Corso di Economia Politica (a.a ) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Economia Politica (a.a. 2006-7) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21"

Transcript

1 Corso di Economia Politica (a.a ) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21 Sezione 2: Macroeconomia Capitolo 10: Problemi 1, 2, 4; Capitolo 11: Problemi 4, 5, 9: Capitolo 12: Problemi 1, 4, 6: Capitolo 13: Problemi 3, 6; Capitolo 14: Problemi 4, 7; Capitolo 15: Problemi 2, 4; Capitolo 16: Problemi 1, 5; Capitolo 17: Problemi 1, 4, 6; Capitolo 18: Esercizi 18.1 e 18.2; Capitolo 19: Problemi 6 e 7; Capitolo 20: Problemi 4 e 8; Capitolo 21: Problemi 3 e 8. + esercizio da un esame 1

2 Capitolo 10 Problema 1 Secondo le previsioni, nei prossimi 50 anni la popolazione giapponese dovrebbe diminuire, mentre la percentuale di cittadini in pensione dovrebbe aumentare bruscamente. In che modo questi cambiamenti demografici si ripercuoteranno sul prodotto totale e sul tenore di vita medio del lavoro in Giappone, supponendo che la produttività media del lavoro continua a salire? Che cosa accadrà invece se la produttività media del lavoro rimane inalterata? 2

3 Dati: Popolazione + Numero pensionati Numero occupati (N) (produttività media = output per occupato) PRODOTTO TOTALE (N Y/N) Se la produttività media del lavoro continua a crescere a tassi simili a quelli precedenti ï Il prodotto totale crescerà, ma ad un tasso inferiore rispetto al passato perché ci sono meno occupati (l aumento della produttività del lavoro non è compensato da un di N). Se la produttività media del lavoro rimane invariata: Il prodotto totale diminuirà perché il numero di occupati (N) è diminuito. 3

4 TENORE DI VITA Non dipende dal prodotto totale ma dal... prodotto pro capite = prodotto totale/popolazione =Y/POP Se la produttività media del lavoro cresce a tassi simili a quelli precedenti: Y (ma ad un tasso minore rispetto al passato) ï POP, Y Y/POP tenore di vita migliora Se la produttività media del lavoro rimane invariata: Y ma anche il n. di persone che dividono tale prodotto ï di per sé una diminuzione della popolazione non dovrebbe ridurre il tenore di vita. Tuttavia se diminuisce il rapporto occupati/popolazione e la produttività non è elevata: Y potrebbe più della popolazione ï l output pro capite ï il tenore di vita 4

5 Capitolo 10 Problema 2 È possibile che il tenore di vita medio salga in un periodo in cui la produttività media del lavoro è in discesa? Ragionate su questo punto, portando un esempio numerico. Il tenore di vita dipende dal prodotto pro capite: Y/POP, che si può esprimere come: Y POP = Y N N POP dove Y/N è la produttività media del lavoro e N/POP è la quota della popolazione occupata (o partecipaz. attiva della forza lavoro). î Il prodotto pro capite (e quindi il tenore di vita) può aumentare se la della produttività media del lavoro (Y/N) è più che compensata da un della popolazione occupata (N/POP). 5

6 Esempio. Supponete che la popolazione complessiva di un paese sia pari a 10 e che 5 sono occupati. Supponete inoltre che inizialmente la produttività media sia 10, cioè ogni occupato produce 10 unità di prodotto. ï Prodotto totale = Prodotto pro capite = N Y/N = 5 10 = 50 Y/POP = 50/10 = 5 Immaginate ora che la produttività media scenda a 8 unità. Occupati Prodotto totale Prodotto Tenore pro capite di vita , , , , ,

7 Capitolo 10 Problema 4 Quali delle seguenti affermazioni hanno carattere positivo e quali carattere normativo? Un analisi positiva mira ad individuare gli effetti economici di un determinato provvedimento. È basata su criteri di oggettività. Un analisi normativa include una serie di raccomandazioni sull opportunità di attuare una certa politica economica. Rispecchia le opinioni di una persona. a) Se la BCE alza i tassi di interesse, è probabile che la domanda di abitazioni scenda. Positivo: un affermazione sulla probabile reazione dei mercati. 7

8 b) La BCE dovrebbe alzare i tassi di interesse per mantenere l inflazione ad un livello ragionevolmente basso. Normativo: un affermazione su quello che la BCE dovrebbe fare. c) È probabile che il prossimo anno i corsi azionari scendano con il rallentamento dell economia. Positivo: un affermazione sulla reazione delle azioni al rallentamento dell economia. 8

