2. PROPRIETÀ E TRASFORMAZIONI DELL ARIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. PROPRIETÀ E TRASFORMAZIONI DELL ARIA"

Transcript

1 2. PROPRIETÀ E TRASFORMAZIONI DELL ARIA UMIDA 2.1. Ari Atmosferic L'ri tmosferic é costituit d un insieme di componenti gssosi (N 2, O 2, Ar, CO 2, Ne, He, ) e d ltre sostnze che possono presentrsi in fse di eriforme (fumi) o come prticolto solido in sospensione (polveri, polluzioni,...). Per motivi di opportunità, vist l estrem vribilità delle condizioni e dei componenti, lo studio delle trsformzioni termodinmiche cui sottoporre l ri tmosferic necessit di lcune semplificzioni che consentono poi di definire modelli termodinmici di prtic utilizzzione. Si definisce come ri secc: l'ri tmosferic un volt che sino stti rimossi tutti i contminnti ed eliminto il vpor d'cqu. Per ri umid si intende un miscel costituit d ri secc e vpor d cqu Composizione dell ri secc L ri secc risult, quindi, un miscel di gs l cui composizione é reltivmente costnte in zone perte, lontno d possibili sorgenti di contminnti come le città, gli scrichi civili, utomobilistici ed industrili. In Hrrison (1965) sono riportti i costituenti ordinri dell'ri secc e l su composizione ottenut sull bse dei risultti di nlisi chimiche effettute in tempi e luoghi diversi del nostro pinet. In prticolre, per qunto rigurd il contenuto di ossigeno ed nidride crbonic, si ssume che l loro somm bbi vlore costnte e pri l % del volume dell miscel di gs. Il vlore del contenuto di nidride crbonic riportto in Tbell 2-1 rppresent il vlor medio misurto in tmosfer liber per ltitudini comprese tr 1 e 6 km in modo d ottenere vrizioni giornliere e nnuli trscurbili rispetto quelle riscontrbili nelle zone più vicine ll superficie terrestre. Inftti, il vlore medio così ottenuto risult essere più stbile nel tempo del corrispondente vlore ottenuto nelle vicinnze dell superficie terrestre, in qunto il contenuto di nidride crbonic negli strti più bssi viene dipendere fortemente dllo stto dell vegetzione, dl vento e dll distnz del luogo di rilevzione d città e mri. Il vlore dottto d Hrrison per il contenuto di nidride crbonic é pri e risult essere in buon ccordo con le rilevzioni sperimentli pubblicte d Keeling (1960) e Bischof (1962), queste ultime ottenute con erei in volo d un quot vribile tr 1 e 6 km. In ccordo con l'ssunzione che l somm del contenuto di ossigeno e nidride crbonic si costnte, il contenuto di ossigeno nell ri secc risult, quindi, su volt costnte e pri : ( )= % del volume. L mss molre dell'ri secc, sull bse dell scl bst sul crbonio-12 vle mentre l corrispondente costnte del gs é pri :

2 -1 R = / = J (kg K) (2.1) Tbell 2-1 Composizione stndrd dell ri secc Gs Contenuto Vribilità del Mss Molre (% vol.) contenuto Scl Crbonio 12 Azoto (N2) Ossigeno (O2) Argon (Ar) Anid. Crb. (CO2) significtiv Neon (Ne) Elio (He) Krypton (Kr) Xenon (Xe) Idrogeno (H2) non precist Metno (CH4) significtiv Ossido Azoto (N2O) Ozono (O3) estte significtiv inverno significtiv Anid. Solf. (SO2) significtiv Bioss. Azoto (NO2) significtiv Ammonic (NH3) 0 trcce significtiv Ossido Crb. (CO) 0 trcce significtiv Iodio (I2) significtiv Rdio (Rn) non precist * * Il Rdio é un elemento rdiottivo. Sono noti più isotopi con un mss molre vribile Vribilità del contenuto di nidride crbonic nell tmosfer terrestre L'nidride crbonic risult essere per gli esseri viventi, dl punto di vist fisiologico, uno dei componenti più importnti dell'ri inspirt. Gli scmbi respirtori dei gs vvengono ttrverso l'epitelio dell'lveolo polmonre e l'endotelio dei cpillri snguigni proprio cus dell differenz di tensione tr il gs presente nel sngue e quello contenuto nell'ri lveolre. In prticolre, l tensione dell'nidride crbonic presente nel sngue venoso deve risultre superiore ll tensione di CO 2 nell'ri lveolre (il contrrio ccde in corrispondenz delle cellule dei tessuti). Per questo motivo l percentule di nidride crbonic presente nell'ri espirt (vlore indictivo del 4%) risult essere notevolmente superiore ll corrispondente percentule di nidride crbonic contenut nell'ri inspirt. Inoltre, l'nidride crbonic non risult nociv, per l slute umn, fino d un contenuto mssimo del 3% (vlore mssimo di progetto mmesso per i rifugi ntitomici), vlore l di sopr del qule il respiro cominci diventre necessrimente più profondo. Se il vlore oltrepss il 6% si verific l perdit di coscienz e, quindi, l morte. Sebbene il vlore rilevto livello del mre del contenuto di nidride crbonic presenti vrizioni rilevnti in funzione dell loclità e delle condizioni metereologiche, il corrispondente vlore riferito ll'tmosfer può essere

3 considerto pressoché costnte o, comunque, tle d presentre vrizioni trscurbili. Numerosi studi rivelno che il contenuto di nidride crbonic nell'ri livello del mre risult vere un tendenz positiv nell'ultimo secolo (Keeling (1960), Bischof (1962)). Incremento che é probbilmente dovuto ll combinzione di più concuse, tr le quli: ) l umento dell quntità di combustibili fossili usti per trsformzioni energetiche (combustione); b) l deforestzione, dovut si cuse nturli (incendi) che cuse legte ll'incremento demogrfico ed industrile (piogge cide, coltivzione delle terre,...); c) l diminuzione del contenuto di nidride crbonic nei terreni nch ess legt i motivi sopr citti; d) l diminuzione del contenuto di nidride crbonic negli oceni cus dell'umento di tempertur dell intero pinet. D rilevzioni sperimentli effettute nelle zone temperte dell'emisfero nord si evince che il contenuto di nidride crbonic livello del mre subisce vrizioni nnuli dipendenti dllo stto dell vegetzione (Feeling, 1960). In prticolre, il vlore minimo si verific in corrispondenz dell stgione estiv, il vlore mssimo durnte l stgione invernle. L concentrzione di nidride crbonic, come evidenzito in precedenz, ument nel contesto urbno, rggiungendo vlori mssimi in presenz di condizioni metereologiche di lt pressione e di un'ttività industrile elevt. In ogni cso l vrizione del contenuto di nidride crbonic incide in mnier trscurbile sull costnte dell ri secc R s% % CO2 Figur Vrizione percentule dell costnte dell ri l vrire del contenuto di nidride crbonic

4 A tl fine, in Figur 2-1 viene riportt l vrizione percentule del vlore di R vlutt con l composizione convenzionle di Hrrison e quell clcolt con composizioni diverse l vrire del contenuto di nidride crbonic, mntenendo in ogni cso costnte l somm del contenuto di ossigeno e biossido di crbonio. Dll Figur 2-1 si not che solmente se il contenuto di nidride crbonic risult bbstnz elevto (3%), l errore che si commette nel clcolo dell costnte R dell ri divent pprezzbile (1.2%) Vribilità del contenuto di vpor d'cqu nell tmosfer terrestre L condizione di benessere termoigrometrico viene definit come quello stto psicofisico in cui un soggetto esprime soddisfzione nei rigurdi del microclim (condizione in cui il soggetto non h senszione di cldo né di freddo). Tle condizione, compless d individure dl punto di vist nlitico, dipende principlmente dlle seguenti vribili: l'bbiglimento e l'ttività fisic del soggetto; l tempertur dell pelle e l potenz termic dispers per sudorzione (vribili fisiologiche); l velocità, l tempertur, l umidità dell'ri e l tempertur medi rdinte (vribili mbientli). In prticolre, l'umidità dell'ri e, quindi, il suo contenuto di vpor d'cqu, riveste un notevole importnz per il rggiungimento dell condizione di benessere termoigrometrico, in qunto condizion fortemente l cpcità trspirtiv dell individuo. Di norm, il contenuto di vpor d'cqu può vrire d % fino l 4-5% del volume totle dell ri tmosferic. I vlori minimi sono stti riscontrti in corrispondenz di quote considerevoli o l di sopr dell clott ntrtic, generlmente in condizioni di temperture molto bsse ssocite flussi di ri discendenti dgli strti più lti dell'tmosfer. Al contrrio, i vlori mssimi sono stti occsionlmente riscontrti nelle regioni subtropicli ed equtorili durnte l stgione cld in giornte fose presso loclità che presentno nelle vicinnze bcini d'cqu esposti ll rdizione solre che dnno luogo forte evporzione. Nelle zone temperte, comunque, il vlor medio del contenuto di vpor d'cqu livello del mre vri tr 1.0 e 1.5% del volume totle, nche se risult essere fortemente dipendente dlle condizioni metereologiche. Inftti, le msse di ri provenienti dlle zone cldo-umide trsportno elevti contenuti di vpor d'cqu verso le ltre zone, mentre le msse di ri secc provenienti dlle regioni fredde d elevt ltitudine presentno ridotti contenuti di vpor d'cqu. In definitiv, l concentrzione del vpor d'cqu é funzione del tipo di ri in movimento sull specific loclità in esme

5 2.3. Leggi dell termodinmic Il modello di miscel di gs idele. Negli usuli problemi di trttmento termoigrometrico, l'ri umid é considert costituit d due componenti gssosi indipendenti (ri secc e vpor d'cqu) per i quli é possibile pplicre il modello di gs idele. In tle ipotesi, per i due componenti risultno vlide le seguenti equzioni di stto: Ari secc Vpor d'cqu p V = n RT p V = n RT (2.2) dove p rppresent l pressione przile dell ri secc, p l pressione przile del vpor d cqu, V il volume totle dell miscel, n il numero di moli di ri secc, n il numero di moli di vpor d cqu, R l costnte universle dei gs J mol K e T l tempertur termodinmic dell miscel. ( ) Legge di Dlton L pressione totle P dell miscel di ri umid è l somm delle pressioni przili dei singoli componenti e dove si definisce pressione przile di un componente generico in un miscel l pressione che il singolo componente eserciterebbe se occupsse l intero volume occupto dll miscel. Pertnto nel cso dell miscel ri umid si h: p = p + p n= n + n (2.3) dove p é l pressione totle dell miscel ed n rppresent il numero totle di moli presenti nell miscel. In tl cso, nche per l miscel di gs ideli risult vlid l seguente equzione costitutiv: ( ) ( ) p + p V = n + n RT (2.4) ovvero pv = nrt (2.5) Le frzioni molri dell ri secc e del vpor d cqu, utilizzndo le equzioni di gs ideli e l Legge di Dlton, si modificno come: ri secc vpor d'cqu x x n p p = = = n p p + p n p p = = = n p p + p (2.6)

6 Nel cso, quindi, di pplicbilità del modello di gs idele, l frzione molre del singolo componente costituente l miscel può essere vlutt come rpporto tr l pressione przile del componente e l pressione totle dell miscel Le proprietà termodinmiche dell'ri umid L quntità di vpor d'cqu nell'ri umid vri d un vlore nullo (ri secc) d un vlore mssimo che dipende dll tempertur e dll pressione e che viene indicto come vlore di sturzione. Gli stti termodinmici reltivi lle condizioni di mssimo per ciscun vlore di p e T si riferiscono lle condizioni di sturzione, ovvero gli stti di equilibrio neutro tr l'ri umid ed il vpor d'cqu condensto (liquido o solido). Le condizioni di sturzione dell'ri umid si verificno pertnto qundo dett ri può coesistere in equilibrio con cqu llo stto liquido e ne si seprt d un superficie pin (Hrrison, 1965). L mss molre dell'cqu, sull bse dell scl del crbonio-12, vle mentre l corrispondente costnte del gs é pri : J R = = (2.7) kg K Gli innumerevoli stti termodinmici dell'ri umid, considert come un miscel due componenti di ri secc e vpor d cqu, sono individuti medinte l conoscenz di tre proprietà intensive indipendenti, oppure di tre proprietà estensive e dell mss totle. Nel seguito verrnno definite le principli proprietà dell'ri umid che come detto possono essere utilizzte per individurne i singoli stti e le trsformzioni termodinmiche che si possono effetture Tempertur di bulbo sciutto (t) Rppresent l tempertur dell'ri umid (indict con t ed espress in grdi Celsius) misurt con un termometro dotto di un sistem di schermtur che riduc l'influenz degli scmbi rditivi e fvorisc gli scmbi termici convettivi tr fluido e sensore Titolo () E' definito come il rpporto tr l mss di vpor d'cqu secc m : m m e l mss di ri = (2.8) m dove m rppresent l mss di vpor d'cqu e m l mss di ri secc. Il titolo é, inoltre, ugule l rpporto delle frzioni molri x/ x moltiplicto per il rpporto delle msse molecolri dei due componenti:

7 x x = x = x (2.9) In prticolre, si definisce il titolo in condizioni di sturzione = ( p, t) come il titolo di un miscel di ri umid nell qule il vpor d cqu si trovi in condizioni di sturzione ll tempertur t e pressione p dell miscel. Tle titolo si può riferire indifferentemente condizioni di sturzione riferite trsformzioni gs-liquido e gs-solido. Dll (2.9) è immedito ricvre tle grndezz come: s s s = xs xs x = x (2.10) dove s è l frzione molre del vpor d cqu in condizioni di sturzione Umidità specific (q) E' il rpporto dell mss del vpor d'cqu miscel: m rispetto ll mss totle dell m q = m + m Sostituendo l (2.8) nell (2.11), si ottiene: (2.11) q = (2.12) Umidità ssolut (mss volumic del vpor d'cqu d) Rppresent il rpporto dell mss del vpor d'cqu rispetto l volume totle dell miscel: m d = (2.13) V Mss volumic (ρ) E' il rpporto tr l mss totle ed il volume totle dell miscel: ( m + m ) ( 1+ ) = = (2.14) ρ V v dove v rppresent il volume specifico dell miscel espresso in m 3 /kg ri secc

8 Grdo di sturzione (µ) E' il rpporto tr il titolo dell miscel ed il titolo di sturzione dell'ri nelle stesse condizioni di tempertur e pressione: µ = (2.15) s t, p Umidità reltiv (φ) Rppresent il rpporto tr l frzione molre del vpor d'cqu contenuto nell miscel di ri umid e l frzione molre del vpor d'cqu contenuto in un miscel di ri umid sturt ll stess pressione e tempertur: x φ = (2.16) xs t, p Si noti che, combinndo opportunmente le equzioni (2.9), (2.10), (2.15) e (2.16) è possibile ottenere un relzione tr il grdo di sturzione e l umidità reltiv. Inftti, l (2.9) e l (2.10) si modificno nelle: x x = = x 1 s ( x ) xs x = = x 1 s ( x ) Sostituendo le equzioni (2.17) e (2.18) nell (2.15), si ottiene: s (2.17) (2.18) µ x 1 xs = xs 1 x t, p t, p (2.19) e, tenendo conto dell (2.16): 1 xs µ = φ 1 x t, p (2.20) Infine, ricvndo le frzioni molri dll (2.17) e (2.18) e si ottiene: φ µ = (2.21) / ( φ ) s

9 Tempertur di rugid (t d ) E' l tempertur di un miscel di ri umid che h rggiunto le condizioni di sturzione in seguito d un rffreddmento pressione e titolo costnti. Ess é t p,, φ dell'equzione: definit come soluzione ( ) d s (,, ) p t φ = (2.22) s d s dove φ s =100%. Le condizioni per il vpor d'cqu sono, quindi, di incipiente condenszione Energi intern dell ri umid L energi intern dell ri umid può essere ottenut dll seguente equzione: U = U + U = mu + mu (2.23) dove U e U sono le energie interne dell cqu e dell ri secc, u e u i corrispondenti vlori specifici Entlpi dell ri umid L entlpi dell ri umid può essere ottenut dll seguente equzione: H = H + H = mh + mh (2.24) dove H e H sono le entlpie dell cqu e dell ri secc, h e h i corrispondenti vlori specifici Entropi dell ri umid L entropi dell ri umid può essere ottenut dll seguente equzione: S = S + S = ms + ms (2.25) dove S e S rppresentno i vlori dell entropi dell cqu e dell ri secc, s e s i corrispondenti vlori specifici Exergi fisic dell ri umid L exergi dell ri umid può essere ottenut dll seguente equzione: Ex = Ex + Ex = mex + mex (2.26) dove Ex e Ex rppresentno i vlori dell exergi fisic dell cqu e dell ri secc, ex e ex i corrispondenti vlori specifici. Dll definizione di exergi fisic si h che: ( ) ( ) ex = h h T s s (2.27)

10 dove h 0, s 0 e T 0 sono rispettivmente l entlpi specific, l entropi specific e l tempertur dell cqu nelle condizioni ssunte come riferimento (stto morto). Inoltre, risult che: ( ) ( ) ex = h h T s s (2.28) dove h 0, s 0 e T 0 sono rispettivmente l entlpi specific, l entropi specific e l tempertur dell ri secc nelle condizioni ssunte come riferimento (stto morto). Le corrispondenti grndezze specifiche (u, h, s, v, ex) dell ri umid verrnno nel seguito riferite unicmente ll unità di mss di ri secc. Tle ssunzione è generlmente dottt, si perché il contenuto di vpor d cqu è trscurbile rispetto l contenuto di ri secc, si per il ftto che nelle trsformzioni che generlmente subisce l ri umid nelle unità di trttmento degli impinti di condizionmento, il contenuto di ri secc può con buon pprossimzione essere considerto costnte Tempertur termodinmic di bulbo umido L tempertur termodinmic di bulbo umido (tempertur di sturzione dibtic), t *, rppresent l tempertur ll qule dell'cqu (liquid o solid), evporndo in ri umid d un'ssegnt tempertur di bulbo sciutto t e titolo, port dibticmente l'ri in condizioni di sturzione ll stess tempertur t * pressione costnte. Quest grndezz risult funzione delle condizioni termodinmiche dell ri umid ed è, quindi, un proprietà termodinmic dell ri umid. Inftti, dl momento che l umidità reltiv non è un grndezz direttmente misurbile e l misur dirett del titolo è piuttosto delict, risult più gevole ricorrere d un processo di sturzione dibtic per vlutre con un misur indirett il contenuto di umidità dell ri (trmite l misur di due temperture, l tempertur di bulbo sciutto e quell termodinmic di bulbo umido) piuttosto che effetture un misur lborios (con strumentzione di costi elevti) come quell dell tempertur di rugid. Superficie di controllo Ari umid 1 2 Ari umid Acqu liquid Figur 2-2 Sturtore dibtico su cqu liquid. L

11 Il processo di sturzione dibtic di un flusso di ri umid su cqu liquid è schemtizzto in Figur 2-2. Un portt d'ri umid, entrnte con un titolo 1 incognito, lmbisce, in regime stzionrio ed pressione costnte, cqu liquid contenut in un cnle dibtico. A cus del processo di evporzione dll superficie del liquido, l'umidità dell corrente d'ri v vi vi umentndo e l su tempertur diminuendo fino rggiungere, se si suppone che il cnle si sufficientemente lungo, in uscit le condizioni di sturzione. Si noti che il reintegro dell'cqu evport, vviene dll'esterno trmite un portt d'cqu in fse liquid l cui tempertur si ipotizz ugule quell dell portt d'ri umid stur uscente dl sturtore. L'nlisi è sviluppt utilizzndo i bilnci di mss e di energi per l superficie di controllo riportt in Figur 2-2. Bilncio di mss per l'ri secc m = m = m 1 2 Bilncio di mss per l'cqu m + m L = m 1 2 (2.29) dove m L rppresent l portt mssic dell cqu di reintegro. Dll eq.(i.3), l second delle (2.29) si modific nell: L ( ) m = m (2.30) 2 1 L (2.29) evidenzi che l portt mssic dell'ri secc è costnte e (2.30) che 1 portt mssic di vpore uscente è pri ll somm di quell entrnte e dell portt di cqu liquid di reintegro; si noti che quest'ultim, per l ipotizzt condizione di regime stzionrio è egule ll portt d'cqu che complessivmente evpor per cui il livello dell'cqu ll'interno del sturtore si mntiene costnte. Il bilncio di energi dell ri umid, essendo l'entlpi specific riferit ll mss dell sol ri secc (viste le considerzioni riportte in precedenz) è espresso dll seguente equzione: Bilncio di energi mh + mh L L = mh (2.31) Dll (2.30), l (2.31) si modific come: ( ) / L 1 2 = h h h (2.32) L'esme dell (2.32) rivel che l'umidità' specific nello stto d'ingresso può essere clcolt dll misur delle sole temperture in ingresso ed in uscit; inftti: (,, ) (,, ) = f p T φ (2.33) h = f p T φ (2.34)

12 (,, ) (, ) h = f p T (2.35) h = f p T (2.36) L Dll conoscenz di p (pressione ll qule vviene il processo suppost not), φ 2 =100%, t l e t 2 =t * (vlori ottenibili d misure) è possibile ricvre trmite le relzioni (2.33)-(2.36) e dll equzione (2.32) il titolo e, quindi, lo stto termodinmico dell ri in ingresso. L tempertur di uscit dl sturtore dibtico, dett tempertur di sturzione dibtic, è un proprietà termodinmic dell'ri umid nello stto di ingresso. Inftti, fissto lo stto 1, l (2.32) può essere vist come un'equzione nell'incognit t *. In ltri termini, ssegnto un generico stto per l'ri umid, l tempertur di uscit dl sturtore dibtico è univocmente determint. Il processo di evporzione implic, ovvimente, che t * <t 1 ed, inoltre, cusndo l'umento dell'umidità specific e, quindi, dell pressione przile del vpore, implic nche che t * >t d1 (dove t d1 è l tempertur di rugid del punto 1). Nel cso l portt di ri umid lmbisc invece che un liquido un superficie di cqu solid, il sturtore dibtico può essere schemtizzto come in Fig.I.3. L cmer di sturzione viene suppost di lunghezz infinit e perfettmente isolt termicmente. L mss di cqu che evpor è suppost trscurbile rispetto ll cqu presente e si ipotizz, inoltre, che sino nulli i grdienti di tempertur ll interno dell cqu solid. Si suppone, inoltre, che l tempertur dello strto di cqu solid lmbito dll corrente di ri, in condizioni di regime stzionrio, si pri ll tempertur dell ri umid che lsci il sturtore in condizioni di sturzione. Applicndo il bilncio di mss sull ri per il volume di controllo rppresentto in Figur 2-3, si ottiene: 1 i 2 2 m + m = m (2.37) dove m i rppresent l mss di l cqu solid che evpor nell portt di ri umid nell unità di tempo. Superficie di controllo Ari umid 1 2 Ari umid Ghiccio Figur 2-3 Sturtore dibtico su cqu solid

13 Il bilncio di energi può, invece, essere posto nell form: mh + mh = mh (2.38) 1 i i 2 Sostituendo nell (2.38) il vlore di ottenere l seguente equzione: m i ricvbile dll (2.37), è semplice ( ) = h h h (2.39) / i che risult formlmente coincidente con l (2.32). Per tle motivo è possibile estendere le considerzioni esposte per l sturzione di ri umid su cqu liquid nche l cso di sturzione su ghiccio. Dlle (2.32) e (2.39) si desume, quindi, che lo stto termodinmico di un corrente di ri umid può essere vlutto misurndo l pressione totle dell ri e due temperture: l tempertur ll ingresso (tempertur di bulbo sciutto) e ll uscit (tempertur termodinmic di bulbo umido) d un sturtore dibtico. Per qunto rigurd l pressione totle, generlmente negli impinti di condizionmento viene ssunt pri l vlore costnte di P, ritenendo trscurbile l vrizione dello stto termodinmico l vrire dell pressione brometric Clcolo delle proprietà Il clcolo delle proprietà dell ri umid può essere eseguito medinte l uso del digrmm ASHRAE (Figur 2-4), oppure medinte l uso dell equzione di stto Digrmm ASHRAE Il digrmm ASHRAE, rppresentto qulittivmente in Figur 2-4, risult essere prticolrmente indicto non solo per il clcolo delle proprietà dell ri umid, m nche per rppresentre grficmente le trsformzioni termodinmiche dell miscel stess. In prticolre, tle digrmm è relizzto ponendo sull sse delle scisse l tempertur di bulbo sciutto t, mentre sull sse delle ordinte è riportto il vlore del titolo. In Figur 2-4, inoltre, sono riportte qulittivmente le curve d umidità reltiv φ costnte (linee nere trtteggite), le curve tempertur di bulbo umido t* costnte (linee blu), le linee d entlpi costnte (linee rosse) ed, infine, le linee volume specifico ρ 1 costnte (linee blu trtto e punto). Il digrmm ASHRAE quntittivo è disponibile in lettertur e costituisce quindi uno strumento fondmentle per il clcolo delle principli proprietà dell ri umid, nonché delle vrizioni che esse subiscono seguito di un trsformzione termodinmic

14 Figur 2-4 Rppresentzione qulittiv del digrmm ASHRAE Clcolo delle proprietà ttrverso l equzione di stto Per il clcolo delle proprietà dell ri umid medinte l equzione di stto sono disponibili in lettertur diverse correlzioni, tr le quli di seguito sono riportte lcune delle più utilizzte. Reltivmente ll determinzione dell pressione del vpore sturo in funzione dell tempertur ps = ps ( T), Hylnd e Wexler (1983) forniscono l relzione g ln ( ps ) = + g0 + gt 1 + g2t + g3t + g4ln ( T) (2.40) T vlid per l determinzione di ps ( T ) su film liquido nell intervllo di tempertur C. Gli stessi utori forniscono l relzione m ln ( ps ) = + m1+ m2t + mt 3 + m4t + mt 5 + m6ln ( T) (2.41) T vlid per l determinzione di ps ( T ) su film di ghiccio nell intervllo di tempertur C. Per il clcolo del fttore di correzione f = f ( p, T), ncor Hylnd e Wexler forniscono l seguente relzione:

15 2 (, ) α β γ f pt = + p+ T (2.42) I vlori delle costnti che compiono nelle (2.40)-(2.41) sono riportti Tbell 2-2. Si teng presente, infine, che nelle suddette relzioni l tempertur è espress in K e l pressione in P. Tbell 2-2 Vlori delle costnti utilizzte nelle relzioni (2.40)-(2.41) proposte d Hylnd e Wexler. g ,2206 m ,5359 α 1,00062 g 0 1, m 1 6, β 3,14E-08 g 1-0, m 2-9, E-03 γ 5,60E-07 g 2 4, E-05 m 3 6, E-07 g 3-1, E-08 m 4 2, E-09 g 4 6, m 5-9, E-13 m 6 4, Per il clcolo dell tempertur di rugid dll pressione przile del vpore Peppers (1988) propone l relzione 2 3 C ( ) ( ) ( ) ( ) 19 Tr = C14 + C15 ln p + C16 ln p + C17 ln p + C18 p (2.43) vlid nel cmpo di tempertur 0 93 C. Lo stesso utore propone l ( ) ln ( ) 2 Tr = C20 + C21 ln p + C22 p (2.44) per temperture inferiori 0 C. Le costnti utilizzte nelle (2.43) e (2.44) sono riportte nell seguente Tbell 2-3. Si teng presente che i vlori di tli costnti sono tli che il vlore clcolto dell tempertur di rugid è d intendersi espresso in K utilizzndo vlori di p espressi in kp. Tbell 2-3 Vlori delle costnti utilizzte nelle relzioni (2.43) e (2.44) proposte d Peppers. C 14 6,54000 C 20 6,0900 C 15 14,52600 C 21 12,6080 C 16 0,73890 C 22 0,4959 C 17 0,09486 C 18 0,45690 C 19 0,

16 2.5. Trsformzioni termodinmiche elementri dell ri umid Nei principli processi industrili e civili le trsformzioni termodinmiche dell ri umid sono per lo più riconducibili lle seguenti trsformzioni elementri (Figur 2-5): riscldmento- rffreddmento isobro e isotitolo umidificzione rffreddmento con deumidificzione miscelmento dibtico. U.R. = 100% Umidificzione Rffreddmento Riscldmento Deumidificzione t Figur 2-5 Trsformzioni elementri dell ri umid. Nel seguito sono dettglitmente esposte per ciscun di tli trsformzioni le equzioni di bilncio di mss e di energi per un sistem perto in modo d evidenzire il cmmino termodinmico dell trsformzione e le diverse possibili proprietà termodinmiche dell ri umid l termine dell trsformzione stess. In prticolre l equzione di bilncio di mss per un sistem perto (ovvero un sistem che consent il flusso di ri umid ttrverso le sue superfici di controllo considerte fisse nello spzio) in regime stzionrio si scrive: N M m = m (2.45) i i= 1 u= 1 dove l portt mssic m può essere vlutt semplicemente medinte: u

17 m = ρv = ρa (2.46) L equzione di bilncio di energi nello stesso cso di sistem perto e flusso stzionrio e nelle ulteriori ipotesi di moto monodimensionle, trscurbilità dei termini energetici di tipo cinetico e grvitzionle, si scrive: N N N N N N mh + Q + L = m h + Q + L (2.47) i i i e, i u u u e, u i= 1 i= 1 i= 1 u= 1 u= 1 u= 1 vendo indicto con h l entlpi specific dell ri umid (generlmente nel cso di bilnci in sistemi erulici, dt l costnz dell portt di ri secc, l entlpi specific viene riferit piuttosto che ll mss totle di ri umid ll sol mss di ri secc), Q l potenz termic rispettivmente in ingresso e uscit dl sistem ed L e l potenz meccnic d elic rispettivmente in ingresso e uscit dl sistem Riscldmento o rffreddmento isotitolo Nel cso di un trsformzione di riscldmento o di rffreddmento isotitolo ed isobro, rppresentt nell figur I.5.2, il flusso di ri umid viene rffreddto o riscldto medinte un serpentin senz cmbire l quntità in mss di cqu contenut. Figur Volume di controllo nell trsformzione di riscldmento/rffreddmento isotitolo In tl cso l equzione di bilncio di mss d cqu per il sistem perto individuto si scrive: ciò implic che: m = m = m (2.48) s 1 s 2 s 3 1 = 2 = 3 = cost (2.49)

18 L equzione di bilncio di energi nello stesso cso si scrive nel cso di riscldmento: mentre nel cso di rffreddmento: m h + Q = m h (2.50) s 1 i s 2 m h = m h + Q (2.51) s 1 s 3 u Dlle equzioni di bilncio di mss e di energi è quindi possibile dimostrre che l pendenz dell trsformzione sul digrmm ASHRAE è pri ± e quindi l trsformzione si muove su un rett orizzontle (Figur 2-7): h h2 h = 1 =± 2 1 (2.52) Figur 2-7 Trsformzioni di riscldmento e rffreddmento isotitolo

19 Umidificzione dibtic Nel cso di un trsformzione di umidificzione dibtic, il flusso di ri viene umidificto medinte ggiunt di cqu dll esterno, senz che si fornit o sottrtt energi termic. Tle processo è rppresentto schemticmente in Figur 2-8. L cqu può essere ggiunt in form liquid o gssos. Nei due diversi csi, mentre rimngono formlmente inlterte le equzioni di bilncio, poiché le entlpie ssocite i due flussi sono diverse, le trsformzioni termodinmiche seguirnno percorsi differenti. Figur 2-8 Trsformzione di umidificzione dibtic; l line trtteggit indic l superficie di controllo scelt. L equzione di bilncio di mss d cqu per il sistem perto individuto nell figur si scrive: ciò implic che: m + m = m (2.53) s 1 H 2O s 2 ( ) m = m (2.54) H2O s 2 1 L equzione di bilncio di energi nello stesso cso si scrive: m h + m h = m h (2.55) s 1 H2O H2O s 2 Dlle equzioni di bilncio di mss e di energi è quindi possibile dimostrre che l pendenz dell trsformzione sul digrmm ASHRAE è pri ll entlpi dell cqu immess. Inftti: h h m h m m m h 2 1 HO 2 HO = = 2 s = 2 1 s H2O h H2O (2.56)

20 Mrco Dell Isol, Fusto Arpino e quindi l trsformzione si muove su un rett qusi verticle (Figur 2-9) nel cso di umidificzione con cqu in condizioni di vpore sturo secco ll tempertur di circ C ( hh 2O = 2,69...2,70 kj / g per t), mentre si muove su un rett obliqu nel cso di umidificzione con cqu liquid ll tempertur compres tr 0 e 100 C ( hh 2O = ,419 kj / g ), Figur 2-9 Trsformzione di umidificzione dibtic Rffreddmento con deumidificzione Nel cso di un trsformzione di rffreddmento con deumidificzione, rppresentt nell Figur 2-10, il flusso di ri viene deumidificto medinte rffreddmento. Figur 2-10 Trsformzione di rffreddmento con deumidificzione; l line trtteggit indic l superficie di controllo scelt. In tl cso l equzione di bilncio di mss d cqu per il sistem perto individuto nell figur si scrive: m s 1 = m s 2 + m H 2O (2.57)

21 ciò implic che: ( ) m = m (2.58) HO 2 s 1 2 L equzione di bilncio di energi nello stesso cso si scrive: m h = m h + m h + Q (2.59) s 1 s 2 H2O H2O u L trsformzione si muove quindi dpprim su un rett orizzontle isotitolo fino rggiungere le condizioni di sturzione (Figur 2-11) poi seguendo l curv di condenszione cedendo l quntità di cqu che lsci l miscel stur durnte il processo di condenszione. Figur 2-11 Trsformzione di rffreddmento con deumidificzione Mescolmento dibtico Nel cso di un trsformzione di mescolmento dibtico, rppresentt nell Figur 2-12, due flussi di ri m s1 e m s2 vengono miscelti dibticmente. m t1 t 2 s m s 2 m t =? =? s Figur 2-12 Trsformzione di mescolmento dibtico; l line trtteggit indic l superficie di controllo scelt

22 In tl cso l equzione di bilncio di mss d cqu per il sistem perto individuto nell figur si scrive: ciò implic che: m + m = m (2.60) s,1 1 s,2 2 s,3 3 m + m 3 = m + m s,1 1 s,2 2 s,1 s,2 (2.61) L equzione di bilncio di energi si scrive invece: ciò implic che: m h + m h =+ m h (2.62) s,1 1 s,2 2 s,3 3 m h + m h h3 = m + m s,1 1 s,2 2 s,1 s,2 (2.63) Il punto di uscit 3 dell trsformzione può essere vlutto grficmente medinte un medi pest sul segmento congiungente i punti di ingresso 1 e 2 (Figur 2-13). Figur 2-13 Trsformzione di mescolmento dibtico

CONDIZIONAMENTO DELL ARIA

CONDIZIONAMENTO DELL ARIA Corso di Impinti Tecnici.. 009/00 Docente: Prof. C. Isetti CAPITOLO 7 7. Generlità Come si ricorderà, per condizionmento dell ri si intende un intervento volto relizzre il controllo dell tempertur e del

Dettagli

Corso di Fisica tecnica ambientale e Impianti tecnici a.a. 2008/2009

Corso di Fisica tecnica ambientale e Impianti tecnici a.a. 2008/2009 Corso di Fisic tecnic mbientle e Impinti tecnici.. 008/009 CAPITOLO. Generlità Come si ricorderà, per condizionmento dell ri si intende un intervento volto relizzre il controllo dell tempertur e del contenuto

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici.

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici. Il Primo Principio dell Termodinmic non fornisce lcun indiczione rigurdo d lcuni spetti prtici. l evoluzione spontne delle trsformzioni; non individu cioè il verso in cui esse possono vvenire. Pistr cld

Dettagli

ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI

ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI Corso di Fisic tecnic e mbientle.. 011/01 - Docente: Prof. Crlo Isetti ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI 6.1 GENERALITÀ Il moto più semplice cui si f riferimento è in genere il moto stzionrio, che è crtterizzto

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Miscele di aria e vapore d acqua

Miscele di aria e vapore d acqua Brbr Gherri mtr. 4544 Lezione del 20/2/02 or 8:0-0:0 iscele di ri e ore d cqu L esigenz di studire le miscele ri ore deri dll grnde imortnz che esse riestono er il benessere termoigrometrico dell uomo

Dettagli

Introduzione allo studio delle Macchine termiche. (parte quarta)

Introduzione allo studio delle Macchine termiche. (parte quarta) ITI OMAR Diprtimento di Meccnic Introduzione llo studio delle Mcchine termiche (prte qurt) Yunus A. Çengel, Michel A. Boles Thermodynmics: n engineering pproch 4th Edition McGrw-Hill Ari secc e ri tmosferic

Dettagli

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS STRUTTURE DI LEWIS SIMBLI DI LEWIS ELETTRI DI VALEZA: sono gli elettroni del guscio esterno, i responsbili principli delle proprietà chimiche di un tomo e quindi dell ntur dei legmi chimici che vengono

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

Esercitazioni Capitolo 12 Carichi termici estivi attraverso il perimetro

Esercitazioni Capitolo 12 Carichi termici estivi attraverso il perimetro Esercitzioni Cpitolo 12 Crichi termici estivi ttrverso il perimetro 1) Si vluti il crico termico estivo trsmesso il 21 luglio lle ore 6.00 e lle ore 15.00, ttrverso un prete con esposizione Ovest e Est

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI Elis Gonizzi N mtricol: 3886 Lezione del -- :3-:3 IRRAGGIAMENO: APPLICAZIONI ED EERCIZI E utile l fine di comprendere meglio le ppliczioni e gli esercizi ricordre cos si intend con i termini CORPI NERI

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione Conversione A/D e D/A Per il trttmento dei segnli sempre più vengono preferite soluzioni di tipo digitle. È quindi necessrio, in fse di cquisizione, impiegre dispositivi che convertno i segnli nlogici

Dettagli

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia.

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia. ESERCIZI DI BASE 1. I soci proprietri di un piccol compgni gricol sono tre: i signori A, B, C. Mentre i signori A e C hnno l stess quot di prtecipzione ll ziend, il signor B h solo il 50% dell quot degli

Dettagli

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Al termine di ciscun periodo d impost, dopo ver effettuto le scritture di ssestmento e rettific,

Dettagli

Verifica di Fisica 04/12/2014 Argomenti trattati durante il corso:

Verifica di Fisica 04/12/2014 Argomenti trattati durante il corso: Liceo Scientifico Augusto Righi, Cesen Corso di Fisic Generle, AS 2014/15, Clsse 1C Verific di Fisic 04/12/2014 Argomenti trttti durnte il corso: Grndezze fisiche: fondmentli e derivte Notzione scientific

Dettagli

L equilibrio della variazione di entalpia del sistema aria+garza risulta quindi: Dalla definizione di mixing ratio :

L equilibrio della variazione di entalpia del sistema aria+garza risulta quindi: Dalla definizione di mixing ratio : Strumenti di misur dell umidità relti: psicrometro bulbo bgnto e entilto. Deduzione dell equzione psicrometric. Tempertur del bulbo bgnto e umidità relti. Relzione con il punto di ruggid. Lo psicrometro

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 14 del 30/11/2012 ARGOMENTO: IMPOSTA SOSTITUIVA TFR 2013 Scde il prossimo 16 dicembre il termine per pgre l impost sostitutiv sul TFR. Tle impost rppresent l nticipo di tsse dovute

Dettagli

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento Questionrio Risolvi quttro degli otto quesiti: L Città dello sport è un struttur sportiv progettt dll rchitetto Sntigo Cltrv e mi complett, situt sud di Rom Rispetto l sistem di riferimento indicto in

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

8 Controllo di un antenna

8 Controllo di un antenna 8 Controllo di un ntenn L ntenn prbolic di un rdr mobile è montt in modo d consentire un elevzione compres tr e =2. Il momento d inerzi dell ntenn, Je, ed il coefficiente di ttrito viscoso, f e, che crtterizzno

Dettagli

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti Unità 3 Metodi prticolri per il clcolo di reti 1 Cos c è nell unità Metodi prticolri per il clcolo di reti con un solo genertore Prtitore di tensione Prtitore di corrente Metodi di clcolo di reti con più

Dettagli

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per Funzioni di utilità (finlmente un po di geroglifici, dopo i grffiti) NB: non fte leggere queste pgine un mtemtico, ltrimenti mi msscr!. Definizione e proprietà Considerimo due eni e di interesse per un

Dettagli

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio 1 Problemi di collegmento delle strutture in cciio Unioni con bulloni soggette tglio Le unioni tglio vengono generlmente utilizzte negli elementi compressi, quli esempio le unioni colonn-colonn soggette

Dettagli

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto 7 I costi dell impres 7.1. Per l combinzione di equilibrio dei due input, si ved il grfico successivo. L pendenz dell line di isocosto e` pri ll opposto del rpporto tr i prezzi dei fttori: -10 = 2 = -5.

Dettagli

Problema Q & SOLUZIONE

Problema Q & SOLUZIONE Problem 2..2.2 Un portt di,00 0 4 m / di ri umid, inizilmente ll tempertur di 2,0 C con umidità reltiv del 60% viene rffreddt e deumidifict. L tempertur in ucit è di 0,0 C ed il grdo igrometrico del 00%

Dettagli

Pareti verticali Cappotto esterno

Pareti verticali Cappotto esterno Preti verticli Cppotto esterno L isolmento termico dei fbbricti dll esterno, comunemente detto cppotto, h vuto le sue prime ppliczioni lcuni decenni f e ncor oggi costituisce uno dei sistemi di isolmento

Dettagli

Gioco Interno Tipologie e Norme

Gioco Interno Tipologie e Norme Gioco Interno Tipologie e Norme Per gioco interno si intende l misur complessiv di cui un nello si può spostre rispetto ll ltro in direzione oppost. E necessrio distinguere fr gioco rdile e gioco ssile.

Dettagli

Fisica Tecnica Ambientale

Fisica Tecnica Ambientale Università degli Studi di Perugi Sezione di Fisic Tecnic Fisic Tecnic Ambientle Lezione del 11 mrzo 2015 Ing. Frncesco D Alessndro dlessndro.unipg@cirif.it Corso di Lure in Ingegneri Edile e Architettur

Dettagli

FORMULE DI AGGIUDICAZIONE

FORMULE DI AGGIUDICAZIONE Mnule di supporto ll utilizzo di Sintel per stzione ppltnte FORMULE DI AGGIUDICAZIONE gin 1 di 18 Indice AZIENDA REGIONALE CENTRALE ACQUISTI - ARCA S.p.A. 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Mtrice modlità offert/modlità

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

GESTIONE DELL ENERGIA A.A II PROVA INTERMEDIA, 11 Luglio 2007

GESTIONE DELL ENERGIA A.A II PROVA INTERMEDIA, 11 Luglio 2007 II PROVA INTERMEDIA, 11 Luglio 2007 1- Economi bst su risorse non rinnovbili. Illustrre l influenz sul prezzo del petrolio dei costi di estrzione in generle e nel cso di costi di estrzione costnti ricvre

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE SECONDA

Corso di Componenti e Impianti termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE SECONDA IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE ECONDA 1 I ponti termici Il ponte termico può essere definito come: un elemento di elevt conduttività inserito in un prete o elemento di prete di minore conduttività. I ponti

Dettagli

COLPO D ARIETE: MANOVRE DI CHIUSURA

COLPO D ARIETE: MANOVRE DI CHIUSURA Università degli studi di Rom Tor Vergt Corso di Idrulic. Prof. P. Smmrco COLPO D ARIETE: MANOVRE DI CHIUSURA Appunti integrtivi l testo E. Mrchi, A. Rubtt - Meccnic dei Fluidi dlle lezioni del prof. P.

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

Figura 47: i ponti termici possono essere causati da discontinuità dei materiali o da discontinuità geometriche.

Figura 47: i ponti termici possono essere causati da discontinuità dei materiali o da discontinuità geometriche. Prestzioni PONTI TERMICI Normlmente il clcolo delle dispersioni termiche di un edificio viene svolto considerndo che le temperture interne ed esterne sino costnti (Regime Termico tzionrio). Questo signific

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE

PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE Nel pino di lvoro sono indicte con i numeri d 1 5 le competenze di bse che ciscun unit' didttic concorre sviluppre, secondo l legend riportt di seguito.

Dettagli

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali Equivlenz tr equzioni di Lgrnge e problemi AM Cherubini 20 Aprile 2007 1 / 21 Problemi Mostrimo or come si possono ricvre sistemi di equzioni con struttur lgrngin in un mbito diverso: prim si er crtterizzt

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

C A 10 [HA] C 0 > 100 K

C A 10 [HA] C 0 > 100 K Soluzioni Tmpone Le soluzioni tmpone sono soluzioni in cui sono presenti un cido debole e l su bse coniugt sotto form di sle molto solubile. Hnno l crtteristic di mntenere il ph qusi costnte nche se d

Dettagli

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario 58 Modulo 6 L rccolt bncri e il rpporto di conto corrente I destintri del Modulo sono gli studenti del quinto nno che, dopo ver nlizzto e ppreso le crtteristiche fondmentli dell ttività delle ziende di

Dettagli

TERMODINAMICA DELL ARIA UMIDA

TERMODINAMICA DELL ARIA UMIDA Corso di Fisic tecnic e mbientle.. 0/0 - Docente: Prof. Crlo Isetti TERMODINAMICA DELL ARIA UMIDA. GENERALITÀ Nell'ri è sempre presente un piccol quntità di por d'cqu, indictimente circ % in mss, per cui

Dettagli

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2.

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2. Cp. 49 - Debiti verso bnche 49 DEBITI VERSO BANCHE Pssivo SP D.4 Prssi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 1 PREMESSA I debiti verso bnche ricomprendono tutti quei debiti in cui l controprte è un

Dettagli

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 MODULO A LEZIONE N. 10 LE SCRITTURE CONTABILI Il lesing IL CONTRATTO DI LEASING Il lesing è un contrtto tipico (non previsto dl Codice Civile) per mezzo del qule l ziend

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO CORSO DI LAUREA IN TUTELA E BENESSERE ANIMALE Corso di : FISICA MEDICA A.A. 015 /016 Docente: Dott. Chiucchi Riccrdo il:rchiucchi@unite.it Medicin Veterinri: CFU 5 (corso

Dettagli

FASCICOLO TECNICO PRESTAZIONI ENERGETICHE SOLAI

FASCICOLO TECNICO PRESTAZIONI ENERGETICHE SOLAI Pgin di 7 Rel. ermic soli Fscicolo tecnico per il clcolo delle prestzioni energetiche di soli lstre trliccite ( predlles ) IN ACCORDO ALLA NORMA UNI EN ISO 6946:008 0 07.0.00 Rev. Dt Descrizione Redtto

Dettagli

Facoltà di Ingegneria

Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Fcoltà di Ingegneri Corso di Lure Specilistic in Ingegneri per l Ambiente e il Territorio TESINA DI CALCOLO NUMERICO Anlisi dell errore nei metodi di risoluzione dei

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Prova n. 1 LEGER TEST

Prova n. 1 LEGER TEST Prov n. 1 LEGER TEST Descrizione L prov si svolge su un percorso delimitto d due coni, posti ll distnz di 20 mt l uno dll ltro. Il cndidto deve percorrere spol l distnz tr i due coni, pssndo dll velocità

Dettagli

Accoppiamento pompa e sistema

Accoppiamento pompa e sistema Accoppimento pomp e sistem 1/9 Considerimo il sistem idrulico dell Fig. 1 costituito d due bcini, mbedue soggetti ll pressione tmosferic e collegti tr loro d un tubzione: si vuole portre l cqu dl bcino

Dettagli

a > 1 y = 1 x = 1 La funzione esponenziale La funzione y = a x è chiamata funzione esponenziale di x dove a è la base della funzione.

a > 1 y = 1 x = 1 La funzione esponenziale La funzione y = a x è chiamata funzione esponenziale di x dove a è la base della funzione. L funzione esponenzile L funzione = è chimt funzione esponenzile di dove è l bse dell funzione. > 0; Condizioni di vlidità: < < ; > 0 Se > l funzione è monoton crescente > = = = o L funzione esponenzile

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti Anno 5 Appliczione del clcolo degli integrli definiti 1 Introduzione In quest lezione vedremo come pplicre il clcolo dell integrle definito per determinre le ree di prticolri figure pine, i volumi dei

Dettagli

Superfici di Riferimento (1/4)

Superfici di Riferimento (1/4) Superfici di Riferimento (1/4) L definizione di un superficie di riferimento nsce dll necessità di vere un supporto mtemtico su cui sviluppre il rilievo eseguito sull superficie terrestre. Tle superficie

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

Equazioni parametriche di primo grado

Equazioni parametriche di primo grado Polo Sivigli Equzioni prmetriche di primo grdo Premess Come si s dll lgebr elementre, si chim equzione un uguglinz fr due espressioni letterli che si verific soltnto ttribuendo prticolri vlori lle lettere,

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

La costituzione d azienda

La costituzione d azienda L costituzione d ziend Esercizio1 In dt 15/01/X si costituisce, per volontà dei soci Alf e Bet, l Eridice S.p.A. Il cpitle socile, costituito d 40.000 zioni ordinrie d 10 euro nominli ciscun, viene sottoscritto

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

P t V = n t R T. P v = n v R T / V

P t V = n t R T. P v = n v R T / V Corso di Impiti Tecnici.. 009/00 Docente: Prof. C. Isetti CAPITOLO TERMODINAMICA DELL ARIA UMIDA. Generlità Nell'ri è sempre presente un piccol quntità di por d'cqu, indictimente circ % in mss, per cui

Dettagli

VOLUMI, MASSE, DENSITÀ

VOLUMI, MASSE, DENSITÀ VOLUMI, MASSE, DENSITÀ In clsse è già stt ftt un'esperienz di misur dell densità prtire d misure di mss e di volume. In quel cso è stt misurt l mss in mnier dirett con un bilnci, e il volume in mnier indirett.

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Decreto del Ministero dello sviluppo economico 11 mrzo 2008 Attuzione dell'rt. 1, comm 24, letter ), dell Legge 24/12/2007, n 244, per l definizione dei vlori limite di fbbisogno di energi primri nnuo

Dettagli

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è:

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è: 1) In un equzione differenzile del tipo y (t)= y(t), con > 0, il tempo di rddoppio, cioè il tempo T tle che y(t+t)=y(t) è: A) T = B) 1 T = log e C) 1 T = log e ** D) 1 T = E) T = log e ) L equzione differenzile

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Equazioni di 2 grado. Definizioni Equazioni incomplete Equazione completa Relazioni tra i coefficienti della equazione e le sue soluzioni Esercizi

Equazioni di 2 grado. Definizioni Equazioni incomplete Equazione completa Relazioni tra i coefficienti della equazione e le sue soluzioni Esercizi Equzioni di grdo Definizioni Equzioni incomplete Equzione complet Relzioni tr i coefficienti dell equzione e le sue soluzioni Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni Un equzione è: Un uguglinz

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

corrispondenza dal piano in sé, che ad ogni punto P del piano fa corrispondere il punto P' in

corrispondenza dal piano in sé, che ad ogni punto P del piano fa corrispondere il punto P' in Cpitolo 5 Le omotetie 5. Richimi di teori Definizione Sino fissti un punto C del pino ed un numero rele. Si chim omoteti di centro C e rpporto ( che si indic con il simolo O, ) l corrispondenz dl pino

Dettagli

CONDIZIONAMENTO DELL ARIA

CONDIZIONAMENTO DELL ARIA CAPITOLO. Generlità Come nticipto, col termine condizionmento dell ri si intende un intervento volto relizzre il controllo dell tempertur e del contenuto di vpore dell'ri in un mbiente. L intervento consiste

Dettagli

ELEMENTI DI STABILITA

ELEMENTI DI STABILITA tbilità Per stbilità di un nve si intende, in generle, l fcoltà di conservre l su posizione di equilibrio, cioè l su ttitudine resistere lle forze che tendono inclinrl e l cpcità di rddrizzrsi spontnemente

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "FERMI"

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE FERMI ISTITUTO TECNICO INDUSTIALE STATALE "EMI" TEVISO GAA NAZIONALE DI MECCANICA 212 ropost di soluzione rim rov cur di Benetton rncesco (vincitore edizione 211 unzionmento: L gru bndier girevole sopr riportt

Dettagli

Da 9.500,01 a 15.000,00 > 15.000,01 9.500,00 COSTO PASTO 1,15 2,30 3,45 4,60

Da 9.500,01 a 15.000,00 > 15.000,01 9.500,00 COSTO PASTO 1,15 2,30 3,45 4,60 Per l Anno Scolstico 2015/2016 l Deliber di Giunt Comunle n.25 del 16.04.2015 d oggetto: Determinzione dei criteri e ppliczione delle triffe dei servizi comunli introitti dl Comune nno 2015. Ricognizione

Dettagli

APPUNTI DALLE LEZIONI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II POLO DELLE SCIENZE E DELLE TECNOLOGIE FACOLTÀ DI ARCHITETTURA A.A.

APPUNTI DALLE LEZIONI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II POLO DELLE SCIENZE E DELLE TECNOLOGIE FACOLTÀ DI ARCHITETTURA A.A. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II POLO DELLE SCIENZE E DELLE TECNOLOGIE FACOLTÀ DI ARCHITETTURA A.A. 007 008 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL ARCHITETTURA INSEGNAMENTO DI FISICA TECNICA PROFF.

Dettagli

L entalpia è una funzione di stato di un sistema ed esprime la quantità di energia che esso può scambiare con l'ambiente.

L entalpia è una funzione di stato di un sistema ed esprime la quantità di energia che esso può scambiare con l'ambiente. L entlpi è un funzione di stto di un sistem ed esprime l quntità di energi che esso può scmire con l'miente. L definizione formle dell'entlpi è: H = U + PV dove U rppresent l'energi intern del sistem,

Dettagli

Introduzione e strumenti

Introduzione e strumenti Controlli utomtici Introduzione e strumenti Convenzioni generli ed elementi di bse Dll equzione ll rppresentzione grfic L lgebr dei blocchi Clcolo di funzioni di trsferimento di schemi interconnessi 2

Dettagli

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate Lezione n. 7 Le strutture in cciio Le unioni bullonte Le unioni sldte Unioni Le unioni nelle strutture in cciio devono grntire un buon funzionmento dell struttur e l derenz dell stess llo schem sttico

Dettagli

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA Scuol di specilizzzione in: Allevmento, igiene, ptologi delle specie cqutiche e controllo dei prodotti derivti TECNOLOGIE PER L ACUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI Anno ccdemico 007-008 L movimentzione meccnic

Dettagli

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali SPAZI VETTORIALI 1. Spzi e sottospzi vettorili Definizione: Dto un insieme V non vuoto e un corpo K di sostegno si dice che V è un K-spzio vettorile o uno spzio vettorile su K se sono definite un operzione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in Ingegneria Meccanica. Tesina del corso di

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in Ingegneria Meccanica. Tesina del corso di UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di lure in Ingegneri Meccnic Tesin del corso di TRASMISSIONE DEL CALORE Docente Prof. Ing. Gennro Cuccurullo Tesin n.7a Effetti termici del

Dettagli

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423 Comune di Poviglio Provinci di Reggio Emili Relzione illustrtiv dell Delierzione Consilire di pprovzione, dei coefficienti e prmetri di conversione che ssicurno l equivlenz tr le definizioni e le modlità

Dettagli

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8)

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8) COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionle 18 febbrio 2010, n. 8) N Prot. VARIAZIONE...del (d compilrsi cur dell ufficio competente) Al Comune di.. Il/L sottoscritto/: Cognome Nome Dt

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

«ECOFILLER» Iniezione diretta di cariche minerali o di poliuretano riciclato. Eraldo Greco. Guido Podrecca. Commercial Director.

«ECOFILLER» Iniezione diretta di cariche minerali o di poliuretano riciclato. Eraldo Greco. Guido Podrecca. Commercial Director. «ECOFILLER» Iniezione dirett di criche minerli o di poliuretno riciclto Erldo Greco Commercil Director Guido Podrecc R&D Mnger ANPE - 2 2 Conferenz Conferenz Nzionle Nzionle Premess Nei vri processi produttivi

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Prm Temi specili di bilncio Le imposte (3) Il consolidto fiscle nzionle RIFERIMENTI Normtiv Artt. 117 129 del TUIR Art. 96 del TUIR Prssi contbile Documento OIC n. 25 Documento

Dettagli

Introduzione all algebra

Introduzione all algebra Introduzione ll lgebr E. Modic ersmo@glois.it Liceo Scientifico Sttle S. Cnnizzro Corso P.O.N. Modelli mtemtici e reltà A.S. 2010/2011 Premess Codificre e Decodificre Nell vit quotidin ci cpit spesso di

Dettagli

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001 Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone Mturità scientific, corso di ordinmento, sessione ordinri 000-001 PROBLEMA 1 Si consideri l seguente relzione tr le vribili reli x, y: 1 1 1 +

Dettagli

LE GRANDEZZE FISICHE. estensive. Grandezze. intensive non dipendono dalla quantità di materia temperatura, peso specifico

LE GRANDEZZE FISICHE. estensive. Grandezze. intensive non dipendono dalla quantità di materia temperatura, peso specifico LE GRANDEZZE FISICHE estensive dipendono dll quntità di mteri mss, volume, lunghezz Grndezze intensive non dipendono dll quntità di mteri tempertur, peso specifico LA MISURA DI UNA GRANDEZZA FISICA Per

Dettagli

EQUILIBRI ACIDO-BASE. ione idronio La reazione viene spesso scritta in forma semplificata:

EQUILIBRI ACIDO-BASE. ione idronio La reazione viene spesso scritta in forma semplificata: EQUILIBRI ACIDOBASE Dissocizione di un cido forte in cqu: HCl(g) HO(l) Cl (q) H3O (q) ione idronio L rezione viene spesso scritt in form semplifict: HCl(g) Cl (q) H (q) H di per sé (protone liero!) non

Dettagli

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP NORMATIVA ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP A cur di Libero Tssell d Scuol&Scuol del 21/10/2003 Riferimenti normtivi: rt. 21 e 33 5.2.1992 n. 104 e successive modifiche ed integrzioni, Dlgs.

Dettagli

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1.

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1. TEST DI MATEMATICA Funzioni in un, Funzioni in due vriili Integrli Equzioni differenzili ) Il vlore del limite seguente e e e lim è ) Il vlore del limite seguente 5 lim 5 è : ) L derivt prim dell funzione

Dettagli

3.1. Schema dei flussi (termici e massici) entranti ed uscenti in un generatore di vapore

3.1. Schema dei flussi (termici e massici) entranti ed uscenti in un generatore di vapore 3.1. Schem dei flussi (termici e mssici) entrnti ed uscenti in un genertore di vpore G.izzo;G.Lngell Per cpire il significto dei termini che compiono in Fig.1, si fcci riferimento Tb.1 Fig.1 Q IN Q VAP

Dettagli

Moto in due dimensioni

Moto in due dimensioni INGEGNERIA GESTIONALE corso di Fisic Generle Prof. E. Puddu LEZIONE DEL 24 SETTEMBRE 2008 Moto in due dimensioni Spostmento e velocità Posizione e spostmento L posizione di un punto mterile nel pino è

Dettagli

Elementi grafici per Matematica

Elementi grafici per Matematica Elementi grfici per Mtemtic Sommrio: Sistemi di coordinte crtesine... Grfici di funzioni... 4. Definizione... 4. Esempi... 5.3 Verificre iniettività e suriettività dl grfico... 8.4 L rett... 9.5 Esempi

Dettagli

Controlli Automatici. Trasformate L e Z e schemi a blocchi. Esercizi sulle trasformate L e Z

Controlli Automatici. Trasformate L e Z e schemi a blocchi. Esercizi sulle trasformate L e Z Controlli Automtici Trsformte L e Z e schemi blocchi Esercizi sulle trsformte L e Z Esercizi sulle trsformte L e Z Proposte di esercizi e soluzioni in tempo rele trsformt L di y(t) dt trsformt Z di y(i)

Dettagli