Silver Management Trainer. Lo Scenario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Silver Management Trainer. Lo Scenario"

Transcript

1 46 Silver Management Trainer Lo Scenario

2 Indice dei contenuti 0.- INTRODUZIONE AZIENDE IL CONTESTO PRODOTTI MERCATI PROFILI DEMOGRAFICI DEGLI ACQUIRENTI DI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI SUCCURSALI GROSSISTI GESTIONE DELLE VENDITE E DISTRIBUZIONE FISICA LOGISTICA DELLA DISTRIBUZIONE FISICA TRASPORTO DALLA FABBRICA ALLE PIATTAFORME PIATTAFORME GESTITE DALLE SUCCURSALI TRASPORTO DALLE PIATTAFORME AI DETTAGLIANTI FORZA VENDITE PREZZI PUBBLICITA RATING POSIZIONAMENTO DI MERCATO PROMOZIONE DELLE VENDITE PUBBLICITA NEI PUNTI VENDITA DETTAGLIANTI MERCHANDISING IMPIANTI DI PRODUZIONE COSTI DIRETTI DI PRODUZIONE SPESE STRUTTURALI PERIODI ESERCIZI LIQUIDITA OPERATIVA NECESSARIA PRESTITI E CONTANTI & EQUIVALENTI (CASSA) INVESTIMENTI FINANZIARI CAMBIO VALUTA CONTO ECONOMICO E BILANCIO DOMANDA FATTORI MACROECONOMICI E ALTRI RICERCHE DI MERCATO ALLEGATO

3 0.- INTRODUZIONE. Lei è stato scelto per dirigere un'azienda di prodotti lattiero-caseari con sede nell'unione Europea. L'azienda produce latte e/o yogurt. La sua azienda ha il compito di elaborare un piano di gestione con orizzonte temporale di un anno. Tale piano si manifesta e concretizza in una serie di "Decisioni". Queste Decisioni sono elaborate dal simulatore Praxis MMT46, il quale calcola i risultati raggiunti da ciascuna azienda per inviarli in seguito ai partecipanti. Ogni azienda è all'oscuro delle decisioni e dei risultati delle altre, fatte salve le informazioni ottenibili tramite ricerche di mercato. Sulla base dei risultati ottenuti, i partecipanti dovranno elaborare un nuovo piano di gestione, per un nuovo anno, il quale genererà nuove Decisioni che seguiranno lo stesso processo descritto nel precedente paragrafo. Il Direttore della simulazione stabilirà per quante volte (quanti anni) dovranno ripetersi le decisioni dei piani di gestione. Alla fine si attuerà un confronto dei risultati ottenuti da ogni azienda, dato che l'obiettivo è il raggiungimento della massima redditività. Ogni azienda ha la funzione di applicare le conoscenze e i criteri necessari a garantire un adeguato processo decisionale. 1.- AZIENDE. Le aziende partono dalla stessa situazione e, pertanto, con un Bilancio comune. Bilancio iniziale espresso in euro: 3

4 Tutti i valori numerici riportati nel presente documento seguono la nomenclatura maggiormente diffusa a livello internazionale, in base alla quale le virgole separano le migliaia e i punti separano i decimali. Per quelle decisioni dove è previsto l'uso dei decimali, il simulatore accetta fino a due cifre. 2.- IL CONTESTO. Esistono tre mercati, corrispondenti ad altrettanti territori, che chiameremo A, B e Y. I mercati A e B corrispondono a due regioni dell'unione Europea e, pertanto, utilizzano la valuta Euro. Il mercato Y rappresenta invece una regione di un paese straniero che può essere associata a un'area degli Stati Uniti e la cui valuta è il Dollaro. Di conseguenza, il Direttore della simulazione fornirà, prima che ogni azienda possa prendere una qualsiasi decisione, la quotazione aggiornata dollaro-euro per quelle aziende che decidono di esportare. Le aziende concorrenti si trovano, da un punto di vista geografico, in un'area del mercato A e B e sono soggette alla legislazione del proprio paese. Pertanto, il conto economico e il bilancio saranno redatti in euro. Di seguito sono riportati i dati demografici e geografici dei tre territori: Ogni mercato dispone di un reddito pro capite diverso e che può variare ogni anno. Il Direttore della simulazione sarà responsabile di fornire ai partecipanti tale dato per i mercati A, B e Y prima dell'elaborazione di ciascun piano. L'unica concorrenza presente nei mercati A e B è quella attuata dalle aziende stesse. Diversamente, nel mercato Y, oltre alla possibile azione delle altre aziende partecipanti, concorrono aziende locali con le quali dovranno confrontarsi coloro che decidono di esportare. Per quanto riguarda le decisioni, la condotta di tali aziende è da intendersi come se si trattasse di una singola azienda. 4

5 Tutte le decisioni monetarie relative al mercato Y saranno espresse in euro poiché spetta al simulatore calcolare il cambio in base alla quotazione del dollaro in ogni specifico momento. 3.- PRODOTTI. Ogni azienda può produrre due prodotti che chiameremo L e T. Entrambi sono prodotti di largo consumo appartenenti al settore dell'industria alimentare. I partecipanti identificheranno con la lettera (L) il Latte UHT (Ultra High Temperature) e con la lettera (T) lo Yogurt. L'unità di vendita è in entrambi i casi il Litro. Il modello rispecchia quanto attuato nella realtà dai mercati europei specializzati nei due prodotti in questione; tuttavia, l'analogia non ha la presunzione di essere completamente esatta. Entrambi i prodotti sono prodotti di consumo frequente e L è considerato un bene di prima necessità. Il consumo pro capite di ciascun prodotto all'inizio della simulazione è il seguente: La domanda subirà ovviamente delle variazioni a seconda della strategia di marketing attuata da ciascuna azienda. La tendenza a livello internazionale per le aziende che producono beni di largo consumo (cibo, prodotti per la pulizia, articoli da toilette, ecc.) è di non usare il nome commerciale dell'azienda per lanciare i marchi dei loro singoli prodotti. Ossia, non usano un marchio famiglia per fare riferimento al loro portafoglio prodotti. Il simulatore emula questo comportamento. I diversi prodotti che le aziende sono in grado di produrre e vendere hanno dei marchi propri, percepiti come indipendenti dai consumatori. Tale tendenza sembra essere la più diffusa, ma non è l'unica. Per quanto concerne il posizionamento del marchio, se un' azienda commercializza uno stesso prodotto in due o tre mercati, potrà scegliere la stessa strategia di posizionamento per tutti i mercati o utilizzarne una diversa per ciascun mercato, esattamente come avviene nella realtà. 5

6 Entrambi i prodotti sono prodotti a lunga scadenza e le giacenze invendute alla fine di un periodo saranno le prime a essere vendute l'anno successivo. Ad ogni modo, le giacenze non sono né soggette a deterioramento né monetizzabili. 4.- MERCATI. I comportamenti e la condotta del consumatore sono direttamente legati alla sua ricchezza, definita come il reddito pro capite di ognuno dei mercati. Con riferimento ai diversi mercati, i prodotti L e T si comportano come segue: L, all'inizio dell'attività aziendale, è un prodotto di prima necessità e il suo mercato è completamente maturo in tutti tre i territori: A, B e Y. Tale situazione si protrarrà per l'intera durata della simulazione. T, all'inizio dell'attività, è già stato lanciato sul mercato A e detiene un considerevole potenziale di crescita. Non è conosciuto nel mercato B e, pertanto, sia il prodotto sia il marchio devono essere lanciati in questo mercato. Le aziende partecipanti desiderose di penetrare tale mercato dovranno portare il prodotto a piena maturità. Tale maturità può essere raggiunta, se le aziende agiscono in maniera corretta, già nel primo anno poiché le condizioni locali sono favorevoli a tale sviluppo. All'inizio della simulazione, nel mercato Y, T si colloca già in una fase di maturità sostenuta raggiunta dalle aziende locali. Nei mercati A e B esistono tre canali di distribuzione che chiameremo T, S e G. Nel mercato Y, esiste solo un canale di tipo G. Ogni canale dispone di un determinato numero di punti vendita riportato nella seguente tabella: 6

7 Ogni territorio è strutturato in aree che richiedono la costituzione di uffici vendite. Pertanto, A necessita di 6 uffici, B di 6 uffici e Y di 12 uffici. Le aziende partecipanti devono decidere se tali punti di distribuzione intermedi dovranno essere delle succursali di proprietà dell'azienda o di proprietà di grossisti alimentari indipendenti. Chiaramente si può optare per una soluzione mista e, pertanto, le aziende dovranno decidere, per ogni mercato-territorio nel quale desiderano operare, quante succursali di proprietà dell'azienda e/o dei grossisti desiderano utilizzare. La struttura territoriale è omogenea e, pertanto, ogni elemento (ufficio e dettaglianti) in essa contenuto è equidistante dai suoi attigui. La mappa della struttura territoriale è la seguente: 7

8 5.- PROFILI DEMOGRAFICI DEGLI ACQUIRENTI DI PRODOTTI LATTIERO - CASEARI. La sua azienda deve decidere in quante delle aree commerciali (6 in A, 6 in B e 12 in Y) stabilire dei Profili demografici - molto simili nei due territori europei ma molto diversi dal mercato Y. La seguente tabella mostra la percentuale di popolazione e di acquirenti sulla base dei criteri di età e sesso. Tutti i valori esprimono una percentuale rispetto al totale della popolazione e sono stati arrotondati al numero intero più vicino. Nonostante la distribuzione degli acquirenti per età e sesso nel mercato Y sia diversa rispetto a quella nel mercato A e B, la percentuale di acquirenti rispetto alla popolazione totale, 25%, è uguale per tutti tre i mercati. La distribuzione della popolazione per età è da intendersi uguale sia per le donne sia per gli uomini, ossia il 50% per ogni genere. 6.- SUCCURSALI. La sua azienda deve decidere in quante delle aree commerciali (6 in A, 6 in B e 12 in Y) collocare le proprie succursali, supponendo che utilizzerà grossisti indipendenti nei restanti punti. Questo criterio vale per tutti tre i mercati-territori. 8

9 Le succursali sono disposte in locali presi in affitto. Ciascuna succursale è costituita da un magazzino, un ufficio e un team di rappresentanti commerciali che trattano con i dettaglianti. Queste succursali hanno un costo annuale fisso di 143,700 euro, esclusa la remunerazione della sopracitata forza vendite responsabile per i canali S e T. Il Direttore della Succursale si occupa di gestire le negoziazioni del canale G e il suo costo è incluso nel costo fisso di 143,700 euro. Deve decidere il costo di ciascun rappresentante per i canali S e T e il numero di persone di cui ha bisogno per ciascuno di questi canali (supponendo che svolga un'azione commerciale in questi canali). Quanto appena detto vale anche nel paese Y, fatto salvo il costo fisso annuale della succursale che ammonta a 300,000 dollari l'anno. Inoltre, non è necessario assumere forza vendite poiché nel mercato Y esiste solo il canale G, con cui negozia direttamente il Direttore della Succursale. L'organizzazione delle vendite, sia essa gestita da grossisti indipendenti o dall'azienda stessa, è comune ai prodotti L e T. Inoltre gli stessi rappresentanti e agenti sono responsabili di entrambi i prodotti. Nell'elaborazione delle decisioni, l'azienda annoterà sempre il numero di rappresentanti per ciascuna succursale, supponendo che tale numero sia uguale per tutte le succursali costituite dall'azienda in uno stesso mercato. Pertanto, il numero totale di rappresentanti sarà dato dal prodotto tra i rappresentanti di ciascuna succursale e il numero totale di succursali costituite dall'azienda. 7.- GROSSISTI. I grossisti indipendenti impiegati nelle aree di ciascun mercato percepiranno un 8% del prezzo di vendita al pubblico per le unità normalmente vendute e un 6,5% del prezzo di vendita al pubblico per le unità vendute in promozione. Queste percentuali includono il costo del trasporto dal grossista al dettagliante e sono uguali per i mercati A, B e Y. La percentuale del mercato Y comprende anche i relativi dazi doganali. 9

10 8.- GESTIONE DELLE VENDITE E DISTRIBUZIONE FISICA. Per garantire che il prodotto sia fisicamente disponibile all'acquirente, si richiedono due diverse azioni: una "di vendita" e l'altra definita come "distribuzione fisica". Entrambe devono essere coordinate e correttamente pianificate. Le vendite sono effettuate dai rappresentanti, i quali negoziano con i dettaglianti e prendono gli ordini, oltre a garantire la presenza dei prodotti nei punti vendita. Nelle grandi aree, i rappresentanti (forza vendita) devono essere abbastanza vicini ai dettaglianti. Ciò rende pertanto necessaria la divisione del territorio in diverse aree controllate da un ufficio vendite. I mercati A e B richiedono la costituzione di 6 aree ciascuno e dei relativi uffici vendite. Il mercato Y richiede 12 aree e i rispettivi uffici vendite. Le aziende partecipanti devono decidere se tali uffici vendite devono essere di proprietà di grossisti alimentari indipendenti o succursali di proprietà dell'azienda produttrice. Ovviamente può decidere di optare per una soluzione mista; in tal caso il numero di grossisti e di succursali deve essere definito per ciascun territorio in cui desidera operare. In entrambi i casi, dovranno essere coperte le aree di mercato in cui l'azienda decide di operare. Gli ordini effettuati con ciascun ufficio, ognuno nella sua area, devono essere distribuiti dalle piattaforme (magazzini), una o più per area. Tali piattaforme dovranno essere distribuite in modo tale che la somma dei costi per rifornirle dalla fabbrica, mantenendo un certo stock, e distribuirle ai dettaglianti sia minima, pur garantendo una consegna puntuale ed evitando l' esaurimento delle scorte. Come conseguenza, il numero totale di piattaforme può o meno coincidere con il numero di aree commerciali stabilite. Nel nostro caso, il numero minimo di piattaforme è uguale al numero delle aree (ossia, una piattaforma per area), considerando un massimo di 6 piattaforme per area. L'ufficio vendite di ciascun area (grossista o succursale) agisce in modo tale che tutti gli ordini presi siano espletati partendo dalle piattaforme assegnate alla sua area. Tale ufficio vendite è anche responsabile di effettuare gli ordini necessari con la fabbrica in modo tale che le piattaforme siano adeguatamente fornite in termini di tempo e quantità. Tutte le piattaforme, sia che esse appartengano all'area dei grossisti o a una succursale, sono rifornite direttamente dalla fabbrica; pertanto, il costo di trasporto dalla fabbrica a tutte le piattaforme è a carico del produttore (FOB destinazione). I costi di magazzino e i costi di trasporto dalle piattaforme ai dettaglianti sono tuttavia a carico del grossista o del produttore, a seconda che si trovino nelle aree assegnate ai grossisti o alle succursali. 10

11 Le aziende partecipanti devono pianificare le attività di vendita (presa dell'ordine), così come la distribuzione fisica necessaria alla corretta e puntuale consegna degli ordini. Per fare ciò, deve ricordarsi che le 6 aree in cui ogni territorio è diviso (12 aree nel caso di Y) hanno lo stesso potenziale di vendita e che ciascuna area ha pertanto lo stesso numero di dettaglianti dei diversi tipi di canali in ciascun territorio. Per disporre dei valori medi necessari ad un'adeguata pianificazione supponiamo che in ciascuna area i dettaglianti siano uniformemente distribuiti sul territorio da coprire. É importante ricordare che la gestione delle vendite e la distribuzione fisica sono due attività strettamente interconnesse e che la consegna dei prodotti venduti (attraverso grossisti o succursali ) richiede l'esistenza di piattaforme, in quanto senza di esse le vendite sarebbero improduttive. Le aziende partecipanti possono variare una qualsiasi delle decisioni logistiche di ciascun piano aziendale. Esistono tre alternative per la sua azienda: A) Avere succursali in ciascuna area di vendita di un mercato. In questo caso, dovrà pianificare tutta la logistica. B) Non avere alcuna succursale in un mercato. In questo caso, dovrà pianificare i veicoli (numero e capacità di carico) da inviare alle piattaforme e il numero di piattaforme. C) Avere tra 1 e 5 succursali nei mercati A e B e tra 1 e 11 nel mercato Y. In questo caso dovrà pianificare tutta la logistica, sebbene i costi delle piattaforme e i costi di distribuzione ai dettaglianti siano ripartiti tra i grossisti nelle aree da essi servite. Se la sua azienda ha, per esempio, 3 piattaforme per area, dovrà anche inviare i prodotti alle 3 piattaforme gestite dai grossisti. I veicoli destinati a operare dalle piattaforme ai dettaglianti operano esclusivamente in aree controllate dalle succursali. Mentre la maggior parte delle aziende utilizza il metodo "prova-errore-nuova prova" per prendere decisioni in merito al numero di veicoli e la loro capacità di carico, alcune grandi aziende applicano metodi di ricerca geometrica operativa per giungere a decisioni ottimali. 11

12 I partecipanti possono anche applicare il metodo "prova-errore" in quanto i risultati forniscono informazioni su ciascuna teorica condizione di esaurimento scorte (la condizione è teorica in quanto l'azienda di servizi logistici previene un'effettiva condizione di esaurimento scorte). L'informazione ci dice che le scorte sono basse e che quindi dovremmo aumentare le risorse di trasporto utilizzate. Vengono inoltre forniti i costi di trasporto per unità dalla Fabbrica alla Piattaforma, 0,011 euro, e dalla Piattaforma al Commerciante, 0,013 euro. Tali costi devono essere confrontati con i costi sostenuti dall'azienda e che sono mostrati nei risultati. Se gli ultimi costi sono maggiori rispetto ai primi, possiamo presupporre che le risorse di trasporto sono eccessive e dovrebbero essere ridotte. I partecipanti più inclini possono applicare un'analisi geometrica e temporale per giungere a decisioni ottimali o quasi ottimali. Per fare ciò è necessario utilizzare quasi tutti i dati inclusi di seguito; tuttavia ci sarà sempre una qualche incertezza in quanto le soluzioni dipendono dal numero di unità vendute e richiedono previsioni di vendita affinché siano il più accurate possibile. Lo studio dei sistemi di distribuzione fisica ha acquisito una grande rilevanza data l importanza di questi nel ridurre i costi e nel migliorare la competitività in termini di prezzi, così come per i loro stretti legami con il canale di transazione. 9.- LOGISTICA DELLA DISTRIBUZIONE FISICA. La distribuzione fisica include sempre tre fasi nei territori A e B e sei fasi nel mercato Y: 12

13 Pertanto, nelle piattaforme vengono emessi due tipi di documenti amministrativi: 1. Ordini dalla piattaforma alla fabbrica. 2. Documenti di trasporto ai dettaglianti, relativi agli ordini presi attraverso gli uffici vendite, sia dei grossisti sia delle succursali. I costi della fase 1 in A e B sono sempre a carico del produttore, indipendentemente dal fatto che la piattaforma si trovi in aree gestite da grossisti o succursali. Nel mercato Y, i costi delle fasi 1, 2, 3 e 4 sono sempre a carico del produttore. I dazi doganali sono a carico del produttore se i prodotti sono venduti in aree in cui possiede delle succursali, mentre i costi sono a carico dei grossisti se i prodotti sono venduti in aree gestite dagli stessi. Il costo delle fasi 1, 2 e 3 è fisso e ammonta a per unità e include il trasporto, l'assicurazione, lo sdoganamento e i costi della piattaforma principale. Non include il dazio doganale, fissato al 2% ad valorem, calcolato dopo lo sdoganamento e con le merci pronte per essere inviate alle piattaforme. (Costo standard euro) x 0.02 = Costo unitario del dazio doganale Il dazio dovrebbe essere preso in considerazione quando la destinazione della merce è rappresentata da piattaforme gestite dalle succursali. Quando il carico è diretto alle piattaforme gestite dai grossisti, i dazi sono inclusi nell' 8% a carico del grossista. Se la sua azienda decide di operare nel mercato Y, il simulatore assegnerà una piattaforma principale al porto di entrata TRASPORTO DALLA FABBRICA ALLE PIATTAFORME. Il trasporto dalla fabbrica alle piattaforme implica un costo che dipende dalle decisioni delle aziende partecipanti; pertanto può variare in ogni caso. In Y, questo costo è il costo di trasporto dalla piattaforma principale (dopo lo sdoganamento) alle altre piattaforme. Prima di tutto, l'estensione e la configurazione di ciascun territorio, come descritto nella mappa strutturale del territorio, devono essere prese in considerazione. 13

14 Sono forniti i seguenti dati sperimentali: Il numero di ore di lavoro per autista e veicolo è di 2,000 l'anno. Il tempo medio impiegato da ogni veicolo per ogni tratta dovrebbe essere preso in considerazione e comprende, come previsto, il carico presso la fabbrica e lo scarico presso le piattaforme, più la distanza in chilometri dalla fabbrica alle piattaforme e di nuovo alla fabbrica. Il tempo medio di transito è di 8 ore, sebbene tale tempo possa variare. I veicoli utilizzati devono avere tutti la stessa capacità di carico in chilogrammi, che in questo caso corrisponde ai litri, in quanto si presuppone una densità di 1 Kg/litro sia per L sia per T. Le aziende partecipanti non acquistano i veicoli; essi vengono noleggiati a una società di servizi logistici che fornisce tutti i servizi necessari, compresi gli autisti e la tempificazione della logistica, a eccezione della programmazione. Pertanto, le aziende partecipanti devono pianificare all'inizio dell'anno il numero di veicoli di cui avranno bisogno, così come la loro capacità di carico, sapendo che le società di servizi logistici addebitano quanto segue per ciascun veicolo, compresivo di tutti i costi: Costo annuale per veicolo espresso in euro= 24, x capacità di carico in chilogrammi. 14

15 La stessa formula è usata per Y, considerando però il cambio valuta (euro/dollaro). La capacità di carico dei veicoli può variare da un massimo di 24,000 chilogrammi a un minimo di 1,000 chilogrammi. La sua azienda deve decidere la capacità di carico più appropriata da contrattare. Oltre all'obiettivo di minimizzare i costi di trasporto, è importante che l'ammontare totale delle unità vendute (di L e T) siano trasportate dalla fabbrica a tutte le piattaforme (sia a quelle gestite dai grossisti sia quelle di proprietà delle succursali dell'azienda). Se tale obiettivo non viene raggiunto, sarà necessario richiedere ulteriori veicoli alla società di servizi logistici, i quali, dato che non erano previsti, comporteranno un costo maggiore rispetto a quelli noleggiati in precedenza. Tuttavia, ciò eviterà situazioni di esaurimento scorte e le relative conseguenze negative. Qualora si verifichi un esaurimento scorte a un certo punto della catena, i mercati interessati saranno segnalati alla sua azienda attraverso i Risultati. Ciò significa che il suo fornitore di servizi logistici è stato obbligato a fornire ulteriori veicoli non previsti nella programmazione. La sua azienda deve prendere le seguenti decisioni: Numero totale di piattaforme per coprire ogni territorio con le seguenti possibilità: A e B: 6, 12, 18, 24, 30, 36. Y: 12, 24, 36, 48, 60, 72. Numero di succursali: A e B: tra 0 e 6. Y: tra 0 e 12. Numero di veicoli da contrattare dalla società di servizi logistici in ciascun mercato-territorio. Capacità di carico in Chilogrammi (=Litri) del tipo di veicolo noleggiato in ciascun mercatoterritorio. Per avere un'idea, un costo di trasporto logistico ragionevole dalla fabbrica alle piattaforme equivale a circa 0,011 euro per unità trasportata. 15

16 11.- PIATTAFORME GESTITE DALLE SUCCURSALI. Tali costi sono sostenuti esclusivamente dal produttore se quest ultimo ha costituito delle succursali. I costi delle piattaforme corrispondenti alle aree gestite dai grossisti sono a carico di questi ultimi e sono pertanto inclusi nelle commissioni addebitate dal grossista per unità venduta (8% per le unità normali e 6,5% per le unità vendute in promozione). Sono forniti i seguenti dati sperimentali: Costi amministrativi (giacenze, documenti di trasporto, ordini, ecc.). Questi sono raggruppati e sono direttamente proporzionali al numero di ordini annuali effettuati da una piattaforma alla fabbrica e sono stimati a 0.65 euro per ordine per A e B e 0.65 dollari per Y (supponendo un cambio 1:1) Pertanto, il tasso di cambio dovrebbe essere sempre preso in considerazione. Inoltre, tali costi comprendono i documenti di trasporto emessi dalla piattaforma ai dettaglianti, ossia 0.15 euro per ordine inviato ai dettaglianti. In Y, questo costo corrisponde a 0.15 dollari (supponendo un cambio 1:1) I costi di stoccaggio (spazio, assicurazione, pulizia, elettricità, ecc.) Tali costi sono direttamente proporzionali al numero medio di unità in stock presso la piattaforma nel corso dell'anno, stimati a 2 euro per unità in A e B. In Y, il costo corrisponde a 2 dollari (supponendo un cambio 1:1). Costi di movimentazione. Questi costi tengono conto della movimentazione della merce verso, da e all'interno della piattaforma (inclusi carico e scarico) e sono direttamente proporzionali al numero di unità annualmente movimentate dalla piattaforma (ossia le unità vendute dall'ufficio nella sua area divise per il suo numero di piattaforme) a euro per unità in A, B e Y (supponendo un tasso di cambio 1:1 in Y). Si presume che le piattaforme siano noleggiate, il che conferisce una maggiore flessibilità per eventuali modifiche. I costi delle succursali sono indipendenti dai costi delle piattaforme e includono i costi di vendita e i costi amministrativi dell'area. 16

17 12.- TRASPORTO DALLE PIATTAFORME AI DETTAGLIANTI. Il costo di trasporto dalle piattaforme gestite dai grossisti ai dettaglianti è addebitato al grossista ed è incluso nelle commissioni dell'8% per le unità normali e del 6,5% per le unità vendute in promozione. Per stimare il costo di trasporto dalle piattaforme ai dettaglianti nelle aree in cui vengono impiegate le succursali, sono forniti i seguenti dati sperimentali: Il numero di ore di lavoro per autista e veicolo è di 2,000 l'anno. La durata media della tratta non deve essere di 8 ore nel caso di trasporto dalla fabbrica alle piattaforme. Data la vicinanza tra le piattaforme e i dettaglianti, il tempo medio della rotta può corrispondere a qualsiasi valore. L'azienda partecipante deve decidere il numero di veicoli e la loro capacità di carico, la quale non deve essere necessariamente uguale a quella pianificata per il trasporto dalla fabbrica alla piattaforma. I servizi sono contrattati a una società di servizi logistici che coprirà, qualora una decisione dovesse comportare un esaurimento scorte, le mancanze a livello di pianificazione aziendale fornendo le risorse extra necessarie, ovviamente a un costo superiore. Il costo annuale per veicolo è lo stesso di quello dei veicoli usati tra la fabbrica e le piattaforme: Costo annuale per veicolo espresso in euro = 24, x capacità di carico in chilogrammi. 17

18 In Y, il tasso di cambio (euro/dollaro) deve essere preso in considerazione. La capacità di carico dei veicoli può variare da un massimo di 24,000 chilogrammi a un minimo di 500 chilogrammi. La sua azienda deve prendere le seguenti decisioni: - Numero di veicoli da contrattare con la società di servizi logistici in ciascun mercato-territorio. - Capacità di carico in Chilogrammi (=Litri) dei veicoli noleggiati in ciascun mercato-territorio. Bisogna sottolineare che non deve essere servito ogni dettagliante, ma solo quelli dislocati nelle aree gestite dalle succursali e pertanto servite attraverso le piattaforme gestite da tali succursali. È importante tenere in considerazione il fatto che i dettaglianti effettuano ordini settimanali per il numero medio di unità vendute ogni settimana, supponendo 52 settimane all'anno. Per avere un'idea, un costo di trasporto logistico ragionevole dalle piattaforme ai dettaglianti equivale a circa euro per unità trasportata. Valori pari a zero non devono essere inseriti nelle decisioni logistiche. Se la sua azienda non gestisce il trasporto dalle piattaforme ai dettaglianti (perché non ha succursali), nessun costo sarà attribuito a questa voce FORZA VENDITE. Il costo della forza vendita impiegata presso le succursali è incluso in questa categoria. La retribuzione del Responsabile della Succursale non è inclusa in quanto fa parte delle spese fisse di ciascuna succursale. L'azienda deve decidere in merito alla grandezza della sua forza vendite per i canali S e T di ciascun mercato. L'azienda deve determinare la propria politica salariale che può comprendere una componente fissa e una variabile. Tali decisioni possono differire in ciascuno dei due mercati. Queste due componenti possono variare a seconda della seguente fascia: 18

19 La componente fissa della retribuzione è obbligatoria, mentre la componente variabile è facoltativa. Tuttavia, qualora si scelga di fissare una retribuzione variabile, essa dovrà corrispondere a una percentuale compresa nella fascia menzionata in precedenza. La componente variabile della retribuzione sarà determinata dalle unità normali vendute ai dettaglianti, escludendo pertanto le unità vendute in promozione. Le commissioni sono calcolate in base al prezzo di vendita al dettagliante e non in base al prezzo di vendita al pubblico. Le unità vendute mediante la forza vendita dei grossisti non prevedono il pagamento di alcuna commissione da parte della sua azienda a favore dei rappresentanti PREZZI. Ogni azienda deve decidere i prezzi di ciascun prodotto per ogni canale e mercato in cui sceglie di operare. Questi prezzi corrispondono sempre al prezzo di vendita al pubblico o consumatore finale e, pertanto, le vendite di ogni azienda saranno date dal prodotto di questi prezzi per le unità vendute in ciascun canale e mercato. I prezzi possono ovviamente essere modificati ogni anno. è possibile utilizzare fino a due decimali. Il simulatore percepisce che un'azienda sta operando in un determinato canale con un determinato prodotto se questa ha fissato un prezzo per lo stesso. Diversamente, se il prezzo non è stato fissato, il simulatore respinge immediatamente ogni azione PUBBLICITA. Nei tre mercati esistono diversi mezzi di comunicazione di massa. Tuttavia, la copertura dei media è limitata allo stesso territorio e non si estende ad altri mercati. 19

20 Le aziende concorrenti possono utilizzare uno o più mezzi pubblicitari in ognuno dei mercati. I supporti pubblicitari, con le relative tariffe espresse in euro per annuncio, sono i seguenti: É tutto uguale, comprese le tariffe, per i mercati A e B. In Y, i supporti pubblicitari disponibili e le loro rispettive tariffe in dollari sono: Nelle Decisioni dovrà specificare il numero totale annuo di annunci pubblicitari. 20

21 16.- RATING. I supporti pubblicitari hanno i seguenti indici di rating: Tutti i valori sono espressi in percentuali, arrotondate al numero intero più vicino, calcolate sulla popolazione di acquirenti di prodotti lattiero-caseari. Pertanto, ogni valore riportato nella tabella, per es. 16, indica che il relativo supporto copre o raggiunge il 16% degli acquirenti di prodotti lattiero-caseari, uomini o donne. È importante tenere presente che il 25% della popolazione, in tutti i mercati, acquista prodotti lattiero-caseari. Tutti i supporti pubblicitari presentano delle sovrapposizioni con uno o con l'altro prodotto. Ciò significa che gli acquirenti di prodotti lattiero-caseari, in generale, non sono solo recettori di un singolo supporto, ma di due o più POSIZIONAMENTO DI MERCATO. La sua agenzia pubblicitaria le offre varie alternative, descritte nell'allegato, dove troverà 20 possibili campagne per il prodotto L e 20 per il prodotto T. Ognuno di questi annunci comprende una descrizione dello scenario visivo e un testo, l'essenza del messaggio da trasmettere, che possono essere destinati sia a mezzi audiovisivi sia a mezzi stampa. La sua azienda dovrà scegliere una di queste campagne per ciascun mercato e prodotto che desidera commercializzare. L'annuncio o gli annunci selezionati saranno trasmessi, senza distinzione, tramite televisione, stampa o radio, qualora desideri utilizzare questi tre mezzi. Ogni anno può cambiare campagna e budget pubblicitario. 21

22 Esistono tre principali segmenti di consumatori diversi che a loro volta determinano abitudini di acquisto e scelta di marca differenti. Ognuno di essi ha un peso del 40, 40 e 20%. Le aziende devono individuare i segmenti e influenzarli secondo i propri piani strategici. Qualora abbia richiesto delle ricerche di mercato, che le forniscono le mappe di posizionamento delle marche in concorrenza, noterà due assi muti che devono essere interpretati. Sono state disegnate utilizzando le tecniche statistiche più avanzate, più precisamente con il metodo di scaling multidimensionale non metrico, nella sua versione informatica Kyst. Gli assi rappresentano le caratteristiche o insiemi di caratteristiche più apprezzate dai consumatori. L'interpretazione del significato andrebbe trasposta anche nella realtà. In genere, non è possibile modificare le caratteristiche di un marchio nel solo arco temporale di un anno. Tuttavia, dato che il numero di anni simulati è breve, il simulatore permette di modificare il posizionamento, se l'azienda desidera farlo, da un anno all'altro per poter esercitarsi. Diversamente, il processo prova/errore non si potrebbe sviluppare in questo aspetto dell'immagine del marchio. Pertanto, qualora lo desideri, la sua azienda potrà cambiare il proprio posizionamento senza che ciò comporti ulteriori sforzi di marketing. Nel mercato Y esistono tre importanti marchi locali che sono riportati sulla mappa. Si chiamano H, I e J. Questi tre marchi sono posizionati nelle tre aree strategiche essenziali del mercato Y, che corrispondono ai tre segmenti di consumatori più grandi. Per quanto concerne tutte le altre questioni di marketing, i tre marchi, con gli altri aventi quote non rilevanti, si comportano come se fossero un'azienda. Ossia, è come se i marchi agissero in stretta cooperazione. Se la sua azienda non annota una campagna pubblicitaria nelle decisioni, il simulatore le attribuirà un posizionamento neutro, non definito PROMOZIONE DELLE VENDITE. Le aziende in concorrenza possono attuare ogni anno azioni mirate di promozione delle vendite. Di conseguenza, dovranno decidere in che canali e mercati e per quali prodotti attuare tali promozioni. In ognuno di questi casi, l'azienda dovrà anche decidere quante azioni promozionali realizzare ogni anno, considerando che può utilizzarne al massimo 4 all'anno in ciascun canale e per ciascun prodotto. 22

23 Successivamente, dovrà decidere che tipo di promozione preferisce per la sua azienda. Per ogni canale può scegliere un unico tipo di promozione per quello specifico anno. In modo tale che, per esempio, se un'azienda decide di attuare 3 promozioni 3x2 nel mercato B, canale S supermercati, le tre promozioni saranno di questa tipologia. In altri canali potrà prendere decisioni diverse. In uno stesso canale di uno stesso mercato è possibile e sono ammesse promozioni dello stesso prodotto da parte di due o più aziende partecipanti; tuttavia, il simulatore impedisce che tali promozioni siano realizzate simultaneamente, come avviene di fatto nella realtà. Al fine di valutare le vendite derivanti da un qualsiasi tipo di promozione, deve considerare che l'effetto della promozione dura due settimane e che il simulatore prevede 52 settimane. La promozione può non essere accettata o, al contrario, può avere un successo che supera i calcoli effettuati. L'esperienza e la conoscenza della situazione del mercato le forniranno le informazioni necessarie a prendere le sue decisioni. Esistono otto tipologie diverse di promozione: 1. Riduzione del prezzo: consiste in una riduzione del prezzo di vendita al pubblico che l'azienda fissa per quel mercato, canale e prodotto. Nelle decisioni bisognerà annotare la quantità che si intende scontare in euro per unità. Se la promozione è in Y, il ribasso dovrà essere specificato in euro e il simulatore lo convertirà in dollari secondo il cambio di quel momento. 2. 3x2: Il dettagliante fornirà al consumatore finale tre litri di latte o yogurt al prezzo di due al momento dell'acquisto. 3. Estrazione: In questo tipo di promozione l'azienda partecipante deve specificare il budget destinato a ciascuna estrazione. Tale importo, espresso in euro, vale per una singola promozione e il simulatore moltiplicherà tale budget per il numero di promozioni da effettuare nel canale. 4. Sconto al successivo acquisto: acquistando un litro di prodotto si fornisce un buono sconto che il consumatore potrà utilizzare al successivo acquisto. Nelle decisioni bisognerà annotare quanti euro saranno scontati dal prezzo di vendita al pubblico in cambio del buono in quel secondo acquisto. 5. Bonus promozionale diretto: Regalo immediato di un set di tazze con l'acquisto di X litri. Questo regalo costa all'azienda 1.20 euro. Nelle decisioni l'azienda dovrà annotare il numero di litri che il consumatore dovrà acquistare in un unico acquisto per ricevere il regalo. 23

24 Bonus promozionale indiretto: Un regalo ottenuto tramite la raccolta di punti in diversi acquisti. Bisogna decidere il numero di litri che il consumatore deve acquistare per ricevere il regalo. L'azienda spende 3.60 euro per regalo. Se sceglie questo tipo di promozione, dovrà scegliere tra tre alternative (regali): 6. Abbonamento a una rivista. 7. Un set di tovagliette. 8. Un compact disk. Il simulatore (che si comporta esattamente come il mercato) accetterà solo promozioni sufficientemente accattivanti; pertanto, nelle decisioni, l'azienda potrà vedere quali promozioni sono state accettate. Ogni promozione rifiutata non genera alcun costo, fatte salve le estrazioni. Nelle decisioni, in cui la sua azienda materializza il proprio piano, devono essere inserite solo le decisioni necessarie ad effettuare le promozioni selezionate. Per esempio, nella promozione 3x2 non è necessario inserire altro. Nel caso dello sconto al successivo acquisto, bisognerà annotare l'importo in euro da scontare. Nel caso del Bonus promozionale diretto o indiretto, bisognerà annotare il numero di litri che il consumatore deve acquistare per ricevere il regalo. L'unico caso in cui è necessario avere un budget dell'importo è quello delle estrazioni PUBBLICITA NEI PUNTI VENDITA. L'azienda deve decidere il budget da destinare a poster, espositori, ecc., da collocare nei punti vendita. Il budget per i prodotti L e T deve essere specificato separatamente. Il budget per la pubblicità nei punti vendita deve essere simile a quello fissato nella realtà, così come tutte le altre decisioni DETTAGLIANTI. L'azienda partecipante dovrà decidere il margine da concedere ai dettaglianti (ossia i suoi clienti). Dovrà fare questo in ogni canale, mercato e prodotto nel quale desidera lavorare; ossia, in tutti i casi in cui ha fissato dei prezzi. 24

25 Il canale S (supermercati) opera con scaffali regolari e ciascun punto vendita ha 5 metri di spazio sugli scaffali. I cartoni sono collocati sugli scaffali per un massimo di tre cartoni in profondità e due in altezza, come mostrato in seguito: Il prodotto T è movimentato in pacchi di plastica contenenti otto vasetti da 125 grammi. Per questo prodotto, il programma lavora con un'unità da un litro (infatti sarebbe un chilogrammo). Il cartone contenente 8 vasetti (misura 25x12.5x5 cm), con il lato più lungo rivolto verso l'esterno sullo scaffale. Il prodotto è posizionato in frigoriferi e mantenuto costantemente fresco. Questi frigoriferi hanno 4 altezze. Ciascuno scaffale ha una profondità di 50 cm e pertanto contiene quattro file di confezioni. 26

26 In base a queste condizioni, l'azienda partecipante dovrebbe studiare quale spazio dello scaffale desidera occupare con i suoi prodotti e prendere in considerazione tutti i fattori che possono causare un aumento o una diminuzione di tale valore. Se la sua azienda non annota la percentuale di spazio sullo scaffale nelle decisioni, il simulatore darà per scontato che non desidera operare nel canale in questione e quindi che non venderà. Tali decisioni prese per ogni mercato, canale e prodotto, saranno intese come obiettivi dell'azienda soggetti a una negoziazione con i responsabili dei diversi punti vendita. Le negoziazioni sono simulate dal programma in modo che la percentuale di scaffale effettivamente ottenuta sarà probabilmente diversa da quella annotata dall'azienda come obiettivo. Nel canale T, per entrambi i prodotti L e T, le disposizioni sono piuttosto varie e le informazioni fornite dal dettagliante al consumatore non sono le stesse del canale G e S, che prevedono la disposizione del prodotto usando lo spazio sullo scaffale, ma prevede piuttosto che gli assistenti dei punti vendita consiglino specifici prodotti al consumatore. Pertanto, non parliamo di posizionamento del prodotto o spazio sullo scaffale, ma piuttosto di grado di accettazione e di appoggio del suo prodotto da parte del dettagliante. In tal senso, l'azienda partecipante dovrebbe annotare nelle decisioni, così come per i canali G e S, una percentuale per i canali T. Tale percentuale esprimerà il grado di collaborazione in ogni punto vendita. Come per i canali G e S, la percentuale effettivamente raggiunta dipenderà dalle negoziazioni di vendita e non deve necessariamente coincidere con l'obiettivo indicato. L'obiettivo deve essere indicato nelle decisioni come percentuale dello spazio sullo scaffale. Pertanto, ci sono due "spazi sullo scaffale": quello di inizio e quello di fine anno. Lo spazio sullo scaffale di inizio anno è quello che l'azienda fissa come obiettivo e che si riflette nelle decisioni. Poi interviene il simulatore che emula le correzioni che il dettagliante attua durante il periodo osservando il comportamento del prodotto e della concorrenza. Dopo tali variazioni rimane lo spazio sullo scaffale di fine anno. Questo valore finale è quello che si riflette nelle ricerche di mercato. Si consiglia di non fissare obiettivi illogici in quanto la reazione del dettagliante potrebbe essere controproducente. Fissi degli obiettivi ragionevoli e con una crescita fattibile. 28

27 22.- IMPIANTI DI PRODUZIONE. Ogni azienda parte con un volume di immobilizzazioni pari a 29,900,000 euro. Tali immobilizzazioni permettono una capacità di produzione annua di 200 milioni di litri che possono essere distribuiti tra i prodotti L e T seguendo il criterio dell'azienda partecipante. Pertanto, per quanto concerne la capacità produttiva, i litri di L equivalgono ai litri di T. L'azienda non è obbligata né a saturare la sua capacità di produzione né a produrre entrambi i prodotti. Ovviamente, una volta prodotti, i litri di L e T non sono intercambiabili e gli stock saranno separati e differenziati. L'azienda può aumentare ogni anno la propria capacità produttiva; tuttavia, ciò richiederebbe un nuovo investimento in immobilizzazioni pari a 6,000,000 di euro. Pertanto, ogni anno è possibile effettuare nuovi investimenti per una cifra pari a 6,000,000 di euro, o nessun investimento. Gli aumenti ottenuti nella capacità produttiva grazie ai nuovi investimenti possono essere impiegati nello stesso anno e sono specificati nella seguente tabella: 29

28 L'azienda partecipante spunterà nelle decisioni la casella "Investimento in immobilizzazioni" se desidera aumentare la sua capacità di produzione. Potrà farlo se la sua disponibilità di cassa (Contanti & Equivalenti) è uguale o superiore a tale cifra o, diversamente, combinarlo a una richiesta di prestito. In quest'ultimo caso dovrà annotare la cifra corrispondente nella casella "Prestito richiesto". Analogamente, dovrà essere annotata la quantità di litri di L e T da produrre. La somma di tali valori non deve superare la capacità produttiva. Se si effettua un investimento, la nuova capacità raggiunta sarà utilizzabile nel corso dello stesso anno in cui è stato realizzato l'investimento. La quantità di prodotti messi in vendita, quindi vendibili, sarà quella delle unità prodotte più le giacenze esistenti, se ci sono. Le spese annuali di ammortamento corrispondono al 10% delle immobilizzazioni COSTI DIRETTI DI PRODUZIONE. Questi costi variano in maniera direttamente proporzionale alla quantità di unità prodotte, mentre non variano se espressi in valore unitario. Nel simulatore, tali costi sono denominati "costi standard" (CS) e il valore unitario sarà determinato sempre dal Direttore. Tali costi saranno espressi sempre per litri prodotti e nel caso del prodotto T corrisponderanno alla confezione contenente 8 vasetti. Possono variare ogni anno, su decisione del Direttore, il che presuppone l'utilizzo nel conto economico e nel bilancio di una media ponderata tra il costo standard degli stock invenduti nell'anno precedente e il costo standard dell'anno in corso. L'esaurimento delle giacenze di prodotti finiti determina una riduzione delle vendite, oltre a una perdita di prestigio e quota fedele di mercato. I costi di stoccaggio in fabbrica e le perdite di prodotto durante il trasporto sono coperti dalle spese strutturali generali SPESE STRUTTURALI. L'azienda ha spese strutturali fisse pari a 3,000,000 di euro l'anno. Il precedente valore non contempla né le spese commerciali di pubblicità, promozioni, pubblicità nei punti vendita né le spese per la distribuzione fisica, i rappresentanti o i dazi doganali, ecc., ma rappresenta solo il costo del personale, delle divisioni di acquisto, produzione e gestione commerciale, oltre all'ufficio del direttore generale. 30

29 La spesa strutturale sopra menzionata corrisponde a una capacità produttiva fino a 200 milioni di litri l'anno. Con l'aumentare di questa capacità, le spese strutturali subiscono delle variazioni in base alla seguente tabella, sebbene non sia necessario raggiungere la massima capacità: 25.- PERIODI ESERCIZI. Al fine di gestire la variabile tempo sono stati concordati dei periodi annuali corrispondenti ad anni naturali. Questo è un accordo ed è limitato a se stesso, fatto salvo il fatto che la maggior parte dei piani di gestione delle aziende sono elaborati per il periodo di un anno, corrispondente agli esercizi annuali. Si potrebbe dire che sono per un periodo di 3 mesi o di un mese o del periodo che si desidera. È una mera questione di scelta. Ciò che importa è che abbiano avuto luogo tutte le 4 fasi di performance imprenditoriale (analisi, pianificazione, esecuzione e controllo), che è ciò che si fa con il simulatore. Una volta stabilito il periodo virtuale di un anno, supponiamo che i piani di gestione siano presentati il 2 gennaio e che in tale data stipulerà anche gli accordi con il personale, i clienti, i fornitori e gli istituti finanziari. I risultati si avranno il 31 dicembre successivo, così come il bilancio e il conto economico. 31

30 Pertanto, il suo piano, costituito da decisioni, entra nella fase di attuazione il 2 gennaio. I risultati, specificati nella Relazione sui risultati, entrano nella fase di controllo il 31 dicembre. L'ammortamento dei prestiti e dei crediti, così come il recupero dei depositi a termine avverrà il 2 gennaio, ossia il giorno lavorativo successivo alla ricezione del bilancio. Il simulatore bloccherà le quantità necessarie a fronteggiare le uscite di denaro per operazioni finanziarie previste per il 2 gennaio. Qualora l'azienda sia scoperta, disponibilità negativa, il simulatore farà in modo che ciò non avvenga, dato che i tassi di interesse per scoperto richiesti dalle banche sono i più alti (ricordiamo che si tratta di un prestito "in extremis"). Lo farà ricorrendo agli investimenti finanziari. Se l'azienda dispone di investimenti finanziari li cancellerà e valuterà se con essi è in grado di coprire lo scoperto (ciò comporta delle commissioni per annullamento). Anche se è evidente, bisogna ricordare che l'azienda non è obbligata ad effettuare i sopracitati investimenti finanziari. I tassi di interesse sono annuali e il simulatore utilizza al suo interno dei periodi mensili per il calcolo dell'applicazione dei tassi di interesse nelle operazioni finanziarie. Ossia, divide ogni esercizio in 12 mesi uguali. Strettamente relazionato con quanto appena detto è il problema della mancanza di Liquidità, ossia di liquidità che il simulatore attribuisce all'azienda nel primo mese di attività dell'esercizio, quando inizia a vedere la relazione tra entrate e uscite. Non dimentichiamo che i mesi sono intesi come omogenei in quanto il mercato non è stagionale. Pertanto, se l'azienda ha fatto un investimento finanziario, questo dovrebbe essere stato fatto durante il primo mese del periodo. 32

31 26.- LIQUIDITA OPERATIVA NECESSARIA. La liquidità operativa necessaria è la quantità di denaro di cui l'azienda ha bisogno all'inizio di un periodo per poter elaborare il proprio piano di gestione per l'esercizio successivo. Il simulatore prende in considerazione il suo piano e valuta la necessità in termini di debiti e crediti. Tale valutazione può essere fatta a priori dall'azienda usando la seguente regola: 1. l' 80% dei nuovi investimenti in immobilizzazioni. 2. il 50% della somma delle seguenti spese: - Totale delle spese di pubblicità ed espositori nei punti vendita - Totale delle spese per le succursali e retribuzioni fisse dei rappresentanti. - Spese strutturali - Totale spese di ricerca. 3. il 5% dei costi diretti di produzione. Le percentuali possono essere cambiate dal Direttore della simulazione e in tal caso i partecipanti saranno informati. La somma di 1, 2 e 3 deve essere uguale o inferiore alla Disponibilità. Se tale somma risulta maggiore rispetto alla Disponibilità, l'azienda avrà due opzioni: A. Chiedere un prestito pari all'ammontare di questa differenza. B. Ridurre una o più delle voci 1, 2 e 3, o toglierne una o più in modo da adeguarsi alla disponibilità esistente. La disponibilità da tenere in considerazione è quella al 2 gennaio, ossia quanto ricevuto al 31 gennaio meno: - Gli ammortamenti dei prestiti al 2 gennaio, Più - Gli investimenti finanziari. 33

32 Se la liquidità operativa necessaria è superiore alla disponibilità teorica al 2 gennaio, il simulatore chiederà un prestito per l'azienda (fondi aggiuntivi necessari) per un importo uguale alla differenza. Se è inferiore alla disponibilità, l'azienda potrà utilizzare l'eccedenza "DE" negli investimenti finanziari e/o nel pagamento anticipato dei prestiti PRESTITI E CONTANTI & EQUIVALENTI (CASSA). Ad ogni esercizio, le aziende riceveranno, insieme ai risultati delle ricerche di mercato, il conto economico e il bilancio. La voce Contanti ed Equivalenti (Cassa) può essere negativa; in tal caso l'azienda è obbligata a richiedere un prestito corrispondente all'importo negativo menzionato. Questo prestito viene concesso al fine di azzerare la voce. Oltre a questo prestito obbligatorio, l'azienda può decidere in qualsiasi momento di richiedere un prestito, anche se il bilancio Contanti ed Equivalenti (Cassa) è positivo. In genere, tali prestiti sono usati per investire in una immobilizzazione. Qualora lo necessiti, l'azienda dovrebbe chiedere un prestito per mantenere la Liquidità Operativa Necessaria. Se non lo fa l'azienda, lo farà il simulatore. Il termine di restituzione dei prestiti e il tasso di interesse relativo saranno fissati dalla Direttore della simulazione. L'ammortamento dei prestiti sarà effettuato in modo che ogni anno, eccetto l'anno in cui si richiede (vedere Conto Economico e Bilancio), sia restituita una parte proporzionale all'importo totale concesso all'azienda all'inizio dell'anno. Il termine di restituzione del prestito e il relativo tasso di interesse sono fissati dal Direttore della simulazione. Un nuovo termine e un nuovo tasso saranno applicati solo ai nuovi prestiti, ma anche al debito in sospeso relativo all'anno precedente da ammortizzare in quel momento. 34

33 Il simulatore effettuerà automaticamente l'ammortamento e lei non dovrà specificarlo nelle decisioni. È possibile saldare il debito contratto, in tutto o in parte, prima del termine di scadenza stabilito. Qualora lo desideri, dovrà specificarlo nella sezione definita come "Prestito Ammortizzato in anticipo". Per fare ciò, l'azienda deve avere una disponibilità in eccedenza DE alla voce Contanti ed Equivalenti. Questa eccedenza può essere destinata all'annullamento del prestito in sospeso INVESTIMENTI FINANZIARI. Se dispone di una DE potrà utilizzarla per effettuare investimenti finanziari per un arco temporale di un anno. Il relativo tasso di ritorno sarà dato dalla quantità investita/depositata e dal tasso di interesse applicabile, di cui la informerà il Direttore della simulazione. La quantità investita comparirà nell'attivo di bilancio e sarà disponibile il primo giorno dell'esercizio seguente. Qualora abbia problemi di liquidità e necessiti di disponibilità prima della fine dell'esercizio, il simulatore annullerà l'investimento e la banca le farà pagare la commissione per annullamento relativa a questo tipo di operazioni CAMBIO VALUTA. Nelle decisioni, le quantità dovranno essere sempre espresse in euro. Nel mercato Y, si procederà allo stesso modo e le quantità che si gestiscono in dollari dovranno essere anch'esse espresse in euro, applicando ai dollari il relativo cambio. Tale cambio sarà comunicato in ogni momento alle aziende esportatrici dal Direttore della simulazione. Dato che le aziende partecipanti (esportatrici o meno) sono considerate europee, il Conto Economico, il Bilancio e i risultati in generale saranno sempre espressi in euro. In questo modo, bisogna prestare particolare attenzione nell'elaborare eventuali stime e calcoli in quanto, per esempio, le tariffe pubblicitarie non cambiano se espresse in dollari, ma cambiano se espresse in euro, a seconda del cambio. Lo stesso vale per i costi dei servizi delle succursali, del trasporto interno nel mercato Y, ecc. 35

34 30.- CONTO ECONOMICO E BILANCIO. Al fine di una corretta interpretazione del conto economico è necessario comprendere che la fatturazione o vendita si esprime considerando come prezzo il prezzo di vendita al pubblico (al consumatore finale). Le spese, il margine del dettagliante, del grossista e le spese di promozione sono poi sottratte. Queste vendite rappresentano il totale delle unità vendute al prezzo di vendita al pubblico. Se la sua azienda richiede un prestito, nel bilancio noterà che in quell'anno non verrà ammortizzata nessuna quantità. L'importo dovuto verrà ritirato dalla sua disponibilità al 2 gennaio. Se ha chiesto dei prestiti, questo è un aspetto importante da tenere in considerazione. Pertanto, quando sta elaborando il suo piano di gestione per l'anno successivo, il simulatore ha già previsto e bloccato la quantità che deve saldare al 2 gennaio. Nei risultati, dopo il Bilancio, sarà indicato il posizionamento della sua azienda rispetto ai concorrenti. Tale posizionamento è determinato in base al maggior profitto cumulato e non ha altra importanza se non quella che gli conferisce il Direttore della simulazione. Il Direttore della simulazione può dare maggiore importanza ad altre questioni, delle quali eventualmente la informerà DOMANDA. Alla fine di ogni esercizio saranno consegnate ai partecipanti le Relazioni sui risultati. Le prime due pagine mostrano i risultati delle vendite di L e T. Le ultime tre indicano invece: A. Il totale delle unità vendute. B. Le unità richieste del suo marchio. C. Le unità in stock di prodotto finito. Il numero di unità vendute non deve necessariamente corrispondere a quello delle unità richieste. Esistono due casi in cui non c'è questa corrispondenza: il primo, quando la produzione disponibile dell'azienda è minore rispetto alla domanda, e il secondo, quando al contrario c'è un eccesso di produzione disponibile che va a coprire domande insoddisfatte o non soddisfatte da altre aziende. Pertanto, il confronto tra i due valori costituisce un'informazione estremamente importante per i partecipanti. 36

35 L'obiettivo del mercato è quello di cercare di soddisfare la totalità della domanda generata dalle aziende. Spesso, per raggiungere tale obiettivo, il mercato ricorre ad aziende la cui produzione disponibile supera quella della sua stessa domanda. Può accadere, in casi eccezionali, che un'azienda partecipante non disponga di produzione disponibile neanche per soddisfare la domanda generata dalle proprie promozioni. In questo caso, il mercato rifiuta quelle promozioni che non possono essere soddisfatte e lascia solamente quelle che possono essere soddisfatte. Oltre al valore delle vendite totali in unità conseguite dall'azienda e al valore della domanda del suo marchio, le sarà fornito il dato relativo allo stock di prodotto finito rimasto alla fine del periodo. 37

36 32.- FATTORI MACROECONOMICI E ALTRI. Nel presente documento è stato descritto lo scenario in cui l'azienda opererà. Si è parlato anche delle informazioni che le saranno fornite dal Direttore della simulazione. Questi sono i dati che riceverà e che dovrà prendere in considerazione: Questi dati economici e finanziari saranno disponibili sul web nella sezione Informazioni Generali. È importante che verifichi queste informazioni ogni volta che accede al simulatore, poiché possono variare da un anno all'altro. 38

37 33.- RICERCHE DI MERCATO. Le aziende possono effettuare ricerche di mercato tramite un istituto specializzato. I dati che si possono ottenere e il relativo costo, espresso in euro, sono quelli mostrati nella seguente tabella: 39

38 I dati relativi agli studi 1,2,3,4,5,6,18 e 19 sono espressi in unità. Le informazioni fornite negli studi 1,2 e 23 provengono da fonti secondarie. 40

39 Le coordinate delle mappe di posizionamento degli studi 7 e 8 si ottengono con il metodo dello scaling multidimensionale non metrico. Lo studio 21 indica la campagna pubblicitaria per il numero assegnato in queste Istruzioni. Le informazioni fornite nello studio 22 indicano la campagna pubblicitaria per il numero assegnato in queste Istruzioni. Praxis MMT. Esperti in simulatori. Tutti i diritti sono riservati. MMT Simulations è un marchio registrato di Praxis Hispania. 41

40 34.- ALLEGATO CAMPAGNE PUBBLICITARIE LATTE Campagna 1. Il nipotino è rimasto a dormire a casa dei nonni. La nonna gli prepara amorevolmente la colazione, ma al bambino non piace il latte perché non è della marca che solitamente beve a casa. Mentre sono in cucina, la nonna (che ha circa 65 anni) da un bicchiere di latte al bambino di 5 anni. - Bobby dai, ecco qui. Buona colazione! Il bambino assaggia il latte e aggrotta le sopracciglia: - Nonna, questo non è il latte che compra la mamma. - Ah, no? Come fai a saperlo? - La mamma compra XXX. Hai provato XXX? - No, non l'ho mai provato. - Beh, non sai cosa ti perdi nonna. Non sai cosa ti perdi. Voce fuori campo + Inquadratura del cartone di latte: "XXX, provalo e vedrai". Campagna 2. Un agricoltore, con un verde paesaggio montano sullo sfondo, conduce una mucca con le briglie e parla alla telecamera. "Ci sono solo due modi per portare ogni giorno sulla vostra tavola il latte più fresco. Tenere una mucca in giardino, cosa piuttosto complicata e non particolarmente salutare, o comprare il latte XXX che grazie al suo specifico processo di lavorazione consente di ottenere il meglio dalla mucca, eliminando qualsiasi impurità e rafforzando tutta la bontà naturale del latte". XXX, la bontà naturale del latte. Campagna 3. Inquadratura della testa e delle spalle di una persona. "Dato che non potevamo migliorare quello che c'è dentro, abbiamo deciso di migliorare la confezione. Stessa qualità, maggiore convenienza. Latte XXX". Campagna calorie, 3 grammi di proteine, 5 grammi di carboidrati, 130 milligrammi di calcio e solo 1.3 grammi di grassi rendono XXX il latte più equilibrato del mercato. Perché tutto in XXX è semplicemente giusto, niente di più e niente di meno, lasciando solo il perfetto equilibrio. Latte XXX, gusto e salute in egual misura. 42

41 Campagna 5. Due bambine (3 e 5 anni) arrivano con la mamma a casa dei nonni. Mentre scendono dall'auto vedono il nonno scaricare il latte dal suo veicolo 4x4 e portarlo in casa. Corrono per raggiungerlo. Saltelli qua e là, saluti e felicità. Arriva la mamma e da una mano. Prima bambina: "Guarda mamma, XXX. Il nonno e la nonna bevono il nostro stesso latte". Seconda bambina: "Anche loro hanno bisogno di crescere?" Nonno: "In realtà non abbiamo più bisogno di crescere, ma dobbiamo bere ciò che c'è di più sano per mantenerci in forma e in salute", dice il nonno mentre solleva velocemente una delle bambine. Voce fuori campo + Inquadratura del cartone di latte con la scena della famiglia sullo sfondo: "XXX, nelle migliori famiglie". Campagna 6. Immagine di microrganismi attraverso un microscopio. Voce fuori campo: E' essenziale mantenere la proporzione di tutte le proprietà contenute nel latte. Nel nostro laboratorio... Immagine con effetto dissolvenza di una ricercatrice con il camice bianco che guarda attraverso il microscopio....studiamo e monitoriamo la composizione con assoluta precisione... Immagine con effetto dissolvenza di un laboratorio con i tecnici al lavoro. Dare alla collettività quello che chiede dal cibo Immagine con effetto dissolvenza dell'esterno della fabbrica circondata da campi....la migliore garanzia dei prodotti lattiero-caseari XXX. Campagna 7. Un papà si sta versando un bicchiere di latte per colazione e sente un coro di voci provenire dal latte per dargli il benvenuto. "Buon giorno, buon giorno, ti auguriamo un ottimo buon giorno" Sorpreso, smette di versare il latte e ascolta. Ma quando si ferma, si fermano anche le voci. Versa ancora del latte e si ripete la stessa cosa: "Buon giorno, buon giorno, ti auguriamo un ottimo buon giorno" Un tecnico di laboratorio in camice bianco irrompe nella cucina e dice: "Forse non te ne rendi conto, ma dietro a ogni bicchiere di latte XXX ci sono veterinari, biochimici, biologi, agricoltori, personale addetto ai servizi di logistica e trasporto e un grande team di esperti professionisti che lavorano per far si che ogni giorno sia per te un buon giorno. 43

42 Campagna 8. Un giornalista, con in mano un microfono, risale a piedi il versante di una montagna. "Ci troviamo sui pendii delle Montagne Rocciose del Colorado. Siamo venuti fino a qui per scoprire qualcosa di veramente importante per la nostra salute. Tutti noi sappiamo quanto sia importante il latte per la nostra alimentazione e per questa ragione oggi intervisteremo qualcuno che di latte se ne intende." - Buon giorno Sig.ra Mucca! Le dispiacerebbe rispondere ad alcune delle nostre domande? (Usa i movimenti della testa della mucca come risposta; a volte sembra essere d' accordo, altre volte sembra non essere d'accordo e a volte sembra che stia meditando...) - Per cominciare, è vero che il latte è un cibo completo ed equilibrato? Un breve muu, movimento affermativo della testa - Il latte di una mucca come lei, che vive qui, ha lo stesso sapore del latte di una mucca che non ha mai messo piede in un prato? La mucca solleva la testa; con uno sguardo altezzoso gira il muso con disprezzo. L'intervistatore sposta il microfono per avere una risposta, mentre ci dice: - è infastidita, ma volevamo solamente chiederle.." Vediamo se riusciamo ad avere una risposta... "Scusi, scusi Sig.ra Mucca, il suo latte è incomparabilmente migliore, non è vero? La mucca concorda pienamente. "Non voglio disturbarla oltre. Mi è stata di grande aiuto; è stata molto chiara". La mucca continua a fare cenno col capo nel suo ruolo di "autorità assoluta" in materia. - E infine, un'ultima domanda, le piace il contenitore in cui è contenuto il suo latte? La mucca mostra un segno di approvazione. Campagna 9. Latte XXX". Selezione naturale. Noi di XXX abbiamo una certa predisposizione per le cose naturali. É per questo che il nostro latte attraversa un processo di selezione simile a quello presente in natura, un processo che lascia solo le cose migliori ed elimina tutto il resto. Alla ricerca dell'equilibrio perfetto. Alla ricerca della selezione naturale. Bevi XXX, perché la natura è saggia. Campagna 10. Immagine del cartone di latte. Ha le lancette dell'orologio. Parte la canzone "Rock Around the Clock" che sentiamo per tutta la durata spot. Le immagini sono il risultato di una composizione molto dinamica di brevi inquadrature che mostrano dei giovani mentre fanno sport e utilizzano mezzi di trasporto che richiedono un certo sforzo fisico: bicicletta, pattini, skateboard. L'atteggiamento dei personaggi è positivo e giocoso. Inquadratura del prodotto: Cartone del latte XXX con lancette in movimento. Voce fuori campo: Latte XXX". Energia tutto il giorno. 44

43 Campagna 11. Un verde paesaggio montano con le cime innevate. Sicuro, perché il nostro latte è sottoposto alle più moderne procedure industriali che garantiscono l'assenza di batteri indesiderati e lo mantengono fresco più a lungo. Gustoso, perché il nostro latte mantiene tutta la purezza del migliore latte delle erbose regioni montuose. Sano, perché mantiene lo stesso valore nutrizionale del latte appena munto. È così che raggiungiamo il giusto equilibro che rende XXX il latte preferito dai nostri consumatori. Latte XXX, sicuro, gustoso e sano. Campagna 12. Ogni volta l agenzia pubblicitaria ci consiglia di cambiare la confezione. E ci chiediamo il perché, dato che siamo i leader del mercato da oltre 25 anni. Dopotutto, non è quello che c'è dentro che conta davvero? Latte XXX, 25 anni preservando la nostra qualità, 25 anni alla guida del mercato (25 anni con la stessa confezione). Campagna 13. "Mamma, perché non compri il latte che compra la nonna?" La mamma da al bambino un bicchiere di latte. Il bambino la guarda e chiede: "è il più economico mamma? Perché non hai comprato lo stesso latte della nonna? La nonna mi da XXX. É così buona". "Si, nonna è molto buona" "Mamma, nonna e XXX" XXX. Molto buona. XXX. Campagna 14. Una donna sorridente di 45 anni e ceto medio parla alla telecamera. È a casa e indossa un abbigliamento casual: avete già scoperto il caratteristico gusto del latte XXX, sapete anche che i processi a cui è sottoposto permettono di mantenere intatti la sua purezza e il suo valore nutritivo, e senza alcun costo aggiuntivo. Perché fate ancora aspettare la vostra famiglia? Latte XXX, grande nel gusto, grande nel prezzo. 45

44 Campagna 15. Serie di messaggi pubblicitari dove qualcuno dice alla telecamera: Per un'alimentazione equilibrata. Salute. Purezza. Energia. XXX, il giusto equilibrio. Inquadratura del prodotto: Latte XXX, il giusto equilibrio. I personaggi sono: una cameriera, un'infermiera, un' insegnante e la commessa di un'edicola. Campagna 16. Immagine del fondo di un bicchiere con un alba (fotomontaggio), immagine del fondo di un bicchiere con il cielo notturno illuminato dalla luna. Un ottimo modo per iniziare la giornata. Un ottimo modo per terminare la giornata. Latte XXX, la scelta migliore ogni giorno. Campagna 17. Musica: Primavera di Vivaldi o un valzer. Immagini: "Com'era verde la mia valle", erba soffice che ondeggia nella brezza mattutina, le mucche pascolano gioiose, carta bianca al direttore fotografico specializzato in documentari sulla natura. Voce fuori campo: X ore di sole all'anno, X litri di pioggia all'anno e la miglior provetta (si vede la mammella della mucca). Mucche felici danno un buon latte. Campagna 18. Usare il muggito della mucca. Una mucca pascola nel prato, presa da diverse angolazioni e variando le riprese. La voce fuori campo dice: "Ci sono alcune mucche fortunate, mucche che pascolano in rigogliosi prati verdi, i migliori al mondo, all'aria aperta. Mucche straordinariamente sane che producono il latte migliore". Laboratorio biologico. La voce fuori campo continua a dire: "E ci sono nutrizionisti che analizzano e lavorano con il latte e con le necessità nutrizionali dell'uomo". Latte XXX". Muu. Campagna 19. La squadra nazionale femminile di ginnastica ritmica. Le vediamo allenarsi e fare colazione. "Per svolgere le nostre attività quotidiane e ottenere risultati sempre migliori, dobbiamo essere in ottima forma. E lo siamo. Ci alleniamo 8 ore al giorno e beviamo il latte XXX. XXX, il latte che ti da tutte le vitamine e l'energia necessarie." 46

45 Campagna 20. Una baita in un'area di alta montagna con pascoli verdi. Una giovane coppia sposata trascorre un fine settimana in un hotel di montagna con i propri figli. A colazione, il papà dirige lo sguardo fuori dalla finestra e osserva un tipico paesaggio di montagna, (prati-mucche) e dice alle donne che lo stanno servendo: " È veramente buono. Di qui, non è vero?" "Certamente" risponde la signora con un tipico accento di montagna, " È di qui ma è ben "curato", non come altri. Per voi il latte è una cosa seria". Prende il cartone e dice: "Non usiamo nessun'altra marca qui". YOGURT Campagna 1. Una ragazza nel suo appartamento, seduta sul pavimento leggendo una rivista. "Una bici, dove possono andare in bici? Correre su e giù dalle scale. Che noia! Quando c'è l'ascensore... Nuotare. Non mi piace, troppo umido. Fare esercizi. Preferisco fare shopping o guardare la TV. Mangiare uno yogurt al giorno. Questo si che è buono! [prende lo yogurt] E se è yogurt XXX allora è anche meglio". Campagna 2. Scena di una coppia felice, ognuno pensa agli affari propri. Vivono e lasciano vivere. Sanno quello che vogliono. Le immagini sono sincronizzate con la voce fuori campo: Lui spazzola il suo cavallo e poi lo sella. Lei gironzola con le borse dello shopping, ecc. Alla fine, fanno colazione insieme con indosso un accappatoio bianco, poi c'è l'inquadratura del prodotto. Voce fuori campo: A lui piace vivere in campagna. Lei adora la città. Lui aspetta il fine settimana per andare a cavallo. Lei non vede l'ora che arrivi il fine settimana per fare shopping e visitare le mostre. Lei è felice che lui non si sacrifichi per accompagnarla. A lui piace il fatto che lei non insista per accompagnarlo. A entrambi piace fare colazione insieme. Hanno una vita piena e ben equilibrata. Entrambi scelgono XXX". 47

46 Campagna 3. Una bambina indipendente di 5 anni prepara da sola la merenda per lei e il suo orsacchiotto. Fa sedere il suo orsacchiotto al tavolo e gli mette il biberon. Poi si siede al tavolo anche lei. Mangia il suo yogurt e fa finta di darne un pò al suo orsacchiotto anche se in realtà lo mangia tutto lei (come fanno le bambine quando fanno questo gioco). Nel frattempo gli parla: "Ecco qui orsacchiotto, è lo yogurt XXX. La nonna dice che è molto buono per le tue ossa. Glielo ha detto il dottore". "Patricia, la baby-sitter, lo mangia perché dice che è molto sano". (E sussurra: "E dice anche che se non lo mangia non riesce ad andare in bagno... E questa è una cosa molto brutta. Ti si gonfia la pancia e puoi esplodere.") "Arrivo, aspetta. Non essere impaziente. Ti piace vero? Lo adoro. Voglio diventare una modella e per diventare modella bisogna mangiare lo yogurt. Lo mangiano tutti, non lo sapevi? Credo che stai mettendo su qualche chilo". Campagna 4. I vari personaggi vanno verso il frigorifero e prendono uno yogurt per poi continuare con la loro esistenza sana, felice e dinamica. Voce fuori campo: "Vuole diventare alto come papà. Papà vuole avere la stessa energia di suo figlio. Vuole essere bella come la mamma. Mamma vuole essere sana come sua figlia. Il nonno vuole continuare ad essere il capo della tribù. La nonna vuole continuare a godersi la vita". Yogurt XXX, per un'esistenza sana, felice e dinamica. Campagna 5. In cucina, nonna, figlia e nipote. Sono sedute al tavolo di cucina. La nonna e la nipote sono sedute vicine. La figlia, seduta in mezzo a loro, dice: Sapete cosa hanno in comune mia mamma e mia figlia? Beh me ovviamente, e lo stesso naso... e la stessa passione per lo yogurt XXX!" Campagna 6. "Quando mi iscrivo in palestra, ci vado. Quando compro un costume, lo indosso. E quando mangio uno yogurt, voglio gustarmelo. Ecco perché scelgo XXX. E anche perché voglio sentirmi bene. (Scorre la mano sulla vita e sui fianchi per sottolineare il fatto che è in ottima forma, perché si prende cura di sé). Yogurt XXX, gustatelo". 48

47 Campagna 7. Un endocrinologo parla alla telecamera dal suo studio tutto bianco. Sottotitoli che riportano il nome e la professione della persona che parla. Appoggiato alla sua scrivania, per dare maggior movimento, dice: "Lo yogurt è uno dei cibi più importanti e sani che potete mangiare. Grazie al suo processo di fermentazione, lo yogurt è anche meglio del latte. Tra le sue qualità c'è il fatto di essere un'eccellente fonte di calcio, con un grande vantaggio: è facile da digerire - e ciò significa che le sostanze nutritive sono assorbite più velocemente dall'organismo. Un altro vantaggio è quello di essere molto equilibrato: x proteine, x vitamine, x calcio... E non dimentichiamo la sua consistenza. È un valido aiuto per i bambini durante la fase di transizione ai cibi solidi e per tutti gli adulti con problemi dentali. L'attento processo di preparazione, così come l'origine del latte, rende lo yogurt XXX il migliore alleato per un'alimentazione sana. Mentre l'attore parla, in sovrapposizione appare: CALCIO, DIGERIBILITA', EQUILIBRIO, CONSISTENZA. Campagna 8. La telecamera inquadra una modella. Affascinante, giovane, indossa un vestito stretto ma non è pretenzioso. "Se vuoi prenderti cura della tua linea "Se vuoi prenderti cura della tua salute E se vuoi gustarti il sapore Di di si a XXX, il vero yogurt". Campagna 9. Una ragazza molto carina, intelligente, attraente anche la mattina appena alzata. É nel suo appartamento tipo loft; c'è un futon e poco altro. La casa è molto ordinata. Luminosa e molto "lattea". Indossa la sua tenuta casalinga, una maglietta o un maglione extra-large e delle calze grosse, bianche e rugose. Ha un messaggio in segreteria (una voce di donna) per un provino. "Laura hai un provino mercoledì alle 11. Devi essere naturale". Cammina intorno nel suo loft dicendo: "Naturale significa...senza trucco". Si lava il viso, spruzzando l'acqua con le mani. Si asciuga delicatamente con un asciugamano bianco e continua a parlare. "Naturale è..." Scioglie i capelli. Li pettina un paio di volte ed è perfetta, ovviamente. Si da un'occhiata di approvazione nello specchio. Va verso il frigorifero, prende uno yogurt e dice: "Naturale è mangiare quando hai fame...e godersi qualcosa di buono e naturale come lo yogurt XXX. 49

48 Campagna 10. Modello, uomo o donna, meglio se famoso. Parla alla telecamera. "Avete un'idea di quanto costi mantenere la propria linea nel nostro settore? Non ci sono orari. Il cibo del ristorante non aiuta e mamma non ti aspetta con la cena pronta. Per questo devi imparare a prenderti cura di te (mangiando lo yogurt). Proteine, calcio, vitamine e gusto! YOGURT XXX" Campagna 11. Immagine di microrganismi attraverso un microscopio. Voce fuori campo: "Ciò che importa nello yogurt è l'equilibrio di tutti gli ingredienti. Nel nostro laboratorio... Immagine con effetto dissolvenza di un ricercatrice in camice bianco che guarda attraverso il microscopio...."studiamo e monitoriamo la composizione con assoluta precisione..." Immagine con effetto dissolvenza di un laboratorio con i tecnici al lavoro. "Dare alla collettività ciò che chiede dal cibo..." Immagine con effetto dissolvenza dell'esterno della fabbrica circondata da campi...."la migliore garanzia dello yogurt XXX". Campagna 12. Una sfilata di cibi invitanti, inquadratura del prodotto. Voce fuori campo: "Le tue insalate più sofisticate, i tuoi più squisiti dessert o più deliziosi budini possono avere anche qualcosa in più se aggiungi lo yogurt XXX. Per la sua cremosità, il suo gusto, per tutto ciò che ti aspetti da un ottimo yogurt." Con le parole finali, si vede qualcuno mescolare lo yogurt con un cucchiaio, assaggiarlo e mostrare un segno di approvazione. Campagna 13. Serie di messaggi pubblicitari dove qualcuno dice alla telecamera: Per un'alimentazione equilibrata. Salute. Purezza. Energia. XXX, il giusto equilibrio". Inquadratura del prodotto: yogurt XXX, il giusto equilibrio. I personaggi sono: una cameriera, un'infermiera, un' insegnante e la commessa di un'edicola. 50

49 Campagna 14. "Noi di XXX, chiamiamo ogni cosa con il proprio nome, Per questo quando mangi uno yogurt XXX sai che non contiene conservanti o coloranti. Per questo XXX è il migliore del mercato. XXX è equilibrato e ha un sapore unico. XXX, il giusto equilibrio, naturalmente". Campagna 15. Un giovane uomo di bell'aspetto con un fisico muscoloso mangia uno yogurt. Parla alla telecamera mentre mangia uno yogurt. "Io ci metto un minuto per mangiare il mio yogurt XXX, mentre ai tecnici di laboratorio di XXX ci vuole un'ora per effettuare tutti i controlli di qualità. Potresti chiamarlo "fast food", e veramente ben testato. Veloce ma sano". Prende il suo zaino ed esce. "E dicono che i giovani come noi non mangiano bene". yogurt XXX, veloce, sano e preparato appositamente per te. Campagna 16. Compare sullo schermo un uomo di 35 anni. Lo sfondo non è ben inquadrato, potrebbe essere il suo ufficio o casa sua: Voce fuori campo: "La pensione ti preoccupa? Se hai già un piano pensionistico, prendi in considerazione il fatto di godertelo al massimo. Mangia lo yogurt XXX e fai il miglior investimento. Lo yogurt XXX è arricchito con vitamine e aiuta a regolare il colesterolo. Yogurt XXX, goditi il domani senza dimenticarti di oggi." Campagna 17. "Per il loro gusto delizioso, per la loro attenta preparazione, gli yogurt XXX sono quelli preferiti dai bambini e dalle mamme. Yogurt XXX, pace per il corpo e per la mente". Campagna 18. Una cucina di notte. Si sentono dei passi nell'oscurità. Si apre la porta del frigorifero. Un braccio si allunga per prendere un vasetto di yogurt. Inquadratura del prodotto: vasetto di yogurt vuoto e un cucchiaino. Voce fuori campo: "yogurt XXX, la tentazione". 51

50 Campagna 19. Immagine del pianeta Terra visto dallo spazio. Il blu, il colore dominante, inizia a diventare bianco mentre si scioglie. Mentre diventa liquido, l'inquadratura si allarga e si vede il liquido bianco riempire il vasetto di yogurt. Voce fuori campo: "I nostri yogurt sono i più gustosi al mondo". Campagna 20. Utensili sparsi ovunque in un'ampia cucina di ristorante. Si sente il rumore di un'intensa attività; cuochi e camerieri si muovono nervosamente con evidenti sintomi di fatica e tensione. La telecamera si avvicina a uno dei camerieri, seduto silenziosamente tra il caos, gustandosi lentamente un cucchiaio di yogurt e mostrando un evidente soddisfazione mentre lo deglutisce. Voce fuori campo: "Se vuoi sentirti calmo e rilassato, concediti uno yogurt XXX". Praxis MMT. Esperti in simulatori. Tutti i diritti sono riservati. MMT Simulations è un marchio registrato di Praxis Hispania. 52

51 Copyright Praxis MMT Corp. Tutti i diritti sono riservati. MMT Simulations è un marchio registrato di Praxis MMT Corp. Il presente documento può essere soggetto a variazioni senza preavviso. Licenza Il contenuto del presente documento è soggetto alla Licenza di MMT Simulations ("Licenza"). Il presente documento deve essere utilizzato in conformità a quanto stabilito nella Licenza. Una copia della Licenza è disponibile sul sito > Richiesta di Licenza. Nota Legale Praxis MMT Corporation declina ogni responsabilità derivante da: - inserimento di dati nel simulatore - errori o omissioni nell'inserimento dei dati - le possibili conseguenze che tali errori o omissioni possono avere sui risultati - guasti ai server o alle compagnie telefoniche e le conseguenze che ciò può comportare. Praxis MMT non garantisce l'accesso al web poiché questo è soggetto a imperfezioni e difetti causati da un uso scorretto, una cattiva connessione a internet, incidenti o cause esterne come: arresto dei server, hardware e/o difetti dei server, difficoltà di accesso al server, rottura di cavi o antenne, interruzioni della connessione, interruzione di elettricità, etc... Lei è l'unico responsabile del mantenimento della riservatezza dei suoi codici di accesso e delle sue password. Lei si assume la responsabilità delle conseguenze derivanti dalla cessione, con o senza il suo consenso, della sua password a terzi. Salvo previa autorizzazione, è vietata la riproduzione di qualsiasi contenuto. Per suggerimenti o correzioni scrivere a: PRAXIS MMT Corporation Coral Way Suite 300 Coral Gables, FL

Silver Management Trainer. Lo Scenario

Silver Management Trainer. Lo Scenario 46 Silver Management Trainer Lo Scenario Indice dei contenuti 0.- INTRODUZIONE...3 1.- AZIENDE...3 2.- IL CONTESTO...4 3.- PRODOTTI...5 4.- MERCATI...6 5.- PROFILI DEMOGRAFICI DEGLI ACQUIRENTI DI PRODOTTI

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

Analisi dei costi di produzione

Analisi dei costi di produzione Analisi dei costi di produzione industriale Analisi dei costi 1 Comportamento dei costi La produzione è resa possibile dall impiego di diversi fattori. L attività di produzione consuma l utilità dei beni

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Le tecniche di gestione delle scorte con Access 2007

Le tecniche di gestione delle scorte con Access 2007 Le tecniche di gestione delle scorte con Access 2007 Premessa La gestione delle scorte di magazzino comporta, per molte aziende, scelte di fondamentale importanza, che possono avere riflessi positivi sia

Dettagli

Corso: Analisi Finanziaria e Valutazione della Brand Equity Laurea Specialistica: Marketing e Comunicazione

Corso: Analisi Finanziaria e Valutazione della Brand Equity Laurea Specialistica: Marketing e Comunicazione Corso: Analisi Finanziaria e Valutazione della Brand Equity Laurea Specialistica: Marketing e Comunicazione a.a. 2006-2007 Prof.: Daniela Favaretto Ricevimento: martedì ore 13.30 e-mail: favaret@unive.it

Dettagli

Lezione 18 1. Introduzione

Lezione 18 1. Introduzione Lezione 18 1 Introduzione In questa lezione vediamo come si misura il PIL, l indicatore principale del livello di attività economica. La definizione ed i metodi di misura servono a comprendere a quali

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina UN Po DI TEORIA Daniela fantozzi fantozzi@istat.it 1 Il Prodotto interno lordo (PIL) misura la produzione finale di beni e servizi, prodotta nell anno su un determinato territorio Il PIL è definito ai

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Bronze Management Trainer. Lo Scenario

Bronze Management Trainer. Lo Scenario 31 Bronze Management Trainer Lo Scenario Indice dei contenuti 0.- PREMESSA...3 1.- LE AZIENDE...3 2.- IL CONTESTO...4 3.- PRODOTTI...5 4.- MERCATI...6 5.- PROFILI DEMOGRAFICI DEGLI ACQUIRENTI...7 6.- AREE

Dettagli

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota Capitolo 2 Misurazione del sistema macroeconomico Francesco Prota Piano della lezione La misurazione delle sei variabili chiave Tasso di cambio Mercato azionario Tassi di interesse Tasso di inflazione

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

Conti economici nazionali

Conti economici nazionali Conti economici nazionali Definizioni correnti Ammortamento Rappresenta la perdita di valore subita dai capitali fissi (macchinari, impianti, mezzi di trasporto, etc.) nel corso dell anno a causa dell

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI CONTABILITA GENERALE 16 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 3 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

Qual è la spesa minima con AdWords? Non vi è minimo di spesa. Puoi decidere un budget giornaliero appropriato per i tuoi obiettivi.

Qual è la spesa minima con AdWords? Non vi è minimo di spesa. Puoi decidere un budget giornaliero appropriato per i tuoi obiettivi. FAQ Come si paga la pubblicità su Google? Con AdWords di Google sei tu a decidere l'importo da pagare per la tua pubblicità. A parte la quota di attivazione una tantum di 5, puoi controllare il costo del

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Letture di riferimento: Bertinetti, Paragrafo 2.1 Il rischio rilevante per l azienda Rischio =

Dettagli

BUDGET IL BUDGET COME STRUMENTO AZIENDALE

BUDGET IL BUDGET COME STRUMENTO AZIENDALE BUDGET Il budget è un documento amministrativo in cui vengono stabiliti in via preventiva gli atti di gestione che l'azienda intende effettuare in un periodo futuro, al fine di conseguire un determinato

Dettagli

BILANCIO RETTIFICATIVO 1/2014

BILANCIO RETTIFICATIVO 1/2014 Consiglio di amministrazione BILANCIO RETTIFICATIVO 1/ CT/CA-026/IT INDICE I. INTRODUZIONE A. Introduzione generale B. Tariffe C. Entrate D. Spese II. STATO DELLE ENTRATE E DELLE SPESE RIEPILOGO III. STATO

Dettagli

Allegato 1 prospetti di bilancio PURICELLI CONTO ECONOMICO 2006

Allegato 1 prospetti di bilancio PURICELLI CONTO ECONOMICO 2006 PURICELLI S.p.A. Al termine di una lunga discussione con i suoi principali collaboratori, il dr. Rossini -amministratore unico della PURICELLI S.p.A. - aveva deciso di acquistare nuovi macchinari e di

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione Capitolo 12 Produzione, reddito e occupazione La produzione e il prodotto interno lordo (PIL) Definizione: PIL di una nazione è il valore complessivo di tutti i beni e servizi finali prodotti per il mercato

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

Matrice Excel Calcolo rata con IMPORTO DEL FINANZIAMENTO determinato dall'utente

Matrice Excel Calcolo rata con IMPORTO DEL FINANZIAMENTO determinato dall'utente Matrice Excel Calcolo rata con IMPORTO DEL FINANZIAMENTO determinato dall'utente L'acquisto di un immobile comporta un impegno finanziario notevole e non sempre è possibile disporre della somma di denaro

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET A CUR A DEL B IC S AR DEGNA S P A 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LA FUNZIONE DEL BUDGET... 3 LE CARATTERISTICHE DEL BUDGET... 3 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

Informazioni per gli Azionisti

Informazioni per gli Azionisti Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2013 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Tassi di cambio e transazioni internazionali La domanda di attività denominate in valuta estera L equilibrio nel mercato valutario Tassi

Dettagli

Introduzione all analisi per flussi

Introduzione all analisi per flussi C 1 a p i t o l o Introduzione all analisi per flussi 1 I flussi finanziari L obiettivo di questo libro è illustrare una diversa visione d impresa: non più quella statica legata alla contabilità e all

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

ANALISI E PIANIFICAZIONE FINANZIARIA

ANALISI E PIANIFICAZIONE FINANZIARIA L ANALISI FINANZIARIA Prof. Francesco Albergo Docente di PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Corso di Laurea in Economia Aziendale Curriculum in Gestione Aziendale Organizzata UNIVERSITA degli Studi di Bari DOTTORE

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

Calcolo economico e finanziario: Esercizi da svolgere. A) Capitalizzazione semplice

Calcolo economico e finanziario: Esercizi da svolgere. A) Capitalizzazione semplice Calcolo economico e finanziario: Esercizi da svolgere A) Capitalizzazione semplice A.1) Il capitale di 3.000 viene impiegato al tasso i=0,07 per 4 anni. Calcolare il montante. A.2) Il capitale di 3.500

Dettagli

Volumi di produzione del trimestre Totale 31.800 23.200

Volumi di produzione del trimestre Totale 31.800 23.200 Esercizio 10.1 Conto economico preventivo, budget operativi 1. Budget delle vendite (trimestre gennaio-marzo) Pastine Omogeneizzat TOT i Gennaio 30.000 32.000 62.000 Febbraio 36.000 40.000 76.000 Marzo

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI

CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI A seguito dell'attuazione della direttiva relativa ai mercati degli strumenti finanziari (MiFID) nell'unione Europea e in accordo con i servizi e attività di investimento e

Dettagli

CL Produzioni Animali

CL Produzioni Animali CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-134 Metodi e Strumenti di analisi degli investimenti introduzione La valutazione economica degli investimenti costituisce una tipica analisi di LUNGO PERIODO

Dettagli

Matrice Excel Calcolo rata con DURATA DEL FINANZIAMENTO determinata dall'utente

Matrice Excel Calcolo rata con DURATA DEL FINANZIAMENTO determinata dall'utente Matrice Excel Calcolo rata con DURATA DEL FINANZIAMENTO determinata dall'utente L'acquisto di un immobile comporta un impegno finanziario notevole e non sempre è possibile disporre della somma di denaro

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo

1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo 21 Capitolo II Il budget 1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo Il budget - e' un programma delle operazioni di gestione da compiere in un anno, finalizzato

Dettagli

Commenti al modello di finanziamento per il punto fondamentale 2B

Commenti al modello di finanziamento per il punto fondamentale 2B Commenti al modello di finanziamento per il punto fondamentale 2B 1 Condizioni generali Per il periodo 2008-2011 la Confederazione, fatta salva l'approvazione annuale del Parlamento, prevede nel piano

Dettagli

Bronze Management Trainer. Lo Scenario

Bronze Management Trainer. Lo Scenario 31 Bronze Management Trainer Lo Scenario Indice dei contenuti 0.- PREMESSA...3 1.- LE AZIENDE...3 2.- IL CONTESTO...4 3.- PRODOTTI...5 4.- MERCATI...6 5.- PROFILI DEMOGRAFICI DEGLI ACQUIRENTI...7 6.- AREE

Dettagli

1. Il bilancio e gli indici di bilancio

1. Il bilancio e gli indici di bilancio Indici di bilancio 1 1. Il bilancio e gli indici di bilancio Introduzione 1.1 Lo stato patrimoniale 1.2 Il conto economico 1.3 Indici di bilancio 1.4 Schemi per l interpretazione degli indici di bilancio

Dettagli

CONTABILITÀ. Regime Beni Usati. Release 4.90 Manuale Operativo

CONTABILITÀ. Regime Beni Usati. Release 4.90 Manuale Operativo Release 4.90 Manuale Operativo CONTABILITÀ Regime Beni Usati Il D.L. 41/1995, conv. in L. 85/1995 prevede un particolare regime (cd. Regime del margine) per la cessione di beni mobili usati e di oggetti

Dettagli

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Distribuzione Le scelte nella rete di distribuzione La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Le scelte nella rete di distribuzione Dove vogliamo

Dettagli

Esame 2011. Contabilità aziendale / controlling

Esame 2011. Contabilità aziendale / controlling Berufsprüfung für Verkaufsfachleute mit eidg. Fachausweis Examen professionnel pour spécialistes de vente avec brevet fédéral Esame per l attestato professionale federale di specialisti in vendita Esame

Dettagli

Matrice Excel Calcolo rata con TASSO DI INTERESSE determinato dall'utente

Matrice Excel Calcolo rata con TASSO DI INTERESSE determinato dall'utente Matrice Excel Calcolo rata con TASSO DI INTERESSE determinato dall'utente L'acquisto di un immobile comporta un impegno finanziario notevole e non sempre è possibile disporre della somma di denaro sufficiente

Dettagli

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance www.adapt.it, 10 marzo 2011 Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance di Dimitri Giardino In uno scenario economico sempre più globalizzato e concorrenziale, in cui

Dettagli

LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI

LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI Il leasing finanziario a cura di Roberto Protani IL LEASING FINANZIARIO Il leasing finanziario è un contratto atipico non disciplinato dal Codice civile che consente all'impresa

Dettagli

CONTABILITÀ. Regime Beni Usati. Release 5.20 Manuale Operativo

CONTABILITÀ. Regime Beni Usati. Release 5.20 Manuale Operativo Release 5.20 Manuale Operativo CONTABILITÀ Regime Beni Usati Il D.L. 41/1995, conv. in L. 85/1995 prevede un particolare regime (cd. Regime del margine) per la cessione di beni mobili usati e di oggetti

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Dipartimento di Ingegneria Meccanica Chimica e dei Materiali IMPIANTI INDUSTRIALI Esercitazione ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Prof. Ing. Maria Teresa Pilloni Anno Accademico 2015-2016 1 ------------------------------------

Dettagli

Organizzazione del capitolo

Organizzazione del capitolo Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Preparato da Iordanis Petsas (traduzione di Juliette Vitaloni) In allegato a: Economia internazionale: economia monetaria internazionale

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA

BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA I manuali di Budgetonline.it BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA 1 SEZIONE 1: LO SCHEMA OPERATIVO La tecnologia più utilizzata perché universalmente conosciuta e praticata è certamente rappresentata

Dettagli

Esempi di modelli di programmazione lineare (intera) 2014

Esempi di modelli di programmazione lineare (intera) 2014 Esempi di modelli di programmazione lineare (intera) 2014 1) Combinando risorse Una ditta produce due tipi di prodotto, A e B, combinando e lavorando opportunamente tre risorse, R, S e T. In dettaglio:

Dettagli

Costo Industriale e Budget per Linee di produzione

Costo Industriale e Budget per Linee di produzione Costo Industriale e Budget per Linee di produzione E un Software decisamente innovativo che, ancora più degli altri, offre alle PMI la possibilità di avvicinarsi alla problematica della determinazione

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

Bilancio: l attivo circolante e le passività

Bilancio: l attivo circolante e le passività Bilancio: l attivo circolante e le passività e il passivo Riferimenti normativi e disposizioni contabili 2424-2424 bis -2426-2427 c.c. - Rappresentazione, definizione, valutazione e informazioni integrative

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

GESTIONE INTERESSI DI MORA. Impostazioni su Gestione Condominio. Addebito interessi su codice spesa 22. Immissione/gestione versamenti

GESTIONE INTERESSI DI MORA. Impostazioni su Gestione Condominio. Addebito interessi su codice spesa 22. Immissione/gestione versamenti GESTIONE INTERESSI DI MORA Partendo dal presupposto che i versamenti vengano effettuati quasi sempre (salvo casi sporadici) tramite banca (e non in contanti presso l ufficio dell amministratore), l analisi

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI 11.1. Il prestito obbligazionario: aspetti giuridici ed economicoaziendali Il prestito obbligazionario rappresenta una modalità di finanziamento a medio-lungo

Dettagli

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario 1. Modalità di pagamento Per il regolamento degli ordini l esportatore può richiedere diverse forme di pagamento che presentano vari profili di rischio. Nell ottica del cliente tali modalità hanno diversi

Dettagli

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere.

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere. I piccoli imprenditori hanno le stesse esigenze delle grandi aziende. Nel nostro Paese tutti se ne dimenticano, ma non i professionisti della nostra struttura. Chi ha avuto il coraggio di intraprendere

Dettagli

ALLEGATO 1. Erogazione. 1 gennaio del secondo, terzo, quarto, quinto o sesto anno successivo a quello di stipula del contratto

ALLEGATO 1. Erogazione. 1 gennaio del secondo, terzo, quarto, quinto o sesto anno successivo a quello di stipula del contratto P.G. 3046/2011 INDAGINE PER L INDIVIDUAZIONE DEGLI ISTITUTI DI CREDITO INTERESSATI A PARTECIPARE ALLA GARA DI AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCENSIONE INDEBITAMENTO PER L ESERCIZIO 2011 Il Comune di Mantova

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI a cura di Claudio Picozza 1 CONTABILITA NAZIONALE E CONTI ECONOMICI NAZIONALI La Contabilità Nazionale è rappresentata da l'insieme di tutti i conti economici che

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2006

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2006 Allegato 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2006 1. GENERALITÀ Ciascun depositario autorizzato o altro soggetto senza impianto

Dettagli

Simulazione di una catena logistica

Simulazione di una catena logistica Simulazione di una catena logistica La logistica aziendale richiede l organizzazione di approvvigionamento e trasporto dei prodotti e dei servizi. La catena di distribuzione, supply chain, comprende il

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

COME FARE PER: decidere se estendere l'attività a monte del processo

COME FARE PER: decidere se estendere l'attività a monte del processo autore dell articolo: Cianca Fabrizio - Ma.Ve.Co-Consulting (Consulente, Progettista e Docente di Programmi Formativi Area Marketing, Vendita e Comunicazione. Socio AIF Associazione Italiana Formatori.

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Il Geomarketing I Mktg-L13 Il Geomarketing,

Dettagli

determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato BUDGET DI PRODUZIONE BUDGET della PRODUZIONE

determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato BUDGET DI PRODUZIONE BUDGET della PRODUZIONE Budget delle vendite L articolazione per Centri di Costo determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato 1 I criteri per individuare i centri di costo sono: Rilevanza

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 )

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. (Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) Contenuto del decreto Art. 1 Con il presente decreto

Dettagli

Esempi di sensitivity analisys

Esempi di sensitivity analisys Esempi di sensitivity analisys SELEZIONE DI INVESTIMENTI: Un modello multiperiodale Prendiamo ora in esame un esempio di problema di selezione di investimenti che ci permette di evidenziare alcune possibilità

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

CONTABILITA ANALITICA

CONTABILITA ANALITICA CONTABILITA ANALITICA Operazioni da svolgere per gestire Movimentazioni di Contabilità Analitica. Il documento che segue ha lo scopo di illustrare le operazioni che devono essere eseguite per: Predisporre

Dettagli

GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER

GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER (vers. 2.0.0) GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER (vers. 2.0.0)... 1 Installazione... 2 Prima esecuzione... 7 Login... 8 Funzionalità... 9 Gestione punti... 10 Caricare punti...

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le partecipazioni I titoli (cenni) 1 Indice degli argomenti 1. I TITOLI E LE PARTECIPAZIONI ISCRITTE NELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE i titoli

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria

L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria focus modulo 3 lezione 23 La gestione Il patrimonio di funzionamento L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria L azienda deve dotarsi di fonti di finanziamento idonee a coprire il fabbisogno finanziario

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli