Il profilo digitale del territorio dell Unione Val d Enza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il profilo digitale del territorio dell Unione Val d Enza"

Transcript

1 2013 Il profilo digitale del territorio dell Unione Val d Enza Modello partecipato per lo sviluppo di Agende Digitali Locali in Emilia-Romagna (MADLER) Piter PO2013

2 Per Informazioni e chiarimenti: Chiara Mancini Barbara Santi Coordinamento del Pia Telematico dell Emilia-Romagna DGC Organizzazione, Personale, Sistemi Informativi e Telematica - Regione Emilia-Romagna

3 Sommario Il contesto territoriale... 5 Quadro istituzionale... 5 Dati sulle funzioni associate... 5 La struttura della popolazione... 8 Unità locali e addetti Accesso alle reti teclogiche L offerta di servizi a banda larga nel territorio dell Unione Val d'enza Popolazione con accesso a servizi a banda larga su rete fissa e wireless con teclogie Hiperlan e WiMax Popolazione con accesso a servizi a banda larga superiore a 30Mb/s in %- 2012: un confronto tra regioni Linee in banda larga su rete fissa uguali o superiori a 30 Mbps - % - an La progettualità verso la banda ultra larga (New Generation Access Network -NGAN) dei principali operatori di telecomunicazione Un approfondimento sulla popolazione che può accedere a servizi in banda larga su rete fissa con teclogia Fiber To The Premises (FTTP) nei paesi dell Unione Europea - in % L offerta di wi-fi pubblici nelle città Territori comunali con alme un area wi-fi pubblica attiva in Emilia-Romagna N Unità locali (di imprese) con accesso a servizi a banda larga ADSL e ADSL+ a Reggio Emilia e provincia Aree censuarie coperte da servizi a banda larga ADSL su rete fissa Aree censuarie coperte da servizi a banda larga ADSL Copertura UMTS/HSDPA e Hiperlan/WiFi della Provincia (% Unità locali) Fascia di prestazione effettiva DSL nelle aree industriali di Modena Diritto di accesso all informazione ed alla coscenza Dotazioni Internet e banda larga delle famiglie L uso di Internet: il profilo degli utenti L uso di Internet: Divertirsi e informarsi L uso di Internet: Comunicare L uso di Internet: E-banking e E-commerce L uso di Internet: relazioni con la PA L Uso di Internet e la capacità di cogliere le opportunità offerte dalla rete Come si acquisisco le competenze digitali Il divario teclogico l esclusione da Internet Cosa si sta facendo per l alfabetizzazione digitale L uso delle teclogie da parte delle imprese Diritto di accesso ai servizi alla persona ed alle imprese L orientamento alla partecipazione della cittadinanza L offerta di servizi online della PA (casi esemplificativi) I servizi per la cultura I servizi per la sanità Diritto di accesso ai dati Pubblicazione di Open data in Emilia-Romagna / 52

4 4.2 Presenza online di statistiche sul territorio Intelligenza diffusa nel territorio urba Presenza ed utilizzo di sistemi intelligenti sul territorio La situazione informatica dei Comuni dell Unione... Errore. Il segnalibro n è definito. 4 / 52

5 Il contesto territoriale Quadro istituzionale Comune Bibbia Campegine Cavriago Gattatico Montecchio Emilia San Polo D'Enza Sant'Ilario D'Enza Nome forma associativa Unione Val d'enza Comunità Montana Cassa dell'appenni Reggia Fonte: elaborazione Ervet su dati D.G.R. 286/2013 Nome Ambito Ottimale Valdenza Provincia RE Data di costituzione dell Unione Costituita il 22 agosto 2008, da trasformazione precedente Associazione Intercomunale, costituita nel Dati sulle funzioni associate Funzioni associate in ambito e-government / società dell informazione Unione Val d Enza Sistema Informativo n associato Territoriale SIT Sistema informativo n associato statistico SIS Sistema informatico n associato Associato SIA Fonte: elaborazione Ervet su dati D.G.R. 1072/2012 e Monitoraggio Ambiti Associativi in Emilia- Romagna 2012 (Ervet per Servizio Automie Territoriali) Concessione contributi in conto capitale per annualità (programma di riordi territoriale) - finalizzati a infrastrutture per telematica (TERRITORIO; CNER) Unione Val d Enza Contributi conto capitale 2009 n richiesti Contributi conto capitale 2010 n richiesti Contributi conto capitale 2011 n richiesti Fonte: elaborazione Ervet su dati delle varie delibere regionali di concessione contributi reperibili in 5 / 52

