Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione della Qualità della Ricerca 2004 2010 (VQR 2004 2010)"

Transcript

1 Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR ) Criteri per la valutazione dei prodotti di ricerca Gruppo di Esperti della Valutazione dell area 09 (GEV 09) troduzione Questo documento ha per oggetto l organizzazione e il funzionamento del Gruppo di Esperti della Valutazione (GEV) istituito dal Consiglio direttivo dell ANVUR per l area 09 gegneria industriale e dell informazione (GEV09) comprendente i Settori Scientifico Disciplinari (SSD) da ING-IND/01 a ING-IND/35, e da ING-INF/01 a ING-INF/07. L'obiettivo finale dell esercizio di Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR) è fornire un panorama qualitativo della ricerca in Italia. Nel complesso, i prodotti che il GEV09 esaminerà per questo esercizio sono principalmente articoli su riviste scientifiche, articoli a congresso, libri e capitoli di libri. Gli articoli su rivista saranno classificati prevalentemente utilizzando indicatori bibliometrici integrati allo scopo di valutare la qualità della rivista in cui sono pubblicati e il loro impatto, quantificato in base al numero citazioni ricevuto dall articolo fino al 31 dicembre Chiaramente, articoli pubblicati all'inizio del periodo di valutazione hanno avuto più tempo per accumulare citazioni rispetto ai lavori pubblicati alla fine del periodo. Pertanto, si raccomanda che gli autori e le strutture di ricerca forniscano nella scheda descrittiva che accompagna i prodotti, in particolare per quelli pubblicati recentemente, ogni informazione utile alla valorizzazione del prodotto, quali, ad esempio, la motivazione per la scelta del prodotto, l indicazione che il prodotto ha aperto un nuovo campo di ricerca o ha ottenuto riconoscimenti significativi, o possiede un carattere profondamente interdisciplinare. 1. Delimitazione dell area GEV Il GEV si riferisce all Area CUN 09: gegneria industriale e dell informazione e più in particolare ai seguenti SSD: ING-IND/01 ARCHITETTURA NAVALE ING-IND/02 COSTRUZIONI E IMPIANTI NAVALI E MARINI ING-IND/03 MECCANICA DEL VOLO ING-IND/04 COSTRUZIONI E STRUTTURE AEROSPAZIALI ING-IND/05 IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI ING-IND/06 FLUIDODINAMICA ING-IND/07 PROPULSIONE AEROSPAZIALE ING-IND/08 MACCHINE A FLUIDO ING-IND/09 SISTEMI PER L'ENERGIA E L'AMBIENTE ING-IND/10 FISICA TECNICA INDUSTRIALE 1

2 ING-IND/11 FISICA TECNICA AMBIENTALE ING-IND/12 MISURE MECCANICHE E TERMICHE ING-IND/13 MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE ING-IND/14 PROGETTAZIONE MECCANICA E COSTRUZIONE DI MACCHINE ING-IND/15 DISEGNO E METODI DELL'INGEGNERIA INDUSTRIALE ING-IND/16 TECNOLOGIE E SISTEMI DI LAVORAZIONE ING-IND/17 IMPIANTI INDUSTRIALI MECCANICI ING-IND/18 FISICA DEI REATTORI NUCLEARI ING-IND/19 IMPIANTI NUCLEARI ING-IND/20 MISURE E STRUMENTAZIONE NUCLEARI ING-IND/21 METALLURGIA ING-IND/22 SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI ING-IND/23 CHIMICA FISICA APPLICATA ING-IND/24 PRINCIPI DI INGEGNERIA CHIMICA ING-IND/25 IMPIANTI CHIMICI ING-IND/26 TEORIA DELLO SVILUPPO DEI PROCESSI CHIMICI ING-IND/27 CHIMICA INDUSTRIALE E TECNOLOGICA ING-IND/28 INGEGNERIA E SICUREZZA DEGLI SCAVI ING-IND/29 INGEGNERIA DELLE MATERIE PRIME ING-IND/30 IDROCARBURI E FLUIDI DEL SOTTOSUOLO ING-IND/31 ELETTROTECNICA ING-IND/32 CONVERTITORI, MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI ING-IND/33 SISTEMI ELETTRICI PER L'ENERGIA ING-IND/34 BIOINGEGNERIA INDUSTRIALE ING-IND/35 INGEGNERIA ECONOMICO-GESTIONALE ING-INF/01 ELETTRONICA ING-INF/02 CAMPI ELETTROMAGNETICI ING-INF/03 TELECOMUNICAZIONI ING-INF/04 AUTOMATICA ING-INF/05 SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI ING-INF/06 BIOINGEGNERIA ELETTRONICA E INFORMATICA ING-INF/07 MISURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE I componenti del GEV sono i professori: Agosti Maristella, Universita' degli Studi di PADOVA Ajmone Marsan Marco, Politecnico di TORINO Astolfi Alessandro, Universita' degli Studi di ROMA "Tor Vergata" Bartuli Cecilia, Universita' degli Studi di ROMA "La Sapienza" Belingardi Giovanni, Politecnico di TORINO Betta Giovanni, Universita' degli Studi di CASSINO Boccaccini Aldo, University of Erlangen-Nuremberg, Germany Bottaro Alessandro, Universita' degli Studi di GENOVA Canfora Gerardo, Universita' degli Studi del SANNIO di BENEVENTO Cerri Emanuela, Universita' degli Studi del SALENTO Cobelli Claudio, Universita' degli Studi di PADOVA 2

3 Colavolpe Giulio, Universita' degli Studi di PARMA D'Ambrogio Walter, Universita' degli Studi de L'AQUILA Dario Paolo, Scuola Sup. di Studi Univ. e Perfezionamento S.Anna di PISA Garetti Marco, Politecnico di MILANO Gerla Mario, University of California, Los Angeles Gevers Michel, Université catholique de Louvain Ghezzi Carlo, Politecnico di MILANO Ghiringhelli Gian Luca, Politecnico di MILANO Iuliano Luca, Politecnico di TORINO Lenzerini Maurizio, Universita' degli Studi di ROMA "La Sapienza" Martelli Francesco, Universita' degli Studi di FIRENZE Massa Andrea, Universita' degli Studi di TRENTO Mastrullo Rita Maria Antonietta, Universita' degli Studi di NAPOLI "Federico II" Morbidelli Massimo, ETH Zurich Paone Nicola, Universita' Politecnica delle MARCHE Patrucco Mario, Politecnico di TORINO Peukert Wolfgang, Universitat Erlangen Rispoli Franco, Universita' degli Studi di ROMA "La Sapienza" Rizzo Gianfranco, Universita' degli Studi di PALERMO Rizzuti Sergio, Universita' della CALABRIA Rubinacci Guglielmo, Universita' degli Studi di NAPOLI "Federico II" Sangiorgi Enrico, Universita' degli Studi di BOLOGNA Sarto Maria Sabrina, Universita' degli Studi di ROMA "La Sapienza" Setti Gianluca, Universita' degli Studi di FERRARA Sobrero Maurizio, Universita' degli Studi di BOLOGNA Tenconi Alberto, Politecnico di TORINO Testa Alfredo, Seconda Universita' degli Studi di NAPOLI Tognotti Leonardo, Universita' di PISA Zanino Roberto, Politecnico di TORINO 2. Organizzazione del GEV 2.1 Composizione dei Sotto-GEV Il GEV è organizzato in sotto-gruppi (sotto-gev). I sotto-gev comprendono i seguenti SSD. o Sotto-GEV 09a - gegneria meccanica, energetica e gestionale: coordinatore Prof. Marco Garetti ING-IND/01 ARCHITETTURA NAVALE ING-IND/02 COSTRUZIONI E IMPIANTI NAVALI E MARINI ING-IND/03 MECCANICA DEL VOLO ING-IND/04 COSTRUZIONI E STRUTTURE AEROSPAZIALI ING-IND/05 IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI ING-IND/06 FLUIDODINAMICA ING-IND/07 PROPULSIONE AEROSPAZIALE ING-IND/08 MACCHINE A FLUIDO ING-IND/09 SISTEMI PER L'ENERGIA E L'AMBIENTE 3

4 ING-IND/10 FISICA TECNICA INDUSTRIALE ING-IND/11 FISICA TECNICA AMBIENTALE ING-IND/12 MISURE MECCANICHE E TERMICHE ING-IND/13 MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE ING-IND/14 PROGETTAZIONE MECCANICA E COSTRUZIONE DI MACCHINE ING-IND/15 DISEGNO E METODI DELL'INGEGNERIA INDUSTRIALE ING-IND/16 TECNOLOGIE E SISTEMI DI LAVORAZIONE ING-IND/17 IMPIANTI INDUSTRIALI MECCANICI ING-IND/18 FISICA DEI REATTORI NUCLEARI ING-IND/19 IMPIANTI NUCLEARI ING-IND/20 MISURE E STRUMENTAZIONE NUCLEARI ING-IND/21 METALLURGIA ING-IND/28 INGEGNERIA E SICUREZZA DEGLI SCAVI ING-IND/29 INGEGNERIA DELLE MATERIE PRIME ING-IND/30 IDROCARBURI E FLUIDI DEL SOTTOSUOLO ING-IND/35 INGEGNERIA ECONOMICO-GESTIONALE I componenti del sotto-gev 09a sono: Belingardi Giovanni, Politecnico di TORINO Bottaro Alessandro, Universita' degli Studi di GENOVA Cerri Emanuela, Universita' degli Studi del SALENTO D'Ambrogio Walter, Universita' degli Studi de L'AQUILA Garetti Marco, Politecnico di MILANO Ghiringhelli Gian Luca, Politecnico di MILANO Iuliano Luca, Politecnico di TORINO Martelli Francesco, Universita' degli Studi di FIRENZE Mastrullo Rita Maria Antonietta, Universita' degli Studi di NAPOLI "Federico II" Paone Nicola, Universita' Politecnica delle MARCHE Patrucco Mario, Politecnico di TORINO Rispoli Franco, Universita' degli Studi di ROMA "La Sapienza" Rizzo Gianfranco, Universita' degli Studi di PALERMO Rizzuti Sergio, Universita' della CALABRIA Sobrero Maurizio, Universita' degli Studi di BOLOGNA Zanino Roberto, Politecnico di TORINO o Sotto-GEV 09b - gegneria chimica e materiali: coordinatore Prof. Leonardo Tognotti ING-IND/21 METALLURGIA ING-IND/22 SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI ING-IND/23 CHIMICA FISICA APPLICATA ING-IND/24 PRINCIPI DI INGEGNERIA CHIMICA ING-IND/25 IMPIANTI CHIMICI ING-IND/26 TEORIA DELLO SVILUPPO DEI PROCESSI CHIMICI ING-IND/27 CHIMICA INDUSTRIALE E TECNOLOGICA 4

5 I componenti del sotto-gev 09b sono: Bartuli Cecilia, Universita' degli Studi di ROMA "La Sapienza" Boccaccini Aldo, University of Erlangen-Nuremberg, Germany Morbidelli Massimo, ETH Zurich Peukert Wolfgang, Universitat Erlangen Tognotti Leonardo, Universita' di PISA o Sotto-GEV 09c - gegneria elettrica e dell'informazione: coordinatore Prof. Enrico Sangiorgi ING-IND/31 ELETTROTECNICA ING-IND/32 CONVERTITORI, MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI ING-IND/33 SISTEMI ELETTRICI PER L'ENERGIA ING-IND/34 BIOINGEGNERIA INDUSTRIALE ING-INF/01 ELETTRONICA ING-INF/02 CAMPI ELETTROMAGNETICI ING-INF/03 TELECOMUNICAZIONI ING-INF/04 AUTOMATICA ING-INF/05 SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI ING-INF/06 BIOINGEGNERIA ELETTRONICA E INFORMATICA ING-INF/07 MISURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE I componenti del sotto-gev 09c sono: Agosti Maristella, Universita' degli Studi di PADOVA Ajmone Marsan Marco, Politecnico di TORINO Astolfi Alessandro, Universita' degli Studi di ROMA "Tor Vergata" Betta Giovanni, Universita' degli Studi di CASSINO Canfora Gerardo, Universita' degli Studi del SANNIO di BENEVENTO Cobelli Claudio, Universita' degli Studi di PADOVA Colavolpe Giulio, Universita' degli Studi di PARMA Dario Paolo, Scuola Sup. di Studi Univ. e Perfezionamento S.Anna di PISA Gerla Mario, University of California, Los Angeles Gevers Michel, Université catholique de Louvain Ghezzi Carlo, Politecnico di MILANO Lenzerini Maurizio, Universita' degli Studi di ROMA "La Sapienza" Massa Andrea, Universita' degli Studi di TRENTO Rubinacci Guglielmo, Universita' degli Studi di NAPOLI "Federico II" Sangiorgi Enrico, Universita' degli Studi di BOLOGNA Sarto Maria Sabrina, Universita' degli Studi di ROMA "La Sapienza" Setti Gianluca, Universita' degli Studi di FERRARA Tenconi Alberto, Politecnico di TORINO Testa Alfredo, Seconda Universita' degli Studi di NAPOLI La scelta di includere ING-IND/12 nell area meccanica (sotto-gev 09a) è dovuta al fatto che la VQR considera gli anni ; le valutazioni future dovranno invece riportare ING- 5

6 IND/12 all interno dell area elettrica/elettronica. Analoga scelta è stata fatta per ING-IND/28-30, che in valutazioni future dovranno essere considerati nell area 08. Nel caso di ING-IND/21, se necessario, si dovrà tenere conto dei macrosettori per cui i docenti hanno esercitato opzione. Chi ha scelto il macrosettore 09A sarà considerato nel sotto-gev 09a; chi ha scelto il macrosettore 09D sarà considerato nel sotto-gev 09b. 2.2 Allocazione dei prodotti all interno del GEV L allocazione dei prodotti ai sotto-gev avverrà sulla base del SSD indicato dall autore, così come trasmesso dalle strutture. Il significato del SSD associato al prodotto, che può anche essere diverso dal SSD di appartenenza dell autore, si riferisce al GEV che con maggior competenza, secondo l autore, può valutare il prodotto in questione. Nel caso in cui un prodotto sia assegnato a più GEV per il suo carattere interdisciplinare, identici criteri di valutazione saranno concordati e adottati tra i vari GEV. A tale scopo, i Presidenti dei GEV interessati istituiscono specifici Gruppi di Consenso ter-area. 2.3 Regole di funzionamento del GEV La convocazione del GEV avviene almeno 15 giorni prima della riunione. La riunione è convocata dal Presidente, che fissa anche l ordine del giorno. Le convocazioni dei sotto-gev avvengono almeno 7 giorni prima della riunione. La riunione è convocata dal Coordinatore, che fissa anche l ordine del giorno. Le decisioni all interno del GEV vengono prese a maggioranza semplice dei presenti. Per partecipare alla votazione non è necessario essere fisicamente presenti alle riunioni, purché presenti in modalità telematica. Alle riunioni del GEV partecipa, con funzioni di segretario senza diritto di voto, anche il Dott. Filippo Costa, che svolge il ruolo di assistente del GEV09. Al termine di ciascuna riunione viene redatto un resoconto della seduta in italiano, e un verbale succinto che riporta le conclusioni principali in lingua italiana e inglese. I verbali vengono fatti circolare tra i membri del GEV e approvati tramite o utilizzando l ambiente SW predisposto dal CINECA. 3. Mix valutativo Salvo restando che la responsabilità finale della valutazione è affidata al GEV, la valutazione impiegherà la tecnica della informed peer review, vale a dire un mix di criteri bibliometrici e di revisione peer. I prodotti di cui alla tipologia a) della sezione 2.3 del Bando ANVUR VQR che sono indicizzati nelle banche dati Web of Science di Thomson Reuters () e/o di Elsevier () verranno valutati utilizzando i criteri descritti nella sezione 3.2. I prodotti diversi dalla tipologia a) elencati nella sezione 2.3 del Bando ANVUR VQR verranno valutati utilizzando la valutazione peer. Essa prevede l invio a revisori esterni oppure, in alcuni casi limitati per i quali vi siano le specifiche competenze richieste all interno, la valutazione diretta peer all interno del GEV, sempre che non sussistano conflitti di interesse. I prodotti valutati mediante peer review appartengono quindi a 5 categorie: Articoli di cui alla tipologia a) della sezione 2.3 del Bando ANVUR VQR che non sono indicizzati nelle banche dati e/o ; Articoli che sono indicizzati nelle banche dati e/o che richiedono la peer review in base all algoritmo bibliometrico descritto nella sezione 4.2; 6

7 Articoli che sono indicizzati nelle banche dati e/o per i quali la peer review è richiesta dall autore o dalla struttura, oppure è ritenuta opportuna dal GEV; Articoli che sono indicizzati nelle banche dati e/o e che saranno valutati utilizzando sia l algoritmo bibliometrico sia la peer review al fine di studiare la correlazione tra i due metodi di valutazione: tali articoli saranno individuati tramite un algoritmo di campionamento casuale stratificato studiato da un Gruppo di lavoro dell ANVUR. Prodotti di ricerca di cui alle tipologie b), c), d), e) elencate nella sezione 2.3 del Bando ANVUR VQR ; 3.1 Peer review La peer review prevede l acquisizione del parere di due revisori esterni, oppure, in alcuni casi limitati per i quali vi siano le specifiche competenze all interno del GEV e non sussistano conflitti di interesse, la valutazione diretta da parte di un membro del GEV e di un revisore esterno, o di due diversi membri del GEV. La selezione dei revisori esterni, preferibilmente stranieri, attese le sue rilevanti finalità di pubblico interesse, si informa al principio di leale cooperazione istituzionale ed è retta da criteri di correttezza, obiettività e imparzialità. Ciascun componente del GEV è tenuto a garantire l anonimato degli esperti cui è affidata la valutazione dei prodotti. Le informazioni acquisite ai fini della selezione dei revisori possono essere utilizzate esclusivamente ai fini della valutazione della qualità della ricerca. La scelta dei revisori esterni verrà effettuata evitando conflitti di interesse tra i revisori stessi e gli autori e/o la struttura di affiliazione. oltre, verrà garantita l indipendenza dei revisori ponendo attenzione alla sede di affiliazione, alla collaborazione scientifica, e, ove possibile, alla nazionalità. Per minimizzare i conflitti di interesse, si privilegeranno i revisori operanti al di fuori dei confini nazionali. L individuazione dei revisori sarà fatta, ove possibile, indipendentemente da due diversi membri GEV L individuazione dei revisori peer Il GEV intende coinvolgere revisori esterni con un profilo di ricerca internazionale, un curriculum di alta levatura, testimoniato, in particolare negli ultimi anni, da un elevato numero di pubblicazioni nelle sedi di riferimento della comunità scientifica internazionale del settore, un significativo numero di citazioni e la necessaria competenza nella specifica area di valutazione. Il GEV preparerà un elenco di revisori esterni, stabilendo standard minimi di qualità scientifica, di impatto sulla comunità scientifica internazionale e di esperienza nella valutazione. una prima fase il GEV opererà per predisporre l elenco dei revisori. A tale scopo, il Presidente del GEV consulterà la lista di revisori della propria area, resa disponibile dal CINECA, e chiederà ai componenti GEV, tramite i coordinatori dei sotto-gev, di suggerire un numero significativo di esperti che soddisfano i criteri indicati nel paragrafo precedente. Il Presidente GEV raccoglierà le indicazioni corredate di informazioni fornite sulla base di una scheda condivisa, e, anche con l ausilio dei coordinatori di sotto-gev, provvederà a modificare la lista CINECA con integrazioni e/o cancellazioni. Il processo di integrazione della lista continuerà per tutta la durata della valutazione, sulla base delle necessità che dovessero emergere a valle della trasmissione dei prodotti da parte delle strutture. 7

8 3.1.2 Assegnazione dei livelli di merito VQR sulla base delle valutazioni peer La valutazione da parte dei revisori peer si baserà su una apposita scheda revisore predisposta dal GEV, costituita da una serie di domande a risposta multipla e da un campo libero con numero limitato di parole. Il GEV trasformerà le indicazioni contenute nella scheda revisore in una delle 4 classi finali di merito. Nel caso di valutazioni non convergenti dei revisori peer o, nel caso di disponibilità di entrambe, tra peer review e analisi bibliometrica, il sotto-gev creerà al suo interno un Gruppo di Consenso con il compito di proporre al GEV il punteggio finale del prodotto oggetto del giudizio difforme mediante la metodologia del consensus report. Il Gruppo di Consenso potrà avvalersi anche del giudizio di un terzo esperto. ogni caso la responsabilità della valutazione conclusiva è dell intero GEV Valutazione Brevetti I prodotti cui le tipologie d del Bando VQR verranno sottoposti alla peer review fermo restando le seguenti limitazioni di classificazione. I livelli di merito VQR A (eccellente) e B (buono) potranno essere assegnati esclusivamente a brevetti internazionali o che siano già stati ceduti o dati in licenza a un azienda. 3.2 Analisi bibliometrica Basi di dati Il GEV utilizzerà le basi di dati Web of Science di Thomson Reuters () e di Elsevier () Finestra temporale delle citazioni Nel calcolo dell indicatore bibliometrico il GEV utilizzerà le citazioni fino al 31 dicembre Auto-citazioni L opportunità di includere o escludere le autocitazioni nella valutazione bibliometrica è tuttora oggetto di dibattito nella comunità scientifica. Nella VQR , per motivi di ordine tecnico legati soprattutto all uso di, che non lo consente direttamente, e ai problemi legati alla disambiguazione dei nomi degli autori nel caso in cui si tentasse di realizzare tale operazione a partire dai dati grezzi, non verranno escluse le autocitazioni Gli indicatori bibliometrici La valutazione utilizzerà, per tutti gli articoli pubblicati su riviste indicizzate nelle basi di dati e, un algoritmo che tiene conto, in misura diversa a seconda della data di pubblicazione dell articolo, sia del numero di citazioni che dell indicatore bibliometrico della rivista ospitante. Per quanto riguarda quest ultimo, per le riviste indicizzate in verrà impiegato SJR; per le riviste indicizzate in, per gli anni da 2004 a 2006 compresi verrà impiegato il solo IF, mentre per gli anni da 2007 a 2010 compresi verrà effettuata una combinazione mediante PCA (Principal Component Analysis) di IF, 5YIF, AI e EF, come descritto in dettaglio nell appendice Algoritmo per la classificazione dei Prodotti L algoritmo utilizzato per la classificazione degli articoli nelle 4 classi di merito della VQR è il seguente: 8

9 1. Dato l articolo e la rivista che lo ha pubblicato, si identifica la corrispondente Subject Category (SC) in e la All Science Journal Classification (ASJC) in ; nel seguito l algoritmo verrà descritto con riferimento alle sole SC e all IF, essendo implicito che identica procedura viene seguita per le ASJC e per altri indicatori bibliometrici; 2. Se la rivista appartiene a più di una SC, si utilizza, ai fini dell individuazione univoca della SC, l indicazione della struttura che ha proposto l articolo, o, se necessario, l eventuale modifica da parte del GEV; 3. Sia in che in esiste la categoria: multidisciplinary science, che include riviste caratterizzate da una pluralità di argomenti scientifici, quali Nature, Science, ecc.: Gli articoli pubblicati su una rivista che compare solo in tale categoria saranno riassegnati ad un altra SC sulla base delle citazioni contenute nell articolo. particolare, per ognuna delle riviste citate si individuerà una (o più) SC di appartenenza, e si sceglierà la SC finale con una regola di decisione maggioritaria. Nell assegnazione alla nuova SC, l articolo porterà con sé l IF della rivista e il numero di citazioni ricevute; 4. Nel caso dei sotto-gev 09a, 09b e nel caso del sotto-gev 09c, con l esclusione del SSD ING/INF-05, si considera la funzione di distribuzione cumulativa empirica dell indicatore bibliometrico per le riviste appartenenti alla SC individuata, per l anno di pubblicazione dell articolo da valutare; si divide poi la funzione di distribuzione cumulativa in 4 quartili; 5. Nel caso del SSD ING/INF-05 si assumono le classi di qualità concordate con il GEV01 per le riviste appartenenti alla SC individuata per l articolo da valutare (appendice 2); 6. Si calcola la funzione di distribuzione cumulativa empirica del numero di citazioni di tutti gli articoli (dalla data di pubblicazione al 31 dicembre 2011) pubblicati dalle riviste appartenenti alla SC individuata, per l anno di pubblicazione dell articolo da valutare; 7. Si divide la funzione di distribuzione cumulativa del numero di citazioni in 4 classi, corrispondenti al 20% di articoli più citati (classe 1), al successivo 20% (classe 2), al successivo 10% (classe 3) e al 50% degli articoli meno citati (classe 4); 8. Dato il valore dell indicatore bibliometrico, si calcola il quartile di appartenenza della rivista e dato il numero di citazioni dell articolo da valutare, si determina la classe di appartenenza dell articolo. Il prodotto da valutare viene attribuito ad una delle 16 coppie di classi rappresentate in una matrice 4x4, che contiene sulle ascisse i quartili dell indicatore bibliometrico (o le classi di qualità concordate con il GEV01 per il SSD ING/INF-05) e sulle ordinate le classi della distribuzione del numero di citazioni; 9. L attribuzione della classe finale di merito avviene secondo l algoritmo seguente, nel quale la lettera A si riferisce alla classe finale eccellente, la B a buono, la C a accettabile, e la D a limitato : a. Quando le coordinate dell articolo lo posizionano in una delle 4 caselle della diagonale principale, e quindi le 2 indicazioni basate su indicatore bibliometrico e su citazioni coincidono, la classe finale è quella di Figura 1; b. Quando le coordinate danno indicazioni diverse (elemento non appartenente alla diagonale principale), occorre distinguere due casi a seconda della data di pubblicazione dell articolo. c. Se l articolo è stato pubblicato nel quadriennio , potendosi considerare sufficientemente consolidata la distribuzione di citazioni ad esso associata, si utilizza la matrice riportata in Figura 2 per l attribuzione della classe finale di merito, nella quale la classificazione finale è ottenuta privilegiando l indicazione fornita dalla classificazione citazionale. 9

10 1 A dicatore bibliometrico n. di citazioni 2 B 3 C 4 D Figura 1. Matrice di corrispondenza tra classi iniziali della rivista (colonne) e citazioni (righe) e classe finale VQR. dicatore bibliometrico A A A IR n. di citazioni 2 A B B IR 3 IR C C D 4 IR IR D D Figura 2. Matrice di corrispondenza tra classi iniziali della rivista (colonne) e citazioni (righe) e classe finale VQR per articoli pubblicati nel quadriennio d. Se l articolo è stato pubblicato nel triennio , e quindi la sua storia citazionale è, al contrario, ritenuta non sufficientemente consolidata, si utilizza la matrice seguente per l attribuzione della classe finale di merito (vedi Figura 3), nella quale si privilegia l indicazione fornita dalla classificazione basata sull indice di qualità della rivista. e. Le caselle delle matrici di Figura 2 e Figura 3 etichettate IR si riferiscono ai casi nei quali la valutazione non avverrà in maniera automatica, ma mediante la informed peer review. tali casi, il GEV affiderà l articolo alla peer review oppure, in casi limitati, lo valuterà direttamente. 10

11 dicatore bibliometrico A A IR IR n. di citazioni 2 A B C IR 3 A B C D 4 IR B C D Figura 3. Matrice di corrispondenza tra classi iniziali della rivista (colonne) e citazioni (righe) e classe finale VQR per articoli pubblicati nel triennio f. L algoritmo distinguerà, calcolando distribuzioni cumulative empiriche separate per le citazioni, gli articoli scientifici da quelli di rassegna, che ricevono notoriamente un maggior numero di citazioni. Quando il numero di articoli di rassegna in una SC non è tale da fornire distribuzioni significative, si ricorrerà alla peer review. 3.3 Gestione dei conflitti Nel caso di articoli sottoposti a valutazione bibliometrica che ottengano una valutazione diversa utilizzando i dati contenuti in e, si adotterà la valutazione più favorevole se la classe finale è individuata in modo univoco con ciascuno dei due data base, mentre si ricorrerà alla valutazione peer quando almeno una delle due valutazioni bibliometriche lo suggerisca. Nel caso di disponibilità di una o più valutazioni peer e della valutazione bibliometrica per lo stesso prodotto, eventuali conflitti di attribuzione verranno risolti dal GEV su proposta del sotto- GEV tramite un gruppo di consenso. 4. Risoluzione dei conflitti di interesse I membri dei GEV si asterranno dal valutare o dall assegnare ad altri membri dei GEV o a esperti esterni: a. prodotti di cui siano autori o co-autori; b. prodotti di cui siano autori o co-autori parenti, congiunti o affini fino al 4 grado; c. prodotti che abbiano come co-autori i propri ex collaboratori, ex studenti di dottorato, e persone che siano state co-autori di lavori nel periodo ; d. prodotti presentati da università presso cui i membri stessi abbiano o abbiano avuto un rapporto di lavoro o con le quali abbiano svolto incarichi o collaborazioni ufficiali, a partire dal 1/1/2007; e. prodotti presentati da enti di ricerca vigilati dal MIUR e da altri soggetti pubblici e privati sottoposti volontariamente alla VQR presso cui i membri stessi abbiano o abbiano avuto un rapporto di lavoro o con le quali abbiano svolto incarichi o collaborazioni ufficiali, inclusa l affiliazione a enti di ricerca, a partire dal 1/1/

12 Nei casi di cui al punto e) precedente, esiste conflitto di interesse: i. nel caso in cui la struttura abbia una permanente strutturazione interna di tipo territoriale o disciplinare (es. sezione locale di ente di ricerca, istituto, dipartimento), limitatamente ai prodotti presentati dalla stessa articolazione; ii. nel caso in cui la struttura non abbia una permanente strutturazione interna di tipo territoriale o disciplinare (es. sezione locale di ente di ricerca, istituto, dipartimento), in riferimento a tutti i prodotti presentati nei limiti in cui ciò sia possibile senza precludere la possibilità di valutare il prodotto; iii. nel caso in cui la strutturazione interna abbia luogo a più livelli gerarchici (es. più istituti riuniti sotto un dipartimento) il conflitto di interesse sorge al livello più basso (es. membri GEV affiliati ad istituti diversi di uno stesso dipartimento, sono in conflitto di interesse soltanto rispetto a prodotti presentati da autori appartenenti allo stesso istituto). Nei casi di conflitto di interesse, il Presidente del GEV incaricherà delle procedure di valutazione un altro membro del GEV per il quale non vi siano conflitti di interesse Nel caso di conflitti di interesse che coinvolgano il Presidente del GEV, l assegnazione dei prodotti relativi sarà fatta dal coordinatore del VQR o da persona da lui incaricata. 12

13 Appendice 1: Classificazione delle riviste in una SC di mediante combinazione di IF, 5YIF, EF ed AI Per ciascuna Subject Category (SC) di interesse per il GEV09, e per gli anni 2007, 2008, 2009 e 2010 si considerano i quattro indicatori bibliometrici disponibili atti a misurare il livello di una rivista, ovvero Impact Factor (IF) e Impact Factor a cinque anni (5YIF) indicatori di popolarità e EigenFactor (EF) e Articlefluence (AI) indicatori di prestigio. L algoritmo di combinazione e classificazione si articola nei seguenti passi: i. Se una particolare rivista non possiede 5YIF e AI (come accade per riviste recenti), ad essi viene inizialmente attribuito un valore pari alla media campionaria dei valori del corrispondente parametro nella SC; ii. Ciascuno dei quattro parametri bibliometrici disponibili viene normalizzato in modo da ottenere una corrispondente variabile standardizzata; iii. I valori dei parametri normalizzati così determinati sono raccolti in quattro vettori IF, 5YIF, EF e AI; iv. Si effettua una Principal Component Analysis (PCA) dei vettori IF, 5YIF, EF e AI e si calcola la componente principale PC4=[PC4 1,PC4 2,PC4 3,PC4 4 ] (considerando l autovettore corrispondente all autovalore di modulo massimo ed avente norma pari all inverso della radice quadrata del suddetto autovalore); v. Si effettua la PCA dei vettori IF e EF e si calcola la componente principale PC2=[PC2 1,PC2 2 ] come al punto iv; vi. Per ciascuna rivista R i che possiede tutti e 4 indici bibliometrici si calcola un coefficiente di classificazione pari a: CC i = PC4 1 xif i +PC4 2 x5yif i +PC4 3 xef i +PC4 4 xai i ; vii. Per ciascuna rivista R k che possiede solo IF e EF si calcola un coefficiente di classificazione pari a: CC k = PC2 1 xif k +PC2 2 xef k ; viii. Si ordinano i coefficienti di classificazione di tutte le riviste e se ne divide la distribuzione in quartili. La classificazione delle riviste, validata dal GEV09, sarà disponibile sul sito di ANVUR entro e non oltre il 15 Marzo

14 Appendice 2: Classificazione delle riviste per il settore disciplinare ING-INF/05 ISSN TITOLO CLASSE ACM Computing Surveys 1 si si ACM Transactions on Accessible Computing 1 si ACM Transactions on Algorithms 1 si ACM Transactions on Architecture and Code Optimization 1 si si ACM Transactions on Autonomous and Adaptive Systems 1 si si ACM Transactions on Computation Theory 1 si ACM Transactions on Computational Logic 1 si si ACM Transactions on Computer Human teraction 1 si si ACM Transactions on Computer Systems 1 si si ACM Transactions on Database Systems 1 si si ACM Transactions on Embedded Computing Systems 1 si si ACM Transactions on Graphics 1 si si ACM Transactions on formation and System Security 1 si si ACM Transactions on formation Systems 1 si si ACM Transactions on ternet Technology 1 si si ACM Transactions on Knowledge Discovery from Data 1 si ACM Transactions on Mathematical Software 1 si si ACM Transactions on Modeling and Computer Simulation 1 si si 1551 ACM Transactions on Multimedia Computing Communications and 6857 Applications 1 si si ACM Transactions on Programming Languages and Systems 1 si si ACM Transactions on Sensor Networks 1 si si X ACM Transactions on Software Engineering and Methodology 1 si si ACM Transactions on Speech and Language Processing 1 si ACM Transactions on Storage 1 si 14

15 ACM Transactions on the Web 1 si si Acta formatica 1 si si 1059 Adaptive Behavior: animals, animats, software agents, robots, adaptive 7123 systems 1 si Algorithmica 1 si si ALT J: Research in Learning Technology 1 si Annual Review of formation Science and Technology 1 si si Artificial telligence 1 si si Artificial telligence in Medicine 1 si si Artificial Life 1 si si Automated Software Engineering 1 si si Autonomous Agents and Multi Agent Systems 1 si si Bioinformatics 1 si 0340 Biological Cybernetics: communication and control in organisms and 1200 automata 1 si si BMC Bioinformatics 1 si Bulletin of Mathematical Biology 1 si Cognitive Psychology 1 si Cognitive Science 1 si Communications in Numerical Methods in Engineering 1 si Communications of the ACM 1 si si Computational Complexity 1 si si Computational telligence 1 si si Computational Linguistics 1 si si Computational Materials Science 1 si Computational Mechanics 1 si 15

16 Computer Aided Design 1 si si Computer Aided Geometric Design 1 si si 0167 Computer Graphics Forum: the international journal of the Eurographics 7055 Association 1 si si Computer Methods and Programs in Biomedicine 1 si si Computer Methods in Applied Mechanics and Engineering 1 si Computer Methods in Biomechanics and Biomedical Engineering 1 si si Computer Networks 1 si si Computer Speech and Language 1 si si 0925 Computer Supported Cooperative Work: the journal of collaborative 9724 computing 1 si si Computer Vision and Image Understanding 1 si si Computers and Education 1 si si Computers and Operations Research 1 si si Concurrency and Computation: Practice and Experience 1 si si Constraints 1 si si Data Mining and Knowledge Discovery 1 si si Decision Support Systems 1 si si Design Issues 1 si Design Journal 1 si X Design Studies 1 si Design, Codes and Cryptography 1 si si Digital Creativity 1 si 0179 Discrete and Computational Geometry: an international journal of 5376 mathematics and computer science 1 si si Distributed and Parallel Databases 1 si si Distributed Computing 1 si si 16

17 Empirical Software Engineering 1 si si X European Journal of formation Systems 1 si si Evolutionary Computation 1 si X Finite Elements in Analysis and Design 1 si Formal Aspects of Computing: applicable formal methods 1 si si Formal Methods in System Design 1 si si Foundations of Computational Mathematics 1 si si 0167 Future Generation Computer Systems: the international journal of grid 739X computing: theory, methods and applications 1 si si Fuzzy Sets and Systems 1 si si Human Computer teraction 1 si si IBM Journal of Research and Development 1 si si IEEE ACM Transactions on Networking 1 si si IEEE Communications Letters 1 si IEEE Communications Magazine 1 si IEEE Computer Graphics and Applications 1 si si IEEE telligent Systems 1 si si IEEE telligent Systems and Their Applications 1 si IEEE ternet Computing 1 si si IEEE Journal on Selected Areas in Communications 1 si IEEE Network: the magazine of global information exchange 1 si si IEEE Systems Journal 1 si IEEE Transactions on Affective Computing 1 si IEEE Transactions on Automatic Control 1 si IEEE Transactions on Autonomous Mental Development 1 si 17

18 X IEEE Transactions on Computational telligence and AI in Games 1 si IEEE Transactions on Computers 1 si si IEEE Transactions on Dependable and Secure Computing 1 si X IEEE Transactions on Evolutionary Computation 1 si si IEEE Transactions on Fuzzy Systems 1 si si IEEE Transactions on Haptics 1 si IEEE Transactions on Image Processing 1 si si IEEE Transactions on dustrial Electronics 1 si IEEE Transactions on dustrial formatics 1 si si IEEE Transactions on formation Forensics and Security 1 si si IEEE Transactions on formation Technology in Biomedicine 1 si IEEE Transactions on formation Theory 1 si si IEEE Transactions on Knowledge and Data Engineering 1 si si IEEE Transactions on Learning Technologies 1 si IEEE Transactions on Medical Imaging 1 si si IEEE Transactions on Mobile Computing 1 si si IEEE Transactions on Multimedia 1 si si IEEE Transactions on Nanobioscience 1 si X IEEE Transactions on Nanotechnology 1 si IEEE Transactions on Neural Networks 1 si si IEEE Transactions on Parallel and Distributed Systems 1 si si IEEE Transactions on Pattern Analysis and Machine telligence 1 si si IEEE Transactions on Reliability 1 si IEEE Transactions on Robotics 1 si 18

19 IEEE Transactions on Services Computing 1 si X IEEE Transactions on Signal Processing 1 si IEEE Transactions on Smart Grid 1 si IEEE Transactions on Software Engineering 1 si si 1083 IEEE Transactions on Systems, Man and Cybernetics, Part A: Systems and 4427 Humans 1 si si IEEE Transactions on Systems, Man and Cybernetics, Part B: Cybernetics 1 si si 1094 IEEE Transactions on Systems, Man and Cybernetics, Part C: Applications and 6977 Reviews 1 si si IEEE Transactions on Very Large Scale tegration Systems 1 si si IEEE Transactions on Visualization and Computer Graphics 1 si si IEEE Transactions on Wireless Communications 1 si formation and Computation 1 si si formation and Management 1 si si formation Processing and Management 1 si si formation Sciences 1 si si formation Systems 1 si si formation Systems Journal 1 si formation Systems Research 1 si ternational Journal of Architectural Computing 1 si ternational Journal of Computer Vision 1 si si ternational Journal of Electronic Commerce 1 si ternational Journal of Geographical formation Science 1 si si ternational Journal of Human Computer Studies 1 si si ternational Journal of Parallel Programming 1 si si ternational Journal of Robotics Research 1 si 19

20 ternational Journal on Document Analysis and Recognition 1 si si ISPRS Journal of Photogrammetry and Remote Sensing 1 si Journal of Algorithms 1 si si Journal of Artificial telligence Research 1 si si Journal of Automated Reasoning 1 si si Journal of Chemical formation and Modeling 1 si si Journal of Chemical Theory and Computation 1 si Journal of Combinatorial Theory Series A 1 si Journal of Combinatorial Theory. Series B 1 si Journal of Computational Biology 1 si si Journal of Computational Physics 1 si si Journal of Computer and System Sciences 1 si si X Journal of Computer Security 1 si Journal of Consciousness Studies 1 si Journal of Cryptology 1 si si Journal of Documentation 1 si Journal of Field Robotics 1 si Journal of Functional Programming 1 si si Journal of Global Optimization 1 si Journal of formation Technology 1 si si Journal of formetrics 1 si Journal of Machine Learning Research 1 si si Journal of Management formation Systems 1 si si X Journal of Memory and Language 1 si 20

Un analisi della VQR04-10. A cura di P. Ciancarini, membro GEV area1 Riunione GRIN Milano, 20 novembre 2013

Un analisi della VQR04-10. A cura di P. Ciancarini, membro GEV area1 Riunione GRIN Milano, 20 novembre 2013 Un analisi della VQR04-10 A cura di P. Ciancarini, membro GEV area1 Riunione GRIN Milano, 20 novembre 2013 Agenda Il passato: come è stata impostata la VQR2004-2010 Il presente: analisi e conseguenze dei

Dettagli

Appendice A. Confronto tra valutazione peer e valutazione bibliometrica

Appendice A. Confronto tra valutazione peer e valutazione bibliometrica Appendice A. Confronto tra valutazione peer e valutazione bibliometrica A.1 Il campione casuale Un campione casuale di 631 articoli su rivista passibili di valutazione bibliometrica è stato estratto dalla

Dettagli

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S.

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. Il Presidente ricorda che allo scopo di dare utili indicazioni ai soci Amases, e in particolare ai giovani, sulle riviste maggiormente interessate

Dettagli

GRIN - Associazione Italiana dei Docenti Universitari di Informatica

GRIN - Associazione Italiana dei Docenti Universitari di Informatica Certificazione bollino GRIN per i corsi di Laurea in Informatica versione beta 2016 N.B.: Sono in evidenza le variazioni rispetto alla versione standard 2015. 1. Requisiti per la certificazione bollino

Dettagli

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. (2014)

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. (2014) Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. (2014) Allo scopo di dare utili indicazioni ai soci Amases, e in particolare ai giovani, sulle riviste maggiormente interessate alla pubblicazione

Dettagli

Nuovo Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica AA14-15. http://www.dis.uniroma1.it/~ccl_ii/site/

Nuovo Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica AA14-15. http://www.dis.uniroma1.it/~ccl_ii/site/ Nuovo Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica AA14-15 http://www.dis.uniroma1.it/~ccl_ii/site/ Laurea Magistrale L obiettivo della laurea magistrale in Ingegneria informatica (Master of Science

Dettagli

La produzione scientifica nelle università italiane Regione Friuli Venezia Giulia

La produzione scientifica nelle università italiane Regione Friuli Venezia Giulia PON GOVERNANCE E ASSISTENZA TECNICA 2007-2013 PROGETTO SUPPORTO ALLA DEFINIZIONE ED ATTUAZIONE DELLE POLITICHE REGIONALI DI RICERCA E INNOVAZIONE (SMART SPECIALISATION STRATEGY REGIONALI) La produzione

Dettagli

Teledottorato II. Presentazione del progetto ai Docenti ed agli Studenti del Dottorato di Ricerca

Teledottorato II. Presentazione del progetto ai Docenti ed agli Studenti del Dottorato di Ricerca Teledottorato II Presentazione del progetto ai Docenti ed agli Studenti del Dottorato di Ricerca Di cosa parleremo Il progetto Teledottorato II Gli strumenti tecnici La rete La piattaforma software L offerta

Dettagli

PoliTong Sino-Italian

PoliTong Sino-Italian PoliTong Sino-Italian Campus Politecnico di Milano Politecnico di Torino Tongji University di Shanghai Il Campus Sino Italiano 4 luglio 2005: firma a Pechino del Memorandum d Intesa a sostegno della creazione

Dettagli

Il VQR 2004-2010 www.anvur.org

Il VQR 2004-2010 www.anvur.org Il VQR 2004-2010 www.anvur.org Sergio Benedetto Consiglio Direttivo ANVUR sergio.benedetto@anvur.org CRUI, Roma, 21 luglio 2011 Dalla Valutazione Quinquennale della Ricerca (VQR) 2004-2008 2 Alla Valutazione

Dettagli

Ranking list dell area Management e Strategia - Proposta per il 28 Giugno 2007 -

Ranking list dell area Management e Strategia - Proposta per il 28 Giugno 2007 - Ranking list dell area Management e Strategia - Proposta per il 28 Giugno 2007 - Il presente rapporto costituisce una sintesi dei lavori svolti nell ambito di due aree all interno del gruppo di studio

Dettagli

Paolo Perlasca. Istruzione e formazione. Esperienza professionale. Attività di ricerca. Attività didattica

Paolo Perlasca. Istruzione e formazione. Esperienza professionale. Attività di ricerca. Attività didattica Paolo Perlasca Dipartimento di Informatica, Indirizzo: via Comelico 39/41, 20135 Milano Telefono: 02-503-16322 Email: paolo.perlasca@unimi.it Paolo Perlasca è ricercatore universitario confermato presso

Dettagli

I corsi di Dottorato del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari

I corsi di Dottorato del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari I corsi di Dottorato del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Corsi di Dottorato in Ingegneria 1. PhD "Enzo Ferrari" in Industrial and Environmental Engineering: http://www.phd-enzoferrari.unimore.it

Dettagli

L/LM INGEGNERIA GESTIONALE LISTA DEGLI ESAMI A SCELTA RICONOSCIUTI

L/LM INGEGNERIA GESTIONALE LISTA DEGLI ESAMI A SCELTA RICONOSCIUTI AVVERTENZA PER GLI STUDENTI LA COMMISSIONE DIDATTICA APPROVA DI NORMA TUTTI GLI INSEGNAMENTI A SCELTA CHE COMPAIONO NELLA PRESENTE LISTA. TUTTI GLI INSEGNAMENTI CHE NON RIENTRANO IN QUESTA LISTA SARANNO

Dettagli

GRIN - Associazione Italiana dei Docenti Universitari di Informatica

GRIN - Associazione Italiana dei Docenti Universitari di Informatica Certificazione bollino GRIN per i corsi di Laurea in Informatica versione beta N.B.: Sono evidenziate le variazioni rispetto al documento con la versione standard dei requisiti. 1. Introduzione Il GRIN

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di laurea in Informatica applicata

Regolamento Didattico del Corso di laurea in Informatica applicata Curricula Regolamento Didattico del Corso di laurea in applicata La Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche della Libera Università di Bolzano offre un Corso di laurea in applicata. In conformità

Dettagli

La bibliometria della VQR

La bibliometria della VQR La bibliometria della VQR Gli studiosi che ricoprono incarichi nelle istituzioni pubbliche sono, devono essere, doppiamente consapevoli che il loro agire è esposto a critiche: come studiosi abituati ai

Dettagli

VQR 2011 2014 SELEZIONE DEI PRODOTTI (documento aggiornato al 07/01/2016)

VQR 2011 2014 SELEZIONE DEI PRODOTTI (documento aggiornato al 07/01/2016) VQR 2011 2014 SELEZIONE DEI PRODOTTI (documento aggiornato al 07/01/2016) Per selezionare i prodotti richiesti dal proprio Dipartimento per la VQR 2011 2014 occorre collegarsi a IRIS AperTO (indirizzo

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Data di nascita 21 GENNAIO 1966 ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Data di nascita 21 GENNAIO 1966 ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ARMANDO STERNIERI Nazionalità Italiana Data di nascita 21 GENNAIO 1966 ESPERIENZA LAVORATIVA Principali mansioni e responsabilità Principali

Dettagli

Ing. Emanuela Guerriero Curriculum didattico scientifico

Ing. Emanuela Guerriero Curriculum didattico scientifico Ing. Emanuela Guerriero Curriculum didattico scientifico Curriculum vitae et studiorum Nata a Lecce il 03/08/1972; 1999 Laurea in Ingegneria Informatica, conseguita il 19/07/1999, presso l Università degli

Dettagli

Breve Sintesi della Progettazione del Corso

Breve Sintesi della Progettazione del Corso Breve Sintesi della Progettazione del Corso I docenti dei settori scientifico-disciplinari ING/INF05 (settore caratterizzante sia la classe LM-32 che quella LM-18) e INF/01 (settore caratterizzante la

Dettagli

Casi di studio e progetti sull'innovazione informatica dei servizi logistici Rete Alta Tecnologia dell Emilia-Romagna Piattaforma ICT & Design

Casi di studio e progetti sull'innovazione informatica dei servizi logistici Rete Alta Tecnologia dell Emilia-Romagna Piattaforma ICT & Design Casi di studio e progetti sull'innovazione informatica dei servizi logistici Rete Alta Tecnologia dell Emilia-Romagna Piattaforma ICT & Design Lucia Mazzoni, ASTER IL SISTEMA REGIONALE DELLA RICERCA Università

Dettagli

PoliTong Sino-Italian

PoliTong Sino-Italian PoliTong Sino-Italian Campus BSc Courses in Information Technology Engineering (ITE) Mechanical and Production Engineering (MPE) Tongji University Shanghai Politecnico di Milano Politecnico di Torino Politecnico

Dettagli

I4W - INGEGNERIA MATEMATICA

I4W - INGEGNERIA MATEMATICA I4W - INGEGNERIA MATEMATICA Classe Lauree in Modellistica matematico-fisica per l'ingegneria - LM-44 CLASSE DI CORSO: NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 270/2004 DIPARTIMENTO DI RIFERIMENTO: CAD DI RIFERIMENTO:

Dettagli

INGEGNERIA INFORMATICA E ROBOTICA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE

INGEGNERIA INFORMATICA E ROBOTICA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA INFORMATICA E ROBOTICA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Obiettivo didattico CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA E ROBOTICA Il corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica

Dettagli

Quali e-service per l'azienda e le reti di impresa Progetto Essence. Piattaforma ICT & Design

Quali e-service per l'azienda e le reti di impresa Progetto Essence. Piattaforma ICT & Design Quali e-service per l'azienda e le reti di impresa Progetto Essence Piattaforma ICT & Design IL SISTEMA REGIONALE DELLA RICERCA Università di Bologna Università di Ferrara Università ità di Modena e Reggio

Dettagli

Approccio metodologico adottato per il Journal Rating AIDEA 2015

Approccio metodologico adottato per il Journal Rating AIDEA 2015 Journal Rating AIDEA 2015 in collaborazione con le società scientifiche dell'area economico-aziendale (ADEIMF, AISME, ASSIOA, SIDREA, SIM, SIMA, SISR) Bozza 10 novembre 2015 Approccio metodologico adottato

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

48 Laurea magistrale in Comunicazione multimediale Scienze

48 Laurea magistrale in Comunicazione multimediale Scienze 48 Laurea magistrale in Comunicazione multimediale Scienze C U R R I C O L A All interno del corso di laurea magistrale gli insegnamenti e le attività formative sono organizzate in modo da offrire percorsi

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ARMANDO STERNIERI VIA SIROTTI, 19 42121 REGGIO EMILIA- ITALIA Telefono 0522/455141 Fax 0522/451382

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO. Un università internazionale per il territorio

POLITECNICO DI TORINO. Un università internazionale per il territorio POLITECNICO DI TORINO Un università internazionale per il territorio I valori Leader nella cultura politecnica Nazionale ed Internazionale Reputazione Eccellenza nell istruzione superiore e la formazione

Dettagli

PROCEDURA VALUTATIVA DI CHIAMATA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI PROFESSORE ASSOCIATO AI SENSI DELL ART. 24, COMMA 6 DELLA LEGGE N

PROCEDURA VALUTATIVA DI CHIAMATA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI PROFESSORE ASSOCIATO AI SENSI DELL ART. 24, COMMA 6 DELLA LEGGE N PROCEDURA VALUTATIVA DI CHIAMATA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI PROFESSORE ASSOCIATO AI SENSI DELL ART. 24, COMMA 6 DELLA LEGGE N.240/2010 - PER IL SETTORE CONCORSUALE 09/B3 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE

Dettagli

ITALY-USA JOINT DOCTORATE PROGRAM IN MATERIALS FOR ENVIRONMENTAL AND ENERGY APPLICATIONS

ITALY-USA JOINT DOCTORATE PROGRAM IN MATERIALS FOR ENVIRONMENTAL AND ENERGY APPLICATIONS ITALY-USA JOINT DOCTORATE PROGRAM IN MATERIALS FOR ENVIRONMENTAL AND ENERGY APPLICATIONS Biomaterials Composite materials Superconducting materials Metals Optical/photonic materials Polymers Materials

Dettagli

PROGRAMMA DOPPIO TITOLO. Università degli Studi di Ferrara (Italia) Cranfield University (United Kingdom)

PROGRAMMA DOPPIO TITOLO. Università degli Studi di Ferrara (Italia) Cranfield University (United Kingdom) PROGRAMMA DOPPIO TITOLO (Italia) Cranfield University (United Kingdom) Il Piano degli Studi del Dipartimento di Ingegneria dell Università degli Studi di Ferrara prevede un programma di doppio titolo con

Dettagli

"Insegnamenti a scelta" suggeriti per il Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica (ex DM 270/04)

Insegnamenti a scelta suggeriti per il Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica (ex DM 270/04) "Insegnamenti a scelta" suggeriti per il Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica (ex DM 270/04) Settore dell'informazione Campi elettromagnetici ING- INF/02 9 1 1 LM Ingegneria Elettronica Dispositivi

Dettagli

Attenzione! il valore della Rimodulazione è superiore alla cifra di Negoziazione

Attenzione! il valore della Rimodulazione è superiore alla cifra di Negoziazione Riepilogo Dipartimento ICT Dipartimento ICT nel 2005 diretta nel terzi fondi diretta Reti in Tecnologia Wireless 434.890 79.788 712.457 94.953 578.280 351.500 94.000 Internet di prossima generazione 639.484

Dettagli

Verbale n. 2 (valutazione dei titoli e delle pubblicazioni scientifiche)

Verbale n. 2 (valutazione dei titoli e delle pubblicazioni scientifiche) Procedura di valutazione comparativa per la copertura di un posto di professore ordinario per il settore scientifico-disciplinare ING INF/05 Sistemi di Elaborazione delle Informazioni presso la Facoltà

Dettagli

Curriculum dell attività scientifica e professionale di Marina Popolizio

Curriculum dell attività scientifica e professionale di Marina Popolizio Curriculum dell attività scientifica e professionale di Marina Popolizio Titoli di Studio - Dottorato di Ricerca in Matematica conseguito presso l Università degli Studi di Bari in data 28-03-2008. Titolo

Dettagli

Pinnarelli Anna Codice Domanda: 00149 Candidatura per l inserimento nell Elenco degli esperti di cui all art. 11 d.m. 8 marzo 2006

Pinnarelli Anna Codice Domanda: 00149 Candidatura per l inserimento nell Elenco degli esperti di cui all art. 11 d.m. 8 marzo 2006 Pinnarelli Anna Codice Domanda: 00149 Candidatura per l inserimento nell Elenco degli esperti di cui all art. 11 d.m. 8 marzo 2006 Dati Anagrafici Nome: Anna Cognome: Pinnarelli Data di Nascita: 08-12-1973

Dettagli

Laurea Magistrale 2007/08 in Ingegneria Telematica (Computer and Telecommunication Networks)

Laurea Magistrale 2007/08 in Ingegneria Telematica (Computer and Telecommunication Networks) in (Computer and Telecommunication Networks) Una visione architetturale INFORMATICA TELEMATICA TELECOMUNICAZIONI ELETTRONICA INFORMAZIONE 2 Telematica è la laurea rete Internet ADSL, ISDN, TCP/IP, Skype,

Dettagli

ATTIVITÀ SCIENTIFICA Prof. ing. Leonarda CARNIMEO

ATTIVITÀ SCIENTIFICA Prof. ing. Leonarda CARNIMEO ATTIVITÀ SCIENTIFICA Prof. ing. Leonarda CARNIMEO Nella propria attività di ricerca la prof. Leonarda Carnimeo collabora con Docenti e Ricercatori appartenenti ad altre sedi universitarie in vari Programmi

Dettagli

PREREQUISITI. Identificativo ORCID. Accreditamento

PREREQUISITI. Identificativo ORCID. Accreditamento Identificativo ORCID PREREQUISITI «Tutti gli addetti proposti dalle Istituzioni per l esercizio di valutazione dovranno possedere l identificativo ORCID, che dovrà essere indicato nella procedura di accreditamento»

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Informatiche

Facoltà di Scienze e Tecnologie Informatiche Facoltà di Scienze e Tecnologie Informatiche Corso di dottorato in COMPUTER SCIENCE (Informatica) Sito web del Corso: http://www.unibz.it/en/inf/progs/phdcs/default.html Durata: 3 anni Anno accademico:

Dettagli

Didattica internazionale. al Politecnico di Milano

Didattica internazionale. al Politecnico di Milano Didattica internazionale al Politecnico di Milano Le sedi del Politecnico di Milano QS World University Rankings by Subject 2013-2014 World EU Italy Engineering & Technology 28 9 1 Computer Science & Information

Dettagli

Istituto di Scienza e Teonologie dell'informazione "Alessandro Faedo" 2003: Censimento dei sistemi di Istituto. A cura di Carlo Carlesi

Istituto di Scienza e Teonologie dell'informazione Alessandro Faedo 2003: Censimento dei sistemi di Istituto. A cura di Carlo Carlesi Istituto di Scienza e Teonologie dell'informazione "Alessandro Faedo" 2003: Censimento dei sistemi di Istituto A cura di Carlo Carlesi INDICE Introduzione 1 Istruzioni generali 2 Compilazione moduli Fase

Dettagli

La Laurea Magistrale in Informatica 2014-15

La Laurea Magistrale in Informatica 2014-15 Università degli studi di Udine La Laurea Magistrale in Informatica 2014-15 Consiglio del Corso di Studi (CCS) in Materie Informatiche Aprile 2014 E-mail: tutoratoinformatica@uniud.it Il piano di studi

Dettagli

Università Iuav di Venezia Dipartimento di Progettazione e pianificazione in ambienti complessi

Università Iuav di Venezia Dipartimento di Progettazione e pianificazione in ambienti complessi CORSI DI LAUREA TRIENNALI DISEGNO INDUSTRIALE E MULTIMEDIA PERCORSO UNICO TREVISO G04001 LABORATORIO DI DISEGNO E MODELLISTICA DRAWING AND MODELLING TECHNIQUES G04002 STORIA DEL DISEGNO INDUSTRIALE E DELLE

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/i nome/i Indirizzo/i Via Amari 9, 98122, Messina Telefono/i 090 2004767 Mobile: 333 3162396 Email Nazionalità mfazio@unime.it Italiana Data di nascita

Dettagli

1 di 5 18/10/2012 01:36

1 di 5 18/10/2012 01:36 Server: localhost Database: corsi_parole_poli Tabella: orientamento Mostra Struttura SQL Cerca Inserisci Esporta Importa Operazioni Svuota Elimina Visualizzazione record 0-158 (159 Totali, La query ha

Dettagli

DELIBERA ANVUR n. /2012. gli articoli 33, sesto comma, e 117, sesto comma, della Costituzione;

DELIBERA ANVUR n. /2012. gli articoli 33, sesto comma, e 117, sesto comma, della Costituzione; DELIBERA ANVUR n. /2012 VISTI VISTA VISTO gli articoli 33, sesto comma, e 117, sesto comma, della Costituzione; la legge 30 dicembre 2010, n. 240, recante norme in materia di organizzazione delle università,

Dettagli

Laurea magistrale in Data Science

Laurea magistrale in Data Science Laurea magistrale in Data Science Data Scientist: the sexiest job of the 21st century [Harvard Business Review 2012] Professione di analista di big data diffusa da piu' di 10 anni in startup, industrie

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Informatiche

Facoltà di Scienze e Tecnologie Informatiche Facoltà di Scienze e Tecnologie Informatiche Corso di dottorato in COMPUTER SCIENCE (Informatica) Sito web del Corso: http://www.unibz.it/en/inf/progs/phdcs/default.html Durata: 3 anni Anno accademico:

Dettagli

RELAZIONE RIASSUNTIVA

RELAZIONE RIASSUNTIVA Procedura di selezione per un posto di ruolo di Seconda Fascia da ricoprire mediante chiamata, ai sensi dell articolo 18, comma 1, della Legge 30 dicembre 2010, numero 240 - Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE A cura di MARIO PEZZILLO IACONO PROCEDURA DI SVOLGIMENTO DELL ELABORATO Scrivere la tesi rappresenta una delle prime occasioni nelle quali

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM CIRIACO CIRO PASQUALE. Luglio 2009

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM CIRIACO CIRO PASQUALE. Luglio 2009 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DI CIRIACO CIRO PASQUALE Luglio 2009 INDICE 1. DATI ANAGRAFICI, FORMAZIONE E STATO DI SERVIZIO 2. ATTIVITÀ DI RICERCA 3. ATTIVITÀ DIDATTICHE 4. PUBBLICAZIONI 5. ATTIVITÀ ORGANIZZATIVE

Dettagli

Ingegneria industriale

Ingegneria industriale Dipartimento di Industriale Corso di Laurea in Industriale Introduzione e orientamento all ingegneria meccatronica e dei materiali Docenti: Proff. M. Da Lio, D. Petri, F. De0lorian, V.M. Sglavo Aula B107

Dettagli

PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI PROFESSORE

PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI PROFESSORE PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO DI II FASCIA PRESSO L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO, FACOLTÀ DI INGEGNERIA, SETTORE SCIENTIFICO

Dettagli

Communication technologies and multimedia

Communication technologies and multimedia ELETTRONICA INFORMATICA TELECOMUNICAZIONI Corsi di laurea in: Ingegneria elettronica e delle telecomunicazioni Ingegneria informatica Corsi di laurea magistrale in: Ingegneria elettronica Ingegneria informatica

Dettagli

Applicazioni in ambito biomedico e socio-sanitario di problemi inversi di grande complessità. Prof. Luca Zanni

Applicazioni in ambito biomedico e socio-sanitario di problemi inversi di grande complessità. Prof. Luca Zanni Applicazioni in ambito biomedico e socio-sanitario di problemi inversi di grande complessità Prof. Luca Zanni APPLICAZIONI IN AMBITO BIOMEDICO E SOCIO-SANITARIO DI PROBLEMI INVERSI DI GRANDECOMPLESSITÀ

Dettagli

414.132.3 Ordinanza sulla formazione che porta al bachelor e al master presso il Politecnico federale di Losanna

414.132.3 Ordinanza sulla formazione che porta al bachelor e al master presso il Politecnico federale di Losanna Ordinanza sulla formazione che porta al bachelor e al master presso il Politecnico federale di Losanna (Ordinanza sulla formazione al PFL) del 14 giugno 2004 (Stato 1 settembre 2011) La Direzione del Politecnico

Dettagli

Area 14. SSD Unite = 10 N Docenti UniTe = 23 N prodotti conferiti = 64 su 66 attesi Segmento dimensionale medio Peso area nella struttura = 10%

Area 14. SSD Unite = 10 N Docenti UniTe = 23 N prodotti conferiti = 64 su 66 attesi Segmento dimensionale medio Peso area nella struttura = 10% Presentazione Area N SSD = 14 N Ricercatori complessivi = 1.633 Prodotti attesi = 4.494 N Università = 79 e CNR Segmenti dimensionali 1. piccole fino a 49 prodotti conferiti (48 Atenei) 2. medie da 50

Dettagli

- Prof. Roberto Battiti Ordinario di Informatica presso l Università di Trento;

- Prof. Roberto Battiti Ordinario di Informatica presso l Università di Trento; VERBALE DELLA SECONDA SEDUTA TENUTA DALLA COMMISSIONE GIUDICATRICE PER IL RECLUTAMENTO DI PROFESSORI ASSOCIATI MEDIANTE CHIAMATA DI CUI ALL'ART. 18 comma 1 e art. 24 comma 6, legge 240/10 PER IL SETTORE

Dettagli

Valutazione della Qualità della Ricerca 2004-2010 (VQR 2004-2010)

Valutazione della Qualità della Ricerca 2004-2010 (VQR 2004-2010) Valutazione della Qualità della Ricerca 2004-2010 (VQR 2004-2010) GEV01 Frequently Asked Questions (FAQ) 23 Marzo 2012 Indice delle FAQ 1 - Come si decide quale GEV e quale sub-gev esamineranno un dato

Dettagli

Esiti dei Premi di Laurea AICA-Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 2010

Esiti dei Premi di Laurea AICA-Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 2010 Esiti dei Premi di Laurea AICA-Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 21 All edizione 21 del bando per l assegnazione dei premi di laurea AICA-Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, di

Dettagli

CODICE A.A. 2015/16 SCIENZE ECONOMICHE LM-56 ECONOMICS 8408 ECONOMICS 8408 ECONOMICS 8408

CODICE A.A. 2015/16 SCIENZE ECONOMICHE LM-56 ECONOMICS 8408 ECONOMICS 8408 ECONOMICS 8408 AGRARIA E MEDICINA VETERINARIA AGRARIE CLASSE DENOMINAZIONE LM-69 AZIENDALI L-18 STATISTICHE "PAOLO FORTUNATI" STATISTICHE "PAOLO FORTUNATI" HORTICULTURAL SCIENCE / ORTRUTTICOLTURA BUSINESS ECONOMICS /

Dettagli

Allegato 3 (Scheda Offerta economica )

Allegato 3 (Scheda Offerta economica ) OGGETTO: SERVIZIO DI ACQUISIZIONE E GESTIONE DI ABBONAMENTI ELETTRONICI E CARTACEI A PERIODICI ITALIANI ED ESTERI, PER IL TRIENNIO 2014-2016 PER CONTO DELL ISTITUTO NAZIONALE DI RICERCA METROLOGICA DI

Dettagli

SC D2 Information Technology and Telecommunication. General session e SC meeting 2012

SC D2 Information Technology and Telecommunication. General session e SC meeting 2012 Information Technology and CIGRE Comitato Nazionale Italiano Riunione del 29 Ottobre 2012 General session e SC meeting 2012 Chairman Carlos Samitier(ES) Segretario Maurizio Monti(FR) Membership 24 membri

Dettagli

PROFILO DI GRUPPO 2015

PROFILO DI GRUPPO 2015 PROFILO DI GRUPPO 2015 IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. 8% del mercato italiano circa 7.400 DIPENDENTI oltre 1.000 large accounts su tutti i mercati System Integration & Application Maintenance

Dettagli

CARRIERA ACCADEMICA ATTIVITÀ DIDATTICA

CARRIERA ACCADEMICA ATTIVITÀ DIDATTICA Maurizio Sasso è nato a Napoli nel 1960. Si è laureato con lode in Ingegneria Meccanica all'università degli Studi di Napoli "Federico II" nel 1986. È abilitato alla professione di ingegnere dal 1986.

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 1. Informazioni generali Corso di Dottorato Il corso è: Rinnovo di corso attivo nel 14/15 Denominazione a.a. 2014/2015 Cambio Titolatura? INFORMATICA

Dettagli

Candidato Domenico Cotroneo

Candidato Domenico Cotroneo VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI N.1 POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE SCIENTIFICO-DISCIPLINARE ING-INF/05 DELLA FACOLTA' DI INGEGNERIA DELL'UNIVERSITA'

Dettagli

Gambini Marco Codice Domanda: 00172 Candidatura per l inserimento nell Elenco degli esperti di cui all art. 11 d.m. 8 marzo 2006

Gambini Marco Codice Domanda: 00172 Candidatura per l inserimento nell Elenco degli esperti di cui all art. 11 d.m. 8 marzo 2006 Gambini Marco Codice Domanda: 00172 Candidatura per l inserimento nell Elenco degli esperti di cui all art. 11 d.m. 8 marzo 2006 Dati Anagrafici Nome: Marco Cognome: Gambini Data di Nascita: 10-10-1959

Dettagli

Antonio Meucci (1808-1889). Father of the telephone. Guglielmo Marconi (1874-1937). Opening the wireless era.

Antonio Meucci (1808-1889). Father of the telephone. Guglielmo Marconi (1874-1937). Opening the wireless era. Computing before Computers Telecommunication pioneers Conceptual foundations Modelling the brain Galileo Galilei (1564-1642). Antonio Meucci (1808-1889). Giuseppe Peano (1858-1932). Camillo Golgi (1843-1926).

Dettagli

1/2. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale Settore concorsuale 09/D3 Impianti e Processi Chimici Codice Selezione PA2014/21 SSD ING-IND/27

1/2. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale Settore concorsuale 09/D3 Impianti e Processi Chimici Codice Selezione PA2014/21 SSD ING-IND/27 Verbale della procedura comparativa ai sensi del Regolamento di Ateneo per la disciplina della chiamata dei professori di prima e seconda fascia in attuazione degli articoli 18 e 24 della legge 240/2010.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Marco Cognome. Gambini Indirizzo. Via del Politecnico, 1 Ingegneria Industriale Città

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Marco Cognome. Gambini Indirizzo. Via del Politecnico, 1 Ingegneria Industriale Città CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Marco Cognome Gambini Indirizzo Via del Politecnico, 1 Ingegneria Industriale Città Roma CAP 00133 Paese ITALIA Telefono (fisso) 06-72597214 Cellulare 339-4908297

Dettagli

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali del 2 settembre 2005 (Stato 1 febbraio 2011) Il Dipartimento federale dell economia,

Dettagli

La selezione del campione per la verifica sperimentale dei Dottorati del XXIX Ciclo

La selezione del campione per la verifica sperimentale dei Dottorati del XXIX Ciclo Documento del 14/11/2013 La selezione del campione per la verifica sperimentale dei Dottorati del XXIX Ciclo Le Linee Guida ANVUR per l avvio dei corsi di dottorato del XXIX ciclo (cfr. http://www.anvur.org/attachments/article/455/linee%20guida_anvur_dottorato.pdf)

Dettagli

Elettronica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-8 - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE

Elettronica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-8 - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE Elettronica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) PER SINGOLI INDIRIZZI O CURRICULA CONSULTARE L INDIRIZZO INTERNET DELLE SINGOLE UNIVERSITA CLASSE DELLE LAUREE L-8 - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE

Dettagli

Punto della Situazione. Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano e-mail: cazzola@dico.unimi.it

Punto della Situazione. Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano e-mail: cazzola@dico.unimi.it Punto della Situazione Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di e-mail: cazzola@dico.unimi.it Slide 1 of 8 EOS-DUE: Informazioni Generali. L (responsabile), Lorenzo Capra e

Dettagli

Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale "G.

Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale G. CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM FRANCO FRATTOLILLO Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale "G. Rummo" di Benevento, con votazione 60/60.

Dettagli

COME RECUPERARE IMPACT FACTOR E ALTRI INDICATORI BIBLIOMETRICI PER LA VALUTAZIONE DEI PERIODICI

COME RECUPERARE IMPACT FACTOR E ALTRI INDICATORI BIBLIOMETRICI PER LA VALUTAZIONE DEI PERIODICI 2013 Sistema Bibliotecario di Ateneo Polo di Scienze Sociali A cura di Micaela De Col COME RECUPERARE IMPACT FACTOR E ALTRI INDICATORI BIBLIOMETRICI PER LA VALUTAZIONE DEI PERIODICI IMPACT FACTOR E ALTRI

Dettagli

GIANFRANCO CARBONATO. Presidente Confindustria Piemonte. Torino, 16 giugno 2014

GIANFRANCO CARBONATO. Presidente Confindustria Piemonte. Torino, 16 giugno 2014 GIANFRANCO CARBONATO Presidente Confindustria Piemonte Torino, 16 giugno 2014 IL PIEMONTE E LA SUA INDUSTRIA La manifattura Dati 2013 23,8% nel 2007 Fonte dati: Centro Studi Confindustria Piemonte Il Piemonte

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica)

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea Magistrale in Informatica CLASSE LM18 (Informatica) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Obiettivi formativi specifici Classe LM 33 Ingegneria Meccanica Ordine degli Studi 2014/2015 Anni attivati I e II Nell ambito

Dettagli

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali del 2 settembre 2005 (Stato 1 maggio 2009) Il Dipartimento federale dell economia,

Dettagli

Informatica @ Ca Foscari. www.facebook.com/informaticafoscari

Informatica @ Ca Foscari. www.facebook.com/informaticafoscari Informatica @ Ca Foscari www.facebook.com/informaticafoscari Sommario Perché studiare Informatica, e perché a Ca Foscari? L offerta didattica Corso di Laurea in Informatica Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

Il Programma di Innovazione di Trento RISE core partner di EIT ICT Labs

Il Programma di Innovazione di Trento RISE core partner di EIT ICT Labs Il Programma di Innovazione di Trento RISE core partner di EIT ICT Labs Paolo Traverso: CEO Trento RISE Andrea Grianti: Business and Innovation Director Trento RISE L ICT è un settore in permanente trasformazione

Dettagli

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali del 2 settembre 2005 (Stato 4 ottobre 2005) Il Dipartimento federale dell economia,

Dettagli

Linee guida per Selezione prodotti Campagna VQR 2011-2014

Linee guida per Selezione prodotti Campagna VQR 2011-2014 Linee guida per Selezione prodotti Campagna VQR 2011-2014 Revisioni documento Versione Data 01.01 15/01/2016 Sommario 1. Inserimento scheda bibliografica di un nuovo prodotto... 3 1.1 Come recuperare il

Dettagli

La produzione scientifica nelle università italiane Regione Basilicata

La produzione scientifica nelle università italiane Regione Basilicata PON GOVERNANCE E ASSISTENZA TECNICA 2007-2013 PROGETTO SUPPORTO ALLA DEFINIZIONE ED ATTUAZIONE DELLE POLITICHE REGIONALI DI RICERCA E INNOVAZIONE (SMART SPECIALISATION STRATEGY REGIONALI) La produzione

Dettagli

Curriculum Vitae di Andrea Ribichini

Curriculum Vitae di Andrea Ribichini Dati Anagrafici Nome: Andrea Cognome: Ribichini Data e luogo di nascita: 14/01/1973, Roma Cittadinanza: italiana Titoli di Studio Conseguiti 29/02/2008 Titolo di Dottore di Ricerca in Ingegneria Informatica

Dettagli

APPENDICE 1: DOCUMENTI SUI CRITERI DI VALUTAZIONE DELL AREA 08 APPENDICE 2: DOCUMENTI SUI CRITERI DI VALUTAZIONE DELL AREA 08 APPENDICE 3: IL

APPENDICE 1: DOCUMENTI SUI CRITERI DI VALUTAZIONE DELL AREA 08 APPENDICE 2: DOCUMENTI SUI CRITERI DI VALUTAZIONE DELL AREA 08 APPENDICE 3: IL APPENDICE 1: DOCUMENTI SUI CRITERI DI VALUTAZIONE DELL AREA 08 APPENDICE 2: DOCUMENTI SUI CRITERI DI VALUTAZIONE DELL AREA 08 APPENDICE 3: IL CONFRONTO TRA LA VALUTAZIONE PEER E LA VALUTAZIONE BIBLIOMETRICA

Dettagli

Fabio Raciti. Curriculum vitae et studiorum

Fabio Raciti. Curriculum vitae et studiorum Fabio Raciti. Curriculum vitae et studiorum Indice 1. Campi di ricerca 2 2. Titoli di studio, corsi di perfezionamento, borse di studio e posizione professionale 2 3. Attività didattica 3 4. Attività di

Dettagli

Curriculum di Jeremy James SPROSTON

Curriculum di Jeremy James SPROSTON Studi Curriculum di Jeremy James SPROSTON 1996-2001: PhD in Computer Science, School of Computer Science dell Università di Birmingham, Regno Unito, con tesi: Model Checking of Probabilistic Timed and

Dettagli

Laboratorio di Internet I Presentazione Gruppo Reti

Laboratorio di Internet I Presentazione Gruppo Reti Università di Roma Sapienza Sede di Latina 24 Aprile 2014 Laboratorio di Internet I Presentazione Gruppo Reti Luca Chiaraviglio Ingegneria dell Informazione Gruppo Reti @ Sapienza Università di Roma Sapienza

Dettagli

EOGHAN CASEY DARIO FORTE

EOGHAN CASEY DARIO FORTE LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA EOGHAN CASEY DARIO FORTE NETWORK INVESTIGATIONS ROMA 18-20 DICEMBRE 2006 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it

Dettagli

Energy Conservation through Energy Storage

Energy Conservation through Energy Storage IEA Implementing Agreement Energy Conservation through Energy Storage Mario Conte, ENEA Giornata Nazionale IEA IA Ricerca Energetica e Innovazione in Edilizia ENEA, Roma, 27 febbraio 2015 Breve storia

Dettagli

G I A N L U C A C A S S E S E

G I A N L U C A C A S S E S E G I A N L U C A C A S S E S E DIPARTIMENTO DI STATISTICA Università Milano Bicocca U7-2081, via Bicocca degli Arcimboldi, 8, 20126 Milano - Italy DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI GENERALI: Luogo e data di

Dettagli