9 d) Una riduzione dell imposta sul capital gain o guadagni in conto capitale (l imposta applicata ai profitti realizzati sul mercato azionario) farebbe salire i prezzi dei titoli dal 10% al 20%. Positivo: un affermazione sulla reazione dei prezzi dei titoli ad una riduzione dell imposta. e) Il Congresso non dovrebbe ridurre le imposte sui capital gain senza concedere agevolazioni fiscali anche alle fasce di reddito più deboli. Normativo: che cosa il Congresso non dovrebbe fare. 9

10 Capitolo 11 Problema 4 In riferimento a ciascuna delle seguenti transazioni, precisate quali saranno le conseguenza sia sul PIL italiano che sulle quattro componenti della spesa aggregata: a) Un cittadino italiano acquista un auto nuova di produzione nazionale. Sia il PIL Italiano che il consumo subiscono un aumento pari al valore della nuova auto. b) Un cittadino italiano acquista un auto nuova importata dalla Svezia. Aumentano i consumi (per un valore pari a quello dell auto) e diminuiscono le esportazioni nette (per un pari valore). Il PIL resta immutato. 10

11 c) L autonoleggio di un cittadino italiano acquista un auto nuova di produzione nazionale. Aumenta il PIL attraverso una variaz. della componente Investimenti (l acquisto dell auto da parte di un impresa è contabilizzata come investimento e non consumo). d) L autonoleggio di un cittadino italiano acquista un auto nuova importata dalla Svezia. il valore della componente Investimenti e, per un pari importo, il valore delle Esportazioni Nette. Nessuna variazione sul PIL. e) Il governo italiano acquista un auto nuova di produzione nazionale, da destinare al cittadino italiano che è stato nominato nuovo ambasciatore in Svezia. il valore della componente Spesa Pubblica e, per un pari importo, il valore del PIL italiano. 11

12 Capitolo 11 Problema 5 Di seguito sono riportati alcuni dati relativi ad un ipotetico sistema economico. Ricavate il PIL e spiegate quali calcoli avete effettuato. Spese in consumi 600 Esportazioni 75 Acquisti pubblici di beni e servizi 200 Case e appartamenti di nuova costruzione 100 Vendite di case e appartamenti esistenti 200 Importazioni 50 Livelli di scorte all inizio dell anno 100 Livelli di scorte alla fine dell anno 125 Investimenti fissi da parte delle imprese 100 Pagamenti del governo per le pensioni 100 Acquisti di beni durevoli da parte delle famiglie

13 Per ricavare il PIL dobbiamo sommare le voci di spesa relative alle sue quattro componenti: 1) spesa in consumi (beni durevoli, non durevoli e servizi); 2) investimenti (fissi: macchinari, fabbricati, ; edilizia: costruzione di nuove case; scorte: accumulo di beni invenduti); 3) acquisti pubblici (spese dello Stato per beni e servizi finali); 4) esportazioni nette (esportazioni meno importazioni) 13

14 CONSUMI PRIVATI: Spese in consumi 600 euro (nota: acquisti durevoli da parte delle famiglie sono già incluse nelle spese in consumi) Spese in consumi 600 Esportazioni 75 Acquisti pubblici di beni e servizi 200 Case e appartamenti di nuova costruzione 100 Vendite di case e appartamenti esistenti 200 Importazioni 50 Livelli di scorte all inizio dell anno 100 Livelli di scorte alla fine dell anno 125 Investimenti fissi da parte delle imprese 100 Pagamenti del governo per le pensioni 100 Acquisti di beni durevoli da parte delle famiglie

15 INVESTIMENTI: Investimenti fissi da parte delle imprese 100 euro + Case e appartamenti di nuova costruzione 100 euro + Variazione delle scorte delle imprese ( ) 25 euro Totale 225 euro (nota vendite di case e app. esistenti non entrano nel calcolo del PIL) Spese in consumi 600 Esportazioni 75 Acquisti pubblici di beni e servizi 200 Case e appartamenti di nuova costruzione 100 Vendite di case e appartamenti esistenti 200 Importazioni 50 Livelli di scorte all inizio dell anno 100 Livelli di scorte alla fine dell anno 125 Investimenti fissi da parte delle imprese 100 Pagamenti del governo per le pensioni 100 Acquisti di beni durevoli da parte delle famiglie

16 SPESA PUBBLICA : Acquisti pubblici di beni e servizi 600 euro (nota: pagamenti per pensioni sono trasferimenti e non sono inclusi nella spesa pubblica) Spese in consumi 600 Esportazioni 75 Acquisti pubblici di beni e servizi 200 Case e appartamenti di nuova costruzione 100 Vendite di case e appartamenti esistenti 200 Importazioni 50 Livelli di scorte all inizio dell anno 100 Livelli di scorte alla fine dell anno 125 Investimenti fissi da parte delle imprese 100 Pagamenti del governo per le pensioni 100 Acquisti di beni durevoli da parte delle famiglie

17 ESPORTAZIONI NETTE : Esportazioni Importazioni Netto 75 euro 50 euro 25 euro Spese in consumi 600 Esportazioni 75 Acquisti pubblici di beni e servizi 200 Case e appartamenti di nuova costruzione 100 Vendite di case e appartamenti esistenti 200 Importazioni 50 Livelli di scorte all inizio dell anno 100 Livelli di scorte alla fine dell anno 125 Investimenti fissi da parte delle imprese 100 Pagamenti del governo per le pensioni 100 Acquisti di beni durevoli da parte delle famiglie

18 PIL: spesa in consumi = investimenti = acquisti pubblici = esportazioni nette = 25 = 1050 euro 18

19 Capitolo 11 Problema 9 Elena sta scaricando i dati sul mercato del lavoro relativi all ultimo mese, ma poiché la connessione è lenta finora è riuscita ad ottenere solo le informazioni seguenti: Tasso di disoccupazione 5,0% Tasso di partecipazione 62,5% Non appartenenti alla forza lavoro 60 milioni Calcolate (1) l entità della forza lavoro, (2) la popolazione in età lavorativa, (3) il numero di occupati e disoccupati. 19

20 (1) Entità della forza lavoro = occupati + disoccupati I dati che abbiamo sono: tasso di disoccupazione = 5,0% tasso di partecipazione = 62,5% non appartenenti F.L. = 60 milioni Il tasso di partecipazione èla % di individui in età lavorativa compresi nella forza lavoro (ossia % di persone che hanno un occupazione o la stanno cercando). Secondo i nostri dati, tale tasso è del 62,5% ï la rimanente percentuale non appartiene alla forza lavoro: 100% 62,5% = 37,5% Sappiamo che i non appartenenti alla forza lavoro sono 60 milioni 37,5 : 60 = 62,5 : FL ï FL = (60 62,5)/37,5 = 100 Forza lavoro = 100 milioni 20

21 Dati: tasso di disoccupazione = 5% tasso di partecipazione = 62,5% non appartenenti alla F.L. = 60 milioni forza lavoro = 100 milioni (2) Popolazione in età lavorativa = = forza lavoro + non appartenenti alla forza lavoro = 100 milioni + 60 milioni = 160 milioni (3) Numero di occupati Conosciamo il tasso di disoccupazione che è il rapporto fra disoccupati e forza lavoro: disoccupati/100 milioni = 5% ï disoccupati = 5% 100 milioni = 5 milioni Il numero di occupati (FL disocc.) è pari a 95 milioni. 21

22 Capitolo 12 Problema 1 Dalle rilevazioni ufficiali risulta che, nell anno base, la famiglia tipo ogni mese effettua le seguenti spese: 20 pizze a un prezzo unitario di 10 affitto dell appartamento, 600 al mese carburante e manutenzione dell automobile, 100 telefono (chiamate urbane più 10 interurbane), 50 Nell anno successivo all anno base dalle statistiche ufficiali risulta che il prezzo della pizza è salito a 11, l affitto a 640, il carburante e i servizi di manutenzione dell auto a 120, mentre la spesa per il telefono è scesa a 40. a. Calcolate l IPC nell anno successivo all anno base ed il tasso di inflazione tra i due anni considerati. b. Dall anno base a quello successivo il reddito della famiglia è aumentato del 5%. La sua situazione economica è dunque migliorata o peggiorata in termini di potere d acquisto? 22

23 a.1 Calcolo dell indice dei prezzi al consumo (IPC) L IPC misura il costo del paniere dell anno base nell anno corrente rispetto al costo del medesimo paniere nell anno base. Il paniere dell anno base è costituito da 20 pizze + affitto + carburante e manutenzione auto + telefono Il prezzo di ciascun bene nell anno base è rispettivamente: 10 per pizza, 600, 100 e 50 ï Costo del paniere nell anno base: Pizze (20 10) + affitto (600) + auto (100) + telefono (50) = 950 euro L anno successivo i prezzi si modificano come segue: pizza 11, affitto 640, auto 120, telefono 40 î Costo del medesimo paniere nell anno successivo: Pizze (20 11) + affitto (640) + auto (120) + telefono (40) = 1020 euro IPC nell anno seguente: IPC = 1020/950 = 1,074 23

24 a.2 Calcolo dell inflazione fra i due anni considerati Il tasso d inflazione è pari all incremento percentuale dell IPC nell anno successivo rispetto all anno base: IPCt IPC0 π = IPC dove π è il tasso di inflazione e IPC 0 indica IPC nell anno base. Qual è l IPC nell anno base? 1 0 Ricordando che l IPC nell anno successivo all anno base è 1,074, quale sarà il tasso di inflazione? Tasso di inflazione = (1,074 1)/1 100 = 7,4 % b. Se il reddito della famiglia è aumentato del 5%, la sua sit. ec. è migliorata o peggiorata in termini di potere d acquisto? Il reddito nominale della famiglia è cresciuto meno dell inflazione e quindi il potere d acquisto è stato eroso Peggioramento reale delle possibilità di consumo. 24

25 Capitolo 12 Problema 4 Secondo una recente indagine, tra il 1990 e il 1997 il salario d ingresso reale per i neolaureati negli Stati Uniti è sceso dell 8%. Nel 1997 il salario d ingresso nominale ammontava a 13,65 dollari l ora. Supponendo che i dati siano corretti, a quanto ammontava il salario d ingresso nominale nel 1990? Fate riferimento ai dati del Problema 2. Sappiamo che il salario d ingresso nominale nel 1997 era $13,65 l ora. Dai dati del problema 2, possiamo calcolare il salario d ingresso reale nel 1997: W1997 /IPC1997 = 13,65/1,605 = 8,5$ Sappiamo che il salario reale nel 1997 è sceso dell 8% rispetto al 1990 ï il salario reale nel 1997 era pari al 92% di quello del 1990 ï W1997/IPC1997 = 92% W1990/IPC1990 $8,5 Salario reale nel 90 Salario reale : 8,5 = 100 : X 9,24$ Salario nominale 1990 W1990/IPC1990 = 9,24 ï W1990 = 9,24 1,307 = 12,08$ 25

26 Capitolo 12 Problema 6 Nell anno base 2000 il paniere di beni del consumatore tipo è il seguente: 30 polli a 3,00 euro l uno 10 cotechini a 6,00 euro l uno 10 bistecche a 8,00 euro l una Nel 2001 un offerta insufficiente di mangimi per polli fa salire il prezzo unitario di questo prodotto a 5,00 euro; il prezzo di un cotechino sale a 7,00 euro, mentre quello di una bistecca rimane invariato. a. Calcolate la variazione dell indice del costo della tavola tra il 2000 e il b. Supponete che gli individui siano completamente indifferenti fra consumare due polli e un cotechino. Quale entità ha, in questo esempio, la distorsione da sostituzione nell indice ufficiale del costo della tavola? 26

27 a. Variazione dell indice del costo della tavola Il paniere dell anno base 2000 è: 30 polli + 10 cotechini + 10 bistecche Il prezzo unitario di ogni bene nel 2000 è: 3 per pollo, 6 per cotechino, 8 per bistecca ï Costo della tavola nel 2000: polli (30 3) +cotechini (10 6)+bistecche (10 8) = = 230 Nel 2001 i prezzi unitari si modificano come segue: 5 per pollo, 7 per cotechino, 8 per bistecca î Costo della tavola nel 2001: polli (30 5) +cotechini (10 7)+bistecche (10 8)= = 300 La variazione % del costo della tavola è: = 30,43% 27

28 b. Entità della distorsione da sostituzione Cos è la distorsione da sostituzione? Sovrastima dell incremento dell indice dovuta al fatto che questo si calcola sulla base di un paniere fisso e quindi non considera che gli individui possano sostituire un bene (divenuto costoso) con un altro. Calcoliamo l entità della distorsione nel nostro esempio. Sappiamo: paniere nel 2000: 30 polli + 10 cotechini + 10 bistecche prezzi nel 2000: pollo: 3, cotechino 6, bistecca 8 prezzi nel 2001: pollo: 5, cotechino 7, bistecca 8 gli individui sono indifferenti fra 2 polli ed 1 cotechino Poiché 2 polli nel 2001 costano più di 1 cotechino gli individui passeranno dal consumo di 30 polli a quello di 15 cotechini. Il costo del nuovo paniere di consumo è: = 255 Il costo della tavola nel 2000 era 230 Il vero incremento del costo della tavola è: = 10,87% 230 Entità della distorsione 30,43% 10,87% = 19,56 28

29 Capitolo 13 Problema 3 In Italia l invecchiamento della popolazione determinerà un aumento rilevante della percentuale di pensionati nei prossimi decenni. Per illustrare le implicazioni di questo fenomeno sul tenore di vita degli italiani, supponete che nei 40 anni successivi al 2000 la quota di popolazione occupata ritorni ai livelli del 1960, mentre la produttività media del lavoro cresce a un tasso uguale a quello registrato nel periodo In questo scenario a quanto ammonterebbe la variazione netta del PIL reale pro capite tra il 2000 e il 2040? Vi saranno utili i seguenti dati (valori reali): Anno Produttività media del lavoro euro 41,0% Quota della popolazione occupata euro 36,5% 29

30 Dobbiamo calcolare la variazione netta del PIL reale pro capite tra il 2000 e il Sappiamo che a) nel 2040 la quota di pop. occupata ritorna ai livelli del 1960 = 41% b) la produttività media del lavoro cresce a un tasso uguale a quello registrato nel periodo PIL reale pro capite (buona approssimazione del tenore di vita) = = produttività media dei lavoratori quota popolazione occupata PIL reale pro capite nel 2000: ,365 = 6.324,35 Di quanto è cresciuta la produttività media del lavoro dal 1960 al 2000? ( )/ = 25,8% PIL reale pro capite nel 2040: PML 2040 = 25,8% di PML 2000 = (1+0,258) = (Quota pop. occupata) 2040 = (Quota pop. occupata) 1960 = 0.41 (PIL reale pro capite) 2040 = ,41 = 8.936,92 Variazione del PIL = (8.936, ,35) 6.324, = 41,31% 30

31 Esame del Domanda11 In considerazione del fatto che le imprese nazionali hanno licenziato tutti i lavoratori con 60 o più anni, il governo di Gaspilandia decide di abbassare l età minima della pensione da 65 a 60 anni. La popolazione è così composta: 9 milioni di individui attivi con meno di 60 anni; 1 milione di individui attivi (prima della modifica pensionistica) tra 60 e 65 anni. Prima della modifica pensionistica il tasso di disoccupazione era del 15%. Se non cambia nient altro, qual è il nuovo tasso di disoccupazione dopo tale modifica? Disoccupati prima della modifica: 15% 10 milioni = Dopo la modifica delle pensioni, 1 milione non fanno più parte della popolazione attiva ï Quanti sono ora i disoccupati? = Tasso di disocc. dopo la riforma: / = 5,6% 31

Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale (Agrigento) Esercitazione 1. Erica Mazzola

Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale (Agrigento) Esercitazione 1. Erica Mazzola Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale (Agrigento) Esercitazione 1 Erica Mazzola DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA, GESTIONALE, INFORMATICA E MECCANICA DICGIM Esercizio 1 In riferimento

Dettagli

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 1 PIL e inflazione Soluzioni

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 1 PIL e inflazione Soluzioni Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 1 PIL e inflazione Soluzioni Daria Vigani Maggio 2014 1 Si consideri un sistema economico che produce solo pane ed è costituito da 3 imprese: una agricola,

Dettagli

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia La Produzione Aggregata: metodi di misurazione del livello di attività e della congiuntura In questa lezione: studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un

Dettagli

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina UN Po DI TEORIA Daniela fantozzi fantozzi@istat.it 1 Il Prodotto interno lordo (PIL) misura la produzione finale di beni e servizi, prodotta nell anno su un determinato territorio Il PIL è definito ai

Dettagli

PIL : produzione e reddito

PIL : produzione e reddito PIL : produzione e reddito La misura della produzione aggregata nella contabilità nazionale è il prodotto interno lordo o PIL. Dal lato della produzione : oppure 1) Il PIL è il valore dei beni e dei servizi

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 19 e 20. Dott.ssa Rossella Greco

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 19 e 20. Dott.ssa Rossella Greco Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Macroeconomia sui capitoli 19 e 20 Dott.ssa Rossella Greco Domanda 1 (Problema 1. dal Cap. 19 del Libro di Testo) Nei paesi di Richland

Dettagli

I Esercitazione di Macroeconomia Mercoledì 18 maggio 2016, h 15-17, aula 11 Docente: Prof.ssa Elisabetta Strazzera - Tutor: Dott.ssa Eleonora Corona

I Esercitazione di Macroeconomia Mercoledì 18 maggio 2016, h 15-17, aula 11 Docente: Prof.ssa Elisabetta Strazzera - Tutor: Dott.ssa Eleonora Corona I Esercitazione di Macroeconomia Mercoledì 18 maggio 2016, h 15-17, aula 11 Docente: Prof.ssa Elisabetta Strazzera - Tutor: Dott.ssa Eleonora Corona SCELTA MULTIPLA MISURARE IL REDDITO DI UNA NAZIONE E

Dettagli

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota Capitolo 2 Misurazione del sistema macroeconomico Francesco Prota Piano della lezione La misurazione delle sei variabili chiave Tasso di cambio Mercato azionario Tassi di interesse Tasso di inflazione

Dettagli

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Daria Vigani Maggio 204. In ciascuna delle seguenti situazioni calcolate risparmio nazionale,

Dettagli

UD 6.2. Misurare il costo della vita

UD 6.2. Misurare il costo della vita UD 6.2. Misurare il costo della vita Inquadramento generale Tutti sappiamo, dalla nostra esperienza quotidiana, che il livello generale dei prezzi tende ad aumentare nel tempo. Dato che il PIL è misurato

Dettagli

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione Capitolo 12 Produzione, reddito e occupazione La produzione e il prodotto interno lordo (PIL) Definizione: PIL di una nazione è il valore complessivo di tutti i beni e servizi finali prodotti per il mercato

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 3. Rimini, 1 ottobre 2015. L IPC sovrastima l inflazione?

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 3. Rimini, 1 ottobre 2015. L IPC sovrastima l inflazione? Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 3 Rimini, 1 ottobre 2015 Macroeconomia 86 L IPC sovrastima l inflazione? L IPC è la misura più comunemente utilizzata

Dettagli

MISURARE IL COSTO DELLA VITA. Harcourt Brace & Company

MISURARE IL COSTO DELLA VITA. Harcourt Brace & Company MISURARE IL COSTO DELLA VITA Indice dei prezzi al consumo L indice dei prezzi al consumo (IPC) è una misura del costo complessivo dei beni e dei servizi acquistati dal consumatore tipo. Viene utilizzato

Dettagli

Lezione 9 Macroeconomia: Le

Lezione 9 Macroeconomia: Le Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 9 Macroeconomia: Le regolarità empiriche Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Alcune domande Da che dipende la disoccupazione? Da che dipende

Dettagli

Investimenti lordi = 2.000 Investimenti netti = 800

Investimenti lordi = 2.000 Investimenti netti = 800 Macroeconomia, Esercitazione 1. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 PIL/1 Si consideri un sistema economico che produce solo pane. Questo è costituito da tre imprese: una agricola,

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Misurare il costo della vita

Misurare il costo della vita Misurare il costo della vita Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 24 Come misurare il costo della vita L inflazione misura l aumento percentuale

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

Lezione 18 1. Introduzione

Lezione 18 1. Introduzione Lezione 18 1 Introduzione In questa lezione vediamo come si misura il PIL, l indicatore principale del livello di attività economica. La definizione ed i metodi di misura servono a comprendere a quali

Dettagli

Produzione e reddito

Produzione e reddito Corso di Economia italiana AA 2013-2014 Prima parte Produzione e reddito Prof. Silvia Nenci silvia.nenci@uniroma3.it Produzione e prodotto interno lordo, PIL Prodotto interno lordo di una nazione (PIL)

Dettagli

LA CONTABILITÀ NAZIONALE

LA CONTABILITÀ NAZIONALE 1 LA CONTABILITÀ NAZIONALE CRISI E ANDAMENTO DEL PIL 2 3 4 CONTABILITA NAZIONALE Il calcolo del PIL PIL come valore dei beni e servizi finali PIL come somma dei valori aggiunti PIL come reddito prodotto

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

LA CONTABILITÀ NAZIONALE

LA CONTABILITÀ NAZIONALE 1 LA CONTABILITÀ NAZIONALE 2 3 CONTABILITA NAZIONALE Il calcolo del PIL PIL come valore dei beni e servizi finali PIL come somma dei valori aggiunti PIL come reddito prodotto PIL nominale e reale Deflatore

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 21, 22 e 23. Dott.ssa Rossella Greco

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 21, 22 e 23. Dott.ssa Rossella Greco Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Macroeconomia sui capitoli 21, 22 e 23 Dott.ssa Rossella Greco Domanda 1 (Problema 4. dal Cap. 21 del Libro di Testo) a) Gregorio,

Dettagli

Macroeconomia. Lezione n. 2 Il Prodotto Interno Lordo (PIL) e le sue componenti. Luca Deidda. UNISS, DiSEA, CRENoS

Macroeconomia. Lezione n. 2 Il Prodotto Interno Lordo (PIL) e le sue componenti. Luca Deidda. UNISS, DiSEA, CRENoS Macroeconomia Lezione n. 2 Il Prodotto Interno Lordo (PIL) e le sue componenti Luca Deidda UNISS, DiSEA, CRENoS Luca Deidda (UNISS, DiSEA, CRENoS) 1 / 22 Scaletta Scaletta della lezione Definizione di

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Nuovo Orario Riassunto lezione precedente Definizione e misurazione: PIL

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Gli investimenti, il tempo e il mercato dei capitali

Gli investimenti, il tempo e il mercato dei capitali Capitolo 15 Gli investimenti, il tempo e il mercato dei capitali A.A. 005-006 Microeconomia - Cap. 15 1 Questo file (con nome secondo_semestre.pdf) può essere scaricato da www.klips.it siti e file Provvisoriamente

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta Capitolo VI. Il modello IS-LM in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni

Dettagli

Questionario: Esercitazione 2

Questionario: Esercitazione 2 Questionario: Esercitazione 2 N.B.: Il Riepilogo delle risposte esatte a ciascuna domanda è riportato al termine del presente documento. Domanda numero 1 Il reddito privato disponibile si ottiene: 1 sottraendo

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Corso di Macroeconomia. La contabilità nazionale

Corso di Macroeconomia. La contabilità nazionale Corso di Macroeconomia La contabilità nazionale 1 La produzione TremetodidicalcolodelPIL 1. Il metodo della spesa 1. Il consumo, la spesa per beni di consumo effettuata dalle famiglie, sia per beni non

Dettagli

Macroeconomia I a parte

Macroeconomia I a parte Macroeconomia I a parte Prof. Ing.. Giovanni Perrone Production Engineering Research WorkGROUP Agenda Perché studiare macroeconomia ; Risparmio ed Investimento; La determinazione del Reddito; # 2 1 Perché

Dettagli

Lezione 11 PIL, Costo della vita. Leonardo Bargigli

Lezione 11 PIL, Costo della vita. Leonardo Bargigli Lezione 11 PIL, Costo della vita Leonardo Bargigli I due argomenti del corso La microeconomia si occupa del comportamento dei singoli agenti economici (individui, famiglie e imprese). La macroeconomia

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

Economia Politica. a.a. 2012/13. Lezione 3 Prof. Maria Laura Parisi

Economia Politica. a.a. 2012/13. Lezione 3 Prof. Maria Laura Parisi Economia Politica a.a. 2012/13 Lezione 3 Prof. Maria Laura Parisi 1.2. Pil nominale e Pil reale Pilreale: somma delle quantitàdi beni finali valutati a prezzi costanti Il Pil reale permette di misurare

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 21. Rimini, 18 novembre 2014

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 21. Rimini, 18 novembre 2014 Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 21 Rimini, 18 novembre 2014 Macroeconomia 319 I mercati finanziari e reali in economia aperta Macroeconomia 320 1 I

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI. Harcourt Brace & Company

MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI. Harcourt Brace & Company MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI Economie aperte o chiuse Un economia chiusa è un economia che non interagisce con altre economie nel mondo. Non ci sono esportazioni, non ci sono

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore: Pianificazione finanziaria Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti 2. Valutazione

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Il PIL è la somma dei valori monetari del consumo (C), dell investimento lordo, della spesa pubblica per beni e servizi (G) e delle

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste:

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Inflazione e Produzione In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Da cosa è determinata l Inflazione? Perché le autorità monetarie tendono a combatterla? Attraverso quali canali

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

FAC simile della prova intermedia di apprendimento (8/11/2006) Macroeconomia CLEA

FAC simile della prova intermedia di apprendimento (8/11/2006) Macroeconomia CLEA FAC simile della prova intermedia di apprendimento (8/11/2006) Macroeconomia CLEA Nome e cognome: Matricola: Anno di corso: Parte I: Domande a scelta multipla (1 punto a domanda, 12 punti disponibili)

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2004-5) Esercitazioni - Macroeconomia. Capitoli dal 15 al 18

Corso di Economia Politica (a.a. 2004-5) Esercitazioni - Macroeconomia. Capitoli dal 15 al 18 Corso di Economia Politica (a.a. 2004-5) Esercitazioni - Macroeconomia Sezione 2: Macroeconomia Capitoli dal 15 al 18 Capitolo 15: Problemi 2, 4; Capitolo 16: Problemi 1, 5; Capitolo 17: Problemi 1, 4,

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

MISURARE IL COSTO DELLA VITA

MISURARE IL COSTO DELLA VITA Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 MISURARE IL COSTO DELLA VITA Fabio

Dettagli

Esame di Politica economica internazionale. (tempo stimato: 30 minuti, valutazione: 10 punti/30 punti)

Esame di Politica economica internazionale. (tempo stimato: 30 minuti, valutazione: 10 punti/30 punti) Esame di Politica economica internazionale Parte 1 A scelta tra a) o b) (risposta esatta vale 10 punti): a) Sulla base della bilancia dei pagamenti incompleta della Ecolandia (in miliardi di dollari):

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

La spesa per investimenti

La spesa per investimenti 14 La spesa per investimenti Problemi teorici 1. Sebbene l economia abbia raggiunto lo stock desiderato di capitale, è comunque necessario effettuare investimenti (lordi) per mantenere lo stock di capitale

Dettagli

Lezione 23 Legge di Walras

Lezione 23 Legge di Walras Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 23 Legge di Walras Funzione del Consumo Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Perché la macroeconomia I problem illustrati nelle lezione precedente

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Capitolo 14. Crescita economica e innalzamento del tenore di vita

Capitolo 14. Crescita economica e innalzamento del tenore di vita Capitolo 14 Crescita economica e innalzamento del tenore di vita La crescita economica è l'incremento della produzione di beni e servizi di un sistema economico nel lungo periodo Il raggiungimento di un

Dettagli

b. Che cosa succede alla frazione di reddito nazionale che viene risparmiata?

b. Che cosa succede alla frazione di reddito nazionale che viene risparmiata? Esercitazione 7 Domande 1. L investimento programmato è pari a 100. Le famiglie decidono di risparmiare una frazione maggiore del proprio reddito e la funzione del consumo passa da C = 0,8Y a C = 0,5Y.

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Quesiti a risposta breve

Quesiti a risposta breve Quesiti a risposta breve Le domande proposte in questo elenco sono una raccolta dei quesiti a risposta breve contenuti nella domanda 1 degli esami di Istituzioni di Economia Politica II degli ultimi anni.

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2.

Macroeconomia, Esercitazione 2. Macroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@studio.unibo.it) 1.1 Domanda e Offerta aggregate/1 In un sistema economico privo di settore pubblico,

Dettagli

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Lezione 1 Lezione 1 Economia Politica - Macroeconomia 1 Semplificazioni della macro Il livello di aggregazione è molto più spinto

Dettagli

MICROECONOMIA: MACROECONOMIA:

MICROECONOMIA: MACROECONOMIA: MICROECONOMIA/MACROECONOMIA MICROECONOMIA: STUDIA IL COMPORTAMENTO DI SINGOLI SOGGETTI ECONOMICI (TEORIA DEL CONSUMATORE, TEORIA DELL IMPRESA), E IL FUNZIONAMENTO DI SINGOLE COMPONENTI (MERCATI) DEL SISTEMA

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo. acroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 oneta/1 Sapendo che il PIL reale nel 2008 è pari a 50.000 euro e nel 2009 a 60.000 euro, che dal 2008 al

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 158 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500.

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500. Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro, sede di Brindisi Corso di Laurea in Economia aziendale Macroeconomia 2014 Esercizi 1.Suppponete che un economia

Dettagli

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10)

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Il mercato dei beni in economia aperta

Il mercato dei beni in economia aperta Il mercato dei beni in economia aperta La differenza tra economia aperta e chiusa In una economia chiusa tutta la produzione viene venduta entro i confini nazionali, la domanda nazionale di beni (la spesa

Dettagli

Introduzione alla macroeconomia

Introduzione alla macroeconomia Corso di Economia italiana AA 2013-2014 Prima parte Introduzione alla macroeconomia Prof. Silvia Nenci silvia.nenci@uniroma3.it Cosa cerca di spiegare la macroeconomia Mentre la microeconomia ci mostra

Dettagli

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS Economia Politica Grazia Graziosi DEAMS Macroeconomia: un quadro generale Macroeconomia versus microeconomia La microeconomia studia il comportamento degli individui e delle imprese nei singoli mercati:

Dettagli

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Il concetto di Economia aperta si applica ai mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 167 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia 1 Interazione tra produzione, reddito e domanda Variazione della domanda di beni Variazione della

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

E un valore stimato Stimato 1.500-1.600 miliardi anno. Tendenza in diminuzione dal 2008 Nel 2013 registra un ulteriore -1,7% sul 2012 Tutti gli altri

E un valore stimato Stimato 1.500-1.600 miliardi anno. Tendenza in diminuzione dal 2008 Nel 2013 registra un ulteriore -1,7% sul 2012 Tutti gli altri Il dio Pil: seconda lezione Pil: di quanto si parla? E un valore stimato Stimato 1.500-1.600 miliardi anno. Tendenza in diminuzione dal 2008 Nel 2013 registra un ulteriore -1,7% sul 2012 Tutti gli altri

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli