Prot. n. 523/C2b Bergamo, 19 gennaio 15 Circ. n. 165 A tutti i docenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prot. n. 523/C2b Bergamo, 19 gennaio 15 Circ. n. 165 A tutti i docenti"

Transcript

1 Prot. n. 523/C2b Bergamo, 19 gennaio 15 Circ. n. 165 A tutti i docenti Oggetto: progetto Generazione Web Formazione nazionale Comunico che è possibile iscriversi al percorso formativo Il docente digitale : formazione, azione in classe, comunità di pratica (trasmesso per mail), promosso dall Istituto Vittorio Emanuele e riconosciuto a livello nazionale, con iscrizione e relativo riconoscimento nell anagrafe nazionale. Essendo riconosciuto a livello nazionale, la progettazione, che è stata apprezzata (quarta nella graduatoria regionale) deve essere integrata secondo il format nazionale, e i relatori devono essere riconosciuti dal Ministero. Le attività formative prossime riguardano: - produzione digitale di materiali didattici di ambito disciplinare con momenti comuni di tipo seminariale su metodologie didattiche e utilizzo della piattaforma Le attività già svolte per i docenti che hanno già partecipato agli incontri del VE verranno inserite se il docente prosegue con questa formazione. A breve avremo informazioni sulla progettazione e concorderemo i tempi e le attività di gruppo da svolgere presso le nostre sedi. I materiali prodotti potranno essere sviluppati all'interno dei moduli del corso di Generazione Web che si svolgeranno da settembre. Invito tutti i docenti a considerare e ponderare bene l iscrizione al corso che, oltre che garantire un piano di rete ampia insieme ad un lavoro di gruppo con scuole a noi vicine, verrà riconosciuto nell anagrafe nazionale e quindi, qualora la posizione professionale dei docenti venga contrattualmente rivista con obbligo di formazione, produrrà titolo di formazione avvenuta. Chi fosse interessato deve comunicare quanto prima e NON OLTRE mercoledì 21 il proprio interesse alla formazione, inviando mail di conferma di iscrizione all indirizzo e a l l i n d i r i z z o La presente comunicazione viene inoltrata per mail a tutti i docenti unitamente al percorso formativo impostato IL DIRIGNETE SCOLASTICO Dott.ssa Laura Ferretti DS/gp

2 ALLEGATO A2 AVVISO FORMAZIONE INSEGNANTI GENERAZIONE WEB LOMBARDIA PER GLI ANNI SCOLASTICI 2014/2015 E 2015/2016 di cui al d.d.s. n del 15/10/2014 TITOLO DEL PROGETTO SCHEDA PROGETTO IL DOCENTE DIGITALE : FORMAZIONE, AZIONE IN CLASSE, COMUNITA DI PRATICA Indirizzi che Regione Lombardia utilizzerà per le comunicazioni ufficiali relative al progetto indirizzo indirizzo pec SEZIONE ANAGRAFICA SOGGETTO RICHIEDENTE Denominazione dell'ente capofila ATS (associazione temporanea di scopo) Sede del soggetto capofila dell'ats Indirizzo (via/piazza città provincia CAP) C.F. P.IVA Tel. Fax. Pag. 1

3 COSTITUZIONE ATS Numero partecipanti (minimo 10): Nr Denominazione partecipante ATS Sede Legale rappresentante 1 I.T.C. e T.S. Vittorio Emanuele II Bergamo D.S. Lorena Peccolo 2 Liceo Artistico Gacomo e Pio Manzù Bergamo D.S. Laura Ferretti 3 Liceo Classico Paolo Sarpi Bergamo D.S. Damiano Previtali 4 Istituto Professionale Servizi Alberghieri San Pellegrino Terme D.S. Brizio Luigi (BG) Campanelli 5 I.S. Giacomo Antonietti Iseo (BS) D.S. Diego Parzani 6 I.C. Fermi di Carvico Carvico (BG) D.S. Andrea Quadri 7 I.C. Fermi di Romano di Lombardia Romano di Lombardia D.S. Patrizia Giaveri (BG) 8 I.C. Fra A. Da Calepio Castelli Calepio (BG) D.S. Laura Ferretti 9 Patronato San Vincenzo - Clusone Clusone (BG) Luigi Bettoli 10 Fondazione ENAIP Lombardia Bergamo Gigliola Pezzotta 11 I.S. Marzoli Palazzolo S.Oglio (BS) Marella Oliva SEDE DI SVOLGIMENTO DEI CORSI Sede principale Eventuali altre sedi REFERENTE DEL PROGETTO Nominativo: Indirizzo mail: Tel./Cell.: DESCRIZIONE PROGETTO Il progetto si basa sulla condivisione di queste idee e convinzioni: 1 - L utilizzo delle tecnologie è ormai componente connaturale della didattica e non più innovazione straordinaria : Tutti i docenti devono possedere un livello base di competenze Pag. 2

4 Le pratiche didattiche devono essere oggetto di confronto e collaborazione tra docenti per un sistema continuo ed efficace di sviluppo professionale 2 - L utilizzo delle tecnologie nella didattica va portato a sistema : in ogni scuola va configurato il quadro dei diversi aspetti e del loro sviluppo Va fatta mappatura e descrizione delle aree: - aspetti tecnici di cablaggio, di gestione e manutenzione - strumentazione, software per la didattica, per la comunicazione, per l amministrazione - livelli di competenze dei docenti e pratiche didattiche - utilizzo testi digitali e produzione di materiali informatici - aspetti normativi e giuridici Vanno integrate le competenze in formazione di figure di sistema in grado di supportare la direzione nella governare dei processi di digitalizzazione Vanno integrate le competenze all interno e all esterno delle scuole con sistemi di rete 3- La progettazione della didattica deve comprendere capacità di gestione della classe e della relazione educativa facendo leva sulle opportunità che le tecnologie offrono: è necessario conoscere come pensano e si relazionano gli adolescenti oggi, come si approcciano all apprendimento, come utilizzano le tecnologie, come vivono il rapporto con il sapere codificato della scuola e con il sistema diffuso delle informazioni in internet conoscere come attivare apprendimento attivo ed efficace, mobilitare attenzione e motivazione, formare competenze riconoscere le esigenze di personalizzazione del processo di insegnamento-apprendimento in particolare dei BES porsi obiettivi concreti di sviluppo dell autonomia, della creatività e della capacità di comunicare degli adolescenti definire e fornire strumenti ed esempi per comprendere la contemporaneità 4 - La strutturazione di governance per lo sviluppo dell utilizzo delle tecnologie ha lo scopo essenziale del miglioramento degli apprendimenti e dell offerta formativa, obiettivo che coincide con quelli del S.N.V. L autovalutazione della scuola deve comprendere l autovalutazione dell utilizzo delle tecnologie e dunque considerare : Raccolta dei dati Analisi e prospettive di miglioramento Rilevazione degli incrementi e del valore aggiunto 5 - La scuola è consapevole della rilevanza che le tecnologie hanno nel mondo del lavoro, nelle articolazioni di supporto nella società, nella produzione creativa: Pag. 3

5 La formazione degli studenti deve comprendere la conoscenza dell utilizzo delle tecnologie nei diversi contesti sociali e lavorativi Le attività laboratoriali devono dare opportunità di sviluppo di messa alla prova delle capacità operative e di sviluppo della creatività Il progetto si propone l obiettivo di mettere i partecipanti in grado di acquisire le competenze necessarie per utilizzare in maniera consapevole gli strumenti digitali, in vista del miglioramento degli ambienti di apprendimento, del monitoraggio dei processi di apprendimento e del loro raccordo con la valutazione, della produzione di digital learning objects liberamente condivisibili fra le istituzioni scolastiche, della creazione di una comunità di pratica orientata al supporto dei partecipanti in un processo di crescita professionale che si protragga anche oltre la fase di formazione. I partecipanti acquisiranno le abilità e le conoscenze necessarie per compiere con successo la transizione dalla didattica tradizionale a quelle digitale, incluse le metodologie di digitalizzazione del patrimonio cartaceo posseduto da una grande parte dei docenti e che si ritiene debba essere preservato e reso disponibile in modalità digitale. Saranno presentati i metodi e le tecniche più consolidate per l istruzione on-line, il coinvolgimento degli studenti e la gestione delle classi digitali e le strategie di supporto al peer learning in ambienti collaborativi virtuali. Le specificità delle diverse tecnologie disponibili saranno analizzate in maniera dettagliata per permetterne l uso più appropriato nei diversi contesti. Inoltre si introdurranno tecniche e metodi di analisi dati per la rilevazione del processo di apprendimento e il raccordo con le metodologie di valutazione dell apprendimento. La possibilità di adattare in maniera semplice i materiali digitali, anche coinvolgendo direttamente gli studenti nel processo di revisione, unita al monitoraggio del percorso di apprendimento a livello individuale, si rivela particolarmente utile nel supporto degli studenti BES, ai quali il corso dedica particolare attenzione. La formazione è completata da un modulo sulla comunicazione scuola-famiglia attraverso le tecnologie digitali e da alcuni spunti sui profili legali dell utilizzo delle nuove tecnologie, di cui è importante che i docenti abbiano piena consapevolezza. Gli obiettivi formativi complessivi sin qui delineati saranno inoltre declinati all interno delle specifiche esigenze didattico - metodologiche dei differenti assi culturali e disciplinari, al fine di fornire ai docenti partecipanti concrete indicazioni operative ed informazioni sull evoluzione e sullo stato dell arte dell editoria scolastica digitale nel proprio ambito. Sarà tenuto costante riferimento alle formazione delle competenze di cittadinanza degli studenti nelle dimensione trasversali e nell articolazione per assi culturali e disciplinari. Patrimonio di competenze della rete tre dirigenti scolastici sono esperti di sistemi di valutazione della scuola con incarichi a livello nazionale e regionale: portano contributi per lo studio di modelli di governance, per l impostazione del progetto in connessione con gli obiettivi del sistema di valutazione delle scuole e dunque con prospettive di definizione di obiettivi strategici e di un piano di miglioramento; l IC di Romano di Lombardia ha fatto parte del Progetto Valutazione e Miglioramento lo scorso anno e porta l esperienza del processo di valutazione svolto. un dirigente scolastico ha alte competenze sull utilizzo delle tecnologie nell ambito della ricerca scientifica e nell implementazione dei sistemi cloud nella scuola: porta contributi all impostazione del progetto e coordina gli interventi dal punto di vista tecnico e progettuale tre dirigenti sono neo immessi e dunque utilizzano il progetto come riferimento per l impostazione della progettualità e il piano di miglioramento del loro istituto la presenza di altre reti che costituiscono sinergie interne: - l ITC Vittorio Emanuele II è capofila del Polo tecnico professionale per il turismo di cui fanno parte il Patronato San Vincenzo e l Enaip; il Polo ha istituito un corso IFTS e ha avuto riconoscimento della premialità Pag. 4

6 - l ITC Vittorio Emanuele II, il Liceo artistico Manzù, il Liceo classico Sarpi, l IC. di Carvico, l IS Marzoli, l IS Antonietti sono in rete per il progetto nazionale Potenziamento delle competenze relativamente ai progetti di digitalizzazione e in novazione tecnologica ; il progetto trova sviluppo e amplificazione in questo di generazione web con gli obiettivi di definire un completo quadro di riferimenti e di competenze da costruire nelle scuole, di strutturare forme di sviluppo professionale permanente, di creare strutture stabili di collaborazione in rete, di definire strumenti comuni per i processi di miglioramento. 5 istituti superiori e i due enti di formazione hanno avuto i finanziamenti del progetto Generazione Web; l ITC Vittorio Emanule II ha organizzato il giorno 30 ottobre 2014 un importante seminario in cui è stato fatto il punto sull utilizzo delle tecnologie nella scuola. I contributi degli esperti intervenuti, che sono pubblicati sul sito della scuola, sono considerati all interno di questo progetto in particolare nel modulo 1. Le precedenti esperienze di formazione garantiscono alla rete l utilizzo di alcuni docenti esperti che possono condurre le attività laboratoriali e seguire le attività dei docenti, applicando disseminazione di competenze sempre più capillare. La rete è composta da una varia gamma di indirizzi di formazione e di ordine di scuola che consentono di integrare le competenze interne con visione allargata della formazione e con particolare attenzione alle dimensioni della continuità educativa e dell innovazione della didattica per il miglioramento dei processi di apprendimento. Le scuole della rete hanno tutte competenze interne che possono Diffusione dei materiali prodotti: - in itinere sulla piattaforma dedicata ad utilizzo interno delle scuole della rete - sul sito a conclusione come patrimonio della rete e consultabile dal pubblico - nella costruzione della comunità di pratica DOTAZIONI L ITC Vittorio Emanule II capofila del progetto dispone di : - piattaforma google apps e moodle federate tra loro - aula magna con connessione internet e attrezzata di per registrazioni audio e video, - 5 laboratori di informatica con connessione internet I due enti di formazione professionale sono entrambi accreditati nella sezione A dell albo Regione Lombardia I progetti formativi devono essere coerenti gli obiettivi specifici indicati al paragrafo 1 dell Avviso e devono essere realizzati entro il 30 giugno La proposta progettuale deve favorire: lo scambio multidisciplinare tra diversi indirizzi scolastici di istruzione e di istruzione e formazione professionale; la diffusione delle migliori esperienze maturate nell ambito della rete territoriale di riferimento; il miglioramento degli ambienti di apprendimento in modo da renderli adeguati alle nuove esigenze della didattica svolta in forma digitale. La proposta deve, inoltre, sviluppare la propensione da parte dei docenti all utilizzo abituale delle tecnologie ICT nella didattica e deve sfruttare le potenzialità della rete e delle tecnologie e dell apprendimento on-line anche con modelli innovativi per supportare la didattica nelle scuole. DOCENTI DEI MODULI FORMATIVI (**) indicare i nominativi dei docenti con l'indicazione delle loro competenze professionali: Nr Nominativo Breve profilo competenze professionali Pag. 5

7 1 Damiano Previtali Dirigente Scolastico, esperto all interno del Cantiere scuola/star up sistema nazionale di valutazione MIUR; esperto collaboratore INVALSI impegnato in progetti nazionali di valutazione delle scuole 2 Lorena Peccolo Dirigente Scolastico, esperto di valutazione e di bilancio sociale nelle scuole; valutare Invalsi nei progetti VALES; formatrice di docenti nell area educativa e didattica; Dirigente della scuola capofila del POLO tecnico Professionale per il turismo 3 Laura Ferretti Dirigente Scolastico, esperta di valutazione delle scuole modello CAF; formatrice di docenti nell area educativa e didattica 4 Andrea Quadri DS IC E.Fermi, Carvico, Bergamo. F.S. per l informatica nell ultimo biennio e Chief Technical Officer del progetto Google Apps for Edu presso l ITCTS Vittorio Emanuele II, Bergamo. Vincitore del Cloud Innovation Award 2014, School of Management, Politecnico di Milano. Esperto di sistemi di calcolo simbolico applicati alla fisica teorica delle alte energie Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Abilitato alle funzioni di Maître de conférences (equipollente alla qualifica accademica italiana di professore universitario di ruolo di seconda fascia) nelle università di Francia per la Section 29 Constituants élémentaires - Campagna di qualificazione 2009 List of publications from INSPIRE : 5 Patrizia Giavari Dirigente Scolastico, esperta di valutazione delle scuole in progetti europei, modello CAF; valutatore CEFS e consulente per i sistemi di qualità 6 Brizio Campanelli Dirigente Scolastico, esperto nei sistemi di gestione siti, utilizzo pacchetto Microsoft Office applicato alla didattica multimediale Formazione e-learning su portale (portale della formazione gestito da Microsoft in collaborazione con MIUR) ECDL (Patente Europea del Computer) 7 Matteo Lancini Esperto del Minotauro; Docente università Bicocca; consulente psicologia dell adolescente; particolare competenze per i progetti educativi che riguardano gli adolescenti e il loro approccio all apprendimento, all utilizzo delle tecnologie, alla vita sociale 8 Adriano Fico Laurea in matematica conseguita presso l Università statale di Milano; ricercatore presso il CILEA, dal 76 al 82, successivamente libero professionista consulente in informatica, titolare di società di consulenza informatica dal 1987, dal 2008 docente di informatica presso l ENAIP e scuola d arte Andrea Fantoni 9 Alessandra Pioselli Direttrice accademia Carrara, critica arte contemporanea, curatrice di progetti e mostre. 10 Luca Tucciarelli F.S. per l informatica presso l IC E.Fermi, Carvico, Bergamo. Esperto di gestione di sistemi CMS per le scuole. 11 Luca Fatticcioni F.S. Mutimedialità presso l IC E.Fermi, Romano di Lombardia, Bergamo. Referente sito WEB e docente esperto in didattica con la LIM. 12 Antonella Greco Referente gruppo di dematerializzazione IIS Antonietti Iseo Master in Progettazione e realizzazione e- learning e learning object Diploma DOL con Politecnico di Milano Docente tutor di corsi on line per docenti su: Insegnare con le mappe concettuali e scrivere per un sito web Formatore DIRSCUOLA (ente accreditato) sulle nuove tecnologie applicate alla didattica Formatore Microsoft Borsa di studio con Università Bicocca per implementare piattaforma Moodle con materiali di matematica propedeutici all informatica Autore di e-book Autore Learning object di matematica per progetto MIUR digiscuola Pag. 6

8 Formatrice del corso Nuova scuola digitale progetto MIUR Esperta piattaforma LCMS Inserita come formatore nell elenco USR Lombardia 13 Bartolini Luca Coordinatore di laboratori. Docente corsi sulla Lim 14 Monaco Aldo Docente ITC Vittorio Emanule II, docente di matematica esperto di gestione della piattaforma LMS e di utilizzo di software per didattica 15 Arizzi Mauro Docente ITC Vittorio Emanule II, docente di matematica esperto di gestione della piattaforma LMS, di utilizzo di software per didattica, di produzione di materiali didattici in Wolgram Mathematica; elabora dati degli esiti degli scrutini per l autovalutazione della scuola; certificatore ECDL 16 Cristina Semperboni Docente ITC Vittorio Emanule II, docente di matematica esperto di gestione della piattaforma LMS e di utilizzo di software per didattica 17 Anna Chiarelli Docente ITC Vittorio Emanule II, docente di matematica esperto di gestione della piattaforma LMS e di utilizzo di software per didattica; docente esperta CLIL 18 Galizioli Fernanda Docente ITC Vittorio Emanule II, docente di informatica esperto di gestione del registro elettronico e di utilizzo di software per didattica 19 Trivia Gianluigi Docente di matematica, esperto di didattica multimediale e utilizzo di app 20 Alborghetti Mariangelo Componente del coordinamento associazione genitori, esperto di gestione della multimedialità con esperienza di consulenza nelle scuole; esperto di strumenti digitali per alunni DSA Sono inoltre previsti gli interventi dei seguenti esperti: 1 Eugenio Gotti Esperto nella gestione degli strumenti in ambito scolastico; esperto dei rapporti scuola mondo del lavoro 2 Esperti di Confindustria per esempi di utilizzo di sistemi di gestione dati (es. SAP) 3 Esperti dell editoria per l utilizzo di e book (**) Per la erogazione dei percorsi di formazione, il soggetto capofila della rete dovrà individuare docenti di comprovata esperienza, scelti tra: docenti delle istituzioni scolastiche e formative che partecipano alla rete; esperti di ICT (Information and Communication Technology) con esperienza nel settore della editoria elettronica; docenti e ricercatori universitari; esperti di ICT appartenenti ad associazioni professionali rappresentative dei docenti e/o dei dirigenti scolastici.) DESCRIZIONE MODULI FORMATIVI Pag. 7

9 La proposta progettuale deve essere articolata in moduli formativi compresi tra le 8 e le 16 ore di formazione d aula, deve aver luogo presso le sedi delle istituzioni scolastiche o le sedi operative accreditate della rete e deve contenere i seguenti elementi: obiettivi formativi; descrizione e argomenti trattati nei singoli moduli formativi; numero di allievi atteso per singolo modulo formativo, con un minimo di 10 allievi e massimo di 20 allievi. Nr. Titolo modulo modulo formativo 1 Governance del sistema di utilizzo delle tecnologie: mappatura delle aree per l analisi, autovalutazione, piano di miglioramento rendicontazione 2 Produzione di nuovi materiali digitali Modulo da riproporre in due fasi per restituzione di feedback e su più territori Descrizione argomenti trattati 1 - Costruzione del modello di autovalutazione dell utilizzo delle tecnologie: - area delle strutture e degli strumenti - area delle competenze dei docenti - area dell utilizzo didattico - area degli aspetti normativi - area della comunicazione 2 - lavorare per obiettivi strategici 3 la connessione del piano di gestione delle tecnologie con il sistema di autovalutazione delle scuole (SNV) 4 - Elementi di service level agreement(sla)per servizi informativi e di cloud computing 5 - Esempi di strutture di tipo tecnico e produzione materiali Rif. obiettivi a) e) 1- atteggiamento psicodinamico degli studenti nei confronti delle tecnologie - come funziona la mente dell adolescente Prof. Lancini : 2 - le tecnologie nella vita degli adolescenti e il loro possibile utilizzo a scuola 3- Esempi di e book 4 utilizzo di testi interattivi (pagina liquida) 4 - Produzione di e book Nota: i materiali saranno condivisi tra i partecipanti in modo collaborativo utilizzando la piattaforma google apps Rif. all obiettivo a) e) f) Competenze professionali in uscita profilo di figure di sistema per l utilizzo della tecnologia e del piano di miglioramento: - Competenze didattiche e gestionali per l interfaccia con esterni - coordinamento interno per l analisi e la gestione del sistema - a c q u i s i r e consapevolezza delle migliori pratiche per le tecniche di istruzione on-line e i modelli di formazione a distanza - competenza nella progettazione, p r o d u z i o n e e distribuzione di digital learning objects - acquisire una solida c o n o s c e n z a d e l l e potenzialità e dei limiti d e g l i s t r u m e n t i d i a u t h o r i n g a d i s p o s i z i o n e, c o n particolare riferimento a l l e s o l u z i o n i opensource 3 Valutazione 1 - utilizzo moodle per la valutazione 2 - Profilo competenze M.M. alunni a livello di 3^media - 1 biennio - maturità 3 - Produzione di Digital Learning Objects: -Moodle -Google Apps - Autocorrezione autoapprendimento: esempio di - s v i l u p p a r e consapevolezza delle informazioni aggiuntive ottenibili attraverso i sistemi digitali ai fini del monitoraggio del p r o c e s s o d i apprendimento - competenza nelle Pag. 8

10 Eserciziario di fisica e di matematica 4 - Strategie e strumenti di conversione da materiali cartacei a digitali 5-tecniche di analisi dei dati di valutazione raccolti con piattaforme digitali :data mining 6-strategie di potenziamento della meta cognizione e della competenza imparare ad imparare : il ruolo della didattica digitale 7 -Tutoraggio del processo di apprendimento attraverso gli strumenti collaborativi docente/studente con le google apps 8 - e-porfolio anche con elementi di autovalutazione Rif. a obiettivi a) b) d) e) 4 BES 1 apprendere per competenze e personalizzazione degli apprendimenti Studio di materiali prodotti dal prof. Tagliagambe e pubblicati in siti specialistici in particolare dell INDIRE 2 - Personalizzazione percorsi attraverso strumenti digitali per l autonomia dell apprendimento 3 - Strumenti digitali e loro possibile utilizzo come strumenti compensativi 4 - Software di costruzione delle mappe e altri tipi di Software; utilizzo di prove con moodle per gestione del tempo; adeguamento prove e autoregolazione per taratura degli strumenti compensativi 5 - Processi di allineamento tra apprendimento e valutazione Rif. a obiettivi a) b) c) d) tecniche di analisi dei dati e dei principali metodi di data mining p e r l a v a l u t a z i o n e assistita da sistemi digitali - competenza nella gestione dei registri digitali dei Virtual Learning Environments come Moodle - acquisire la capacità di adattare le tecniche di analisi a popolazioni di studenti con profili particolari; studenti eccellenti, studenti a rischio temporaneo o u n d e r p e r f o r m i n g, studenti BES - a c q u i s i r e l a padronanza di strategie di conversione dei m a t e r i a l i d i d a t t i c i cartacei nella loro versione digitale - c o m p e t e n z a n e l m o n i t o r a g g i o d e i m i g l i o r a m e n t i d e i r i s u l t a t i d e l l a valutazione e degli indicatori del processo di apprendimento per effetto del tutoraggio interattivo e del peer learning - competenza nelle strategie di recupero e di supporto agli studenti B E S a t t r a v e r s o tecnologie digitali - competenza nella personalizzazione dei materiali digitali per i p r o f i l i d e i s i n g o l i studenti con profili BES e p e r s t u d e n t i i n difficoltà temporanea - competenza avanzata n e l r a c c o r d o c o n metodologie e tecniche d i g i t a l i f r a i l m o n i t o r a g g i o d e l p r o c e s s o d i apprendimento e la valutazione - competenza nelle s t r a t e g i e d i potenziamento delle Pag. 9

11 5 La comunicazione con le famiglie 6 Lo sviluppo delle competenze dei docenti 7 Utilizzo risorse di internet 1 - Trasparenza e riservatezza: aspetti normativi coinvolgimento delle famiglie 2 - Regolazione dei flussi di comunicazione formale/informale: - Registro elettronico - - documentazione didattica Rif. a obiettivi g) f) 1 produzione del profilo di competenze base e del profilo di competenze esperte 2 - Le modalità di collaborazione e produzione didattica condivisa 3 lo sviluppo delle competenze nella collaborazione tra docenti: - stesura di protocollo do buona lezione -osservazione tra pari approccio laboratoriale alla costruzione di comunità di pratica e implementazione di modelli innovativi di formazione docenti Rif. a obiettivi e) b) 1 le potenzialità di internet e le opportunità per la didattica e l autoapprendimento dei docenti degli studenti 2 - Strumenti di controllo e validazione scientifica dei siti 3 - siti di servizio per la didattica e opportunità in internet per docenti e studenti 4 apps per la didattica: mappe mentali, infografiche, elaborazioni audio e video 5 la sicurezza in internet 6 produzione di contenuti da utilizzare con gli studenti sul tema della sicurezza a b i l i t à d i m e t a c o g n i z i o n e e d i autoregolazione degli studenti BES o i n g e n e r a l e u n d e r performing - possedere un adeguato livello di conoscenza dei profili legali interenti alla comunicazione scuola-famiglia - acquisire la capacità di adattare il flusso informativo ai gruppi di riferimento (organismi di rappresentanza interni dei genitori, famiglie, associazioni esterne di genitori) - acquisizione delle metodologie necessarie per la gestione operativa della comunicazione digitale scuola-famiglia - acquisire padronanza nella gestione dei sistemi di distribuzione dei Digital Learning Objects e nella costituzione di archivi di documentazione didattica, sia interni che esterni - competenza nell uso appropriato ed efficace d e l l e t e c n o l o g i e sincrone e asincrone, dei social media e di altre tecnologie emergenti - capacità di operare con p r o t o c o l l i d i o s s e r v a z i o n e d e l l e lezioni - a c q u i s i r e l a consapevolezza delle potenzialità e dei limiti dell accesso alle risorse in Internet - sviluppare la dovuta sensibilità al tema del p l a g i o e a l l e s u e implicazioni giuridiche ed etiche - a c q u i s i r e l a conoscenza dei metodi di validazione delle Pag. 10

12 8 La gestione della classe e del lavoro individuale 9 Le tecnologie nei sistemi produttivi e nella società: la rivoluzione digitale nell economia della conoscenza Rif. a obiettivi e) f) 1 - Metodologia della gestione della classe con materiali digitali LIM VIDEOPROIETTORE TABLET STRUMENTI DIGITALI PERSONALI 2 - Personalizzazione dei compiti a casa e forme di tutoraggio Rif. a obiettivi a) b) c) d) Apprendimento durante tutto il percorso della vita: i Massive Open Online Course Sistemi per la gestione dati nelle imprese Big data analytics Informatizzazione di accesso ai servizi pubblici: e-goverment Informatizzazione della progettazione e produzione: robotica, stampanti 3d software di simulazione Evoluzione della grafica del trattamento digitale delle immagini e suoni. Il disegno dei prodotti digitali; pubblicità Esempi di utilizzo delle tecnologie nell arte contemporanea L innovazione tecnologica nella ricerca scientifica; seminari di presentazione di esempi e indicazione di siti: LHC teatro delle idee del contemporaneo nella platea digitale ( Rif. a obiettivi c) fonti digitali - a c q u i s i r e l e competenze richieste per la valutazione dei profili di sicurezza della navigazione in Internet - a c q u i s i r e l a p a d r o n a n z a d e l l e principali tecniche di gestione della classe con metodologie digitali (ad es. flipped classrooms, tutoraggio virtuale, impiego degli strumenti collaborativi a distanza) - acquisire capacità di gestione e supervisione dei gruppi impegnati nel p e e r - l e a r n i n g s u piattaforme digitali Consapevolezza del ruolo delle tecnologie nella società Spunti per attività di ricerca e di laboratori per gli studenti Eventuale attestazione rilasciata a conclusione del percorso formativo: Pag. 11

13 Data di avvio attività formative Data di conclusione QUANTIFICAZIONE COSTI PER MODULO FORMATIVO Nr. modulo Nr partecipanti (min 10 max 25) (a) Nr. Ore modulo (da 8 a 16) (b) Costo/h allievo (max 13,34 ) (c) Totale costo modulo (***) , ,35 2 A , ,35 2 B , ,35 3 A , ,35 3 B , , , , , ,30 6 A , ,65 6 B , , , , , , , ,35 Duplicazion e 2 A Duplicazion e 2 B Duplicazion e 3 A Duplicazion e 3 B , , , , , , , ,65 Pag. 12

14 Duplicazion , ,35 e 4 Duplicazion , ,35 e 5 Duplicazion , ,35 e 7 Totale ,00 (***) Il totale del costo modulo è il risultato del prodotto delle colonne a, b e c (nr. partecipanti x ore modulo x costo orario allievo) N.B. 1) I Moduli 2, 3, 4, 5 e 7 vengono duplicati a livello territoriale 2) I Moduli 2, 3 e 6 si svolgono in due fasi denominate A e B per seguire le evoluzioni della progettazione e realizzazione 3) Il costo modulo è stato arrotondato per ottenere il totale di ,00 4) i moduli saranno replicati all interno delle scuola sulla base delle esigenze e con costi a carico delle scuole Pag. 13

15 PIANO DEI CONTI DEL PROGETTO: A COSTI DIRETTI A1 Preparazione (max 5% del costo totale di progetto) 1.450,00 Ideazione eprogettazione 800,00 Pubblicizzazione e promozione del progetto === Selezione e orientamento partecipanti 250,00 Elaborazione materiale didattico 400,00 A2 Realizzazione ,00 Docenza ,00 Utilizzo materiali di consumo per l'attività programmata === A3 Diffusione risultati 8.370,00 Incontri e seminari === Elaborazione reports e studi 4.800,00 Pubblicazioni finali 3.570,00 A4 Direzione e controllo interno (max 10% del costo totale di progetto) 2.900,00 Direzione e valutazione finale dell'operazione o del progetto 900,00 Coordinamento e segreteria tecnica organizzativa 1.000,00 Monitoraggio fisico-finanziario, rendicontazione 1.000,00 A TOTALE COSTI DIRETTI DEL PROGETTO ,00 B COSTI INDIRETTI dichiarazione su base forfettaria (15% dei costi diretti) 3.780,00 TOT TOTALE COSTO DEL PROGETTO (A+B) ,00 CONTRIBUTO RICHIESTO (max ) ,00 COFINANZIAMENTO A CARICO ATS 9.000,00 Il Dirigente scolastico PECCOLO LORENA (Documento firmato digitalmente ai sensi dell art.24 del D.Lgs. 82/2005 e ss.mm.ii.) Pag. 14

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Prot. n. 2737 F/PON Francavilla Fontana, 18 settembre 2014

Prot. n. 2737 F/PON Francavilla Fontana, 18 settembre 2014 LICEO CLASSICO SCIENTIFICO SCIENTIFICO TECNOLOGICO E DELLE SCIENZE APPLICATE 7202 - FRANCAVILLA FONTANA (BR) Viale V. Lilla, 25 Tel.: 083.84727 Fax: 083.83744 72024 - ORIA (BR) Via A. Negri, Tel.: 083.87097

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Progetto di scuola 2.0 LA SCUOL@ ESTESA

Progetto di scuola 2.0 LA SCUOL@ ESTESA Denominazione scuola Progetto di scuola 2.0 LA SCUOL@ ESTESA DATI ANAGRAFICI SCUOLA CODICE MECCANOGRAFI CO DENOMINAZIONE ISTITUTO UDIS01600T ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Arturo Malignani INDIRIZZO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania

Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania Programma Operativo Nazionale: Competenze per lo Sviluppo finanziato con il Fondo Sociale Europeo. Avviso Prot. Num. prot. AOODGAI/2373 DEL

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CURRICULUM. Dati Anagrafici

CURRICULUM. Dati Anagrafici SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PIEMONTE S.C. Formazione Aziendale Codice: Curriculum Data: AGOSTO 2012 Pagina 1 di 6 CURRICULUM Dati Anagrafici Descrizione del profilo Titolo di studio ed esperienza

Dettagli

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA 24 ottobre 2013 WEB CONFERENCE LEZIONE LIVE IN VIDEOCONFERENZA PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per l aggiornamento professionale

Dettagli

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015)

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) Si ricorda che le attività di orientamento predisposte per l'anno scolastico 2014/2015 sono state

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Manuale per l utilizzo del sistema di gestione degli interventi

Manuale per l utilizzo del sistema di gestione degli interventi Manuale per l utilizzo del sistema di gestione degli interventi Unione Europea P.O.N. - Competenze per lo Sviluppo (FSE) P.O.N. - Ambiente per l apprendimento (FESR) D.G. Occupazione, Affari Sociali e

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Informazioni personali

Informazioni personali Informazioni personali Nome e cognome Alessandro Melchionna Laurea Scienze Statistiche Presetaie Le mie esperienze professionali e le competenze acquisite gravitano in diversi domini, quali quello del

Dettagli