Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione della Qualità della Ricerca 2004 2010 (VQR 2004 2010)"

Transcript

1 Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR ) Criteri per la valutazione dei prodotti di ricerca Gruppo di Esperti della Valutazione dell area 09 (GEV 09) troduzione Questo documento ha per oggetto l organizzazione e il funzionamento del Gruppo di Esperti della Valutazione (GEV) istituito dal Consiglio direttivo dell ANVUR per l area 09 gegneria industriale e dell informazione (GEV09) comprendente i Settori Scientifico Disciplinari (SSD) da ING-IND/01 a ING-IND/35, e da ING-INF/01 a ING-INF/07. L'obiettivo finale dell esercizio di Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR) è fornire un panorama qualitativo della ricerca in Italia. Nel complesso, i prodotti che il GEV09 esaminerà per questo esercizio sono principalmente articoli su riviste scientifiche, articoli a congresso, libri e capitoli di libri. Gli articoli su rivista saranno classificati prevalentemente utilizzando indicatori bibliometrici integrati allo scopo di valutare la qualità della rivista in cui sono pubblicati e il loro impatto, quantificato in base al numero citazioni ricevuto dall articolo fino al 31 dicembre Chiaramente, articoli pubblicati all'inizio del periodo di valutazione hanno avuto più tempo per accumulare citazioni rispetto ai lavori pubblicati alla fine del periodo. Pertanto, si raccomanda che gli autori e le strutture di ricerca forniscano nella scheda descrittiva che accompagna i prodotti, in particolare per quelli pubblicati recentemente, ogni informazione utile alla valorizzazione del prodotto, quali, ad esempio, la motivazione per la scelta del prodotto, l indicazione che il prodotto ha aperto un nuovo campo di ricerca o ha ottenuto riconoscimenti significativi, o possiede un carattere profondamente interdisciplinare. 1. Delimitazione dell area GEV Il GEV si riferisce all Area CUN 09: gegneria industriale e dell informazione e più in particolare ai seguenti SSD: ING-IND/01 ARCHITETTURA NAVALE ING-IND/02 COSTRUZIONI E IMPIANTI NAVALI E MARINI ING-IND/03 MECCANICA DEL VOLO ING-IND/04 COSTRUZIONI E STRUTTURE AEROSPAZIALI ING-IND/05 IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI ING-IND/06 FLUIDODINAMICA ING-IND/07 PROPULSIONE AEROSPAZIALE ING-IND/08 MACCHINE A FLUIDO ING-IND/09 SISTEMI PER L'ENERGIA E L'AMBIENTE ING-IND/10 FISICA TECNICA INDUSTRIALE 1

2 ING-IND/11 FISICA TECNICA AMBIENTALE ING-IND/12 MISURE MECCANICHE E TERMICHE ING-IND/13 MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE ING-IND/14 PROGETTAZIONE MECCANICA E COSTRUZIONE DI MACCHINE ING-IND/15 DISEGNO E METODI DELL'INGEGNERIA INDUSTRIALE ING-IND/16 TECNOLOGIE E SISTEMI DI LAVORAZIONE ING-IND/17 IMPIANTI INDUSTRIALI MECCANICI ING-IND/18 FISICA DEI REATTORI NUCLEARI ING-IND/19 IMPIANTI NUCLEARI ING-IND/20 MISURE E STRUMENTAZIONE NUCLEARI ING-IND/21 METALLURGIA ING-IND/22 SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI ING-IND/23 CHIMICA FISICA APPLICATA ING-IND/24 PRINCIPI DI INGEGNERIA CHIMICA ING-IND/25 IMPIANTI CHIMICI ING-IND/26 TEORIA DELLO SVILUPPO DEI PROCESSI CHIMICI ING-IND/27 CHIMICA INDUSTRIALE E TECNOLOGICA ING-IND/28 INGEGNERIA E SICUREZZA DEGLI SCAVI ING-IND/29 INGEGNERIA DELLE MATERIE PRIME ING-IND/30 IDROCARBURI E FLUIDI DEL SOTTOSUOLO ING-IND/31 ELETTROTECNICA ING-IND/32 CONVERTITORI, MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI ING-IND/33 SISTEMI ELETTRICI PER L'ENERGIA ING-IND/34 BIOINGEGNERIA INDUSTRIALE ING-IND/35 INGEGNERIA ECONOMICO-GESTIONALE ING-INF/01 ELETTRONICA ING-INF/02 CAMPI ELETTROMAGNETICI ING-INF/03 TELECOMUNICAZIONI ING-INF/04 AUTOMATICA ING-INF/05 SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI ING-INF/06 BIOINGEGNERIA ELETTRONICA E INFORMATICA ING-INF/07 MISURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE I componenti del GEV sono i professori: Agosti Maristella, Universita' degli Studi di PADOVA Ajmone Marsan Marco, Politecnico di TORINO Astolfi Alessandro, Universita' degli Studi di ROMA "Tor Vergata" Bartuli Cecilia, Universita' degli Studi di ROMA "La Sapienza" Belingardi Giovanni, Politecnico di TORINO Betta Giovanni, Universita' degli Studi di CASSINO Boccaccini Aldo, University of Erlangen-Nuremberg, Germany Bottaro Alessandro, Universita' degli Studi di GENOVA Canfora Gerardo, Universita' degli Studi del SANNIO di BENEVENTO Cerri Emanuela, Universita' degli Studi del SALENTO Cobelli Claudio, Universita' degli Studi di PADOVA 2

3 Colavolpe Giulio, Universita' degli Studi di PARMA D'Ambrogio Walter, Universita' degli Studi de L'AQUILA Dario Paolo, Scuola Sup. di Studi Univ. e Perfezionamento S.Anna di PISA Garetti Marco, Politecnico di MILANO Gerla Mario, University of California, Los Angeles Gevers Michel, Université catholique de Louvain Ghezzi Carlo, Politecnico di MILANO Ghiringhelli Gian Luca, Politecnico di MILANO Iuliano Luca, Politecnico di TORINO Lenzerini Maurizio, Universita' degli Studi di ROMA "La Sapienza" Martelli Francesco, Universita' degli Studi di FIRENZE Massa Andrea, Universita' degli Studi di TRENTO Mastrullo Rita Maria Antonietta, Universita' degli Studi di NAPOLI "Federico II" Morbidelli Massimo, ETH Zurich Paone Nicola, Universita' Politecnica delle MARCHE Patrucco Mario, Politecnico di TORINO Peukert Wolfgang, Universitat Erlangen Rispoli Franco, Universita' degli Studi di ROMA "La Sapienza" Rizzo Gianfranco, Universita' degli Studi di PALERMO Rizzuti Sergio, Universita' della CALABRIA Rubinacci Guglielmo, Universita' degli Studi di NAPOLI "Federico II" Sangiorgi Enrico, Universita' degli Studi di BOLOGNA Sarto Maria Sabrina, Universita' degli Studi di ROMA "La Sapienza" Setti Gianluca, Universita' degli Studi di FERRARA Sobrero Maurizio, Universita' degli Studi di BOLOGNA Tenconi Alberto, Politecnico di TORINO Testa Alfredo, Seconda Universita' degli Studi di NAPOLI Tognotti Leonardo, Universita' di PISA Zanino Roberto, Politecnico di TORINO 2. Organizzazione del GEV 2.1 Composizione dei Sotto-GEV Il GEV è organizzato in sotto-gruppi (sotto-gev). I sotto-gev comprendono i seguenti SSD. o Sotto-GEV 09a - gegneria meccanica, energetica e gestionale: coordinatore Prof. Marco Garetti ING-IND/01 ARCHITETTURA NAVALE ING-IND/02 COSTRUZIONI E IMPIANTI NAVALI E MARINI ING-IND/03 MECCANICA DEL VOLO ING-IND/04 COSTRUZIONI E STRUTTURE AEROSPAZIALI ING-IND/05 IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI ING-IND/06 FLUIDODINAMICA ING-IND/07 PROPULSIONE AEROSPAZIALE ING-IND/08 MACCHINE A FLUIDO ING-IND/09 SISTEMI PER L'ENERGIA E L'AMBIENTE 3

4 ING-IND/10 FISICA TECNICA INDUSTRIALE ING-IND/11 FISICA TECNICA AMBIENTALE ING-IND/12 MISURE MECCANICHE E TERMICHE ING-IND/13 MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE ING-IND/14 PROGETTAZIONE MECCANICA E COSTRUZIONE DI MACCHINE ING-IND/15 DISEGNO E METODI DELL'INGEGNERIA INDUSTRIALE ING-IND/16 TECNOLOGIE E SISTEMI DI LAVORAZIONE ING-IND/17 IMPIANTI INDUSTRIALI MECCANICI ING-IND/18 FISICA DEI REATTORI NUCLEARI ING-IND/19 IMPIANTI NUCLEARI ING-IND/20 MISURE E STRUMENTAZIONE NUCLEARI ING-IND/21 METALLURGIA ING-IND/28 INGEGNERIA E SICUREZZA DEGLI SCAVI ING-IND/29 INGEGNERIA DELLE MATERIE PRIME ING-IND/30 IDROCARBURI E FLUIDI DEL SOTTOSUOLO ING-IND/35 INGEGNERIA ECONOMICO-GESTIONALE I componenti del sotto-gev 09a sono: Belingardi Giovanni, Politecnico di TORINO Bottaro Alessandro, Universita' degli Studi di GENOVA Cerri Emanuela, Universita' degli Studi del SALENTO D'Ambrogio Walter, Universita' degli Studi de L'AQUILA Garetti Marco, Politecnico di MILANO Ghiringhelli Gian Luca, Politecnico di MILANO Iuliano Luca, Politecnico di TORINO Martelli Francesco, Universita' degli Studi di FIRENZE Mastrullo Rita Maria Antonietta, Universita' degli Studi di NAPOLI "Federico II" Paone Nicola, Universita' Politecnica delle MARCHE Patrucco Mario, Politecnico di TORINO Rispoli Franco, Universita' degli Studi di ROMA "La Sapienza" Rizzo Gianfranco, Universita' degli Studi di PALERMO Rizzuti Sergio, Universita' della CALABRIA Sobrero Maurizio, Universita' degli Studi di BOLOGNA Zanino Roberto, Politecnico di TORINO o Sotto-GEV 09b - gegneria chimica e materiali: coordinatore Prof. Leonardo Tognotti ING-IND/21 METALLURGIA ING-IND/22 SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI ING-IND/23 CHIMICA FISICA APPLICATA ING-IND/24 PRINCIPI DI INGEGNERIA CHIMICA ING-IND/25 IMPIANTI CHIMICI ING-IND/26 TEORIA DELLO SVILUPPO DEI PROCESSI CHIMICI ING-IND/27 CHIMICA INDUSTRIALE E TECNOLOGICA 4

5 I componenti del sotto-gev 09b sono: Bartuli Cecilia, Universita' degli Studi di ROMA "La Sapienza" Boccaccini Aldo, University of Erlangen-Nuremberg, Germany Morbidelli Massimo, ETH Zurich Peukert Wolfgang, Universitat Erlangen Tognotti Leonardo, Universita' di PISA o Sotto-GEV 09c - gegneria elettrica e dell'informazione: coordinatore Prof. Enrico Sangiorgi ING-IND/31 ELETTROTECNICA ING-IND/32 CONVERTITORI, MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI ING-IND/33 SISTEMI ELETTRICI PER L'ENERGIA ING-IND/34 BIOINGEGNERIA INDUSTRIALE ING-INF/01 ELETTRONICA ING-INF/02 CAMPI ELETTROMAGNETICI ING-INF/03 TELECOMUNICAZIONI ING-INF/04 AUTOMATICA ING-INF/05 SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI ING-INF/06 BIOINGEGNERIA ELETTRONICA E INFORMATICA ING-INF/07 MISURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE I componenti del sotto-gev 09c sono: Agosti Maristella, Universita' degli Studi di PADOVA Ajmone Marsan Marco, Politecnico di TORINO Astolfi Alessandro, Universita' degli Studi di ROMA "Tor Vergata" Betta Giovanni, Universita' degli Studi di CASSINO Canfora Gerardo, Universita' degli Studi del SANNIO di BENEVENTO Cobelli Claudio, Universita' degli Studi di PADOVA Colavolpe Giulio, Universita' degli Studi di PARMA Dario Paolo, Scuola Sup. di Studi Univ. e Perfezionamento S.Anna di PISA Gerla Mario, University of California, Los Angeles Gevers Michel, Université catholique de Louvain Ghezzi Carlo, Politecnico di MILANO Lenzerini Maurizio, Universita' degli Studi di ROMA "La Sapienza" Massa Andrea, Universita' degli Studi di TRENTO Rubinacci Guglielmo, Universita' degli Studi di NAPOLI "Federico II" Sangiorgi Enrico, Universita' degli Studi di BOLOGNA Sarto Maria Sabrina, Universita' degli Studi di ROMA "La Sapienza" Setti Gianluca, Universita' degli Studi di FERRARA Tenconi Alberto, Politecnico di TORINO Testa Alfredo, Seconda Universita' degli Studi di NAPOLI La scelta di includere ING-IND/12 nell area meccanica (sotto-gev 09a) è dovuta al fatto che la VQR considera gli anni ; le valutazioni future dovranno invece riportare ING- 5

6 IND/12 all interno dell area elettrica/elettronica. Analoga scelta è stata fatta per ING-IND/28-30, che in valutazioni future dovranno essere considerati nell area 08. Nel caso di ING-IND/21, se necessario, si dovrà tenere conto dei macrosettori per cui i docenti hanno esercitato opzione. Chi ha scelto il macrosettore 09A sarà considerato nel sotto-gev 09a; chi ha scelto il macrosettore 09D sarà considerato nel sotto-gev 09b. 2.2 Allocazione dei prodotti all interno del GEV L allocazione dei prodotti ai sotto-gev avverrà sulla base del SSD indicato dall autore, così come trasmesso dalle strutture. Il significato del SSD associato al prodotto, che può anche essere diverso dal SSD di appartenenza dell autore, si riferisce al GEV che con maggior competenza, secondo l autore, può valutare il prodotto in questione. Nel caso in cui un prodotto sia assegnato a più GEV per il suo carattere interdisciplinare, identici criteri di valutazione saranno concordati e adottati tra i vari GEV. A tale scopo, i Presidenti dei GEV interessati istituiscono specifici Gruppi di Consenso ter-area. 2.3 Regole di funzionamento del GEV La convocazione del GEV avviene almeno 15 giorni prima della riunione. La riunione è convocata dal Presidente, che fissa anche l ordine del giorno. Le convocazioni dei sotto-gev avvengono almeno 7 giorni prima della riunione. La riunione è convocata dal Coordinatore, che fissa anche l ordine del giorno. Le decisioni all interno del GEV vengono prese a maggioranza semplice dei presenti. Per partecipare alla votazione non è necessario essere fisicamente presenti alle riunioni, purché presenti in modalità telematica. Alle riunioni del GEV partecipa, con funzioni di segretario senza diritto di voto, anche il Dott. Filippo Costa, che svolge il ruolo di assistente del GEV09. Al termine di ciascuna riunione viene redatto un resoconto della seduta in italiano, e un verbale succinto che riporta le conclusioni principali in lingua italiana e inglese. I verbali vengono fatti circolare tra i membri del GEV e approvati tramite o utilizzando l ambiente SW predisposto dal CINECA. 3. Mix valutativo Salvo restando che la responsabilità finale della valutazione è affidata al GEV, la valutazione impiegherà la tecnica della informed peer review, vale a dire un mix di criteri bibliometrici e di revisione peer. I prodotti di cui alla tipologia a) della sezione 2.3 del Bando ANVUR VQR che sono indicizzati nelle banche dati Web of Science di Thomson Reuters () e/o di Elsevier () verranno valutati utilizzando i criteri descritti nella sezione 3.2. I prodotti diversi dalla tipologia a) elencati nella sezione 2.3 del Bando ANVUR VQR verranno valutati utilizzando la valutazione peer. Essa prevede l invio a revisori esterni oppure, in alcuni casi limitati per i quali vi siano le specifiche competenze richieste all interno, la valutazione diretta peer all interno del GEV, sempre che non sussistano conflitti di interesse. I prodotti valutati mediante peer review appartengono quindi a 5 categorie: Articoli di cui alla tipologia a) della sezione 2.3 del Bando ANVUR VQR che non sono indicizzati nelle banche dati e/o ; Articoli che sono indicizzati nelle banche dati e/o che richiedono la peer review in base all algoritmo bibliometrico descritto nella sezione 4.2; 6

7 Articoli che sono indicizzati nelle banche dati e/o per i quali la peer review è richiesta dall autore o dalla struttura, oppure è ritenuta opportuna dal GEV; Articoli che sono indicizzati nelle banche dati e/o e che saranno valutati utilizzando sia l algoritmo bibliometrico sia la peer review al fine di studiare la correlazione tra i due metodi di valutazione: tali articoli saranno individuati tramite un algoritmo di campionamento casuale stratificato studiato da un Gruppo di lavoro dell ANVUR. Prodotti di ricerca di cui alle tipologie b), c), d), e) elencate nella sezione 2.3 del Bando ANVUR VQR ; 3.1 Peer review La peer review prevede l acquisizione del parere di due revisori esterni, oppure, in alcuni casi limitati per i quali vi siano le specifiche competenze all interno del GEV e non sussistano conflitti di interesse, la valutazione diretta da parte di un membro del GEV e di un revisore esterno, o di due diversi membri del GEV. La selezione dei revisori esterni, preferibilmente stranieri, attese le sue rilevanti finalità di pubblico interesse, si informa al principio di leale cooperazione istituzionale ed è retta da criteri di correttezza, obiettività e imparzialità. Ciascun componente del GEV è tenuto a garantire l anonimato degli esperti cui è affidata la valutazione dei prodotti. Le informazioni acquisite ai fini della selezione dei revisori possono essere utilizzate esclusivamente ai fini della valutazione della qualità della ricerca. La scelta dei revisori esterni verrà effettuata evitando conflitti di interesse tra i revisori stessi e gli autori e/o la struttura di affiliazione. oltre, verrà garantita l indipendenza dei revisori ponendo attenzione alla sede di affiliazione, alla collaborazione scientifica, e, ove possibile, alla nazionalità. Per minimizzare i conflitti di interesse, si privilegeranno i revisori operanti al di fuori dei confini nazionali. L individuazione dei revisori sarà fatta, ove possibile, indipendentemente da due diversi membri GEV L individuazione dei revisori peer Il GEV intende coinvolgere revisori esterni con un profilo di ricerca internazionale, un curriculum di alta levatura, testimoniato, in particolare negli ultimi anni, da un elevato numero di pubblicazioni nelle sedi di riferimento della comunità scientifica internazionale del settore, un significativo numero di citazioni e la necessaria competenza nella specifica area di valutazione. Il GEV preparerà un elenco di revisori esterni, stabilendo standard minimi di qualità scientifica, di impatto sulla comunità scientifica internazionale e di esperienza nella valutazione. una prima fase il GEV opererà per predisporre l elenco dei revisori. A tale scopo, il Presidente del GEV consulterà la lista di revisori della propria area, resa disponibile dal CINECA, e chiederà ai componenti GEV, tramite i coordinatori dei sotto-gev, di suggerire un numero significativo di esperti che soddisfano i criteri indicati nel paragrafo precedente. Il Presidente GEV raccoglierà le indicazioni corredate di informazioni fornite sulla base di una scheda condivisa, e, anche con l ausilio dei coordinatori di sotto-gev, provvederà a modificare la lista CINECA con integrazioni e/o cancellazioni. Il processo di integrazione della lista continuerà per tutta la durata della valutazione, sulla base delle necessità che dovessero emergere a valle della trasmissione dei prodotti da parte delle strutture. 7

8 3.1.2 Assegnazione dei livelli di merito VQR sulla base delle valutazioni peer La valutazione da parte dei revisori peer si baserà su una apposita scheda revisore predisposta dal GEV, costituita da una serie di domande a risposta multipla e da un campo libero con numero limitato di parole. Il GEV trasformerà le indicazioni contenute nella scheda revisore in una delle 4 classi finali di merito. Nel caso di valutazioni non convergenti dei revisori peer o, nel caso di disponibilità di entrambe, tra peer review e analisi bibliometrica, il sotto-gev creerà al suo interno un Gruppo di Consenso con il compito di proporre al GEV il punteggio finale del prodotto oggetto del giudizio difforme mediante la metodologia del consensus report. Il Gruppo di Consenso potrà avvalersi anche del giudizio di un terzo esperto. ogni caso la responsabilità della valutazione conclusiva è dell intero GEV Valutazione Brevetti I prodotti cui le tipologie d del Bando VQR verranno sottoposti alla peer review fermo restando le seguenti limitazioni di classificazione. I livelli di merito VQR A (eccellente) e B (buono) potranno essere assegnati esclusivamente a brevetti internazionali o che siano già stati ceduti o dati in licenza a un azienda. 3.2 Analisi bibliometrica Basi di dati Il GEV utilizzerà le basi di dati Web of Science di Thomson Reuters () e di Elsevier () Finestra temporale delle citazioni Nel calcolo dell indicatore bibliometrico il GEV utilizzerà le citazioni fino al 31 dicembre Auto-citazioni L opportunità di includere o escludere le autocitazioni nella valutazione bibliometrica è tuttora oggetto di dibattito nella comunità scientifica. Nella VQR , per motivi di ordine tecnico legati soprattutto all uso di, che non lo consente direttamente, e ai problemi legati alla disambiguazione dei nomi degli autori nel caso in cui si tentasse di realizzare tale operazione a partire dai dati grezzi, non verranno escluse le autocitazioni Gli indicatori bibliometrici La valutazione utilizzerà, per tutti gli articoli pubblicati su riviste indicizzate nelle basi di dati e, un algoritmo che tiene conto, in misura diversa a seconda della data di pubblicazione dell articolo, sia del numero di citazioni che dell indicatore bibliometrico della rivista ospitante. Per quanto riguarda quest ultimo, per le riviste indicizzate in verrà impiegato SJR; per le riviste indicizzate in, per gli anni da 2004 a 2006 compresi verrà impiegato il solo IF, mentre per gli anni da 2007 a 2010 compresi verrà effettuata una combinazione mediante PCA (Principal Component Analysis) di IF, 5YIF, AI e EF, come descritto in dettaglio nell appendice Algoritmo per la classificazione dei Prodotti L algoritmo utilizzato per la classificazione degli articoli nelle 4 classi di merito della VQR è il seguente: 8

9 1. Dato l articolo e la rivista che lo ha pubblicato, si identifica la corrispondente Subject Category (SC) in e la All Science Journal Classification (ASJC) in ; nel seguito l algoritmo verrà descritto con riferimento alle sole SC e all IF, essendo implicito che identica procedura viene seguita per le ASJC e per altri indicatori bibliometrici; 2. Se la rivista appartiene a più di una SC, si utilizza, ai fini dell individuazione univoca della SC, l indicazione della struttura che ha proposto l articolo, o, se necessario, l eventuale modifica da parte del GEV; 3. Sia in che in esiste la categoria: multidisciplinary science, che include riviste caratterizzate da una pluralità di argomenti scientifici, quali Nature, Science, ecc.: Gli articoli pubblicati su una rivista che compare solo in tale categoria saranno riassegnati ad un altra SC sulla base delle citazioni contenute nell articolo. particolare, per ognuna delle riviste citate si individuerà una (o più) SC di appartenenza, e si sceglierà la SC finale con una regola di decisione maggioritaria. Nell assegnazione alla nuova SC, l articolo porterà con sé l IF della rivista e il numero di citazioni ricevute; 4. Nel caso dei sotto-gev 09a, 09b e nel caso del sotto-gev 09c, con l esclusione del SSD ING/INF-05, si considera la funzione di distribuzione cumulativa empirica dell indicatore bibliometrico per le riviste appartenenti alla SC individuata, per l anno di pubblicazione dell articolo da valutare; si divide poi la funzione di distribuzione cumulativa in 4 quartili; 5. Nel caso del SSD ING/INF-05 si assumono le classi di qualità concordate con il GEV01 per le riviste appartenenti alla SC individuata per l articolo da valutare (appendice 2); 6. Si calcola la funzione di distribuzione cumulativa empirica del numero di citazioni di tutti gli articoli (dalla data di pubblicazione al 31 dicembre 2011) pubblicati dalle riviste appartenenti alla SC individuata, per l anno di pubblicazione dell articolo da valutare; 7. Si divide la funzione di distribuzione cumulativa del numero di citazioni in 4 classi, corrispondenti al 20% di articoli più citati (classe 1), al successivo 20% (classe 2), al successivo 10% (classe 3) e al 50% degli articoli meno citati (classe 4); 8. Dato il valore dell indicatore bibliometrico, si calcola il quartile di appartenenza della rivista e dato il numero di citazioni dell articolo da valutare, si determina la classe di appartenenza dell articolo. Il prodotto da valutare viene attribuito ad una delle 16 coppie di classi rappresentate in una matrice 4x4, che contiene sulle ascisse i quartili dell indicatore bibliometrico (o le classi di qualità concordate con il GEV01 per il SSD ING/INF-05) e sulle ordinate le classi della distribuzione del numero di citazioni; 9. L attribuzione della classe finale di merito avviene secondo l algoritmo seguente, nel quale la lettera A si riferisce alla classe finale eccellente, la B a buono, la C a accettabile, e la D a limitato : a. Quando le coordinate dell articolo lo posizionano in una delle 4 caselle della diagonale principale, e quindi le 2 indicazioni basate su indicatore bibliometrico e su citazioni coincidono, la classe finale è quella di Figura 1; b. Quando le coordinate danno indicazioni diverse (elemento non appartenente alla diagonale principale), occorre distinguere due casi a seconda della data di pubblicazione dell articolo. c. Se l articolo è stato pubblicato nel quadriennio , potendosi considerare sufficientemente consolidata la distribuzione di citazioni ad esso associata, si utilizza la matrice riportata in Figura 2 per l attribuzione della classe finale di merito, nella quale la classificazione finale è ottenuta privilegiando l indicazione fornita dalla classificazione citazionale. 9

10 1 A dicatore bibliometrico n. di citazioni 2 B 3 C 4 D Figura 1. Matrice di corrispondenza tra classi iniziali della rivista (colonne) e citazioni (righe) e classe finale VQR. dicatore bibliometrico A A A IR n. di citazioni 2 A B B IR 3 IR C C D 4 IR IR D D Figura 2. Matrice di corrispondenza tra classi iniziali della rivista (colonne) e citazioni (righe) e classe finale VQR per articoli pubblicati nel quadriennio d. Se l articolo è stato pubblicato nel triennio , e quindi la sua storia citazionale è, al contrario, ritenuta non sufficientemente consolidata, si utilizza la matrice seguente per l attribuzione della classe finale di merito (vedi Figura 3), nella quale si privilegia l indicazione fornita dalla classificazione basata sull indice di qualità della rivista. e. Le caselle delle matrici di Figura 2 e Figura 3 etichettate IR si riferiscono ai casi nei quali la valutazione non avverrà in maniera automatica, ma mediante la informed peer review. tali casi, il GEV affiderà l articolo alla peer review oppure, in casi limitati, lo valuterà direttamente. 10

11 dicatore bibliometrico A A IR IR n. di citazioni 2 A B C IR 3 A B C D 4 IR B C D Figura 3. Matrice di corrispondenza tra classi iniziali della rivista (colonne) e citazioni (righe) e classe finale VQR per articoli pubblicati nel triennio f. L algoritmo distinguerà, calcolando distribuzioni cumulative empiriche separate per le citazioni, gli articoli scientifici da quelli di rassegna, che ricevono notoriamente un maggior numero di citazioni. Quando il numero di articoli di rassegna in una SC non è tale da fornire distribuzioni significative, si ricorrerà alla peer review. 3.3 Gestione dei conflitti Nel caso di articoli sottoposti a valutazione bibliometrica che ottengano una valutazione diversa utilizzando i dati contenuti in e, si adotterà la valutazione più favorevole se la classe finale è individuata in modo univoco con ciascuno dei due data base, mentre si ricorrerà alla valutazione peer quando almeno una delle due valutazioni bibliometriche lo suggerisca. Nel caso di disponibilità di una o più valutazioni peer e della valutazione bibliometrica per lo stesso prodotto, eventuali conflitti di attribuzione verranno risolti dal GEV su proposta del sotto- GEV tramite un gruppo di consenso. 4. Risoluzione dei conflitti di interesse I membri dei GEV si asterranno dal valutare o dall assegnare ad altri membri dei GEV o a esperti esterni: a. prodotti di cui siano autori o co-autori; b. prodotti di cui siano autori o co-autori parenti, congiunti o affini fino al 4 grado; c. prodotti che abbiano come co-autori i propri ex collaboratori, ex studenti di dottorato, e persone che siano state co-autori di lavori nel periodo ; d. prodotti presentati da università presso cui i membri stessi abbiano o abbiano avuto un rapporto di lavoro o con le quali abbiano svolto incarichi o collaborazioni ufficiali, a partire dal 1/1/2007; e. prodotti presentati da enti di ricerca vigilati dal MIUR e da altri soggetti pubblici e privati sottoposti volontariamente alla VQR presso cui i membri stessi abbiano o abbiano avuto un rapporto di lavoro o con le quali abbiano svolto incarichi o collaborazioni ufficiali, inclusa l affiliazione a enti di ricerca, a partire dal 1/1/

12 Nei casi di cui al punto e) precedente, esiste conflitto di interesse: i. nel caso in cui la struttura abbia una permanente strutturazione interna di tipo territoriale o disciplinare (es. sezione locale di ente di ricerca, istituto, dipartimento), limitatamente ai prodotti presentati dalla stessa articolazione; ii. nel caso in cui la struttura non abbia una permanente strutturazione interna di tipo territoriale o disciplinare (es. sezione locale di ente di ricerca, istituto, dipartimento), in riferimento a tutti i prodotti presentati nei limiti in cui ciò sia possibile senza precludere la possibilità di valutare il prodotto; iii. nel caso in cui la strutturazione interna abbia luogo a più livelli gerarchici (es. più istituti riuniti sotto un dipartimento) il conflitto di interesse sorge al livello più basso (es. membri GEV affiliati ad istituti diversi di uno stesso dipartimento, sono in conflitto di interesse soltanto rispetto a prodotti presentati da autori appartenenti allo stesso istituto). Nei casi di conflitto di interesse, il Presidente del GEV incaricherà delle procedure di valutazione un altro membro del GEV per il quale non vi siano conflitti di interesse Nel caso di conflitti di interesse che coinvolgano il Presidente del GEV, l assegnazione dei prodotti relativi sarà fatta dal coordinatore del VQR o da persona da lui incaricata. 12

13 Appendice 1: Classificazione delle riviste in una SC di mediante combinazione di IF, 5YIF, EF ed AI Per ciascuna Subject Category (SC) di interesse per il GEV09, e per gli anni 2007, 2008, 2009 e 2010 si considerano i quattro indicatori bibliometrici disponibili atti a misurare il livello di una rivista, ovvero Impact Factor (IF) e Impact Factor a cinque anni (5YIF) indicatori di popolarità e EigenFactor (EF) e Articlefluence (AI) indicatori di prestigio. L algoritmo di combinazione e classificazione si articola nei seguenti passi: i. Se una particolare rivista non possiede 5YIF e AI (come accade per riviste recenti), ad essi viene inizialmente attribuito un valore pari alla media campionaria dei valori del corrispondente parametro nella SC; ii. Ciascuno dei quattro parametri bibliometrici disponibili viene normalizzato in modo da ottenere una corrispondente variabile standardizzata; iii. I valori dei parametri normalizzati così determinati sono raccolti in quattro vettori IF, 5YIF, EF e AI; iv. Si effettua una Principal Component Analysis (PCA) dei vettori IF, 5YIF, EF e AI e si calcola la componente principale PC4=[PC4 1,PC4 2,PC4 3,PC4 4 ] (considerando l autovettore corrispondente all autovalore di modulo massimo ed avente norma pari all inverso della radice quadrata del suddetto autovalore); v. Si effettua la PCA dei vettori IF e EF e si calcola la componente principale PC2=[PC2 1,PC2 2 ] come al punto iv; vi. Per ciascuna rivista R i che possiede tutti e 4 indici bibliometrici si calcola un coefficiente di classificazione pari a: CC i = PC4 1 xif i +PC4 2 x5yif i +PC4 3 xef i +PC4 4 xai i ; vii. Per ciascuna rivista R k che possiede solo IF e EF si calcola un coefficiente di classificazione pari a: CC k = PC2 1 xif k +PC2 2 xef k ; viii. Si ordinano i coefficienti di classificazione di tutte le riviste e se ne divide la distribuzione in quartili. La classificazione delle riviste, validata dal GEV09, sarà disponibile sul sito di ANVUR entro e non oltre il 15 Marzo

14 Appendice 2: Classificazione delle riviste per il settore disciplinare ING-INF/05 ISSN TITOLO CLASSE ACM Computing Surveys 1 si si ACM Transactions on Accessible Computing 1 si ACM Transactions on Algorithms 1 si ACM Transactions on Architecture and Code Optimization 1 si si ACM Transactions on Autonomous and Adaptive Systems 1 si si ACM Transactions on Computation Theory 1 si ACM Transactions on Computational Logic 1 si si ACM Transactions on Computer Human teraction 1 si si ACM Transactions on Computer Systems 1 si si ACM Transactions on Database Systems 1 si si ACM Transactions on Embedded Computing Systems 1 si si ACM Transactions on Graphics 1 si si ACM Transactions on formation and System Security 1 si si ACM Transactions on formation Systems 1 si si ACM Transactions on ternet Technology 1 si si ACM Transactions on Knowledge Discovery from Data 1 si ACM Transactions on Mathematical Software 1 si si ACM Transactions on Modeling and Computer Simulation 1 si si 1551 ACM Transactions on Multimedia Computing Communications and 6857 Applications 1 si si ACM Transactions on Programming Languages and Systems 1 si si ACM Transactions on Sensor Networks 1 si si X ACM Transactions on Software Engineering and Methodology 1 si si ACM Transactions on Speech and Language Processing 1 si ACM Transactions on Storage 1 si 14

15 ACM Transactions on the Web 1 si si Acta formatica 1 si si 1059 Adaptive Behavior: animals, animats, software agents, robots, adaptive 7123 systems 1 si Algorithmica 1 si si ALT J: Research in Learning Technology 1 si Annual Review of formation Science and Technology 1 si si Artificial telligence 1 si si Artificial telligence in Medicine 1 si si Artificial Life 1 si si Automated Software Engineering 1 si si Autonomous Agents and Multi Agent Systems 1 si si Bioinformatics 1 si 0340 Biological Cybernetics: communication and control in organisms and 1200 automata 1 si si BMC Bioinformatics 1 si Bulletin of Mathematical Biology 1 si Cognitive Psychology 1 si Cognitive Science 1 si Communications in Numerical Methods in Engineering 1 si Communications of the ACM 1 si si Computational Complexity 1 si si Computational telligence 1 si si Computational Linguistics 1 si si Computational Materials Science 1 si Computational Mechanics 1 si 15

16 Computer Aided Design 1 si si Computer Aided Geometric Design 1 si si 0167 Computer Graphics Forum: the international journal of the Eurographics 7055 Association 1 si si Computer Methods and Programs in Biomedicine 1 si si Computer Methods in Applied Mechanics and Engineering 1 si Computer Methods in Biomechanics and Biomedical Engineering 1 si si Computer Networks 1 si si Computer Speech and Language 1 si si 0925 Computer Supported Cooperative Work: the journal of collaborative 9724 computing 1 si si Computer Vision and Image Understanding 1 si si Computers and Education 1 si si Computers and Operations Research 1 si si Concurrency and Computation: Practice and Experience 1 si si Constraints 1 si si Data Mining and Knowledge Discovery 1 si si Decision Support Systems 1 si si Design Issues 1 si Design Journal 1 si X Design Studies 1 si Design, Codes and Cryptography 1 si si Digital Creativity 1 si 0179 Discrete and Computational Geometry: an international journal of 5376 mathematics and computer science 1 si si Distributed and Parallel Databases 1 si si Distributed Computing 1 si si 16

17 Empirical Software Engineering 1 si si X European Journal of formation Systems 1 si si Evolutionary Computation 1 si X Finite Elements in Analysis and Design 1 si Formal Aspects of Computing: applicable formal methods 1 si si Formal Methods in System Design 1 si si Foundations of Computational Mathematics 1 si si 0167 Future Generation Computer Systems: the international journal of grid 739X computing: theory, methods and applications 1 si si Fuzzy Sets and Systems 1 si si Human Computer teraction 1 si si IBM Journal of Research and Development 1 si si IEEE ACM Transactions on Networking 1 si si IEEE Communications Letters 1 si IEEE Communications Magazine 1 si IEEE Computer Graphics and Applications 1 si si IEEE telligent Systems 1 si si IEEE telligent Systems and Their Applications 1 si IEEE ternet Computing 1 si si IEEE Journal on Selected Areas in Communications 1 si IEEE Network: the magazine of global information exchange 1 si si IEEE Systems Journal 1 si IEEE Transactions on Affective Computing 1 si IEEE Transactions on Automatic Control 1 si IEEE Transactions on Autonomous Mental Development 1 si 17

18 X IEEE Transactions on Computational telligence and AI in Games 1 si IEEE Transactions on Computers 1 si si IEEE Transactions on Dependable and Secure Computing 1 si X IEEE Transactions on Evolutionary Computation 1 si si IEEE Transactions on Fuzzy Systems 1 si si IEEE Transactions on Haptics 1 si IEEE Transactions on Image Processing 1 si si IEEE Transactions on dustrial Electronics 1 si IEEE Transactions on dustrial formatics 1 si si IEEE Transactions on formation Forensics and Security 1 si si IEEE Transactions on formation Technology in Biomedicine 1 si IEEE Transactions on formation Theory 1 si si IEEE Transactions on Knowledge and Data Engineering 1 si si IEEE Transactions on Learning Technologies 1 si IEEE Transactions on Medical Imaging 1 si si IEEE Transactions on Mobile Computing 1 si si IEEE Transactions on Multimedia 1 si si IEEE Transactions on Nanobioscience 1 si X IEEE Transactions on Nanotechnology 1 si IEEE Transactions on Neural Networks 1 si si IEEE Transactions on Parallel and Distributed Systems 1 si si IEEE Transactions on Pattern Analysis and Machine telligence 1 si si IEEE Transactions on Reliability 1 si IEEE Transactions on Robotics 1 si 18

19 IEEE Transactions on Services Computing 1 si X IEEE Transactions on Signal Processing 1 si IEEE Transactions on Smart Grid 1 si IEEE Transactions on Software Engineering 1 si si 1083 IEEE Transactions on Systems, Man and Cybernetics, Part A: Systems and 4427 Humans 1 si si IEEE Transactions on Systems, Man and Cybernetics, Part B: Cybernetics 1 si si 1094 IEEE Transactions on Systems, Man and Cybernetics, Part C: Applications and 6977 Reviews 1 si si IEEE Transactions on Very Large Scale tegration Systems 1 si si IEEE Transactions on Visualization and Computer Graphics 1 si si IEEE Transactions on Wireless Communications 1 si formation and Computation 1 si si formation and Management 1 si si formation Processing and Management 1 si si formation Sciences 1 si si formation Systems 1 si si formation Systems Journal 1 si formation Systems Research 1 si ternational Journal of Architectural Computing 1 si ternational Journal of Computer Vision 1 si si ternational Journal of Electronic Commerce 1 si ternational Journal of Geographical formation Science 1 si si ternational Journal of Human Computer Studies 1 si si ternational Journal of Parallel Programming 1 si si ternational Journal of Robotics Research 1 si 19

20 ternational Journal on Document Analysis and Recognition 1 si si ISPRS Journal of Photogrammetry and Remote Sensing 1 si Journal of Algorithms 1 si si Journal of Artificial telligence Research 1 si si Journal of Automated Reasoning 1 si si Journal of Chemical formation and Modeling 1 si si Journal of Chemical Theory and Computation 1 si Journal of Combinatorial Theory Series A 1 si Journal of Combinatorial Theory. Series B 1 si Journal of Computational Biology 1 si si Journal of Computational Physics 1 si si Journal of Computer and System Sciences 1 si si X Journal of Computer Security 1 si Journal of Consciousness Studies 1 si Journal of Cryptology 1 si si Journal of Documentation 1 si Journal of Field Robotics 1 si Journal of Functional Programming 1 si si Journal of Global Optimization 1 si Journal of formation Technology 1 si si Journal of formetrics 1 si Journal of Machine Learning Research 1 si si Journal of Management formation Systems 1 si si X Journal of Memory and Language 1 si 20

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale "G.

Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale G. CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM FRANCO FRATTOLILLO Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale "G. Rummo" di Benevento, con votazione 60/60.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line.

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Provincia di Cosenza Dipartimento di Economia e Statistica Università della Calabria Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Il trasporto pubblico locale della Provincia di Cosenza in rete - 1 - Premessa

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

Come si trova l Impact Factor di una rivista?

Come si trova l Impact Factor di una rivista? Journal Citation Report ovvero: Come si trova l Impact Factor di una rivista? a cura di Francesca De Rosa Biblioteca Dermatologica dell Istituto San Gallicano Indice: Che cos è l Impact Factor? Come si

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

La valutazione dei corsi di dottorato

La valutazione dei corsi di dottorato La valutazione dei corsi di dottorato Approvato dal Consiglio Direttivo nella seduta del 15 Dicembre 2014 1 Premessa Questo documento illustra i criteri e gli indicatori che l ANVUR intende utilizzare

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Corso di. Anno accademico: 2010/11. Prof. ing. Gianpaolo Ghiani gianpaolo.ghiani@unisalento.it www.logistics.unsalento.it

Corso di. Anno accademico: 2010/11. Prof. ing. Gianpaolo Ghiani gianpaolo.ghiani@unisalento.it www.logistics.unsalento.it Corso di Metodi di Supporto alle Decisioni Anno accademico: 2010/11 Prof. ing. Gianpaolo Ghiani gianpaolo.ghiani@unisalento.it www.logistics.unsalento.it Fac coltà di Ingegneria - Università del Salento

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Debora de Chiusole PhD Candidate deboratn@libero.it Università degli Studi di Padova Dipartimento FISPPA

Dettagli

Criteri, parametri e indicatori per l abilitazione scientifica nazionale AREA 01 MATEMATICA E INFORMATICA. Premesso

Criteri, parametri e indicatori per l abilitazione scientifica nazionale AREA 01 MATEMATICA E INFORMATICA. Premesso Criteri, parametri e indicatori per l abilitazione scientifica nazionale AREA 01 MATEMATICA E INFORMATICA Premesso che l attività scientifica e di ricerca nei settori MAT/01-09 e INF/01 consiste principalmente

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore L art. 32 del D. Lgs. 81/08 disciplina i requisiti per lo svolgimento delle funzioni di RSPP e ASPP. Tali requisiti

Dettagli

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 SUA-RD Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 Finalità della presentazione Questa presentazione ha lo scopo di esaminare le modalità di compilazione della

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Versione 1.1 2 dicembre 2014 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Cosa devono fare docenti, ricercatori,

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

FAQ Bando Professori visitatori didattica

FAQ Bando Professori visitatori didattica FAQ Bando Professori visitatori didattica Sommario 1. Qual è l obiettivo principale del bando Professori visitatori didattica? 2. Entro quando è possibile presentare proposta? 3. Chi può presentare domanda?

Dettagli

I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche. di Laura Colombo

I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche. di Laura Colombo I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche di Laura Colombo Ultimo aggiornamento: marzo 2011 Sommario L analisi bibliometrica Indicatori bibliometrici o Impact Factor o Immediacy Index o

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Indice 1. Le basi normative e aspetti generali 2. Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento

Dettagli

Prodotto Isi Web Knowledge

Prodotto Isi Web Knowledge Guida pratica all uso di: Web of Science Prodotto Isi Web Knowledge acura di Liana Taverniti Biblioteca ISG INMP INMP I prodotti ISI Web of Knowledge sono basi di dati di alta qualità di ricerca alle quali

Dettagli

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi. Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.it) L analisi multicriterio e il processo decisionale L analisi multicriterio

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT. Progetto PRISMA

PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT. Progetto PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT PRISMA Progetto PRISMA SMART CITIES AND COMMUNITIES AND SOCIAL INNOVATION Cloud Computing per smart technologies PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici Alice Piva 1, Giacomo Gamberoni 1, Denis Ferraretti 1, Evelina Lamma 2 1 intelliware snc, via J.F.Kennedy 15, 44122 Ferrara,

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Istruzioni per gli autori

Istruzioni per gli autori Istruzioni per gli autori Informazioni generali LO SCALPELLO OTODI Educational è la rivista ufficiale della Società Italiana degli Ortopedici e Traumatologi Ospedalieri d Italia (OTODI) e pubblica articoli

Dettagli

Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti

Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti Domenico Natale AB Medica Versione 1 Riunione della Commissione UNINFO Informatica Medica Milano, 30 Settembre 2013 Introduzione La presente nota intende

Dettagli

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST emanuela.canepa@unipd.it Biblioteca di psicologia Fabio Metelli Università degli Studi di Padova Materiale didattico: guida corso Casella della biblioteca

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Giovanni Dimauro 1, Marzia Marzo 2 1 Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Bari, dimauro@di.uniba.it

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA Alberto Betella, Marco Lazzari, "Un ambiente open source per la gestione del podcasting e una sua applicazione alla didattica", Didamatica 2007, Cesena, 10-12/5/2007 Abstract UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Abilitazione scientifica nazionale la normalizzazione degli indicatori per l età accademica

Abilitazione scientifica nazionale la normalizzazione degli indicatori per l età accademica Abilitazione scientifica nazionale la normalizzazione degli indicatori per l età accademica A cura del Consiglio Direttivo dell ANVUR Il Regolamento per l abilitazione scientifica nazionale (DM 7 giugno

Dettagli

Web of Science. Institute for Scientific Information

Web of Science. Institute for Scientific Information Web of Science Institute for Scientific Information Web of Knowledge è la piattaforma che che permette di raggiungere le prestigiose banche dati prodotte dall'institute of Scientific Information (ISI).

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Presentazione della Societa CAE Technologies Srl VAR Dassault Systemes SIMULIA

Presentazione della Societa CAE Technologies Srl VAR Dassault Systemes SIMULIA Presentazione della Societa CAE Technologies Srl VAR Dassault Systemes SIMULIA pag. 1 La Societa CAE Technologies Srl e stata fondata nel marzo 2013. Il nome breve della CAE Technologies Srl e CAETECH.

Dettagli

Classificazione Istat dei titoli di studio italiani

Classificazione Istat dei titoli di studio italiani 24 ottobre 2005 Classificazione Istat dei titoli di studio italiani Anno 2003 Nota metodologica 1. INTRODUZIONE In occasione del Censimento 2001 della popolazione, il settore Istruzione dell Istat è stato

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze dell Istituto di

Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze dell Istituto di Cent anni di scienza del controllo Sergio Bittanti Politecnico di Milano Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze

Dettagli

Come recuperare il Citation Index di un articolo o di un autore: breve guida

Come recuperare il Citation Index di un articolo o di un autore: breve guida Come recuperare il Citation Index di un articolo o di un autore: breve guida A cura del Gruppo Informazione e comunicazione della Biblioteca Biomedica Redazione: Tessa Piazzini Premessa: Solitamente parlando

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso

Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso Breve Introduzione Questo è un documento di lavoro per la composizione delle schede SUA-RD 2011, 2012 e 2013. In questa prima sezione vengono rapidamente ricapitolate

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS

Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS Cognitive Adaptive Man Machine Interface for Cooperative Systems 19 Settembre 2012 ENAV ACADEMY Forlì (IT) Magda Balerna 1 ARTEMIS JU Sub Project 8: HUMAN Centred Design

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

email: vito.introna@uniroma2.it telefono: +39.0672597179 luogo: Dip. di Ing. Mecc., st. 2102/13 Sito internet personale: non disponibile

email: vito.introna@uniroma2.it telefono: +39.0672597179 luogo: Dip. di Ing. Mecc., st. 2102/13 Sito internet personale: non disponibile email: vito.introna@uniroma2.it telefono: +39.0672597179 luogo: Dip. di Ing. Mecc., st. 2102/13 Sito internet personale: non disponibile Orario di ricevimento studenti: su appuntamento via mail * foto

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli