CAPITOLO 6. Computer, Software e ICT. Il modello italiano ed una possibile via all economia della conoscenza: l artigianato del software.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 6. Computer, Software e ICT. Il modello italiano ed una possibile via all economia della conoscenza: l artigianato del software."

Transcript

1 CAPITOLO 6 Computer, Software e ICT Il modello italiano ed una possibile via all economia della conoscenza: l artigianato del software.

2 Michelangelo Pistoletto Il metrocubo d'infinito in una stanza cubica specchiante specchi, neon, cartongesso 500 x 500 x 500 cm Courtesy: Galleria Continua/Beijing 155

3 1 Introduzione Negli ultimi decenni si è venuto affermando un nuovo paradigma economico, che si configura come il superamento dell organizzazione di carattere fordista che aveva caratterizzato le più avanzate economie occidentali nel corso del Novecento, e che viene ormai comunemente definito come il modello dell economia della conoscenza (Antonelli, 2008). L affermazione di tale modello si fonda su due elementi portanti. Da un lato si osserva un evidente processo di cambiamento strutturale caratterizzato dalla progressiva erosione di quote di occupazione e valore aggiunto nei settori manifatturieri a favore dei settori del terziario, cioè i settori dei servizi. D altro canto si rileva che il forte impatto in termini di produttività non avrebbe potuto dispiegarsi senza la massiccia adozione delle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione (ICT) (Antonelli et alii, 2007). Il nuovo paradigma si basa dunque, sia dal lato della domanda sia dal lato dell offerta, sulla produzione di servizi ad alto contenuto di conoscenza anziché di beni tangibili. In questo contesto, la capacità di creare ed utilizzare nuova conoscenza è considerata come la principale forma di vantaggio competitivo per le imprese (Nonaka e Takeuchi, 1995). D altronde anche la teoria economica tradizionale ha recepito l importanza della conoscenza per il processo di crescita economica, incorporandola nei suoi apparati analitici sotto forma di attività creative intenzionali formali, come la ricerca e sviluppo, ed informali, come l apprendimento che genera economie di scala dinamiche (Romer, 1986 e 1990). Si parla allora di conoscenza utile come l insieme di quelle forme di conoscenza che entrano nel processo di produttivo e sono in grado di incrementarne l efficienza ed eventualmente determinare un miglioramento degli stili di vita (Mokyr, 2002). La nuova conoscenza viene prodotta per mezzo di conoscenza, in un ottica cumulativa riassumibile nella celebre proposizione attribuita a Newton if I have seen farther, it is by standing on the shoulder of giants. Essa emerge dunque come il risultato di uno sforzo creativo di agenti economici che sono in grado di ricombinare input interni ed esterni di conoscenza, sia tacita sia codificata (Antonelli, 2001; Foray, 2004). La creatività rappresenta il motore principale che alimenta il processo di accumulazione di nuova conoscenza. Chiaramente ci sono diverse tipologie di creatività che caratterizzano l agire umano, ma solo alcune agiscono direttamente sulla crescita economica. Le forme di creatività che producono ricchezza attraverso la conoscenza che generano possono invece essere raggruppate sotto l etichetta di creatività produttiva. Questa a sua volta si articola in creatività allocativa e creatività epistemica. Solo quest ultima costituisce quella capacità di creare nuova conoscenza o di combinare frammenti di conoscenza già esistente in modi non ancora sperimentati (Mokyr, 2006). Nel nuovo paradigma economico quindi la creatività epistemica diventa un fattore strategico di eccezionale spessore, in quanto alla base della generazione di nuova conoscenza che entra nel 156

4 processo produttivo, aumentandone l efficienza, sia direttamente sia indirettamente, incorporata in beni o servizi intermedi. Le caratteristiche dell ambiente istituzionale ed economico, con particolare riferimento ai mercati dei fattori produttivi, producono dei vincoli che plasmano l attività creativa, incanalandola in sentieri ben definiti. L apprezzamento del ruolo cruciale della conoscenza sia tecnologica che organizzativa sia come fattore produttivo centrale che come principale prodotto del sistema economico dei paesi più avanzati pone problemi teorici nuovi. La teoria economica si trova di fronte infatti alla centralità di un bene, più precisamente un attività economica, che è al tempo stesso input e output del processo produttivo. Non solo tale duplicità si incontra anche nella individuazione delle fonti della conoscenza. Per un verso la generazione e l applicazione della conoscenza tecnologica paiono come il risultato dell azione intenzionale dei singoli agenti economici. Per un altro assumono un ruolo centrale le caratteristiche del sistema economico e istituzionale in cui si colloca l azione individuale. La conoscenza assume quindi sempre di più i caratteri dell attività collettiva. La generazione di nuova conoscenza da parte dei singoli agenti non può prescindere dalla capacità di accedere e utilizzare la conoscenza disponibile ad ogni momento dato e che quindi assume tutti i caratteri della conoscenza esterna, la cui disponibilità è determinata dalle caratteristiche istituzionali e organizzative del sistema. Al tempo stesso la generazione di conoscenza richiede lo sforzo individuale delle singole imprese di valorizzare le proprie specifiche competenze interne acquisite attraverso la valorizzazione, ancora una volta esplicita e intenzionale, dei processi di apprendimento interni alle loro strutture organizzative. La generazione di conoscenza si presenta quindi un attività di incessante ricombinazione di moduli di conoscenza sia esterna che interna. E sempre di più evidente che la singola impresa è in grado di generare nuova conoscenza tecnologica in quanto sia capace di svolgere una funzione di system integrator. Le imprese possono produrre nuova conoscenza solo se funzionano meccanismi di interazione tra imprese, siano esse rivali o complementari all interno delle filiere produttive che si stabiliscono tra utilizzatori e produttori, all interno delle imprese e tra le imprese e l apparato istituzionale articolato in meccanismi di regolamentazione, formazione e educazione, sistema della ricerca pubblica. Determinanti sono le relazioni industriali nella definizione della capacità delle singole imprese di valorizzare i processi di apprendimento interni attraverso i processi di apprendimento nel fare e nel usare. Il caso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (ICT) in questo contesto può essere considerato emblematico. In questo contesto ia produzione di software ha una duplice rilevanza, poiché da un lato può essere considerato come un bene intermedio che incorpora un elevato contenuto di conoscenza, e dall altro è chiaramente un output. Il caso del software fornisce un chiaro esempio di come le ICT siano un fattore chiave nella transizione verso l economia basata sulla conoscenza. Il resto del capitolo è organizzato nel modo seguente: il secondo paragrafo identifica le origini del processo tracciandone le caratteristiche salienti; il terzo paragrafo analizza nello specifico il caso italiano, collocandolo nel quadro internazionale ed approfondendo vincoli ed opportunità rappresentati dalla propria specificità; infine il quarto paragrafo propone delle conclusioni ed implicazioni in termini di politica economica. 157

5 2 Le origini delle tecnologie dell informazione Da un punto di vista storico, la nascita e l evoluzione delle ICT possono essere descritte come un processo di reazione creativa che il sistema americano ha saputo esprimere in risposta alla progressiva perdita di leadership economica e tecnologica che ha caratterizzato l economia americana a partire dagli anni 60 del XX secolo. La progressiva diffusione internazionale dei metodi di produzione di massa, l utilizzo sempre più intensivo di tecnologie di produzione più efficienti e gli effetti di apprendimento legati all uso delle innovazioni introdotte avevano da un lato favorito la crescita della competitività internazionale di nuovi paesi concorrenti (Baumol, Blackman e Wolff, 1989; Nelson e Wright, 1992). Dall altro lato, le opportunità tecnologiche, legate all introduzione di innovazioni e continui miglioramenti prevalentemente nei settori chimicofarmaceutico e dei macchinari, che avevano spinto la crescita americana fino ad allora, andavano lentamente esaurendosi (Mowery e Nelson, 1999). L effetto congiunto di queste due dinamiche parallele fu il lento declino del vantaggio comparato a livello internazionale degli Stati Uniti (Abramovitz e David, 1996). Verso la fine degli anni Settanta gli Stati Uniti cominciano ad avvertire i pesanti effetti della progressiva rincorsa dei paesi europei e soprattutto del Giappone. A questo si aggiungono le conseguenze degli shock dal lato dell offerta, come l incremento del prezzo del petrolio del e la conseguente sottoutilizzazione di capacità produttiva. La grave crisi di competitività ed efficienza stimola un processo di reazione creativa particolarmente diffuso e intenso al quale partecipa un grande numero di imprese che esplorano nuove tecnologie in un contesto istituzionale particolarmente flessibile e che, grazie all innesco di significative convergenze e complementarietà tecnologiche, porta all introduzione di un grappolo di innovazioni tecnologiche ed organizzative radicali che si fondano sui caratteri intrinseci del sistema. La forte dotazione di risorse scientifiche e tecnologiche del sistema della ricerca pubblica americana costituisce una premessa indispensabile, unitamente alla tradizione di forte interazione tra ricerca pubblica e privata e l integrazione sistematica delle attività di ricerca nel perimetro organizzativo delle grandi imprese americane, costituiscono le premesse per la realizzazione del salto tecnologico. La forte crescita dell offerta di lavoro qualificato con alti contenuti di capitale umano codificato e istruzione universitaria che fino ad allora aveva depresso i salari dei colletti bianchi, facilitando la riduzione della varianza nella distribuzione del reddito, diventa un fattore determinante che influenza la direzione del cambiamento tecnologico. La lenta e graduale messa a punto del nuovo sistema tecnologico basato sulle tecnologie digitali privilegia l intensità di impiego di forza lavoro qualificata con alti contenuti di capitale umano di formazione accademica. Il nuovo sistema tecnologico a base digitale a sua volta consente forme avanzate di controllo remoto dei processi produttivi e soprattutto la specializzazione nella produzione di conoscenza come merce (Antonelli et alii, 2007). La grande reazione creativa dell economia americana è coronata da un successo travolgente. L economia americana sperimenta nel corso degli anni novanta tassi di crescita non previsti e impensabili per l economia più avanzata, almeno secondo il modello della convergenza. Soprattutto l economia americana mette a punto il nuovo modello di riferimento basato sull economia della conoscenza. L economia britannica e quella di alcuni paesi del Nord-Europa, soprattutto i paesi scandinavi, riescono ad imitare con rapidità i fattori costituitivi del nuovo modello. In primo luogo, abbandonano rapidamente la produzione manifatturiera che viene progressivamente delocalizzata verso paesi in via di industrializzazione con la sapiente regia 158

6 delle imprese multinazionali già presenti nel sistema. Inoltre, sviluppano elevati livelli di specializzazione nella produzione di servizi ad alto contenuto di conoscenza direttamente esportabili anche al di fuori dei mercati interni delle grandi imprese globalizzate. Il vero fattore portante della forte crescita dell output e della produttività totale dell economia Americana nel decennio deve quindi essere attribuita prevalentemente, se non esclusivamente, alla grande rapidità di diffusione delle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione soprattutto nel settore dei servizi e in particolare nella distribuzione commerciale, nella logistica e nella finanza. Si è parlato addirittura di un Wal Mart effect che sarebbe all origine di gran parte (oltre l 80%) della crescita della produttività totale dei fattori. Per contro i settori industriali che sono all origine delle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione, che hanno cioè introdotto le innovazioni di prodotto che si sono trasformate in innovazioni di processo nei settori utilizzatori a valle, anche a causa delle loro ridotte dimensioni, hanno contribuito in misura assai modesta, almeno in termini di effetti diretti, contabilmente rilevabili, alla generale crescita del paese. Insomma in risposta alla celebre domanda di Robert Solow (1987) che aveva lasciato interdetti i principali economisti americani per oltre un decennio: I see computers everywhere, but in statistics, Jorgenson (2001) dimostra che alla fine i computer si sono visti nelle statistiche, ma non dei produttori, bensì in quelle degli utilizzatori. Del resto il caso italiano ha sempre rappresentato un esempio chiaro di quanto la capacità di adottare e diffondere le nuove tecnologie nel tessuto delle imprese utilizzatrici conti molto di più della capacità di introdurre nella determinazione dei tassi di crescita. Per un lungo periodo di tempo, almeno a partire dagli anni cinquanta e fino all inizio degli anni novanta, l economia italiano ha dimostrato una straordinaria capacità di crescita di output e produttività totale dei fattori basata sulla capacità di adozione di nuove tecnologie incorporate in beni capitali e intermedi, spesso introdotte all estero e comunque introdotte da settori di limitate dimensioni. Lo studio ravvicinato del cosiddetto Wal Mart effect consente di avanzare alcune ipotesi interpretative. Il caso Wal Mart consiste nella adozione di originali software applicativi da parte di una delle principali imprese contemporanee caratterizzata da decina di migliaia di punti di vendita collegati da una straordinaria rete logistica che collega i centri di produzione di beni di consumo durevole e non, sparsi su scala globale, alla rete distributive che serve le principali aree metropolitane del Nord America. In questo caso le elevate spese necessarie all elaborazione di un software applicativo dedicato disegnato specificatamente per Wal Mart hanno trovato applicazione su un impresa di grandissime dimensioni, con costi unitari assai contenuti e effetti economici di straordinaria rilevanza. Il caso Wal Mart rappresenta allora l ennesima dimostrazione della rilevanza delle economie di densità che nel caso delle tecnologie dell informazione della comunicazione assumono rilevanza significativa. La concezione, disegno, elaborazione e implementazione di un software applicativo hanno un costo particolarmente elevato. Si tratta di spese anticipate che l impresa sostiene e che si spalmano su grandezze di attività variabili. In buona sostanza si stabilisce un tenue rapporto tra le spese anticipate e l effettiva dimensione delle attività cui si applicano. Più precisamente le 159

7 spese anticipate non variano in funzione dei volumi delle attività, ma piuttosto della loro varietà. Le spese di prima introduzione di un software applicativo possono essere considerate una forma assai particolare di costi fissi che non variano al variare della quantità. Per contro i costi medi, come è ovvio, variano significativamente al crescere delle quantità di throughput che viene trattato con il medesimo software applicativo. Si ritrova così la tipica forma dei costi medi unitari decrescenti con l andamento dell iperbole equilatera tipico dei costi fissi medi. In generale il caso delle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione ripropone all ordine del giorno il problema delle economie di densità. Le economie di densità sono una forma particolare di rendimenti crescenti che scaturiscono dalla sola crescita dell output, a parità di input. Non si deve dunque confondere le economie di densità con le economie di scala. In quest ultimo caso, in fatto, i rendimenti crescenti scaturiscono dalla crescita più che proporzionale dell output al crescere degli input. Le economie di densità scaturiscono da forme di indivisibilità del capitale. Nella fattispecie tuttavia esse scaturiscono direttamente dalla peculiarità dell economia della conoscenza. La conoscenza infatti è un bene economico assai peculiare che non si consuma con l uso e che ha costi di riproduzione e applicazione praticamente nulli rispetto ai costi di generazione. In questo senso, dal punto di vista dell analisi economica, il software applicativo ha caratteristiche tali come bene economico che ne sollecitano l assimilazione alla categoria dei beni quasi pubblici come la conoscenza. Sistemi economici caratterizzati da imprese utilizzatrici di grandi e grandissime dimensioni sperimentano appieno i vantaggi delle economie di densità che scaturiscono dalla sostanziale assimilazione del software alla nozione di conoscenza come bene economico. I costi di generazione di un software applicativo sono infatti elevatissimi, ma la sua applicazione a imprese con elevati volumi di throughput mettono capo a costi medi bassi e addirittura bassissimi. All interno delle grandi imprese vigono infatti procedure di controllo e coordinamento intrinsecamente omogenee per cui la ripetizione di protocolli su un numero crescente e anche grandissimo di operazioni non richiede la variazione del software applicativo. Su queste basi si spiegano al tempo stesso i successi dei grandi utilizzatori e naturalmente delle grandi imprese di software che sono state capaci di acquisire, tra i loro clienti, grandi imprese utilizzatrici. Nei paesi caratterizzati dalle grandi dimensioni degli utilizzatori di software e di conseguenza dalla grande dimensione delle imprese che producono software i benefici dell adozione delle nuove tecnologie dell informazione delle comunicazioni sono dunque elevati e ne hanno facilitato la rapida diffusione. 3 Il caso italiano Il profondo processo di cambiamento strutturale in corso e la transizione accelerata verso un economia della conoscenza plasmata sul modello americano coglie il sistema italiano in una fase di particolare debolezza. Il caso italiano della seconda metà del XX secolo, in effetti, può essere presentato come un caso paradigmatico di crescita lungo sentieri dominati dalla pathdependence e per questo non privi di originalità e interesse. Per un lungo periodo di tempo l Italia 160

8 ha saputo accrescere la sua base produttiva in modo straordinario combinando elementi di crescita estensiva anche territoriale con una straordinaria crescita intensiva chiaramente basata su un modello di adozione creativa (Antonelli e Barbiellini, 2007). La crescita dell economia italiana della seconda metà del XX secolo è stata soprattutto il risultato di una dinamica di diffusione di tecnologie di processo messe a punto grazie a processi di interazione user-producers particolarmente virtuose che avvantaggiavano sia gli utilizzatori che possono accedere tempestivamente a beni capitali e intermedi che incorporavano tecnologie di frontiera che i produttori che sperimentavano i benefici di una domanda derivata in forte espansione. Si producevano così accelerati processi di specializzazione sistemica nell ambito di una divisione del lavoro di fatto ben coordinata, anche grazie alle dinamiche di prossimità, che hanno consentito in numerosi settori e regioni, di alimentare virtuosi processi di risalita delle filiere alimentando la crescita di specializzazioni ad alta intensità tecnologica dai settori della produzione di beni di consumo ai settori produttori di beni capitali e di occupare nicchie altamente qualificate nei mercati dei prodotti di lusso. Il confronto intersettoriale della produttività totale dei fattori a livello regionale consente di svelare le ragioni dell attuale situazione di ritardo dell economia italiana nell arena internazionale, principalmente costituite dalla persistenza del dualismo industriale e geografico, per cui nel Nord- Est-Centro il principale contributo alla produttività proviene dal manifatturiero, mentre nel Nord- Ovest dai settori dei servizi (Quatraro, 2007). La debolezza dell apparato scientifico e tecnologico, la carenza di relazioni strutturate tra imprese e università, il carattere prevalentemente tacito della conoscenza tecnologica disponibile, la mancanze di procedure sistematiche di valorizzazione dei processi di apprendimento, il basso livello del capitale umano codificato disponibile, l inadeguatezza delle strutture organizzative interne, diventano elementi pregiudiziali che mettono a repentaglio l efficienza stessa dei processi di reazione creativa messi in atto dalle imprese, che non sembrano in grado di far fronte alla forte discontinuità nei processi di utilizzazione delle nuove conoscenze tecnologiche legate al sistema delle tecnologie dell informazione. Anche a questo proposito la forte polarizzazione geografica e settoriale ha generato una forte asimmetria nello sviluppo e nella diffusione delle capacità innovative delle imprese, ancora principalmente legate allo sviluppo dei settori manifatturieri (Quatraro, 2008). Il sistema italiano appare quindi in qualche modo ingolfato, ancora troppo legato al modello di sviluppo industriale post-bellico, e penalizzato dal mismatch tra dotazione fattoriale e bias della nuova tecnologia, particolarmente grave per la combinazione di livelli assoluti medio-alti dei salari e costo relativo sbagliato delle skills più qualificate di tipo digitale. A queste considerazioni bisogna aggiungere un importante nota sulla specializzazione dimensionale che caratterizza il tessuto produttivo italiano. Se, come specificato nel paragrafo precedente, il successo del modello americano si fonda principalmente sulla capacità di sfruttamento delle economie di densità nell adozione delle ICT e dei software applicativi, allora la struttura dimensionale italiana rappresenta sicuramente un fattore di ostacolo che richiede elevati sforzi per mettere in campo nuove e mirate dinamiche di adozione creativa. Il caso italiano, è infatti caratterizzato, come è noto, dalla elevata frammentazione dell apparato produttivo e dell apparato distributivo. La produzione e la distribuzione di beni e servizi in Italia è 161

9 basata su una miriade di piccole imprese con specifiche proprie e quindi elevati livelli di varietà che operano in una varietà di mercati intermedi. La diffusione dei nuovi software operativi su cui si basa, come si è detto, gran parte della crescita dell economia di riferimento, risulta allora drammaticamente rallentata dalla sostanziale assimilazione del software alla conoscenza. Le economie di densità non hanno l opportunità in Italia di dispiegare il loro potente effetto. Con l evidente risultato che i costi unitari dei software applicativi su cui si basa l adozione delle tecnologie digitali nel caso italiano risultano molto più elevati di quanto non capiti in paesi caratterizzati dalla grande dimensione operativa delle imprese. Box: Eccellenze italiane 1 Etna Valley e ST Microelectronics Quando nel 1997 la ST Microelectronics inaugurò a Catania il nuovo stabilimento, nessuno avrebbe potuto immaginare quello che sarebbe successo appena tre anni dopo. Non solo non è diventata l'ennesima cattedrale nel deserto, ma anzi ha fatto da incredibile volano per tutta un'area industriale, già definita Etna Valley, in cui si è costituita una rete di relazioni tra industrie ad alta tecnologia, centri di ricerca e istituti di formazione dell'università, Enti locali e il terziario avanzato. La sinergia tra questi soggetti cointeressati allo sviluppo economico del territorio ha incoraggiato l'insediamento di nuove attività e da quel momento, nel raggio di pochi chilometri sono nate una sessantina di aziende hi-tech. Oggi alcune di esse alcune hanno raggiunto posizioni di rilievo; nel campo delle telecomunicazioni, ad esempio, ci sono:antech che fornisce le stazioni a Telepiù, Stream e Rai; Teleservice S.p.A., system partner di Matra-Nortel, Nextel, Albacom; Zetel; e software house come SeaSoft S.p.A (collaborazioni con il CERN e il Laboratorio Nazionale di Fisica Nucleare); SistemiData S.p.A. e S.T.S. s.r.l. (leader nel software per l'ingegneria e la contabilità lavori). Il silicio nell'etna Valley dà lavoro a circa 4 mila persone e genera indotto. L'esempio più immediato è quello creato da StMicroelectronics: numerose aziende forniscono il gas e le attrezzature per fabbricare i microchip che in precedenza arrivavano da Milano o dalla Germania. Si calcola che sono già più di mille le microimprese che trovano lavoro in questo settore. La STMicroelectronics N.V. pioniera nell insediamento catanese, è una azienda italo-francese con sede a Ginevra (Svizzera), per la produzione di componenti elettronici a semiconduttore. È sorta nel 1987 dalla fusione tra la Società generale di semiconduttori (SGS), azienda di microelettronica dell'iri, e la divisione dei semiconduttori della francese Thomson. Attualmente è il quinto produttore mondiale di componenti elettronici semiconduttori, usati soprattutto nell' elettronica di consumo, nell'auto, nelle periferiche per computer, nella telefonia cellulare e nel settore cosiddetto "industriale". Cinque sono i maggiori settori di attività della multinazionale che nel 2007 ha avuto ricavi netti di 10 miliardi di $: Communications (37%), Consumer (17%), Computer (16%), Automotive (15%) and Industrial (15%). Nel telecomando della console Nintendo Wii, ad esempio, è presente un accelerometro creato proprio dalla STMicroelectronics e che consente di individuare la posizione del controller nello spazio tridimensionale. Anche il transponder del Telepass, da tenere sul cruscotto dell' auto, è prodotto dalla ST. 162

10 La ST è quotata alle Borse di Milano, Parigi e New York per il 72,4%. La parte restante del capitale è controllata da: la francese Areva (10,9%), cassa depositi e prestiti (10,1%), Finmeccanica (6,6%). Il gruppo è costituito approssimativamente di 50,000 dipendenti, 16 centri avanzati di ricerca e sviluppo, 39 centri di design e applicazione, 15 centri principali di produzione and 78 uffici vendita in 36 paesi. La situazione pare ancora più paradossale se si considera che all interno delle industrie culturali e creative in Italia l industria del software è terza in termini di percentuale di valore aggiunto sul PIL e di percentuale di occupati (entrambi all 1,17%) 1. Il sistema produttivo pare quindi dotato di una base su cui innestare la creazione di un offerta coerente e sistematica, al momento ancora carente proprio a causa dell inadeguato sviluppo della domanda. Box: Eccellenze Italiane Mobile Digital Entertainment Fin dai primi anni 90 il fatturato del settore cresce a ritmi impressionanti, sfiorando il + 50% annuo tra il 2002 e il Nel 2006, al contrario, si verifica una forte frenata del consumo. Si era infatti passati da 253 milioni di di fatturato nel 2002 a 903 nel 2005, per raggiungere i 1031 milioni di nel Le varie tipologie di contenuti usufruiti grazie al supporto mobile variano dalla musica (1,5%), i video (11%), la personalizzazione dell apparato(30%), i giochi (8%) agli SMS, MMS e altro infotainment (41%). A livello internazionale l Italia è certamente tra i maggior consumatori di contenuti per cellulari, dalle suonerie ai video il mercato è notevole. Per quanto riguarda la musica, di più facile monitoraggio grazie ai dati dell IFPI, la voce: Altri contenuti mobile music (con diritti), all interno del rapporto Bocconi sulla musica nel 2007, fa segnare un totale vendite pari a 95,1 milioni di. I principali mercati digitali internazionali, evidenziando lo split per musica online (file musicali venduti attraverso Internet) e mobile (contenuti per telefonini, limitati nelle rilevazioni IFPI a full track download e suonerie truetones). Mentre Stati Uniti e Giappone si confermano ai vertici, è da segnalare la presenza della Sud Corea, un mercato molto avanzato dal punto di vista tecnologico, e l ingresso della Cina, che mostra come il Giappone un deciso sbilanciamento verso gli utilizzi mobile rispetto al canale online. Anche l Italia si segnala per un maggiore utilizzo dei canali mobili per il consumo di musica, così come anche se in modo meno evidente la Francia; dall altra parte, Stati Uniti, Regno Unito e Germania si confermano mercati in cui è relativamente più importante il canale Internet. (Economia della musica in Italia Rapporto 2007, Centro ASK (Art, Science and Knowledge) dell Università Bocconi: Andrea Ordanini (Coordinatore), Lorenzo Mizzau). 1 Si veda la Tabella 2 del Capitolo

11 All interno di questo mercato Buongiorno Vitaminic si è ormai guadagnata, grazie alla recente acquisizione di itouch, il ruolo di leader mondiale del settore dei contenuti multimediali e dei servizi digitali entertainment per la telefonia mobile e Internet. Con il marchio di produzione B!.Presente in Europa (Italia, Gran Bretagna, Spagna, Francia, Germania e Austria), America Latina (Messico) e Stati Uniti (Florida), distribuisce i propri contenuti al 70% dell'utenza Internet e mobile, basandosi su partnership commerciali con operatori telefonici, retailer di telefonia cellulare o gruppi media locali. Dispone di una piattaforma tecnologica di 170 server, capace di distribuire più di 300 milioni di contenuti digitali ogni mese via mobile e internet. Al centro di una rete di media partner per la realizzazione di servizi interattivi mobili, la società è anche un importante wireless application provider, in virtù delle sue partner con tutti i principali operatori fissi e mobili in Italia ed Europa. Nell'ambito dei servizi rivolti ai privati Buongiorno offre infotainment via SMS, MMS e WAP browsing, suonerie e loghi di ogni tipo, file video. Fra essi, oltre 120 servizi via sms/mms di news, entertainment e chat, più di 100 siti WAP/IMode, oltre 2000 video clips, 150 giochi multimediali e più di brani musicali. Nel 2006 il gruppo Buongiorno ha consegnato quasi 1,4 miliardi di oggetti digitali (suonerie, giochi java, wallpapers, ecc.) ad oltre 60 milioni di utenti finali (numeri unici di cellulare). Dal bilancio al 31 dicembre 2006, il gruppo Buongiorno ha un fatturato consolidato di circa 191,8 milioni di Euro ed un utile netto consolidato di circa 12,6 milioni di Euro. Nell'esercizio 2006 il gruppo Buongiorno ha occupato mediamente 659 dipendenti, di cui 173 in organico alla capogruppo, conta 38 uffici, accordi in 53 paesi con più di 100 compagnie di telefonia mobile e fornisce accesso a più di 2 miliardi di persone. In questa direzione pare interessante analizzare con maggior dettaglio i tratti caratteristici che assume l adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese italiane, distinguendo per classe dimensionale e aree geografiche, ed il relativo utilizzo al fine di poter meglio valutare l esistenza di un bacino potenziale di utilizzatori di software. A tale scopo utilizzeremo come supporto empirico i risultati della Rilevazione sulle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nelle imprese compiuta dall ISTAT nel

12 La Tabella 1 mostra i dati relativi alla diffusione dei personal computer all interno delle realtà produttive italiane. Questo indicatore fornisce una prima utile approssimazione del grado di alfabetizzazione informatica del nostro tessuto produttivo. Si può immediatamente notare come la quasi totalità delle imprese possieda un computer, con una percentuale che va da 95,1% per le piccole imprese (fino a 50 addetti) e supera il 99% sia per le medie (tra 50 e 250 addetti) sia per le grandi (oltre 250 addetti) imprese. Si nota però una certa differenza nella percentuale di addetti che utilizzano i PC. Il dato delle grandi imprese (44,3%) è infatti nettamente superiore a quello delle medie (circa 38%) e delle piccole (33,3%). In generale emerge la tendenza ad incrementare la percentuale con l incremento della classe dimensionale. Se si guarda però la percentuale di addetti che utilizzano Internet, il dato è piuttosto sconfortante, attestandosi attorno al 25% per tutte le classi dimensionali considerate. Per quanto riguarda la ripartizione geografica, sembra di poter ravvisare in Italia l esistenza di un chiaro effetto di digital divide, soprattutto per quel che riguarda la percentuale di addetti che utilizza Internet: il valore relativo al Sud e Isole è circa la metà di quello del Nord-Ovest e del Centro. In generale il Sud presenta per tutte e tre le voci valori nettamente al di sotto di quelli nazionali. Tabella 1 - Diffusione del personal computer nelle imprese con almeno 10 addetti per attività economica Imprese con personal computer Addetti che utilizzano computer Addetti che utilizzano computer connessi ad Internet CLASSI DI ADDETTI e oltre RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE Nord-ovest Nord-est Centro Sud e Isole ITALIA Nella Tabella 2 sono invece riportati le percentuali relative alle imprese che utilizzano delle ICT, per tipologia di attività. Anche in questo caso la classe dimensionale influenza in modo inequivocabile la diffusione dei canali di comunicazione resi possibili da queste tecnologie. Il 92% delle piccole imprese possiede una , contro il 98% delle medie ed il 99% delle grandi imprese. Il 95% delle piccole imprese ha un accesso ad internet, contro il 98% delle medie ed il 99% delle grandi. Tuttavia possedere un indirizzo o l accesso ad internet non è 165

13 precisamente ciò che si intende quando si parla di diffusione delle ICT nelle imprese. In altre parole non sono questi elementi che generano dei vantaggi economici o dei ritorni in termini di produttività. Al contrario, la registrazione di un dominio relativo al sito Web dell impresa può sicuramente avere dei ritorni in termini di visibilità, pubblicità e possibilità di comunicare un immagine di marca. In questo caso la differenza fra imprese piccole da un lato, e di medie grandi dimensioni dall altro, è piuttosto significativa. Solo il 53% delle piccole imprese possiede un sito Web, mentre la percentuale raggiunge l 88% nelle grandi. Il divario risulta ancora più ampio se si guarda alla percentuale di imprese che possiedono una Intranet (nelle piccole si ha il 27,4%) o una Extranet (10% per le piccole imprese). Questi ultimi due dati sono particolarmente rilevanti poichè fanno esplicitamente riferimento a strumenti che necessitano la progettazione ed implementazione di software applicativo dedicato, forgiato sulla base delle caratteristiche specifiche della realtà produttiva. Inoltre, un rapido raffronto fra i dati per classi dimensionali e quelli nazionali mette in risalto il peso schiacciante delle unità di piccole dimensioni sull aggregato. Questo appare in molto evidente nelle percentuali di imprese con sito Web, quelle con Intranet e quelle con Extranet. Sempre rispetto a questi tre indicatori, appare netta la polarizzazione geografica, per cui nel Sud la percentuale di imprese che utilizza ciascuno degli strumenti è sistematicamente inferiore al dato nazionale. Tabella 2 - Imprese informatizzate con almeno 10 addetti che utilizzano tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT) per attività economica Imprese con E- mail Imprese con Internet Imprese con sito Web Imprese con Intranet Imprese con Extranet CLASSI DI ADDETTI e oltre RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE Nord-ovest Nord-est Centro Sud e Isole ITALIA La Tabella 3 riporta invece la percentuale di imprese per tipologia di connessione ad Internet. Anche in questo caso le dimensioni di impresa paiono giocare un ruolo rilevante. Sembra infatti che in media le imprese di dimensioni piccole utilizzino prevalentemente connessioni a scarsa capacità di trasporto dati, come il modem analogico o le linee ISDN, mentre la banda larga, così come l utilizzo di connessioni wireless, è prevalentemente diffusa tra le medie e le grandi imprese. La stessa configurazione si osserva anche in relazione alla diffusione geografica. Da un lato la percentuale di imprese che utilizza tipologie di connessione più limitate è molto più elevata 166

14 al Sud che al Nord, dall altro tipologie più avanzate come il wireless e la banda larga sono presente in misura di gran lunga maggiori al nord. Tabella 3 - Imprese informatizzate con almeno 10 addetti per tipologia di connessione ad Internet Collegamento a banda larga Connessione Wireless Modem analogico ISDN Totale di cui: xdsl CLASSI DI ADDETTI e oltre RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE Nord-ovest Nord-est Centro Sud e Isole ITALIA Nella Tabella 4 sono riportati i principali utilizzi delle tecnologie telematiche. In generale l utilizzo più diffuso è relativo all accesso dei dati finanziari o bancari ed all acquisizione di informazioni. Molto limitato pare invece l utilizzo per la formazione del personale, e per l acquisizione di servizi post-vendita. È da sottolineare che quest ultime attività sono ancora una volta strettamente connesse con lo sviluppo di software applicativo dedicato, in grado di fornire alle imprese piattaforme telematiche per l interazione di soggetti in ambienti virtuali ben delimitati e ad accesso regolato. Non stupisce quindi la sensibile differenza fra le piccole e medie imprese da un lato, e le grandi imprese dall altro, soprattutto per quanto riguarda la diffusione di queste due ultime tecnologie. In particolare in entrambi i casi le piccole imprese si collocano al di sotto del dato nazionale, seppur di poco, mentre le grandi e medio-grandi imprese si attestano su valori superiori. Per quanto riguarda la ripartizione geografica, è interessante notare che la maggiore percentuale di imprese che utilizzano internet per formare il proprio personale si trova al Sud, con un punto percentuale di differenza rispetto al Nord. La situazione si rovescia però nel caso dell acquisizione dei servizi post-vendita, dove è chiaramente il Nord-Ovest ad avere la percentuale maggiore, seguito a poca distanza dal Nord-Est e poi dalle altre aree. Tabella 4 - Imprese connesse ad Internet con almeno 10 addetti che usano Internet come utenti per scopo Accesso ai servizi bancari Formazione e istruzione del Acquisizione di informazioni Acquisizione di servizi e informazioni Acquisizione di servizi post-vendita 167

15 o finanziari personale sui mercati (es. sui prezzi) in formato digitale CLASSI DI ADDETTI e oltre RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE Nord-ovest Nord-est Centro Sud e Isole ITALIA Tabella 5 - Imprese con sito Web con almeno 10 addetti che usano Internet come fornitori per scopo Pubblicità e marketing dei propri prodotti/serv izi Consultazione del catalogo e/o del listino prezzi Personaliz zazione del sito per visitatori abituali Trasmissione di servizi o informazioni in formato digitale Servizi postvendita Comp atibilità per l acces so via telefon o cellular e CLASSI DI ADDETTI e oltre RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE Nord-ovest Nord-est Centro Sud e Isole ITALIA La Tabella 5 presenta invece l utilizzo che le imprese fanno di Internet nella veste di fornitori. Per tutte le classi dimensionali è diffuso in modo capillare l utilizzo del web per scopi di pubblicità o 168

16 marketing dei propri prodotti o servizi. La percentuale scende in modo piuttosto netto per tipologie di utilizzo più articolate. Solo il 50% delle grandi imprese pubblica online il proprio listino prezzi e il catalogo della gamma dei propri prodotti. La percentuale scende di nove punti percentuali per le piccole imprese. Sono molto basse anche le percentuali di imprese che forniscono servizi postvendita in tempo reale attraverso internet o in formato digitale. Anche in questo caso il divario fra imprese di piccole dimensioni e quelle medie e grandi risulta essere parecchio accentuato. La Tabella 6 presenta un dato molto interessante, ovvero la distribuzione delle vendite online delle imprese a seconda dei mercati di destinazione e della tipologia di cliente. Questi dati delineano un quadro piuttosto differente rispetto a quanto visto fino ad ora. Infatti le piccole imprese sembrano possedere una maggiore propensione al commercio internazionale attraverso Internet, mentre le grandi imprese sono più concentrate sul mercato nazionale. Infatti il 15% del valore delle vendite delle piccole imprese è destinato a paesi dell Unione Europea ed il 13,3% ai restanti paesi del mondo, mentre per le grandi imprese tali percentuali ammontano rispettivamente al 9,1% ed al 2,2%. Anche la ripartizione geografica risulta essere differente rispetto a quanto visto fino ad ora. Le imprese del Nord-Ovest sono infatti più orientate al mercato nazionale, dove si colloca il 92,9% del valore delle vendite via internet. La percentuale più elevata di vendite all estero si riscontra invece nel Nord-Est (20,7% nell Unione Europea e 11,4% negli altri paesi), seguito poi dal dato del Mezzogiorno (13,4% nell Unione Europea e 6,8% negli altri paesi). Tabella 6 - Valore delle vendite via Internet delle imprese con almeno 10 addetti per mercato di destinazione delle vendite, tipologia di cliente Mercati di destinazione Tipologia di cliente Resto Altre imprese e Unione Nazionale del amministrazioni Europea mondo pubbliche Individui e famiglie CLASSI DI ADDETTI e oltre RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE Nord-ovest Nord-est Centro Sud e Isole ITALIA Nella Tabella 7 sono infine riportate le percentuali di imprese che utilizzano sistemi informativi aziendali. L implementazione di piattaforme per la gestione degli ordini e l integrazione delle diverse funzioni aziendali mostra un sensibile sbilanciamento a favore delle grandi imprese. Va inoltre notato che tra le piccole imprese si riscontra una percentuale maggiore per la gestione 169

17 degli ordini, mentre le percentuali cadono sensibilmente, ampliando il divario con le altre classi dimensionali, per quanto riguarda le integrazioni delle funzioni aziendali. Tabella 7 - Imprese informatizzate con almeno 10 addetti che utilizzano sistemi informatizzati per la gestione degli ordini di vendita/acquisto e il loro collegamento con le altre funzioni aziendali Collegamento alle altre funzioni aziendali Imprese che utilizzano sistemi informatizzati per la gestione degli ordini di vendita e/o di acquisto Gestione acquisti di materie prime e semilavorati Fatturazione e pagamenti Produzione, fornitura servizi e logistica Gestione dei rapporti con i fornitori (per le imprese parte di gruppi, solo fornitori esterni al gruppo) Gestione dei rapporti con i clienti (per le imprese parte di gruppi, solo clienti esterni al gruppo) CLASSI DI ADDETTI e oltre RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE Nord-ovest Nord-est Centro Sud e Isole ITALIA Il caso italiano sembra quindi presentare forti elementi di peculiarità, che lo contraddistinguono rispetto alle caratteristiche strutturali dei paesi che hanno già gestito con successo la transizione verso l economia della conoscenza. La specializzazione dimensionale con preponderante peso delle piccole e medie imprese, e la specializzazione settoriale ancora dominata dal settore manifatturiero, rappresentano senz altro degli elementi su cui è necessario riflettere. 170

18 Questo paragrafo ha messo in evidenza l esistenza di un netto divario fra le piccole imprese e quelle di grandi dimensioni. Sebbene l adozione di tecnologie di base come i computer o la connessione ad Internet non rappresenti un tratto distintivo fondamentale, le principali differenze si riscontrano quando si guarda all utilizzo che queste imprese fanno della tecnologia. I dati riflettono una chiara insufficienza nel grado di informatizzazione del sistema produttivo nell utilizzo strategico delle ICT da parte delle piccole imprese. Va inoltre sottolineata la polarizzazione geografica dell evidenza prodotta, che riflette e accentua il ben noto dualismo della struttura produttiva ed economica italiana. Un elemento positivo va invece rintracciato nella capacità delle piccole imprese di proiettarsi sui mercati esteri attraverso il web, mostrando quindi di poter rappresentare un utile base su cui innescare nuovi percorsi di sviluppo. 4 Conclusioni La transizione verso un economia basata sulla conoscenza ha avuto origine negli Stati Uniti nel corso degli anni Novanta, e si è poi lentamente diffusa in Europa in primo luogo nei paesi nordici e nel Regno Unito, mentre si registra un sostanziale ritardo nei paesi continentali, e in particolare in Italia. Tale processo è caratterizzato da una progressiva de-industrializzazione e crescente specializzazione del sistema produttivo nei settori dei servizi e dalla massiccia diffusione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione. I sistemi produttivi si specializzano quindi nella fornitura di servizi ad alto contenuto di conoscenza, a scapito della produzione di beni tangibili. La produzione di conoscenza è strettamente collegata alla capacità creativa degli attori che operano nel sistema economico. In particolare la creatività epistemica consente di produrre nuova conoscenza, generando crescita e benessere. Un caso paradigmatico è rappresentato da una particolare industria di contenuti, cioè l industria del software. Esso può essere infatti rappresentato da un lato come un bene che incorpora un elevato contenuto di conoscenza da un lato, dall altro rappresenta una particolare istanza delle ICT, che più di altre ha influito sul successo del nuovo modello. Il forte guadagno di produttività sperimentato dagli USA nella seconda metà degli anni Novanta è infatti principalmente dovuto alle industrie che utilizzano ICT, piuttosto che a quelle che le producono. L adozione di costosi strumenti, come i software applicativi per l integrazione delle funzioni aziendali, da parte di grandi imprese ha permesso di guadagnare notevoli economie di densità, che si sono tradotte in una riduzione dei costi unitari e incremento della produttività. La rilevanza della questione dimensionale pone seri problemi per le potenzialità di transizione verso un economia della conoscenza, a meno che non si pensi di fare di tale peculiarità un punto di forza per la realizzazione di un modello originale, che per altro rifletterebbe l eccellente capacità, che il sistema ha già dimostrato, di gestione di complessi fenomeni di adozione creativa. La specializzazione dimensionale pone problemi perché rende impossibile sfruttare economie di densità, e quindi non mette le imprese nelle condizioni di adottare un prodotto come il software che ha degli elevati costi di progettazione, implementazione e gestione. Non solo, la 171

19 frammentazione dal lato della domanda trova come sua immediata e invitabile conseguenza la frammentazione dal lato dell offerta. La varietà e eterogeneità degli utilizzatori impone e induce la varietà e l eterogeneità dei produttori. Nel caso italiano allora la nascita e la crescita di un industria dei servizi informatici che riesca a far fronte alla capillarità del tessuto dei potenziali adottatori è condizione indispensabile per colmare il ritardo nella diffusione delle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione con essa il gap che si venuto allargando tra i livelli di produttività italiani e quelli dei paesi che hanno saputo trarre vantaggio dalle economie di densità digitali. La creazione di piattaforme che consentano di metter in comune pezzi di software applicativi e quindi di trarre vantaggi parziale dalle economie di densità, almeno per componenti centrali e snodi dei programmi di software potrebbe favorire questo processo. Particolare rilevanza hanno naturalmente i diritti della proprietà intellettuale che non a caso sono stati significativamente rafforzati negli ultimi anni. La diffusione dell Open Source, inteso come meccanismo organizzativo che, attraverso l apertura del codice sorgente dei modelli di software applicativo a comunità di artigiani applicativi, consente la socializzazione di soluzioni incrementali potrebbe giocare un ruolo importante nella diffusione delle nuove tecnologie dell informazione nell economia italiana. 172

20 5 Bibliografia Abramovitz, M. e David, P.A. (1996) Convergence and differred catch-up: Productivity leadership and the waning of American exceptionalism, in Landau, R., Taylor, T. e Wright, G. (a cura di), The Mosaic of Economic Growth, Stanford: Stanford University Press. Antonelli, C. (2008) Localised technological change. Towards the economics of complexity, New York, Routledge. Antonelli, C. (2001) The microeconomics of technology systems, Oxford University Press. Antonelli, C. e Barbiellini Amidei, F. (2007) Innovazione tecnologica e mutamento strutturale nell industria italiana nel secondo dopoguerra in Antonelli, C. et al., Innovazione tecnologica e sviluppo industriale in Italia nel secondo dopoguerra, Laterza per la Banca d Italia, Roma e Bari. Antonelli C., Patrucco P.P. e Quatraro F. (2007) Transizioni tecnologiche e modelli economici, in Berta G. (a cura di) La Questione Settentrionale. Economia e Società in Trasformazione, Milano, Feltrinelli. Baumol, W. J., Blackman. S. A. B. e Wolff, E. N. (1989) Productivity and American Leadership: The Long View, Cambridge, MA, MIT Press. Foray, D. (2004) The economics of knowledge, Cambridge, MA, MIT Press. Jorgenson, D.W. (2001) Information technology and the US economy, American Economic Review, 91, 1 32 Mokyr, J. (2002) The gifts of Athena: Historical origins of the knowledge economy, Princeton, Princeton University Press. Mokyr, J. (2006) Mobility, creativity and technological development: David Hume, Immanuel Kant and the economic of development in Europe, in Abel, G. (a cura di) Kolloquiumsband of the XX. Deutschen Kongresses für Philosophie, Berlin 2006, Mowery, D. C. e Nelson, R. R. (a cura di) (1999) Sources of Industrial Leadership: Studies of Seven Industries, Cambridge: Cambridge University Press. Nelson R. R. e Wright G. (1992) The rise and the fall of American technological leadership: The postwar era in historical perspective, Journal of Economic Literature, 30, Nonaka, I. e Takeuchi, H. (1995) The knowledge-creating company, New York, Oxford University Press. Quatraro, F. (2008), The diffusion of regional innovation capabilities: Evidence from Italian patent data, Regional Studies, in corso di stampa. 173

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 9 giugno 2005 L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Pinuccia Calia, Ignazio Drudi La diffusione e la penetrazione dell

Dettagli

Innovazione e imprese

Innovazione e imprese Innovazione e imprese Prof. Sandro Trento Facoltà di Economia, Università di Trento Roma, 15 settembre, Innovazione Italia Innovazione Innovazione è sinonimo di nuovo? La novità deve raggiungere il mercato

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

Buongiorno Vitaminic S.p.A.

Buongiorno Vitaminic S.p.A. Buongiorno Vitaminic è una società operativa dal 16 luglio del 2003, nata dall integrazione tra le attività di Buongiorno (società operante nell ambito dei servizi alle imprese via mail e telefono) e Vitaminic

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI

La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI Settore Sistema Informativo di Supporto alle Decisioni. Ufficio Regionale di Statistica La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI La società dell informazione e della

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo Abstract Il presente documento intende illustrare la strategia e l approccio adottati da CSP nell ambito del progetto DIADI 2000 (progetto 2003-2006), iniziativa

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

Le implicazioni sulla società

Le implicazioni sulla società 1 Giulio Occhini La fabbrica e l ufficio nell era digitale Fabbrica e ufficio sono le due componenti tradizionali dell organizzazione dell impresa, indipendentemente dal fatto che essa sia pubblica o privata,

Dettagli

PIER FRANCESCO ASSO (Università di Palermo)

PIER FRANCESCO ASSO (Università di Palermo) PIER FRANCESCO ASSO (Università di Palermo) Gli indicatori di bilancio, le elaborazioni, le analisi sul passato e le previsioni per il futuro che sono contenute nel Rapporto Mediobanca - Unioncamere offrono,

Dettagli

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Communications Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009 Sintesi in italiano Questa decima edizione delle Prospettive biennali delle Comunicazioni dell OCSE evidenzia

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Scheda 3 «Smart City» SMART ECONOMY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 3 «Smart City» SMART ECONOMY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 3 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Un economia intelligente è un economia composta da persone che pensano e lavorano in maniera intelligente, generando nuove idee e cercando di

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

III PROBLEMI STRUTTURALI E TENDENZE

III PROBLEMI STRUTTURALI E TENDENZE III PROBLEMI STRUTTURALI E TENDENZE III.1 Crescita: produttività e competitività I problemi dell Italia hanno radici profonde, che superano la congiuntura sfavorevole degli ultimi anni. Il processo di

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Se il progresso tecnico non è lo stesso in tutti i paesi le conclusioni non valgono.

Se il progresso tecnico non è lo stesso in tutti i paesi le conclusioni non valgono. CONVERGENZA Il modello neoclassico prevede: convergenza condizionata: la convergenza nei livelli di reddito per addetto è condizionata dalla propensione al risparmio s. convergenza assoluta: prevede la

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 ALLEGATO A) 1. PREMESSA In un quadro economico connotato dal perdurare della crisi e da una forte accelerazione delle modificazioni

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale Valutare le differenti forme di ingresso sui mercati esteri, individuando le diverse motivazioni dietro ciascuna di esse Capitolo

Dettagli

2. Il mercato del lavoro in Italia: un confronto con le principali tendenze riscontrate nei paesi dell Unione Europea

2. Il mercato del lavoro in Italia: un confronto con le principali tendenze riscontrate nei paesi dell Unione Europea 2. Il mercato del lavoro in Italia: un confronto con le principali tendenze riscontrate nei paesi dell Unione Europea 2.1. Premessa Sempre al centro di discussioni, di critiche, spesso, se si vuole, messe

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

La diffusione settoriale dell innovazione. Titolo corso: Economia dell innovazione 1. Davide Arduini

La diffusione settoriale dell innovazione. Titolo corso: Economia dell innovazione 1. Davide Arduini La diffusione settoriale dell innovazione Titolo corso: Economia dell innovazione 1 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino Lezione n.5 Linea espositiva 1. Introduzione alla

Dettagli

La cultura dell innovazione: valori, comportamenti e territori innogenetici

La cultura dell innovazione: valori, comportamenti e territori innogenetici La cultura dell innovazione: valori, comportamenti e territori innogenetici Riccardo Viale (Fondazione Cotec e SSPA, Roma) 2008 Lugano, 6 novem bre 2008 INTRODUZIONE Numerosi studi hanno evidenziato come

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione 2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione La creatività è uno dei principali driver della competitività del nostro sistema produttivo. Le imprese che investono in creatività e nelle capacità individuali

Dettagli

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 2 COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 1 Le cause del commercio internazionale 2 Il modello ricardiano 3 La determinazione del pattern di commercio internazionale 4 La determinazione

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita 1 Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita L Osservatorio semestrale della Società dell Informazione, realizzato da Federcomin, analizza semestralmente lo stato e le dinamiche

Dettagli

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano OECD Communications Outlook 2005 Summary in Italian Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 Riassunto in italiano SOMMARIO ESECUTIVO A seguito dello scoppio della bolla di Internet (la cosiddetta dot-com

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

RILEVANZA E PRIME VALUTAZIONI DEGLI EFFETTI DELLA E- ECONOMY

RILEVANZA E PRIME VALUTAZIONI DEGLI EFFETTI DELLA E- ECONOMY Numero 00-13 26 luglio 2000 NOTA DAL C.S.C. RILEVANZA E PRIME VALUTAZIONI DEGLI EFFETTI DELLA E- ECONOMY Giovanni Foresti La diffusione della e-economy sta determinando cambiamenti radicali nel modo di

Dettagli

Lepida@Unife: Rete e Servizi

Lepida@Unife: Rete e Servizi Direzione Generale Centrale Organizzazione, Personale,Sistemi Informativi e Telematica Lepida@Unife: Rete e Servizi Polo Scientifico e Tecnologico, Università di Ferrara 22 gennaio 2007 Regione Emilia-Romagna/

Dettagli

Piattaforma Italiana per il Future Internet

Piattaforma Italiana per il Future Internet Piattaforma Italiana per il Future Internet L innovazione ICT come opportunità di crescita economica e sociale In risposta alla recente crisi economica e a sfide preesistenti quali la globalizzazione,

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere Claudio GAGLIARDI Segretario Generale Unioncamere Rapporto PIQ 2011 Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi Roma, 10 dicembre 2012 Perché puntare l obiettivo sulla qualità?

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali ForumPA - Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano flavia.marzano2@unibo.it Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano 1 Ricerca europea? Arrivare al 3% del

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

RILEVAZIONE SULLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE NELLE IMPRESE - ANNI 2005/2006

RILEVAZIONE SULLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE NELLE IMPRESE - ANNI 2005/2006 ISTAT/ SSI/F ICT06 / 22/ / ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA RILEVAZIONE SULLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE NELLE IMPRESE - ANNI 2005/2006 Si prega di compilare il questionario secondo

Dettagli

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie Osservatorio congiunturale della Fondazione Res Photo & Design Maria Izzo Fondazione Res ongiunturares Lo scenario di previsione Lo scenario inerziale La crisi in atto La ricomposizione della domanda al

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5 Il mercato del risparmio gestito, che negli anni 90 era stato caratterizzato da una crescita impetuosa, nell ultimo decennio è stato interessato da distinte dinamiche locali influenzate da una molteplicità

Dettagli

Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale

Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale Perché la crisi non diventi declino Idee e proposte per Veneto 2015 Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale Vicenza, 6 luglio 2013 Giancarlo Corò Sommario 1. Tendenze di lungo periodo dell

Dettagli

FILIERA MULTIMEDIALE

FILIERA MULTIMEDIALE FILIERA MULTIMEDIALE Aggiornamento dati a Dicembre 2010 DEFINIZIONE DELLA FILIERA MULTIMEDIALE Definizione delle filiera Multimediale HARDWARE E ASSISTENZA TECNICA CANALE INDIRETTO SERVIZI E APPARATI DI

Dettagli

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Il ruolo della direzione strategica nella progettazione organizzativa Un organizzazione viene creata per raggiungere un determinato scopo.

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui 27 dicembre 2005 Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui Anno 2005 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti

Dettagli

Nota di sintesi PROSPETTIVE DELLE COMUNICAZIONE DELL OCSE : EDIZIONE 2003. Overview. OECD Communications Outlook : 2003 Edition

Nota di sintesi PROSPETTIVE DELLE COMUNICAZIONE DELL OCSE : EDIZIONE 2003. Overview. OECD Communications Outlook : 2003 Edition Nota di sintesi PROSPETTIVE DELLE COMUNICAZIONE DELL OCSE : EDIZIONE 2003 Overview OECD Communications Outlook : 2003 Edition Prospettive delle comunicazioni dell'ocse : Edizione 2003 Le note di sintesi

Dettagli

Linee guida in materia di formazione per la esociety

Linee guida in materia di formazione per la esociety Allegato parte integrante Linee guida formazione esociety ALLEGATO ALLA DELIBERA N. DEL 14 LUGLIO 2006 Linee guida in materia di formazione per la esociety La Società dell informazione deve garantire,

Dettagli

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1 Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana Valeria Severini, Freedata S.r.l. Milano, 20 Marzo 2007 1 La Ricerca Obiettivo definire le caratteristiche del divario digitale in Italia nelle

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

sviluppo dell umbria

sviluppo dell umbria L internet economy e il suo contributo allo sviluppo dell umbria Mauro Casavecchia l internet economy crea valore e occupazione Contributo diretto di Internet al PIL 2009 Contributo di Internet alla crescita

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE Beirut, dicembre 2013 Il mercato libanese dell IT sta ancora procedendo a piccoli passi verso la piena realizzazione di una tecnologia

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione

Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione Capitolo 7 Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 7-1 Struttura della presentazione

Dettagli

QEF_ Internazionalizzazione delle imprese italiane. Executive summary

QEF_ Internazionalizzazione delle imprese italiane. Executive summary QEF_ Internazionalizzazione delle imprese italiane Executive summary Il lavoro analizza alcuni temi legati all internazionalizzazione del sistema produttivo italiano facendo leva sulle ricerche condotte

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS

TECHNOLOGY SOLUTIONS TECHNOLOGY SOLUTIONS DA PIÙ DI 25 ANNI OL3 GARANTISCE AFFIDABILITÀ E INNOVAZIONE AI CLIENTI CHE HANNO SCELTO DI AFFIDARSI AD UN PARTNER TECNOLOGICO PER LA GESTIONE E LA CRESCITA DEL COMPARTO ICT DELLA

Dettagli

La dimensione del settore aerospaziale nella regione Lazio. I risultati di una prima analisi

La dimensione del settore aerospaziale nella regione Lazio. I risultati di una prima analisi La dimensione del settore aerospaziale nella regione Lazio I risultati di una prima analisi Ottobre 2004 1 Indice 1. Definizione del settore e considerazioni introduttive Box 1: La situazione in Italia

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA

L ITALIA VISTA DALL EUROPA L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 2004 Sintesi L obiettivo strategico dell Unione europea per il decennio in corso, stabilito dai Capi di Stato e di Governo degli

Dettagli

NGN CATANIA. Catania, Conferenza Stampa Venerdì 29 ottobre 2010. Dr. Franco Bernabè

NGN CATANIA. Catania, Conferenza Stampa Venerdì 29 ottobre 2010. Dr. Franco Bernabè Catania, Conferenza Stampa Venerdì 29 ottobre 2010 Dr. Franco Bernabè 1. Oggetto dell Incontro Vi ringrazio per aver accettato il nostro invito. Lo scopo dell evento di oggi è quello di annunciare l avvio

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 7-4 La distribuzione del salario -Applicazioni di politica economica: perché è aumentata la disuguaglianza salariale? 1 Perché sono aumentate le disuguaglianze? L aumento

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Marketing Industriale Prof. Ferruccio Piazzoni L analisi di attrattività dei segmenti I Mktg-L05 L ANALISI DI ATTRATTIVITA In ciascuna

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO Avvertenze Il presente documento è stato realizzato da CNA FORMAZIONE srl utilizzando anche fonti istituzionali comunitarie, nazionali, regionali e

Dettagli

9a Giornata dell Economia

9a Giornata dell Economia 9a Giornata dell Economia Ravenna, 6 maggio 2011 L economia digitale: quale futuro? G. Andrea Farina Presidente & Amministratore Delegato Gruppo Itway 1 INNOVAZIONE ED ECONOMIA DIGITALE l l primo dominio

Dettagli

8 novembre 2002. 1. Dati relativi all'impresa. 2. Impiego delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione

8 novembre 2002. 1. Dati relativi all'impresa. 2. Impiego delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione Konjunkturforschungsstelle der ETH ETHZentrum, 8092 Zürich Telefon 01 / 632 42 39 Telefax 01 / 632 12 18 Inchiesta 2002 Impiego delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nelle imprese Le

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Cina: il dare e l avere con il resto del mondo

Cina: il dare e l avere con il resto del mondo Cina: il dare e l avere con il resto del mondo ECONOMIA di Stefano Chiarlone e Francesco Giordano Circolano troppi luoghi comuni sulla potente locomotiva asiatica. Ci sono Paesi ad alta specializzazione

Dettagli

LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO

LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO Corso di Economia Monetaria e Regolamentazione Internazionale Prof. Andrea Filippo Presbitero Federica Catalani Anastasia Zenobi a.a 2009/2010 1 Introduzione: Questo

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

Sinergie e risultati nel settore del farmaco. Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria

Sinergie e risultati nel settore del farmaco. Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria Sinergie e risultati nel settore del farmaco Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria Roma, 22 maggio 2007 Dalle Biotecnologie per la Salute nuove possibilità di cura settore Science-based le

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA di Liana Verzicco L UNIVERSITÀ Il contesto internazionale: lo spazio europeo dell istruzione superiore Nel XXI secolo sarà la conoscenza

Dettagli

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Contesto della proposta (1) La conoscenza costituisce il fulcro dell Agenda di

Dettagli