SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA"

Transcript

1 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Modena 2) Codice di accreditamento: NZ ) Classe di iscrizione all albo: 3^ CARATTERISTICHE PROGETTO 4) Titolo del progetto: LIBRI WEB INCONTRI E ALTRO ANCORA - Esperienze in biblioteca insieme ai giovani tra percorsi tradizionali e nuove opportunità di conoscenza. 5) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore D (Patrimonio artistico e culturale) - Area 1 (Cura e conservazione biblioteche) 6) Descrizione del contesto territoriale e/o settoriale entro il quale si realizza il progetto con riferimento a situazioni definite, rappresentate mediante indicatori misurabili: Il Servizio Biblioteche del Comune di Modena gestisce un insieme di biblioteche, dalla centrale intitolata ad Antonio Delfini, alle biblioteche decentrate nei quartieri periferici della città (Rotonda, Crocetta, Villaggio Giardino), alle biblioteche specializzate Poletti (storia dell arte), Sigonio (scienze dell educazione) e Muratori (cultura umanistica), ai sei punti di lettura nelle frazioni (Modena Est, San Damaso, Madonnina, Cognento, Villanova, Baggiovara), alle biblioteche speciali del reparto di pediatria del Policlinico e del carcere Sant Anna. Collabora inoltre alla gestione dei Net garage (punti Internet per adolescenti) e delle biblioteche scolastiche di base e superiori. Nel 2004 è in corso un intervento di ristrutturazione e allestimento presso ben tre biblioteche: Delfini, Rotonda e Villaggio Giardino. Le biblioteche comunali nel loro insieme contano iscritti al prestito, che nel corso del 2003 hanno preso a prestito volumi. Organizzano inoltre iniziative di promozione della lettura, molto seguite e apprezzate in città. Degli iscritti, una quota consistente è data da ragazzi e giovani: il 35-40% dei residenti di queste fasce d età è iscritto ad almeno una biblioteca. Per i servizi e le iniziative rivolte ai giovani, le biblioteche collaborano con gli altri ambiti del Comune che realizzano specifiche attività rispetto alle proprie funzioni e finalità (Informagiovani, InfopointEuropa, Centro studi condizione giovanile, Servizio sociale minori, Centro Musica) e con le Circoscrizioni. Oltre ai 42 dipendenti comunali, nelle biblioteche presta servizio una pluralità di operatori, con diversi tipi di rapporto e contratto: incaricati con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa; collaboratori occasionali per progetti specifici; dipendenti da ditte esterne assegnatarie di appalti per la gestione di specifici servizi; anziani in attività occupazionale; volontari riuniti nell associazione Il Segnalibro (amici delle biblioteche); stagisti e tirocinanti provenienti da corsi universitari e di formazione professionale.

2 L ambiente è quindi particolarmente favorevole ad accogliere ragazzi in servizio civile volontario, e l esperienza in corso (da aprile) ne è una conferma: dalle prime verifiche risulta che le volontarie si sono inserite adeguatamente nel posto di lavoro e nelle mansioni loro assegnate, collaborando fattivamente con il loro operatore di riferimento e con i colleghi in genere. La loro opera è fondamentale per l innesto sull attività ordinaria dei progetti speciali previsti. 7) Obiettivi del progetto: Favorire la lettura dei bambini fin dalla prima età (aumento del 5% dei prestiti dei libri per gli anni 0-5); Favorire la frequentazione della biblioteca da parte dei giovani (aumento del 5% dei frequentatori di anni 14-25); Far crescere la conoscenza delle forme più nuove di scrittura e di arte digitale (organizzazione di specifiche iniziative pubbliche); Predisporre nuovi servizi per gli utenti remoti (filo diretto con la biblioteca) e migliorare i servizi esistenti (bibliografie in linea); Far crescere la documentazione sulle raccolte disponibile in linea (archivi d artista, raccolte fotografiche). Favorire la conoscenza tra i giovani delle opportunità che la città offre loro. 8) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo le modalità di impiego delle risorse umane con particolare riferimento al ruolo dei volontari in servizio civile: Per raggiungere gli obiettivi del progetto, le biblioteche intendono operare in tre principali direzioni. A. Servizi per gli utenti adolescenti e giovani Le letture di questa fascia d età risultano in calo sia a livello locale, sia dalle rilevazioni statistiche nazionali. E opportuno e urgente incoraggiare nei modi più appropriati l uso della biblioteca da parte di questo target. I volontari cureranno in particolare: - Allestimento e monitoraggio della nuova area giovani (Zona Holden) alla Biblioteca Delfini; - Aggiornamento della Zona Holden digitale nel sito delle biblioteche; - Organizzazione di incontri con giovani scrittori, censimento delle nuove forme di scrittura (Scritture metropolitane); - Censimento delle nuove forme di arte digitale - Aggiornamento su alcuni strumenti di comunicazione (cartacei e web) delle iniziative delle biblioteche e di altri servizi del Comune rivolte ai giovani. Le competenze acquisite dai volontari riguarderanno l approccio con l utente del servizio pubblico, l orientarsi tra le forme contemporanee della scrittura e dell arte digitale, l uso di Internet per predisporre strumenti di comunicazione e di ricerca. B. Servizi per i bambini e le famiglie L editoria attuale offre una ricca serie di pubblicazioni adatte a incoraggiare la lettura fin dal primo anno di vita; le biblioteche quindi si modificano per accogliere i più piccoli e i loro accompagnatori. I volontari si occuperanno di: - Allestimento e cura dell area destinata a genitori e famiglie alla Biblioteca Delfini; - Monitoraggio delle aree per i più piccoli allestite nel 2004 alle Biblioteche Rotonda e Villaggio Giardino; - Letture ad alta voce per i piccoli nelle biblioteche, presso il reparto pediatrico dell Ospedale e negli ambulatori dei pediatri di base. Le competenze acquisite dai volontari riguardano l approccio con l utente del servizio pubblico, l orientarsi nella letteratura per l infanzia, la lettura ad alta voce ai ragazzi. C. Predisposizione di strumenti e servizi in linea per l utente Informatica e telematica sono sempre più integrate nella vita delle biblioteche, e consentono di organizzare nuovi servizi (anche per utenti remoti) e di costruire strumenti per utenti in condizione di svantaggio. I volontari collaboreranno a: - Sperimentazione di nuovi servizi a distanza personalizzati; - Cura e aggiornamento di bibliografie in linea; - Cura di newsletter e bollettini informativi; - Riproduzione del patrimonio fotografico per permettere una prima consultazione a distanza;

3 - Censimento in linea degli archivi d artista posseduti - Aggiornamento di banche dati e pagine web su siti internet esistenti. Le competenze acquisite riguarderanno l approccio con l utente a distanza, tecniche di base di citazione bibliografica, capacità di abbozzare testi sintetici di natura informativa e funzionale. 9) Numero dei volontari da impiegare nel progetto: 9 10) Numero posti con vitto e alloggio: 11) Numero posti senza vitto e alloggio 12) Numero posti con solo vitto: Numero ore di servizio settimanali dei volontari: ore su 5 giorni settimanali compreso il sabato, con distribuzione dell orario tra mattina ( ) e pomeriggio (15-19). L orario di dettaglio sarà definito in base al programma di lavoro individuale; è prevalente l impegno pomeridiano 5 14) Giorni di servizio a settimana dei volontari (minimo 5, massimo 6) : 5, con due giorni di riposo: la domenica (salvo eccezioni) e un giorno feriale di solito non coincidente con il sabato 15) Eventuali particolari obblighi dei volontari durante il periodo di servizio: Si richiede flessibilità oraria per iniziative serali o festive, e la partecipazione attiva ai momenti di formazione

4 CARATTERISTICHE ORGANIZZATIVE 16) Sede/i di attuazione del progetto ed Operatori Locali di Progetto: N. Ente presso il quale si realizza il progetto ed a cui indirizzare le domande Comune Indirizzo Cod. ident. sede N. vol. per sede Telefono sede Fax sede Personale di riferimento (cognome e nome) Nominativi degli Operatori Locali di Progetto Cognome e nome Data di nascita 1 Comune di Modena - Servizio Biblioteche Modena Corso Canalgrande, Maria Grazia Barbieri Carla Barbieri, Walter Martinelli, Mirella Tassoni Sergio Ansaloni

5 17) Specificare se il progetto prevede o meno l impiego di tutor: SI 18) Strumenti e modalità di pubblicizzazione del progetto: Del bando sarà data notizia sul sito del Comune di Modena (www.comune.modena.it), e dettagliata informazione sul sito delle biblioteche (www.comune.modena.it/biblioteche), che è tra l altro raggiungibile tramite link da vari siti di interesse giovanile e su affermato sito internet tra i giovani non solo modenesi Sarà inoltre prodotto un pieghevole, da distribuire nelle sedi delle biblioteche, degli istituti culturali della città, delle Facoltà universitarie. 19) Eventuali autonomi criteri e modalità di selezione dei volontari: ) Ricorso a sistemi di selezione verificati in sede di accreditamento (eventuale indicazione dell Ente di 1^ classe dal quale è stato acquisito il servizio): NO 21) Piano di monitoraggio interno per la valutazione dei risultati del progetto: L attività dei volontari verrà inserita nello schema di programmazione operativa già predisposto dal Servizio Biblioteche per l insieme degli operatori. Lo schema comprende, in fase di previsione, una definizione delle ore individuali da destinare alle singole attività; la verifica semestrale e il consuntivo annuale danno il quadro dell impegno effettivamente prestato da ogni operatore sui singoli punti del programma. A questo schema generale di verifica quantitativa si aggiungerà un monitoraggio (incontri programmati con tempistiche da prevedere ad hoc) effettuato dall operatore di riferimento per il volontario, destinato principalmente a rilevare la qualità della prestazione e a modificare comportamenti non consoni. Sono previsti infine due momenti di verifica con la Direzione del Servizio, in fase intermedia e finale, per misurare sia il grado di realizzazione del progetto, sia il livello di apprendimento da parte del volontario. Inoltre il tutor affianca i volontari in un attività di riflessione, autovalutazione dell andamento del percorso, sostegno psicologico e mantenimento di canali di comunicazione tra il volontario e tutti gli altri attori del sistema. L attività del tutor è prevalentemente di monitoraggio e valutazione rispetto all andamento dei singoli volontari, e di raccordo con le altre figure del sistema (OLP, Responsabili di progetto, Referente del monitoraggio, segreteria amministrativa, Responsabile dell Ufficio di SCV). Il referente del sistema di monitoraggio segue l andamento dei progetti attraverso contatti strutturati con i volontari (step di valutazione), con i responsabili di progetto (colloqui mirati), con il tutor (équipe di monitoraggio) con la Responsabile dell Ufficio di SCV (équipe operativa) e con strumenti ad hoc (questionari, interviste, lavori di gruppo). La Responsabile Ufficio SCV oltre ai contatti operativi con tutor, Resp. dei progetti e referente sistema di monitoraggio, mantiene i contatti con le figure dirigenziali e politiche di tutti gli assessorati del comune ed in particolare con il settore comunicazione e marketing, ufficio personale. Inoltre ha contatti con enti di formazione, con il CESC, con il Terzo Settore, con la Provincia, svolgendo un azione di promozione, informazione, stimolo alla progettazione, valutazione e verifica dell andamento generale dei progetti. Parimenti gli strumenti per la verifica, il monitoraggio e la valutazione si differenziano in relazione all obiettivo da sondare. Cosicché mentre sono gli OLP e i Responsabili di progetto a verificare che le mansioni affidate al volontario vengano realizzate, valutandone anche la qualità, al tutor e al referente del sistema di monitoraggio spetta il compito di monitorare e valutare sia il punto di vista dei volontari, sia quello degli OLP e dei Responsabili di progetto, attraverso strumenti personalizzati (Diario di Bordo per i volontari), mirati (colloqui con i responsabili di progetto e gruppi di lavoro collettivi per i volontari) e standardizzati (questionari).

6 22) Ricorso a sistemi di monitoraggio verificati in sede di accreditamento (eventuale indicazione dell Ente di 1^ classe dal quale è stato acquisito il servizio): NO 23) Eventuali requisiti richiesti ai canditati per la partecipazione al progetto oltre quelli richiesti dalla legge 6 marzo 2001, n. 64: E richiesto il possesso di un diploma di scuola media superiore con indirizzo non professionale. In sede di colloquio di selezione dei volontari sarà valutata positivamente la conoscenza informatica di base (MS Office, Internet ed eventuali programmi di gestione immagini). Si richiedono attitudine e disponibilità a mettersi in continua relazione con gli utenti/lettori, e a lavorare in gruppo con i bibliotecari e gli altri volontari. Inoltre, un interesse ad apprendere gli elementi di base del lavoro di bibliotecario. 24) Eventuali risorse finanziarie aggiuntive destinate in modo specifico alla realizzazione del progetto: - Risorse professionali del Comune di Modena (Resp. di progetto e OLP) ,00 - spese di pubblicizzazione 2.000,00 - trasferte, uso di mezzi pubblici per spostarsi tra le biblioteche 3.000,00 - predisposizione di arredi per arredare un ufficio con tre postazioni da utilizzare a rotazione 3.400,00 - postazioni informatiche 2.700,00 - personale (quota parte destinata al progetto) ,00 - totale ,00 25) Eventuali copromotori e partners del progetto con la specifica del ruolo concreto rivestito dagli stessi all interno del progetto: Il CEDOC (Centro di documentazione provinciale), che opera come istituzione e ha tra le previsioni regolamentari l attività di aggiornamento e formazione alla professione di bibliotecario, condivide e sostiene il progetto; in concreto, come risulta dalla documentazione allegata, agevola la partecipazione dei volontari ai corsi di formazione; finanzia inoltre l acquisto di strumentazioni sia per il collegamento ai cataloghi di rete e a Internet, sia per la scansione e la ricerca sul patrimonio di fotografie. (Vedi documentazione allegata) L Associazione Saletta degli amici dell arte, che ha già sostenuto in passato progetti di ricerca della Biblioteca Poletti, supporta il progetto in particolare per la parte che concerne il censimento in linea degli archivi d artista (vedi documentazione allegata). 26) Risorse tecniche e strumentali necessarie per l attuazione del progetto: Sono già in possesso del Servizio Biblioteche le risorse di base per la realizzazione del progetto: a- le sedi, sia delle biblioteche sia degli uffici; è in corso e sarà terminata per il 2005 la predisposizione di un ufficio in cui i volontari potranno lavorare a rotazione; si prevedono tre postazioni complete di arredo e strumentazione informatica; b- il patrimonio librario e documentario, nonché informatico, necessario per la prestazione del servizio; c- il personale bibliotecario, esperto nella gestione del servizio e solido riferimento per i volontari; d- il forte radicamento e gradimento in città, frutto di anni di attività, che rende fiduciosi sul buon esito del progetto. Inoltre: personale (responsabile del Servizio civile ed esperti formazione, interni ed esterni all'ente), nonché il vitto ed eventuali automezzi per gli spostamenti

7 CARATTERISTICHE DELLE CONOSCENZE ACQUISITE 27) Eventuali crediti formativi riconosciuti: L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, e le facoltà dell Ateneo, riconoscono l esperienza del servizio civile svolto presso il Comune quale parte integrante del percorso formativo dello studente (accertata la congruità con il percorso curriculare previsto dai regolamenti didattici dei singoli corsi di studio), attribuendo allo svolgimento completo del Servizio fino a un massimo di 9 crediti, a cui potranno aggiungersi ulteriori crediti, e comunque per un massimo di 9, come attività autonomamente scelte dallo studente, su espressa e motivata delibera del competente organo didattico. (Deliberazione di Giunta Comunale n. 769 del ). 28) Eventuali tirocini riconosciuti: La facoltà di Lettere e Filosofia dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, riconosce ai periodi di servizio civile volontario, effettuati presso il Comune di Modena da propri studenti, il valore di tirocinio formativo. Tale riconoscimento è subordinato all approvazione del docente che fungerà da tutor scientifico dell esperienza, valutando la valenza formativa del progetto e la congruità con il percorso curriculare del corso di studi. Lo svolgimento del servizio civile volontario equiparato al tirocinio formativo permetterà l acquisizione dei crediti formativi previsti dal corso di studi (fino a dieci crediti). 29) Competenze e professionalità acquisibili dai volontari durante l espletamento del servizio, certificabili e validi ai fini del curriculum vitae: Competenze specifiche. - Sapranno orientarsi nell organizzazione dei fondi documentari, riconoscendone tipologie, criteri di classificazione e di collocazione spaziale in rapporto agli obiettivi di comunicazione con gli utenti reali e potenziali. - Saranno in grado di condurre una ricerca tra diverse fonti documentarie (su carta, multimediali, elettroniche) e di comunicarne efficacemente i risultati. - Sapranno riflettere sullo statuto della lettura come attività necessaria alla crescita culturale e civile degli individui e in particolare sulle specificità della lettura nelle diverse fasi della vita, a partire dalla primissima infanzia e nel delicato periodo di passaggio dall infanzia all età adulta. - Sapranno collaborare alla messa a punto e alla organizzazione di servizi e iniziative di promozione per facilitare il contatto tra giovani e biblioteca e per sostenere il ruolo di mediazione dei genitori nel rapporto tra i loro figli i libri e la lettura. - Sapranno rapportarsi con i lettori che si rivolgono ai diversi settori della biblioteca (area ragazzi ed adolescenti in particolare) per esprimere le loro necessità (di informazioni, di documenti) rinviandoli in modo pertinente alle risorse presenti anche in altri settori, ai cataloghi e ad altri strumenti. - Sapranno osservare i comportamenti degli utenti e tradurre tali osservazioni in dati informativi per il personale della biblioteca e utili al miglioramento della qualità dei servizi. - Sapranno applicare con gli strumenti adeguati le metodologie corrette per inventariare e archiviare i documenti su carta e digitali; sapranno digitalizzare in particolare i documenti iconografici e alimentare specifici archivi in rete. - Sapranno aggiornare bibliografie e newsletter e pubblicarle nel sito web della biblioteca. La Regione Emilia Romagna riconosce la certificazione di competenze, realizzata dal Comune per il periodo di servizio civile volontario, in occasione di concorsi pubblici. Formazione generale dei volontari 30) Sede di realizzazione: La formazione generale verrà prevalentemente svolta presso la sede di ModenaFormazione in via Scaglia Est - Modena.

8 Si prevedono momenti formativi anche presso la sede dell Assessorato alle Politiche Sociali e per l Integrazione (via Galaverna 8 Modena) e momenti di approfondimento presso il Centro Servizi per il Volontariato (via Cittadella 30 Modena). 31) Modalità di attuazione: La formazione è realizzata in proprio acquistando prevalentemente il servizio presso ModenaFormazione s.r.l. (Via Scaglia Est, Modena). 32) Ricorso a sistemi di formazione verificati in sede di accreditamento ed eventuale indicazione dell Ente di 1^ classe dal quale è stato acquisito il servizio: NO 33) Tecniche e metodologie di realizzazione previste: Pur compiendosi prevalentemente in aula si predilige una modalità interattiva basata sulla narrazione di casi, l analisi di esperienze, la visione di filmati, il lavoro di gruppo, l elaborazione partecipata di prodotti. Alle ore di aula si affiancano momenti di approfondimento presso realtà territoriali (Pronto soccorso, Centro Servizi per il Volontariato, ecc.). 34) Contenuti della formazione: a. le norme che regolano il servizio civile volontario, l Ente locale il Terzo settore ed elementi di diritto pubblico (diritti e doveri) 10 ore b. elementi di sviluppo sostenibile della Comunità locale 5 ore c. elementi di organizzazione del lavoro, tecniche attive di ricerca del lavoro, contesto economico professionale ( micro/macro) 15 ore d. cultura della sicurezza in ambito lavorativo 5 ore 35) Durata: 30 ore Formazione specifica (relativa al singolo progetto) dei volontari 36) Sede di realizzazione: - Servizio Biblioteche del Comune di Modena (Uffici di coordinamento del sistema comunale, Biblioteche Delfini, Poletti, Rotonda, Crocetta, Villaggio Giardino) - Centro di Documentazione della Provincia di Modena, v. J. Barozzi Settore Politiche Giovanili del Comune di Modena (sede del Centro studi e della redazione di stradanove.net) 37) Modalità di attuazione:

9 - in proprio, tramite incontri con i responsabili dei principali servizi e attività, per quanto attiene alla presentazione generale del Servizio bibliotecario comunale e degli specifici ambiti di attività nei quali i volontari saranno inseriti - in collaborazione con il Centro di Documentazione della Provincia di Modena per l approfondimento, tramite corsi intensivi, di temi rilevanti e attuali della politica e gestione delle biblioteche pubbliche - tramite l adesione a iniziative di formazione organizzate da enti pubblici e privati (tra gli altri eventuali: Associazione Italiana Biblioteche, Editrice Bibliografica di Milano, Soprintendenza ai beni librari della Regione Emilia Romagna) 38) Nominativo/i e dati anagrafici del/i formatore/i: Responsabile della formazione: Rita Borghi n. il Formatori interni: Carla Barbieri n. il ; Walter Martinelli n. il ; Mirella Tassoni n. il ; Maria Loretta Giovanelli n. il ; Cinzia Pollicelli n. il ; Manuela Venturelli n. il ; Maria Elisa Della Casa n. il ; Sergio Ansaloni n. il ; Ilaria De Santis n. il ; Stefano Aurighi n. il ) Competenze specifiche del/i formatore/i: Ricerca sociologica dei comportamenti giovanili a rischio e studio delle possibili azioni di prevenzione [cfr. CV S. Ansaloni e I. De Santis]; studio dei metodi e delle procedure di ricerca documentaria e utilizzo delle informazioni integrate ai programmi didattici della scuola superiore [cfr. CV R.Borghi]; progettazione e valutazione delle strategie di promozione della lettura rivolte a differenti segmenti di pubblico e in particolare al pubblico a bassa scolarità [cfr. CV C. Pollicelli e M. Venturelli]; sui processi editoriali, sulle strategie di comunicazione tradizionali e su web e sulla strutturazione e organizzazione di uffici stampa tradizionali e su web [cfr. CV S.Aurighi, W.]; per l analisi e l indicizzazione semantica dei documenti su diversi supporti, antichi e moderni, ai fini della costruzione di cataloghi accessibili in linea [cfr. CV M.L. Giovanelli, M.E. Della Casa]; informatiche per la progettazione e realizzazione di siti web [cfr. CV W. Martinelli]; biblioteconomiche per l organizzazione, la gestione e la conservazione di raccolte documentarie antiche e moderne e dei relativi servizi di accesso per il pubblico [cfr. CV C. Barbieri e M. Tassoni]. 40) Tecniche e metodologie di realizzazione previste: - Lezioni frontali per i contenuti normativi e teorici - esercitazioni pratiche sui cataloghi in linea e le basi di dati bibliografiche - partecipazione dei volontari in veste di osservatori e interlocutori alle riunioni tecniche dei gruppi di lavoro interni - partecipazione dei volontari in veste di uditori a convegni e conferenze organizzate da altre biblioteche ed enti regionali e nazionali - visite guidate ad esposizioni librarie, a biblioteche e a servizi culturali innovativi e significativi 41) Contenuti della formazione: - Il ruolo, le funzioni e l organizzazione delle biblioteche nel territorio provinciale modenese; il sistema bibliotecario comunale e le sue articolazioni di servizio: biblioteche di pubblica lettura, specializzate, scolastiche, speciali - Le principali fonti di informazione bibliografica: il catalogo collettivo provinciale e nazionale, le bibliografie a stampa e in rete, i cataloghi editoriali e commerciali in rete. Caratteristiche strutturali e strategie di ricerca - I segmenti di pubblico reale e potenziale delle biblioteche e i principali progetti di promozione che li riguardano: i bambini più piccoli (6 mesi-5 anni progetto Nati per leggere), i bambini della

10 scuola di base (6-13 anni laboratori di lettura e visite guidate per le classi), adolescenti (14-18 anni spazio e zona Holden), giovani (18-25 anni progetto di Censimento e valorizzazione della scrittura e dell arte digitale), genitori (progetto Lettura ad alta voce e area genitori della Delfini) - La rete e gli spazi virtuali come strumenti di valorizzazione e integrazione delle risorse documentarie esistenti presso le biblioteche e come canale di comunicazione con gli utenti. La digitalizzazione del posseduto e l accesso alle risorse remote. Nuove modalità di fornitura dei servizi bibliotecari - La comunicazione rivolta ai giovani sulle riviste e sui siti internet. - - I servizi e le opportunità per i giovani della città. 42) Durata: Complessivamente 55 ore, delle quali: - 15 in fase di accoglienza (primi tre giorni) - 15 nelle successive quattro settimane di inserimento - le restanti 25 in itinere fino alla fine del servizio Altri elementi della formazione 43) Risorse finanziarie investite destinate in modo specifico alla formazione sia generale, che specifica: FORMAZIONE GENERALE - Modena Formazione (gestione modulo formazione generale) 6.550,00 FORMAZIONE SPECIFICA - Formatori ,00 - Presenza del Tutor in aula 650,00 - trasferte. 500,00 - corsi presso CEDOC ,00 - materiali 400,00 totale ,00 44) Modalità di monitoraggio del piano di formazione (generale e specifica) predisposto: FORMAZIONE GENERALE Il monitoraggio avviene della formazione avviene su più livelli: attraverso un questionario ex ante ed un questionario ex post per rilevare il grado di soddisfazione dei volontari; attraverso il colloquio individuale e privato gestito dal tutor; attraverso i momenti di valutazione partecipata gestiti dalla referente del settore monitoraggio e valutazione. FORMAZIONE SPECIFICA Il monitoraggio della formazione specifica si articola in diversi momenti: colloqui individuali con il volontario da parte dell OLP e/o del Responsabile di progetto; il colloquio individuale ed in itinere con il tutor; valutazione di gruppo gestita dalla referente del settore monitoraggio e valutazione; somministrazione di un questionario finale da parte del referente del servizio; Modena, lì

11 Il Progettista Il Responsabile legale dell ente/ Il Responsabile del Servizio civile nazionale

12

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare in Italia e all

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: O.N.M.I.C. - Opera Nazionale Mutilati Invalidi Civili- Codice di accreditamento: NZ01189 Albo e

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

UN MOUSE A PORTATA DI MANO

UN MOUSE A PORTATA DI MANO 1 ENTE SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: ISTITUTO TUTELA E ASSISTENZA LAVORATORI 2) Codice di accreditamento: NZ01557 3) Albo e classe

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS Le attività formative svolte sono riconoscibili e pertanto possono essere oggetto di domanda di rimborso a condizione che: -

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI CARATTERISTICHE PROGETTO ENTE Ente proponente il progetto: ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE Codice di accreditamento: NZ 01704 Albo e classe di iscrizione: Albo nazionale 1 CARATTERISTICHE

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Associazione Culturale e di Volontariato Gli Elefanti 2) Codice di accreditamento: NZ06172 3)

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli