Tecno-mamme e social media nella relazione con il brand: un indagine esplorativa. Ariela Mortara e Vittoria Sinisi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecno-mamme e social media nella relazione con il brand: un indagine esplorativa. Ariela Mortara e Vittoria Sinisi"

Transcript

1 Tecno-mamme e social media nella relazione con il brand: un indagine esplorativa Ariela Mortara e Vittoria Sinisi Abstract Among the Digital Marketing tools, companies are going to increase the use of social media in order to foster their relationships with different stakeholders. The crucial role of social media for firms is due mostly to the consumers willingness to use the new media to exercise their power or simply to discuss about the corporations actions. Among the most skilled users of social networks, the techno-moms, mothers who link their technological skills to the need to share their parenthood experiences, are able to establish a powerful influence on their virtual friends whether in a personal or commercial way. The paper presents the results of a qualitative research, conducted through online focus groups, aimed at a) understanding the motivations of Italian techno-moms leading them to act inside an online branded site as a Facebook page or a Twitter account; b) highlighting the efficacy of social media in fostering the brand experience. Keywords: techno-moms, social media, consumer motivations, digital marketing tools, Tommee Tippee. 1. Introduzione Tra gli strumenti del Digital Marketing (Dholakia e Bagozzi 2001), che le imprese possono utilizzare nell era del Web 2.0 (O Reilly 2007), i social media hanno assunto un ruolo predominante in modo particolare nella gestione delle relazioni con i consumatori. L emergere sempre più diffuso di un consumatore digitale (Di Fraia 2011), infatti, rende la rete Ariela Mortara, ricercatore presso l Università Iulm di Milano, iulm.it. Ha scritto i paragrafi 1, 2, 3, 4 e 6. Vittoria Sinisi, qualitative researcher, Ha scritto il paragrafo 5. MICRO & MACRO MARKETING / a. XXI, n. 2, agosto

2 luogo ideale per scambi, conversazioni e transazioni, nonché strumento per esercitare il proprio potere (Bornemann et al. 2006). In questo contesto sono molte le imprese che hanno deciso di utilizzare i social media per consolidare la loro reputazione, accrescere la propria brand awareness, stimolare il dialogo con i consumatori e coinvolgerli nella creazione del valore. Un target particolarmente sensibile alle attività social delle imprese è quello delle cosiddette tecno-mamme (Roscioni 2011; Mullan 2009), madri che utilizzano gli strumenti del Web 2.0 per comunicare fra di loro e con le imprese. L obiettivo del paper è quello di presentare i risultati di un indagine qualitativa svolta sulle consumatrici di prodotti della marca Tomme Tippee che opera nel mercato della puericultura. L azienda, infatti, al suo ingresso nel mercato italiano nel 2010, ha utilizzato una strategia di comunicazione basata prevalentemente sull uso dei social media, volta dapprima ad attestare la propria awareness e in seguito a sviluppare una relazione fiduciaria con il target emergente delle mamme 2.0 (Razorfish e CafeMom 2009). 2. Social media, aziende e tecno-mamme Se si considera il numero di coloro che hanno una pagina su Facebook, il più diffuso fra i social network nel mondo, che ammonta a 800 milioni nel 2011 (Mazin 2012), e se a questi si aggiungono i quasi 500 milioni di utenti attivi in Twitter (Bennet 2012) è facile comprendere il motivo per cui sono sempre di più le imprese che utilizzano gli strumenti del Digital Marketing (Dholakia e Bagozzi 2001), che vanno oltre l utilizzo delle tattiche ormai diffuse e consolidate del marketing interattivo (Barwise e Farley 2005), e, in particolare, ricorrono ai suddetti social network, per gestire le relazioni con i diversi stakeholder. In Italia, come emerge da una recente ricerca dell Osservatorio Iulm (2012) effettuata su 720 aziende appartenenti a settori quali moda, elettronica, alimentare, pubblica amministrazione, banche, arredamento e settore ricettivo sono circa il 50% le imprese che utilizzano i nuovi strumenti del Web 2.0. Facebook si afferma come il media privilegiato dal momento che è utilizzato dal 71% delle aziende, seguito da Youtube (40%), LinkedIn (36%) e Twitter (32%). Rispetto alla rilevazione precedente, effettuata nel 2010, sono raddoppiate le imprese che utilizzano Facebook, mentre sono quadruplicate quelle che usano Twitter. Questi dati confermano quanto era emerso anche da una ricerca effettuata da Hsm Italia (AA.VV. 2011) su un campione di aziende operanti nei settori del largo consumo e dell elettronica che, pur dichia- 274

3 rando di utilizzare tutte le piattaforme disponibili Facebook (usato dall 85% del campione), Youtube (impiegato per il 63%), Twitter (di cui si avvalgono il 48% degli intervistati) e da ultimo Linkedin (su cui è presente il 27% delle imprese) aveva anche affermato di investire solo circa l 1% del budget pubblicitario complessivo per mettere a punto azioni di digital marketing e per comunicare la propria identità online. Dalla tale ricerca emerge inoltre che i social media rappresentano, per il 69% degli intervistati, un valido strumento di informazione e di relazione con clienti e consumatori, capace di favorire e sviluppare il dialogo e l interazione; circa la metà degli intervistati utilizza le piattaforme digitali per co-progettare e raccogliere feedback e suggerimenti su prodotti e servizi; infine, complessivamente, l 80% del campione riconosce che i social media rappresentano nuovi e potenti canali di passaparola. E proprio la creazione di nuovi e più accessibili canali di comunicazione tra impresa e consumatore ha contribuito, in maniera evidente, a spostare l attenzione dal potere delle imprese a quello dei consumatori che, forse per la prima volta nella storia, hanno realmente la possibilità di influire sull operato delle aziende. L accesso immediato alle informazioni, reso possibile dalle nuove tecnologie, ha concorso a ridurre la tradizionale asimmetria informativa tra impresa e consumatori rendendo questi ultimi più attivi all interno della catena del valore e in grado di esercitare in modi diversi il proprio potere (Denegri-Knott et al. 2006; Cova e Dalli 2009). Fra gli utenti più evoluti della Rete un target particolarmente interessante è rappresentato dalle tecno-mamme (Roscioni 2011), che uniscono l abilità nell uso delle nuove tecnologie con il desiderio di condividere le esperienze relative al loro essere madri (Bailey 2008), favorendo così il proliferare di comunità virtuali legate al tema della maternità, spesso collegate tra loro e interagenti (Bonsu 2011); queste utenti evolute, attraverso la partecipazione alle comunità virtuali e alla scrittura nei blog, hanno una grande influenza sulle loro lettrici, che si estende anche alla valutazione e al consiglio di brand e prodotti (Dubini e Cerri 2009). Il fenomeno del mommy blogging a livello internazionale trova un riconoscimento pubblico durante la conferenza inaugurale del 2005 di BlogHer, una community di donne blogger di varie estrazione, manager, esponenti politici e intellettuali, interessate anche a dibattere i temi della genitorialità (Lopez 2009). Da una recente ricerca condotta negli Stati Uniti (Scarborough 2011) emerge che il fenomeno del mommy blogging è ad oggi estremamente pervasivo: 3,9 milioni di donne si dichiarano blogger, anche se di fatto, solo 500 di loro sono diventate un punto di riferimento per le altre mamme. Complessivamente, il 14% delle madri 275

4 americane sono attive sui blog o, quanto meno, li usano per la ricerca di informazioni relative ai problemi della cura dei figli. Ma il mommy blogging è solo una parte del più ampio fenomeno delle «mamme digitali» che, solo negli Stati Uniti, Nielsen NetRatings (2008/2009) stima interessare 32 milioni di donne, con figli al di sotto dei 18 anni. Anche a livello nazionale le tecno-mamme hanno assunto notevole rilevanza: si tratta di responsabili d acquisto particolarmente abituate a raccogliere, scambiare e verificare informazioni relative ai consumi della famiglia attraverso i social media, i forum ed i vari canali di comunicazione online, con un particolare focus sui figli e tutto ciò che riguarda il loro benessere ed il loro processo di crescita. Una ricerca relativamente recente (Dubini e Campana 2009), condotta su un campione di 720 madri italiane, rivela che sono tre le modalità preferite di partecipazione on line: una modalità autoriale in cui le navigatrici, scrivendo in un blog personale, commentando i blog altrui o intervenendo su periodici e quotidiani, producono le informazioni e, al tempo stesso, sollecitano i commenti e le reazioni dei lettori; una modalità relazionale in cui le utenti partecipano alle conversazioni in rete attraverso i social network, condividono fotografie e contenuti diversi, commentano i post sui forum (questa seconda modalità di partecipazione, seppure attiva, è sicuramente meno autorevole della prima e più orientata a stringere relazioni che non a creare all autrice una reputazione di esperta). Infine, esiste anche una modalità meno attiva in cui le mamme sostanzialmente rispondono a stimoli esterni che possono provenire da mezzi differenti (risposta a sondaggi o comunicazioni specifiche). È in questo contesto che si inserisce Tommee Tippee (brand appartenente al Mayborn Group), azienda di fama internazionale produttrice di prodotti per la prima infanzia, che, al momento del suo ingresso nel mercato italiano, ha sviluppato una strategia di comunicazione basata prevalentemente sull uso dei social media per costruire la propria brand awareness e una solida reputazione. 3. Obiettivo della ricerca Il brand, originariamente nato in America e giunto nel 1965 sul mercato inglese, dove è attualmente leader nel settore della puericultura, entra nel mercato italiano alla fine del 2010, affidando in maniera quasi esclusiva al canale digitale il compito di instaurare una relazione con i propri consumatori. L impresa, infatti, crede che la sua presenza in Fa- 276

5 cebook e Twitter sia fondamentale per coinvolgere i consumatori, attuali e potenziali, in un dialogo a due vie con la marca e non utilizza quindi i social media come un semplice canale di comunicazione unidirezionale (Ilinca 2010). Attraverso le piattaforme social, inoltre, vengono veicolate informazioni non solo legate ai prodotti, ma relative anche all intero mondo della prima infanzia e ai problemi connessi all essere genitori; tutto questo nell ottica di coinvolgere il proprio target, creare brand awareness e investire nell accrescere la propria reputazione (Fombrun e Van Riel 1997). A fronte del successo della strategia applicata dall azienda che, dopo poco più di un anno di attività sui social media, ha raggiunto (nonostante la scelta di affidarsi ad una distribuzione altamente selettiva) oltre che un buon livello di notorietà, un ottima reputazione e un decisivo incremento delle vendite (Mortara e Sinisi 2011), l obiettivo della presente indagine esplorativa è stato quello di comprendere le effettive motivazioni che portano i consumatori, nel caso specifico le tecno-mamme, a fruire di uno spazio online «brandizzato», come può essere una pagina Facebook o un account Twitter, e quale sia l efficacia dei social media nel creare l esperienza con la marca. 4. Metodologia e campione Per indagare sulle motivazioni delle consumatrici, la metodologia scelta è stata quella del focus group online. Questa metodologia di ricerca, che sia aggiunge a quella dei focus group tradizionali (Calder 1977), è stata impiegata, in ambito accademico, già dal 1997 (Murray 1997), e il suo utilizzo è stato da allora giudicato appropriato in un contesto in cui la tecnologia si è diffusa in modo capillare (Stewart e Williams 2005; Bonatti 2004). La conduzione di gruppi di discussione tramite Internet consente di raggiungere facilmente soggetti dispersi sul territorio di riferimento e permette inoltre di ottenere le verbalizzazioni integrali delle discussioni in tempo reale attraverso la timeline della chat testuale, senza necessità di trascrizioni. Ai fini della nostra ricerca, nel periodo 6-10 febbraio 2012, sono stati quindi condotti quattro focus group online di tipo sincrono (Bonatti 2004; Mann e Steward 2000), della durata di circa 90 minuti l uno, su un campione di 24 tecno-mamme italiane. Il focus group online sincrono è assimilabile ad una chat room moderata in cui i partecipanti interagiscono in tempo reale in modo tale da rendere l interazione il più simile possibile a quella che si avrebbe in un focus group tradizionale offline (Stewart e Williams 2005). I soggetti sono stati selezionati sulla 277

6 base delle variabili età (25-40 anni), età dei bambini (0-3 anni) e l essere in possesso di almeno un account su un social network. Per reperire le «mamme 2.0» è risultato naturale utilizzare la pagina Facebook della community mammeacrobate.com 1, portale di informazione e confronto sui temi della genitorialità dedicato alle «mamme, ai papà e ai nonni» 2. I contenuti della discussione sono stati raggruppati attorno a tre aree tematiche: l immagine percepita della marca Tommee Tippee, le pratiche d uso dei social media e, infine, l esperienza in termini di relazione con la marca attraverso gli strumenti online. 5. I risultati Dato il carattere qualitativo ed esplorativo della ricerca, i risultati dei focus group online non possono essere considerati statisticamente rappresentativi ma, come altre tecniche di ricerca qualitativa, i focus group sono particolarmente efficaci nel fornire rilevanti indicazioni per la comprensione del punto di vista, delle motivazioni e del vissuto degli intervistati e, in particolare, beneficiano della possibilità di generare informazioni grazie alle sinergie che si sviluppano a partire dall interazione tra i membri del focus (Rabiee 2004). I dati raccolti sono stati analizzati utilizzando l approccio interpretativo (Palmer et al. 2010; Krueger 1994) solitamente impiegato per i focus group tradizionali, facilitato dalla modalità online che fornisce contestualmente la traccia delle interazioni dei partecipanti. Le tecno-mamme del campione possiedono almeno un account su un social network, generalmente su Facebook (Twitter è un social media noto, ma di fatto scarsamente utilizzato dal target, così come LinkedIn, più diffuso in ambito professionale) e da quanto emerge dalla ricerca lo utilizzano secondo una duplice prospettiva relazionale: come un estensione della possibilità di relazione con amici o familiari considerati lontani, e come utile strumento nell ambito di un processo di ricerca di informazioni, per potenziare il confronto e la condivisione con altri genitori o consumatori e giungere così ad un «consumo informato» e consapevole Si ringrazia la community di Mammeacrobate per il supporto gentilmente offerto alla nostra ricerca. 278

7 5.1. Social media e nuove forme di socialità Come è noto, le abitudini dei consumatori, i modi di vivere e dunque i consumi stessi si stanno profondamente trasformando proprio grazie all influenza delle nuove tecnologie, indipendentemente dalla loro provenienza geografica. Infatti, le partecipanti alla ricerca dichiarano che i social media costituiscono la principale fonte per la ricerca di informazioni nei loro processi di acquisto, a maggior ragione se si tratta di prodotti per la prima infanzia, per i quali il livello di attenzione risulta particolarmente elevato. Tutte le partecipanti ai focus leggono opinioni di altri consumatori su forum, blog o spazi di condivisione delle esperienze di «mammitudine», come loro stesse amano definire i loro moms blog o le community, ed oltre il 50% di esse dichiara anche di partecipare attivamente a tali discussioni; inoltre, la maggior parte del target afferma di non comprare un prodotto dopo aver letto un giudizio negativo da parte di altri utilizzatori, mettendo così in luce le potenzialità del word-of-mouth online (Bonsu 2011). Coerentemente con quanto afferma la letteratura (Berthon et al. 2007), i consumatori attraverso queste nuove forme di socialità assumono un ruolo attivo nel processo di comunicazione e di costruzione della reputazione della marca: diffondono le proprie esperienze, esprimono giudizi e scambiano consigli per essere in grado di compiere scelte informate e intelligenti influenzando e decretando il successo o l insuccesso di un brand, di un prodotto o di un servizio. Proprio a partire da tali considerazioni, i risultati in termini di notorietà e credibilità di Tommee Tippee, a distanza di poco più di un anno e mezzo dall inizio delle attività di comunicazione sul mercato italiano 3, possono essere considerati più che soddisfacenti. Infatti, le intervistate attribuiscono al brand inglese un elevato livello di affidabilità, innovazione e funzionalità, riconosciuti quali principali punti di forza della marca; inoltre, tra gli aspetti positivi rilevati, l innovazione della marca trova espressione anche nella capacità di comprendere la valenza dei social media e della forma del dialogo come dinamica essenziale di relazione tra marca e consumatori. Le tecno-mamme apprezzano la possibilità di trovare nel proprio social network input informativi riguardanti prodotti e servizi del brand 3 La pagina Facebook e l account Twitter sono stati aperti all inizio di novembre 2010, il primo post Facebook risale al 10 del mese e il primo tweet al 5. Precedentemente i prodotti erano presenti in alcuni punti vendita, ma senza alcun supporto alla marca in termini di comunicazione. 279

8 e, parallelamente, valutano positivamente l empowerment del consumatore (Bornemann et al. 2006), ossia il potere fornito agli utenti che, grazie alle nuove tecnologie, possono non solo relazionarsi e confrontarsi, nel caso specifico sui temi della genitorialità e sugli aspetti del consumo connesso al mondo dei propri figli, ma anche interagire direttamente con le imprese e influenzare le scelte di consumo di altri utenti. Se comunque le tecno-mamme dimostrano di accettare di buon grado la presenza della marca nei social network, d altra parte però tendono a rifiutare la comunicazione unilaterale da parte dell azienda, prediligendo invece relazioni più profonde e coinvolgenti con il brand L utilità dei social media per le tecno-mamme Tra i contenuti prediletti dalle mamme nei social media in relazione a Tommee Tippee nella pagina Facebook in primis spiccano quelli legati all utilizzo dei prodotti, i consigli pratici derivanti dalla fonte primaria aziendale, ma anche la possibilità di conoscere in anteprima i nuovi prodotti, gli eventi o le segnalazioni in esclusiva per i Facebook Fans. Tali informazioni brand centered devono comunque essere in qualche modo contestualizzate entro una più ampia comunicazione che riguarda sempre il mondo dei bambini: ad esempio, la comunicazione sul tema del biologico per i prodotti da pappa, quella sull allattamento artificiale con i biberon, quelle di tipo medico-scientifico sull utilizzo prolungato dei ciucciotti. Altra importante spinta verso la cosiddetta brand interaction, resa possibile dai social media (Kaplan e Haenlein 2010), è data sia dai giveaway promozionali che dai contest, quei mini-concorsi connessi al brand, che consentono di vincere dei premi semplicemente commentando un articolo o partecipando attivamente alla pagina Facebook dedicata. Al riguardo, la ricerca ha messo in luce che i giveaway ospitati lo scorso anno dai mommy blog A prova di Mamma, Mamme nella rete o MammaF.it 4 hanno potenziato il «feeling» positivo dei partecipanti verso la marca Tommee Tippee. 4 (visitato il 28/01/2012), (visitato il 16/03/2012) e mammaf.it/ttgiveaway.html (visitato il 16/03/2012). 280

9 Lo stesso è accaduto con il contest dal titolo «Un pensiero stupendo per il tuo bambino» ospitato lo scorso anno da MammaOggi 5 durante il periodo di San Valentino. Tale dato rafforza l idea che i brand debbano interagire con i social network in modo articolato, anziché cercare soltanto di spingere gli utenti a visitare il sito dell azienda di riferimento La fiducia nel social networking Dalla ricerca emerge, inoltre, un forte senso di fiducia all interno delle comunità di social networking: le mamme si fidano dei consigli delle altre mamme online, o comunque di quei social network che hanno scelto di seguire, molto di più di quanto non avvenga nei confronti delle inserzioni pubblicitarie su mezzi tradizionali. Ciò determina una potente influenza da parte di questi social media sul target in esame che si concretizza sotto forme diverse di raccomandazione sociale online (Riegner 2007; Creative Common 2011) da parte di quelli che di fatto si configurano come nuovi network di opinion leader; tale raccomandazione sociale si può configurare secondo quanto emerso dalla presente ricerca come segnalazione diretta (Lampe et al. 2007; Donath 2007), mediante l inoltro ai propri amici o conoscenti di inserzioni pubblicitarie, oppure si può presentare sotto forma di segnalazione indiretta, ossia di spinta alla visita di altri siti web per approfondire quanto visto sui social media di amici o comunque di persone di fiducia. 6. Conclusioni La crescente diffusione della tecnologia ha radicalmente cambiato il rapporto tra le imprese e i consumatori: in particolare, la partecipazione di massa permessa dai social media ha reso la voce dei consumatori estremamente influente. È dunque facilmente comprensibile il motivo per cui è in costante ascesa il numero di imprese che utilizzano gli strumenti del marketing digitale, e in particolare i social media, per interagire con i diversi stakeholder, in primis con i consumatori e fra questi, con le tecnomamme, particolarmente sensibili alle nuove strategie social. 5 (visitato il 16/03/2012). 281

10 La ricerca empirica condotta dalle autrici ha messo in luce come le tecno-mamme, attive frequentatrici della Rete, e in particolare dei social network nonché di blog e community correlati al tema della maternità, siano consapevoli che l innovazione della marca Tommee Tippee trova espressione anche nella capacità di comprendere la valenza dei social media e del dialogo come dinamica essenziale di relazione tra impresa e consumatori. Le intervistate, se messe a confronto con spazi brandizzati, sono interessate non solo alla comunicazione relativa ai prodotti e alle loro performance, ma richiedono all impresa informazioni ad ampio spettro inerenti la sfera della genitorialità. A conferma delle evidenze emerse da altre ricerche (Dubini e Cerri 2011), l autorevolezza della fonte aziendale è passata al vaglio di un processo di comunicazione orizzontale a cui le mamme digitali dimostrano di dare sempre maggior credito: a loro resta sempre l ultimo «word-of-mouth» amplificato e accelerato dalla viralità della comunicazione. Apprezzate ed ampiamente messe in pratica sono quindi le pratiche di consumer empowerment che consentono alle consumatrici di interagire direttamente con le imprese e di esercitare influenza sulle scelte di consumo di altri utenti. Dalla ricerca è emerso quindi che per acquisire importanza nell agenda setting delle tecno mamme, le imprese possono sicuramente utilizzare i social media, assieme agli altri mezzi classici di comunicazione, ma devono conferire loro dei contenuti realmente rilevanti, che possono e debbono essere individuati attraverso un monitoraggio costante dei dialoghi online (Mortara e Sinisi 2005), e che contribuiscano ad attribuire all impresa la sicurezza di una fonte specializzata. La sempre maggiore rilevanza della dimensione sociale nelle relazioni tra consumatori e tra aziende e consumatori conferma quanto già affermava Tim O Reilly (2007): il Web 2.0 e tutti gli strumenti di interconnessione non sono una tecnologia, bensì un attitudine che porta al centro le persone e la riscoperta del valore della relazione sociale. Riferimenti bibliografici A.A.V.V. (2011). Social media: il passaparola ideale per i manager. 4 giugno, (visitato il 12/03/12). Bailey M.T. (2008). Mom 3.0: Marketing with Today s Mothers by Leveraging New Media & Technology. Deadwood pub: Or. 282

11 Ba r w i s e P., Farley J.U. (2005). The State of Interactive Marketing in Seven Countries: Interactive Marketing Comes of Age. Journal of Interactive Marketing, vol. 19, n. 3, pp Bennett S. (2012). Just How Big Is Twitter in 2012?, Infographic, 23 febbraio, (visitato il 13/03/12). Berthon P., Pitt L., McCa r t h y I., Kates S. (2007). When Customers Get Clever: Managerial Approaches to Dealing with Creative Consumers. Business Horizons, vol. 50, n. 1, pp Bonatti C. (2004). I focus group on line. In G. Di Fraia (a cura di), E-research. Internet per la ricerca sociale e di mercato. Milano: Laterza, pp Bonsu S. (2011). Mom 2.0: Blogging in the Age of Cyber Moms, (visitato il 07/03/2012). Bo r n e m a n n D., Ha n s e n U., Rezabakhsh B., Sc h r a d e r U. (2006). Consumer Power: A Comparison of the Old Economy and the Internet Economy. Journal of Consumer Policy, vol. 29, n. 3, pp Ca l d e r B.J. (1977). Focus Groups and the Nature of Qualitative Marketing Research. Journal of Marketing Research, vol. 14, n. 3, pp Creative Co m m o n (a cura di) (2011). Facebook Likes Button, whitepaper, (visitato il 07/03/2012). Co v a B., Dalli D. (2009). Working Consumers: The Next Step in Marketing Theory? Marketing Theory, vol. 9, n. 3, pp Denegri-Kn o t t J., Zw i c k D., Schroeder J. (2006). Mapping Consumer Power: Integrative Framework for Marketing and Consumer Research. European Journal of Marketing, vol. 40, n. 9, pp Di Fraia G. (a cura di) (2011). Social media marketing. Manuale di comunicazione aziendale 2.0. Milano: Hoepli. Do n a t h J. (2007). Signals in Social Supernets. Journal of Computer Mediated Communication, vol. 13, n. 1, article 12, (visitato il 18/03/12). Du b i n i P., Campana M. (2009). Costruirsi un opinione: le mamme e la ridondanza informativa. Quaderno Ask 2/2009, Università Commerciale Luigi Bocconi. Du b i n i P., Cerri M. (2011). La consapevolezza delle mamme: contenuti e fonti nel processo informativo. Quaderno Ask 2/2011, Università Commerciale Luigi Bocconi. Fombrun C., Van Riel C. (1997). The Reputational Landscape. Corporate Reputation Review, vol. 1, n. 1/2, pp Il i n c a D. (2010). Google Buzz for Business: How Businesses Can Capitalise on the New Social Network, Buzz-for-Business (visitato il 23/08/2011). 283

12 Kaplan A.M., Haenlein M. (2010). Users of the World, Unite! The Challenges and Opportunities of Social Media. Business Horizons, vol. 53, n. 1, pp Krueger R.A. (1994). Focus Groups: A Practical Guide for Applied Research. Thousand Oaks, Ca: Sage Publications. La m p e C., Ellison N., Steinfeld C. (2007). A Familiar Face(book): Profile Elements as Signals in an Online Social Network. Proceedings Chi 2007, Acm Press, pp Lo p e z L.K. (2009). The Radical Act of «Mommy Blogging»: Redefining Motherhood through the Blogosphere. New media & society, vol. 11, n. 5, pp Ma n n C., Stewart F. (2000). Internet Communication and Qualitative Research. A Handbook for Researching on Line. London: Sage. Mazin L. (2012). Branding and How It Works in the Social Media Age. aytm.com/blog/research-junction/branding-and-how-it-works-in-the-socialmedia-age/ (visitato il 13/03/12). Mortara A., Sinisi V. (2005). La comunità di marca in Internet: mondi possibili in continua evoluzione. In A. Milanaccio (a cura di), Immaginario e società globale, Lecce: Manni Editore, pp Mortara A., Sinisi V. (2011). Building Corporate Reputation through Social Media: The Case of Tommee Tippee in Italy. Atti del XXII Convegno Annuale di Sinergie, Università Iulm, Milano, novembre. Mullan E. (2009). Mom 3.0: Marketing to High-Tech Moms, 27 febbraio, (visitato il 10/09/2011). Murray P. (1997). Using Virtual Focus Groups in Qualitative Health Research. Qualitative Health Research, vol. 7, n. 4, pp Nielsen NetRatings (2008/2009), Winter Ed. O Reilly T. (2007). What is Web 2.0: Design Patterns and Business Models for the Next Generation of Software. Communications & Strategies, n. 65, First Quarter, (visitato il 05/03/2012). Osservatorio Iulm (2012). Il SocialMediAbility delle Aziende Italiane: un anno dopo, ricerca presentata il 15 marzo, Milano: Università Iulm. Pa l m e r M., Larkin M., d e Visser R., Fa d d e n G. (2010), Developing an Interpretative Phenomenological Approach to Focus Group Data, Qualitative Research. Psychology, vol. 7, n. 2, pp Rabiee F. (2004). Focus-Group Interview and Data Analysis. Proceedings of the Nutrition Society, vol. 63, pp Razorfish, CafeMo m (2009), Digital Mom. A Two-part Report. razorfish.com (visitato il 05/03/2012) Riegner C. (2007). Word of Mouth on the Web: The Impact of Web 2.0 on Consumer Purchase Decisions. Journal of Advertising Research, vol. 47, n. 4, pp Ro s c i o n i V. (2011). TecnoMamme in rete, 2 febbraio. baby_boom/ /tecnomamme-in-rete (visitato il 10/05/2011). 284

13 Sc a r b o r o u g h Market Research (2011). MomBloggers. com/press_releases/scarborough-mom-bloggers-infographic.pdf (visitato il 20/05/2012). Stewart K., Williams M. (2005). Researching Online Populations: The Use of Online Focus Groups for Social Research. Qualitative Research, vol. 5, pp

14

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet 2 app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet L integrazione delle piattaforme è il concetto

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

LA TUA ASSICURAZIONE SULLA CARRIERA: FAR LAVORARE I SOCIAL MEDIA PER TE

LA TUA ASSICURAZIONE SULLA CARRIERA: FAR LAVORARE I SOCIAL MEDIA PER TE LA TUA ASSICURAZIONE SULLA CARRIERA: FAR LAVORARE I SOCIAL MEDIA PER TE LA TUA POLIZZA D ASSICURAZIONE SULLA CARRIERA: FAR LAVORARE I SOCIAL MEDIA PER TE I social media impattano praticamente su ogni parte

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com #TTTourism // 30 settembre 2014 - Erba Hootsuite Italia Social Media Management HootsuiteIT Diego Orzalesi Hootsuite Ambassador Programma

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

I fashion blogger più influenti sui social

I fashion blogger più influenti sui social I fashion blogger più influenti sui social Mercato: Italia 1 luglio 14 settembre 2014 @blogmeter Di cosa parla la nostra ricerca Blogmeter 2014 www.blogmeter.it 2 Di cosa parleremo FACEBOOK TWITTER INSTAGRAM

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

Vademecum. Pubblica Amministrazione e social media

Vademecum. Pubblica Amministrazione e social media Vademecum Pubblica Amministrazione e social media Il presente documento, realizzato nell ambito delle attività finalizzate alla elaborazione delle Linee guida per i siti web delle Pubbliche Amministrazioni

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

l Engagement del Paziente e la Brand Awareness Digitale Milano, 2 Luglio 2015

l Engagement del Paziente e la Brand Awareness Digitale Milano, 2 Luglio 2015 1 EDIZIONE Digital Pharma Confrontati con le migliori Best Practices per rafforzare l Engagement del Paziente e la Brand Awareness Digitale Milano, 2 Luglio 2015 Ascolta le aziende che stanno vivendo il

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication A.A. 2011/2012 Master specialistico

Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication A.A. 2011/2012 Master specialistico Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication A.A. 2011/2012 Master specialistico Il Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication è un percorso formativo post-laurea

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

OGGETTO, FINALITÀ E DURATA

OGGETTO, FINALITÀ E DURATA SELEZIONE PUBBLICA PER L INDIVIDUAZIONE DI UN SOGGETTO CUI CONSENTIRE LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DELLE PAGINE SOCIAL DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO OGGETTO, FINALITÀ E DURATA Il crescente sviluppo

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche ISTRUZIONI PER Usare in modo consapevole i motori di ricerca Valutare un sito web ed utilizzare: Siti istituzionali

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

REAL ESTATE. Il software per la gestione della presenza online per le agenzie immobiliari

REAL ESTATE. Il software per la gestione della presenza online per le agenzie immobiliari REAL ESTATE Il software per la gestione della presenza online per le agenzie immobiliari è un sistema progettato per garantire la semplice gestione della presenza online per le agenzie immobiliari. Il

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

professionisti nel far crescere le aziende

professionisti nel far crescere le aziende professionisti nel far crescere le aziende web / information technology marketing strategico direct marketing social media marketing marketing non convenzionale strategie mobile eventi e ufficio stampa

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

FACEBOOK & CO SOCIAL NETWORK: ATTENZIONE AGLI EFFETTI COLLATERALI AVVISO AI NAVIGANTI

FACEBOOK & CO SOCIAL NETWORK: ATTENZIONE AGLI EFFETTI COLLATERALI AVVISO AI NAVIGANTI SOCIAL NETWORK: ATTENZIONE AGLI EFFETTI COLLATERALI FACEBOOK & CO AVVISO AI NAVIGANTI TI SEI MAI CHIESTO? CONSIGLI PER UN USO CONSAPEVOLE DEI SOCIAL NETWORK IL GERGO DELLA RETE SOCIAL NETWORK: ATTENZIONE

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life Form@re, ISSN 1825-7321 Edizioni Erickson, www.erickson.it Questo articolo è ripubblicato per gentile concessione della casa editrice Edizioni Erickson. Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Ecco come farsi ascoltare dai clienti

Ecco come farsi ascoltare dai clienti Ecco come farsi ascoltare dai clienti L 80% dei clienti non guarda la pubblicità, il 70% rifiuta le chiamate di vendita, il 44% non apre le email: il cliente ha chiuso la porta. La soluzione al problema

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli