Progetto integrato di ricerca scientifica e tecnologica per il monitoraggio ambientale e climatico nelle zone montane. A project promoted by

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto integrato di ricerca scientifica e tecnologica per il monitoraggio ambientale e climatico nelle zone montane. A project promoted by"

Transcript

1 Progetto integrato di ricerca scientifica e tecnologica per il monitoraggio ambientale e climatico nelle zone montane A project promoted by

2 Vision Rispondere alle esigenze e alle priorità individuate da istituzioni di ricerca e agenzie internazionali riguardo la comprensione dei cambiamenti climatici e dei relativi impatti in alta montagna grazie a ricerche sull ambiente eseguite in stazioni di alta quota. Mission Contribuire allo studio degli impatti del cambiamento climatico nelle regioni montane e alla promozione di strategie di adattamento, fornendo informazioni accurate nell ambito di più discipline ambientali (cambiamenti della composizione atmosferica e qualità dell aria, glaciologia e idrologia, conservazione degli ecosistemi e biodiversità, limnologia e qualità dell acqua, medicina ambientale), attraverso attività di monitoraggio ambientale a lungo termine nelle regioni montane. Priorità Studio e analisi degli impatti dei cambiamenti climatici e delle pressioni antropiche in aree di alta montagna Creazione di un sistema di osservazioni ambientali in aree montane per di monitoraggio ambientale a lungo termine Realizzazione di un sistema informativo riferito ad ambiente, clima e montagne Attività di supporto ai governi per l adozione di corrette politiche ambientali Sviluppo di collaborazioni con agenzie internazionali, enti e istituzioni di ricerca Trasferimento delle conoscenze scientifiche alle istituzioni e centri di ricerca locali 1

3 SHARE Stazioni ad Alta Quota per la Ricerca sull Ambiente è un progetto ambientale integrato promosso da Ev-K2-CNR nel 2005 ed è focalizzato sulle regioni montane come indicatori primari del cambiamento climatico. Lanciato originariamente come un sistema di misure nelle scienze ambientali e della Terra nell Himalaya-Karakorum, SHARE ha poi esteso la sua rete osservativa all Africa (Rwenzori), all Europa (Alpi e Appennini) e, più recentemente, al Sud America (Ande) Dal 2005 a ora, SHARE ha modificato la sua struttura, divenendo un progetto Ev-K2-CNR di ricerca complesso, integrato e multidisciplinare sul monitoraggio climatico e la dinamica del clima in molte aree montane nel mondo. SHARE risponde alle richieste delle istituzioni internazionali e intergovernative per il miglioramento della ricerca ambientale e le politiche d adattamento agli effetti del cambiamento climatico, nonché ai bisogni e alle priorità identificate da UNEP e da altre agenzie internazionali e istituzioni di ricerca per la comprensione del cambiamento climatico e dei suoi impatti (WMO, UNFCCC, FAO, IGBP, ) Obiettivi specifici di SHARE sono il miglioramento delle conoscenze scientifiche sulla variabilità del clima e sugli impatti del cambiamento climatico, assicurando la disponibilità di dati a lungo termine e di alta qualità. Per questo obiettivo è stata implementata una rete globale di osservazioni in montagna sulla composizione atmosferica, la meteorologia e la glaciologia, l idrologia e le risorse idriche, la biodiversità e la salute. Le attività di SHARE includono l ideazione di strategie d adattamento agli effetti del cambiamento climatico. Ciò si pone nel contesto della risoluzione dell Assemblea Generale dell ONU nella 78 sessione plenaria riguardante lo Sviluppo Sostenibile in Montagna (UN, A/Res/62/196, 2008): Le montagne forniscono informazioni sul cambiamento globale attraverso fenomeni come la modificazione della biodiversità, il ritiro dei ghiacciai montani e i cambiamenti nel bilancio idrologico stagionale, che possono avere conseguenze sulle maggiori fonti di acqua dolce del mondo. L iniziativa sottolinea la necessità di intraprendere azioni per minimizzare gli effetti negativi di questi fenomeni. Lo sviluppo sostenibile delle montagne è una componente chiave per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio in molte regioni del mondo. Gli sviluppi tecnologici e la costruzione di competenze sono a loro volta obiettivi del progetto SHARE. In particolare, le istituzioni locali sono coinvolte direttamente nelle attività di monitoraggio e di ricerca, assicurando un sostegno continuo alle politiche di gestione ambientale e ai processi decisionali nei paesi in via di sviluppo (UNEP Piano Strategico di Bali), considerando anche le relazioni con il sistema sociale, e ricerca invariabilmente una collaborazione stretta con gli stakeholders. SHARE comprende molte attività di ricerca ambientale, che sono sviluppate secondo quattro Working Packages (WPs), fortemente correlati tra di loro: 2 WP 1: Ricerca Scientifica WP 2: Ricerca Tecnologica WP 3: Sistema Informativo WP 4: Costruzione di Competenze

4 WP1: Ricerca Scientifica SHARE promuove ricerche scientifiche ambientali multidisciplinari legate allo studio dei cambiamenti climatici e a fenomeni caratteristici delle regioni montane in sei aree tematiche: atmosfera, glaciologia, energia e ciclo dell acqua, limnologia, biodiversità e risorse naturali, medicina e ambiente, ed ognuna di queste aree tematiche corrisponde a un programma di lavoro incluso in questo WP. Il cuore delle attività di ricerca di SHARE è costituito dal suo sistema di monitoraggio. Oggi, la rete di SHARE include dodici stazioni meteorologiche automatiche (AWS) e due stazioni di monitoraggio atmosferico ubicate ad alta quota, principalmente in aree protette (Parco Nazionale del Sagarmatha in Nepal, Parco Nazionale del Karakorum Centrale in Pakistan, Parco Nazionale del Rwenzori in Uganda, Parco Nazionale dello Stelvio e Parco Regionale degli Appennini di Frignano in Italia), e dedicate all acquisizione diretta di dati di qualità a lungo termine. 3

5 WP 1.1 Atmosfera I siti di misura ad alta quota rappresentano luoghi adatti dove la composizione atmosferica, le sue variazioni a breve e a lungo termine e i processi chiave a loro collegati possono essere investigati efficacemente. In particolare, gli osservatori ad alta quota possono fornire un quadro chiaro delle condizioni di background (ossia non direttamente influenzate dall intervento umano) che caratterizzano la bassa troposfera libera. Per questa ragione, all interno del WP Atmosfera di SHARE, in siti montani d alta quota selezionati e rappresentativi, sono state messe in atto attività di monitoraggio dedicate all investigazione della variabilità della composizione atmosferica, della meteorologia ed anche dei flussi radiativi solari ed infrarossi. Grazie al sostegno diretto di Ev-K2-CNR e alla collaborazione con molte Istituzioni di ricerca italiane ed internazionali, queste attività sperimentali sono al momento portate avanti in Italia, Nepal, Pakistan e Uganda. 4

6 I focal point di questa rete globale sono rappresentati dalla Stazione CNR O. Vittori al Monte Cimone (ICO-OV, 2165 m slm, Appennini settentrionali), che è ospitata dal Servizio Meteo dell Aeronautica Militare, e dall Osservatorio Climatico del Nepal Piramide (NCO-P, 5179 m slm, valle del Khumbu), non lontano dal Laboratorio Internazionale della Piramide e dal Campo Base dell Everest, gestito da Ev-K2-CNr e dal NAST in collaborazione con ISAC-CNR, LGGE-CNRS con ulteriore assistenza dall ENEA e dall Università di Urbino. Entrambe queste strutture di ricerca di ricerca sono parte del programma Global Atmospheric Watch (GAW) dell Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO). Recentemente la stazione NCO-P è stata riconosciuta come 33esima Stazione Globale inclusa nel GAW. L obiettivo principale di queste attività è costituito dall identificazione e dall investigazione dei processi in grado di determinare la variabilità (su scale di tempi brevi e lunghe) dei composti atmosferici (gas in traccia e aerosol) anche per fornire informazioni affidabili riguardo i loro possibili impatti sul clima regionale e globale, sull ecosistema e sulla salute della popolazione. A questo scopo si effettuano nelle regioni montane d alta quota le attività sperimentali riguardo l osservazione della composizione atmosferica, la meteorologia e i flussi radiativi solari e infrarossi Progetto Pilota: ABC la mobilità, attività industriali e veicolari. Questo conduce alla crescita di emissioni antropogeniche inquinanti, come mostrato da studi recenti di UNEP (Programma Ambientale delle Nazioni Unite). Queste emissioni incrementano le concentrazioni di aerosol, gas serra e precursori dell ozono, favorendo episodi d intenso smog fotochimico e determinando l occorrenza delle cosiddette ABC, in particolare durante le stagioni secche. Per questa ragione, le attività SHARE-ABC si sviluppano principalmente nelle aree montane a determinare le condizioni di salute dell atmosfera e dove l identificazione tempestiva del particolarmente efficace. del Nepal che sono adatte cambiamento climatico è 5

7 Alla stazione NCO-P, oltre all accurata descrizione delle condizioni di fondo dell atmosfera sull Himalaya del Sud, le osservazioni effettuate dal 2006 hanno mostrato che punti caldi delle Brown Cloud possono influenzare l Alto Himalaya durante il pre-monsone, con livelli molto alti di black carbon, ozono, particelle fini e grossolane, e alto coefficiente di scattering. Una connessione satellitare con la NCO-P rende possibile la comunicazione da remoto con i terminali e gli strumenti di misura, che divengono direttamente accessibili dall ISAC-CNR di Bologna. Il controllo di qualità degli strumenti e dei dati sono in atto in continuo secondo le procedure del GAW-WMO, di AERONET, di EUSAAR, di AGAGE e di CEOP. Una seconda stazione della rete SHARE sarà installata in Pakistan. Studi preliminari sono in atto allo scopo d identificare l area più rappresentativa della regione del Gilgit-Baltistan. 6

8 WP 1.2 Glaciologia: La componente criosferica, ossia ghiacciai e permafrost, è l indicatore più sensibile e affidabile del cambiamento climatico nell ambiente montano d alta quota. Inoltre, è stata identificata in molte ricerche l importanza della criosfera montana in termini di sistemi ambientali (ad esempio l idrologia, o la vegetazione) ed economici (ad esempio il turismo, la gestione delle acque). La quantificazione della quantità di neve e di ghiaccio in montagna, che risponde alla variabilità del clima, è di cruciale importanza per determinare il bilancio idrico dei singoli bacini, in termini di acqua disponibile per i corpi fluviali a seguito del disgelo primaverile e invernale. Ogni cambiamento sostanziale nella quantità di neve e nella copertura glaciale ha un impatto significativo sul flusso dei principali bacini fluviali, non solo in ragione dei cambiamenti nella quantità e nelle tempistiche del ruscellamento, ma anche in ragione dell incremento delle possibilità di piene, di erosione, e dei rischi naturali a loro connessi. Questo WP gestisce le ricerche scientifiche effettuate ad alta quota sulle Alpi e sulle catene dell Himalaya e del Karakorum. Il WP si propone di quantificare l entità e i tassi dell ablazione nivale e glaciale, e di valutare gli impatti dell ablazione sull idrologia dei bacini montani d alta quota e di identificare le complesse relazioni reciproche con il sistema climatico. 7

9 Progetto Pilota: SHARE PAPRIKA Karakoram (CryosPheric responses to Anthropogenic PRessure in the Hindu Kush Karakoram HimalayA regions): impatti sulle risorse idriche e loro disponibilità Le regioni montane dell Hindu, Kush, Karakoram and Himalaya (HKKH) sono ricoperti da una grande distesa di ghiaccio a tale punto da essere considerate il terzo polo del nostro pianeta. In quest area i ghiacciai giocano il ruolo di torri d acqua nel bilancio idrologico della regione, e forniscono una quantità significativa di acqua, specialmente nella stagione secca, per l agricoltura, la produzione di energia elettrica e di acqua potabile. In particolare si è stimato che, indicativamente, più del 50% dell acqua che scorre nel fiume Indo è originaria del Karakoram, a seguito dello scioglimento dei ghiacciai. Nell ultimo anno, la maggior parte dei ghiacciai localizzati nella regione del HKKH si stanno ritirando e perdendo la loro massa, comportando conseguenze negative sia in termini di trend allarmanti si in termini di carico atmosferico. Il progetto PAPRIKA che include i progetti nazionali (Italiano e Francese) PAPRIKA- Karakoram e PAPRIKA-Himalayas è interessato a determinare lo stato dei ghiacciai e delle riserve idriche nella regione del HKKH e a stimare le loro future condizioni in differenti scenari climatici, con speciale attenzione al ruolo degli aerosol. All interno del progetto PAPRIKA sarà sviluppato un integrato sistema per l analisi della composizione atmosferica e il clima, i fenomeni che regolano i trasporti atmosferici, la copertura nevosa e i ghiacciai, le risorse idriche e i modelli idrologici. Tale sistema permetterà di elaborare una stima quantitativa delle interazioni tra le missioni antropogeniche e la variabilità monsoniche nella regione del HKKH. Il progetto coinvolge molti ricercatori francesi (LTHE, LGGE) e italiani (Ev-K2-CNR, ISAC-CNR, Università di Milano) e collaboratori locali in Nepal e Pakistan. 8

10 Progetto Pilota: SHARE STELVIO Il progetto SHARE STELVIO è un integrato programma di ricerca interdisciplinare sviluppato per investigare le evidenze del cambiamento climatico nel Parco Nazionale dello Stelvio, in Italia. Questo programma è finanziato da Regione Lombardia attraverso un accordo con la Fondazione Lombardia per l Ambiente (FLA), partner scientifico del programma. Scopo principale del progetto è rilevare e descrivere da un punto di vista quantitativo le evidenze e gli effetti del cambiamento climatico nel settore lombardo del Parco Nazionale dello Stelvio (che ha un estensione superficiale di ca. 600 km2 ) attraverso l installazione di un sistematico, coordinato e permanente sistema di monitoraggio ambientale che permetterà di valutare la composizione, la qualità e variabilità degli alti strati dell atmosfera e gli effetti sulle risorse idriche alpine (es. neve, ghiaccio e fiumi). Inoltre i dati raccolti e i modelli applicati potrebbero essere usati per proporre strategia di adattamento e di gestione dell uso delle risorse idriche naturali. In vista dell EXPO 2015, questo sistema di monitoraggio ambientale fornirà a livello regionale (Regione Lombardia), nazionale (Alpi) ma anche a scala globale, un innovativo e importante studio interdisciplinare sul cambiamento climatico e i suoi impatti sull atmosfera e sulle risorse idriche di queste montagne. 9

11 WP1.3 Energy and Water Cycle La necessità di adottare un approcio integrato nell osservare, prevedere e studiare il fenomeni idro-meteorologici e fisici e i processi dinamici delle regioni di alta quota è stata riconosciuta dai maggiori programmi e organizzazioni internazionali. Con il riscaldamento globale, sembra che il ciclo idrologico nelle aree montane si stia intensificando, comportando un cambiamento di frequenza e di intensità delle innondazioni e della siccità. Il regime di scarico può anche cambiare come risultato dello spostamento nella composizione delle specie degli ecosistemi montani. Inoltre, con la continua fusione dei ghiacciai, della neve e della copertura glaciale, l approvvigionamento idrico non potrebbe essere più garantito a milioni di persone, con conseguente mancanza di acqua e potenziali conflitti sociali. Progetto Pilota: SHARE-High Elevations (HE) High Elevations (HE) è un iniziativa promossa da GEWEX Hydroclimatic Panel (GHP), formalmente, Coordinated Energy and water cycle Observations Project (CEOP) of the World Climate Research Programme (WCRP) Global Energy and Water cycle Experiment (GEWEX). HE vuole essere un concentrato di sforzi nazionali ed internazionali, finalizzato ad incrementare le conoscenze sui processi fisici e dinamici alle alte quote, con l interesse di contribuire agli studi sul cambiamento climatico e il ciclo dell acqua. Lo scopo di HE è di studiare la variabilità a multi-scala del ciclo dell acqua e dell energia nelle alte quote migliorando le osservazioni, la modellistica e la gestione dei dati. 10

12 WP1.4 Limnology and Water Quality I laghi situati in aree remote per le loro caratteristiche biotiche e abiotiche sono ecosistemi estremamente vulnerabili e sensibili e considerati siti ideali per lo studio dei cambiamenti ambientali a lungo termine. Le condizioni climatiche estreme, caratterizzate in alcuni casi da alti livelli di precipitazioni, basse temperature, aridità ed elevata radiazione solare e ultravioletta, la presenza di suoli poco sviluppate la presenza di elevata pendenza, fa si che essi siano particolarmente sensibili ai cambiamenti ambientali. Inoltre, l alta qualità dei loro registri sedimentari ci consente di inferire con sufficiente certezza velocità, direzione e impatto biologico di fenomeni quali ad esempio le deposizioni acide, il trasporto di inquinanti atmosferici e i cambiamenti climatici su scale temporali anche molto lunghe. Il confronto dello studio di ambienti remoti posti a diverse latitudini e quindi dove la pressione esercitata dalle attività umane è molto diversa permetterà di ottenere una più approfondita conoscenza delle relazioni che intercorrono tra fattori naturali e fattori antropici nell evoluzione degli ecosistemi lacustri su scala globale. Per poter comprendere appieno questi ecosistemi e le loro variazioni sono necessari studi prolungati nel tempo e su diverse scale spaziali poiché le condizioni ambientali che influenzano gli ecosistemi e gli effetti che queste producono differiscono a seconda della prospettiva sia spaziale che temporale con cui vengono osservati. All interno di SHARE, viene applicato un approccio multidisciplinare in cui un bacino idrografico è utilizzato come appropriata area di studio, comune alle altre discipline: economia ambientale, gestione dell uso delle terre, ecologia del paesaggio, geologia al fine di analizzare e meglio comprendere la risposta degli ecosistemi lacustri al cambiamento climatico. Inoltre, sono condotti studi sulla catena trofica lacustre e sull accumulo di biomassa nei sedimenti in risposta ai fattori naturali e di disturbo, incluse le deposizioni atmosferiche. 11

13 WP1.5. Biodiversity Gli ecosistemi montani ospitano circa la metà della biodiversità del mondo e sono importanti hot spots di biodiversità. Inoltre circa il 27,6% dell area totale delle aree protette presenti nel mondo è localizzata alle alte quote. Le specie che abitano gli ecosistemi montani sono molto sensibili al riscaldamento globale perché loro sono adattate a specifiche zone altitudinali e condizioni microclimatiche. Con l incremento della temperatura, ci si attende uno spostamento altitudinale verso nord delle specie vegetali.. Cambiamenti nella composizione delle specie riguarderà anche la comunità animale, con la nascita di nuove interazioni sia a livello intra-specifiche che a livello inter-specifico (es. interazione preda/predatore). In tale contesto, SHARE promuove due progetti piloti finalizzati a migliorare le conoscenze relative agli effetti del cambiamento climatico sulla biodiversità animale nel Sagarmatha National Park (Nepal) e nel Central Karakorum National Park (Pakistan) e a conservare la biodiversità vegetale in Sagarmatha National Park 12

14 Progetto Pilota: GLOBAL CLIMATE CHANGE AND MAMMAL MONITORING PROGRAMME Nel Sagarmatha National Park, gli effetti del riscaldamento globale sulle foreste, sugli ungulati e sui predatori sono attentamente studiate e monitorate in SHARE. Due delle più importanti specie di predatori in questa area son il Leopardo delle Nevi (Uncia uncia) e il Leopardo Comune (Panthera pardus). In particolare, il Leopardo delle Nevi ha una predilezione per gli ambienti montani scoscesi, e vive alle alte quote tra i e i m, sebbene talvolta può essere occasionalmente trovato a circa m nelle regioni Himalayane. Il riscaldamento globale sta causando un spostamento verso l alto del limite della vegetazione. Per questo, il Leopardo Comune, una specie che è più adattabile e numerosa, entrerà in competizione ecologica con il Leopardo delle Nevi, e quest ultimo sarà costretto ad adattarsi a vivere nelle regioni localizzate a quote più alte, in un area localizzata oltre il limite vegetazionale. Così, il principale scopo del progetto è fare una previsione sul cambiamento climatico e sugli effetti che questo avrà sulla distribuzione della vegetazione e la competizione spaziale tra Leopardo Comune e Leopardo delle Nevi. 13 Progetto Pilota: HIMALAYAN SEED BANK Recentemente SHARE, ha promosso anche attività di ricerca sulla biodiversità vegetale in Sagarmatha National Park al fine di costruire una Banca dei Semi in Himalaya in collaborazione con le istituzioni locali finalizzate alla conservazione della biodiversità vegetale locale fortemente minacciata dal cambiamento climatico. Il subcontinente indiano è una delle aree del mondo più ricche di biodiversità (25000 specie stimate di piante vascolari), con una vegetazione naturale che va dalle foreste tropicali sempreverdi alla vegetazione alpina. L Himalaya è considerato di particolare importanza per la sua concentrazione di diversità specifica ed endemismi (Hot spot di biodiversità). Il Nepal ospita sul suo territorio una flora molto ricca (circa 6500 specie). L intero subcontinente indiano è interessato da una continua perdita di biodiversità dovuta a vari fattori: deforestazione, sovra-pascolo intensivo, erosione del suolo, inquinamento ambientale, cambiamenti nell uso del suolo. A questi fattori vanno aggiunti i cambiamenti climatici, con importanti conseguenze attese a medio-lungo termine, anche se pochi studi e modelli sono al momento disponibili. Lo studio di fattibilità condotto in questi mesi è un importante step per studiare la flora in Sagarmatha National Park, in particolare le specie alpine e nivali, per completare una lista delle specie presenti nell area, per lo più alle alte altitudini,e studiare la loro posizione attuale, tentando di fare previsioni circa la loro futura distribuzione, in relazione alla capacità di dispersione del seme, alla topografia, all altitudine ed alle condizioni climatiche presenti ed attese in futuro. Dopo questo, si vorrebbe valutare la capacità di sopravvivenza dei semi di queste piante al di fuori del loro habitat naturale, in strutture tecnologiche normalmente utilizzate per lo stoccaggio dei semi degli embrioni per lunghi periodi.

15 WP1.6. Medicine L inquinamento atmosferico è una causa rilevante di mortalità e di morbilità. L impatto maggiore si ha nelle popolazioni più povere e più vulnerabili dove si verifica la maggiore esposizione in termini di numero di persone, livello e durata dell esposizione. E stato calcolato che circa il76% di tutto il particolato si concentra negli ambienti confinati dei paesi in via di sviluppo. Un problema ancora non risolto e non ben conosciuto è quello dell inquinamento ambientale che deriva dall uso della biomassa come combustibile. Sono sempre più numerose le evidenze che correlano all inquinamento indoor un aumentato rischio di infezioni respiratorie, di riacutizzazione di patologie infiammatorie croniche, di patologie cardiovascolari ed oculari. Di fronte a tale scenario, il principale scopo di SHARE è di quantificare l impatto dell inquinamento atmosferico interno alle abitazioni sulla salute umana. Le attività condotte nel villaggio di Thame (un villaggio a 3,600 m in Khumbu Valley, Nepal), coinvolgono tutti gli abitanti con età superiore ai 14 anni (60 uomini e 55 donne) con la somministrazione di test di spirometria e di questionari finalizzati alla conoscenza dell eventuale presenza di sintomi respiratori, legatoi all utilizzo di combustibili usati per cucinare e riscaldare e alla presenza /mancanza di camini. L inquinamento, sia interno che esterno è misurato in collaborazione con la Katmandu University. I risultati mostrano un alta incidenza di ostruzioni bronchiali, bassa incidenza di inquinamento outdoor, la presenza di inquinamento indoor. 14

16 WP 2: System Technology SHARE trova attuazione anche nello sviluppo ed innovazione tecnologica riguardante attrezzature e strumenti di controllo da utilizzare per il monitoraggio climatico in aree montane, rivolto all impiego ed all applicazione di tecnologie avanzate per l osservazione ed il monitoraggio dei cambiamenti climatici. In questo ambito un occhio di riguardo sarà rivolto ad attività di promozione d impresa. Le oggettive difficoltà di eseguire misure in alta quota, in particolare in aree montane di paesi in via di sviluppo, sono tra le cause principali dell attuale incompleta conoscenza dei processi climatici e ambientali che caratterizzano questi siti. Al fine di favorire processi di adattamento e mitigazione ambientale e promuovere la crescita scientifica e tecnologica dei paesi in via di sviluppo, risultano particolarmente importanti l impiego e l applicazione di tecnologie avanzate per il monitoraggio dei cambiamenti climatici. Questa componente, supportata principalmente da ricercatori italiani e francesi, contribuisce allo sviluppo tecnologico di sensori autonomi per la misurazione del particolato alle late quote. Per rispondere a queste esigenze verrà realizzato un sofisticato sistema tecnologico denominato Nano-SHARE, per superare le attuali problematiche legate all installazione di stazioni in alta quota, dovute principalmente alle condizioni estreme dell ambiente, alle difficoltà logistiche di trasporto e tecniche, ai problemi di alimentazione energetica della strumentazione e di trasmissione delle informazioni in tempo reale. Questo innovativo sistema di monitoraggio ambientale e geofisico, modulare ed integrato, estremamente agile e sofisticato che permetterà di eseguire misurazioni in siti dove la realizzazione di un laboratorio attrezzato o di una stazione standard risulterebbe troppo difficoltosa o costosa, utilizzano fonti energetiche rinnovabili e con un basso impatto ambientale. 15

17 WP 3: Sistema Informativo Le iniziative per la raccolta e la diffusione di dati ambientali, strutturati in database per applicazioni scientifiche e tecnologiche, sono varie e numerose, ma al momento non vi è un singolo punto d accesso in grado di disseminare dati ambientali ed informazioni sui risultati delle ricerche nelle aree d alta quota. In risposta alle crescenti richieste d accesso alle informazioni raccolte dalle stazioni di alta quota e ai dati ambientali acquisiti ed elaborati dai ricercatori, il Progetto SHARE propone la creazione di un sistema informativo in cui i dati e i metadati possano essere condivisi attraverso specifici servizi web. Il Sistema Informativo SHARE prevede un database GIS integrato per la gestione dei dati ambientali delle aree d alta quota. In questo contesto, SHARE sta sviluppando una piattaforma di servizi web basati sull architettura GeoNetwork Opensource, allo scopo di creare un catalogo di dati e metadati di standard internazionale al servizio della comunità scientifica. E in progresso la creazione integrata di: (i) un database condiviso per la raccolta, la gestione e l accesso a dati spaziali e non spaziali; (ii) un portale tematico dedicato per l accesso ai database distribuiti e alle stazioni d alta quota. Il portale web permetterà agli utenti e agli stakeholder di identificare e avere accesso alle informazioni da un ampia gamma di fonti, dal livello locale a quello globale. Il sistema sarà accessibile agli stakeholder interessati, come governi, consulenti, istituzioni di ricerca, decisori politici, e a tutti coloro che sono interessati allo sviluppo sostenibile e ai problemi ambientali. Sistemi informativi e database di monitoraggio ambientale in aree di alta montagna facilitano la disseminazione di conoscenze, permettendo il miglioramento della comprensione del cambiamento climatico e lo sviluppo di adeguate strategie di mitigazione e adattamento. 16

18 WP 4: Capacity Building SHARE, grazie allo stretto legame con UNEP, è chiamato a rafforzare la partnership con i Paesi in via di mettendo a disposizione dei paesi in cui opera e delle agenzie internazionali conoscenze scientifiche e competenze tecnologiche riguardanti lo studio e la promozione del monitoraggio del clima e dei suoi cambiamenti, nonché facendosi promotore di un adeguato sistema di trasferimento tecnologico. SHARE provvede, a livello governativo ed intergovernativo, di supporto in processi decisionali in campo ambientale. PARTNERS 17

19 Contact: EV-K2-CNR Committe Via San Bernardino, Bergamo Italy Web: 18

20 A project promoted by

Comunicato Stampa. n. 10/2009 17/12/2009

Comunicato Stampa. n. 10/2009 17/12/2009 Comunicato Stampa n. 10/2009 17/12/2009 Ghiacciai inquinati come le aree urbane e fusione accelerata fino al 24 per cento: lo rivelano dati del progetto Share e della Nasa COPENHAGEN, Danimarca -- Concentrazioni

Dettagli

Progetto di interesse strategico PNR 2011-2013 NEXTDATA

Progetto di interesse strategico PNR 2011-2013 NEXTDATA Progetto di interesse strategico PNR 2011-2013 NEXTDATA un sistema nazionale per la raccolta, conservazione, accessibilità e diffusione dei dati ambientali e climatici in aree montane e marine Unità CNR

Dettagli

SHARE Information System: un database geografico condiviso per il monitoraggio degli ambienti di alta quota

SHARE Information System: un database geografico condiviso per il monitoraggio degli ambienti di alta quota SHARE Information System: un database geografico condiviso per il monitoraggio degli ambienti di alta quota Maria Teresa Melis (*)(+), Francesco Dessì (*), Paolo Bonasoni (**)(+) (*) Dipartimento di Scienze

Dettagli

Himalaya. Ghiacciai inquinati come le città e fusione accelerata fino al...

Himalaya. Ghiacciai inquinati come le città e fusione accelerata fino al... 1 di 5 21/12/2009 15.05 Cambiamenti Climatici La tua idea di sostenibilità Condividila sul Blog Telecom Italia www.avoicomunicare.it Master Fotovoltaico Iscriviti al Master in Energie AIternative di ecampus.

Dettagli

SHARE: L ITALIA E IL PIANETA SOTTO OSSERVAZIONE PER L'INQUINAMENTO ATMOSFERICO

SHARE: L ITALIA E IL PIANETA SOTTO OSSERVAZIONE PER L'INQUINAMENTO ATMOSFERICO Comunicato Stampa SHARE: L ITALIA E IL PIANETA SOTTO OSSERVAZIONE PER L'INQUINAMENTO ATMOSFERICO Nepal, Pakistan, Uganda e Italia, avviata la rete SHARE per il monitoraggio ambientale in quota SHARE vuol

Dettagli

Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità. I contenuti principali della

Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità. I contenuti principali della IPCC AR5 Quinto Rapporto di Valutazione sui Cambiamenti Climatici Working Group II Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità I contenuti principali della Sintesi per i Decisori Politici

Dettagli

REPORT,HIGHLIGHTS,FOCUS

REPORT,HIGHLIGHTS,FOCUS 2012 REPORT,HIGHLIGHTS,FOCUS 1 Ev-K2-CNR Committee, Via S. Bernardino 145, Bergamo, Italia share.evk2cnr.org 2 SHARE 2012 REPORT, HIGHLIGHTS, FOCUS P. Bonasoni Responsabile di Progetto ISAC-CNR, Bologna,

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

E in funzione la rete Share per monitorare clima e ambiente. Ok Am... http://www.ok-ambiente.com/2009/12/22/e-in-funzione-la-rete-share-p...

E in funzione la rete Share per monitorare clima e ambiente. Ok Am... http://www.ok-ambiente.com/2009/12/22/e-in-funzione-la-rete-share-p... 1 di 6 22/12/2009 15.01 Cerca nel sito Home Energia nucleare Turismo responsabile Energie rinnovabili Info Registrati Il blog attento alla natura "Abbiamo la Terra non in eredità dai genitori, ma in affitto

Dettagli

I 195 paesi membri dell IPCC hanno approvato il nuovo rapporto sulle basi fisiche dei cambiamenti climatici

I 195 paesi membri dell IPCC hanno approvato il nuovo rapporto sulle basi fisiche dei cambiamenti climatici COMUNICAZIONE IPCC FOCAL POINT PER ITALIA Sergio Castellari Focal Point IPCC per l Italia Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia 27 settembre

Dettagli

a colloquio con CLAUDIO SMIRAGLIA GUGLIELMINA DIOLAIUTI

a colloquio con CLAUDIO SMIRAGLIA GUGLIELMINA DIOLAIUTI FOCUS ORIZZONTI 14th Alpine Glaciology Meeting a colloquio con CLAUDIO SMIRAGLIA e GUGLIELMINA DIOLAIUTI I ghiacciai ci parlano Intervista a Claudio Smiraglia Giovedì 25 e venerdì 26 marzo si è svolto

Dettagli

Cambiamenti climatici: Cause, effetti, rimedi (?) Maria Letizia Filippi. Il geologo e i cambiamenti climatici 29 marzo 2010

Cambiamenti climatici: Cause, effetti, rimedi (?) Maria Letizia Filippi. Il geologo e i cambiamenti climatici 29 marzo 2010 Cambiamenti climatici:, effetti, rimedi (?) Maria Letizia Filippi Il geologo e i cambiamenti climatici 29 marzo 2010 Organizzato da In collaborazione con Schema presentazione 1. Il clima 2. Il clima cambia:

Dettagli

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN I Biomi Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN La vita delle piante e degli animali delle comunità naturali è determinata principalmente dal clima

Dettagli

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini GEOGRAFIA facile per la classe quarta Le carte geografiche, il tempo

Dettagli

LE LINEE GUIDA DEL PROGETTO ACT ADAPTING TO CLIMATE CHANGE IN TIME

LE LINEE GUIDA DEL PROGETTO ACT ADAPTING TO CLIMATE CHANGE IN TIME PLANNING FOR ADAPTATION TO CLIMATE CHANGE Guidelines for municipalities No LIFE08 ENV/IT/000436 With the contribution of the LIFE financial instruments of the European Community LINEE GUIDA PER I PIANI

Dettagli

Informazione ai media. «Il cambiamento climatico e la Svizzera nel 2050»

Informazione ai media. «Il cambiamento climatico e la Svizzera nel 2050» Informazione ai media Studio OcCC/ProClim «Il cambiamento climatico e la Svizzera nel 2050» Riassunto Introduzione Il presente rapporto descrive le possibili conseguenze e la vulnerabilità dell ambiente,

Dettagli

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Srl Headquarters: Lungo Po Antonelli 21 10153, Torino P.IVA: 10189620015 Telefono: (+39) 011.81.28.684 Fax: (+39) 011.81.27.528 Web: www.envicons.com

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

SHARE STELVIO Un Parco Osservatorio per lo studio dei Cambiamenti Climatici e Ambientali in alta quota

SHARE STELVIO Un Parco Osservatorio per lo studio dei Cambiamenti Climatici e Ambientali in alta quota 1 SHARE STELVIO Un Parco Osservatorio per lo studio dei Cambiamenti Climatici e Ambientali in alta quota Abstract del progetto 1) Analisi del fabbisogno/opportunità: Il progetto è finalizzato ad individuare

Dettagli

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza ECOLOGIA I 9 marzo 2013 Mariella Nicastro Parco Regionale della Valle del Lambro CHE COS E L ECOLOGIA Se lo chiedete a tre professori,

Dettagli

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento Patto dei Sindaci e politiche per il clima: aggiornamenti e prospettive Mauro Bigi, Federico D Addato Indica srl Indice Inquadramento e aggiornamento

Dettagli

TRASPORTI OBIETTIVI INDICATORI. Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti

TRASPORTI OBIETTIVI INDICATORI. Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti OBIETTIVI Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti Quantificare l evoluzione di domanda ed intensità del trasporto Caratterizzare le tecnologie utilizzate

Dettagli

PIANO BIENNALE 2006-2007. Progetto Ev-K²-CNR Ricerca Scientifica e Tecnologica in Alta Quota PARTE OPERATIVA. Associazione Comitato Ev-K 2 -CNR

PIANO BIENNALE 2006-2007. Progetto Ev-K²-CNR Ricerca Scientifica e Tecnologica in Alta Quota PARTE OPERATIVA. Associazione Comitato Ev-K 2 -CNR PIANO BIENNALE 2006-2007 Progetto Ev-K²-CNR Ricerca Scientifica e Tecnologica in Alta Quota PARTE OPERATIVA Associazione Comitato Ev-K 2 -CNR Indice p. i SETTORE DI RICERCA: SCIENZE AMBIENTALI 1 INQUADRAMENTO

Dettagli

Clima e parametri climatici 1

Clima e parametri climatici 1 Corso di Fisica Tecnica Ambientale Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Clima e parametri climatici 1 Università

Dettagli

Lo scrivere come competenza appresa

Lo scrivere come competenza appresa ISTITUTO PROVINCIALE PER LA RICERCA, L AGGIORNAMENTO E LA SPERIMENTAZIONE EDUCATIVI Scrittura e didattica della scrittura nel biennio conclusivo dell obbligo Lo scrivere come competenza appresa Prove di

Dettagli

FluctuS Intelligent Sensor System

FluctuS Intelligent Sensor System FluctuS Intelligent Sensor System FluctuS offre una piattaforma open hardware e open software completamente ingegnerizzata per le applicazioni dell Internet of Things (IoT) e delle Smart Cities. CLOUD

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S.

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE SCIENTIFICO TECNOLOGICO SCIENZE INTEGRATE

Dettagli

Strumenti finanziari per la strategia di adattamento ai cambiamenti climatici: rischi ed opportunità

Strumenti finanziari per la strategia di adattamento ai cambiamenti climatici: rischi ed opportunità Workshop Per un contributo alla Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Strumenti finanziari per la strategia di adattamento ai cambiamenti climatici: rischi ed opportunità Piero Pelizzaro

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

Spazio Alpino ad ALPI365!

Spazio Alpino ad ALPI365! Newsletter Italia n 3/2009 ACP Alpine Contact Point ITALIA DG Territorio e Urbanistica Via Sassetti, 32/2 20124 Milano Tel. +39 02 6765 5356 Fax +39 02 6765 6716 E-mail: spazio_alpino@regione.lombardia.it

Dettagli

MUSE: il nuovo Museo delle Scienze di Trento

MUSE: il nuovo Museo delle Scienze di Trento MUSE: il nuovo Museo delle Scienze di Trento Lavinia Del Longo resp. area sviluppo IPMA Trentino Sviluppo Rovereto, 27 febbraio 2014 Origine del progetto Museo Tridentino di Scienze Naturali nato nel 1850

Dettagli

1 di 7 22/04/2011 10.47

1 di 7 22/04/2011 10.47 1 di 7 22/04/2011 10.47 Ricerca Scoperti fabbricati abusivi su rive Tevere, la reazione di Calgani Arrestati a Brescia assessori leghisti corrotti, la nota di Grazioli Home I Nostri Blog Sondaggi Parlamento

Dettagli

Il Il Programma di Azione Nazionale di lotta alla siccità e alla desertificazione

Il Il Programma di Azione Nazionale di lotta alla siccità e alla desertificazione Il Il Programma di Azione Nazionale di lotta alla siccità e alla desertificazione Rosanna Bissoli Servizio Tutela e Risanamento Risorsa Acqua Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile Bologna, 15 ottobre

Dettagli

Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia

Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia Contesto storico Il Programma ALCOTRA 2007-2013 Nell'ambito dell'obiettivo Cooperazione Territoriale 2007-2013 la Commissione europea ha approvato,

Dettagli

Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance

Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance CONVEGNO INTERNAZIONALE DARE VALORE ALLA NATURA I Servizi ecosistemici per nutrire il pianeta venerdì 12 giugno 2015 EXPO 2015 - MILANO Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance Prof. GIUSEPPE

Dettagli

I cambiamenti climatici e il Friuli Venezia Giulia

I cambiamenti climatici e il Friuli Venezia Giulia I cambiamenti climatici e il Friuli Venezia Giulia Stefano Micheletti - Andrea Cicogna Come èil clima in Friuli Venezia Giulia? Pioggia Pioggia media annua Pioggia 1961-2000 Numero di Giorni di Pioggia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA. DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde L acqua Fondamentale

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 67 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI PER EDUCARE I BAMBINI AD AMARE, RISPETTARE E CONSERVARE IL MONDO E LA NATURA. Elaborazione della figura strumentale per il curricolo

Dettagli

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente 05 Aprile 2013 Contenuti Carbon Footprint delle organizzazioni e di prodotto (ISO 14064 e PAS 2050/ISO 14067) Misurare l importa idrica

Dettagli

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera Impianto di depurazione S. Giustina (RN) Verifica di assoggettabilità L.R. 9/99 come integrata ai sensi del D. Lgs. 152/06 e s.m.i. STUDIO DI COMPATIBILITÀ AMBIENTALE Sezione di recupero fanghi di depurazione

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Presentazione Il capitolo riprende in modo organico gli aspetti metodologici e procedurali affrontati nel corso del lavoro con l obiettivo di definire

Dettagli

Impatti su ciclo idrologico e risorse idriche

Impatti su ciclo idrologico e risorse idriche Impatti su ciclo idrologico e risorse idriche Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, Università di Trento Alcune domande Che effetto avranno le variazioni climatiche sulla disponibilita futura

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra COMPETENZE DI BASE area scientifico tecnologica (Allegato A2 del DPR 15.03.2010)

Dettagli

40 anni di esperienza in tecnologie ambientali

40 anni di esperienza in tecnologie ambientali LSI LASTEM s.r.l. 40 anni di esperienza in tecnologie ambientali Dal 1972 LSI LASTEM di Milano (Italia) sviluppa, produce e commercializza una gamma completa di sistemi per misure ambientali per il monitoraggio

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

Le evidenze scientifiche del Cambiamento Climatico Globale. Marino Gatto Professore di Ecologia Politecnico di Milano

Le evidenze scientifiche del Cambiamento Climatico Globale. Marino Gatto Professore di Ecologia Politecnico di Milano Le evidenze scientifiche del Cambiamento Climatico Globale Marino Gatto Professore di Ecologia Politecnico di Milano L effetto serra I principali gas serra (oltre al vapore acqueo) Gas serra Anidride carbonica

Dettagli

I cambiamenti climatici sulla regione Alpina: Osservazioni e proiezioni future

I cambiamenti climatici sulla regione Alpina: Osservazioni e proiezioni future I cambiamenti climatici sulla regione Alpina: Osservazioni e proiezioni future Filippo Giorgi Abdus Salam ICTP, Trieste Trento,, 2 Febbraio 2007 Il clima cambia su una vasta gamma di scale spaziali che

Dettagli

SCALA ED ECOLOGIA: Scala: dal latino scala,, collegato con scandere (scandire, misurare i versi)

SCALA ED ECOLOGIA: Scala: dal latino scala,, collegato con scandere (scandire, misurare i versi) SCALA ED ECOLOGIA: Scala: dal latino scala,, collegato con scandere (scandire, misurare i versi) Lo studio della struttura spaziale (pattern) e del dominio spaziale (scala) dei fenomeni costituisce un

Dettagli

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5 L Africa è il terzo continente della terra per superficie. Ha una forma simile a un triangolo, le coste sono poco articolate. A ovest è bagnata dall Oceano Atlantico, a sud è bagnata dall Oceano Indiano

Dettagli

King County, Washington

King County, Washington CITTA' E CAMBIAMENTI CLIMATICI : Misure, Politiche, Strumenti King County, Washington Climate Change Plan Alessandro Penzo n mat: 272307 Inquadramento geografico Evoluzione delle politiche climatiche...

Dettagli

Istituto per le Energie Rinnovabili

Istituto per le Energie Rinnovabili Istituto per le Energie Rinnovabili Istituto per le Energie Rinnovabili L Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC appoggia partner industriali nella sperimentazione e nell implementazione di tecnologie

Dettagli

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia Sperimentazione di Linee guida per la valutazione della compatibilità ambientale degli impianti idroelettrici sull ecosistema fluviale in ambiente montano Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian

Dettagli

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici Roma, 12-13 settembre 2007 SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA:

Dettagli

Desertificazione: situazione attuale nelle maggiori aree del globo

Desertificazione: situazione attuale nelle maggiori aree del globo Desertificazione: situazione attuale nelle maggiori aree del globo Situazione mondiale Cause antropiche di degrado del suolo Estensione (milioni di ha) % sul totale Deforestazione Allevamento intensivo

Dettagli

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE DAL 1994 AD OGGI Vincenzo COCCOLO Regione Piemonte Il quadro fisico del Piemonte Superficie pari a circa 25.000

Dettagli

EISRIESENWELT Scienza

EISRIESENWELT Scienza EISRIESENWELT Scienza 1. Come si è formata la grotta Eisriesenwelt La maggioranza delle grotte presenti nella regione alpina si trovano nelle montagne calcaree, a differenza delle grotte formatesi tramite

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

Ministry for the Environment and Territory TITOLO DEL PROGETTO. MEDREP Programma per le energie rinnovabili nel Mediterraneo

Ministry for the Environment and Territory TITOLO DEL PROGETTO. MEDREP Programma per le energie rinnovabili nel Mediterraneo Ministry for the Environment and Territory Department for Environmental Research and Development TITOLO DEL PROGETTO MEDREP Programma per le energie rinnovabili nel Mediterraneo BACKGROUND Il Programma

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini L integrazione degli strumenti per la sostenibilità Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini Sviluppo Sostenibile sviluppo che offre servizi ambientali, sociali ed economici di

Dettagli

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI Ing. Manlio Palmarocchi STES SONO ANNI CHE STES, SULLA BASE DELLE INFORMAZIONI E DEI RISULTATI CHE ARRIVANO DALL ONU ATTRAVERSO L IPCC, UNO

Dettagli

5 a Water Conference, 2014 Water in the Alps - and beyond. Adapting alpine and mountain river basins to climate change

5 a Water Conference, 2014 Water in the Alps - and beyond. Adapting alpine and mountain river basins to climate change 5 a Water Conference, 2014 Water in the Alps - and beyond Adapting alpine and mountain river basins to climate change Data: 25-26 Settembre 2014 Luogo: Trento, Italy, Via Tommaso Gar 14 (Università di

Dettagli

- contribuire alla riduzione della povertà, - supportare la crescita economica ed - aiutare lo sviluppo dell amministrazione pubblica.

- contribuire alla riduzione della povertà, - supportare la crescita economica ed - aiutare lo sviluppo dell amministrazione pubblica. Il settore dei trasporti rappresenta un elemento di grande importanza per lo sviluppo di un paese, poichè le sue infrastrutture e servizi, se efficienti ed adeguati, possono: - contribuire alla riduzione

Dettagli

WATERFORLIFE LIFEFORWATER

WATERFORLIFE LIFEFORWATER IMPLEMENTAZIONE DI UNA STRATEGIA PARTECIPATA DI RISPARMIO IDRICO E RICARICA ARTIFICIALE PER IL RIEQUILIBRIO QUANTITATIVO DELLLA FALDA DELL ALTA PIANURA VICENTINA WORKSHOP NAZIONALE Martina Monego Autorità

Dettagli

GLOBAL WARMING. Mario Giuliacci - Centro Epson Meteo

GLOBAL WARMING. Mario Giuliacci - Centro Epson Meteo GLOBAL WARMING certezze, quasi certezze e dubbi Mario Giuliacci - Centro Epson Meteo Non è tutto chiaro Le certezze Le quasi certezze I dubbi Il catastrofismo Il ruolo dell IPCC Le certezze Global Warming

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Due gradi - Contributo al dibattito sul cambiamento climatico del 16 febbraio 2015 a Roma

Due gradi - Contributo al dibattito sul cambiamento climatico del 16 febbraio 2015 a Roma Due gradi - Contributo al dibattito sul cambiamento climatico del 16 febbraio 2015 a Roma Il Protocollo di Kyoto è stato approvato nel 1997 ed è entrato in vigore nel 2005 come convenzione internazionale,

Dettagli

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software Meteonorm 7.0 Meteonorm è un database di informazioni meteorologiche, che prevede dati sempre aggiornati e procedure di calcolo per le località prive di dati statistici. - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI

PROFILI PROFESSIONALI A S S O C I A Z I O N E I T A L I A N A S C I E N Z E A M B I E N T A L I C O M I T A T O S C I E N T I F I C O S E G R E T E R I A S O C I O L A U R E A T O E S P E R T O PROFILI PROFESSIONALI I profili

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE:

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PRINCIPALI ASPETTI ED ELEMENTI DI CONOSCENZA TERRITORIALE Daniela de Bartolo Settore Aria ed Agenti Fisici U.O. Agenti Fisici ed Energia ARPA Lombardia Sede Centrale Viale

Dettagli

L ATMOSFERA. IL CLIMA Capitolo 1 elementi e fattori del clima.

L ATMOSFERA. IL CLIMA Capitolo 1 elementi e fattori del clima. 1 L ATMOSFERA IL CLIMA Capitolo 1 elementi e fattori del clima. Cosa è il clima Sempre più spesso alla televisione, e non solo nei programmi scientifici, sui giornali e durante le conferenze politiche

Dettagli

DATI E SERVIZI INTEROPERABILI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO

DATI E SERVIZI INTEROPERABILI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO DATI E SERVIZI INTEROPERABILI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO Alessandra Marchese (GISIG) La ricerca che crea innovazione per un futuro sostenibile Genova, 20 febbraio 2015 Con il patrocinio di Con il contributo

Dettagli

Attuare i 5 referendum per cambiare Milano A che punto siamo?

Attuare i 5 referendum per cambiare Milano A che punto siamo? Attuare i 5 referendum per cambiare Milano A che punto siamo? Terzo referendum: conservare il parco Expo 3 dicembre 2011 Eliot Laniado IEIIT CNR Poliedra Politecnico di Milano laniado@elet.polimi.it alternative

Dettagli

Introduzione al telerilevamento

Introduzione al telerilevamento Introduzione al telerilevamento Telerilevamento = Remote Sensing Acquisizione di informazioni su un oggetto mediante un sensore non in contatto con esso, ossia mediante misure delle variazioni dei campi

Dettagli

Il Golfo di Trieste: un sito di ricerche oceanografiche inserito nella rete LTER (Long Term Ecological Research)

Il Golfo di Trieste: un sito di ricerche oceanografiche inserito nella rete LTER (Long Term Ecological Research) Dipartimento di Oceanografia Biologica BiO Il Golfo di Trieste: un sito di ricerche oceanografiche inserito nella rete LTER (Long Term Ecological Research) B. Cataletto*, A. Pugnetti +, M. Ravaioli +,

Dettagli

Clima e composizione dell atmosfera:

Clima e composizione dell atmosfera: Clima e composizione dell atmosfera: fatti certi e ipotesi da verificare. Maurizio Persico Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Università di Pisa Cultura e metodo scientifico. La Limonaia, Pisa,

Dettagli

Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento

Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento 2 ciclo di pianificazione 2015-2021 Piano Nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: possibili integrazioni con il Piano di Gestione

Dettagli

Carta di Siracusa sulla Biodiversità

Carta di Siracusa sulla Biodiversità Carta di Siracusa sulla Biodiversità Noi, Ministri dell ambiente del G8 di concerto con i Ministri di Australia, Brasile, Cina, Repubblica Ceca,Egitto,India,Indonesia,Messico,RepubblicadiCorea,SudAfrica,SveziaeconleOrganizzazioni

Dettagli

Scheda 2 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO E CAMBIAMENTO CLIMATICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 2 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO E CAMBIAMENTO CLIMATICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 2 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO E CAMBIAMENTO CLIMATICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento LE 10 CATASTROFI NATURALI PIU SCONVOLGENTI DELL ULTIMO DECENNIO 1. Inondazioni

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Il servizio meteo invernale rappresenta la soluzione più efficace per la gestione delle criticità che colpiscono la viabilità durante questa

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

Dettagli

GLI AMBIENTI L Antartide L Antartide è un continente, sepolto sotto una calotta di ghiaccio Dai suoi bordi si staccano degli iceberg Dalla calotta di ghiaccio emergono cime di montagne fra cui un grande

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive

Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive Sandro Fuzzi Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima Consiglio Nazionale delle Ricerche Bologna Aerosol atmosferico

Dettagli

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE RILEVAZIONE DEI FATTORI METEO-CLIMATICI E IDROLOGICI PER IL CALCOLO DEL BILANCIO IDRICO DEGLI ACQUIFERI PREMESSA Con riferimento a quanto indicato

Dettagli

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 GEOGRAFIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 GEOGRAFIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 GEOGRAFIA CLASSE

Dettagli

Programma di Tirocinio/Stage. Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli ecosistemi agrari e forestali

Programma di Tirocinio/Stage. Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli ecosistemi agrari e forestali Al Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 9010 Pula Programma di Tirocinio/Stage Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

Newsletter n 1/2009. Gentili lettori,

Newsletter n 1/2009. Gentili lettori, Programma Spazio Alpino 2007-20132013 REGIONE LOMBARDIA DG TERRITORIO e URBANISTICA Via Sassetti, 32/2-20124 Milano Tel. +39 02 6765 5356 fax +39 02 6765 6716 e-mail: spazio_alpino@regione.lombardia.it

Dettagli

Diffusione delle Metodologie e Tecnologie Scientifiche Integrate utilizzate per lo studio della Risorsa Idrica

Diffusione delle Metodologie e Tecnologie Scientifiche Integrate utilizzate per lo studio della Risorsa Idrica Diffusione delle Metodologie e Tecnologie Scientifiche Integrate utilizzate per lo studio della Risorsa Idrica A cura di: Daniel Nieto Yabar Marina Poropat Alessandro Affatato 1 Diffusione delle Metodologie

Dettagli

Centro Olio Val d Agri Sistema di Monitoraggio Ambientale

Centro Olio Val d Agri Sistema di Monitoraggio Ambientale Audizione Commissione Ambiente della Camera Centro Olio Val d Agri Sistema di Monitoraggio Ambientale www.eni.it Viggiano, 7 ottobre 2013 Monitoraggio Ambientale Il Giudizio Favorevole di Compatibilità

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli