CAPITOLO III L INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA E L ASSISTENZA TERRITORIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO III L INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA E L ASSISTENZA TERRITORIALE"

Transcript

1 CAPITOLO III L INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA E L ASSISTENZA TERRITORIALE INDICE pag. 1 INTRODUZIONE pag. 4 CASA DELLA SALUTE DI MAGLIANO SABINA pag. 5 Punto di Primo Intervento P.P.I. pag. 6 Centro Prelievi pag. 6 Degenza Infermieristica pag. 6 Radiologia pag. 7 Ambulatorio Infermieristico pag. 7 Servizio Farmaceutico pag. 7 Centro Dialisi pag. 8 CENTRO CLINICO ASSISTENZIALE DISTRETTUALE DI AMATRICE pag. 9 Punto di Primo Intervento P.P.I. pag. 10 Laboratorio Analisi pag. 10 Radiologia pag. 11 Ambulatorio Infermieristico pag. 11 Medicina pag. 11 MEDICINA DI BASE La Medicina Generale e Pediatra di Libera Scelta pag. 12 Le Unità di Cure Primarie (U.C.P.) e le Unità di Cure Primarie Pediatriche (U.C.P.P.) pag. 13 Medici Associati nelle Unità di Cure Primarie pag. 13 Pediatri Associati nelle Unità di Cure Primarie Pediatriche pag. 14 Il Servizio di Continuità Assistenziale ex Guardia Medica pag. 15 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale. Scelta del Medico di Medicina Generale e del Pediatra di libera scelta pag. 16 Assistenza ai cittadini italiani non residenti pag. 18 Prestazioni a cittadini in soggiorno occasionale pag. 18 Assistenza ai cittadini italiani con domicilio sanitario nella A.S.L. pag. 18 Assistenza ai cittadini stranieri pag. 19 ASSISTENZA DOMICILIARE Introduzione pag. 21 Accesso all A.D.I. pag. 21 ASSISTENZA PROTESICA AGLI INVALIDI CIVILI E ASSIMILATI L autorizzazione pag. 22 Consegna Documentazione pag. 22 La fornitura pag. 23 Modalità di erogazione pag. 23 Gli ausili per stomie, cateteri vescicali, raccoglitori per urine ed ausili per la prevenzione e trattamento delle lesioni cutanee pag. 23 1

2 CURE TERMALI Accesso ai centri termali pag. 24 Cure termali per invalidi di guerra (legge Regionale 18/99) pag. 24 Cure Climatiche (art. 57 comma 3-legge 833/78) pag. 24 ASSISTENZA RIABILITATIVA Accesso pag. 25 RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI (R.S.A) pag. 25 ADEGUAMENTO STRUMENTI PER DISABILI pag. 26 ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA Ossigenoterapia pag. 26 Prodotti dietetici pag. 26 Prodotti sostitutivi del latte materno pag. 27 Presidi diagnostici pag. 27 CONTRIBUTI ECONOMICI Rimborsi spese viaggi/trasporto per pazienti in trattamento dialitico pag. 28 Rimborsi spese viaggio/soggiorno per pazienti trapiantati o in attesa di trapianto pag. 28 ASSISTENZA FARMACEUTICA Introduzione pag. 29 Farmacie convenzionate pag. 30 ASSISTENZA SPECIALISTICA, ANALISI CHIMICO CLINICHE, ESAMI DI LABORATORIO E DI RADIOLOGIA La prenotazione della visita pag. 32 Centri di prenotazione e pagamento dislocati sul territorio pag. 33 Sportelli Comunali pag. 34 Attività Libero Professionale Intramuraria pag. 34 Esami di Laboratorio Analisi pag. 35 Modalità di pagamento pag. 36 Modalità di accesso alle prestazioni pag. 36 Rinuncia alla prestazione e richiesta rimborso pag. 36 La disdetta della visita pag. 37 Tempi di consegna delle risposte pag. 37 Attività recupero crediti pag. 37 2

3 TICKET SANITARIO ED ESENZIONI Introduzione pag. 38 Esenzioni pag. 39 Soggetti esenti dal pagamento del ticket pag. 39 Prestazioni esenti dal pagamento del ticket pag. 40 Categorie esenti per patologia pag. 41 D.S.M. - DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE SERVIZIO DI DIAGNOSI-TERAPIA-RIABILITAZIONE- PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE MENTALE Introduzione pag. 42 I Centri di Salute Mentale pag. 48 I Centri Diurni pag. 49 Residenze Sanitarie Terapeutico-Riabilitative pag. 50 Case Supportate pag. 50 Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (S.P.D.C) pag. 51 AREA DELLE DIPENDENZE E PATOLOGIE D ABUSO Introduzione pag. 52 Prestazioni Ser. T e Centro Alcologico pag. 53 Centro diurno Il Casale di Rieti pag. 54 CONSULTORI FAMILIARI Introduzione pag. 55 Prestazioni di Consultorio Familiare pag. 56 Consultorio Adolescenti di Rieti pag. 59 AREA SALUTE MENTALE e RIABILITAZIONE ETÀ EVOLUTIVA Modalità di accesso pag. 60 Organizzazione pag. 60 Prestazioni équipe area salute mentale/riabilitazione età evolutiva pag. 61 MEDICINA LEGALE Prestazioni pag. 63 MEDICINA PENITENZIARIA Introduzione pag. 67 Prestazioni erogate pag. 67 3

4 III - L INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA E L ASSISTENZA TERRITORIALE L Assistenza Territoriale Le strutture che erogano le prestazioni sanitarie nel territorio di competenza dell Azienda USL di Rieti sono i Distretti Sanitari ed i Centri Clinici Assistenziali Distrettuali i quali: assicurano i percorsi di accesso dell utente ai servizi e alle prestazioni; garantiscono l appropriatezza e la continuità assistenziale; svolgono attività orientate all integrazione con i servizi socio-assistenziali. Le prestazioni sanitarie assicurate dall organizzazione distrettuale sono riconducibili alla Medicina di Base, all Assistenza Specialistica Ambulatoriale, all Assistenza Domiciliare, alla Medicina Legale, alla Medicina Penitenziaria, alle Dipendenze e Patologie da Abuso e Materno Infantile. L Integrazione Socio Sanitaria L integrazione delle funzioni sociali con quelle sanitarie è assicurata dal: - Dipartimento Programmi Promozione Salute Donna, Età Evolutiva e Fragilità- (D.P.P.S.D.E.F.) E un ambito funzionale che assolve alla funzione di coordinamento di indirizzo, di guida e delle attività comuni alla sfera della donna, della famiglia, dell età evolutiva, del disagio e delle problematiche giovanili, dei disagi adulti, dei soggetti fragili ed a rischio sociale di ogni età. Il Dipartimento ha connessioni sia con l area ospedaliera che distrettuale; si interfaccia con gli attori istituzionali presenti sul territorio elaborando programmi specifici finalizzati al coordinamento delle risposte aziendali ai bisogni di salute della donna, del bambino, della famiglia, dell età evolutiva, del disagio e problematiche giovanili, dei soggetti fragili ed a rischio sociale di ogni età, in una logica di integrazione, continuità e presa in carico tramite l elaborazione di percorsi di assistenza dedicata e momenti risolutori socio sanitari. - Dipartimento Di Salute Mentale - D.S.M. Si occupa di tutte le attività di prevenzione, diagnosi, cura, riabilitazione e promozione della salute mentale. 4

5 CASA DELLA SALUTE DI MAGLIANO SABINA ATTIVITÀ La Casa della Salute rappresenta il riferimento sanitario territoriale per i cittadini che afferiscono al Distretto Mirtense dell'azienda Sanitaria Locale di Rieti. Il modello clinico assistenziale della Casa della Salute si qualifica come il punto di riferimento di un sistema integrato di servizi che si prende cura delle persone, il luogo in cui il cittadino riceve risposte di assistenza primaria, assistenza specialistica e la garanzia di accesso a percorsi di cura semplici e complessi. La CdS garantisce interventi a crescente grado di intensità assistenziale, accoglienza integrata, presa in carico della cronicità e della fragilità, percorsi diagnostico terapeutici, continuità della assistenza, innovazione tecnologica partecipazione comunitaria. SERVIZI D INTERESSE DIRETTO PER L'UTENZA - Rilascio cartelle cliniche - Centro Unico di Prenotazione (C.U.P.) - Poliambulatorio Centralizzato (tel. 0744/ per comunicazioni urgenti in caso di disdetta) SERVIZI AFFERENTI ALLA CASA DELLA SALUTE - Punto di Primo Intervento - Centro Prelievi - Degenza Infermieristica - Radiologia - Ambulatorio Infermieristico - Servizio Farmaceutico - Centro Dialisi 5

6 PUNTO DI PRIMO INTERVENTO (P.P.I). ATTIVITÀ: I Punti di Primo Intervento (P.P.I) garantiscono la stabilizzazione del paziente in fase critica, compatibilmente con le professionalità e tecnologie presenti, attivando, tramite la Centrale Operativa dell ARES 118 (CO), il trasporto presso l Ospedale più idoneo e garantiscono un primo intervento medico in caso di patologie diagnosticate ed ingravescenti; malesseri non definiti; piccoli atti medico-chirurgici; diagnostica strumentale semplice. Pertanto, in caso di osservazione di pazienti non gestibili nel P.P.I, gli stessi sono da trasferire in Ospedale secondo le indicazioni della Centrale Operativa (CO), assimilando l evento ad un emergenza-urgenza territoriale. Tale attività é garantita dai Medici di Medicina Generale o dai Medici di Continuità Assistenziale. CENTRO PRELIEVI ATTIVITÀ AMBULATORIALI PER GLI UTENTI: Prelievo di sangue venoso ed esecuzione di tamponi uretrali e vaginali. Le prestazioni analitiche vengono effettuate presso il Laboratorio Analisi di Rieti e vengono fornite prestazioni di routine ottenute con metodi chimico fisici e biologici su materiali di origine umana. Orari di Accesso: dal Lunedì al Venerdì accesso diretto in orario ; Orario Ritiro Referti presso il Poliambulatorio: dal Lunedì al Sabato dalle ore alle ore PRESTAZIONI FORNITE AI PAZIENTI IN TRATTAMENTO CON ANTICOAGULANTI ORALI: Prelievo di sangue per INR, consegna del prospetto terapeutico, consulenza su interferenza farmacologica e interventi chirurgici. Nel caso di prima consulenza, il paziente esegue la prima visita presso il Laboratorio Analisi di Rieti. L Ambulatorio TAO è attivo nei giorni di: Lunedì, Martedì e Mercoledì dalle ore Ritiro Referti: direttamente presso la Struttura nei giorni di Lunedì, Martedì e Mercoledì in orario DEGENZA INFERMIERISTICA ATTIVITÀ: La degenza Infermieristica è struttura multifunzionale a gestione multi professionale, con particolare valorizzazione della figura dell infermiere case manager. Obiettivo della Degenza Infermieristica è quello di trattare persone affette da patologie cronico degenerative in fase non acuta e con esigenze diversificate che in passato afferivano alla tradizionale degenza ospedaliera. La degenza Infermieristica favorisce l integrazione dei servizi sanitari e sociali e valorizza il ruolo del Medico di Medicina Generale e dei professionisti che operano nell ambito delle cure primarie e intermedie. Tale ambito assistenziale si colloca a pieno titolo nella rete dei servizi territoriali ed è da considerarsi quale domicilio allargato. ACCESSO: Il ricovero, su prenotazione, richiede l impegnativa del Medico di Medicina Generale, del Medico del Centro Assistenza Domiciliare, del Medico Specialista, del Medico Ospedaliero. Non è previsto il ricovero di Sabato e nei giorni festivi. ORARI AL PUBBLICO Le visite sono consentite secondo il seguente orario: nei giorni feriali dalle ore alle ore 14.00; nei giorni festivi dalle ore alle ore

7 RADIOLOGIA ATTIVITÀ AMBULATORIALE: Radiologia Tradizionale, Senologia, Ecotomografia, Tomografia Computerizzata ORARIO DI ACCESSO AGLI UTENTI: Sportello accettazione: il lunedì dalle ore alle ore dal martedì al venerdì dalle ore 08:00 alle ore il sabato dalle ore alle ore Sportello ritiro referti: il lunedì dalle ore alle ore dal martedì al venerdì dalle ore 08:00 alle ore il sabato dalle ore alle ore AMBULATORIO INFERMIERISTICO ATTIVITÀ: L ambulatorio infermieristico è un servizio gestito interamente da infermieri, che offrono all utente assistenza infermieristica diretta, educazione sanitaria e confronto. È uno spazio che consente all infermiere di assistere il cittadino, comunicare con il medico di famiglia, con lo specialista e con tutte le altre figure professionali coinvolte nel processo assistenziale contribuendo ad offrire un percorso sanitario completo ed efficace. PRESTAZIONI: Medicazioni di ferite infette, non infette ulcere; Rilevazione dei parametri vitali: misurazione pressione arteriosa, frequenza cardiaca, glicemia con dtx; Misurazione e monitorizzazione del peso corporeo; Gestione del catetere vescicale; Medicazione catetere venoso centrale; Medicazione ileocolostomia (PEG) e cambio sacchetto di raccolta (CVC); Medicazione cannula endotracheale; Assistenza fleboclisi; Somministrazione di terapia intramuscolare (IM); Somministrazione di terapia sottocutanea; Somministrazione di terapia endovenosa; Prelievo ematico per terapia TAO; Rimozione punti di sutura; Prelievo venoso. ACCESSO: Prescrizione: del Medico di Medicina Generale e/o del Medico Specialista Ambulatoriale; Prenotazione: l accesso in ambulatorio è consentito previa prenotazione e regolarizzazione dell impegnativa presso gli sportelli CUP aziendali. ORARI AL PUBBLICO: Dal Lunedì al Sabato dalle ore alle ore SERVIZIO FARMACEUTICO ATTIVITÀ: Gestione approvvigionamenti farmaci Distribuzione farmaci e presidi alle strutture interne del Ce.C.A.D.; Distribuzione diretta dei farmaci ai pazienti secondo le norme vigenti. ORARIO DISPENSAZIONE FARMACI: Mattina: dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore ai dializzati ed agli operati di cataratta Pomeriggio: lunedì e giovedì dalle ore alle ore

8 CENTRO DIALISI ATTIVITÀ AMBULATORIALE: Accoglienza, impostazione e realizzazione del programma terapeutico per: pazienti nefropatici stabilizzati che hanno necessità di trattamento emodialitico cronico ambulatoriale, con accesso diretto dell utente; pazienti nefropatici stabilizzati, occasionalmente ospiti nella Provincia di Rieti, che hanno necessità di trattamento emodialitico cronico ambulatoriale, compatibilmente con la disponibilità del posto tecnico libero (dialisi vacanza); L attività ambulatoriale si svolge il mercoledì dalle ore 09,00 alle ore 14,00 ed il venerdì dalle ore 14,00 alle ore 17,00. ATTIVITÀ ASSISTENZIALE: L organizzazione dei turni di dialisi, nei limiti concessi dalle attività organizzative generali, tiene conto delle esigenze dei pazienti (scolastiche, lavorative, familiari). Possono essere previsti turni di dialisi sovra numerari, se necessari, per le condizioni cliniche dei pazienti e/o per le condizioni organizzative del Centro Dialisi. L Attività Assistenziale è assicurata su due turni giornalieri, così articolati: TURNI Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Mattino h Pomeridiano h PRESTAZIONI EROGATE: emodialisi con bicarbonato e membrane molto biocompatibili; emodiafiltrazione; emodiafiltrazione on line; biofiltrazione senza acetato con membrane ad alta biocompatibilità; bioimpedenziometria ALTRE ATTIVITÀ: Colloqui informativi con i familiari dei pazienti; (tutti i giorni dal Lunedì al Sabato ore 9,00 e ore 14,00); Rapporti di collaborazione con i Medici di Medicina Generale; Orientamento al trapianto d organo: effettuazione degli esami ematochimici ed indagini diagnostiche strumentali previste per l immissione e mantenimento in lista di attesa. SUPPORTO ORGANIZZATIVO DIRETTO A CURA DEL CENTRO DIALISI - in tutti i casi di invio dei pazienti in carico presso altri centri (ferie, spostamenti per motivi di lavoro, trapianto, altre patologie che necessitano di essere trattate altrove). - per l ottenimento di facilitazioni previste dalla Deliberazione Regione Lazio n. 1614/2001 e sue integrazioni, per rimborsi spese o di trasporto, ed altre deliberazioni regionali. 8

9 CENTRO CLINICO ASSISTENZIALE DISTRETTUALE DI AMATRICE ATTIVITÀ Il Centro Clinico Assistenziale Distrettuale è struttura a vocazione multifunzionale, Punto di Accesso ai servizi sanitari, orientata alla presa in carico di pazienti fragili e di complessità assistenziale affetti da patologie croniche ed alla risoluzione di problematiche acute che non necessitano di ricovero ospedaliero di secondo livello. È struttura intermedia tra l Assistenza Sanitaria di Base e l assistenza ospedaliera di secondo livello. Svolge funzione organizzativa in tutti i processi assistenziali e di controllo di tutti gli aspetti igienico sanitari inerenti la struttura. SERVIZI AFFERENTI AL CENTRO CLINICO ASSISTENZIALE DISTRETTUALE Punto Unico di Accesso Specialistica ambulatoriale Ambulatorio infermieristico Diagnostica di base Continuità assistenziale (ex Guardia Medica) Assistenza Domiciliare Integrata Modulo di Emergenza di tipo C 9

10 PUNTO DI PRIMO INTERVENTO (P.P.I.) ATTIVITÀ: E organizzato a copertura delle 24 ore con assistenza prestata da medici ospedalieri. Compatibilmente con le professionalità e le tecnologie presenti, garantisce: - accertamenti diagnostico-clinici, di laboratorio e strumentali semplici; - primo intervento medico su pazienti affetti da patologie diagnosticate ed ingravescenti, malesseri non definiti, piccoli atti medico-chirurgici; - interventi necessari alla stabilizzazione del paziente in fase critica; - trasporto protetto, tramite la centrale operativa dell ARES 118, nel caso in cui siano necessarie cure presso altre Strutture più idonee. LABORATORIO ANALISI PRESTAZIONI ED ATTIVITÀ EROGATE: Indagini chimico - cliniche di routine e in urgenza su materiali biologici connessi alla patologia umana; ORARI DI ACCESSO AGLI UTENTI: Dal Lunedì al Sabato dalle ore alle ore ORARI RITIRO REFERTI: Mattina: Dal Lunedì al Sabato dalle ore alle ore 11.00; Pomeriggio: Lunedì dalle ore alle ore ATTIVITÀ AMBULATORIALE: RADIOLOGIA - Radiologia convenzionale - Ortopanoramica - Teleradiografia del cranio per cefalometria ortodontica - Ecografia - Tomografia Computerizzata TC senza contrasto: mercoledì Ozonoterapia: martedì ORARI DI ACCESSO AGLI UTENTI: Dal lunedì al sabato: Martedì - Giovedì ore:

11 AMBULATORIO INFERMIERISTICO ATTIVITÀ: L ambulatorio infermieristico è un servizio gestito interamente da infermieri, che offrono all utente assistenza infermieristica diretta, educazione sanitaria e confronto. È uno spazio che consente all infermiere di assistere il cittadino, comunicare con il medico di famiglia, con lo specialista e con tutte le altre figure professionali coinvolte nel processo assistenziale contribuendo ad offrire un percorso sanitario completo ed efficace. PRESTAZIONI: Medicazioni di ferite infette, non infette ulcere; Rilevazione dei parametri vitali: misurazione pressione arteriosa, frequenza cardiaca, glicemia con dtx; Misurazione e monitorizzazione del peso corporeo; Gestione del catetere vescicale; Medicazione catetere venoso centrale; Medicazione ileocolostomia (PEG) e cambio sacchetto di raccolta (CVC); Medicazione cannula endotracheale; Assistenza fleboclisi; Somministrazione di terapia intramuscolare (IM); Somministrazione di terapia sottocutanea; Somministrazione di terapia endovenosa; Prelievo ematico per terapia TAO; Rimozione punti di sutura; Prelievo venoso. ACCESSO: Prescrizione: del Medico di Medicina Generale e/o del Medico Specialista Ambulatoriale; Prenotazione: l accesso in ambulatorio è consentito previa prenotazione e regolarizzazione dell impegnativa presso gli sportelli CUP aziendali. ORARI AL PUBBLICO: Dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore MEDICINA ATTIVITÀ: Ricoveri in regime ordinario e in Day-Hospital per malattie di area medica. Il reparto rientra tra quelli autorizzati al trattamento delle malattie reumatiche con farmaci biologici. Il REPARTO comprende: - sette camere a due letti dotate di servizi igienici per un totale di posti letto; - un area di Socializzazione attrezzata, a disposizione dei pazienti ORARI AL PUBBLICO: Feriali: 12.30/ /20.00 Festivi: 11.00/ / /20.00 ATTIVITÀ AMBULATORIALE: I medici del reparto nel poliambulatorio svolgono le seguenti attività: Bio-Impedenziometria, Broncopneumologia, Capillaroscopia, Cardiologia, Test Cardiovascolare da sforzo al cicloergometro, Diabetologia, Diagnostica Vascolare, Dietologia, E.C.G. Holter, Geriatria, Monitoraggio della Pressione Arteriosa, Medicina Interna, Spirometria, Angiologia e Terapia Sclerosante. 11

12 MEDICINA DI BASE La Medicina Generale e Pediatria di Libera Scelta Il medico di medicina generale (denominato anche medico di famiglia, medico di base, medico di fiducia) ed il pediatra di libera scelta forniscono l assistenza sanitaria di base ai cittadini residenti nel territorio dell Azienda USL di Rieti. Le prestazioni del medico di famiglia e del pediatra di libera scelta consistono: Le prestazioni Visita medica generale, ambulatoriale e domiciliare, anche con carattere di urgenza. Prestazioni di particolare impegno professionale (suture di piccole ferite, fleboclisi, endovene, piccole medicazioni ecc.). Prescrizioni di farmaci, di prestazioni di assistenza integrativa, di diagnostica strumentale e di laboratorio e di altre prestazioni specialistiche in regime ambulatoriale, proposta di cure termali. Richiesta di visite specialistiche. Proposte di ricovero ospedaliero o di day hospital. Certificazioni medico-legali: a) certificati gratuiti (certificato di malattia, di idoneità sportiva non agonistica, di riammissione alla scuola dell obbligo, all asilo nido, alla scuola materna e alle scuole secondarie superiori); b) certificati a pagamento (certificati di buona salute, ad uso assicurativo, anamnestico per rilascio del porto d armi, per richiesta di invalidità, ad uso esclusivamente privato non compresi in quelli gratuiti). Partecipazione alla definizione e gestione del piano di trattamento individuale domiciliare in pazienti non ambulanti ed anziani (Assistenza Domiciliare Integrata). Assistenza programmata di medicina generale al domicilio di soggetti che, per malattie croniche, non siano in condizione di poter frequentare lo studio del medico. Assistenza programmata di medicina generale per soggetti con problemi motori, residenti in Residenze Sanitarie Assistenziali, strutture di ospitalità o in domicili collettivi pubblici o privati. Collegamento con i presidi ospedalieri dell ASL in occasione di eventuali degenze dell assistito. 12

13 Unità di Cure Primarie (U.C.P.) e Unità di Cure Primarie Pediatriche (U.C.P.P.) Le U.C.P. e le U.C.P.P. sono forme associative promosse dalla Regione Lazio in accordo con i Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera Scelta per potenziare la tutela sanitaria dei cittadini attraverso un intensificazione, a livello territoriale, del rapporto medico-paziente. Nell Azienda USL di Rieti gli studi dei Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera Scelta che hanno aderito a questo modello assistenziale realizzano forme di apertura continuativa dalle ore e le ore 19.00, per cinque giorni a settimana, dal lunedì al venerdì. In tale orario i medici associati turneranno in modo tale che l assistito trovi sempre un medico a disposizione. UNITÀ DI CURE PRIMARIE Medici Associati Distretto Montepiano Reatino Cognome e Nome BONCOMPAGNI ANTONIO COSTANTINI GAETANO COSTINI FELICE GORGO ENRICO MARIA PATACCHIOLA FULVIO PATACCHIOLA SERGIO SERI SANDRO Distretto Montepiano Reatino Cognome e Nome INNOCENZI STEFANO LA GROTTERIA GIUSEPPE LANCIA IVO PATACCHIOLA MARILENA PATACCHIOLA OSVALDO ROSATI VINCENZO SANTACROCE MARIA TERESA BAGLIONI LODOVICO BROCCOLETTI RENZO MURRALI PAOLO PRINCIPESSA GIOVANNI SETTIMI GERMANO ANGELUCCI MAURO BONCOMPAGNI MASSIMO LIBERATORE PIERPAOLO MARGUTTI ZENO PETRONGARI MASSIMO PLESCIA ROSA ROSATI GIANCARLO CAPPELLONI ADRIANO FILIPPONI SILIO OLIVIERI GIOVANNI ROSATI MAURIZIO GENTILE ARNALDO ROTUNDI ANNA RITA TEMPESTA CARLA GANDOLFO PATRIZIA LO GIUDICE BRUNO ROGAI GINA SANESI GIULIANO ALIVERNINI NICOLINO FABRIZI VANDA MARTINI ROBERTO DE ANGELIS RICCARDO MILANO MARCELLA VALLONI GIANCARLO ALBANO TOMMASO FABBRO ELIO GIUSEPPE MASSIMETTI ALESSANDRA MAZZA ALESSANDRO PAPALIA UMBERTO PRONI SANDRO TOCCI GIANNICOLA 13

14 UNITÀ DI CURE PRIMARIE Medici Associati Distretto Mirtense Cognome e Nome AURELI MARCELLO DE FELICI BERNARDINO DEL BUFALO PAOLA FABI MAURIZIO FILIPPONI MARCO LUPI MARIA A. DI CARLO FIORMILIO GIORGINI MARIO MONTESI MAURIZIO PETRANGELI GABRIELLA ANGELINI ANTONIO ANTONINI TIZIANA DE MICHELIS CARMELA FABBRI A. FRANCESCA GATTI RENATO CESARINI E. FRANCO COMO MASSIMILIANO ROSATI G. MARINO SILVI ITALO VOLPE VINCENZO Distretto Salto Cicolano Cognome e Nome BIANCHI EMANUELE BONAMICI KATIA PROPERZI GIUSEPPE ABIUSO ROBERTO CERQUETANI MAURIZIO MEZZANOTTE GOFFREDO PERZIANI ANGELO PIETRAFORTE ANGELO SABATINI PAOLO FERZI WALTER DE ANGELIS MARIA D IGNAZIO LUIGINO GRANATI FABRIZIO TAGLIAFERRI MARCO Distretto Salario Cognome e Nome CASSAR ROBERTO CIPRIANI FRANCO LUPI GIANCARLO MATTOZZI FAUSTO PERROTTI IMMACOLATA PIETRANGELO RAFFAELE PINZARI MAURO IPPOLTI ANTONIO ARZILLI ALESSANDRO GROSSI SANDRO LAURETI MARCO PETRACCINI MARIA LUISA CIOGLI SANDRO FARESE NAZZARENO MASSARONI M. GRAZIA PROIETTI FULVIA SABATINI 14 CIRIELLO STEFANIA IACUITTO ROMOLO MIGLIACCI E. ROBERTA CAROSELLI ANTONIO FEDELI MARCELLO GENNAIOLI FERDINANDO Distretto Alto Velino Cognome e Nome UNITÀ DI CURE PRIMARIE PEDIATRICHE - Pediatri Associati Distretto Montepiano Reatino BOSCO CARMELINA G. FLORENZI ADELAIDE PARIS CINZIA SCANZANI SOFIA GIALLONARDO GRAZIELLA MARRI RITA PARROTTA ROSA MARIA SABHA MAZIN SANTOPRETE STEFANIA BASILE LUCIANO PAGNANI FUSCONI SIMONA SALVINI NORA Cognome e Nome Distretto Salario Cognome e Nome

15 IL SERVIZIO DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE (EX GUARDIA MEDICA) SCOPO DEL SERVIZIO: Garantire a tutti i cittadini, anche ai non residenti, la continuità assistenziale, al di fuori dell'orario di lavoro del Medico di Medicina Generale. DEFINIZIONE DEL SERVIZIO: Il Servizio garantisce l assistenza medica di base a domicilio del paziente, prestazioni assistenziali territoriali non differibili a tutta la popolazione in ambito Aziendale che si verificano durante le ore notturne o nei giorni festivi, con il seguente orario: dalle ore alle ore di tutti i giorni feriali dalle ore del giorno prefestivo alle ore del giorno successivo alla festività nazionale. MODALITÀ DI ACCESSO: Si accede al servizio telefonando al numero verde L'assistito o il richiedente l intervento, se persona diversa, dovrà fornire alla centrale di ascolto: nome, cognome, età, numero di telefono ed indirizzo; la sintomatologia presentata ed altre informazioni, utili alla definizione del quadro clinico dell assistito, nell intento di rendere l intervento del medico agevole ed efficace. I non residenti nella Regione Lazio dovranno retribuire le prestazioni erogate (art.38) dell Accordo Integrativo Regionale di Medicina Generale, recepito con D.G.R. 229/06) come di seguito specificato: Visita ambulatoriale 15,00; Visita domiciliare 25,00; Atti medici ripetitivi 5,00; Il medico di Continuità Assistenziale che effettui una visita a un non residente nella Regione Lazio rilascia a questi una ricevuta fiscale/fattura a proprio nome, con la seguente causale Visita medica (ambulatoriale/domiciliare) a pagamento intascando il relativo compenso, analogamente a quanto fanno i medici di famiglia per le visite occasionali. 15

16 ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Scelta del Medico di Medicina Generale e del Pediatra di Libera Scelta. Il S.S.N. garantisce a tutti i cittadini iscritti il diritto di accesso alle strutture sanitarie assicurando, per tutti, livelli uniformi di assistenza. In particolare, i cittadini hanno diritto all'assistenza medica di primo livello, prestata da un medico di Medicina Generale o, per i soggetti in età pediatrica compresa tra lo 0 e i 6 anni,da un Pediatra di libera scelta. Per i minori di età compresa tra i 6 ed i 14 anni è possibile optare tra il medico di Medicina generale ed il Pediatra di libera scelta. Dai 14 ai 16 anni è possibile inoltre, dietro richiesta e apposita motivazione, essere seguiti ancora dal Pediatra di libera scelta. La costituzione e lo svolgimento del rapporto tra medico e assistibile sono fondati sulla fiducia. Ciascun avente diritto, all'atto del rilascio del documento di iscrizione, sceglie per sé e per i propri familiari il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta, tra quelli inseriti nell'elenco relativo all'ambito territoriale di residenza. I documenti richiesti per l'iscrizione al S.S.N. sono: certificato di residenza o autocertificazione, documento di riconoscimento, codice fiscale, nominativo del medico prescelto. 16

17 D.5 D.4 D.3 D.3 D.2 D. 1 D.1 Revoca e ricusazione del Medico e del Pediatra di libera scelta La scelta per i cittadini residenti ha validità annuale, salvo revoca nel corso dell'anno ed è tacitamente rinnovata. L'assistito ha facoltà di revocare la scelta del medico, dandone comunicazione all'azienda USL competente. Contestualmente alla revoca l'assistito deve effettuare una nuova scelta che, ai fini assistenziali, ha effetto immediato. Il medico che non intenda prestare la propria opera in favore di un assistito può, in ogni tempo, ricusare la scelta, dandone comunicazione all'azienda competente. Gli effetti della ricusazione, ai fini assistenziali, decorrono dal quindicesimo giorno successivo alla sua comunicazione. Gli sportelli amministrativi competenti sono situati nelle seguenti strutture distrettuali: INDIRIZZI RIETI 0746/ LEONESSA 0746/ P. MIRTETO 0765/ OSTERIA N. 0765/ PASSO CORESE 0765/ S. ELPIDIO 0746/39601 ANTRODOCO 0746/58201 ORARI DI APERTURA Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato 8.30/ / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / /

18 ASSISTENZA AI CITTADINI ITALIANI NON RESIDENTI Prestazioni a cittadini in soggiorno occasionale. L'assistenza medica e pediatrica del Medico di Medicina Generale (Medico di Famiglia) è assicurata ai cittadini in soggiorno occasionale nel territorio di Aziende USL diverso da quello di residenza. L'onorario, in tal caso, è a carico dell'assistito secondo le seguenti tariffe onnicomprensive previste per le visite occasionali: a. visita medica ambulatoriale. 15,00 b. visita pediatrica ambulatoriale. 25,00 c. visita medica domiciliare:. 25,00 d. visita pediatrica domiciliare. 35,00 I cittadini residenti nella Regione Lazio potranno inoltre usufruire gratuitamente della Guardia Medica notturna, festiva e prefestiva. I cittadini residenti in altre Regioni, potranno usufruire della Guardia Medica previo pagamento delle stesse tariffe previste per le visite occasionali. Assistenza ai cittadini italiani con domicilio sanitario nella A. S. L. Trattasi di assistiti non residenti nel territorio dell'azienda, che dimorano nel Comune di domicilio per i motivi di seguito specificati: Lavoratori stagionali, superiori ai tre mesi; Insegnanti, con incarico superiore a tre mesi; Soggiornanti per comprovati motivi di salute; Ricoverati in istituti di cura; Studenti; Lavoratori distaccati, con contratto superiore a tre mesi e loro familiari; Militari di leva o di carriera e loro familiari; Religiosi; Dipendenti pubblici e privati, inviati in missione in una località diversa da quella di residenza per oltre tre mesi e loro familiari. La domiciliazione sanitaria è convalidata presso lo sportello Scelta e Revoca del Distretto Sanitario, dietro presentazione, in tutti i casi, dei seguenti documenti: 1. certificato anagrafico in carta libera o autodichiarazione; 2. libretto sanitario rilasciato dall'azienda USL di provenienza; 3. documentazione comprovante il motivo della domiciliazione; 18

19 ASSISTENZA AI CITTADINI STRANIERI CITTADINI STRANIERI INSERITI IN NUCLEI FAMILIARI Hanno diritto all iscrizione al SSN e all assistenza erogata secondo i livelli previsti per i cittadini italiani residenti: - il coniuge straniero di cittadino italiano residente in Italia, per tutto il periodo in cui vive in Italia; - minori stranieri adottati o affidati a cittadini italiani, per i quali l assistenza a carico del SSN decorre dal momento dell ingresso effettivo in Italia o dalla data del provvedimento di adozione/affidamento, se successiva. CITTADINI STRANIERI IN TEMPORANEO SOGGIORNO IN ITALIA stranieri provenienti dai Paesi dell Unione Europea : Attraverso la T.E.A.M (tessera europea di assicurazione malattia), entrata in vigore anche in Italia dal 1 novembre 2004, viene consentito ad un cittadino in temporaneo soggiorno all estero di ricevere nello stato U.E le cure medicalmente necessarie e non solo le cure urgenti che venivano assicurate in precedenza dal modello E111. La tessera europea permette di fruire anche delle prestazioni coperte in precedenza dai modelli E110 (modello per l assistenza sanitaria ai lavoratori addetti ai trasporti internazionali) E111(modello per l assistenza sanitaria ai cittadini italiani in temporaneo soggiorno nei Paesi CEE); E128(modello per l assistenza sanitaria ai cittadini italiani trasferiti temporaneamente in Paesi CEE per motivi di studio o di lavoro). cittadini comunitari non in regola: La Regione Lazio, al fine di garantire un adeguata assistenza sanitaria ai cittadini europei non in regola (che non sono in possesso di un regolare contratto di lavoro o della tessera TEAM), ha introdotto, il tesserino E.N.I. (Europeo non iscritto). Il tesserino ENI, con il quale viene assicurata l assistenza sanitaria ambulatoriale, ha un codice identificativo alfanumerico, ha validità annuale e contiene i dati anagrafici e il domicilio dello straniero. stranieri extracomunitari: Hanno diritto all iscrizione obbligatoria al SSN, i cittadini extra-comunitari regolarmente soggiornanti, - che abbiano in corso regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo - che siano iscritti nelle liste di collocamento - detenuti ed internati: - che siano in possesso del permesso di soggiorno, o ricevuta di rinnovo, per motivi di lavoro, motivi familiari, asilo politico, asilo umanitario, richiesta di asilo, in attesa di adozione ed affidamento, acquisizione della cittadinanza, cure mediche nei confronti delle donne in stato di gravidanza o nei sei mesi successivi alla nascita del figlio a cui provvedono. L assistenza sanitaria spetta anche ai familiari a carico regolarmente soggiornanti e viene assicurata fin dalla nascita ai minori, figli di extra-comunitari iscritti al SSN, nelle more dell iscrizione al servizio stesso. Requisiti richiesti per l iscrizione: - Permesso di soggiorno in corso di validità o ricevuta di rinnovo per le motivazioni sopra descritte(art.34 Testo Unico 286/98) - Autocertificazione di residenza o di effettiva dimora, come risulta dal permesso di soggiorno - Autodichiarazione del Codice Fiscale - Possono chiedere l iscrizione volontaria al SSN, i cittadini extra-comunitari in regola con il permesso di soggiorno che abbiano stipulato un assicurazione contro il rischio di infortuni o maternità e che rientrano nelle seguenti categorie: 19

20 - Studenti (contributo 149,77); - Lavoratori alla pari (contributo 232,41); - Personale religioso (contributo 387,34); - Titolari di permesso di soggiorno per residenza elettiva (contributo 387,34); - Dipendenti delle organizzazioni internazionali operanti in Italia, fatti salvi gli accordi internazionali in materia (contributo 387,34); - Il personale accreditato presso le rappresentanze diplomatiche ed uffici consolari (contributo 387,34); - Lavoratori non tenuti a corrispondere in Italia l IRPEF (contributo 387,34); Requisiti richiesti per l iscrizione: - permesso di soggiorno superiore a tre mesi, tranne che per gli studenti e le persone alla pari, che possono chiedere l iscrizione per periodi inferiori - Autocertificazione di residenza o di effettiva dimora individuata nel domicilio indicato nel permesso di soggiorno in caso di prima iscrizione (per studenti e persone alla pari non è prevista l acquisizione della residenza anagrafica) - Autodichiarazione del Codice Fiscale. - Ricevuta di pagamento del contributo dovuto ai sensi del DM corrispondente all'importo stabilito ogni anno dal Servizio Sanitario Nazionale - effettuato presso l'ufficio postale su c/c n o gli sportelli-cassa aziendali ubicati presso i Centri di Prenotazione (CUP). Gli studenti dovranno esibire certificato di iscrizione al corso di studio e autocertificare di non possedere redditi diversi da borse di studio o sussidi. I collocati alla pari, dovranno esibire autocertificazione del proprio status di straniero collocato alla pari con dichiarazione dell ospitante. L iscrizione volontaria si estende anche ai familiari a carico tranne che per gli studenti e i collocati alla pari. Non hanno diritto all iscrizione volontaria, i cittadini extra-comunitari titolari di permesso di soggiorno per: motivi di cura e motivi turistici perché l iscrizione è intesa per anno solare. CITTADINI EXTRA-COMUNITARI REGOLARMENTE SOGGIORNANTI Ai cittadini extra-comunitari non iscritti obbligatoriamente e volontariamente al SSN vengono assicurate prestazioni ospedaliere urgenti e di elezione per le quali devono corrispondere le relative tariffe, determinate annualmente dalla Regione. Per essere esclusi dal pagamento di tali tariffe, i cittadini extra-comunitari, provenienti da Stati con i quali sono in vigore trattati e accordi internazionali in materia di assistenza sanitaria, devono munirsi di attestato che certifichi il diritto all assistenza. CITTADINI EXTRA-COMUNITARI NON IN REGOLA CON LE NORME RELATIVE ALL INGRESSO E AL SOGGIORNO A tali cittadini vengono assicurate prestazioni ambulatoriali e ospedaliere urgenti o comunque essenziali per malattia ed infortunio nonché interventi di medicina preventiva e prestazioni di cura ad essi correlate, a salvaguardia della salute individuale e collettiva: - Tutela della gravidanza e della maternità - Tutela della salute del minore - Vaccinazioni obbligatorie - Interventi di profilassi internazionale - Profilassi, diagnosi e cura di malattie infettive ed eventuale bonifica dei relativi focolai. A fronte delle sopraindicate prestazioni, lo straniero è tenuto a pagare le tariffe previste. Nel caso in cui tali soggetti non siano in possesso di risorse economiche sufficienti, agli stessi, contestualmente alla dichiarazione dello stato di indigenza, verrà rilasciata una tessera STP (Stranieri Temporaneamente Presenti) e le prestazioni saranno erogate senza oneri a carico del richiedente.. 20

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE 2013 0 La Guida ai servizi territoriali del Distretto Socio-sanitario n. 20 : come e

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI A cura di Rossella Segurini Azienda Usl di Ravenna - U.O. Direzione Amministrativa dell Assistenza Distrettuale Procedimenti

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel SJ. '. :! I. l i,... ". ' ~i"ne 'Cumj'oniu f/$eddén&e Prot. D.3Wledel /.;j.,/!1f l.9-,ç; Ai Commissari Straordinari delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Ai Direttori

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria 1/24 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Legislativo 30.12.1992, n. 502 (e successive modificazioni ed integrazioni); Legge 23 dicembre

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 (Integrazione del comma 40 dell articolo 3 della

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, per la copertura a tempo determinato di n. 12 posti di Dirigente medico - Area medica e delle specialità

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Guida ai diritti del malato

Guida ai diritti del malato Guida ai diritti del malato ERRORI MEDICI? DIMISSIONI FORZATE? INVALIDITÀ CIVILI NEGATE? LISTE D ATTESA INTERMINABILI? CARTE DEI SERVIZI INTROVABILI? DANNI DA TRASFUSIONI E DA VACCINAZIONI OBBLIGATORIE?

Dettagli

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti A.S.L. TO4 Piano della performance ed obiettivi - S.C. Affari Generali Direttore: Dott.ssa Carla CIAMPORCERO FOR Sviluppare le attività di formazione su appropriatez prescrittiva farmaci e prestazioni

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli