Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche Comunitarie

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche Comunitarie"

Transcript

1 Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche Comunitarie Relazione per la Commissione europea ai sensi dell art. 60 della Direttiva 2005/36/CE 1. Il recepimento della direttiva 2005/36/CE La direttiva 2005/36/CE è stata recepita nell ordinamento italiano con il decreto legislativo del 9 Novembre 2007 n.206 che, in linea con le disposizioni e le finalità della direttiva, stabilisce le regole e disciplina le modalità amministrative che assicurano ai cittadini dell Unione europea, che hanno acquisito una qualifica professionale in un altro Stato membro, la possibilità di accedere ad una professione regolamentata in Italia e di esercitarla con gli stessi diritti previsti dalla normativa nazionale. L obiettivo del recepimento della direttiva sul riconoscimento delle qualifiche professionali è facilitare la mobilità in Europa per l esercizio della professione, nonché il riconoscimento dei titoli professionali. L Italia è stata tra i primi Paesi comunitari a trasporre la direttiva nell ordinamento interno. Il decreto legislativo di recepimento ha sostituito, abrogando in tutto o in parte, la normativa nazionale che regolava la materia dei riconoscimenti professionali. La direttiva, infatti, sostituisce le quindici direttive precedenti in materia (77/452/CEE, 77/453/CEE, 78/686/CEE, 78/687/CEE, 78/1026/CEE, 78/1027/CEE, 80/154/CEE, 80/155/CEE, 85/384/CEE, 85/432/CEE, 85/433/CEE, 89/48/CEE, 92/51/CEE, 93/16/CEE, E 1999/42/CE) anche con la finalità di rispettare i criteri, stabiliti dalla normativa comunitaria, per legiferare meglio e semplificare il quadro normativo. Il testo di recepimento riguarda le cosiddette professioni "regolamentate", ossia, in base al dettato della direttiva, le attività, o insieme di attività professionali, l accesso alle quali e il cui esercizio, o una delle modalità di esercizio, sono subordinati direttamente o indirettamente, in forza di norme legislative, regolamentari o amministrative, al possesso di determinate qualifiche professionali. L individuazione delle professioni regolamentate italiane è affidata all art. 4, comma 1, lettera a) del d.lgs., che contiene un elenco di categorie professionali individuate sulla base dei parametri normativi che ne caratterizzano la regolamentazione. Non è

2 previsto, quindi, uno specifico allegato contenente l elenco delle professioni regolamentate. Il decreto si applica ai cittadini degli Stati membri dell'unione europea che vogliano esercitare sul territorio nazionale, quali lavoratori subordinati o autonomi, compresi i liberi professionisti, una professione regolamentata in base a qualifiche professionali conseguite in uno Stato membro dell'unione europea e che, nello Stato d'origine, li abilita all'esercizio di detta professione. La professione può essere esercitata in regime di stabilimento o con prestazione transfrontaliera temporanea e occasionale. Non si applicano, invece, ai cittadini degli Stati membri dell'unione europea titolari di qualifiche professionali non acquisite in uno Stato membro, per i quali continuano ad applicarsi le disposizioni vigenti (norme particolari sono dettate per gli extracomunitari che ottengono il riconoscimento delle proprie qualifiche professionali in uno Stato membro). Il riconoscimento delle qualifiche professionali, operato ai sensi del nuovo decreto, permette di accedere alla professione corrispondente per la quale i cittadini europei sono qualificati nello Stato membro d'origine e di esercitarla alle stesse condizioni previste dall'ordinamento italiano. La professione che l'interessato eserciterà sul territorio italiano sarà quella per la quale è stato qualificato nel proprio Stato membro d'origine, se le attività sono comparabili. 2. Aspetti innovativi La novità di maggior rilievo rispetto alle disposizioni che hanno trasposto le precedenti direttive è costituita dalla disciplina della prestazione temporanea e occasionale di servizi. In particolare: 1. la prestazione di servizi temporanea e occasionale è qualificata sulla base di criteri desunti dalla giurisprudenza della Corte di Giustizia e non da parametri esclusivamente temporali, fissati nella normativa; 2. è prevista una iscrizione automatica e temporanea dei professionisti presso i Collegi o Ordini professionali, se esistenti, sempre nel caso di libera prestazione di servizi professionali: 3. nel caso di prima prestazione, è stabilito l obbligo, per il prestatore che viene in Italia provenendo da un altro Stato membro, di presentare una dichiarazione preventiva all autorità competente e di accompagnare tale comunicazione con documenti che comprovino le proprie qualifiche professionalizzanti; 4. è data all autorità competente per i riconoscimenti, nel caso di prestazione temporanea e occasionale relativa a professioni che implichino profili di pubblica sicurezza o sanità pubblica, la possibilità di richiedere misure compensative in presenza di differenze sostanziali tra le qualifiche professionali. 2

3 Altra novità, tesa a favorire la mobilità dei professionisti e ad ampliare le possibilità di riconoscimento delle proprie qualifiche professionali, è l applicazione, in regime di diritto di stabilimento, delle regole previste dalle direttive Sistemi generali a situazioni professionali coperte da direttive settoriali ma che non soddisfano tutti i requisiti richiesti da tali direttive per il riconoscimento automatico. Infine, va evidenziato che l art. 4 del decreto individua espressamente specifiche normative nazionali che rispondono alla definizione comunitaria di formazione regolamentata. Il Dipartimento per il coordinamento delle politiche comunitarie, nella sua funzione di coordinatore nazionale e di punto di contatto, ha, sin dagli anni 90, curato l aggiornamento dell elenco delle professioni regolamentate. 3. Struttura del decreto legislativo 206/2007 Il decreto legislativo n. 206/2007(di seguito solo d.lgs.) è composto da tre Titoli, 61 articoli e da cinque allegati (che sono quelli che fanno parte della direttiva 2005/36/CE). Più specificamente, per quanto riguarda i suoi contenuti, con riferimento al diritto di stabilimento, il decreto ripropone la disciplina già consolidata dal precedente diritto comunitario secondo la quale i regimi che regolano i riconoscimenti professionali sono tre: I. Un regime basato sull armonizzazione preventiva dei percorsi formativi e che assicura un riconoscimento automatico. Tale regime si applica alle professioni di infermiere professionale, odontoiatra, veterinario, ostetrica, architetto, farmacista e medico. II. Un regime basato sulla mutua fiducia tra gli Stati membri (detto Sistema Generale) si applica se la professione è regolamentata in Italia e se il professionista ha esercitato, o è abilitato a esercitare, la stessa professione nello Stato di provenienza. Il riconoscimento non è automatico ma prevede un confronto tra i percorsi formativo - professionali previsti nei due Stati e la possibilità, in caso di differenza sostanziale, di condizionare il riconoscimento a misure compensative (prova attitudinale o tirocinio di adattamento). Tale regime si applica ad un numero di professioni che può variare tra gli Stati membri, atteso che la direttiva non impone agli Stati alcun obbligo di regolamentazione, per cui il decreto legislativo non introduce novità nella relativa normativa nazionale. III. Un regime basato sull esperienza professionale maturata nello Stato membro d origine. Il sistema si applica ad attività di tipo artigianale o industriale espressamente indicate nell allegato IV del decreto e prevede un riconoscimento automatico se sono rispettate le condizioni espressamente previste per le singole categorie professionali. 3

4 Il sistema Generale (regime II), nei casi elencati all art.18 del d.lgs., si applica anche a professioni coperte dai regimi I e III quando non sono soddisfatti alcuni requisiti che assicurano l automaticità del riconoscimento. Come la direttiva, anche il decreto di recepimento distingue la disciplina per lo stabilimento da quella dettata per la prestazione temporanea. In regime di stabilimento, se la professione che il professionista può esercitare nello Stato membro d origine (regolamentata o non regolamentata) è corrispondente ad una professione che in Italia è regolamentata, le autorità competenti nazionali, individuate all art.5 del d.lgs., assicurano, su istanza dell interessato, l attivazione delle procedure amministrative necessarie per autorizzare il professionista ad accedere e esercitare tale professione. La procedura di riconoscimento professionale si basa sulla catalogazione delle possibili formazioni previste per l accesso ad una professione in cinque livelli descritti dall art. 19 del d.lgs., graduati sulla base della struttura della formazione esistente. Il primo livello di qualifica si riferisce a una formazione breve di pochi mesi o a carattere generale ( attestato di competenza ) e l ultimo una formazione di livello universitario di almeno quattro anni ( diploma ). La struttura a livelli è funzionale esclusivamente a stabilire possibili condizioni per il riconoscimento e a permetterne la comparazione al fine delle eventuali richieste di misure compensative. La collocazione di una professione regolamentata ad uno specifico livello è determinata dalle norme che regolano l accesso alla professione stessa e mai, quindi, dal decreto legislativo. Inoltre la direttiva, e quindi anche il decreto legislativo, ha introdotto il concetto di titolo di formazione assimilato, di cui all art. 20 del d.lgs. per tener conto di possibili formazioni non rientranti nei cinque livelli previsti, ma che possono essere considerati equivalenti ad uno di detti livelli. L assimilazione garantisce, al professionista italiano, che il riconoscimento professionale effettuato dalle autorità competenti di un altro Stato membro che regolamenta la stessa professione, sia fatto a partire dal livello corrispondente a detta formazione. In regime di prestazione temporanea e occasionale le condizioni previste al Titolo II si applicano solo se il servizio professionale si riferisce a una professione che in Italia è regolamentata. In questo caso il prestatore, ai sensi dell art.10 del d.lgs., in occasione della prima prestazione, deve presentare all autorità competente una dichiarazione scritta contenente informazioni che comportino il possesso delle qualifiche necessarie per esercitare tale professione e un eventuale copertura assicurativa per le responsabilità professionali. La prestazione è effettuata con il titolo professionale dello Stato nel quale il prestatore è stabilito (art. 12 del d.lgs.). Solo per professioni regolamentate particolarmente 4

5 sensibili in materia di pubblica sicurezza e sanità pubblica l autorità competente può procedere ad una verifica preliminare delle qualifiche professionali in possesso del prestatore. In presenza di differenze sostanziali può essere richiesto il superamento di una prova attitudinale. In questo caso, come nel caso delle 7 professioni coperte dal regime I, la prestazione è effettuata con il titolo professionale previsto dalla normativa nazionale. Al fine di assicurare la necessaria tutela del destinatario del servizio, il decreto prevede, oltre alla dichiarazione preventiva da parte del professionista, l iscrizione automatica presso gli organismi professionali, se esistenti (art.13), la cooperazione amministrativa tra autorità competenti interessate (art.14) e alcuni obblighi di informazione al destinatario del servizio (art.15). 4. Coordinatore nazionale e Punto di contatto Sulla base di quanto disposto dall art. 56, par. 4, e dall art. 57 della direttiva, che stabiliscono che ogni Stato membro designi un Coordinatore delle attività connesse ai riconoscimenti professionali e un Punto di contatto nazionale, al fine di promuovere un applicazione uniforme della direttiva, l art. 6, comma 1, del d.lgs., attribuisce al Dipartimento per il coordinamento delle politiche comunitarie, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, i compiti di Coordinatore nazionale e di Punto nazionale di contatto. Il coordinatore promuove l applicazione uniforme del decreto legislativo n. 207/2006 da parte delle autorità competenti, designate dall'art.5 del decreto, e la circolazione di ogni informazione utile per la sua applicazione, in particolare quelle relative alle condizioni di accesso alle professioni regolamentate negli Stati membri (l articolo 6 del decreto legislativo di recepimento ha ripreso le disposizioni della direttiva e ha confermato i compiti di Coordinatore nazionale presso il Dipartimento per il coordinamento delle politiche comunitarie). Per meglio facilitare l applicazione uniforme di tutte le disposizione previste dalla direttiva, ed evitare, altresì, un attuazione erronea della stessa, l Unione Europea ha adottato la Decisione della Commissione del 19 marzo 2007, con la quale è stato istituito uno specifico gruppo composto dai Coordinatori nazionali designati dagli Stati membri. Tale gruppo ha in particolar modo il compito di garantire il coordinamento tra tutte le amministrazioni competenti al riconoscimento delle qualifiche nazionali. In particolare i compiti del Gruppo di Coordinatori, identificati dall articolo 2 della citata Decisione, sono i seguenti: - creare una cooperazione tra le autorità degli Stati membri e la Commissione su aspetti relativi al riconoscimento delle qualifiche professionali. Questo compito, a parere della Commissione, può andare oltre gli aspetti relativi alla 5

6 direttiva qualifiche, ad esempio potrebbe ricomprendere questioni legate all applicazione del Trattato, o l esame delle proposte di accordo sul riconoscimento reciproco che la Commissione ha avuto mandato di elaborare nei confronti dei Paesi terzi (in particolare è allo studio un accordo con gli USA); - monitorare l evoluzione delle politiche che hanno un impatto sulle professioni regolamentate per quel che riguarda le qualifiche; ad es. le politiche per l istruzione, che possono avere un impatto sulle professioni settoriali; - facilitare l applicazione della Direttiva 2005/36/CE, in particolare mediante l elaborazione di documenti di interesse comune, quali il codice di condotta già adottato in passato. Questo compito dà una valenza particolare al ruolo dei Coordinatori, permettendo anche di mettere in evidenza le buone pratiche. Il punto di contatto assicura ai cittadini e ai punti di contatto degli altri Stati membri sia le informazioni utili ai fini dell'applicazione del decreto legislativo n. 207/2006 e in particolare ogni informazione sulle procedure di riconoscimento delle qualifiche professionali, sia (disposizione nuova rispetto alle precedenti direttive) per assistere i cittadini nell ottenimento dei diritti conferiti dalla direttiva, cooperando eventualmente con altri punti di contatto e con le competenti autorità dello Sato membro ospitante (l articolo 6 del decreto legislativo di recepimento ha ripreso tali disposizioni e ha confermato il punto di contatto presso il Dipartimento per il coordinamento delle politiche comunitarie). Il punto di contatto nazionale del Dipartimento per il coordinamento delle politiche comunitarie dal 2007 ha dato risposta a circa 3000 quesiti pervenuti sia in forma cartacea, sia elettronica e telefonica assicurando sempre una costante e puntuale assistenza. Il punto di contatto, a seguito dei nuovi compiti conferiti allo stesso dalla nuova direttiva, ha in corso l aggiornamento e la creazione di apposite banche dati indispensabili per poter fornire assistenza ai cittadini. 5. Flussi in regime di stabilimento nel 2008 Gli uffici del mercato interno della Commissione hanno chiesto ai Paesi membri i dati statistici relativi al 2008 circa le domande pervenute per l esercizio in regime di stabilimento e di prestazione temporanea. Ogni Paese ha potuto inserire i dati, relativi alle specifiche professioni, direttamente nella banca dati predisposta dalla Commissione, che è accessibile da chiunque sia interessato a conoscere tali flussi ( me.welcome). 6

7 Per quanto riguarda l Italia, gli uffici che seguono le procedure per il riconoscimento delle qualifiche professionali, hanno riscontrato una continuità di impegno sulle domande di riconoscimento in regime di stabilimento, a cui si sono aggiunte le dichiarazioni pervenute in regime di prestazione temporanea. Le professioni per le quali è arrivato il maggior numero di dichiarazioni preventive per l esercizio temporaneo della professione sono quelle della guida turistica e di maestro di sci. Per quanto riguarda le professioni con riconoscimento automatico, quella di medico è sicuramente la più richiesta, avendo registrato nel 2008, 170 riconoscimenti. Mentre tra le professioni con riconoscimento secondo il sistema generale, quella di docente di scuola secondaria, con 93 riconoscimenti, e quella di ingegnere, con 75 riconoscimenti, hanno ricevuto il maggior numero di domande. I dati statistici relativi alle domande di riconoscimento in regime di stabilimento per il 2008 sono di seguito riportati. Professioni con sistema di riconoscimento automatico Autorità competente: Ministero della Salute MEDICI ODONTOIATRI VETERINARI FARMACISTI MEDICI spec. INFERMIERI Austria Belgio Bulgaria Estonia 45 Francia Germania Grecia 2 4 Germania Grecia 2 4 Lettonia 2 1 Lituania Malta 2 Olanda 6 7 Polonia Portogallo 2 Regno Unito 2 Rep. Ceca 4 Romania Slovacchia 4 18 Slovenia Spagna Svizzera Svezia Ungheria TOTALE

8 Autorità competente: Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Architetti Germania 15 Portogallo 3 Gran Bretagna 3 Francia 11 Grecia 4 Belgio 2 Spagna 2 Olanda 7 Norvegia 1 Svizzera 33 Irlanda 1 Ungheria 1 Romania 1 Totale 84 Professioni con sistema generale Autorità competente: Ministero della Giustizia Assistente Sociale 24 Avvocato 90 Dottore Commercialista Esperto Contabile 10 Biologo 15 Chimico 2 Dottore Agronomo e Forestale 7 Geologo 1 Geometra 2 Giornalista 9 Ingegnere 75 Perito Industriale 2 Psicologo 57 Revisore Contabile 5 Tecnologo Alimentare 3 Totale 302 8

9 Autorità competente: Ministero dell Istruzione SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA Austria 11 Belgio 4 Danimarca 1 Francia Finlandia 1 Germania 1 7 Grecia 1 Paesi Bassi 7 Regno Unito 8 Romania 1 4 Slovacchia 2 Spagna Ungheria 5 Svizzera 2 2 Polonia 6 TOTALE Autorità competente: Ministero del Turismo Giuda turistica Direttore di agenzia Accompagnatore Austria 1 Bulgaria 1 1 Germania 1 Polonia 1 3 Rep. Slovacca 2 Slovenia 1 Ungheria 2 Totale

10 Autorità competente: Ministero del lavoro Estetista Francia 4 Germania 8 Polonia 4 Svizzera 4 Lituania Slovenia 1 1 Romania 8 Rep. Ceca 1 Regno Unito 1 Totale 64 Autorità competente: Ministero della Salute Odontotecnico Op. socio sanitario Ottico Tec. San. Lab. Biomedico Tec. San. Rad. Medica Terapista occup. Igienista dentale Austria 2 3 Bulgaria 1 3 Germania Estonia Irlanda 1 Polonia 2 7 Romania 2 SF 1 Slovenia 1 2 Totale

11 Infermiere Ostetrica Fisioterapista Dietista Logopedista Massaggiatore e capo bagnino Austria Belgio 9 2 Bulgaria 53 Germania Estonia Francia Regno 4 Unito Grecia 1 1 Ungheria 16 Lettonia 1 Lituania 3 Olanda 7 4 Polonia Romania Slovenia 2 1 Slovacchia 18 3 Rep. ceca 4 Svezia 2 Irlanda 1 Totale Autorità competente: Presidenza del Consiglio Dipartimento per lo sport Maestro di sci Francia 5 Regno Unito 4 Austria 1 Slovenia 1 Rep. Ceca 1 Totale 12 11

12 6. Problematiche applicative La direttiva 2005/36/CE, nel riordinare in un unico testo normativo le precedenti quindici direttive che disciplinavano il settore, non ha modificato in modo incisivo la disciplina del riconoscimento delle qualifiche in regime di stabilimento, mentre è stata innovativa con l introduzione del regime di libera prestazione temporanea. In relazione all applicazione della direttiva e, conseguentemente, della norma di recepimento, mentre è opinione diffusa (tra le autorità competenti) che non si sono riscontrate particolari difficoltà applicative, sono state evidenziate alcune criticità soprattutto per quanto riguarda la novità della prestazione temporanea di servizi. Lo stesso concetto di prestazione occasionale e temporanea, così come delineato nella direttiva, non sembra sufficientemente definito in relazione alla previsione, necessaria, di quale possa essere un lasso di tempo appropriato per fare valere la temporaneità e l occasionalità della prestazione. Peraltro, la non conoscenza dei periodi temporali di svolgimento della prestazione temporanea e occasionale, impedisce di poter controllare sul territorio l attività del medesimo e di poterne verificare l effettiva temporaneità e occasionalità. Nonostante l Italia, nella norma di recepimento, abbia scelto di richiedere la prevista dichiarazione preventiva al prestatore che si sposta per la prima volta da un altro Stato membro, tale previsione non è apparsa idonea per una effettiva verifica del possesso delle qualifiche professionali del richiedente. Inoltre, nelle ipotesi di professione non regolamentata negli Stati membri del dichiarante, la definizione della documentazione probatoria della pregressa esperienza professionale è spesso risultata inadeguata ai casi concreti, senza possibilità di fatto di bloccare il professionista che non è tenuto a comunicare il luogo delle proprie prestazioni. Ad esempio, con riferimento alla guida turistica la richiesta di due anni di esperienza professionale nel corso degli ultimi dieci ha ingenerato dubbi applicativi: in alcuni casi sono stati inviati alle autorità italiane certificati annuali relativi ad un attività svolta in modo continuativo, in altri casi sono stati trasmessi, come prova di attività svolta nell arco di due anni, certificati relativi a periodi di lavoro di 6-7 giorni per un anno. Tale certificazione, senza un titolo specifico, non sembra configurare l esercizio di prestazioni all estero da parte di professionisti. Sempre con riferimento alla guida turistica, sulla base dell esperienza finora maturata risulta inoltre evidente che non si avvalgono delle disposizioni della Direttiva molte guide straniere che accompagnano gruppi in Italia. Difatti, fino ad oggi, le dichiarazioni preventive pervenute alle autorità competenti sono state 85 per il 2008 e 61 per il 2009 alla data del 27/10/2009. Basta confrontare questi dati con le multe del solo Comune di Roma, che da aprile a maggio 2009 ha elevato 20 multe per mancato rispetto degli obblighi della dichiarazione preventiva. 12

13 Ai fini di una migliore applicazione della direttiva, sarebbe estremamente utile contare su un sito che riesca a contenere il maggior numero di informazioni sulle discipline applicate nei singoli Stati membri. Fruttuoso, a questo fine, lo sforzo che la Commissione sta attuando per centralizzare sul proprio sito informazioni aggiornate relative a ciascuno Stato membro: la trasparenza del sistema è la precondizione per incoraggiare la mobilità dei servizi professionali. Anche i nuovi compiti affidati ai punti di contatto nazionali hanno messo in moto la creazione di una rete comunitaria per lo scambio sollecito delle informazioni. Lo sviluppo della rete IMI (Internal Market Information) tra le autorità competenti degli Stati membri sta contribuendo ad accelerare le procedure e a migliorare i flussi informativi tra autorità competenti. Per migliorare l applicazione della direttiva, peraltro, il punto di contatto nazionale ha stabilito uno stretto raccordo con il Centro nazionale Solvit. Da un indagine svolta a livello comunitario relativa al 2009, l Italia, dopo la Spagna, risulta essere il paese contro il quale è presentato il maggior numero di lamentele, anche in considerazione del fatto che il nostro è il paese verso il quale si concentra un flusso notevole di richieste di riconoscimento. Le lamentele riguardano soprattutto il non rispetto dei tempi per il completamento delle procedure. Il Centro ha tuttavia svolto in modo ottimale il proprio compito: su 25 casi trattati nel 2009, infatti, solo uno è stato dichiarato non risolto. Si è, infine, evidenziata la necessità di individuare strumenti che evitino una mobilità professionale finalizzata unicamente a conseguire i titoli professionali nei Paesi dove il percorso formativo sia di più semplice accesso e di minore durata, acquisendo le proprie qualifiche professionali in tali Paesi e tornando in Italia per ottenerne il riconoscimento. Con questo sistema si rischia di consentire di utilizzare una normativa nata per favorire la mobilità professionale al solo fine di ridurre i tempi della stessa formazione professionale. Un aspetto critico connesso a tali problematiche è la questione relativa al titolo di odontoiatra conseguito da cittadini italiani - che ne chiedono successivamente il riconoscimento all Italia - presso università rumene. Essa riveste profili di particolare gravità in quanto dalle informazioni in possesso risulta che molti dei suddetti cittadini avrebbero conseguito il titolo senza avere seguito un regolare corso di studi, senza avere seguito le lezioni, senza avere sostenuto gli esami di rito, senza studiare in lingua rumena, rimanendo di fatto sul territorio italiano dove continuano a svolgere la propria attività lavorativa. La gravità del fenomeno, la cui ampiezza non è ancora definita, ha indotto le autorità giudiziarie italiane, ad avviare un indagine penale. Una analoga indagine è altresì stata avviata da tempo dalla Procura anticorruzione rumena. Sul versante della mobilità dei cittadini italiani verso Paesi dell Unione europea, per quanto attiene alle professioni sanitarie, si rappresenta che di recente molti medici italiani, che intendevano trasferirsi in uno Stato dell Unione europea, non hanno potuto stabilirvisi in quanto l esercizio della professione è subordinato alla preventiva 13

14 iscrizione all Ordine dei medici di tale Paese per la quale è richiesto non solo il possesso del titolo di medico ma anche del titolo di medico specialista. Con riferimento agli ingegneri, viene segnalata la difficoltà di ottenere in alcuni Stati membri l applicazione della direttiva, a testimonianza del fatto che vi è scarsa fiducia reciproca nei sistemi formativi degli altri Stati membri. Con riferimento ai livelli di formazione di cui all art. 11 della direttiva, alcune Autorità competenti hanno proposto la previsione di una maggiore coerenza tra la direttiva 2005/36/CE e le raccomandazioni EQF e EQVET, che faciliterebbe la trasparenza delle qualifiche professionali e dei relativi descrittori: conoscenze/abilità/competenze; completamente assenti nella direttiva 2005/36/CE. Una maggiore integrazione dei diversi provvedimenti porterebbe alla definizione di criteri comuni basati su una impostazione più omogenea dei livelli e dei descrittori delle professioni che diverrebbe così il primo importante passo verso il processo di costruzione delle piattaformi comuni, oggi basate sulle ore di formazione e non su figure/competenze. 7. Le osservazioni delle associazioni e degli ordini professionali Da una parte del mondo professionale si auspica l introduzione delle seguenti modifiche: 1) Richiamare esplicitamente nella revisione della direttiva la giurisprudenza recente e in particolare le sentenze: CJCE causa C-311/06, ( ) per l utilizzo fraudolento della direttiva (ora presente solo nel semplice considerando 11) CJCE causa C-330/03, ( ) Riconoscimento parziale delle qualifiche se il migrante ne fa richiesta. La direttiva dovrebbe stabilire che per alcune professioni ove gli ambiti professionali hanno ampiezza molto diversa, il migrante che proviene da uno Stato membro ove la regolamentazione professione è più settorializzata, possa ottenere, se ne fa espressa domanda, di esercitare, utilizzando il proprio titolo professionale di origine, le sole attività che esercita nello stato di provenienza. Naturalmente tale possibilità deve costituire una scelta del richiedente che non pregiudica la possibilità di ottenere il riconoscimento pieno, se lo preferisce, accettando le misure compensative necessarie. 2) La formazione assimilata prevista dalla direttiva è considerata causa di notevoli problemi nell applicazione della ex direttiva 89/48/CEE. Continua a esserlo anche con la direttiva attuale che non garantisce sufficientemente il rispetto del suo considerando 11, ora ribadito con vigore anche dalla Corte di Giustizia nella causa C- 311/06. Dovrebbe essere garantita la trasparenza del percorso nel caso di questi tipi di formazione potendosi acquisire la certezza che il migrante non stia eludendo fraudolentemente la regolamentazione professionale nazionale. 14

15 3) Viene anche evidenziato che il sistema autorizzatorio appare puramente formalistico e non in grado di ben conciliarsi con il sistema EQF, European Qualification Framework, e con le professional cards previste dalla Direttiva 123/2006 sui Servizi nel mercato interno. Sarebbe, cioè, auspicabile una transizione da un sistema esclusivamente autorizzatorio ad uno più accreditatorio che presti attenzione oltre che alla formazione formale alle competenze specifiche e specialistiche del professionista che le Organizzazioni di competenza potrebbero essere chiamate a certificare. 4) Si confida molto in una semplificazione del sistema e nell utilizzo del sistema di autocertificazione. 5) Si ritiene indispensabile rafforzare sia la collaborazione fra l autorità competente e gli Ordini professionali, sia la collaborazione amministrativa tramite la rete IMI. 15

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee Ufficio per la Cittadinanza europea, il Mercato interno e gli Affari generali Servizio II Mercato interno I REGIME GENERALE DI

Dettagli

1 Si veda, ad esempio, la sentenza 19 settembre 2006 (causa C-193/05 Commissione c/lussemburgo), nella quale la Corte (Grande

1 Si veda, ad esempio, la sentenza 19 settembre 2006 (causa C-193/05 Commissione c/lussemburgo), nella quale la Corte (Grande DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/36/CE RELATIVA AL RICONOSCIMENTO DELLE QUALIFICHE PROFESSIONALI, NONCHE DELLA DIRETTIVA 2006/100/CE, CHE ADEGUA DETERMINATE DIRETTIVE SULLA LIBERA

Dettagli

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento?

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Rispondo in qualità di : % Consumatore 41 ( 31.1%) Organizzazione rappresentativa 30 ( 22.7%) Impresa 26 ( 19.7%) Organismo pubblico nazionale/regionale

Dettagli

Riconoscimento delle qualifiche professionali comunitarie e non comunitarie Stefania Napoleoni Franca Mancini

Riconoscimento delle qualifiche professionali comunitarie e non comunitarie Stefania Napoleoni Franca Mancini Riconoscimento delle qualifiche professionali comunitarie e non comunitarie Stefania Napoleoni Franca Mancini MINISTERO della GIUSTIZIA Via Arenula, 70 00186 Roma Ufficio III Reparto II Libere professioni

Dettagli

TESSERA PROFESSIONALE EUROPEA. Articoli da 4 bis a 4 sexies

TESSERA PROFESSIONALE EUROPEA. Articoli da 4 bis a 4 sexies Dipartimento per le Politiche Europee Ufficio per la Cittadinanza Europea, il Mercato Interno e gli Affari Generali Servizio mercato interno I TESSERA PROFESSIONALE EUROPEA Articoli da 4 bis a 4 sexies

Dettagli

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 1. PREMESSA La Legge n. 40 del 2 aprile 2007 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, recante

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE TRE VENEZIE

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE TRE VENEZIE CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE La professione del Dottore Commercialista Indagine sulla categoria DOTTORI COMMERCIALISTI E RAGIONIERI A CONFRONTO CON

Dettagli

Capitolo 2. Formatori degli insegnanti di scienze

Capitolo 2. Formatori degli insegnanti di scienze Capitolo 2 Formatori gli insegnanti di scienze Introduzione La componente professionale lla formazione iniziale gli insegnanti è volta a fornire i saperi e le competenze teoriche e pratiche lla loro professione.

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali

Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE PER I RAPPORTI CON L'UNIONE EUROPEA E PER I RAPPORTI INTERNAZIONALI UFFICIO

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE EUROPEE GUIDA ALL UTENTE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE EUROPEE GUIDA ALL UTENTE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE EUROPEE DPE 2 italia2014.eu GUIDA ALL UTENTE Direttiva 2005/36/CE relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali Presidenza

Dettagli

CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT

CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT Introduzione Avvertenza preliminare: Il documento che segue è stato redatto dai servizi della direzione

Dettagli

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05 Tendenze nazionali nel Processo di Bologna Comunicato stampa In occasione della Conferenza dei Ministri dell'istruzione superiore di Bergen

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della Prevenzione e della Comunicazione Direzione Generale Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali - Ufficio II - Protocollo DG RUERI/ 3998 /I.3.b

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo aggiornato al 11 ottobre 2012 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 26 luglio 2011 Gazzetta Ufficiale 18 agosto 2011, n. 191 Criteri e modalità per il riconoscimento dell equivalenza

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

RICHIESTA DI PAGAMENTO ATTIVITA DI TUTORATO ASSEGNI DI RICERCA (e altri compensi soggetti solo ad INPS)

RICHIESTA DI PAGAMENTO ATTIVITA DI TUTORATO ASSEGNI DI RICERCA (e altri compensi soggetti solo ad INPS) RICHIESTA DI PAGAMENTO ATTIVITA DI TUTORATO ASSEGNI DI RICERCA (e altri compensi soggetti solo ad INPS) N. DOCUMENTO TIPO ESERCIZIO Marca da bollo Euro 1,81 Al Responsabile del Centro Gestionale Il sottoscritto:

Dettagli

grado della formazione ( da a ad e, con a livello più basso ed e livello più alto); successivamente si procede ad un confronto tra la formazione del

grado della formazione ( da a ad e, con a livello più basso ed e livello più alto); successivamente si procede ad un confronto tra la formazione del DIRETTIVA 2005/36/CE E D.LGS 206/2007 DI RECEPIMENTO IN ITALIA L'accesso alle professioni può essere libero oppure subordinato al possesso di una specifica qualifica professionale. In questo senso ogni

Dettagli

Modernised EU Social Security Coordination

Modernised EU Social Security Coordination Modernised EU Social Security Coordination La nuova regolamentazione comunitaria PARTE GENERALE DISPOSIZIONI COMUNI 1 Campo di applicazione soggettivo o ratione personae I nuovi regolamenti si applicano

Dettagli

Conservatorio di Musica G. Verdi di Como BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE E AMMINISTRATIVO

Conservatorio di Musica G. Verdi di Como BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE E AMMINISTRATIVO Prot. n. 291c23b del 27.01.2015 Conservatorio di Musica G. Verdi di Como ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE E AMMINISTRATIVO premessa PROGRAMMA

Dettagli

Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016

Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016 Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016 Il Programma Erasmus+ permette di vivere esperienze culturali all'estero, di conoscere nuovi sistemi di istruzione superiore e di incontrare giovani di altri

Dettagli

ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N.

ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N. ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N. e: L Istituto (Denominazione istituto di appartenenza): Indirizzo completo:

Dettagli

un responsabile ti chiamerà al più presto per chiarire ogni dubbio

un responsabile ti chiamerà al più presto per chiarire ogni dubbio Come implementare o aggiornare il Documento Programmatico per la Sicurezza (DPS) in conformità al Disciplinare Tecnico Gestione della privacy: chiarezza sulle figure, ruoli, compiti e responsabilità Chiedi

Dettagli

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i

Dettagli

Istruzioni per le immatricolazioni e riconoscimento titoli di studio accademici

Istruzioni per le immatricolazioni e riconoscimento titoli di studio accademici - MODALITA IMMATRICOLAZIONE Per conoscere le modalità per l'immatricolazione ai corsi di laurea di cittadini stranieri collegati al sito: http://www.miur.it/0002univer/0023studen/0059studen/0619docume/4794dispos.htm

Dettagli

LO SCENARIO EUROPEO DELLE PROFESSIONI INTELLETTUALI, L APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA QUALIFICHE E DELLA DIRETTIVA SERVIZI

LO SCENARIO EUROPEO DELLE PROFESSIONI INTELLETTUALI, L APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA QUALIFICHE E DELLA DIRETTIVA SERVIZI LO SCENARIO EUROPEO DELLE PROFESSIONI INTELLETTUALI, L APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA QUALIFICHE E DELLA DIRETTIVA SERVIZI Rosa Valletta ES Relazioni Istituzionali & Comunicazione (Roma) Sono due le direttive

Dettagli

CAPITOLO 3 LE PROFESSIONI E LE PROCEDURE DI RICONOSCIMENTO

CAPITOLO 3 LE PROFESSIONI E LE PROCEDURE DI RICONOSCIMENTO CAPITOLO 3 LE PROFESSIONI E LE PROCEDURE DI RICONOSCIMENTO Il riconoscimento all estero del titolo professionale è un tuo diritto. In questo capitolo ti forniamo le informazioni necessarie per capire quali

Dettagli

L.L.P. Erasmus Students Placement

L.L.P. Erasmus Students Placement L.L.P. Erasmus Students Placement BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI N. 77 MENSILITA a.a. 2011/2012 DR Reg. 968 del 21 giugno 11 Art. 1 Opportunità di tirocinio 1. Il programma Erasmus dall a.a.

Dettagli

Dipartimento per le Politiche Comunitarie. Ufficio per il mercato interno e la competitività Servizio I GUIDA ALL UTENTE

Dipartimento per le Politiche Comunitarie. Ufficio per il mercato interno e la competitività Servizio I GUIDA ALL UTENTE Dipartimento per le Politiche Comunitarie Ufficio per il mercato interno e la competitività Servizio I Libera circolazione delle persone e dei servizi e professioni regolamentate GUIDA ALL UTENTE Elaborato

Dettagli

E-commerce: le modalità di fatturazione. D.Lgs. 42/2015 pubblicato sulla G.U. n. 90 del 18.04.2015

E-commerce: le modalità di fatturazione. D.Lgs. 42/2015 pubblicato sulla G.U. n. 90 del 18.04.2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 169 11.06.2015 E-commerce: le modalità di fatturazione D.Lgs. 42/2015 pubblicato sulla G.U. n. 90 del 18.04.2015 Categoria: IVA Sottocategoria:

Dettagli

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ai Direttori

Dettagli

IBAN E BONIFICI: GUIDA ALL UTILIZZO DEL CODICE UNICO BANCARIO

IBAN E BONIFICI: GUIDA ALL UTILIZZO DEL CODICE UNICO BANCARIO IBAN E BONIFICI: GUIDA ALL UTILIZZO DEL CODICE UNICO BANCARIO 2 CARO CLIENTE, nel mondo dei servizi bancari c è una novità. Nel giro di pochi anni infatti sarà portata a compimento l Area Unica dei Pagamenti

Dettagli

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI COS È SOLVIT? Scegliere liberamente in quale paese europeo vivere, lavorare o studiare è un diritto fondamentale per i cittadini dell Unione europea. Anche le imprese hanno il diritto di stabilirsi, fornire

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015.

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche Circolare n. 28 Roma, 6 febbraio 2015 Al Ai Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER N. 1 BORSA DI STUDIO PER ATTIVITA FREE MOVER 2014/2015

BANDO DI CONCORSO PER N. 1 BORSA DI STUDIO PER ATTIVITA FREE MOVER 2014/2015 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEL FARMACO IL DIRETTORE Largo Donegani 2/3 28100 Novara NO Tel. 0321 375 602- Fax 0321 375 621 BANDO DI CONCORSO PER N. 1 BORSA DI STUDIO PER ATTIVITA FREE MOVER 2014/2015 Art.

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 Mediazione Civile Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 dicembre 2009 A cura della Commissione Arbitrato e Conciliazione Presidente Flavia Silla Componenti

Dettagli

Dipartimento di Studi per l Economia e l Impresa Bando Free Mover a.a. 2015/2016

Dipartimento di Studi per l Economia e l Impresa Bando Free Mover a.a. 2015/2016 DIPARTIMENTO DI STUDI PER L ECONOMIA E L IMPRESA IL DIRETTORE Via E. Perrone, 18 28100 Novara NO Tel. 0321 375 521- Fax 0321 375 512 direttore.disei@unipmn.it Dipartimento di Studi per l Economia e l Impresa

Dettagli

Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze

Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze NOTIZIE UTILI PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO E RELATIVA EQUIPOLLENZA. I

Dettagli

Saluti a tutti. Silvio Marelli.

Saluti a tutti. Silvio Marelli. Le seguenti normative che vedrete in allegato regolano la movimentazione di alcune specie animali compresi i cani all'interno della comunità europea, specificando i casi in cui il numero è superiore o

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno ALLEGATO ALLA CIRCOLARE - FL 7/2012 LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DEI REVISORI DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI nell elenco, di cui al Decreto del Ministro dell Interno 15 febbraio 2012, n. 23, recante il Regolamento

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011)

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) FINALITA EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) Il Decreto di equivalenza, in applicazione a quanto preannunciato dalla Legge n 42/99 art 4 comma 2, riconosce ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Il corso di laurea in Ottica e Optometria. Dipartimento di Scienze Università Roma Tre

Il corso di laurea in Ottica e Optometria. Dipartimento di Scienze Università Roma Tre Il corso di laurea in Ottica e Optometria Dipartimento di Scienze Università Roma Tre Ottica: la scienza della visione Ogni azione visuale è costituita da: 1) una fase fisica 2) una fase fisiologica 3)

Dettagli

RICHIESTA DI PAGAMENTO ATTIVITA DI TUTORATO ASSEGNI DI RICERCA ed altri compensi soggetti solo ad INPS Gestione Separata

RICHIESTA DI PAGAMENTO ATTIVITA DI TUTORATO ASSEGNI DI RICERCA ed altri compensi soggetti solo ad INPS Gestione Separata RICHIESTA DI PAGAMENTO ATTIVITA DI TUTORATO ASSEGNI DI RICERCA ed altri compensi soggetti solo ad INPS Gestione Separata N. DOCUMENTO TIPO ESERCIZIO Al Responsabile del Centro Gestionale Il sottoscritto

Dettagli

Studio Carlin e Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI

Studio Carlin e Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI Studio Carlin e Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 olga.circolari@studiocla.it Circolare nr. 16 del 24 marzo 2012 I nuovi

Dettagli

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01 Agenzia Ferroviaria Europea Valenciennes (Francia) Invito a presentare domanda di inserimento nell elenco degli esperti in Fattore Umano incaricati di assistere gli Organismi Investigativi Nazionali di

Dettagli

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO Premesso che per effettuare qualsiasi autotrasporto

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA PRIMARIA E LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SI PREGA DI LEGGERE LE SEGUENTI ISTRUZIONI CON LA MASSIMA ATTENZIONE Anche per il 0 è prevista la raccolta

Dettagli

Università degli Studi di Perugia DR n. 2323

Università degli Studi di Perugia DR n. 2323 Università degli Studi di Perugia DR n. 2323 Il Rettore Oggetto: Avviso di selezione per l attribuzione di n. 30 contributi di mobilità per attività di Training (Staff mobility for training) Programma

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI ALLEGATO B Compilare l atto di candidatura, stamparlo, firmarlo ed inviarlo all Agenzia Nazionale LLP Italia per posta, o a mezzo fax nelle modalità specificate nell Invito a presentare candidature ESPERTI

Dettagli

Cittadini stranieri e riconoscimento dei titoli di studio e professionali: che fare?

Cittadini stranieri e riconoscimento dei titoli di studio e professionali: che fare? Cittadini stranieri e riconoscimento dei titoli di studio e professionali: che fare? Documentazione e Glossario - 1 - Livello internazionale: I diversi livelli normativi: internazionale, europeo, italiano

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE D.Lvo 39/2010 - Artt. 5 Parere: CONSOB Concerto NO Regolamento sulla formazione continua dei revisori BOZZA Regolamento del Ministro dell economia e delle finanze concernente le modalità del perfezionamento

Dettagli

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi CHE COS È Il RASFF, Rapid Alert System for Food and Feed (Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi) è stato istituito per fornire un efficace

Dettagli

Art. 1 - Riconoscimento dei titoli di formazione professionale acquisiti nella Comunità europea

Art. 1 - Riconoscimento dei titoli di formazione professionale acquisiti nella Comunità europea INDICE del D.Lgs. n. 115/1992: Art. 1 - Riconoscimento dei titoli di formazione professionale acquisiti nella Comunità europea Art. 2 - Professioni Art. 2 bis - Formazione regolamentata Art. 3 - Formazioni

Dettagli

Università degli Studi di Perugia DR n. 345. Il Rettore

Università degli Studi di Perugia DR n. 345. Il Rettore Università degli Studi di Perugia DR n. 345 Il Rettore Oggetto: Avviso di selezione per l attribuzione di n. 10 contributi di mobilità per docenza (Staff mobility for teaching) Programma Erasmus+ A.A.

Dettagli

Il riconoscimento di titoli e qualifiche: il sistema italiano e la sua evoluzione nel contesto europeo e in relazione ai maggiori modelli europei

Il riconoscimento di titoli e qualifiche: il sistema italiano e la sua evoluzione nel contesto europeo e in relazione ai maggiori modelli europei Carlo Finocchietti Il riconoscimento di titoli e qualifiche: il sistema italiano e la sua evoluzione nel contesto europeo e in relazione ai maggiori modelli europei Roma, 3 luglio 2014 Il riconoscimento

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.7.2012 COM(2012) 385 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI sull attuazione

Dettagli

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese Luciano Camagni Condirettore Generale Credito Valtellinese LA S PA S PA: area in cui i cittadini, le imprese e gli altri operatori economici sono in grado di eseguire e ricevere, indipendentemente dalla

Dettagli

ERASMUS+ Bando per Borse di Mobilità. da realizzare durante l'anno accademico 2015/2016. Mobilità degli Studenti per Studio e per Tirocinio

ERASMUS+ Bando per Borse di Mobilità. da realizzare durante l'anno accademico 2015/2016. Mobilità degli Studenti per Studio e per Tirocinio ERASMUS+ Bando per Borse di Mobilità da realizzare durante l'anno accademico 2015/2016 Mobilità degli Studenti per Studio e per Tirocinio Scadenza per la presentazione delle domande: 2 gennaio 2015 Mobilità

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 10043 06/10/2009 Identificativo Atto n. 1155 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO ATTIVAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO ABILITANTE PER L ESERCIZIO DELL ARTE AUSILIARIA DI MASSAGGIATORE E DI

Dettagli

Trovare lavoro nell Europa allargata

Trovare lavoro nell Europa allargata Trovare lavoro nell Europa allargata Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali CMI/Digital Vision Commissione europea 1 Dove posso cercare lavoro? La libera circolazione delle persone

Dettagli

Dipartimento per le Politiche Comunitarie. Ufficio per il mercato interno e la competitività Servizio I GUIDA ALL UTENTE

Dipartimento per le Politiche Comunitarie. Ufficio per il mercato interno e la competitività Servizio I GUIDA ALL UTENTE Dipartimento per le Politiche Comunitarie Ufficio per il mercato interno e la competitività Servizio I Libera circolazione delle persone e dei servizi e professioni regolamentate GUIDA ALL UTENTE Elaborato

Dettagli

Dall'1 gennaio 2006 ricevere cure sanitarie mentre ci si trova in un paese europeo diverso dal proprio,

Dall'1 gennaio 2006 ricevere cure sanitarie mentre ci si trova in un paese europeo diverso dal proprio, Dall'1 gennaio 2006 ricevere cure sanitarie mentre ci si trova in un paese europeo diverso dal proprio per motivi di lavoro studio o vacanza è diventato più semplice grazie alla tessera sanitaria europea

Dettagli

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti La Sicurezza delle Macchine Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti Passaggio dalla vecchia alla nuova normativa di sicurezza Vecchio sistema : Macchine rivestite di Sicurezza: Si utilizzano le

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

Sintesi statistiche sul turismo

Sintesi statistiche sul turismo Sintesi statistiche sul turismo Estratto di Sardegna in cifre 2014 Sommario Le fonti dei dati e degli indicatori... 3 Capacità degli esercizi ricettivi... 3 Movimento dei clienti negli esercizi ricettivi...

Dettagli

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 31-4234 Nuove modalita' di svolgimento del corso di formazione professionale rivolto all'agente di affari in mediazione.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Istituzione della professione sanitaria di ottico-optometrista

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Istituzione della professione sanitaria di ottico-optometrista Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3731 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARLUCCI Istituzione della professione sanitaria di ottico-optometrista Presentata il 23

Dettagli

(GU L 164 del 14.7.1995, pag. 1)

(GU L 164 del 14.7.1995, pag. 1) 1995R1683 IT 18.10.2013 005.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1683/95 DEL CONSIGLIO del 29 maggio

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 23 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 23 LUGLIO 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 15 giugno 2007 - Deliberazione N. 1006 - Area Generale di Coordinamento N. 11 - Sviluppo Attività Settore Primario - "Istituzione dell'albo delle strutture

Dettagli

I L R E T T O R E. l approvazione da parte della Commissione Europea dell Erasmus University Charter fino al 2020;

I L R E T T O R E. l approvazione da parte della Commissione Europea dell Erasmus University Charter fino al 2020; U.R.I. I L R E T T O R E VISTE VISTA VISTI VISTA RITENUTO le linee guida del programma comunitario ERASMUS+; l approvazione da parte della Commissione Europea dell Erasmus University Charter fino al 2020;

Dettagli

Assistenza medica programmata in Europa per i residenti del Lothian

Assistenza medica programmata in Europa per i residenti del Lothian Assistenza medica programmata in Europa per i residenti del Lothian Introduzione Il presente opuscolo spiega a quale finanziamento potreste avere diritto se siete normalmente residenti nella regione del

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE di REGGIO CALABRIA AVVISO

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE di REGGIO CALABRIA AVVISO AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE di REGGIO CALABRIA AVVISO SELEZIONI DI N 4 PRATICANTI AVVOCATO E N 2 TIROCINANTI PRESSO L UFFICIO AFFARI LEGALI DELLA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE di REGGIO CALABRIA L Azienda

Dettagli

LA PREFETTURA. Slides a cura della Prefettura di Alessandria. Prefettura di Alessandria

LA PREFETTURA. Slides a cura della Prefettura di Alessandria. Prefettura di Alessandria LA PREFETTURA Prefettura di Alessandria Organo periferico del Ministero dell'interno e sede di rappresentanza del governo in ogni provincia Nel 1999, con la riforma dell'organizzazione del governo è stata

Dettagli

Partecipa e innoviamo insieme il networkaias

Partecipa e innoviamo insieme il networkaias Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Passione tenace per la prevenzione efficace www.aias-sicurezza.it Il networkaias incrementa la tua professionalità e il tuo business (Giancarlo

Dettagli

Il recepimento della direttiva servizi negli altri Paesi dell Ue

Il recepimento della direttiva servizi negli altri Paesi dell Ue Il recepimento della direttiva servizi negli altri Paesi dell Ue Torino, 1 luglio 2011 Matteo Carlo Borsani STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE Stato ed attuazione della Direttiva servizi (Direttiva 2006/123/CE)

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI TIROCINI ALL ESTERO CON BORSA ERASMUS TRAINEESHIP A.A. 2014-2015

BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI TIROCINI ALL ESTERO CON BORSA ERASMUS TRAINEESHIP A.A. 2014-2015 BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI TIROCINI ALL ESTERO CON BORSA ERASMUS TRAINEESHIP A.A. 2014-2015 Art. 1 Descrizione opportunità di tirocinio La borsa Erasmus traineeship permette agli studenti

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AVVISO n. 07/2013 Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per il profilo specialistico di Esperto nei processi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 356/E. Roma, 8 agosto 2008

RISOLUZIONE N. 356/E. Roma, 8 agosto 2008 RISOLUZIONE N. 356/E Roma, 8 agosto 2008 Direzione Prot.: Centrale 2005/ Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale ai fini

Dettagli

Progetto Erasmus + Student Placement

Progetto Erasmus + Student Placement Progetto Erasmus + Student Placement BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI N.7 TIROCINI CON BORSA DI STUDIO A partire dall anno accademico 2007/2008 il programma Erasmus permette agli studenti dell

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI Ai Signori Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati Al Signor Presidente dell EPPI Ai Signori Consiglieri Nazionali Loro Sedi Roma, 25 maggio 2005 Ns. Prot. 5823

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo della formazione continua agli iscritti all Ordine degli Ingegneri (art. 3, comma 5, lettera b) del decreto-legge 13 agosto 2011, n.

Dettagli

IL CITTADINO COMUNITARIO IN ANAGRAFE

IL CITTADINO COMUNITARIO IN ANAGRAFE IL CITTADINO COMUNITARIO IN ANAGRAFE D.Lgs. 30/2007 1 PAESI MEMBRI DELL UNIONE EUROPEA 1. Austria 2. Belgio 3. Bulgaria 4. Cipro 5. Danimarca 6. Estonia 7. Finlandia 8. Francia 9. Germania 10. Grecia 11.

Dettagli

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali RU 2015/124055 Direzione Centrale del Personale Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali IL DIRETTORE DELL AGENZIA in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA PRIMARIA E LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SI PREGA DI LEGGERE LE SEGUENTI ISTRUZIONI CON LA MASSIMA ATTENZIONE Anche per il 2015 è prevista la raccolta

Dettagli

Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine

Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine VADEMECUM per la Formazione Continua Obbligatoria degli iscritti all Albo dei Consulenti del Lavoro dei Consulenti del Lavoro Premessa La formazione professionale continua è obbligo giuridico posto a carico

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

La nuova Direttiva Qualifiche: (2013/55/UE)

La nuova Direttiva Qualifiche: (2013/55/UE) La nuova Direttiva Qualifiche: (2013/55/UE) MODIFICA DELLA DIRETTIVA 2005/36/CE RELATIVA AL RICONOSCIMENTO DELLE QUALIFICHE PROFESSIONALI E DEL REGOLAMENTO (UE) N. 1024/2012 RELATIVO ALLA COOPERAZIONE

Dettagli

REGIONE VENETO HANNO DIRITTO ALL' ASSISTENZA SANITARIA:

REGIONE VENETO HANNO DIRITTO ALL' ASSISTENZA SANITARIA: REGIONE VENETO U.O.C. SERVIZIO AMMINISTRATIVO DISTRETTUALE: DIRETTORE RAG. LUIGI FERRARINI Tel. 0442.632341 Fax 0442.632710 e-mail: conv.med.leg.@aulsslegnago.it ASSISTENZA SANITARIA A PERSONE CHE SI RECANO

Dettagli

ERASMUS+ Bando per Borse di Mobilità. da realizzare durante l'anno accademico 2016/2017. Mobilità degli Studenti per Studio e per Tirocinio

ERASMUS+ Bando per Borse di Mobilità. da realizzare durante l'anno accademico 2016/2017. Mobilità degli Studenti per Studio e per Tirocinio ERASMUS+ Bando per Borse di Mobilità da realizzare durante l'anno accademico 2016/2017 Mobilità degli Studenti per Studio e per Tirocinio Scadenza per la presentazione delle domande: 12 gennaio 2016 1

Dettagli