Quesiti e problemi. 12 Individua l elemento del terzo periodo che appartiene. 13 Completa la parte evidenziata del sistema periodico,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quesiti e problemi. 12 Individua l elemento del terzo periodo che appartiene. 13 Completa la parte evidenziata del sistema periodico,"

Transcript

1 SUL LIBR DA PAG 184 A PAG 18 Quesiti e problemi 1 L energia di legame 1 Definisci l energia di legame. L energia di legame è la quantità di energia che è necessario fornire a una mole di sostanza per rompere il legame che trattiene i suoi atomi. 2 Qual è la condizione per cui si può formare un legame? Il legame tra atomi si forma se si abbassa la loro energia potenziale. 2 I gas nobili e la regola dell ottetto Quando l atomo di bario perde i suoi elettroni di valenza, lo ione che si forma ha la stessa configurazione di un atomo di a) I b) Xe c) La d) Cs 4 I è diverso da I perché ha a) più protoni b) meno elettroni c) meno protoni d) più elettroni Enuncia la regola dell ottetto. Un atomo è particolarmente stabile quando ha 8 atomi nello stato di valenza. 6 Quanti elettroni deve acquistare l atomo di fosforo per completare l ottetto? 7 Per raggiungere la configurazione di un gas nobile, l atomo di bromo deve perdere o acquistare elettroni? Deve acquistare un elettrone. 8 Scrivi la configurazione elettronica del neon individuando il livello più esterno e il numero di elet- troni di valenza. 1s 2 2s 2 2p 6 ; livello più esterno: secondo; 8 gli elettroni di valenza. 9 Scegli un elemento del gruppo VII (17) e indica quanti elettroni deve acquistare per raggiungere l ottetto. Deve acquistare un elettrone. 10 I gas nobili non hanno alcuna tendenza ad acquistare o cedere elettroni. Puoi spiegare questo comportamento? Perché hanno già lo strato di valenza completamente riempito. 11 Quanti elettroni vengono persi o acquistati dai seguenti atomi per completare l ottetto? a) Ca b) S c) e d) F a) cede 2 e ; b) acquista 2 e ; c) non acquista, né cede; d) acquista 1 e Scrivi la configurazione elettronica del gas nobile che ne risulta. a) e b) argon 1s 2 2s 2 2p 6 s 2 p 6 ; c) elio 1s 2 ; d) neon 1s 2 2s 2 2p 6 12 Individua l elemento del terzo periodo che appartiene al gruppo II. Di quale elemento si tratta? Mg, magnesio È un metallo o un non metallo? metallo Perderà o acquisterà elettroni per raggiungere l ottetto? Quanti? Cede 2 e per raggiungere l ottetto. 1 Completa la parte evidenziata del sistema periodico, inserendo nelle varie caselle il numero di elet- troni che ciascun elemento deve cedere (in rosso) o acquistare (in nero) per raggiungere l ottetto. I II VIII VI VII Dopo aver completato la tabella, confrontati con i compagni e con l insegnante. Quali problemi hai incontrato? ai osservato delle regolarità? Gruppi I II III cedono rispettivamente 1, 2 e elettroni (rosso); gruppo IV possono cedere o acquistare elettroni; gruppi V VI VII acquistano rispettivamente, 2 e 1 elettroni (nero); gruppo VIII non cedono né acquistano elettroni. 14 Individua il gas nobile a cui corrisponde la configurazione elettronica dei seguenti elementi quan- do hanno raggiunto l ottetto: Mg, Al,, Br, K, N, I. Ne; Ne; Ne; Kr; Ar; Ne; Xe Il legame covalente 1 Il legame dativo si ha quando a) un atomo mette in comune alcuni elettroni con un altro atomo b) un atomo cede due elettroni a un altro atomo che li acquista c) un atomo fornisce entrambi gli elettroni necessari a formare un legame covalente d) un atomo cede un elettrone a un altro atomo che lo acquista III IV V 1

2 16 Descrivi tutte le convenzioni che conosci per indicare la presenza di elettroni in una molecola. 17 Scrivi le formule di Lewis delle seguenti molecole: 2, 2 2, C 2, N 2, Si C 2 Si 2 "C" "Si" N 2! N"N Quali di esse presentano solo legami semplici? Legami semplici: 2, 2 2 Quali hanno legami doppi e quali legami tripli? Legami doppi: C 2, Si 2 ; legami tripli: N 2 18 Considera i seguenti composti: acido ipobromoso (Br), acido bromoso (Br 2 ), acido bromico (Br ). Scrivi le loro formule di struttura usando la notazione di Lewis e indica con una freccia la presenza degli eventuali legami covalenti dativi. Acido ipobromoso (Br)! Br Acido bromoso (Br 2 )! Br Acido bromico (Br )! Br 4 La scala dell elettronegatività e i legami 19 Indica l elemento più elettronegativo in ciascuno dei seguenti composti: a) NaF b) PbS c) N d) C 4 a) F; b) S; c) ; d) C 20 Lo iodio ha elettronegatività maggiore dell idrogeno. Come definisci il legame che si forma tra i 2 atomi? a) covalente polare b) dativo c) ionico d) covalente puro 21 Quale tra i seguenti composti presenta un legame covalente polare? a) F b) KF c) 2 d) Ca 22 Gli atomi della molecola CN presentano a) 1 legame singolo e 1 triplo b) 2 legami doppi c) 2 legami singoli d) 1 legame covalente e 2 ionici 2 rdina i seguenti ossidi in ordine decrescente di polarità del legame fra ossigeno e metallo: Mg, Cu 2, Na 2, Ag 2, Al 2, Ba, K 2, Sr. K 2 > Ba > Na 2 > Sr > Mg > Al 2 > Cu 2 > Ag 2 24 rdina i seguenti ossidi in ordine di decrescente polarità del legame fra ossigeno e non metallo: 2, C 2, P 2, B 2, N 2, S 2, As 2, I 2. B 2 > As 2 > P 2 > C 2 > S 2 > I 2 > N 2 > 2 2 Considera i seguenti composti: N, P, As. Le loro molecole sono simili e i non metalli presenti sono tutti dello stesso gruppo: il V. In base alla posizione che questi elementi occupano nel sistema periodico, saresti in grado di dire quale composto ha legami maggiormente polari e quale meno? N > P > As 26 Indica se le seguenti molecole presentano legami covalenti polari o apolari. a) Br polare b) CF 4 polare c) F 2 apolare d) C 2 polare e) 2 apolare 27 Disegna schematicamente la struttura del dipolo delle seguenti molecole, costituite da idrogeno e un altro elemento: Cu, Li, F,. Puoi trovare una giustificazione al fatto che le formule proposte abbiano l idrogeno scritto in posizione diversa? Elettronegatività: Cu Cu Li Li F F 2

3 Il legame ionico 28 sserva la tavola periodica qui mostrata, nella quale sono evidenziati alcuni elementi metallici (A, B) e altri che sono non metalli (C, D): I A II B Costruisci tutti i possibili composti ionici che gli elementi evidenziati possono formare. A 2 C; AD; BC; BD 2 6 I composti ionici 29 Rappresenta con le strutture di Lewis il trasferimento di elettroni che si verifica nella formazione dei legami ionici nei seguenti composti. a) LiF b) K 2 c) Ca d) Mg N 2 a) Li + b) K [K] + K + III IV [Li] + [ ] [K] + V VIII VI VII C D [ ] 2 a) C e covalente polare b) Ca e ionico c) e Si covalente polare d) F e F covalente puro 2 Rappresenta con le strutture di Lewis il trasferimento di elettroni che si verifica nella formazione dei legami ionici nei seguenti composti: a) MgF 2 b) K c) Mg d) NaBr a) Mg + F [ F ] F [ F ] b) K + [K] + [ ] c) Mg + [ ] 2 d) Na + Br [Na] + [ Br ] 2 Le figure seguenti mostrano i modelli microscopici del diamante e del cloruro di argento. Quali so- no le somiglianze e le differenze tra le due sostanze? Spiega anche le diverse dimensioni degli ioni. c) Ca + [Ca] 2+ [ ] 2 C d) Mg Mg Mg + N N [ N ] [ N ] Ag diamante cloruro di argento 0 I legami tra le seguenti coppie di atomi saranno covalenti puri, covalenti polari o ionici? a) C e covalente polare b) S e covalente polare c) K e F ionico d) Fe e F ionico e) N e covalente polare 1 Usando la tavola periodica, calcola la differenza di elettronegatività tra le seguenti coppie di atomi e indica il tipo di legame che si forma. 7 Il legame metallico 4 A che cosa sono dovute le proprietà caratteristiche dei metalli? a) alla mobilità degli elettroni di valenza b) alla condivisione dei nuclei c) alla distribuzione delle cariche elettriche d) al completamento dell ottetto Quanti elettroni sono messi in comune da un atomo di calcio quando dà origine a un cristallo me- tallico? In tal caso che carica avranno gli ioni? Ca perde 2 e 2+

4 6 Vero o falso? a) I metalli sono costituiti da ioni immersi in un mare di elettroni. v f b) I metalli sono duttili e malleabili. v f c) I metalli sono buoni conduttori di elettricità ma non conducono calore. d) Il legame metallico non permette agli ioni dei metalli di organizzarsi in una struttura cristallina. e) I metalli conducono corrente elettrica a causa del movimento degli ioni. 7 Nel legame metallico gli elettroni di valenza a) sono fortemente attratti dagli ioni positivi del metallo b) vengono respinti dagli ioni del metallo carichi negativamente c) tendono a respingersi tra loro e a sistemarsi il più lontano possibile d) formano una nube elettronica che mantiene uniti gli ioni del metallo carichi positivamente 8 Molti manufatti di uso comune sono costituiti da metalli puri o miscelati in leghe. Fai una ricerca sulla composizione dei seguenti oggetti. a) lattina per bibita b) scatola per fagioli c) carta metallica da cucina d) moneta da 10 centesimi e) moneta da 0 centesimi f) caffettiera moka g) pentole in acciaio ai trovato risposte univoche? Perché? Tutti gli oggetti sono fatti esclusivamente da metalli o nelle leghe possono comparire anche elementi non metallici? Quali caratteristiche che derivano dal legame metallico giustificano l utilizzo nei casi proposti? 8 La tavola periodica e i legami tra gli elementi 9 Perché due atomi non metallici possono legarsi con un legame covalente? Perché il legame covalente consente loro di soddisfare contemporaneamente la loro richiesta di acquistare elettroni per completare l ottetto. 40 Identifica gli atomi sottostanti e descrivi come avviene la reazione tra loro. Quale composto si forma? Specifica il tipo di legame e lo stato fisico del composto. +9 Na e F; NaF; legame ionico; solido 41 Con quali elementi gli alogeni (gruppo VII) formano legami ionici? Con quali legami covalenti? I, II e alcuni del III gruppo; IV, V, VI, VII e alcuni del III gruppo 42 Con quali elementi i metalli alcalini (gruppo VII) possono instaurare legami ionici? elementi del VII, VI, V e alcuni del IV gruppo Review 1 Disegna la struttura di Lewis del composto Na 2 e commentala. Na Na [Na] + 2 [ ]2 Composto ionico; legame ionico ( e =,44 0,9 = 2,1) 2 assifica il legame tra le seguenti coppie di atomi indicando la differenza di elettronegatività e la molecola o l unità formula risultante. a) carbonio e idrogeno b) idrogeno e zolfo c) bario e ossigeno d) bromo e bromo a) covalente puro e = 0,, C 4 ; b) covalente puro e = 0,8, 2 S; c) ionico e = 2,, Ba; d) covalente puro e = 0, Br 2 Rappresenta i seguenti composti con la struttura di Lewis: 2 C ; 2 ; 2 ; Ba 2. a) Ba b)! c)! [Ba] 2+ [] 2 d) " C!! 4

5 4 Rappresenta con i simboli di Lewis la struttura degli ioni Ba 2 2 e C. Ba 2+ [Ba] C 2! C! ' Come puoi riconoscere sperimentalmente un composto covalente da un composto ionico? Il composto ionico rende l acqua conduttrice di elettricità. Explain why the noble gases tend not to react. Noble gases have 8 electrons in their valence shell, so they don t need to combine themselves with other elements to reach the stability (8 electrons in the valence shell). In what two ways can two atoms share electrons when forming a covalent bond? Covalent bond (polar or not polar); dative covalent bond. What forces holds together the ions in a ionic compound? electrostatic 9 Perché il sodio non forma facilmente lo ione Na 2 e l ossigeno lo ione? La regola dell ottetto non è rispettata e il livello + esterno non è completo Lo ione libero non esiste in acqua. Istantaneamente si unisce a una molecola d acqua per dare lo ione idronio,. Disegna la struttura di Lewis dello ione idronio. Ione idronio!! 11 B ha un livello di valenza incompleto. Ipotizza come possa legare una molecola di acqua. Confronta la tua risposta con quelle dei compagni.!! B!!! online.zanichelli.it/esploriamolachimica INVESTIGARE INSIEME DICTINARY to hold together: tenere unito to share: condividere

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

Formule di Struttura delle Molecole Organiche

Formule di Struttura delle Molecole Organiche Formule di Struttura delle Molecole Organiche Costituzione L ordine in cui gli atomi di una molecola sono connessi è chiamata costituzione o connettività. La costituzione di una molecola deve essere determinata

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5 OSSIDORIDUZIONI Le reazioni acido-base sono quelle in cui viene scambiato, fra due specie reagenti, un H. Come si è visto, esistono casi di reazioni acido-base in cui ciò non avviene (definizione di Lewis),

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Quesiti e problemi. 10 Rappresenta la struttura di Lewis delle seguenti. 11 Perché gli angoli di legame nella molecola BH 3

Quesiti e problemi. 10 Rappresenta la struttura di Lewis delle seguenti. 11 Perché gli angoli di legame nella molecola BH 3 SUL LIBR DA PAG 206 A PAG 210 apitolo 11 Le forze intermolecolari e gli stati condensati della materia Quesiti e problemi ESERIZI 1 La forma delle molecole 1 Dai una definizione di angolo di legame. 2

Dettagli

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto SUL LIBRO DA PAG 101 A PAG 10 Quesiti e problemi 1 La massa atomica e la massa molecolare 1 Qual è la definizione di unità di massa atomica u? a) è uguale a 1/12 della massa dell atomo di 12 C b) è uguale

Dettagli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli la composizione e quindi le proprietà intensive sono le stesse in ogni parte del sistema La composizione e le proprietà intensive variano da una

Dettagli

Gruppo Elettroni più esterni Valenza IV 4 (2+2) 2, 4 V 5 (1+2+2) 1, 3, 5 VI 6 (2 +2+2) 2, 4, 6 VII 7 (1+2+2+2) 1, 3, 5, 7

Gruppo Elettroni più esterni Valenza IV 4 (2+2) 2, 4 V 5 (1+2+2) 1, 3, 5 VI 6 (2 +2+2) 2, 4, 6 VII 7 (1+2+2+2) 1, 3, 5, 7 REAZINI CHIMICHE E BILANCIAMENT - Prof. Enrico Maria Bruti La Valenza La valenza è il numero di legami che un atomo può formare. La valenza è in stretta relazione con il numero di elettroni presenti nel

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012)

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) 1) Bilanciare la seguente ossidoriduzione: KMnO 4 + H 2 O 2 + H 2 SO 4 MnSO 4 + K 2 SO 4 + O 2 + H

Dettagli

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA 1 Il riconoscimento di una sostanza iscritta nella Ph. Eur. attraverso operazioni chimiche semplici,

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

corrosione corrosione chimica

corrosione corrosione chimica La corrosione La corrosione è un consumo lento e continuo di un materiale (generalmente metallico) dovuto a fenomeni chimici o, più frequentemente, elettrochimici. La corrosione è dovuta al fatto che tutti

Dettagli

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame Viene qui riportata la prova scritta di simulazione dell'esame di Chimica (per meccanici, elettrici e civili) proposta agli studenti alla fine di ogni tutoraggio di Chimica. Si allega inoltre un estratto

Dettagli

Un trattato teoretico sull ionizzazione dell acqua e l effetto nel corpo umano.

Un trattato teoretico sull ionizzazione dell acqua e l effetto nel corpo umano. La tecnica redox Un trattato teoretico sull ionizzazione dell acqua e l effetto nel corpo umano. L acqua rappresenta il prodotto chimico più essenziale della vita. Ogni vita dipende dall acqua. Perciò

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile)

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) ELETTROCHIMICA Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) Uso di forza elettromotrice (fem) esterna per forzare reazioni chimiche non spontanee (Elettrolisi) Coppia redox: Ossidazione

Dettagli

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE OSSIDORIDUTTIVA SECONDO IL METODO DELLO IONE-ELETTRIONE. 1) Si individuano le coppie di atomi il cui numero di ossidazione cambia

Dettagli

La Densità dei Liquidi

La Densità dei Liquidi La Densità dei Liquidi A) Alcuni valori di densità di Liquidi Valori della densità di liquidi sono riportati sul Perry, Kern, Gallant B) Metodi di Predizione 1) Metodo addittivo di Schroeder Tra i metodi

Dettagli

Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare. Metodo dell abbondanza isotopica. Misure di massa esatta

Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare. Metodo dell abbondanza isotopica. Misure di massa esatta Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare Metodo dell abbondanza isotopica Misure di massa esatta PREMESSA: ISOTOPI PICCHI ISOTOPICI Il picco dello ione molecolare è spesso accompagnato

Dettagli

I ITI Istituto Silvio D Arzo

I ITI Istituto Silvio D Arzo I ITI Istituto Silvio D Arzo LE REAZINI CIMICE Appunti del prof. Enrico Maria Bruti 2 INDICE 1.0 Le reazioni chimiche 3 1.1 Le equazioni chimiche 3 2.0 Tipi di reazioni chimiche 4 3.0 Valenza 5 4.0 Classificazione

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

LE LEGHE DI ALLUMINIO E LO SMALTO PORCELLANATO

LE LEGHE DI ALLUMINIO E LO SMALTO PORCELLANATO LE LEGHE DI ALLUMINIO E LO SMALTO PORCELLANATO Angelo Ferraro, Technical Customer Service Manager Novelis Italia Angelo.Ferraro@novelis.com Premessa In questi ultimi anni c è stato un forte interesse per

Dettagli

Alluminio - Aluminium

Alluminio - Aluminium Alluminio - Aluminium Dati essenziali Nome: Alluminio Nome internazionale: aluminium Simbolo: Al Numero atomico: 13 Peso atomico: 26.981538 Gruppo: 13 Periodo: 3 Numero di assidazione: +3 Elettronegatività:

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

La fotografia e la chimica. Emiliano Carretti, ITI Firenze 28/3/2008

La fotografia e la chimica. Emiliano Carretti, ITI Firenze 28/3/2008 L uomo e l ossessione per la rappresentazione della realtà Pitture rupestri. Akakus, Libia Pitture murali. Antico Egitto Affreschi. Giotto, Padova Pitture su tela e tavola. Caravaggio Pitture su tela.

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Docenti Materia Classi Alessandra Cattaneo Erminia Palma Scienze Integrate (Chimica) biennio PIANO DI LAVORO ANNUALE 1. Finalità Promuovere negli allievi lo sviluppo e il perfezionamento delle capacità

Dettagli

La Vita è una Reazione Chimica

La Vita è una Reazione Chimica La Vita è una Reazione Chimica Acqua Oro Zucchero Il numero atomico, il numero di massa e gli isotopi numero atomico (Z) = numero di protoni nel nucleo numero di massa (A) = numero di protoni + numero

Dettagli

Appunti di Chimica Generale. Corso di Recupero per I anno Scienze Biologiche A.A. 2012-2013

Appunti di Chimica Generale. Corso di Recupero per I anno Scienze Biologiche A.A. 2012-2013 Appunti di Chimica Generale Corso di Recupero per I anno Scienze Biologiche A.A. 2012-2013 Prof. Andrea Maldotti dr. Francesco Zamberlan ii iii Indice Introduzione Introduzione alla quarta revisione v

Dettagli

CORSO DI CHIMICA PER L AMBIENTE CRISTIANO BENELLI DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE

CORSO DI CHIMICA PER L AMBIENTE CRISTIANO BENELLI DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE CORSO DI CHIMICA PER L AMBIENTE CRISTIANO BENELLI DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE RECAPITI Dipartimento di Ingegneria Industriale Via di S. Marta, 3 E-mail: cristiano.benelli@unifi.it http://www.lamm.unifi.it/benelli.htm

Dettagli

Diffusività dei Gas. componente A in direzione della diffusione di A in A+B gr.moli/m 3 Dx Distanza nella direzione della diffusione di A in A+B m

Diffusività dei Gas. componente A in direzione della diffusione di A in A+B gr.moli/m 3 Dx Distanza nella direzione della diffusione di A in A+B m Diffusività dei Gas Descriviamo l assorbimento di un gas in un liquido per introdurre il concetto di diffusività. Si voglia ad esempio assorbire con acqua dell ammoniaca contenuta in un gas sia per liberare

Dettagli

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo Quesiti di Logica, Chimica e Fisica Logica L1 - Come si conclude questa serie di numeri? 9, 16, 25, 36,... A) 47 B) 49 C) 48 D) 45 L2 - Quale

Dettagli

Unità 1 Misure e grandezze... 2 Unità 2 Le trasformazioni fisiche della materia... 6 Unità 3 Le trasformazioni chimiche della materia...

Unità 1 Misure e grandezze... 2 Unità 2 Le trasformazioni fisiche della materia... 6 Unità 3 Le trasformazioni chimiche della materia... Unità 1 Misure e grandezze... 2 Unità 2 Le trasformazioni fisiche della materia... 6 Unità 3 Le trasformazioni chimiche della materia... 9 Unità 4 Dalle leggi della chimica alla teoria atomica... 12 Unità

Dettagli

Giochi della Chimica 2013 Fase regionale Classi A e B

Giochi della Chimica 2013 Fase regionale Classi A e B 1. Una soluzione è una miscela: A) di due o più componenti, uno liquido (solvente) e uno solido (soluto) B) di due o più sostanze C) omogenea di due o più sostanze D) omogenea liquida di due o più sostanze

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 572)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 572) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 572) 1 I metalli e la metallurgia 1 Quali metalli sono noti dalla Preistoria? oro e argento 2 Completa le seguenti frasi. a) I metalli che si trovano in natura allo

Dettagli

VSEPR Polarità Ibridizzazione

VSEPR Polarità Ibridizzazione VSEPR Polarità Ibridizzazione VSEPR VSEPR = Valance-Shell electron-pair repulsion Principio fondamentale: ciascun gruppo di elettroni di valenza attorno ad un atomo centrale è situato il più lontano possibile

Dettagli

Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio

Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio L estinzione dell incendio si ottiene per raffreddamento, sottrazione del combustibile soffocamento. Tali azioni possono essere ottenute singolarmente

Dettagli

Elettrolisi del solfato di rame

Elettrolisi del solfato di rame Elettrolisi del solfato di rame Calcolo dell equivalente equivalente elettrochimico del rame Calcolo del valore della carica elementare Un po di storia 1800 - Invenzione della pila di Volta 1807 - Davy,,

Dettagli

Liceo Scientifico L. B. Alberti. Cagliari. Quiz di Chimica. Raccolta tratta dai Test di Ammissione in Medicina 2002 2008. Anno Scolastico 2009/2010

Liceo Scientifico L. B. Alberti. Cagliari. Quiz di Chimica. Raccolta tratta dai Test di Ammissione in Medicina 2002 2008. Anno Scolastico 2009/2010 Liceo Scientifico L. B. Alberti Cagliari Quiz di Chimica Raccolta tratta dai Test di Ammissione in Medicina 2002 2008 Anno Scolastico 2009/2010 Paolo Zucca paolo.zucca@gmail.com DISCLAIMER: I presenti

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 2^A AM 2^B AM 2^C AM

Programmazione annuale docente classi 2^A AM 2^B AM 2^C AM Programmazione annuale docente classi 2^A AM 2^B AM 2^C AM Docente : Macaluso Maria Annunziata Classe : 2^ sez.a B - C Indirizzo AM Materia di insegnamento : Scienze Integrate (CHIMICA) Libro di testo

Dettagli

Il bilanciamento delle reazioni chimiche

Il bilanciamento delle reazioni chimiche 1 Il bilanciamento delle reazioni chimiche Avete visto che gli atomi hanno diversi modi di unirsi l uno all altro. Si può anche iniziare a capire che una reazione chimica non è nient altro che un cambiamento

Dettagli

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Soluzioni Sistema Omogeneo (presenta le stesse proprietà in qualsiasi sua porzione) Monofasico Nella fase omogenea

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

OSS Acidi e Basi. Acidi e basi. Il concetto di equilibrio:

OSS Acidi e Basi. Acidi e basi. Il concetto di equilibrio: 1 Acidi e basi Il concetto di equilibrio: Le reazioni chimiche sono generalmente irreversibili (non si può tornare alla situazione di partenza). Un esempio semplificato potrebbe essere il seguente: quando

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi.

1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi. 1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) 1 Atomi e Legami Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi. Il termine atomo significa indivisibile e

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

LA CHIMICA ORGANICA. Premessa e prerequisiti. Riguardo alla disciplina

LA CHIMICA ORGANICA. Premessa e prerequisiti. Riguardo alla disciplina LA IMIA ORGANIA Premessa e prerequisiti Riguardo alla disciplina Questo testo facilitato è pensato per gli allievi del biennio superiore. In un istituto tecnico commerciale la chimica viene generalmente

Dettagli

PROVA STRUTTURATA DI CHIMICA ORGANICA

PROVA STRUTTURATA DI CHIMICA ORGANICA 1. Una delle seguenti definizioni di gruppo funzionale è errata. Quale? "In chimica organica, i gruppi funzionali sono gruppi di atomi presenti in ogni molecola A. dai quali dipendono le caratteristiche

Dettagli

La polarità delle molecole d'acqua è fondamentale.

La polarità delle molecole d'acqua è fondamentale. La ionizzazione dell'acqua e il suo effetto sull organismo umano. L'acqua è uno degli elementi fondamentali della vita, la sua stessa origine è nell acqua e senza di essa nessuna forma di vita può esistere.

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

SERIE OMOLOGHE E GRUPPI FUNZIONALI.

SERIE OMOLOGHE E GRUPPI FUNZIONALI. SERIE OMOLOGE E GRUPPI FUZIOALI. 1. Le serie omologhe e i gruppi funzionali I composti organici sono estremamente numerosi, ma la loro descrizione può essere semplificata se li si raggruppa in cosiddette

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

PERCHÉ STUDIARE LA CHIMICA. La chimica studia la composizione e le proprietà della materia e i cambiamenti cui quest ultima va incontro.

PERCHÉ STUDIARE LA CHIMICA. La chimica studia la composizione e le proprietà della materia e i cambiamenti cui quest ultima va incontro. 1 PERCHÉ STUDIARE LA CHIMICA La chimica studia la composizione e le proprietà della materia e i cambiamenti cui quest ultima va incontro. Cucinare Digestione Chimica: scienza centrale Respirazione Combustione

Dettagli

H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3

H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3 DETERMINAZIONE COMPLESSOMETRICA DELLA DUREZZA DI UN'ACQUA. Cenno ai complessi. I cationi metallici sono specie chimiche assimilabili ad atomi che hanno perso 1 o più elettroni acquistando nel contempo

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Individua l acido e la base di Lewis nelle seguenti. b) Fe 3+ (aq) 2H 2 O (l) Fe(OH) 2

Quesiti e problemi. 6 Individua l acido e la base di Lewis nelle seguenti. b) Fe 3+ (aq) 2H 2 O (l) Fe(OH) 2 SUL LIBRO DA PAG 354 A PAG 358 Capitolo 217 Le Acidi trasformazioni e basi si scambiano fisiche della protoni materia Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le teorie sugli acidi e sulle basi 1 Spiega perché lo

Dettagli

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti Guide ottiche integrate Massimo Brenci IROE-CNR Firenze Esempio di guida ottica integrata Propagazione della luce in una guida ottica integrata (vista in

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca La ricerca come strumento per lo sviluppo aziendale: sinergia tra università e industria

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La materia è costituita essenzialmente da atomi che a loro volta sono costituiti da protoni, neutroni ed elettroni. Protoni e neutroni sono confinati nel nucleo atomico, mentre gli

Dettagli

indice breve 1 Chimica, la scienza centrale 2 Appendici

indice breve 1 Chimica, la scienza centrale 2 Appendici indice breve 1 Chimica, la scienza centrale 2 2 Atomi, Molecole e Ioni 32 3 Stechiometria: Rapporti di combinazione 72 4 Reazioni in soluzioni acquose 110 5 Termochimica 158 6 Teoria quantistica e struttura

Dettagli

AUSILIARI DI TINTURA

AUSILIARI DI TINTURA Appunti di chimica conciaria lasciati dal prof. Mauro Berto AUSILIARI DI TINTURA Vanno sotto tale denominazione tutti quei composti che vengono aggiunti al bagno di tintura, o prima della vera fase di

Dettagli

1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione Negativo. Catodo = Polo Negativo Catione = Ione Positivo

1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione Negativo. Catodo = Polo Negativo Catione = Ione Positivo 1) Concetti Generali 1. Unità di Misura: A. Pressione 1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. B. Calore 1 joule = 10 7 Erg. 1 caloria = 4,185 joule. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione

Dettagli

10) Se ad una soluzione aumentiamo la temperatura cosa succede? Dire quale delle seguenti affermazioni è corretta.

10) Se ad una soluzione aumentiamo la temperatura cosa succede? Dire quale delle seguenti affermazioni è corretta. Associazione di Promozione Sociale Lesina (FG) Cognome e Nome Sede: Via Principe di Piemonte, 93-71010 - Lesina (FG) - C.F. 93034730718 Tel. 0882.992808 E-mail: mail@antoniotucci.net - www.agora.lesina.org

Dettagli

Corso di Chimica Modulare

Corso di Chimica Modulare GIUSEPPE SICHERI PAL VLPI ELISABETTA BALZAN Corso di Chimica Modulare VLUME 1 - GENERALE E INRGANICA VLUME 2 - CHIMICA DEL CARBNI L Indice generale e di collegamento ai due Volumi è proposto a pagina 5

Dettagli

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Energia nelle reazioni chimiche Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti VIDEO Introduzione (I) L energia chimica è dovuta al particolare arrangiamento degli atomi nei composti chimici e le varie forme di

Dettagli

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014 Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Le trasformazioni fisiche della materia Gli stati fisici della materia I sistemi omogenei ed eterogenei Le sostanze pure ed i miscugli

Dettagli

Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale:

Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale: Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale: N 2 Il nome ordinario degli amminoacidi prevale su quello della nomenclatura IUPA. Si possono avere α-amminoacidi,

Dettagli

Pile e accumulatori. Approfondimento. "" Pile e vita quotidiana. Capitolo. elettrolisi e le leggi di Faraday

Pile e accumulatori. Approfondimento.  Pile e vita quotidiana. Capitolo. elettrolisi e le leggi di Faraday Capitolo Approfondimento elettrochimiche elettrolisi e le leggi di Faraday 14Le3. Ltrasformazioni Pile e accumulatori Pile e vita quotidiana Un applicazione importante delle celle elettrochimiche è il

Dettagli

La serie elettrochimica dei potenziali standard di riduzione (25 C)

La serie elettrochimica dei potenziali standard di riduzione (25 C) MIGLIORI RIDUCENTI MIGLIORI OSSIDANTI La serie elettrochimica dei potenziali standard di riduzione (25 C) ELETTROLISI Una cella elettrolitica è una cella nella quale una corrente fa avvenire una reazione

Dettagli

Dissociazione elettrolitica

Dissociazione elettrolitica Dissociazione elettrolitica Le sostanze ioniche si solubilizzano liberando ioni in soluzione. La dissociazione elettrolitica è il processo con cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega ad

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

LA MATERIA Suggerimenti didattici e schede

LA MATERIA Suggerimenti didattici e schede LA MATERIA Suggerimenti didattici e schede Iniziamo il percorso chiedendo a un bambino di consegnarci alcune cose: una gomma, una penna, un capello. Domandiamo a un altro di consegnarci una gioia, una

Dettagli

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti.

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. I MINERALI Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei e

Dettagli

IL MERCURIO. Presentazioni e disegni di Giovanna Crise Liceo scientifico Galileo Galilei IV i gio.crise@gmail.com

IL MERCURIO. Presentazioni e disegni di Giovanna Crise Liceo scientifico Galileo Galilei IV i gio.crise@gmail.com IL MERCURIO Presentazioni e disegni di Giovanna Crise Liceo scientifico Galileo Galilei IV i gio.crise@gmail.com Un po di numeri Numero atomico 80 Massa atomica 200.59 g.mol -1 Densità 13.6 g.cm-3 (a 20

Dettagli

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio,

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, quasi mai) si può parlare di H 2 O molecolare; piuttosto

Dettagli

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE AMBIENTALI STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO Prof. Rampazzo Giancarlo CHE COS E LA GEOCHIMICA 1.La geochimica studia la composizione chimica

Dettagli

Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6

Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6 VIRAGGI Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6 Finalità Il viraggio è un trattamento per sostituire, in tutto o in parte, l'argento

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci Il fenomeno della combustione di Marco Santucci La combustione è un fenomeno chimico di ossidazione fortemente esotermico che avviene tra un combustibile e l ossigeno con una intensa manifestazione luminosa

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. B.Pascal Roma

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. B.Pascal Roma Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE B.Pascal Roma Anno Scolastico 2012-201 PIANO DI LAVORO DELLE CLASSI PRIME MATERIA: Scienze Integrate CHIMICA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 CHIMICA NUCLEO FONDANTE A : MISURE E GRANDEZZE TRASFORMAZIONI CHIMICO-FISICHE DELLA MATERIA

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL DEL RCUITO USO (parte 2) FOCUS TECNICO I PROBLEMI NELL IMPIANTO trattamenti Problemi quali corrosioni ed incrostazioni nel circuito dell impianto di riscaldamento / raffrescamento

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI CHIMICA UNA SVISTA IN LABORATORIO COME UTILIZZARE LA RUBRIC. ( In evidenza: le abilità da valutare )

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI CHIMICA UNA SVISTA IN LABORATORIO COME UTILIZZARE LA RUBRIC. ( In evidenza: le abilità da valutare ) PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI CHIMICA UNA SVISTA IN LABORATORIO COME UTILIZZARE LA RUBRIC ( In evidenza: le abilità da valutare ) INDICAZIONI SEGUITE PER LA FORMULAZIONE DI UNA PROVA DI SIMULAZIONE

Dettagli