La valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico quale leva di sviluppo del territorio Il caso Regione Siciliana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico quale leva di sviluppo del territorio Il caso Regione Siciliana"

Transcript

1 EXITone Advanced Franchising System La valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico quale leva di sviluppo del territorio Il caso Regione Siciliana Patrimonio immobiliare pubblico: ieri svantaggio, oggi risorsa Ezio Bigotti, Presidente EXITone SpA, curatore del volume Forum PA Roma, 13 maggio 2009 Rev. 00 COPYRIGHT STI SpA 2004

2 INDICE INTRODUZIONE DIMENSIONI DEL PROGETTO PROGETTI DI VALORIZZAZIONE IN ESSERE PRESENTAZIONE DEL LIBRO 2

3 INTRODUZIONE 3

4 Introduzione L Italia sta attraversando una fase di congiuntura economica, con il rapporto debito pubblico/pil più alto d Europa, si trova a destinare oltre 70 miliardi di euro all anno per far fronte al pagamento degli interessi sul debito pubblico. Come si evince da un analisi specialistica sugli asset immobiliari pubblici il patrimonio in grado di generare reddito, cosiddettofruttifero,ammontaa675miliardidieuroavaloredimercatoedhaunrendimentodell 1%,afrontedi costidigestionedel2% 1. Tale indicatore è chiaro sintomo di gestione statica e infruttuosa dei beni immobili pubblici che, nell attuale congiuntura, rappresentano la vera e propria ricchezza economico-finanziaria per il Paese da utilizzare quale leva strategica per innescare circoli virtuosi di sviluppo territoriale e locale. In questo contesto gli enti proprietari, costituiti, per due terzi, da regioni, province e comuni, assumono un ruolo e una responsabilità importante, dal momento che hanno la facoltà di promuovere le condizioni necessarie allo sviluppo e all applicazione di processi di ottimizzazione e valorizzazione del proprio patrimonio immobiliare, innescando circoli virtuosi di sviluppo territoriale e locale. La valorizzazione dei beni immobili pubblici rappresenta un tema di interesse prioritario per le istituzioni italiane quali, ad esempio, MEF, CDP, Agenzia del Demanio e per il sistema delle autonomie locali. Oggi, si è alla ricerca di processi e metodi più efficienti e di metodologie organizzative più efficaci. In questo contesto, la testimonianza del progetto avviato dalla Regione Siciliana ha l'obiettivo di fornire un contributo concreto al sistema paese sul tema della valorizzazione degli immobili pubblici. 1 Fondazione Magna Carta

5 Introduzione patrimonio immobiliare pubblico, risorsa strategica La visione dei beni immobili pubblici, cambia radicalmente e assume una connotazione ben più ampia di quella che li considera sola fonte di finanza inespressa. La missione dei nuovi modelli di governancedeve fondarsi su una visione del patrimonio immobiliare pubblico quale risorsa strategica per supportare la crescita e l ammodernamento dell intero sistema pubblico e dev essere tesa a: 1. acquisire la progressiva e puntuale conoscenza del patrimonio immobiliare stesso, allo scopo di definirne le politiche di valorizzazione; 2. perseguire la massima redditività degli immobili, mediante interventi di restauro, conversione, locazione, dismissione; 3. razionalizzare il processo di gestione del patrimonio immobiliare ed i relativi costi di esercizio, comprese quelle di approvvigionamento e manutenzione. IMMOBILI PUBBLICI voce di bilancio fonte di finanza inespressa risorsa strategica per lo sviluppo e l ammodernamento dell intero sistema pubblico 5

6 DIMENSIONI DEL PROGETTO 6

7 Dimensioni del progetto la conoscenza Il punto di partenza nell ambito di un processo di valorizzazione immobiliare è costituito dalla definizione di un percorso di conoscenza del patrimonio pubblico. Tale conoscenza è stata acquisita e approfondita mediante un intensa attività di censimento informatizzato e l utilizzo di una metodologia operativa interamente standardizzata(procedure, strumenti, istruzioni operative). I risultati delle attività di censimento informatizzato dei beni immobili indicati dalla Regione, in termini di beni censiti e relativa documentazione prodotta, rappresentano la best practice nazionale e si sostanziano con: Fabbricati censiti per una superficie di 6,7 milioni di mq Terreni e Boschi censiti per una superficie di milioni di mq (283.7 ha) Documentazione prodotta Dati rilevati n elaborati grafici per la categoria Fabbricati n 14,6 milioni di dati per la categoria Fabbricati n Ortofoto rielaborate per la categoria Terreni e Boschi n dati per la categoria Terreni e Boschi 7

8 Dimensioni del progetto il sistema informativo Sono stati impiegati oltre 400 tecnici siciliani sul campo(architetti, ingegneri, geometri e agronomi) ed altri 50 tecnici di altre regioni per le attività di verifica e collaudo. I dati raccolti sono confluiti nel data base centrale consultabile via Web mediante SigmaPi Web, assicurando la gestione flessibile ed efficiente delle informazioni grafiche, alfanumeriche, documentali e la loro immediata visualizzazione in formato digitale. Sia il sistema informativo sia i dati e documenti digitali ivi residenti sono stati consegnati ed installati presso i server forniti dalla Regione Siciliana presso l Assessorato al Bilancio. 8

9 PROGETTI DI VALORIZZAZIONE IN ESSERE 9

10 Progetti di valorizzazione in essere A seguito delle attività di conoscenza e di interpretazione dei dati immobiliari raccolti, sono stati messi a punto i seguenti progetti innovativi per la valorizzazione dei beni immobiliari regionali: FIPRS Primo Fondo Immobiliare compartecipato direttamente dall'ente pubblico in qualità di quotista di maggioranza relativa- l'iniziativa, che permette alla Regione di influenzare significativamente le politiche di valorizzazione degli immobili e di partecipare direttamente ai risultati economici delle valorizzazioni attuate. Il Fondo ha ottenuto il prestigioso riconoscimento Premio Best Practice Patrimoni 2007, per il settore Valorizzazione dei Patrimoni Immobiliari e Urbani, conferito da Forum PA e Terotec alla Regione Siciliana in partnership con il grupposti. SERD(Sicilia Energia Rinnovabile Distribuita) - progetto che valorizza in chiave energetica i beni inalienabili della Regione Siciliana con la creazione della piattaforma di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili più' importante d Europa e che ha ottenuto, nel corso della presente edizione del ForumPA, l'importante riconoscimento"premio Sfide" copromosso nel 2009 dal Dipartimento per lo Sviluppo delle Economie Territoriali della PCM, Formez, SDA-Bocconi, UPI, Legaautonomie e Andigel e da FORUM PA. FISS - progetto per l'istituzione di un fondo immobiliare destinato allo sviluppo dei beni inutilizzati/sottoutilizzati per la loro riqualificazione ad usi produttivi, turistici, commerciali e conseguente creazione del valore per la regione e la collettività. 10

11 Progetti di valorizzazione in essere la definizione dei piani di valorizzazione Sulla base dei dati resi disponibili dalle attività di censimento sono stati elaborati i Piani di Valorizzazione e alienazione I DATI Il patrimonio censito al 15/05/2008 Gli assi e le linee individuate dal DPEF della Regione Siciliana (approvato 14/11/2007) Piano di gestione dinamica del Patrimonio residenziale IACP e Housing Sociale Piano di valorizzazione delle Aree inquinate Piano di dismissione dei beni non strategici attuato per tipologia dei beni Piano di valorizzazione del Patrimonio culturale e dei Borghi Rurali Piano di valorizzazione del Demanio Marittimo Piano di riorganizzazione degli spazi degli Uffici e Sedi Regionali centrali e periferici Piano di riassetto e ammodernamento del Patrimonio ospedaliero Analisi critica risultati del censimento Clusterizzazione del patrimonio Esigenze del territorio e potenzialità del mercato L ANALISI Individuazione delle potenzialità del patrimonio Definizione del contesto di riferimento Fonti di finanziamento Individuazione di scenari di valorizzazione per singolo asse tematico Verifica della sostenibilità degli scenari Analisi fattibilità tecnica ed economico finanziaria I RISULTATI Attribuzionedei differenti cluster individuati ai diversi scenari di valorizzazione e sviluppo Analisi economicofinanziarie condotte attraverso un modello di simulazione applicato agli scenari di valorizzazione Azioni puntualiper la verifica di fattibilità degli scenari delineati Il DPEF , approvato dall ARS il 7 ottobre 2008 conferma e ripropone i contenuti dei Piani di Valorizzazione definiti 11

12 PRESENTAZIONE DEL LIBRO 12

13 Il libro I CONTENUTI Il libro descrive l ampio progetto di valorizzazione dei beni immobili condotto in affiancamento alla Regione Siciliana. Attraverso il volume, si intende offrire un contributo concreto e metodologico nella direzione della valorizzazione dei patrimoni immobiliari e territoriali pubblici, esponendone gli strumenti e le linee guida operative, i risultati già ottenuti e gli esempi concreti di future valorizzazioni; diffondendo tale esperienza come buona pratica di riferimento per l intero sistema delle pubbliche amministrazioni italiane. Tutti i temi che trovano espressione nel presente volume prendono forma da un attenta analisi di contesto della Regione Siciliana, la cui competitività appare oggi essenzialmente incentrata su tre dimensioni territoriali: i sistemi urbani, i sistemi produttivi locali e le aree rurali. 13

14 Il libro Capitolo 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO: NORMATIVA E FINANZA PUBBLICA CONVERGENTE Iltestosiapreproprioconunfocus,alcapitolo1,suisistemiurbaniesulleareerurali,giacchéinquesti due contesti si concentra il patrimonio immobiliare pubblico della Sicilia, oggetto delle attività descritte in quest opera. Come corollario delle analisi di contesto, il capitolo presenta le misure specifiche, in materia di sviluppo urbano, definite dalla Regione Siciliana nel Programma Operativo Regionale FSER (POR Sicilia) e dettagliate nel corso della trattazione. Vengono inoltre richiamate le iniziative pianificate dalla Regione, sempre nello stesso documento, in relazione al tema energia, in considerazione del fatto che l Ente ha individuato, quale obiettivo prioritario, la valorizzazione dei beni appartenenti alla categoria terreni e boschi, in un ottica di ammodernamento del sistema energetico regionale, attraverso la realizzazione di un unico ed importante cluster di impianti, distribuiti sul territorio siciliano, di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. 14

15 Il libro Capitolo 2 STRUMENTI A SUPPORTO DELLA VALORIZZAZIONE IMMOBILIARE E TERRITORIALE CONOSCERE PER VALORIZZARE: DATO, INTERPRETAZIONE, CONOSCENZA; LA GRADUALITÀ DEL PROCESSO Il capitolo 2 analizza le attività di acquisizione, interpretazione e analisi propedeutica dei dati immobiliari, intrinseche ed estrinseche, condotte con l ausilio di diversi strumenti informatici e con l apporto specialistico sia di esperti di marketing territoriale, per gli aspetti generali e di integrazione dei singoli assi, sia di esperti settoriali per ciascun asse di valorizzazione e sottostanti componenti finanziari. Come illustrato nel testo, i metodi utilizzati hanno richiesto il supporto di tecnologie informatiche che permettessero di relativizzare il singolo bene e analizzarlo mettendolo in rapporto con una serie di informazioni di carattere differente e tipologia fortemente eterogenea. In particolare, le due tecnologie utilizzate, Database Informatizzato del Censimento e Software GIS (Geographic Information Systems) hanno reso possibile il confronto di dati immobiliari relativi al singolo bene con dati territoriali (di natura tecnica, socio-economica, amministrativa, giuridica) relativi al contesto regionale. In tal modo, è stato possibile raggiungere l obiettivo ultimo del censimento informatizzato, individuato con la L.R. 17/2004 e consistente nella definizione di un quadro informatizzato puntuale e dettagliato, dal punto di vista quantitativo, dell inquadramento geografico e, dal punto di vista qualitativo, di tutte le informazioni disponibili, raccolte per accorpare e unificare i beni in categorie e tipologie omogenee, favorendo una classificazione del patrimonio basata sulla natura del bene e sulla sua destinazione d uso, anche sotto il profilo del contesto economicoterritoriale. 15

16 Il libro Capitolo 3 CONVERGENZA DI SVILUPPO REGIONALE: TANTI PROCESSI, UN UNICA REGIA Nel capitolo 3 viene illustrata la convergenza con altri strumenti regionali, con particolare riguardo al progetto TE.S.I., una nuova metodologia che consente l integrazione di tutte le informazioni disponibili sul territorio già acquisite dalle pubbliche amministrazioni regionali, provinciali e comunali, permettendone la condivisione tra soggetti diversi. TE.S.I., che nasce nel 2005 con il progetto SITIR (Sistema Informativo Territoriale Integrato Regionale), rappresenta il punto di arrivo di uno sforzo finalizzato alla massima sinergia dei progetti in corso, o in via di definizione, nell ambito dei Sistemi Informativi Territoriali. 16

17 Il libro Capitolo 4 METODOLOGIA DI ANALISI DEI DATI DI CENSIMENTO: IL PROCESSO DI ANALISI PROPEDEUTICA DEI BENI CENSITI E GEOREFERENZIATI. I capitoli 4 e 5 proseguono l approfondendo esposto al capitolo 2; in particolare, il capitolo 4 presenta il processo di analisi propedeutica dei beni censiti e georeferenziati, in vista della definizione puntuale di cluster di beni da inserire nei Piani di valorizzazione 17

18 Il libro Capitolo 5 I PIANI DI VALORIZZAZIONE PIANO DI VALORIZZAZIONE ENERGETICA E AMBIENTALE(TERRENI E BOSCHI) Benefici Attesi Proventi derivanti da locazione o eventuale dismissione di aree industriali; Proventi derivanti da valorizzazione in senso turistico culturale del patrimonio minerario; Proventi da conferimento di beni immobili in strumenti di finanza immobiliare. Attese sociali Impatto rilevante per la collettività in termini di eco sostenibilità delle iniziative ed attenzione alle tematiche ambientali. PIANO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E CONSOLIDAMENTO DEL RUOLO DELLA REGIONE Benefici Attesi Anagrafe dei beni culturali Valorizzazione in senso turistico; Valorizzazione dei Borghi Rurali; Ottimizzazione della gestione. SICILIANA QUALE BARICENTRO CULTURALE DELL AREA MEDITERRANEA Attese sociali Recupero piena fruizione ed integrazione nel tessuto sociale dei beni vincolati; Insediamento di nuove attività economiche e miglioramento dell immagine della Regione. 18

19 Il libro Capitolo 5 PIANO DI VALORIZZAZIONE E OTTIMIZZAZIONE DEL PATRIMONIO DISPONIBILE a) Riorganizzazione degli spazi degli uffici e delle sedi regionali centrali e periferiche; Benefici Attesi Risparmi derivanti dall uso di spazi liberati; Proventi derivanti da eventuali dismissione o messa a reddito di spazi liberati; Risparmi economici. Attese sociali Benefici dell immagine della Regione verso la cittadinanza legato a logiche di risparmio e di efficienza nell utilizzo delle risorse pubbliche, crescita del prestigio della Regione a livello provinciale con la creazione di centri unici nei capoluoghi di provincia. b) Riassetto e rimodernamento del patrimonio ospedaliero; Benefici Attesi Razionalizzazione degli spazi utilizzati per l erogazione dell assistenza sanitaria, funzionale alla predisposizione dei programmi di intervento destinati a migliorare l offerta sanitaria in ambito regionale, prendendo in considerazione i diversi aspetti caratterizzanti le strutture ad uso assistenziale. Attese sociali Rimodernamento del sistema stesso, di ottimizzazione dei costi, con conseguente impatto positivo per tutta la collettività. 19

20 Il libro Capitolo 5 c) Gestione dinamica del patrimonio residenziale IACP e Housing Sociale. Benefici Attesi Proventi derivanti da dismissioni; Proventi derivanti da conferimento di beni immobili in strumenti di finanza immobiliare. Attese sociali Interventi di riqualificazione urbana; Riduzione del disagio abitativo; Accesso agevolato all acquisto degli alloggi dagli aventi diritto. PIANO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO DISPONIBILE: DISMISSIONE DEI BENI NON STRATEGICI Benefici Attesi A breve termine (12-18 mesi dall avvio): introiti derivanti dall incameramento del prezzo iniziale da cartolarizzazione dalle prime aste e vendite dirette; A medio termine (entro 5 anni dall avvio): introiti derivanti dall incameramento del prezzo differito da cartolarizzazione, da proventi del Fondo; A lungo termine (entro 10 anni dall avvio): introiti derivanti dall incameramento dei proventi del Fondo. Attese sociali Catalizzazione di investimenti per riconversione immobiliare ed urbanistica; Recupero e valorizzazione di aree urbane; Insediamento di nuove attività economiche. 20

21 Il libro Capitolo 5 PIANO DI VALORIZZAZIONE DEL DEMANIO MARITTIMO Benefici Attesi Regolarizzazione delle concessioni sul patrimonio; Regolarizzazione delle situazioni di abusivismo concessorio e recupero delle indennità; Riutilizzo / dismissione di beni sdemanializzati; Ricadute economiche dirette ed indirette a seguito di interventi complessi sul territorio. Attese sociali Ricadute in termini di immagine per l Amministrazione; Valorizzazione e promozione turistica della fascia costiera; Riqualificazione aree urbane adiacenti a zone marittime (porti) e conseguente incremento della qualità dei servizi. 21

22 Il libro Capitolo 6 I PIANI DI VALORIZZAZIONE ESEMPIO CONCRETO DI VALORIZZAZIONE ENERGETICA Il SERD (Sicilia Energia Rinnovabile Distribuita) : progetto che valorizza in chiave energetica i beni inalienabili della Regione Siciliana con la creazione della piattaforma di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili più' importante d Europa e che ha ottenuto, nel corso della presente edizione del ForumPA, l'importante riconoscimento "Premio Sfide" copromosso nel 2009 dal Dipartimento per lo Sviluppo delle Economie Territoriali della PCM, Formez, SDA- Bocconi, UPI, Legaautonomie e Andigel e da FORUM PA. 22

23 Il libro Capitolo 7 ESEMPIO CONCRETO: HOUSING SOCIALE E GESTIONE DINAMICA DEL PATRIMONIO ERP L esperienza maturata nell ambito di questo piano ha dato vita ad un nuovo studio di valorizzazione del patrimonio ERP in chiave "housing sociale" che e' in corso di stesura su un'altra importante realtà urbana italiana. L'oggetto dello studio sarà pubblicato nell'ambito della storica collaborazione tra EXITone e il Sole 24 ore. I principali contenuti delle linee di valorizzazione sono articolati per tipologie di patrimonio : PATRIMONIO ERP ABITATO E GESTITO IN MODO ORDINARIO APPLICAZIONE DI SOLUZIONI PER L OTTIMIZZAZIONE GESTIONALE E RIQUALIFICAZIONE IMMOBILIARE APPLICAZIONE DISOLUZIONI TECNOLOGICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE E IL RISPARMIO ENERGETICO INDIVIDUAZIONE E APPLICAZIONE DISOLUZIONI GESTIONALI PER I CONDOMINI MISTI INDIVIDUAZIONE DISOLUZIONI GESTIONALI INNOVATIVE PER IL RISPARMIO ENERGETICO IMMOBILI ERP IN DISUSO O SOTTOUTILIZZATI TRASFORMAZIONE E RIALLOCAZIONE NEL PATRIMONIO ERP TRASFORMAZIONE E RIALLOCAZIONE NEL PATRIMONIO DIHOUSING SOCIALE DISMISSIONE ALLOGGI IN DISUSO PROGRAMMI INTEGRATI DI PROMOZIONE EDILIZIA RESIDENZIALE REALIZZAZIONE DIALLOGGI IN LOCAZIONE PERMANENTE A CANONE CALMIERATO REALIZZAZIONE DIRESIDENZE TEMPORANEE 23

24 Altre pubblicazioni Negli anni EXITone (grupposti) anni ha consolidato la sua posizione di driver culturale del settore, con la pubblicazione di diverse opere edite da Il Sole 24 Ore, alcune delle quali all interno della collana dedicata dal titolo Management Immobiliare 2008 La valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico quale leva di sviluppo del territorio. Il caso Regione Siciliana 2007 Il processo di valorizzazione del Real Estate 2006 Real Estate e strumenti innovativi di Engineering Management 2005 Patrimoni pubblici e logiche di sistema - Il caso della Regione Piemonte: dalla conoscenza alle strategie di gestione integrata e di valorizzazione degli asset 2005 Know-how e professionalità: La distribuzione dei servizi nei sistemi a rete 2004 Il multiservizio tecnologico L'uso dei vettori energetici nelle strutture sanitarie: analisi e metodologie operative 2003 Il management patrimoniale Criteri e modelli per una gestione innovativa dei patrimoni immobiliari

25 25

La valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico quale leva di sviluppo del territorio Il caso Regione Siciliana

La valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico quale leva di sviluppo del territorio Il caso Regione Siciliana EXITone Advanced Franchising System La valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico quale leva di sviluppo del territorio Il caso Regione Siciliana Patrimonio immobiliare pubblico: ieri svantaggio,

Dettagli

"1 FORUM NAZIONALE SUI PATRIMONI IMMOBILIARI E URBANI PUBBLICI"

1 FORUM NAZIONALE SUI PATRIMONI IMMOBILIARI E URBANI PUBBLICI REGIONE SICILIANA LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE REGIONALE E IL PRIMO FONDO IMMOBILIARE AD APPORTO PUBBLICO PROMOSSO DALLA REGIONE SICILIANA Dott. Vincenzo Emanuele Ragioniere Generale -

Dettagli

PROFESSIONALITÀ, QUALITÀ E TRASPARENZA NEL REAL ESTATE

PROFESSIONALITÀ, QUALITÀ E TRASPARENZA NEL REAL ESTATE PROFESSIONALITÀ, QUALITÀ E TRASPARENZA NEL REAL ESTATE SINTEGRA Real Estate è una società che offre un ampia gamma di Servizi Integrati necessari all Acquisizione, Valorizzazione e Dismissione d immobili

Dettagli

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing Dall edilizia residenziale pubblica al social housing **** Fondi Immobiliari e Housing Sociale FORUM PA 2010 Roma, 20 maggio 2010 1 Premessa Per Social Housing, si intende l insieme delle iniziative e

Dettagli

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA NOTA TECNICA SUL PIANO CASA L art. 11 della legge 133/08 ha inteso rilanciare un Piano Casa per realizzare un offerta di alloggi in proprietà e in locazione prima casa nelle aree di bisogno abitativo,

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

I Geometri al servizio dei Comuni

I Geometri al servizio dei Comuni al servizio dei Comuni cassa italiana previdenza e assistenza geometri >> Storia di una collaborazione Nel 2009 la Cassa Italiana di Previdenza ed Assistenza dei Geometri liberi professionisti (CIPAG),

Dettagli

Veneto Casa. Storia e prospettive future 19/11/2012. Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale.

Veneto Casa. Storia e prospettive future 19/11/2012. Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale. 19/11/2012 Veneto Casa Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale Storia e prospettive future 15 Novembre 2012 I.I. BENI Beni STABILI Stabili Gestioni GESTIONI S.P.A S.P.A. SGR - SGR

Dettagli

Direzione Centrale Strategie, Progetti di Valorizzazione e Partecipazioni SEMINARIO FORUM P.A. Roma 26 maggio 2015

Direzione Centrale Strategie, Progetti di Valorizzazione e Partecipazioni SEMINARIO FORUM P.A. Roma 26 maggio 2015 Direzione Centrale Strategie, Progetti di Valorizzazione e Partecipazioni SEMINARIO FORUM P.A. PROPOSTA IMMOBILI 2015 Roma 26 maggio 2015 Contenuto della Presentazione Agenzia del Demanio Normativa di

Dettagli

CDP SpA Servizio Sviluppo Attività Immobiliare. Attività e strumenti per la valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico

CDP SpA Servizio Sviluppo Attività Immobiliare. Attività e strumenti per la valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico CDP SpA Servizio Sviluppo Attività Immobiliare Attività e strumenti per la valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico Valorizzazioni immobiliari > Introduzione A fronte dei vincoli imposti dal

Dettagli

REAL ESTATE Laboratory

REAL ESTATE Laboratory REAL ESTATE Laboratory Organismo accreditato per la formazione professionale UNI EN ISO 9001: 2008 (634/001 del 11/7/05) 2011 RE.Lab REAL ESTATE Laboratory SAA, Scuola di Amministrazione Aziendale dell

Dettagli

MODELLO di SERVIZI di ASSET MANAGEMENT. PER COMUNI ed ENTI LOCALI

MODELLO di SERVIZI di ASSET MANAGEMENT. PER COMUNI ed ENTI LOCALI MODELLO di SERVIZI di ASSET MANAGEMENT ( Gestione e Valorizzazione Strategica degli Immobili Pubblici ) PER COMUNI ed ENTI LOCALI ( Partner Scientifico / Professionale ) POLITECNICO di Milano Dipartimento

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA Direzione per la valorizzazione dell attivo e del patrimonio dello Stato, Dipartimento del Tesoro, Ministero dell economia e delle finanze INDICE

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

Strategia immobiliare del CNR 2015-17

Strategia immobiliare del CNR 2015-17 Strategia immobiliare del CNR 2015-17 (Executive summary) PREMESSA Nell ambito dei processi di utilizzazione, gestione e valorizzazione del patrimonio immobiliare destinato alle attività di ricerca del

Dettagli

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Le iniziative della Regione Emilia- Romagna per l housing sociale Bologna 15 novembre 2012 Caterina Brancaleoni Nucleo

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI UFFICIO DEL PIANO EX ART. 12 L.R. 9/86 NODO PROVINCIALE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE LE INIZIATIVE DELLA PROVINCIA DI TRAPANI NEL CAMPO DEI SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale

Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale Maria Luisa Del Gatto Dipartimento BEST, Politecnico di Milano Giordana Ferri Fondazione Housing Sociale

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEGLI IMMOBILI Tutte le indagini di supporto

VALUTAZIONE E GESTIONE DEGLI IMMOBILI Tutte le indagini di supporto VALUTAZIONE E GESTIONE DEGLI IMMOBILI Tutte le indagini di supporto di Juan Pedro Grammaldo (GRAMMALDO MAZZIOTTI) S.R.L. societa di ingegneria) Roma, 7 febbraio 2015 Argomenti che tratteremo nel corso

Dettagli

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento 1. Premessa e scopo Il Comparto Plus del Fondo Investimenti per la Valorizzazione (FIV Plus

Dettagli

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento 1. Premessa e scopo Il Comparto Plus del Fondo Investimenti per la Valorizzazione (FIV Plus

Dettagli

PROGRAMMA 03 TERRITORIO E QUALITA URBANA

PROGRAMMA 03 TERRITORIO E QUALITA URBANA PROGRAMMA 03 TERRITORIO E QUALITA URBANA DEMANIO E PATRIMONIO Responsabile: sotto il profilo gestionale Aldini Laura Sotto il profilo di indirizzo amministrativo politico Rebellato Martino Breve descrizione

Dettagli

Fondo Housing Toscano

Fondo Housing Toscano Fondo Housing Toscano HOUSING SOCIALE_ Definizione Nuova offerta di alloggi e servizi con forte connotazione sociale per coloro che non riescono a soddisfare il proprio bisogno abitativo sul mercato per

Dettagli

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi Responsabile Area Economia Urbana e Immobiliare CERTeT Università L. Bocconi Ricercatore senior Gruppo CLAS 8 giugno 2011, fieramilano

Dettagli

Fiera Forum: Risorse comuni 9 febbraio 2005

Fiera Forum: Risorse comuni 9 febbraio 2005 Fiera Forum: Risorse comuni 9 febbraio 2005 Real Estate & Space Management e la Governance dell Ente Locale. Nuove metodologie per l analisi del patrimonio immobiliare per l Ente Pubblico Angelo Giornelli:

Dettagli

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Opportunità socioeconomica per rilanciare il settore edile, il mercato immobiliare e quello degli

Dettagli

A relazione del Vicepresidente Reschigna e dell'assessore De Santis:

A relazione del Vicepresidente Reschigna e dell'assessore De Santis: REGIONE PIEMONTE BU47S2 20/11/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 18 novembre 2014, n. 24-591 Programma Operativo Regionale - FESR 2007/2013 - Obiettivo "Competitivita' regionale e Occupazione" -

Dettagli

Formazione. Università degli Studi di Genova Facoltà di Economia e Commercio, ottobre 1993. Diploma di maturità classica, 51/60

Formazione. Università degli Studi di Genova Facoltà di Economia e Commercio, ottobre 1993. Diploma di maturità classica, 51/60 Marco Segni nato a Genova, il 16 gennaio 1970, residente in Genova Telefono: +39 010 5488440 (ufficio), +39 3386782539 (mobile) E-mail: segni@ireliguria.it Formazione Università degli Studi di Genova Facoltà

Dettagli

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo AtoB Piemonte AtoB Piemonte è il progetto di e-government che le Province piemontesi hanno ideato per aziende, utenza e territorio al fine di semplificare, velocizzare e rendere più trasparenti i procedimenti

Dettagli

Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi

Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi Roma, 12 marzo 2014 1 miliardo e 741 milioni per Sostegno all affitto a canone concordato

Dettagli

III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI

III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI 1 Sommario Introduzione 1.1 La valorizzazione del patrimonio immobiliare

Dettagli

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO Associazione dei Comuni del Comprensorio TRIGNO-SINELLO PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO RELAZIONE TECNICA E CRONOPROGRAMMA

Dettagli

ref building AREA ASSET AREA PROPERTY AREA FACILITY AREA AGENCY SCHEDA DI PRODOTTO CONSISTENZA CATASTO FISCALITA GESTIONE DOCUMENTALE CAD GIS

ref building AREA ASSET AREA PROPERTY AREA FACILITY AREA AGENCY SCHEDA DI PRODOTTO CONSISTENZA CATASTO FISCALITA GESTIONE DOCUMENTALE CAD GIS ref building SCHEDA DI PRODOTTO CONSISTENZA CATASTO AREA ASSET FISCALITA GESTIONE DOCUMENTALE CAD GIS LOCAZIONI ATTIVE LOCAZIONI PASSIVE AREA PROPERTY INCASSI MOROSITA SERVIZI AL FABBRICATO CONDOMINI FORESTERIE

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 400 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Promozione del progetto per la costituzione del Fondo di Housing Sociale Trentino

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Il Gruppo Cassa depositi e prestiti opera a sostegno della crescita del Paese ed impiega le sue risorse, prevalentemente raccolte attraverso il Risparmio Postale (Buoni fruttiferi

Dettagli

I veicoli di investimento: le società immobiliari e i fondi immobiliari

I veicoli di investimento: le società immobiliari e i fondi immobiliari I veicoli di investimento: le società immobiliari e i fondi immobiliari Prof. Claudio Cacciamani claudio.cacciamani@unipr.it 1. I fondi immobiliari ad apporto privato Di recente si è assistito a una progressiva

Dettagli

la valorizzazione del patrimonio degli Enti Territoriali

la valorizzazione del patrimonio degli Enti Territoriali la valorizzazione del patrimonio degli Enti Territoriali Ruolo istituzionale dell ANCI Ruolo istituzionale di assistenza agli Enti locali per la valorizzazione del patrimonio immobiliare di proprietà,

Dettagli

Ottobre 2013 SISTEMA DI PROGETTO

Ottobre 2013 SISTEMA DI PROGETTO SISTEMA DI PROGETTO Ottobre 2013 Sistema di progetto - Project management interventi urbani complessi Strategie e strumenti per affrontare il mercato del promotore e della concessione Ingegneria economica

Dettagli

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Area Pianificazione urbana, Tutela ambientale e Casa Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Servizio Housing sociale e Piani di Zona Servizio Patrimonio ed Inventari Servizio Casa

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 17 Adunanza 14 maggio 2013 OGGETTO: DISMISSIONI PATRIMONIALI. RIAPPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA CON CDP INVESTIMENTI (CDPI). Protocollo:

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE

GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE di Francesco Scriva Responsabile contratto Global Service Provincia di Genova 1. PRINCIPI E DEFINIZIONI Per poter affrontare la materia

Dettagli

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato dei Fondi immobiliari per l edilizia privata Sociale FONDI IMMOBILIARI E HOUSING SOCIALE Roberto Brustia CBA Studio Legale e Tributario febbraio 2011 Premessa Per Social Housing si

Dettagli

Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini

Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini I risultati della misurazione nazionale nel settore edilizia L attività di misurazione degli oneri nel settore dell edilizia è stata realizzata nel 2012

Dettagli

SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI

SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI Milano, 26 Novembre 2010 L intervento pubblico: principi di intervento Nel contesto odierno l intervento pubblico deve essere finalizzato a : Individuare soluzioni per

Dettagli

ATER DEL COMUNE DI ROMA Servizio Organizzazione e Sistemi (SOeS)

ATER DEL COMUNE DI ROMA Servizio Organizzazione e Sistemi (SOeS) ATER DEL COMUNE DI ROMA Servizio Organizzazione e Sistemi (SOeS) Il Riuso della soluzione informatica web per la gestione del patrimonio immobiliare per l edilizia residenziale pubblica REF2ATER La soluzione

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2010-2012 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE 2010-2012 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO PIANO TRIENNALE 2010-2012 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Premessa La Legge n. 244 del 24.12.2007 (legge finanziaria 2008) all articolo 2, commi 594 e seguenti, prevede

Dettagli

I Fondi immobiliari per gli Enti Territoriali come strada per la valorizzazione: il ruolo di InvImIt

I Fondi immobiliari per gli Enti Territoriali come strada per la valorizzazione: il ruolo di InvImIt I Fondi immobiliari per gli Enti Territoriali come strada per la valorizzazione: il ruolo di InvImIt Roma, 26-27-28 maggio 2015 CONTATTI: Tel +39 06 87725701 - Fax +39 06 87725799 - Email: segreteria@invimit.it

Dettagli

SISTEMI DI PROGETTO Un modello gestionale e di mercato per affrontare le sfide dell economia globale Management Consulting - Ingegneria Economica

SISTEMI DI PROGETTO Un modello gestionale e di mercato per affrontare le sfide dell economia globale Management Consulting - Ingegneria Economica SISTEMI DI PROGETTO SISTEMI DI PROGETTO Un modello gestionale e di mercato per affrontare le sfide dell economia globale Management Consulting - Ingegneria Economica CODIS srl Italy - 95127 Catania C.so

Dettagli

PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI

PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI Secondo i dati dell ANBSC (Agenzia Nazionale per l Amministrazione e la Destinazione dei Beni Sequestrati

Dettagli

UN PIANO NAZIONALE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, LA QUALITÀ URBANA E L'OCCUPAZIONE

UN PIANO NAZIONALE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, LA QUALITÀ URBANA E L'OCCUPAZIONE UN PIANO NAZIONALE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, LA QUALITÀ URBANA E L'OCCUPAZIONE 1. Investire sulla città per uno sviluppo urbano inclusivo e sostenibile Negli ultimi 20 anni, malgrado il lungo

Dettagli

Codice europeo per la trasparenza degli investimenti sostenibili e responsabili - Eurosif

Codice europeo per la trasparenza degli investimenti sostenibili e responsabili - Eurosif Codice europeo per la trasparenza degli investimenti sostenibili e responsabili - Eurosif Prospetto di adesione dei fondi immobiliari Aristotele ed Erasmo gestiti da Fabrica Immobiliare SGR SpA Dati al

Dettagli

Fondo Investimenti per l Abitare

Fondo Investimenti per l Abitare Fondo Investimenti per l Abitare Stato di avanzamento Incontro DSC Roma, 18 gennaio 2014 Fondo Investimenti per l Abitare (FIA) Il FIA è stato istituto per realizzare interventi di Edilizia Privata Sociale

Dettagli

PROPOSTE PER GLI IMMOBILI OGGETTO DI PROCEDURE GIUDIZIALI O DI DISMISSIONE

PROPOSTE PER GLI IMMOBILI OGGETTO DI PROCEDURE GIUDIZIALI O DI DISMISSIONE HOUSING SOCIALE PROPOSTE PER GLI IMMOBILI OGGETTO DI PROCEDURE GIUDIZIALI O DI DISMISSIONE Ing. Vincenzo Di Nardo Vice Presidente Ance Roma, 18 febbraio 2015 La nuova definizione di housing sociale L art.1

Dettagli

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO Il Piano e i partner coinvolti L'amministrazione comunale di Siracusa sta promuovendo il Piano Strategico INNOVA Siracusa 2020, la cui redazione si è avviata nel marzo del 2009 (con risorse disposte dalla

Dettagli

EXITone. AdvancedFranchising System. Rev. 1

EXITone. AdvancedFranchising System. Rev. 1 EXITone AdvancedFranchising System Presentazione EXITone S.p.A. Maggio 2010 Rev. 1 COPYRIGHT STI SpA 2004 Indice Corporate Identity Genesi e appartenenza Mission aziendale Fattori distintivi Evoluzione

Dettagli

I Fondi immobiliari per gli Enti Territoriali come strada per la valorizzazione: il ruolo di Invimit

I Fondi immobiliari per gli Enti Territoriali come strada per la valorizzazione: il ruolo di Invimit I Fondi immobiliari per gli Enti Territoriali come strada per la valorizzazione: il ruolo di Invimit Relatore: Nicola Fobia Responsabile Amministrazione, Pianificazione e Controllo Roma, 26-27-28 maggio

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 11/1 DEL 24.3.2015

DELIBERAZIONE N. 11/1 DEL 24.3.2015 Oggetto: Programma di razionalizzazione dell assetto logistico degli uffici regionali, con particolare riferimento alla sede dell Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza

Dettagli

IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA

IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : il SISTEMA AGROALIMENTARE come RISORSA per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA VERSO Gennaio 2014 A cura di: Fondazione Cogeme Onlus Federazione Provinciale Coldiretti

Dettagli

Programmazione 2007 2013

Programmazione 2007 2013 Società Consortile METROPOLI EST S.r.l. Programmazione 2007 2013 DOCUMENTI PRELIMINARI GENNAIO 2007 PREMESSA Metropoli est ritiene che il prossimo ciclo di programmazione 2007-2013 costituisca una grande

Dettagli

Creare una smart community Giordana FERRI

Creare una smart community Giordana FERRI Creare una smart community Giordana FERRI Milano, 21 marzo 2015 VERSO IL CONDOMINIO SMART Madeexpo 2015, Milano Brescia, 25 febbraio 2015 Edilizia Privata Sociale e Alloggio Sociale Che cosa si intende

Dettagli

Piano integrato per la sostenibilitá economica ed ambientale di progetti di riqualificazione edilizia. Concept brief

Piano integrato per la sostenibilitá economica ed ambientale di progetti di riqualificazione edilizia. Concept brief Road TO 2020 Piano integrato per la sostenibilitá economica ed ambientale di progetti di riqualificazione edilizia Concept brief Investire sulla riqualificazione del territorio come fonte di energia rinnovabile

Dettagli

Savigliano (CN), 15 settembre 1965. 2002/2011 Consigliere Consulta soci Ance Aspesi

Savigliano (CN), 15 settembre 1965. 2002/2011 Consigliere Consulta soci Ance Aspesi Roberto Busso Luogo e data di nascita Savigliano (CN), 15 settembre 1965 Titolo di studio 1991/92 Master Europeo in Real Estate Market & Town Planning Corep - Politecnico di Torino 1985/90 Laurea in Architettura

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo.

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo. MASTER si propone come facilitatore nella costruzione e pianificazione di strategie di medio e lungo termine necessarie ad interagire con gli scenari economici e sociali ad elevato dinamismo. Vuole rappresentare

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI PER IL FACILITY MANAGEMENT. Arch. Marco Frigieri

SISTEMI INFORMATIVI PER IL FACILITY MANAGEMENT. Arch. Marco Frigieri SISTEMI INFORMATIVI PER IL FACILITY MANAGEMENT Arch. Marco Frigieri IL FACILITY MANAGEMENT IN ITALIA IL MERCATO PUBBLICO, IL MERCATO PRIVATO Roma, 14 marzo 2013 ABI Palazzo Altieri (Sala della Clemenza)

Dettagli

La valorizzazione del patrimonio delle Amministrazioni Pubbliche. Stefano Scalera Dirigente Generale, Direzione VIII

La valorizzazione del patrimonio delle Amministrazioni Pubbliche. Stefano Scalera Dirigente Generale, Direzione VIII La valorizzazione del patrimonio delle Amministrazioni Pubbliche Stefano Scalera Dirigente Generale, Direzione VIII Roma, 29 settembre 2011 Oggetto del seminario Proporre strategie e strumenti di gestione

Dettagli

Il Facility Management secondo Condotte Immobiliare

Il Facility Management secondo Condotte Immobiliare Il Facility Management secondo Condotte Immobiliare CONDOTTEIMMOBILIARESOCIETÀPERAZIONICONDOTTEIMMOBILIARESOCIETAPERAZIONICONDOTTEIMMOBILIARESOCIETAPERAZIONICONDO Mission & Vision Mission & Vision Nel

Dettagli

0 Modulo Base. 3.4.1 Tabelle riepilogative sulle operazioni necessarie

0 Modulo Base. 3.4.1 Tabelle riepilogative sulle operazioni necessarie .. Tabelle riepilogative sulle operazioni necessarie 0 Modulo Base Cod. Livello informativo Fonte Formato Operazioni Necessarie Stima dei tempi 0C Carta Tecnica Regionale Numerica Regione Veneto Digitale:

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2128 del 10 novembre 2014 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 2128 del 10 novembre 2014 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2128 del 10 novembre 2014 pag. 1/5 Giunta Regionale AVVISO PER LA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI D'INTERESSE PER LA POSSIBILE CESSIONE DI IMMOBILI O INTERVENTI

Dettagli

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di edilizia residenziale pubblica finalizzata alla razionalizzazione e valorizzazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica (ERP) Sommario

Dettagli

La soluzione informatica per il riordino, la gestione e la valorizzazione del patrimonio immobiliare.

La soluzione informatica per il riordino, la gestione e la valorizzazione del patrimonio immobiliare. La soluzione informatica per il riordino, la gestione e la valorizzazione del patrimonio immobiliare. OSAnet srl - Via Morgioni 104 95027 San Gregorio di Catania (CT) Tel. 095 524555 / 095 7210616 Fax

Dettagli

Gli investimenti stranieri nel real estate QUOTIDIANO IMMOBILIARE - Milano, 26 marzo 2013! Avv. Marco Monaco!

Gli investimenti stranieri nel real estate QUOTIDIANO IMMOBILIARE - Milano, 26 marzo 2013! Avv. Marco Monaco! Gli investimenti stranieri nel real estate QUOTIDIANO IMMOBILIARE - Milano, 26 marzo 2013! Avv. Marco Monaco! STRUMENTI PER ATTIRARE INVESTIMENTI: IL PATRIMONIO PUBBLICO E LA SUA VALORIZZAZIONE E/O DISMISSIONE

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART.

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. 1 Finanziamento 1. Al finanziamento degli interventi di edilizia

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 11 febbraio 2013 n. 40

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 11 febbraio 2013 n. 40 8600 16-3-2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parti I e II - n. 6 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 11 febbraio 2013 n. 40 Approvazione Piano delle valorizzazioni ed alienazioni immobiliari

Dettagli

Software Engineering

Software Engineering Software Engineering Company Profile Natisoft nasce nel 2005 grazie alla lunga esperienza maturata dai suoi soci fondatori nell ambito dei sistemi informativi complessi a supporto del Facility Management.

Dettagli

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia dell Aquila. Piano delle Performance 2014 (preventivo)

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia dell Aquila. Piano delle Performance 2014 (preventivo) Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia dell Aquila Piano delle Performance 2014 (preventivo) In caso l Amministrazione o la Direzione Generale assegni obiettivi in corso d anno

Dettagli

SOCIAL HOUSING: IL QUADRO NORMATIVO IL NUOVO ANNO INIZIA MALE

SOCIAL HOUSING: IL QUADRO NORMATIVO IL NUOVO ANNO INIZIA MALE SOCIAL HOUSING: IL QUADRO NORMATIVO IL NUOVO ANNO INIZIA MALE E il 3 gennaio 2012, quasi il primo giorno lavorativo del nuovo anno, quando arriva il comunicato della Corte dei Conti. Il Piano Casa non

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SK30U ATTIVITÀ 74.20.3 ALTRE ATTIVITÀ TECNICHE ATTIVITÀ DI AEROFOTOGRAMMETRIA E CARTOGRAFIA

STUDIO DI SETTORE SK30U ATTIVITÀ 74.20.3 ALTRE ATTIVITÀ TECNICHE ATTIVITÀ DI AEROFOTOGRAMMETRIA E CARTOGRAFIA STUDIO DI SETTORE SK30U ATTIVITÀ 74.20.D ALTRE ATTIVITÀ TECNICHE ATTIVITÀ 74.20.3 ATTIVITÀ DI AEROFOTOGRAMMETRIA E CARTOGRAFIA Settembre 2006 STUDIO DI SETTORE SK30U Numero % sugli invii Invii 27.126 Ritorni

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

CHAPTER LOMBARDIA GBC ITALIA 1 GREEN EVENING. Relazione tra Certificazione Green e Valore Immobiliare

CHAPTER LOMBARDIA GBC ITALIA 1 GREEN EVENING. Relazione tra Certificazione Green e Valore Immobiliare CHAPTER LOMBARDIA GBC ITALIA 1 GREEN EVENING Relazione tra Certificazione Green e Valore Immobiliare Simone Spreafico www.reag-aa.com Milano, 30 Gennaio 2013 1 Green Evening Chapter Lombardia GBC ITALIA

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

!"" #""$%&! #'$ " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$

! #$%&! #'$  # &%!$! ' &! &$)#$*!!# + $!# &'$!$!#$$ !"" #""$%&! #'$ % ( " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$ L anno duemilasette il giorno trenta del mese di maggio nella sala Informalavoro del Comune di Busalla, TRA Il Presidente in rappresentanza

Dettagli

FONDAZIONE PATRIMONIO COMUNE. ROMA maggio 2012

FONDAZIONE PATRIMONIO COMUNE. ROMA maggio 2012 FONDAZIONE PATRIMONIO COMUNE ROMA maggio 2012 mercoledì 30 maggio 2012 COS E Soggetto giuridico -ENTE- con Fondatore unico(anci), costituito con atto del 17 aprile scorso, il cui statuto prevede all art.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA Città di CIVITAVECCHIA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA E L AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMPRENSORIO DI CIVITAVECCHIA (A.T.E.R.)

Dettagli

I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI)

I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI) I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI) Servizi per gli uffici del comune Gestione accertamento edilizia privata con catasto storico Supporto alla attività amministrativa per

Dettagli

Perché VOL Valorizzazione on line Un modello di sistema integrato

Perché VOL Valorizzazione on line Un modello di sistema integrato CDP per lo sviluppo del territorio Perché VOL Valorizzazione on line Un modello di sistema integrato CDP Servizio Sviluppo Attività Immobiliare Lo sviluppo del rapporto interattivo con gli Enti Pubblici

Dettagli

Seminario LA GESTIONE DEL DEBITO NEGLI ENTI LOCALI

Seminario LA GESTIONE DEL DEBITO NEGLI ENTI LOCALI Forum Banche e PA Roma 19/02/2009 Seminario LA GESTIONE DEL DEBITO NEGLI ENTI LOCALI LE FONTI DI FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI E LA GESTIONE DELL INDEBITAMENTO: QUALI ALTERNATIVE E PROPOSTE llagrosseto

Dettagli

Il programma è articolato su più livelli con approfondimento di tematiche relative a

Il programma è articolato su più livelli con approfondimento di tematiche relative a Programma 2015-2016 Il programma è articolato su più livelli con approfondimento di tematiche relative a Project Management e BIM Caratteri distintivi del progetto Modelli organizzati dello staff di progetto

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

La formazione per gli operatori del mercato dei servizi di gestione e manutenzione immobiliare e urbana APPROFONDIMENTI

La formazione per gli operatori del mercato dei servizi di gestione e manutenzione immobiliare e urbana APPROFONDIMENTI APPROFONDIMENTI La formazione per gli operatori del mercato dei servizi di gestione e manutenzione immobiliare e urbana di Manuele Balducci (Responsabile CenTer Terotec) Silvano Curcio (Docente Università

Dettagli

ASSET e PROPERTY MANAGEMENT DUE DILIGENCE IMMOBILIARE

ASSET e PROPERTY MANAGEMENT DUE DILIGENCE IMMOBILIARE ASSET e PROPERTY MANAGEMENT DUE DILIGENCE IMMOBILIARE Consulenza per raggiungere con professionalità e certezza la migliore redditività patrimoniale P A G L I A & A S S O C I A T I COMPETENZA E PROFESSIONALITA

Dettagli

Documenti del convegno RUSTICO È MEGLIO

Documenti del convegno RUSTICO È MEGLIO Documenti del convegno RUSTICO È MEGLIO Incontro per il recupero dei fabbricati agricoli destinati a fini abitativi o ad attività direzionali, commerciali e turistiche Dai sottotetti ai rustici Una continuità

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008 DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla L. 133 del 6 agosto 2008 (G.U. n. 195 del 21/8/08) Capo IV Casa e infrastrutture Art. 11. Piano Casa 1. Al fine di garantire su tutto il territorio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP Documento preliminare 1. Inquadramento normativo La materia dell edilizia residenziale pubblica comprende il complesso delle attività delle

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Premessa La Legge n. 244 del 24.12.2007 (legge finanziaria 2008) all articolo 2, commi 594 e seguenti, prevede

Dettagli