Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio?"

Transcript

1 La metamorfosi del «modello emiliano»: c è ancora un futuro per i distretti industriali? Una prospettiva economica Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio? Cristina De Michele e Giovanni Foresti Intesa Sanpaolo - Servizio Studi e Ricerche Parma, 6 aprile 2011

2 I principali temi Anni Duemila: come è cambiato il distretto Performance e strategie: il ruolo dei marchi Le vie per il rilancio 1

3 Dimensioni aziendali in aumento Carpi: Addetti per impresa Carpi: Fatturato per impresa (mln ) 6,4 6,0 6,0 6,2 1,4 1,1 0,9 1,2 5,6 5,4 5,5 0,8 0,6 0,6 5,2 0,5 4, , Fonte: elaborazioni su dati R&I 2009 Fonte: elaborazioni su dati R&I 2009 Forte crescita delle dimensioni aziendali (soprattutto in termini di fatturato): affermazione di un nucleo di imprese nel comparto della confezione. Pressoché stabile il fatturato delle imprese della maglieria e di subfornitura. 2

4 Crescente apertura delle filiere, esterna... Carpi: import in % export Penetrazione commerciale, 2007 (import/addetti; Italia=100) Abbigliamento Maglieria 0 Treviso Vicenza Carpi Biella Como Prato Fonte: Intesa Sanpaolo su dati Istat Fonte: Intesa Sanpaolo su dati Istat Tra il 2005 e il 2008 in aumento il ricorso a produttori esteri, soprattutto cinesi. Sempre più attivati anche fornitori localizzati in altri paesi emergenti (Turchia, Tunisia, Romania...). Tuttavia, il grado di esternalizzazione produttiva all estero del distretto resta contenuto. 3

5 ...e interna (l imprenditoria cinese) Imprenditori extracomunitari attivi nel tessile-abbigliamento Imprenditori extracomunitari Imprenditori cinesi Imprenditori extracomunitari (in % totale) Imprenditori cinesi (in % totale) 2000 (a) 2009 (b) 2009 (b) 2000 (a) 2009 (b) 2009 (b) Prato ,6 50,5 49,0 Brescia ,9 21,6 18,3 Firenze ,6 20,7 18,3 Modena (Carpi) ,6 20,4 16,7 Treviso ,7 15,4 12,1 Vicenza , ,2 Bergamo ,5 11,6 8,4 Varese ,6 5,5 2,7 Biella ,1 5,3 0,4 Como n.d. 5,8 7,3 n.d. Principali distretti ,4 24,1 21,1 Italia , ,8 (a) per Prato e Treviso 2001; (b) per Vicenza, Bergamo e Como 2008 I dati si riferiscono ai codici 17 e 18 dell Ateco 2002, con le eccezioni di Prato e Firenze. Per queste due province i dati del 2009 si riferiscono ai codice 13 e 14 dell'ateco 2007 Fonte: Intesa Sanpaolo su dati Camere di commercio delle province indicate 4

6 Internazionalizzazione commerciale: il ritardo di Carpi Grado di diversificazione degli sbocchi commerciali (inverso dell indice di Herfindahl) Distanza culturale degli sbocchi commerciali (Italia=100) Carpi Como Carpi Como Prato Prato Biella Biella Vicenza Vicenza Treviso Treviso Fonte: Intesa Sanpaolo su dati Istat Nota: l indicatore è ottenuto ponderando la distanza culturale (derivata dagli studi di Hofstede e che tiene conto delle differenze tra paesi in termini di distanza di potere, individualismo, ruolo del genere, avversione all incertezza) degli sbocchi commerciali per l importanza che questi rivestono per l export dei distretti. Carpi è in ritardo in termini di propensione all export, diversificazione geografica e presenza in mercati lontani culturalmente. Insufficienti i segnali di miglioramento emersi nel corso degli anni Duemila. 5

7 I principali temi Anni Duemila: come è cambiato il distretto Performance e strategie: il ruolo dei marchi Le vie per il rilancio 6

8 Si polarizzano i risultati EBITDA in % del fatturato: mediana imprese migliori (a) - mediana imprese peggiori (b) Carpi Biella Como Prato Treviso Vicenza (a) primo 20% della distribuzione (b) ultimo 20% della distribuzione delle imprese Fonte: Intesa Sanpaolo su bilanci aziendali 7

9 A Carpi bene soprattutto chi ha puntato sui marchi L analisi di diversi casi studio evidenzia che fanno premio: qualità dei prodotti innovazione sul fronte tecnologico, del design e della comunicazione potenziamento della fase commerciale e soprattutto marchi (diffusi nel comparto della confezione ma quasi assenti nella maglieria). Imprese più piccole tra i soggetti più in difficoltà, spesso costrette a rinunciare a un marchio proprio e a un proprio campionario per trasformarsi in subfornitori. 8

10 Politiche di marchio: una strategia diffusa e redditizia? La crescita del fatturato dei prodotti del distretto con marchi ad alta visibilità è riconducibile all affermazione di un solo attore (Liu Jo) o, al contrario, è il risultato anche delle strategie di branding di altre aziende del distretto? Quali sono gli effetti del marchio sulla redditività delle imprese (Verbeeten e Vijn, 2006; Millot, 2009 per una rassegna della letteratura)? Necessità di creare un database ad hoc per rispondere a queste domande 9

11 Il nuovo database marchi-bilanci Nuova banca dati costruita combinando i bilanci di 189 imprese carpigiane del tessile-abbigliamento con fatturato superiore a 1 milione di euro nel 2006 e i dati sulla registrazione dei marchi: in Italia (ufficio italiano brevetti e marchi; UIBM), nell Unione europea (The Trade Marks and Designs Registration Office of the European Union; OHIM), internazionali (The World Intellectual Property Organization; WIPO), negli Stati Uniti (United States Patent and Trademark Office; USPTO). Per ogni impresa e per ognuna di queste 4 registrazioni, sono state raccolte informazioni riguardanti il numero dei marchi registrati, il primo anno di registrazione, i prodotti per i quali è stata chiesta la protezione, l anno in cui è stata accordata l estensione del marchio anche ad altre tipologie merceologiche e, per il marchio internazionale, il numero dei paesi per i quali è stata chiesta la tutela. 10

12 Politiche di marchio diffuse soprattutto in Italia... Carpi: imprese con marchio registrato in Italia O all estero Carpi: imprese con marchio registrato in Italia E all estero 100 (quota %) (quota %) mln mln Totale 5-10 mln almeno 20 mln mln mln Totale 5-10 mln almeno 20 mln Fonte: Intesa Sanpaolo su bilanci aziendali, UIBM, OHIM, USPTO, WIPO Fonte: Intesa Sanpaolo su bilanci aziendali, UIBM, OHIM, USPTO, WIPO Propensione a registrare marchi funzione crescente delle dimensioni aziendali. Registrazione inizialmente chiesta per capi di abbigliamento e successivamente estesa al tessile e agli articoli in pelle. Quasi la metà delle imprese ha registrato un solo marchio; il 68% al più 2 marchi. Un quinto delle imprese ha registrato almeno 4 marchi. 11

13 ...meno all estero, anche se emergono segnali positivi Carpi: distribuzione temporale dei marchi registrati in Italia (quota %) Carpi: distribuzione temporale dei marchi internazionali registrati (quota %) anni '80 anni '90 primi anni ' 00 secondi anni '00 0 anni '80 anni ' 90 primi anni '00 secondi anni '00 Fonte: Intesa Sanpaolo su bilanci aziendali, UIBM Fonte: Intesa Sanpaolo su bilanci aziendali, WIPO Nel tempo è progressivamente aumentata la propensione a registrare il proprio marchio anche all estero; forte accelerazione negli anni Duemila. 12

14 Marchi e performance: la variabili del modello Variabili dipendenti: variazione dell EBITDA margin tra il 2007 e il 2008 (modello 1) variazione del fatturato tra il 2007 e il 2008 (modello 2) Variabili di controllo: Dimensione aziendale EBITDA margin nel 2006 Dummy marchio: presenza nell azienda di almeno un marchio registrato Numero di marchi registrati Valore del marchio che varia in un intervallo continuo tra 0 e 1 in funzione di: numero di uffici presso cui è registrato il marchio numero dei paesi presso cui è tutelato estensioni merceologiche richieste nel corso del tempo 13

15 Impatti positivi e significativi su crescita e redditività solo se il marchio ha valore Marchi di valore: effetti positivi su crescita ed evoluzione della redditività solo con marchi di valore (segno positivo e significativo). Non basta creare brand aziendali e di prodotto: è necessario sostenerne lo sviluppo e la notorietà con adeguate politiche di comunicazione (cfr. Beenstook, 1998; Foresti, Guelpa, Trenti, 2007). Politiche multibrand penalizzano sia la crescita che la redditività (segno negativo e significativo). La costruzione di un brand di successo può essere più facile e sostenibile economicamente se ci si concentra su un unico marchio. Centrale la capacità del management di realizzare strategie individuate con coerenza e senza mettere a repentaglio l equilibrio finanziario aziendale. Caso Fin.Esse insegna che investire in maniera poco equilibrata in un marchio di successo è rischioso. 14

16 I principali temi Anni Duemila: come è cambiato il distretto Performance e strategie: il ruolo dei marchi Le vie per il rilancio 15

17 Crescente consapevolezza dell importanza dei fattori immateriali: innovazione, qualità e marchio Le strategie adottate nel 2009 dalle imprese calzaturiere, del tessileabbigliamento e del legno-arredo (quote %) Innovazione Qualità Comunicazione Marchio Riduzione costi Calzature Legno-arredo Tessile-abbigliamento Nota: i dati si riferiscono alle indicazioni emerse dalla lettura delle relazioni di bilancio di circa 150 imprese distrettuali specializzate nel calzaturiero, nel tessile-abbigliamento e nel legno-arredo. Fonte: elaborazioni su bilanci aziendali 16

18 Le sfide da vincere per ripartire dopo la crisi Alcune soluzioni QUALITA e FLESSIBILITA : è a rischio il know-how produttivo (il difficile ricambio generazionale) e l integrità delle filiere produttive (i problemi posti da internazionalizzazione produttiva e imprenditoria straniera)? offerta formativa partnership capofila-subfornitori e cooperazione tra subfornitori subfornitori: ampliamento gamma lavorazioni, nuove nicchie di mercato (decori, ricami..), servizi di qualità... certificati di qualità Alcune soluzioni BRAND E EXPORT: il distretto ha saputo rinnovarsi esprimendo nuovi leader dinamici e con marchi noti. Sono però pochi e poco presenti sui mercati internazionali e ad alto potenziale... consolidamento dimensionale le reti d impresa Il terziario avanzato 17

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

La crisi che ha colpito l economia mondiale nel biennio 2008-

La crisi che ha colpito l economia mondiale nel biennio 2008- Distretti in trasformazione: l impatto delle nuove traiettorie di internazionalizzazione sulle filiere produttive 1 Giovanni Foresti 2, Fabrizio Guelpa 3 e Stefania Trenti 4 Introduzione La crisi che ha

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno.

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno. COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SETTIMO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 214 CON 46.5 AZIENDE ANALIZZATE protagonisti della ripresa: già nel biennio 213-14

Dettagli

I processi di internazionalizzazione delle imprese distrettuali italiane. Osservatorio TeDIS

I processi di internazionalizzazione delle imprese distrettuali italiane. Osservatorio TeDIS I processi di internazionalizzazione delle imprese distrettuali italiane Osservatorio TeDIS Indice I processi di internazionalizzazione delle imprese distrettuali in Italia Internazionalizzazione commerciale

Dettagli

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza LA GRANDE CRISI RACCONTATA DAI NUMERI di Maurizio Gambuzza Saldi delle posizioni lavorative dal 3 giugno 28 per genere e cittadinanza 5-5 -1-15 -2-25 Uomini italiani Donne italiane Uomini stranieri Donne

Dettagli

INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SESTO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 2013 CON 50.000 AZIENDE ANALIZZATE

INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SESTO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 2013 CON 50.000 AZIENDE ANALIZZATE COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SESTO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 2013 CON 50.000 AZIENDE ANALIZZATE Migliore andamento delle imprese dei distretti

Dettagli

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche Ascoli Piceno, 24 ottobre 2014 Agenda 1 L identikit delle

Dettagli

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 1 % 40 35 30 25 20 15 10 5 0 % Ripartizione per classi dimensionali di fatturato

Dettagli

I mercati esteri e il futuro della calzetteria italiana L industria della calzetteria italiana: opportunità di crescita sui mercati esteri

I mercati esteri e il futuro della calzetteria italiana L industria della calzetteria italiana: opportunità di crescita sui mercati esteri I mercati esteri e il futuro della calzetteria italiana L industria della calzetteria italiana: opportunità di crescita sui mercati esteri Giovanni Foresti Direzione Studi e Ricerche Guidizzolo, 25 novembre

Dettagli

Il distretto della maglieria e dell abbigliamento di Carpi. Servizio Studi e Ricerche Marzo 2010

Il distretto della maglieria e dell abbigliamento di Carpi. Servizio Studi e Ricerche Marzo 2010 Il distretto della maglieria e dell abbigliamento di Carpi Servizio Studi e Ricerche Il distretto della maglieria e dell abbigliamento di Carpi Executive Summary 3 1. Analisi strutturale 7 1.1 Collocazione

Dettagli

Hard information e credito alla filiera

Hard information e credito alla filiera Banking Summit 2013 Hard information e credito alla filiera Fabrizio Guelpa Servizio Studi e Ricerche Milano, 26 settembre 2013 I principali temi Hard information ancora da incorporare Nuove possibilità

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Sezione anagrafica. Dati quantitativi. Denominazione Distretto Tessile di Carpi

Sezione anagrafica. Dati quantitativi. Denominazione Distretto Tessile di Carpi Sezione anagrafica Denominazione Distretto Tessile di Carpi Sede del Distretto Il Distretto si estende per oltre 275,4 Km e interessa otto comuni situati nella zona nordoccidentale della Provincia di Modena:

Dettagli

I risultati del 3 Rapporto dell Osservatorio Nazionale Distretti Italiani

I risultati del 3 Rapporto dell Osservatorio Nazionale Distretti Italiani I risultati del 3 Rapporto dell Osservatorio Nazionale Distretti Italiani 2011 fra stasi e ripresa per i distretti: si fattura e si esporta di più nei territori che fuori, calano le aziende che riducono

Dettagli

Le prime 75 aziende italiane operanti nel settore dei lapidei. a cura di Alessandra Graziani

Le prime 75 aziende italiane operanti nel settore dei lapidei. a cura di Alessandra Graziani Centro Studi OSSERVATORIO FILLEA GRANDI IMPRESE E LAVORO 13 Resoconto dell Osservatorio Materiali Le prime 75 aziende italiane operanti nel settore dei lapidei a cura di Alessandra Graziani Lucca, 26 marzo

Dettagli

Presentazione del Settimo Rapporto Annuale Economia e finanza dei distretti industriali

Presentazione del Settimo Rapporto Annuale Economia e finanza dei distretti industriali Presentazione del Settimo Rapporto Annuale Economia e finanza dei distretti industriali Direzione Studi e Ricerche Milano, 23 febbraio 2015 Agenda 1 I contenuti del Rapporto 2 I bilanci del 2013, stime

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

Asset intangibili e performance economiche: un analisi del. provincia di Modena

Asset intangibili e performance economiche: un analisi del. provincia di Modena Asset intangibili e performance economiche: un analisi del distretto del Biomedicale della provincia di Modena Federico Munari Azzurra Meoli Università di Bologna Progetto MISE Unioncamere ER INDICE DEL

Dettagli

I Distretti della Moda

I Distretti della Moda I Distretti della Moda Un viaggio lungo 12 distretti per un progetto al servizio dei territori Distretto Veneto Sistema Moda Distretto Orafo - Argentiero di Riccardo Masoero Responsabile Segments and Industries

Dettagli

Il Piano Straordinario per il Made in Italy: il Sistema Moda-Persona. Milano, 4 Febbraio 2015

Il Piano Straordinario per il Made in Italy: il Sistema Moda-Persona. Milano, 4 Febbraio 2015 Il Piano Straordinario per il Made in Italy: il Sistema Moda-Persona Milano, 4 Febbraio 2015 1 Il Piano per la Moda-Persona 2015 Il Governo recepisce le priorità del settore declinando un piano di filiera

Dettagli

4. Alcune considerazioni finali. 4.1 Il contesto di riferimento

4. Alcune considerazioni finali. 4.1 Il contesto di riferimento 4. Alcune considerazioni finali 4.1 Il contesto di riferimento Nel periodo 2000-2003, le dinamiche del distretto di Carpi risentono delle difficoltà della congiuntura mondiale e della stagnazione che caratterizza

Dettagli

Il 2010 è per Fondazione Fiera Milano un anno speciale, il decennale del riconoscimento in fondazione di diritto privato dell Ente Autonomo Fiera

Il 2010 è per Fondazione Fiera Milano un anno speciale, il decennale del riconoscimento in fondazione di diritto privato dell Ente Autonomo Fiera Il 2010 è per Fondazione Fiera Milano un anno speciale, il decennale del riconoscimento in fondazione di diritto privato dell Ente Autonomo Fiera Internazionale di Milano. Con l occasione, oltre alle consuete

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

Monitor dei Distretti Umbria

Monitor dei Distretti Umbria Monitor dei Distretti Umbria Direzione Studi e Ricerche CR Umbria distribuisce questo studio realizzato da Monitor dei Distretti Umbria Executive summary 2 1. L export nel terzo trimestre del 3 2. La CIG

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

La vitalità dei territori La vetrina delle eccellenze territoriali italiane

La vitalità dei territori La vetrina delle eccellenze territoriali italiane La vitalità dei territori La vetrina delle eccellenze territoriali italiane Seconda edizione Febbraio 2011 Aspen Institute Italia Studio curato da IMT Alti Studi Lucca Aspen Institute Italia Interesse

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

«Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali

«Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali «Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Milano, 8 settembre 2015 Agenda 1 Importanza e specificità

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

Strumenti a supporto dell innovazione di processo o di prodotto. Elisa Toniolo

Strumenti a supporto dell innovazione di processo o di prodotto. Elisa Toniolo Strumenti a supporto dell innovazione di processo o di prodotto Elisa Toniolo CHI SIAMO t 2 i trasferimento tecnologico e innovazione è la società consortile per l innovazione, promossa dalle Camere di

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Caso 1: Progetto strategico: basic intelligence, visione e posizionamenti Caso 2: Progetto strategico: criticità, macro trend e obiettivi

Dettagli

Il settore della REFRIGERAZIONE

Il settore della REFRIGERAZIONE Il settore della REFRIGERAZIONE Progetto MISE-Unioncamere Luglio 2014 Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali - Università di Padova Agenda Inquadramento del settore Descrizione del

Dettagli

BOZZA Monitor dei Distretti delle Marche. Servizio Studi e Ricerche Gennaio 2012

BOZZA Monitor dei Distretti delle Marche. Servizio Studi e Ricerche Gennaio 2012 BOZZA Monitor dei Distretti delle Marche Servizio Studi e Ricerche Executive summary 2 1. I distretti delle Marche: l export nel terzo trimestre del 2011 3 1.2 Analisi della CIG 9 Appendice 12 Tabelle

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

Medie imprese italiane: quando e come crescono

Medie imprese italiane: quando e come crescono Medie imprese italiane: quando e come crescono Una strada per la crescita della media impresa italiana Fulvio Coltorti (Area Studi Mediobanca) 11 Novembre 2013 Quarto capitalismo: peso in termini di VA

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Unioncamere, made in Italy: 59mila marchi e 44mila brevetti depositati in 12 anni Roma 11 maggio 2012 Prodotti di largo consumo, sistema moda, dispositivi elettronici, elettrici,

Dettagli

La mediazione linguistico-culturale per le imprese

La mediazione linguistico-culturale per le imprese La mediazione linguistico-culturale per le imprese Plurilinguismo e mondo del lavoro Il ristorante «Non lasciate che le barriere linguistiche e culturali ostacolino il successo della vostra impresa sui

Dettagli

Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento

Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento Analisi sui cambiamenti realizzati dalle imprese di chimica fine e specialità per affrontare la crisi Centro Studi Federchimica Giugno 2011 Con un questionario

Dettagli

Macerata, 2 Dicembre 2005. benvenuti. Le strategie di crescita per il settore della calzatura: l interpretazione di Manas e Alfiere. Benvenuti!!

Macerata, 2 Dicembre 2005. benvenuti. Le strategie di crescita per il settore della calzatura: l interpretazione di Manas e Alfiere. Benvenuti!! benvenuti Le strategie di crescita per il settore della calzatura: l interpretazione di Manas e Alfiere Benvenuti!! 1 in diversi casi l attività agricola mezzadrile precedentemente condotta dalle famiglie

Dettagli

Effetto distretto : esiste ancora? Servizio Studi e Ricerche Gennaio 2009

Effetto distretto : esiste ancora? Servizio Studi e Ricerche Gennaio 2009 Effetto distretto : esiste ancora? Servizio Studi e Ricerche Gennaio 2009 Effetto distretto : esiste ancora? Giovanni Foresti - Fabrizio Guelpa - Stefania Trenti Abstract 2 1 Introduzione 2 2 Alcuni cenni

Dettagli

Monitor dei Distretti della Lombardia. Servizio Studi e Ricerche Marzo 2011

Monitor dei Distretti della Lombardia. Servizio Studi e Ricerche Marzo 2011 Monitor dei Distretti della Lombardia Servizio Studi e Ricerche Monitor dei Distretti della Lombardia Executive summary 3 1. L export dei 20 distretti tradizionali e dei 3 poli tecnologici della Lombardia

Dettagli

Alla ricerca della crescita perduta:

Alla ricerca della crescita perduta: Alla ricerca della crescita perduta: Alla ricerca opportunità della crescita e ritorni perduta: di un Italia opportunità più internazionale. e ritorni di un Italia più internazionale. roma, 19 novembre

Dettagli

C è ancora spazio per il modello distrettuale?

C è ancora spazio per il modello distrettuale? La metamorfosi del «modello emiliano» Conferenza finale C è ancora spazio per il modello distrettuale? Fabrizio Guelpa Servizio Studi e Ricerche Parma, 28 novembre 2011 I principali temi Distretti ancora

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Monitor dei Distretti. Servizio Studi e Ricerche Ottobre 2010

Monitor dei Distretti. Servizio Studi e Ricerche Ottobre 2010 Servizio Studi e Ricerche Executive Summary 3 1. L export dei distretti nel secondo trimestre del 2010 11 1.1 I settori economici 11 1.2 I mercati di sbocco 12 1.3 Le regioni italiane 15 1.4 La dispersione

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

Riconoscimento regionale e Normativa di riferimento Il VeronaProntoModa Distretto veneto dell abbigliamento è stato riconosciuto nel settembre 2003

Riconoscimento regionale e Normativa di riferimento Il VeronaProntoModa Distretto veneto dell abbigliamento è stato riconosciuto nel settembre 2003 Sezione anagrafica Denominazione Distretto VeronaModa Sede del Distretto Attualmente il Distretto VeronaModa interessa una vasta area della Regione Veneto, con particolare concentrazione nell area veronese

Dettagli

La valorizzazione degli ASSET IMMATERIALI

La valorizzazione degli ASSET IMMATERIALI La valorizzazione degli ASSET IMMATERIALI Introduzione alla Proprietà Intellettuale Proprietà Industriale: Marchi & Brevetti 1 Ing. Lino Fanella Outline Beni Immateriali / Asset Intangibili Proprietà Intellettuale

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Assicurazione dei crediti e factoring: strumenti complementari o sostitutivi?

Assicurazione dei crediti e factoring: strumenti complementari o sostitutivi? Assicurazione dei crediti e factoring: strumenti complementari o sostitutivi? Rony Hamaui A.D. Mediofactoring Padova, 20 Ottobre 2009 Società del gruppo 1 Il Triveneto: un territorio ricco... Il Nord-Est

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a M² Meridiano Moda: una ricetta in 9 punti per il rilancio dell Italian Style Proposte di intervento per il rilancio del settore, puntando su innovazione, sostegno al credito,

Dettagli

Alimentare Veneto superstar. E chiede meno tasse, più infrastrutture e un credito più friendly

Alimentare Veneto superstar. E chiede meno tasse, più infrastrutture e un credito più friendly Comunicato stampa Distretti: la mappa dell Italia che va Conta 278mila imprese, 1,4 milioni di addetti, crea 75 miliardi di Pil, ha un saldo attivo import-export di 77 miliardi di euro Alimentare Veneto

Dettagli

Monitor dei Distretti delle Marche Direzione Studi e Ricerche Gennaio 2015

Monitor dei Distretti delle Marche Direzione Studi e Ricerche Gennaio 2015 Monitor dei Distretti delle Marche Direzione Studi e Ricerche Banca dell Adriatico distribuisce questo studio realizzato da Monitor dei Distretti delle Marche Executive summary 2 1. Le esportazioni dei

Dettagli

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO Avvertenze Il presente documento è stato realizzato da CNA FORMAZIONE srl utilizzando anche fonti istituzionali comunitarie, nazionali, regionali e

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG93U ATTIVITÀ 74.87.5 DESIGN E STYLING RELATIVO A TESSUTI,

STUDIO DI SETTORE TG93U ATTIVITÀ 74.87.5 DESIGN E STYLING RELATIVO A TESSUTI, STUDIO DI SETTORE TG93U ATTIVITÀ 74.87.5 DESIGN E STYLING RELATIVO A TESSUTI, ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, GIOIELLERIA, MOBILI E ALTRI BENI PERSONALI O PER LA CASA Luglio 2007 PREMESSA L evoluzione dello

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

La piccola e media impresa

La piccola e media impresa Lezione 11 La piccola e media impresa Censimento industriale 1991 In Italia piccola impresa (

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Il fatturato dell industria italiana rimarrà su ritmi di crescita ancora superiori al 2% nell anno in corso per poi entrare in

Dettagli

ESIGENZE INFORMATIVE E STATISTICHE PER IL GOVERNO DEI SISTEMI LOCALI

ESIGENZE INFORMATIVE E STATISTICHE PER IL GOVERNO DEI SISTEMI LOCALI Impresa, sviluppo, territorio Il ruolo della statistica locale Modena, 4-5 giugno 2008 ESIGENZE INFORMATIVE E STATISTICHE PER IL GOVERNO DEI SISTEMI LOCALI Carlo Filippucci Dipartimento di Scienze Statistiche-Università

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Monitor dei Distretti Toscana Servizio Studi e Ricerche Gennaio 2013

Monitor dei Distretti Toscana Servizio Studi e Ricerche Gennaio 2013 Monitor dei Distretti Toscana Servizio Studi e Ricerche CR Firenze distribuisce questo studio realizzato da Monitor dei Distretti Toscana Executive summary 2 I 18 distretti tradizionali e il polo farmaceutico

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT Ricerca INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EPORT Sintesi dell intervento di David Pambianco 6 novembre 2012 La ricerca è preceduta da due

Dettagli

Il mobile imbottito di Forlì nell attuale contesto competitivo. Servizio Studi e Ricerche Novembre 2012

Il mobile imbottito di Forlì nell attuale contesto competitivo. Servizio Studi e Ricerche Novembre 2012 Il mobile imbottito di Forlì nell attuale contesto competitivo Servizio Studi e Ricerche Il mobile imbottito di Forlì nell attuale contesto competitivo Executive Summary 3 1. Introduzione 7 2. Analisi

Dettagli

Fashion Designer Junior

Fashion Designer Junior Distretto Formativo Moda Fashion Designer Junior CORSO GRATUITO DI 720 ORE rivolto a GIOVANI non occupati e neo diplomati Perché questo progetto? Junior Fashion Designer PERCORSO SPERIMENTALE IN ALTERNANZA

Dettagli

XIV Forum Piccola Industria Confindustria Innovare è l impresa Innovazione motore di crescita anche durante la crisi

XIV Forum Piccola Industria Confindustria Innovare è l impresa Innovazione motore di crescita anche durante la crisi XIV Forum Piccola Industria Confindustria Innovare è l impresa Innovazione motore di crescita anche durante la crisi Gregorio De Felice Chief Economist Napoli, 3 ottobre 2014 Agenda 1 L Italia nel confronto

Dettagli

Il mercato del lavoro in provincia di Padova

Il mercato del lavoro in provincia di Padova Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova Il mercato del lavoro in provincia di Padova Anno 2011 e I semestre 2012 1 ottobre 2012 A cura di Anna Basalisco 1 Fonti proprie - Cubi OLAP

Dettagli

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche Torino, 3 luglio 2014 Agenda 1 L identikit delle imprese

Dettagli

Accelerare l internazionalizzazione. Marco Costaguta

Accelerare l internazionalizzazione. Marco Costaguta Accelerare l internazionalizzazione Marco Costaguta La ripresa c è. noi non la vediamo ancora 2 Senza export non riusciremo a ripartire +2% Gli ultimi 4-5 anni hanno mostrato PIL stabile/in contrazione

Dettagli

Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere

Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere Lo sviluppo delle reti d'impresa nel settore turistico Gualtiero Milana Region Centro EVOLUZIONE DEI MERCATI La crisi dalla quale stiamo faticosamente uscendo

Dettagli

I modelli di crescita all estero delle PMI: il caso del distretto empolese. Andrea Manuelli - manuelli@local-global.it

I modelli di crescita all estero delle PMI: il caso del distretto empolese. Andrea Manuelli - manuelli@local-global.it I modelli di crescita all estero delle PMI: il caso del distretto empolese Andrea Manuelli - manuelli@local-global.it 1 RIFLESSIONI GENERALI 2 Internazionalizzazione e dimensione di impresa Tradizionalmente,

Dettagli

Brevetto come informazione: le fonti accessibili

Brevetto come informazione: le fonti accessibili Brevetto come informazione: le fonti accessibili 12 maggio 2015 Francesca Marinelli Camera di Commercio di Ancona www.an.camcom.gov.it IL RUOLO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA l Ufficio Brevetti e

Dettagli

Sistema Moda Italia Come valorizzare il Tessile Moda Italiano Il Sistema Moda nell attuale contesto macroeconomico

Sistema Moda Italia Come valorizzare il Tessile Moda Italiano Il Sistema Moda nell attuale contesto macroeconomico Sistema Moda Italia Come valorizzare il Tessile Moda Italiano Il Sistema Moda nell attuale contesto macroeconomico Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 4 aprile 2013 Agenda 1 Alla ricerca

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

Newsletter Progetto Challenge

Newsletter Progetto Challenge Newsletter Progetto Challenge Maggio 2009 IN QUESTO NUMERO: Progetto Challenge: modello veneto, governance distrettuale La mission: intervista all Assessore Elena Donazzan Orientamenti strategici I distretti

Dettagli

Il Dipartimento della Prevenzione di Prato e l immigrazione

Il Dipartimento della Prevenzione di Prato e l immigrazione Il Dipartimento della Prevenzione di Prato e l immigrazione Dott. Giuseppe Vannucchi Prato, 15 dicembre 2010 Nascita e crescita del più importante distretto produttivo cinese d Europa Il distretto tessile

Dettagli

IL CANTIERE DELLA RIPRESA Rapporto PMI Mezzogiorno 2015. Un Sud che produce. Gregorio De Felice Chief Economist

IL CANTIERE DELLA RIPRESA Rapporto PMI Mezzogiorno 2015. Un Sud che produce. Gregorio De Felice Chief Economist IL CANTIERE DELLA RIPRESA Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Un Sud che produce Gregorio De Felice Chief Economist Roma,12 giugno 2015 Agenda 1 Il ruolo del Mezzogiorno nell economia europea e nazionale 2 Il

Dettagli

Ricerca di anteriorità: istruzioni per l uso

Ricerca di anteriorità: istruzioni per l uso Ricerca di anteriorità: istruzioni per l uso RICERCA E ANALISI BREVETTUALE: Quali vantaggi per le imprese? Ing. Federico Rotini Pisa, 11 Aprile 2014 Sommario Tipologia delle ricerche, finalità e utilità

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-Abbigliamento-Calzature

Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-Abbigliamento-Calzature 2.5.1.5.2 Specialisti nella commercializzazione di beni e servizi Le professioni comprese in questa Unità Professionale si occupano dell'implementazione delle strategie di vendita delle imprese, dell'efficienza

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM05U

STUDIO DI SETTORE UM05U ALLEGATO 15 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UM05U CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di cogliere i cambiamenti strutturali, le

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Unioncamere: le nicchie di mercato in cui l Italia mostra il suo genio In attesa di un avanzamento sul fronte del brevetto UE unico, riguardo al quale domani ci sarà una

Dettagli

Le PMI oltre la crisi: le sfide e le risposte

Le PMI oltre la crisi: le sfide e le risposte Le PMI oltre la crisi: le sfide e le risposte Fernando G. Alberti Professore Associato di Strategie Imprenditoriali, LIUC - Università Cattaneo Affiliate Faculty of Microeconomics of Competitiveness, Harvard

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

L'internazionalizzazione delle imprese manifatturiere italiane durante la crisi: vincitori e vinti nel mercato globale

L'internazionalizzazione delle imprese manifatturiere italiane durante la crisi: vincitori e vinti nel mercato globale L'internazionalizzazione delle imprese manifatturiere italiane durante la crisi: vincitori e vinti nel mercato globale Stefano Costa Istat - Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche economiche

Dettagli

L innovazione come novità e l ordinario come innovazione. ALCUNE ESPERIENZE ED OPPORTUNITÀ DEL DISTRETTO DELLA CALZA.

L innovazione come novità e l ordinario come innovazione. ALCUNE ESPERIENZE ED OPPORTUNITÀ DEL DISTRETTO DELLA CALZA. L innovazione come novità e l ordinario come innovazione. ALCUNE ESPERIENZE ED OPPORTUNITÀ DEL DISTRETTO DELLA CALZA. UN MODELLO INTERPRETATIVO CURVA DEL PRODOTTO E DEL PROFITTO MODELLO DI VERNON Ciclo

Dettagli

IL SETTORE LEGNO-MOBILE-SEDIA IN PROVINCIA DI UDINE ANALISI STATISTICA. (aggiornamento maggio 2015)

IL SETTORE LEGNO-MOBILE-SEDIA IN PROVINCIA DI UDINE ANALISI STATISTICA. (aggiornamento maggio 2015) IL SETTORE LEGNO-MOBILE-SEDIA IN PROVINCIA DI UDINE ANALISI STATISTICA (aggiornamento maggio 2015) Il Sistema Legno-Mobile Sedia costituisce uno degli assi portanti del manifatturiero in Provincia di Udine

Dettagli

Architetture IT nelle imprese della Puglia: stato di adozione e principali trend in atto. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano

Architetture IT nelle imprese della Puglia: stato di adozione e principali trend in atto. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano Architetture IT nelle imprese della Puglia: stato di adozione e principali trend in atto Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 1 Gli obiettivi e la metodologia della Ricerca Gli obiettivi

Dettagli

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA di Massimo Lazzari, Davide Mondaini e Violante Battistella (*) In questo contributo verrà illustrato il caso di un impresa che, aderendo al Progetto Ri-Lancio,

Dettagli