6 Deleghe alla UC nelle materie del monitoraggio regionale ambiti associativi - Ottobre 2012 Funzioni delegate dai Comuni all Unione Unione Val d Enza Reclutamento personale Trattamento ecomico Trattamento giuridico Relazioni sindacali Formazione professionale Gestione ecomica e finanziaria Controllo di gestione Riscossione tributi Attività recupero fiscale Gestione appalti servizi e forniture Gestione dei beni demaniali e patrimoniali Ufficio unico espropriazioni Servizio informativo territoriale (SIT) Servizio informativo statistico (SIS) Sistema informativo associato (SIA) Segretario comunale Comunicazione istituzionale URP sovracomunale Gestione unificata servizi anagrafici Biblioteche (biblioteche intercomunali) Musei e pinacoteche Programmazione gestione attività culturali Gestione impianti sportivi e ricreativi Ufficio di pia sociale di zona (PRT) si ISEE Servizi rivolti agli anziani si Servizi rivolti ai disabili si Servizi rivolti ai tossicodipendenti o persone in condizioni di disagio si Servizi rivolti ai miri si Servizi necroscopici e cimiteriali Asili nido (0-3 anni) Scuola materna (3-6 anni) Scuola (programmazione offerta formativa) Edilizia scolastica Assistenza scolastica Trasporto scolastico Mensa scolastica Promozione turistica e territoriale Sportello Unico Attività Produttive - SUAP Commissione qualità architettonica e struttura rilascio autorizzazioni paesistiche Edilizia Privata Vigilanza e controllo antisismico Edilizia residenziale pubblica - ERP Programmazione urbanistica e territoriale PSC Fondo perequazione territoriale Catasto Urbanistica Progettazione opere Gestione appalti lavori Protezione civile si 6 / 52

7 Polizia Municipale si Segnaletica Illuminazione pubblica e servizi connessi Gestione e manutenzione verde pubblico Classificazione strade comunali Gestione e manutenzione strade Classificazione e controllo in materia di inquinamento acustico Vincolo idrogeologico Stazioni ecologiche Ufficio unico Valutazione Impatto Ambientale - VIA Totale funzioni associate 7 Fonte: elaborazione Ervet su dati del Monitoraggio Ambiti Associativi in Emilia-Romagna 2012 (Ervet per Servizio Automie Territoriali). Prescinde da considerazione del finanziamento o me da parte della Regione. 7 / 52

8 La struttura della popolazione Indice di dipendenza nei paesi UE Ue Fonte: Istat 2012 Indice di dipendenza in Italia Italia Fonte: Istat L'indice di dipendenza si ottiene rapportando la popolazione residente in età n attiva (da 0 a 14 anni e da 65 anni e oltre) alla popolazione in età lavorativa (da 15 a 64 anni). Tale rapporto, che viene generalmente moltiplicato per cento, misura il carico demografico sulla popolazione in età attiva. Valori superiori al 50 per cento indica una situazione di squilibrio generazionale. 8 / 52

9 Indice di dipendenza nell Unione Val d Enza, in provincia di Reggio Emilia e in Regione % 60% 58% 58% 55% 54% 56% 61% 50% 40% 30% 20% 10% 34% 33% 29% 0% Unione Val d'enza Reggio nell Emilia Emilia-Romagna Residenti Italiani Stranieri Fonte: Elaborazioni Regione Emilia-Romagna, Coordinamento PiTER su dati La popolazione dal 2010 al 2012 Pop. Tot var % 2012 vs 2010 Pop. Italiana 2012 var % 2012 vs 2010 Pop. Straniera 2012 var % 2012 vs 2010 Unione Val d Enza % % % Regione Emilia Romagna % % % Fonte: elaborazione Ervet su dati statistica self service Regione Emilia-Romagna La composizione della popolazione per nazionalità in % % stranieri; 10% stranieri; 14% stranieri; 12% 95% 90% 85% italiani; 90% italiani; 86% italiani; 88% 80% Unione Val d'enza Reggio nell Emilia Emilia-Romagna Fonte: Elaborazioni Regione Emilia-Romagna, Coordinamento PiTER su dati 75% 9 / 52

10 La popolazione per classi d età in % % 3% 2% 100% 22% 19% 23% 18% 25% 19% 90% 80% 70% 27% 45% 28% 45% 29% 46% 60% 50% 28% 10% 27% 11% 26% 11% 40% 30% 8% 10% 6% italiani 12% 11% stranieri 8% 9% 6% italiani 12% 12% stranieri 7% 8% 5% italiani 11% 10% stranieri 20% 10% 0% Unione Val d'enza Reggio nell Emilia Emilia-Romagna 0-5 anni 6-15 anni anni anni anni >64 anni Fonte: Elaborazioni Regione Emilia-Romagna, Coordinamento PiTER su dati 10 / 52

11 Unità locali e addetti Unità locali e addetti in valore assoluto e % % sul tot provinciale % sul tot regionale UL Addetti UL Addetti UL Addetti Unione Val d Enza ,47% 11,30% 1,19% 1,33% Fonte: elaborazione Ervet su dati Banca Dati ASIA 2010 Distribuzione degli addetti per classe di addetti- % % 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Emilia-Romagna 14% 33% 13% 13% 17% 11% Reggio nell Emilia 14% 31% 12% 14% 20% 9% Unione Val d'enza 12% 30% 13% 13% 28% 4% Un addetto 2-9 addetti addetti addetti addetti 250 e più addetti Fonte: Elaborazioni Regione Emilia-Romagna, Coordinamento PiTER su dati ASIA 2010 Distribuzione degli addetti per settore di attività- % % 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Emilia-Romagna 29% 32% 9% 30% Reggio nell Emilia 24% 26% 10% 39% Unione Val d'enza 18% 25% 10% 47% Altri servizi Commercio, trasporti e alberghi Costruzioni Industria in senso stretto Fonte: Elaborazioni Regione Emilia-Romagna, Coordinamento PiTER su dati ASIA / 52

12 Distribuzione delle unità locali per settore di attività- % % 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Emilia-Romagna 41% 34% 14% 11% Reggio nell Emilia 35% 31% 19% 15% Unione Val d'enza 31% 31% 20% 18% Altri servizi Commercio, trasporti e alberghi Costruzioni Industria in senso stretto Fonte: Elaborazioni Regione Emilia-Romagna, Coordinamento PiTER su dati ASIA 2010 Un territorio con una prevalenza di unità locali operanti nel settore dell industria in senso stretto con un numero medio di addetti superiore alla media regionale e provinciale 12 / 52

13 1. Accesso alle reti teclogiche Obiettivi dell Agenda Digitale Europea Accesso ad internet veloce e superveloce Abbiamo bisog di un internet molto veloce perché l'ecomia cresca rapidamente, creando posti di lavoro e ricchezza, e per garantire che i cittadini abbia accesso ai contenuti e ai servizi che desidera. L intera EU sarà coperta dalla banda larga entro il 2013 L intera EU sarà coperta dalla banda larga al di sopra dei 30 Mb/s entro il % dell EU potrà accedere alla banda larga sopra i 100 Mb/s entro il L offerta di servizi a banda larga nel territorio dell Unione Val d'enza Popolazione con accesso a servizi a banda larga su rete fissa superiori a 2 Mbps Popolazione con accesso a servizi a banda larga su rete fissa superiori a 2 MB/s Popolazione in digital divide I generazione (riferita alla copertura netta 2 ) Bibbia Campegine Cavriago Gattatico Montecchio Emilia San Polo D'Enza Sant'Ilario D'Enza Provincia di Reggio Emilia Emilia-Romagna Percentuale Abitanti Abitanti 98,0% ,0% ,0% ,0% ,9% ,5% ,7% ,90% ,49% Fonte: Elaborazioni Lepida spa su dati degli operatori, Aprile La copertura netta misura la disponibilità di servizi a banda larga su rete fissa al netto di zone grige nella quali n si ha certezza dell effettiva possibilità di accesso e della qualità della banda disponibile. Queste zone risulta servite da linee telefoniche collegate a centrali con vincoli tecnici di varia natura.

14 Provincia di Reggio Emilia: banda larga su rete fissa Popolazione coperta da servizi in banda larga su rete fissa (Copertura lorda) - in % ER (2011)* 98 Italia (2012)** 98,5 EU (27)( 2012)** 95,2 Fonte: *Between 2012, ** Commissione Europea 2012 Fonte: Elaborazioni Lepida spa su dati degli operatori, Dicembre Popolazione con accesso a servizi a banda larga su rete fissa e wireless con teclogie Hiperlan e WiMax Popolazione con accesso a servizi a banda larga su rete fissa e/o wireless con teclogie Hiperlan e WiMax Popolazione in digital divide I generazione (riferita alla copertura netta) Percentuale Abitanti Abitanti Bibbia 99% Campegine 99% Cavriago 99% Gattatico 95% Montecchio Emilia 99% San Polo D'Enza 99% Sant'Ilario D'Enza 99% Provincia di Reggio Emilia 97,20% Emilia-Romagna 97,40% Fonte: Elaborazioni Lepida spa su dati degli operatori, Aprile / 52

15 RO LT LV BE BG NL SE SK DK HU PT EE FI EU27 DE LU ES CZ UK IE SI PL FR AT MT IT CY EL 1.3 Popolazione con accesso a servizi a banda larga superiore a 30Mb/s in %- 2012: un confronto tra regioni Campania 8 Emilia-Romagna 9 Lazio 19 Liguria 18 Lombardia 23 Piemonte 17 Puglia 4 Altre regioni (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Marche, Molise, Trento, Bolza, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria, Valle d Aosta Veneto) Italia 10 Fonte: Osservatorio Banda Larga -Obiettivo Ultrabroadband - Between Linee in banda larga su rete fissa uguali o superiori a 30 Mbps - % - an % 45% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% Fonte: Commissione Europea - European digital score card 15 / 52

16 Lettonia Lituania Slovacchia Bulgaria Portogallo Danimarca Svazia Estonia Finlandia Ungheria Lussemburgo Francia Slovenia Olanda Romania Unione Europea Repubblica Ceca Italia Spagna Austria Germania Polonia Irlanda Reg Unito Belgio Malta Grecia Cipro 1.5 La progettualità verso la banda ultra larga (New Generation Access Network -NGAN) dei principali operatori di telecomunicazione Metroweb (> 100 Mbps) FTTH (Fiber To The Home) Telecom (30-50 Mbps) FTTC (Fiber to the cabinet) Fastweb (Fi a 100 Mbps) FTTH (Fiber To The Home) FTTC (Fiber to the cabinet) Emilia- Romagna Italia Bologna ( ) Modena ( ) Reggio Emilia ( ) 30 città in Italia (Entro 2017) Bologna (avvio 2011) Unità Immobiliari totali: Copertura nel 2012: 25% Reggio Emilia (avvio 2012) Unità Immobiliari totali: Copertura nel 2012: 25% Forlì (avvio 2012) Unità Immobiliari totali: Copertura nel 2012: 33% Avvio in 7 città (2012) 100 città in Italia (entro 2014) Bologna Casalecchio di Re, (Bo) San Lazzaro di Savena (Bo), Argelato (Bo), Castel Maggiore (Bo) Piaro (Bo) Reggio nell Emilia Copertura UI entro il %. 6 città 19 città entro il 2015 Fonti: AAVV e dati degli operatori di telefonici Un approfondimento sulla popolazione che può accedere a servizi in banda larga su rete fissa con teclogia Fiber To The Premises (FTTP) nei paesi dell Unione Europea - in % % 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% -10% 61% 59% 57% 44% 41% 37% 35% 35% 26% 24% 23% 21% 21% 13% 13% 12% 11% 11% 10% 5% 3% 2% 2% 0% 0% 0% 0% 0% Fonte: Point topic per la Commissione Europea, 2012 Popolazione con accesso a servizi a banda larga su rete fissa superiori a 2 Mbps superiore a 30Mb/s Ritardi dell intero territorio regionale rispetto al resto d Italia e d Europa. Mire copertura DSL nei comuni di Sant Ilario e San Polo d Enza rispetto al territorio dell Unione stessa 16 / 52

17 1.7 L offerta di wi-fi pubblici nelle città Presenza di wi-fi Pubblici Bibbia SI - Biblioteca Campegine NO Popolazione Cavriago SI in più parti del territorio Gattatico NO Montecchio Emilia SI via piazza San Polo D'Enza SI via piazza Sant'Ilario D'Enza Unione Val D Enza SI in più parti del territorio NO Fonte: Regione Emilia-Romagna Coordinamento PiTER 2012 Un confronto con i territori comunali in cui so presenti punti wi-fi resi disponibili da enti locali in Emilia-Romagna N e % % sui Comuni di N. quella dimensione comuni micro con me di ab % comuni piccoli ( ab.) 18 27% comuni medi ( ab.) 62 46% comuni medio-grandi ( ab.) 31 72% comuni grandi con più di ab % Totale % Fonte: Regione Emilia-Romagna Coordinamento PiTER / 52

18 1.8 Territori comunali con alme un area wi-fi pubblica attiva in Emilia- Romagna N comuni micro (< ab) comuni piccoli (tra e ab) comuni medi (tra e ab.) comuni mediograndi (tra e ab.) comuni grandi (> ab.) Fonte: Regione Emilia-Romagna Coordinamento PiTER Unità locali (di imprese) con accesso a servizi a banda larga ADSL e ADSL+ a Reggio Emilia e provincia Unità locali con accesso a servizi ADSL (superiore a 2Mbps) Unità locali con accesso a servizi ADSL2+ (superiore a 20Mbps) Bibbia % 0-10% Campegine % 0-10% Cavriago % 81-90% Gattatico 81-90% 31-40% Montecchio Emilia % % Il 40% delle centrali nel territorio reggia n so allestite per fornire servizi ADSL alla popolazione San Polo D'Enza 81-90% 0-10% Sant'Ilario D'Enza % 71-80% Provincia di Reggio Emilia 87% 61% Fonte: Osservatorio banda larga Between, / 52

19 1.10 Aree censuarie coperte da servizi a banda larga ADSL su rete fissa A dicembre 2011 era le Unità Locali che n poteva accedere ai servizi ADSL di prima generazione in provincia di Reggio Emilia Osservatorio Banda larga Between Fonte: Osservatorio Banda Larga, Obiettivo Ultrabroadband - Between, Aree censuarie coperte da servizi a banda larga ADSL A dicembre 2011, la copertura ADSL2+ della provincia di Reggio Emilia risultava essere pari al 61%, in linea con il dato medio nazionale pari al 65% Osservatorio Banda larga Between Fonte: Osservatorio Banda Larga, Obiettivo Ultrabroadband - Between, / 52

20 Copertura UMTS/HSDPA e Hiperlan/WiFi della Provincia (% Unità locali) Copertura UMTS/HSDPA Copertura Hiperlan/WiFI Fonte Osservatorio Banda Larga, Obiettivo Ultrabroadband - Between, 2011 la copertura dei servizi UMTS/HSPA delle unità locali delle imprese è pari al 98% con prestazioni minali dell ordine dei Mbps, la copertura dei servizi HiperLAN/Wi-Fi realizzata da operatori wireless ha raggiunto il 17% delle unità locali. Osservatorio Banda larga Between 1.12 Fascia di prestazione effettiva DSL nelle aree industriali di Reggio Emilia Nome aree industriali Fascia prestazione effettiva DSL 1 ZI Mancasale <3 Mbps 2 ZI di Sesso >7 Mbps 3 ZI Pieve Modolena >7 Mbps 4 ZA le Betonica >7 Mbps 5 ZA Rivalta <3 Mbps 6 ZI Buco del Sigre <3 Mbps 7 ZI Via Mari Mazzacurati >7 Mbps 8 ZI San Maurizio >7 Mbps 9 ZI Via Eduardo Jenner <3 Mbps 10 ZI Gravassa <3 Mbps la situazione infrastrutturale è critica per 9 delle zone industriali individuate, in cui risulta disponibili prestazioni effettive al di sotto dei 3 Mbps Osservatorio Banda larga Between 20 / 52

21 11 ZI Prato >7 Mbps 12 ZI Baglo in Pia >7 Mbps 13 ZI Caldebosco di Sopra >7 Mbps 14 ZI Caprara <3 Mbps 15 ZI Cadè <3 Mbps 16 ZI Caler >7 Mbps 17 ZI Corte Tegge <3 Mbps 18 ZI Quaresimo >7 Mbps 19 ZI Via della Chiesa >7 Mbps 20 ZI Ghiardo <3 Mbps..tra queste la ZI di Mancasale che raggruppa oltre 300 imprese Osservatorio Banda larga Between Fonte: Osservatorio banda larga Between, / 52

22 2. Diritto di accesso all informazione ed alla coscenza Obiettivi dell Agenda Digitale Europea Migliorare l'alfabetizzazione, le competenze e l'inclusione nel mondo digitale L'era digitale dovrebbe favorire la responsabilizzazione e l'emancipazione; le origini sociali o le competenze n dovrebbero costituire un ostacolo allo sviluppo di questo potenziale. Portare l'uso regolare di internet dal 60% al 75% entro il 2015 e dal 41% al 60% per le categorie svantaggiate e dimezzare entro il 2015 il numero di persone che n han mai usato internet (portandolo al 15%) Promuovere il commercio elettronico: il 50% della popolazione dovrebbe fare acquisti online entro il 2015 ed il 20% della popolazione dovrebbe fare acquisti online all'estero entro il Dotazioni Internet e banda larga delle famiglie Internet e banda larga nelle famiglie benchmarking macroaree geografiche e media nazionale Emilia-Romagna - Internet; Emilia-Romagna - Banda Larga; Nord-ovest Nord-est Centro Sud Isole Italia % fam. con accesso a internet % fam. con banda larga Emilia-Romagna - Internet Emilia-Romagna - Banda Larga Fonte: Istat, / 52

23 Famiglie connesse ad Internet in Emilia-Romagna- % Famiglie % fam. % fam. con alme un mirenne % fam. - Solo anziani Connesse ad Internet Fonte: Elaborazioni Regione Emilia-Romagna, Coordinamento PiTER su dati Istat Fam. con accesso a Internet (2012) % famiglie con alme un componente tra anni: - EU 27: 76% - ITALIA: 63% Fam. con accesso a Internet (2011) % famiglie con alme un componente tra anni: - EU 27: 73% - ITALIA: 62% - EMILIA-ROMAGNA: 64% Fam. con banda larga (2012) % famiglie con alme un componente tra anni: - EU 27: 72% - ITALIA: 55% Fonte: Eurostat, 2011, 2012 e Elaborazioni Regione Emilia-Romagna, Coordinamento PiTER su dati Istat 2011 Ritardo della stra regione, e ancor più di dell Italia in generale, rispetto alla diffusione della banda larga e della connessione ad Internet presso le famiglie 23 / 52

24 Evoluzione internet e banda larga nelle famiglie in Emilia-Romagna - % tot. Famiglie dal 2008 al ER ITALIA 56 ER ITALIA % fam. con accesso a internet % fam. con banda larga Fonte: Istat, 2008, 2009, 2010, 2011, L uso di Internet: il profilo degli utenti L'utilizzo di Internet tra gli individui di 6 anni o più in Emilia-Romagna -% Popolazione Persone di 6 anni e più che usa INTERNET Persone di 6 anni e più che han usato INTERNET ult. 3 mesi Fonte: Istat, 2012 (1): Utenti che utilizza Internet una o più volte a settimana Persone di 6 anni e più che usa INTERNET REGOLARMENTE(1) Persone di 6 anni e più che usa INTERNET TUTTI I GIORNI 24 / 52

25 L'utilizzo di Internet nella popolazione anni % popolazione % pop. che n ha mai usato internet % utenti internet % utenti internet regolari Emilia-Romagna Italia Europa 27 % utenti internet frequenti Fonte: Elaborazioni Regione Emilia-Romagna, Coordinamento PiTER su dati Istat 2011 Profilo degli utenti Internet in Emilia-Romagna - % Popolazione 2011 Pop di 6 anni e più Genere Uomini Donne Classi di età 6-15 anni anni anni anni > 64 anni Titolo di studio Lic. elementare Lic. media Diploma Laurea Tipo di nucleo Nessun nucleo coppie senza figli coppie con figli mogenitore Fonte: Elaborazioni Regione Emilia-Romagna, Coordinamento PiTER su dati Istat Pop di 6 anni e più Lavora? No Sì Condizione professionale Dirigenti/quadri Imprenditore/libero professionista lavoratore in proprio Impiegato Operaio Condizione n professionale Studente In cerca di occup. Casalinga/ritirato dal lavoro Molto forte ed evidente l esclusione dalle opportunità offerte dalla rete di: donne anziani persone con basso livello di istruzione persone che n lavora 25 / 52

26 L utilizzo di Internet per classi di età in Italia- % classi di popolazione Fonte: Istat, anni anni 6 anni e più La stra regione, pur essendo ai primi posti della classifica italiana nell uso di Internet, registra un evidente ritardo nella fascia giovanile (6-17 anni) e in particolare nella fascia di età della scuola primaria 26 / 52

27 Luogo di utilizzo di Internet negli ult. 3 mesi % utenti Internet da casa 91 sul posto di lavoro 41 sul luogo di studio 15 a casa di altri 22 altrove 21 Fonte: Istat, 2012 Persone di 14 anni e più che han usato Internet negli ultimi 3 mesi in luoghi diversi da casa o dal posto di lavoro per dispositivo utilizzato - % Popolazione Uso di un computer portatile per connettersi ad Internet Uso di un dispositivo portatile per connettersi ad Internet Emilia-Romagna Italia (a) EU 27 (a) (a): % Persone con età compresa tra anni (1): utilizzo di un computer portatile o di un tablet o di un pc touchscreen (2): uso di un telefo cellulare, smartphone o di altro dispositivo portatile (es. palmare, PDA, lettore MP3, etc) Fonte: Istat, Eurostat L uso di Internet: Divertirsi e informarsi Persone di 6 anni e più che han usato Internet negli ultimi 3 mesi per:- in % utenti Internet 2012 benchmarking italia ed europeo Giocare o scaricare giochi, immagini, film, musica Partecipare a giochi in rete con altri utenti Leggere o scaricare giornali, news, riviste Cercare informazioni su merci e servizi Prendere un appuntamento con un medico Emilia-Romagna Italia (a) EU 27(a) (a): % Persone con età compresa tra anni Fonte: Istat, Eurostat, / 52

28 2.4 L uso di Internet: Comunicare Persone di 6 anni e più che han usato Internet negli ultimi 3 mesi per comunicare- in % utenti Internet 2012 benchmarking italia ed europeo Spedire/ricevere Postare messaggi / instant messaging (a): % Persone con età compresa tra anni Fonte: Istat, Eurostat, 2012 Telefonate/videochiamate via web Emilia-Romagna Italia (a) EU 27 (a) Caricare contenuti di propria creazione Creare siti web/blog 2.5 L uso di Internet: E-banking e E-commerce Persone di 6 o 14 anni e più che han usato Internet per alcuni servizi transattivi- in % utenti Internet-2010, 2011 e Ordinato/comprato merci sul web negli ult. 12 mesi Venduto merci/servizi su web, ult. 3 mesi Usato servizi bancari via Internet, ult. 3 mesi Fonte: Istat, / 52

29 Persone di 6 o 14 anni e più che han usato Internet per alcuni servizi transattivi- in % utenti Internet benchmarking italia ed europeo Ordinato/comprato merci sul web negli ult. 12 mesi Venduto merci/servizi su web, ult. 3 mesi Usato servizi bancari via Internet, ult. 3 mesi Emilia-Romagna Italia (a) EU 27(a) (a): % Persone con età compresa tra anni Fonte: Istat, Eurostat, L uso di Internet: relazioni con la PA Utenti Internet di 14 anni e più che si relaziona online con la Pubblica Amministrazione negli ultimi 12 mesi in % utenti internet Ottenere informazioni dai siti della PA Scaricare moduli dai siti della PA Spedire moduli compilati sui siti della PA Fonte: Istat, 2012 Emilia-Romagna Nord-ovest Nord-est Centro Sud Isole Italia 29 / 52

30 2.7 L Uso di Internet e la capacità di cogliere le opportunità offerte dalla rete. Utenti internet dell Emilia-Romagna per attività svolte in rete -% su utenti internet Svago, informazione 50% Interagire con la società 18% Uso limitato 15% Uso % Fonte: Elaborazioni Regione Emilia-Romagna, Coordinamento PiTER su dati Istat 2011 Uso limitato: utilizzo di Internet limitato ad una o al massimo due attività (spedire/ricevere , partecipare a chat o forum on line, ) Svago, informazione: spedire/ricevere , cercare informazioni sul web, consultare un wiki per apprendere, leggere giornali o riviste online. Interagire con la società: uso di internet, oltre alle attività di svago e informazione, telefonare/video chiamare via web partecipare a chat o forum on line, Uso 360 : uso di internet, oltre alle attività di svago. informazione e comunicazione, ma anche per concludere transazioni di acquisto e vendita (home banking, vendere merci/servizi online, ordinare/acquistare merci o servizi online). Utenti internet dell Emilia-Romagna per attività svolte in rete e competenze digitali -% su utenti internet Fonte: Elaborazioni Regione Emilia-Romagna, Coordinamento PiTER su dati Istat / 52

31 2.8 Come si acquisisco le competenze digitali Persone di anni per eventuale partecipazione a corsi sull uso del PC. - % popolazione Negli ultimi 3 anni Piu di 3 anni fa o mai Emilia-Romagna Italia EU 27 Fonte: Elaborazioni Regione Emilia-Romagna, Coordinamento PiTER su dati Istat 2011, Eurostat 2011 Persone di anni per motivazioni per n partecipare a corsi di formazione. - % popolazione 2011 benchmarking italia ed europeo Possiede coscenze gia sufficienti Usa il personal computer raramente Studia da solo o con l'assistenza di altri Per mancanza di tempo I corsi so troppo costosi Le offerte di corsi n so soddisfacenti Altro Emilia-Romagna Italia EU 27 Fonte: Elaborazioni Regione Emilia-Romagna, Coordinamento PiTER su dati Istat 2011, Eurostat / 52

32 Persone di anni per modalità di acquisizione degli skills informatici. - % popolazione Alla scuola primaria, secondaria, università Corsi di formazione Corsi di formazione professionale (su richiesta del datore dei lavoro) Studio individuale attraverso l uso di manuali, cd rom Studio attraverso la pratica (imparare facendo) Colleghi, parenti, amici Emilia-Romagna Italia EU 27 Fonte: Elaborazioni Regione Emilia-Romagna, Coordinamento PiTER su dati Istat 2011, Eurostat 2011 La modalità ancora più diffusa per l acquisizione delle competenze digitali è il learning by doing, anche se nella stra regione è molto più alta la % di cittadini che dichiara di averle ottenute grazie alle istituzioni scolastiche o a corsi di formazione 2.9 Il divario teclogico l esclusione da Internet Le famiglie che n accedo ad Internet Famiglie escluse dall'uso di Internet - in % sulle famiglie Fonte: Istat, / 52

33 Motivazioni per l esclusione da Internet - in % sulle famiglie con alme un componente tra anni Accedo a Internet da altro luogo Internet n è utile Mancanza di capacità Alto costo degli strumenti Alto costo del collegamento Emilia-Romagna Italia EU 27 Fonte: Elaborazioni Regione Emilia-Romagna, Coordinamento PiTER su dati Istat 2011, Eurostat Il profilo degli individui che n accedo ad Internet Persone emilia-romagle di 6 anni e più che n usa Internet:- in % di fasce di popolazione 2011 (valore medio: 45%) Nessun nucleo / coppie senza figli 63% 45% 37% Agricoltura, caccia e pesca 77% 23% Lavoratore in proprio Operaio 60% 58% 40% 42% Casalinga/inabile o ritirato dal lavoro Vedovo/a Licenza elementare 85% 84% 89% 15% 16% 11% Donna 50% 50% Oltre 64 anni 92% 8% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% NON usa internet Usa internet Fonte: Elaborazioni Regione Emilia-Romagna, Coordinamento PiTER su dati Istat / 52

34 2.10 Cosa si sta facendo per l alfabetizzazione digitale Il progetto Pane ed Internet : corsi e facilitatori Corsi già realizzati Cittadini già formati Corsi da svolgere Cittadini in lista d'attesa Biblioteca aderisce al progetto Bibbia Aderito Campegine Aderito Cavriago Aderito Gattatico Aderito Montecchio Emilia Aderito San Polo D'Enza Aderito Sant'Ilario D'Enza Aderito Fonte: Pane ed Internet 2013 (1) Aderito: so stati formati o si stan formando i facilitatori digitali, persone che opera presso le biblioteche in grado di assistere utenti inesperti nella navigazione internet e nell accesso a servizi online, ma il servizio n è ancora disponibile per la cittadinanza Servizio Attivo: il servizio è già disponibile per la cittadinanza 34 / 52

35 2.11 L uso delle teclogie da parte delle imprese L utilizzo delle teclogie di base Addetti che utilizza il PC e la connessione ad Internet, alme una volta la settimana in% su tot. addetti 2011 Utilizza il PC Utilizza il PC connessi ad Internet EU EU ER IT ER Fonte: Istat, 2011 Emilia-Romagna Italia EU27 Emilia-Romagna Italia EU27 Imprese con più di 10 addetti con il sito web in % Imprese con più di 10 addetti con il sito web 2011 Variazioni in pp 2010/2011 Emilia-Romagna 70 3 Nord ovest 68 5 Nord est 70 2 Centro 59-1 Sud e isole 50-1 Italia 63 2 Fonte: Istat Rilevazione sull uso delle teclogie dell informazione e della comunicazione nelle imprese 35 / 52

36 Utilizzo delle teclogie ICT nelle imprese emilia-romagle 3 Servizi ICT utilizzati o di cui è previsto in futuro l utilizzo in % e-banking Digitalizzazione documenti Ricezione/invio fax via internet Gestione procedure amministrative sui siti web della PA e-procurement e-commerce Gestione/valutazione integrata delle relazioni con la clientela Audio/video conferenza via internet Analisi indicatori performance per decisioni strategiche Cloud computing Non utilizzato e n previsto nei prossimi 12 mesi Non utilizzato ma previsto nei prossimi 12 mesi Utilizzato fonte: Rapporto sull' Invazione in Emilia-Romagna, Unioncamere Emilia-Romagna, Utilizzo delle teclogie ICT nelle funzioni aziendali nelle imprese con più di 10 addetti Imprese con più di 10 addetti per servizio on line disponibile sul sito web in % an 2011 ordinare/pretare online accesso a cataloghi dei propri prodotti e alle liste di prezzi pagamento online posti vacanti/domande di impiego online Nord ovest Nord est Centro Sud e isole Italia Fonte: Istat Rilevazione sull uso delle teclogie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Imprese con più di 10 addetti che acquista e/o vendo on line - in % an 2010 Imprese che effettua ACQUISTI online Imprese che effettua VENDITE online (web, Edi) Nord ovest 30 5 Nord est 28 6 Centro 25 6 Sud e isole 22 5 Italia 27 5 Fonte: Istat Rilevazione sull uso delle teclogie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Nel rd est il 61% delle imprese effettua online me dell 1% degli acquisti totali 3 dal Rapporto sull' Invazione in Emilia-Romagna, Unioncamere Emilia-Romagna, 2012: rilevazione regionale su un campione di imprese. L indagine è stata condotta nel periodo compreso fra aprile e giug Al fine della realizzazione del rapporto, i dati so aggiornati al 15 luglio / 52

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Strategia per la crescita digitale 2014-2020. Presidenza del Consiglio dei Ministri

Strategia per la crescita digitale 2014-2020. Presidenza del Consiglio dei Ministri Strategia per la crescita digitale 2014-2020 Presidenza del Consiglio dei Ministri Roma 3 marzo 2015 Strategia per la crescita digitale 2014-2020 1 Premessa 4 1. Obiettivi strategici 7 2. Il contesto di

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Questionario indagine di customer su servizi e progetti innovativi di Roma Capitale

Questionario indagine di customer su servizi e progetti innovativi di Roma Capitale Questionario indagine di customer su servizi e progetti invativi di Roma Capitale 1. Sei M F 2. Qual è la tua età? Fi a 20 anni Da 21 a 40 anni Da 41 a 60 Oltre i 60 anni 3. Qual è il tuo titolo di studio?

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA la mobilità nella formazione dei docenti in europa LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA MIUR Direzione Generale per gli Affari Internazionali Eurydice Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica. italia. 100 statistiche. per capire il Paese in cui viviamo

Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica. italia. 100 statistiche. per capire il Paese in cui viviamo Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica italia 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo 2014 Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica italia 100 statistiche

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.3.2015 COM(2015) 145 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Relazione sull'applicazione del regolamento (UE) n. 211/2011 riguardante l'iniziativa

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Rapporto sull Innovazione nell Italia delle Regioni

Rapporto sull Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 Rapporto sull Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 Il Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni è un iniziativa CISIS. Il CISIS (Centro Interregionale per i Sistemi informatici, geografici

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO

PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.11.2014 COM(2014) 906 final PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO che accompagna la comunicazione della Commissione sull'analisi

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli