MODELLO 730/2015 E VISTO DI CONFORMITA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODELLO 730/2015 E VISTO DI CONFORMITA"

Transcript

1 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO MODELLO 730/2015 E VISTO DI CONFORMITA Renzo Radicioni Milano, 23 marzo 2015 Sala Convegni Corso Europa 11

2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Fonti Normative: Decreto Legislativo n. 241 Decreto Ministero delle Finanze n. 164 Decreto Legislativo n. 175 (decreto semplificazioni) Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati, Prot. 2015/25992 del 23 febbraio 2015 Circolare 7/E del Commissione Parlamentare di Vigilanza sull Anagrafe Tributaria, Roma 11 marzo 2015 Modifica alle istruzioni 730/2015, Prot. 2015/39957 Conferenza Agenzia delle Entrate del 19 marzo 2015

3 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO MODELLO 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014

4 Premessa: Il provvedimento Agenzia Entrate ha approvato il Mod. 730/2015 da utilizzare da parte di coloro che nell anno 2015 relativamente ai redditi percepiti nell anno 2014 si avvalgono di assistenza fiscale. A partire dal in via sperimentale oltre al 730 ordinario l Agenzia delle entrate introduce il Modello 730 precompilato reso disponibile al contribuente in base all art. 1 del D. Lgs. 21 novembre 2014 n. 175.

5 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I SOGGETTI DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

6 I soggetti destinatari della dichiarazione 730 precompilata Per il primo anno di avvio sperimentale, sono destinatari della dichiarazione 730 precompilata i contribuenti in possesso di entrambi i seguenti requisiti: Aver percepito per l anno d imposta 2014, redditi di lavoro dipendente e assimilati indicati agli articoli 49 e 50, comma 1, lettere a), c) c-bis), d), g) con esclusione delle indennità percepite dai membri del Parlamento europeo, i) e l) del TUIR, in relazione ai quali i sostituti d imposta hanno trasmesso nei termini all Agenzia delle entrate la Certificazione Unica Aver presentato per l anno d imposta 2013, il modello 730 oppure il modello Unico persone fisiche, pur avendo i requisiti per presentare il modello 730.

7 I soggetti destinatari della dichiarazione 730 precompilata La dichiarazione 730 precompilata viene predisposta anche nei confronti dei contribuenti che per l anno d imposta 2013, oltre a presentare il modello 730 hanno presentato il modello Unico persone fisiche con i soli quadri RM, RT e/o RW. Il Modello 730 precompilato non viene predisposto se, con riferimento all anno d imposta precedente, il contribuente ha presentato dichiarazioni correttive nei termini o integrative, per le quali, al momento dell elaborazione della dichiarazione precompilata, era ancora in corso l attività di liquidazione automatizzata effettuata ai sensi dell art bis del D.P.R. n. 600 del 1973.

8 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA QUALI INFORMAZIONI CONTIENE

9 Dichiarazione 730 precompilata quali informazioni contiene Per la predisposizione del modello 730 precompilato, l Agenzia delle Entrate utilizza le seguenti informazioni: I dati contenuti nella Certificazione Unica, che da quest anno viene inviata all Agenzia delle Entrate dai sostituti d imposta; I dati relativi agli interessi passivi sui mutui, ai premi assicurativi e ai contributi previdenziali, che vengono comunicati all A.E. dai soggetti che erogano mutui agrari e fondiari dalle imprese di assicurazione e dagli enti previdenziali; Alcuni dati contenuti nella dichiarazione dei redditi dell anno precedente Altri dati presenti nell Anagrafe tributaria (es: versamenti effettuati con mod. F24).

10 Dichiarazione 730 precompilata quali informazioni contiene Informazioni inviate dagli enti esterni nel 2015 LAVORATORI DOMESTICI INTERESSI PASSIVI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI CONTRATTI E PREMI ASSICURATIVI TOTALE Le Certificazioni Uniche inviate 2015 CU dipendenti CU autonomi Arrivate al 4 marzo

11 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO ACCESSO AI DOCUMENTI INFORMAZIONI DISPONIBILI

12 Documenti e informazioni disponibili Il contribuente, o gli altri soggetti delegati, accedono i seguenti documenti e informazioni: Il modello 730 precompilato; un prospetto con indicazione sintetica dei redditi e delle spese presenti nel 730 precompilato e delle principali fonti utilizzate per l elaborazione della dichiarazione; Se le informazioni in possesso dell Agenzia delle entrate risultano incomplete, queste non vengono inserite direttamente nella dichiarazione ma esposte nell apposito prospetto per consentire al contribuente di verificarle ed eventualmente indicarle nel 730 precompilato; L esito della liquidazione; Il modello con il dettaglio dei risultati della liquidazione. L esito della liquidazione non sarà disponibile solo in un secondo momento in caso di mancanza di elementi essenziali per cui siano necessarie integrazioni.

13 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CASI DI ESONERO DELLA DICHIARAZIONE 730/2015

14 Casi di esonero della dichiarazione 730/2015 La dichiarazione deve comunque essere presentata se: le addizionali all Irpef non sono state trattenute o sono state trattenute in misura inferiore a quella dovuta; Sono stati percepiti esclusivamente redditi che derivano dalla locazione per fabbricati per i quali si è optato per la cedolare secca o se non è stato trattenuto dal sostituto d imposta il contributo di solidarietà; Anche in caso di esonero, per dichiarare eventuali spese sostenute o fruire di detrazioni o per chiedere rimborsi a crediti o eccedenze di versamento che derivano dalle dichiarazioni degli anni precedenti o da acconti versati per il 2014.

15 Casi di esonero della dichiarazione 730/2015 Il modello 730 pre-compitato deve essere presentato Dal sostituto d imposta o in assenza direttamente all Agenzia delle entrate ovvero tramite Caf o professionista abilitato Il modello ordinario deve essere presentato Da un Caf o professionista abilitato

16 Casi di esonero della dichiarazione 730/2015 E esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, se si sono verificate le condizioni descritte nella seconda colonna. TIPO DI REDDITO Abitazione principale, relative pertinenze altri fabbricati non locati Lavoro dipendente o pensione Lavoro dipendente o pensione +Abitazione principale, relative pertinenze e altri fabbricati non locati Rapporti di collaborazione coordinata e collaborativa compresi i lavori a progetto. Sono escluse le collaborazioni di carattere amministrativo-gestionale di natura non professionale rese in favore di società e associazioni sportive e dilettantistiche. Redditi esenti. CONDIZIONI 1. Redditi corrisposti da un unico sostituto d imposta obbligato ad effettuare le ritenute di acconto o corrisposti da più sostituti purché certificati dall ultimo che ha effettuato il conguaglio. 2. Le detrazioni per coniuge e familiari a carico sono spettanti e non sono dovute le addizionali regionale e comunale. Redditi soggetti ad imposta sostitutiva Es: interessi sui BOT o sugli altri titoli di debito pubblico. Redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d imposta

17 Casi di esonero con limite di reddito E esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, nei limiti di reddito previsti nella seconda colonna, se si sono verificate le condizioni descritte dalla terza colonna. TIPO DI REDDITO LIMITEDI REDDITO (uguale o inferiore a) CONDIZIONI Terreni e/o fabbricati (comprese abitazione principale e sue pertinenze) 500 Lavoro dipendente o assimilato + altre tipologie di reddito Pensione + altre tipologie di reddito 7,500 Pensione + terreni + abitazione principale e sue pertinenze (pensione) 185,92 (terreni) Periodo di lavoro non inferiore a 365 giorni Periodo di pensione non inferiore a 365 giorni. Le detrazioni per coniuge e familiari a carico sono spettanti e non sono dovute le addizionali regionale e comunale. Se il sostituto d imposta ha operato le ritenute il contribuente può recuperare il credito presentando la dichiarazione. Pensione + altre tipologie di reddito Assegno periodico corrisposto dal coniuge + altre tipologie di reddito E escluso l assegno di mantenimento dei figli Periodo di pensione non inferiore a 365 giorni. Contribuente di età pari o superiore a 75 anni Redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e altri redditi per i quali la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro Compensi derivanti da attività sportive dilettantistiche ,28

18 Casi di esonero: condizione generale In generale è esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente, non obbligato alla tenuta delle scritture contabili, che possiede redditi per i quali è dovuta un imposta non superiore ad euro 10,33 Contribuenti non obbligati alla tenuta delle scritture contabili che si trovano nella seguente condizione: Imposta lorda Detrazioni per carichi di famiglia Detrazioni per redditi di lavoro dipendente, pensione e/o altri redditi Ritenute Importo non superiore a euro 10,33

19 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO MODALITA DI ACCESSO AI DATI

20 Modalità di accesso ai dati L autorità Garante per la protezione dei dati personali ha fornito delle proprie indicazioni, sulla base delle quali il Provvedimento del 23 febbraio n. 2015/25992 emanato dal Direttore dell Agenzia delle entrate ha stabilito le modalità e le tempistiche per l accesso telematico al modello 730 precompilato. La dichiarazione precompilata viene messa a disposizione del contribuente a partire dal 15 aprile attraverso il sito dell Agenzia delle Entrate in un apposita sezione che necessita un codice PIN di accesso.

21 Modalità di accesso ai dati Entro il 7 luglio 2015 Il contribuente potrà scegliere

22 Modalità di accesso ai dati L art. 4 del D.Lgs n. 175 del 2014 oltre a fissare il termine per la presentazione della dichiarazione 730 al 7 luglio, dispone che il contribuente possa scegliere se presentarla direttamente all Agenzia delle entrate, attraverso il sito internet, o tramite il sostituto d imposta ovvero tramite un CAF o un professionista abilitato.

23 Modalità di accesso ai dati PRESENTAZIONE DIRETTA PRESENTAZIONE TRAMITE DELEGATO Richiesta del codice PIN: Online attraverso Per telefono chiamando In ufficio mediante documento d identità Tramite l INPS Sostituti d imposta CAF Professionisti Abilitati

24 Presentazione diretta Il contribuente, utilizzando le funzionalità rese disponibili all interno dell area autenticata, DEVE effettuare, in relazione alla propria dichiarazione 730 precompilata, le seguenti operazioni: Indicare i dati del sostituto d imposta che effettuerà in conguaglio; Compilare la scheda per la scelta della destinazione dell 8 del 5 e del 2 per mille dell Irpef, anche se non esprime una scelta; Verificare con attenzione che i dati presenti nel 730 precompilato siano corretti e completi.

25 Presentazione diretta Se il 730 precompilato non richiede nessuna correzione o integrazione il contribuente lo può accettare senza modifiche; Se invece, alcuni dati del 730 precompilato risultano non corretti o incompleti, il contribuente è tenuto a modificare o integrare il modello 730 ad esempio per aggiungere un reddito non presente, ovvero oneri detraibili o deducibili; A seguito della trasmissione della dichiarazione, nella stessa sezione del sito internet sarà messa a disposizione del contribuente la ricevuta di avvenuta presentazione.

26 Presentazione diretta Anche in assenza di sostituto d imposta che effettui il conguaglio il contribuente può inoltre effettuare le seguenti operazioni: visualizzazione e stampa; accettazione ovvero modifica, anche con integrazione, dei dati contenuti nella dichiarazione, e invio; versamento delle somme eventualmente dovute mediante Modello F24 già compilato con i dati relativi al pagamento da eseguire, con possibilità di addebito sul proprio conto corrente bancario o postale; indicazione delle coordinate del conto corrente bancario o postale sul quale accreditare l eventuale rimborso; (<1000 ) consultazione delle comunicazioni, delle ricevute e della dichiarazione presentata; consultazione dell elenco dei soggetti delegati ai quali è stata resa disponibile la dichiarazione 730 precompilata

27 Presentazione tramite delegato L accesso alle dichiarazioni precompilate da parte dei soggetti delegati è consentito fino al 10 novembre e può essere effettuato: Via web Tramite file

28 Presentazione tramite delegato Requisiti di accesso: numero e data della delega; tipologia e numero del documento di identità del contribuente delegante; codice fiscale del soggetto richiedente (sostituto d imposta, CAF, professionista abilitato); codice fiscale del soggetto incaricato l elenco dei documenti richiesti contenente, per ciascun contribuente, i seguenti elementi: Per l accesso ai documenti i sostituti d imposta possono avvalersi dei soggetti codice incaricati fiscale delladel presentazione contribuente; telematica delle dichiarazioni dei redditi di cui all art. 3, commi 2-bis e 3, del decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322, designandoli responsabili del trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 29 del decreto legislativo n. 196 del In tal caso, i sostituti d imposta conservano la delega e consegnano al soggetto incaricato una richiesta sottoscritta con indicazione dei codici fiscali dei contribuenti sostituiti, nonché le copie delle deleghe. Ai fini dell acquisizione della delega, i sostituti d imposta informano i contribuenti sostituiti che intendono avvalersi degli incaricati di cui all art. 3, commi 2-bis e 3, del decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n reddito complessivo del contribuente esposto nella dichiarazione dei redditi relativa all anno precedente, risultante dal prospetto di liquidazione del modello 730 o dal quadro RN del modello Unico Persone fisiche; importo esposto al rigo differenza nella dichiarazione dei redditi relativa all anno precedente, risultante dal prospetto di liquidazione del modello 730 (modello 730-3) o dal quadro RN del modello Unico Persone fisiche;

29 Presentazione tramite delegato: accesso tramite file Il CAF, il professionista abilitato e il sostituto d imposta che presta assistenza fiscale accedono a una o più dichiarazioni 730 precompilate mediante la trasmissione all Agenzia delle entrate, attraverso il servizio telematico Entratel, ovvero Fisconline per i sostituti di imposta con un numero massimo di 20 percipienti, di un file contenente l elenco dei contribuenti per i quali richiedono i documenti per l accesso ai quali è stata acquisita la delega. Il file è preparato tramite il software di predisposizione reso disponibile dall Agenzia delle entrate ovvero secondo le specifiche tecniche di cui all allegato A del Provvedimento n. 2015/25992 del 23 febbraio, utilizzando il software di controllo reso disponibile dall Agenzia delle entrate. Le dichiarazioni precompilate saranno quindi rese disponibili al soggetto che ha inviato il file entro 5 giorni dalla richiesta.

30 Presentazione tramite delegato: accesso via Web In via del tutto residuale per gestire eventuali richieste di assistenza non programmate, i CAF e i professionisti abilitati, sempre previa acquisizione della delega del contribuente possono accedere ad una singola dichiarazione precompilata via web, mediante la compilazione di un apposito modulo, disponibile all interno dell area autenticata dei servizi telematici (Entratel). La dichiarazione precompilata richiesta via web viene resa disponibile in tempo reale.

31 Presentazione tramite delegato: accesso tramite file L Agenzia delle entrate: effettua controlli sulle deleghe rilasciate dai contribuenti e sull accesso ai documenti anche presso le sedi dei sostituti d imposta, dei CAF e dei professionisti abilitati, questi, sono tenuti ad individuare uno o più responsabili per la gestione delle suddette deleghe ed annotare giornalmente in un apposito registro cronologico le deleghe acquisite. procede al tracciamento degli accessi all Anagrafe Tributaria da parte di ciascun sostituto d imposta, CAF e professionista abilitato, e predispone appositi strumenti di monitoraggio e analisi periodica degli accessi effettuati ai sistemi telematici, attivando specifici alert che individuino comportamenti anomali o a rischio.

32 Presentazione tramite delegato: accesso tramite file Inoltre l Agenzia delle entrate richiede, a campione, copia delle deleghe e dei documenti di identità indicati nelle richieste di accesso alle dichiarazioni 730 precompilate. In tal caso, i sostituti d imposta, i CAF e i professionisti abilitati trasmettono i suddetti documenti, tramite posta elettronica certificata, entro 48 ore dalla richiesta. Qualora fossero riscontrate irregolarità nella gestione delle deleghe si procede, tra l altro, alla revoca di cui all articolo 8, comma 1, lettera h, del decreto dirigenziale 31 luglio Restano ferme la responsabilità civile e l applicazione delle eventuali sanzioni penali.

33 Presentazione tramite delegato Il contribuente deve SEMPRE esibire al CAF o al professionista abilitato la documentazione necessaria per verificare la conformità dei dati riportati nella dichiarazione: Certificazione Unica e le altre certificazioni che documentano le ritenute; Gli scontrini, le ricevute, le fatture e le quietanze che provano le spese sostenute. Gli attestati di versamento d imposta eseguiti con modello F24; La dichiarazione Modello Unico in caso di crediti per cui è stato chiesto il riporto nella successiva dichiarazione dei redditi. In generale tutti documenti che dimostrano il diritto alle deduzioni e detrazioni richieste in dichiarazione.

34 Presentazione tramite delegato I documenti relativi alla dichiarazione 730/2015 vanno conservati fino al 31 dicembre 2019, termine entro il quale l amministrazione fiscale può richiederli. I CAF o i professionisti abilitati hanno l obbligo di verificare che i dati indicati nel modello 730 siano conformi ai documenti esibiti dal contribuente e rilasciano per ogni dichiarazione un visto di conformità.

35 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO VISTO DI CONFORMITA E CONTROLLI NECESSARI

36 Visto di conformità Il D.Lgs 21 novembre 2014 n. 175 decreto semplificazioni pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 277 del 28 novembre 2014 apporta le modifiche relative alla disciplina sull assistenza fiscale e in tema di controlli formali. Le modifiche contenute riguardano: le sanzioni: art. 39 del D.Lgs 9 luglio 1997, n.241; le garanzie: artt. 6 e 22 del decreto Ministro delle finanze 31 maggio 1999 n. 164; modalità di esecuzione dei controlli: art. 26 del predetto decreto ministeriale.

37 Visto di conformità: adempimenti a carico dei professionisti L art. 21 del decreto del Ministero delle finanze 31 maggio 1999 n. 164 dispone che: per l esercizio della facoltà di rilasciare l visto di conformità i professionisti abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni devono presentare alla Direzione regionale territoriale una preventiva comunicazione

38 Visto di conformità: adempimenti a carco dei professionisti Nella comunicazione vanno indicati: I dati anagrafici, i requisiti professionali, il codice fiscale e la partita iva; Il domicilio e gli altri luoghi ove viene esercitata l attività professionale; La denominazione o ragione sociale e i dati anagrafici dei soci, dei componenti del consiglio di amministrazione e collegio sindacale, delle società di servizi delle quali in professionista intende avvalersi e le specifiche attività che intende affidare alle stesse.

39 Visto di conformità: adempimenti a carico dei professionisti Devono essere allegati inoltre: Copia integrale della polizza assicurativa di cui all art. 22 del decreto n. 14 del 1999; Dichiarazione relativa all insussistenza di provvedimenti di sospensione dell ordine di appartenenza; Dichiarazione relativa alla sussistenza dei seguenti requisiti: a) Non aver riportato condanne, o sentenze emesse ai sensi dell art. 444 del codice di procedura penale per reati finanziari; b) non aver procedimenti penali pendenti nella fase del giudizio per reati finanziari; c) Non aver commesso violazioni gravi e ripetute, per loro natura ed entità, alle disposizioni in materia contributiva e tributaria; d) Non trovarsi in una delle condizioni penalmente rilevanti che escludono la possibilità di candidarsi alle elezioni regionali, provinciali, comunali previste dall art. 15, comma 1 della L n. 55 come sostituto dell art. 1 della L n. 16; e) Non aver fatto parte di società per le quali è stato emesso un provvedimento di revoca ai sensi dell art. 39, comma 4 del D.Lgs. 9 luglio 1997, n. 241 nei cinque anni precedenti;

40 Visto di conformità sulla dichiarazione 730 L attività di assistenza fiscale e di apposizione del visto di conformità sulla dichiarazione 730 è riservata: Agli iscritti nell Albo dei dottori commercialisti ed esperti contabili; Agli iscritti nell Albo dei consulenti del lavoro; L assistenza fiscale non può essere effettuata da un altro professionista, anche se abilitato, della stessa associazione diverso d quello che ha apposto il visto sulle dichiarazioni. Non è possibile avvalersi di società di servizi.

41 Visto di conformità Rilascio del visto di conformità sulla dichiarazione 730 La circolare n. 14/E del 2013 ha stabilito che il professionista deve essere abilitato ad apporre il visto di conformità a decorrere dal 30 giugno dell anno nel corso del quale presta assistenza. Riguardo alla dichiarazione 730/2015 si ritiene che il professionista debba essere abilitato dalla data dell apertura del canale per la trasmissione delle dichiarazioni precompilate, e comunque prima della trasmissione delle dichiarazioni. Qualora il professionista risulti abilitato in data successiva al 7 luglio 2015 potrà prestare assistenza fiscale per la presentazione della dichiarazione 730 solo a partire dall anno seguente.

42 Visto di conformità: le garanzie L art. 6, comma 2, lettere a) e b), del decreto semplificazioni ha modificato l art. 6, comma 1 e l art. 22, comma 1, del decreto n. 164 del 1999, contenenti disposizioni in merito alla polizza assicurativa per la copertura dei rischi derivanti dall assistenza fiscale rispettivamente riguardanti i Caf e i professionisti e certificatori. In particolare il nuovo testo degli art. 6 e 22 del citato decreto n. 164, prevede l obbligo di stipulare una polizza di assicurazione della responsabilità civile, con massimale adeguato al numero dei contribuenti assistiti nonché al numero dei visti di conformità rilasciate. Il massimale in entrambe le norme deve rispettare la soglia minima.

43 Visto di conformità: le garanzie Le modifiche apportate, che decorrono dal 13 dicembre 2014 data di entrata in vigore del decreto semplificazioni riguardano: L innalzamento a 3 milioni di euro della soglia del massimale, precedente fissata a 2 miliardi di lire ( ,80); L estensione della garanzia, nel caso di visto infedele apposto su un modello 730, al pagamento di una somma pari alle imposte, interessi e sanzioni che sarebbero stati richiesti al contribuente a seguito del controllo ai sensi dell art. 36-ter del d.p.r. n. 600 del 1973, ove l errore non sia imputabile a dolo o colpa grave del contribuente.

44 Visto di conformità: le garanzie I soggetti abilitati sono al rilascio del visto di conformità sono tenuti ad adeguare il massimale della polizza prima dell apposizione del visto, anche nell ipotesi in cui la stessa non sia ancora scaduta alla data di entrata in vigore del decreto semplificazioni. Il professionista e il responsabile dell assistenza fiscale che devono apporre il visto di conformità sulla dichiarazione 730 sono tenuti, inoltre ad integrare la polizza con previsione esplicita della copertura del nuovo rischio, relativo al rilascio del visto infedele, previsto dall art. 39 del D.Lgs. n.241 del 1997.

45 Visto di conformità: le garanzie COPERTURA DANNI STATO O ALTRO ENTE IMPOSITORE COPERTURA DANNI CONTRIBUENTE LA POLIZZA ASSICURATIVA RC DEVE GARANTIRE: NO FRANCHIGIE O SCOPERTI RISARCIMENTO ENTRO 5 ANNI SUCCESSIVI ALLA SCADENZA DEL CONTRATTO

46 Visto di conformità: le garanzie I professionisti che sono già in possesso di idonea copertura assicurativa per i rischi professionali, possono anche utilizzare tale polizza inserendo una autonoma copertura assicurativa che preveda un massimale dedicato esclusivamente all assistenza fiscale, almeno di importo pari a quello stabilito nella norma. Per mantenere l abilitazione, il requisito della copertura assicurativa deve permanere nel tempo: Pertanto il professionista è tenuto a tramettere alla Direzione regionale copia del rinnovo della polizza assicurativa o l attestato di quietanza di pagamento, utilizzando preferibilmente la PEC.

47 Visto di conformità: le garanzie Ai sensi degli artt. 9 e 21 del decreto n. 164 del 1999, i professionisti e i Caf sono tenuti a comunicare all Amministrazione finanziaria eventuali variazioni dei dati già comunicati entro 30 giorni dalla data in cui si verificano le variazioni stesse. Il massimale garantito è riferito al numero dei dati complessivamente rilasciati, a prescindere dal numero dei professionisti abilitati e indicati distintamente nella polizza.

48 Visto di conformità: i controlli Il rilascio del visto di conformità di cui all art. 35 comma 2, lettera b) de decreto legislativo n. 241 del 1997 sulla dichiarazione 730 consegue alla verifica: della corrispondenza dell ammontare delle ritenute, anche a titolo di addizionali, con quello delle relative certificazioni esibite (C.U., certificati dei sostituti d imposta per le ritenute relative a redditi di lavoro autonomo occasionale, di capitale, ecc.); Degli attestati degli acconti versati o trattenuti; Delle deduzioni dal reddito non superiori ai limiti previsti dalla legge e dalla corrispondenza e alle risultanze della documentazione esibita e intestata al contribuente o, se previsto, ai famigliari a carico; segue

49 Visto di conformità: i controlli... delle detrazioni d imposta non eccedenti i limiti previsti dalla legge e della corrispondenza con le risultanze dei dati della dichiarazione e della relativa documentazione esibita; dei crediti d imposta non eccedenti le misure previste per legge e spettanti sulla base dei dati risultanti dalla dichiarazione e dalla documentazione esibita; Dell ultima dichiarazione presentata in caso di eccedenza d imposta per il quale si è richiesto il riporto nella successiva dichiarazione dei redditi;

50 Visto di conformità: i controlli Deve essere inoltre verificata: tutta la documentazione necessaria ai sensi della normativa vigente per il riconoscimento delle spese che danno diritto a deduzioni dal reddito o a detrazioni d imposta; In relazione alle spese ripartite su più annualità, il controllo documentale deve essere effettuato ad ogni utilizzo dell onere ai fini del riconoscimento della detrazione d imposta.

51 Visto di conformità: i controlli Il contribuente non è tenuto all esibizione della documentazione: Qualora soggetto che presta l assistenza fiscale abbia già verificato la documentazione in relazione ad una precedente rata e ne abbia conservato copia. Riguardo all ammontare ai redditi indicati nella dichiarazione (es: visure catastali di terreni e fabbricati posseduti, contratti di locazione stipulati, raccomandata all inquilino) come prescritto dall art. 3 comma11, del D.Lgs. 14 marzo 2011, n. 23. Documenti relativi alle situazioni soggettive che incidono ai fini della determinazione del reddito o delle imposte dovute, ad esempio, il certificato di residenza per la deduzione dal reddito dell abitazione principale ovvero lo stato di famiglia per l applicazione delle detrazioni soggettive d imposta.

52 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RESPONSABILITA PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITA SUL MODELLO 730

53 Responsabilità per l apposizione del visto di conformità sul Modello 730 L art. 5 del decreto semplificazioni ha introdotto differenze sostanziali in tema di controlli formali previsti dall art. 36-ter del d.p.r. n. 600 del 1963, distinguendo il caso in cui il contribuente presenti la dichiarazione 730 precompilata direttamente, o tramite il proprio sostituto d imposta che presta assistenza fiscale, dal caso in cui il contribuente presenti il modello dichiarativo tramite Caf o professionista abilitato. Inoltre, la norma opera una distinzione nell ipotesi in cui il contribuente accetti la dichiarazione 730 precompilata senza modifiche, ovvero vi apporti modifiche e/o integrazioni

54 Responsabilità per l apposizione del visto di conformità sul Modello 730 La dichiarazione precompilata è accettata dal contribuente direttamente o tramite sostituto d imposta senza modifiche o con modifiche che non incidono sulla determinazione del reddito d imposta. E escluso il controllo documentale formale a carico del contribuente stesso per i dati relativi agli oneri comunicati dai soggetti terzi all Agenzia delle entrate. Resta fermo il controllo sulla sussistenza delle condizioni soggettive che danno diritto a detrazioni, deduzioni agevolazioni. Non si applica in tale ipotesi la disposizione relativa ai controlli preventivi sui rimborsi complessivamente superiori ai 4000 euro in presenza di richiesta di detrazioni per carichi di famiglia e/o eccedenze relative alla precedente dichiarazione, ai sensi dell art. 1 comma 586, della legge 27 dicembre n. 147

55 Responsabilità per l apposizione del visto di conformità sul Modello 730 La dichiarazione precompilata è presentata direttamente dal contribuente o al sostituto d imposta con modifiche che incidono sulla determinazione del reddito o dell imposta. Il controllo formale è eseguito su tutti i dati indicati in dichiarazione

56 Responsabilità per l apposizione del visto di conformità sul Modello 730 La dichiarazione è presentata ad un Caf o a un professionista abilitato, con o senza modifiche. Il controllo formale si effettua nei riguardi del soggetto che appone il visto di conformità anche con riferimento agli oneri indicati nella dichiarazione precompilata forniti all Agenzia delle entrate da parte di soggetti terzi. Anche nel caso di presentazione della dichiarazione ad un Caf o a un professionista Nei riguardi abilitato del contribuente non si applica lapermane disposizione il relativa controllo ai controlli sulla preventivi sui rimborsi complessivamente superiori ai 4000 euro in sussistenza delle condizioni soggettive che danno diritto a presenza di richiesta di detrazioni per carichi di famiglia e/o eccedenze relative detrazioni, alla precedente deduzioni dichiarazione, e agevolazioni. ai sensi dell art. 1 comma 586, della legge 27 dicembre n. 147

57 Responsabilità per l apposizione del visto di conformità sul Modello 730 Le modifiche apportate dall art. 6 all art. 39 del D.Lgs. n. 241 del 1997 stabiliscono che in caso di visto infedele, i Caf e i professionisti abilitati sono tenuti nei confronti dello Stato o del diverso ente impositore, al pagamento di un importo corrispondente alla somma dell imposta, degli interessi e della sanzione, nella misura del 30%, che sarebbe stata richiesta dal contribuente ai sensi dell art. 36-ter del d.p.r. n. 600 del 1973.

58 Responsabilità per l apposizione del visto di conformità sul Modello 730 Si chiarisce che la responsabilità in capo al Caf o al professionista sorge solo in caso di visto infedele ed è espressamente esclusa qualora l infedeltà del visto sia stata determinata da una condotta dolosa o gravemente colposa del contribuente. Es: nel caso in cui abbia presentato un documento contraffatto per poter beneficiare di una detrazione d imposta.

59 Responsabilità per l apposizione del visto di conformità sul Modello 730 Il Caf e il professionista che riscontrano errori che hanno comportato l apposizione di un visto infedele sulla dichiarazione, avvisano il contribuente al fine di procedere alla elaborazione e trasmissione all Agenzia delle entrate della dichiarazione rettificativa, entro il 10 novembre dell anno in cui è stata prestata l assistenza. Segue

60 Responsabilità per l apposizione del visto di conformità sul Modello Se il contribuente non intende presentare la nuova dichiarazione, il Caf e il professionista possono comunicare entro la stessa data all Agenzia delle entrate i dati rettificati. In questi casi la responsabilità è limitata al pagamento dell importo corrispondente alla sola sanzione che sarebbe stata richiesta al contribuente

61 Responsabilità per l apposizione del visto di conformità sul Modello 730: sanzioni Se il versamento della sanzione è effettuato entro il 10 novembre, si applica la riduzione di un ottavo del minimo della sanzione prevista ai sensi dell art. 13, comma 1, lett. b) del D.lgs. 18 dicembre 1997, n. 472, mentre l imposta e gli interessi restano a carico del contribuente. Se la rettifica riguarda sia errori che comportano l apposizione di un visto infedele, si errori che non la comportino, la responsabilità è limitata al pagamento dell importo corrispondente alla sola sanzione che sarebbe stata richiesta al contribuente in relazione all errore che configura il visto infedele.

62 Responsabilità per l apposizione del visto di conformità sul Modello 730: sanzioni A seguito dell introduzione della nuova lettera a-bis) dell art. 39 comma 1, del D.Lgs. n. 241 del 1997, in caso vi visto infedele relativo a una dichiarazione modello 730, non si applica la sanzione amministrativa da euro 258 a euro prevista in relazione ai visti infedeli apposti sugli altri modelli dichiarativi. Si precisa che in caso di presentazione della dichiarazione modello 730 con le modalità ordinarie (non precompilata) si applica la disciplina prevista dall art. 6 del D.Lgs. n. 175 del 21 novembre 2014 decreto semplificazioni in materia di visto infedele, secondo quanto disposto dall art. 1, comma 4, del D.Lgs. n. 241 del 1997.

63 Responsabilità per l apposizione del visto di conformità sul Modello 730: sanzioni L art. 39, comma 1, lettera a), del D.Lgs. n. 241 del 1997 prevede che, in caso di violazioni ripetute o particolarmente gravi, è attribuita all Agenzia delle entrate la possibilità di sospendere la facoltà di rilasciare il visto di conformità, o l asseverazione, per un periodo da uno a tre anni fino ad inibire tale facoltà in caso di ripetute violazioni, commesse successivamente al periodo di sospensione. Inoltre il comma 4 dello stesso art. 39, prevede la sospensione per un periodo da 3 a 12 mesi dell autorizzazione all esercizio dell attività di assistenza fiscale, quando sono commesse gravi e ripetute violazioni di norme tributarie o contributive e delle disposizioni di cui agli art. 34 e 35 dello stesso decreto legislativo n. 241 del 1997, nonché quando gli elementi forniti all Amministrazione finanziaria risultano falsi o incompleti rispetto alla documentazione fornita dal contribuente. In caso di ripetute violazioni particolarmente gravi, è disposta la revoca dell attività di assistenza.

64 Responsabilità per l apposizione del visto di conformità sul Modello 730: sanzioni Sono violazioni particolarmente gravi: L apposizione del visto di conformità su una dichiarazione che contiene dati palesemente ed eccessivamente difformi dalla relativa documentazione es: indicazione di crediti inesistenti Alterazione della scelta del contribuente in merito alla destinazione del due, del cinque o dell otto per mille dell imposta del reddito delle persone fisiche, che costituisce un dato indicato nella dichiarazione fiscale benché non reddituale. Assenza dei requisiti oggettivi o soggettivi negli intermediari (Caf e professionisti abilitati) tra i quali la copertura assicurativa per la specifica attività di apposizione del visto. Sussistenza di provvedimenti di sospensione dell Ordine di appartenenza o dei requisiti di cui all art. 8 del decreto n. 164 del 1999, ovvero i cosiddetti requisiti di onorabilità. Mancato pagamento delle sanzioni previste per l apposizione di un visto di conformità infedele.

65 Responsabilità per l apposizione del visto di conformità sul Modello 730: sanzioni In caso di mancata regolarizzazione delle violazioni: per il Caf è prevista la decadenza dall autorizzazione con cancellazione dall Albo; per i professionisti, la revoca dall abilitazione telematica, nonché la comunicazione all Ordine professionale per l eventuale adozione di ulteriori provvedimenti. Nei casi di irregolarità molto gravi può essere disposta la sospensione cautelare dell attività di assistenza. Es: il venir meno del requisito di cui all art. 8 del decreto 164 del 1999, tenuto conto della rilevanza del requisito di onorabilità e moralità di alto profilo richiesto agli intermediari, al fine di garantire all Erario la conformità dell attività posta in essere dagli stessi.

66 Responsabilità per l apposizione del visto di conformità sul Modello 730: sanzioni Attività svolta in assenza di comunicazione: Nell ipotesi in cui il soggetto eserciti l attività di assistenza fiscale in assenza della necessaria abilitazione (mancata comunicazione all Agenzia delle entrate ai sensi dell art. 21 del decreto n. 164 del 1999) possono configurarsi le gravi e ripetute inadempienze determinano la revoca dell abilitazione alla trasmissione telematica delle dichiarazioni ai sensi dell art. 8 del decreto 31 luglio 1998;

67 Responsabilità per l apposizione del visto di conformità sul Modello 730: sanzioni LA RESPONSABILITÀ CIVILE SUI 730 PRE-COMPILATI SARÀ COMPETENZA DELL ISTITUTO PER LA VIGILANZA DELLE ASSICURAZIONI L IVASS DOVRA FORNIRE UN PARERE SULLA FATTIBILITA GIURIDICA DEL NUOVO REGIME DI RESPONSABILITA PER I PROFESSINISTI CHE APPONGONO IL VISTO DI CONFORMITA ALLE DICHIARAZIONI QUALE SARA IL PERIMETRO DI RESPONSABILITA CHE POTRA ESSERE ASSICURATA??

68 Responsabilità per l apposizione del visto di conformità sul Modello 730: sanzioni SI ASSICURAZIONE A CAF E PROFESSIONISTI PER IL VISTO SUL 730 PRECOMPILATO GLI IMPORTI DOVUTI DAL CAF E DAL PROFESSIONSTA HANNO NATURA RISARCITORIA E NON SANZIONATORIA

69 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I RIMBORSI LIQUIDATI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE

70 I rimborsi liquidati dall Agenzia delle entrate A partire dalla retribuzione di competenza di luglio, il datore di lavoro o l ente pensionistico devono effettuare i rimborsi relativi alle imposte emergenti dalla dichiarazione, salvo che il credito relativo alla singola imposta non sia di importo inferiore a 12. L Agenzia delle entrate predispone dei controlli preventivi nell ipotesi in cui il credito, al netto di eventuali compensazioni sia: d importo superiore ad 4.000,00; Riconducibile a detrazioni per carichi di famiglia ovvero a crediti risultanti dalle precedenti dichiarazioni; In tal caso, entro 6 mesi dalla scadenza dei termini previsti per la trasmissione delle dichiarazioni, l Agenzia delle entrate procede ad eseguire i suddetti controlli, anche mediante la richiesta di documenti, e successivamente entro il settimo mese successivo alla presentazione ( ) procede direttamente al rimborso (art. 1, co , L , n. 147)

71 I rimborsi liquidati dall Agenzia delle entrate Rimborso dei crediti emergenti dalla dichiarazione: IMPORTO DEL CREDITO MODALITA DI RIMBORSO < 12,00 Importo minimo non rimborsato < 4.000,00 < 4.000,00 anche se derivante da detrazioni per familiari a carico e/o eccedenze pregresse > 4.000,00 derivante da detrazioni per familiari a carico e/o eccedenze pregresse > 4.000,00 derivante da detrazioni diverse da quelle per carichi di famiglia e da eccedenze pregresse Rimborso tramite sostituto d imposta o Agenzia delle entrate (qualora non vi sia il sostituto d imposta) a partire dai mesi di luglio/agosto 2015 Controllo preventivo e rimborso erogato dall Agenzia delle entrate entro il Rimborso tramite sostituto d imposta o Agenzia delle entrate a partire dai mesi di luglio/agosto 2015

72 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

73 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

74 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

75 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

76 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

77 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

78 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

79 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

80 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

81 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

82 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

83 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

84 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

85 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

86 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

87 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

88 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

89 Conferenza Agenzia delle Entrate 19 marzo 2015

90 Grazie per l attenzione prestata

Dottore Commercialista

Dottore Commercialista DECRETO SEMPLIFICAZIONI: DAL 2015 NUOVO MODELLO 730 PRECOMPILATO a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) Il D.Lgs. 21.11.2014, n. 175 pubblicato sulla G.U. del 28 novembre 2014 ed entrato in vigore

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

www.ecnews.it Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata DICHIARAZIONI a cura del Comitato di redazione

www.ecnews.it Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata DICHIARAZIONI a cura del Comitato di redazione DICHIARAZIONI Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata a cura del Comitato di redazione L Agenzia delle entrate si adopera per fornire ogni precisazione possibile sull imminente adempimento della

Dettagli

Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*) L AGENZIA DELLE ENTRATE CON IL PROVVEDIMENTO DIRETTORIALE DEL 23 FEBBRAIO 2015 HA DEFINITO LE MODALITA TECNICHE PER VISUALIZZARE

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE COMO 12.12.2014 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 2.2015 Gennaio Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PRECOMPILAZIONE DEI MODELLI 730 DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE...

Dettagli

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE Circolare 28 del 12 dicembre 2014 Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa... 3 2 Precompilazione dei modelli 730 da parte dell Agenzia

Dettagli

Inserti di Gruppo. Il 730/2015 Precompilato. A chi interessa. Quali informazioni contiene. DIRCREDITO Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Inserti di Gruppo. Il 730/2015 Precompilato. A chi interessa. Quali informazioni contiene. DIRCREDITO Gruppo Banca Popolare di Vicenza Associazione Sindacale dell Area Direttiva e delle Alte Professionalità del Credito ed Enti assimilati delle Società Assicurative e delle Agenzie Esattoriali Inserti di Gruppo Il 730/2015 Precompilato

Dettagli

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale della Toscana Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI

Dettagli

730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. MODELLO 730/2015 730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " FISCO Da quest anno

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

MODELLI 730/2015 - LE NOVITA

MODELLI 730/2015 - LE NOVITA MODELLI 730/2015 - LE NOVITA 1) DELEGHE a. E obbligatorio procedere con le deleghe? b. Perché NOI consigliamo di richiedere autorizzazione a prelevare il precompilato? c. Come si gestiscono le deleghe?

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 1 1 PREMESSA In attuazione della delega per la riforma del sistema fiscale

Dettagli

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa...

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Il Modello 730. 16 aprile 2015 Relatore: Dott.ssa Stefania Signetti. CAF Do.C. Spa. CAF nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili

Il Modello 730. 16 aprile 2015 Relatore: Dott.ssa Stefania Signetti. CAF Do.C. Spa. CAF nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Il Modello 730 16 aprile 2015 Relatore: Dott.ssa Stefania Signetti Servizio: Nome servizio Pag. 1 Programma Il modello 730 precompilato: aspetti normativi e operativi Novità in tema di versamenti con Modello

Dettagli

OGGETTO: autorizzazione al rilascio del visto di conformità.

OGGETTO: autorizzazione al rilascio del visto di conformità. 1 Direzione Regionale del Piemonte Settore Servizi e Consulenza Torino, 5 novembre 2009 Ufficio Gestione Tributi All Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili All Ordine dei Consulenti

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108. I destinatari della Dichiarazione precompilata

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108. I destinatari della Dichiarazione precompilata SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108 26 marzo 2015 36/FS/om Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti - Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 11 del 23 marzo 2015 Sintesi Primi importanti chiarimenti

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014 CASI DI ESONERO È esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, se si sono verificate le condizioni descritte nella

Dettagli

L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4

L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4 Focus di pratica professionale di Roberto Chiumiento L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4 I termini dell assistenza fiscale Com è noto

Dettagli

La dichiarazione precompilata

La dichiarazione precompilata L INNOVAZIONE DEL MODELLO FISCALE La dichiarazione precompilata Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 18 dicembre 2014 1 Cambia radicalmente il paradigma DAL MODELLO: «Mi dica, poi io verifico

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

10.2015 Marzo. 730 Precompilato. Circolare Informativa per i Clienti. Sommario

10.2015 Marzo. 730 Precompilato. Circolare Informativa per i Clienti. Sommario 10.2015 Marzo 730 Precompilato Sommario 1. PREMESSA... 2 2. DOMANDE E RISPOSTE... 3 2.1 Chi può utilizzare il 730 2015 precompilato? Entro quando va presentato?... 3 2.2 Un contribuente che ha presentato

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Modello 730/2012. Il 30 Aprile è la scadenza per chi ha scelto di presentare la dichiarazione al proprio sostituto di imposta Modello 730/2012: il 30 aprile 2012 è la

Dettagli

La dichiarazione precompilata

La dichiarazione precompilata La dichiarazione precompilata Paolo Savini Direttore Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 23 novembre 2015 La dichiarazione precompilata Cambia radicalmente il paradigma PRIMA: «Mi dica, poi io verifico

Dettagli

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 22 agosto 2013

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 22 agosto 2013 CIRCOLARE N.28/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 22 agosto 2013 OGGETTO: Assistenza fiscale prestata dai Centri di assistenza fiscale per lavoratori dipendenti e dai professionisti abilitati

Dettagli

La presentazione del modello 730/2016

La presentazione del modello 730/2016 Periodico informativo n. 30/2016 La presentazione del modello 730/2016 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo informarla che a partire dal 15 Aprile 2016, il modello 730 precompilato

Dettagli

FAQ - DELEGHE 730/2015 PRECOMPILATO

FAQ - DELEGHE 730/2015 PRECOMPILATO FAQ - DELEGHE 730/2015 PRECOMPILATO 1) CHI SONO I DESTINATARI DEL 730 PRECOMPILATO? Per questo primo anno di avvio sperimentale, sono destinatari della dichiarazione 730 precompilata i contribuenti in

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Rag. Renzo Del Rosso. OGGETTO: Modalità di accesso al 730 precompilato. Massa e Cozzile, li 01 aprile 2014. Circolare n 10

Rag. Renzo Del Rosso. OGGETTO: Modalità di accesso al 730 precompilato. Massa e Cozzile, li 01 aprile 2014. Circolare n 10 Massa e Cozzile, li 01 aprile 2014 Circolare n 10 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Modalità di accesso al 730 precompilato Gentile Cliente, con Provvedimento del 23 febbraio 2015 l Agenzia delle Entrate

Dettagli

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali 1. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IMPOSTE DIRETTE 2. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IRAP 3. Detrazione IRPEF per la pratica sportiva dilettantistica 4. Cinque per Mille 5. Adempimenti

Dettagli

L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013

L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013 INFORMATIVA N. 087 29 MARZO 2013 ADEMPIMENTI L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013 Art. 2, commi da 4-novies a 4-undecies, DL n. 40/2010 DPCM 23.4.2010 Art. 23, comma 2, DL n. 95/2012

Dettagli

OGGETTO: Visto di conformità - Modifiche apportate dal decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175

OGGETTO: Visto di conformità - Modifiche apportate dal decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175 CIRCOLARE N. 7/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 febbraio 2015 OGGETTO: Visto di conformità - Modifiche apportate dal decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175 2 INDICE 1. ADEMPIMENTI

Dettagli

IL DIRETTORE REGIONALE Antonino Gentile Firma autografa sostituita da indicazione a mezzo stampa, ai sensi dell art. 3, comma 2, D.Lgs. n. 39/93.

IL DIRETTORE REGIONALE Antonino Gentile Firma autografa sostituita da indicazione a mezzo stampa, ai sensi dell art. 3, comma 2, D.Lgs. n. 39/93. VIA E MAIL Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione tributi Bologna, 16 novembre 2009 Agli Ordini Dei Commercialisti e degli Esperti contabili dell Emilia Romagna

Dettagli

Direzione Regionale dell Umbria Ufficio Servizi e consulenza

Direzione Regionale dell Umbria Ufficio Servizi e consulenza Direzione Regionale dell Umbria Ufficio Servizi e consulenza ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI INIZIALE ABILITAZIONE - E DI MANTENIMENTO - AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITÀ NORMATIVA DI RIFERIMENTO La disciplina

Dettagli

Modello 730 integrativo. di pagine 1 1 COGNOME NOME CODICE FISCALE

Modello 730 integrativo. di pagine 1 1 COGNOME NOME CODICE FISCALE AGENZIA DELLE ENTRATE MOD. 730-2 PER IL C.A.F. O PER IL PROFESSIONISTA ABILITATO REDDITI 2014 Modello 730 integrativo RICEVUTA DELL AVVENUTA CONSEGNA DELLA DICHIARAZIONE MOD. 730 E DELLA BUSTA CONTENENTE

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2. Modello 730 precompilato 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4. Chi è

Dettagli

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011 CIRCOLARE N.9/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 3 marzo 2011 OGGETTO: Articolo 2, comma 1, decreto-legge 29 dicembre 2010, n. 225, convertito con modificazioni dalla legge 26 febbraio

Dettagli

Oggetto: MODALITA E TERMINI D ISCRIZIONE RELATIVI AGLI ENTI DESTINATARI DEL 5 PER MILLE DELL IRPEF (ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 ANNO D IMPOSTA 2012)

Oggetto: MODALITA E TERMINI D ISCRIZIONE RELATIVI AGLI ENTI DESTINATARI DEL 5 PER MILLE DELL IRPEF (ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 ANNO D IMPOSTA 2012) . rl Roma, 25 marzo 2013 Oggetto: MODALITA E TERMINI D ISCRIZIONE RELATIVI AGLI ENTI DESTINATARI DEL 5 PER MILLE DELL IRPEF (ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 ANNO D IMPOSTA 2012) La proroga disposta dall art.23,

Dettagli

Roma, 27 marzo 2010 INDICE CIRCOLARE N. 16/E

Roma, 27 marzo 2010 INDICE CIRCOLARE N. 16/E CIRCOLARE N. 16/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 27 marzo 2010 OGGETTO: Modello 730/2010 - Redditi 2009 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

Il 730 precompilato è la novità del 2015

Il 730 precompilato è la novità del 2015 Il 730 precompilato è la novità del 2015 4 di Andrea Bongi Per la prima volta l Agenzia delle Entrate mette a disposizione dei titolari di redditi di lavoro dipendente e di pensione, sul proprio sito internet,

Dettagli

Corso di Aggiornamento 730/2013. Dichiarazione dei Redditi 2012

Corso di Aggiornamento 730/2013. Dichiarazione dei Redditi 2012 Corso di Aggiornamento 730/2013 Dichiarazione dei Redditi 2012 A cura di Ansanelli Francesco Il visto di conformità rilasciato sui modelli 730 Il visto di conformità Il modello 730 è un modello diverso

Dettagli

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI Modena, 03 dicembre 2014 DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI D.Lgs n. 175 del 21 novembre 2014 È stato pubblicato sulla G.U. n. 277 del 28 novembre 2014 il

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 14 marzo 2011. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 14 marzo 2011. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 14 marzo 2011 OGGETTO: Modello 730/2011 - Redditi 2010 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

Oggetto: Attività di assistenza fiscale 2010 Circolare n. 16/E del 27 Marzo 2010

Oggetto: Attività di assistenza fiscale 2010 Circolare n. 16/E del 27 Marzo 2010 C.A.F. UIL S.P.A. CENTRO ASSISTENZA FISCALE DELLA UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE LEGALE VIA DI SAN CRESCENZIANO, 25 00199 ROMA TELEFONO 06/86.22.631 TELEFAX 06/86.22.63.33 E-MAIL cafuil@cafuil.it CAPITALE

Dettagli

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Pag. 2322 n. 17/2000 29/04/2000 : il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - (DPC) del 20 aprile 2000, pubblicato in Gazzetta

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione modello

Istruzioni operative per la gestione modello Caf nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Istruzioni operative per la gestione modello 730/2014 Istruzioni operative per la gestione modello 730/2014 Aggiornamento dati Soggetto incaricato

Dettagli

Studio Tarcisio Bologna

Studio Tarcisio Bologna NUOVI TERMINI PER L ASSISTENZA FISCALE In attesa della pubblicazione definitiva del modello 730/2015 con le relative istruzioni, la presente Informativa ripercorre le principali scadenze, nonché i vari

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità di cui all articolo

Dettagli

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE

Dettagli

MODELLO 730 PRECOMPILATO Decreto Semplificazioni, apporvato definitivamente dal Consiglio dei Ministri in data 31.10.2014

MODELLO 730 PRECOMPILATO Decreto Semplificazioni, apporvato definitivamente dal Consiglio dei Ministri in data 31.10.2014 IMPOSTE E TASSE IMPOSTE DIRETTE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI APPROFONDIMENTI MODELLO 730 PRECOMPILATO Decreto Semplificazioni, apporvato definitivamente dal Consiglio dei Ministri in data 31.10.2014 Una

Dettagli

DICHIARAZIONE PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE PRECOMPILATA Vito Dulcamare DICHIARAZIONE PRECOMPILATA ART. 1 D.LGS. 21/11/2014 N. 175 Nova Siri 12 maggio 2015 1 MODULISTICA FISCALE PER IL 2014 MODULISTICA PER 2013 MODULISTICA PER 2014 MODELLO 730 MODELLO 730 MODELLO

Dettagli

Modelli 730/2013 - Presentazione in assenza di un sostituto d imposta - Termini e modalità applicative

Modelli 730/2013 - Presentazione in assenza di un sostituto d imposta - Termini e modalità applicative Informativa - ONB Modelli 730/2013 - Presentazione in assenza di un sostituto d imposta - Termini e modalità applicative INDICE 1 Premessa... 2 2 Decorrenza della nuova disciplina... 2 3 Soggetti che possono

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DEL PROSPETTO DI LIQUIDAZIONE DATI IDENTIFICATIVI Sono riportati il codice fiscale, il cognome e il nome o la denominazione del sostituto d'imposta o del CAF o del professionista abilitato

Dettagli

Cinque per mille. L iscrizione nell elenco dei beneficiari

Cinque per mille. L iscrizione nell elenco dei beneficiari Cinque per mille. L iscrizione nell elenco dei beneficiari Con la Circolare 20 marzo 2014, n. 7, l'agenzia delle Entrate ha reso noto che a partire da oggi, 21 marzo 2014, gli enti interessati potranno

Dettagli

Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze

Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze di Roberta Aiolfi e Valerio Artina (*) L ADEMPIMENTO Sono stati approvati i modelli di dichiarazione dei redditi Mod. 730/2011 inerenti l assistenza fiscale

Dettagli

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti Roma lì 04/05/2014 Prot. 202/2014 A tutti i Centri e Sportelli Circolare n. 52 Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti L art. 51 bis del DL 69/2013 (Decreto del fare) ha previsto

Dettagli

La dichiarazione dei redditi 2015, relativa al periodo d imposta 2014

La dichiarazione dei redditi 2015, relativa al periodo d imposta 2014 La dichiarazione dei redditi 2015, relativa al periodo d imposta 2014 RIFERIMENTI: Modello 730: provvedimento di approvazione del 15 gennaio 2015 - Modello UNICO Persone Fisiche: provvedimento di approvazione

Dettagli

Ufficio Tributario Paolo Stoppa. N. 8 del 23.03.2015 LE NOVITA DEL NUOVO MODELLO 730/2015

Ufficio Tributario Paolo Stoppa. N. 8 del 23.03.2015 LE NOVITA DEL NUOVO MODELLO 730/2015 Informativa per la clientela di studio N. 8 del 23.03.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi LE NOVITA DEL NUOVO MODELLO 730/2015 Anche quest anno siamo pronti per le prossime scadenza fiscale. Sarà un anno

Dettagli

TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI E VERSAMENTI

TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI E VERSAMENTI SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DICHIARAZIONI SEPARATE PER L AN- NO 2015 SCADENZE PER LA RATEIZZAZIONE TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI E VERSAMENTI D.P.R. 22.07.1998, n. 322 - Art. 3, c. 136 L.

Dettagli

Fiscal News N. 160. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 160. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 160 05.04.2012 Cinque per mille, l iscrizione negli elenchi dei beneficiari La domanda per l iscrizione può essere presentata già dal 21 marzo

Dettagli

Direzione Generale Ufficio Programmazione Finanziaria e Controllo Il Direttore f.f. n. Reg. U.P.F.C. 88/2015 Roma, 23 gennaio 2015

Direzione Generale Ufficio Programmazione Finanziaria e Controllo Il Direttore f.f. n. Reg. U.P.F.C. 88/2015 Roma, 23 gennaio 2015 Allegato alla Circolare n. /2015 Direzione Generale Ufficio Programmazione Finanziaria e Controllo Il Direttore f.f. n. Reg. U.P.F.C. 88/2015 Roma, 23 gennaio 2015 Oggetto: Assistenza fiscale per l anno

Dettagli

CINQUE PER MILLE 2013

CINQUE PER MILLE 2013 CINQUE PER MILLE 2013 Soggetti destinatari Anche quest anno i contribuenti potranno scegliere di destinare la quota del cinque per mille dell IRPEF che risulta dalla risultante dalla dichiarazione dei

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata DICHIARAZIONI I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata di Alessandro Bonuzzi Con la circolare n.26/e di ieri l Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti su questioni interpretative riguardanti la

Dettagli

Certificazione Unica (c.d. CU2015)

Certificazione Unica (c.d. CU2015) (c.d. CU2015) Indice degli argomenti Introduzione 1. Disposizioni normative 2. Prerequisiti tecnici 3. Impostazioni necessarie per operare in Gestionale 1 4. Stampa Certificazioni Unica Assis tenza tecni

Dettagli

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Con decreto del Ministero dell economia e delle finanze 31 gennaio

Dettagli

Rimborso credito da dichiarazione più veloce per i contribuenti privi del sostituto d imposta

Rimborso credito da dichiarazione più veloce per i contribuenti privi del sostituto d imposta CIRCOLARE A.F. N. 131 del 4 Settembre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Rimborso credito da dichiarazione più veloce per i contribuenti privi del sostituto d imposta Gentile cliente con la presente intendiamo

Dettagli

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001;

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 13/2001 Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; Copyright 2001 Acerbi

Dettagli

Il provvedimento ha approvato anche i modelli 730-1, 730-2, 730-3, 730-4, e 730-4 integrativo.

Il provvedimento ha approvato anche i modelli 730-1, 730-2, 730-3, 730-4, e 730-4 integrativo. Fiscal Flash La notizia in breve N. 150 31.05.2013 : arriva la proroga fino al 10 giugno Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: 730 I contribuenti avranno più tempo per consegnare il modello per dichiarare

Dettagli

MODELLO DA UTILIZZARE PER L ISCRIZIONE AL 5 PER MILLE 2012

MODELLO DA UTILIZZARE PER L ISCRIZIONE AL 5 PER MILLE 2012 MODELLO DA UTILIZZARE PER L ISCRIZIONE AL 5 PER MILLE 2012 ELENCO DEGLI ENTI DEL VOLONTARIATO [ART. 1, COMMA1, LETTERA A)] ED ELENCO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE [ART. 1, COMMA 1, LETTERA

Dettagli

Modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata

Modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata Prot. n. 103408/2015 Modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni

Dettagli

VADEMECUM VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi P a g i n a 1 Aggiornamento 30 giugno 2014 VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

Dettagli

AVVISO AI CONTRIBUENTI MOD. 730/2011

AVVISO AI CONTRIBUENTI MOD. 730/2011 Albo Caf dipendenti e pensionati n.70 AVVISO AI CONTRIBUENTI MOD. 730/2011 Il 730 è il modello - pdf per la dichiarazione dei redditi dedicato ai lavoratori dipendenti e pensionati. Presentare il modello

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato. Prot.2015/4793 Approvazione del modello 770/2015 Semplificato, relativo all anno 2014, con le istruzioni per la compilazione, concernente le comunicazioni da parte dei sostituti d imposta dei dati delle

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 9 maggio 2013

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 9 maggio 2013 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti CIRCOLARE N. 14/E Roma, 9 maggio 2013 OGGETTO: Modello 730/2013 - Redditi 2012 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza

Dettagli

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE DI ROMA NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA Roma, 11 febbraio 2010 Le nuove regole

Dettagli

CIRCOLARE N.31/E. Roma, 2 luglio 2009. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti

CIRCOLARE N.31/E. Roma, 2 luglio 2009. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti CIRCOLARE N.31/E Roma, 2 luglio 2009 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3780 del 6 giugno 2009 Ripresa degli adempimenti e dei versamenti-

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO. Roma, 24 Luglio 2014

SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO. Roma, 24 Luglio 2014 SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO Roma, 24 Luglio 2014 INDAGINE CONOSCITIVA SUGLI ORGANISMI DELLA FISCALITA E SUL RAPPORTO TRA CONTRIBUENTI E FISCO A.G. n.99 Schema di decreto

Dettagli

LE COMPENSAZIONI FISCALI DEL 2014: IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' PER IL 2014 a cura di Celeste Vivenzi

LE COMPENSAZIONI FISCALI DEL 2014: IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' PER IL 2014 a cura di Celeste Vivenzi LE COMPENSAZIONI FISCALI DEL 2014: IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' PER IL 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale La Legge di Stabilità 2014 ha previsto l'obbligo del visto di conformità

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone Prot.2015/46804 Approvazione delle specifiche tecniche per trasmissione telematica dei dati presenti nelle schede per la scelta della destinazione dell otto, del cinque e del due per mille dell IRPEF per

Dettagli

ERRORI E DIMENTICANZE

ERRORI E DIMENTICANZE ERRORI E DIMENTICANZE CORREZIONI DI ERRORI E DIMENTICANZE Introduzione Nella predisposizione della dichiarazione 730 è possibile che il contribuente abbia commesso errori o abbia dimenticato ad esempio

Dettagli

VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO

VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO Circolare informativa per la clientela n. 28/2014 del 16 ottobre 2014 VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO In questa Circolare 1. Comunicazione 2. Chi può apporre il

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Individuazione degli elementi informativi e definizione delle modalità tecniche e dei termini relativi alla trasmissione degli elenchi di cui all articolo 37, commi 8 e 9, del decreto legge 4 luglio 2006,

Dettagli

Presentazione domande 2015 per il 5 per mille CIRCOLARI EUTEKNE PER LA CLIENTELA NUMERO 21-15 APRILE 20151

Presentazione domande 2015 per il 5 per mille CIRCOLARI EUTEKNE PER LA CLIENTELA NUMERO 21-15 APRILE 20151 Presentazione domande 2015 per il 5 per mille 1 1 PREMESSA Per effetto dell art. 1 co. 154 della L. 23.12.2014 n. 190 (legge di stabilità 2015), la facoltà di destinazione del 5 per mille dell IRPEF si

Dettagli

NOTIZIE UTILI. Le associazioni sportive dilettantistiche per essere ammesse al beneficio devono possedere i seguenti requisiti:

NOTIZIE UTILI. Le associazioni sportive dilettantistiche per essere ammesse al beneficio devono possedere i seguenti requisiti: n.19 03/04/2015 NOTIZIE UTILI 5 per mille 5 PER MILLE PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Tutto pronto per l'avvio della campagna relativa al 5 per mille 2015. L'Agenzia delle Entrate ha infatti

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA Informative e news per la clientela di studio Oggetto: IL 5 PER MILLE ENTRA A REGIME È partita lo scorso 26 marzo la procedura che enti e associazioni devono seguire per richiedere ai contribuenti la destinazione

Dettagli

MODELLO UNICO 2001. a intermediari autorizzati (professionisti, associazioni di categoria, CAF, altri soggetti abilitati);

MODELLO UNICO 2001. a intermediari autorizzati (professionisti, associazioni di categoria, CAF, altri soggetti abilitati); MODELLO UNICO 2001 Sono obbligati a presentare la dichiarazione in forma unificata UNICO 2001 i contribuenti tenuti alla presentazione di almeno due delle seguenti dichiarazioni: Redditi; IVA; IRAP. A

Dettagli

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 INFORMATIVA N. 024 27 GENNAIO 2012 IVA L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 Art. 10, DL n. 78/2009 Circolari Agenzia Entrate 23.12.2009, n. 57/E; 15.1.2010, n.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. N. 7786/2016 Approvazione della Certificazione Unica CU 2016, relativa all anno 2015, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

MODELLO 730/2015 E VISTO DI CONFORMITÀ

MODELLO 730/2015 E VISTO DI CONFORMITÀ MODELLO 730/2015 E VISTO DI CONFORMITÀ a cura di Giancarlo Modolo 1 SOGGETTI INTERESSATI 2 Il 730 precompilato sarà proposto a chi: per il 2013 hanno presentato il mod. 730 (o il mod. Unico con caratteristiche

Dettagli

Agenzia delle Entrate Circolare 9 maggio 2013, n.14/e

Agenzia delle Entrate Circolare 9 maggio 2013, n.14/e Agenzia delle Entrate Circolare 9 maggio 2013, n.14/e Modello 730/2013 - Redditi 2012 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza fiscale per lavoratori dipendenti

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli