Dallo Stato liberale al Fascismo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dallo Stato liberale al Fascismo"

Transcript

1 Fabio Pascalis 5^B Dallo Stato liberale al Fascismo Lo stato liberale La crisi dello stato liberale e l'avvento del Fascismo Marcel Proust Italo Svevo e la figura dell'inetto

2 LO STATO LIBERALE All inizio del XX secolo la forma di Stato prevalente in Europa era quella liberale. Lo Stato liberale nacque dalla rottura dell equilibrio tra la monarchia, che esercitava le funzioni burocratiche e militari dello Stato- apparato, e la borghesia degli affari, dei commerci e dell industria che teneva in mano l apparato produttivo ed economico. La crisi del rapporto tra monarchia e borghesia esplose in Francia nel 1789 facendo scoppiare una delle più famose rivoluzioni che la storia ricordi, si trattò infatti di un evento che determinò ripercussioni in tutta Europa occidentale. La mutata realtà economica che si era venuta delineando fece si che il potere della classe borghese si accentuasse. La borghesia, avendo una certa importanza sul piano economico, pretendeva di averla anche sul piano politico e così, sulla scorta delle dottrine liberali che si erano affermate nel XVIII secolo chiedeva un nuovo modello di Stato, lo Stato liberale, che strutturò in funzione dei propri principi e delle proprie esigenze. Sinteticamente lo Stato liberale si può definire: uno Stato di diritto, perché i rapporti tra Stato e cittadini sono regolati da norme giuridiche che anche lo Stato è tenuto a osservare. Inoltre diritti e libertà sono riconosciuti e tutelati dall ordinamento giuridico; uno Stato costituzionale, in quanto l ordinamento statale si basa su una serie di norme fondamentali contenute nella Costituzione; uno Stato rappresentativo, in quanto i cittadini sono chiamati a eleggere il Parlamento e partecipano, attraverso i loro rappresentanti, al suo funzionamento; nella maggior parte dei casi monarchico, in quanto al vertice dell organizzazione statale sta la figura del monarca, anche se il suo potere deriva dalla Costituzione e da essa è limitato, infatti anche il sovrano è soggetto alla legge; organizzato secondo il principio della divisione dei poteri, poiché nello Stato liberale si trovava appunto realizzato il principio della separazione dei poteri, che garantiva la libertà, attraverso il bilanciamento dei poteri stessi effettuato tramite il controllo reciproco: la separazione dei poteri attribuiva al Parlamento il potere legislativo, al Governo il potere esecutivo e alla Magistratura quello giudiziario; e infine uno Stato che introduce l'idea di cittadino come portatore di diritti, infatti al cittadino vengono riconosciuti non solo diritti privati, ma anche diritti politici, civili e di libertà e il diritto di proprietà viene collocato tra i diritti inviolabili della persona. Il pensiero liberale considerava la libertà e l uguaglianza diritti fondamentali dell uomo, diritti che lo Stato non poteva e non voleva violare. In essi rientravano anche i diritti di proprietà privata, infatti nella concezione liberale solo i proprietari erano realmente liberi ed erano in grado di operare senza condizionamenti le migliori scelte per il bene comune. In pratica, solo a chi disponeva di un alto reddito spettava il diritto e l onore di guidare lo Stato: la classe operaia e la piccola borghesia erano pertanto escluse da qualsiasi forma di partecipazione politica. L essenza dello Stato liberale è il principio di legalità, il quale afferma che nessun atto del potere esecutivo né alcuna sentenza dei giudici sono validi se non si fondano su una legge che li prevede e non rispettano i limiti che la legge assegna loro. In sostanza in base al principio di legalità il potere esecutivo e giudiziario sono vincolati al rispetto del diritto e il potere legislativo è sovrano, senza limiti né vincoli. Un altra importante caratteristica del principio di legalità si ha nella tutela

3 dei cittadini contro gli atti arbitrari, infatti un cittadino danneggiato da un atto della pubblica amministrazione illegittimo può presentare ricorso per difendersi. La prima forma di Stato liberale in Italia si ebbe nell epoca del Regno d Italia, grazie alla promulgazione dello Statuto albertino, la prima Costituzione dello Stato italiano. Lo Statuto albertino rappresentò una riforma della monarchia assoluta in senso liberale e rappresentava una carta costituzionale concessa dal sovrano ai suoi sudditi. L oggetto dell accordo tra il re e la borghesia fu l instaurazione di una monarchia costituzionale, nella quale la borghesia veniva associata alla monarchia. Durante la nascita dello Stato liberale il re fece alla borghesia due concessioni: a) i diritti di libertà e di proprietà, contro gli arbitri dell Antico regime; b) l elezione di una Camera in cui la borghesia potesse inviare i propri rappresenta nti. Lo Statuto prevedeva: - lo stato liberale ; - la monarchia come forma di governo; - l uguaglianza di fronte alla legge di tutti i cittadini; - la libertà personale; - la libertà di stampa; - la libertà di riunione; - la libertà religiosa; - le libertà economiche; - il diritto di proprietà privata.

4 LA CRISI DELLO STATO LIBERALE E L AVVENTO DEL FASCISMO Lo Stato liberale vide arrivare la crisi alla fine della prima guerra mondiale, dove le classi dirigenti dei paesi belligeranti si trovavano a dover gestire situazioni di crisi pesantissime provocate dalla guerra: il rialzo dei prezzi, l inflazione, i conflitti di classe con scioperi e occupazioni e violenze della destra nazionalista. C era poi il problema delle decine di milioni di reduci che tornati dalla guerra non trovavano lavoro nonostante le promesse di terre e di migliori condizioni sociali fatte dalla classe dirigente durante il conflitto. Lo Stato liberale entrò definitivamente in crisi con la nascita del Partito nazionale fascista nel Il Pnf non era un organizzazione democratica che seguiva la volontà degli iscritti, bensì uno strumento di mobilitazione guidato dal duce, capo del fascismo Benito Mussolini. Il fascismo fu sostanzialmente accolto dalla borghesia come una forza restauratrice che avrebbe ripristinato l ordine turbato dalle forza di sinistra. L avvenimento che causò la caduta definitiva dello Stato liberale fu la marcia su Roma. Questa marcia consisteva nella mobilitazione di tutte le forza fasciste al fine di conquistare il potere centrale. Mussolini sapeva benissimo che erano poche le possibilità di successo se avesse incontrato una ferma reazione da parte delle autorità e infatti si serviva della marcia come mezzo di pressione politica e contava sulla debolezza del governo e sulla neutralità del re. Infatti Vittorio Emanuele III si rifiutò di firmare il decreto per la proclamazione dello stato d assedio e non oppose alcuna resistenza alla marcia. Il rifiuto del re aprì ai fascisti la strada di Roma e al loro capo la via del potere. Mussolini chiese e ottenne di essere chiamato lui stesso a presiedere il governo e la mattina del 30 ottobre Mussolini fu chiamato dal re per formare il nuovo governo. Ne facevano parte oltre a 5 fascisti, liberali giolittiani, liberali di destra, democratici e popolari. Una volta assunta la guida del governo, Mussolini alternò la linea dura alla linea morbida, le promesse di normalizzazione moderata alle minacce di una seconda ondata rivoluzionaria. Nel 1922 istituì il Gran consiglio del fascismo, che aveva il compito di indicare le linee generali della politica fascista e di servire da raccordo fra partito e governo, e la Milizia volontaria per la sicurezza nazionale, che aveva lo scopo di proteggere gli sviluppi della rivoluzione, di disciplinare lo squadrismo e limitare il potere dei ras. La politica di Mussolini prevedeva anche la repressione legale dei comunisti, la compressione salariale, il contenimento della spesa pubblica tramite licenziamenti nel settore pubblico e la libertà d azione all iniziativa privata diminuendo le tasse alle imprese, abolendo il monopolio statale delle assicurazioni sulla vita e privatizzando il servizio telefonico. Un decisivo sostegno Mussolini lo ebbe da una Chiesa cattolica in cui, dopo l avvento di papa Pio XI, stavano riprendendo il sopravvento le tendenze conservatrici. Per molti cattolici il fascismo aveva il merito di aver allontanato il pericolo di una rivoluzione socialista e di aver restaurato il principio di autorità. Anche la riforma scolastica varata nel 23 da Giovanni Gentile, andava incontro alle attese del mondo cattolico con l insegnamento della religione nelle scuole

5 elementari e con l introduzione di un esame di Stato al termine di ogni ciclo di studi. Mussolini prese definitivamente il potere servendosi di una legge elettorale maggioritaria che attribuiva i 2/3 dei seggi al partito che avesse riportato il 25 % dei voti portando così alla scontata vittoria i fascisti. Il deputato socialista Giacomo Matteotti denunciò in Parlamento i brogli elettorali e per questo il 10 giugno 1924 venne ucciso dagli squadristi fascisti. Dopo questo fatto un ondata di indignazione si scatenò contro il fascismo da parte dell opinione pubblica. Il paese capì che il delitto era il risultato di una pratica di violenze e impunità, di cui Mussolini e i suoi seguaci erano responsabili. Il fascismo si trovò improvvisamente isolato, divise e distintivi scomparvero dalle strade e i giornali antifascisti moltiplicarono le vendite. L opposizione non aveva, però, la possibilità di mettere in minoranza il governo e la proposta dei comunisti di proclamare uno sciopero generale fu respinta dagli altri partiti. L unica iniziativa concreta fu quella di astenersi dai lavori parlamentari e di riunirsi separatamente finché non fosse stata ripristinata la legalità democratica. Neanche il re intervenne nella questione morale espressa dall opinione pubblica e i fiancheggiatori di Mussolini pur criticando l illegalismo fascista non tolsero l appoggio al capo del governo. Mussolini per venire loro incontro si dimise da ministro degli Interni ma dopo pochi mesi dichiarò chiusa la questione morale e minacciò apertamente di usare la forza contro le opposizioni non lasciando più spazio per gli equivoci e i compromessi. Molti politici e uomini di cultura che fin allora avevano mantenuto un atteggiamento neutrale nei confronti del fascismo sentirono la necessità di prendere posizione. A un manifesto degli intellettuali fascisti diffuso per iniziativa di Giovanni Gentile, gli antifascisti risposero con un contro- manifesto redatto da Benedetto Croce,che rivendicava i diritti di libertà ereditati dalla tradizione risorgimentale. Intanto molti esponenti antifascisti come Amendola o Gobetti furono costretti all esilio perché il fascismo chiudeva ogni residuo spazio di libertà politica e sindacale, e i grandi quotidiani d informazione antifascisti furono fascistizzati tramite pressioni sui proprietari. Per stravolgere definitivamente i connotati dello Stato liberale formulò nuove leggi, le leggi fascistissime : la prima legge costituzionale del regime rafforzava i poteri del capo del governo e una legge sindacale proibiva lo sciopero e stabiliva che solo i sindacati legalmente riconosciuti potevano stipulare contratti collettivi. Infine con una serie di provvedimenti repressivi eliminò del tutto le tracce di democrazia, i partiti antifascisti e le pubblicazioni contrarie al regime. Istituì, inoltre, un Tribunale speciale per la difesa dello Stato composto non da giudici ordinari, ma da ufficiali delle forze armate e delle Milizia e con la legge elettorale del 28 introduceva il sistema nella lista unica e lasciava agli elettori solo la scelta se approvarla o respingerla. In Italia lo Stato totalitario era caratterizzato dalla sovrapposizione di due strutture: quella dello Stato e quella del partito che erano congiunti dal Gran consiglio del fascismo, ma al di sopra di tutti si esercitava incontrastato il potere di Mussolini. Il Pnf durante la crescita delle sue dimensioni istituì delle importanti organizzazioni giovanili: I Fasci giovanili, i Gruppi universitari fascisti, l Opera nazionale balilla, per i giovani fra i 12 e i 18 anni, e i Figli della lupa per chi avesse meno di 12 anni. I propositi totalitari di Mussolini incontrarono però dei limiti, il primo era rappresentato dal peso della Chiesa, la cui influenza venne riconosciuta tramite i Patti lateranensi. Questi si articolavano in 3 parti: un trattato internazionale in cui la Chiesa si vedeva riconosciuta la sovranità sullo Stato della Città del Vaticano; una convenzione finanziaria con cui l Italia pagava al papa un indennità per la perdita dello Stato

6 pontificio; e un concordato che regolava i rapporti fra la Chiesa e il Regno d Italia, stabilendo che i sacerdoti fossero esonerati dal servizio militare, che i preti spretati fossero esclusi dagli uffici pubblici, che il matrimonio avesse effetti civili, ecc L altro limite a cui erano sottoposti i proposti totalitari del regime era rappresentato dal re quale massima autorità dello Stato non subordinata al fascismo. Questi limiti erano la caratteristica essenziale del totalitarismo imperfetto del regime, che esprimeva l incapacità di quest ultimo di affermarsi come unica forza indipendente. Questa incapacità viene chiaramente espressa da Italo Svevo attraverso la figura dell inetto. ITALO SVEVO E LA FIGURA DELL INETTO Nelle opere di Svevo l inetto è il "malato", in questo caso il regime fascista, che osserva, quindi la realtà della sua debolezza e la ignora, come una sorta di autoinganno. Il tema dell inettitudine, insieme con quello della vecchiaia e della morte, costituisce un motivo costante della narrativa e della meditazione di Svevo. Con la sua ottica divergente, il personaggio sveviano fa lucidamente la diagnosi della propria condizione alienata, professa la propria inettitudine, bloccando in sé definitivamente ogni residua possibilità di azione. Inoltre, quanto più è acuta la sua sofferenza della vita, tanto più viva è la sua aspirazione a realizzarsi in esperienze totali, tanto più il personaggio è immobilizzato nei gesti, incapace cioè di un qualsiasi atto valido alla costruzione di se stesso. Suo destino è quindi quello di subire la realtà. In questa coscienza che il personaggio ha della sua malattia, si riflette l idea più generale di un malessere esistenziale e di una crisi che si rivela incapace di trovare una qualche soluzione ai problemi di ordine storico che investono la società italiana ed europea del tempo. Ettore Schmitz, in arte Italo Svevo, è nato nel 1861 a Trieste da una famiglia di commercianti ebrei ed è morto nel 1928 a Motta di Livenza in seguito ai postumi di un incidente d auto. La sua vita è sintetizzabile nel binomio affari e letteratura. Dopo la formazione avvenuta prima in un collegio tedesco e poi all Istituto Superiore del Commercio di Trieste, Schmitz si impiega malvolentieri presso la Banca Union della città natale, in seguito al fallimento del padre, e ci rimane per 19

7 anni. Nel 1986 sposa la cugina Livia Veneziani e passa a dirigere la ditta di vernici del suocero di cui diviene socio. La diretta esperienza nel mondo impiegatizio, industriale e commerciale influisce molto sull opera letteraria di Svevo che mette spesso in scena impiegati e uomini d affari e problemi relativi a quel mondo. Accanto a queste attività pratiche Schmitz si dedica spesso alla letteratura, collabora al quotidiano L indipendente e scrive racconti sotto lo pseudonimo di Italo Svevo. Nel 1893 il suo primo romanzo, Una vita, (il cui titolo originario era Un inetto ), viene pubblicato a sue spese e si rivela un autentico fallimento, nel 1898, sempre a sue spese, viene pubblicato il suo secondo romanzo, Senilità, ma l esito fallimentare anche di quest opera lo induce a desistere, almeno pubblicamente, dall attività letteraria. Per oltre vent anni Svevo non da alla stampa più nulla ma non cessa comunque di scrivere, infatti scrive un diario, fiabe, riflessioni, commedie e nel 1923 l ultimo romanzo, La coscienza di Zeno, che gli darà finalmente la tanto attesa notorietà. Tra i primi ad accorgersi di lui e a propagare la sua fama sono il critico Giacomo Debenedetti, Montale e Joyce, quest ultimo, dopo aver apprezzato anche i suoi primi romanzi, favorisce la conoscenza dello scrittore all estero. Si può dire che l opera di Svevo entri attivamente nel sistema letterario italiano solo nella metà degli anni Venti, epoca propizia ad intendere il messaggio di Svevo e il grande tema dell inettitudine a vivere affrontato in quasi ogni sua opera. Infatti nella sua prima opera, Una vita, il dato fondamentale che distacca quest opera dal naturalismo è l inettitudine di Alfonso, il protagonista. Alfonso è vittima di se stesso e delle sue tortuosità psicologiche, la società e l ambiente rimangono per lunghi tratti sullo sfondo per mettere in primo piano l analisi interna di Alfonso, la quale rivela le sue contraddizioni, i repentini mutamenti di proposito e di stato d animo e la frattura fra comportamenti esterni e sentimenti, e ciò fa di Alfonso appunto un inetto. Il motivo dell inettitudine è ripreso in Senilità dove appare significativa l analisi degli autoinganni della coscienza, messi in atto dal protagonista per cercare un equilibrio fra elementi opposti inconciliabili fra loro. Infatti da un parte c è il tenace attaccamento alla propria inettitudine, alla metafora della senilità, e dall altro il pericoloso insorgere della passione che egli non voleva suscitare, ma che una volta scatenata non sa controllare. Nella sua opera più importante, La coscienza di Zeno, Svevo adotta la tecnica del narratore interno, di un narratore cioè che narra la propria storia, e la utilizza per produrre una continua dialettica di punti di vista, di tempi e di istanze narrative, come ad esempio tra lo Zeno vecchio e lo Zeno giovane. Il narratore e protagonista è Zeno Cosini che, ormai vecchio, scrive le proprie memorie perché indotto dallo psicanalista presso cui è in cura, che a sua volta le pubblica per vendicarsi del fatto che Zeno a un certo punto ha interrotto la cura. Augusta, la donna che Zeno sposa per ripiego, rappresenta la salute e la normalità borghese, mentre Zeno è malato, ma la sua malattia è psicologica, descritta dall episodio del fumo. La figura di Zeno è l ultima incarnazione dell inettitudine a vivere, la quale poi si associa alla tragicità. La morale è che la malattia di Zeno non è una condizione eccezionale e anormale, ma una condizione comune inalienabile dell uomo, che solo una catastrofe inaudita che lo facesse scomparire dall universo potrebbe definitivamente eliminare.

8 MARCEL PROUST Pendant le temps de "La Coscienza di Zeno ", Marcel Proust écrit son œuvre la plus importante: "À la recherche du temps perdu " (publiée en 1925). Fils d un médecin d antique famille catholique et d une israélite d origine alsacienne, Marcel Proust est né à Paris en 1871 et il est mort en 1922 par fréquentes crises d asthme. Il a toujours conduit de brillantes études au Lycée Condorcet, où il découvre sa passion pour la littérature. Il a dédié sa vie à écrire et aux salons où il n était pas accepté parce que sa famille n était pas noble et parce qu il était considéré sans talent et sans personnalité!

9 Les principaux œuvres de Proust sont: "Du côté de chez Swann ", "À la recherche du temps perdu ", "À l ombre des jeunes filles en fleurs ", "Sodome e Gomorrhe ", "La prisonnière ", "La fugitive " et enfin "Le temps retrouvé ". Le style de Proust est caractérisé par des phrases denses, très longues, par une langue complexe particulièrement soignée et qui s'adapte à sa pensée pénétrante et qui utilise la forme de la première personne du singulier comme une autobiographie. Dans l œuvre la plus importante, qui est justement, "À la recherche du temps perdu ", la première personne et la phrase envoûtant de Proust compose, en parcourant les chemins complexes de la mémoire, la biographie sensible du Narrateur: ses promenades d enfant, ses amours de jeune homme, ses enthousiasmes pour un poète, un peintre ou une actrice de la Comédie- Française, et enfin sa décision de devenir écrivain, qui est le vrai sujet du livre. L'œuvre de Proust repose sur le thème du temps et sur le travail fait par l'écrivain qui cherche de récupérer le passé. La recherche se compose de plusieurs volumes, liés entre eux dans une structure circulaire où le dernier volume est "Le temps retrouvé ". Le temps de la recherche n'est pas le temps chronologique, mais plutôt le temps intérieur ressuscité grâce à la mémoire involontaire. La mémoire involontaire est réveillée par un goût, par un parfum, par un bruit qui permettent à l'écrivain d'abandonner la dimension du temps chronologique pour rejoindre le temps de la conscience. Le temps chronologique est donc substitué par la durée intérieure. Marcel Proust il nous présente des figures inoubliables et symboliques. Les héros proustiens appartiennent au milieu mondain de la bourgeoisie ou de l'aristocratie. Les classes populaires sont souvent exclues et ne sont représentées que par les domestiques.

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione

1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione Nota della Redazione 1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione scientifica Revue des questions scientifiques n. XXVII del 1920. Benché le Œuvres edite

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Maria Fausta Maternini (ordinario di Diritto ecclesiastico nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Trieste) Matrimonio civile e matrimonio religioso SOMMARIO: 1. Il matrimonio rapporto

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL

PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL di Gianni Salvarani Vice Presidente dell Istituto di Studi Sindacali UIL Solo con l avvento della Repubblica, conquistata con la Resistenza, anche

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Le forme di Stato. L ordinamento patrimoniale

Le forme di Stato. L ordinamento patrimoniale Forme di Stato e e forme forme di di governo governo Le forme di Stato Forma di Stato: con questa espressione si intende indicare i complessivi rapporti che vengono ad intercorrere, in un dato ordinamento,

Dettagli

Le donne della Costituente

Le donne della Costituente Biblioteca del Senato Emeroteca Le donne della Costituente Ottobre 2008 Tutti i quotidiani e i periodici riprodotti fanno parte della raccolta della Biblioteca del Senato. Per ogni titolo è indicata la

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

La vita sarà letteraturizzata. Ovvero, oggi Zeno Cosini avrebbe un suo blog?

La vita sarà letteraturizzata. Ovvero, oggi Zeno Cosini avrebbe un suo blog? Alice Flemrová La vita sarà letteraturizzata. Ovvero, oggi Zeno Cosini avrebbe un suo blog? Il 4 aprile del 1928 doveva cominciare per il vegliardo Zeno Cosini un era novella. Un era dedicata al raccoglimento.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Edizione con note

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Edizione con note COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Edizione con note INDICE PRINCIPÎ FONDAMENTALI pag. 3 (ARTICOLI 1-12) PARTE I - DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO I - RAPPORTI CIVILI pag. 6 (ARTICOLI 13-28)

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione. della. Repubblica Italiana. dicembre 2012 1

Senato della Repubblica. Costituzione. della. Repubblica Italiana. dicembre 2012 1 Senato della Repubblica Costituzione della Repubblica Italiana dicembre 2012 1 A cura del Servizio dei resoconti e della comunicazione istituzionale, Ufficio delle informazioni parlamentari, dell archivio

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Artt. 123, 127, 134, 135, 136, 137 della Costituzione Costituzione della Repubblica Italiana (Gazzetta Ufficiale 27 dicembre 1947, n. 298) [ ] TITOLO V LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI Art. 123 Ciascuna

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR Compréhension de l oral CONSIGNES Début de l épreuve : Appuyez sur la touche

Dettagli

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo 1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo costretti a dire no... chi vi sente capisce subito che per

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale CARLO FUSARO I limiti della legislazione elettorale vigente LEGISLAZIONE ELETTORALE: complesso delle norme concernenti

Dettagli

La Legge Fondamentale dell Ungheria (25 Aprile 2011) Dio, benedici l Ungherese! 1 PROFESSIONE NAZIONALE 2

La Legge Fondamentale dell Ungheria (25 Aprile 2011) Dio, benedici l Ungherese! 1 PROFESSIONE NAZIONALE 2 1 Il lunedì di Pasqua dell anno scorso il "Magyar Közlöny" (la gazzetta ufficiale ungherese) pubblicava il testo della nuova "Legge fondamentale dell'ungheria" (Magyarország Alaptörvénye), firmata in quello

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

I problemi dell Inghilterra negli anni Venti

I problemi dell Inghilterra negli anni Venti I problemi dell Inghilterra negli anni Venti IPerteSto La nascita del Partito laburista In Gran Bretagna, dalla metà del xix secolo, si alternavano alla guida del governo il Partito liberale, che rappresentava

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

L a Camera dei Comuni

L a Camera dei Comuni L a Camera dei Comuni breve guida CONTATTI Ufficio informazioni della Camera dei Comuni Tel: +44 (0)20-7219 4272 London SW1A 2TT Fax: +44 (0)20-7219 5839 Email: hcinfo@parliament.uk Ufficio informazioni

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro

Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro Lo sfondo: tra continuità, discontinuità interventi parziali, assenza di un disegno complessivo di

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

CONVENZIONE SUL LAVORO FORZATO E OBBLIGATORIO, 1930 1

CONVENZIONE SUL LAVORO FORZATO E OBBLIGATORIO, 1930 1 Convenzione 29 CONVENZIONE SUL LAVORO FORZATO E OBBLIGATORIO, 1930 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione dell Ufficio

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli