L. Lupária (a cura di), Lo statuto europeo delle vittime di reato. Modelli di tutela tra diritto dell Unione e buone pratiche nazionali.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L. Lupária (a cura di), Lo statuto europeo delle vittime di reato. Modelli di tutela tra diritto dell Unione e buone pratiche nazionali."

Transcript

1 L. Lupária (a cura di), Lo statuto europeo delle vittime di reato. Modelli di tutela tra diritto dell Unione e buone pratiche nazionali.

2 GIUSTIZIA PENALE EUROPEA Diretta da S. Allegrezza, M. Gialuz, K. Ligeti, L. Lupária, G. Ormazabal, R. Parizot 2

3 LO STATUTO EUROPEO DELLE VITTIME DI REATO Modelli di tutela tra diritto dell Unione e buone pratiche nazionali a cura di Luca Lupária 2015

4 Progetto di ricerca Good practices for protecting victims inside and outside the criminal process, finanziato dalla Commissione europea nel quadro del programma Criminal Justice (JUST/2011/JPEN/AG/2901) - PROPRIETÀ LETTERARIA RISERVATA Copyright 2015 Wolters Kluwer Italia Srl ISBN PROPRIETÀ LETTERARIA RISERVATA I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale, Copyright con qualsiasi 2015 Wolters mezzo (compresi Kluwer Italia i microfilm Srl e le copie fotostatiche), sono riservati per tutti i Paesi. Le fotocopie per uso personale ISBN del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso I diritti previsto di traduzione, dall art. 68, di commi memorizzazione 4 e 5 della legge elettronica, 22 aprile di1941, riproduzione n e di adattamento riproduzioni totale o parziale, diverse da conquelle qualsiasi sopra mezzo indicate (compresi (per usoi non microfilm personale e copie cioè, foto- a ti- Le tolo statiche), esemplificativo, sono riservati commerciale, per tutti i Paesi. economico o professionale e/o oltre il limite del Le fotocopie 15%) potranno per usoavvenire personale solo delalettore seguito possono di specifica essereautorizzazione effettuate nei limiti rilasciata del 15% da EDISER di ciascunsrl, volume/fascicolo società di servizi didell Associazione periodico dietro pagamento Italiana Editori, alla SIAE attraverso del compenso previsto CLEARedi dall art. Centro 68, commi Licenze4 ee Autorizzazioni 5 della legge 22Riproduzioni aprile 1941, Editoriali. n Informa- il marchizioni: Le riproduzioni diverse da quelle sopra indicate (per uso non personale cioè, a titolo esemplificativo, dei testi, commerciale, anche se curata economico scrupolosa o professionale attenzione, e/o nonoltre può compor- il limite L elaborazione tare del 15%) specifiche potranno responsabilità avvenireper soloeventuali a seguitoinvolontari di specifica errori autorizzazione o inesattezze. rilasciata da EDISER Srl, società di servizi dell Associazione Italiana Editori, attraverso il marchio CLEARedi Centro Licenze e Autorizzazioni Riproduzioni Editoriali. Informazioni: L elaborazione dei testi, anche se curata con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità per eventuali involontari errori o inesattezze. Stampato in Italia - Printed in Italy Stampato da GECA s.r.l. - Via Monferrato, San Giuliano Milanese (MI) Stampato in Italia - Printed in Italy Stampato da GECA s.r.l. - Via Monferrato, San Giuliano Milanese (MI)

5 INDICE DELL OPERA INTRODUZIONE di Luca Lupária... pag. XVII PARTE PRIMA VITTIME DI REATO E GIUSTIZIA PENALE: INDICAZIONI SOVRANAZIONALI E PROBLEMI DI FONDO CAPITOLO I IL RUOLO DELLA VITTIMA NELLA DIRETTIVA 2012/29/UE di Silvia Allegrezza 1. Evoluzioni e involuzioni della tutela della vittima: cenni al contesto normativo europeo... pag Principi generali, definizioni e obiettivi...» 5 3. Diritto all informazione e assistenza...» 8 4. Diritto di accesso ai servizi di assistenza alle vittime...» Diritto alla partecipazione al procedimento penale...» Diritto alla protezione...» Tutela individualizzata e protezione dalla vittimizzazione secondaria...» 17 CAPITOLO II LA PROTEZIONE DELLA VITTIMA TRA CORTE EDU E CORTE DI GIUSTIZIA di Mitja Gialuz 1. Premessa... pag La giurisprudenza della Corte di giustizia: i confini della nozione di vittima...» (segue): la posizione della vittima nel processo e i suoi diritti...» La Corte di Strasburgo: alla ricerca di un equilibrio tra protezione della vittima vulnerabile e fair trial...» 24

6 VI INDICE DELL OPERA 5. (segue): gli obblighi di criminalizzazione e di indagine a tutela della vittima... pag. 27 CAPITOLO III LE CONVENZIONI DI LANZAROTE E ISTANBUL: UN QUADRO D INSIEME di Stefania Martelli 1. La Convenzione di Lanzarote... pag La Convenzione di Istanbul...» 38 CAPITOLO IV VITTIME E GIUSTIZIA PENALE INTERNAZIONALE di Chantal Meloni 1. Lo statuto delle vittime davanti ai tribunali penali internazionali del passato: cenni... pag Ruolo e partecipazione delle vittime davanti alla Corte Penale Internazionale...» La nozione di vittima ai sensi dello Statuto di Roma...» Breve inquadramento del sistema di partecipazione e protezione...» Ratio della partecipazione e ruolo delle vittime alla luce delle peculiari caratteristiche dei tribunali internazionali...» 59 CAPITOLO V LA VITTIMA COME TESTIMONE di Giulio Illuminati 1. La vittima in veste di soggetto del processo...» La testimonianza della vittima come facoltà e come dovere...» Diritto della vittima di essere ascoltata e testimonianza» Vittima vulnerabile e misure di protezione...» Testimonianza e vittimizzazione secondaria...» Il contraddittorio attenuato...» Valutazione della testimonianza...» 76

7 INDICE DELL OPERA VII PARTE SECONDA LA POSIZIONE DELLA VITTIMA NEI SISTEMI PROCESSUALI EUROPEI CAPITOLO VI LA PARTECIPAZIONE DELLE VITTIME NEL PROCESSO PENALE FRANCESE: STATO DEI LUOGHI E NUOVI SCENARI di Mathieu Jacquelin 1. Introduzione... pag Le prerogative procedurali...» Il diritto di essere sentiti e di poter fornire elementi di prova...» Il diritto di chiedere il riesame in caso di non esercizio dell azione penale...» Le prospettive patrimoniali della vittima...» Il diritto alla restituzione dei beni sequestrati...» Il diritto di ottenere una decisione in merito al risarcimento da parte dell autore del reato...» 95 CAPITOLO VII IL SISTEMA ITALIANO DI TUTELA DELLA VITTIMA DEL REATO: ANALISI E PROSPETTIVE di Guido Todaro 1. Premessa... pag Gli obblighi informativi...» La partecipazione della vittima al procedimento...» Il diritto di essere sentiti: il paradosso dell incidente probatorio...» 109 CAPITOLO VIII LA PERSONA OFFESA IN SPAGNA ALLA LUCE DEL PROGETTO DI LEGGE SULLO STATUTO PROCESSUALE DELLA VITTIMA DI REATO di Juan Burgos Ladrόn de Guevara 1. Introduzione... pag Diritti comuni della vittima...» La protezione e il riconoscimento della vittima...» 120

8 VIII INDICE DELL OPERA 4. Conclusioni... pag. 125 CAPITOLO IX DIRITTO DELLA VITTIMA DI PARTECIPARE AL PROCESSO E ACUSACIÓN PARTICULAR NELLA PROCEDURA PENALE SPAGNOLA di Ángel Tinoco Pastrana 1. Premesse... pag L'accusa privata...» Introduzione...» Legittimazione...» Requisiti di attività...» Spese del procedimento...» Il diritto di informazione e partecipazione della vittima che non è acusador particular...» 134 PARTE TERZA LE NORME MINIME CONTENUTE NELLA DIRETTIVA 29/2012 E LE RISPOSTE NAZIONALI: UN ANALISI COMPARATIVA SEZIONE PRIMA LA GIUSTIZIA RIPARATIVA CAPITOLO X LA GIUSTIZIA RIPARATIVA IN FRANCIA QUADRO ATTUALE E IPOTESI DI SVILUPPO di Marc Toullier 1. Un approccio diverso alla giustizia... pag Altri mezzi per garantire la giustizia...» L assenza di un riconoscimento ufficiale della giustizia riparativa nel diritto francese...» Le aspettative legate allo sviluppo della giustizia riparativa nel diritto internazionale ed europeo...» La disciplina della giustizia riparativa nella direttiva...» Approccio del problema...» Il recepimento della giustizia riparativa nel diritto francese...» Un apertura reale. La consacrazione della mediazione penale...» 144

9 INDICE DELL OPERA IX 7.2. Lo scarso ricorso alla mediazione penale... pag Le manifestazioni indirette di apertura alla giustizia riparativa...» Un apertura insufficiente. Le mancanze intrinseche del diritto francese...» Necessità di ridimensionare tali mancanze alla luce del contenuto della direttiva...» Uno stato dei luoghi insoddisfacente...» Il rinnovamento della giustizia riparativa nel diritto francese...» Una questione di fini. La ricerca di un equilibrio tra le finalità della giustizia riparativa...» Allontanamento dall ossessione di una giustizia diretta al solo autore del reato...» Nuovi percorsi...» Evitare la compassione eccessiva per le vittime di reati...» Una questione di mezzi. La creazione di misure di giustizia riparativa...» Riformare le sanzioni penali e l esecuzione delle pene alla luce della filosofia della giustizia riparativa...» Sviluppare la formazione professionale...» Prospettive incoraggianti...» 152 CAPITOLO XI ESPERIMENTI DI GIUSTIZIA RIPARATIVA NELL ORDINAMENTO ITALIANO di Martina Cagossi 1. Brevi premesse in tema di restorative justice... pag Il difficile inserimento di pratiche mediative all interno del procedimento penale italiano...» Dubbi di legittimità costituzionale...» Le prime ipotesi di giustizia riparativa nell ordinamento italiano...» La mediazione nell ambito della giustizia penale minorile...» Tentativi di conciliazione innanzi al giudice di pace...» Il nuovo istituto della messa alla prova per adulti e l ingresso del termine mediazione nel Codice di procedura penale italiano...» 162

10 X INDICE DELL OPERA CAPITOLO XII LA GIUSTIZIA RIPARATIVA NEL SISTEMA SPAGNOLO di Mar Jimeno Bulnes 1. Introduzione... pag Normativa attuale...» Proposte di legge...» Conclusioni...» 179 CAPITOLO XIII NOTAZIONI COMPARATE di Michele Caianiello 1. Punti in comune e differenze... pag Alle radici del problema?...» 185 SEZIONE SECONDA LA VIOLENZA DI GENERE CAPITOLO XIV LE MISURE DI PROTEZIONE DELLE VITTIME DI VIOLENZE CONIUGALI IN FRANCIA di Julie Alix 1. Premessa... pag Il fondamento del sistema di protezione...» Il contesto sociologico...» Il contesto giuridico...» Il contenuto delle disposizioni di protezione nel diritto francese...» La protezione mediante allontanamento...» La protezione mediante privazione della libertà..» 203 CAPITOLO XV VITTIME DI VIOLENZA DOMESTICA E SISTEMA PENALE ITALIANO di Silvia Allegrezza e Stefania Martelli 1. Refusi culturali e disagi contemporanei: verso una politica penale vittimocentrica?... pag. 207

11 INDICE DELL OPERA XI 2. La protezione penale della vittima: analisi delle modifiche apportate al diritto penale sostanziale... pag Il quadro delle modifiche al diritto processuale penale.» 213 CAPITOLO XVI VIOLENZA DI GENERE E GIUSTIZIA PENALE IN SPAGNA di Carmen Requejo Conde 1. Introduzione... pag Il trattamento della vittima di violenza di genere nel Codice penale spagnolo...» La vittima di violenza domestica nel Progetto di Legge organica del Codice penale spagnolo...» La protezione delle vittime di violenza di genere nella direttiva del 2012 e nel progetto spagnolo per uno statuto della vittima di reato...» 232 CAPITOLO XVII NOTAZIONI COMPARATE di Luca Luparia 1. La violenza di genere: un laboratorio per la tutela della vittima o un fattore di disequilibrio per il sistema penale?... pag Punti d incontro e distanze incolmabili tra modelli europei alla luce dell analisi comparativa...» Riflessioni conclusive...» 242 SEZIONE TERZA LE VITTIME VULNERABILI CAPITOLO XVIII IL TRATTAMENTO DELLE VITTIME CON ESIGENZE SPECIFICHE (IN PARTICOLARE I MINORI) NEL SISTEMA FRANCESE di Sabrina Delattre 1. Introduzione... pag Punti in cui la Francia consegue una buona pagella...» Disposizioni francesi conformi alla direttiva...» 248

12 XII INDICE DELL OPERA 2.2. Disposizioni francesi ancora più tutelanti delle norme minime della Direttiva... pag Punti in cui per l'attuazione della direttiva occorrono modifiche o miglioramenti...» Il limitato campo di applicazione del quadro normativo francese...» Verso un procedimento giudiziario a misura di minore?...» Conclusione: le buone prassi...» 254 CAPITOLO XIX EPPUR SI MUOVE: LA TUTELA DELLE VITTIME PARTICOLARMENTE VULNERABILI NEL PROCESSO PENALE ITALIANO di Hervé Belluta 1. Fotogrammi di un sistema dinamico... pag La tutela della fonte vulnerabile durante le indagini preliminari...» L incidente probatorio...» Il dibattimento: tra letture e oralità...» La protezione della vittima dall imputato...» 268 CAPITOLO XX IL MINORE VITTIMA DI AGGRESSIONE E ABUSO SESSUALE DOPO LA RIFORMA DEL CODICE PENALE SPAGNOLO di Antonia Monge Fernandez 1. Introduzione... pag Abuso e aggressione sessuale di minori di quindici anni...» Aggressione sessuale...» Abuso sessuale...» La questione del contatto fisico...» L assenza di violenza o intimidazione...» Il consenso della vittima...» La costrizione di un minore ad avere incontri sessuali..» Child grooming...» 283

13 INDICE DELL OPERA XIII CAPITOLO XXI NOTAZIONI COMPARATE di Raphaële Parizot 1. Come intendere le vittime con specifiche esigenze di protezione?... pag Come prendere in considerazione le vittime con specifiche esigenze di protezione?...» 289 SEZIONE QUARTA RISARCIMENTO E INDENNIZZO DELLE VITTIME CAPITOLO XXII L INDENNIZZAZIONE DELLE VITTIME DI REATO IN FRANCIA di Isabelle Sadowski 1. Introduzione... pag Presentazione del sistema di indennizzo delle vittime in Francia...» La pietra angolare per l indennizzo delle vittime di reato: il FGTI...» Un sistema in linea con le aspettative delle vittime...» Conformità alle esigenze europee? I primi testi europei sull indennizzo delle vittime...» Le conquiste recenti e la direttiva del 25 ottobre » Una sfida importante: l efficacia del diritto al risarcimento delle vittime...» Il ruolo delle organizzazioni di aiuto alle vittime» Per concludere...» 304 CAPITOLO XXIII IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA REATO NEL SISTEMA PENALE ITALIANO A FRONTE DEI VINCOLI EUROPEI di Marco Scoletta 1. Gli obblighi risarcitori nelle fonti normative dell Unione Europea... pag. 307

14 XIV INDICE DELL OPERA 2. La previsione del risarcimento del danno da reato nell ordinamento penale italiano... pag L effettività della tutela risarcitoria e la politica dei fondi di solidarietà...» L attuazione delle Direttiva 2004/80/CE e i dubbi di discriminazione al rovescio nella disciplina indennitaria...» Gli istituti premiali di incoraggiamento del risarcimento del danno da reato...» 314 CAPITOLO XXIV IL RISARCIMENTO DELLA VITTIMA NEL PROCEDIMENTO PENALE SPAGNOLO di Ana Ochoa Casteleiro 1. Premessa... pag Diritto della vittima al risarcimento nel processo penale...» La responsabilità civile derivante da reato nell ordinamento spagnolo...» Aspetti processuali della responsabilità civile...» Aspetti sostanziali. Contenuto della responsabilità civile...» Quantificazione del danno...» Persone civilmente responsabili nei confronti della vittima di reato...» Modalità di adempimento...» La protezione della vittima in ambito penitenziario in relazione alla responsabilità civile...» Conclusioni...» 332 CAPITOLO XXV NOTAZIONI COMPARATE di Juan Burgos Ladrón de Guevara 1. Confronto tra gli ordinamenti oggetto di studio... pag Conclusioni...» 336

15 INDICE DELL OPERA XV CONCLUSIONI QUALI BUONE PRASSI IN MATERIA DI PROTEZIONE DELLE VITTIME? di Luca Lupária e Raphaële Parizot 1. Una premessa sul metodo... pag Alla ricerca di buone pratiche nel panorama comparativo...» L informazione e il sostegno delle vittime...» La partecipazione della vittima al procedimento penale...» Opinione pubblica e vittima del reato...» Conclusioni...» 345

16

17 INTRODUZIONE di Luca Lupária La presente Opera costituisce uno dei principali risultati scientifici del progetto Good practices for protecting victims inside and outside the criminal process, finanziato dalla Commissione europea nel quadro del programma Criminal Justice (Just/2011/JPEN/AG/2901). La ricerca è stata diretta dallo scrivente e condotta dall Università degli Studi di Milano in collaborazione con l Università di Bologna (prof.ssa Silvia Allegrezza), l Universidad de Sevilla (prof. Juan Burgos Ladrón de Guevara) e l Association de Recherches Pénales Européennes di Parigi (prof.ssa Raphaële Parizot). Le singole unità di investigazione, oltre che dai coordinatori, sono state composte da vari professori e cultori di discipline penalistiche: Novella Galantini, Marco Scoletta, Chantal Meloni, Martina Cagossi (Milano); Giulio Illuminati, Michele Caianiello, Guido Todaro, Stefania Martelli (Bologna); Antonia Monge Fernandez, Angel Tinoco Pastrana, Carmen Requejo Conde, Ana Ochoa Casteleiro (Siviglia); Julie Alix, Mathieu Jacquelin (ARPE, Parigi). Tra gli ulteriori esiti dell attività scientifica meritano qui un cenno i convegni organizzati a Bologna (L immane concretezza della vittima: buone pratiche e sviluppi normativi alla luce della Direttiva 2012/29/UE, Facoltà di Giurisprudenza, 12 aprile 2013), Siviglia (La protección de la Víctima en la nueva Directiva de la UE y su Estatuto Procesal, Paraninfo dell Università, 7 novembre 2013) e Parigi (La victime dans le procès pénal après la Directive 2012/29/EU. Comparaison des systèmes français, espagnol et italien, Anfiteatro Liard dell Università Sorbona, 27 marzo 2014), oltre alla conferenza internazionale di chiusura del progetto tenutasi a Milano (Vittime di reato e giustizia penale. Standard europei e buone pratiche nazionali, Sala Napoleonica dell Università, 9-10 ottobre 2014). A questi incontri di studio hanno preso parte docenti di

18 XVIII INTRODUZIONE Università europee e americane, giudici di vari Stati dell Unione, psicologi, avvocati e altri professionisti specializzati nella protezione della persona offesa in ambito processuale ed extragiudiziale. Il volume, diffuso anche all estero nella versione in lingua inglese, si propone di offrire alla Commissione europea e alla comunità degli studiosi una serie di linee interpretative sulla figura della vittima a due anni dalla emanazione della Direttiva n. 29/2012. In un momento storico che vede i Paesi della UE ripensare nel complesso lo statuto della persona offesa nei propri sistemi penali, l esperienza dei tre Paesi oggetto di analisi (Francia, Italia e Spagna) può certamente fornire indicazioni utili anche agli altri membri del partenariato continentale. L intera impostazione del lavoro è stata infatti mirata al raggiungimento di approdi ermeneutici capaci di essere applicati a contesti similari, oltre che orientata verso riflessioni di ampio respiro sui diritti e sulle garanzie da accordare alla vittima, anche in rapporto alla figura dell imputato. Di certo, la Direttiva 2012/29/UE, con il suo pendant di provvedimenti satellite (le Direttive sulla tratta di esseri umani, sulla violenza sessuale, sull ordine di protezione penale, tra le altre) e di accordi internazionali da leggere in maniera congiunta (le Convenzioni di Lanzarote e Istanbul, in particolare) rappresenta per i prossimi anni un vero e proprio snodo per le politiche criminali, di matrice sostanziale e processuale, dei legislatori europei. Non tanto per le singole indicazioni da attuare a livello nazionale (diritti di informazione, assistenza linguistica, accesso alla giustizia, garanzie di protezione, e via discorrendo) quanto per la necessità, imposta dal testo europeo, di definire una chiara posizione sistemica all offeso. È questo forse il compito più difficile per ordinamenti spesso caratterizzati da un posizionamento organico della vittima contraddittorio o incoerente e da una incompiuta ricerca del giusto equilibrio con le fondamentali prerogative dell accusato. Gli scritti qui raccolti sono stati suddivisi in tre sezioni. Una prima è dedicata ai profili di ordine generale, tra i quali l esegesi del contenuto della Direttiva, l esame dei problemi di fondo correlati alla figura della vittima nel processo penale e lo studio delle esperienze maturate sul terreno della giustizia penale internazionale. Una seconda parte esplora lo spettro dei diritti e delle garanzie che i tre sistemi giudiziari presi a modello prevedono in favore delle vittime, con particolare riguardo alle re-

19 INTRODUZIONE XIX centi riforme approvate e a quelle attualmente in cantiere. La parte finale del volume mira invece a declinare sul piano delle esperienze nazionali quattro specifici aspetti della Direttiva (la giustizia riparativa; la tutela delle vittime della violenza di genere; il trattamento della condizione di vulnerabilità; il diritto al risarcimento del danno), tramite un approccio comparato volto ad individuare tratti comuni e possibilità di trapianti delle soluzioni che hanno dato buona prova nella dimensione operativa e che possono dunque assurgere al ruolo di buone pratiche su scala europea. Confidiamo che questo nostro documento di lavoro possa risultare di qualche utilità per l attuale dibattito circa le forme di recepimento degli standard europei in materia di tutela della vittima e, per altro verso, possa fornire spunti immediatamente fruibili da parte di avvocati, giudici e professionisti impegnati sul campo. L attenzione alle buone pratiche che ha informato tutto il percorso d indagine, infatti, discende proprio dalla consapevolezza che, molto spesso, al di là dei principi magniloquenti e dei congegni processuali ad alto contenuto tecnico, la protezione delle vittime passa attraverso pratiche quotidiane e corrette linee di comportamento da parte degli operatori. È anche su questo terreno che si può misurare la capacità della macchina giudiziale di farsi carico della fragilità psicologica della vittima e del suo bisogno di essere accompagnata, informata e protetta lungo il dipanarsi del processo. Novembre 2014 Prof. Luca Lupária Responsabile scientifico del progetto di ricerca

20

21 PARTE PRIMA VITTIME DI REATO E GIUSTIZIA PENALE: INDICAZIONI SOVRANAZIONALI E PROBLEMI DI FONDO

22

23 CAPITOLO I IL RUOLO DELLA VITTIMA NELLA DIRETTIVA 2012/29/UE di Silvia Allegrezza SOMMARIO: 1. Evoluzioni e involuzioni della tutela della vittima: cenni al contesto normativo europeo. 2. Principi generali, definizioni e obiettivi. 3. Diritto all informazione e assistenza. 4. Diritto di accesso ai servizi di assistenza alle vittime. 5. Diritto alla partecipazione al procedimento penale. 6. Diritto alla protezione. 7. Tutela individualizzata e protezione dalla vittimizzazione secondaria. 1. Evoluzioni e involuzioni della tutela della vittima: cenni al contesto normativo europeo La protezione penale della vittima resta una priorità dell Unione e la direttiva 2012/29/UE lo conferma. Primo soggetto processuale a ricevere tutela penale dal diritto comunitario, in forza della decisione quadro 2001/220/GAI 1, la persona offesa trova oggi ribaditi e rafforzati dalla suddetta direttiva i diritti e le garanzie già riconosciute alla stessa dalla previgente decisione quadro. Anzi, la direttiva in oggetto intensifica la spinta europea affinché la giustizia penale diventi sempre più un momento di inclusione, un forum per tutte le vittime 2. 1 Oltre che da altri testi normativi quali la direttiva 2004/80/CE del 29 aprile 2004 relativa all indennizzo delle vittime di reato nelle situazioni transfrontaliere, su cui si veda R. MASTROIANNI, Un inadempimento odioso: la direttiva sulla tutela delle vittime dei reati, in Quad. cost., 2008, p Per un analisi della decisione-quadro, v. S. ALLEGREZZA-H. BELLUTA, M. GIALUZ, L. LUPARIA, Lo scudo e la spada. Esigenze di protezione e poteri delle vittime nel processo penale tra Europa e Italia, Torino, 2012; D. SAVY, La vittima dei reati nell Unione europea. Le esigenze di tutela dei diritti fondamentali e la complementarietà della disciplina penale e civile, Milano, 2013, p L. CORNACCHIA, Vittime e giustizia penale, in Riv. it. dir. proc. pen., 2013, p Si noti la convergenza con quanto sostenuto da parte della dot-

24 4 CAPITOLO I L adozione del Trattato di Lisbona offre una solida base legale per la revisione ed il rafforzamento di quel testo: l art. 82(2) TFUE prevede la possibilità di istituire norme minime per la tutela delle vittime del reato. La successiva road map del Consiglio, adottata a Budapest il 10 giugno 2011, sviluppa le indicazioni del trattato ed invita esplicitamente gli organi comunitari a muoversi in tale direzione. L obiettivo della nuova direttiva è quello di rivedere ed integrare i principi enunciati dalla decisione quadro 3. Emerge sin da subito la particolare attenzione alla violenza contro le donne e contro i bambini in quanto vittime vulnerabili. La nuova direttiva segue, infatti, l adozione di alcuni fondamentali testi in seno al Consiglio d Europa, in particolare la Convenzione di Istanbul e la Convenzione di Lanzarote 4. Anche restando in ambito comunitario in senso stretto, la direttiva non rappresenta l unico testo in favore della vittima. Due direttive del 2011 si occupano di particolari categorie di vittime, nello specifico della tratta di esseri umani, dello sfruttamento sessuale dei minori e della pornografia 5. Un ulteriore iniziativa legislativa si preoccupa di favorire il mutuo riconoscimento delle misure di protezione in materia penale istituendo l ordine europeo di protezione penale, utile strumento processuale al fine di garantire alla vittima la possibilità di essere protetta anche oltre i confini dello Stato di emissione dell ordine 6. trina nordamericana, che parla di victim participation model, cfr. D.E. BE- LOOF, The Third Model of Criminal Process, The Victim Participation Model, in Utah L. Rev., 1999, 2, p. 289 s. Parla esplicitamente di protagonismo, S. LORUSSO, Le conseguenze del reato. Verso un protagonismo della vittima nel processo penale?, in Dir. pen. proc., 2013, p Considerando n. 4 del Preambolo. 4 Si veda il contributo di S. MARTELLI, Le Convenzioni di Lanzarote e di Istanbul: un quadro complessivo, in questo volume, Capitolo III. 5 Direttiva 2011/36/UE del 5 aprile 2011 concernente la prevenzione e la repressione della tratta di esseri umani e la protezione delle vittime (in tema si vedano T. OBOKATA, A Human Rights Framework to Address Trafficking of Human Beings, in Netherlands Quarterly of Human Rights, v. 24, 3, 2006, p. 379; F. SPIEZIA - M. SIMONATO, La prima direttiva UE di diritto penale sulla tratta di esseri umani, in Cass. pen., 2011, p s.) e la direttiva 2011/92/UE del 13 dicembre 2011 relativa alla lotta contro l abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografia minorile. 6 Direttiva 2011/99/UE del 13 dicembre 2011 sull ordine di protezione europeo. Cfr. T. JIMÉNEZ BECERRIL - C. ROMERO LOPEZ, The European Protection Order, in Eucrim, 2011, 2, p. 76 s.

25 IL RUOLO DELLA VITTIMA NELLA DIRETTIVA 2012/29/UE 5 Il testo in esame completa ed arricchisce il quadro normativo europeo offrendo al giudice nazionale la forza intrinseca del nuovo strumento. Non più e non solo l interpretazione conforme al diritto europeo, come accadeva con la previgente decisione quadro dopo la decisione nel caso Pupino, ma anche la diretta applicabilità delle norme self executing della direttiva e nuove chances di ricorrere alla Corte di giustizia. Al passaggio dal modello decisione-quadro al modello direttiva segue infatti un incremento sostanziale della forza di penetrazione dell atto legislativo europeo nei sistemi nazionali. 2. Principi generali, definizioni e obiettivi Il testo in esame muove dalla precisazione del duplice obiettivo perseguito: da un lato, garantire alle vittime informazione, assistenza e protezione adeguate, anche a prescindere dall esistenza di un accertamento penale; dall altro, offrire loro la possibilità di partecipare al procedimento penale. Le due sfere di protezione sembrano però regolate in modo differente. L intensità della tutela offerta varia a seconda dell obiettivo perseguito. Il diritto all informazione e all assistenza riceve un pieno riconoscimento, tanto che la direttiva si esprime sempre all indicativo, quasi ad esprimere la volontà di obbligare gli Stati membri ad adottare alcune misure. Non è consentita, in questo settore, una discrezionalità locale legata alle peculiarità del sistema. Al contrario, si badi, la direttiva non giunge a riconoscere alla vittima un vero e proprio diritto al processo penale 7, né un diritto a partecipare al processo, qualora ve ne sia uno. La direttiva è costellata da clausole di salvaguardia di vario genere: se tale diritto esiste nell ordinamento nazionale, o a seconda del ruolo della vittima nel pertinente sistema giudiziario. Come interpretare tali clausole? Esse disegnano un sistema di tutela a geografia variabile, legata alle coordinate di base dell ordinamento di riferimento, su cui l Unione europea poggia 7 Per una panoramica sul diritto al processo per le vittime nella giurisprudenza della CEDU, v. M. CHIAVARIO, Il «diritto al processo» delle vittime dei reati e la Corte europea dei diritti dell uomo, in Riv. dir. proc., 2001, p Offre un affresco aggiornato, M. SIMONATO, Deposizione della vittima e giustizia penale, Padova, 2014, p. 53 s. Per un quadro sulle cd. Positive obligations stabilite dalla CEDU, si veda M. KLATT, Positive Obligations under the European Convention on Human Rights, in ZaöRV 71, 2011, p. 691 s.

26 6 CAPITOLO I la propria opera armonizzatrice senza poterne modificare l essenza. L iniezione di contenuti europei nei sistemi nazionali si deve arrestare di fronte alle scelte nazionali di limitare il ruolo della vittima nella dinamica processuale. Emerge quindi l assenza di una vera opera di armonizzazione sul ruolo della vittima nel rito penale. Sibillina, in proposito, la parte finale del considerando n. 20 in cui si prevede che gli Stati membri dovrebbero stabilire quale di questi criteri si applica per determinare la portata dei diritti previsti dalla presente direttiva, laddove vi sono riferimenti al ruolo della vittima nel pertinente sistema giudiziario penale. Cosa accade, allora, qualora l ordinamento interno non faccia riferimento alcuno alla vittima? Quanto all applicazione temporale dei diritti riconosciuti dalla direttiva, il considerando n. 22 stabilisce che essi decorrano dalla presentazione della denuncia o dall avvio d ufficio delle indagini. Un arco temporale molto ampio risulta affatto opportuno, poiché è noto che la fase di maggior delicatezza per la vittima è proprio quella delle prime indagini e le esigenze di protezione non si arrestano con l esecuzione della condanna definitiva. Sulla scia della precedente decisione quadro del 2001, anche la direttiva in esame offre alcune definizioni generali, fra cui quella di vittima del reato. Il concetto, di matrice criminologica 8, viene infatti diversamente declinato nei sistemi nazionali. È quindi fondamentale chiarire a quali soggetti sia diretta la tutela in chiave comunitaria. Ai sensi dell art. 2(1), sono da considerare vittima sia la «persona fisica che ha subito un danno, anche fisico, mentale o emotivo, o perdite economiche che sono stati causati direttamente da un reato», sia il «familiare di una persona la cui morte è stata causata direttamente da un reato e che ha subito un danno in conseguenza della morte di tale persona» 9. 8 Sul punto si veda T. PITCH, Qualche considerazione sulla nozione di vittima, in A. BOSI - S. MANGHI (a cura di), Lo sguardo della vittima. Nuove sfide alla civiltià delle relazioni. Scritti in onore di Carmine Ventimiglia, Milano, 2009, p. 48; M. SIMONATO, Deposizione della vittima e giustizia penale, cit., p. 13; T. RAFARACI, La tutela della vittima nel sistema penale delle garanzie, in Criminalia, 2010, p. 258, osserva che «[i]l termine, di marca criminologica e di derivazione internazionale, è usato in diversi contesti e non ha contorni di significato nettamente segnati». 9 Vd. art. 2 della direttiva 2012/29/UE (vd. infra, 2.7) la quale specifica che per familiare si deve intendere «il coniuge, la persona che convive

INDICE DELL OPERA. INTRODUZIONE di Luca Lupária... pag. XVII

INDICE DELL OPERA. INTRODUZIONE di Luca Lupária... pag. XVII INDICE DELL OPERA INTRODUZIONE di Luca Lupária... pag. XVII PARTE PRIMA VITTIME DI REATO E GIUSTIZIA PENALE: INDICAZIONI SOVRANAZIONALI E PROBLEMI DI FONDO CAPITOLO I IL RUOLO DELLA VITTIMA NELLA DIRETTIVA

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA

LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA UNO STUDIO INTEGRATO SULL APPLICAZIONE DEI DECRETI DI RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE EUROPEE SULL ACCOGLIENZA, SULLE QUALIFICHE E SULLE PROCEDURE a cura

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori 1. All articolo 572, secondo comma, del codice penale, dopo la parola: danno le parole di persona minore degli anni quattordici

Dettagli

LA TUTELA DEL CONTRAENTE DEBOLE NEL REGOLAMENTO ROMA I

LA TUTELA DEL CONTRAENTE DEBOLE NEL REGOLAMENTO ROMA I STUDI E PUBBLICAZIONI DELLA RIVISTA DI DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO E PROCESSUALE 79 PAOLA PIRODDI LA TUTELA DEL CONTRAENTE DEBOLE NEL REGOLAMENTO ROMA I QUESTO VOLUME È ANCHE ONLINE Consultalo gratuitamente

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 148 del 20.12.2012 testo emendato e no. 25 del 28.02.2013, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE DI

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Cooperazione giudiziaria in materia civile Regolamento (CE) n. 864/2007 Articolo

Dettagli

Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO Prot. n. 9/4-150 AD SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa Il disegno di legge è diretto a disciplinare

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO IX LEGISLATURA AREA GIURIDICO-LEGISLATIVA Servizio per l'assistenza giuridico-legislativa in materia di attività economico produttive e di territorio e ambiente DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO Argomento:

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario...

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario... INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario...» XIII CAPITOLO I DALLA RIFORMA DEL 1987 ALLA RIFORMA DEL 2006 1. Breve

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

PER. Associazioni di Promozione Sociale, di cui all art. 7 della. legge 7 dicembre 2000 n. 383, in persona del Segretario

PER. Associazioni di Promozione Sociale, di cui all art. 7 della. legge 7 dicembre 2000 n. 383, in persona del Segretario j TRIBUNALE CIVILE DI (luogo di domicilio/residenza del disabile) Ricorso ex articoli 3 e 4, comma 1, legge n. 67/2006 i PER Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, con sede legale

Dettagli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Approvata dal Consiglio d Europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata dall Italia con la legge 20 marzo 2003 n. 77 Preambolo Gli Stati

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA Preambolo Istanbul, 11 maggio 2011 Gli Stati membri del Consiglio d

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... INDICE SOMMARIO Presentazione...................................... VII CAPITOLO I LA TESTIMONIANZA IN GENERALE 1.1. Introduzione................................... 2 1.2. La prova testimoniale nella Costituzione

Dettagli

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI INDICE Presentazione... Avvertenza... pag VII XIII Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI 1. Costituzione della Repubblica Italiana... 3 2. Convenzione per la salvaguardia dei diritti

Dettagli

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo? PROFESSIONE FORENSE 04 SETTEMBRE 2015 Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?». Il Ministro della Giustizia ha firmato, il 14 agosto 2015, il regolamento che disciplina le modalità

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 «Politica di immigrazione Diritto al ricongiungimento familiare dei figli minori di cittadini di paesi terzi Tutela dei diritti

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag.

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag. INDICE-SOMMARIO Indice sommario... pag. V Premessa alla prima edizione... pag. XIX Premessa alla seconda edizione... pag. XXIII CAPITOLO I IL MATRIMONIO 1. Cenni storici... pag. 1 2. Teorie sulla natura

Dettagli

MARCO VENTUROLI LA VITTIMA NEL SISTEMA PENALE DALL OBLIO AL PROTAGONISMO?

MARCO VENTUROLI LA VITTIMA NEL SISTEMA PENALE DALL OBLIO AL PROTAGONISMO? MARCO VENTUROLI LA VITTIMA NEL SISTEMA PENALE DALL OBLIO AL PROTAGONISMO? Jovene editore 2015 INDICE Introduzione... p. XIII CAPITOLO PRIMO LA RISCOPERTA DELLA VITTIMA NELLE SCIENZE CRIMINALI 1. Il problematico

Dettagli

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi Sintesi e Conclusioni Due le questioni emergenti su cui l Osservatorio si è soffermato: la condizione di sfruttamento

Dettagli

Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di

Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di PROGRAMMA DEGLI INCONTRI: I Presentazione del corso Inquadramento storico-sociologico del fenomeno Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di violenza sulle donne: -

Dettagli

UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI

UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI LA CONVENZIONE DI LANZAROTE La Convenzione del Consiglio d Europa per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l abuso sessuale, fatta a Lanzarote

Dettagli

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea di Valentina Bazzocchi Dopo la celebre sentenza Pupino 1, la Corte di giustizia

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

Diritto di Famiglia e tutela dei Minori

Diritto di Famiglia e tutela dei Minori Master biennale di II livello Diritto di Famiglia e tutela dei Minori (In sigla PLMA03) (1500 ore 60 CFU) Anno Accademico 2013/2014 2014/2015 1 Titolo DIRITTO DI FAMIGLIA E TUTELA DEI MINORI Direttore

Dettagli

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2010 DEL CONSIGLIO del 20 dicembre 2010 relativo all attuazione di una cooperazione rafforzata nel settore della legge

Dettagli

SINTESI DURATA GIUDIZIO

SINTESI DURATA GIUDIZIO SINTESI Cause Apicella c/ Italia (ricorso n. 64890/01), Cocchiarella c/ Italia (ricorso n. 64886/01), Ernestina Zullo c/ Italia (ricorso n. 64897/01), Giuseppe Mostacciuolo c/ Italia (n. 1) (ricorso n.

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa a Strasburgo il 27 novembre 2008

Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa a Strasburgo il 27 novembre 2008 PROTOCOLLO ADDIZIONALE ALLA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SUI DIRITTI UMANI E LA BIOMEDICINA RELATIVO AI TEST GENETICI A FINI SANITARI (2008) Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa

Dettagli

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI CONFERENZA INTERNAZIONALE IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI Roma, 29-30 novembre 2012 Sala delle Conferenze Internazionali P.le della Farnesina,

Dettagli

Master biennale di II livello. Diritto Penale e Diritto Processale Penale. (In sigla PLMA09) (1500 ore 60 CFU) Anno Accademico 2013/2014 2014/2015

Master biennale di II livello. Diritto Penale e Diritto Processale Penale. (In sigla PLMA09) (1500 ore 60 CFU) Anno Accademico 2013/2014 2014/2015 Master biennale di II livello Diritto Penale e Diritto Processale Penale (In sigla PLMA09) (1500 ore 60 CFU) Anno Accademico 2013/2014 2014/2015 1 Titolo Diritto Penale e Diritto Processale Penale Direttore

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa,

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa, Raccomandazione Rec (2012)5 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sul Codice Europeo di Etica per il personale penitenziario (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 aprile 2012 nel corso della

Dettagli

I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da:

I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da: TRIBUNALE DI TRIESTE I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da: Camera Penale di Trieste Responsabili della ricerca: Elisabetta Burla, Mariapia Maier Hanno partecipato al monitoraggio

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4180 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori RUSSO SPENA, CÒ e CRIPPA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 28 LUGLIO 1999 Nuove

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Intervento Premessa Intervento integrativo in ambito penale di Giustizia Riparativa.

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

La mediazione nel processo penale minorile

La mediazione nel processo penale minorile Provincia di Bergamo Settore Politiche Sociali e Salute MEDIAZIONE N. 42 invio: dalla Procura nel 2009 8 indagati 1 indagata di età compresa tra i 14 e i 16 anni fatti accaduti nel 2009 Capi di imputazione:

Dettagli

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Laura Baldadassarre Responsabile Advocacy Istituzionale Roma, 13 febbraio 2012 La Convenzione sui diritti dell infanzia Il Comitato ONU sui diritti

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 DATA ORE ARGOMENTO NOTE

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 DATA ORE ARGOMENTO NOTE PROGRAMMA DIDATTICO / DATA ORE ARGOMENTO NOTE n. 1 3 marzo 6 ore PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEL PROGRAMMA DIDATTICO LA PROFESSIONE FORENSE E LA SPECIALIZZAZIONE, IN PARTICOLARE NEL DIRITTO DELLE RELAZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL COINVOLGIMENTO DEI BAMBINI NEI CONFLITTI ARMATI Gli Stati Contraenti il presente Protocollo, Incoraggiati dal travolgente

Dettagli

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE MC.DEC/7/14/Corr.1 1 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio dei ministri Basilea 2014 ITALIAN Original: ENGLISH Secondo giorno della ventunesima Riunione Giornale MC(21)

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA VII INDICE-SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni.... pag. XV Capitolo Primo PREMESSA 1. Premessa.... pag. 1 2. Evoluzione storica. Appalti urbanistica edilizia....» 2 3. Le norme applicabili....»

Dettagli

I diritti di difesa nella giurisprudenza della Corte EDU

I diritti di difesa nella giurisprudenza della Corte EDU I diritti di difesa nella giurisprudenza della Corte EDU Una breve premessa Le nozioni di accusa penale e materia penale (leading case: Engel ed altri c. Paesi Bassi): autonomia delle garanzie convenzionali

Dettagli

Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 77 e 87, quinto comma, della Costituzione;

Dettagli

PRESENTAZIONE UMBERTO LEANZA

PRESENTAZIONE UMBERTO LEANZA UMBERTO LEANZA Come noto, la c.d. legge Pinto, originata dalla necessità di adottare misure per l accelerazione dei giudizi, contiene la previsione di equa riparazione in caso di violazione del termine

Dettagli

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17 IL PENALISTA Sommario I. GLI INTERVENTI DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE pag. 9 1. Le modifiche al codice penale: aggravante comune, violenza sessuale, stalking, minaccia semplice pag. 9 2. La nuova aggravante

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 234 del Registro degli Organismi di Mediazione Programma CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Direzione scientifica: Avv. Andrea Sirotti

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 ORE ARGOMENTO NOTE DOCENTI 1 6 ore PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEL PROGRAMMA

Dettagli

Prefazione... Premessa... Elenco delle principali abbreviazioni... L EVOLUZIONE STORICA E L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DEL GIUDIZIO DIRETTISSIMO

Prefazione... Premessa... Elenco delle principali abbreviazioni... L EVOLUZIONE STORICA E L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DEL GIUDIZIO DIRETTISSIMO SOMMARIO Prefazione... Premessa... Elenco delle principali abbreviazioni... VII XV XIX CAPITOLO 1 di ALESSANDRO TRINCI L EVOLUZIONE STORICA E L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DEL GIUDIZIO DIRETTISSIMO 1. I

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1 - Ambito di applicazione del Regolamento Art. 2 - Segreteria Art. 3 - Responsabile Art. 4 - Mediatori Art. 5 - Avvio della Procedura di Mediazione Art. 6 - Luogo della

Dettagli

Raccolta della giurisprudenza

Raccolta della giurisprudenza Raccolta della giurisprudenza SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 13 marzo 2014 * «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2006/114/CE Nozioni di pubblicità ingannevole e di pubblicità comparativa Normativa nazionale

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO INDICE-SOMMARIO Introduzione... Avvertenze e abbreviazioni... XV XIX Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO 1.1.1. Sistemainquisitorioedaccusatorio...

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

PAOLA FOSSATI. Università degli Studi di Milano ASPETTI GIURIDICI E REGOLAMENTAZIONE EUROPEA DELLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE

PAOLA FOSSATI. Università degli Studi di Milano ASPETTI GIURIDICI E REGOLAMENTAZIONE EUROPEA DELLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE PAOLA FOSSATI Università degli Studi di Milano ASPETTI GIURIDICI E REGOLAMENTAZIONE EUROPEA DELLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE La nuova sensibilità nei confronti degli animali non umani e il progredire delle

Dettagli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli INDICE Premessa............................................. Introduzione al tema....................................... XIII XVII PARTE I SPORT E GIUSTIZIA I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI Valerio de GIOIA COME SI SCRIVE L ATTO GUIDA PRATICA E CONSIGLI OPERATIVI Con la collaborazione di Giovanna SPIRITO Carlo TANGARI PREMESSA Nella preparazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

Diritto Amministrativo e Scienze dell Amministrazione

Diritto Amministrativo e Scienze dell Amministrazione Master biennale di II livello Diritto Amministrativo e Scienze dell Amministrazione (In Sigla PLMA06) (1500 ore 60 CFU) Anno Accademico 2013/2014 2014/2015 1 Titolo DIRITTO AMMINISTRATIVO E SCIENZE DELL

Dettagli

Master di II livello. Diritto Amministrativo

Master di II livello. Diritto Amministrativo Master di II livello Diritto Amministrativo (MA-118) (1500 ore 60 CFU) Anno Accademico 2012/2013 1 Titolo DIRITTO AMMINISTRATIVO Direttore Prof. Franco Gaetano Scoca (Professore Emerito di Diritto Amministrativo

Dettagli

RIPARAZIONE PER VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI E ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

RIPARAZIONE PER VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI E ORDINAMENTO INTERNAZIONALE RIPARAZIONE PER VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI E ORDINAMENTO INTERNAZIONALE INDICE Abbreviazioni... p. XIII INTRODUZIONE LE MODIFICHE ALL ORDINAMENTO GIURIDICO INTERNAZIONALE E IL RUOLO DELL INDIVIDUO 1.

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Il libero convincimento

Il libero convincimento Il libero convincimento Prof. Tonino Di Bona Mezzi di prova Per "mezzi di prova" si intendono gli istituti giuridicoprocessuali preordinati per introdurre nel processo i dati di ricostruzione del fatto.

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 30.11.05 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità

Dettagli

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 gennaio 2015, n. 18-942 Approvazione Protocollo Operativo tra Ministero della Giustizia, Regione Piemonte, Anci Piemonte, Tribunale

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI CAPITOLO I CENNI STORICI: EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ADOZIONE 1. Introduzione... pag. 1 2. L'istituto dell'adozione

Dettagli

---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. ---------------------------------------

---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. --------------------------------------- ---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. --------------------------------------- REGOLAMENTO DELLA CAMERA DI CONCILIAZIONE NOTARILE -.-.- I - Definizione 1) La Camera di Conciliazione

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

VITTIMOLOGIA E POLITICA CRIMINALE: UN MATRIMONIO NECESSARIO

VITTIMOLOGIA E POLITICA CRIMINALE: UN MATRIMONIO NECESSARIO Cendon / Book DIRITTO PENALE PROFESSIONAL VITTIMOLOGIA E POLITICA CRIMINALE: UN MATRIMONIO NECESSARIO Annalisa Gasparre Edizione NOVEMBRE 2014 Copyright MMXIV KEY SRL VIA PALOMBO 29 03030 VICALVI (FR)

Dettagli

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013)

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) PREMESSE 1. L Associazione Medica Mondiale (WMA) ha elaborato la Dichiarazione di Helsinki come dichiarazione di principi etici per la ricerca medica che coinvolge

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA Amministrazione proponente: Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Titolo del provvedimento: Schema di decreto legislativo recante disposizioni sanzionatorie

Dettagli

CAPITOLO III CAPITOLO IV

CAPITOLO III CAPITOLO IV CAPITOLO I GLI EFFETTI PATRIMONIALI DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO 1. Gli effetti patrimoniali della separazione e del divorzio.... 2 2. La relazione con il c.d. regime primario della famiglia.... 5

Dettagli

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS C.P.C.) ED IL TENTATIVO OBBLIGATORIO DI MEDIAZIONE (ART. 5 COMMA I D.LGS. 28/2010): NON SI INTERPELLI LA SIBILLA PER CAPIRE SE OCCORRE «MEDIARE

Dettagli

L attività di recupero crediti in Europa:

L attività di recupero crediti in Europa: L attività di recupero crediti in Europa: analisi comparata e prospettive. 19 maggio 2008 Palazzo di Confindustria - sala G Viale dell Astronomia, 30 - Roma Dipartimento di Diritto Europeo Università degli

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro Proposta di Intesa 27 novembre 2012 LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CGIL, CISL, UIL PREMESSO - che l espressione violenza nei confronti delle donne designa ogni

Dettagli

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia Sommario XI Premessa alla nuova edizione Capitolo 1 Solidarietà familiare e sicurezza sociale nell assistenza alla famiglia 1 1. L assistenza (nella e) alla famiglia nel diritto delle persone fisiche 6

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA. Sezione I Il matrimonio civile. Origini e principi pag.

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA. Sezione I Il matrimonio civile. Origini e principi pag. INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA Il matrimonio civile. Origini e principi pag. 1. Il matrimonio come fondamento della famiglia. Evoluzione storica, disciplina costituzionale e principi

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I I MUTAMENTI DELLA FAMIGLIA E L OBBLIGO DI MANTENIMENTO DEL CONIUGE E DEI FIGLI

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I I MUTAMENTI DELLA FAMIGLIA E L OBBLIGO DI MANTENIMENTO DEL CONIUGE E DEI FIGLI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. VII Introduzione...» XI In memoria del compianto Bruno Schettini...» XIV Prefazione: Primo commento alle modifiche apportate dalla legge n. 219 del 10

Dettagli

- Nel 1995 è stata nominata al ruolo dei ricercatori universitari (Diritto processuale penale - Facoltà di Giurisprudenza, Como).

- Nel 1995 è stata nominata al ruolo dei ricercatori universitari (Diritto processuale penale - Facoltà di Giurisprudenza, Como). DANIELA VIGONI Curriculum vitae - Nel 1992 viene ammessa al corso di dottorato di ricerca in Diritto processuale penale comparato (Università degli Studi di Milano). Nel 1996 ha sostenuto con esito positivo

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol

Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol Avv. Barbara Sartori 24/09/2012 Il know-how aziendale Normativa comunitaria (Reg. CE 772/2004 art. 1, par. 1, lett. i) Il know

Dettagli

Testo adottato dalla Conferenza Generale dell UNESCO nel corso della sua 32ª sessione svoltasi a Parigi e conclusasi il 17 ottobre 2003

Testo adottato dalla Conferenza Generale dell UNESCO nel corso della sua 32ª sessione svoltasi a Parigi e conclusasi il 17 ottobre 2003 CARTA SULLA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO DIGITALE Testo adottato dalla Conferenza Generale dell UNESCO nel corso della sua 32ª sessione svoltasi a Parigi e conclusasi il 17 ottobre 2003 Traduzione non

Dettagli

ETICA, DEONTOLOGIA, RESPONSABILITA SOCIALE DELL AVVOCATO/RAPPRESENTANTE DEL MINORE

ETICA, DEONTOLOGIA, RESPONSABILITA SOCIALE DELL AVVOCATO/RAPPRESENTANTE DEL MINORE CAMERA MINORILE IN CAMMINO Camera Minorile Nazionale www.cameraminorile.com nazionale@cameraminorile.com ETICA, DEONTOLOGIA, RESPONSABILITA SOCIALE DELL AVVOCATO/RAPPRESENTANTE DEL MINORE Documento a cura

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c.

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Policy di Classificazione della Clientela Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Deliberata dal C.d.A. del 9 settembre 2015 BCC Bergamasca e Orobica s.c. Policy classificazione clientela

Dettagli

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova Piazza Vittorio Emanuele 46040 Monzambano tel. 0376800502 fax 0376809348 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 20 giugno 2002, n. L 162. Entrata in vigore il 20 giugno 2002.

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 20 giugno 2002, n. L 162. Entrata in vigore il 20 giugno 2002. Dec. 2002/465/GAI del 13 giugno 2002 (1). Decisione quadro del Consiglio relativa alle squadre investigative comuni. (1) Pubblicata nella G.U.C.E. 20 giugno 2002, n. L 162. Entrata in vigore il 20 giugno

Dettagli

proposta di legge n. 404

proposta di legge n. 404 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 404 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELL AFFIDO DELLE PERSONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli