Dallo Stato liberale al Fascismo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dallo Stato liberale al Fascismo"

Transcript

1 Fabio Pascalis 5^B Dallo Stato liberale al Fascismo Lo stato liberale La crisi dello stato liberale e l'avvento del Fascismo Marcel Proust Italo Svevo e la figura dell'inetto

2 LO STATO LIBERALE All inizio del XX secolo la forma di Stato prevalente in Europa era quella liberale. Lo Stato liberale nacque dalla rottura dell equilibrio tra la monarchia, che esercitava le funzioni burocratiche e militari dello Stato- apparato, e la borghesia degli affari, dei commerci e dell industria che teneva in mano l apparato produttivo ed economico. La crisi del rapporto tra monarchia e borghesia esplose in Francia nel 1789 facendo scoppiare una delle più famose rivoluzioni che la storia ricordi, si trattò infatti di un evento che determinò ripercussioni in tutta Europa occidentale. La mutata realtà economica che si era venuta delineando fece si che il potere della classe borghese si accentuasse. La borghesia, avendo una certa importanza sul piano economico, pretendeva di averla anche sul piano politico e così, sulla scorta delle dottrine liberali che si erano affermate nel XVIII secolo chiedeva un nuovo modello di Stato, lo Stato liberale, che strutturò in funzione dei propri principi e delle proprie esigenze. Sinteticamente lo Stato liberale si può definire: uno Stato di diritto, perché i rapporti tra Stato e cittadini sono regolati da norme giuridiche che anche lo Stato è tenuto a osservare. Inoltre diritti e libertà sono riconosciuti e tutelati dall ordinamento giuridico; uno Stato costituzionale, in quanto l ordinamento statale si basa su una serie di norme fondamentali contenute nella Costituzione; uno Stato rappresentativo, in quanto i cittadini sono chiamati a eleggere il Parlamento e partecipano, attraverso i loro rappresentanti, al suo funzionamento; nella maggior parte dei casi monarchico, in quanto al vertice dell organizzazione statale sta la figura del monarca, anche se il suo potere deriva dalla Costituzione e da essa è limitato, infatti anche il sovrano è soggetto alla legge; organizzato secondo il principio della divisione dei poteri, poiché nello Stato liberale si trovava appunto realizzato il principio della separazione dei poteri, che garantiva la libertà, attraverso il bilanciamento dei poteri stessi effettuato tramite il controllo reciproco: la separazione dei poteri attribuiva al Parlamento il potere legislativo, al Governo il potere esecutivo e alla Magistratura quello giudiziario; e infine uno Stato che introduce l'idea di cittadino come portatore di diritti, infatti al cittadino vengono riconosciuti non solo diritti privati, ma anche diritti politici, civili e di libertà e il diritto di proprietà viene collocato tra i diritti inviolabili della persona. Il pensiero liberale considerava la libertà e l uguaglianza diritti fondamentali dell uomo, diritti che lo Stato non poteva e non voleva violare. In essi rientravano anche i diritti di proprietà privata, infatti nella concezione liberale solo i proprietari erano realmente liberi ed erano in grado di operare senza condizionamenti le migliori scelte per il bene comune. In pratica, solo a chi disponeva di un alto reddito spettava il diritto e l onore di guidare lo Stato: la classe operaia e la piccola borghesia erano pertanto escluse da qualsiasi forma di partecipazione politica. L essenza dello Stato liberale è il principio di legalità, il quale afferma che nessun atto del potere esecutivo né alcuna sentenza dei giudici sono validi se non si fondano su una legge che li prevede e non rispettano i limiti che la legge assegna loro. In sostanza in base al principio di legalità il potere esecutivo e giudiziario sono vincolati al rispetto del diritto e il potere legislativo è sovrano, senza limiti né vincoli. Un altra importante caratteristica del principio di legalità si ha nella tutela

3 dei cittadini contro gli atti arbitrari, infatti un cittadino danneggiato da un atto della pubblica amministrazione illegittimo può presentare ricorso per difendersi. La prima forma di Stato liberale in Italia si ebbe nell epoca del Regno d Italia, grazie alla promulgazione dello Statuto albertino, la prima Costituzione dello Stato italiano. Lo Statuto albertino rappresentò una riforma della monarchia assoluta in senso liberale e rappresentava una carta costituzionale concessa dal sovrano ai suoi sudditi. L oggetto dell accordo tra il re e la borghesia fu l instaurazione di una monarchia costituzionale, nella quale la borghesia veniva associata alla monarchia. Durante la nascita dello Stato liberale il re fece alla borghesia due concessioni: a) i diritti di libertà e di proprietà, contro gli arbitri dell Antico regime; b) l elezione di una Camera in cui la borghesia potesse inviare i propri rappresenta nti. Lo Statuto prevedeva: - lo stato liberale ; - la monarchia come forma di governo; - l uguaglianza di fronte alla legge di tutti i cittadini; - la libertà personale; - la libertà di stampa; - la libertà di riunione; - la libertà religiosa; - le libertà economiche; - il diritto di proprietà privata.

4 LA CRISI DELLO STATO LIBERALE E L AVVENTO DEL FASCISMO Lo Stato liberale vide arrivare la crisi alla fine della prima guerra mondiale, dove le classi dirigenti dei paesi belligeranti si trovavano a dover gestire situazioni di crisi pesantissime provocate dalla guerra: il rialzo dei prezzi, l inflazione, i conflitti di classe con scioperi e occupazioni e violenze della destra nazionalista. C era poi il problema delle decine di milioni di reduci che tornati dalla guerra non trovavano lavoro nonostante le promesse di terre e di migliori condizioni sociali fatte dalla classe dirigente durante il conflitto. Lo Stato liberale entrò definitivamente in crisi con la nascita del Partito nazionale fascista nel Il Pnf non era un organizzazione democratica che seguiva la volontà degli iscritti, bensì uno strumento di mobilitazione guidato dal duce, capo del fascismo Benito Mussolini. Il fascismo fu sostanzialmente accolto dalla borghesia come una forza restauratrice che avrebbe ripristinato l ordine turbato dalle forza di sinistra. L avvenimento che causò la caduta definitiva dello Stato liberale fu la marcia su Roma. Questa marcia consisteva nella mobilitazione di tutte le forza fasciste al fine di conquistare il potere centrale. Mussolini sapeva benissimo che erano poche le possibilità di successo se avesse incontrato una ferma reazione da parte delle autorità e infatti si serviva della marcia come mezzo di pressione politica e contava sulla debolezza del governo e sulla neutralità del re. Infatti Vittorio Emanuele III si rifiutò di firmare il decreto per la proclamazione dello stato d assedio e non oppose alcuna resistenza alla marcia. Il rifiuto del re aprì ai fascisti la strada di Roma e al loro capo la via del potere. Mussolini chiese e ottenne di essere chiamato lui stesso a presiedere il governo e la mattina del 30 ottobre Mussolini fu chiamato dal re per formare il nuovo governo. Ne facevano parte oltre a 5 fascisti, liberali giolittiani, liberali di destra, democratici e popolari. Una volta assunta la guida del governo, Mussolini alternò la linea dura alla linea morbida, le promesse di normalizzazione moderata alle minacce di una seconda ondata rivoluzionaria. Nel 1922 istituì il Gran consiglio del fascismo, che aveva il compito di indicare le linee generali della politica fascista e di servire da raccordo fra partito e governo, e la Milizia volontaria per la sicurezza nazionale, che aveva lo scopo di proteggere gli sviluppi della rivoluzione, di disciplinare lo squadrismo e limitare il potere dei ras. La politica di Mussolini prevedeva anche la repressione legale dei comunisti, la compressione salariale, il contenimento della spesa pubblica tramite licenziamenti nel settore pubblico e la libertà d azione all iniziativa privata diminuendo le tasse alle imprese, abolendo il monopolio statale delle assicurazioni sulla vita e privatizzando il servizio telefonico. Un decisivo sostegno Mussolini lo ebbe da una Chiesa cattolica in cui, dopo l avvento di papa Pio XI, stavano riprendendo il sopravvento le tendenze conservatrici. Per molti cattolici il fascismo aveva il merito di aver allontanato il pericolo di una rivoluzione socialista e di aver restaurato il principio di autorità. Anche la riforma scolastica varata nel 23 da Giovanni Gentile, andava incontro alle attese del mondo cattolico con l insegnamento della religione nelle scuole

5 elementari e con l introduzione di un esame di Stato al termine di ogni ciclo di studi. Mussolini prese definitivamente il potere servendosi di una legge elettorale maggioritaria che attribuiva i 2/3 dei seggi al partito che avesse riportato il 25 % dei voti portando così alla scontata vittoria i fascisti. Il deputato socialista Giacomo Matteotti denunciò in Parlamento i brogli elettorali e per questo il 10 giugno 1924 venne ucciso dagli squadristi fascisti. Dopo questo fatto un ondata di indignazione si scatenò contro il fascismo da parte dell opinione pubblica. Il paese capì che il delitto era il risultato di una pratica di violenze e impunità, di cui Mussolini e i suoi seguaci erano responsabili. Il fascismo si trovò improvvisamente isolato, divise e distintivi scomparvero dalle strade e i giornali antifascisti moltiplicarono le vendite. L opposizione non aveva, però, la possibilità di mettere in minoranza il governo e la proposta dei comunisti di proclamare uno sciopero generale fu respinta dagli altri partiti. L unica iniziativa concreta fu quella di astenersi dai lavori parlamentari e di riunirsi separatamente finché non fosse stata ripristinata la legalità democratica. Neanche il re intervenne nella questione morale espressa dall opinione pubblica e i fiancheggiatori di Mussolini pur criticando l illegalismo fascista non tolsero l appoggio al capo del governo. Mussolini per venire loro incontro si dimise da ministro degli Interni ma dopo pochi mesi dichiarò chiusa la questione morale e minacciò apertamente di usare la forza contro le opposizioni non lasciando più spazio per gli equivoci e i compromessi. Molti politici e uomini di cultura che fin allora avevano mantenuto un atteggiamento neutrale nei confronti del fascismo sentirono la necessità di prendere posizione. A un manifesto degli intellettuali fascisti diffuso per iniziativa di Giovanni Gentile, gli antifascisti risposero con un contro- manifesto redatto da Benedetto Croce,che rivendicava i diritti di libertà ereditati dalla tradizione risorgimentale. Intanto molti esponenti antifascisti come Amendola o Gobetti furono costretti all esilio perché il fascismo chiudeva ogni residuo spazio di libertà politica e sindacale, e i grandi quotidiani d informazione antifascisti furono fascistizzati tramite pressioni sui proprietari. Per stravolgere definitivamente i connotati dello Stato liberale formulò nuove leggi, le leggi fascistissime : la prima legge costituzionale del regime rafforzava i poteri del capo del governo e una legge sindacale proibiva lo sciopero e stabiliva che solo i sindacati legalmente riconosciuti potevano stipulare contratti collettivi. Infine con una serie di provvedimenti repressivi eliminò del tutto le tracce di democrazia, i partiti antifascisti e le pubblicazioni contrarie al regime. Istituì, inoltre, un Tribunale speciale per la difesa dello Stato composto non da giudici ordinari, ma da ufficiali delle forze armate e delle Milizia e con la legge elettorale del 28 introduceva il sistema nella lista unica e lasciava agli elettori solo la scelta se approvarla o respingerla. In Italia lo Stato totalitario era caratterizzato dalla sovrapposizione di due strutture: quella dello Stato e quella del partito che erano congiunti dal Gran consiglio del fascismo, ma al di sopra di tutti si esercitava incontrastato il potere di Mussolini. Il Pnf durante la crescita delle sue dimensioni istituì delle importanti organizzazioni giovanili: I Fasci giovanili, i Gruppi universitari fascisti, l Opera nazionale balilla, per i giovani fra i 12 e i 18 anni, e i Figli della lupa per chi avesse meno di 12 anni. I propositi totalitari di Mussolini incontrarono però dei limiti, il primo era rappresentato dal peso della Chiesa, la cui influenza venne riconosciuta tramite i Patti lateranensi. Questi si articolavano in 3 parti: un trattato internazionale in cui la Chiesa si vedeva riconosciuta la sovranità sullo Stato della Città del Vaticano; una convenzione finanziaria con cui l Italia pagava al papa un indennità per la perdita dello Stato

6 pontificio; e un concordato che regolava i rapporti fra la Chiesa e il Regno d Italia, stabilendo che i sacerdoti fossero esonerati dal servizio militare, che i preti spretati fossero esclusi dagli uffici pubblici, che il matrimonio avesse effetti civili, ecc L altro limite a cui erano sottoposti i proposti totalitari del regime era rappresentato dal re quale massima autorità dello Stato non subordinata al fascismo. Questi limiti erano la caratteristica essenziale del totalitarismo imperfetto del regime, che esprimeva l incapacità di quest ultimo di affermarsi come unica forza indipendente. Questa incapacità viene chiaramente espressa da Italo Svevo attraverso la figura dell inetto. ITALO SVEVO E LA FIGURA DELL INETTO Nelle opere di Svevo l inetto è il "malato", in questo caso il regime fascista, che osserva, quindi la realtà della sua debolezza e la ignora, come una sorta di autoinganno. Il tema dell inettitudine, insieme con quello della vecchiaia e della morte, costituisce un motivo costante della narrativa e della meditazione di Svevo. Con la sua ottica divergente, il personaggio sveviano fa lucidamente la diagnosi della propria condizione alienata, professa la propria inettitudine, bloccando in sé definitivamente ogni residua possibilità di azione. Inoltre, quanto più è acuta la sua sofferenza della vita, tanto più viva è la sua aspirazione a realizzarsi in esperienze totali, tanto più il personaggio è immobilizzato nei gesti, incapace cioè di un qualsiasi atto valido alla costruzione di se stesso. Suo destino è quindi quello di subire la realtà. In questa coscienza che il personaggio ha della sua malattia, si riflette l idea più generale di un malessere esistenziale e di una crisi che si rivela incapace di trovare una qualche soluzione ai problemi di ordine storico che investono la società italiana ed europea del tempo. Ettore Schmitz, in arte Italo Svevo, è nato nel 1861 a Trieste da una famiglia di commercianti ebrei ed è morto nel 1928 a Motta di Livenza in seguito ai postumi di un incidente d auto. La sua vita è sintetizzabile nel binomio affari e letteratura. Dopo la formazione avvenuta prima in un collegio tedesco e poi all Istituto Superiore del Commercio di Trieste, Schmitz si impiega malvolentieri presso la Banca Union della città natale, in seguito al fallimento del padre, e ci rimane per 19

7 anni. Nel 1986 sposa la cugina Livia Veneziani e passa a dirigere la ditta di vernici del suocero di cui diviene socio. La diretta esperienza nel mondo impiegatizio, industriale e commerciale influisce molto sull opera letteraria di Svevo che mette spesso in scena impiegati e uomini d affari e problemi relativi a quel mondo. Accanto a queste attività pratiche Schmitz si dedica spesso alla letteratura, collabora al quotidiano L indipendente e scrive racconti sotto lo pseudonimo di Italo Svevo. Nel 1893 il suo primo romanzo, Una vita, (il cui titolo originario era Un inetto ), viene pubblicato a sue spese e si rivela un autentico fallimento, nel 1898, sempre a sue spese, viene pubblicato il suo secondo romanzo, Senilità, ma l esito fallimentare anche di quest opera lo induce a desistere, almeno pubblicamente, dall attività letteraria. Per oltre vent anni Svevo non da alla stampa più nulla ma non cessa comunque di scrivere, infatti scrive un diario, fiabe, riflessioni, commedie e nel 1923 l ultimo romanzo, La coscienza di Zeno, che gli darà finalmente la tanto attesa notorietà. Tra i primi ad accorgersi di lui e a propagare la sua fama sono il critico Giacomo Debenedetti, Montale e Joyce, quest ultimo, dopo aver apprezzato anche i suoi primi romanzi, favorisce la conoscenza dello scrittore all estero. Si può dire che l opera di Svevo entri attivamente nel sistema letterario italiano solo nella metà degli anni Venti, epoca propizia ad intendere il messaggio di Svevo e il grande tema dell inettitudine a vivere affrontato in quasi ogni sua opera. Infatti nella sua prima opera, Una vita, il dato fondamentale che distacca quest opera dal naturalismo è l inettitudine di Alfonso, il protagonista. Alfonso è vittima di se stesso e delle sue tortuosità psicologiche, la società e l ambiente rimangono per lunghi tratti sullo sfondo per mettere in primo piano l analisi interna di Alfonso, la quale rivela le sue contraddizioni, i repentini mutamenti di proposito e di stato d animo e la frattura fra comportamenti esterni e sentimenti, e ciò fa di Alfonso appunto un inetto. Il motivo dell inettitudine è ripreso in Senilità dove appare significativa l analisi degli autoinganni della coscienza, messi in atto dal protagonista per cercare un equilibrio fra elementi opposti inconciliabili fra loro. Infatti da un parte c è il tenace attaccamento alla propria inettitudine, alla metafora della senilità, e dall altro il pericoloso insorgere della passione che egli non voleva suscitare, ma che una volta scatenata non sa controllare. Nella sua opera più importante, La coscienza di Zeno, Svevo adotta la tecnica del narratore interno, di un narratore cioè che narra la propria storia, e la utilizza per produrre una continua dialettica di punti di vista, di tempi e di istanze narrative, come ad esempio tra lo Zeno vecchio e lo Zeno giovane. Il narratore e protagonista è Zeno Cosini che, ormai vecchio, scrive le proprie memorie perché indotto dallo psicanalista presso cui è in cura, che a sua volta le pubblica per vendicarsi del fatto che Zeno a un certo punto ha interrotto la cura. Augusta, la donna che Zeno sposa per ripiego, rappresenta la salute e la normalità borghese, mentre Zeno è malato, ma la sua malattia è psicologica, descritta dall episodio del fumo. La figura di Zeno è l ultima incarnazione dell inettitudine a vivere, la quale poi si associa alla tragicità. La morale è che la malattia di Zeno non è una condizione eccezionale e anormale, ma una condizione comune inalienabile dell uomo, che solo una catastrofe inaudita che lo facesse scomparire dall universo potrebbe definitivamente eliminare.

8 MARCEL PROUST Pendant le temps de "La Coscienza di Zeno ", Marcel Proust écrit son œuvre la plus importante: "À la recherche du temps perdu " (publiée en 1925). Fils d un médecin d antique famille catholique et d une israélite d origine alsacienne, Marcel Proust est né à Paris en 1871 et il est mort en 1922 par fréquentes crises d asthme. Il a toujours conduit de brillantes études au Lycée Condorcet, où il découvre sa passion pour la littérature. Il a dédié sa vie à écrire et aux salons où il n était pas accepté parce que sa famille n était pas noble et parce qu il était considéré sans talent et sans personnalité!

9 Les principaux œuvres de Proust sont: "Du côté de chez Swann ", "À la recherche du temps perdu ", "À l ombre des jeunes filles en fleurs ", "Sodome e Gomorrhe ", "La prisonnière ", "La fugitive " et enfin "Le temps retrouvé ". Le style de Proust est caractérisé par des phrases denses, très longues, par une langue complexe particulièrement soignée et qui s'adapte à sa pensée pénétrante et qui utilise la forme de la première personne du singulier comme une autobiographie. Dans l œuvre la plus importante, qui est justement, "À la recherche du temps perdu ", la première personne et la phrase envoûtant de Proust compose, en parcourant les chemins complexes de la mémoire, la biographie sensible du Narrateur: ses promenades d enfant, ses amours de jeune homme, ses enthousiasmes pour un poète, un peintre ou une actrice de la Comédie- Française, et enfin sa décision de devenir écrivain, qui est le vrai sujet du livre. L'œuvre de Proust repose sur le thème du temps et sur le travail fait par l'écrivain qui cherche de récupérer le passé. La recherche se compose de plusieurs volumes, liés entre eux dans une structure circulaire où le dernier volume est "Le temps retrouvé ". Le temps de la recherche n'est pas le temps chronologique, mais plutôt le temps intérieur ressuscité grâce à la mémoire involontaire. La mémoire involontaire est réveillée par un goût, par un parfum, par un bruit qui permettent à l'écrivain d'abandonner la dimension du temps chronologique pour rejoindre le temps de la conscience. Le temps chronologique est donc substitué par la durée intérieure. Marcel Proust il nous présente des figures inoubliables et symboliques. Les héros proustiens appartiennent au milieu mondain de la bourgeoisie ou de l'aristocratie. Les classes populaires sont souvent exclues et ne sont représentées que par les domestiques.

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo IL FASCISMO La via italiana al totalitarismo LA MARCIA SU ROMA La Marcia su Roma (inizia il 27 ottobre) colpisce lo Stato nel pieno disfacimento dei suoi poteri. Facta si dimette il 28 ottobre. Il Re,

Dettagli

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi Tappe della trasformazione fascista dello Stato Gli eventi DESTRA CENTRO SINISTRA GRUPPI POLITICI SEGGI Partito Comunista d'italia 19 Partito Socialista Italiano 22 Partito Socialista Unificato 24 Partito

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava Storia e civiltà d'italia Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org Opava Ideologia fascista? Il fascismo nasce come movimento, non come pensiero politico. La parola

Dettagli

Il Fascismo in Italia (1922-1936)

Il Fascismo in Italia (1922-1936) Il Fascismo in Italia (1922-1936) Le fasi del fascismo 1. Fase legalitaria (1922-1924) I Fascisti fanno parte di un governo di coalizione. Termina con le elezioni del 1924 e l uccisione di Matteotti. 2.

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO. Testo Espositivo By Magenta

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO. Testo Espositivo By Magenta DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO Testo Espositivo By Magenta La Dichiarazione dei Diritti dell Uomo e del Cittadino Déclaration des Droits de l'homme et du

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

Il fascismo in Italia

Il fascismo in Italia Il fascismo in Italia L Italia aveva perso oltre 600.000 soldati al fronte e conosceva una forte crisi economica: un altissimo debito pubblico dovuto alle spese sostenute dallo Stato durante la guerra

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

VIA GIOVANNI AMENDOLA

VIA GIOVANNI AMENDOLA VIA GIOVANNI AMENDOLA Via Giovanni Amendola unisce Via Indipendenza a Via F.lli Cervi. Si tratta di una via situata nel centro del paese.costeggia Piazza dei Quartieri e dopo una curva a destra si immette

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

LA COSTITUZIONE ITALIANA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LA COSTITUZIONE ITALIANA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LA COSTITUZIONE ITALIANA (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LO STATUTO ALBERTINO 1848 ll Re Carlo Alberto di Savoia, a seguito di tumulti, concede agli abitanti del Regno di

Dettagli

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco Dirittosuweb.it La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall Assemblea Generale

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Lugano, 1.02.2011 Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Sandro Guzzi-Heeb, Università di Losanna Il passato non è morto e sepolto; in realtà non è nemmeno passato. William Faulkner 1.

Dettagli

Dopo la 1^ guerra mondiale in Italia vi furono gravi crisi politiche e sociali. Nel cosiddetto biennio rosso i braccianti agricoli e gli operai delle

Dopo la 1^ guerra mondiale in Italia vi furono gravi crisi politiche e sociali. Nel cosiddetto biennio rosso i braccianti agricoli e gli operai delle FASCISMO Dopo la 1^ guerra mondiale in Italia vi furono gravi crisi politiche e sociali. Nel cosiddetto biennio rosso i braccianti agricoli e gli operai delle industrie scesero in sciopero per il rinnovo

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO SVOLTO NELLA CLASSE SECONDA SUB MATERIA: DIRITTO ED ECONOMIA ANNO SCOLASTICO 2013/14 DIRITTO

PROGRAMMA DETTAGLIATO SVOLTO NELLA CLASSE SECONDA SUB MATERIA: DIRITTO ED ECONOMIA ANNO SCOLASTICO 2013/14 DIRITTO ISTITUTO COLOMBINI DI PIACENZA PROGRAMMA DETTAGLIATO SVOLTO NELLA CLASSE SECONDA SUB MATERIA: DIRITTO ED ECONOMIA ANNO SCOLASTICO 2013/14 DIRITTO ORIGINE E STRUTTURA DELLA COSTITUZIONE - La rinascita democratica

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

dichiarazione universale dei diritti SEZIONE ITALIANA SEZIONE ITALIANA umani

dichiarazione universale dei diritti SEZIONE ITALIANA SEZIONE ITALIANA umani ichia azion niver alede iritti dichiarazione universale dei diritti SEZIONE ITALIANA umani SEZIONE ITALIANA dichia razione univer saledei dirit tiumani Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799)

LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799) LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799) COSA FU Fu un periodo di radicale e a tratti violento sconvolgimento sociale, politico e culturale occorso in Francia tra il 1789 e il 1799, i cui effetti principali

Dettagli

La rivoluzione russa: le cause ( 1905)

La rivoluzione russa: le cause ( 1905) La rivoluzione russa: le cause ( 1905) assolutismo politica populismo Rivoluzione contadina 85% della popolazione contadini, ex servi della gleba sociale Arretratezza Malcontento e disagi per a guerra

Dettagli

DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI

DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI CLASSE 5A DIRITTO Mese Argomento Libro di testo Diritto Pubblico Lo Stato e la Costituzione Settembre Dicembre Introduzione allo Stato: gli elementi

Dettagli

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo:

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo: 01 Perchè si ha il ascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra Nel dopoguerra (alla fine della prima Guerra Mondiale, che si chiama anche Grande Guerra) l Italia si trova in una situazione difficile. In

Dettagli

Presentazione. Prof. Martino Mattei

Presentazione. Prof. Martino Mattei Presentazione Il 60 anniversario dell entrata in vigore della Costituzione Italiana è stata l occasione, nella scuola, per riflettere sul ruolo da assumere nel processo finalizzato all educazione del senso

Dettagli

Scaricato da: www.formazione.forumcommunity.net

Scaricato da: www.formazione.forumcommunity.net LA RIFORMA GENTILE La prima guerra mondiale testimoniò ulteriormente che la scuola non riusci a formare sentimenti patriottici e di amore nazionale. Con Gabelli e con il positivismo si era cercato di delineare

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

La Rivoluzione inglese

La Rivoluzione inglese La Rivoluzione inglese I conflitti tra monarchia inglese e parlamento PREMESSA 1215 il re inglese Giovanni senza terra è costretto a concedere la Magna Charta Libertatum Il re non poteva chiedere nuove

Dettagli

STORIA DEL MOVIMENTO CATTOLICO

STORIA DEL MOVIMENTO CATTOLICO STORIA DEL MOVIMENTO CATTOLICO 10. DURANTE IL FASCISMO svolta politica di Mussolini: dall anticlericalismo laicista all affermazione che l universalismo cattolico è il titolo più significativo della grandezza

Dettagli

Preambolo (1789) Preambolo (1793)

Preambolo (1789) Preambolo (1793) Confronto fra la Dichiarazione dei Diritti dell uomo e del cittadino del 26 agosto 1789 e la Dichiarazione dei Diritti dell uomo e del cittadino dell Anno Primo (23 giugno 1793). Preambolo I rappresentanti

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

LA COSCIENZA DI ZENO

LA COSCIENZA DI ZENO LA COSCIENZA DI ZENO L intermezzo preparatorio 1898-1915 Delusione per l insuccesso dei primi due romanzi (Una vita Senilità) Impegni familiari dopo il matrimonio con Livia Veneziani (1896) Impegni lavorativi

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO 1. QUANDO INIZIA A PORSI IL PROBLEMA DELLA RELAZIONE GIURIDICA DEI RAPPORTI FAMILIARI? Nell ambito della nascita dello stato moderno nel secolo XIX.

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO FORLIN MARIA NIVES DIRITTO 5 ^ ARI IGEA DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013 1 - LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI

Dettagli

VERSO LA COSTITUZIONE

VERSO LA COSTITUZIONE VERSO LA COSTITUZIONE Tanto tempo fa nel mondo non c erano ancora i treni, gli aerei e le automobili. Non c erano la radio, la televisione e i giornali che diffondono le notizie. Non c era l elettricità

Dettagli

I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A

I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A Renzo De Felice MUSSOLINI L ALLEATO 1. L Italia in guerra 1940-1943 Tomo secondo. Crisi e agonia del regime 1990 e 1996 Giulio Einaudi editore S.p.A.,

Dettagli

I giocatori e la storia. La teoria dei giochi e l ascesa del Fascismo (1919-1929)

I giocatori e la storia. La teoria dei giochi e l ascesa del Fascismo (1919-1929) I giocatori e la storia. La teoria dei giochi e l ascesa del Fascismo (1919-1929) La teoria dei giochi. I presupposti La teoria dei giochi o delle scelte razionali si basa su alcuni presupposti semplici

Dettagli

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia La rivoluzione Francese 1. La fine della monarchia Alle origini della rivoluzione Immobilismo politico della Francia: la culla dell illuminismo non conosce riforme. Esempio della rivoluzione americana.

Dettagli

Storia e valori del servizio civile

Storia e valori del servizio civile Storia e valori del servizio civile Il servizio civile nazionale rappresenta l ultimo passaggio in Italia del lungo viaggio durato oltre 50 anni dall obiezione di coscienza al servizio militare Il dovere

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo e del cittadino (1789) Dichiarazione universale dei diritti dell uomo (1948)

Dichiarazione dei diritti dell uomo e del cittadino (1789) Dichiarazione universale dei diritti dell uomo (1948) I diritti umani nelle Dichiarazioni Dichiarazione dei diritti dell uomo e del cittadino (1789) Dichiarazione universale dei diritti dell uomo (1948) leggere scrivere parlare TESTO REGOLATIVO livello di

Dettagli

DOPOGUERRA. I problemi del dopoguerra

DOPOGUERRA. I problemi del dopoguerra DOPOGUERRA I problemi del dopoguerra I Trattati di Parigi (19191920) intendevano creare un nuovo equilibrio geopolitico per garantire la pace in Europa. Tuttavia il nuovo assetto causò insoddisfazione

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU La società e le regole Gruppi e società Dalla vita quotidiana al Diritto e all Economia Il Diritto e l Economia: scienze sociali Origini

Dettagli

SISM Segretariato Italiano Studenti in Medicina

SISM Segretariato Italiano Studenti in Medicina DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI SISM Segretariato Italiano Studenti in Medicina Anno Associativo 2012/2013 INTRODUZIONE Nella conclusione al preambolo della Dichiarazione dei Diritti Universali

Dettagli

TESTO SEMPLIFICATO DI DIRITTO

TESTO SEMPLIFICATO DI DIRITTO Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Professionale di Stato PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI E SOCIALI "L. MILANI" di MEDA (MB) C.F. 83007880152 www.ipcmeda.gov.it - MIRC010004@istruzione.it

Dettagli

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Marcello Pera La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Cerisdi, Palermo, 26 novembre 2001 SENATO DELLA REPUBBLICA TIPOGRAFIA DEL SENATO La giustizia come fondamento dello sviluppo e della

Dettagli

Belgio Francia Italia

Belgio Francia Italia Cronologie comparate: Evoluzione del diritto comunitario e delle legislazioni in Belgio, Francia e Italia Data 1791 1804 Diritto internazionale e comunitario Belgio Francia Italia Le donne ottengono il

Dettagli

La società francese alla fine del '700

La società francese alla fine del '700 La società francese alla fine del '700 Primo stato: ecclesiastici Secondo stato: nobili 2% della popolazione possiedono vaste proprietà terriere e sono esonerati dalle tasse. Possono riscuotere tributi

Dettagli

Saggi. Perché il 2 giugno non è diventata la festa nazionale dell Italia? di Marcello Flores

Saggi. Perché il 2 giugno non è diventata la festa nazionale dell Italia? di Marcello Flores Saggi Perché il 2 giugno non è diventata la festa nazionale dell Italia? di Marcello Flores Ogni anno leggiamo con un senso di curiosità e anche d invidia il modo in cui due grandi democrazie, la Francia

Dettagli

II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI

II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI 1. PROGETTO DI COSTITUZIONE DI SIEYES (12 agosto 1789) 2. DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO (26 agosto 1789) 3. COSTITUZIONE DELLA MONARCHIA (3

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

I Diritti Umani nella storia, parte II: Dalla Rivoluzione Francese al 1800

I Diritti Umani nella storia, parte II: Dalla Rivoluzione Francese al 1800 Lungo cammino verso la libertà Corso introduttivo alla conoscenza dei Diritti Umani e delle loro violazioni I Diritti Umani nella storia, parte II: Dalla Rivoluzione Francese al 1800 III INCONTRO Che cos'è

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa

DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa Ho accettato di svolgere il tema pensando più ad un argomento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

(Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948)

(Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948) 1 di 8 11/11/2011 10.30 (Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948) Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato e proclamato la Dichiarazione Universale

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale Facoltà di Scienze Sociali Lezioni di Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale PROGRAMMA DELLE LEZIONI Prima parte Concezione del welfare state e caratteri generali;

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa Anno Scolastico 2013/2014 5^A Liceo Scientifico Tecnologico PROGRAMMA DI STORIA L Europa e il mondo di inizio 900: Guerre prima della guerra (Inglesi, Boeri, Russi e Giapponesi) La crisi marocchina Il

Dettagli

Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE

Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE Isolde Quadranti Università degli Studi di Verona Centro di documentazione europea Diritto all informazione

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello Luigi Pirandello è stato uno dei più importanti scrittori e drammaturghi italiani, conosciuto, famoso e apprezzato in tutto il mondo, e fu anche premiato con il Nobel per la letteratura nel 1934. Nacque

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

I Diritti dell'uomo secondo la Costituzione italiana di Laura e Ilaria della 3 D

I Diritti dell'uomo secondo la Costituzione italiana di Laura e Ilaria della 3 D I Diritti dell'uomo secondo la Costituzione italiana di Laura e Ilaria della 3 D Bisogni da cui nascono Decidere come governarsi Avere diritti inviolabili Non essere inferiori né superiori a nessuno Avere

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

NATURA DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO

NATURA DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO L ORDINAMENTO DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 NATURA DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO ------------------------------------------------------ 3 2 L ORDINAMENTO

Dettagli

SCHEDA FIGURE DEL MOVIMENTO OPERAIO PIETRO AMENDOLA

SCHEDA FIGURE DEL MOVIMENTO OPERAIO PIETRO AMENDOLA PIETRO AMENDOLA Pietro Amendola nasce a Roma il 26/10/1918, ultimo figlio di Giovanni Amendola, martire della Libertà, e di Eva Kuhn. Dopo la morte del padre avvenuta a causa dei postumi di un ennesimo

Dettagli

Il Decadentismo. Claude Monet Tramonto a Venezia 1908

Il Decadentismo. Claude Monet Tramonto a Venezia 1908 Il Decadentismo Claude Monet Tramonto a Venezia 1908 Movimento culturale nato in Francia nel 1880 e ben presto diffuso in tutta Europa. Prende il nome dalla rivista transalpina «Le Décadent». I caratteri

Dettagli

Raccontare la Grande Guerra per immagini

Raccontare la Grande Guerra per immagini Raccontare la Grande Guerra per immagini 19 ottobre 2011 Dr. Marco Mondini ISIG- FBK mondini@fbk.eu I testi e i dati contenuti nella presentazione sono da considerarsi proprietà intellettuale dell autore.

Dettagli

PICTURES ON HUMAN RIGHTS

PICTURES ON HUMAN RIGHTS Luciano Nadalini ISBN 978-88-97046-01-1 euro 9,90 (i.i.) 9 788897 046011 CAMERA CHIARA EDIZIONI 4 Articolo 1 Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini La formazione dello stato moderno Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini Un solo stato cristiano? Il Medioevo aveva teorizzato l unità politica e religiosa

Dettagli

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE VIII LA GIURISDIZIONE ECCLESIASTICA MATRIMONIALE PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 Efficacia civile delle decisioni ecclesiastiche sui matrimoni canonici:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Amnesty International e

Amnesty International e la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani AI Foto: Eleanor Roosevelt e la Dichiarazione universale dei diritti umani. Novembre 1949, New York 1. Premessa 1.1 Il 10 dicembre 2008 è il 60 anniversario

Dettagli

2011-2012 - EDITRICE LA SCUOLA

2011-2012 - EDITRICE LA SCUOLA L Impero russo alla fine del XIX secolo Un territorio immenso e multietnico retto da una monarchia assoluta che reprimeva ogni forma di opposizione. Profonda arretratezza nelle campagne: Il 90% della terra

Dettagli

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere LEGITTIMA DIFESA Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere Torino aprile 2013 LEGITTIMA DIFESA La legittima difesa, come disciplinata

Dettagli

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Negli anni successivi al Congresso di Vienna le libertà di pensiero, parola e libera associazione erano state particolarmente limitate per mantenere

Dettagli

II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO

II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO PARTE PRIMA II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO 1. Classificazione Fonti di produzione del diritto ecclesiastico: fonti di provenienza unilaterale statale: norme che lo Stato emana direttamente e autonomamente

Dettagli

Corso di Diritto dell Informazione. 2. Semestre 2006-2007

Corso di Diritto dell Informazione. 2. Semestre 2006-2007 Corso di Diritto dell Informazione 2. Semestre 2006-2007 Programma del corso 06-07 1. La libertà di manifestazione del pensiero. Principi costituzionali 2. La disciplina della stampa (1). Excursus storico,

Dettagli

a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili?

a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili? INTRODUZIONE: a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili? Il Novecento è stato uno dei secoli più contraddittori della storia dell umanità. Da un lato, abbiamo avuto, soprattutto

Dettagli

Governo e amministrazione pubblica

Governo e amministrazione pubblica Governo e amministrazione pubblica 1 2 3 Il governo della società si realizza attraverso poteri differenziati e distribuiti: potere legislativo produce leggi sui diritti e la sicurezza degli individui

Dettagli

La via cinese alle riforme neoliberiste

La via cinese alle riforme neoliberiste Wan Zhe La via cinese alle riforme neoliberiste 50 Aspenia 73 2016 La Cina sta aggiornando il proprio modello di sviluppo con l adattamento delle teorie economiche neoliberiste la supply side economics

Dettagli

DONNE E SCIENZA. Breve excursus storico A cura di Marisa Salabelle

DONNE E SCIENZA. Breve excursus storico A cura di Marisa Salabelle DONNE E SCIENZA Breve excursus storico A cura di Marisa Salabelle NEL CORSO DELLA STORIA il cammino delle donne ha avuto difficoltà a incontrarsi con quello della scienza specialmente per quanto riguarda

Dettagli

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015.

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. A tutti gli oggionesi, ai rappresentanti delle Istituzioni, alle autorità militari e di polizia,

Dettagli

Docente Rosanna Amadio

Docente Rosanna Amadio LICEO SCIENTIFICO STATALE NOMENTANO a.s. 2014-2015 Docente Rosanna Amadio PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA Classe 5 H UNIFICAZIONE DELLA GERMANIA E CROLLO DEL SECONDO IMPERO Declino del secondo Impero Verso

Dettagli

La Riforma protestante

La Riforma protestante La Riforma protestante Alla fine del XV secolo la Chiesa attraversava una nuova crisi a causa delle corruzione e della decadenza dei costumi ecclesiastici. Gli studiosi umanisti avviarono uno studio critico

Dettagli

Norberto Bobbio, Autobiografia, a cura di Alberto Papuzzi, Laterza, Roma- Bari 1997, p. 3.

Norberto Bobbio, Autobiografia, a cura di Alberto Papuzzi, Laterza, Roma- Bari 1997, p. 3. Introduzione Nel 1955, a dieci dalla Liberazione, Norberto Bobbio scrive il suo primo articolo sulla Resistenza, sottolineando fin da subito il valore di quel fatto storico per la costruzione della nostra

Dettagli

Il minore cittadino:proposte e spunti di riflessione. Introduzione

Il minore cittadino:proposte e spunti di riflessione. Introduzione Introduzione Questa tesi nasce come tentativo di esplorare e, per quanto possibile, approfondire, un tema oggi più che mai attuale ma ancora fin troppo poco discusso: i diritti di rappresentanza dei minori.

Dettagli