Distribuzione del reddito, crisi economica e contrasto della povertà

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Distribuzione del reddito, crisi economica e contrasto della povertà"

Transcript

1 Scuola superiore dell economia e delle finanze Ezio Vanoni Dipartimento delle Scienze Economiche 6 Dicembre 2011 ore Seminario Distribuzione del reddito, crisi economica e contrasto della povertà Stefano Toso Università di Bologna

2 Indice Diseguaglianza e povertà nelle economie avanzate nell ultimo trentennio: evidenze empiriche e interpretazioni Recessione economica e distribuzione personale del reddito Contrasto della povertà e politiche pubbliche

3 Diseguaglianza e povertà nelle economie avanzate nell ultimo trentennio: evidenze empiriche e interpretazioni

4 Il trend della diseguaglianza nelle economie avanzate Tendenza negli ultimi 30 anni verso un incremento della diseguaglianza, ma emergono pattern temporali differenti (anche di segno) nell area OCSE I primi incrementi si registrano a cavallo degli anni solo in USA e UK, a cui fa seguito un aumento generalizzato della diseguaglianza nel decennio successivo (metà anni 80-90) Nell ultimo decennio si registrano variazioni di segno opposto e gli incrementi maggiori si verificano nei paesi meno diseguali (Svezia, Finlandia, Germania) Gli USA sono l unico paese in cui la diseguaglianza aumenta costantemente in tutto il trentennio L Italia è tra i paesi più diseguali, assieme a quelli anglosassoni; all estremo opposto il Nord Europa, in mezzo l Europa continentale

5 Trend della diseguaglianza* in alcune economie avanzate Variazione da metà anni 70 a metà anni 80 Variazione da metà anni 80 a metà anni 90 Variazione da metà anni 90 a metà primo decennio del 2000 Indice di Gini alla metà del primo decennio del 2000 Svezia ,234 Finlandia ,269 Francia ,270 Olanda ,271 Belgio ,271 Germania ,298 Australia ,301 Canada ,317 Irlanda ,328 Regno Unito ,335 Italia ,352 Stati Uniti ,381 Fonte: Smeeding (2002) e OECD (2008). (*) Diseguaglianza nei redditi familiari disponibili (al netto di imposte e trasferimenti), espressi in termini equivalenti. Legenda: (-) lieve calo (da -1 a -6%); (--) forte calo (almeno -7%); (+) lieve aumento (da 1% a 6%); (++) forte aumento (almeno 7%); (0) variazione non significativa

6 Il trend della diseguaglianza nelle economie avanzate (2) Gli incrementi nella diseguaglianza dei redditi familiari sono dovuti in larga parte ai mutamenti nella distribuzione dei redditi da lavoro (salari e stipendi), che spiegano circa il 75% dei redditi degli adulti in età di lavoro Con alcune eccezioni (Francia, Giappone, Spagna), la crescita reale dei redditi da lavoro nel decile più ricco della distribuzione è stata più elevata di quella verificatasi nel decile più povero Rispetto a quelli da lavoro, il contributo dei redditi da capitale al reddito familiare è relativamente basso (circa 10%) ma è aumentato negli ultimi 20 anni In 2/3 dei paesi OCSE, la concentrazione dei redditi da capitale è aumentata mediamente di più di quella dei redditi da lavoro Rinnovato interesse verso la distribuzione funzionale del reddito

7 La diseguaglianza in Italia Non esistono rilevazioni ufficiali in Italia, tali da dare un quadro dell evoluzione di medio-lungo periodo Elaborazioni su archivio storico delle Indagini Banca d Italia ( ) Unità d analisi: individuo Unità di riferimento per la valutazione del benessere economico: famiglia Variabile economica: reddito disponibile familiare equivalente Scala di equivalenza: Isee (S=N 0.65 ) Indici usati: Gini, deviazione logaritmica media, Atkinson (=2)

8 Il trend negli ultimi 30 anni La diseguaglianza dei redditi familiari disponibili in Italia sembra aver seguito un moderato andamento ad U o a W: in diminuzione dalla metà degli anni 70 fino alla fine degli anni 80, in aumento nel decennio successivo, con un andamento stazionario dai primi anni 2000 in poi. La diseguaglianza dei redditi familiari disponibili è in parte determinata da quella dei redditi individuali da lavoro, che si è mossa in modo simile: ridotta fino alla fine degli anni 80 (onda lunga dell autunno caldo?) aumentata nel decennio successivo (abolizione nel dell indennità di contingenza, diffusione di forme contrattuali flessibili, )

9 La diseguaglianza della distribuzione del reddito equivalente in Italia 0,45 0,4 0,35 0,3 0,25 gini y1 gini y2 dev. log. media y1 Atkinson y1 0,2 0,15 0, Nota: y 1 : reddito non comprensivo dei redditi da attività finanziarie, y 2 : reddito al lordo delle attività finanziarie. Fonte: Baldini, Toso (2009), p. 194.

10 Metà anni 90 metà primo decennio 2000 La diseguaglianza in Italia è stabile in tale periodo (Gini intorno allo ) tuttavia, se si esamina ad es. l evoluzione tra il 1995 e il 2006 del reddito disponibile reale delle famiglie, distinte per condizione del principale percettore di reddito nel nucleo, si notano alcune differenze rilevanti: il reddito disponibile dei lavoratori indipendenti è cresciuto più della media, quello di operai e impiegati meno della media [l aumento del reddito dei lavoratori indipendenti è anche dovuto al processo di ricomposizione interno al lavoro autonomo: la quota degli indipendenti sul totale della forza lavoro risulta in calo]

11 Reddito disponibile equivalente reale, al netto degli affitti imputati, per condizione del principale percettore di reddito in famiglia (valori in euro 2006) operaio (+12%) impiegato, insegnante (+13%) dirigente, quadro (+22%) autonomo (+58%) altro indipendente (+40%) pensionato (+27%) totale (+26%) Fonte: elaborazioni di M. Baldini sull archivio storico dell Indagine Banca d Italia sui bilanci delle famiglie.

12 Il decennio : alcune spiegazioni Colpa dell Euro? Improbabile, perché il miglioramento relativo dei redditi da lavoro autonomo inizia a metà degli anni 90, prima della sua introduzione, che può solo aver accentuato gli effetti di una tendenza di fondo La scarsa crescita dei redditi da lavoro dipendente ha due cause principali, la prima internazionale, la seconda tipica dell Italia: 1) la globalizzazione, che comprime il loro potere negoziale a causa della concorrenza dei beni provenienti dai paesi a basso costo del lavoro e della minaccia di delocalizzazione 2) la dinamica insoddisfacente della produttività, che ha determinato una crescita del Pil pro capite molto inferiore alla media europea a partire dalla metà degli anni 90. A parità di potere d acquisto, il reddito italiano per abitante nel 2000 era del 4% più alto della media dell'ue15; nel 2006 era più basso dell 8%.

13 La diseguaglianza di lungo periodo: i top incomes L'andamento di medio-lungo periodo della diseguaglianza dei redditi può essere esaminato anche con riferimento all'evoluzione nel tempo della coda di destra (i ricchissimi) della distribuzione La maggiore diseguaglianza negli ultimi 30 anni nei paesi anglosassoni è stata accompagnata da un aumento delle top income shares Tra le cause dell aumento i maggiori emolumenti (stock options) ai CEO. Tuttavia, tra i top incomes oggi troviamo non solo redditi da capitale ma anche da lavoro dipendente (star dello sport/spettacolo) E una tendenze comune a tutti i paesi industrializzati? E l Italia?

14

15 Top income* shares (0,1% più ricco) in alcuni paesi Francia Usa Uk (*) In all three countries, income is defined before individual taxes and excludes capital gains. The unit is the family as in the current U.S. tax law. Source: Atkinson, Piketty (2007)

16 Top income shares USA Source: Economic Policy Institute analysis of data from Piketty and Saez (2003): series updated to Income is defined as market income including capital gains. Top 1% denotes the top percentile (families with annual income above $368,000 in 2008) Top 5-1% denotes the next 4% (families with annual income between $153,000 and $368,000 in 2008) Top 10-5% denotes the next 5% (bottom half of the top decile, families with annual income between $109,000 and $153,000 in 2008).

17 The Top 0.1% Income Share* and Composition, (*) Top 0.1% defined by market income including realized capital gains. Source: Economic Policy Institute analysis of data from Piketty and Saez (2003): series updated to 2008.

18 I top incomes in Italia L analisi dei top incomes in Italia non abbraccia un secolo ma solo un trentennio ( ) Le top income shares mostrano un pattern persistente di crescita a partire dalla metà degli anni 80, guidato dalla dinamica dei redditi da lavoro autonomo e dipendente Nonostante questo trend, l incremento delle top income shares non assume le proporzioni degli USA o degli altri paesi anglosassoni La maggiore concentrazione del reddito tra i ricchi, dalla metà degli anni 80 in poi, sembra essere un fenomeno interno all ultimo ventile (top 5%) e in particolare all ultimo percentile (top 1%) o sottomultipli.

19 Evoluzione delle top income shares in Italia Fonte: Alvaredo, Pisano (2009)

20 Top income shares (0,01%) e composizione del reddito in Italia Fonte: Alvaredo, Pisano (2009)

21 L evoluzione della diseguaglianza nelle economie avanzate: interpretazioni Progresso tecnologico Apertura dei mercati dei beni e dei capitali (globalizzazione) Aumento dell importanza del settore dei servizi Cambiamenti istituzionali sul mercato del lavoro Variazioni negli effetti redistributivi delle politiche pubbliche Cambiamenti nella struttura demografica e delle famiglie Cambiamenti nelle norme sociali verso la redistribuzione L economia delle superstar

22 Progresso tecnologico Skill-biased technological change: il progresso tecnologico ha prodotto un aumento della domanda dei lavoratori skilled e una diminuzione di quella unskilled, che si sono scaricati sui salari provocandone una maggiore dispersione Una rappresentazione grafica in termini di curve di domanda e offerta di lavoro

23 Progresso tecnologico e aumento della diseguaglianza salario salario Lavoratori con basso titolo di studio L Lavoratori con alto titolo di studio L

24 Progresso tecnologico (2) Problema: lo sbtc è comune a tutti i paesi ricchi, ma solo in alcuni la diseguaglianza è cresciuta Inoltre lo sbtc non spiega come mai la diseguaglianza è aumentata anche all interno di gruppi omogenei per livello di istruzione, compresi quelli ad alta qualificazione Sbtc: spiegazione forse calzante per USA e UK ma poco per l Italia: la domanda di lavoro skilled è bassa (imprese medio-piccole, poca ricerca di base, scarso rendimento dell istruzione)

25 Perché il rendimento dell istruzione in Italia è così basso? Due spiegazioni alternative: 1) imprese piccole fanno poca ricerca e non hanno bisogno di capitale umano molto qualificato bisognerebbe incentivare le imprese a crescere di dimensione e a diventare più innovative 2) la scuola e l università in Italia producono un capitale umano scadente. Indagine PISA sui quindicenni nel 2009: risultati lievemente superiori alla media OCSE nel Nord, di molto inferiori al Sud. Indagine ALL nel 2003: l 80% degli italiani di età anni non sono in grado di compiere ragionamenti lineari e fare inferenze di media complessità estraendo informazioni fornite in testi poco più che elementari (USA: 50%, CND: 40%, NOR: 30%) bisogna riformare la scuola e l università Chi ha ragione? Forse entrambe le tesi hanno una parte di verità.

26 Globalizzazione Aspetto fondamentale: i paesi poveri producono beni e servizi che vengono venduti in tutto il mondo Delocalizzazione delle produzioni ad alta intensità di lavoro (tessile, calzature, metalmeccanico) verso i PVS riduzione della domanda di lavoratori poco qualificati nei paesi ricchi Anche quando non c è delocalizzazione, i salari dei lavoratori occupati nei settori industriali che producono beni ad alta intensità di lavoro vengono fissati sul mercato globale effetto di freno sui tassi di crescita dei salari dei lavoratori dei paesi ricchi

27 Globalizzazione (2) Eppure i paesi avanzati hanno una quota di importazioni sul PIL dai PVS ancora bassa (2% negli anni 90), quindi servono altre spiegazioni, non solo economiche, anche perché il tasso di incremento della diseguaglianza nei paesi ricchi registrato nella metà degli anni si è poi ridotto o ha cambiato di segno ma la globalizzazione non si è arrestata.

28 L importanza del settore dei servizi Ridimensionamento del contributo del settore dell industria alla formazione del PIL e contestuale incremento del peso del settore dei servizi, sia in termini di valore aggiunto sia di occupati Figure professionali più eterogenee nel settore dei servizi (dalla donna delle pulizie all avvocato, ), bassa adesione sindacale, contrattazione collettiva meno diffusa, forme di lavoro nero: tutto questo favorisce un elevata concentrazione delle retribuzioni.

29 Cambiamenti istituzionali sul mercato del lavoro In Italia la concertazione ha portato all abolizione nel 1993 dell indennità di contingenza (la scala mobile), che nei 15 anni precedenti aveva favorito la compressione dei differenziali salariali (effetti dell autunno caldo: l accordo 1975 Lama-Agnelli e il punto unico di contingenza: aumenti assoluti uguali per tutti) Cambiamenti strutturali del sistema produttivo: diffusione di contratti a tempo determinato, Mutamenti del clima ideologico, che hanno ridotto con tempi diversi l adesione e l influenza dei sindacati (sconfitte del sindacato dei minatori contro la Thatcher negli anni 80, )

30 Variazione negli effetti redistributivi delle politiche pubbliche Riforme della tassazione personale del reddito (regola aurea: riduzione degli scaglioni di reddito e abbassamento dell aliquota massima riduzione della progressività e del gettito minore redistribuzione Effetti redistributivi perversi di talune forme di detrazioni d imposta La maggiore integrazione dei mercati finanziari ha indotto una corsa al ribasso della tassazione dei redditi da attività finanziarie Politiche di spesa per l assistenza più selettive (maggiore ricorso al targeting) Modifiche in senso restrittivo del sistema di assicurazione sul mercato del lavoro (politiche di workfare) Fino a metà anni 90 i sistemi tax-benefit della maggior parte dei paesi OECD compensavano circa la metà della diseguaglianza indotta dal mercato. Da allora, mentre la diseguaglianza di mercato è cresciuta, l effetto perequativo del sistema tax-benefit si è affievolito.

31 Quali lezioni per le politiche pubbliche? Riforme del sistema tax-benefit sono uno strumento potente di redistribuzione del reddito tuttavia, strategie redistributive basate solo sulla leva fiscale e di spesa rischiano di essere, oltre che poco efficaci, anche finanziariamente poco sostenibili Necessarie politiche di investimento in capitale umano (istruzione, formazione sul lavoro, ), in grado di aumentare il potenziale produttivo e i redditi futuri dei lavoratori, soprattutto quelli con bassa qualificazione Metà del decennio scorso: la spesa complessiva pubblica e privata in istruzione superiore, ricerca e sviluppo, software in IT era del 2,4 del PIL, nell area OCSE del 4,9% In assenza di efficaci meccanismi di integrazione, la nostra dotazione di capitale umano rischia di essere anche penalizzata dal rapido aumento della quota di giovani con origini straniere (supererà il 30% nel 2050), la cui performance scolastica è minore di quella dei figli di cittadini italiani.

32 Cambiamenti nella struttura demografica e delle famiglie Aumento delle famiglie single-headed, con o senza figli, anche in relazione ai maggiori tassi di dissoluzione delle famiglie e di diffusione dei nuclei monoparentali (nei paesi anglosassoni diffusione del fenomeno delle lone mothers, senza partner e senza lavoro) minori economie di scala familiari aumento della diseguaglianza L aumento della partecipazione femminile al mercato del lavoro può portare ad un aumento della diseguaglianza, se sono soprattutto le mogli di individui a reddito medio-alto ad entrare nel mercato del lavoro L evidenza empirica mostra che ci si sposa tra simili, per istruzione, per reddito, e la tendenza è in aumento: il 40% delle coppie in cui entrambi i partner lavorano appartengono allo stesso decile di reddito da lavoro o in uno vicino, rispetto al 33% di circa 20 anni fa.

33 Cambiamenti nelle norme sociali Mutato atteggiamento dell opinione pubblica verso la diseguaglianza (siamo disposti ad accettare come normali livelli diseguaglianza più elevati di un tempo) Spostamento del baricentro culturale verso posizioni pro-mercato in tutti i paesi Sviluppi programmatici della sinistra europea (New Labour inglese anni 80-90): maggiore enfasi all uguaglianza delle opportunità (nei punti di partenza) e meno all uguaglianza dei risultati Si recupera una visione di equità di tipo procedurale (influenza politica delle teorie libertarie alla Nozick: solo uno Stato minimo, limitato alle funzioni di protezione contro violenza, furto, frode e tutela dei contratti è giustificato; tassazione del reddito da lavoro = lavoro forzato; la redistribuzione viola i diritti naturali della persona)

34 L economia delle superstar Le interpretazioni precedenti non spiegano perché dalla metà degli anni 90 sono aumentati in molti paesi i redditi degli individui più ricchi in assoluto (top incomes) Idea di base della teoria: la rendita che può essere estratta dalla persona più abile nel produrre un bene/servizio dipende dall estensione del mercato che si può raggiungere. I top incomes non sono un gruppo omogeneo: 1) star dello sport e dello spettacolo, il cui reddito è molto aumentato grazie alle innovazioni tecnologiche nei mezzi di comunicazione che consentono di diffondere le loro performance ad una platea molto ampia di consumatori; 2) alcune categorie di professionisti e i massimi dirigenti delle grandi società per azioni (top managers) remunerati tramite le stock options

35 L economia delle superstar La teoria delle «superstar», per spiegare il fenomeno dei working rich, si attaglia anche al caso italiano? Nell'elenco nominativo dei 500 maggiori contribuenti Irpef 2000, pari a circa lo 0,01% del totale dei contribuenti, accanto ai maggiori e più noti imprenditori italiani (Tronchetti Provera, Armani, Del Vecchio, Versace, Agnelli, Berlusconi, ecc.) trovavano posto 120 individui il cui reddito prevalente proviene dal lavoro dipendente: di questi ultimi 2/3 risultavano essere calciatori o allenatori di calcio (Del Piero, Totti, Batistuta, Ronaldo, Maldini, Vieri, Inzaghi, Lippi, ecc.)

36 La povertà in Italia: una prospettiva internazionale Il ranking riflette quello relativo alla diseguaglianza: i meno poveri sono i paesi del Nord-Europa, i più poveri gli anglosassoni. L Italia ha una diffusione della povertà comparabile a quella dei paesi anglosassoni La povertà negli anni è aumentata in quasi tutti i paesi Tuttavia, l incremento ha riguardato soprattutto i minori, mentre la condizione degli anziani è spesso migliorata Metodologia di calcolo: linea di povertà relativa al 60% mediana distribuzione individuale dei redditi familiari disponibili equivalenti (scala di equivalenza: N 0,5 ). Fonte: LIS

37 Povertà relativa nelle economie avanzate: trend e livelli recenti Valore più recente del tasso di diffusione (e anno) Periodo di variazione Variazione dell indice di diffusione tra l inizio e la fine del periodo Variazione dell indice di diffusione calcolato sui minori (<18) Variazione dell indice di diffusione calcolato sugli anziani (>64) Olanda 11,1 (1999) ,5 +5,2 +8,2 Svezia 12,0 (2005) ,8 +3,2 +8,7 Germania 13,4 (2000) ,8 +6,1-7,3 Finlandia 13,5 (2004) ,4 +3,3-6,2 Francia 13,7 (2000) ,8 +2,3-7,8 Belgio 16,1 (2000) ,6 +1,9 +14,7 Regno Unito 19,2 (2004) ,9 +8,8-21,1 Canada 19,9 (2004) ,0 +3,9-21,7 Italia 20,0 (2000) ,6 +7,4 +0,9 Australia 20,4 (2003) ,0 +1,9-4,8 Irlanda 22,5 (2000) ,5-3,2 +29,4 Stati Uniti 24,1 (2004) ,8 +2,2-2,7 Fonte:

38 Come si misura la povertà in Italia Rilevazioni ufficiali dell Istat (dataset: indagine sui consumi delle famiglie) Stime della povertà relativa e (dal 1997 con interruzioni) della povertà assoluta Analisi per famiglie Variabile economica di riferimento: spesa per consumi Linea della povertà relativa: consumo medio procapite (per una famiglia di 2 membri: 993 euro mensili nel 2010). Scala di equivalenza: Carbonaro Linea di povertà assoluta: spesa minima essenziale per generi alimentari, abitazione più una voce residuale (vestiario, trasporto, ) Soglie differenziate per caratteristiche familiari (numero comp., età, macroarea geografica, dimensione comune di residenza) (2 comp e 2 comp di un area metropolitana al Nord: 1524 euro mensili nel 2010)

39 La povertà in Italia nel 2010 Diffusione della povertà relativa familiare: 11,0% Intensità della povertà relativa familiare: 20,7% Diffusione della povertà assoluta familiare: 4,6% Le condizioni di maggiore disagio si riscontrano: al Sud, con il 23% delle famiglie in povertà relativa e il 6,7% in povertà assoluta, tra gli anziani e tra le famiglie numerose Le caratteristiche socio-demografiche della povertà assoluta sono simili a quelle della povertà relativa La diffusione della povertà relativa tra le famiglie nel 2010 è sostanzialmente stabile, se paragonata ai valori dell ultimo decennio, mentre la diffusione della povertà assoluta (4,6%) è in linea con i valori del biennio precedente e di mezzo punto superiore rispetto ai livelli

40 Diffusione della povertà in Italia Povertà relativa Povertà assoluta % famiglie povere per tipologia familiare Persona sola < 65 anni 2,9 2,8 Persona sola >=65 anni 8,9 5,7 Coppia con persona di riferimento < 65 anni 5,0 1,9 Coppia con persona di riferimento >=65 anni 11,5 3,8 Coppia con 1 figlio 9,8 2,9 Coppia con 2 figli 15,6 5,1 Coppia con 3 o più figli 27,4 9,4 Monogenitore 14,1 6,9 % famiglie povere per area geografica Nord 4,9 3,6 Centro 6,3 3,8 Mezzogiorno 23,0 6,7 % famiglie povere 11,0 4,6 % individui poveri 13,8 5,2 Numero famiglie povere Numero persone povere

41 La povertà in Italia nel periodo Per un quadro dell evoluzione storica torniamo ai dati Banca d Italia (archivio storico) Metodologia seguita: come per la diseguaglianza (analisi della distribuzione individuale dei redditi familiari disponibili equivalenti) Unità d analisi: individuo Variabile economica di riferimento: reddito familiare disponibile equivalente Scala di equivalenza: OCSE modificata Soglia di povertà relativa: 60% della mediana della distribuzione del reddito familiare disponibile equivalente Misura della povertà: indice di diffusione

42 La povertà in Italia nel periodo La diffusione della povertà relativa tra tutti gli individui mostra un andamento simile a quello della diseguaglianza: lieve riduzione fino alla metà degli anni 80 incremento successivo fino alla fine del periodo, che porta gli indici a livelli di poco superiori a quelli di inizio periodo Il dato aggregato nasconde però importanti peculiarità se l analisi è per classi di età...

43 La povertà in Italia nel periodo La fascia centrale di età (18-64 anni) ha un andamento simile a quello complessivo I due rimanenti (<18 e >64) si sono mossi in modo opposto: aumento della povertà minorile, riduzione della povertà tra gli anziani, che è ora di poco inferiore alla media Riflesso delle caratteristiche del welfare state italiano (spesa pensionistica che assorbe più della metà della spesa sociale totale, transizione lenta verso la riforma Dini a regime; scarso peso delle politiche di contrasto della povertà e sostegno delle responsabilità familiari) non intaccate dalle riforme degli ultimi 15 anni

44 Diffusione della povertà relativa in Italia per classi di età, tutti <= >= Fonte: Baldini, Toso (2009), p. 197.

45 Profilo della povertà relativa in Italia ( , ) Alla fine degli anni 70 il 20% delle persone che vivevano in famiglie con capofamiglia operaio erano poveri, la stessa quota è salita al 31% all inizio del 2000 Un andamento opposto riguarda i pensionati Le uniche tipologie per cui il rischio relativo di povertà è aumentato sono le famiglie di operai o di altri lavoratori dipendenti (impiegati, ) Il rischio relativo di povertà è in aumento per le famiglie del Sud, si riduce per tutte le altre La quota di poveri per numero di componenti si è ridotta per le famiglie poco numerose (1-2 membri), mentre è in crescita per le altre, soprattutto quelle con 4 e più membri

46 Profilo della povertà relativa in Italia Condizione capofamiglia Diffusione Composizione Rischio Diffusione della povertà dei poveri relativo della povertà Composizione dei poveri Rischio relativo Operaio 20,0 38,2 1,10 31,3 36,6 1,53 altro dipendente 4,5 5,2 0,25 9,0 11,6 0,44 Indipendente 14,6 23,2 0,81 16,1 14,9 0,79 Disoccupato 100,0 0,8 5,52 79,8 5,2 3,91 Pensionato 36,7 31,6 2,03 20,3 28,2 1,00 altro 59,5 1,0 3,29 58,4 3,5 2,86 Totale 18, ,4 100 Area Nord 9,5 23,9 0,52 8,6 19,1 0,42 Centro 11,5 12,2 0,63 8,8 8,3 0,43 Sud 32,5 63,9 1,80 41,8 72,6 2,04 Totale 18, ,4 100 istruzione capofamiglia <= obbligo 22,3 96,5 1,23 29,9 79,7 1,47 Scuola superiore 3,6 3,2 0,20 10,7 18,5 0,52 Laurea 1,1 0,4 0,06 3,6 1,8 0,18 Totale 18, ,4 100 Numero componenti 1 31,7 6,2 1,75 15,4 7,6 0, ,6 17,6 1,14 11,2 12,4 0, ,4 13,4 0,57 15,7 19,0 0,77 >=4 19,7 62,5 1,09 29,1 61,0 1,43 Totale 18, ,4 100 Fonte: Baldini, Toso (2009), p. 198.

47 Recessione economica e distribuzione personale del reddito

48 Effetti della crisi sull economia reale delle economie avanzate Diminuzione del 5% del PIL nell area OCSE tra il picco ciclico del 1 trimestre 2008 e il minimo toccato nel 2 trimestre del 2009 (prima forte contrazione economica globale dal 1945; unico antecedente paragonabile: Grande Depressione anni 30) In tutti i paesi la recessione ha determinato la maggior caduta dell attività produttiva dalla seconda guerra mondiale, ma diversi sono stati i suoi caratteri, l impatto sull occupazione e la velocità della ripresa successiva Nonostante la contrazione del PIL, il reddito disponibile reale delle famiglie nel è cresciuto nella gran parte dell area, grazie alla compensazione operata dalle politiche redistributive: solo in DK, GR e IT il reddito delle famiglie è calato

49 Effetti della crisi sull economia reale delle economie avanzate (2) GER: contrazione del PIL ma di breve durata, grazie alla ripresa dell export. Il ricorso diffuso agli schemi di riduzione dell orario di lavoro ha contenuto le ripercussioni negative sull occupazione. Nel complesso diseguaglianza e povertà non sono aumentate SWE: recessione derivata dalla caduta della domanda estera, ma gli effetti sull occupazione sono stati minori che nella crisi dei primi anni 90. Gini e povertà relativa aumentati di circa 1 punto UK: la dinamica sostenuta dei redditi più bassi per effetto del sistema taxbenefit ha fatto sì che il Gini rimanesse stabile e che la povertà relativa diminuisse di 1,5 punti USA: retribuzioni individuali e redditi familiari lordi diminuiti lungo tutta la distribuzione. Gini e diffusione della povertà relativa immutati, aumento del tasso ufficiale della povertà assoluta di 1,2 punti.

50 Effetti della crisi sull economia reale italiana Caduta del 27% della produzione industriale e del 7% del PIL nel periodo agosto 2007-agosto 2009; caduta del 3,2% del numero di occupati ( unità) nel periodo maggio 2008-agosto 2010 Il sistema tax-benefit ha sostenuto la dinamica dei redditi familiari nel biennio (+2%), in linea con DK, FR, BE, ma al di sotto di FIN, SP, UK (+4-6%), USA e SW (+7-8%) e IR (+11%) L esposizione delle famiglie alle turbolenze dei mercati finanziari è stata attenuata da: bassa quota di attività finanziarie detenute in azioni, prevalenza e diffusione della ricchezza immobiliare sulla ricchezza totale, bassi livelli di indebitamento privato Gli effetti della crisi reale sono stati anche attutiti dalla particolare struttura demografica del paese (la famiglia è un ammortizzatore sociale di ultima istanza )

51 Effetti della crisi sull economia reale italiana (2) La crisi economica ha amplificato il problema della mancata crescita dell economia italiana, evidente già fin dall inizio del decennio (tasso medio annuo composto di variazione del Pil dal : +0,19% a fronte del +1,59% del decennio precedente) Circa 2/5 dei nuovi posti di lavoro dipendente creati tra il 1997 e il 2007 erano a tempo determinato L allargamento dell area della precarietà è andato di pari passo con una sostanziale moderazione salariale (crescita annuale dei salari reali dei lavoratori a tempo pieno nel periodo : +0,5%) e con una progressiva diminuzione dei salari di primo impiego

52 Effetti della crisi sull economia reale italiana (3) L impatto della crisi sul tenore di vita delle famiglie va inquadrato in un contesto di economia stagnante, sostanziale costanza dei redditi da lavoro dipendente in termini reali, crescente insicurezza sul mercato del lavoro e limitata capacità di intervento anticiclico da parte del settore pubblico, in relazione ai noti squilibri di bilancio Come si è distribuita la crisi economica e la conseguente caduta dell attività produttiva e del reddito tra le famiglie italiane? Impossibile valutare a priori gli effetti distributivi di una recessione poiché la relazione tra distribuzione del reddito e recessione dipende dalla struttura del mercato del lavoro e da come è configurato il sistema di protezione sociale

53 Crisi economica e distribuzione del reddito Le statistiche fiscali indicano che l impatto della crisi sulla diseguaglianza dei redditi in Italia è modesto e ambiguo nel segno: nel biennio il reddito medio scende dello 0,4%, mentre l indice di Gini passa dal 45,9 al 45,5% e il rapporto P90/P10 sale da 12,7 a 12,8 La quota di reddito dell 1% più ricco passa dal 9,5 al 9%, mentre quella dei contribuenti che occupano la parte restante del decile più ricco non cambia Nel periodo , il reddito medio era cresciuto del 4,4%, mentre il Gini era oscillato tra il 45,3 e il 46%

Diseguaglianza, povertà ed effetti redistributivi delle politiche pubbliche

Diseguaglianza, povertà ed effetti redistributivi delle politiche pubbliche Università degli Studi di Bologna e Fondazione CEUR a.a. 2012-2013 Seminario Welfare e crescita Diseguaglianza, povertà ed effetti redistributivi delle politiche pubbliche Stefano Toso Dipartimento di

Dettagli

IX. APPROFONDIMENTI DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 EQUITÀ SOCIALE

IX. APPROFONDIMENTI DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 EQUITÀ SOCIALE IX. APPROFONDIMENTI IX.1 EQUITÀ SOCIALE L equità sociale continua ad essere un obiettivo prioritario della strategia politica del Governo. Le trasformazioni di carattere economico e sociale che hanno interessato

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva VERSIONE PROVVISORIA Disegni di legge 1148, 1670 e 1697 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissione 11 a "Lavoro, previdenza sociale" del Senato della Repubblica

Dettagli

8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University)

8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University) 8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University) Il benessere materiale di un individuo è determinato in primo luogo dalla quantità

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico

Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico Materiali di lavoro 7 Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico In questa scheda si presentano alcune stime riguardanti gli

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE...

PRIMA DI INIZIARE... PRIMA DI INIZIARE... Nel 2011 l'istat ha stimato che In Italia le famiglie che si trovano in condizioni di povertà relativa sono 2 milioni 782 mila (8 milioni 173 mila individui) e rappresentano l 11,1%

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

QUALCHE DATO SU DISTRIBUZIONE DEL REDDITO E POVERTÀ. (P. Silvestri, 2014-15) 1

QUALCHE DATO SU DISTRIBUZIONE DEL REDDITO E POVERTÀ. (P. Silvestri, 2014-15) 1 Lezione 5.2 QUALCHE DATO SU DISTRIBUZIONE DEL REDDITO E POVERTÀ (P. Silvestri, 2014-15) 1 Fonti Eurostat, l Indagine europea sui redditi e sulle condizioni di vita delle famiglie (Eu-Silc) (European statistics

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1.

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. 6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. Introduzione Secondo un recente studio comparativo dell OECD, gli Stati Uniti hanno

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

L impatto distributivo dei tributi locali: un applicazione sul Comune di Modena

L impatto distributivo dei tributi locali: un applicazione sul Comune di Modena L impatto distributivo dei tributi locali: un applicazione sul Comune di Indagine sulle condizioni economiche e sociali della famiglie della Provincia di Riforme anni 90: maggiore autonomia delle amministrazioni

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

DISUGUAGLIANZA E POLITICHE DI CONTRASTO ALLA POVERTA IN FRIULI VENEZIA GIULIA PRINCIPALI ESITI DELLA VALUTAZIONE UNITARIA

DISUGUAGLIANZA E POLITICHE DI CONTRASTO ALLA POVERTA IN FRIULI VENEZIA GIULIA PRINCIPALI ESITI DELLA VALUTAZIONE UNITARIA DISUGUAGLIANZA E POLITICHE DI CONTRASTO ALLA POVERTA IN FRIULI VENEZIA GIULIA PRINCIPALI ESITI DELLA VALUTAZIONE UNITARIA Giuseppe Forte 6 novembre 2014 1 Le principali dimensioni di analisi Diseguaglianza

Dettagli

Misure globali della progressività, dell incidenza e della redistribuzione dell imposta Irpef a.i. 2001-2007

Misure globali della progressività, dell incidenza e della redistribuzione dell imposta Irpef a.i. 2001-2007 Ministero Dell Economia e delle Finanze Dipartimento delle Finanze Direzione Studi e Ricerche Economico Fiscali Statistiche Fiscali Approfondimenti febbraio 2010 Misure globali della progressività, dell

Dettagli

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Maria Cecilia Guerra Modena, 3 novembre 21 OBIETTIVI DELLE POLTICHE PER LE FAMIGLIE Sostegno alle responsabilità familiari natalità partecipazione femminile

Dettagli

Relazioni industriali

Relazioni industriali Relazioni industriali Relazioni industriali Il sistema di relazioni industriali è l insieme di relazioni che regolano i rapporti fra imprese e loro organizzazioni da un lato e lavoratori e sindacati dall

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

Il welfare, la distribuzione del reddito e la crisi. Massimo Baldini Università di Modena e Regio Emilia

Il welfare, la distribuzione del reddito e la crisi. Massimo Baldini Università di Modena e Regio Emilia Il welfare, la distribuzione del reddito e la crisi Massimo Baldini Università di Modena e Regio Emilia 1) Diseguaglianza e povertà prima della crisi 2) La recessione e gli effetti della crisi su occupazione,

Dettagli

Divided We Stand: Perché la disuguaglianza continua a crescere

Divided We Stand: Perché la disuguaglianza continua a crescere Conferenza ISTAT OCSE Roma, 24 Gennaio 2012 Divided We Stand: Perché la disuguaglianza continua a crescere Stefano Scarpetta Vice Direttore della Direzione Lavoro, Occupazione e Affari Sociali, OCSE OECD,

Dettagli

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS)

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Il modello di riferimento Per le simulazioni è stato impiegato

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre L Indagine sui bilanci delle famiglie italiane è un indagine campionaria condotta (ogni due anni)

Dettagli

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO Luca Limonta Nella lezione del 30 aprile abbiamo analizzato 4 punti: 1- L evoluzione delle classi sociali nel tempo 2- Le prime rilevazioni statistiche 3- I poveri, una classe particolare 4- L indice di

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Numeri della crisi Salari, inflazione e produttività: in 15 anni 6.738 euro lasciati al fisco

Numeri della crisi Salari, inflazione e produttività: in 15 anni 6.738 euro lasciati al fisco Numeri della crisi Salari, inflazione e produttività: in 15 anni 6.738 euro lasciati al fisco Nei passati 15 anni i lavoratori dipendenti hanno lasciato al fisco 6.738 euro cumulati di potere d acquisto

Dettagli

FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI

FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI 49 IL CASO ITALIA: CONTRO LA POVERTÀ LO STRUMENTO SIA Simona TENAGLIA* * Ricercatrice Isfol, economista esperta in politiche sociali I L QUADRO ITALIANO La crisi economica ha

Dettagli

Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO

Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO Art. 1 Dalla dichiarazione universale dei diritti dell uomo Tutti gli esseri umani nascono

Dettagli

Misure della povertà minorile in Italia 1

Misure della povertà minorile in Italia 1 Misure della povertà minorile in Italia 1 Sintesi Nel clima economico attuale, con la presenza di una forte recessione, con il consolidamento delle misure fiscali, le liberalizzazioni, le semplificazioni

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

IL RAPPORTO ORES 2009

IL RAPPORTO ORES 2009 IL RAPPORTO ORES 2009 SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI Con ORES, Osservatorio Regionale sull Esclusione Sociale della Lombardia, l ente regionale si è dotato di uno strumento in grado di integrare i dati

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Il nuovo Isee: novità e continuità

Il nuovo Isee: novità e continuità Regione Emilia-Romagna Seminario PRIMO APPROFONDIMENTO SUL NUOVO ISEE Il nuovo Isee: novità e continuità Stefano Toso Università di Bologna 3 aprile 2014 Auditorium, Viale Aldo Moro 18, Bologna Il vecchio

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Premessa. La spesa e le politiche per l Assistenza in Italia

Premessa. La spesa e le politiche per l Assistenza in Italia Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, il Mulino, 2012 1 Capitolo VII. Premessa La spesa e le politiche per l Assistenza in Italia Necessità di fornire informazioni sulla dimensione della spesa

Dettagli

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia 22 dicembre 2008 Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia Anni 2006-2007 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione

Dettagli

UNIVERSITÀ E RICERCA

UNIVERSITÀ E RICERCA UNIVERSITÀ E RICERCA PILASTRI SU CUI FONDARE LO SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO DEL PAESE L istruzione universitaria arreca non solo benefici individuali Per i giovani che la frequentano: oltre all acquisizione

Dettagli

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili I trasferimenti monetari alle famiglie Trasferimenti economici alle famiglie Trasferimenti monetari diretti indiretti Assegni per il nucleo familiare Assegno di maternità A3F Detrazioni fiscali Storia

Dettagli

DISUGUAGLIANZA E POLITICHE DI CONTRASTO ALLA POVERTA IN FVG PRINCIPALI ESITI DELLA VALUTAZIONE UNITARIA. Giuseppe Forte ottobre 2014

DISUGUAGLIANZA E POLITICHE DI CONTRASTO ALLA POVERTA IN FVG PRINCIPALI ESITI DELLA VALUTAZIONE UNITARIA. Giuseppe Forte ottobre 2014 DISUGUAGLIANZA E POLITICHE DI CONTRASTO ALLA POVERTA IN FVG PRINCIPALI ESITI DELLA VALUTAZIONE UNITARIA Giuseppe Forte ottobre 2014 1 Le principali dimensioni di analisi Diseguaglianza economica in Friuli

Dettagli

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

Le Politiche del Lavoro. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12

Le Politiche del Lavoro. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Le Politiche del Lavoro Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Le politiche del lavoro sono: insieme di interventi pubblici rivolti

Dettagli

Massimo Baldini *, Carlo Mazzaferro**

Massimo Baldini *, Carlo Mazzaferro** SISTEMA PENSIONISTICO E DISTRIBUZIONE DEI REDDITI IN ITALIA DAL 1977 AL 1998: UN ANALISI SULL ARCHIVIO STORICO DELL INDAGINE CAMPIONARIA DELLA BANCA D ITALIA Massimo Baldini *, Carlo Mazzaferro** Centro

Dettagli

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA.

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. La spesa per redditi da lavoro dipendente rappresenta la remunerazione complessiva erogata ai propri

Dettagli

Reddito e diseguaglianza in Piemonte Santino Piazza Ires Piemonte 11 aprile 2013 Scaletta Reddito e diseguaglianza: prime, e incerte, verifiche sull impatto della crisi? Diseguaglianza dei redditi nelle

Dettagli

Le fonti statistiche per l analisi di povertà

Le fonti statistiche per l analisi di povertà LA POVERTA IN EMILIA-ROMAGNA Conoscenza del fenomeno e sviluppo delle politiche sociali Le fonti statistiche per l analisi di povertà Giuseppina Felice Regione Emilia-Romagna Bologna, 1 luglio 2011 Sommario

Dettagli

Benessere economico. Fondamentale per la qualità della vita

Benessere economico. Fondamentale per la qualità della vita CAPITOLO Benessere economico Fondamentale per la qualità della vita Ai fini del benessere complessivo, le capacità reddituali e le risorse economiche sono il mezzo indispensabile attraverso il quale un

Dettagli

Tasse e imposte fra Governo e Governi Sintesi dell analisi Cisl e Caf Cisl sulle dichiarazioni dei redditi di lavoratori dipendenti e pensionati

Tasse e imposte fra Governo e Governi Sintesi dell analisi Cisl e Caf Cisl sulle dichiarazioni dei redditi di lavoratori dipendenti e pensionati Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco, Previdenza e Riforme Istituzionali Tasse e imposte fra Governo e Governi Sintesi dell analisi Cisl

Dettagli

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento roma 23 giugno 2009 i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento Chiara Fornasari riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition Summary in Italian Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Riassunto in italiano L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

CORSO DI MACROECONOMIA

CORSO DI MACROECONOMIA CORSO DI MACROECONOMIA Prof. Giuseppe Travaglini Dott.ssa Elisa Lenti Anno accademico 2014-20152015 TEMI DI RIFLESSIONE MACROECONOMICA L Offerta: Il Pil, la Spesa Aggregata, la struttura produttiva delle

Dettagli

Impoverimento globale, povertà locale: il contesto, i dati, le politiche. Dove e cosa guardare?

Impoverimento globale, povertà locale: il contesto, i dati, le politiche. Dove e cosa guardare? Impoverimento globale, povertà locale: il contesto, i dati, le politiche. Dove e cosa guardare? Mauro Migliavacca Università Cattolica Milano mauro.migliavacca@polimi.it Qualche flash per incominciare?

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Famiglia, infanzia e povertà.

Famiglia, infanzia e povertà. Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà Convegno Povertà, Infanzia, Immigrazione in occasione del 70 Anniversario della Mensa del Povero Ancona, 5 aprile 2008 Famiglia, infanzia

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Monica Raciti Gli interventi regionali di contrasto alla povertà delle famiglie. 18 febbraio 2013

Monica Raciti Gli interventi regionali di contrasto alla povertà delle famiglie. 18 febbraio 2013 Monica Raciti Gli interventi regionali di contrasto alla povertà delle famiglie 18 febbraio 2013 Contesto nazionale L impatto della crisi va inquadrato in un contesto di: economia stagnante (tasso di variazione

Dettagli

L economia mondiale a rischio stagnazione secolare. Un mix di politiche per accelerare la crescita

L economia mondiale a rischio stagnazione secolare. Un mix di politiche per accelerare la crescita 04-09-2015 Numero 15-12 NOTA DAL CSC L economia mondiale a rischio stagnazione secolare. Un mix di politiche per accelerare la crescita La crescita mondiale è molto più lenta del passato e delle attese.

Dettagli

ML7. Percorsi alternativi di finanziamento del programma

ML7. Percorsi alternativi di finanziamento del programma ML7. Percorsi alternativi di finanziamento del programma Paolo Bosi, Capp Emanuele Ranci Ortigosa, Irs Milano, 3.12.2013 Le ragioni di una scelta La riflessione teorica e l analisi empirica mostrano che:

Dettagli

Gli effetti distributivi delle principali riforme del sistema di tax-benefit italiano nel primo anno della XVI legislatura

Gli effetti distributivi delle principali riforme del sistema di tax-benefit italiano nel primo anno della XVI legislatura Gli effetti distributivi delle principali riforme del sistema di tax-benefit italiano nel primo anno della XVI legislatura Massimo Baldini e Emauele Ciani CAPPaper n. 68 giugno 2009 Dipartimento di Economia

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

Il capitale umano per il XXI secolo

Il capitale umano per il XXI secolo Il capitale umano per il XXI secolo Ignazio Visco Vice Direttore Generale Banca d Italia Bari, 8 aprile 2011 Le forze della demografia In Italia forte invecchiamento della popolazione, riflesso di calo

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare VERSIONE PROVVISORIA Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda

Dettagli

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia.

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia. Meno matrimoni In Italia ha sempre ricoperto un ruolo decisivo nel sistema di protezione sociale la rete di welfare familiare. Anche nell ambito della famiglia registriamo dinamiche demografiche, sociali

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

9. Ricchezza e disuguaglianza in Italia Giovanni D Alessio (Servizio Studi Banca d Italia)

9. Ricchezza e disuguaglianza in Italia Giovanni D Alessio (Servizio Studi Banca d Italia) 9. Ricchezza e disuguaglianza in Italia Giovanni D Alessio (Servizio Studi Banca d Italia) La ricchezza rappresenta una caratteristica fondamentale per il benessere degli individui e delle comunità nel

Dettagli

Le criticità del sistema previdenziale italiano dopo la riforma Fornero: uno sguardo di genere

Le criticità del sistema previdenziale italiano dopo la riforma Fornero: uno sguardo di genere Le criticità del sistema previdenziale italiano dopo la riforma Fornero: uno sguardo di genere Michele Raitano Sapienza Università di Roma e Fondazione Giacomo Brodolini Roma, 6 marzo 2012 I punti da sottolineare

Dettagli

La famiglia, i giovani e il lavoro in Italia Enrico Giovannini

La famiglia, i giovani e il lavoro in Italia Enrico Giovannini La famiglia, i giovani e il lavoro in Italia Enrico Giovannini Bari, 25 ottobre 2012 1 Numero di famiglie La struttura delle famiglie italiane è cambiata: si è ridotto il numero dei componenti e sono aumentate

Dettagli

LA PROTEZIONE DELLA LE RIFORME DEL 2012 E DEL 2015 DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: 25/05/2015 1

LA PROTEZIONE DELLA LE RIFORME DEL 2012 E DEL 2015 DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: 25/05/2015 1 LA PROTEZIONE DELLA DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: LE RIFORME DEL 2012 E DEL 2015 25/05/2015 1 L ASSICURAZIONE CONTRO LA DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: LE RAGIONI DI UNA RIFORMA 1) Quale inclusione? La maggior parte

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

Il sostegno alle famiglie con figli: l Assegno unico per i minori

Il sostegno alle famiglie con figli: l Assegno unico per i minori Il sostegno alle famiglie con figli: l Assegno unico per i minori Paolo Bosi CAPP Milano 26 settembre 2013 I programmi vigenti Detrazioni per carichi familiari in Irpef Assegni familiari Assegni per nuclei

Dettagli

I contributi economici a sostegno del reddito

I contributi economici a sostegno del reddito Corso di formazione ed aggiornamento sulla gestione dei servizi sociali con riferimento alle prestazioni agevolate I contributi economici a sostegno del reddito Rimini, 24 gennaio 2012 Le misure della

Dettagli

Perchè gli Italiani si sentono più poveri? Tito Boeri Roma, 24 gennaio 2005

Perchè gli Italiani si sentono più poveri? Tito Boeri Roma, 24 gennaio 2005 Perchè gli Italiani si sentono più poveri? Tito Boeri Roma, 24 gennaio 5 REPORTED PERSONAL EXPECTATIONS FOR THE NEXT YEAR (Percentage share of valued votes) Italy Household financial situation EMU area

Dettagli

CONDIZIONI DI RIPRODUZIONE DELLA CLASSE

CONDIZIONI DI RIPRODUZIONE DELLA CLASSE CONDIZIONI DI RIPRODUZIONE DELLA CLASSE Facciamo partire la nostra analisi dalla semplice descrizione della composizione di sesso, età, situazione familiare e condizione abitativa, anzianità aziendale,

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

La Crisi dei Salari Crescita, Occupazione e Redditi perduti negli anni Duemila

La Crisi dei Salari Crescita, Occupazione e Redditi perduti negli anni Duemila Istituto per le ricerche economiche e sociali La Crisi dei Salari Crescita, Occupazione e Redditi perduti negli anni Duemila presentazione a cura di: Agostino Megale Riccardo Sanna Taranto, 18/9/2010 elaborazioni

Dettagli

Rapporto sulla Coesione Sociale

Rapporto sulla Coesione Sociale Rapporto sulla Coesione Sociale Anno 2011 I Volume Sistema Statistico Nazionale SOMMARIO CAPITOLO 1: I CONTESTI... 5 1.1 Il quadro socio demografico... 5 1.1.1 Struttura e dinamica della popolazione...

Dettagli

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA 16 dicembre 2013 Anno 2012 REDDITO E CONDIZIONI DI VITA Nel 2012, il 29,9% delle persone residenti in Italia è a rischio di povertà o esclusione sociale, secondo la definizione adottata nell ambito della

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

i dossier L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI 16 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In data 16 luglio

Dettagli

Fuel Poverty: definizione, dimensione e proposte di policy per l Italia

Fuel Poverty: definizione, dimensione e proposte di policy per l Italia Rapporto di Ricerca dell Associazione Bruno Trentin Fuel Poverty: definizione, dimensione e proposte di policy per l Italia Serena Rugiero Associazione Bruno Trentin Osservatorio Energia, Innovazione e

Dettagli

In copertina: trasloco. Copyright:http://blog.donnamoderna.com/mommypride/files/2009/06/trasloco.jpg. 09_21.odt 2

In copertina: trasloco. Copyright:http://blog.donnamoderna.com/mommypride/files/2009/06/trasloco.jpg. 09_21.odt 2 Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale La popolazione sotto il livello di povertà. 09_21.odt 1 R.I. 21/09 Dicembre 2009 Questo rapporto

Dettagli