L. Lupária (a cura di), Lo statuto europeo delle vittime di reato. Modelli di tutela tra diritto dell Unione e buone pratiche nazionali.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L. Lupária (a cura di), Lo statuto europeo delle vittime di reato. Modelli di tutela tra diritto dell Unione e buone pratiche nazionali."

Transcript

1 L. Lupária (a cura di), Lo statuto europeo delle vittime di reato. Modelli di tutela tra diritto dell Unione e buone pratiche nazionali.

2 GIUSTIZIA PENALE EUROPEA Diretta da S. Allegrezza, M. Gialuz, K. Ligeti, L. Lupária, G. Ormazabal, R. Parizot 2

3 LO STATUTO EUROPEO DELLE VITTIME DI REATO Modelli di tutela tra diritto dell Unione e buone pratiche nazionali a cura di Luca Lupária 2015

4 Progetto di ricerca Good practices for protecting victims inside and outside the criminal process, finanziato dalla Commissione europea nel quadro del programma Criminal Justice (JUST/2011/JPEN/AG/2901) - PROPRIETÀ LETTERARIA RISERVATA Copyright 2015 Wolters Kluwer Italia Srl ISBN PROPRIETÀ LETTERARIA RISERVATA I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale, Copyright con qualsiasi 2015 Wolters mezzo (compresi Kluwer Italia i microfilm Srl e le copie fotostatiche), sono riservati per tutti i Paesi. Le fotocopie per uso personale ISBN del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso I diritti previsto di traduzione, dall art. 68, di commi memorizzazione 4 e 5 della legge elettronica, 22 aprile di1941, riproduzione n e di adattamento riproduzioni totale o parziale, diverse da conquelle qualsiasi sopra mezzo indicate (compresi (per usoi non microfilm personale e copie cioè, foto- a ti- Le tolo statiche), esemplificativo, sono riservati commerciale, per tutti i Paesi. economico o professionale e/o oltre il limite del Le fotocopie 15%) potranno per usoavvenire personale solo delalettore seguito possono di specifica essereautorizzazione effettuate nei limiti rilasciata del 15% da EDISER di ciascunsrl, volume/fascicolo società di servizi didell Associazione periodico dietro pagamento Italiana Editori, alla SIAE attraverso del compenso previsto CLEARedi dall art. Centro 68, commi Licenze4 ee Autorizzazioni 5 della legge 22Riproduzioni aprile 1941, Editoriali. n Informa- il marchizioni: Le riproduzioni diverse da quelle sopra indicate (per uso non personale cioè, a titolo esemplificativo, dei testi, commerciale, anche se curata economico scrupolosa o professionale attenzione, e/o nonoltre può compor- il limite L elaborazione tare del 15%) specifiche potranno responsabilità avvenireper soloeventuali a seguitoinvolontari di specifica errori autorizzazione o inesattezze. rilasciata da EDISER Srl, società di servizi dell Associazione Italiana Editori, attraverso il marchio CLEARedi Centro Licenze e Autorizzazioni Riproduzioni Editoriali. Informazioni: L elaborazione dei testi, anche se curata con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità per eventuali involontari errori o inesattezze. Stampato in Italia - Printed in Italy Stampato da GECA s.r.l. - Via Monferrato, San Giuliano Milanese (MI) Stampato in Italia - Printed in Italy Stampato da GECA s.r.l. - Via Monferrato, San Giuliano Milanese (MI)

5 INDICE DELL OPERA INTRODUZIONE di Luca Lupária... pag. XVII PARTE PRIMA VITTIME DI REATO E GIUSTIZIA PENALE: INDICAZIONI SOVRANAZIONALI E PROBLEMI DI FONDO CAPITOLO I IL RUOLO DELLA VITTIMA NELLA DIRETTIVA 2012/29/UE di Silvia Allegrezza 1. Evoluzioni e involuzioni della tutela della vittima: cenni al contesto normativo europeo... pag Principi generali, definizioni e obiettivi...» 5 3. Diritto all informazione e assistenza...» 8 4. Diritto di accesso ai servizi di assistenza alle vittime...» Diritto alla partecipazione al procedimento penale...» Diritto alla protezione...» Tutela individualizzata e protezione dalla vittimizzazione secondaria...» 17 CAPITOLO II LA PROTEZIONE DELLA VITTIMA TRA CORTE EDU E CORTE DI GIUSTIZIA di Mitja Gialuz 1. Premessa... pag La giurisprudenza della Corte di giustizia: i confini della nozione di vittima...» (segue): la posizione della vittima nel processo e i suoi diritti...» La Corte di Strasburgo: alla ricerca di un equilibrio tra protezione della vittima vulnerabile e fair trial...» 24

6 VI INDICE DELL OPERA 5. (segue): gli obblighi di criminalizzazione e di indagine a tutela della vittima... pag. 27 CAPITOLO III LE CONVENZIONI DI LANZAROTE E ISTANBUL: UN QUADRO D INSIEME di Stefania Martelli 1. La Convenzione di Lanzarote... pag La Convenzione di Istanbul...» 38 CAPITOLO IV VITTIME E GIUSTIZIA PENALE INTERNAZIONALE di Chantal Meloni 1. Lo statuto delle vittime davanti ai tribunali penali internazionali del passato: cenni... pag Ruolo e partecipazione delle vittime davanti alla Corte Penale Internazionale...» La nozione di vittima ai sensi dello Statuto di Roma...» Breve inquadramento del sistema di partecipazione e protezione...» Ratio della partecipazione e ruolo delle vittime alla luce delle peculiari caratteristiche dei tribunali internazionali...» 59 CAPITOLO V LA VITTIMA COME TESTIMONE di Giulio Illuminati 1. La vittima in veste di soggetto del processo...» La testimonianza della vittima come facoltà e come dovere...» Diritto della vittima di essere ascoltata e testimonianza» Vittima vulnerabile e misure di protezione...» Testimonianza e vittimizzazione secondaria...» Il contraddittorio attenuato...» Valutazione della testimonianza...» 76

7 INDICE DELL OPERA VII PARTE SECONDA LA POSIZIONE DELLA VITTIMA NEI SISTEMI PROCESSUALI EUROPEI CAPITOLO VI LA PARTECIPAZIONE DELLE VITTIME NEL PROCESSO PENALE FRANCESE: STATO DEI LUOGHI E NUOVI SCENARI di Mathieu Jacquelin 1. Introduzione... pag Le prerogative procedurali...» Il diritto di essere sentiti e di poter fornire elementi di prova...» Il diritto di chiedere il riesame in caso di non esercizio dell azione penale...» Le prospettive patrimoniali della vittima...» Il diritto alla restituzione dei beni sequestrati...» Il diritto di ottenere una decisione in merito al risarcimento da parte dell autore del reato...» 95 CAPITOLO VII IL SISTEMA ITALIANO DI TUTELA DELLA VITTIMA DEL REATO: ANALISI E PROSPETTIVE di Guido Todaro 1. Premessa... pag Gli obblighi informativi...» La partecipazione della vittima al procedimento...» Il diritto di essere sentiti: il paradosso dell incidente probatorio...» 109 CAPITOLO VIII LA PERSONA OFFESA IN SPAGNA ALLA LUCE DEL PROGETTO DI LEGGE SULLO STATUTO PROCESSUALE DELLA VITTIMA DI REATO di Juan Burgos Ladrόn de Guevara 1. Introduzione... pag Diritti comuni della vittima...» La protezione e il riconoscimento della vittima...» 120

8 VIII INDICE DELL OPERA 4. Conclusioni... pag. 125 CAPITOLO IX DIRITTO DELLA VITTIMA DI PARTECIPARE AL PROCESSO E ACUSACIÓN PARTICULAR NELLA PROCEDURA PENALE SPAGNOLA di Ángel Tinoco Pastrana 1. Premesse... pag L'accusa privata...» Introduzione...» Legittimazione...» Requisiti di attività...» Spese del procedimento...» Il diritto di informazione e partecipazione della vittima che non è acusador particular...» 134 PARTE TERZA LE NORME MINIME CONTENUTE NELLA DIRETTIVA 29/2012 E LE RISPOSTE NAZIONALI: UN ANALISI COMPARATIVA SEZIONE PRIMA LA GIUSTIZIA RIPARATIVA CAPITOLO X LA GIUSTIZIA RIPARATIVA IN FRANCIA QUADRO ATTUALE E IPOTESI DI SVILUPPO di Marc Toullier 1. Un approccio diverso alla giustizia... pag Altri mezzi per garantire la giustizia...» L assenza di un riconoscimento ufficiale della giustizia riparativa nel diritto francese...» Le aspettative legate allo sviluppo della giustizia riparativa nel diritto internazionale ed europeo...» La disciplina della giustizia riparativa nella direttiva...» Approccio del problema...» Il recepimento della giustizia riparativa nel diritto francese...» Un apertura reale. La consacrazione della mediazione penale...» 144

9 INDICE DELL OPERA IX 7.2. Lo scarso ricorso alla mediazione penale... pag Le manifestazioni indirette di apertura alla giustizia riparativa...» Un apertura insufficiente. Le mancanze intrinseche del diritto francese...» Necessità di ridimensionare tali mancanze alla luce del contenuto della direttiva...» Uno stato dei luoghi insoddisfacente...» Il rinnovamento della giustizia riparativa nel diritto francese...» Una questione di fini. La ricerca di un equilibrio tra le finalità della giustizia riparativa...» Allontanamento dall ossessione di una giustizia diretta al solo autore del reato...» Nuovi percorsi...» Evitare la compassione eccessiva per le vittime di reati...» Una questione di mezzi. La creazione di misure di giustizia riparativa...» Riformare le sanzioni penali e l esecuzione delle pene alla luce della filosofia della giustizia riparativa...» Sviluppare la formazione professionale...» Prospettive incoraggianti...» 152 CAPITOLO XI ESPERIMENTI DI GIUSTIZIA RIPARATIVA NELL ORDINAMENTO ITALIANO di Martina Cagossi 1. Brevi premesse in tema di restorative justice... pag Il difficile inserimento di pratiche mediative all interno del procedimento penale italiano...» Dubbi di legittimità costituzionale...» Le prime ipotesi di giustizia riparativa nell ordinamento italiano...» La mediazione nell ambito della giustizia penale minorile...» Tentativi di conciliazione innanzi al giudice di pace...» Il nuovo istituto della messa alla prova per adulti e l ingresso del termine mediazione nel Codice di procedura penale italiano...» 162

10 X INDICE DELL OPERA CAPITOLO XII LA GIUSTIZIA RIPARATIVA NEL SISTEMA SPAGNOLO di Mar Jimeno Bulnes 1. Introduzione... pag Normativa attuale...» Proposte di legge...» Conclusioni...» 179 CAPITOLO XIII NOTAZIONI COMPARATE di Michele Caianiello 1. Punti in comune e differenze... pag Alle radici del problema?...» 185 SEZIONE SECONDA LA VIOLENZA DI GENERE CAPITOLO XIV LE MISURE DI PROTEZIONE DELLE VITTIME DI VIOLENZE CONIUGALI IN FRANCIA di Julie Alix 1. Premessa... pag Il fondamento del sistema di protezione...» Il contesto sociologico...» Il contesto giuridico...» Il contenuto delle disposizioni di protezione nel diritto francese...» La protezione mediante allontanamento...» La protezione mediante privazione della libertà..» 203 CAPITOLO XV VITTIME DI VIOLENZA DOMESTICA E SISTEMA PENALE ITALIANO di Silvia Allegrezza e Stefania Martelli 1. Refusi culturali e disagi contemporanei: verso una politica penale vittimocentrica?... pag. 207

11 INDICE DELL OPERA XI 2. La protezione penale della vittima: analisi delle modifiche apportate al diritto penale sostanziale... pag Il quadro delle modifiche al diritto processuale penale.» 213 CAPITOLO XVI VIOLENZA DI GENERE E GIUSTIZIA PENALE IN SPAGNA di Carmen Requejo Conde 1. Introduzione... pag Il trattamento della vittima di violenza di genere nel Codice penale spagnolo...» La vittima di violenza domestica nel Progetto di Legge organica del Codice penale spagnolo...» La protezione delle vittime di violenza di genere nella direttiva del 2012 e nel progetto spagnolo per uno statuto della vittima di reato...» 232 CAPITOLO XVII NOTAZIONI COMPARATE di Luca Luparia 1. La violenza di genere: un laboratorio per la tutela della vittima o un fattore di disequilibrio per il sistema penale?... pag Punti d incontro e distanze incolmabili tra modelli europei alla luce dell analisi comparativa...» Riflessioni conclusive...» 242 SEZIONE TERZA LE VITTIME VULNERABILI CAPITOLO XVIII IL TRATTAMENTO DELLE VITTIME CON ESIGENZE SPECIFICHE (IN PARTICOLARE I MINORI) NEL SISTEMA FRANCESE di Sabrina Delattre 1. Introduzione... pag Punti in cui la Francia consegue una buona pagella...» Disposizioni francesi conformi alla direttiva...» 248

12 XII INDICE DELL OPERA 2.2. Disposizioni francesi ancora più tutelanti delle norme minime della Direttiva... pag Punti in cui per l'attuazione della direttiva occorrono modifiche o miglioramenti...» Il limitato campo di applicazione del quadro normativo francese...» Verso un procedimento giudiziario a misura di minore?...» Conclusione: le buone prassi...» 254 CAPITOLO XIX EPPUR SI MUOVE: LA TUTELA DELLE VITTIME PARTICOLARMENTE VULNERABILI NEL PROCESSO PENALE ITALIANO di Hervé Belluta 1. Fotogrammi di un sistema dinamico... pag La tutela della fonte vulnerabile durante le indagini preliminari...» L incidente probatorio...» Il dibattimento: tra letture e oralità...» La protezione della vittima dall imputato...» 268 CAPITOLO XX IL MINORE VITTIMA DI AGGRESSIONE E ABUSO SESSUALE DOPO LA RIFORMA DEL CODICE PENALE SPAGNOLO di Antonia Monge Fernandez 1. Introduzione... pag Abuso e aggressione sessuale di minori di quindici anni...» Aggressione sessuale...» Abuso sessuale...» La questione del contatto fisico...» L assenza di violenza o intimidazione...» Il consenso della vittima...» La costrizione di un minore ad avere incontri sessuali..» Child grooming...» 283

13 INDICE DELL OPERA XIII CAPITOLO XXI NOTAZIONI COMPARATE di Raphaële Parizot 1. Come intendere le vittime con specifiche esigenze di protezione?... pag Come prendere in considerazione le vittime con specifiche esigenze di protezione?...» 289 SEZIONE QUARTA RISARCIMENTO E INDENNIZZO DELLE VITTIME CAPITOLO XXII L INDENNIZZAZIONE DELLE VITTIME DI REATO IN FRANCIA di Isabelle Sadowski 1. Introduzione... pag Presentazione del sistema di indennizzo delle vittime in Francia...» La pietra angolare per l indennizzo delle vittime di reato: il FGTI...» Un sistema in linea con le aspettative delle vittime...» Conformità alle esigenze europee? I primi testi europei sull indennizzo delle vittime...» Le conquiste recenti e la direttiva del 25 ottobre » Una sfida importante: l efficacia del diritto al risarcimento delle vittime...» Il ruolo delle organizzazioni di aiuto alle vittime» Per concludere...» 304 CAPITOLO XXIII IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA REATO NEL SISTEMA PENALE ITALIANO A FRONTE DEI VINCOLI EUROPEI di Marco Scoletta 1. Gli obblighi risarcitori nelle fonti normative dell Unione Europea... pag. 307

14 XIV INDICE DELL OPERA 2. La previsione del risarcimento del danno da reato nell ordinamento penale italiano... pag L effettività della tutela risarcitoria e la politica dei fondi di solidarietà...» L attuazione delle Direttiva 2004/80/CE e i dubbi di discriminazione al rovescio nella disciplina indennitaria...» Gli istituti premiali di incoraggiamento del risarcimento del danno da reato...» 314 CAPITOLO XXIV IL RISARCIMENTO DELLA VITTIMA NEL PROCEDIMENTO PENALE SPAGNOLO di Ana Ochoa Casteleiro 1. Premessa... pag Diritto della vittima al risarcimento nel processo penale...» La responsabilità civile derivante da reato nell ordinamento spagnolo...» Aspetti processuali della responsabilità civile...» Aspetti sostanziali. Contenuto della responsabilità civile...» Quantificazione del danno...» Persone civilmente responsabili nei confronti della vittima di reato...» Modalità di adempimento...» La protezione della vittima in ambito penitenziario in relazione alla responsabilità civile...» Conclusioni...» 332 CAPITOLO XXV NOTAZIONI COMPARATE di Juan Burgos Ladrón de Guevara 1. Confronto tra gli ordinamenti oggetto di studio... pag Conclusioni...» 336

15 INDICE DELL OPERA XV CONCLUSIONI QUALI BUONE PRASSI IN MATERIA DI PROTEZIONE DELLE VITTIME? di Luca Lupária e Raphaële Parizot 1. Una premessa sul metodo... pag Alla ricerca di buone pratiche nel panorama comparativo...» L informazione e il sostegno delle vittime...» La partecipazione della vittima al procedimento penale...» Opinione pubblica e vittima del reato...» Conclusioni...» 345

16

17 INTRODUZIONE di Luca Lupária La presente Opera costituisce uno dei principali risultati scientifici del progetto Good practices for protecting victims inside and outside the criminal process, finanziato dalla Commissione europea nel quadro del programma Criminal Justice (Just/2011/JPEN/AG/2901). La ricerca è stata diretta dallo scrivente e condotta dall Università degli Studi di Milano in collaborazione con l Università di Bologna (prof.ssa Silvia Allegrezza), l Universidad de Sevilla (prof. Juan Burgos Ladrón de Guevara) e l Association de Recherches Pénales Européennes di Parigi (prof.ssa Raphaële Parizot). Le singole unità di investigazione, oltre che dai coordinatori, sono state composte da vari professori e cultori di discipline penalistiche: Novella Galantini, Marco Scoletta, Chantal Meloni, Martina Cagossi (Milano); Giulio Illuminati, Michele Caianiello, Guido Todaro, Stefania Martelli (Bologna); Antonia Monge Fernandez, Angel Tinoco Pastrana, Carmen Requejo Conde, Ana Ochoa Casteleiro (Siviglia); Julie Alix, Mathieu Jacquelin (ARPE, Parigi). Tra gli ulteriori esiti dell attività scientifica meritano qui un cenno i convegni organizzati a Bologna (L immane concretezza della vittima: buone pratiche e sviluppi normativi alla luce della Direttiva 2012/29/UE, Facoltà di Giurisprudenza, 12 aprile 2013), Siviglia (La protección de la Víctima en la nueva Directiva de la UE y su Estatuto Procesal, Paraninfo dell Università, 7 novembre 2013) e Parigi (La victime dans le procès pénal après la Directive 2012/29/EU. Comparaison des systèmes français, espagnol et italien, Anfiteatro Liard dell Università Sorbona, 27 marzo 2014), oltre alla conferenza internazionale di chiusura del progetto tenutasi a Milano (Vittime di reato e giustizia penale. Standard europei e buone pratiche nazionali, Sala Napoleonica dell Università, 9-10 ottobre 2014). A questi incontri di studio hanno preso parte docenti di

18 XVIII INTRODUZIONE Università europee e americane, giudici di vari Stati dell Unione, psicologi, avvocati e altri professionisti specializzati nella protezione della persona offesa in ambito processuale ed extragiudiziale. Il volume, diffuso anche all estero nella versione in lingua inglese, si propone di offrire alla Commissione europea e alla comunità degli studiosi una serie di linee interpretative sulla figura della vittima a due anni dalla emanazione della Direttiva n. 29/2012. In un momento storico che vede i Paesi della UE ripensare nel complesso lo statuto della persona offesa nei propri sistemi penali, l esperienza dei tre Paesi oggetto di analisi (Francia, Italia e Spagna) può certamente fornire indicazioni utili anche agli altri membri del partenariato continentale. L intera impostazione del lavoro è stata infatti mirata al raggiungimento di approdi ermeneutici capaci di essere applicati a contesti similari, oltre che orientata verso riflessioni di ampio respiro sui diritti e sulle garanzie da accordare alla vittima, anche in rapporto alla figura dell imputato. Di certo, la Direttiva 2012/29/UE, con il suo pendant di provvedimenti satellite (le Direttive sulla tratta di esseri umani, sulla violenza sessuale, sull ordine di protezione penale, tra le altre) e di accordi internazionali da leggere in maniera congiunta (le Convenzioni di Lanzarote e Istanbul, in particolare) rappresenta per i prossimi anni un vero e proprio snodo per le politiche criminali, di matrice sostanziale e processuale, dei legislatori europei. Non tanto per le singole indicazioni da attuare a livello nazionale (diritti di informazione, assistenza linguistica, accesso alla giustizia, garanzie di protezione, e via discorrendo) quanto per la necessità, imposta dal testo europeo, di definire una chiara posizione sistemica all offeso. È questo forse il compito più difficile per ordinamenti spesso caratterizzati da un posizionamento organico della vittima contraddittorio o incoerente e da una incompiuta ricerca del giusto equilibrio con le fondamentali prerogative dell accusato. Gli scritti qui raccolti sono stati suddivisi in tre sezioni. Una prima è dedicata ai profili di ordine generale, tra i quali l esegesi del contenuto della Direttiva, l esame dei problemi di fondo correlati alla figura della vittima nel processo penale e lo studio delle esperienze maturate sul terreno della giustizia penale internazionale. Una seconda parte esplora lo spettro dei diritti e delle garanzie che i tre sistemi giudiziari presi a modello prevedono in favore delle vittime, con particolare riguardo alle re-

19 INTRODUZIONE XIX centi riforme approvate e a quelle attualmente in cantiere. La parte finale del volume mira invece a declinare sul piano delle esperienze nazionali quattro specifici aspetti della Direttiva (la giustizia riparativa; la tutela delle vittime della violenza di genere; il trattamento della condizione di vulnerabilità; il diritto al risarcimento del danno), tramite un approccio comparato volto ad individuare tratti comuni e possibilità di trapianti delle soluzioni che hanno dato buona prova nella dimensione operativa e che possono dunque assurgere al ruolo di buone pratiche su scala europea. Confidiamo che questo nostro documento di lavoro possa risultare di qualche utilità per l attuale dibattito circa le forme di recepimento degli standard europei in materia di tutela della vittima e, per altro verso, possa fornire spunti immediatamente fruibili da parte di avvocati, giudici e professionisti impegnati sul campo. L attenzione alle buone pratiche che ha informato tutto il percorso d indagine, infatti, discende proprio dalla consapevolezza che, molto spesso, al di là dei principi magniloquenti e dei congegni processuali ad alto contenuto tecnico, la protezione delle vittime passa attraverso pratiche quotidiane e corrette linee di comportamento da parte degli operatori. È anche su questo terreno che si può misurare la capacità della macchina giudiziale di farsi carico della fragilità psicologica della vittima e del suo bisogno di essere accompagnata, informata e protetta lungo il dipanarsi del processo. Novembre 2014 Prof. Luca Lupária Responsabile scientifico del progetto di ricerca

20

21 PARTE PRIMA VITTIME DI REATO E GIUSTIZIA PENALE: INDICAZIONI SOVRANAZIONALI E PROBLEMI DI FONDO

22

23 CAPITOLO I IL RUOLO DELLA VITTIMA NELLA DIRETTIVA 2012/29/UE di Silvia Allegrezza SOMMARIO: 1. Evoluzioni e involuzioni della tutela della vittima: cenni al contesto normativo europeo. 2. Principi generali, definizioni e obiettivi. 3. Diritto all informazione e assistenza. 4. Diritto di accesso ai servizi di assistenza alle vittime. 5. Diritto alla partecipazione al procedimento penale. 6. Diritto alla protezione. 7. Tutela individualizzata e protezione dalla vittimizzazione secondaria. 1. Evoluzioni e involuzioni della tutela della vittima: cenni al contesto normativo europeo La protezione penale della vittima resta una priorità dell Unione e la direttiva 2012/29/UE lo conferma. Primo soggetto processuale a ricevere tutela penale dal diritto comunitario, in forza della decisione quadro 2001/220/GAI 1, la persona offesa trova oggi ribaditi e rafforzati dalla suddetta direttiva i diritti e le garanzie già riconosciute alla stessa dalla previgente decisione quadro. Anzi, la direttiva in oggetto intensifica la spinta europea affinché la giustizia penale diventi sempre più un momento di inclusione, un forum per tutte le vittime 2. 1 Oltre che da altri testi normativi quali la direttiva 2004/80/CE del 29 aprile 2004 relativa all indennizzo delle vittime di reato nelle situazioni transfrontaliere, su cui si veda R. MASTROIANNI, Un inadempimento odioso: la direttiva sulla tutela delle vittime dei reati, in Quad. cost., 2008, p Per un analisi della decisione-quadro, v. S. ALLEGREZZA-H. BELLUTA, M. GIALUZ, L. LUPARIA, Lo scudo e la spada. Esigenze di protezione e poteri delle vittime nel processo penale tra Europa e Italia, Torino, 2012; D. SAVY, La vittima dei reati nell Unione europea. Le esigenze di tutela dei diritti fondamentali e la complementarietà della disciplina penale e civile, Milano, 2013, p L. CORNACCHIA, Vittime e giustizia penale, in Riv. it. dir. proc. pen., 2013, p Si noti la convergenza con quanto sostenuto da parte della dot-

24 4 CAPITOLO I L adozione del Trattato di Lisbona offre una solida base legale per la revisione ed il rafforzamento di quel testo: l art. 82(2) TFUE prevede la possibilità di istituire norme minime per la tutela delle vittime del reato. La successiva road map del Consiglio, adottata a Budapest il 10 giugno 2011, sviluppa le indicazioni del trattato ed invita esplicitamente gli organi comunitari a muoversi in tale direzione. L obiettivo della nuova direttiva è quello di rivedere ed integrare i principi enunciati dalla decisione quadro 3. Emerge sin da subito la particolare attenzione alla violenza contro le donne e contro i bambini in quanto vittime vulnerabili. La nuova direttiva segue, infatti, l adozione di alcuni fondamentali testi in seno al Consiglio d Europa, in particolare la Convenzione di Istanbul e la Convenzione di Lanzarote 4. Anche restando in ambito comunitario in senso stretto, la direttiva non rappresenta l unico testo in favore della vittima. Due direttive del 2011 si occupano di particolari categorie di vittime, nello specifico della tratta di esseri umani, dello sfruttamento sessuale dei minori e della pornografia 5. Un ulteriore iniziativa legislativa si preoccupa di favorire il mutuo riconoscimento delle misure di protezione in materia penale istituendo l ordine europeo di protezione penale, utile strumento processuale al fine di garantire alla vittima la possibilità di essere protetta anche oltre i confini dello Stato di emissione dell ordine 6. trina nordamericana, che parla di victim participation model, cfr. D.E. BE- LOOF, The Third Model of Criminal Process, The Victim Participation Model, in Utah L. Rev., 1999, 2, p. 289 s. Parla esplicitamente di protagonismo, S. LORUSSO, Le conseguenze del reato. Verso un protagonismo della vittima nel processo penale?, in Dir. pen. proc., 2013, p Considerando n. 4 del Preambolo. 4 Si veda il contributo di S. MARTELLI, Le Convenzioni di Lanzarote e di Istanbul: un quadro complessivo, in questo volume, Capitolo III. 5 Direttiva 2011/36/UE del 5 aprile 2011 concernente la prevenzione e la repressione della tratta di esseri umani e la protezione delle vittime (in tema si vedano T. OBOKATA, A Human Rights Framework to Address Trafficking of Human Beings, in Netherlands Quarterly of Human Rights, v. 24, 3, 2006, p. 379; F. SPIEZIA - M. SIMONATO, La prima direttiva UE di diritto penale sulla tratta di esseri umani, in Cass. pen., 2011, p s.) e la direttiva 2011/92/UE del 13 dicembre 2011 relativa alla lotta contro l abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografia minorile. 6 Direttiva 2011/99/UE del 13 dicembre 2011 sull ordine di protezione europeo. Cfr. T. JIMÉNEZ BECERRIL - C. ROMERO LOPEZ, The European Protection Order, in Eucrim, 2011, 2, p. 76 s.

25 IL RUOLO DELLA VITTIMA NELLA DIRETTIVA 2012/29/UE 5 Il testo in esame completa ed arricchisce il quadro normativo europeo offrendo al giudice nazionale la forza intrinseca del nuovo strumento. Non più e non solo l interpretazione conforme al diritto europeo, come accadeva con la previgente decisione quadro dopo la decisione nel caso Pupino, ma anche la diretta applicabilità delle norme self executing della direttiva e nuove chances di ricorrere alla Corte di giustizia. Al passaggio dal modello decisione-quadro al modello direttiva segue infatti un incremento sostanziale della forza di penetrazione dell atto legislativo europeo nei sistemi nazionali. 2. Principi generali, definizioni e obiettivi Il testo in esame muove dalla precisazione del duplice obiettivo perseguito: da un lato, garantire alle vittime informazione, assistenza e protezione adeguate, anche a prescindere dall esistenza di un accertamento penale; dall altro, offrire loro la possibilità di partecipare al procedimento penale. Le due sfere di protezione sembrano però regolate in modo differente. L intensità della tutela offerta varia a seconda dell obiettivo perseguito. Il diritto all informazione e all assistenza riceve un pieno riconoscimento, tanto che la direttiva si esprime sempre all indicativo, quasi ad esprimere la volontà di obbligare gli Stati membri ad adottare alcune misure. Non è consentita, in questo settore, una discrezionalità locale legata alle peculiarità del sistema. Al contrario, si badi, la direttiva non giunge a riconoscere alla vittima un vero e proprio diritto al processo penale 7, né un diritto a partecipare al processo, qualora ve ne sia uno. La direttiva è costellata da clausole di salvaguardia di vario genere: se tale diritto esiste nell ordinamento nazionale, o a seconda del ruolo della vittima nel pertinente sistema giudiziario. Come interpretare tali clausole? Esse disegnano un sistema di tutela a geografia variabile, legata alle coordinate di base dell ordinamento di riferimento, su cui l Unione europea poggia 7 Per una panoramica sul diritto al processo per le vittime nella giurisprudenza della CEDU, v. M. CHIAVARIO, Il «diritto al processo» delle vittime dei reati e la Corte europea dei diritti dell uomo, in Riv. dir. proc., 2001, p Offre un affresco aggiornato, M. SIMONATO, Deposizione della vittima e giustizia penale, Padova, 2014, p. 53 s. Per un quadro sulle cd. Positive obligations stabilite dalla CEDU, si veda M. KLATT, Positive Obligations under the European Convention on Human Rights, in ZaöRV 71, 2011, p. 691 s.

26 6 CAPITOLO I la propria opera armonizzatrice senza poterne modificare l essenza. L iniezione di contenuti europei nei sistemi nazionali si deve arrestare di fronte alle scelte nazionali di limitare il ruolo della vittima nella dinamica processuale. Emerge quindi l assenza di una vera opera di armonizzazione sul ruolo della vittima nel rito penale. Sibillina, in proposito, la parte finale del considerando n. 20 in cui si prevede che gli Stati membri dovrebbero stabilire quale di questi criteri si applica per determinare la portata dei diritti previsti dalla presente direttiva, laddove vi sono riferimenti al ruolo della vittima nel pertinente sistema giudiziario penale. Cosa accade, allora, qualora l ordinamento interno non faccia riferimento alcuno alla vittima? Quanto all applicazione temporale dei diritti riconosciuti dalla direttiva, il considerando n. 22 stabilisce che essi decorrano dalla presentazione della denuncia o dall avvio d ufficio delle indagini. Un arco temporale molto ampio risulta affatto opportuno, poiché è noto che la fase di maggior delicatezza per la vittima è proprio quella delle prime indagini e le esigenze di protezione non si arrestano con l esecuzione della condanna definitiva. Sulla scia della precedente decisione quadro del 2001, anche la direttiva in esame offre alcune definizioni generali, fra cui quella di vittima del reato. Il concetto, di matrice criminologica 8, viene infatti diversamente declinato nei sistemi nazionali. È quindi fondamentale chiarire a quali soggetti sia diretta la tutela in chiave comunitaria. Ai sensi dell art. 2(1), sono da considerare vittima sia la «persona fisica che ha subito un danno, anche fisico, mentale o emotivo, o perdite economiche che sono stati causati direttamente da un reato», sia il «familiare di una persona la cui morte è stata causata direttamente da un reato e che ha subito un danno in conseguenza della morte di tale persona» 9. 8 Sul punto si veda T. PITCH, Qualche considerazione sulla nozione di vittima, in A. BOSI - S. MANGHI (a cura di), Lo sguardo della vittima. Nuove sfide alla civiltià delle relazioni. Scritti in onore di Carmine Ventimiglia, Milano, 2009, p. 48; M. SIMONATO, Deposizione della vittima e giustizia penale, cit., p. 13; T. RAFARACI, La tutela della vittima nel sistema penale delle garanzie, in Criminalia, 2010, p. 258, osserva che «[i]l termine, di marca criminologica e di derivazione internazionale, è usato in diversi contesti e non ha contorni di significato nettamente segnati». 9 Vd. art. 2 della direttiva 2012/29/UE (vd. infra, 2.7) la quale specifica che per familiare si deve intendere «il coniuge, la persona che convive

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA Varsavia, 16.V.2005 Traduzione in italiano a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Indice RINGRAZIAMENTI... 1

Indice RINGRAZIAMENTI... 1 Indice RINGRAZIAMENTI... 1 INTRODUZIONE... 2 Nuove prospettive nella tutela del minore: Il progetto CURE e gli altri strumenti internazionali (a cura di Emilia De Bellis e Piero Forno)... 2 IL QUADRO INTERNAZIONALE...

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

COMMENTO GENERALE N. 12

COMMENTO GENERALE N. 12 COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMMENTO GENERALE N. 12 Il diritto del bambino e dell adolescente di essere ascoltato uniti per i bambini COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/GC/12 Cinquantunesima

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O Pubblicazioni Centro Studi per la Pace CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O TRATTAMENTI CRUDELI, INUMANI O DEGRADANTI Conclusa a New York il 10 dicembre 1984 Gli Stati Parte della presente Convenzione,

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art.

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. 1, comma 1, lett. m, della legge 28 aprile 2014, n. 67 RELAZIONE Lo

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo così come modificata dai Protocolli nn. 11 e 14 Protocolli nn. 1, 4, 6, 7, 12 e 13 Il testo della Convenzione è presentato

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica Serie dei Trattati del Consiglio d Europa N 210 Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica Istanbul, 11 maggio

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Corte. dei Diritti DOMANDE ITA?

Corte. dei Diritti DOMANDE ITA? Corte Europea LA CEDU dei Diritti dell Uomo IN 50 DOMANDE ITA? AN COURT OF HUM La CEDU in 50 Domande A cura del Servizio Pubbliche Relazioni della Corte, questo documento, non vincolante per la Corte,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE ANNO 2013 Il nuovo logo del Centro per la mediazione è stato elaborato da Bottega Grafica, progetto educativo dell Istituto Penale per i Minorenni di Treviso,

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli