Indicod Teatro Manzoni Milano,

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Brochure per fornitori e partner

Brochure per fornitori e partner La grande catena di negozi per tutta la famiglia Brochure per fornitori e partner SOMMARIO Sommario... 3 Il Gruppo CIA Diffusione Abbigliamento... 4 La Rete dei Punti Vendita... 4 I motivi di un successo...

Dettagli

FOCUS TURISMO TRENTINO. Provincia autonoma di Trento PATRIMONIO DEL TRENTINO S.P.A.

FOCUS TURISMO TRENTINO. Provincia autonoma di Trento PATRIMONIO DEL TRENTINO S.P.A. Provincia autonoma di Trento PATRIMONIO DEL S.P.A. IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE Associazione Albergatori ed Imprese Turistiche della Provincia di Trento UNIONE ALBERGATORI del TREND CRESCENTE

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

Economia del turismo

Economia del turismo Economia del turismo Anno Accademico 2014/2015 Dott. Ivan Etzo Economia del Turismo - Dott. Ivan Etzo 1 SEZIONE 5 Il turismo internazionale ARGOMENTI 5.1 Gli elementi caratteristici del turismo internazionale

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

Aeroporti, mobilità e territorio

Aeroporti, mobilità e territorio Aeroporti, mobilità e territorio Unioncamere Roma 19 Febbraio 2014 Prof. Lanfranco Senn Direttore CERTeT Università Bocconi Presidente Gruppo CLAS Indice 1. I trend evolutivi del trasporto aereo in Italia

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Marketing Industriale Prof. Ferruccio Piazzoni L analisi di attrattività dei segmenti I Mktg-L05 L ANALISI DI ATTRATTIVITA In ciascuna

Dettagli

MODA E LUSSO: IL MOMENTO DELLE SCELTE per crescere in un contesto mondiale sempre più competitivo

MODA E LUSSO: IL MOMENTO DELLE SCELTE per crescere in un contesto mondiale sempre più competitivo MODA E LUSSO: IL MOMENTO DELLE SCELTE per crescere in un contesto mondiale sempre più competitivo Intervento di David Pambianco Giovedì, 13 novembre 2015 Palazzo Mezzanotte Piazza degli Affari 6, Milano

Dettagli

PROGETTO. Parma Point in Australia

PROGETTO. Parma Point in Australia PROGETTO Parma Point in Australia Marzo Agosto 2013 Il progetto La Camera di commercio di Parma, in collaborazione con la Camera di commercio italiana in Australia, propone alle imprese del territorio

Dettagli

L analisi degli investimenti

L analisi degli investimenti Corso di Laurea in Produzione dell Edilizia Corso di Economia e Gestione delle Imprese 9^ lezione L analisi degli investimenti 3 maggio 2005 Prof. Federico Della Puppa - A.A. 2004-2005 Dalla teoria alla

Dettagli

TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel 2014 sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre.

TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel 2014 sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre. Sant Elpidio a Mare, 22 gennaio 2015 TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre. Approvati dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

UNIVERSITA G. D ANNUNZIO - CHIETI E PESCARA & VIENNA UNIVERSITY OF ECONOMICS AND BUSINESS

UNIVERSITA G. D ANNUNZIO - CHIETI E PESCARA & VIENNA UNIVERSITY OF ECONOMICS AND BUSINESS UNIVERSITA G. D ANNUNZIO - CHIETI E PESCARA & VIENNA UNIVERSITY OF ECONOMICS AND BUSINESS Questionario sulle strategie aziendali per entrare nei Paesi dell Europa Centro-Orientale (CEO) L Università degli

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Milano, 12 novembre 2014 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Approvato dal Consiglio di Amministrazione il

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

Le quattro domande chiave

Le quattro domande chiave Le quattro domande chiave! Da dove scaturisce l interesse dell investitore per il settore?! Come stanno oggi le aziende del settore?! Quali sono le leve da attivare per liberare le potenzialità di crescita

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli