3. LO STAGE INTERNAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. LO STAGE INTERNAZIONALE"

Transcript

1 3. LO STAGE INTERNAZIONALE

2 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile e soddisfacente ai bisogni del mercato di lavoro. Su questa base, la formazione offerta dagli enti di IFP iniziale deve combaciare con le attività delle aziende, e deve essere pianificata considerando le conoscenze che gli allievi devono acquisire per avere le basi teoriche e concettuali nonché una conoscenza pratica di attrezzature e tecnologie. In questo scenario, lo stage diventa una parte importante della formazione di studenti che seguono programmi di formazione sul lavoro come attività di formazione di tipo nonlavorativo. Uno stagista non deve mai occupare un posto di lavoro libero. Gli stage in azienda devono anche cercare di mettere gli allievi in contatto con il mondo del lavoro e permettergli di completare la loro istruzione personale e professionale seguendo un periodo di formazione in un vero ambiente produttivo. Si deve considerare che per molti studenti questi tirocini sono il primo contatto con il mondo del lavoro. Di conseguenza, la pianificazione e il coordinamento tra i direttori degli enti di IFP iniziale e l'impresa in questione sono fondamentali. L'impresa sta fuori della scuola, e quindi gioca un ruolo chiave, perché permette agli allievi di utilizzare le conoscenze che hanno acquisito negli insegnamenti scolastici in un posto di lavoro, non solo operando in un ambiente professionale vero ma acquisendo una conoscenza approfondita delle pratiche professionali. Nello stage in azienda, gli allievi possono acquisire delle conoscenze dirette delle attrezzature tecniche, eseguendo mansioni professionali in un ambiente di lavoro vero con tutti i suoi fattori determinanti, imparando competenze trasversali (attrezzature, organizzazione del lavoro, lavorare con gli altri, ecc.) che sono difficili da acquisire in altri ambienti. Ci sono due obbiettivi principali da raggiungere nello stage: Perfezionare l'acquisizione delle competenze professionali apprese nella scuola (qualifica professionale); Assistere l allievo a trovare un lavoro (integrazione occupazionale). Si deve sottolineare che lo stage è una parte molto importante della formazione degli allievi. E quindi necessario implementare un sistema di stage locali di qualità nelle aziende, se possibile estendendolo ad aziende internazionali perché questi aggiungono valore al processo di formazione.

3 3.2. GLI OBBIETTIVI Lo stage è una componente essenziale per assicurare la formazione generale degli allievi impegnati in corsi professionali. Lo stage deve: Migliorare e valorizzare le conoscenze teoriche apprese negli enti di IFP iniziale. Offrire agli allievi un'esperienza diretta delle attrezzature di produzione. Offrire agli allievi la possibilità di vivere di prima persona un ambiente di lavoro ed il suo sistema di relazioni sociali e professionali. Permettere alle aziende di conoscere le competenze ed atteggiamenti di un potenziale dipendente. Aiutare gli allievi a raggiungere delle qualifiche professionali e a trovare un lavoro. Implementare delle strategie per portare l'istruzione formale più vicino al mondo del lavoro. Per le imprese, lo stage comporta: l accompagnamento degli allievi nella loro formazione pratica. la conoscenza nell'ambiente di lavoro di persone che potrebbero essere dipendenti qualificati alla fine dello stage. offrire ai giovani i loro primi impieghi. stabilire contatti con gli enti di IFP iniziale. identificare un tutor aziendale, che funge da mentor per l allievo durante lo stage. La formazione sul lavoro nelle aziende locali è molto importante sia per le aziende che per gli allievi, ma quando lo stage ha luogo all'estero può portare a raggiungere ancora altri obbiettivi oltre a quelli elencati sopra: Portare un approccio internazionale all'azienda. Portare nuove idee, conoscenze e metodi all'azienda. Allargare le competenze culturali. Scoprire altri modi di lavoro. Scoprire altre culture. Migliorare le competenze linguistiche in generale ed imparare il linguaggio tecnico professionale in un'altra lingua. Migliorare il proprio CV. Vedere la mobilità come una vera possibilità per lo sviluppo personale. Adattarsi ad un mercato del lavoro più ampio. Sottolineare il concetto dell'appartenenza all'unione Europea. Svilupparsi al di fuori dell'ambiente sociale/familiare abituale; crescere personalmente.

4 3.3. LA DEFINIZIONE DI QUALITA' Mentre tutti gli attori della mobilità hanno idee simili sul senso della qualità nella mobilità, non esiste una definizione comune europea di qualità che possa essere condivisa tra tutti gli attori. C'è quindi interesse ad identificare una definizione europea comune di qualità nella mobilità, condivisa tra gli attori della mobilità e la Commissione Europea. La Commissione ha sviluppato vari materiali per valorizzare la qualità della mobilità: Quality commitment (Impegno per qualità): un documento firmato dal partecipante e le organizzazioni mittenti ed ospitanti, che definisce gli impegni di ognuno di questi tre attori. Quality Charter for mobility (Carta di Qualità per la mobilità) che nei punti 13 e 15 insiste sulla necessità della qualità, della pianificazione attenta e della valutazione adeguata durante, prima e dopo il periodo di mobilità. La Carta Studenti del programma Erasmus, che definisce chiaramente quello che ci si aspetta dagli allievi e quello che gli allievi si aspettano quando partecipano al programma Erasmus. In questo manuale forniremo una definizione di qualità con riferimento alla mobilità, e in particolare allo stage internazionale. Secondo la definizione ISO 9000, la qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche soddisfa tutti i requisiti. La qualità dipende dell'insieme delle caratteristiche intrinseche e da un insieme di requisiti, e da come le prime soddisfano i secondi. Se le caratteristiche intrinseche combaciano con tutte i requisiti, la qualità è alta o eccellente. La qualità può quindi essere bassa, buona o eccellente. La qualità può essere determinata dal paragone tra un insieme di caratteristiche intrinseche ed un insieme di requisiti specificati in anticipo. La qualità è quindi un concetto relativo. La qualità è sempre relativa ad un insieme di requisiti che sono specificati in anticipo, che sono necessità o aspettative che devono essere soddisfatte. La qualità nella mobilità si raggiunge quando l'esperienza di mobilità rispecchia i bisogni e le aspettative dei beneficiari della mobilità, soddisfacendo allo stesso tempo i requisiti della mobilità.

5 In tutti i tipi di esperienza di mobilità ci sono più attori coinvolti prima, durante e dopo il periodo di mobilità. Solo alcuni di questi attori sono anche beneficiari. Un beneficiario è una persona o un'organizzazione che trae beneficio da qualcosa. I requisiti della mobilità devono essere stabiliti in modo da soddisfare i bisogni e le aspettative dei beneficiari della mobilità. mobilità che coinvolge solo gli allievi e gli enti di IFP iniziale. Gli allievi sono gli unici beneficiari. mobilità che coinvolge gli allievi, gli enti di IFP iniziale e le aziende ospitanti. I beneficiari della mobilità sono gli allievi e le aziende ospitanti. Nel primo tipo di mobilità ci sono solo tre attori, e tutti vengono dal mondo dell'istruzione e della formazione, il che rende più facile gestire l'azione di mobilità. Nel secondo tipo di mobilità, il numero di attori si moltiplica, da un minimo di cinque, alcuni dal mondo dell'istruzione ed alcuni del mondo imprenditoriale. Questo tipo di mobilità che coinvolge un'azienda aumenta la complessità della gestione della mobilità, nonché le procedure di garanzia di qualità. Quindi la qualità dell'esperienza di mobilità può soffrire per un disallineamento tra l'azienda ospitante e l allievo di IFP iniziale. Ci sono numerose possibili cause di disallineamento tra l allievo e l'azienda, dovute a: Mancanza di contatto tra l ente di IFP iniziale e l'azienda ospitante. Distanza geografica. Difficoltà nel creare ponti tra i mondi della IFP iniziale e dell'impresa. Difficoltà dovute al settore specifico dell'azienda, ecc.

6 Il sondaggio del programma Leonardo da Vinci del 2007 dimostra chiaramente le variabili che possano causare insoddisfazione nella mobilità per i partecipanti (studenti della IFP iniziale) quando uno stage ha luogo in un'azienda estera. 23 Figure 3-12: What participants did not enjoy about a stay abroad Stay too short Inadequate financial support Poor planning / preparation Too much bureaucracy Poor care from receiving orgnaization Tasks did not correspond to my prof. background Poor accommodation / unfriendly host family Poor care from sending organization Linguistic skills hardly improved, poor language course Poor practical placement No autonomous activities Little insight into host country gained Stay too long Not enough practical experience, too much lang. courses 4% 3% 6% 26% 24% 21% 17% 17% 16% 14% 13% 12% 41% 48% Fonte: WSF LdV Survey 2007 L'eccessiva brevità del soggiorno (48%) e la mancanza di sostegno finanziario (41%) sono reputati i fattori più insoddisfacenti, insieme alla cattiva pianificazione/preparazione (26%) e l eccessiva burocrazia. Ma ci sono anche delle variabili che ci offrono informazioni preziose sulla qualità bassa di uno stage in termini dell'apprendimento sul lavoro: Mansioni non corrispondenti al proprio orientamento professionale (17%). Scarsa qualità del posto di lavoro (13%). Nessuna assegnazione di attività di propria responsabilità (12%) Scarse ore di stage, eccessive ore di corso di lingue (3%). E' interessante notare che il 17% degli allievi ha risposto che le loro mansioni non corrispondevano al proprio orientamento professionale. Questa percentuale è troppo alta se si cerca di ottenere tirocini di qualità. 23 Analisi degli effetti delle azioni di mobilità LEONARDO DA VINCI su giovani occupati e in formazione, nonché dell incidenza di fattori socioeconomici, ricerca condotta per conto della Commissione Europea, DG Istruzione e Cultura.

7 Ogni attore della mobilità deve vedere le proprie esigenze soddisfatte per garantire la qualità, vale a dire per soddisfare tutte le esigenze ed aspettative di tutti i beneficiari. In altre parole, tutti gli attori coinvolti nell'azione di mobilità devono garantire che attraverso le loro azioni riescano a soddisfare i bisogni e le aspettative dei beneficiari. Quando la qualità raggiunta è bassa, è perché le caratteristiche dell'azione di mobilità non hanno soddisfatto questi requisiti; in altri termini, quando l'azione di mobilità non soddisfa le esigenze ed aspettative dei beneficiari. Bisogno: la mancanza di qualcosa di necessario, desiderabile o utile. Aspettativa: qualcosa di atteso. Atteso: considerato ragionevole, dovuto o necessario. Soddisfazione: realizzazione di un bisogno o desiderio. Customer satisfaction (soddisfazione del cliente): la misura di quanto i prodotti e i servizi forniti da un'azienda soddisfano o superano le aspettative dei clienti. Si ottiene qualità quando, attraverso l'esperienza di mobilità, i beneficiari ottengono soddisfazione delle loro esigenze ed aspettative.

8 3.4. REQUISITI DI QUALITA': LE ESIGENZE ED ASPETTATIVE DEI BENEFICIARI Le misure di garanzia di qualità verranno prese per assicurare che l'azione di mobilità soddisfi le esigenze e le aspettative del beneficiario. La garanzia della qualità è un insieme di attività che mira a creare fiducia sul fatto che i requisiti della qualità verranno soddisfatti. Le aspettative dei beneficiari devono allinearsi con quello che l'esperienza di mobilità gli può fornire. Un'altra definizione inerente ai bisogni ed alle aspettative dei beneficiari può portare all insoddisfazione, e minaccia l'assicurazione di qualità di tutta l'azione di mobilità. Soddisfazione = risultato di mobilità Esigenze + Aspettative Quando le aspettative sono diverse o più alte di quelle che l'azione di mobilità può offrire, il risultato sarà l'insoddisfazione. Definire chiaramente quello che ogni attore di mobilità può aspettarsi, e quello che si aspetta da lui, è la chiave per allineare le aspettative tra gli attori di mobilità. Questo viene descritto più in dettaglio nel punto 5 del manuale. Ad esempio, se le aspettative delle mansioni che l allievo deve eseguire nell'azienda ospitante non sono definite, l allievo può aspettarsi un'esperienza diversa nell'azienda ospitante. In questo caso i risultati della mobilità potrebbero causare insoddisfazione. Ugualmente, qualche volta le aspettative delle competenze che un allievo ha sono più alte rispetto a quello che in realtà ha raggiunto. Il tutor aziendale si aspetta un contributo diverso dall allievo all'interno dell'azienda ospitante. Anche in questo caso i risultati della mobilità potrebbero causare insoddisfazione. Ci possono essere diverse cause di disallineamento tra aspettative e risultati della mobilità, e queste devono essere prese in considerazione nella progettazione di tutte le procedure per prevenire l'insoddisfazione dei beneficiari. Le procedure di assicurazione di qualità sono dettagliati nel punto 5 di questo manuale. Un livello alto di qualità della mobilità si ha quando i bisogni e le aspettative dei beneficiari sono soddisfatti. La soddisfazione dei beneficiari si traduce in relazioni durature tra gli attori della mobilità che può facilitare altre mobilità in futuro. Altrimenti, le mobilità diventeranno sporadiche e potranno funzionare solo nel breve termine.

9 La soddisfazione per gli allievi che partecipano agli stage internazionali: Normalmente un periodo all'estero e la conoscenza di una nuova cultura, lingua e paese portano soddisfazione ai giovani. Ma quello che è più difficile da raggiungere nello stage internazionale è l'apprendimento professionale, che sia allineato con l'orientamento professionale e che valorizzi le competenze acquisite dopo lo stage. A volte questa componente professionale non viene pienamente soddisfatta attraverso l'esperienza di mobilità. Sempre di più i beneficiari vorrebbero sviluppare non solo competenze internazionali e personali ma anche professionali. Come si è visto nel sondaggio "Leonardo da Vinci Survey 2007", alcune variabili legate alle competenze acquisite durante lo stage internazionale non vengono considerate con stime molto alte in termini di soddisfazione dei beneficiari: Luogo di svolgimento dello stage all'estero votato solo al 54% Ambiente di lavoro internazionale, solo 52% Mansioni di lavoro assegnate, solo 36% Organizzazione del lavoro, solo 33% Orario di lavoro, solo 30 % 24 Figure 3-11: What Participants enjoyed about stay abroad Improvement of language skills Opportunity to go abroad Gained important personal experiences Insights into other ways of life Intercultural exchange Interaction with each other at work Insight into other ways of working Practical placement abroad Familiarisation with own personal limits Work in an internacional team Placement abroad Duration of stay abroad Care from foreign organisation Structure and organisation of the stay Tasks assigned Handling new materials Organisation of work flow Care from sending organization Working methods at receiving organization Financial support Working hours 43% 40% 39% 36% 34% 33% 33% 33% 30% 30% 54% 53% 52% 49% 75% 74% 72% 68% 65% 62% 61% Fonte: WSF LdV Survey Idem

10 C'è soddisfazione per l allievo attraverso l'esperienza di mobilità se l allievo ha soddisfatto tutte le seguenti esigenze di apprendimento: Nuovi metodi di lavoro, acquisizione di competenze professionali e un'esperienza che combaci con il suo orientamento professionale. Miglioramento della lingua straniera. Esperienze di vita: vivere da soli, imparare la cultura straniera, fare nuove conoscenze, ecc. Soddisfazione per l'azienda ospitante Non esiste molto materiale che tratti la soddisfazione delle aziende ospitanti, che passa a volte in secondo piano quando si parla di mobilità. Ma è solo attraverso la soddisfazione dell'azienda ospitante che potremmo riuscire a stabilire delle cooperazioni di lunga durata con le aziende, che saranno disponibili per ripetere l'esperienza ospitante. C'è soddisfazione per l'azienda ospitante attraverso l'esperienza di mobilità se l'azienda raggiunge i seguenti obbiettivi: L allievo ha fornito un contributo professionale all'azienda. Si è ottenuto un valore aggiunto dall allievo durante il suo soggiorno in azienda. Cioè, gli sforzi per la formazione sono inferiori ai risultati ottenuti dal lavoro dello stagista. Il personale dell'azienda ha acquisito esperienza nel lavorare in un ambiente multiculturale e multi-lingue. Soddisfazione per gli enti di Formazione Professionale iniziale di appartenenza dell allievo: C'è soddisfazione per l ente di IFP iniziale attraverso l'esperienza di mobilità se l allievo ha soddisfatto le seguenti esigenze di apprendimento: Nuovi metodi di lavoro, acquisizione di competenze professionali e un'esperienza che combaci con il suo orientamento professionale. Miglioramento della lingua straniera. Esperienze di vita: vivere da soli, imparare la cultura straniera, fare nuove conoscenze, ecc. In altri termini, per l ente di IFP iniziale la soddisfazione si raggiunge attraverso la soddisfazione degli allievi nella loro acquisizione di conoscenze. Questo è un valore aggiunto che gli enti di IFP possono fornire ai loro studenti che partecipano nelle azioni di mobilità. In alcuni casi, l'esperienza di mobilità può essere molto soddisfacente per l allievo, anche quando le competenze professionali che hanno acquisito non sono alte. Anche se le aspettative dell allievo sono molto basse e c'è una soddisfazione generale, l'esperienza di mobilità potrebbe essere valutata di bassa qualità dall ente di IFP perché l allievo non ha acquisito abbastanza competenze. Per questo è cruciale avere una buona valutazione dei traguardi raggiunti e le competenze acquisite dall allievo IFP iniziale dopo aver partecipato all esperienza di mobilità internazionale.

11 Soddisfazione per l'organizzazione che fornisce supporto all'esperienza di mobilità: Nella maggior parte dei casi, c'è un'organizzazione che promuove e/o finanzia le azioni di mobilità. Quest'organizzazione sarà soddisfatta se c'è soddisfazione per i beneficiari e se il finanziamento erogato viene utilizzato correttamente per raggiungere gli obbiettivi del programma di finanziamento. L'organizzazione che promuove la mobilità e/o fornisce sostegno finanziario richiede la compilazione di alcuni moduli da parte dei beneficiari per completare la valutazione della qualità. C'è soddisfazione per l'organizzazione che fornisce sostegno se i moduli sono compilati correttamente indicando un alto livello di soddisfazione sui risultati, nello stesso tempo: assicurando il buon utilizzo del finanziamento ottenuto per l'esperienza di mobilità; ottenendo la soddisfazione dei beneficiari. Quello che più probabilmente può generare insoddisfazione per l allievo, l ente di IFP e l'azienda è un'esperienza di stage che è "in parte formazione, in parte esperienza professionale". Per assicurare la qualità di questa esperienza, devono essere messi in campo a priori una serie di controlli, procedure e sistemi di valutazione per prevenire la bassa qualità dei tirocini internazionali. L'approccio Q-Placements intende fornire un manuale che contenga tutte le procedure, requisiti e linee guida per garantire la qualità degli stage internazionali.

PROGRAMMA ERASMUS + INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA ERASMUS + Key Action 1 - Mobilità del personale scolastico

PROGRAMMA ERASMUS + INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA ERASMUS + Key Action 1 - Mobilità del personale scolastico PROGRAMMA ERASMUS + INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA ERASMUS + Key Action 1 - Mobilità del personale scolastico Erasmus plus è il nuovo programma varato dall'unione europea per il periodo 2014-2020

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Cosa? I tirocini internazionali in azienda o stage, così come sono generalmente conosciuti, stanno acquisendo una

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli

Comune di Roma Dipartimento XIV Politiche del Lavoro e dei Piani di Formazione per Adulti

Comune di Roma Dipartimento XIV Politiche del Lavoro e dei Piani di Formazione per Adulti Comune di Roma Dipartimento XIV Politiche del Lavoro e dei Piani di Formazione per Adulti - 4 Scuole Serali - Educazione degli Adulti - 10 Centri di Formazione Professionale - Obbligo d istruzione - 20

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

VISITAZIENDIAMOCI. Un percorso di alternanza. fra scuola e mondo del lavoro

VISITAZIENDIAMOCI. Un percorso di alternanza. fra scuola e mondo del lavoro VISITAZIENDIAMOCI Un percorso di alternanza fra scuola e mondo del lavoro obiettivi Offrire agli studenti la possibilità di un esperienza concreta di lavoro all interno delle aziende partner Prevenire

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva Descrizione generale Il Programma Leonardo da Vinci si propone di collegare le politiche alle pratiche nel campo dell istruzione e formazione

Dettagli

PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014

PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014 PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014 Archivio Antico 21 Gennaio 2014 Erasmus+ (2014-2020): Azioni di supporto alla collaborazione internazionale (Key Action 2); progetti di sostegno alla riforma

Dettagli

Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage

Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage Lo stage è un esperienza di durata variabile in un azienda con l obiettivo di formare il lavoratore all attività per cui è

Dettagli

Mobilità come opportunità Progetta il tuo stage all'estero

Mobilità come opportunità Progetta il tuo stage all'estero Mobilità come opportunità Progetta il tuo stage all'estero Partecipare ad un tirocinio all'estero consente di migliorare le prospettive occupazionali. Rappresenta uno degli aspetti qualificanti del percorso

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Un progetto educativo per giovani, famiglie e scuole

Un progetto educativo per giovani, famiglie e scuole Un progetto educativo per giovani, famiglie e scuole INTERCULTURA nasce e si sviluppa intorno a un progetto educativo: si propone di contribuire alla crescita di studenti, famiglie e scuole attraverso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE RISORSE PON RIPARTIZIONE RISORSE PER ASSE DI INTERVENTO Asse Risorse Asse Occupazione 1.838.398.081,00 Asse

Dettagli

Alternanza scuola lavoro: che cosa significa

Alternanza scuola lavoro: che cosa significa Alternanza scuola lavoro: che cosa significa È una modalità didattica realizzata in collaborazione fra scuole e imprese per offrire ai giovani competenze spendibili nel mercato del lavoro e favorire l

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI

PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI OLBIA - Palazzo Provincia Olbia Tempio 6 novembre 2014 PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI La Garanzia Giovani (Youth Guarantee) è il Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile. Con questo obiettivo

Dettagli

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione From the Lifelong Learnig Programme to Erasmus for All Investing in high quality education and training Istituto di Istruzione Superiore Crescenzi Pacinotti di Bologna 24 maggio 2013 Il contributo del

Dettagli

U Linee per un Progetto: Erasmus Placement for students coming to Sardinia

U Linee per un Progetto: Erasmus Placement for students coming to Sardinia Università degli Studi di Sassari Ufficio Relazioni Internazionali Camera di Commercio Del Nord Sardegna Provincia di Sassari U Linee per un Progetto: Erasmus Placement for students coming to Sardinia

Dettagli

Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici del Piemonte

Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici del Piemonte 2 a EDIZIONE Bando per la partecipazione ad un programma di internship all estero per favorire l occupabilità e la conoscenza di competenze linguistiche specifiche Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici

Dettagli

Progetto TEEN II (2011-2013): Tourism and Environment Training Experiences in Europe for New-graduates

Progetto TEEN II (2011-2013): Tourism and Environment Training Experiences in Europe for New-graduates Progetto TEEN II (2011-2013): Tourism and Environment Training Experiences in Europe for New-graduates LLP-Leonardo Da Vinci TEEN Project Graduates Mobility Marzo 2012 Programma per l Apprendimento Permanente

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

Obiettivi, contenuti, durata dei corsi per le specifiche categorie di destinatari prioritari SCHEDA A - LAVORATORI STRANIERI

Obiettivi, contenuti, durata dei corsi per le specifiche categorie di destinatari prioritari SCHEDA A - LAVORATORI STRANIERI Allegato 1 Obiettivi, contenuti, durata dei corsi per le specifiche categorie di destinatari prioritari SCHEDA A - LAVORATORI STRANIERI Obiettivi specifici Contribuire alla riduzione degli infortuni dei

Dettagli

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I curricula di 43mila neodiplomati viaggiano on line: voto e crediti acquisiti, conoscenze linguistiche e informatiche, stage ed esperienze

Dettagli

- Cosa è lo SVE - Informazione e riconoscimento, Youthpass - Opportunità in Italia

- Cosa è lo SVE - Informazione e riconoscimento, Youthpass - Opportunità in Italia Per un giorno e mezzo, 90 giovani rientrati dal Servizio Volontario Europeo, divisi in 3 gruppi, hanno messo a confronto le proprie esperienze di vita all estero. Ora condivideranno con voi le proprie

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE

INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE IN MATERIA DI ALTERNANZA, COMPETENZE E ORIENTAMENTO Regolamento per la selezione

Dettagli

PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA

PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Ambito 1 Linea 3 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in rete Erasmus

Dettagli

Università degli Studi di Siena

Università degli Studi di Siena Università degli Studi di Siena Master di Universitario di 1 livello Master per le funzioni di coordinamento nelle professioni sanitarie A.A. 2012/2013 Procedure Attivazione TIROCINIO Centro Interdipartimentale

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE G. Dell Olio ANNO SCOLASTICO 2011-2012. Aggiornamento maggio 2012

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE G. Dell Olio ANNO SCOLASTICO 2011-2012. Aggiornamento maggio 2012 ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE G. Dell Olio ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Aggiornamento maggio 2012 ITES GIACINTO DELL OLIO INDICE L OFFERTA FORMATIVA EXTRACURRICULARE AGGIORNAMENTO pag. 2 Premessa L'ampliamento

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

I motivi possono essere vari, come ad esempio:

I motivi possono essere vari, come ad esempio: Ufficio Stage e Placement Lo Stage è un'esperienza, di durata limitata, che porta gli studenti a contatto diretto con la realtà del mondo del lavoro. Esso mira a conseguire tre risultati: l'acquisizione

Dettagli

PROVINCIA DI TERNI SERVIZIO POLITICHE FORMATIVE E DEL LAVORO. FORMULARIO per l assegnazione di

PROVINCIA DI TERNI SERVIZIO POLITICHE FORMATIVE E DEL LAVORO. FORMULARIO per l assegnazione di PROVINCIA DI TERNI SERVIZIO POLITICHE FORMATIVE E DEL LAVORO Mod.D FORMULARIO per l assegnazione di Borse di Studio o tirocini formativi 1 Modello D1.1) Alla Provincia di Terni Servizio Politiche Formative

Dettagli

formazione - lavoro di candidati italiani nelle aziende tedesche.

formazione - lavoro di candidati italiani nelle aziende tedesche. Progetto Italia Germania The Job of my Life formazione - lavoro di candidati italiani nelle aziende tedesche. Il 28 gennaio 2013, in occasione della Conferenza Europea sui Giovani, è stata siglata la dichiarazione

Dettagli

Il Project Management per i Managers

Il Project Management per i Managers Paolo Mazzoni 2012. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2012". Non sono ammesse

Dettagli

Cambiare vita, aprire la mente

Cambiare vita, aprire la mente Cambiare vita, aprire la mente Invito a presentare proposte per la Carta della Mobilità dell istruzione e della formazione professionale MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLA PROPOSTA A cura di: Anna Butteroni

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 1 Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dettagli

TABELLA D ESPERIENZA DEGLI OPERATORI CHE CHIEDONO DI ACCREDITARSI. di cui all art. 6

TABELLA D ESPERIENZA DEGLI OPERATORI CHE CHIEDONO DI ACCREDITARSI. di cui all art. 6 TABELLA D ESPERIENZA DEGLI OPERATORI CHE CHIEDONO DI ACCREDITARSI di cui all art. 6 1 Tabella D: ESPERIENZA SERVIZI PER IL LAVORO GENERALI OBBIGATORI Aree Funzionali I, II, III e IV (i contenuti indicati

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO

SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO CHE COS È È un programma di mobilità che permette ai giovani di impegnarsi nel volontariato in un paese diverso da quello di residenza per un periodo non superiore ai 12 mesi.

Dettagli

Il Marketing Concetti Introduttivi

Il Marketing Concetti Introduttivi Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del

Dettagli

(Progetto n 2013 1 IT1 LEO02 03685)

(Progetto n 2013 1 IT1 LEO02 03685) Programma d'azione nel campo dell apprendimento permanente (Decisione n. 1720/2006/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 15 novembre 2006 che istituisce un programma d azione) PROGRAMMA di MOBILITA

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore Arturo Prever

Istituto di Istruzione Superiore Arturo Prever Istituto di Istruzione Superiore Arturo Prever Sede Alberghiero: Via Carlo Merlo n. 2-10064 Pinerolo (TO) (TO) TEL. 0121.72402 FAX. 0121.322043 Sede coordinata Ag rario Viale Europa, 28-10060 Osasco (To)

Dettagli

Glossario ANG. Apprendimento non formale: Youthpass:

Glossario ANG. Apprendimento non formale: Youthpass: Glossario ANG Apprendimento non formale: è l'apprendimento connesso ad attività pianificate ma non esplicitamente progettate come apprendimento (quello che non è erogato da una istituzione formativa e

Dettagli

La Leadership. Salvatore Savarese

La Leadership. Salvatore Savarese La Leadership Salvatore Savarese 1 Introduzione Lavorare all interno di organizzazioni induce un evoluzione professionale ed umana in più direzioni: aumentano le competenze tecniche specifiche, si sviluppano

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA di Andrea Cammelli fondatore nel 1994 e direttore del Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea I l Profilo dei Diplomati 2014 rappresenta una risposta

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Approfondimento sulla ISO 29990

Approfondimento sulla ISO 29990 Approfondimento sulla ISO 29990 Lo standard ISO 29990 nasce da un progetto sul principio dell ISO 9001, volto alla creazione di uno standard dei servizi e dell organizzazione ed alla certificazione degli

Dettagli

ISO 9001:2000: COME UTILIZZARE LA NORMA PER GESTIRE I FORNITORI

ISO 9001:2000: COME UTILIZZARE LA NORMA PER GESTIRE I FORNITORI Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 14/06/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Incubatore di talenti

Incubatore di talenti Incubatore di talenti L idea Il Forum della Meritocrazia vuole lanciare un programma rivolto a giovani laureandi in discipline Umanistiche ed Economiche. Il programma è progettato per produrre un positivo

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015 POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Linea 3 - Ambito 1 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B Fornire ai partecipanti elementi di Marketing, applicati alla realtà Business to Business. MARKETING B2B Il corso si rivolge a tutti coloro che si occupano di vendite

Dettagli

Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale

Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale C.so di Laurea STAG O (S.Severo) Lezione n.1: a) Richiami di concetti di teoria dell'impresa; b) Le strategie aziendali; c) Stima delle colture arboree da frutto

Dettagli

REGISTRO ATTIVITA DI STAGE

REGISTRO ATTIVITA DI STAGE REGISTRO ATTIVITA DI STAGE AZIENDA: SETTORE DELL ATTIVITA DAL AL PROGETTO FORMATIVO SCUOLA - LAVORO Anno Scolastico 2014 / 2015 Alunno Classe LIBRETTO PERSONALE DATI INERENTI L INSEGNANTE TUTOR Cognome

Dettagli

ACTIVE AGEING LEARNING COMMUNITY 526384-LLP-1-2012-1-BG-GRUNDTVIG-GMP. With the support of the Lifelong Learning Programme of the European Union

ACTIVE AGEING LEARNING COMMUNITY 526384-LLP-1-2012-1-BG-GRUNDTVIG-GMP. With the support of the Lifelong Learning Programme of the European Union PROGRAMMA DI STUDIO Nuove Tecnologie di Comunicazione (ICT) per il Social Networking 2013 responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute CONTENUTO 1. TARGET GROUP 3

Dettagli

Distinguere tra bisogni di cura standard e individualizzati. Valutazione delle esigenze e traduzione di queste in azioni adeguate

Distinguere tra bisogni di cura standard e individualizzati. Valutazione delle esigenze e traduzione di queste in azioni adeguate Linee guida per la costruzione di test per la valutazione degli esiti dei percorsi di apprendimento per Coordinatori all interno delle strutture residenziali per anziani Queste linee guida sono rivolte

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE Opzione Economico-Sociale Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2013/2014 INDICE 1. Introduzione. pag. 3 2. Finalità e obiettivi

Dettagli

ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ. Erasmus+

ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ. Erasmus+ ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ Erasmus+ KA1 Obiettivi Generali Migliorare le competenze chiave e le capacità dei giovani, inclusi quelli con minori

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08 Ufficio stage "formazienda" Incubatore di imprese innovative (Centro ISO - Industrial Spin-Off); Sportello informativo Start-up I.F.eG. (Imprenditorialità Femminile e Giovanile) Rilevazione annuale presso

Dettagli

SME INTEGRATION GUIDE. SMALL and MEDIUM-SIZED ENTERPRISES

SME INTEGRATION GUIDE. SMALL and MEDIUM-SIZED ENTERPRISES SME SMALL and MEDIUM-SIZED ENTERPRISES INTEGRATION GUIDE IT With financial support from the European Union Sole responsibility lies with the author and the Commission is not responsible for any use that

Dettagli

Programma di apprendimento permanente 2007-2013

Programma di apprendimento permanente 2007-2013 Programma di apprendimento permanente 2007-2013 Invito a presentare candidature in vista della predisposizione di un elenco di esperti per le attività di valutazione nel contesto del Programma di apprendimento

Dettagli

A V V I S O D I P A R T E C I P A Z I O N E. al Progetto n 2014-1-IT-01-KA102-000187. Mobility in Europe for Vocational Training Eurovocational Plus

A V V I S O D I P A R T E C I P A Z I O N E. al Progetto n 2014-1-IT-01-KA102-000187. Mobility in Europe for Vocational Training Eurovocational Plus A V V I S O D I P A R T E C I P A Z I O N E al Progetto n 2014-1-IT-01-KA102-000187 Mobility in Europe for Vocational Training Eurovocational Plus PROGRAMMA ERASMUS PLUS KA1 - Mobilità Individuale ai fini

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

GUIDA VELOCE PER TRAINER

GUIDA VELOCE PER TRAINER GUIDA VELOCE ~ 6 ~ GUIDA VELOCE PER TRAINER Perché usare il toolkit di EMPLOY? In quanto membro del personale docente, consulente di carriera, addetto al servizio per l impiego o chiunque interessato ad

Dettagli

18 COSE CHE NON PUOI NON SAPERE SULL HIGH SCHOOL PROGRAM

18 COSE CHE NON PUOI NON SAPERE SULL HIGH SCHOOL PROGRAM 18 COSE CHE NON PUOI NON SAPERE SULL HIGH SCHOOL PROGRAM 1.Cos è L HIGH SCHOOL PROGRAM: E un programma di studio all estero, rivolto a studenti dai 14 ai 18 anni; 2.LA DURATA DEL PROGRAMMA: E possibile

Dettagli

Cultura organizzativa

Cultura organizzativa Cultura organizzativa 1 3-2 Cultura organizzativa La cultura organizzativa è l'insieme di idee condivise, implicite e assunte all'interno di un gruppo, che determina il modo in cui il gruppo percepisce,

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico OBBLIGO FORMATIVO Corso operatore grafico Corso operatore grafico La figura professionale Descrizione sintetica della figura: L Operatore grafico, interviene, a livello esecutivo, nel processo di produzione

Dettagli

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo.

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo. MASTER si propone come facilitatore nella costruzione e pianificazione di strategie di medio e lungo termine necessarie ad interagire con gli scenari economici e sociali ad elevato dinamismo. Vuole rappresentare

Dettagli

Università degli Studi di Perugia SERVIZIO JOB PLACEMENT

Università degli Studi di Perugia SERVIZIO JOB PLACEMENT Nominativo del tirocinante nato a il residente in codice fiscale PROGETTO FORMATIVO (rif. Convenzione n. stipulata in data ) Attuale condizione (barrare la casella possibilità di doppia scelta): studente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA COMO Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Corso di laurea triennale - Classe n. 3 Scienze della mediazione linguistica Caratteristiche e obiettivi del corso

Dettagli

Il Programma settoriale LEONARDO DA VINCI Principi generali e Azioni previste

Il Programma settoriale LEONARDO DA VINCI Principi generali e Azioni previste Slide 1 Il Programma settoriale LEONARDO DA VINCI Principi generali e Azioni previste Slide 2 Obiettivi specifici A. Sostenere coloro che partecipano ad attività di formazione e formazione continua nell

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Pietro Canonica di Vetralla

Istituto Istruzione Superiore Pietro Canonica di Vetralla Istituto Istruzione Superiore Pietro Canonica di Vetralla Liceo Scientifico C.A.T. - Costruzioni, Ambiente e Territorio Con sezioni associate Istituto Tecnico E.E. / I.T. di Bassano Romano Liceo Scientifico

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi Fondazione Opera Madonna del Lavoro Bilancio di missione 2013 sintesi Missione FOMAL è un Ente Diocesano che opera senza finalità di lucro per la promozione della persona nella società, realizzando attività

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

SUPPORTO ALL OCCUPAZIONE E ALL INCLUSIONE SOCIALE NELLE SCUOLE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DEL VIETNAM

SUPPORTO ALL OCCUPAZIONE E ALL INCLUSIONE SOCIALE NELLE SCUOLE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DEL VIETNAM SEDE DI HANOI Iniziativa SUPPORTO ALL OCCUPAZIONE E ALL INCLUSIONE SOCIALE NELLE SCUOLE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DEL VIETNAM - Missione di formulazione TERMINI DI RIFERIMENTO I. Informazioni generali

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Codice Meccanografico istituto principale: CLTD00701D Codice meccanografico secondario (risultante da organico) CLPS00701N

Dettagli

L INSERIMENTO DI GIOVANI RISORSE UMANE IN AZIENDA griglia per la conduzione di gruppi di lavoro con imprenditori e tutor aziendali

L INSERIMENTO DI GIOVANI RISORSE UMANE IN AZIENDA griglia per la conduzione di gruppi di lavoro con imprenditori e tutor aziendali La griglia si compone di due livelli: una parte "a testo libero", in cui si chiede di descrivere e rispondere in modo discorsivo; una parte codificata tramite una scala a punteggio (intervallo da 1 a 5)

Dettagli

PERCHÈ ASSUMERE UNA PERSONA DISABILE? PIANO PROVINCIALE DISABILI: SPECIALE FORMAZIONE INDICE DEI CONTENUTI

PERCHÈ ASSUMERE UNA PERSONA DISABILE? PIANO PROVINCIALE DISABILI: SPECIALE FORMAZIONE INDICE DEI CONTENUTI Settembre 2009 PERCHÈ ASSUMERE UNA PERSONA DISABILE? Newsletter n 2 PER MAGGIORI INFORMAZIONI: Per adempiere ad un obbligo di Legge Perché si ha la possibilità di: offrire ad una persona disabile l opportunità

Dettagli

Modello per la relazione individuale degli studenti ERASMUS (SMS)

Modello per la relazione individuale degli studenti ERASMUS (SMS) Modello per la relazione individuale degli studenti ERASMUS (SMS) Questa breve relazione sulla tua esperienza fornirà al Programma LLP, sottoprogramma ERASMUS, una preziosa informazione che sarà di beneficio

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE LINGUA INGLESE

FUNZIONE STRUMENTALE LINGUA INGLESE Anno scolastico -15 FUNZIONE STRUMENTALE LINGUA INGLESE Parametri Descrizione Note 1.1 TITOLO DEL Progetto Lingua Inglese 1.2 RESPONSABILE DEL GRUPPO DI Classi coinvolte Docenti referenti Candidati: E.

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO CONNESSA ALLE ATTIVITA DI SOSTEGNO

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO CONNESSA ALLE ATTIVITA DI SOSTEGNO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO CONNESSA ALLE ATTIVITA DI SOSTEGNO PREMESSA Con il presente progetto il nostro istituto vuole offrire agli allievi certificati L.104 del 1992 (sia per gli alunni che intraprendono

Dettagli

Marina Battistin Dirigente Scolastico di IC 16 Bologna Capofila Rete A. Mi. Co.

Marina Battistin Dirigente Scolastico di IC 16 Bologna Capofila Rete A. Mi. Co. Dirigente Scolastico di IC 16 Bologna Capofila Rete A. Mi. Co. Descrivere la propria scuola sulla base di dati attendibili Attribuirsi11 voti, motivati, sulle dimensioni principali del funzionamento della

Dettagli

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia disegna un panorama molto variegato con differenze marcate

Dettagli

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Milano, 18 gennaio 2013 1 NORMATIVA RELATIVA ALLA SOLIDARIETA, AL BENESSERE DEGLI STUDENTI E ALL AUTONOMIA DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI L. 285/97 relativa

Dettagli

ALLEGATO H VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI COMUNE DI CINISI Prov. Palermo

ALLEGATO H VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI COMUNE DI CINISI Prov. Palermo SCHEDA di 3 II Fattore di Valutazione: Comportamenti professionali e organizzativi e competenze Anno Settore Servizio Dipendente Categoria Profilo professionale Responsabilità assegnate DECLARATORIA DELLA

Dettagli