Attività fisica. Fig 10 Pratica sportiva in soggetti di età >3 anni. Confronto Marche Italia Anni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attività fisica. Fig 10 Pratica sportiva in soggetti di età >3 anni. Confronto Marche Italia Anni 1995-1997."

Transcript

1 Attività fisica Il Piano Sanitario Nazionale propone di perseguire l obiettivo di aumentare in media del 10% la prevalenza di individui (giovani ed adulti) che praticano regolarmente (almeno una volta la settimana) attività fisico-sportiva nel tempo libero. Particolare attenzione è posta alla promozione di tale pratica tra gli anziani per i quali é stato definito un obiettivo di incremento superiore al 10%. Nonostante il ruolo fondamentale che l attività fisica riveste nell ambito di adozione di stili di vita sani, non esistono nella regione Marche fonti informative attendibili per valutare il fenomeno. Dal confronto dei dati ISTAT, relativi agli anni 1995 e 1997, si ricava che nelle Marche la percentuale di soggetti di età superiore a 3 anni che pratica attività fisico-sportiva è in diminuzione, contrariamente a quanto si registra a livello nazionale. Infatti nel 1995 la percentuale di soggetti che nelle Marche praticavano un attività sportiva (63.3%) era superiore a quella italiana (61.9%), mentre nel 1997 la percentuale marchigiana (61.4%) è risultata inferiore a quella italiana (64.2%). In particolare nella regione Marche è diminuita la percentuale dei soggetti che praticano attività sportiva, sia in modo continuativo (18,7% nel 1995; 17,4% nel 1997), sia in modo saltuario (9,3% nel 1995; 8,1% nel 1997) (Tab allegato statistico). Dai dati del 1995 emerge inoltre che nelle Marche la percentuale di coloro che praticano lo sport con una frequenza superiore a 40 volte/anno (86.8% nel 1995) è superiore a quella nazionale (62.9%), benché l uso di impianti gratuiti (15.6%) risulti essere più basso rispetto a quello nazionale (17.1%). Fig 10 Pratica sportiva in soggetti di età >3 anni Confronto Marche Italia Anni Fonti informative Gli unici dati regionali disponibili relativi alla pratica dell attività fisico-sportiva nel tempo libero derivano dalle indagini multiscopo effettuate dall ISTAT, sulla base di un campione rappresentativo nazionale in cui è compresa una quota di famiglie marchigiane. Tali dati riguardano stime di prevalenza dei praticanti ( suddivisi in tre categorie: in modo continuativo, saltuario, qualche attività fisica ) e non praticanti, relativi agli anni 1995 e

2 Tossicodipendenze Lo studio epidemiologico del fenomeno delle dipendenze patologiche è reso particolarmente difficile dalla complessità dell area di osservazione. Rispetto ad altre patologie il problema delle tossicodipendenze riguarda non solo la sfera sanitaria, ma anche l area sociale, psicologica, culturale, legale: dimensioni diverse e mutevoli che richiedono strumenti informativi differenziati ed integrati. Riuscire a determinare la numerosità e le caratteristiche degli assuntori di sostanze psicotrope è in genere particolarmente arduo per la clandestinità dei comportamenti di uso/abuso. Nonostante la mancanza di studi di prevalenza su base campionaria regionale, esistono tuttavia metodi di misura indiretti in grado di apportare importanti contributi alla conoscenza del fenomeno. Stima del fenomeno attraverso indicatori indiretti. 1 Sequestri di sostanze I dati riportati dal Ministero degli Interni sull andamento dei sequestri delle principali sostanze stupefacenti svolti da forze di polizia e autorità doganali nella regione Marche mostrano una discreta analogia con le principali tendenze nazionali. Il numero delle operazioni antidroga negli ultimi cinque anni, come mostra la figura 1, è quasi costante mentre crescono significativamente negli ultimi due anni i quantitativi sequestrati, costituiti per il 98% da marijuana di provenienza albanese. Fonti Informative: Relazione annuale al Parlamento sullo stato delle tossicodipendenze in Italia Anno 1997 Anno 1998 A cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli Affari Sociali; Relazione annuale della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga - Anno 1997 Anno 1998 A cura del Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza; Prefetture delle Province di Pesaro, Ancona, Macerata, Ascoli Piceno; Istituti Penitenziari della Regione Marche; Regione Marche - Servizio Sanità; Regione Marche - Servizio Sistema Informativo Statistico; ASL Regione Marche - Servizi per le Tossicodipendenze (SerT) Schede di rilevazione Min. Sanità. 67

3 Fig.1 Operazioni antidroga e totale Kg di sostanze sequestrati dal 1994 al Segnalazioni alla Prefettura Il numero di consumatori di sostanze psicotrope segnalati dalle forze di polizia alle quattro Prefetture della regione per detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale è andato progressivamente aumentando negli ultimi anni, con una punta massima di 1327 casi segnalati nel 97. Pressoché continuo l aumento, tra il 95 e il 98, anche delle ammonizioni e delle sanzioni comminate dai Prefetti (come il ritiro di patente e passaporto o l impossibilità a conseguirli prima di alcuni mesi) per mancata presentazione alle convocazioni o per rifiuto/interruzione dei programmi terapeutici disposti. Tra il 95 e il 98 i programmi terapeutici mediamente fatti svolgere dalle Prefetture presso i SerT sono 348 e riguardano al 92% soggetti di sesso maschile. Gli stessi programmi risultano conclusi, su valutazione dei SerT, con una percentuale media quasi del 70%. Il che non offre tuttavia garanzie di efficacia, in considerazione del contesto di coercizione in cui si opera e dell assenza di studi sulle recidive e di follow-up in generale, per la valutazione nel tempo dell efficacia terapeutica dei programmi. 3 Deferimenti alle Autorità Giudiziarie nelle operazioni antidroga. Il numero dei deferiti all Autorità Giudiziaria risulta pressoché invariato negli anni, mentre sono in aumento i deferimenti di stranieri (passati da 47 a 117 casi). La provincia di Ascoli Piceno con 275 casi su 751 (pari al 36,6%) risulta l area geografica marchigiana con il maggior numero di persone colpite da provvedimenti giudiziari. Rispetto all età, la componente minori diminuisce nel 98 (2,26%), mentre nel precedente quinquennio, aveva presentato un valore medio di 3,42% sul totale dei deferiti, ponendo le Marche tra le regioni d Italia a più alta incidenza percentuale di minori indagati, dopo Piemonte, Liguria, Campania, Sicilia e Puglia. 68

4 4 Decessi droga-correlati e utenza in carico presso i Servizi La relazione tra la prevalenza del consumo di droga ed il numero di decessi per overdose consente di formulare una stima del numero dei tossicodipendenti/tossicofili di eroina (escludendo sia i consumatori saltuari, sia i consumatori abituali di altri tipi di droghe). In base a tale criterio, considerato che il tasso medio di mortalità per overdose è stimato intorno a 3/1.000 soggetti-anno (dati O.E.R. del Lazio, C.N.R., ecc.) e che le morti rilevate nel 98 a livello regionale sempre per overdose sono state in totale 20, la stima del numero di tossicodipendenti nelle Marche è di circa soggetti. Utilizzando altre tecniche di stima (tecnica di nominazione ), si può ritenere accreditabile l ipotesi di un rapporto di 1 a 1 tra tossicodipendenti conosciuti e tossicodipendenti sconosciuti, pertanto per ogni tossicodipendente afferito ai SerT nel 1998 (in totale 3190 residenti nella regione Marche) ne esisterebbe un altro nascosto con una stima di prevalenza di circa soggetti. In conclusione, la stima di una variabilità compresa tra e 6700 casi pone le Marche, nel rapporto tra i casi stimati e la popolazione a rischio (si intende tutta la popolazione di età compresa tra 15 e 54 anni), ad un tasso di 8,42 consumatori di eroina ogni mille abitanti. Secondo la Relazione annuale al Parlamento sullo stato delle tossicodipendenze in Italia per l anno 1998 le Marche presenterebbero invece un valore inferiore (7,27 x1.000), mentre il tasso nazionale viene stimato a 8,48 x Domanda di assistenza e utilizzo dei Servizi negli anni Caratteristiche dell utenza: numero L analisi dei dati relativi agli assuntori di sostanze psicoattive presi in carico (cioè i nuovi utenti più gli utenti già in carico/rientrati ) nei 14 SerT della Regione Marche evidenzia un marcato incremento degli utenti nel 1995 (+36%) e una sostanziale stabilità negli anni 1996, 1997 e 1998; in particolare l incidenza dei nuovi utenti sul totale degli utenti in carico negli ultimi tre anni risulta stabile (attorno al 32%). Nel 1998 si sono rivolti ai SerT della Regione Marche 5839 utenti di cui presi in carico (con un aumento del 7% rispetto al 97); 723 appoggiati (presi in carico ma provenienti da altra ASL); 990 afferiti ai Servizi senza presa in carico (cioè senza avvio di un trattamento continuativo), mentre 27 sono stati gli utenti per i quali non è stata rilevata l ASL di provenienza (Fig. 2, Fig 3). Fig.2 Utenza nei servizi pubblici per tossicodipendenze. Anni

5 Fig.3 Utenza nei servizi pubblici per tossicodipendenze. Totale complessivo (Tot in carico +Tot non in carico). Anni Caratteristiche dell utenza: età, sesso, territorialità Per quanto riguarda la distribuzione per sesso si nota, rispetto al 1994, un aumento del 2% dei maschi, che sono l 83%, contro il 17% delle femmine, mentre il rapporto maschi / femmine (5/1), resta invariato negli ultimi tre anni. In riferimento all età, si conferma negli anni il progressivo invecchiamento dell utenza in carico. L età media passa da 27,7 nel 1994 a 30,2 nel 1998; nei maschi mediamente l età media è maggiore di un anno rispetto a quella delle femmine (Fig. 4). L età media dei nuovi utenti nel 1998 è di 27,5 anni Fig.4 Età media per sesso degli utenti in carico ai SerT delle Marche. Anni

6 La distribuzione territoriale dei soggetti tossicodipendenti presenta maggiore concentrazione nelle zone costiere e, in generale, nelle aree a più alta densità urbana e maggiore sviluppo. 3 Abuso di sostanze primarie e secondarie Tra gli utenti in carico presso i SerT la distribuzione per sostanza stupefacente d abuso mostra il consumo primario di eroina assolutamente prevalente rispetto all uso di altre droghe: nel 98 si ha una prevalenza del 74,7% e, rispetto al 94, si ha una diminuzione, del 9%; l uso di cocaina, dopo essere calato nel 95, riprende progressivamente a salire negli ultimi tre anni, tornando nel 98 ad una incidenza primaria pari a quella rilevata nel 94 (2,7%). Gli utenti appoggiati nel corso del 1998 risultano fare uso primario di eroina per il 97% dei casi. In tutti gli anni considerati (esclusi i dati del 98 perché non disponibili), tra gli utenti in carico le sostanze di abuso secondario maggiormente usate sono i cannabinoidi (41% dei casi nel 97), seguono l alcool (17,3%), le benzodiazepine (16,2%) e la cocaina (10,6%). Il consumo di ecstasy, marginale negli utenti in carico presso i SerT sia come sostanza primaria (0,8% nel 97 e 0,4% nel 98)) che secondaria (5,4% nel 97), proprio per la tipologia dei suoi assuntori occasionali necessita di un osservatorio più ampio rispetto ai SerT stessi; stime nazionali comunque individuano il totale degli sperimentatori di ecstasy in unità (cfr. SILB-Sindacato Italiano Locali da Ballo). 4 Abuso di alcool Rispetto al trattamento dell abuso primario di alcool, presso i SerT della regione, si dispone qui di dati omogenei solo per l anno 1998 (Tab. 74 in allegato statistico). I soggetti presi in carico in tale anno risultano essere complessivamente 628, di cui 298 nuovi utenti e 330 utenti già conosciuti. Gli assuntori di sostanze alcoliche risultanti come non presi in carico (in quanto non agganciati a specifici trattamenti o appoggiati da altre ASL) sono 400. La distribuzione per età dei soggetti in carico e non in carico evidenzia le fasce e anni (che concentrano da sole oltre il 65% dell utenza) come maggiormente prevalenti. Relativamente al sesso, si riscontra la netta supremazia di utenza maschile (85,5%) su quella femminile. Negli utenti in carico si verifica una maggiore propensione verso l abuso di vino, a differenza dei non presi in carico che, più giovani, confermano la tendenza all abuso di birra. 5 Patologie correlate alla tossicodipendenza e all alcol dipendenza Le patologie correlate alla tossicodipendenza e all alcoldipendenza rappresentano da anni un serio problema di sanità pubblica. L andamento del numero di infezioni da HIV si conferma decrescente nei tossicodipendenti in trattamento presso i SerT: dal 16.8% nel 1994 al 13,3% nel 1997 del totale di coloro che sono stati sottoposti al test e dall 8,7% nel 1994 al 7,1% nel 1997 se si considera solo i soggetti in carico. Per quanto riguarda l epatite virale di tipo B si nota un progressivo decremento, anche a seguito dei programmi di vaccinazione, sia sul totale dei sottoposti al test (dal 37,1% nel 1994 al 24,4% nel 1997) che sui soli soggetti in carico (dal 19,3% nel 1994 al 12,5% nel 1997). L epatite di tipo C, rilevata in modo sistematico presso i SerT solo a partire dal 1997, nonostante la tendenza al decremento, dal 66.8% nel 1997 al 65,4% nel 1998, rimane nei tossicodipendenti afferiti ai SerT la patologia correlata più frequente (Fig. 5). 71

7 Fig.5 % Utenti Sert con epatite C. Anni Tra le altre patologie si segnalano inoltre la TBC, la sifilide e le altre malattie sessualmente trasmesse, nonché le infezioni da parassiti. Nel campo dell alcoldipendenza si deve sottolineare invece la presenza di malattie complesse dell apparato gastrointestinale, cardiovascolare e neurologico. In riferimento alla comorbosità psichiatrica non esistono statistiche routinarie sugli utenti dei SerT né adeguata stima del fenomeno. La patologia correlata di tipo psichiatrico che può essere primitiva, intesa come presente anche prima dell uso della sostanza, o indotta cioè conseguente all uso di sostanza - rappresenta un problema riscontrabile negli utenti seguiti che richiede un futuro approfondimento. 6 Mortalità acuta Analizzando i casi di mortalità degli utenti in carico ai SerT dal 1994 al 1998 si evince una predominanza di cause legate ad episodi di AIDS (67) e di overdose (65), seguono incidenti stradali (18), suicidi (10) e altre cause (13). Secondo i dati delle Prefetture delle Marche (Tab. 78 allegato statistico) la provincia con il maggior numero di morti per overdose è Ascoli Piceno con il 50,6% delle morti totali negli ultimi cinque anni, seguono Pesaro-Urbino con il 25,3%, Ancona con il 16,9% e Macerata con il 7,2%. 72

8 Incidenti stradali L inserimento di un capitolo dedicato all analisi degli incidenti stradali (i.s.) così come si caratterizzano nella Regione Marche è giustificato da due considerazioni: - nell ambito degli eventi accidentali responsabili di danno alla salute, gli i.s. rappresentano una delle cause principali - il grado di sensibilizzazione della popolazione influenza l adozione di misure e comportamenti che permettono una diminuzione del rischio di i.s. e della gravità delle lesioni ad essi conseguenti. Fonti informative: - Statistica degli incidenti stradali pubblicazione annuale a cura dell ISTAT in collaborazione con l ACI. Va precisato che nelle statistiche ISTAT vengono rilevati come i.s. quelli: - verificatisi in una strada aperta alla circolazione pubblica - in seguito ai quali una o più persone sono rimaste ferite o uccise (escludendo quindi quelli che hanno causato solo danni alle cose), - nei quali almeno un veicolo in movimento è rimasto implicato. Inoltre viene indicato come limite temporale per considerare gli infortunati come feriti o come morti il termine di sette giorni dall incidente. Incidenti stradali nella Regione Marche La rete stradale marchigiana extraurbana, lunga complessivamente km, è costituita in prevalenza da strade comunali extraurbane (ca km), quindi da strade provinciali (5.526 km),da strade statali (1.404 km) e infine autostrada (200) km. Nell anno 1997 gli i.s. verificatisi nella regione Marche sono stati 6330, in diminuzione rispetto al 1996 (7188) e al 1995 (6604). Nella figura 1 viene evidenziata la distribuzione percentuale degli i.s. per categoria di strada. Poco più dei 2/3 degli i.s. si è verificata su strade urbane ed il 3% su autostrade. 73

9 Di conseguenza anche la distribuzione percentuale delle persone infortunate per tipo di strade vede al primo posto le strade urbane ed è rappresentata nella figura 2 dove vengono confrontati i dati regionali e nazionali. Fig.2 Distribuzione % delle persone infortunate o decedute per incidente stradale per categoria di strada. Confronto Marche - Italia. Anno Se questi dati vengono analizzati rapportandoli ai km delle diverse tipologie di strade presenti nelle Marche la situazione cambia completamente: al primo posto sia come numero di incidenti (80 ogni 100 km) che come numero di morti (7 ogni 100 km) e numero di feriti (148,5 ogni 100 km) figura l autostrada, seguita dalle strade statali, dalle strade provinciali e infine dalle strade comunali extraurbane (Tab. 1). Tab.1 Incidenti stradali e persone infortunate per tipo di strada. Valori ogni 100 Km. Anno 1997 Nelle tabelle 85 e 86 dell allegato statistico sono riportati tre indicatori di incidentalità stradale: -il rapporto di gravità (n. di deceduti per 100 feriti) -il rapporto di mortalità (n. di deceduti per 100 incidenti) -il rapporto di lesività (n. di feriti per 100 incidenti). Nella Regione Marche nel 1997 il rapporto di gravità è stato del 2,2% (dato nazionale 2,3%), il rapporto di mortalità è stato del 3,2% (dato nazionale 3,3%), il rapporto di lesività del 144% (dato 74

10 nazionale 142,6%). L analisi del dato marchigiano per tipo di strada vede al primo posto l autostrada sia per quanto riguarda il rapporto di gravità (4,7%) che per quelli di mortalità (8,7%) e di lesività (185,6%), mentre a livello nazionale per i primi due indici al primo posto si trovano le strade provinciali. Alcool e incidenti stradali Allo scopo di analizzare il fenomeno del consumo di bevande alcoliche quale causa di incidenti stradali il Dipartimento di prevenzione dell A.U.S.L. di Pesaro ha condotto un indagine retrospettiva relativa alla distribuzione per sesso e per fasce d età dei guidatori coinvolti nell anno 1997 in incidenti stradali che presentavano livelli di alcolemia superiori agli 80 mg/dl (limite fissato dall art. 379 del Regolamento al Codice della Strada ). Complessivamente si sono presentati all osservazione 146 casi (129 maschi e 17 femmine); di questi 88 (60,27%) sono risultati positivi, 73 maschi (82,9%) e 15 femmine (17,04%); le fasce d età più rappresentate sono state quella anni (42 soggetti di cui 32 maschi e 10 femmine), quella anni (24 soggetti di cui 23 maschi e 1 femmina), quella anni (11 soggetti di cui 10 maschi e 1 femmina) e quella 0-20 anni (7 soggetti di cui 5 maschi e 2 femmmine). 75

11 Incidenti domestici Il fenomeno degli incidenti domestici (i.d.) assume grande rilevanza nell ambito dei temi legati alla prevenzione degli eventi evitabili, esso però rappresenta anche un problema in gran parte misconosciuto. Infatti gli i.d. sono eventi di difficile inquadramento in quanto definiti per esclusione (eventi accidentali non stradali e non legati all attività lavorativa) e di difficile quantificazione dal punto di vista della morbosità poiché manca una fonte anche ufficiosa che renda disponibile qualche informazione. Solo utilizzando i dati di mortalità è possibile stimare l entità dell evento accidentale domestico che, come causa di infortunio mortale si colloca tra gli incidenti di traffico e gli incidenti sul lavoro. E del tutto evidente che tali dati mostrano, però, solo l elemento più drammatico ed infausto dell incidente domestico, trascurando l aspetto più quotidiano e consueto quale l accesso al Pronto Soccorso, la medicazione, il ricovero ospedaliero, l assenza scolastica e/o lavorativa, le conseguenti menomazioni e disabilità invalidanti, il danno alla struttura abitativa, tutti gli elementi essenziali insomma per la definizione di una politica sanitaria di educazione e prevenzione. Il Piano sanitario nazionale ha inserito gli incidenti domestici tra gli obiettivi di tutela della salute individuando diverse azioni da privilegiare nella definizione dei piani di intervento tra le quali: - la costruzione di un sistema di sorveglianza epidemiologica del fenomeno infortunistico e l individuazione di criteri di misura degli infortuni domestici; - lo sviluppo di campagne finalizzate all informazione ed alla sensibilizzazione nei confronti dei rischi presenti negli spazi domestici, rivolte particolarmente alle categorie più a rischio. Di seguito viene descritto il fenomeno degli incidenti domestici nella regione Marche alla luce dei dati disponibili. Con lo scopo prioritario di avviare un sistema di sorveglianza epidemiologica della morbosità e dell ospedalizzazione conseguente ad i.d., il Ministero della Sanità ha elaborato ed analizzato i dati relativi alle schede di dimissione ospedaliera dell anno 1997, limitatamente ai casi di traumatismo per infortunio in ambiente domestico, mettendo in relazione le singole informazioni e valutandone la congruenza (Tab. 1). Fonti informative: - studio italiano sugli incidenti (SISI), ISS 1988; - incidenti domestici: le schede di dimissione ospedaliera, Ministero della Sanità 1997; - indagine campionaria sulla prevalenza degli incidenti domestici in età pediatrica, ISS

12 Tab.1 Incidenza (x ) di dimissioni per incidente domestico dati regionali e nazionali. Anno Come si può notare, nella nostra regione, per il 1997 ci sono state 29 dimissioni relative ad incidente domestico ogni dimissioni per qualunque altra causa, mentre il dato nazionale è risultato essere di 73. Il tema degli incidenti domestici è stato considerato dalla regione Marche un significativo problema di salute da diversi anni e fatto perciò oggetto di ricerche epidemiologiche in collaborazione con l Istituto Superiore di Sanità. Già nel 1988 infatti le Marche avevano aderito allo Studio Italiano Sugli Incidenti (SISI) che faceva riferimento ai casi di i.d. in arrivo al Pronto Soccorso. 77

13 In ambito regionale erano stati scelti 6 centri di riferimento rappresentati dai P.S. di Osimo, Fabriano, Recanati, S. Benedetto del Tronto, Pesaro, Ancona. A distanza di 10 anni, quindi nel 1998 sempre a cura dell ISS, è stata condotta un indagine campionaria sulla prevalenza degli incidenti domestici in età pediatrica alla quale, per la regione Marche, ha partecipato la ASL di Fabriano (Tab allegato statistico). Tale indagine ha dato risultati sovrapponibili a quelli del passato. Dagli studi sin qui condotti si può affermare che le persone a rischio per incidenti domestici sono gli anziani, i bambini e le casalinghe. L incidente più frequente nei due sessi e nelle varie età è la caduta, mediamente il 50% dei casi con punte nei bambini piccoli (60-70%) e negli anziani (70-80%). Gli anziani si infortunano prevalentemente nell ambito della loro abitazione (70% sul totale di incidenti negli anziani). Nei bambini e negli adolescenti la distribuzione degli i.d. è fortemente dipendente dall età con un rapporto maschi/femmine uguale ad uno per i piccoli al di sotto dell anno; pari a 6 maschi su 4 femmine tra 1 e 14 anni, per arrivare a 7 ragazzi contro 3 ragazze tra i 15 ed i 19 anni. Il picco degli eventi si registra nei mesi primaverili ed estivi; nel 40% dei casi le attività svolte al momento dell incidente sono quelle ludiche, nel 20% dei casi invece sono azioni legate alla pratica sportiva. Anche le conseguenze dell incidente domestico sembrano connesse fortemente all età: le lesioni superficiali al volto ed al capo predominano, infatti, nei più piccoli, mentre le lesioni agli arti superiori ed inferiori sono prevalenti dai 10 anni in poi. Un i.d. su 3, tra quelli occorsi a donne in età compresa fra i 20 ed i 69 anni, riguarda una casalinga. L incidente tipico è la ferita da taglio (38,6% dei casi); importanti anche le cadute (25%) e le ustioni da sostanze bollenti o caustiche (13%) Le cadute, comunque, rappresentano la causa che produce le conseguenze più gravi, in particolare le cadute da scale portatili utilizzate per cambiare tendine, pulire lampadari, ecc Sarebbe importante che questi lavori domestici fossero sempre effettuati con l ausilio di un altra persona. Il costante numero e le modalità di accadimento degli i.d. nel corso degli ultimi anni fa però pensare che è mancato od è stato poco efficace l intervento educativo e preventivo sin qui fatto. 78

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute Incidenti domestici in Lombardia: quadro di contesto Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute La Prevenzione degli infortuni domestici in Regione

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti 17. Criminalità: le sostanze stupefacenti Nel 2004 Roma è risultata tra le prime città italiane per sequestri di droghe tradizionali, soprattutto di cocaina (487,4 Kg, pari al 15,2% dei sequestri complessivi

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

6.2 INCIDENTI DOMESTICI (Baffoni M, Filippetti F, Morbidoni M, Tagliavento G)

6.2 INCIDENTI DOMESTICI (Baffoni M, Filippetti F, Morbidoni M, Tagliavento G) 6.2 INCIDENTI DOMESTICI (Baffoni M, Filippetti F, Morbidoni M, Tagliavento G) Fonti informative: Istat. Indagine multiscopo sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana. Roma 1999. Regione Marche. Piano

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni Aggiornamento dei dati - Anno 2007 Si ringraziano per i dati forniti e la cortese collaborazione:

Dettagli

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8.1 Reati droga-correlati produzione, traffico e vendita di sostanze illegali e di associazione finalizzata alla produzione e al traffico (art. 73 e art. 74) 8.2 Reati

Dettagli

Allegati. Tabella dei dati relativi alle Figure

Allegati. Tabella dei dati relativi alle Figure Allegati Tabella dei dati relativi alle Figure Indice delle Tabelle PARTE PRIMA: DIMENSIONE DEL FENOMENO I.1. CONSUMO DI DROGA Tabella I.1.1:Consumo di eroina nella popolazione generale 15-64 anni. Anni

Dettagli

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara 13 marzo 2007 Cristina Sorio Responsabile Osservatorio Epidemiologico Dipendenze Patologiche Azienda USL di Ferrara LIVELLO

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI 1 Premessa Il determinismo degli incidenti stradali risulta in una particolare

Dettagli

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI S. Rossi, C. Mortali, R. Spoletini, D. Mattioli, P. Zuccaro Dipartimento del Farmaco - ISS Dal rapporto annuale sulla droga dell ONU (2005), risulta

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 -

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - A cura dell Osservatorio Epidemiologico Territoriale delle Dipendenze, ASL di Brescia OSSERVATORIO

Dettagli

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA Fabio Voller Dirigente Settore Servizi Sociali Integrati Osservatorio di Epidemiologia Agenzia Regionale di Sanità Toscana Incidenti stradali

Dettagli

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini Partecipa alla ricerca on line sull'alcolismo, potrai usare i dati immediatamente.seleziona l'immagine per entrare. CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol

Dettagli

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Alcol e salute In Europa (OMS) terza causa di mortalità prematura, dopo

Dettagli

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI IN REGIONE LOMBARDIA

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI IN REGIONE LOMBARDIA Iniziative D.G. Sanità U.O. Prevenzione Regione Lombardia Con il Piano Socio Sanitario della Regione Lombardia, all'interno delle "Linee Prioritarie d'intervento", ed in particolare all'interno dell'area

Dettagli

Alcuni indici statistici derivabili dai dati della Patente a Punti e dalle statistiche degli incidenti stradali verbalizzati

Alcuni indici statistici derivabili dai dati della Patente a Punti e dalle statistiche degli incidenti stradali verbalizzati www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcuni indici statistici

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO SULL USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE IN ITALIA. RELAZIONE 2010 SINTESI

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO SULL USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE IN ITALIA. RELAZIONE 2010 SINTESI RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO SULL USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE IN ITALIA. RELAZIONE 2010 SINTESI SINTESI DELLA RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO SULL USO DI SOSTANZE

Dettagli

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007 U.O. Ser.T. - Servizio Tossicodipendenze U.O.S. Osservatorio Socio- Epidemiologico Dipendenze Sistema Informativo Vico Gramsci n.1-75100 MATERA Tel. 0835 / 253704 253718 Fax 0835 / 253704 e-mail: asl4.sert@rete.basilicata.it

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria

Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria UNA PANORAMICA DEL FENOMENO DELLE DIPENDENZE IN LIGURIA Quali sono le ragioni dell esistenza di un Osservatorio Epidemiologico Regionale delle Tossicodipendenze

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia 1 semestre 2012

VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia 1 semestre 2012 VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia semestre 2012 I primi dati del 2012 Nel primo semestre 2012 sono stati rilevati 5.919 incidenti stradali che hanno provocato 121 vittime e lesioni a 9.553

Dettagli

Alcol e giovani I rischi e le tendenze

Alcol e giovani I rischi e le tendenze Alcol e giovani I rischi e le tendenze Emanuele Scafato, ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Direttore Centro OMS Ricerca e promozione salute alcol e problemi alcol correlati Direttore Osservatorio Nazionale

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze

8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze 8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze Dipendenze - dati 2004 Nome Indicatore Zancan Indicatori SDS Valore Note Persone 14 anni che consumano oltre 1/2 litro di vino al giorno per 1000 persone Utenti

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Milano Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio

Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio I luoghi di consumo La discoteca non è l unico luogo in cui si assumono droghe ricreazionali. Le percentuali

Dettagli

CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO

CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO III.3.1. Interventi delle Forze dell Ordine III.3.1.1 Detenzione per uso personale di sostanze illecite III.3.1.2 Deferiti alle Autorità Giudiziarie

Dettagli

Sistema di sorveglianza Passi

Sistema di sorveglianza Passi Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Sistema di sorveglianza Passi Uso dei dispositivi per la sicurezza stradale periodo 2010-2013 Valle d Aosta USO DEI DISPOSITIVI DI SICUREZZA STRADALE

Dettagli

Gli incidenti stradali in Italia, in Toscana e a Firenze

Gli incidenti stradali in Italia, in Toscana e a Firenze Gli incidenti stradali in Italia, in Toscana e a Firenze Fonti 1 1. La dimensione del fenomeno in Italia Secondo i dati raccolti dall ISTAT, in Italia nel 2004 si sono verificati 224.553 incidenti stradali,

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti

Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti L insufficienza renale cronica (IRC), raggiungendo lo stadio di uremia terminale, determina la necessità di ricorrere al trattamento

Dettagli

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE Allegato 2. PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 Regione: Regione Autonoma della Sardegna 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro Anni 2011-2012 A cura di: Antonella Sutera Sardo Maria Antonietta Soccio Marilena Adamo Elisa Defezza Pierina Mancuso, Vincenzo Nocera Vilma

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE IN ITALIA 2001

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE IN ITALIA 2001 RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO SULLO STATO DELLE TOSSICODIPENDENZE IN ITALIA 2001 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE SOCIALI E PREVIDEZIALI Indice Introduzione

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Piano Regionale della Prevenzione 2010-2012 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono, in Italia, la principale causa di morte e di disabilità sotto

Dettagli

Epidemiologia Degli Infortuni Sportivi

Epidemiologia Degli Infortuni Sportivi Convegno Per uno Sport Sicuro e Salutare Dalmine, 7 Novembre 2012 Epidemiologia Degli Infortuni Sportivi Dott. Attilio Bernini Specialista in Medicina dello Sport Consulente ASL Bergamo Lo Sport in Italia

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Mantova

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Mantova I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Mantova Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA

LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA una riflessione complessiva dell'impatto degli interventi In Italia sono le singole Regioni e provincie autonome

Dettagli

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia 11. SANITÀ E SOCIALE 11.1. Mortalità e cause di morte L alto indice di vecchiaia che caratterizza la popolazione della provincia di Rovigo si riflette sul tasso di mortalità, i cui valori, nel periodo

Dettagli

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: 2013 i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Pubblicazione realizzata da: A.S.L Rieti Medicina Legale - Dip. Prevenzione

Dettagli

Come documentare l entità del fenomeno

Come documentare l entità del fenomeno Si stima che in Piemonte i decessi dovuti agli incidenti domestici siano circa 740 morti all anno (Istat, 1996). La popolazione più a rischio per infortunistica domestica è costituita da bambini e anziani,

Dettagli

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE

Dettagli

Alcol e sostanze: i dati raccolti dal laboratorio di Area Vasta Romagna

Alcol e sostanze: i dati raccolti dal laboratorio di Area Vasta Romagna Alcol e sostanze: i dati raccolti dal laboratorio di Area Vasta Romagna Pievesestina 14 giugno 2013 Laboratorio unico di Area Vasta Romagna Unità Operativa CORELAB Settore di Farmaco Tossicologia Afferiscono

Dettagli

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Sicurezza stradale SICUREZZA

Sicurezza stradale SICUREZZA PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO SICUREZZA Nel 211, in Italia, si sono registrati 25.638 incidenti stradali con lesioni a persone, di cui 386 mortali. Con questi dati, l Italia conferma una costante tendenza

Dettagli

Nel primo semestre 2004, tra le ditte collaboranti, sono stati rilevati 457 infortuni con prognosi superiore a 3 giorni

Nel primo semestre 2004, tra le ditte collaboranti, sono stati rilevati 457 infortuni con prognosi superiore a 3 giorni sul lavoro Nel primo semestre, tra le, sono stati rilevati 457 infortuni con prognosi superiore a 3 giorni L indice di frequenza infortunistica è pari a 16 infortuni ogni cento addetti, decisamente superiore

Dettagli

CAPITOLO I.4 IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE

CAPITOLO I.4 IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE CAPITOLO I.4 IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE I.4.1. Malattie infettive droga correlate I.4.1.1 Diffusione HIV e AIDS I.4.1.2 Diffusione di Epatite virale B I.4.1.3 Diffusione di Epatite virale

Dettagli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità delle politiche nazionali e protezione degli utenti deboli LE DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638 incidenti stradali.

Dettagli

L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale

L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale I risultati dello Studio PASSI 2005 in Provincia di Savona Maria Paola Briata Savona 7 Maggio 2007 Consumo ed abuso di bevande alcoliche l alcol insieme

Dettagli

CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI

CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI IV.6.1. I consumatori di bevande alcoliche IV.6.2. Le modalità di consumo IV.6.3. I consumatori a rischio (criterio ISS) IV.6.4. Modelli di

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C ROMA AZIENDA USL Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C I fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno 2013 PUBBLICAZIONE REALIZZATA DA ASL Roma C - Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 -

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 - OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 213-1 - Dipendenza da sostanze illegali: monitoraggio epidemiologico 23-213 pag. 3 Dipendenza

Dettagli

Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER)

Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER) Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER) Nel corso del 2011 sul territorio della regione Emilia-Romagna si sono verificati 20.415 incidenti (268 in più rispetto

Dettagli

l Uso delle codifiche europee IDB per la sorveglianza della violenza: proposte per un data-set

l Uso delle codifiche europee IDB per la sorveglianza della violenza: proposte per un data-set La Sorveglianza Ospedaliera degli Incidenti in Italia e in Europa Genova 16-17 Maggio 2014 l Uso delle codifiche europee IDB per la sorveglianza della violenza: proposte per un data-set Stefania Trinca

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Programma: Promozione di interventi mirati ad incidere sui rischi infortunistici in ambito domestico tra gli anziani e bambini di 0-4 anni Identificativo della Linea

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

INFEZIONE DA HIV e AIDS

INFEZIONE DA HIV e AIDS Dipartimento di Prevenzione Medica Notifica, sorveglianza e controllo delle malattie infettive INFEZIONE DA HIV e AIDS (elaborazione dati dal programma informatizzato Regione Lombardia Mainf e portale

Dettagli

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 2.617.175 3.997.465 Superficie (km 2 ) 1.37,7 5.381, Densità (ab. per km 2 ) 2.1,3 742,9 a cura dell Ufficio di Statistica e Censimento Marketing

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica PREFAZIONE

Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica PREFAZIONE Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica XIV LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI PREFAZIONE La riduzione dei danni sanitari e sociali causati dall alcol è, attualmente, uno dei più

Dettagli

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Quadro epidemiologico Caratteristiche tossicodipendenti, alcolisti e giocatori d azzardo patologici Attività dei servizi A cura di Raimondo

Dettagli

7. RISPOSTE RELATIVE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE

7. RISPOSTE RELATIVE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE 7. RISPOSTE RELATIVE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE 7.1 Prevenzione e trattamento delle malattie infettive droga-correlate 7.1.1 Prevenzione 7.1.2 Counselling 7.2 Prevenzione dei decessi

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

2.1.3. DIPENDENZE. La rete dei Servizi per le tossicodipendenze

2.1.3. DIPENDENZE. La rete dei Servizi per le tossicodipendenze 2.1.3. DIPENDENZE La rete dei Servizi per le tossicodipendenze L assistenza ai tossicodipendenti nella inizia a strutturarsi nel 1985 per effetto dalla L.R. 70/84, a seguito dei Decreti Ministeriali del

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna

Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna 2008 Regione Autonoma della Sardegna Realizzazione a cura dell Assessorato dell Igiene, Sanità e dell Assistenza Sociale via Roma

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future 8 maggio 2008 I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future Il volume I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti presentato oggi,

Dettagli

Gli incidenti stradali Francesco Innocenti

Gli incidenti stradali Francesco Innocenti Gli incidenti stradali Francesco Innocenti Settore Epidemiologia dei Servizi Sociali Integrati OSSERVATORIO DI EPIDEMIOLOGIA (http://www.arsanita.toscana.it) Firenze, 10 Dicembre 2009 I FATTORI DI RISCHIO

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO MORTALITA dal 1971 al 26 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Fonte dei dati: Registro di Mortalità Regionale toscano [dati presentati il 27 maggio,28] 1 Mortalità generale Andamento temporale 1971-26 I

Dettagli

Dati al 31 dicembre 2014

Dati al 31 dicembre 2014 Anno XI I n 25 - Maggio 2015 Executive Summary Con la presente rilevazione si forniscono i risultati dei principali indicatori tecnici del ramo R.C. Auto (e della relativa gestione della convenzione per

Dettagli

Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici

Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici ROMA 5 dicembre 2011 2.1.1. Comunicazione dei dati delle sorveglianze e collaborazione con stakeholder esterni al SSR

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future Ing. Valentino Iurato Direzione Generale Sicurezza Stradale DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638

Dettagli

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata L obiettivo della presente analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

Dettagli

Tavolo Tecnico del Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013

Tavolo Tecnico del Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013 RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013 1 Tavolo Tecnico Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze Gruppo di lavoro per la stesura del Rapporto Regione Basilicata Rocco Libutti

Dettagli

Epidemiologia del trauma cranico in Romagna ed effetti della legge 472/99

Epidemiologia del trauma cranico in Romagna ed effetti della legge 472/99 www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Chiara Begliomini, Franco Servadei,

Dettagli

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI 4.2 GLI ANZIANI L analisi proposta in questa sezione nasce dall intento di fornire alcuni elementi di caratterizzazione relativi ad un gruppo particolare di utenza che, visto l incremento numerico progressivo

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA In Italia, nel 2008, gli incidenti stradali sono stati 218.963. Hanno determinato 4.731 morti e 310.739 feriti, per un costo sociale di circa 30 miliardi di Euro

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 207 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori SALVATO e CARCARINO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 9 MAGGIO 1996 Norme

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI I DATI EPIDEMIOLOGICI Sez. III Consumo di Alcol e Sicurezza Stradale 2 Consumo di Alcol L alcol insieme a fumo, attività fisica e alimentazione ha assunto nell ambito della

Dettagli

LA SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI DOMESTICI NELLE MARCHE MAGGIO 2014

LA SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI DOMESTICI NELLE MARCHE MAGGIO 2014 LA SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI DOMESTICI NELLE MARCHE MAGGIO 2014 Relazione presentata al Convegno nazionale La sorveglianza ospedaliera degli incidenti in Italia e in Europa, Genova 16-17

Dettagli

valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute)

valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute) valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute) 2 Giovanni Serpelloni Introduzione L analisi qui presentata

Dettagli