CONFESERCENTI Domenica, 17 maggio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONFESERCENTI Domenica, 17 maggio 2015"

Transcript

1 CONFESERCENTI Domenica, 17 maggio 2015

2 CONFESERCENTI Domenica, 17 maggio /05/2015 Gazzetta di Modena Pagina 11 Mercato, chiesta "la testa" del presidente 1 17/05/2015 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 9 Mercato, aperta un' inchiesta Acquisiti documenti del consorzio 2 17/05/2015 Il Resto del Carlino Pagina 22 PEREGO ACHILLE Ripartono i prestiti al consumo Ma una famiglia su due arranca 4 16/05/2015 ilrestodelcarlino.com Bufera nel Consorzio, Sirri sfiduciato: l' assemblea dice sì alle /05/2015 La Nuova Prima Pagina Pagina 3 Brevini: «Il voto dell' assemblea è stato chiaro Il Consiglio /05/2015 La Nuova Prima Pagina Pagina 3 Mercato Novi Sad, Sirri non si dimette 9 16/05/2015 Modena Today Redazione Consorzio Il Mercato, scambio di accuse e caos all' assemblea degli /05/2015 Modena2000 Ieri assemblea del Consorzio Il Mercato 13 16/05/2015 Sassuolo2000 Ieri assemblea del Consorzio Il Mercato 14

3 17 maggio 2015 Pagina 11 Gazzetta di Modena Mercato, chiesta "la testa" del presidente Consorzio del lunedì, approvato documento per far dimettere Sirri e sollecitare ispezioni nei bilanci. «Così non si va più avanti. Delle promesse non ci fidiamo più. Vogliamo vedere i conti, tutta la contabilità sui compensi e le spese fatte va presentata pubblicamente. E il presidente Sirri deve presentarsi per le dimissioni assieme alla sua dirigenza». È questo il proclama di guerra degli ambulanti del Consorzio "Il Mercato del Lunedì" che l' altra sera si sono riuniti nella sede della Cna per contestare chi li ha guidati negli ultimi anni. Al centro dell' assemblea straordinaria, in cui già alla vigilia erano volate parole grosse, la gestione finanziaria che, secondo i contestatori, ha portato a uscite ingiustificate per decine di migliaia di euro. Come? Sostanzialmente attraverso i compensi a tre dirigenti, il presidente Sirri per l' appunto e i due vicepresidenti, e il mancato versamento delle tasse comunali per l' occupazione di suolo pubblico dal 2006 al Non basta? No perchè i due giganti che associano gli ambulanti, l' Anva Confesercenti e la Fiva Confcommercio hanno sparato a palle incatenate sulla gestione dei bilanci. A scoperchiare il vaso è stata la stessa Confesercenti che prima gestiva i conti del Consorzio, ora passati alla Cna che ha chiesto tempo per esaminare quasi un decennio di contabilità. I 150 consorziati che sinora hanno reclamato una nuova gestione (su un totale di 390 iscritti) hanno ascoltato con un indignazione crescente le parole dei dirigenti delle maggiori associazioni. Tra le contestazioni c' è persino l' accusa di aver riscosso compensi fatturati con una partita Iva scaduta nel E c' è chi si è spinto a ipotizzare un buco superiore ai 100 mila euro. Di fronte al fuoco di fila delle contestazioni Sirri ha prima attaccato a testa bassa i contestatori accusandoli di volerlo diffamare, poi la mediazione dei consulenti Cna ha portato alla votazione di un documento finale. La mozione offriva la possibilità di autorizzare una verifica dei bilanci da parte di un rappresentante degli oppositori assistito da un commercialista. Niente da fare, proposta bocciata con 94 voti contro 55. «Il dibattito è stato serio, civile, documentato e completo commenta Alberto Guaitoli, ambulante e leader della corrente dei rinnovatori Oltre alla bocciatura del documento è stato messo a verbale e ai voti che si chiede un nuovo consiglio d' amministrazione perchè quello attuale è stato sfiduciato. Ci aspettiamo dimissioni in tempi brevi e nuove elezioni oltre ai conti aperti e chiari di fronte agli associati». (s.c.) RIPRODUZIONE RISERVATA. 1

4 17 maggio 2015 Pagina 9 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Mercato, aperta un' inchiesta Acquisiti documenti del consorzio La procura analizza i verbali del cda dopo l' esposto di Confesercenti. di VINCENZO MALARA NUOVA bufera sul Consorzio Il Mercato. Dopo la sfiducia degli ambulanti al presidente Guido Sirri, l' attuale consiglio deve fare ora i conti con le conseguenze giudiziarie delle presunte irregolarità gestionali. E' stata aperta infatti un' inchiesta a seguito dell' esposto presentato in Procura lo scorso marzo da Confesercenti relativo ai bilanci del Consorzio, nel quale sono contenuti i verbali del consiglio di amministrazione dai quali si evince che, dopo il 2004, i compensi extra percepiti da presidente e vicepresidenti non sarebbero stati deliberati dallo stesso Cda, tantomeno dai soci. Non è chiaro né se la procura abbia già formulato una ipotesi di reato (potrebbe profilarsi l' appropriazione indebita) né se ci siano indagati: è stata però disposta e già eseguita una acquisizione di documenti. Per il Consorzio si tratta di un altro macigno, a ventiquattro ore dall' infuocata assemblea straordinaria di venerdì pomeriggio, chiesta a gran voce da 150 ambulanti del mercato del lunedì. Faccia a faccia, raccontato ieri dal Carlino, in cui è andato a vuoto il tentativo di mediazione di Sirri. Aprendo l' incontro, e assistito dai consulenti di Cna, il presidente ha prima definito «infamanti» le accuse comparse sui quotidiani, poi ha ipotizzato l' istituzione di un revisore contabile e un collegio sindacale per verificare i bilanci degli ultimi dieci anni, soluzione sostenuta anche dal Comune, nella persona del dirigente Fabrizio Lugli. Niente da fare, e dopo un' accesa discussione tra Sirri e i quasi cento ambulanti in platea, la proposta, sottoscritta anche da Licom, è stata bocciata dalla maggioranza. Bocciatura che, come deciso prima del voto, ha approvato automaticamente la contro proposta, firmata da Anva Confesercenti e Fiva Confcommercio, di votare le dimissioni di Sirri e dei consiglieri alla prossima assemblea straordinaria. Altro aspetto da chiarire, e di cui si farà carico l' inchiesta, sono i presunti mancati versamenti nelle casse comunali, per il periodo , della tassa di occupazione del suolo pubblico degli spuntisti, ovvero gli operatori che si presentano il lunedì mattina al Novi Sad per accaparrarsi i posti rimasti liberi. Si parlerebbe, in questo caso, di circa 110mila euro non contabilizzati. Ieri il Consorzio ha tentato un nuovo gesto distensivo: «A breve si legge in una nota verrà convocata una nuova assemblea nella quale verranno presentati documentazioni e verifiche contabili anche senza aver espletato l' iter procedurale che la presidenza aveva messo ai voti». Ma la prossima riunione assume ora tutto un altro profilo perché metterà ai voti l' addio di Sirri e affronterà lo spinoso tema dell' inchiesta. Resta da decidere la data. «Se Sirri tarderà nella convocazione faremo un' altra raccolta firme spiega Alberto Dugoni di Fiva Confcommercio. Speravamo tutti di avere da lui spiegazioni concrete ma è Continua > 2

5 17 maggio 2015 Pagina 9 < Segue Il Resto del Carlino (ed. Modena) rimasto arroccato sulle sue posizioni». Auspica un cambio di passo anche Alberto Crepaldi di Confcommercio, che ieri ha chiesto a Cna la (contestatissima) registrazione audio dell' assemblea: «Non possiamo permetterci di paralizzare il Consorzio e mettere a rischio 400 imprese per vicende personali, servono risposte subito». 3

6 17 maggio 2015 Pagina 22 Il Resto del Carlino EROGATI 392 MILIONI. Ripartono i prestiti al consumo Ma una famiglia su due arranca L' ad Findomestic: bene auto e tablet. Allarme redditi da Confesercenti. METÀ delle famiglie italiane ancora non sente la ripresa: il 56% dice di avere una situazione finanziaria insoddisfacente; per il 14% il reddito mensile non basta per coprire le spese. Lo rileva l'indice Sef di Swg e Confesercenti sulla solidità economica percepita': 55 punti a maggio, in crescita rispetto a dicembre Problema centrale resta la domanda interna: 6 su 10 temono di perdere il lavoro; il 71% vede consumi uguali o in calo. Findomestic nota tuttavia che l'industria del credito al consumo è tornata a crescere nel 2014 (+2,5%). Dati negativi arrivano invece da Unimpresa: in un anno le sofferenze bancarie sono salite del 15% e i prestiti ai privati sono calati di 23 miliardi. Achille Perego MILANO NON HA ANCORA l' aspetto di una forte ripresa ma il trend negativo si è interrotto e da settembre del 2014 l' industria del credito al consumo è tornata a crescere tanto che lo scorso anno (dati Assofin) si è chiuso con un più 2,5% per un totale di finanziamenti erogati (dai prestiti personali alla cessione del quinto dello stipendio, dalle carte revolving al credito finalizzato all' acquisto) di 46,6 miliardi. Non così lontani dai 52 del «E se il trend di crescita continuerà spiega Chiaffredo Salomone in un paio d' anni potremmo anche tornare su quei livelli». Salomone è l' ad di Findomestic (confermato insieme con il presidente Fabio Gallia e il dg Jani Gerometta per il prossimo triennio), il secondo player in Italia nel settore del credito al consumo «In assoluto sottolinea Salomone si è trattato del miglior risultato realizzato da Findomestic nella sua storia. Abbiamo chiuso il 2014 con un utile netto di 115,6 milioni in crescita del 23,4% rispetto al 2013 e una produzione di 5,1 miliardi, con un aumento dell' 8,4%». Dove avete ottenuto i maggiori incrementi? «Nel 2014 abbiamo registrato un aumento del 39,5% della cessione del quinto con 392 milioni erogati e un più 13,2% per i prestiti personali pari a 2,23 miliardi». Quali sono i consumi che da settembre si sono ripresi di più? «Nell' ultimo semestre si è registrato un ritorno generale alla crescita, trainata in particolare dal mercato dell' auto, anche se prevalentemente dovuta al rinnovo delle flotte aziendali, e delle moto (+4%) mentre i bonus fiscali hanno favorito gli acquisti di mobili ed elettrodomestici (+1,5%) mentre sono rimasti ancora in sofferenza l' alimentare e l' abbigliamento». E i settori dell' elettronica? «L' elettronica di consumo ha registrato un meno 1,2% tra il più 6% della telefonia e il meno 8% della vendita di televisori, penalizzati dalla fine del passaggio al digitale». Com' è l' andamento previsto nei Continua > 4

7 17 maggio 2015 Pagina 22 < Segue Il Resto del Carlino prossimi mesi? «L' ultimo nostro Osservatorio mensile di aprile segnala una minore intenzione di acquisto di elettrodomestici, veicoli e prodotti per l' efficienza energetica anche se restiamo su valori superiori a quelli di un anno fa. Sale invece la propensione a comprare smartphone, tablet e fotocamere, case e arredamento e soprattutto viaggi e tempo libero». PEREGO ACHILLE 5

8 16 maggio 2015 ilrestodelcarlino.com Bufera nel Consorzio, Sirri sfiduciato: l' assemblea dice sì alle dimissioni forzate Modena, 16 maggio 2015 Rabbia. Accuse. Risposte tentennanti. E alla fine il colpo di scena: il presidente de l Consorzio Il Mercato, Guido Sirri, è stato sfiduciato dalla maggioranza degli iscritti. E ora? Alla prossima seduta lo stesso Sirri e l' attuale consiglio d' amministrazione si presenteranno dimissionari, rimettendosi nuovamente al volere dei 390 ambulanti del mercato del lunedì che, salvo sorprese, non cambieranno idea. Insomma, è stata un' assemblea straordinaria infuocata quella andata in scena ieri pomeriggio nella sede di Cna. Lo strappo, come noto, risale ormai a due mesi fa, con l' improvvisa rescissione di Confesercenti nella tenuta dei conti del Consorzio per presunte irregolarità, seguita a stretto giro da un esposto depositato in Procura in cui l' associazione tira in ballo i compensi personali ricevuti da Sirri e dai vicepresidenti, andati ben oltre i soli gettoni di presenza. Introiti che, secondo Confesercenti, sarebbero stati deliberati dal solo Cda e non dai soci. Altro punto da chiarire, che ieri ha scatenato una ridda di malumori, sono i presunti mancati versamenti nelle casse comunali, per il periodo , della tassa di occupazione del suolo pubblico degli spuntisti, ovvero gli operatori non iscritti che si presentano il lunedì mattina al Novi Sad per accaparrarsi i posti rimasti liberi. Si parlerebbe, in questo caso, di circa 110mila euro spariti nel nulla. Tutto da verificare, certo, ma a inizio settimana, in vista dell' assemblea straordinaria, voluta fortemente da 150 iscritti, Anva Confesercenti e Fiva Confcommercio hanno rincarato la dose, chiedendo nuovamente di "fare chiarezza sulle tante ombre nella gestione del Consorzio. A ciò hanno sottolineato le associazioni ci risulta che il presidente avrebbe utilizzato, dal secondo semestre 2012 a tutto il 2014, una partita Iva cessata per fatturare i compensi". Insinuazioni pesanti, definite "infamanti" dallo stesso Sirri in apertura di assemblea. Inutile il tentativo di mediazione dei consulenti di Cna (l' associazione ha preso in mano la contabilità, ndr) e gli avvocati del Consorzio. "Siamo pronti a mettere a disposizione i conti e ad istituire un consiglio sindacale per monitorare la gestione futura", la proposta del presidente, presa con le pinze dagli ambulanti in platea. "Va bene il futuro, ma noi vogliamo risposte su cosa è successo fino ad oggi e se sono stati fatti degli errori", ha osservato qualcuno. "Ci vuole tempo hanno replicato a loro volta Sirri e i consulenti. Abbiamo acquisito la contabilità da Confesercenti soltanto da pochi giorni e presto vi daremo tutte le spiegazioni". Inevitabile il profondo disappunto degli associati del Consorzio, arrivati in più di un centinaio per ricevere spiegazioni plausibili. L' atmosfera si è poi riscaldata ulteriormente sulla Continua > 6

9 16 maggio 2015 < Segue ilrestodelcarlino.com scelta di Sirri di fare registrare l' audio degli interventi. "E' un chiaro atto intimidatorio", l' accusa di Alberto Crepaldi di Confcommercio Modena. "Non è vero, è solo per tutelarmi. Sto ricevendo attacchi infondati", la giustificazione di Sirri. E' stato poi nuovamente Crepaldi ad affondare il colpo, guadagnandosi gli applausi degli operatori del mercato: "Perché non sono mai stati sottoposti all' assemblea i compensi al presidente e ai suoi vice? E se sono stati approvati soltanto dal Cda dove sono le delibere? Vogliamo vederle". "Stiamo verificando, se c' è stato un errore è stato di chi doveva tenere i verbali", la risposta. Infine, dopo più di quattro ore di discussione, ecco la votazione di una proposta, firmata da Sirri e Licom, sulla nomina di un revisore contabile e un collegio sindacale. Proposta bocciata dalla maggioranza, a cui ha fatto seguito un altro documento di Anva Confesercenti e Fiva Confcommercio, in cui si chiedevano le dimissioni di presidente e consiglio: 106 i favorevoli, 47 i contrari. E l' era Sirri sembra ormai al capolinea. di Vincenzo Malara. 7

10 17 maggio 2015 Pagina 3 La Nuova Prima Pagina CONFESERCENTI Il presidente: «Vero che la proposta Licom è stata respinta, ma c' è dell' a l t r o...» Brevini: «Il voto dell' assemblea è stato chiaro Il Consiglio di amministrazione deve lasciare» E ' vero che l'ass emblea si è conclusa con la bocciatura della mozione Licom Sirri che chiedeva di istituire il collegio sindacale, ma c'è un aspetto che la nota del Consorzio non ha evidenziato: la stessa assemblea ha votato a maggioranza le dimissioni del cda, che quindi deve presentarsi dimissionario alla prossima assemblea». A farlo notare è Fulgenzio Brevini (nella foto), coordinatore provinciale di Confesercenti, che commenta così le parole del Consorzio il Mercato sul movimentato incontro di venerdì scorso». Confesercenti e Confcommercio, insomma, ora si aspettano di vedere il consiglio dimissionario alla prossima assemblea, e l'ipo tesi è proprio quella che siano i soci del Consorzio a chiedere che al primo punto dell'ordine del giorno ci sia proprio il ricambio ai vertici. «E' tutto molto chiaro rip re n d e Brevini la mo zione che ha vinto prevedeva le dimissioni del cda. L'auspi cio è anche che la pross i m a a ssemblea si possa tenere di lunedì, giorno di mercato, in modo che possa essere anche più partecipata della pur fo l t a ' as semblea di venerdì scorso. (l.g.) 8

11 17 maggio 2015 Pagina 3 La Nuova Prima Pagina CONSORZIO Dopo l' infuocata assemblea di venerdì terminata con la sfiducia, il presidente rilancia. Mercato Novi Sad, Sirri non si dimette «Disponibile a far vedere i conti, ma il cda non deve lasciare» «L' avevo detto e lo ridico: sono di sponibilissimo a far vedere i conti, ma per farlo serve tempo. In ogni caso, anche dopo l'as se mblea di venerdì, il cda non ha il dovere di presentarsi dimissionario». Non sembra andare verso una soluzione rapida il caso del Consorzio il Mercato, l'ente che gestisce per conto del Comune il mercato del lunedì al Novi Sad. Caso che da oltre due mesi vede da una parte le associazioni Fiva Confcommercio e Anva Confesercenti, le più rappresentative degli ambulanti, e dall'a ltra il cda del Consorzio, guidato dal presidente Guido Sirri, Licom Lapam e Cna.com. Assemblea di fuoco Il momento del massimo scontro è arrivato venerdì scorso, quando in u n'assemblea di fuoco che si è tenuta in Cna l'assemblea ha bocciato la richiesta di Licom Lapam di fatto appoggiata anche dal Comune, presente all'incontro con il dirigente Fabrizio Lugli, mentre l'assessore alcommercio Tommaso Rotella era assente di istituire un collegio sin dacale, nominato dall'a ssemblea stessa, per risolvere i problemi. Proposta che però è stata bocciata con 55 voti favorevoli e 94 contrari anche sui numeri non c'è totale accordo tra le associazioni, ma in ogni caso il rapporto è vicino a 1 a 2 co sa che ha automaticamente fatto passare l'a ltra mozione (le proposte erano state presentaste una in alternativa all'a ltra): quella di Fiva Confcommercio e Anva Confesercenti, che chiedeva al consiglio di amministrazione del Consorzio di presentarsi dimissionario alla prossima ass e m bl e a. La nota del Consorzio «Nell'assemblea fa sapere il Consorzio con una nota il presidente Sirri ha esordito leggendo una breve nota in cui denunciava di aver ricevuto accuse infamanti e calunniose senza alcun supporto e alcuna prova (il riferimento è alla lettera inviata in settimana da Fiva e Anva, ndr), ha dichiarato di non aver posto mai alcun ostacolo al fatto che i consorziati potessero aver accesso ai controlli sull'am ministrazione del Consorzio e propone che i consorziati nominino un loro rappresentante, eventualmente accompagnato da un professionista di fiducia, che in un giorno stabilito possa controllare i libri sociali in presenzadel presidente o del vicepresidente. Per il futuro, per evitare situazioni analoghe, si proponeva di istituire un collegio sindacale nominato dall'a ssemblea a garanzia della trasparenza e del buon operato del consiglio». Le contestazioni «Nel dibattito spiega ancora la nota del Consorzio sono stati contestati presunti comportamenti irregolari dell'a ttuale presidente e vicepresidente: nella fattispecie si tratta di emolumenti corrisposti senza adeguate delibere e con modalità non corrette (emissioni di fatture anziché compensi). Il presidente ha affermato di essersi sempre fidato della Cescon Confesercenti, che gestiva la contabilità ed è anch'egli desideroso di capire quali sono le irregolarità commesse per capire quali responsabilità sono in campo. Al termine della discussione continua il Consorzio Marco Poletti, segretario provinciale di Licom Lapam, ha proposto Continua > 9

12 17 maggio 2015 Pagina 3 < Segue La Nuova Prima Pagina di nominare un sindaco revisore contabile che, assieme ad esperti incaricati dalle associazioni di categoria, visionasse i libri sociali e la contabilità, per poi riportare in assemblea quanto emergerà da tale analisi. Tale proposta è stata fatta propria dalla presidenza, che l'ha posta in votazione. Nella votazione sono emerse molte deleghe, cioè molti consorziati hanno esibito deleghe raccolte da operatori assenti, quindi, nonostante molti fossero già usciti dall'assemblea, i voti validi espressi direttamente o tramite delega sono stati ben 149. Di questi spiega ancora il Consor zio 55 sono stati i voti favorevoli alla proposta delle presidenza e 94 i voti contrari. La proposta quindi è stata bocciata: la conseguenza sarà che a breve verrà convocata una nuova assemblea nella quale verranno presentati documentazioni e verifiche contabili anche senza aver espletato l'iter procedurale che la presidenza aveva messo ai voti per garantire trasparenza ed imparzialità della verifica». Ma all'assemblea è stata appunto presentata anche un'altra mozione, alternativa a quella di Licom Lapam: quella che prevedeva la dimissioni del cda. Il presidente E così, lo scontro si estende anche all'es i t o d e ll 'assemblea. Confcommercio e Confesercenti attendono infatti le dimissioni di Sirri e del cda, ma il presidente non la pensa così: «Il consi glio di amministrazione del Consorzio non si deve presentare dimissionario alla prossima assemblea. Come ho già detto più volte incalza Sirri sono disponibilissimo a far vedere tutti i conti per chiarire al vicenda, ma serve il tempo necessario per raccogliere i documenti». Il presidente auspica così «che questa fase venga superata e si possa riprendere a lavorare insieme». E adesso? La situazione, insomma, non sembra andare verso una soluzione semplice: quel che è certo è che Confcommercio e Confesercenti sono decise ad andare in fondo alla questione, e sono intenzionate a chiedere le registrazioni dell'a s s e mblea per poter dimostrare che l'incontro proprio perché le due mozioni sono state poste in alternativa, e dunque la mancata adesione ad una comportava il voto all'altra si è concluso con l'approvazione a maggioranza della richiesta di dimissioni a ll 'intero consiglio di amministrazione del C o n s o r z i o. 10

13 16 maggio 2015 Modena Today Consorzio Il Mercato, scambio di accuse e caos all' assemblea degli ambulanti Tiene banco la tormentata vicenda del Consorzio che gestisce i mercati cittadini, il cui presidente, Guido Sirri, è sotto accusa da tempo per alcune somme di denaro percepite durante il mandato. Dall' assemblea si esce con un nulla di fatto. Ieri presso la sede di CNA in via Malavolti si è tenuta un' Assemblea molto animata del consorzio "il Mercato" con la partecipazione di oltre 70 ambulanti, dei rappresentanti delle Associazioni di Categoria Confesercenti Confcommercio CNA.COM e Licom Lapam ed, in rappresentanza del Comune di Modena, dell' architetto Fabrizio Lugli. Un incontro molto atteso dopo le accuse e i malumori che hanno movimentato gli ultimi mesi di vita del Consorzio. Il Presidente Sirri Guido sotto torchio da più parti ha esordito leggendo breve note dove denunciava di aver ricevuto accuse infamanti e calunniose senza alcun supporto e alcuna prova. Sirri ha dichiarato di non aver posto mai alcun ostacolo a che i Consorziati potessero aver accesso ai controlli sull' Amministrazione del Consorzio e propone che i Consorziati nominano un loro rappresentante eventualmente accompagnato da un Professionista di fiducia, che in un giorno stabilito possa controllare i libri sociali in presenza del Presidente o del Vicepresidente. Per il futuro, per evitare situazioni analoghe, ha poi proposto di istituire un collegio sindacale nominato dall' Assemblea a garanzia della trasparenza e del buon operato del Consiglio. Nel dibattito molto acceso che è seguito sono stati contestati i presunti comportamenti irregolari di cui da tempo si parla : emolumenti corrisposti senza adeguate delibere e con modalità non corrette (emissioni di fatture anziché compensi). Sirri ha affermato che si era sempre fidato della Cescon Confesercenti, che gestiva la contabilità, ed è anch' egli desideroso di capire quali sono le irregolarità commesse per capire quali responsabilità sono in campo. Al termine della discussione il Segretario Provinciale di Licom Lapam ha proposto di nominare un Sindaco revisore contabile che, assieme ad esperti incaricati dalle Associazioni di Categoria, visionasse i libri sociali e la contabilità per poi riportare in Assemblea quanto emerso. La proposta è stata fatta propria dalla Presidenza che l' ha posta in votazione, senza però trovare il placet dei soci. Annuncio promozionale Si è scatenata ulteriore confusione per via delle molte deleghe presentate da alcuni ambulanti, ma dei 149 voti finali, ben 94 hanno bocciato la proposta del Sindaco revisore. Come cosenguenza, breve verrà convocata una nuova Assemblea nella quale Continua > 11

14 16 maggio 2015 < Segue Modena Today verranno presentati documentazioni e verifiche contabili anche senza aver espletato l' iter procedurale che la Presidenza aveva messo ai voti. Redazione 12

15 16 maggio 2015 Modena2000 Ieri assemblea del Consorzio Il Mercato Ieri presso la sede di CNA in via Malavolti si è tenuta un' Assemblea molto animata del consorzio "il Mercato" con la partecipazione di oltre 70 ambulanti, dei rappresentanti delle Associazioni di Categoria Confesercenti Confcommercio CNA.COM e Licom Lapam ed, in rappresentanza del Comune di Modena, l' Architetto Fabrizio LugliIl Presidente Sirri Guido ha esordito leggendo breve note dove denunciava di aver ricevuto accuse infamanti e calunniose senza alcun supporto e alcuna prova, ha dichiarato di non aver posto mai alcun ostacolo a che i Consorziati potessero aver accesso ai controlli sull' Amministrazione del Consorzio e propone che i Consorziati nominano un loro rappresentante eventualmente accompagnato da un Professionista di fiducia, che in un giorno stabilito possa controllare i libri sociali in presenza del Presidente o del Vicepresidente. Per il futuro, per evitare situazioni analoghe, si proponeva di istituire un collegio sindacale nominato dall' Assemblea a garanzia della trasparenza e del buon operato del Consiglio.Nel dibattito molto acceso venivano contestati presunti comportamenti irregolari dell' attuale Presidente e Vicepresidente, nella fattispecie si trattava di emolumenti corrisposti senza adeguate delibere e con modalità non corrette (emissioni di fatture anziché compensi). Il Presidente ha affermato che si era sempre fidato della Cescon Confesercenti che gestiva la contabilità ed è anch' egli desideroso di capire quali sono le irregolarità commesse per capire quali responsabilità sono in campo.al termine della discussione il Dottor Poletti Segretario Provinciale di Licom Lapam ha proposto di nominare un Sindaco revisore contabile che, assieme ad esperti incaricati dalle Associazioni di Categoria, visionassero i libri sociali e la contabilità per poi riportare in Assemblea quanto emergerà da tale analisi. Tale proposta è stata fatta propria dalla Presidenza che l' ha posta in votazione. Nella votazione sono emerse molte deleghe, cioè molti Consorziati hanno esibito deleghe raccolte da operatori assenti, quindi, nonostante molti fossero già usciti dall' Assemblea, i voti validi espressi direttamente o tramite delega sono stati ben sono stati i voti favorevoli alla Proposta delle Presidenza e 94 i voti contrari.la proposta quindi è stata bocciata. La conseguenza sarà che a breve verrà convocata una nuova Assemblea nella quale verranno presentati documentazioni e verifiche contabili anche senza aver espletato l' iter procedurale che la Presidenza aveva messo ai voti per garantire trasparenza ed imparzialità della verifica. 13

16 16 maggio 2015 Sassuolo2000 Ieri assemblea del Consorzio Il Mercato Ieri presso la sede di CNA in via Malavolti si è tenuta un' Assemblea molto animata del consorzio "il Mercato" con la partecipazione di oltre 70 ambulanti, dei rappresentanti delle Associazioni di Categoria Confesercenti Confcommercio CNA.COM e Licom Lapam ed, in rappresentanza del Comune di Modena, l' Architetto Fabrizio Lugli Il Presidente Sirri Guido ha esordito leggendo breve note dove denunciava di aver ricevuto accuse infamanti e calunniose senza alcun supporto e alcuna prova, ha dichiarato di non aver posto mai alcun ostacolo a che i Consorziati potessero aver accesso ai controlli sull' Amministrazione del Consorzio e propone che i Consorziati nominano un loro rappresentante eventualmente accompagnato da un Professionista di fiducia, che in un giorno stabilito possa controllare i libri sociali in presenza del Presidente o del Vicepresidente. Per il futuro, per evitare situazioni analoghe, si proponeva di istituire un collegio sindacale nominato dall' Assemblea a garanzia della trasparenza e del buon operato del Consiglio. Nel dibattito molto acceso venivano contestati presunti comportamenti irregolari dell' attuale Presidente e Vicepresidente, nella fattispecie si trattava di emolumenti corrisposti senza adeguate delibere e con modalità non corrette (emissioni di fatture anziché compensi). Il Presidente ha affermato che si era sempre fidato della Cescon Confesercenti che gestiva la contabilità ed è anch' egli desideroso di capire quali sono le irregolarità commesse per capire quali responsabilità sono in campo. Al termine della discussione il Dottor Poletti Segretario Provinciale di Licom Lapam ha proposto di nominare un Sindaco revisore contabile che, assieme ad esperti incaricati dalle Associazioni di Categoria, visionassero i libri sociali e la contabilità per poi riportare in Assemblea quanto emergerà da tale analisi. Tale proposta è stata fatta propria dalla Presidenza che l' ha posta in votazione. Nella votazione sono emerse molte deleghe, cioè molti Consorziati hanno esibito deleghe raccolte da operatori assenti, quindi, nonostante molti fossero già usciti dall' Assemblea, i voti validi espressi direttamente o tramite delega sono stati ben sono stati i voti favorevoli alla Proposta delle Presidenza e 94 i voti contrari. La proposta quindi è stata bocciata. La conseguenza sarà che a breve verrà convocata una nuova Assemblea nella quale verranno presentati documentazioni e verifiche contabili anche senza aver espletato l' iter procedurale che la Presidenza aveva messo ai voti per garantire trasparenza ed imparzialità della verifica.! Start WP. 14

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

Statuti CAS Sezione Bregaglia

Statuti CAS Sezione Bregaglia Statuti CAS Sezione Bregaglia Art. 1 Costituzione Sotto il nome Club Alpino Svizzero (detto in seguito CAS) Sezione Bregaglia è costituita un associazione retta dal presente statuto e dagli art. 60 e seguenti

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO (Testo così come modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n 20 in data 03/07/2006) TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 DEFINIZIONE Il Comune di San Demetrio

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O Pubblicazioni Centro Studi per la Pace CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O TRATTAMENTI CRUDELI, INUMANI O DEGRADANTI Conclusa a New York il 10 dicembre 1984 Gli Stati Parte della presente Convenzione,

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE Ai sensi dell Art. 113 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, come modificato dal comma 1 dell art. 35 delle legge 28/12/2001

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale Documento n. 20 Verbali e procedure del collegio sindacale Giugno 2013 VERBALI E PROCEDURE DEL COLLEGIO SINDACALE Si ringraziano per il loro contributo Niccolò Abriani, Cristina Bauco, Luciano Berzè, Marcellino

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXVI - Numero 1 Roma, 15 gennaio 2015 Pubblicato il 15 gennaio 2015 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA CONCORSI E COMMISSIONI DIPARTIMENTO

Dettagli

Come Si Arriva Ad Una Decisione Se Sette Ancora Disabilitato

Come Si Arriva Ad Una Decisione Se Sette Ancora Disabilitato Come Si Arriva Ad Una Decisione Se Sette Ancora Disabilitato Come Si Arriva Ad Una Decisione Se Sette Ancora Disabilitato Nella maggior parte dei casi, chi legge quest opuscolo ha da poco ricevuto una

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI),

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI), Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione CSSI Direttive del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione che

Dettagli

Software di gestione delle partecipate per l ente l

Software di gestione delle partecipate per l ente l Software di gestione delle partecipate per l ente l locale Obiettivo Governance Le necessità di governo del sistema delle partecipate comportano l esigenza di dotarsi di un software adeguato, che permetta

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE)

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) STATUTO DI CONSORZIO DI TUTELA VOLONTARIO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) ART. 1 (Denominazione e Sede) E costituito il Consorzio tra produttori di Olio extravergine

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

Le nuove norme di comportamento del collegio sindacale

Le nuove norme di comportamento del collegio sindacale Le nuove norme di comportamento del collegio sindacale Di Luciano De Angelis Parte I: Aspetti introduttivi 1) Premessa: Le ragioni e la struttura delle norme Le norme di comportamento del collegio sindacale

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli