FORNITURA CHIAVI IN MANO NUOVO BLOCCO OPERATORIO DA 11 SALE COMPLETO DI LOCALI ANNESSI PER L OSPEDALE DI CATTINARA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FORNITURA CHIAVI IN MANO NUOVO BLOCCO OPERATORIO DA 11 SALE COMPLETO DI LOCALI ANNESSI PER L OSPEDALE DI CATTINARA"

Transcript

1 Servizio Sanitario Regionale AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione ( D.P.C.M. 8 aprile 1993) O SPEDALI R IUNITI DI T RIESTE F ACOLTA' DI M EDICINA E C HIRURGIA FORNITURA CHIAVI IN MANO NUOVO BLOCCO OPERATORIO DA 11 SALE COMPLETO DI LOCALI ANNESSI PER L OSPEDALE DI CATTINARA ALLEGATO 3 SISTEMI IT ALLEGATO_3 Pagina 1 di 22

2 SPECIFICHE RELATIVE AL SETTORE IT 1.1 FINALITÀ La finalità del progetto presentato, per quanto riguarda il settore IT (Informatica e Telecomunicazioni), dovrà essere: di fornire connettività telematica al realizzando lotto 2 del complesso operatorio del presidio ospedaliero di Cattinara (integrato e coordinato con il già realizzato lotto 1 dello stesso e predisposto all allacciamento con il futuro terzo) realizzando una rete di telecomunicazioni d ultima generazione, a larghissima banda, in linea con le normative attuali, sicura, facilmente espandibile, integrabile ed uniforme con quanto già esistente; di fornire connettività telefonica estendendo il sistema di fonia esistente; di predisporre quanto necessario all installazione del sistema integrato di sala operatoria in via di acquisizione e rendere possibile la sua messa in funzione contemporaneamente al collaudo delle diverse sale; di dotare ciascuna sala operatoria di una stazione PACS adeguata alla diagnosi su immagini e filmati; di dotare il realizzando lotto 2 degli impianti TVCC di monitoraggio attività sale e di controllo ed accesso varchi integrati con il sistema già esistente; realizzare un sistema interoperabile e sicuro in tutto in tutti i suoi aspetti. PREMESSA E CONDIZIONI DI CONTORNO Al fine di realizzare un complesso operatorio all avanguardia e completamente informatizzato l AOUTS intende approvvigionarsi di un sistema integrato di gestione della sala la cui procedura di affidamento è in via di avviamento e si concluderà prima dell inizio della progettazione esecutiva della presente gara. Tale sistema integrato di sala operatoria sarà deputato per tutte le sale tranne per quella attrezzata per radiologia interventistica almeno alle seguenti attività: gestione delle immagini di chirurgia tradizionale e, ove del caso, laparoscopica sia a scopo di archiviazione medico legale sul sistema aziendale PACS, sia anonimizzate a scopo didattico; gestione audio e video dell ambiente sala operatoria; gestione delle apparecchiature di sala sia medicali (colonna endoscopica, tavolo operatorio, elettrobisturi, lampada scialitica etc.) che di contorno (illuminazione ambientale, telefono, etc.) da sistema integrato; ALLEGATO_3 Pagina 2 di 22

3 trasmissione audio e video bidirezionale dalla sala sia verso altre sale, stanze, aule in AOUTS sia in modo anonimo che completo, sia verso altre realtà (videoconferenza, telemedicina). Tale sistema dovrà essere installato durante la fase di realizzazione delle diverse sale dalla ditta che lo fornirà, di concerto con l aggiudicatario della presente gara, in modo da consentire il collaudo contemporaneo. Come già nelle sale in uso, ogni sala operatoria dovrà essere dotata di una stazione PACS adeguata alla diagnosi, dalla quale dovrà essere possibile accedere al PACS ed ai sistemi di cartella clinica di sala operatoria facente parte del sistema d ospedale ed in generale a tutti gli applicativi aziendali AOUTS. Su di essa dovrà inoltre essere possibile visualizzare qualunque flusso video gestito dal sistema di gestione integrata delle sale operatorie. Tutte le forniture di tipo IT dovranno rispondere alle norme in vigore, alle regole di best practice (regola dell arte) ed ai regolamenti di AOUTS, sia relativamente alla sicurezza verso il paziente e gli operatori (safety), sia alla sicurezza informatica (privacy e security), e dovranno sottostare alle politiche di sicurezza di AOUTS. L accesso al locale di centro stella/centrale telefonica è riservato ai soli gestori/manutentori dei sistemi dati e fonia rispettivamente e quindi qualunque azione in tali locali (in fase sia di installazione che di manutenzione) potrà essere fatta solo di concerto e sotto la supervisione di tali soggetti i quali sono inoltre gli unici autorizzati ad operare sulle apparecchiature attive installate in tale locale. Analogamente per il sistema di controllo degli accessi. SPECIFICHE STAZIONE PACS Dovrà essere fornita per ciascuna sala operatoria una stazione PACS da sala operatoria, adeguata alla necessaria igienizzazione, a incasso su parete, collegata a 1Gbps alla rete dati, consistente in almeno un PC di ultima generazione, medicale, da sala operatoria con lettore cd/dvd, porta USB 2.0, scheda video per l ingresso di segnali S-Video, tastiera, mouse e almeno 2 monitor medicali a colori da almeno 21 da almeno 2 MPixel cadauno atti a visualizzare immagini diagnostiche DICOM e dotati di curve di calibrazione DICOM. Ciascuna stazione PACS dovrà essere dotata di software Ebit-AET S.p.A. Dicomed Clinical Review ultima versione disponibile, installato. Il sistema nel suo complesso hardware e software dovrà essere marcato CE dispositivo medico con destinazione d uso di diagnosi su immagini radiologiche precedentemente immagazzinate sul PACS aziendale ovvero acquisite in sala operatoria stessa. ALLEGATO_3 Pagina 3 di 22

4 Oltre al collegamento elettrico e dati, dovrà essere predisposto un percorso in corrugato da tali stazioni PACS fino alla sala server/armadio dati. Riferimento ditta Esaote (Ebit-AET), PM di progetto AOUTS, dott. Carlo Fiorito, cell , SPECIFICHE PREDISPOSIZIONE PER SISTEMA INTEGRATO DI SALA OPERATORIA Poiché tipicamente i sistemi integrati di sala operatoria in commercio utilizzano cavi proprietari e/o dedicati e stesi ed attestati con logiche proprietarie, l aggiudicatario dovrà predisporre i cavedii, i vassoi porta cavi ed i corrugati necessari alla posa in opera di tutti tali cavi. Come suddetto la gara per la fornitura del sistema integrato di sala operatoria verrà aggiudicata da AOUTS prima della redazione del progetto esecutivo della presente gara in modo tale che le due ditta aggiudicatarie possano per tempo definire congiuntamente i dettagli operativi della realizzazione. Il progetto esecutivo dovrà quindi tenere in considerazione gli aspetti tecnici propri del sistema integrato di sala operatoria. Comunque la installazione del sistema integrato di sala operatoria dovrà essere realizzata da parte della ditta aggiudicataria della gara che sarà a tal fine predisposta o da chi per essa comunque previamente autorizzato da AOUTS, durante le ultime fasi di realizzazione di ciascuna sala operatoria di cui alla presente gara. Per tale installazione la ditta aggiudicataria della presente gara dovrà autorizzare l accesso in cantiere degli installatori del sistema integrato di sala operatoria per la quale il tempo massimo previsto è di 30 giorni naturali consecutivi e le modalità e la programmazione di tale attività dovrà essere concordata tra le due ditte e trasferita in un programma lavori integrato. In tale ambito la ditta aggiudicataria sarà garante della sicurezza di cantiere anche per quanto riguarda tale installazione e quindi sarà sua responsabilità la rispondenza di quanto previsto dal D.Lgs. 81/08 e quindi anche la redazione del DUVRI con gli installatori di cui trattasi. Tale DUVRI dovrà essere sottoposto a previa verifica da parte di AOUTS. Chi installerà il sistema integrato di sala operatoria dovrà installare una stazione infermieristica a parete, un monitor di controllo touch screen su un braccio della scialitica, una telecamera ambientale a parete ed un altoparlante, un pannello di collegamento dei segnali AV a parete (tipicamente accanto alla postazione infermieristica) ed un analogo pannello di collegamento dei segnali AV sul pensile chirurgico. Inoltre chi installerà il sistema integrato di sala operatoria dovrà collegare il sistema scialitico, il monitor di visualizzazione fornito su un braccio della scialitica, la telecamera di campo ALLEGATO_3 Pagina 4 di 22

5 operatorio fornita sul sistema scialitico e gli apparecchi medicali (attraverso il pensile chirurgico) nonché i sistemi di sala quali il telefono e l illuminazione ambientale. Considerato tutto ciò la ditta aggiudicataria di questa gara dovrà posare i vassoi porta cavi ed i corrugati da ognuna di queste attrezzature, come di seguito descritto. La sala server/armadio dati dovrà essere collegata con l analoga sala server realizzata nell ambito del lotto 1. Pertanto dovrà essere predisposto un vassoio porta cavi da 20 cm dal punto di raccordo già predisposto al limite della zona lotto 1 (al di fuori dalla zona di cantiere del presente lotto 2) fino alla sala server/armadio dati. In tale sala server/armadio dati dovranno essere predisposte 10 calate ispezionabili da 20 cm fino a 50 cm da terra, ossia una per ogni armadio-server di sala. La sala server/armadio dati dovrà essere attrezzata per alloggiare almeno 10 armadi/server tipo rack di ingombro minimo 70x70x220 cm, generalmente montati su ruote, anche affinché siano accessibili facilmente sia per l uso quotidiano che per la manutenzione. A ciascun server/armadio di sala dovranno essere portate almeno le seguenti utenze: 1 alimentazione elettrica da 3 kw dal trasformatore di isolamento della relativa sala; 1 cavo equipotenziale di terra dal nodo della sala; 1 linea telefonica (numero interno di sala); 8 connessioni di rete LAN. Le linee dati e le linee telefoniche devono essere portate in scatole a parete. Ciascuno di questi 10 server/armadi rack dovrà essere collegato alla relativa sala operatoria attraverso dei vassoi porta cavi da 20 cm che ospiteranno tutti i cavi necessari all integrazione. I vassoi devono raggiungere tutti i pensili (passando all interno del controsoffitto fino al livello delle piastre di ancoraggio) e tutte le attrezzature installate a parete (attraverso due tubi corrugati di ø 32 mm che colleghino il vassoio a scatole da incasso di circa 15 cm). Dovranno essere portati due tubi corrugati di ø 32 mm dal vassoio porta cavi in controsoffitto fino a ciascuno degli oggetti collegati a parete ossia la stazione infermieristica, costituita da un monitor da 15, mouse e tastiera; una telecamera ambientale che andrà collocata in posizione tale da non avere ostacoli e poter inquadrare la zona operatoria; una cassa amplificata per il ritorno audio, un pannello di collegamento dei segnali AV tipicamente collocato accanto alla stazione infermieristica, un analogo pannello di collegamento dei segnali AV sul il pensile chirurgico e la stazione PACS. Inoltre dal termine dei vassoi porta cavi posti alla base delle piastre di ancoraggio dovranno essere resi disponibili i passaggi cavi verso tutti i pensili e la scialitica ed i suoi bracci. Al fine di garantire il controllo da sistema integrato di sala anche delle luci ambientali l impianto di luce ambientale (bianca) dovrà essere comandato da relè a contatti puliti (max 12V) e ALLEGATO_3 Pagina 5 di 22

6 possibilmente essere sezionato in due circuiti. Inoltre ciascuna sala dovrà preferibilmente essere dotata di luci blu che migliorano la visione durante interventi in endoscopia o laparoscopia e per tali luci blu sarà necessario collocare 2 o 3 plafoniere aggiuntive su un terzo circuito sempre comandato da un relè a contatti puliti. Le tre coppie di cavi in parallelo ai pulsanti o ai relè delle luci di sala dovranno essere portate in sala server/armadio dati. Anche i cavi di controllo delle lampade scialitiche e della telecamera di campo operatorio e del monitor di visualizzazione sul sistema scialitico dalla loro scatola di controllo vanno portati in sala server/armadio dati. Le lampade scialitiche per essere controllabili dal sistema devono essere dotate di porta RS-232 o comandi a relè. Anche la telecamera di campo operatorio su sistema scialitico deve essere dotata di porta RS- 232 e di uscita video HD-DVI o HD-SDI. Il monitor sul primo braccio porta monitor del sistema scialitico deve essere LCD Full HD (standard 1080p) di almeno 23 dotato di ingresso HD-DVI e connettore LC per collegamento a fibra ottica e ingresso di controllo RS232. Il tavolo operatorio per poter essere gestito deve essere fornito completo di interfaccia IR. RETE DATI - PARTE PASSIVA Al fine di garantire l ottimale funzionamento di tutto il sistema sale nel suo complesso andrà realizzata una rete telematica che tenga conto e risponda in maniera adeguata e completa alle esigenze attuali, che sia in linea con il resto della rete d ospedale, di ultima generazione e a larghissima banda, ma che sia in linea anche con le prevedibili situazioni future, sia per quanto concerne l uso, sempre più avanzato e diffuso, degli strumenti telematici in sanità, sia per quanto riguarda le evoluzioni dei sistemi di connessione telematica. A ciò si aggiunge la necessità di connettività telefonica tradizionale. CABLAGGIO ORIZZONTALE Dal punto di vista passivo dovrà quindi essere realizzata una rete di tipo strutturato. Il cablaggio orizzontale dovrà essere realizzato impiegando cavi di tipo Ethernet Systimax Solution UTP categoria 6, ossia a 1Gbps entro i 100m al singolo punto rete, tutte LSZH. Si differenzieranno poi tra dati e fonia nell armadio di piano che dovrà essere posto in sala server/armadio dati. In tutti i locali di gruppo 2 e 1 secondo la classificazione CEI 64-8 va prevista per ogni presa di rete l interruzione galvanica della linea dati per mezzo di apposito dispositivo di separazione passivo (separation device) conforme alla norma CEI EN Il dispositivo va installato in ALLEGATO_3 Pagina 6 di 22

7 ciascuna scatola che contiene il frutto delle prese RJ45 o in alternativa, ove tecnicamente possibile, a livello di rack in armadio dati di piano. I suddetti dispositivi devono garantire come dato di targa la banda prevista della distribuzione orizzontale della sezione di LAN aziendale in oggetto, ovvero 1 Gbps. I punti rete dotati di dispositivo di separazione dovranno essere opportunamente contrassegnati in modo coerente con quanto già realizzato nell ambito del lotto 1, in modo da distinguerli dai punti rete non dotati di dispositivo di separazione. Dovrà inoltre essere possibile contrassegnare in modo evidente le prese che apparterranno a diverse VLAN. Le canale dedicate alla rete dati (sia cablaggio orizzontale che verticale) dovranno essere separate e non condivise con quelle della rete elettrica; la semplice separazione da un setto non è ritenuta adeguata. Le prese di rete strutturata dovranno essere in numero e posizione adeguati a garantire la funzionalità di tutte le apparecchiature e in generale equipaggiamenti e impianti collegati alla rete ed alle esigenze tecnico/organizzative. La distribuzione dovrà garantire un numero di prese ragionevolmente ridondato in modo da garantire la necessaria flessibilità e l opportuna futura possibilità di diverso utilizzo tecnico funzionale. Ogni gruppo di prese a parete dovrà essere costituito al minimo da una tripla, e per ogni area destinata ad attività di studio o ristoro dovrà essere previsto un gruppo almeno per ogni posto di lavoro. Almeno un gruppo dovrà essere comunque previsto anche nei locali ad uso deposito, tecnico etc. In particolare, come già indicato nel capitolato, dovranno essere realizzate anche prese aggiuntive sui pensili e nel dettaglio: 2 prese su ciascun pensile di anestesia di ciascuna sala; 3 prese su ciascun pensile chirurgico di ciascuna sala; 2 prese sui pensili di ciascun posto letto di preparazione e risveglio. Inoltre andrà realizzata una seconda rete passiva distinta con un pannello di attestazione diverso e a ciò dedicato in armadio dati di piano, galvanicamente separata in modo identico a come sopra descritto, per il collegamento di un eventuale sistema di monitoraggio paziente non oggetto di questa gara. Dovranno essere realizzati e fatti afferire a tale rete almeno 2 punti in area controllo caposala, alcuni punti rete posti in luoghi adeguati ad un collegamento con monitor portatile, e un punto aggiuntivo per ciascun pensile di ciascun posto letto dell area di preparazione e risveglio. Tutti questi punti rete predisposti per il sistema di monitoraggio dovranno essere opportunamente contrassegnati in modo coerente con quanto già realizzato nell ambito del lotto 1 in modo da distinguerli chiaramente dagli altri punti rete. ALLEGATO_3 Pagina 7 di 22

8 Eventuali altre reti dati per controllo o allarmi impiantistici potranno essere realizzate con il vincolo che siano completamente separate con cablaggio verticale ed orizzontale distinto ed armadio ed apparati attivi in esso distinti. Le prese afferenti a tali eventuali impianti non devono essere liberamente accessibili agli operatori. Le singole prese dovranno risultare facilmente identificabili mediante etichettatura comprensiva della numerazione dell armadio di terminazione. Per la sintassi di numerazione delle prese telematiche andranno seguite le regole che verranno indicate all aggiudicatario. (Esempio di numerazione: AR T P4 NNN - Armadio T, piano 4, presa numero NNN). L intero cablaggio orizzontale comprensivo di cavi, blocchetti, prese RJ45 e patch panel e ogni altro accessorio necessario al suo funzionamento dovrà essere realizzato in modo da garantire lo standard previsto ed uniforme e dovrà essere consegnato con ogni singola presa, ogni singola fibra e in toto, certificato da partner Systimax autorizzato e con certificato di garanzia ventennale Systimax. Alla consegna degli impianti quindi dovranno essere rilasciate le documentazioni attestanti gli esiti positivi dei collaudi e delle suddette certificazioni, i certificati Systimax di garanzia ventennale, le planimetrie e gli schemi dell impianto di rete in formato CAD con la stessa numerazione riportata sulle prese. CABLAGGIO VERTICALE Per quanto riguarda il cablaggio verticale va realizzato un doppio collegamento tra l armadio rete di piano (posto nella stanza server/armadio dati) ed il centro-stella principale d edificio, denominato CS_A, (collocato c/o stanza Centrale Telefonica al 3 piano della piastra di Cattinara). Tale doppio collegamento deve essere realizzato attraverso percorsi separati al fine di garantire la massima ridondanza. Va quindi effettuata la posa di due cavi, da almeno 6 coppie di FO ciascuno, Avaya Systimax LazrSpeed Solution 50/125 µm OM3, adeguati alla trasmissione dati con standard Ethernet a 10Gbps sulla distanza da percorrere. Le canalizzazioni di collegamento dell armadio con il centro stella d ospedale, realizzate per ospitare le fibre ottiche dovranno essere segnalate nella loro totale lunghezza da apposita etichettatura ed avere 50mm di diametro. ARMADIO DI PIANO Andrà fornito un armadio dati di piano dedicato all area oggetto dell opera. Esso andrà collocato in stanza server/armadio dati, in posizione facilmente accessibile ai fini manutentivi, ma sufficientemente defilata dalla normale attività operativa. L armadio dovrà essere di tipo analogo al modello RITAL 800x800 da almeno 42unità, tetto con ventilazione forzata, termostato, anta trasparente con serratura, completo di barra di alimentazione da rack 19, passacavi sia orizzontali che verticali e di tutti gli altri accessori ALLEGATO_3 Pagina 8 di 22

9 necessari. All interno dell armadio dovranno inoltre venire installati i pannelli di attestazione (patch panel) e gli adattatori/connettori. Si dovrà far riferimento allo standard Systimax LazrSpeed Solution. Stante la delicatezza delle apparecchiature elettroniche che andranno installate nell armadio di piano ed allo scopo di mantenere la continuità del servizio, è indispensabile che l alimentazione sia derivata dalle linee della continuità assoluta. Si sottolinea che gli apparati che andranno a funzionare nell armadio non sono in grado di sopportare sbalzi di corrente/sovratensioni ne disturbi generici tipicamente causati da carichi induttivi o capacitivi presenti sulle stesse linee. Andrà quindi comunque fornito anche un UPS tampone. La potenza messa a disposizione dell armadio dovrà tenere conto della massima configurazione dell armadio stesso, anche nell ottica di sviluppi futuri. STANZA SERVER/ARMADIO DATI Considerato che nella stanza server/armadio dati andranno installati almeno i 10 server rack per il sistema integrato di sala operatoria e l armadio di rete dati con tutti gli apparati attivi, tale stanza dovrà essere impiantisticamente adeguata con sistemi tipici da CED (Centro Elaborazione Dati). Dovrà quindi essere previsto almeno un sistema di condizionamento adeguato e ridondato con linee di alimentazione separate e sistema di teleallarme di temperatura, un sistema di rilevazione incendi, un eventuale sistema di spegnimento incendi, oltre all alimentazione elettrica con le caratteristiche minime suddette. L accesso alla stanza in oggetto dovrà essere ristretto e l apertura della porta, per il personale autorizzato, dovrà essere prevista con badge come descritto nel seguito ( CONTROLLO ACCESSI ). RETE DATI - PARTE ATTIVA Attualmente la rete dati del presidio di Cattinara è nel suo complesso una rete dati uniforme per marca per quanto riguarda gli apparati attivi. Tale rete è però in fase di completo aggiornamento con sostituzione totale degli apparati nell anno in corso. Poiché tale aggiornamento seguirà comunque la logica della totale uniformità e ciò dovrà essere garantito a regime anche nelle sale operatorie, in questa fase dovranno essere forniti apparati attivi della serie 3Com 5500 che eventualmente negli anni a seguire potranno essere riutilizzati utilmente da AOUTS presso il presidio dell ospedale Maggiore, già uniforme in tal senso. Tutti i singoli apparati dovranno aver stampigliato in modo chiaro ed indelebile il numero di serie ed essere corredati da garanzia originale 3com valida per il territorio Italia. ALLEGATO_3 Pagina 9 di 22

10 Lo stack dovrà essere dimensionato in numero e tipologia di apparati per garantire una configurazione ridondata che sfrutti al meglio la realizzata ridondanza del cablaggio verticale. Inoltre le porte del cablaggio verticale dovranno garantire i 10Gbps e quelle del cablaggio orizzontale il Gbps. Il numero degli apparati dovrà permettere l attestazione per tutte le prese di rete dati utilizzate fin dal primo utilizzo delle sale (comprensive quindi di tutte quelle necessarie per il corretto funzionamento del sistema integrato di sale operatorie, di tutte le postazioni di lavoro, di tutti gli impianti etc.) e di almeno la metà delle prese di rete dati installate non inizialmente utilizzate. Tutte le prese di rete utilizzate fin dal primo utilizzo delle sale dovranno essere attestate a carico dell aggiudicatario utilizzando cavi patch Systimax categoria 6. Al fine di rendere funzionante l impianto rete dati nel suo complesso sarà necessario installare e configurare tutti gli apparati attivi in armadio di piano, attestare in essi le fibre ottiche e inoltre attestare le stesse in centro stella di ospedale installando gli accessori necessari e configurare in esso gli apparati attivi. La configurazione di tutti gli apparati attivi e l allaccio dei nuovi alla rete ospedaliera dovrà essere effettuata solo da Mercurio S.p.A., società in house della regione FVG per la gestione delle reti dati e conseguentemente unico manutentore e gestore anche della rete dati di AOUTS e autorizzato all acceso ai locali di centro stella. L aggiudicatario dovrà quindi portare i due cavi in FO al locale di centro stella a cui avrà accesso solo previo accordo con Mercurio la quale inoltre, con oneri a carico dell aggiudicatario, provvederà all installazione dei necessari accessori sugli apparati attivi, all attestazione dei cavi in FO ed alla configurazione degli apparati. Mercurio provvederà inoltre, sempre con oneri a carico dell aggiudicatario, anche alla configurazione degli apparati attivi dell armadio di piano. I soli accessori e materiali necessari per l attestazione delle FO lato centro stella saranno a carico di AOUTS. Riferimento per Mercurio, responsabile Network Operations, ing. Fabio Del Torre, , Per quanto riguarda la rete dati per il monitoraggio, non andranno forniti apparati attivi. RETE FONIA La centrale telefonica di AOUTS è un Avaya Communication Manager, gestita e mantenuta da Delco, unica autorizzata alla gestione ed integrità del sistema telefonico ed in tale ambito anche unica autorizzata all accesso nel locale di centrale sito al terzo piano. ALLEGATO_3 Pagina 10 di 22

11 La ditta aggiudicataria dovrà quindi realizzare tutto l impianto fonia in locali diversi dal locale centrale telefonica, dovrà fornire le schede di centrale digitali TN2214CP e conseguentemente il numero necessario di telefonici digitali Avaya, tutti i materiali necessari alla completa messa in opera del sistema di fonia sia lato armadio di piano sia lato centrale quali cavi di permutazione telefonica in armadio di piano, strisce di permutazione di centrale della tipologia di quelle già in uso, cavi tipo Anphenol B.25A dal permutatore alle schede di centrale, etc. L aggiudicatario dovrà inoltre portare due cavi multi coppia 100 coppie cadauno dall armadio dati fino al locale di centrale telefonica a cui avrà accesso solo previo accordo con Delco la quale inoltre, con oneri a carico dell aggiudicatario, provvederà all attestazione dei cavi multi coppia sui pannelli di permutazione, all installazione delle schede in centrale e alla configurazione software della stessa. Nell immediato esterno di ogni sala dovrà esserci un telefono, mentre dall interno si potrà telefonare grazie al sistema integrato di sala operatoria cui la fonia deve essere interfacciata; in tutti gli altri locali e alle postazioni di lavoro ad uso del personale medico ed infermieristico dovranno essere installati in adeguato numero apparecchi telefonici digitali Avaya. Riferimento Delco, PM per AOUTS, ing. Mario Andreotti, tel , SISTEMI TVCC Nelle zone di accesso delle aree ristrette, oggetto della presente gara, per le quali si deve operare una limitazione ed un controllo delle entrate garantendo l ingresso solo al personale ed alle persone autorizzate, dovranno essere previsti impianti di videosorveglianza TVCC con impiego di telecamere con centralizzazione delle immagini. Per quanto concerne il sistema TVCC relativo al realizzando complesso operatorio, vanno installati presso la postazione di caposala del reparto e presso eventuali aree lavoro infermieri opportuni monitor per la visualizzazione in continuo delle immagini dei varchi del complesso stesso. Per quanto concerne il sistema TVCC relativo all area dipartimentale, vanno installati presso la postazione di segreteria dipartimentale opportuni monitor per la visualizzazione in continuo delle immagini dei varchi dell area dipartimentale stessa. Presso tutti i varchi suddetti, normalmente chiusi, dovranno essere installati opportuni interfoni a singola chiamata per consentire ai non autorizzati di richiedere a voce l ingresso; per il personale autorizzato dovrà essere fornita l estensione del sistema di lettori di badge, già in uso presso AOUTS, come descritto nel seguito ( CONTROLLO ACCESSI ). ALLEGATO_3 Pagina 11 di 22

12 Va inoltre realizzato un sistema TVCC, configurabile dal punto di vista logico a seconda delle esigenze, che consenta il monitoraggio continuo dell attività operatoria di ciascuna sala, allo scopo di fornire al caposala del realizzando complesso gli strumenti necessari per la migliore organizzazione dei flussi operatori. A tal fine va installata almeno una telecamera ambientale per ciascuna delle 11 sale, adeguata alla destinazione d uso in oggetto, posizionata opportunamente ed estranea al sistema integrato di sala operatoria di cui sopra (ancora da aggiudicare). Per la centralizzazione delle immagini, vanno installati presso la postazione di caposala del reparto e presso eventuali aree lavoro infermieri opportuni monitor per la visualizzazione in continuo delle immagini delle sale operatorie. Il sistema TVCC delle sale operatorie potrà essere integrato o parte integrante del sistema TVCC dei varchi del complesso operatorio. Tutti i sistemi TVCC forniti non dovranno in alcun modo essere collegati o collegabili alla rete LAN di AOUTS e non dovranno consentire la registrazione delle immagini oltre i termini individuati dalla legislazione vigente sul trattamento dei dati personali (D.Lgs. 196/03). Dovrà inoltre essere realizzata l opportuna cartellonistica prevista nelle aree video sorvegliate, secondo quanto indicato dalla suddetta legislazione e coerentemente con quanto già realizzato presso AOUTS. CONTROLLO ACCESSI Sia per quanto riguarda l accesso ai varchi delle aree ristrette di cui sopra, sia per l accesso alla stanza server/armadio dati e sia per eventuali altri accessi proposti dall aggiudicatario, va esteso il sistema di autenticazione per mezzo di badge magnetici già installato presso AOUTS. Il concentratore/server dei segnali provenienti da ciascun lettore è installato presso il locale centrale telefonica sito al terzo piano. Il sistema nel suo complesso è gestito e mantenuto dalla ditta ELSI, unica autorizzata alla gestione ed integrità del sistema e anche unica autorizzata in tal senso all accesso nel locale di centrale sito al terzo piano. Il riferimento AOUTS per la ditta ELSI è l ing. Simone Fasano, cell , In particolare vanno installate opportune elettroserrature e un lettore di badge per ciascun accesso, ognuno collegato con due linee dati ed una di alimentazione (12 V cc), per un totale di 4 coppie. Ai fini di tali collegamenti possono essere utilizzati cavi UTP standard secondo una delle due configurazioni di seguito: 2 cavi UTP di categoria 3 per ciascun lettore (uno dedicato ai dati ed uno dedicato all alimentazione utilizzando le due coppie in parallelo), altrimenti 1 cavo UTP di categoria 5 o superiore per ciascun lettore (con le quattro coppie così utilizzate: una coppia per i dati, due coppie in parallelo per l alimentazione). ALLEGATO_3 Pagina 12 di 22

Specifiche caratteristiche richieste

Specifiche caratteristiche richieste Specifiche caratteristiche richieste TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 1/12/2013. Il canone di locazione verrà, in ogni caso, corrisposto a far data dal primo giorno del mese

Dettagli

BANDO DI GARA AVVISO DI PRECISAZIONE 26/10/2012

BANDO DI GARA AVVISO DI PRECISAZIONE 26/10/2012 BANDO DI GARA Progettazione, Fornitura e posa in opera, avvio operativo, collaudo e manutenzione in garanzia di un sistema di controllo autorizzato degli accessi al centro della Città di Prato AVVISO DI

Dettagli

Specifiche caratteristiche richieste

Specifiche caratteristiche richieste Specifiche caratteristiche richieste TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 1/12/2013. Il canone di locazione verrà in ogni caso corrisposto a far data dal primo giorno del mese

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 31/10/2015. Il canone di locazione verrà corrisposto a far data dal giorno successivo alla consegna. INFORMAZIONI GENERALI Il presente documento

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE 1- Premessa 2- Tipologia della prestazione 3- Consistenza apparati di rete e macchine server 4- Luoghi di espletamento

Dettagli

Impresa: Ragione Sociale. Città..(Provincia) Indirizzo.Tel

Impresa: Ragione Sociale. Città..(Provincia) Indirizzo.Tel UNI EN ISO 9001:2008 ALL. 3/1 QUESTIONARIO TECNICO PER SISTEMI DI MONITORAGGIO PAZIENTI, SISTEMI DA ANESTESIA E VENTILATORI PER NIV PER REPARTI VARI DEL NUOVO BLOCCO NORD DELL OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA

Dettagli

ALLEGATO A TERMINI DI CONSEGNA

ALLEGATO A TERMINI DI CONSEGNA TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 01/07/2016. Il canone di locazione verrà corrisposto a far data dal giorno successivo alla consegna. INFORMAZIONI GENERALI Il presente documento

Dettagli

[ARCHITETTURA DI RETE ITIS TERAMO]

[ARCHITETTURA DI RETE ITIS TERAMO] Scuol@2.0 ITIS Teramo [ARCHITETTURA DI RETE ITIS TERAMO] Progetto di massima della rete che si vuole realizzare per implementare il progetto "Patto per la Scuol@2.0" Prof.Mauro De Berardis Progetto della

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO del DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO del DISCIPLINARE DI GARA ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO PIERO CALAMANDREI Corso Benedetto Croce 17 10135 Torino Codice Fiscale 80095890010 codice Meccanografico TOMM26100N Tel. 011613607 3173292 email: tomm26100@istruzione.it

Dettagli

Oggetto: Avviso di gara a licitazione privata per contratto di manutenzione ed assistenza tecnica informatica hardware/software

Oggetto: Avviso di gara a licitazione privata per contratto di manutenzione ed assistenza tecnica informatica hardware/software Prot. n. 3318/C15 Cava de Tirereni,29/10/2014 Oggetto: Avviso di gara a licitazione privata per contratto di manutenzione ed assistenza tecnica informatica hardware/software IL DIRIGENTE SCOLASTICO. Vista

Dettagli

LOTTO N 6. N 1 PORTATILE DI RADIOGRAFIA PER ESAMI A POSTO LETTO per il P.O. San Martino di Oristano. SPECIFICHE TECNICHE

LOTTO N 6. N 1 PORTATILE DI RADIOGRAFIA PER ESAMI A POSTO LETTO per il P.O. San Martino di Oristano. SPECIFICHE TECNICHE LOTTO N 6 N 1 PORTATILE DI RADIOGRAFIA PER ESAMI A POSTO LETTO per il P.O. San Martino di Oristano. SPECIFICHE TECNICHE L apparecchiatura in oggetto dovrà essere caratterizzata da prestazioni di altissimo

Dettagli

Allegato 5. Definizione delle procedure operative

Allegato 5. Definizione delle procedure operative Allegato 5 Definizione delle procedure operative 1 Procedura di controllo degli accessi Procedura Descrizione sintetica Politiche di sicurezza di riferimento Descrizione Ruoli e Competenze Ruolo Responsabili

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza delle Informazioni. Ver. 1.00

Documento Programmatico sulla Sicurezza delle Informazioni. Ver. 1.00 Documento Programmatico sulla Sicurezza delle Informazioni Ver. 1.00 20 Ottobre 1998 InfoCamere S.C.p.A. Documento Programmatico sulla Sicurezza delle Informazioni Indice 1. Introduzione...3 2. Principi

Dettagli

STRUTTURA AZIENDALE PROVVEDITORATO ECONOMATO IL DIRIGENTE RESPONSABILE: DR. DAVIDE A. DAMANTI CAPITOLATO TECNICO

STRUTTURA AZIENDALE PROVVEDITORATO ECONOMATO IL DIRIGENTE RESPONSABILE: DR. DAVIDE A. DAMANTI CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI COTTIMO FIDUCIARIO AI SENSI DELL ART. 125 DEL D. LGS. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA E MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA HARDWARE E

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera consiglio comunale n. 175 del 22/11/2006 Modificato con delibera consiglio comunale n. 36 DEL 14/03/2013

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI 84 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI ADOTTATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 310/215 PROP.DEL. NELLA SEDUTA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (art. 30 del D.Lgs. 163/2006)

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (art. 30 del D.Lgs. 163/2006) COMUNE DI IMPRUNETA Provincia di Firenze CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (art. 30 del D.Lgs. 163/2006) ALLEGATO Interventi sugli impianti elettrici Il Responsabile

Dettagli

GESTIONE DELLA RETE INFORMATICA

GESTIONE DELLA RETE INFORMATICA Documento Sistema di Gestione Qualità ISO 9001:2000 Area Settore/ Servizio Processo Rev. Data STA EDP P01 02 Novembre 10 GESTIONE DELLA RETE INFORMATICA TIPO DI PROCEDURA: di supporto AREA DI RIFERIMENTO:

Dettagli

14/06/2004. Modalità controllo Verifica in campo Periodicità controllo Annuale. Tipologia Misura Fisica Data ultimo aggiornamento 15/12/2005

14/06/2004. Modalità controllo Verifica in campo Periodicità controllo Annuale. Tipologia Misura Fisica Data ultimo aggiornamento 15/12/2005 ID Misura M-001 Compilata Boscolo Paolo Data da Descrizione sintetica Impianto di allarme Gli spazi interessati alla misura in oggetto sono dotati di impianto di allarme in grado di rilevare e segnalare

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE

INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE Il presente documento sulla privacy policy (di seguito, Privacy Policy ) del sito www.fromac.it (di seguito, Sito ), si conforma alla privacy policy del sito del Garante per

Dettagli

Risposta n. 1. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA P.zza dell Ateneo Nuovo, 1 20126 Milano

Risposta n. 1. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA P.zza dell Ateneo Nuovo, 1 20126 Milano Oggetto: procedura aperta per l'affidamento della fornitura e posa in opera di sistema audiovisivo in streaming, completo di apparecchiature ed attrezzature, dalla sala operatoria c/o Ospedale S. Gerardo

Dettagli

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Committente : Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Titolo : Manutenzione e Formazione Descrizione : Implementazione del numero delle postazioni dei sistemi

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO RIORDINO CABLAGGIO HARDWARE RETI INFORMATICHE E WI-FI DIDATTICA E SEGRETERIA

CAPITOLATO TECNICO RIORDINO CABLAGGIO HARDWARE RETI INFORMATICHE E WI-FI DIDATTICA E SEGRETERIA CAPITOLATO TECNICO RIORDINO CABLAGGIO HARDWARE RETI INFORMATICHE E WI-FI DIDATTICA E SEGRETERIA GENERALITA Per la formulazione delle quotazioni relative alle forniture ed opere riportate a seguire è indispensabile

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / /

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / INDICE CAPO I FINALITA - AMBITO DI APPLICAZIONE - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 30.11.2004 REGOLAMENTO PER

Dettagli

Regolamento relativo all'accesso, uso e gestione della Rete Informatica del Comune di CAVERNAGO

Regolamento relativo all'accesso, uso e gestione della Rete Informatica del Comune di CAVERNAGO Regolamento relativo all'accesso, uso e gestione della Rete Informatica del Comune di CAVERNAGO Deliberazione di giunta Comunale del 02-04-2015 Pagina 1 di 10 ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE Il

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Adottato dal C.C. con delibera n. 57 del 28/07/2008 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

Prescrizioni speciali per impianti di cablaggio strutturato Versione 2 del 19 Novembre 2012 pagina 1 di 5

Prescrizioni speciali per impianti di cablaggio strutturato Versione 2 del 19 Novembre 2012 pagina 1 di 5 pagina 1 di 5 1. Informazione importante Le seguenti prescrizioni speciali fanno parte integrante del capitolato di appalto e devono essere completate, dove richiesto, da parte dell Assuntore. E compito

Dettagli

Introduzione CLINOS 21

Introduzione CLINOS 21 Introduzione CLINOS 1 Indice Generalità Il sistema CLINOS 1... / I vantaggi del sistema... /3 Struttura della rete di comunicazione... /4 Caratteristiche e criteri operativi... /6 Sicurezza e manutenzione...

Dettagli

OGGETTO: Procedura Aperta per l affidamento della gestione in service del Laboratorio di AVVISO A TUTTE LE DITTE PARTECIPANTI

OGGETTO: Procedura Aperta per l affidamento della gestione in service del Laboratorio di AVVISO A TUTTE LE DITTE PARTECIPANTI Via Unità Italiana, 28-81100 Caserta SERVIZIO PROVVEDITORATO/ECONOMATO Tel. 0823/44.5226 Fax 0823/279581 OGGETTO: Procedura Aperta per l affidamento della gestione in service del Laboratorio di Emodinamica

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA ALLEGATO B.1 MODELLO PER LA FORMULAZIONE DELL OFFERTA TECNICA Rag. Sociale Indirizzo: Via CAP Località Codice fiscale Partita IVA DITTA DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA Specifiche minime art. 1 lett.

Dettagli

1 Prerequisiti per i locali

1 Prerequisiti per i locali ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO TECNICO PER LA GESTIONE DELLA CENTRALE UNICA DI ASCOLTO PER IL SERVIZIO DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE, ATTIVAZIONE DEL PERSONALE MEDICO REPERIBILE DELL AREA DI PREVENZIONE, IGIENE

Dettagli

Palazzo di Giustizia "Bruno Caccia" di Torino LISTA DELLE VOCI DI PREZZO PIU' SIGNIFICATIVE

Palazzo di Giustizia Bruno Caccia di Torino LISTA DELLE VOCI DI PREZZO PIU' SIGNIFICATIVE Città di Torino Settore Grandi Opere Edilizie Palazzo di Giustizia "Bruno Caccia" di Torino Opere di completamento per la sicurezza passiva Progetto definitivo LISTA DELLE VOCI DI PREZZO PIU' SIGNIFICATIVE

Dettagli

Allegato 4 elementi inerenti l informatizzazione

Allegato 4 elementi inerenti l informatizzazione Allegato 4 elementi inerenti l informatizzazione SOFTWARE PER LA GESTIONE DEL MAGAZZINO DEGLI AUSILI TERAPEUTICI 1. INFRASTRUTTURA... 2 2. CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE... 2 3. ELABORAZIONI... 3 4. TEMPI

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO GARA PER L ACQUISIZIONE DI UN SISTEMA DI SICUREZZA ANTIVIRUS CENTRALIZZATO PER IL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

CAPITOLATO TECNICO GARA PER L ACQUISIZIONE DI UN SISTEMA DI SICUREZZA ANTIVIRUS CENTRALIZZATO PER IL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Allegato 5 CAPITOLATO TECNICO GARA PER L ACQUISIZIONE DI UN SISTEMA DI SICUREZZA ANTIVIRUS CENTRALIZZATO PER IL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE 1 INDICE 1 Introduzione... 3 2 Oggetto della Fornitura...

Dettagli

AMPLIAMENTO DEL PERCORSO MUSEALE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SUGLI IMPIANTI

AMPLIAMENTO DEL PERCORSO MUSEALE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SUGLI IMPIANTI 1 COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO (PROVINCIA DI PERUGIA) PROGRAMMA URBANO COMPLESSO PUC 2/2008 (D.G.R.351/08) LA CITTA DEL LAGO CENTRO STORICO AREA MONUMENTALE AMPLIAMENTO DEL PERCORSO MUSEALE PROGETTO

Dettagli

Contratto Assistenza Hardware - Software

Contratto Assistenza Hardware - Software Rimini, 2015. PARTNER E CERTIFICAZIONE: Computer NEXT Solutions S.r.l. Sede amministrativa = Via Emilia Vecchia 75 - CAP 47922 Rimini (RN) Sede legale = Via Don Minzoni 64, CAP 47822, Santarcangelo di

Dettagli

Riscontri a richieste di chiarimento/informazioni pervenute alla data del 31 marzo 2011 sulla proceduta di gara sopra indicata

Riscontri a richieste di chiarimento/informazioni pervenute alla data del 31 marzo 2011 sulla proceduta di gara sopra indicata Riscontri a richieste di chiarimento/informazioni pervenute alla data del 31 marzo 2011 sulla proceduta di gara sopra indicata Le risposte sono riportate di seguito a ciascun quesito QUESITI RELATIVI AL

Dettagli

Capire i benefici di una rete informatica nella propria attività. I componenti di una rete. I dispositivi utilizzati.

Capire i benefici di una rete informatica nella propria attività. I componenti di una rete. I dispositivi utilizzati. LA RETE INFORMATICA NELL AZIENDA Capire i benefici di una rete informatica nella propria attività. I componenti di una rete I dispositivi utilizzati I servizi offerti LA RETE INFORMATICA NELL AZIENDA Copyright

Dettagli

TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA DITTA OFFERENTE: Pagina 1 di 8

TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA DITTA OFFERENTE: Pagina 1 di 8 1 INFORMAZIONI GENERALI SULL'APPARECCHIATURA 1.01 Tipologia Descrizione, Codice CIVAB 1.02 Modello Descrizione, Codice CIVAB 1.03 Produttore Descrizione, Codice CIVAB 1.04 Codice Capitolato di riferimento

Dettagli

Regolamento in materia di videosorveglianza

Regolamento in materia di videosorveglianza Regolamento in materia di videosorveglianza 1 Art. 1 Finalità L Azienda Ospedaliera di Desenzano del Garda (di seguito denominata Azienda) attua un sistema di videosorveglianza esclusivamente per lo svolgimento

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

INVERTER FOTOVOLTAICI SERIE INGECON SUN

INVERTER FOTOVOLTAICI SERIE INGECON SUN INVERTER FOTOVOLTAICI SERIE INGECON SUN Procedura di aggiornamento firmware inverter Ingeteam serie Ingecon Sun Lite Tel. + 39 0546 651490 Fax: +39 0546 655391 e-mail: italia.energy@ingeteam.com Pagina

Dettagli

So.Ge.A.Al. S.p.A. Pagina 1

So.Ge.A.Al. S.p.A. Pagina 1 PRIVACY POLICY AZIENDALE La presente pagina informa tutti i Clienti, Visitatori, Collaboratori esterni e Fornitori circa le logiche e le policy di gestione dei dati personali presso la Società di Gestione

Dettagli

Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi.

Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi. Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi.it @Pec: info.afnet@pec.it Web: http://www.afnetsistemi.it E-Commerce:

Dettagli

Oggetto: riepilogo circolare

Oggetto: riepilogo circolare Oggetto: riepilogo circolare Direzione Generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l istruzione e per l innovazione digitale. Avviso pubblico rivolto

Dettagli

Allegato B) Specifiche di manutenzione ordinaria

Allegato B) Specifiche di manutenzione ordinaria Allegato B) Specifiche di manutenzione ordinaria B)-1 Manutenzione ordinaria programmata dei siti periferici e del centro di controllo 1. La manutenzione programmata da effettuarsi almeno due volte all

Dettagli

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano Codice Ente 11123

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano Codice Ente 11123 COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano Codice Ente 11123 N. 30 Reg. Delib. G.C. Seduta del 17/03/2006 OGGETTO: REVISIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI PER L

Dettagli

Elementi per la stesura del Documento Programmatico sulla Sicurezza 2009 RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI UTILI AI FINI DELL AGGIORNAMENTO DEL DPS 2009

Elementi per la stesura del Documento Programmatico sulla Sicurezza 2009 RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI UTILI AI FINI DELL AGGIORNAMENTO DEL DPS 2009 RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI UTILI AI FINI DELL AGGIORNAMENTO DEL DPS 2009 Premessa Le informazioni di seguito riportate sono riferite a tutto ciò che attiene (dal punto di vista logistico, organizzativo

Dettagli

Servizi di connessione alla Rete Telematica Regionale Toscana estesa tramite connessione satellitare bidirezionale. Questionario Tecnico

Servizi di connessione alla Rete Telematica Regionale Toscana estesa tramite connessione satellitare bidirezionale. Questionario Tecnico Servizi di connessione alla Rete Telematica Regionale Toscana estesa tramite connessione satellitare bidirezionale Questionario Tecnico Gentile responsabile, La ringraziamo per il Suo interesse nei servizi

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Manuale Operativo. Istituto Nazionale Previdenza Sociale DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI

Manuale Operativo. Istituto Nazionale Previdenza Sociale DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI Manuale Operativo Istruzioni per l utilizzo del Software di controllo uniemens aggregato per l invio mensile unificato delle denunce retributive individuali (EMENS) e delle denunce contributive aziendali

Dettagli

C O M U N E D I G A L L I P O L I A r e a d e l l e P o l i t i c h e t e r r i t o r i a l i e d I n f r a s t r u t t u r a l i

C O M U N E D I G A L L I P O L I A r e a d e l l e P o l i t i c h e t e r r i t o r i a l i e d I n f r a s t r u t t u r a l i APPALTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL SISTEMA INFORMATICO COMUNALE BANDO DEL 16/05/2013 QUESITO N. 35 inviato alla casella di posta elettronica indicata sul bando in data 15/07/2013 Facendo riferimento

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA 1 2. SITUAZIONE ESISTENTE 2 3. INTERVENTI E DOTAZIONI 3 4. CABLAGGIO STRUTTURATO E TELEFONIA 4 5. PRESE TELEMATICHE RJ45 5

INDICE 1. PREMESSA 1 2. SITUAZIONE ESISTENTE 2 3. INTERVENTI E DOTAZIONI 3 4. CABLAGGIO STRUTTURATO E TELEFONIA 4 5. PRESE TELEMATICHE RJ45 5 INDICE pagina 1. PREMESSA 1 2. SITUAZIONE ESISTENTE 2 3. INTERVENTI E DOTAZIONI 3 4. CABLAGGIO STRUTTURATO E TELEFONIA 4 5. PRESE TELEMATICHE RJ45 5 6. DISTRIBUZIONE ORIZZONTALE 5 7. NODI DI RETE NUOVO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO Oggetto del presente regolamento è la disciplina del trattamento dei dati personali effettuato

Dettagli

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI

Dettagli

Le Misure Minime di Sicurezza secondo il Testo Unico sulla Privacy

Le Misure Minime di Sicurezza secondo il Testo Unico sulla Privacy Obblighi di sicurezza e relative sanzioni Le Misure Minime di Sicurezza secondo il Testo Unico sulla Privacy L adozione delle Misure Minime di Sicurezza è obbligatorio per tutti coloro che effettuano trattamenti

Dettagli

CARTA dei SERVIZI. Servizi Informatici. di Dario Folli. Pagina 1 di 6 SERVIZI

CARTA dei SERVIZI. Servizi Informatici. di Dario Folli. Pagina 1 di 6 SERVIZI Pagina 1 di 6 CARTA dei? Pagina 2 di 6 per Hardware e Software di BASE Analisi, Progetto e Certificazione Sistema Informatico (HW e SW di base) Le attività di Analisi, Progetto e Certificazione del Sistema

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

SANGRITANA - MISURE DI SICUREZZA PRIVACY

SANGRITANA - MISURE DI SICUREZZA PRIVACY SANGRITANA - MISURE DI SICUREZZA PRIVACY M.S.P.01. Misura di sicurezza per una corretta informativa Al fine di garantire una corretta informativa sul sito internet della Ferrovia Adriatico Sangritana Spa

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRELIMINARE. TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA DITTA OFFERENTE: Pagina 1 di 7

SCHEDA TECNICA PRELIMINARE. TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA DITTA OFFERENTE: Pagina 1 di 7 1 INFORMAZIONI GENERALI SULL'APPARECCHIATURA 1.01 Tipologia Descrizione, Codice CIVAB 1.02 Modello Descrizione, Codice CIVAB 1.03 Produttore Descrizione, Codice CIVAB 1.04 Numero Identificativo di iscrizione

Dettagli

Servizio di Ingegneria Clinica

Servizio di Ingegneria Clinica LOTTO N. 1 SISTEMA PER VIDEOGASTROENTEROLOGIA n. 1 monitor televisivo per bioimmagini U.O. CHIRURGIA N.1 SISTEMA PER VIDEOGASTROENTEROLOGIA (1) caratteristiche e prestazioni essenziali richieste Di grado

Dettagli

Ecoplat - Gestione Centro di Raccolta Comunale

Ecoplat - Gestione Centro di Raccolta Comunale Ecoplat - Gestione Centro di Raccolta Comunale Caratteristiche tecniche Box in acciaio inox adatto alle intemperie Panel PC industrial all in one con schermo da 11 Touch screen equipaggiato con S.O. windows

Dettagli

Tecnologie Informatiche. service. Sicurezza aziendale Servizi Internet e Groupware

Tecnologie Informatiche. service. Sicurezza aziendale Servizi Internet e Groupware Tecnologie Informatiche service Sicurezza aziendale Servizi Internet e Groupware Neth Service è un sistema veloce, affidabile e potente per risolvere ogni necessità di comunicazione. Collega la rete Aziendale

Dettagli

2359 Mediegruppen 10/13_IT. Monitoraggio digitale per sistemi di tubazioni preisolate

2359 Mediegruppen 10/13_IT. Monitoraggio digitale per sistemi di tubazioni preisolate 2359 Mediegruppen 10/13_IT Monitoraggio digitale per sistemi di tubazioni preisolate 2359 Detect brochure IT.indd 3 22/10/13 12.02 - monitoraggio e soluzioni intelligenti Monitoraggio centralizzato di

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI FORMULATI

RISPOSTE AI QUESITI FORMULATI Comune di Padova COD. FISC. 00644060287 SETTORE SERVIZI INFORMATICI E TELEMATICI Via Fra P. Sarpi, 2 35138 Padova Tel. 049/8205300 Fax 049/8205315 e-mail: servizi.informatici@comune.padova.legalmail.it.

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

DATI STATISTICI 2009

DATI STATISTICI 2009 DATI STATISTICI 2009 2/20 3/20 4/20 5/20 6/20 7/20 8/20 ALLEGATO 2 - PROGETTO 'SICUREZZA' 9/20 1.1 PREMESSA Per una struttura di servizio come il Centro Residenziale, la soddisfazione dell utenza costituisce

Dettagli

Carta dei Servizi Servizi Informativi CENTRACON

Carta dei Servizi Servizi Informativi CENTRACON Carta dei Servizi Servizi Informativi CENTRACON Carta dei Servizi Servizi Informativi CENTRACON... 1 Art. 1 - Scopo... 1 Art. 2 - Riferimenti normativi... 2 Art. 3 - Servizi... 2 Art. 3.1 Elenco dei servizi...

Dettagli

Quaderni di formazione Nuova Informatica

Quaderni di formazione Nuova Informatica Quaderni di formazione Nuova Informatica Airone versione 6 - Funzioni di Utilità e di Impostazione Copyright 1995,2001 Nuova Informatica S.r.l. - Corso del Popolo 411 - Rovigo Introduzione Airone Versione

Dettagli

suite Sistema Ris Pacs

suite Sistema Ris Pacs 3D suite 2D 4D Sistema Ris Pacs Sistema Ris Pacs per l archiviazione di immagini diagnostiche digitali I sistemi informativi sono il pilastro sul quale si basa l organizzazione delle strutture che operano

Dettagli

TEL 030-3366690 FAX 030-3366688. Multigest Gest. Piattaforma Multiservizi per le pubbliche amministrazioni

TEL 030-3366690 FAX 030-3366688. Multigest Gest. Piattaforma Multiservizi per le pubbliche amministrazioni Multigest Gest Piattaforma Multiservizi per le pubbliche amministrazioni MULTIGEST DÀ LA POSSIBILITÀ ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, AI CITTADINI E ALL AMBIENTE DI TRARRE GRANDI VANTAGGI MULTI GEST e una

Dettagli

Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER

Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER GENERALITA Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER L Ufficio Nazionale per il Servizio Civile (UNSC) per far fronte alle diverse ed aumentate necessità derivanti dal nuovo quadro normativo per

Dettagli

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell Art. 13 del D.LGS. 196/2003 (C.D. Codice Privacy)

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell Art. 13 del D.LGS. 196/2003 (C.D. Codice Privacy) Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell Art. 13 del D.LGS. 196/2003 (C.D. Codice Privacy) Prima di accedere al sito internet di Sigla Srl ( www.siglacredit.it ) e di utilizzarne le

Dettagli

OGGETTO DELLA FORNITURA...4

OGGETTO DELLA FORNITURA...4 Gara d appalto per la fornitura di licenze software e servizi per la realizzazione del progetto di Identity and Access Management in Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. CAPITOLATO TECNICO Indice 1 GENERALITÀ...3

Dettagli

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E LA TENUTA DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 50 del 25/11/2009 versione 3 03/11/2009 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato Descrizione tecnico economica del sistema Indice INDICE... 2 1. OBIETTIVI... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI... 5 2.1.

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO

Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO Approvato con Deliberazione C.C. n 3 del 14.02.2013 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA

Dettagli

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE Procedura aperta per fornitura chiavi in mano di una suite applicativa gestionale Web based completamente integrata e comprensiva dei relativi servizi di assistenza e manutenzione QUESITI E RISPOSTE Quesito

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base Pagina 1 di 11 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.B. NICCOLINI SAN GIULIANO TERME. piic83600a@istruzione.it piic83600a@pec.istruzione.it

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.B. NICCOLINI SAN GIULIANO TERME. piic83600a@istruzione.it piic83600a@pec.istruzione.it ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.B. NICCOLINI SAN GIULIANO TERME Piazza Gramsci, 3 050/815311 piic83600a@istruzione.it piic83600a@pec.istruzione.it CUP: D16J15000600007 - CIG: ZB0188D518 Capitolato Tecnico

Dettagli

Requisiti di Progetto Cambio/revoca medico di base o pediatra online

Requisiti di Progetto Cambio/revoca medico di base o pediatra online Indice REQUISITI DI PROGETTO (CAPITOLATO TECNICO)... 2 PREMESSA... 2 REQUISITI DEL MODULO ONLINE O DI FRONTOFFICE... 2 REQUISITI DEL MODULO DI BACKOFFICE... 5 REQUISITI GENERICI DEL SOFTWARE... 6 1 Requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELL AULA INFORMATICA

REGOLAMENTO PER L USO DELL AULA INFORMATICA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ANTONINO CAPONNETTO Via Socrate, 11 90147 PALERMO 091-533124 Fax 091-6914389 - c.f.: 97164800829 cod. Min.: PAIC847003 email: paic847003@istruzione.it

Dettagli

Allegato 3 Sistema per l interscambio dei dati (SID)

Allegato 3 Sistema per l interscambio dei dati (SID) Sistema per l interscambio dei dati (SID) Specifiche dell infrastruttura per la trasmissione delle Comunicazioni previste dall art. 11 comma 2 del decreto legge 6 dicembre 2011 n.201 Sommario Introduzione...

Dettagli

La mancanza o una compilazione incompleta della presente scheda tecnica può rappresentare motivo di esclusione dell offerta dalla gara d acquisto.

La mancanza o una compilazione incompleta della presente scheda tecnica può rappresentare motivo di esclusione dell offerta dalla gara d acquisto. SCHEDA TECNICA PRELIMINARE all offerta n. del Scheda tecnica da compilare integralmente da parte della ditta offerente relativamente ad ogni apparecchiatura, dispositivo medico, diagstico in vitro, apparecchiatura

Dettagli

INFORMATIVA GENERALE

INFORMATIVA GENERALE UNIMEC S.R.L. Via Palazzo, 36 Albano S. Alessandro Bg Informazioni rese ai sensi dell art. 13 del D. Lgs.vo 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali e successive modifiche ed integrazioni.

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Comune di Nola Provincia di Napoli Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Sommario Articolo I. Scopo...2 Articolo II. Riferimenti...2 Articolo III. Definizioni

Dettagli

Norme di Utilizzo dell Aula Informatica

Norme di Utilizzo dell Aula Informatica ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASTELLARANO Via Fuori Ponte 23 42014 Castellarano (RE) Tel. 0536 850113 Fax 0536 075506 www.iccastellarano.gov.it Norme di Utilizzo dell Aula Informatica 1. Componenti

Dettagli

Pubblicazione informazioni integrative e correttive

Pubblicazione informazioni integrative e correttive Gara per la fornitura dei servizi di assistenza tecnica e manutenzione per i sistemi dipartimentali e per gli impianti LAN ubicati presso gli uffici centrali e periferici della Regione Basilicata. CIG:

Dettagli

Allegato D Assistenza tecnica personalizzata Assistenza personalizzata

Allegato D Assistenza tecnica personalizzata Assistenza personalizzata Allegato D Assistenza tecnica personalizzata Il servizio di assistenza tecnica personalizzata consiste nel controllo centralizzato del sistema di fonia dell Università, attraverso la supervisione dello

Dettagli

Le nuove linee guida della pubblicità dei dispositivi medici al pubblico. dott.ssa Paola D Alessandro

Le nuove linee guida della pubblicità dei dispositivi medici al pubblico. dott.ssa Paola D Alessandro Le nuove linee guida della pubblicità dei dispositivi medici al pubblico dott.ssa Paola D Alessandro 1 La Direzione generale sta procedendo alla modifica delle linee guida del 2010 riguardo all utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 69 del 7 agosto 2012 IL SEGRETARIO COMUNALE Rolando Mora IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

Allegato Tecnico al Contratto di Servizio

Allegato Tecnico al Contratto di Servizio FatturaPA Fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione Allegato Tecnico al Contratto di Servizio Allegato Tecnico al Contratto di Servizio fattura PA Versione gennaio 20145 Pagina 1 di 7

Dettagli