Il Piano Triennale è a cura di: Massimo Buscema, Direttore del Semeion

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Piano Triennale è a cura di: Massimo Buscema, Direttore del Semeion"

Transcript

1 A09 109/06

2 Il Piano Triennale è a cura di: Massimo Buscema, Direttore del Semeion Hanno collaborato i ricercatori del Semeion: Giulia Massini, Stefano Terzi, Marco Intraligi, Guido Maurelli, Massimiliano Capriotti, Riccardo Petritoli Semeion Centro Ricerche di Scienze della Comunicazione Via Sersale, Roma web: e mail:

3 SEMEION Centro Ricerche di Scienze della Comunicazione Piano Triennale Anni Ricerca di Base e Applicata Sintesi delle Ricerche del 2007 ARACNE

4 Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: maggio 2008

5 Indice 1. Presentazione del Semeion Componenti del Semeion I campi d interesse della ricerca Piano Triennale Ricerca di base ( ) di Massimo Buscema 2. Piano Triennale Ricerca di Base ( ) Teoria Generale dei sistemi Artificiali Adattivi La Sintassi delle immagini: le informazioni nascoste Active Connection Matrix (ACM) La Semantica delle immagini: il pixel e il suo contesto la Pixel Vector Theory (PVT) Analisi dei segnali non stazionari Implicit Function as Squashing Time (IFAST) Meta classificatori e nuove reti supervisionate (MetaNet) Reti Auto Associate non lineari (Mappe Contrattive) Teoria dei Grafi e Data Mining (H Function) Multi Dimensional Scaling (PST e Population) Virtual Data Generation (PI Function and HID) Co Clustering and Bi Clustering (Visual DB) Il Clustering Dinamico sulle Traiettorie dei Datasets (DPCA) Piano Trennale Ricerca Applicata ( ) di G. Maurelli 3. Piano Triennale Ricerca Applicata ( ) Biomedicale settore Imaging Progetto CAD Mr mammography con Sistemi Artificiali Adattivi per la classificazione e previsione di masse tumorali 127 5

6 Progetto CAD Mr mammography con Sistemi Artificiali Adattivi per la classificazione di microcalcificazioni tumorali Progetto di svilippo di Meta Classificatori per l ottomizzazione delle previsioni sui tumori Sistema di analisi dell imaging biomedicale per far emergere l informazione nascosta Campo Biomedicale settore clinico Corsi di formazione sull Intelligenza Artificiale per medici specialisti Software applicativi per l elaborazione complessa di dataset clinici Progetto IMPROVE sul rischio cardiovascolare Progetto Nazionale Emorragia Digestiva (PNED) Progetto per l identificazione di nuovi biomarkers nell Alzheimer Disease Social Security Progetto Central Drug Trafficking Database (CDTD) Progetto Sicurezza integrata su 4 livelli Progetto telecamera intelligente e firma micro gestuale Progetto analisi e previsione del traffico mercantile nel mediterraneo Progetto Selezione del Personale delle Forze Armate Industria, marketing e mondo del lavoro Previsione di classi di fumatori sulla base di analisi cliniche e variabili socio anagrafiche Analisi e simulazione dinamica dei comportamenti di consumo 162 6

7 Analisi e ottimizzazione dei percorsi lavorativi Analisi e previsione della concentrazione di gas sulla base di sistemi nanosensori Sintesi delle Ricerche del 2007 a cura di M. Buscema, G. Massini, S. Terzi, M. Intraligi, G. Maurelli 4. Novità della Ricerca di Base nell anno Active Connection Martix (ACM): evoluzioni Clusterig Dinamico La Funzione Hubness (H): evoluzioni SOM Maps Hidden Input Discovery (HID) Meta Classificatori modelli e software Multidimensional Scaling modelli e software Semantic Connection Map Pubblicazioni scientifiche Attività di formazione Collaborazioni e brevetti Collaborazioni e cooperazioni istituzionali Elenco dei brevetti Partecipazione a conferenze e convegni 221 7

8

9 1. Presentazione del Semeion Il Centro Ricerche Semeion è un Ente Scientifico senza scopo di lucro, fondato nel 1985, con personalità giuridica riconosciuta nel 1991 dal Ministero dell Università e della Ricerca (MIUR). Dal 2005 è diventato Istituto Scientifico Speciale del MIUR. L attività istituzionale del Semeion è suddivisa in tre ambiti: - ricerca di base e sperimentale nel campo dell intelligenza artificiale, volta a scoprire e sperimentare nuovi modelli matematici e algoritmi con particolare riferimento ai Sistemi Artificiali Adattivi; - ricerca applicata effettuata attraverso la realizzazione di progetti in biomedicina, sicurezza sociale, imaging, economia e finanza; - formazione di giovani ricercatori, attraverso corsi, seminari e stage, nel campo dell intelligenza artificiale con particolare attenzione ai nuovi modelli di Reti Neurali Artificiali e Algoritmi Evolutivi e alle procedure di applicazione per risolvere problemi complessi. L attività di ricerca sviluppata in ognuno di questi tre ambiti si materializza producendo una serie di oggetti concreti: - la ricerca di base e sperimentale si concretizza attraverso la realizzazione di scoperte che vengono diffuse nella comunità scientifica tramite la pubblicazione di articoli scientifici e libri, e che spesso pongono le basi per la registrazione di brevetti; - la ricerca applicata si concretizza tramite la realizzazione di progetti in diversi campi applicativi nei quali i Sistemi Artificiali Adattivi possono portare nuove conoscenze e realizzazione di know-how, i progetti più innovativi e competitivi diventano brevetti sfruttabili dal mondo dell industria; - la formazione si realizza attraverso corsi, seminari e stage, che consentono a neolaureati in diverse discipline (informatica, ingegneria, fisica, matematica, medicina, statistica, ecc.) di acquisire nuove competenze nell ambito del vasto campo dell Intelligenza Artificiale. 9

10 Lo schema seguente illustra le diverse ramificazioni dell attività di ricerca scientifica del Semeion. Attività di Ricerca del Semeion Ricerca di Base e Sperimentale Ricerca Applicata Formazione Scoperte e Brevetti Software di Ricerca Pubblicazioni Articoli scientifici Libri Progetti e Software applicativo Partecipazione a convegni Seminari Corsi Stage Nell organizzazione generale delle attività di ricerca il tempo dedicato alla ricerca di base e sperimentale corrisponde a circa il 60% delle risorse umane in organico al Semeion. Le scoperte e il software di ricerca, che viene parallelamente sviluppato a scopo sperimentale, i brevetti e le pubblicazioni scientifiche, sia libri che articoli scientifici, sono gli oggetti con i quali la ricerca di base comunica i risultati del proprio lavoro alla comunità scientifica. La partecipazione a conferenze e convegni, inoltre, misura il livello di interesse che la comunità scientifica attribuisce al lavoro svolto dai ricercatori del Semeion. La ricerca applicata, che può essere definita come un insieme di procedure organizzate al fine di verificare il dominio di validità e l utilità di una teoria, dipende dalla ricerca di base. Ha il compito di verificare la possibilità di sviluppare tecnologie che abbiano la consistenza dei prototipi. Essa misura il grado di sfruttamento di una teoria sul piano della sua utilità economica e sociale. Durante l attività di ricerca applicata si realizzano i progetti e si costruiscono i 10

11 prototipi. All interno del Semeion l attività di ricerca applicata impegna circa il 30% delle risorse umane. La formazione, infine, che comprende anche gli stage formativi, nella pianificazione delle attività istituzionali del Semeion, si può definire un attività di divulgazione scientifica, con intento didattico. Ha lo scopo di formare i nuovi ricercatori nel campo dell Intelligenza Artificiale e occupa circa il 10% delle risorse umane del Semeion. L equipe del Semeion è composta globalmente da 21 persone. Il nucleo centrale è composto di 10 ricercatori di provenienza multidisciplinare: informatici, ingegneri, fisici, economisti e medici. Ognuno è impegnato, con diversi livelli di coinvolgimento, nella ricerca di base, sperimentale e applicata. A questi si aggiungono 6 ricercatori associati e 3 ricercatori esterni che occasionalmente collaborano all attività del Centro. Le altre due persone gestiscono l amministrazione e la segreteria. Nel corso di questi ultimi anni il lavoro dei ricercatori del Semeion ha prodotto numerose scoperte nel campo dell Intelligenza Artificiale, alcune delle quali sono state brevettate in collaborazione con aziende interessate al loro sfruttamento economico. Nei laboratori del Semeion sono stati ideati, progettati e sperimentati nuovi modelli di Sistemi Artificiali Adattivi (Reti Neurali, Algoritmi Evolutivi, Sistemi di analisi e pre-processamento dei dati), e sono stati sviluppati programmi informatici finalizzati alla sperimentazione di questi modelli. L attività di ricerca si è concretizzata in oltre 200 pubblicazioni di articoli scientifici su riviste internazionali, 20 libri monografici e 14 brevetti internazionali. Nel 2007 si è costituito un Comitato Tecnologico Scientifico, composto da diverse personalità del mondo della ricerca sia di ambito pubblico che privato. Il Comitato si riunisce tre volte all anno e ha una funzione consultiva nell ottica di contribuire ad orientare l attività di ricerca di base e applicata che il Semeion svolge. L organigramma dei componenti del Semeion è così strutturato. 11

12 Direttore Prof. Massimo Buscema Comitato Tecnologico Scientifico Prof. F. Beltrame Dr. A. Bettini Dr. M. Chieli Prof. A. Collina Dr. L. Criscuoli Dr. E. Grossi Dr. F. Nazzari Prof. R. Passariello Prof. PL. Sacco Dr. C. Sandels Navarro Ricerca di base e sperimentale Ricerca applicata Ricerca organizzazione e comunicazione Ricercatori associati Ricercatori esterni Relazioni pubbliche e istituzionali Prof. M. Buscema Dr.ssa G. Massini Ing. S. Terzi Ing. M. Breda M. Intraligi Dr. M. Capriotti Dr. V. Carlei Ing. R. Petritoli Dr. M. Pizziol Dr. G. Maurelli G. Magistretti Dr.ssa E. Testa Ing. G. Catzola Dr. E. Grossi Ing. G. Pieri Prof. G. Salina St. G. Monaghan Amm. R. Fusco Prof. S. Einstein Prof. PL. Sacco Dr. M. Ramazzotti Studio M&D L.M. Hercolani Gaddi L organigramma del Semeion L equipe dei ricercatori del Semeion 12

13 1.1 Componenti del Semeion Prof. Massimo Buscema (1955): Direttore della Ricerca. Computer scientist, fa ricerca da anni sulle Reti Neurali Artificiali e sui Sistemi Artificiali Adattivi. È stato professore presso alla University of Charleston (West Virginia-USA) e direttore del Department of Science of Communications della stessa università, è stato, inoltre, professore di Informatica e Linguistica presso l Università di Perugia. Membro dell Editorial Board di diverse riviste scientifiche internazionali. Ha ideato, costruito e sviluppato nuovi modelli e algoritmi d intelligenza artificiale. È autore di numerose pubblicazioni scientifiche sugli aspetti teorici della Natural Computation con oltre 150 titoli: articoli scientifici, saggi e libri sullo stesso tema. Inventore di 14 brevetti internazionali. Ricerca di Base e Sperimentale Dr.ssa Giulia Massini (1957): Ricercatore Senior, informatica, svolge attività di ricerca sui Sistemi Artificiali Adattivi. Si occupa dell applicazione della Neural Computation in prevalenza in ambito sociale e medico. Ha ideato e sviluppato nuovi algoritmi adattivi e software di ricerca, è autrice di numerose pubblicazioni scientifiche. Ing. Stefano Terzi (1970): Ricercatore Senior, ingegnere elettronico, ha sviluppato software di ricerca implementando modelli di Reti Neurali Artificiali e di algoritmi evolutivi, per l applicazione al campo medico e della sicurezza. Autore di diverse pubblicazioni scientifiche. Ing. Marco Breda (1962): Ricercatore Senior, ingegnere elettronico, ha lavorato in importanti aziende nel settore delle telecomunicazioni (Telecom, Ericsson). Opera come ricercatore presso il Semeion dove si occupa di ricerca di base, contribuendo a diverse pubblicazioni e alla produzione di alcuni pacchetti applicativi. Ricerca Applicata Marco Intraligi (1959): Ricercatore Senior, informatico, esperto in tecniche di preprocessing ed elaborazioni di dati con i Sistemi Artificiali Adattivi. Autore di articoli scientifici sulle applicazioni di 13

14 modelli artificiali nell ambito della diagnostica clinica e dei sistemi di trattamento dell imaging biomedicale. Dr. Massimiliano Capriotti (1964): Ricercatore, informatico, esperto nell applicazione dei modelli d intelligenza artificiali al campo della sicurezza e della medicina. Autore di pubblicazioni scientifiche. Ing. Riccardo Petritoli (1970): Ricercatore, ingegnere elettronico, ha sviluppato software applicativi in ambito medico implementando modelli di Reti Neurali Artificiali. È esperto in tecniche di analisi di imaging biomedicale. Autore di pubblicazioni scientifiche. Dr. Marco Pizziol (1980): Ricercatore, laureato in fisica presso l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, lavora nell ambito della ricerca e sviluppo di sistemi adattivi applicati in campo biomedico. Organizzazione e Comunicazione della Ricerca Dr. Guido Maurelli (1957): Ricercatore, laureato in lettere e filosofia, Responsabile della comunicazione. È esperto nell applicazione dei Sistemi Artificiali Adattivi al campo sociale. Ha pubblicato articoli e saggi su libri e riviste scientifiche internazionali. Si occupa della divulgazione scientifica delle attività di ricerca del Semeion. Dr.ssa Ester Testa (1972): segreteria organizzativa, laureata in Scienze Politiche, si occupa dell organizzazione interna delle attività del Semeion. Giancarlo Magistretti (1969): ragioniere, responsabile dell amministrazione del Semeion. Ricercatori Associati Ing. Gino Catzola (1953): Ricercatore Associato, ingegnere elettronico, specializzato in Program Management, Computer Science, e Sistemi Dinamici Complessi. Ha lavorato per importanti aziende multinazionali per i mercati Difesa, Spazio, Telecomunicazioni (TIM, Digital Equipment, Alenia Spazio). Attualmente è in Telecom Italia. Collabora all attività di ricerca del Semeion sui Sistemi Dinamici Complessi, Reti Neurali Artificiali e Intelligenza Artificiale. Dr. Enzo Grossi (1951): Ricercatore Associato, medico, attualmente Direttore Medico della Bracco SpA, Dipartimento Farma Italia. Ha 14

15 lavorato come manager nell ambito della Ricerca e Sviluppo di diverse aziende multinazionali del settore medico farmaceutico (Menarini, Ciba Geigy, Beecham-Smith Kline & Beecham). Autore di circa 300 pubblicazioni scientifiche su riviste mediche. Membro di diverse società scientifiche e di board scientifici di riviste internazionali. Collabora all attività di ricerca del Semeion, contribuendo attraverso numerose pubblicazioni. Ing. Giovanni Pieri (1938): Ricercatore Associato, ingegnere chimico, attualmente è consulente per il trasferimento tecnologico presso imprese e enti pubblici. È stato direttore del Centro Ricerche G. Donegani (Montedison/ENI). Ha pubblicato articoli scientifici sulla fisica delle apparecchiature chimiche. Dr. Vittorio Carlei (1972): Ricercatore Associato, Phd in economia, è Direttore della 2C-srl, una spin-off del Semeion, che opera nell ambito della business innovation, applicando sistemi intelligenti in campo economico e finanziario per grandi gruppi bancari (Santander, Unicredit). Prof. Gaetano Salina (1960): Ricercatore Associato, Primo Ricercatore dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, lavora nella sezione di Roma Tor Vergata. I suoi principali campi di interesse sono: computers massivamente paralleli, reti neuronali, elettronica digitale ed analogica (VLSI), meccanica statistica e teoria dei campi. St. Geoff Monaghan (1954): Ricercatore Associato, detective, ha lavorato 25 anni presso nella Metropolitan Police Service di Londra, Scotland Yard, con un esperienza internazionale nelle strategie di contrasto al traffico di droga. Attualmente è consulente dell United Nations Office on Drugs and Crime (UNODC) sede di Mosca. Ammiraglio Roberto Fusco (1946): Ricercatore Associato, attualmente è ufficiale ammiraglio della Marina Militare in congedo. Ha percorso l intera carriera di ufficiale di Stato Maggiore fino al massimo grado di Ammiraglio di Squadra. Laureato in Scienze marittime e navali, specializzato in guerra elettronica e telecomunicazioni. Ha assolto numerosi incarichi di comando navale. Dal 2007 collabora come esperto militare con il Semeion. 15

16 Ricercatori Esterni Prof. Stanley Einstein (1934): Psicologo clinico e sociale, da molti anni specializzato nel campo delle tossicodipendenze, con particolare riferimento ai problemi di uso ed abuso di droghe. Autore di 14 libri, fondatore ed Editor in Chief della rivista internazionale sulle droghe Substance Use & Misure pubblicata da oltre 40 anni, e di altre riviste su problemi sociali come Violence, Aggression & Terrorism. Direttore del Middle Eastern Summer Institute on Drug Use, Jerusalem. Prof. Pierluigi Sacco (1964): Professore Ordinario di Politica Economica presso l Università IUAV di Venezia. Prorettore alla Comunicazione e alle attività editoriali della IUAV. Scrive per il Sole24Ore. Ha pubblicato numerosi articoli e saggi scientifici nel campo della teoria economica, della teoria dei giochi e dell economia della cultura. Dr. Marco Ramazzotti (1969): Archeologo, Ricercatore presso la Cattedra di Archeologia e Storia dell Arte del Vicino Oriente Antico. È stato fra i primi archeologi che ha applicato modelli matematici (Reti Neurali, Algoritmi Evolutivi) allo studio di database archeologici, pubblicando diversi articoli su importanti riviste del settore. Comitato Tecnologico Scientifico Prof. Francesco Beltrame (1953): Professore Ordinario di Bioingegneria, Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica della Facoltà di Ingegneria dell Università degli Studi di Genova. Direttore del Dipartimento di Tecnologie dell Informazione e delle Comunicazioni del CNR. Presidente del Comitato Tecnico Scientifico del MUR per la ricerca industriale (legge 297/99). Dr. Andrea Bettini (1953): Manager e consulente di direzione, ha ricoperto ruoli dirigenziali in numerose aziende operanti in diversi settori: informatica, servizi, formazione professionale (Apple Computer Italia, Sodexho Pass, MrTed Italy, Irescogi, Fondazione Consulenti per il Lavoro). Attualmente è partner associato di Boyden International. Dr. Massimo Chieli (1950): Presidente di Alitalia Express e Consulente Aziendale. È autore di articoli e pubblicazioni su temi di 16

17 organizzazione e di service management e svolge docenze in corsi di formazione e master aziendali e universitari. Prof. Amilcare Collina (1939): Ingegnere chimico, è stato Professore al Politecnico di Milano, per 25 anni ha lavorato nel settore Ricerca & Sviluppo della Montedison con diversi livelli di responsabilità fino ad arrivare a ricoprire il ruolo di Capo dell Ufficio Tecnologico dell intero Gruppo. Dal 1994 lavora nel Gruppo Mapei, attualmente è Advisor del CEO per la ricerca e l innovazione. È membro del Board Ricerca ed Innovazione del Cefic (European Chemical Industry Council). Dr. Luciano Criscuoli (1950): Direttore Generale per il Coordinamento e lo Sviluppo della Ricerca del Ministero dell Università e della Ricerca dal È membro permanente di numerose commissioni di studio per l attuazione delle politiche di intervento nel settore della ricerca. Ricopre incarichi istituzionali di rappresentanza del Ministero nelle sedi nazionali e internazionali. Ha curato la definizione di nuove specifiche normative di settore, e di documenti di programmazione del Ministero per l attuazione di interventi finalizzati al potenziamento e al sostegno della ricerca (PNR, Linee Guida per la Politica Scientifica e Tecnologica del Governo, PON per il Mezzogiorno, ecc). Dr. Enzo Grossi (1951): già descritto nei ricercatori associati. Dr. Federico Nazzari (1942): Manager nel settore dell industria Farmaceutica ha svolto le sue mansioni in aziende multinazionali ricoprendo importanti ruoli dirigenziali (Vice Direttore Generale Upjohn SpA, AD della Maggioni Winthrop, Presidente e AD dell Istituto Luso Farmaco d Italia SpA. Dal 2000 al 2007 ha operato in Bracco come Group Vice President General Affairs. È stato Presidente di Farmindustria per tre mandati, di cui due consecutivi il terzo nel Dal febbraio 2007 è entrato nel Consiglio di Recordati SpA con delega per i rapporti istituzionali. Prof. Roberto Passariello (1941): Professore Ordinario di Radiologia e Direttore dell Istituto di Radiologia dell Università degli Studi di Roma La Sapienza. Autore o co-autore di 10 libri e di oltre 500 pubblicazioni scientifiche, molte delle quali su riviste internazionali. Autore di più di 600 Conferenze, comunicazioni, relazioni su invito e moderazioni a Tavole Rotonde in Italia e all Estero. Membro 17

18 Onorario di numerose società scientifiche fra cui: Radiological Society of North America, European Association of Radiology, Cardiovascular and Interventional Society of Europe, Royal College of Radiology. Prof. Pierluigi Sacco (1964): già descritto nei ricercatori associati. Dr. Cristiano Sandels Navarro (1960): Project & Business Manager, si occupa di progetti di sviluppo, organizzazione e gestione aziendale. Ha lavorato nell ambito della comunicazione, marketing e consulenza aziendale. Collabora con l Università di Milano con docenze sulla sostenibilità energetica e ambientale. Ha contribuito alla stesura dei contenuti del programma per la candidatura di Milano per l EXPO Relazioni pubbliche e istituzionali Luciana Marcellini Hercolani Gaddi (1948): Public & Institutional Relations, fondatrice dello Studio M&D, che svolge tutte le attività necessarie a favorire il contatto e la messa in relazione fra aziende pubbliche, private ed istituzioni. I settori dove lo Studio prevalentemente opera sono quelli della Ricerca, dell Aeronautica, della Manutenzione. Collabora con il Semeion dal I campi d interesse della ricerca L attività di ricerca del Semeion nelle sue componenti, ricerca di base, ricerca sperimentale e ricerca applicata, ha investito, nel tempo, diversi campi d interesse. Nel corso degli anni, come è ovvio per un centro ricerche, l interesse ha subito modifiche determinate essenzialmente da mutate condizioni storico-scientifiche. Queste trasformazioni d interesse sono state orientate principalmente da due spinte parallele: a) un lavoro di ricerca scientifica sempre più orientato a studiare e comprendere le logiche di funzionamento dei fenomeni complessi; b) un attenzione al contesto storico relativamente allo sviluppo delle dinamiche socio-culturali e alle diverse manifestazioni del mondo naturale. In questa prospettiva l esplicitazione dei campi di interesse nei quali la ricerca del Semeion si è sviluppata dalla sua fondazione ad oggi, 18

19 consentirà di comprendere l evoluzione scientifica e storica del centro. I campi sono: 1. prevenzione sociale e sanitaria (dal 1985); 2. settore aziendale e industriale (dal 1987); 3. settore scolastico ed educativo (dal 1990); 4. ambiente e territorio (dal 1995); 5. economia e finanza (dal 1996); 6. mondo del lavoro e orientamento professionale (dal 1998); 7. settore medico, biologico e farmaceutico (dal 2000); 8. settore della sicurezza sociale e dei fenomeni criminali (dal 2000). 19

20

21 Piano Triennale Ricerca di Base ( ) di Massimo Buscema

22

23 2. Piano Triennale Ricerca di Base ( ) Prima di entrare nella descrizione delle diverse attività svolte dai ricercatori, è utile fornire una breve definizione di come il Semeion concepisce la ricerca di base e sperimentale La ricerca di base consiste nella formulazione di teorie adeguatamente formalizzate (linguaggio matematico e/o equivalente implementabile su computer) e nella loro sperimentazione. Ricerca di base e sperimentale sono due facce della stessa medaglia: la prima senza la seconda è non falsificabile e, quindi, incontrollabile, la seconda senza la prima è un attività disordinata. La formulazione di teorie e la loro sperimentazione costituiscono i fondamenti della ricerca di base, così come da anni mostra la fisica. La ricerca di base e quella sperimentale permettono le scoperte fondamentali. Le scoperte fondamentali sono quelle che ridisegnano i criteri con i quali si produce la conoscenza scientifica. Si tratta, quindi, di scoperte che non si limitano ad accrescere la conoscenza scientifica, ma che permettono nel tempo un progresso scientifico forte ed improvviso e un conseguente ritorno esponenziale degli investimenti. Le scoperte incrementali, invece, sono quelle che perfezionano e/o specificano, in un ambito sperimentale o applicativo particolare, le scoperte fondamentali. La ricerca di base si valuta in relazione alla produttività delle scoperte fondamentali e incrementali, e in base al numero di applicazioni tecnologiche che essa permette nel tempo. La ricerca di base e quella sperimentale, così concepite, sono fra le attività principali del Semeion, all interno dei settori dell attività istituzionale. Si tratta delle attività che costituiscono il motore del lavoro di ricerca che si manifesta successivamente sotto diversi aspetti. La ricerca di base è il luogo di riferimento teorico in relazione al quale la ricerca applicata pianifica la realizzazione dei progetti. È il laboratorio dove si sperimentano nuove teorie e si costruiscono nuovi modelli e algoritmi, realizzando programmi informatici di ricerca che hanno come scopo una pura funzione sperimentale. 23

24 2.1 Teoria Generale dei Sistemi Artificiali Adattivi I Sistemi Artificiali Adattivi (AAS) fanno parte del vasto mondo della Natural Computation (NC). La Natural Computation (NC) è un sottoinsieme delle Artificial Sciences (AS). Con Artificial Science si intendono quelle scienze per le quali la comprensione dei processi naturali e/o culturali si realizza tramite la ricreazione di quei processi stessi per mezzo di modelli automatici. Nelle AS il computer è ciò che la scrittura rappresenta per la lingua naturale: le AS sono costituite da algebre formali per la generazione di modelli artificiali (strutture e processi), nello stesso modo in cui le lingue naturali sono costituite di una semantica, di una sintassi e di una pragmatica per la generazione di testi. Nelle lingue naturali la scrittura è la conquista dell indipendenza della parola dal tempo, tramite lo spazio; nelle AS il computer è la conquista dell indipendenza del modello dal soggetto, tramite l automazione. Così come, tramite la scrittura, una lingua naturale può creare oggetti culturali che prima della scrittura erano impensabili (romanzi, testi giuridici, manuali, ecc.) allo stesso modo le AS, tramite il computer, possono creare modelli automatici di impensabile complessità. Lingue naturali e Artificial Sciences, senza la scrittura e il computer, restano quindi limitate. Ma una scrittura non basata su una lingua naturale, o un modello automatico non generato da un algebra formale, è un insieme di scarabocchi (vedi schema nella pagina successiva). Nelle AS la comprensione di un qualsiasi processo naturale e/o culturale avviene in modo proporzionale alla capacità del modello artificiale automatico di ricreare quel processo. Più la comparazione tra processo originale e modello generato da esito positivo, più è probabile che il modello artificiale abbia esplicitato le regole di funzionamento del processo originale. Questo confronto, tuttavia, non può essere effettuato in modo ingenuo. Sono necessari sofisticati strumenti di analisi per effettuare una comparazione attendibile tra processo originale e modello artificiale. 24

25 Artificial Sciences Processi Naturali e Culturali Analisi Algebre Formali Comparazione Modelli Artificiali Automatici Generazione Il grafico mostra come l analisi dei Processi Naturali e/o Culturali, che si vuole comprendere, parte da una teoria, che adeguatamente formalizzata (Algebre Formali), è in grado di generare Modelli Artificiali Automatici di quei Processi Naturali e/o Culturali. Infine, i Modelli Artificiali Automatici generati devono essere comparati con i Processi Naturali e/o Culturali di cui pretendono esserne il modello e la spiegazione. La maggioranza degli strumenti di analisi utili per questa comparazione consiste nel confrontare le dinamiche del processo originale e quelle del modello artificiale al variare delle rispettive condizioni al contorno. In modo sintetico si potrebbe argomentare che: 1. più, al variare delle condizioni al contorno, si ottengono varietà di dinamiche di risposta sia nel processo originale che nel modello artificiale; e 2. più queste dinamiche tra processo originale e modello artificiale sono omologhe, allora 3. più è probabile che il modello artificiale sia una buona spiegazione del processo originale. Nella figura che segue proponiamo un albero tassonomico per la caratterizzazione delle discipline che, attraverso la Natural Computation e la Classic Computation, compongono il sistema delle Artificial Sciences: 25

26 Con Natural Computation (NC) si intende quella parte delle Artificial Sciences (AS) che tenta di costruire modelli automatici di processi naturali e/o culturali tramite l interazione locale di microprocessi non isomorfi al processo originale. Nella NC si assume quindi che: 1. qualsiasi processo sia il risultato, più o meno contingente, di processi più elementari che tendono ad auto-organizzarsi nel tempo e nello spazio; 2. nessuno dei microprocessi è di per sé informativo circa la funzione che assumerà rispetto agli altri, né del processo globale di cui sarà parte. Artificial Sciences Classic Computation Natural Computation Programming Theory Computer Models Microelectronis Digital Systems Descriptive Systems Generative Systems Operative Systems Programming Languages Software Engineering Computer Architectures Compilers Data Base Real Time Systems Distributed Systems Telematics Images Acquisition Images Management Images Processing Graphics Systems Dynamic Systems Theory Dissipative Systems Theory Autopoietic Systems Theory Probabilistic Theory Catastropher Theory Chaos Theory Evidence Theory Fuzzy Logic.. Physical Systems Evolutionary Systems Adaptive Systems Learning Systems (Artificial Neural Networks) Albero tassonomico delle discipline che compongono il sistema delle Artificial Sciences Questa filosofia computazionale, poco economica per la creazione di modelli semplici, può essere utilizzata efficacemente per creare qualsiasi tipo di processo o modello che si ispiri a processi complessi, ossia a processi di fronte ai quali le filosofie classiche hanno trovato notevoli inconvenienti.

L Istituto Galileo GALILEI di Crema

L Istituto Galileo GALILEI di Crema L Istituto Galileo GALILEI di Crema in continuità con la sua proposta formativa propone, a partire dall a.s. 2010/11, corsi quinquennali di: - ISTITUTO TECNOLOGICO, diurni e serali (ex ITIS) - LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2001/2002 Corso di laurea in MATEMATICA APPLICATA Classe 32 : Scienze Matematiche NUOVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA Le novità contenute

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. COMO Matematica Corsi di laurea in: MATEMATICA - triennale (Classe n. 32 Scienze Matematiche) MATEMATICA - specialistica (Classe n. 45/S Matematica) Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès formazione ricerca tecnologia innovazione DOVE SIAMO Valle d Aosta Verrès Verrès (Valle d Aosta - Italia) 391 m slm, 2.677 abitanti, 39 km da Aosta, 78 km

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi):

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi): Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dario Maggiorini, Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano LIKE THIS! Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dr. Dario Maggiorini, Dr. Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Computazione Naturale AA. 2011-2012

Computazione Naturale AA. 2011-2012 Computazione Naturale AA. 2011-2012 Prof. Mario Pavone CdL Magistrale in Informatica Dip. Matematica ed Informatica mpavone@dmi.unict.it http://www.dmi.unict.it/mpavone/ INDICE Obiettivi formativi Cos

Dettagli

U N I F E. http://www.unife.it/dipartimento/ingegneria. Dipartimento di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico

U N I F E. http://www.unife.it/dipartimento/ingegneria. Dipartimento di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico Dipartimento di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico via Saragat 1 44122, Ferrara url:www.unife.it/dipartimento/ingegneria telefono: 0532.974800 Direttore: prof. Giorgio Vannini Offerta Formativa:

Dettagli

SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016

SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016 SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016 IPRASE propone in collaborazione con la Graduate School of Business del Politecnico di Milano, un percorso per i Dirigenti scolastici

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE (CLASSE N. 35/S) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

Dettagli

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 Emanuela Maria Torre STRATEGIE DI RICERCA VALUTATIVA

Dettagli

Umberto Torchio Maria Grazia Santini Sistemi di gestione in sanità

Umberto Torchio Maria Grazia Santini Sistemi di gestione in sanità A09 Umberto Torchio Maria Grazia Santini Sistemi di gestione in sanità Accreditamento, certificazione ed audit clinico in strutture sanitarie e socio-sanitarie Risoluzioni test prove di esami Copyright

Dettagli

POLITECNICO DI BARI. I Facoltà di Ingegneria. Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S)

POLITECNICO DI BARI. I Facoltà di Ingegneria. Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S) POLITECNICO DI BARI I Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE (SECOND LEVEL DEGREE

Dettagli

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246 Siamo

Dettagli

RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA

RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA Cosa vuol dire R&D? R&D significa prima di tutto innovazione, nuove tecnologie, nuove idee. Ma concretizzare le innovazioni richiede investimenti a volte

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

Pag 1 di 41. BUSACCA Alessandro

Pag 1 di 41. BUSACCA Alessandro BUSACCA Alessandro Giudizio del Prof. Castagnolo Il candidato ha svolto un attività di ricerca di buon livello ed arricchita da periodi di ricerca all estero, come testimoniato dalla produzione scientifica.

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE IN COMPETITIVE INTELLIGENCE E GESTIONE DEL RISCHIO NELL IMPRESA. Roma, 20-21 Novembre 2014

CORSO DI FORMAZIONE IN COMPETITIVE INTELLIGENCE E GESTIONE DEL RISCHIO NELL IMPRESA. Roma, 20-21 Novembre 2014 CORSO DI FORMAZIONE IN COMPETITIVE INTELLIGENCE E GESTIONE DEL RISCHIO NELL IMPRESA Roma, 20-21 Novembre 2014 L Osservatorio sulla Sicurezza e Difesa CBRNe (OSDIFE), in collaborazione con l Università

Dettagli

Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni

Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni Obiettivo Indagare il ruolo e l importanza della formazione tecnico-scientifica

Dettagli

L Università degli Studi dell Aquila. Il job placement dell Università. Placement AQUILA 7-11-2007 16:32 Pagina 1

L Università degli Studi dell Aquila. Il job placement dell Università. Placement AQUILA 7-11-2007 16:32 Pagina 1 Placement AQUILA 7-11-2007 16:32 Pagina 1 L Università degli Studi dell Aquila Il job placement dell Università Di antiche tradizioni, il nostro Ateneo trae origine dal cinquecentesco Aquilanum Collegium

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

Sistemi organizzativi aziendali

Sistemi organizzativi aziendali Piero Migliarese Vincenzo Corvello Sistemi organizzativi aziendali Esercizi con soluzione Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Curriculum vitae. Informazioni personali. Titoli di studio e professionali ed esperienze lavorative Titoli di studio

Curriculum vitae. Informazioni personali. Titoli di studio e professionali ed esperienze lavorative Titoli di studio Curriculum vitae Informazioni personali Nome Montanaro Raffaele Data di nascita 31/12/1973 Nazionalità Italiana Titoli di studio e professionali ed esperienze lavorative Titoli di studio 1992 Diploma di

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Fisica

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Fisica Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Fisica L-30 3 anni sede: Camerino via Madonna delle Carceri 9 crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.it www.sst.unicam.it/sst Presentazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. Nome BERNI CLAUDIA

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. Nome BERNI CLAUDIA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BERNI CLAUDIA Telefono 06.67665226 Fax 06.67665282 E-mail c.berni@provincia.roma.it Data di nascita 02.05.1951

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Page 1. Evoluzione. Intelligenza Artificiale. Algoritmi Genetici. Evoluzione. Evoluzione: nomenclatura. Corrispondenze natura-calcolo

Page 1. Evoluzione. Intelligenza Artificiale. Algoritmi Genetici. Evoluzione. Evoluzione: nomenclatura. Corrispondenze natura-calcolo Evoluzione In ogni popolazione si verificano delle mutazioni. Intelligenza Artificiale In un ambiente che varia, le mutazioni possono generare individui che meglio si adattano alle nuove condizioni. Questi

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Linee guida Secondo ciclo di istruzione

Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Grafica e comunicazione Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Teoria della comunicazione 60 89 Progettazione multimediale 119

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria. Corsi di Studio in Ingegneria Informatica Laurea - Laurea Magistrale

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria. Corsi di Studio in Ingegneria Informatica Laurea - Laurea Magistrale Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corsi di Studio in Ingegneria Informatica Laurea - Laurea Magistrale a.a. 2010/2011 Presidente: Prof. Stefano Russo [titolo presentazione]

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile Perché comunicare il Turismo Sostenibile La Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca attiverà nel biennio 2013-2014 la seconda edizione del master di primo livello Comunicare

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Regressione non lineare con un modello neurale feedforward

Regressione non lineare con un modello neurale feedforward Reti Neurali Artificiali per lo studio del mercato Università degli studi di Brescia - Dipartimento di metodi quantitativi Marco Sandri (sandri.marco@gmail.com) Regressione non lineare con un modello neurale

Dettagli

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa Università degli Studi di Padova Servizio Stage e Mondo del Lavoro Occupazione e professionalità nelle imprese venete di consulenza amministrativa, fiscale, legale e notarile Progetto FSE Ob. 3 Mis. C1

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di laurea specialistica in INFORMATICA

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di laurea specialistica in INFORMATICA Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di laurea specialistica in INFORMATICA Basi di Dati Avanzate e Tecniche di Data Mining Prof. G. Cecconi, Prof.

Dettagli

I NUOVI ISTITUTI TECNICI

I NUOVI ISTITUTI TECNICI Istituto Tecnico Industriale Statale Liceo Scientifico Tecnologico Ettore Molinari Via Crescenzago, 110/108-20132 Milano - Italia tel.: (02) 28.20.786/ 28.20.868 - fax: (02) 28.20.903/26.11.69.47 Sito

Dettagli

Internet of Things, Big Data e Intelligenza Artificiale.

Internet of Things, Big Data e Intelligenza Artificiale. Oracle Ticino Day Lugano 26 Marzo 2015 Internet of Things, Big Data e Intelligenza Artificiale. Prof. Luca Maria Gambardella direttore IDSIA, istituto USI-SUPSI, Manno Le nuove sfide La società globale

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

f a c o l t à d i INGEGNERIA

f a c o l t à d i INGEGNERIA f a c o l t à d i INGEGNERIA UNIVERSITÀ politecnica delle marche facoltà di Via Brecce Bianche, 12 60131 Tel. 071 2204778 INGEGNERIA Per informazioni più approfondite relative alla didattica dei singoli

Dettagli

LICEO TECNOLOGICO INFORMATICO E COMUNICAZIONE

LICEO TECNOLOGICO INFORMATICO E COMUNICAZIONE LICEO TECNOLOGICO INFORMATICO E COMUNICAZIONE Liceo Tecnologico - Quadro orario (Secondo lo schema del 4 maggio 2005) Primo biennio Discipline 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno 5 Anno Religione/ Attività Alternative

Dettagli

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione A13 Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione Profili di rischio e di solvibilità Prefazione di Antonio Minguzzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino ANNO SCOLASTICO 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino Obiettivi minimi Informatica Prime Conoscere il sistema di numerazione binaria e la sua importanza nella codifica delle

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Intelligenza Artificiale. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.1. Introduzione

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Intelligenza Artificiale. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.1. Introduzione Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A1_1 V1.1 Introduzione Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Finalità Formare laureati specialistici in grado di effettuare la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione dei lavori, la stima, il collaudo

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

ATTIVITÀ SCIENTIFICA Prof. ing. Leonarda CARNIMEO

ATTIVITÀ SCIENTIFICA Prof. ing. Leonarda CARNIMEO ATTIVITÀ SCIENTIFICA Prof. ing. Leonarda CARNIMEO Nella propria attività di ricerca la prof. Leonarda Carnimeo collabora con Docenti e Ricercatori appartenenti ad altre sedi universitarie in vari Programmi

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa Management Sanitario per il corso di Laurea Magistrale SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Modulo di Ricerca Operativa Prof. Laura Palagi http://www.dis.uniroma1.it/ palagi Dipartimento di

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI (FAMIGLIE, FATTORI, LIVELLI)

COMUNE DI RAVENNA GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI (FAMIGLIE, FATTORI, LIVELLI) COMUNE DI RAVENNA Il sistema di valutazione delle posizioni del personale dirigente GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI (FAMIGLIE, FATTORI, LIVELLI) Ravenna, Settembre 2004 SCHEMA DI SINTESI PER LA

Dettagli

Bachelor of Science in Ingegneria elettronica

Bachelor of Science in Ingegneria elettronica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Bachelor of Science in Ingegneria elettronica www.supsi.ch/dti Obiettivi e competenze Il corso di laurea in

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Docente: Pasquale L. De Angelis deangelis@uniparthenope.it tel. 081 5474557 http://www.economia.uniparthenope.it/siti_docenti P.L.DeAngelis Modelli

Dettagli

I tecnici di Automazione nel mondo del lavoro

I tecnici di Automazione nel mondo del lavoro I tecnici di Automazione nel mondo del lavoro Indagine sulla collocazione del tecnico/ingegnere di automazione nel mondo del lavoro pag. 1 Motivazioni Un osservatorio per l analisi dei bisogni di cultura

Dettagli

(AA 2007/2008) 180 CFU

(AA 2007/2008) 180 CFU (AA 007/008) Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia (abilitante alla professione sanitaria di tecnico di radiologia medica) Classe delle lauree in professioni sanitarie

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

Estratto dal verbale della Commissione giudicatrice riunitasi alle ore 10.30 del giorno martedì 19 aprile 2016.

Estratto dal verbale della Commissione giudicatrice riunitasi alle ore 10.30 del giorno martedì 19 aprile 2016. Procedura selettiva per un posto di professore universitario di seconda fascia ex art. 18 legge 30 dicembre 2010 n. 240, presso il Dipartimento di giurisprudenza (sede di Roma), settore scientifico disciplinare

Dettagli

Corporate & Continuing Education

Corporate & Continuing Education Corporate & Continuing Corporate & Continuing \ chi siamo Siamo l ufficio di raccordo tra le aziende e le strutture che erogano formazione al Politecnico. Crediamo che l aggiornamento continuo del personale

Dettagli

STRUMENTO DI SUPPORTO PER L ANALISI DEL RISCHIO-RAPINA

STRUMENTO DI SUPPORTO PER L ANALISI DEL RISCHIO-RAPINA Convegno ABI BANCHE E SICUREZZA 2007 STRUMENTO DI SUPPORTO PER L ANALISI DEL RISCHIO-RAPINA Fabrizio Capobianco Responsabile Ufficio Gestione Sicurezza - SGS Gruppo Banco Popolare di Verona e Novara Caratteristiche

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA corso triennale post diploma

SCEGLI CON IL CUORE. GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA corso triennale post diploma SCEGLI CON IL CUORE pag. 2 Il corso, di durata triennale, permette di conseguire un alta formazione nel campo del design della comunicazione visiva. Il percorso formativo è strutturato in modo da trasmettere

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Economia e Gestione delle Reti

Corso di laurea specialistica in Economia e Gestione delle Reti Corsi di laurea specialistica sede di Venezia Guida della Facoltà di Economia a.a. 2004-0 Corso di laurea specialistica in Economia e Gestione delle Reti Classe di appartenenza: Classe delle lauree specialistiche

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) L archivio è costituito dalle unità economiche che

Dettagli

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine La Visione Artificiale La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine Copyright Alcune slide sono tratte dal testo: Digital Image Processing Materiale didattico relativo si trova

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net Scheda n. 2 Alternanza Scuola Lavoro Il Progetto Rete telematica delle Imprese Formative Simulate-IFSper la diffusione dell innovazione metodologica ed organizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web:

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

U N I F E. w w w. u n i f e. i t / i n g e g n e r i a. Facoltà di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico

U N I F E. w w w. u n i f e. i t / i n g e g n e r i a. Facoltà di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico Facoltà di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico via Saragat 1 44122, Ferrara url: www.unife.it/ingegneria telefono: 0532.974800 Preside: prof. Piero Olivo e-mail: preside.ingegneria@unife.it

Dettagli

La porta d accesso alle aziende

La porta d accesso alle aziende Laurea Magistrale Economia e Management La porta d accesso alle aziende Presidente: Prof. Maria Francesca Renzi (renzi@uniroma3.it) (lm.economia.management@uniroma3.it ) Indice Obiettivi Struttura e articolazione

Dettagli

Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia

Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia Università degli Studi di Parma Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia La Sicurezza degli alimenti tema prioritario per l opinione pubblica e nell agenda dei governi mondiali

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV]

GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV] corso triennale GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV] Progetto: Flavia Pellegrini Comunicazione e informazione sono oggi presenze generalizzate e pervasive che caratterizzano ogni aspetto della quotidianità.

Dettagli

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ di Andrea Campagna Coordinatore tecnico-scientifico di progetto Project n 2S-MED11-29 Project co-funded by the European Regional Development Fund (ERDF) Dopo un anno dal

Dettagli

Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE

Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE Dati personali Nome e cognome: Davide D Amico Data di nascita: 03 Luglio 1974 Nazionalità : italiana Titoli di studio e culturali Master

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE 3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE Il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate è un articolazione del Liceo Scientifico. Oltre agli obiettivi propri del Liceo Scientifico tradizionale, il Liceo

Dettagli

Sommario. Definizione di informatica. Definizione di un calcolatore come esecutore. Gli algoritmi.

Sommario. Definizione di informatica. Definizione di un calcolatore come esecutore. Gli algoritmi. Algoritmi 1 Sommario Definizione di informatica. Definizione di un calcolatore come esecutore. Gli algoritmi. 2 Informatica Nome Informatica=informazione+automatica. Definizione Scienza che si occupa dell

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Data Mining a.a. 2010-2011

Data Mining a.a. 2010-2011 Data Mining a.a. 2010-2011 Docente: mario.guarracino@cnr.it tel. 081 6139519 http://www.na.icar.cnr.it/~mariog Informazioni logistiche Orario delle lezioni A partire dall 19.10.2010, Martedì h: 09.50 16.00

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli