I finanziamenti in Agricoltura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I finanziamenti in Agricoltura"

Transcript

1 Comune di Copparo I finanziamenti in Agricoltura anno 2014/2015 linee guida

2 Premessa Nell ambito della realtà economica copparese il settore dell agricoltura rappresenta senza dubbio uno dei comparti più importanti. In base ai dati dell ultimo censimento Istat Agricoltura (2010) 1 nel Comune di Copparo sono attive circa 600 aziende agricole che rappresentano circa il 50% del totale delle imprese iscritte alla Camera di Commercio con sede nel territorio del copparese. La super cie agricola totale del territorio risulta ben utilizzata con circa ettari coltivati pari circa al 90% della super ce totale presente, con una prevalenza netta del settore seminativo sugli altri, settore questo che impegna il maggior numero di aziende e soprattutto la maggiore super cie aziendale. Della super ce coltivata la maggioranza deriva da terreni di proprietà, a principale conduzione diretta, a manodopera familiare e con forma giuridica di impresa individuale. Fra le coltivazioni principalmente realizzate vi sono la produzione di sementi (frumento, mais e soia), piante industriali, barbabietola da zucchero e foraggere. Nel comparto delle produzioni frutticole spicca una preponderanza della coltivazione del pero per il quale il Comune di Copparo è al secondo posto nella provincia di Ferrara, dopo il comune capoluogo, con ben 937 ettari adibiti a tale coltivazione, caratteristica di non poca rilevanza se si pensa che le pere dell Emilia- Romagna hanno ottenuto l ambito riconoscimento di IGP. 1 Fonte dati Istat 6^ Censimento Generale Agricoltura Elaborazioni svolte con Data Warehouse. 2 comune di copparo settore attività produttive

3 I Bandi Agricoltura del Comune di Copparo dal 2003 a oggi Nella direzione di rafforzare i punti di eccellenza del territorio copparese e di migliorare i punti di debolezza, si inserisce il costante rapporto che da anni l Amministrazione Copparese intrattiene con le principali rappresentanze del mondo agricolo. Gli incentivi economici nel campo dell agricoltura sono stati sviluppati nel corso degli anni tramite la realizzazione di Bandi per l Agricoltura che, dal 2003 a oggi, contano l erogazione di risorse comunali per circa ,00 Euro. Grazie alla costruzione di rapporti fra i diversi soggetti economici che ruotano attorno al mondo rurale, sindacati di categoria, imprenditori e cooperative, col tempo si è realizzato uno strumento efficace di intervento che, proprio grazie al suo carattere fortemente concertativo, ha assunto negli anni carattere di stabilità nonostante la difficoltà crescente a reperire risorse nanziarie dell ente. Dopo una breve pausa per le annualità 2012 e 2013, per l anno in corso è ripreso il rapporto di concertazione fra l Amministrazione Comunale e le Associazioni di Categoria territoriali Confagricoltura, Coldiretti e Confederazione Italiana Agricoltori per cercare di proporre nuovi azioni a sostegno della realtà agricola copparese. L obiettivo congiunto è quello di riunire le diverse direttrici nell emanazione di uno strumento destinato al mondo rurale i cui destinatari diretti saranno quindi non solo le aziende agricole del copparese ma anche le diverse realtà che ruotano attorno ad esse. Il Programma 2014 fra tradizione e innovazione La crisi del mondo economico produttivo registrata dal 2008 a oggi ha avuto ri essi anche all interno del settore primario il cui sistema era già fortemente impegnato nel processo di riposizionamento sia sui mercati interni che su quelli internazionali. L intervento locale di quest anno parte dalla consapevolezza che all origine del trend negativo registrato dalle imprese agricole nazionali e locali vi è senza dubbio la forte variabilità dei prezzi dei prodotti agricoli a cui si accompagna l aumento del rischio di impresa nel quale diventa preponderante la necessità di disporre di un capitale liquido in volumi sempre maggiori. via roma 28, copparo (fe) tel

4 Le problematiche riscontrate dalle imprese agricole nell accesso al credito soprattutto dovute alla difficoltà di far fronte alle garanzie richieste dagli istituti bancari e ai tempi di erogazione, hanno reso necessario un ripensamento dell intervento locale e la messa a punto di strumenti che possano allinearsi alle nuove esigenze del settore. Sulla scia dell intervento nazionale operato di recente con le modi- che al Capo III del Titolo I del D. Lgs. n. 185/2000 che prevede la concessione di mutui agevolati per gli investimenti in agricoltura per i giovani imprenditori e di quello regionale di incremento del plafond 2014 per 1 milione e 625 mila euro destinato alle cooperative di garanzia di imprenditori agricoli, il Comune di Copparo ha messo in rete, partendo da rapporti già ampiamente consolidati con successo in passato, amministrazione locale, rappresentanze di categoria e modo creditizio attraverso il Consorzio di Garanzia Agri di, recentemente oggetto di fusione tra Agri di Modena, Reggio Emilia e Ferrara. Gli elementi di novità rispetto alle passate edizioni del bando soprattutto nei rapporti con il consorzio di derivano dall applicazione di uno strumento nanziario nuovo per la provincia di Ferrara, ma già operativo a Reggio e Modena, di prestito per liquidità a elevata essibilità perché consente una dotazione limitata al fabbisogno aziendale di un solo anno, ma con rientro spalmato su cinque anni risolvendo il problema legato al rinnovo di anno in anno delle conduzioni 12 mesi oltre che permettere di risolvere criticità nanziarie aziendali accumulate. Ulteriore elemento di novità nalizzato alla riduzione dei tempi legati agli adempimenti burocratici fra enti che possono essere una delle cause dei ritardi nell erogazione delle somme necessarie all imprenditori, è la durata triennale dell accordo fra Comune di Copparo e consorzio Agri di che, in via sperimentale, prevede un plafond incrementabile a seconda dell utilizzo e del successo o meno di questo nuovo strumento. Accanto al plafond destinato all intervento sul credito, è stato confermato il contributo alle Cooperative Agricole del Territorio che supportano le azioni tecniche nel campo delle certi cazioni QC con una molteplicità di servizi a disposizione dell imprenditore agricolo. All interno di questa azione sono stati nanziati non solo i contributi per analisi terreni e taratura barre ma anche un intervento a supporto delle analisi metereologiche attraverso l installazione di una nuova capannina per la rilevazione dei fenomeni atmosferici che sempre più spesso sono causa di eventi calamitosi. 4 comune di copparo settore attività produttive

5 I fondi messi a disposizione per l annualità 2014 ammontano complessivamente a ,00 così ripartiti: 1. contributo diretto destinato alle Cooperative Agricole del territorio a copertura parziale delle spese relative alle operazioni di analisi dei terreni e taratura attrezzature per trattamenti di difesa di diserbo delle aziende agricole. L analisi nanziata è quella minima per ottenere la certi cazione Q.C. Risorse previste Euro ,00 2. costituzione di un fondo da destinare all abbattimento dei tassi di interesse su nanziamenti accesi con istituti di credito e garantiti per il tramite di Agri di. Risorse previste Euro ,00 via roma 28, copparo (fe) tel

6 AZIONE 1 - Agricoltura conservativa e sostenibile CARATTERISTICHE L idea del ruolo dell ente locale come riproduttore e sostenitore di buone prassi è senza dubbio uno degli orientamenti più sostenuti sia nel settore agricolo che in altri. L impegno verso l agricoltura sostenibile seppure non indolore e più oneroso, parte dalla conferma di risorse che di anno in anno sono destinate a un accordo fra Comune e Cooperative agricole nel quale le aziende che operano direttamente sul territorio si assumono l impegno di farlo nella maniera meno invasiva tramite scelte agronomiche di obiettivo positivo soprattutto per la qualità delle produzioni, per l ambiente e per la sicurezza dei consumatori. L azione prevede il nanziamento degli interventi relativi alle operazioni di analisi dei terreni e taratura attrezzature per trattamenti di difesa e di diserbo. AZIONI PREVISTE Le imprese interessate a ottenere la certi cazione Q.C. ovvero che conferiscono a Centri Certi cati possono presentare richiesta per ottenere il rimborso del 80% delle spese sostenute per effettuare l analisi dei terreni e/o la taratura attrezzature per trattamenti di difesa e di diserbo. Il contributo viene concesso in regime de minimis di cui al Reg. CE n. 1535/2007. ISTRUTTORIA A tal ne gli imprenditori autorizzati potranno presentare richiesta a una delle Cooperative di servizio che hanno sottoscritto l apposita convenzione (vedi a ne documento). RISORSE DISPONIBILI Le risorse disponibili ammontano a ,00. 6 comune di copparo settore attività produttive

7 MODALITÀ DI EROGAZIONE Il Comune provvederà in un unica soluzione al rimborso suddetto alle Cooperative previo invio di elenco delle imprese e dell attestazione che le stesse hanno ottenuto le certi cazione delle loro produzioni. Qualora l impresa abbia appezzamenti di grandi dimensioni o situati in zone diverse del Comune può richiedere più analisi. L analisi nanziata è quella minima per ottenere la certi cazione Q.C. via roma 28, copparo (fe) tel

8 AZIONE 2 - Interventi sul credito OBIETTIVI Il calo di redditività del settore agricolo è una delle problematiche più attuali del ragionamento intercorso fra l Amministrazione comunale e il mondo delle rappresentanze agricole e il tema su cui si è partiti per la costruzione di strumenti a sostengo di tale mondo. La difficoltà al rientro dei capitali dei prodotti venduti fa si che molto spesso le imprese siano costrette ad anticipare gli interi costi sostenuti per la gestione dell attività in attesa di ricavi che si generano solo al termine del completamento del ciclo di immissione del prodotto sul mercato. La creazione di tale gap temporale genera molto spesso l impegno di somme ingenti a fronte di una carenza di liquidità per la conduzione ordinaria dell azienda che, non disponendo di capitali propri, è costretta a rivolgersi agli istituti di credito. L azione dell amministrazione copparese, con il nuovo programma di strumenti rivolti al credito, mira a inserirsi in tale processo calmierando il costo del denaro e quindi gli oneri direttamente connessi all accensione di prestiti da parte delle imprese agricole del territorio. Questa azione si accompagna a quella già ampiamente diffusa e sostenuta anche dalla Regione Emilia-Romagna con il recente stanziamento di risorse a contrasto della stretta creditizia, del mondo dei Consorzi Fidi svolto dal Consorzio Garanzia Fidi Agri di Modena, Reggio Emilia, Ferrara. I rapporti fra Comune di Copparo e Agri di pur consolidati con successo negli anni passati, acquisiscono con il nuovo programma di interventi un carattere di sperimentazione, ad esempio tramite l applicazione del nuovo strumento del prestito di conduzione a medio termine e di straordinarietà all interno della Provincia di Ferrara. CARATTERISTICHE La gestione del fondo del Comune di Copparo sarà affidata ad Agri di Modena Reggio Emilia Ferrara, per il tramite della sede territoriale di Agri di Ferrara attraverso apposita convenzione approvata dalla Giunta Comunale con Deliberazione n. 92 del 26 Novembre I caratteri che assumerà il rapporto fra Comune e Agri di si possono così sintetizzare: 8 comune di copparo settore attività produttive

9 Innovazione Il contributo comunale va a inserirsi all interno delle linee di azione già sostenute a livello regionale a copertura delle necessità nanziarie legate alla conduzione dell azienda agricola. In particolare il Comune metterà a disposizione delle aziende agricole copparesi che sceglieranno questo strumento, un contributo in conto interessi su presiti di conduzioni legati alle necessità nanziare di un anno, ma con possibilità di rientro in cinque anni. Tutto questo al ne di contrastare le sofferenze nanziarie legate al rientro annuale della somma prestata, oltre gli interessi, tipica del prestito di conduzione a breve. Accanto a questo strumento rimarranno comunque i tradizionali contributi per investimenti aziendali. Proprio per il carattere di innovazione legato a questi strumenti anche la misura del concorso in abbattimento tassi di interesse è stato studiato in forma modulata andando ad incidere maggiormente su quegli strumenti che sono per loro natura più onerosa in fase di accensione di prestito. Flessibilità A differenza degli scorsi anni dove il consorzio di anticipava con fondi propri il contributo in conto interessi all azienda e in una fase successiva rendicontava al Comune le somme erogate il quale provvedeva al rimborso a consuntivo, per il 2015 poiché i fondi comunali sono le uniche risorse che si vanno ad aggiungere alle garanzie già prestate dal consorzio di, la Giunta Comunale ha approvato la messa in disponibilità immediata dell intera somma al Consorzio che potrà così gestire n da subito con più immediatezza e essibilità il contributo a favore delle imprese agricole; Sempre in un ottica di aiutare le imprese sotto il pro lo della riduzione della tempistica di erogazione del contributo, la durata della convenzione con Agri di è stata modulata su base triennale con un plafond di risorse immediato eventualmente rivedibile e incrementabile nel caso in cui se ne ravvisi la necessità con previsione di apposito stanziamento di risorse comunali. via roma 28, copparo (fe) tel

10 Sempli cazione Recependo le richieste delle associazioni di categoria di riduzione degli oneri legati agli adempimenti burocratici, l intera pratica di richiesta di contributo comunale è direttamente demandata dal Comune al Consorzio di per il tramite delle associazioni di categoria. Sarà compito di Agri di vagliare le richieste di nanziamento e di rendicontare al Comune sulle somme erogate; A differenza degli anni passati l erogazione del contributo non avviene previa emissione di un bando comunale che preveda criteri di priorità nell assegnazione delle risorse; ciò al ne di tenere come criterio prioritario nella de nizione dei parametri per la concessione dei prestiti, le difficoltà nanziarie delle imprese del territorio. Inoltre la previsione di un bando pubblico avrebbe comportato non solo un appesantimento burocratico (ad esempio in termini di apertura/chiusura termini, selezione, redazione graduatoria, scorrimento ecc.) ma anche l allungamento dei tempi di erogazione che soprattutto nel caso di contributi per conduzione richiedono una liquidità temporalmente de nita e urgente. AZIENDE BENEFICIARIE Possono avere accesso al contributo le imprese attive nella produzione primaria dei prodotti agricoli regolarmente iscritte alla C.C.I.A.A. - sezione speciale imprese agricole condotte da imprenditori agricoli, come de nito dall art del c.c. che rispettano i requisiti e soddisfano le condizioni di ammissibilità meglio speci cati dai regolamenti adottati da Agri di in attuazione dei suoi scopi sociali. AZIONI PREVISTE L intervento del Comune di Copparo è realizzato per il tramite del Consorzio Garanzia Fidi Agri di e prevede la realizzazione di un plafond di risorse da utilizzarsi in abbattimento del tasso di interesse su prestiti contratti dalle aziende agricole che hanno sede nel territorio del Comune di Copparo per gli interventi di seguito descritti. 10 comune di copparo settore attività produttive

11 Investimenti aziendali a medio lungo termine BENEFICIARI: imprese agricole di produzione aventi sede o ubicazione terreni nel Comune di Copparo. FINALITÀ: investimenti di dotazione e miglioramento agrario. IMPORTO FINANZIAMENTO: massimo ,00 per tutti gli investimenti. DURATA: massimo 25 anni. IMPORTO AIUTO: in abbattimento tasso di interesse nella misura del 2% sui primi 60 mesi di durata del nanziamento. INTERVENTI AMMISSIBILI ALL AIUTO costruzione e ristrutturazione di strutture al servizio delle aziende agricole (con esclusione delle abitazioni); acquisto macchinari, impianti o attrezzature; riconversioni e reimpianti colturali e varietali; investimenti per la protezione e miglioramento dell ambiente; investimenti per il miglioramento delle condizioni di igiene degli allevamenti e di benessere degli animali; investimenti per l attività agrituristica complementare all attività agricola; investimenti in strutture e attrezzature per la lavorazione e/o la trasformazione delle produzioni aziendali ai ni della preparazione delle stesse alla prima vendita; investimenti nalizzati all introduzione di sistemi volontari di certi cazione della qualità; opere di drenaggio, scolo, sistemazione super ciale, irrigazione dei terreni. via roma 28, copparo (fe) tel

12 Anticipazioni a medio termine per acquisto mezzi tecnici (liquidità aziendale) BENEFICIARI: imprese agricole di produzione aventi sede o ubicazione terreni nel Comune di Copparo. FINALITÀ: anticipazioni a medio termine per acquisto mezzi tecnici (liquidità aziendale). IMPORTO FINANZIAMENTO: massimo ,00. L importo massimo richiedibile per azienda è in ogni caso parametrato alle anticipazioni necessarie al completamento del ciclo produttivo-colturale dell azienda agricola. DURATA: massimo 5 anni IMPORTO AIUTO: in abbattimento tasso di interesse nella misura del 2% per l intera durata del nanziamento È questo uno strumento nanziario nuovo per la Provincia di Ferrara, ma già operativo a Reggio Emilia e Modena. È molto duttile perché si presta a essere utilizzato anche per risolvere il problema legato al rinnovo di anno in anno delle conduzioni 12 mesi oltre che permettere di risolvere criticità nanziarie aziendali legate al rientro dell intera somma alla ne dell anno. La novità risiede principalmente nella dotazione limitata al fabbisogno aziendale di un solo anno, ma con rientro spalmato su 5 anni e pertanto riduzione della rata per anno. 12 comune di copparo settore attività produttive

13 Spese di conduzione aziendale a breve termine BENEFICIARI: imprese agricole di produzione aventi sede o ubicazione terreni nel Comune di Copparo. FINALITÀ: esigenze legate al completamento del ciclo colturale e produttivo. IMPORTO FINANZIAMENTO: massimo ,00. L importo massimo richiedibile per azienda è in ogni caso parametrato alle anticipazioni necessarie al completamento del ciclo produttivo-colturale dell azienda agricola. DURATA: massimo 1 anno. IMPORTO AIUTO: in abbattimento tasso di interesse nella misura del 2,5% per l intera durata del nanziamento. via roma 28, copparo (fe) tel

14 Risorse disponibili L importo destinato al nanziamento del programma di aiuto è quanti cato in ,00 stanziati nel Bilancio di Previsione per l anno 2014 del Comune di Copparo all interno del Budget di spesa assegnato al Settore Attività Produttive. L importo sarà interamente erogato a preventivo al Consorzio Agricolo Ferrarese di Garanzia Agri di Modena, Reggio Emilia, Ferrara, Cooperativa di Imprenditori Agricoli fondata dagli iscritti alle Associazioni Agricole di Coldiretti, Unione Provinciale Agricoltori, Confederazioni Italiana Agricoltori e Copagri. Il contributo per abbattimento del tasso di interesse è calcolato in forma attualizzata al momento dell erogazione utilizzando i tassi di riferimento in vigore alla data della concessione ssati periodicamente dalla Commissione Europea. Il contributo erogabile a singola impresa sarà pari all importo che non porti a superare complessivamente ,00 nell arco di un triennio secondo quanto stabilito dal Regolamento UE n. 1408/2013. Fino a quando non sarà operativo il registro unico regionale che terrà nota dei vari contributi goduti dalle aziende singolarmente, le aziende possono adempiere agli obblighi dettati dalla nuova normativa tramite autocerti cazione. ISTRUTTORIA La domanda di nanziamento e di abbattimento tassi può essere rivolta direttamente ad Agri di per il tramite delle Associazioni di Categoria sulla base della modulistica appositamente redatta e della documentazione da allegare obbligatoriamente alla domanda. 14 comune di copparo settore attività produttive

15 Per informazioni sulle presenti linee guida Ufficio ImpreseInforma, Fiere e Mercati Comune di Copparo via Roma 28, Copparo (Fe) tel fax Comune di Copparo Per informazioni sui contributi analisi terreni e taratura barre Capa Cologna S.c.a. via Fossa Lavezzola 83, Cologna (Fe) tel fax Cooperativa Ortofrutticola Copparese via Faccini 21/a, Cesta di Copparo (Fe) tel fax Cooperativa Agricola La Torre via Signora 2, Gradizza di Copparo (Fe) tel fax Per informazioni su contributi sul credito Agrifidi Modena Reggio Ferrara Soc. Coop. via Ganaceto 134, Modena tel fax dimorefe.it dimorefe.it ufficio territoriale di Ferrara via della Fiera 11, Ferrara tel fax agri Per i servizi alle imprese agricole Confederazione Italiana Agricoltori sede territoriale di Ferrara via Bologna 592/A, Chiesuol del Fosso (Fe) tel fax Claudio Anderlini tel ufficio di zona di Copparo viale Carducci 7/A, Copparo (Fe) tel Coldiretti sede territoriale di Ferrara via Bologna 637, Chiesuol del Fosso (Fe) tel fax ufficio di zona di Copparo via Scarsella 5, Copparo (Fe) tel Confagricoltura sede territoriale di Ferrara via Bologna 637/B, Chiesuol del Fosso (Fe) tel ufficio di zona di Copparo via Marconi 5/A, Copparo (Ferrara) tel fax via roma 28, copparo (fe) tel

16 a cura del Comune di Copparo, settore Attività Produttive progetto grafico Ufficio Comunicazione gennaio 2015

CONVENZIONE AGRIFIDI UNO EMILIA ROMAGNA e il COMUNE DI CASTENASO

CONVENZIONE AGRIFIDI UNO EMILIA ROMAGNA e il COMUNE DI CASTENASO CONVENZIONE AGRIFIDI UNO EMILIA ROMAGNA e il COMUNE DI CASTENASO CONVENZIONE PER IL TRIENNIO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO E ALL'AMMODERNAMENTO DELLE ATTIVITA' DI SERVIZIO

Dettagli

Comune di Castel Maggiore

Comune di Castel Maggiore Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.37/2007 Repertorio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE ED AGRIFIDI BOLOGNA PER LA GESTIONE DI UN FONDO

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 1331 DEL 27/12/2010 PROPOSTA N. 26 Centro di Responsabilità: Servizio Attività Produttive, Farmacie, Autorizzazioni Sanitarie Servizio: Servizio

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 09-08-2006 REGIONE BASILICATA. Crediti di conduzione nel settore agricolo

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 09-08-2006 REGIONE BASILICATA. Crediti di conduzione nel settore agricolo LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 09-08-2006 REGIONE BASILICATA Crediti di conduzione nel settore agricolo Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 47 del 10 agosto 2006 IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Allegato B al D.D.G. n /2009 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Modalità e procedure per il concorso regionale nel pagamento degli interessi sul prestiti

Dettagli

Accordo Investiagricoltura Periodo 2014-2020 (aggiornamento del maggio 2015)

Accordo Investiagricoltura Periodo 2014-2020 (aggiornamento del maggio 2015) Accordo Investiagricoltura Periodo 2014-2020 (aggiornamento del maggio 2015) Premesso che - il mercato, soprattutto estero, mostra significativi segnali di ripresa economica, che possono rappresentare

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, nel quadro delle proprie

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DELLA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA

Dettagli

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO Provincia di Sondrio

COMUNE DI VALDISOTTO Provincia di Sondrio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI VALDISOTTO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTIGIANFIDI LOMBARDIA, CRITERI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI A FAVORE DI AZIENDE DEL COMMERCIO,

Dettagli

Premesso che. Dato atto che

Premesso che. Dato atto che Accordo di indirizzo tra i Consorzi fidi e Cooperative di garanzie (di cui all'art.2 della L.R. n.43/97 e s.m.i.), il Sistema Bancario regionale, Agrea, la Regione Emilia-Romagna, per migliorare le condizioni

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Approvato con delibera consiliare n. 49 del 23 aprile 2004 Modificato con delibera

Dettagli

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Articolo 20 lett. A) punto ii e Articolo 22 del Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 13 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI Riferimento normativo Articolo 22 del regolamento (CE) n. 1698/2005 RAGIONI DELL INTERVENTO La misura punta a incentivare il primo insediamento di giovani

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA CRITERI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI A FAVORE DI AZIENDE DEL COMMERCIO, DI

Dettagli

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 50/27 del 10.11.2009 CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI L.R.10 gennaio 2001 n.. 2 Titolo T II DIRETTIVE DI

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO Prot. n. 2471 del 22/02/2010 BANDO ANNO 2010 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI, TURISTICHE, ARTIGIANALI E DEI SERVIZI. IL DIRETTORE

Dettagli

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE PREMESSE La deliberazione della Giunta Regionale n. 30-7048 dell 8/10/2007 ha istituito, a partire dall 1/01/2008, un programma

Dettagli

PREMESSA. 1 - Finalità

PREMESSA. 1 - Finalità PROGRAMMA D'AZIONE REGIONALE DI INVESTIMENTO PER PRODUZIONI AGROENERGETICHE E PER IL CONTENIMENTO DEL CARICO DI AZOTO NEL RISPETTO DELLA D.G.R. 21 NOVEMBRE 2007, N. 5868. PREMESSA La Regione Lombardia,

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Sono ammissibili gli investimenti realizzati successivamente all 1.1.2004.

Sono ammissibili gli investimenti realizzati successivamente all 1.1.2004. Con decorrenza dal 1 giugno 2005 sono operativi i sottodescritti due Fondi, costituiti dalla Comunità Montana con il concorso finanziario della Provincia e della Camera di Commercio di Reggio Emilia, per

Dettagli

L.R. 53/97 art. 17 D.G.R. N. 16 DEL 02/02/2009 PRESTITO DI CONDUZIONE ANNO 2009 P R O C E D U R E

L.R. 53/97 art. 17 D.G.R. N. 16 DEL 02/02/2009 PRESTITO DI CONDUZIONE ANNO 2009 P R O C E D U R E L.R. 53/97 art. 17 D.G.R. N. 16 DEL 02/02/2009 PRESTITO DI CONDUZIONE ANNO 2009 P R O C E D U R E I prestiti di conduzione saranno assistiti dal concorso regionale sul pagamento degli interessi per un

Dettagli

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011. 15 giugno 2011

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011. 15 giugno 2011 LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011 15 giugno 2011 FINALITA E STANZIAMENTO 2011 Finalità: Agevolare l accesso al credito delle pmi milanesi attraverso l erogazione

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA ART. 1 - FINALITA' DELL INTERVENTO E REQUISITI DI ACCESSO DEI CONFIDI AI

Dettagli

C.R.I.A.S. Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima.

C.R.I.A.S. Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima. C.R.I.A.S. Credito di esercizio Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima. Finanziamento destinato a sopperire

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

COMUNE DI SPILAMBERTO

COMUNE DI SPILAMBERTO COMUNE DI SPILAMBERTO PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE STRUTTURA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE C O P I A SERVIZIO STRUTTURA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE MATERIA DI CONTRIBUTO ALLE COOPERATIVE DI GARANZIA

Dettagli

Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015

Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015 Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015 Giovani agricoltori: per l avvio delle attività contributi fino a 70.000 euro per l acquisto dei terreni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

A relazione dell'assessore Sacchetto:

A relazione dell'assessore Sacchetto: REGIONE PIEMONTE BU13 28/03/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 25 marzo 2013, n. 11-5559 Piano Verde - Programma regionale per la concessione di contributi negli interessi sui prestiti contratti

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. REGIONE EMILIA ROMAGNA "Sostegno alle start-up innovative" SCADENZA: 30/09/2016. REGIONE EMILIA ROMAGNA "Psr 2014-2020"

EMILIA ROMAGNA. REGIONE EMILIA ROMAGNA Sostegno alle start-up innovative SCADENZA: 30/09/2016. REGIONE EMILIA ROMAGNA Psr 2014-2020 "Sostegno alle start-up innovative" Il sostegno è finalizzato alla nascita e crescita di start up in grado di generare nuove nicchie di mercato attraverso nuovi prodotti, servizi e sistemi di produzione

Dettagli

Approvato con deliberazione di C.C. n. 113 del 21/10/2002

Approvato con deliberazione di C.C. n. 113 del 21/10/2002 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSE E CAPITALE ALLE IMPRESE AGRICOLE DELL ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI BARICELLA, GRANAROLO, MALALBERGO, MINERBIO E MOLINELLA DENOMINATA TERRE

Dettagli

Proposta di legge n.192/9^ di iniziativa del Consigliere Imbalzano recante: Misure a favore dei Consorzi di garanzia collettiva fidi in agricoltura"

Proposta di legge n.192/9^ di iniziativa del Consigliere Imbalzano recante: Misure a favore dei Consorzi di garanzia collettiva fidi in agricoltura Consiglio regionale della Calabria Seconda Commissione Proposta di legge n.192/9^ di iniziativa del Consigliere Imbalzano recante: Misure a favore dei Consorzi di garanzia collettiva fidi in agricoltura"

Dettagli

Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale

Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale Ambito di applicazione L obiettivo della misura è quello di favorire il turnover in agricoltura e sostenere i giovani

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 Allegato A Prot. n. 1645 Pratica n. 16761/2010 Tit. 08 Cat. 07 Cl. 01 BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 IL DIRIGENTE

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 *

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 * Interventi per favorire la diversificazione delle attività agricole e lo sviluppo di quelle affini allo scopo di implementare fonti alternative di reddito (art.33 comma 2 - trattino 7 del Reg. (CE) 1257/99)

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI IN CONTO INTERESSE ALLE IMPRESE DEI COMPARTI DEL COMMERCIO, TURISMO, SERVIZI E ARTIGIANATO DEL COMUNE DI MALALBERGO PER INVESTIMENTI PRODUTTIVI.

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Comune di Castenaso (Provincia di Bologna)

Comune di Castenaso (Provincia di Bologna) Comune di Castenaso (Provincia di Bologna) CONVENZIONE PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI L anno duemiladieci (2010) addì... del mese di..., con la presente scrittura privata da valere

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016

Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016 Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016 Attività agricole: il subentro ed il rilancio delle attività gode di un finanziamento agevolato Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il decreto

Dettagli

1. TITOLO DELLA MISURA : Gestione delle risorse idriche in agricoltura

1. TITOLO DELLA MISURA : Gestione delle risorse idriche in agricoltura UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA PIANO DI SVILUPPO RURALE REGOLAMENTO CE 1257/1999 MISURA 9.6 Gestione delle risorse idriche in agricoltura Regolamento CE 445/02 lettera q PARTE I ADEMPIMENTI

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. CCIAA FERRARA "Contributi per la nascita e lo sviluppo di nuove imprese femminili - ed. 2015"

EMILIA ROMAGNA. CCIAA FERRARA Contributi per la nascita e lo sviluppo di nuove imprese femminili - ed. 2015 REGIONE EMILIA ROMAGNA "Contributi per la partecipazione a fiere" L'obiettivo è quello di promuovere i processi di internazionalizzazione delle imprese regionali con il sostegno a iniziative di partecipazione

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

Il meccanismo degli aiuti alle imprese

Il meccanismo degli aiuti alle imprese Il meccanismo degli aiuti alle imprese Gestione gestiti delle da Finpiemonte Agevolazioni Torino, 25 gennaio 2012 Premessa Gli aiuti alle imprese gestiti da Finpiemonte sono istituiti sotto forma di regime

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA ESTRATTO COMUNE DI NONANTOLA Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale N. 226 del 13/12/2013 OGGETTO: CONTRIBUTI ALLE COOPERATIVE DI GARANZIA E AI CONSORZI FIDI - ANNO 2013. L anno duemilatredici addì

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI BANDO PREDISPOSTO CON I SEGUENTI ATTI: D.G.P. n. 532 del 25 maggio 2009 Programma di meccanizzazione agricola (ex art. 10 L.R. 12 del 25/05/2008) Concorso negli interessi su prestiti

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO n. 136 del 28/10/2010 OGGETTO: FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE AGRICOLE PER L ANNO 2010 -

Dettagli

Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria

Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria INFO(PAC)K: LA PAC INFORMA. Progetto cofinanziato dal PSR Umbria 2007-2013 misura 111, azione a) Attività informative:

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. MISURA 6 Operazione 6.1.1 INSEDIAMENTO GIOVANI AGRICOLTORI. PIANO AZIENDALE di

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. MISURA 6 Operazione 6.1.1 INSEDIAMENTO GIOVANI AGRICOLTORI. PIANO AZIENDALE di Allegato parte integrante Piano Aziendale Operazione 6.1.1 "Insediamento Giovani Agricoltori" PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-2020 MISURA 6 Operazione 6.1.1 INSEDIAMENTO

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Art. 2 Soggetti beneficiari

Art. 2 Soggetti beneficiari BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLE IMPRESE COLPITE DALL ESONDAZIONE DEL FIUME SERCHIO NELLA PROVINCIA DI PISA Art. 1 Finalità

Dettagli

Legge Regionale n. 12 del 23 maggio 2008 art. 10 - Programma meccanizzazione agricola. D.G.R. n. 40-9269 Del 21/07/2008. Istruzioni operative

Legge Regionale n. 12 del 23 maggio 2008 art. 10 - Programma meccanizzazione agricola. D.G.R. n. 40-9269 Del 21/07/2008. Istruzioni operative Allegato 1 Legge Regionale n. 12 del 23 maggio 2008 art. 10 - Programma meccanizzazione agricola. D.G.R. n. 40-9269 Del 21/07/2008. Istruzioni operative A) PREMESSA L articolo 10 della L.R. n. 12 del 23

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (ii) e 22 del Reg. (CE) N 1698/2005. Art. 13 e punto 5.3.1.1.2. dell allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.37/2007 Repertorio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE E LE ASSOCIAZIONI ASCOM E CONFESERCENTI PER L

Dettagli

SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE

SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE Fra le nuove linee di prodotto del Cofim per il 2003 spicca questa proposta innovativa, nata dall azione del Comitato per l Imprenditoria Femminile della provincia

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

Le agevolazioni regionali per l imprenditoria giovanile, femminile e dei soggetti destinatari di ammortizzatori sociali (L.R.

Le agevolazioni regionali per l imprenditoria giovanile, femminile e dei soggetti destinatari di ammortizzatori sociali (L.R. Le agevolazioni regionali per l imprenditoria giovanile, femminile e dei soggetti destinatari di ammortizzatori sociali (L.R. 21/2008) 1 La L.R. 29 aprile 2008, n. 21 è stata modificata e ampliata in modo

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres. L.R. 13/2002, art. 7, c. 15 e 16 B.U.R. 23/7/2003, n. 30 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres. Regolamento recante criteri e modalità applicabili nella concessione degli aiuti

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Le norme nazionali e comunitarie hanno la prevalenza sui contenuti

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. (CE) 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); VISTI gli Orientamenti comunitari

Dettagli

MARCHE. MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO "Restart ValVibrata" SCADENZA: in fase di pubblicazione. REGIONE MARCHE "Bando Made in Italy"

MARCHE. MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Restart ValVibrata SCADENZA: in fase di pubblicazione. REGIONE MARCHE Bando Made in Italy MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO "Restart ValVibrata" Il Ministero dello sviluppo Economico, Regione Abruzzo e Regione Marche hanno riconosciuto l'area di crisi complessa Vibrata Piceno quale soggetto beneficario

Dettagli

Comune di Castel Maggiore

Comune di Castel Maggiore Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.37/2007 Repertorio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE E FIDIMPRESA BOLOGNA PER LA EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI adeguamento ai sensi di quanto previsto dal Regolamento (CE) N. 1857/2006 del 15 dicembre 2006, relativo

Dettagli

COMUNE DI COPPARO Via Roma 28 Copparo - Settore Attività Produttive tel. 0532 864679/864652 fax: 0532/864660 e-mail: atprod@comune.copparo.fe.

COMUNE DI COPPARO Via Roma 28 Copparo - Settore Attività Produttive tel. 0532 864679/864652 fax: 0532/864660 e-mail: atprod@comune.copparo.fe. Prot. n del AGRIFIDI FERRARA CONSORZIO FERRARESE DI GARANZIA SOC. COOP. A.R.L. Via della Fiera 11 FERRARA Tel.0532/905235 Fax: 0532/902824 e-mail: agrifidiferrara@virgilio.it COMUNE DI COPPARO Via Roma

Dettagli

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI NEWSLETTER n. 1 FEBBRAIO 2016 Pubblichiamo un estratto delle ultime notizie relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. CHIARI SERVIZI Srl è a Vostra disposizione per fornire l idonea

Dettagli

L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres.

L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres. L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres. Regolamento per l attuazione dei prestiti partecipativi a favore delle imprese commerciali,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE

SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE Fra le nuove linee di prodotto proposte dal Cofim per il 2003, sono ancora disponibili i finanziamenti per lo sviluppo della nuova impresa femminile: un iniziativa

Dettagli

Accordo Investiagricoltura Periodo 2014-2020 (aggiornamento del maggio 2015)

Accordo Investiagricoltura Periodo 2014-2020 (aggiornamento del maggio 2015) Accordo Investiagricoltura Periodo 2014-2020 (aggiornamento del maggio 2015) Premesso che - il mercato, soprattutto estero, mostra significativi segnali di ripresa economica, che possono rappresentare

Dettagli

Allegato alla D.G.P. n.del.

Allegato alla D.G.P. n.del. Allegato alla D.G.P. n.del. Legge Regionale n. 12 del 23 Maggio 2008 art. 10 Programma Meccanizzazione Agricola. D.G.R. n. 40-9259 Del 21/07/2008 e D.G.R. n. 41-11192 Del 06/04/2009 BANDO PROVINCIALE 2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE ART. 1 Oggetto La Camera di Commercio di Mantova, nel quadro delle proprie iniziative istituzionali,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA Legge 1980033 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

Dettagli

Produzione di beni e servizi.

Produzione di beni e servizi. Produzione di beni e servizi. Dalla tua idea alla tua impresa. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo I e Capo II Le norme nazionali e comunitarie hanno

Dettagli

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 Presentazione domande: a sportello dalle ore 10 del 1 marzo 2016 alle ore 17 del 30 settembre 2016 salvo esaurimento fondi TERRITORIO: Regione Emilia Romagna OBIETTIVI

Dettagli

Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura (Regolamento UE N. 702/2014 della Commissione del 25 giugno 2014)

Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura (Regolamento UE N. 702/2014 della Commissione del 25 giugno 2014) Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura (Regolamento UE N. 702/2014 della Commissione del 25 giugno 2014) A chi si rivolge Le agevolazioni sono riservate ai giovani che intendono insediarsi

Dettagli

Provincia di Bologna Area Tecnica

Provincia di Bologna Area Tecnica Provincia di Bologna Area Tecnica Prot. 5147 OGGETTO: BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITÀ COMMERCIALI TURISTICHE ARTIGIANALI E DEI SERVIZI CON

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE Decreto Dirigenziale n. 181 del 14 aprile 2008 Area Generale di Coordinamento: Sviluppo Economico n. 12 - L.R. n. 12 del 28.11.2007 - Art. 6 - Incentivi per il Consolidamento delle Passivita' a Breve -

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6. Sviluppo delle imprese agricole e delle imprese SOTTOMISURA 6.1. SOSTEGNO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER I GIOVANI AGRICOLTORI Operazione 6.1.a - Incentivi per la costituzione

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

Alluvione Modena interventi Banche

Alluvione Modena interventi Banche Banca popolare dell'emilia Romagna ha messo in campo una serie di interventi concreti a sostegno di Privati, Famiglie e Imprese che sono state coinvolte nell'alluvione del 19 gennaio 2014. E' stato stanziato

Dettagli

Funzionario Servizio Artigianato Regione Campania. Assessore allo Sviluppo Economico Regione Campania.

Funzionario Servizio Artigianato Regione Campania. Assessore allo Sviluppo Economico Regione Campania. 35 CAMPANIA Giovanni Pederbelli Funzionario Servizio Artigianato Regione Campania. Sergio Vetrella Assessore allo Sviluppo Economico Regione Campania. Paola Viggiani Dirigente Servizio Artigianato Regione

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE 1 BANDO DI CONCORSO Art. 1- Premessa la Camera di Commercio I.A.A. di Cosenza, nell ambito delle iniziative

Dettagli

TITOLO I Disposizioni generali

TITOLO I Disposizioni generali Allegato a) alla deliberazione della Giunta Camerale n. 34 del 30.03.2015 REGOLAMENTO TESO A DISCIPLINARE L INTERVENTO CAMERALE PER AGEVOLARE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI REGGIO

Dettagli

FIDART CALABRIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI

FIDART CALABRIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI Articolo 1: Scopo dell'iniziativa L'Amministrazione Provinciale di Cosenza, considerata la necessità di favorire la crescita

Dettagli