Marketing Industriale e Direzione d Impresa Lezione 25 Il comportamento d'acquisto del consumatore Ing. Marco Greco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marketing Industriale e Direzione d Impresa Lezione 25 Il comportamento d'acquisto del consumatore Ing. Marco Greco m.greco@unicas."

Transcript

1 Markeing Indusriale e Direzione d Impresa Lezione 25 Il comporameno d'acquiso del consumaore Ing. Marco Greco Tel

2 Il processo di acquiso razionale Processo di acquiso suddiviso in fasi disine, legao ad approccio EPS (Exended Problem Solving) Modello normaivo, più che descriivo Aiua ad individuare le scele di markeing più adae a ciascuna fase 2

3 3. Valuazione delle alernaive Individuare l algorimo che permee, a parire dalle informazioni oenue, di giungere ad un giudizio di preferenza Varia al variare del consumaore e della siuazione di acquiso In via preliminare è necessario definire: - L insieme di aribui del prodoo, che conribuiscono a soddisfare il bisogno e ad aumenare l uilià aesa del consumaore - Il livello di imporanza di ciascun aribuo, ossia il peso dell aribuo nella definizione della decisione di acquiso - Il livello di preminenza di ciascun aribuo, ossia l ordine nel quale l aribuo viene richiamao alla mene dal consumaore 3

4 Modelli di valuazione Modello del valore aeso Modello della marca ideale Modello congiunivo Modello disgiunivo Modello lessicografico 4

5 Modello del valore aeso A jk = n i=1 W ik B ijk A jk : uilià del consumaore k oenibile dal prodoo j W ik : peso relaivo assegnao dal consumaore k all aribuo i B ijk : performance dell aribuo i all inerno del prodoo j secondo l opinione del consumaore k n: numero oale degli aribui rienui imporani per la scela di un dao bene Il consumaore k sceglie il prodoo j con A jk massimo 5

6 Modello del valore aeso Le imprese che non vengono prescele possono punare su: - modifica delle caraerisiche del prodoo - riposizionameno reale - modifica delle opinioni sul prodoo/marca - riposizionameno psicologico - modifica delle opinioni sui prodoi concorreni - deposizionameno della concorrenza - modifica del peso relaivo degli aribui - richiamo dell aenzione sugli aribui scarsamene considerai - modificare il modello ideale del consumaore 6

7 Modello della marca ideale Il consumaore possiede un immagine della prodoo ideale e compara ad esso le diverse alernaive di offera a sua disposizione D jk = n i=1 W ik B ijk I ik D jk : disuilià del consumaore k oenibile dall acquiso del prodoo j, piuoso che dall acquiso del prodoo ideale I ik : livello ideale assegnao all aribuo i dal consumaore k (simao araverso inervise ai poenziali acquireni) B ijk e W ik hanno lo sesso significao viso nel modello del valore aeso Il consumaore k sceglie il prodoo j con D jk minimo 7

8 Modelli non compensaori In un modello compensaorio pro e conro possono bilanciarsi a vicenda, I modelli non compensaori sono più sbrigaivi Modello congiunivo / Scele eurisiche combinaorie Si definiscono dei livelli minimi di soglia S ijk che ogni prodoo deve raggiungere su alcuni, o ui, gli aribui, pena la sua esclusione già nella fase iniziale di valuazione Modello disgiunivo Si considerano i prodoi che hanno uno o più aribui con puneggi superiori a ceri livelli, senza curarsi della posizione oenua sugli alri aribui Modello lessicografico Gli aribui vengono ordinai per imporanza (in modo deerminisico o probabilisico) e si discrimina sul primo aribuo, poi sul secondo, e via via sugli alri, oppure si basa esclusivamene sul primo aribuo I meodi possono essere uilizzai congiunamene, anche nell ambio dello sesso processo di acquiso, per esempio prima facendo una scremaura e poi enrando nel deaglio 8

9 4. Decisione di acquiso La definizione della preferenza per un prodoo si raduce in inenzione di acquiso, a meno di: - opinioni e aeggiameni degli alri: dipende da osilià verso la nosra scela, e da quano ci ineressa l opinione alrui - Opinione: pensiero che descrive come una persona giudica un dao oggeo, in un dao momeno - Aeggiameno: valuazione relaivamene sabile di un individuo riguardo ad un prodoo, una caegoria, una marca Gli aeggiameni consenono di economizzare (comporameni simili rispeo a prodoi simili) e sono perciò complessi da modificare - faori siuazionali non previsi (es. perdia del lavoro) 9

10 4. Decisione di acquiso Ruolo del rischio percepio nella decisione di modificare, posporre o annullare una decisione di acquiso. Esso è dao da: rischio funzionale presazioni al di soo delle aspeaive rischio fisico minaccia all incolumià rischio finanziario non vale il prezzo rischio sociale genera disagio da pare degli alri rischio psicologico inacca il benessere psichico dell uilizzaore rischio emporale se devo cambiarlo perdo empo 10

11 4. Decisione di acquiso Decisione di acquiso consise in: quale prodoo acquisare quano acquisare quando acquisare in che modo pagare 11

12 5. Comporameno del dopo-acquiso In ale fase, si deermina il livello di soddisfazione del consumaore S = f (E, P) S = livello di soddisfazione E = livello delle aspeaive iniziali (valore aeso) P = livello delle presazioni oenue (valore percepio) E dipende dalle informazioni oenue nella fase 2 In paricolare, va presaa aenzione alle informazioni fornie dai vendiori, che possono alimenare aspeaive che vengono disaese, generando dissonanza e quindi insoddisfazione 12

13 Comporameno e soddisfazione Consumaore soddisfao aumena la probabilià di riacquiso e genera passaparola posiivo 13

14 Comporameno e soddisfazione Azioni pos-acquiso dell impresa - Spedire leere di congraulazioni per l acquiso effeuao - Solleciare suggerimeni da pare del cliene per migliorare il prodoo - Fornire servizi accessori - Librei di isruzioni curai e rassicurani Frosinone, 24/11/2014

15 Misurare la Cusomer Saisfacion American Cusomer Saisfacion Index (ACSI) Rileva soddisfazione a livello di singola impresa, di seore e di inera nazione 15

16 American Cusomer Saisfacion Index (ACSI) 16

17 American Cusomer Saisfacion Index (ACSI) Source: hp://www.heacsi.org/index.php?opion=com_conen&view=aricle&id=147&caid=&iemid=212&i=personal+compuers Uile benchmark per le imprese affereni ad un deerminao seore indusriale Uile srumeno di feedback delle sraegie di markeing implemenae da ali imprese Srumeno di conrollo e validazione del legame ra sraegie di markeing e valore d impresa sui mercai azionari

18 Gli effei dell insoddisfazione Modello di Babich A, B, C = numero di consumaori di a, b e c x, y, z, = livello di insoddisfazione per a, b e c m a, m b, m c = quoe di mercao per a, b e c D = domanda oale (cosane al empo ) 18 ] ) ( [ ] ) ( [ ] ) ( [ C B A C D m D C C B A B D m D B C B A A D m D A C B A C B A

19 Gli effei dell insoddisfazione Modello di Babich Ipoesi di base i consumaori cambiano sempre marca al primo segno di insoddisfazione i consumaori insoddisfai di una marca si disribuiscono ra le alre due marche in modo proporzionale alle loro quoe di mercao 19 ] ) ( [ ] ) ( [ ) (1 ] ) ( [ ] ) ( [ ) (1 ] ) ( [ ] ) ( [ ) ( C A C y B C B C x A z C C A B B z C C B B x A y B B B A A z C C A A y B x A A

20 Modello di Babich Livello di insoddisfazione x y z 0,01 0,02 0,10 Livello di insoddisfazione x y z 0,10 0,18 0,20 20

21 Gli effei dell insoddisfazione Modello di Reicheld : frazione media di ransazioni non soddisfaceni, che porano il cliene a cambiare forniore (es. asso di difeosià) n: numero di ransazioni per cliene P n : percenuale di clieni persa dopo n ransazioni P n 100[1 (1 ) n ] 21

22 Limii del processo di acquiso razionale Difficolà di individuare e analizzare le singole fasi Vale specialmene nel caso di comporameno di acquiso complesso e nel caso di primo acquiso Negli alri casi, specie per i beni a basso livello di coinvolgimeno, alcuni sadi possono essere salai o inverii Spesso il processo di acquiso non è razionale, ma viene razionalizzao successivamene 23

23 Modelli alernaivi di processo di acquiso Processo di acquiso non basao su un approccio massimizzane, ma su quello soddisfacene: scelgo il primo prodoo che garanisce almeno un livello soglia di uilià Processo di acquiso basao su meccanismi di rinforzo, oenui araverso un adeguao invio di simoli e feedback, in maniera inermiene o coninua, al consumaore Problema della desensibilizzazione Processo di acquiso basao sull abiudine, specie quando gli simoli provenieni dall ambiene endono ad essere sabili nel empo o sono di bassa inensià e efficacia 24

24 Razionalià limiaa Il Premio Nobel Herber Simon ha dimosrao come il processo decisionale umano sia molo diverso da quello «razionale» - Raccola incomplea delle informazioni - Incapacià di elaborare ue le informazioni raccole - Ricerca di una soluzione soddisfacene piuoso che massimizzane - Evoluzione del processo decisionale araverso l apprendimeno Ruolo fondamenale delle eurisiche: regole empiriche e scorciaoie menali che velocizzano e economizzano il processo decisionale, causando però anche errori 25

25 Risparmio nell elaborazione Eurisica della disponibilià: le persone endono ad aribuire una frequenza maggiore agli eveni che vengono in mene più facilmene Eurisica della rappresenaivià: le persone endono ad aribuire una caraerisica a un cero oggeo più sulla base della somiglianza rispeo a casi analoghi, che sull analisi dei dai oggeivi Eurisica dell ancoraggio: le persone endono ad aribuire una caraerisica ad un cero oggeo sulla base di un valore di riferimeno non oggeivo (àncora), come la prima impressione e ad adeguarsi ad esso 26

26 Riduzione delle dissonanze Eurisica della disconferma: le persone endono a valuare con maggiore empo e impegno le informazioni che conraddicono le loro conoscenze e valori pre-esiseni, piuoso che quelle in linea con essi Eurisica del senno di poi: le persone endono rerospeivamene a modificare la probabilià di accadimeno di un eveno dopo che esso si è effeivamene verificao Illusione del conrollo: le persone endono a sopravvaluare le proprie capacià di gesire le siuazioni e di porarle a ermine in maniera migliore rispeo agli alri 27

27 La scela in condizioni di incerezza Per valuare un eveno incero A in maniera razionale occorre ener cono degli n possibili esii dell eveno, valuai sulla base: - del risulao connesso a ciascun esio, espresso in ermini di valore moneario (ra j ) - della probabilià di accadimeno di ciascun esio (pa j ) In queso modo, è possibile calcolare il valore aeso dell eveno n EV(A) = j=1 ra j pa j Non sempre il consumaore sceglierà l eveno che garanisce il massimo valore aeso. Ad esempio, quale ra quesi giochi esa o croce sceglierese A (100; -0.50), B (200; -100), C (20000; )? 28

28 Teoria dell uilià aesa Il consumaore sceglierà l eveno caraerizzao dalla massima uilià aesa, espressa come valore aeso delle uilià associae a ciascun esio dell eveno Dao M 0 il parimonio di parenza del consumaore n EU A = j=1 U(M 0 + ra j )pa j Solo se EU A > U(M 0 ) allora il consumaore sceglierà l eveno A, alrimeni manerrà lo saus quo 29

29 Razionalià limiaa del consumaore Le persone endono a preferire le alernaive che danno guadagni ceri rispeo a quelli inceri (effeo cerezza) Le persone valuano molo più le perdie rispeo ai guadagni (avversione alla perdia) Nel caso in cui enrambi gli eveni sono inceri e le possibili perdie sono di modesa enià, la scela verrà faa verso l alernaiva con il maggior valore aeso In generale, le persone sembrano avverse al rischio di frone a un guadagno sicuro, menre sono propense al rischio di frone a una perdia sicura 31

30 Prospec heory 32

31 Conabilià menale A parire dalla funzione del valore precedene, si scopre che: I consumaori endono a sopravvaluare una serie di piccoli guadagni espressi singolarmene, piuoso che un singolo guadagno complessivo I consumaori endono a valuare peggio una singola perdia elevaa piuoso che una serie di piccole perdie espresse singolarmene (specie se l acquiso principale è di grande enià) 33

32 Le inuizioni di Gusave Le Bon Le Bon, G. (1895) «Psicologia delle Folle» «Se un legislaore, ad esempio, vuole imporre una nuova assa, dovrà forse scegliere quella che è eoricamene più giusa? Nien affao. La più ingiusa risulerà praicamene la migliore per le folle purché sia la meno appariscene e a prima visa la meno gravosa. Ecco perché un imposa indirea, anche se esorbiane, sarà sempre acceaa dalla folla. Dao che viene prelevaa quoidianamene su genere di consumo nella misura di frazioni di cenesimo, non incide sulle abiudini e fa poca impressione. Sosiuiela con un imposa proporzionale sui salari o sui reddii, da pagarsi in un solo versameno, sia pure dieci vole meno gravoso dell alro e solleverà unanimi proese» (p. 39) 34

33 Le inuizioni di Gusave Le Bon Le Bon, G. (1895) «Psicologia delle Folle» «Ceno piccoli delii [ ] non colpiranno affao l immaginazione delle folle, menre un grosso delio [ ] la colpirà profondamene anche se le conseguenze saranno infiniamene meno gravi di quelle dei ceno piccoli delii presi assieme» (p. 97) 35

34 Bias nelle scele ineremporali In generale, le persone preferiscono un guadagno oggi piuoso che un guadagno domani, anche se ques ulimo è di enià maggiore Il Discouned Uiliy Model predice che l indifferenza ra i due guadagni si rova araverso l applicazione di un asso soggeivo di scono cosane In realà, alcuni esperimeni hanno mosrao come le persone richiedano un asso di scono maggiore nei primi periodi In generale, le persone preferiscono i guadagni più vicini perché le emozioni connesse con il consumo immediao sono più fori di quelle connesse al consumo riardao 37

35 Frosinone, 24/11/2014 Pricing

36 Pricing Wha is he bes price for my produc? This is he mos difficul quesion for a markeer, for an enrepreneur, for a sarupper. Why? High price: some of he poenial demand will no buy he produc less sales, unsold sock, less economies of scale Low price: some of he profi margin is los risk of ou-of-sock, risk of oo small margins 39

37 Price peculiariies Among he markeing mix, price is he only elemen ha produces revenue Price can be changed quickly (unlike qualiy, produc feaures, or disribuion channels) Price is a powerful leverage ha is ofen used badly 40

38 Pricing objecive Survival Shor-erm Overcapaciy and inense compeiion Variable coss are covered Max curren profi Medium-erm Risk of sacrificing long-run performance Max mk share Lowes price in he indusry Price sensiive marke, economies of scale and scope, sraegic aspecs Max mk skimming High prices o skim he marke High demand, low offer, no aracion of compeiors, high image of he produc Produc-qualiy leadership Premium producs a premium prices 41

39 Esimaing he demand curve Purchase quaniy in response o alernaive prices The characerisics of he curve depend on he price sensiiviy Each person has his/her own price sensiiviy, ha may be aggregaed in he price elasiciy of demand Facors affecing price sensiiviy: The produc is more disincive, has more qualiy, presige, or exclusiveness Buyers are less aware of subsiues Buyers canno easily compare he qualiy of subsiues The expendiure is a lower par of buyer s oal income The expendiure is small compared o he oal cos of he end produc Par of he cos is borne by anoher pary The produc is used in conjuncion wih asses previously bough The Inerne 42

40 Esimaing he demand curve Saisical analysis of pas prices, quaniies sold and oher relevan variables (markeing mix, marke rends, ec ) Conduc experimens varying prices and observing he resuls Ask buyers how many unis hey would buy a cerain prices Noe ha wha he buyers say hey would do, no necessarily coincides wih heir acual behaviour 43

41 Esimaing coss You should be able o esimae how much coss vary wih differen levels of producion Analyse he compeiors prices and offers (and, more difficul, coss) Targe cosing: plan he produc feaures, deermine he price according o is appeal and compeiors prices, deduc he desired profi margin Try o achieve he remaining arge cos 44

42 Targe cosing: Taa Nano To develop a produc for people who wan o move from 2 wheeler o 4 wheeler in affordable price. Price wihin a range of 2500$. Low cos, regulaory requiremen, accepable performance sandards Aluminium engines o reduce weigh and cos, No radio, No AC, Use of Plasic and adhesive raher han Welding and meal body. Source: hp://www.aanano.com/nano-sory.hml 45

43 Choosing he pricing mehod Markup Pricing: esimae he oal coss and add a sandard markup for profi (e.g. in case of projecs). The mehod ignores he demand, herefore canno be opimal Esimaing he demand is more difficul han esimaing coss, herefore his sysem is very popular Targe-reurn pricing: deermine he price yielding he company s arge reurn-on-invesmen (e.g. General Moors prices is cars o achieve a 15-20% ROI) Targe price = uni cos+desired ROI invesed capial expeced uni sales 46

44 Choosing he pricing mehod Perceived-Value Pricing: price is based on he cusomers perceived value, improving i by means of he oher markeing-mix elemens Need of markeing research Value pricing: fairly low price for a high qualiy offering reengineering he company s operaions o become a low-cos producer wihou sacrificing qualiy, and lowering prices Everyday low pricing (EDLP): no emporary discouns, always low price Going-Rae Pricing: price is based on compeiors prices (sligh premium or sligh discoun) 47

45 Psychological aspecs of price Irrelevan alernaives The psychological effecs of price The cos of Free 48

46 The Economis subscripion (source Ariely, 2008) A. Online subscripion 59$ B. Paper subscripion 125$ C. Paper + Online subscripion 125$ The «B» alernaive is a lure, because we compare alernaives 49

47 Irrelevan alernaives Ren cos A C B Disance from Campus If he alernaives are «A» and «B», half of he people would choose he former, and half he laer If we add he alernaive «C», people choosing «B» will increase significanly 50

48 The zero cos We are overwhelmingly araced by every «free» producs, even if we do no need hem or we are no ineresed in hem a all The difference beween 20 cens and 0 cens is dramaic (e.g. Amazon France) When we have o choose beween a free produc and a wih fee produc, we lose our raionaliy (e.g.+20% free) 51

49 The psychological effecs of price An expensive medicine (he 50- cen aspirin) may make people feel beer han a cheaper medicine (he penny aspirin) Ofen he placebo effec acually works beer han drugs (e.g. pain reamen) 52

50 Discriminaory prices Occurs when a company sells a produc a wo or more prices ha do no reflec a proporional difference in coss Cusomer-segmen pricing :Differen cusomer groups pay differen prices for he same good. (e.g. lower icke price in museums for sudens and senior ciizens) Produc-form pricing: differen versions of he produc are priced differenly bu no proporionaely o heir respecive coss (e.g. small vs large bole of waer) 53

51 Discriminaory prices Image pricing: some companies price he same produc a wo differen levels based on image differences (main brand vs commercial brand of a waer boling company) Locaion pricing: differen price a differen locaions even hough he coss are he same (e.g. sea prices in heares on he basis of visibiliy) Time pricing: prices are varied by season, day, or hour (e.g. hoel rooms) 54

52 Cuing or increasing prices In case of excess capaciy or declining marke share, he firm may wan o cu prices Noe ha: You migh rigger a price war, losing profi margins Cusomers may assume ha lower-priced producs have lower qualiy low price buys marke share, no marke loyaly: he same cusomers will shif o any lower-price firm higher-priced compeiors may cu heir prices and sill have longer saying power because of deeper cash reserves. Rising coss may squeeze profi margins, leading o price increases 55

53 Promoional prices Loss-leader pricing: sores drop he price on well known brands o simulae addiional sore raffic (e.g. a small amoun of iphones sold a 200 ) Special-even pricing: sellers esablish special prices in cerain seasons o draw in more cusomers (e.g. Nemi s srawberries fesival) Cash rebaes: Parial refund for a purchase ha is paid in acual currency; his helps clear invenories wihou cuing he saed price Low-ineres financing: Insead of cuing is price, he company can offer cusomers low- or no-ineres financing. 56

54 Nemi s Srawberry fesival Nemi s srawberries bear heir lile fruis only in May/June Nemi s srawberries are considered among he mos delicious of Lazio From May 25 h o June 9 h here is a fesival of srawberries in Nemi (80 h ediion in 2013) 57

55 Samsung cash back hp://www.samsung.com/au/promoions/ 58

56 Promoional prices Longer paymen erms: Sellers srech loans over longer periods and hus lower he monhly paymens ha cusomers pay Warranies and service conracs: Companies can promoe sales by adding a free or low-cos warrany or service conrac. Psychological discouning: Used legiimaely, his involves offering he iem a subsanial savings from he normal price (e.g Was $359, now $299) Bundling: bundle of producs or feaures (e.g. An auo manufacurer migh offer an opion package a less han he cos of buying all of he opions separaely) Pure bundling: producs can only be found in he bundle, hey are no sold separaely 59

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO Lo sudio delle poliiche economiche con il modello IS-LM permee di analizzare gli effei di breve periodo delle decisioni di poliica fiscale e monearia del governo.

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management La vischiosià dei deposii a visa durane la recene crisi finanziaria: implicazioni in una prospeiva di risk managemen Igor Gianfrancesco Camillo Gilibero 31/01/1999 31/07/1999 31/01/2000 31/07/2000 31/01/2001

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere DIPRTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Modello di Solow (1) 1 a. a. 2015-2016 ppuni dalle lezioni. Uso riservao Maurizio Zenezini Consideriamo un economia (chiusa e senza inerveno dello sao) in cui viene prodoo

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 01

Economia e gestione delle imprese - 01 Economia e gesione delle imprese - 01 L impresa come organizzazione che crea valore Leve di creazione di ricchezza e responsabilià sociale Prima pare : L impresa che crea valore 1. L impresa 2. L evoluzione

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà La Teoria Generale 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Il ragionameno svolo fino a queso puno è valido per un livello dao del salario nominale e dei prezzi. Le grandezze preseni nel modello, per

Dettagli

Ottobre 2009. ING ClearFuture

Ottobre 2009. ING ClearFuture Oobre 2009 ING ClearFuure Una crescia cosane. Con una solida proezione nel empo. ING ClearFuure è la soluzione assicuraiva Uni Linked di dirio lussemburghese, realizzaa apposiamene da ING Life Luxembourg

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES 1. Irpef 1) Dopo avere definio il conceo di progressivià delle impose, si indichino le modalià per la realizzazione di un sisema di impose progressivo. 2) Il signor

Dettagli

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto Valuazione d azienda La valuazione d azienda: conciliazione ra meodo direo ed indireo di Maeo Versiglioni (*) e Filippo Riccardi (**) La meodologia maggiormene uilizzaa per la valuazione d azienda, è quella

Dettagli

Le basi della valutazione secondo i cash flow. Aswath Damodaran

Le basi della valutazione secondo i cash flow. Aswath Damodaran Le basi della valuazione secondo i cash flow Aswah Damodaran Valuazione secondo i cash flow: le basi dell'approccio Valore = = n CF = 1 1+ r ( ) dove, n = anni di via dell'aivià CF = Cash flow nel periodo

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità Economia e gesione delle imprese - 07 Obieivi: Descrivere i processi operaivi della gesione finanziaria nel coneso aziendale. Analizzare le decisioni di invesimeno. Analizzare le decisioni di finanziameno.

Dettagli

Apertura nei Mercati Finanziari

Apertura nei Mercati Finanziari Lezione 20 (BAG cap. 6.2, 6.4-6.5 e 18.5-18.6) La poliica economica in economia apera Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Aperura nei Mercai Finanziari 1) Gli invesiori possono

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie Operazioni finanziarie Una operazione finanziaria è uno scambio di flussi finanziari disponibili in isani di empo differeni. Disinguiamo ra: operazioni finanziarie in condizioni di cerezza, quando ui gli

Dettagli

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio Economia Indusriale Capiolo 7 Differenziazione di prodoo e qualià in monopolio Beoni Michela Gallizioli Giorgio Gaverina Alessandra Rai Nicola Signori Andrea AGENDA Concei di differenziazione vericale

Dettagli

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti:

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti: Analisi degli Invesimeni Obieivo: Sviluppare una meodologia di analisi per valuare la convenienza economica di un nuovo invesimeno, enendo cono di alcuni faori rilevani: 1. Dimensione emporale. 2. Grado

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO Sergio Rech Diparimeno di Ingegneria Indusriale Universià di Padova Mercai energeici e meodi quaniaivi: un pone ra Universià

Dettagli

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato OSSERVATORIO collegameno ferroviario Torino-Lione Collegameno ferroviario Torino-Lione I possibili schemi di Parenariao Pubblico Privao Torino, 30 Oobre 2007 Unià Tecnica Finanza di Progeo 1 PPP: analisi

Dettagli

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA www.lvprojec.com Do. Loi Nevio Generalià sui sisemi dinamici. Variabili di sao, di ingresso, di uscia. Sisemi discrei. Sisemi lineari. Paper: Dynamic Modelling Do. Loi

Dettagli

Analisi e valutazione degli investimenti

Analisi e valutazione degli investimenti Analisi e valuazione degli invesimeni Indice del modulo L analisi degli invesimeni e conceo di invesimeno Il valore finanziario del empo e aualizzazione Capializzazione e aualizzazione Il coso opporunià

Dettagli

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico SUSTAINABLE ENERGY FORUM - Le nuove froniere della produzione di energia pulia La Finanza di Progeo per la realizzazione e gesione di un parco Eolico Roma, 6 Giugno 2007 Gabriele FERRANTE Unià ecnica Finanza

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Universià degli Sudi di Parma Diparimeno di Economia Obieivi della lezione Capire i profili di analisi di un invesimeno in beni srumenali Saper scegliere correamene

Dettagli

La volatilità delle attività finanziarie

La volatilità delle attività finanziarie 4.30 4.5 4.0 4.5 4.0 4.05 4.00 3.95 3.90 3.85 3.80 3.75 3.70 3.65 3.60 3.55 3.50 3.45 3.40 3.35 3.30 3.5 3.0 3.5 3.0 3.05 3.00.95.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00.95.90.85.80.75.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00

Dettagli

Lezione n.12. Gerarchia di memoria

Lezione n.12. Gerarchia di memoria Lezione n.2 Gerarchia di memoria Sommario: Conceo di gerarchia Principio di localià Definizione di hi raio e miss raio La gerarchia di memoria Il sisema di memoria è molo criico per le presazioni del calcolaore.

Dettagli

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006 - 4 Teoria della Finanza Aziendale rof. Aruro Capasso A.A. 5-6 Il valore delle A. azioni ordinarie - Argomeni Rendimeni richiesi rezzi delle azioni e ES Cash Flows e valore economico d impresa - 3 Domande

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. La pubblicità. Creare la conoscenza di un prodotto. Creare l'immagine di marca. Influenzare gli atteggiamenti

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. La pubblicità. Creare la conoscenza di un prodotto. Creare l'immagine di marca. Influenzare gli atteggiamenti Obieivi della pubblicià Creare la conoscenza di un prodoo Analisi di Mercao Facolà di Economia francesco mola La pubblicià Creare l'immagine di marca Influenzare gli aeggiameni Rafforzare la fedelà alla

Dettagli

Università degli Studi di Padova

Università degli Studi di Padova Universià degli Sudi di Padova FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE Corso di Laurea Specialisica in Scienze Saisiche, Economiche, Finanziarie e Aziendali VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELLA PUBBLICITÀ NEL MERCATO

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

Il modello di Black-Scholes. Il modello di Black-Scholes/2

Il modello di Black-Scholes. Il modello di Black-Scholes/2 Il modello di Black-Scholes Si raa sosanzialmene del modello in empo coninuo che si oiene facendo endere a 0 nel modello binomiale. Come vedremo, è un modello di fondamenale imporanza, e per esso a Myron

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte deerminisica variabile nel empo Quando la domanda viaria nel empo, il problema della gesione dell invenario divena preamene dinamico. e viene deo di lo-sizing. Consideriamo il caso in cui la domanda pur

Dettagli

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100.

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100. Soluzione dell Esercizio 1: Assicurazioni a) In un mercao perfeamene concorrenziale, deve valere la condizione di profii aesi nulli: E(P)=0. E possibile mosrare che ale condizione implica che l impresa

Dettagli

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione Economia del Seore Pubblico Laura Vici laura.vici@unibo.i www2.dse.unibo.i/lvici/edsp_ii.hm Modalià dell inerveno pubblico Regolamenazione Finanziameno: parziale o inegrale? Produzione: pubblica o privaa?

Dettagli

Osservabilità (1 parte)

Osservabilità (1 parte) eoria dei sisemi - Capiolo 9 sservabilià ( pare) Inroduzione al problema della osservabilià: osservazione e ricosruzione. Sai indisinguibili e sai non osservabili...3 Soospazi di osservabilià e non osservabilià

Dettagli

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI TECNICA DELLE ASSICURAZIONI E DELLE FORME PENSIONISTICHE Prof. Annamaria Olivieri a.a. 25/26 Esercizi: eso. Una socieà di calcio si impegna a risarcire con 5 euro il proprio allenaore, in caso di licenziameno

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

Il Project Financing - Aspet t i finanziari

Il Project Financing - Aspet t i finanziari Parenariao Pubblico Privao Le modalià di coinvolgimeno dei capiali privai nel seore pubblico e gli srumeni finanziari di invesimeno Il Projec Financing - Aspe i finanziari Roma, 21 Febbraio 2006 Gabriele

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti)

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti) MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 007 008 Prova dell 8 febbraio 008 Nome Cognome Maricola Esercizio (6 puni) La vendia raeale di un bene di valore 000 prevede il pagameno di rae mensili posicipae cosani calcolae

Dettagli

LA GESTIONE COORDINATA DEGLI ATTIVI E DEI PASSIVI NEI FONDI PENSIONE

LA GESTIONE COORDINATA DEGLI ATTIVI E DEI PASSIVI NEI FONDI PENSIONE LA GESTIONE COORDINATA DEGLI ATTIVI E DEI PASSIVI NEI FONDI PENSIONE Prof. PAOLO DE ANGELIS Auario - Sudio ACRA Do. STEFANO VISINTIN Auario - Sudio Auariale Visinin & Associai Roma 19 giugno 2012 ASPETTI

Dettagli

Soluzione degli esercizi del Capitolo 2

Soluzione degli esercizi del Capitolo 2 Sisemi di auomazione indusriale - C. Boniveno, L. Genili, A. Paoli 1 degli esercizi del Capiolo 2 dell Esercizio E2.1 Il faore di uilizzazione per i processi in esame è U = 8 16 + 12 48 + 6 24 = 1. L algorimo

Dettagli

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti Polizze via l Approfondimeni Incorporare le aese dell assicurao nell ALM In quesi ulimi anni le socieà di assicurazione europee hanno affinao l uilizzo dell ALM nel ramo via. I loro sforzi, uavia, si sono

Dettagli

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 10 (BAG cap. 9) Il asso naurale di disoccupazione e la curva di Phillips Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia In queso capiolo Inrodurremo uno degli oggei più conosciui

Dettagli

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZNAR INTERBANCA 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR 250.000.000 Ar. 1 - TITOLI Il presio obbligazionario Inerbanca 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati L FIME a.a. 8-9 9 eoria elle opzioni e Prooi sruurai Giorgio onsigli giorgio.consigli@unibg.i Uff 58 ricevimeno merc:.-3. Programma. Mercao elle opzioni e conrai erivai. eoria elle opzioni 3. ecniche i

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà Macroeconomia neoclassica 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Disponiamo ora di ui gli elemeni necessari a rappresenare il modello compleo e l equilibrio. I dai del modello sono: 1. numero degli

Dettagli

Cenni di Matematica Finanziaria

Cenni di Matematica Finanziaria Cenni di Maemaica Finanziaria M.Leizia Guerra Facolà di Economia Universià di Urbino Carlo Bo Leggi e regimi finanziari Operazioni finanziarie elemenari Un conrao finanziario ra due soggei Alfa e Bea prevede

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta I mercai dei beni e i mercai finanziari in economia apera Economia apera Mercai dei beni: l opporunià per i consumaori e le imprese di scegliere ra beni nazionali e beni eseri. Mercai delle aivià finanziarie:

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche LEZIONE 3 INDICATORI DELLE RINCIALI VARIABILI MACROECONOMICHE Argomeni raai: definizione e misurazione delle segueni variabili macroecomiche Livello generale dei prezzi, Tasso d inflazione, π IL nominale,

Dettagli

Facoltà di Agraria - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Analisi Costi e Benefici

Facoltà di Agraria - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Analisi Costi e Benefici Facolà di Agraria - Universià di Sassari Anno Accademico 004-005 Dispense Corso di Pianificazione e Difesa del erriorio Docene: Luciano Guierrez Analisi Cosi e Benefici. Inroduzione. Decisioni individuali

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. L approccio time series per l analisi e la previsione della disoccupazione sarda

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. L approccio time series per l analisi e la previsione della disoccupazione sarda UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE MASTER IN STATISTICA APPLICATA L approccio ime series per l analisi e la previsione della disoccupazione sarda Relaore: Prof. Paolo Maana

Dettagli

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica ar. 64686 olla ad elica cicilindrica Eserciazione n 9 In figura è rappresenao un basameno sospeso anivibrane di una macchina nella quale viene originaa una forza perurbane alernaa sinusoidale di inensià

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.i; prospeiva europea, DEM Universià Il Mulino di 2011 Brescia Capiolo I. Un Viaggio inorno al mondo Corso di Economia Poliica

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

quaderni europei sul nuovo welfare

quaderni europei sul nuovo welfare quaderni europei sul nuovo welfare svecchiameno e socieà allegai N. 10, Maggio 2008 la conferenza di orino sul nuovo welfare Pubblicao da l isiuo del rischio Triese - MILANo - Ginevra Macros Research MILANo

Dettagli

Analisi delle serie storiche: modelli ARCH e GARCH. Prof. M. Ferrara

Analisi delle serie storiche: modelli ARCH e GARCH. Prof. M. Ferrara Analisi delle serie soriche: modelli ARCH e GARCH Prof. M. Ferrara 1 Scele di porafoglio Markowiz ci insegna che i parameri decisionali fondamenali per operare scele di porafoglio sono: Media Varianza

Dettagli

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, ECONOMIA E FINANZA SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA RELATORE: Ch.mo Prof. Francesco

Dettagli

A. Quantità edificatorie e densità territoriale...1

A. Quantità edificatorie e densità territoriale...1 Cara di Urbanisica I Pro.ssa Arch. Fabiola Fraini Cara di Urbanisica I --- a.a. 2003/2004 PROGETTO PER UN AMBITO URBANO NEL QUARTIERE DI CENTOCELLE Laboraorio progeuale annuale INDICAZIONI RIGUARDO LE

Dettagli

La Riassicurazione. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. email: rocco.cerchiara@unical.it. Materiale e Riferimenti

La Riassicurazione. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. email: rocco.cerchiara@unical.it. Materiale e Riferimenti Prof. R.R. Cerciara La Riassicurazione Prof. Cerciara Rocco Robero email: rocco.cerciara@unical.i Maeriale e Riferimeni 1. Lucidi disribuii in aula. Daboni, pagg. 13-17 e 137-148 (Leggere Riassicurazione

Dettagli

Ma nel dettaglio, come si svolge una seduta di allenamento con la metodica SPLIT SYSTEM?

Ma nel dettaglio, come si svolge una seduta di allenamento con la metodica SPLIT SYSTEM? LO SPLIT SYSTEM Di Fabio Zonin Volee oenere oimi guadagni di forza e massa e enere conemporaneamene soo conrollo la percenuale di grasso corporeo e farlo allenandovi solo per un ora re vole la seimana?

Dettagli

I confronti alla base della conoscenza

I confronti alla base della conoscenza I confroni alla ase della conoscenza Un dao uaniaivo rae significao dal confrono con alri dai Il confrono è la prima e più immediaa forma di analisi dei dai I confroni Daa una grandezza G, due suoi valori

Dettagli

Sofferenze bancarie di imprese e famiglie: evidenza sull Italia

Sofferenze bancarie di imprese e famiglie: evidenza sull Italia Corso di Laurea magisrale (ordinameno ex D.M. 270/2004) in Economia e Finanza Tesi di Laurea Sofferenze bancarie di imprese e famiglie: evidenza sull Ialia Relaore Ch. Prof. Domenico Sarore Laureanda Francesca

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE STATISTICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E AZIENDALI RELAZIONE FINALE: METODI STATISTICI PER LA GESTIONE

Dettagli

Il ricorso alla Finanza di Progetto nei progetti di generazione da fonti rinnovabili

Il ricorso alla Finanza di Progetto nei progetti di generazione da fonti rinnovabili I disrei produivi ialiani : Energia e sicurezza Il ricorso alla Finanza di Progeo nei progei di generazione da foni rinnovabili Pisa, 21-22 22 Novembre 2007 Gabriele FERRANTE Unià Tecnica Finanza di Progeo

Dettagli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli FOCUS TECNICO IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMIANTI IDROSANITARI asi d espansione e accumuli RODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA Due sono i sisemi normalmene uilizzai per produrre acqua calda saniaria: quello

Dettagli

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione Inroduzione all analisi delle serie soriche e dei meodi di previsione Indice. Capiolo inroduivo,. Inroduzione.2 Fasi di un analisi di previsione e sruura delle dispense 2. Meodi e srumeni di base, 5 2.

Dettagli

Lezione 15. Lezione 15. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. Sommario. Materiale di riferimento

Lezione 15. Lezione 15. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. Sommario. Materiale di riferimento Sommario Lezione 15 Converiore di ipo Flash Converiore a gradinaa Converiore a rampa Converiore ad approssimazioni successive (SA) Converiore di ipo SigmaDela Esempi di converiori preseni a bordo di mc

Dettagli

Buono Fruttifero Postale P70

Buono Fruttifero Postale P70 Foglio Informaivo delle principali caraerisiche dei Buoni Fruiferi Posali e Regolameno del presio Pare I - Informazioni sull'emiene e sul Collocaore Emiene: Cassa deposii e presii socieà per azioni (di

Dettagli

Il mercato immobiliare statunitense Un approccio attraverso l utilizzo dei Dynamic model average

Il mercato immobiliare statunitense Un approccio attraverso l utilizzo dei Dynamic model average Corso di Laurea magisrale (ordinameno ex D.M. 270/2004) in Economia e finanza Tesi di Laurea Il mercao immobiliare sauniense Un approccio araverso l uilizzo dei Dynamic model average Relaore Ch. Prof.

Dettagli

Regolatori switching

Regolatori switching 2 A4 Regolaori swiching I regolaori di ensione lineari hanno il grave difeo di non consenire il raggiungimeno di valori di efficienza paricolarmene elevai. Infai, in quese archieure gli elemeni di regolazione

Dettagli

del segnale elettrico trifase

del segnale elettrico trifase Rappresenazione del segnale elerico rifase Gli analizzaori di poenza e di energia Qualisar+ consenono di visualizzare isananeamene le caraerisiche di una ree elerica rifase. Rappresenazione emporale I

Dettagli

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009 La marice di conabilià sociale (SAM): uno srumeno per la valuazione IPI, 2009 Sono vieae le riproduzioni del eso, dei dai e dei conenui informaici dei CD allegai non auorizzai dall IPI con qualsiasi mezzo

Dettagli

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO Nel dominio del empo le variabili sono esaminae secondo la loro evoluzione emporale. Normalmene si esamina la risposa del sisema a un segnale di prova canonico, cioè si sollecia

Dettagli

Fabio Grasso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI TECNICI

Fabio Grasso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI TECNICI Fabio Grasso Direore Diparimeno di Scienze Saisiche Presidene Area Didaica delle Scienze Saisiche, Auariali e Finanziarie Universià degli Sudi di Roma La Sapienza LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI

Dettagli

Strumenti derivati: aspetti introduttivi. Outline. Il contratto forward. Generalità sugli strumenti derivati. Payoff del contratto forward

Strumenti derivati: aspetti introduttivi. Outline. Il contratto forward. Generalità sugli strumenti derivati. Payoff del contratto forward Srumeni derivai: aspei inroduivi Ouline Conrai forward, fuures e opzioni: descrizione degli srumeni ed esempi di sraegie operaive Prof. Fabio Bellini fabio.bellini@unimib.i Universià di Milano Bicocca

Dettagli

L ambiente prima di tutto

L ambiente prima di tutto ambiene prima di uo CATAOGO AMPAE ambiene prima di uo a ireiva Europea (2005/32/CE) viea da Seembre 2009 la prima iissione sul mercao di lampade ad elevao consumo energeico per uso domesico. a decisione

Dettagli

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007)

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007) INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornao il 2-2-2007). Obievi della rilevazione Negli anni 60 Mediobanca avviò la rilevazione sisemaca dei corsi delle azioni quoae in Borsa, ideando un indice con

Dettagli

x ( x, x,..., x ) (8.5, 10.3, 9.6, 8.7, 11.2, 9.9, 7.9, 10, 9, 11.1)

x ( x, x,..., x ) (8.5, 10.3, 9.6, 8.7, 11.2, 9.9, 7.9, 10, 9, 11.1) Serie Sorice e Processi Socasici Federico Andreis Inroduzione Desiderando inrodurre inuiivamene il conceo di serie sorica basa fare riferimeno a qualsiasi fenomeno misurabile ce varia nel empo e la cui

Dettagli

6 IL TASSO DI CAMBIO

6 IL TASSO DI CAMBIO Il asso di cambio 111 6 IL TASSO DI CAMBIO Il sisema economico silizzao dal quale siamo parii nel capiolo 1 si basa sul barao. In esso quindi non roviamo monea né ano meno la necessià di converire grandezze

Dettagli

Previsione della domanda e ottimizzazione delle scorte di magazzino della CAME s.p.a.

Previsione della domanda e ottimizzazione delle scorte di magazzino della CAME s.p.a. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E TECNOLOGIE INFORMATICHE RELAZIONE FINALE Previsione della domanda e oimizzazione delle score di magazzino

Dettagli

Politica Economica Europea

Politica Economica Europea Poliica Economica Europea 2 Tao di cambio Obieivo: confronare il valore di uno eo bene denominao in due value divere Bene X P$ Bene X P Eprimere il valore di un bene denominao in una valua, in un alra

Dettagli

Politica Economica Europea. a.a.2014-15

Politica Economica Europea. a.a.2014-15 Poliica Economica Europea 8 Il Traao di Maasrich Voluo da Mierand, Delors, Khol E firmao a Maasrich il 7 febbraio 1992 ed enrao in vigore il 1 novembre 1993. L'Unione europea da esso creaa compora re pilasri:

Dettagli

DI IDROLOGIA TECNICA PARTE III

DI IDROLOGIA TECNICA PARTE III FCOLT DI INGEGNERI Laurea Specialisica in Ingegneria Civile N.O. Giuseppe T. ronica CORSO DI IDROLOGI TECNIC PRTE III Idrologia delle piene Lezione XVII: I meodi indirei per la valuazione delle porae al

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facolà di Scienze Saisiche CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, ECONOMIA E FINANZA RELAZIONE FINALE: INFLUENZA DI ALCUNI CARATTERI SOCIOECONOMICI NELLE SCELTE DI PORTAFOGLIO

Dettagli

Temi di discussione. del Servizio Studi. Funzionamento della giustizia civile e struttura finanziaria delle imprese: il ruolo del credito commerciale

Temi di discussione. del Servizio Studi. Funzionamento della giustizia civile e struttura finanziaria delle imprese: il ruolo del credito commerciale Temi di discussione del Servizio Sudi Funzionameno della giusizia civile e sruura finanziaria delle imprese: il ruolo del credio commerciale di Amanda Carmignani Numero 497 - Giugno 2004 La serie Temi

Dettagli

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14 Universià di isa - olo della Logisica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sisemi Logisici Anno Accademico: 03/4 CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Docene: Marino Lupi

Dettagli

Teoria delle leggi finanziarie. S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08

Teoria delle leggi finanziarie. S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08 Teoria delle leggi finanziarie Inensià di ineresse L inensià di ineresse relaiva al periodo da x ad y è definia come adimensionale I( xy, ) 1 ixy (, ) γ ( xy, ) = = C y x ( dimensione di empo -1 ) L inensià

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI TEPUS PECUNIA EST COLLANA DI ATEATICA PER LE SCIENZE ECONOICHE FINANZIARIE E AZIENDALI 3 Direore Bearice VENTURI Universià degli Sudi di Cagliari Comiao scienifico Umbero NERI Universiy of aryland Russel

Dettagli

Modelli di Ricerca Operativa per il Lot Sizing

Modelli di Ricerca Operativa per il Lot Sizing Modelli di Ricerca Oeraiva er il Lo Sizing Corso di Modelli di Sisemi di Produzione I Sommario Inroduzione La gesione delle score (Problema e modelli) Parameri Fondamenali (cosi di e soccaggio) Aroccio

Dettagli

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 24 Il processo d acquisto del consumatore Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 24 Il processo d acquisto del consumatore Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Marketing e Direzione d Impresa Lezione 24 Il processo d acquisto del consumatore Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Il processo di acquisto razionale Processo di acquisto

Dettagli

FEARS Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

FEARS Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 FEARS Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programma di Sviluppo Rurale della Regione Lombardia 2007-2013 in applicazione del Regolameno Comunià Europea n. 1698 del 2005, aricolo 43 1. DEFINIZIONE 2.

Dettagli