REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA"

Transcript

1 Direzione Medica di Presidio ARCISPEDALE SANT'ANNA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA Servizio Sanitario Nazionale Regione Emilia-Romagna REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA A cura della Direzione Medica di Presidio (Versione dicembre 2003) INDICE Guardia Medica Compiti del Medico di Guardia pag. 2 Orari ed organizzazione Punti di guardia medica e degenze servite pag. 5 Pronta Disponibilità Medica pag. 8 Consulenze 2 pag.

2 Emergenze assistenziali internistiche pag. 4 Quadro di sintesi pag. 5 GUARDIA MEDICA Per servizio di Guardia Medica si intende la presenza medica attiva, per una o più unità operative, nelle ore notturne e nei giorni festivi. COMPITI DEL MEDICO DI GUARDIA ) Il medico di guardia durante il proprio turno non deve allontanarsi dall ospedale, se non per motivi legati all assistenza di pazienti o per altri codificati motivi. Non potrà abbandonare il servizio prima di aver verificato l arrivo del collega del turno successivo ed aver fornito allo stesso le necessarie consegne; in caso di guardia dipartimentale l attesa spetta al sanitario dell Unità Operativa titolare del turno. 2) Durante lo svolgimento dell attività di guardia il medico deve assicurare la sorveglianza del buon andamento delle condizioni cliniche dei pazienti degenti nei reparti affidatigli, informandosi preventivamente, o ricevendo/fornendo le consegne scritte da parte dei Colleghi, su eventuali situazioni particolari presenti fra i degenti, e curando di fornire sollecita risposta ai casi segnalati dal personale di assistenza; la sorveglianza della corretta esecuzione delle istruzioni diagnostico-terapeutiche impartite dai medici curanti dell Unità Operativa di ricovero; l eventuale motivata e razionale modifica delle prescrizioni diagnostico-terapeutiche dei medici curanti, qualora le mutate condizioni cliniche dei pazienti lo impongano; 3) Il medico di guardia deve annotare sempre sulla cartella clinica di ciascun paziente, contestualmente con l erogazione della prestazione, l ora in cui questa viene effettuata, le note cliniche salienti e le relative prescrizioni, apponendo la propria firma leggibile; 4) In caso di decesso, deve annotare la constatazione sul diario clinico e sul frontespizio della cartella clinica, indicando il giorno e l ora del decesso ed apponendovi la propria firma leggibile. Cura poi la compilazione della scheda di morte, eventualmente in collaborazione con il medico responsabile del caso; 5) E tenuto a visitare tempestivamente ogni nuovo entrato provvedendo all apertura della cartella clinica. Cura, in particolare, la prima raccolta dei dati anamnestici ed obiettivi, prescrivendo gli accertamenti strumentali e/o di laboratorio necessari alla scelta ed alla esecuzione di idonea terapia, nonché alla valutazione della risposta terapeutica; 2

3 6) Può disporre la dimissione di pazienti ricoverati nelle degenze a lui affidate per decisione autonoma, o su indicazione fornita dai Sanitari dell Unità Operativa ove i pazienti stessi risultano degenti e purché le condizioni cliniche, in base alle sue valutazioni, lo consentano. In caso di necessità, per la presenza di condizioni che possono pregiudicare una adeguata assistenza ai pazienti ricoverati, deve ricercare soluzioni alternative attraverso la collaborazione di altri sanitari di guardia e/o pronto disponibili; 7) Il medico di guardia, nel momento in cui presta servizio in tale veste, gode di piena autonomia decisionale in relazione alle procedure assistenziali da intraprendere; risulta pertanto completa la responsabilità che gli compete nel valutare con prudenza e diligenza i casi clinici che giungono alla sua osservazione, provvedendo direttamente o richiedendo l intervento di altro sanitario; ha inoltre funzione di riferimento e controllo per i medici specializzandi; la presenza dei quali, presso la struttura, dovrà essere oggetto di comunicazione da parte dell Università alla Direzione dell Azienda; sarà cura della stessa Direzione rendere edotto il Dirigente di struttura complessa di riferimento che provvederà a diffondere l informazione alla propria équipe; 8) Deve altresì rispondere tempestivamente alle chiamante d urgenza per consulenza specialistica di pertinenza, anche in altri settori di guardia o presso il Servizio di Pronto Soccorso, se richieste dai rispettivi medici di guardia. In occasione di chiamate urgenti nelle varie sezioni di degenza o presso il Servizio di Pronto Soccorso, deve scrupolosamente segnalare gli spostamenti dal reparto di riferimento, così da consentire sempre una rapida e sicura reperibilità; 9) Il medico di guardia può richiedere la consulenza o la partecipazione di altri medici in servizio di guardia presso altri reparti, o in reperibilità, al fine di una più adeguata risposta assistenziale ai bisogni emergenti degli assistiti; 0) Qualora ritenga necessario attivare altro medico di turno di pronta disponibilità, le scelte in termini assistenziali competeranno, all interno dell équipe, al sanitario di posizione funzionale più elevata, limitatamente ai casi clinici che ne hanno condizionato la chiamata in pronta disponibilità; resta comunque ferma la facoltà del Direttore, qualora interessato, di avocare alla propria competenza il trattamento di casi specifici. In tali casi il medico di guardia viene sollevato dalla responsabilità sulle scelte assistenziali da compiere negli specifici casi clinici sopra menzionati; ) Se impossibilitato a svolgere il turno di guardia assegnatogli per impegni indifferibili, malattie, congedi, deve provvedere a farsi sostituire nell ambito dello stesso dipartimento, divisione o servizio, notificando la variazione anche al Responsabile dell unità operativa a cui afferisce; in caso di estrema urgenza deve provvedere alla sostituzione il sanitario dello stesso dipartimento o unità operativa di guardia che segue nell elenco dei turni di guardia; 2) Deve segnalare all Ufficio Legale, utilizzando gli appositi stampati in uso, cadute od incidenti occorsi ai degenti; Deve segnalare alla Direzione Medica di Presidio qualsiasi episodio fuori dall ordinario verificatosi durante il servizio di guardia; 3) I turni di guardia non devono superare, di norma, le 2 ore continuative. 3

4 GUARDIE DIPARTIMENTALI: sarà cura dell Ufficio Gestione Presenze trasmettere preventivamente ogni trimestre ai Direttori di Dipartimento ed ai Responsabili delle Unità Operative interessate il calendario delle guardie. Il Direttore di Dipartimento o il Responsabile di Unità Operativa, si farà parte diligente nel trasmettere mensilmente all Ufficio Gestione Presenze, con opportuno anticipo, i calendari nominativi dei singoli turni di guardia. GUARDIE DI UNITA OPERATIVA: sarà cura dei Responsabili tenere calendari mensili aggiornati, con i nominativi dei sanitari in guardia, che dovranno essere resi disponibili, su richiesta, per la Direzione Medica di Presidio o per l Ufficio Gestione Presenze. Nelle giornate di sciopero la copertura assistenziale viene assicurata dai contingenti minimi di personale medico previsto dagli Accordi Aziendali fino all ora di attivazione del servizio di Emergenza Medica Intraospedaliera previsto dal Regolamento. Il medico di guardia può fruire, nel corso del proprio servizio, di una stanza di attesa fornita di apparecchio telefonico attraverso il quale, di norma, avviene la chiamata; è comunque tenuto a comunicare al personale del reparto di degenza di riferimento eventuali spostamenti nell ambito dell ospedale. 4

5 ORARI ED ORGANIZZAZIONE Punti di Guardia e Degenze Servite L orario di attività della guardia medica è quello stabilito dalla vigente regolamentazione del lavoro medico. L attività medica di guardia viene espletata: NEI GIORNI FERIALI DALLE ORE ALLE ORE 8.00 NEI GIORNI FESTIVI DALLE ORE 4.00 ALLE ORE 8.00 DIPARTIMENTO A MEDICO (n. guardia) Tel : Divisione Medicina Generale Oncologia Endocrinologia Ematologia. : Divisione Medicina Generale (degenza I e II) Oncologia Ematologia Pneumologia. DIPARTIMENTO B MEDICO (n. guardia) Tel : Istituto di Medicina Interna Diabetologia - Geriatria Gastroenterologia - Reumatologia : Istituto di Medicina Interna (degenza I e II) Geriatria Gastroenterologia Reumatologia FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA (n. guardia) - Tel Fisiopatologia Respiratoria - Pneumologia : Fisiopatologia Respiratoria, Ortogeriatria Riferimento per le emergenze assistenziali internistiche Chirurgia Vascolare, Divisione Urologica NEI GIORNI FERIALI DALLE ORE ALLE ORE 8.00 NEI GIORNI FESTIVI DALLE ORE 8.00 ALLE ORE 8.00 IST. CLINICA CHIRURGICA IST. CHIRURGIA GENERALE (n. guardia)-tel Istituto Clinica Chirurgica- Istituto Chirurgia Generale 5

6 Istituto Clinica Chirurgica- Istituto Chirurgia Generale Day Surgery Dipartimentale e Chirurgia Generale II (entrambe solo per le ore notturne feriali) ORTOPEDIA (n. guardia) Tel Ortopedia Ortopedia OSTETRICIA E GINECOLOGIA (n. guardia) Tel /6.380 (notte) Ostetricia e Ginecologia Ostetricia e Ginecologia SERVIZIO DI RADIOLOGIA (n. guardia) Tel NEUROCHIRURGIA (n. guardia) Tel. 7.6 Neurochirurgia Neurochirurgia MEDICINA RIABILITATIVA E UNITA GRAVI CEREBROLESIONI (n. guardia) Tel Medicina Riabilitativa, Unità Gravi Cerebrolesioni (UGC) Medicina Riabilitativa, Unità Gravi Cerebrolesioni (UGC) Riferimento per le emergenze assistenziali internistiche Lungodegenza Post-Acuzie/R.E. Neurologia-Ortopedica LABORATORIO ANALISI (n. guardia) Tel NEFROLOGIA (n. guardia) - Tel Nefrologia Nefrologia Riferimento per le emergenze assistenziali internistiche Endocrinologia, Diabetologia CARDIOLOGIA U.T.I.C. (n. guardia) Tel /7.230/6.43 6

7 Cardiologia : Cardiologia- U.T.I.C. Degenza Cardiologia 2. DIVISIONE NEUROLOGICA CLINICA NEUROLOGICA (n. guardia) Tel Clinica e Divisione Neurologica Divisione Neurologica MALATTIE INFETTIVE (n. guardia) Tel Divisione Malattie Infettive e Istituto Malattie Infettive Malattie Infettive Riferimento per le emergenze assistenziali internistiche Oculistica, Chirurgia Plastica ISTITUTO DI PEDIATRIA DIVISIONE PEDIATRICA (n. guardia) Tel /7.326 Istituto di Pediatria Divisione Pediatrica Istituto di Pediatria Divisione Pediatrica Riferimento per le emergenze assistenziali internistiche Chirurgia Pediatrica TERAPIA INTENSIVA NEONATALE-NEONATOLOGIA (n. guardia) Tel O.R.L. (n. guardia) Tel ORL, Audiologia ORL, Audiologia SERVIZIO DI ANESTESIA E RIANIMAZIONE (n. 2 guardie) Tel ISTITUTO DI ANESTESIOLOGIA E RIANIMAZIONE (n. guardia) Tel /6.386 U. O. DI EMERGENZA-URGENZA - CENTRALE OPERATIVA - 8 7

8 (n. 3 guardie nei giorni feriali e festivi dalle alle 8.00, n 4 guardie nei giorni festivi dalle 8.00 alle 20.00) Tel /6.52 Medicina d Urgenza - Pronto Soccorso- 8 Medicina d Urgenza - Pronto Soccorso- 8 Riferimento per le emergenze assistenziali internistiche Degenza DETENUTI presso Ortopedia PRONTA DISPONIBILITA MEDICA Il servizio di pronta disponibilità è caratterizzato dalla immediata reperibilità telefonica del dipendente e dall obbligo per lo stesso di giungere in ospedale entro il più breve tempo possibile (e comunque non superiore ai 30 minuti), secondo le norme dettate dal contratto di lavoro vigente. Il servizio di pronta disponibilità può essere sostitutivo od integrativo della guardia. Il medico in pronta disponibilità sostitutiva può essere chiamato dagli infermieri del reparto di appartenenza od un altro sanitario in servizio di guardia. Il medico in pronta disponibilità integrativa della guardia può essere chiamato da un sanitario di guardia dello stesso reparto o dipartimento. PRONTE DISPONIBILITA SOSTITUTIVE DELLA GUARDIA ) DELLA DURATA DI 4 ORE NEI GIORNI FERIALI, DI 8 ORE NEI SABATI E 20 ORE NEI GIORNI FESTIVI a. n. 2 Divisione di Chirurgia Pediatrica (nei giorni feriali dalle ore 8.00 alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 8.00 e nei giorni festivi dalle ore 2.00 alle ore 8.00) b. n. Clinica Dermatologica (nei giorni feriali dalle ore 8.00 alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 8.00 e nei giorni festivi dalle ore 2.00 alle ore 8.00) per urgenze-emergenze dermatologiche c. n. Servizio di Immunoematologia e Trasfusionale (nei giorni feriali dalle ore 8.00 alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 8.00 e nei giorni festivi dalle ore 2.00 alle ore 8.00) 2) DELLA DURATA DI 4 ORE NEI GIORNI FERIALI, DI 8 ORE NEI SABATI E 24 ORE NEI GIORNI FESTIVI a. n. Sezione dei Gastroenterologia (nei giorni feriali dalle ore 8.00 alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 8.00 e nei giorni festivi dalle ore 8.00 alle ore 8.00) per urgenze-emergenze gastrenterologiche. b. n. Neuroradiologia (nei giorni feriali dalle ore 8.00 alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 8.00 e nei giorni festivi dalle ore 8.00 alle ore 8.00). c. n. Dirigenza Medica di Presidio (nei giorni feriali dalle ore 8.00 alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 8.00 e nei giorni festivi dalle ore 8.00 alle ore 8.00) 8

9 d. n. 2 Chirurgia Vascolare (nei giorni feriali dalle alle 8.00, nei sabati dalle 4.00 alle 8.00, nei giorni festivi dalle 8.00 alle 8.00) e. n. 2 Urologia (nei giorni feriali dalle alle 8.00, nei sabati dalle 4.00 alle 8.00, nei giorni festivi dalle 8.00 alle 8.00) 3) DELLA DURATA DI 6 ORE NEI GIORNI FERIALI, DI 8 ORE NEI SABATI E 24 ORE NEI GIORNI FESTIVI a. n. Istituto di Radiologia per Radiologia Vascolare ed Interventistica (nei giorni feriali dalle ore 4.00 alle ore 6.00 e dalle ore 8.00 alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 8.00 e nei giorni festivi dalle ore 8.00 alle ore 8.00) 4) DELLA DURATA DI 4 ORE NEI GIORNI FERIALI, 20 ORE NEI SABATI E 20 ORE NEI FESTIVI a. n. Chirurgia Maxillo-Facciale (nei giorni feriali dalle ore 8.00 alle ore 8.00, nei sabati e nei festivi dalle ore 2.00 alle ore 8.00) 5) DELLA DURATA DI 4 ORE NEI GIORNI FERIALI, 20 ORE NEI SABATI E 24 ORE NEI FESTIVI a. n. Chirurgia Plastica (nei giorni feriali dalle ore 8.00 alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 2.00 alle ore 8.00, nei giorni festivi dalle ore 8.00 alle ore 8.00) 6) DELLA DURATA DI 2 ORE NEI GIORNI FERIALI, NEI SABATI E NEI FESTIVI a. n. Clinica Oculistica (nei giorni feriali, sabati e giorni festivi dalle ore alle ore 8.00) 7) DELLA DURATA DI 6 ORE NEI GIORNI DI SEDUTA OPERATORIA E NELLE 48 ORE IMMEDIATAMENTE SUCCESSIVE (SALVO DIMISSIONE DEI PAZIENTI) a. n. Clinica Odontoiatrica (dalle ore 6.00 alle ore 8.00) 8) DELLA DURATA DI 2 ORE NEI GIORNI FERIALI, 8 ORE NEI SABATI E 24 ORE NEI FESTIVI a. n. Servizio di Diabetologia (nei giorni feriali dalle ore alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 8.00 e nei giorni festivi dalle ore 8.00 alle ore 8.00) per urgenze-emergenze diabetologiche b. n. Istituto di Ematologia (per attività di trapianto midollare) (nei giorni feriali dalle ore alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 8.00 e nei giorni festivi dalle ore 8.00 alle ore 8.00) 9. DELLA DURATA DI 4 ORE NEI GIORNI FERIALI, 8 ORE NEI SABATI E 2 ORE NEI FESTIVI a. n. Farmacia Ospedaliera (nei giorni feriali dalle ore 8.00 alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 9.30 e nei giorni festivi dalle ore 2.30 alle ore 8.00) 0. DELLA DURATA DI 4 ORE DAL LUNEDI AL VENERDI a. n. Laboratorio Analisi (dalle ore 6.00 alle ore dal lunedì al venerdì. DELLA DURATA DI 2 ORE NEI GIORNI FERIALI, DI 8 ORE NEI SABATI, 24 ORE NEI FESTIVI a. n. Laboratorio Analisi (nei giorni feriali dalle ore alle ore 8.00, nei sabati dalle 4.00 alle 8.00, nei giorni festivi dalle ore 8.00 alle ore 8.00) (Pronta Disponibilità sostitutiva di un Dirigente Medico quando è presente in guardia un Dirigente Sanitario) 9

10 PRONTE DISPONIBILITA INTEGRATIVE DELLA GUARDIA ) DELLA DURATA DI 2 ORE NEI GIORNI FERIALI, 8 ORE NEI SABATI E 24 ORE NEI FESTIVI a. n. 2 Istituto Clinica Chirurgica (nei giorni feriali dalle ore alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 8.00 e nei giorni festivi dalle ore 8.00 alle ore 8.00) b. n. 2 Istituto Chirurgia Generale (nei giorni feriali dalle ore alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 8.00 e nei giorni festivi dalle ore 8.00 alle ore 8.00) c. n. Clinica Ostetrico-Ginecologica (nei giorni feriali dalle ore alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 8.00 e nei giorni festivi dalle ore 8.00 alle ore 8.00) d. n. Divisione di Ortopedia (nei giorni feriali dalle ore alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 8.00 e nei giorni festivi dalle ore 8.00 alle ore 8.00) e. n. Divisione di Neurochirurgia (nei giorni feriali dalle ore alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 8.00 e nei giorni festivi dalle ore 8.00 alle ore 8.00) f. n. Radiologia Diagnostica (nei giorni feriali dalle ore alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 8.00 e nei giorni festivi dalle ore 8.00 alle ore 8.00) g. n. Divisione e Clinica Neurologica (per Commissione per l accertamento della morte cerebrale) (nei giorni feriali dalle ore alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 8.00 e nei giorni festivi dalle ore 8.00 alle ore 8.00) 2) DELLA DURATA DI 2 ORE NEI GIORNI FERIALI, 20 ORE NEI SABATI E NEI FESTIVI a. n. Divisione e Clinica Pediatrica (nei giorni feriali dalle ore alle ore 8.00, nei sabati e nei giorni festivi dalle ore 2.00 alle ore 8.00) 3) DELLA DURATA DI 6 ORE NEI GIORNI FERIALI, 8 ORE NEI SABATI E 24 ORE NEI FES TIVI a. n. Servizio di Anestesia e Rianimazione (nei giorni feriali dalle ore 6.00 alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 4.00 alle ore 8.00 e nei giorni festivi dalle ore 8.00 alle ore 8.00) 4) DELLA DURATA DI 4 ORE NEI GIORNI FERIALI, 20 ORE NEI SABATI E 24 ORE NEI FESTIVI a. n. Divisione di Cardiologia-Cardiologia Interveniva- (nei giorni feriali dalle ore 8.00 alle ore 8.00, nei sabati dalle ore 2.00 alle ore 8.00, nei festivi dalle ore 8.00 alle ore 8.00) 0

11 I Responsabili delle Unità Operative dovranno preventivamente trasmettere ogni mese alla Centrale Operativa il calendario nominativo dei medici che garantiscono il servizio di pronta disponibilità sostitutiva della guardia. Le chiamate dei medici pronto disponibili dovranno essere registrate dal richiedente con l indicazione del giorno e dell ora: sulla documentazione sanitaria del paziente se la richiesta è medica, sulle cartelle infermieristiche se la richiesta è formulata da un infermiere. Il medico pronto disponibile dovrà registrare l entrata e l uscita con le modalità in vigore per la rilevazione presenze. Le ore di lavoro prestate in pronta disponibilità al di fuori della fascia oraria di ordinaria attività danno diritto alla corresponsione del compenso per lavoro straordinario. In caso di presenza attiva superiore ad ore 4.30 il sanitario potrà fruire di un recupero compensativo. E comunque possibile che le ore di servizio prestate in pronta disponibilità siano recuperate. Al Medico in pronta disponibilità va comunque garantita la possibilità di fruire di un riposo settimanale.

12 CONSULENZE Le Unità Operative dovranno soddisfare alle chiamate di consulenza ordinaria e d urgenza in tutti i settori dell Arcispedale, se richieste dai rispettivi sanitari presenti. Nel limite del possibile la consulenza ordinaria va garantita allo stesso paziente da parte dello stesso medico o équipe al fine di favorire la continuità terapeutica. In particolare per quanto riguarda le consulenze internistiche, queste dovranno essere assicurate nel seguente modo: ORE DI ORDINARIA ATTIVITA Divisione di Medicina Generale assicura le consulenze ordinarie e d urgenza per le seguenti UU.OO.: a. Degenza Neurologica b. Divisione Neurochirurgia c. Clinica ORL d. Chirurgia Maxillo-Facciale e. Chirurgia Plastica f. Divisione Ortopedica g. Clinica Oculistica h. Chirurgia Vascolare i. Sezione Diagnosi e Cura Istituto di Medicina Interna assicura le consulenze ordinarie e d urgenza per le seguenti UU.OO.: a. Clinica Chirurgica b. Istituto di Chirurgia Generale c. Clinica Ostetrico-Ginecologica d. Divisione Urologica ORE DI GUARDIA NOTTURNA E FESTIVA Nelle ore di non ordinaria attività la consulenza internistica d urgenza per i reparti specialistici o di chirurgia generale sarà garantita prioritariamente nel seguente modo: Dipartimento A Medico garantisce le consulenze per le seguenti UU.OO di 2

13 a. Degenza Neurologica b. Clinica ORL c. Chirurgia Maxillo-Facciale Dipartimento B Medico garantisce le consulenze per le seguenti UU.OO a. Clinica Ostetrico-Ginecologica b. Istituto Clinica Chirurgica c. Istituto Chirurgia Generale Fisiopatologia Respiratoria Istituto di Malattie dell Apparato Respiratorio garantisce le consulenze per le seguenti UU.OO. a. Divisione Ortopedica b. Divisione Neurochirurgia Malattie Infettive garantisce le consulenze per la seguente U.O. a. Sezione di Diagnosi e Cura Per urgenze contemporanee o per altre necessità emergenti sono tenuti a rispondere alle chiamate di consulenza anche i sanitari in servizio di altri settori, di guardia e non, venuti a conoscenza del problema. 3

14 EMERGENZE ASSISTENZIALI INTERNISTICHE Nelle ore di non ordinaria attività per i reparti in cui o è attiva una Pronta Disponibilità sostitutiva della guardia o non c è una copertura di guardia attiva o di Pronta Disponibilità le emergenze assistenziali internistiche saranno garantite, previa chiamata da parte degli infermieri del reparto di appartenenza o del rispettivo medico Pronto Disponibile, nel seguente modo: Medicina d Urgenza garantisce per: a. Degenza DETENUTI (presso Divisione Ortopedica) Malattie Infettive garantisce per le UU.OO a. Clinica Oculistica b. Chirurgia Plastica Fisiopatologia Respiratoria Istituto di Malattie dell Apparato Respiratorio garantisce per le UU.OO. a. Chirurgia Vascolare b. Divisione Urologica Medicina Riabilitativa garantisce per: a. Lungodegenza Postacuzie e Riabilitazione Estensiva Neurologica-Ortopedica Nefrologia garantisce per le UU.OO. a. Endocrinologia b. Diabetologia Istituto di Pediatria-Divisione Pediatria garantisce per l U.O. a. Chirurgia Pediatrica 4

15 SERVIZI DI GUARDIA e DI PRONTA DISPONIBILITA UNITÀ OPERATIVE CHE PARTECIPANO AL SERVIZIO NUMERO GUARDIE NUMERO PRONTE DISPONIBILITÀ Sostit. Integr. DEGENZE SERVITE DAL SERVIZIO DI GUARDIA Dipartimento Chirurgico Clinica Chirurgica 2 Chirurgia Generale ( 7.40) 2 Istituto Clinica Chirurgica, Istituto Chirurgia Generale. Il Day Surgery Dipartimentale e Chirurgia Generale II solo nei giorni feriali. Chirurgia Vascolare 2 Chirurgia Vascolare Urologia 2 Urologia Istituto Anestesiologia e Rianimazione ( ) Dipartimento Chirurgico Specialistico 4 0 Terapie Intensive I e II, emergenza di anestesia e rianimazione O.R.L. ORL, Audiologia (? 6.273) Audiologia Oculistica Oculistica, Pronto Soccorso Oculistico Chirurgia Maxillo Facciale Maxillo Facciale Chirurgia Plastica Chirurgia Plastica Odontoiatria Odontoiatria (48 h.succ.sed.operat.) Interdipartimentale Medico Generale e Specialistico - DIPARTIMENTO MEDICO A Divisione di Medicina Generale Oncologia Ematologia Endocrinologia ( 6.855) Divisione di Medicina Generale (degenza I e II)), Oncologia, Ematologia, Pneumologia -DIPARTIMENTO MEDICO B Ist. Medicina Interna Diabetologia Geriatria Gastroenterologia Reumatologia (? 6.894) Ist.Medicina Interna (degenza I e II), Geriatria, Gastroenterologia, Reumatologia Dipartimento Medico: 0 Divisione Malattie Infettive Istituto Malattie Infettive ( 6.955) Malattie Infettive Garantisce le emergenze assistenziali internistiche di Oculistica, Chirurgia Plastica Gastroenterologia Urgenze-emergenze gastroenterologiche 5

16 UNITÀ OPERATIVE CHE PARTECIPANO AL SERVIZIO NUMERO GUARDIE NUMERO PRONTE DISPONIBILITÀ Sostit. Integr. Dipart. Medico Specialistico 3 0 Nefrologia (? 6.328) DEGENZE SERVITE DAL SERVIZIO DI GUARDIA Nefrologia Garantisce le emergenze assistenziali internistiche di Diabetologia ed Endocrinologia Diabetologia Urgenze-emergenze diabetologiche Dermatologia Urgenze-emergenze dermatologiche Ematologia Attività di trapianto midollare Dipartimento Emergenza 8 ( 9*) 0 3 Fisiopatologia Respiratoria Pneumologia (? 6.773) Fisiopatologia Respiratoria, Ortogeriatria Garantisce le emergenze assistenziali internistiche di Chirurgia Vascolare, Divisione Urologia Ortopedia (? 6.888) Ortopedia Cardiologia - UTIC?( 6.349) (card.interv.) Cardiologia, degenza Cardiologia 2 e UTIC Medicina d Urgenza- Pronto Soccorso- 8 3 (4*) ( 6.236) n guardia in Medicina d Urgenza, n guardia in Pronto Soccorso, n guardia per 8. (* guardie dalle ore 8.00 alle ore dei giorni festivi: n guardia in Medicina d Urgenza, n 2 guardie in Pronto Soccorso, n guardia per 8) Garantisce le emergenze assistenziali internistiche di Degenza detenuti c/o Ortopedia Servizio di Anestesia e Rianimazione 2 (? 6.32) Dipart.Riprod.Accrescimento Divisione Pediatrica Clinica Pediatrica (? ) n guardia per Rianimazione e n guardia per emergenza di anestesia e rianimazione Divisione Pediatrica,Clinica Pediatrica, Pronto Soccorso Pediatrico Garantisce le emergenze assistenziali internistiche di Chirurgia Pediatrica Chirurgia Pediatrica 2 Chirurgia Pediatrica Terapia Intensiva Neonatale (? 6.389) Terapia Intensiva Neonatale, emergenza neonatale 6

17 Ostetricia/Ginecologia (? 6.553) Dip. Riabilitazione Lungod Medicina Riabilitativa Unità gravi cerebrolesioni (UGC) (? 6.25) Dipart. Diagnostica per Immagini Servizio di Radiologia Diagnostica Ospedaliera Istituto di Radiologia (Vascolare ed interventiva) UNITÀ OPERATIVE CHE PARTECIPANO AL SERVIZIO (? 6.228) NUMERO GUARDIE Clinica Ostetrica-Ginecologica, Pronto Soccorso ostetrico-ginecologico NUMERO PRONTE DISPONIBILITÀ Sostit. Integr. Medicina Riabilitativa, UGC Garantisce le emergenze assistenziali internistiche di Lungodeg. e R.E. Neurol. Ortoped. DEGENZE SERVITE DAL SERVIZIO DI GUARDIA Dipartimento Patologia 2 ( +**) Oncologica Laboratorio Analisi (? 6.428) * (+**) *durata 4 ore dal lunedì al venerdì **. PD sostitutiva medica quando in Guardia è presente un Dirigente Sanitario Servizio Trasfusionale Dipartimento Neuroscienze 2 2 Neurochirurgia ( 6.434) Neurochirurgia Neuroradiologia Clinica Neurologica Divisione Neurologica ( 6.889) (Commiss. Acc.Morte) Neurologia Altri Servizi 2 Direzione Medica di Presidio Servizio Farmacia 7

18 8

19 Il presente regolamento, fatte salve le intercorrenti modifiche che si renderanno necessarie e che saranno discusse con le OO.SS. mediche, sarà rivisto nel mese di dicembre

PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005

PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005 AZIENDA OSPEDALE - UNIVERSITA' Arcispedale Sant'Anna PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005 L Azienda ritiene di confermare anche per l anno 2005 l obiettivo di procedere ad una tendenziale riduzione

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate

ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate AZIENDA OSPEDALIER A UNIVERSITA DI PADOVA ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate Preparato da Ref. GdL Dott.ssa C. Destro. Verificato da Direttore S.C. Qualità

Dettagli

Struttura organizzativa professionale. (art.2, comma1, lett u l.r. 40/2005)

Struttura organizzativa professionale. (art.2, comma1, lett u l.r. 40/2005) Allegato 1 Funzione operativa (art.2, comma1, lett l l.r. 40/2005) Struttura organizzativa professionale (art.2, comma1, lett u l.r. 40/2005) Dipartimento interaziendale di Area Vasta Allergologia ed immunologia

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

L'organizzazione aziendale

L'organizzazione aziendale L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla direzione generale - dipartimento di prevenzione - distretto socio-sanitario unico - ospedale

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza organigramma aziendale dipartimento emergenza accettazione Denominazione Strutture Complesse 1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza 2. chirurgia di

Dettagli

PRESIDIO OSPEDALIERO DI SONDRIO

PRESIDIO OSPEDALIERO DI SONDRIO PRESIDIO OSPEDALIERO DI SONDRIO Centralino tel 0342.521111 Ufficio Protocollo fax 0342.521024 Direzione Medica tel 0342.521030 fax 0342.521368 Ufficio Cartelle Cliniche tel 0342.521366 direzionemedica.so@aovv.it

Dettagli

AVVISO RIASSEGNAZIONE DI PERSONALE APPARTENENTE ALLA FIGURA PROFESSIONALE DI INFERMIERE

AVVISO RIASSEGNAZIONE DI PERSONALE APPARTENENTE ALLA FIGURA PROFESSIONALE DI INFERMIERE AVVISO RIASSEGNAZIONE DI PERSONALE APPARTENENTE ALLA FIGURA PROFESSIONALE DI INFERMIERE SCADENZA 02.04.2014 * * * * * * * * * * * * In attuazione alla decisione del Servizio Gestione e sviluppo del personale

Dettagli

informa@pec.polime.it

informa@pec.polime.it Direzione Direttore Generale A.O.U. direttore.generale@pec.polime.it Segreteria Direzione Generale A.O.U. segr.direzionegenerale@pec.polime.it Direzione Staff Direzione Generale dir.staffdg@pec.polime.it

Dettagli

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Allegato 2 della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Di seguito sono elencate le schede dei seguenti presidi ospedalieri Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico Burlo Garofolo di Trieste

Dettagli

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale Azienda ULSS n. 8 - Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 ALLEGATO N. 2 L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla

Dettagli

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE Direzione centrale salute e protezione sociale PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE 2006-2008 (ex articolo 7 L.R. 23 del 29 luglio 2004) Documento N.2 di 2 Schede di ospedale Dicembre 2005 INDICE

Dettagli

Personale laureato del ruolo sanitario

Personale laureato del ruolo sanitario TABELLA DI SUPPORTO per la compilazione della Sezione 3: Professionalità e Tipologia di rapporto della Scheda anagrafica Personale laureato del ruolo sanitario 1. MEDICI 1.01. Odontoiatria 1.02. Allergologia

Dettagli

Nota metodologica. Avvertenze

Nota metodologica. Avvertenze 1 Nota metodologica Le informazioni sulla struttura e l attività degli istituti di cura sono elaborate dall Istat a partire dai dati rilevati dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali.

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2

ASL TO2 Torino Nord Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2 ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE Direzione Sanitaria Macro livello Distretti Circ. 4,5,6,7 Direzione distretto 4 Circoscr. 4 Direzione distretto 5 Circoscr. 5 Direzione

Dettagli

Presidenza. Presidenza. Direzione

Presidenza. Presidenza. Direzione Presidenza Presidenza Ufficio Segreteria Generale Generale Generale di Staff Comitato Scientifico Farmacia Galliera Comitato unico di garanzia (CUG) Uffici: Coordinatore Scientifico Stampa Sicurezza app.

Dettagli

Accordo Sindacale Aziendale Ferrara, 30 AGOSTO 2006

Accordo Sindacale Aziendale Ferrara, 30 AGOSTO 2006 1 Accordo Sindacale Aziendale Ferrara, 30 AGOSTO 2006 Area DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Determinazione dei CONTINGENTI DI PERSONALE per il funzionamento dei SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI in caso di SCIOPERO

Dettagli

Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo

Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo Linee guida per il Controllo di gestione della ASL e delle Aziende Ospedaliere Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo Presidi ospedalieri ASL PRESIDIO OSPEDALIERO AZIENDALE NTRO DI COSTO DENOMINAZIONE

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ

MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO MINISTERIALE 31 gennaio 1998 MINISTERO DELLA SANITÀ Tabella relativa alle specializzazioni affini previste dalla disciplina concorsuale per il personale dirigenziale del Servizio sanitario nazionale.

Dettagli

Allegato E. Allegato F. Allegato G. Ruolo del partecipante Partecipante Relatore

Allegato E. Allegato F. Allegato G. Ruolo del partecipante Partecipante Relatore Allegato E Ruolo del partecipante Partecipante Relatore Codice P R Allegato F Professione Codice Medico chirurgo 1 Odontoiatra 2 Farmacista 3 Veterinario 4 Psicologo 5 Biologo 6 Chimico 7 Fisico 8 Assistente

Dettagli

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B ALLEGATO 1 TABELLE 1. Tipologie di presidi B1.a TIPOLOGIA PRESIDIO Presidi ambulatoriali: prestazioni di specialistica e diagnostica - classe 1 (extraospedaliero) B1.b Presidi ambulatoriali: prestazioni

Dettagli

PIANTA ORGANICA DIRIGENZA MEDICA E ODONTOIATRICA UOC UOSD TOTALE DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62

PIANTA ORGANICA DIRIGENZA MEDICA E ODONTOIATRICA UOC UOSD TOTALE DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62 DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62 UOC 26.01.00 Medicina Interna I 1 3 8 1 1 - - 4 9 UOC 26.02.00 Medicina Interna II 1 6 6 1 1 - - 7 7 UOC 58.01.00 Gastroenterologia 1 9 10

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ALLEGATO 2 - Voto ottenuto negli esami fondamentali e caratterizzanti la singola scuola Punteggio massimo 5 punti. STUDENTI LAUREATI (DM 509/99 o DM 270/04) Ai fini dell attribuzione del punteggio, il

Dettagli

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 9/162

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 9/162 0 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 07 del 0 dicembre 3 ALLEGATO C Dgr n. del pag. 9/ A-Area Medica 5 9 3 0 Cardiologia Gastroenterologia Geriatria Medicina Generale Nefrologia Neurologia

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

32 Chirurgia pediatrica Medico chirurgo 33 Chirurgia plastica e ricostruttiva Medico chirurgo 34 Chirurgia toracica Medico chirurgo 35 Chirurgia

32 Chirurgia pediatrica Medico chirurgo 33 Chirurgia plastica e ricostruttiva Medico chirurgo 34 Chirurgia toracica Medico chirurgo 35 Chirurgia ALLEGATO F Codice DA UTILIZZARE Professione 1 Medico chirurgo si 2 Odontoiatra si 3 Farmacista 4 Veterinario 5 Psicologo si 6 Biologo si 7 Chimico si 8 Fisico 9 Assistente sanitario 10 Dietista 11 Educatore

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

ALLEGATO 2. 1. Scheda Presidio. Istruzioni per la compilazione. 1.1 Fac simile scheda presidio

ALLEGATO 2. 1. Scheda Presidio. Istruzioni per la compilazione. 1.1 Fac simile scheda presidio ALLEGATO 2 1. Scheda Presidio Istruzioni per la compilazione Al punto 1.1 è riportato il fac simile della scheda; al punto 1.2 sono riportate le tabelle da utilizzare per la compilazione delle voci,,.

Dettagli

CODICE CENTRO DI COSTO E DI MONITORAGGIO

CODICE CENTRO DI COSTO E DI MONITORAGGIO CODICE CENTRO DI COSTO E DI MONITORAGGIO A A00 A000001 A01 A010803 A02 A020801 A025001 A025002 A0250021 A0250022 A0250023 A03 A030702 A0307021 A0307022 A0307023 A030703 A0307031 A0307032 A0307033 A04 A042607

Dettagli

Via Messina 829 95126 Catania

Via Messina 829 95126 Catania REGIONE SICILIANA Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Riferimento Regionale di III Livello per l Emergenza Ufficio Relazioni con il Pubblico - e di Pubblica Tutela dell Utente e-mail:urp@ospedale-cannizzaro.it

Dettagli

TABELLA ALLEGATA. Ancona - Firenze

TABELLA ALLEGATA. Ancona - Firenze TABELLA ALLEGATA Ancona - Firenze A N C O N A Borse 1997/98 Borse riservate a cittadini Allergologia ed Immunologia Clinica 1 Anestesia e rianimazione 10 Cardiologia 3 Chirurgia generale 2 Chirurgia plastica

Dettagli

chi si prende cura di voi

chi si prende cura di voi chi si prende cura di voi Strutture accreditate per prestazioni specialistiche ambulatoriali Sanità Presso le seguenti strutture della provincia di Cremona tutti gli assistiti potranno ottenere prestazioni

Dettagli

PROFESSIONI SANITARIE

PROFESSIONI SANITARIE PROFESSIONI SANITARIE Le Professioni Sanitarie e le Arti Ausiliarie riconosciute dal Ministero della Salute. Farmacista Medico chirurgo Odontoiatra Veterinario Altri riferimenti normativi: D. Lgs. 08.08.1991,

Dettagli

Legenda centri di responsabilità: CdR centri di costo: cdc centri di rilevazione per l'acquisto di prestazioni finali da terzi soggetti erogatori: cda

Legenda centri di responsabilità: CdR centri di costo: cdc centri di rilevazione per l'acquisto di prestazioni finali da terzi soggetti erogatori: cda REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Partita IVA no 0286642079 PIANO AZIENDALE DEI CENTRI DI RILEVAZIONE (allegato delibera n. del ) Legenda centri

Dettagli

RISULTATI SONDAGGIO SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE RIVOLTO AGLI STUDENTI DEL V E DEL VI ANNO MAGGIO 2014

RISULTATI SONDAGGIO SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE RIVOLTO AGLI STUDENTI DEL V E DEL VI ANNO MAGGIO 2014 RISULTATI SONDAGGIO SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE RIVOLTO AGLI STUDENTI DEL V E DEL VI ANNO MAGGIO 2014 DESTINATARI V ANNO 295 VI ANNO 316 FUORICORSO 501 TOTALE 1112 RISPOSTE V ANNO 100 VI ANNO E FC 217 TOTALE

Dettagli

Dati statistici sulle ASL della provincia di Vicenza - Anno 2006.

Dati statistici sulle ASL della provincia di Vicenza - Anno 2006. Dati statistici sulle ASL della provincia di Vicenza - Anno 2006. 103 - BASSANO DEL 104 - THIENE GRAPPA 105 - ARZIGNANO 106 - VICENZA POPOLAZIONE RESIDENTE Popolazione Infantile (0-13 anni) 25.300 25.848

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Riduzione della durata delle scuole di specializzazione di area sanitaria La direttiva 93/16/CE, al fine di agevolare la libera circolazione dei medici, ha introdotto alcune disposizioni in materia di

Dettagli

TABELLA ALLEGATA. Roma - Verona

TABELLA ALLEGATA. Roma - Verona TABELLA ALLEGATA Roma - Verona R O M A " S A P I E N Z A " Allergologia ed immunologia clinica 2 Anatomia patologica 4 Anestesia e rianimazione 35 Borse 1997/98 Borse riservate a cittadini provenienti

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1697 del 05 giugno 2007 pag. 1/12

ALLEGATOA alla Dgr n. 1697 del 05 giugno 2007 pag. 1/12 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1697 del 05 giugno 2007 pag. 1/12 REGIONE VENETO - AZIENDA ULSS 5 ARZIGNANO AZIENDA ULSS 5 N p.l DIRETTIVE per Apicalità/U.O.A. Area AREA F.O. MEDICA:

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO U.O.S. RELAZIONI CON IL PUBBLICO Via V. Cortese n.10 88100 Catanzaro

AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO U.O.S. RELAZIONI CON IL PUBBLICO Via V. Cortese n.10 88100 Catanzaro F REGIONE CALABRIA AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO U.O.S. RELAZIONI CON IL PUBBLICO Via V. Cortese n.10 88100 Catanzaro Prot.n.113 del 21-06-2013 Direttore sanitario UOC Programmazione e controllo

Dettagli

REVISIONE DELLA RETE OSPEDALIERA DI AREA SOVRAZONALE COINCIDENTE CON LA FEDERAZIONE N. 6 PIEMONTE SUD EST

REVISIONE DELLA RETE OSPEDALIERA DI AREA SOVRAZONALE COINCIDENTE CON LA FEDERAZIONE N. 6 PIEMONTE SUD EST REVISIONE DELLA RETE OSPEDALIERA DI AREA SOVRAZONALE COINCIDENTE CON LA FEDERAZIONE N. 6 PIEMONTE SUD EST PROPOSTA ASO ALESSANDRIA ASL AL ASL AT Il DIRETTORE GENERALE Il DIRETTORE GENERALE Il DIRETTORE

Dettagli

Linee Guida. Organizzazione Area Pronto Soccorso. 4.3 Tipologie di consulenze e servizi diagnostico/terapeutici disponibili/presenti nell'azienda

Linee Guida. Organizzazione Area Pronto Soccorso. 4.3 Tipologie di consulenze e servizi diagnostico/terapeutici disponibili/presenti nell'azienda REV. 0 Pag. 1 / 8 INDICE 1. Scopo e Campo di applicazione 2. Funzionigramma e Responsabilità 3. Destinatari 4. Definizioni e Tipologie delle attività 4.1 Definizione ed obiettivi dell 4.2 Tipologie di

Dettagli

Ruolo e prospettive delle società scientifiche

Ruolo e prospettive delle società scientifiche Ruolo e prospettive delle società scientifiche Dott. Nino Basaglia PastPresidentSIMFER Gorgo al Monticano (TV), 18 settembre 2015 RUOLO E PROSPETTIVE DELLE SOCIETÀ SCIENTIFICHE Motta di Livenza, 18 settembre

Dettagli

TABELLA B VALEVOLE PER LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE DELLE SPECIALIZZAZIONI

TABELLA B VALEVOLE PER LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE DELLE SPECIALIZZAZIONI TABELLA RELATIVA ALLE PREVISTE DALLA DISCIPLINA CONCORSUALE PER IL PERSONALE DIRIGENZIALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - D.Lgs. 502/92 COSI' COME MODIFICATO DAL D.Lgs. 254/2000 (MINISTERO DELLA SALUTE

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

IL RETTORE D E C R E T A

IL RETTORE D E C R E T A 678 Ufficio Esami di Stato e Scuole di Specializzazione IL RETTORE VISTO il D.Lgs. n. 368 del 17/08/1999, pubblicato in G.U. n. 250 del 23/10/1999 di attuazione della direttiva n. 93/16/CEE in materia

Dettagli

altre attività strutture sanitarie e studi professionali modello 5_13_01

altre attività strutture sanitarie e studi professionali modello 5_13_01 Apertura struttura sanitaria N. identificativo marca da bollo: (La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale a cura del soggetto interessato) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello

Dettagli

L Oss nell. L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto. Sede di Fermo

L Oss nell. L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto. Sede di Fermo L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto L Oss nell Sede di Fermo Antonino Longobardi Mariangela Cococcioni FERMO 20 GIUGNO 2012 L evoluzione del numero

Dettagli

TABELLA ALLEGATA. Genova - Napoli

TABELLA ALLEGATA. Genova - Napoli TABELLA ALLEGATA Genova - Napoli G E N O V A Borse 1997/98 Borse riservate a cittadini Allergologia ed immunologia clinica 2 Anatomia patologica 2 Anestesia e rianimazione 15 Cardiologia 4 Chirurgia generale

Dettagli

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax Iscrizione Generale Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome Via N CAP Comune Provincia Email Tel. Cell. Fax Desidero partecipare alle giornate del 25 26 27 28 Novembre 2014 Iscrizione ECM (L iscrizione è obbligatoria

Dettagli

DIPARTIMENTO AREA MEDICA UNITA OPERATIVA

DIPARTIMENTO AREA MEDICA UNITA OPERATIVA DIPARTIMENTO AREA MEDICA A OPERATIVA di PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Dr. Antonello Strada DIRIGENTI MEDICI Dr. Vittorio Berruti Dr. Dante Clerici IPAS* Osservazione Breve Intensiva Dr.ssa Francesca Gelli

Dettagli

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA Arcispedale S. Anna Direzione Medica di Presidio Università degli Studi di Ferrara REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA INDICE Guardia Medica Regolamentazione ed indicazioni operative pag. 2 Orari

Dettagli

Analisi delle richieste per singoli casi

Analisi delle richieste per singoli casi Analisi delle richieste per singoli casi Dati estratti dal database CF AVEC (2012-2014): Tipologia richiesta Anno 2012 (genn-nov.) 2013 2014 (genn.-ott.) Frequenza totale Fascia C (C) 93 68 43 204 Farmaci

Dettagli

Iscrizione partecipante (ECM)

Iscrizione partecipante (ECM) Promosso da Iscrizione partecipante (ECM) AUDITORIUM SALA TESTORI palazzo lombardia MILANO 1-3 LUGLIO 2015 Dati Generali Azienda/Ente Uff./Dip. Nome* Cognome* Via* N * CAP* Comune* Provincia* Email* Tel.*

Dettagli

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE QUESITO (posto in data 2 giugno 2010) A quale medico spetta, per legge, l accompagnamento di un malato durante il trasporto da un ospedale

Dettagli

CORSO DI LAUREA A.A. 2014/2015. 1 B19 Scienze umane, politiche della salute e management sanitario

CORSO DI LAUREA A.A. 2014/2015. 1 B19 Scienze umane, politiche della salute e management sanitario I ANNO - I SEMESTRE CORSO DI LAUREA A.A. 2014/2015 CHIMICA APPLICATA ALLE SCIENZE BIOMEDICHE FISICA INFORMATICA E STATISTICA BIOLOGIA E GENETICA 8 SCIENZE UMANE I ANNO- I SEMESTRE AMBITI DISCIPLINARI 6

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

ELEZIONI RSU 2015 ELENCO REPARTI PER SEGGIO ELETTORALE

ELEZIONI RSU 2015 ELENCO REPARTI PER SEGGIO ELETTORALE ELEZIONI RSU 2015 ELENCO REPARTI PER SEGGIO ELETTORALE SEGGIO 1 - Ospedale Borgo Trento - ATRIO PORTINERIA CENTRALE ANATOMIA ED ISTOLOGIA PATOLOGICA BTR DAI CARDIOVASC.E TORAC.- PERS.ADD.SOST. DAI DI CHIRURGIA

Dettagli

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria OFFERTA SERVIZI Servizi Sanitari Ospedalieri Questi servizi vengono resi all interno del Presidio Ospedaliero di Bobbio e si declinano in: primo intervento urgente valutazioni diagnostico specialistiche

Dettagli

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO 1 OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO QUESITO (posto in data 21 gennaio 2010) Presso il nostro presidio ospedaliero è in funzione una guardia h 24 di rianimazione

Dettagli

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006)

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006) AREA MEDICA E DELLE SPECIALITA' MEDICHE ALLERGOLOGIA ED IMMUNOLOGIA CLINICA ANGIOLOGIA CARDIOLOGIA DERMATOLOGIA E VENEROLOGIA EMATOLOGIA ENDOCRINOLOGIA SCUOLE EQUIPOLLENTI ALLERGOLOGIA REUMATOLOGIA ANGIOLOGIA

Dettagli

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Dipartimento di Emergenza e Accettazione S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Ospedale San Paolo di Savona Guida ai Servizi Tel. 019 8404963/964

Dettagli

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006)

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006) AREA MEDICA E DELLE SPECIALITA' MEDICHE ALLERGOLOGIA ED IMMUNOLOGIA CLINICA ANGIOLOGIA CARDIOLOGIA DERMATOLOGIA E VENEROLOGIA EMATOLOGIA ENDOCRINOLOGIA SCUOLE EQUIPOLLENTI ALLERGOLOGIA REUMATOLOGIA ANGIOLOGIA

Dettagli

Note metodologiche. Avvertenze

Note metodologiche. Avvertenze Note metodologiche Le informazioni sulla struttura e l attività degli istituti di cura sono elaborate dall Istat a partire dai dati rilevati dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali.

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

118 Milano - Ospedali di competenza

118 Milano - Ospedali di competenza #CARDIOCHIRURGIA 118 Milano - Ospedali di competenza CARDIOLOGICO MILANO VIA PAREA CARLO #CENTRO USTIONI ADUL ORTOPEDICO GALEAZZI MILANO VIA GALEAZZI RICCARDO #CENTRO USTIONI BAMB #CHIRURGIA TORACICA #CHIRURGIA

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE BT (Andria Barletta Bisceglie Canosa Margherita di S. - Minervino S. Ferdinando di P. - Spinazzola Trani - Trinitapoli) 76123 A N D

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre,

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

Università Politecnica delle Marche CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Polo didattico di Pesaro. a.a. 2014-2015

Università Politecnica delle Marche CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Polo didattico di Pesaro. a.a. 2014-2015 Università Politecnica delle Marche CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Polo didattico di Pesaro a.a. 2014-2015 Coordinatore Tirocinio. Dott.ssa Milena Nicolino Tel. 0721.366327 0721365311 e-mail: milena.nicolino@ospedalimarchenord.it

Dettagli

La cosulenza infermieristica del paziente diabetico in ospedale

La cosulenza infermieristica del paziente diabetico in ospedale La cosulenza infermieristica del paziente diabetico in ospedale MARCO GANASSI AZIENDA OSP.REGGIO EMILIA ANIMO - BOLOGNA 17MAGGIO 2010 1 CONTESTO ASSISTENZIALE Si possono individuare 3 attori: UTENTE PROFESSIONISTA

Dettagli

Allegato 2 Strutture e standard organizzativi della rete dei servizi di assistenza ospedaliera

Allegato 2 Strutture e standard organizzativi della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Allegato 2 Strutture e standard organizzativi della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Di seguito sono elencate le schede dei seguenti presidi ospedalieri Istituto di Ricerca e Cura a Carattere

Dettagli

Rilevazione posti vacanti ed eccedenze ASP Agrigento. Disciplina di inquadramento / Profilo gestionale 1/16. Posti previsti in Dotazione Organica

Rilevazione posti vacanti ed eccedenze ASP Agrigento. Disciplina di inquadramento / Profilo gestionale 1/16. Posti previsti in Dotazione Organica Rilevazione posti vacanti ed eccedenze ASP Agrigento 201 3.667 771 - Medico 940 313 I003 Cardiologia 65 33 I005 Ematologia 4 3 I012 Malattie infettive 6 6 I013 Medicina e Chirurgia di accettazione e di

Dettagli

Mediterraneo in Sanità

Mediterraneo in Sanità Forum 2012 Mediterraneo in Sanità SOSTENIBILITÀ E DIRITTO ALLA SALUTE SICUREZZA EQUITÀ APPROPRIATEZZA 6 7 8 giugno Palermo - Teatro Politeama Piazza Ruggero Settimo, 15 LA PIAZZA DELLA SALUTE Modalità

Dettagli

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento

Dettagli

E.O. Ospedali Galliera - Genova

E.O. Ospedali Galliera - Genova Analisi organizzativa delle funzioni sanitarie per la definizione dei costi standard Controlli di gestione a raffronto Marco Esposto Controllo di Gestione Genova, 6 novembre 2008 E.O. Ospedali Galliera

Dettagli

PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti

PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti Milano 2013 1 PIANO SANITARIO Integrativo Dirigenti Riservato agli iscritti al FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA F.A.S.I. Le prestazioni previste nel presente Piano

Dettagli

Posti letto per tipo di disciplina negli ospedali a gestione diretta della provincia di Vicenza. Anni 2011 2013.

Posti letto per tipo di disciplina negli ospedali a gestione diretta della provincia di Vicenza. Anni 2011 2013. Posti letto per tipo di disciplina negli ospedali a gestione diretta della provincia di Vicenza. Anni 2011 2013. Anno 2011 2012 2013 104 ULSS 4 Alto Vicentino 105 ULSS 5 Arzignano 106 ULSS 6 Vicenza Acuti

Dettagli

URP UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SEDE COLLEGNO: 011-4017271 URP UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SEDE PINEROLO: 0121-233318

URP UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SEDE COLLEGNO: 011-4017271 URP UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SEDE PINEROLO: 0121-233318 A.S.L. TO3 Azienda Sanitaria Locale di Collegno e Pinerolo Sede legale provvisoria Via Martiri XXX Aprile, 30 COLLEGNO Sede di Pinerolo Str. Fenestrelle, 72 PINEROLO CENTRALINO COLLEGNO: 011-95511 CENTRALINO

Dettagli

Operazione Trasparenza Valutazione e Merito: Rilevamento presenze/assenze - Mese di Gennaio 2010

Operazione Trasparenza Valutazione e Merito: Rilevamento presenze/assenze - Mese di Gennaio 2010 Operazione Trasparenza Valutazione e Merito: Rilevamento presenze/assenze - Mese di Gennaio 2010 escluse Area famiglia 513 452 88,11% 61 11,89% 33 6,43% Area Gestione Relazioni 228 212 92,98% 16 7,02%

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

exz ÉÇx TâàÉÇÉÅt YÜ âä ixçxé t Z âä t

exz ÉÇx TâàÉÇÉÅt YÜ âä ixçxé t Z âä t exz ÉÇx TâàÉÇÉÅt YÜ âä ixçxé t Z âä t AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO FRIULI SISTEMA DI GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI DELLA DIRIGENZA MEDICO-VETERINARIA Quadro organizzativo gestionale Tab. A 1/5

Dettagli

Ospedale Castellaneta (di base)

Ospedale Castellaneta (di base) Ospedale Castellaneta (di base) Disciplina P.L. HSP 1-1-10 Cardiologia 12 (10+2) Ematologia Malattie Endocrine Geriatria Malattie Infettive Medicina Interna 32 (29+3) Nefrologia Neurologia Gastroenterologia

Dettagli

LINEE DI INTESA DI CONCERTAZIONE

LINEE DI INTESA DI CONCERTAZIONE ARCISPEDALE S. ANNA - AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA AREA COMPARTO LINEE DI INTESA DI CONCERTAZIONE CRITERI DI ATTRIBUZIONE INDENNITÀ DI COORDINAMENTO PARTE VARIABILE PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ. DECRETO MINISTERIALE 30 gennaio 1998

MINISTERO DELLA SANITÀ. DECRETO MINISTERIALE 30 gennaio 1998 MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO MINISTERIALE 30 gennaio 1998 Tabelle relative alle discipline equipollenti previste dalla normativa regolamentare per l accesso al secondo livello dirigenziale per il personale

Dettagli

CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014

CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014 A.G.I. Medica srl Poliambulatorio A.G.I. Medica Viale Toselli 94 Siena CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014 Pagina 1 di 6 Chi siamo Il POLIAMBULATORIO A.G.I. Medica, gestito dalla società A.G.I. Medica srl,

Dettagli

Casa di Cura POLICLINICO S.MARCO S.p.A. Mestre, via Zanotto 40

Casa di Cura POLICLINICO S.MARCO S.p.A. Mestre, via Zanotto 40 Casa di Cura POLICLINICO S.MARCO S.p.A. Mestre, via Zanotto 40 Premesse. La diminuzione delle risorse destinate all assistenza ambulatoriale e le modalità di erogazione imposte dalla Programmazione Regionale

Dettagli

Università, Gelmini e Fazio presentano le novità del percorso di studi di Medicina

Università, Gelmini e Fazio presentano le novità del percorso di studi di Medicina Università, Gelmini e Fazio presentano le novità del percorso di studi di Medicina Sono state presentate oggi dal ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Mariastella Gelmini e dal ministro

Dettagli

Regione del Veneto DGR n. 3223 del 08 novembre 2002 ALLEGATO '2' Rete ospedaliera della Regione Veneto

Regione del Veneto DGR n. 3223 del 08 novembre 2002 ALLEGATO '2' Rete ospedaliera della Regione Veneto Regione del Veneto DGR n. 3223 del 08 novembre 2002 ALLEGATO '2' Rete ospedaliera della Regione Veneto Dotazione di funzioni e posti letto strutture a gestione privata N.B. Nei totali non sono conteggiate

Dettagli

La rete della Buona Sanità e la mission

La rete della Buona Sanità e la mission La rete della Buona Sanità e la mission CALL CENTER / C.U.P. SSP 081 19707700 Sanità Senza Problemi è il network della sanità privata che coinvolge strutture polispecialistiche operanti, anche in convenzione

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini Un patrimonio da difendere e sviluppare L AOU San Luigi per la sua collocazione geografica svolge

Dettagli

ALLEGATO 1bis Centri Regionali specialistici idonei al rilascio dello specifico Piano Terapeutico AIFA per i farmaci a base di:

ALLEGATO 1bis Centri Regionali specialistici idonei al rilascio dello specifico Piano Terapeutico AIFA per i farmaci a base di: ALLEGATO 1bis Centri Regionali specialistici idonei al rilascio dello specifico Piano Terapeutico AIFA per i farmaci a base di: Ex Nota AIFA N. 9 bis Principio Attivo: CLOPIDOGREL Azienda USL 1 Massa Carrara

Dettagli

ALLEGATO 1bis Centri Regionali specialistici idonei al rilascio dello specifico Piano Terapeutico AIFA per i farmaci a base di:

ALLEGATO 1bis Centri Regionali specialistici idonei al rilascio dello specifico Piano Terapeutico AIFA per i farmaci a base di: ALLEGATO 1bis Centri Regionali specialistici idonei al rilascio dello specifico Piano Terapeutico AIFA per i farmaci a base di: Ex Nota AIFA N. 9 bis Principio Attivo: CLOPIDOGREL Azienda USL 1 Massa Carrara

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

Autovalutazione dei requisiti autorizzativi note per la compilazione

Autovalutazione dei requisiti autorizzativi note per la compilazione Autovalutazione dei requisiti autorizzativi note per la compilazione Ad integrazione del manuale d uso Sistema informativo per le autorizzazioni e gli accreditamenti delle strutture sanitarie predisposto

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DIPARTIMENTI OSPEDALIERI

ORGANIZZAZIONE DIPARTIMENTI OSPEDALIERI Allegato alla deliberazione n. 908 del 30 ottobre 2008 ORGANIZZAZIONE DIPARTIMENTI OSPEDALIERI Direzione Medica di Ospedale Servizio di Farmacia Ospedaliera Strutture semplici Direzione Medica del Presidio

Dettagli

A.O. Ordine Mauriziano di Torino BOZZA ORGANIGRAMMA

A.O. Ordine Mauriziano di Torino BOZZA ORGANIGRAMMA A.O. Ordine Mauriziano di Torino BOZZA ORGANIGRAMMA Bozza di discussione Settembre 2015 1 Direzione Generale Collegio Sindacale DIREZIONE GENERALE Collegio di Direzione Organismo Indipendente di Valutazione

Dettagli