XVIII Congresso nazionale AIV Genova 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XVIII Congresso nazionale AIV Genova 2015"

Transcript

1 XVIII Congresso nazionale AIV Genova 2015 Autori 1 : Mary Fraire, Francesca Sessa, Sabrina Spagnuolo, Serenella Stasi (Facoltà di Scienze Politiche, Sociali e della Comunicazione dell Università di Roma La Sapienza ) Tema: Le politiche urbanistiche e di rigenerazione urbana Contributo Teorico Metodologico Titolo: Un esempio di valutazione democratica-partecipata: Gamonal (Burgos) un'occasione perduta e l'emergere del ruolo innovativo dei social network nella partecipazione democratica. Introduzione Il contributo che presentiamo è di natura teorico-metodologica, attraverso l esposizione di un caso reale di programmazione partecipata e valutazione di politiche urbane si cercherà di mettere in evidenza l importanza della democraticità del processo di SP, PM, e V. 2 al fine di poter garantire nelle politiche urbane volte alla governance del territorio una maggiore equità sociale. Il caso che analizzeremo è riferito a Gamonal (Burgos Castilla Lèon), dove l innesco delle contestazioni è dato dall incoerenza progettuale rispetto alle esigenze reali e dai dubbi interessi economici coinvolti. Nel caso presentato la valutazione effettuata è stata influenzata da forti dinamiche di potere e conflitti valoriali. Nonostante l afflato democratizzante, insito nella volontà di rendere partecipi i cittadini nel processo decisionale, la valutazione non ha raggiunto i suoi obiettivi sia per motivi legati a dinamiche di potere che per problemi metodologici (solo approccio costi-benefici)e di analisi, gestione, utilizzo, sintesi dei dati. Il caso è stato scelto in quanto si vuole cercare di capire come, la valutazione e quindi la politica poteva essere migliorata, senza arrivare al conflitto e al blocco dell opera, attraverso un nuovo sistema di raccolta ed analisi dei big data come i post sui social network, attraverso cui i cittadini hanno cercato di partecipare/comunicare con l istituzione 3. 1 Il contributo è stato concepito e discusso da tutte le autrici, in particolare i paragrafi 1 e 2 e i relativi sotto paragrafi sono attribuibili a Spagnuolo S. e Stasi S., il paragrafo 3 e relativi sotto paragrafi sono attribuibili a Fraire M. e Sessa F. 2 S.P.= Spending review, P.M. =performance managment V.= Valutazione 3 I social Network, soprattutto facebook sono stati utilizzati dai cittadini di Gamonal (il quartiere interessato ) per comunicare le loro contrarietà e i loro suggerimenti al comune. 1

2 1 Valutazione e politiche urbane: un rapporto complesso La governance urbana dovrebbe oggi porsi l obiettivo di cogliere e assecondare i modi di regolazione debole e di contrattazione interne alla città mostrando ed ascoltando il gioco degli attori sociali, dei movimenti sociali, delle organizzazioni di interessi, nel quadro della costruzione di diversi attori collettivi per arrivare ad una gestione e utilizzo del territorio più equa e democratica. Secondo Le Galès (2001) la governance urbana può essere definita come un processo di coordinamento con il quale i differenti attori, le istituzioni e i gruppi sociali, tentano di raggiungere i loro obiettivi discussi e definiti collettivamente in ambienti frammentati e incerti. Questo perché la maggioranza delle politiche che intervengono sul territorio incidono fortemente sull intero ecosistema, sono politiche estremamente complesse e di difficile attuazione, agendo spesso su città che hanno già una loro fisionomia e storia interiorizzata dai cittadini. (Stasi, Marino Spagnuolo 2013). Proprio per venire incontro a queste istanze di democratizzazione si è cercato di far coesistere strumenti ordinari e di programmazione negoziata nell attuazione delle stesse che nascono per cercare un dialogo tra impostazione normativa e strategica ponendo al centro anche della valutazione problemi di efficacia e legittimazione. A questo proposito si deve sottolineare che tutte le forme di partecipazione (programmazione e progettazione) sono oggi ampiamente criticate per non riuscire a soddisfare la necessità del coinvolgimento attivo di ampi gruppi di cittadini su un piano di dialogo. Donzelot J. sottolinea come spesso tali pratiche vengono svuotate di significato e la partecipazione diventa un occasione per convalidare decisioni già prese o diventi un semplice strumento di legittimazione del consenso politico. In questo senso dai lavori di Bobbio possiamo vedere come il successo di tali pratiche derivi dalla capacità e dalla disponibilità delle amministrazioni di mettersi autenticamente in gioco. In questo contesto il carattere negoziale e democratico della valutazione viene disconosciuto e/o privato di significato. Nel settore delle politiche urbanistiche e ambientali come già nel 2001 la Stame ricordava c è sempre stata una consuetudine alla valutazione, per lo meno nel senso del disegno ex ante e degli 2

3 scenari, ma come ricordava Patassini (2001) la valutazione è spesso stata e in un certo senso lo è ancora una silenziosa compagna di urbanisti e pianificatori spesso poco interessati agli sviluppi del dibattito interno della valutazione, degli sviluppi degli approcci e dei metodi della stessa. Troviamo modelli semplificati di valutazione con analisi costi benefici, impatto ambientale e,dove espressamente richiesto, sociale, verifiche di fattibilità strutturali, economico-ambientali in cui spesso la dimensione normativa burocratica assume un ruolo determinante, un progetto è accettabile tanto più sia in sintonia con le logiche procedurali-burocratiche. Questo in fondo, in linea con la prevalenza in Italia nella valutazione, come sottolineato da Stame, di un atteggiamento burocratico del valutatore o dei nuclei di valutazione in cui la valutazione è un servizio senza condizione offerto alle agenzie di governo che hanno controllo sull allocazione delle risorse. Il valutatore accetta i valori di quelle agenzie, e procura le informazioni che servono per raggiungere i loro obbiettivi (MacDonald 1977 pp226 in Stame 2012).Da quanto detto è facile dedurre che dietro il termine-concetto valutazione spesso troviamo metodi, strumenti e approcci diversi, che fanno capo a orientamenti scientifici e competenze/professionalità varie che possono intendere la valutazione in modo differente e spesso confliggente. Tutte queste analisi concorrono alla valutazione del piano/programma ma come parti di una ricerca valutativa che a nostro parere deve tener in considerazione l interdisciplinarietà di quanto prodotto ma non può confondersi con queste analisi (le comprende ma non si riduce ad esse); pena l ambiguità e l inutilità. Nelle politiche urbane che si tratti di zonizzazione e/o piani di zona, o di politiche atte ad intervenire in un punto determinato tramite riqualificazione del costruito, di costruzioni ex novo di caseggiati, infrastrutture, viabilità ecc la fase più importante del processo valutativo è secondo chi scrive al termine del processo decisionale, quindi prima della realizzazione dell intervento, che se realizzato soprattutto se si tratta di manufatti o infrastrutture diviene difficile e oneroso (sia economicamente che per l ambiente circostante) eliminare o migliorare. Come ricordato da Ciciotti (2001) il superamento di un modello decisionale razional-comprensivo nella realizzazione di una pianificazione territoriale e l adottare o il mettere allo scoperto un modello più consono alla realtà 3

4 che potremmo definire reticolare, ha portato a enfatizzare l intero iter decisionale in cui si riesce meglio ad apprezzare la partecipazione di attori differenti, tra cui soggetti economici pubblici, privati e del terzo settore(presenza auspicata dalla UE). con diversi obiettivi gestionali. La presenza inoltre di stakeholder differenti, tra cui utenti singoli, associazioni di cittadini e non solo, con obiettivi tra loro eterogenei (e non sempre razionali almeno per una valutazione costi-benefici puramente economica), non confrontabili e componibili, ma anzi conflittuali determinano incertezza e complessità del processo. Proprio per quanto detto, per poter dare un giudizio sull esito del processo decisionale l approccio che ci sembra maggiormente adeguato è quello denominato da Stame (2000 in Leone 2001)costruttivista, nel quale nel corso della valutazione le parti definiscono ciò che costituisce un successo del programma. Questo proprio perché in questo caso non si hanno pietre di paragone preordinate data la complessità della politica e del processo decisionale reticolare, ma è l analisi del processo e di ciò che sta avvenendo, anche alla luce del confronto con altre situazioni simili conosciute dagli stakeholder e dai valutatori, che costituisce il punto di riferimento (Stame 2000). Tra le domande di valutazione che il valutatore deve porsi ci sembra importante sottolineare con Rossi, Freeman, e Lipsey (1999) l analisi dei bisogni, in altri termini la necessità dell intervento. In questa fase è quindi importante poter analizzare in che misura la pianificazione è utile per affrontare i problemi(devono poter essere ben identificati) per risolverli e come questi vengono percepiti ed identificati sia dai decisori che dagli stakeholder e dalla popolazione coinvolta. Secondo McKillip (1987) l analisi dei bisogni si sovrappone in parte con la ricerca di indicatori che potranno nel nostro caso essere rilevati (anche a partire dall approccio scelto) attraverso una metodologia prevalentemente di tipo qualitativo. In questa fase è importante poter utilizzare tutti quegli strumenti usati dai diversi professionisti che concorrono alla valutazione al fine di poter costruire degli scenari più completi, contando però come ricordato da Patassini(2001) sull aiuto di tecniche di strutturazione di preferenze e dei giudizi, per produrre condivisione di senso dei produttori e dei destinatari delle politiche. In generale l attività di valutazione delle politiche urbane si caratterizza per un particolare interesse a interpretare l'attività 4

5 valutativa come strumento di riflessione per i soggetti coinvolti. Una valutazione ex ante ci permetterebbe di cogliere i bisogno reali del territorio e indirizzare il processo decisionale attraverso anche (se possibile) l analisi di progetti realizzati e di valutazioni effettuate cosa più rara (metanalisi). In itinere e ex post la valutazione può essere utile per capire, utilizzare e migliorare l intervento, gli effetti attesi o inattesi, positivi e negativi e rendere fruibile per altre politiche e per i processi decisionali quanto elaborato. La classica distinzione, forse più utile su un piano logico, tra valutazione ex ante, in itinere ed ex post in questo caso non centra pienamente il ruolo della valutazione delle politiche urbane che come sottolineato dovrebbe procedere in parallelo con lo sviluppo dei piani, mettendo in evidenza problemi e punti di forza (attesi o meno) suggerendo soluzioni. In un certo senso possiamo affermare con Micelli (2001 pp 280) che assolve alla funzione (tra le altre) di infrastruttura immateriale dell apprendimento. Conseguenza di tutto ciò è dunque che le procedure di valutazione di tali politiche dovrebbero assumere un ruolo centrale per misurarne l'efficienza/efficacia e anche come mezzo per la costruzione e la verifica del consenso su obiettivi e strumenti delle politiche stesse e quindi, sul processo di apprendimento collettivo e di sviluppo locale. Punto debole di molte valutazioni di politiche urbane condotte prevalentemente su basi tecniche da professionisti coinvolti in genere nella pianificazione e progettazione/attuazione della politica-intervento è di essere attente solo alla compatibilità tecnica tra strumenti, alla fattibilità economica legata anche alla legittimità della spesa, alla sostenibilità ambientale e sociale intesa soprattutto come adeguamento alla normativa, lontana da una reale valutazione anche nei casi in cui vengono coinvolti sociologi (che ci teniamo a sottolineare non necessariamente hanno competenze nella ricerca valutativa). Questo almeno se nelle dichiarazioni di intenti delle diverse pianificazioni urbane la valutazione deve interessarsi, per poter essere una valutazione del rapporto che si viene a creare tra i vari elementi che compongono anche solo implicitamente un azione (obiettivi, mezzi, risultati) per studiarne l efficacia, produce o in questo caso produrrebbe gli effetti desiderati, e l utilità produce risultati che rispondono a problemi esistenti in modo equo; può essere fatta propria dai destinatari (Stame 2000). Altra pecca della valutazione è la scarsa 5

6 utilizzazione, nonostante le dichiarazioni di principio, degli strumenti della programmazione partecipata, orientati a diverse categorie di utenza/destinatari forti e deboli che potrebbe aiutare tra le altre cose a dar voce ai cittadini e cioè a quelle comunità locali di cui come ricordato da Bobbio (1996) poco si ascolta la voce nei processi decisionali, portando in molti casi a generare conflitto (come nel nostro caso di studio).a questo punto ci pare rilevante sottolineare l importanza di un approccio democratico alla valutazione di queste politiche che proprio perché influiscono sull ambiente, sul welfare e sui luoghi di vita delle persone, colpiscono direttamente la qualità della vita e la percezione della stessa sia dei residenti che dei city users presenti e futuri che in quel luogo e con quel luogo vivono ed interagiscono. 1.1 L importanza di un approccio democratico La ricerca valutativa si colloca secondo Ernest R. House e Kenneth R. Howe(2000 in Stame 2007 pp 417) all interno di un contesto caratterizzato da una qualche forma di autorità, ed in un particolare sistema sociale. Non si erge da sola come se fosse semplicemente una logica o una metodologia, libera da vincoli di spazio e tempo e certamente non è libera da valori e da interessi. Come ricordato dalla Weiss il processo politico democratico è ambiguo ed incerto, procede attraverso negoziati e interazioni tra differenti stakeholder. In altri termini è un processo di decision-accretion, che utilizza le valutazioni, come ogni altra fonte di informazione. In questo contesto il valutatore non offre soluzioni preconfezionate ai decisori e agli stakeholders, ma fornisce informazioni favorendo una migliore comprensione della situazione, aiutandoli a trovare le proprie soluzioni, evidenziando opportunità. Proprio per questa ragione Ernest R. House e Kenneth R. Howe(2000) sottolineano l importanza di non lasciare questo strumento nelle mani dei soli interessi dei gruppi con più potere e di legarla invece alla società in generale, quindi a tutti i soggetti coinvolti a vario titolo nel piano/intervento da valutare dando rilevanza a tre principi che sono alla base di quella che gli autori citati denominano valutazione ispirata alla democrazia deliberativa e che ci sentiamo di condividere: inclusione (di tutti gli interessi pertinenti), dialogo e deliberazione 6

7 (essere basata su ragioni ed evidenze).l inclusione e quindi il coinvolgimento di tutti coloro che in qualche modo hanno interessi o saranno coinvolti dagli effetti del piano, presuppone la diffusione di informazioni e conoscenze relative a tutti gli aspetti del piano, in maniera comprensibile e diffusa,al fine di limitare gli effetti della disparità di potere e dar vita al dialogo tra le parti. In molti casi il coinvolgimento, a partire dal processo decisionale, può essere avviato dalla diffusione di dati economici, ambientali e sociali, bisogni a cui si intende rispondere,criteri di assegnazione degli appalti, dibattito politico e risultati della valutazione su internet sia attraverso i social network che su siti istituzionali, senza dimenticare però tutti quei soggetti che a questi mezzi non accedono per diverse ragioni (età, cultura ed altro) pena la svalutazione del processo democratico. In questo modo sarà più facile arrivare ad una deliberazione condivisa dalle parti. Inoltre ci sembra importante sottolineare come la trasparenza dei processi di decisione/progettazione, spending review e valutazione può contribuire a limitare i molti casi di corruzione e di spreco tipici delle politiche di intervento urbano e a limitare i conflitti tra le parti. In ultimo si vuole sottolineare come la complessità delle politiche rende difficile effettuare una valutazione di impatto che risponde all esigenza sicuramente importante in un periodo di crisi di stabilire cosa funziona o potrebbe funzionare e cosa invece non funziona per il semplice motivo che i metodi rigorosi (esperimenti quasi-esperimenti) poco si adattano a programmi e realtà complicate e complesse, in cui la causalità lineare è un utopia. 2. La calle Vitoria di Gamonal 4 : i fatti Nell estate del 2011 lo studio MBG del gruppo Promecal proprietà di Antonio Miguel Méndez Pozo realizzò uno studio di fattibilità per il consiglio del quartiere (barrio) Capiscol, limitrofo al quartiere Gamonal, proponendo una serie di modificazioni per migliorare l urbanizzazione della zona (Gamonal e Capiscal) studio che venne pubblicizzato dal giornale diario de Burgos dello stesso proprietario. Nell ottobre del 2011 ilcomune di Burgos indice un bando di gara (concurso) 4 Gamonal quartiere di Burgos Spagna (Castilla y Leon) 7

8 per presentare progetti ed idee per migliorare l urbanizzazione di Gamonal 5 attraverso la rimodellazione della calle Vitoria e del Plan Director Gamonal-Capiscol. Uno dei primi problemi sorge all interno del Comune quando il partito di opposizione fa notare che in parte per delineare gli obiettivi del progetto erano stati utilizzati gli studi effettuati da MBG (poi vincitore del concorso). La giuria era composta dall alcalde Javier Lacalle, il vicealcalde Ángel Ibáñez, tecnici del municipio e rappresentanti di tre asociaciones vecinales de Gamonal (Asociación de Comerciantes de Gamonal, elconsejo de Barrio de Gamonal e la Asociación de Vecinos de Juan XXIII) poco rappresentative della maggioranza della popolazione, mentre erano stati esclusi itre partiti di opposizione (PSOE, UPyD e IU) e le altre Asociación de Vecinos (AAVV). La stessa giuria continuerà ad incontrarsi dopo la scelta del progetto dell MGB Gamonal-Capiscol-Residencial. Gli otto progetti che avevano superato la prima fase sono stati sottoposti al giudizio della cittadinanza dell intera Burgos attraverso l utilizzo del sito istituzionale del comune. Era possibile proprio per evitare che partecipasse solo chi sapeva utilizzare e possedeva il computer, recarsi alla casa Gamonal dove si poteva attraverso apposito questionario scegliere il progetto e lasciare dei commenti. Nel processo decisionale e quindi nella fase di pianificazione e scelta del progetto il comune sembra adottare una programmazione partecipata coinvolgendo almeno apparentemente gli stakeholders e tutti coloro interessati ad esprimere il loro parere sull intervento. In realtà se consideriamo l assenza dei decisori appartenenti ai tre partiti dell opposizione e degli stakeholders quali le altre AAVV e alcuni imprenditori privati si delinea una poca trasparenza (apprezzabile anche nella scelta del progetto) del processo decisionale. Inoltre la consultazione è stata fatta sull intera Burgos non considerando né le AAVV di Burgos ne che il progetto interessava principalmente il barrio Gamonal 6 e che quindi questi cittadini dovevano essere maggiormente ascoltati. Inoltre i progetti in gara visibili su internet o nella casa Gamonal non sono facilmente 5 Gamonal de Rio Pico era un paese che si trovava vicino al cammino di Santiago, inizialmente sede del monastero di San Juan de Orteganel XVII sec. Il paese restò indipendente da Burgos fino alla metà degli anni 50, (periodo franchista), quando venne annesso, dopo una negoziazione fittizia alla città, in cambio di una linea di autobus ed il mantenimento della festa del patrono. Il nuovo barrio venne utilizzato dal regime come polo industriale e quartiere operaio per allontanare operai e fabbriche, dal centro della città, senza nessuna pianificazione urbana. 6 La città di Burgos conta circa e il barrio Gamonal costituisce un terzo della popolazione della città. Inoltre i residenti del quartiere non si sentono parte della città né si sentono rappresentati dall autorità locale. 8

9 comprensibili per la maggioranza dei cittadini e quindi non viene supportata una scelta ed una partecipazione consapevole. Approvato il progetto non all unanimità e nonostante le proteste l Ayuntamiento decide di procedere ad una valutazione almeno nella dichiarazione di intenti democratica, in quanto richiedeva nuovamente pareri e giudizi alla popolazione ed ai soliti stakeholders ma che nei fatti viene assegnata ai tecnici (urbanisti e architetti) e allo studio di Del Pozo, dal sindaco e dal partito di maggioranza (PP). La valutazione e le riunioni durano circa due anni. La protesta a partire da Giugno 2013 sale di intensità coinvolgendo cittadini di Gamonal e Burgos, AAVV e comitati di cittadini formati per contrastare l opera(federationaavv de Burgos A.V. Las eras de GamonalBulevar C/Vitoria NO) movimenti sociali (indignados, anonymus e sinistra alternativa) informati e organizzati anche attraverso i social network, mezzo attraverso cui in parte i soggetti in disaccordo avevano cercato di comunicare con autorità e valutatori senza trovare ascolto. Il 9 gennaio scoppia il conflitto che determinerà il blocco dell opera. 7.A partire dal 18 la strada viene riportata alla situazione originale. 2.1 L intervento Obiettivo dell intervento la riqualificazione della calle Vitoria una delle arterie principali di Burgos. La calle Vitoria è una strada che taglia i barrios Gamonale Capiscal e conduce al centro di Burgos costituita da ampie carreggiate nelle due direzioni molto trafficate. La calle collega il nord ed il sud della città, è la strada più intensamente trafficata dell intera Burgos, sia per il traffico privato che per il servizio pubblico. Il progetto prevedeva l eliminazione di due carreggiate collaterali all asse stradale per la costruzione di una zona pedonale (pensata come un salotto urbano)con una zona verde preclusa al traffico veicolare. Una pista ciclabile centrale circondata da due barriere verdi, volte a rivitalizzare il commercio e diminuire l inquinamento. Veniva data priorità alla circolazione 7 Forme e repertori della protesta seguono un percorso classico in crescendo, dalle azioni definite da Dalton [1988] non convenzionali meno estreme quali le petizioni (novembre/dicembre 2013), alle azioni dirette di occupazione pacifiche del territorio (9 e 10/01/2014 apertura dei lavori), fino ad azioni illegali/violente indirizzate verso il cantiere, le forze dell ordine e i simboli della finanza (notte tra il 10 e11/01/2014). L 11 un corteo 7 si dirige verso il commissariato di polizia nazionale per ottenere la liberazione dei manifestanti arrestati. Gli scontri proseguono il 12, nel pomeriggio un corteova alla sede del gruppo Promecal (Diario di Burgos 7 ). Il 13 si instaura un presidio per impedire la riapertura del cantiere. Il 14 arriva la Unidad de IntervenciònPolicial che mette il quartiere sotto coprifuoco. Nel pomeriggio il sindaco annuncia la sospensione dei lavori. Il 17 la Giunta Comunale 7 vota l interruzione dei lavori ed il ripristino della situazione precedente, la sera Lacalle dichiara la chiusura dei lavori. Dal 17 in tutta la Spagna vengono indette manifestazioni di solidarietà 7 verso Gamonal e di protesta contro il partito di governo 9

10 di pedoni e biciclette, lasciando un'unica carreggiata per parte a disposizione per il trasporto pubblico, privato e per il carico e lo scarico camion. La riqualificazione aveva effetto su tutte le strade laterali che non potevano più immettersi sulla strada principale e quindi sull intera viabilità urbana. La costruzione di un parcheggio sotterraneo (con 250 posti da vendere a euro l uno costruito con fondi privati dallo studio vincitore su concessione pubblica) e di un parcheggio a pagamento esterno a pochi metri dalla via con 700 posti, ed un parcheggio di 450 posti nella piazza San Bruno, al fine di risolvere gli antichi problemi relativi ai posti macchina 8. Nel quartiere Capiscal si prevedeva la costruzione di un campo sportivo e di un area giochi per i bambini. 2.2 Le ragioni del dissenso: la voce dei cittadini I residenti di Gamonal e le AAVV (di cui molti fanno parte) attraverso i social network e non solo, sono diventati cittadini attivi attori del proprio ambiente di vita. Attraverso questi mezzi di comunicazione le persone (di diversa età e condizione sociale) scambiano informazioni, si organizzano e cercano di comunicare il loro dissenso al comune ed ai valutatori. Il partito Union Progreso y Democracia insieme alla federaciòn AAVV di Burgos realizzano una inchiesta sui due social network più popolari (twitter, facebook e nelle sedi dell AAVV), ponendo le domande Qué opinas del Bulevar? Por qué decimos NO al Bulevar? econsultano il sito del comune per leggere quanto della valutazione era stato messo in rete giudicandolo non soddisfacente. I motivi del dissenso sono: 1. La presenza dell imprenditore del Pozo già inquisito in diversi processi per corruzione e falso in bilancio 2. Poca trasparenza del processo decisionale e della ricerca valutativa 3. L intero processo ha escluso i partiti di opposizione e le AAVV (poca rappresentatività) 4. Costi troppo elevati per un paese in crisi 8 Il quartiere era stato edificato senza porsi il problema dei parcheggi e uno dei problemi più evidenti è la difficoltà di parcheggiare, le soste in doppia fila anche la notte che influiscono sulla stessa viabilità. 10

11 5. Non rispondenza ai bisogni reali della popolazione 6. I soldi dovevano essere utilizzati per welfare ed altri servizi essenziali 7. Aree e ambiti di parcamento insufficienti e viabilità non efficacie/efficiente 8. Non risolve il problema del commercio e dell inquinamento 9. Eliminazione di piazze e non recupero del patrimonio storico sopravvissuto 2.3 Cosa poteva essere fatto meglio? Cosa poteva dirci una ricerca valutativa? Abbiamo deciso di utilizzare l approccio democratico al fine di cercare di capire perché le cose non hanno funzionato e come avrebbero potuto funzionare meglio ed evidenziare la catena di meccanismi e risultati intermedi attesi o inattesi, osservati relativi alle diverse fasi della pianificazione che ne hanno determinato il fallimento. La scelta dell approccio è determinata tra le altre cose dalla richiesta di trasparenza e coinvolgimento reale dei cittadini (del mondo globale) nella gestione delle risorse del territorio, della pianificazione urbana e della gestione dei beni comuni. Nella prima fase, relativa alla decisione di implementare la politica, è mancata sia una attenta rilevazione dei bisogni e delle richieste reali della popolazione, relative ai problemi del quartiere dal punto di vista dell urbanizzazione, dell inquinamento e del miglioramento della qualità della vita dei residenti ed un attenta gestione delle risorse economiche e territoriali. La programmazione partecipata fin dal momento della decisione di intervenire su un quartiere come Gamonal (già sede di conflitti territoriali, afflitto da problemi gravi di inquinamento, traffico e mancanza dei servizi basilari) doveva coinvolgere tutti gli interessati al fine di migliorare la comprensione dei problemi attraverso il dialogo e lo scambio di informazione tra decisori, stakeholders e cittadini ( di Gamonal e dell intera Burgos) per indirizzare meglio il bando di gara della progettazione e la riqualificazione attraverso un dialogo reale. Nella scelta dei progetti sia la scelta della commissione, in cui mancavano i partiti dell opposizione e molte delle principali AAVV che da sempre sono rappresentanti dei cittadini e del processo di gestione democratica del territorio che la messa in rete e nella casa Gamonal di progetti non comprensibili dalla maggioranza 11

12 delle persone senza le necessarie informazioni sulle condizioni del quartiere, sulla spesa e sulle richieste dei residenti hanno portato ad una scelta poco partecipata per assenza di reali informazioni. Questo è un utilizzo degli open data poco utile per favorire l accettazione e la scelta di un progetto che va a modificare la vita e l orientamento spaziale e sociale delle persone. Gli open data utilizzati in questa maniera creano ambiguità, poca trasparenza e conflitto e potremmo dire che divengono close data provocando sfiducia verso i decisori, la riqualificazione e conflitto, sfiducia aggravata dalla presenza di un imprenditore già inquisito e condannato. Quando è stata avviata la valutazione, è stata condotta principalmente da urbanisti che non sono stati in grado di elaborare la grande massa di dati proveniente dalla popolazione (consigli, pareri, dissensi e le ragioni che hanno determinato il conflitto) né di dialogare con gli stakholders, perdendo l occasione di ricalibrare la riqualificazione. Il valutatore secondo Ernest R. House e Kenneth R. Howe dovrebbe sempre porsi il problema della disparità di potere e nel caso indagato chiedersi di chi sono gli interessi rappresentati e se sono rappresentati gli stakeholder principali. Il rispondere a queste domande avrebbe portato fin da subito a comprendere la poca trasparenza del processo decisionale e valutativo, mettendo in luce quella disparità di potere che ritroviamo tra le cause della protesta citata nei post. Le procedure di controllo relative alla disparità di potere ed alla trasparenza sono state disattese. Così come segnale dello scarso interesse alle questioni sollevate da stakholders e cittadini è il mancato ascolto dei bisogni della popolazione e la non rispondenza della riqualificazione ai problemi sentiti come più stringenti. La partecipazione sia alla programmazione partecipata che alla fase della valutazione non è stata autentica, anche se la scelta dei mezzi di partecipazione era giusta (social network e luogo fisico) mancava la reale possibilità di comprendere le informazioni date e la fiducia nei decisori, nei pianificatori/progettisti e nei valutatori. Il coinvolgimento della popolazione è stato superficiale e basato su informazioni troppo tecniche ed in tutto questo sono mancate anche le capacità metodologiche per utilizzare i dati provenienti dalla partecipazione dei cittadini (social network e l urna posizionata nella Casa Gamonal), per problemi di sintesi e categorizzazione della grande massa di dati testuali ricevuti creando ulteriore rabbia nei cittadini che si sono sentiti raggirati. Non 12

13 si è considerata realmente l efficacia e l efficienza del progetto e non si è fatta una attenta analisi dei costi in termini di risorse economiche, ambientali e benefici per la popolazione a cui più che un salotto inutilizzabile servivano risposte a problemi reali. 3. Social network: una componente innovativa per le attività di valutazione. Big social data e l analisi statistica quantitativa dei dati testuali. 3.1 Nuovi dati in forma digitale: caratteristiche e strumenti di analisi Nell ambito della valutazione dell impatto delle politiche pubbliche sul territorio e in particolare qui per la valutazione delle politiche urbanistiche e di rigenerazione urbana si ritiene di particolare interesse l utilizzo dei nuovi dati in forma digitale, derivanti principalmente dai Social media (blog,socialnetwork,forum,chatect..) e oggi denominati Big data, non solo per la dimensione ma per la differente natura dell informazione: fortemente eterogenea e destrutturata e la diversa collocazione dell utente. Infatti questa evoluzione del contesto informativo segna un passaggio di particolare interesse per una valutazione democratica, da un utente passivo che si limitava a fruire delle informazioni trovate o risultanti dalle tradizionali indagini per questionario in cui gli intervistati sono passivi compilatori di domande predisposte (e spesso ormai infastiditi!) ad un utente attivo che interagisce con il web realizzando suoi contenuti e collocandoli in rete. Non ci soffermeremo qui sugli aspetti strettamente statistico-metodologici e tecnici ma richiamiamo molto sinteticamente alcuni punti cruciali che caratterizzano i nuovi dati testuali: - Avere strumenti innovativi di analisi per strutturare e analizzare questi dati, testuali, fortemente destrutturati oltreché di dimensione notevole. Tali strumenti sono oggi disponibili attraverso una serie di analisi statistiche (sia esplorative sintetiche-descrittive che confermative-previsive) ci riferiamo qui in particolare alla cosiddetta AADT (Analisi automatica dei Dati Testuali) oggi in forte sviluppo e per la quale sono disponibili anche appositi software (Taltac, Lexico, Spad-T, Dtm-Vic di Lebart, Iramuteq) 13

14 - Disporre di elevate capacità computazionali che tuttavia oggi non sono più un problema anche per trattare i BIG DATA, ma è, come già sopra accennato, la loro strutturazione la reale sfida metodologica quindi sono i software che devono essere in grado di trattare i big data; Predisporre siti dedicati per i social media (ad es. via tv, pc, smartphone, radio ecc.) sia per veicolare contenuti in relazione a dati problemi che per ricevere proposte, iniziative ecc.,che grazie al ruolo giocato dai social media assicurano una partecipazione crescente e motivata degli interessati. Molti sono gli esempi concreti della partecipazione attiva attraverso i social media che è stata decisiva sia per la partecipazione,l organizzazione, la diffusione dell informazione, la conoscenza delle problematiche e le indicazioni per una loro risoluzione. Come esempi concreti in tal senso, limitandoci qui ai soli problemi di gestione del territorio, citiamo ad esempio, il movimento dei NO TAV in Italia, Il Presidio NO alla Discarica dei Rifiuti nella zona del Divino Amore di Roma, il movimento di Gamonal - Burgos in Spagna Un esempio italiano di impiego dei social network per organizzare, diffondere e sostenere le mobilitazioni di difesa del territorio. A Falcognana la mobilitazione nasce il 30 luglio 2013 a seguito della dichiarazione del Commissario Straordinario ai rifiuti che decreta l area idonea come sito alternativo a Malagrotta per raccogliere nei prossimi due anni i rifiuti trattati di Roma capitale. E da notare che in entrambi i casi, Gamonal e Falcognana, ha assunto una grande rilevanza per la mobilitazione la comunicazione tramite social network sia per l organizzazione che per il coinvolgimento del gruppo dei vicini e di militanti appartenenti a gruppi esterni alla protesta. E da notare qui tuttavia che notevoli differenze hanno caratterizzato i due movimenti così come il loro epilogo: Gamonal più legato ai movimenti 9 Un esposizione dettagliata dei due ultimi movimenti sono stati trattati nella ricerca su "Mobilitazioni dei cittadini per il territorio: analisi testuale dei social network e delle comunicazioni istituzionali" (paper presentato da Fraire, Marino, Stasi, Spagnuolo, Sessa, al convegno internazionale -VII incontro franco-italiano di geografia sociale su "Pensare processi di urbanizzazione in tempi di crisi" - Université de Tours16-17 giugno Gli atti sono in corso di stampa. 14

15 politici, Falcognana più focalizzato alla difesa del territorio e il rifiuto di far entrare partiti o movimenti politici nell organizzazione della protesta. Gamonal per i motivi ampiamente su illustrati è stata un occasione perduta, Falcognana è stato un movimento vincente, la discarica non è più stata realizzata, ma circoscritta alla difesa dell'esistente (movimenti Lulu Locally Unwanted Land Uses, Usi localmente indesiderati del territorio). Data l'importanza dei social network si è scelto qui di utilizzare a titolo di esempio una particolare strategia di analisi, l analisi automatica dei dati testuali (e si è impiegato in particolare il software Iramuteq) per analizzare nel caso di Falcognana i N=96 post scritti e scambiati tramite social network nel periodo 27 luglio gennaio 2014, tutti riguardanti le mobilitazioni contro la discarica dei rifiuti vicino al Santuario del Divino Amore. A causa tuttavia dell elevata eterogeneità dei contenuti dei post si è deciso di classificare in tre categorie i file di dati testuali : File A: i post scambiati dai cittadini e residenti; File B: i post contenenti informazioni istituzionali (regioni, comuni, associazioni, ministeri ecc.); File C: Immagini, foto, filmati delle manifestazioni e mobilitazioni. Qui accenneremo appena 10 a titolo puramente indicativo, ad una applicazione dell AADT al File A: i post scambiati dai cittadini e residenti che in termini tecnici è un 'corpus ' del tipo "testi frammenti" (es. raccolta di messaggi di una comunità di internet, risposte libere a domande aperte di un questionario ecc.), al quale è possibile associare meta-informazioni a due livelli: a) variabili a priori (genere, età, domande specifiche,ecc); b) variabili a posteriori (es. laddove possibile perché non sempre nei post sono disponibili, variabili di sfondo come genere, età ecc., categorizzazione dei contenuti dei post, date, variabili 'sentiment' del tipo 'gradito', 'non gradito'ecc.).nel corpus qui considerato si sono costruite a posteriori quattro variabili: genere, titolo di studio, condizione occupazionale, frequenza di scrittura dei post (da parte della stessa persona). Teniamo a sottolineare che, come noto, nei social network non sempre esse sono indicate dall'autore del post e/o sono individuabili e non si hanno 10 Un analisi più estesa è stata presentata da M.Fraire, F.Sessa, S.Spagnuolo, S.Stasi, S.Marino I conflitti per il territorio e la nuova azione collettiva letti tramite i social network al convegno Fuoco, Acqua, Terra e Aria novembre 2014 presso l Università della Calabria per le giornate in onore di Osvaldo Pieroni. Gli atti sono in corso di stampa. 15

16 controlli sulla loro 'veridicità'. In questo senso si ritiene importante sviluppare e sperimentare lo studio di metodi statistici completamente diversi dai metodi tradizionali impiegati per la verifica dell attendibilità e validità di dati numerici, nel caso invece dei dati testuali e in particolare di strumenti di verifica per quelli veicolati tramite social network. Nella Tab.1 si riportala prima analisi quantitativa che generalmente si fa di un corpus di dati testuali: il bilancio lessicale' in cui figurano: il nome del file di testo; la lingua del testo; il numero di testi (qui post) esaminati; i segmenti del testo (frasi, sequenze di parole adiacenti nel testo che possono essere di varia lunghezza (es. min 3-max 10 parole), le occorrenze ossia il numero totale di parole (=forme grafiche), il numero delle forme (ossia parole diverse), numero di hapax ossia parole che si ripetono una sola volta nel testo, la percentuale degli hapax rispetto alle forme e alle occorrenze. Si omettono qui per brevità tutte le altre tabelle specifiche relative alle forme lessicali globali, attive, supplementari, hapax. Dalla Tab.1 si può verificare la numerosità del corpus analizzato (1974 occorrenze) in questo caso risulta infatti solo puramente esemplificativa perché per avere una discreta stabilità dei risultati per le analisi statistiche quantitative multidimensionali occorrono almeno occorrenze: quindi per i big data di cui si è parlato nel par.3.1 sono proprio le AADT le analisi più adatte! Tab.2 - Bilancio lessicale del corpus 'File 46CIT2VAR.TXT': alcuni parametri Parametri Nome Lingua Valore 46CIT4VAR_corpus_1 Italiano N. testi 46 N.segmenti del testo 67 Occorrenze 1974 N.forme 907 N.Hapax 669 N.hapax in % forme 73,76% N.hapax in %occorrenze 33,89 16

17 Sempre qui a titolo puramente esemplificativo delle potenzialità dell AADT è stata impiegata al corpus 46CIT4VAR una cluster analysis al fine di individuare le unità di contesto più simili (cluster) in altri termini al fine di individuare le parole che più caratterizzano ciascun cluster, mondi lessicali, profili lessicali, in sostanza quindi dare una struttura al corpus del file di testo riguardante i 46 post scambiati dai cittadini. Nella Fig.1 si riportano sinteticamente i risultati dell analisi dalla quale sono emersi tre cluster, con i diversi parametri indicati in nota 11. Fig.1Cluster Analysis: numerosità dei tre cluster individuati per i 46 post (in % di parole di ciascun cluster e parole di ciascun cluster che hanno ottenuto il massimo valore del Chi quadrato (fonte:ns. elaborazione software Iramuteq) In particolare dai tabulati dei profili dei tre cluster individuati, che qui per brevità non si riportano, risulta da un interpretazione delle parole che caratterizzano, incluse in ciascun cluster, le seguenti unità di contesto simili (profili lessicali) dei tre cluster : Il Cluster 1 individua i post inerenti la nuova discarica, caratteristiche negative del luogo, e netto rifiuto, mancanza di una politica dei rifiuti basata sulla raccolta differenziata. 11 Ilcluster 1 è caratterizzato dal : 24,1% delle parole diverse con un max χ 2 =8,95; il cluster 2 dal 34,5% delle parole con un max χ 2 =20,99; e il cluster 3 dal 41,38% delle parole con un max χ 2 =10,72. Il Cluster 2, sempre tenendo conto dell'esiguità dei dati, risulta quindi quello più caratterizzato da una discreta percentuale di parole caratterizzanti e soprattutto dal più alto valore del Chi quadrato indicante qui la connessine tra le parole. 17

18 Il Cluster 2 individua invece le denunce,richieste, petizioni, interrogazioni parlamentari rivolte alleistituzioni, molte in particolare al sindaco di Roma Marino e al presidente della Regione Lazio Zingaretti, sia di rifiuto della nuova discarica nella zona del Divino Amore che della gestione da parte dell'ecofer(già compromessa con la precedente gestione monopolitstica della discarica dei rifiuti di Roma nella zona di Malagrotta). Il Cluster 3 individua invece l urgenza di unirsi, organizzarsi e mantenere vivo il Presidio No alla Discarica del Divino Amore con entusiasmo e coraggio, per la salute, contro i tumori. Nella Fig.2 si riporta uno dei grafici più caratteristici dell'aadt: la wordcloud o nuvola delle parole o mappa lessicale che consente visivamente e sinteticamente di individuare le parole e le frasi più caratteristiche dei post secondo la loro grandezza, vicinanza e posizione Fig.2 - Wordcloud: nuvola lessicale (fonte:ns. elaborazione software Iramuteq) Da questo esempio molto sintetico ma reale e significativo per le nuove forme di partecipazione, qui in particolare per una valutazione dell impatto delle politiche pubbliche sul territorio, tramite i social network si può tuttavia intuire tutta la potenzialità, efficacia, utilità e novità delle informazioni traibili dal trattamento statistico di questi nuovi dati digitali che ormai fanno parte a 18

19 tutti gli effetti di una delle principali forme di comunicazione e partecipazione democratica e attiva delle popolazioni o collettività esaminate. Riferimenti bibliografici e webgrafici Agodi Maria Carmela, Lazarsfeld e la natura della classificazione nelle scienze socialiin P.F. Lazarsfeld un classico marginale numero monografico Sociologia e ricerca sociale, XX, 1999, pp Bobbio L. (1996)La democrazia non abita a Gordio. Studio sui processi decisionali politico-amministrativi - Milano - Franco Angeli Bobbio L. (1999) Un processo equo per una localizzazione equa, in L. Bobbio e A. Zeppetella (a cura di), Perché proprio qui? Grandi opere e opposizioni locali, Milano, Franco Angeli, pp Bobbio L (cur.), Amministrare con i cittadini. Viaggio tra le pratiche di partecipazione in Italia, Soveria Mannelli: Rubbettino Bobbio, L. (2010) Il dibattito pubblico sulle grandi opere. Il caso dell autostrada di Genova, Rivista italiana di politiche pubbliche, n.1, pp Bobbio L., Zeppetella A. (a cura di) (1999) Perché proprio qui? Grandi opere e opposizioni locali, Milano, Franco Angeli, pp Bobbio L. Mobilità e conflitti trimestrale del Laboratorio Territorio Mobilità e Ambiente TeMALab Volume 4 Numero 4 dicembre 2011, pp Bolasco S.(2013) L analisi automatica dei testi. Fare ricerca con il text mining, Roma, Carocci Ciciotti E., Dall AraA., Politi M., 2001 Valutazione delle politiche territoriali e governance dello sviluppo locale. Aspetti teorici e di metodo in MazzolaF. E Maggioni M.A. (a cura di) Crescita Regionale e urbana del mercato globale. Modeli politiche processi di valutazione Franco Angeli Milano Giannella V., (2002), Oltre l Urban Center? L esperienza de l Ombrello per Venezia, in Dal Government alla governance nella regolazione locale: quale forma per il piano?, Francesca Gelli ed Elena Milanesi (a cura di), Quaderni IUAV n. 16, Venezia. Scaricabile alla pagina: Davis I. (1999) Evaluation and Performance managment in government Evaluation, 5 (2)) Donzelot J. et al. 2003, Fairesocieté, Paris: Seuil Fraire M Analisi dei Dati a Tre-Vie delle Risposte a Domande Aperte e Indicatori Empirici. In: JADT Lausanne (Suisse), JADT2000, Losanna 9-11 marzo 2000, vol. 2, p , LAUSANNE:M.Rajman& J-C Chappelierediteur; anche in Sociologia e Ricerca Sociale Anno XXI, n.61, 2000 FrancoAngeli Ed. Fraire M., Rizzi A. (2011), Analisi dei dati per il Data Mining, Carocci Ed. Roma Ernest R. House e Kenneth R. Howe Valutazione e democrazia deliberativa in N. Stame I classici della valutazione 2007 Franco Angeli Milano pp Hambleton R., Thomas H., 1995 Urban policy evaluation: challenge and change P. ChapmanLondon Le Galès P., (2001), Quali interessi privati nelle città europee?, in Bagnasco, A. e Le Galès, P. (a cura di), Le città dell Europa contemporanea, Liguori Editori, Napoli McKillip J.(1987) Need Analysis: Tools for the human Service and Education, Sage, Newbury Park CA. Micelli E., 2001 Temi e strumenti della valutazione in urbanistica(in Lo sviluppo della valutazione in Italia) (a cura di N. Stame) pp Rossi, Freeman, e Lipsey Costruire le valutazioni su misura in N. Stame I classici della valutazione 2007 Franco Angeli Milanopp 74-19

20 127 Patassini D Valutazione delle politiche territoriali e ambientali in Italia: limiti di un processo di istituzionalizzazione in Lo sviluppo della valutazione in Italia a cura di N. Stamepp Patassini D. (1999) Valutare le politiche nella pianificazione urbana e territoriale in Indovina F. a cura di, Territorio e innovazione Economia pianificazione Politiche. Ventanni di ricerca DAEST, Daest-iuav Collana Convegni n4 Venezia Stame N, L esperienza della valutazione, Milano: Seam, 2000, p. 196 ISBN X Stame N Come facilitare l uso delle valutazioni in Lo sviluppo delle valutazioni in Italia (a cura di), Franco Angeli Milano pp Lo sviluppo della valutazione in Italia (a cura di ) N. Stame 2001 Franco Angeli Milano Stame N I classici della valutazione Franco Angeli Milano Stame N, 2012.Fare più e meglio con meno, e in modo democratico in RIV Rassegna Italiana di Valutazione, Milano: Franco Angeli,XV, n StameN.(2010) What does not work? Three failures and many answers in Meldolesi L., Italia FederandaRubbettinoSoveriaMannelli Stasi S.Marino S. Spagnuolo S. Smart cities: l Ergonomia come fattore di Valutazione; una proposta teorico metodologica per una valutazione partecipata relazione XVII Convegno valutazione AIV Weiss, C. WherePolitics and Evaluation ResearchMeet in D. Palumbo, ed., (1987), The politics of programevaluation, Sage #Gamonal #GamonalResiste LAS ERAS DE GAMONAL Aavv de Burgos 20

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*)

LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*) LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*) settembre 2001 INDICE 1 Contenuti generali e finalità del criterio Qualità del sistema di valutazione degli effetti sull occupazione

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile Geographical Views On Education For Sustainable Development Simposio regionale dell Unione Geografica Internazionale- Commissione sull Educazione Geografica 29-31 luglio 2007. Lucerna, Svizzera 2007. IGU

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

Abstract Costruire una visione condivisa per concretizzare la città futura: tecniche e metodi per una pianificazione partecipata.

Abstract Costruire una visione condivisa per concretizzare la città futura: tecniche e metodi per una pianificazione partecipata. Abstract Costruire una visione condivisa per concretizzare la città futura: tecniche e metodi per una pianificazione partecipata. Ambito Tematico: Definizione di una visione condivisa della città futura:

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO Relatore Prof.ssa Maspoli Rossella Candidate Campagnolo Romina Panella Marta LA PERIFERIA E I SUOI SPAZI

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli