Lezione 8. Problemi del seno ad insorgenza precoce

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 8. Problemi del seno ad insorgenza precoce"

Transcript

1 Lezione 8. Problemi del seno ad insorgenza precoce Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Esaminare il seno ed i capezzoli di una madre Identificare i capezzoli rientranti e determinare quale aiuto sia necessario Descrivere cause, prevenzione e trattamento dell ingorgo Valutare e trattare i capezzoli infiammati Durata media consigliata 60 minuti Materiali Proiettore per diapositive e diapositive 19, Lavagna luminosa e lucidi Modello di seno Letture per i partecipanti Helping mothers to breastfeed: pagine (problemi iniziali), pagina 91 (frenulo corto). 89

2 Esposizione Introduzione Allattare non deve far male! Gli operatori sanitari possono aiutare le madri ad evitare le prime difficoltà che potrebbero indurle ad allattare di meno o addirittura a smettere. L aiuto dovrebbe essere dato solo a quelle madri che ne hanno bisogno. Dove tutti allattano senza difficoltà e senza bisogno d aiuto, e non vige alcuno schema di supplementazione alimentare precoce, saranno poche le donne a sperimentare le difficoltà iniziali discusse in questa lezione. Ma quelle poche donne che hanno problemi non dovrebbero lasciare la struttura sanitaria senza che sia stato loro offerto aiuto. 1. Come esaminare i seni ed i capezzoli della madre Gli operatori sanitari non hanno bisogno di esaminare il seno ed i capezzoli di ogni donna. Comunque, se sorge qualche difficoltà che si ritiene possa essere dovuta ai capezzoli o al seno della madre, un esame attento può aiutare. Discussione Usare un modello di seno in stoffa per la discussione che segue. Proiettare le diapositive sui differenti tipi di seno e capezzoli. Discutere con i partecipanti i seguenti punti: Come assicurare la privacy per aiutare la madre a sentirsi a suo agio? Come visitarla con gentilezza? Come rassicurarla che tutti i seni, piccoli e grandi, producono latte (alcune madri si preoccupano per la dimenzione e la forma dei loro seni? Può la dimensione o la forma dei capezzoli ostacolare l attaccamento (capezzoli lunghi o piatti)? Il capezzolo si ritrae quando la madre schiaccia dolcemente l areola? Durante la gravidanza entrambi i seni sono diventati più grandi e l areola più scura? Questo può indicare che c é sufficiente tessuto funzionante in entrambi i seni. Ci sono delle fissurazioni al capezzolo? C é un ingorgo? Qualche tumefazione o qualche arrossamento? C é traccia di un precedente intervento chirurgico al seno che può avere tagliato qualche dotto? Ci sono delle masse o delle fossette? Se sì, inviare la donna da uno specialista. 90

3 Esposizione 2. Come identificare e correggere i capezzoli rientranti. Un capezzolo che appare piatto può in realtà allungarsi dopo essere stato leccato e succhiato dal bambino. La capacità a protrudere é più importante della forma del capezzolo. Se i capezzoli della madre pur stimolati si ritraggono allora sono rientranti. Non sempre i capezzoli rientranti rappresentano un problema. Del resto, i neonati si attaccano al seno, non al capezzolo. Comunque, se il neonato ha difficoltà nell attaccamento perché il capezzolo non può sporgere sufficientemente, si può suggerire quanto segue: Il trattamento prenatale (gli esercizi di stiramento e allungamento) probabilmente non serve; non scoraggiare comunque la donna che voglia effettuarli. É fondamentale aumentare la fiducia della donna spiegandole che il neonato si attacca al seno e non semplicemente al capezzolo. Si deve favorire l esplorazione del capezzolo da parte del bambino. Si deve curare particolarmente la posizione di attaccamento del bambino. Se la madre porta un reggiseno, può ritagliare un piccolo buco e tirare fuori il capezzolo per modellarlo. Se sono disponibili coppette modellatrici del capezzolo e la madre le sta già usando tra una poppata e l altra, non c é motivo di scoraggiarla. Va detto comunque che non vi é prova che siano efficaci, mentre possono causare edema. Subito prima di una poppata la madre può usare una pompa tiralatte con lo scopo di estrarre il capezzolo (come tiralatte può essere usata una siringa da 20 ml opportunamente tagliata e rovesciata; esercitare una gentile pressione per secondi alla volta, diverse volte al giorno). Se necessario (ossia se il bambino non riesce a succhiare in maniera efficace al capezzolo) si può spremere il latte dal seno per una settimana o più dandolo al bambino con una tazzina o spremendolo direttamente nella bocca del bambino. Un capezzolo lungo spesso rappresenta un ostacolo più serio che non il capezzolo rientrante. Di solito il bambino si attacca malamente al seno, succhiando solo il capezzolo. Bisogna cercare di far entrare nella bocca del bambino anche una parte di areola. Può essere necessario dare per qualche tempo al bambino latte materno spremuto. 3. Ingorgo mammario Differenze fra mammella piena ed ingorgo mammario: Mammella piena mammella calda, pesante, dura il latte fuoriesce non c é febbre Ingorgo mammario edema, seno teso e lucido, possibile arrossamento, dolore il latte non esce può esserci febbre per 24 ore 91

4 Quando il latte sta arrivando, maggior quantità di sangue e linfa vengono portati al seno. Si possono sentire i seni caldi, pieni e pesanti. Questo è normale. Allattando il bambino frequentemente si allevierà la pienezza. Un rapido aumento nel volume di latte causa congestione vascolare ed edema. Se la rimozione del latte è inadeguata o infrequente durante questo periodo si può avere un ingorgo. Alcune madri possono produrre tanto latte che il neonato non riesce a rimuoverlo abbastanza rapidamente da impedire un certo grado di intasamento. Questo intasamento può bloccare il flusso del latte che porta ad un ingorgo ancora maggiore. I seni diventeranno caldi e dolenti, e appariranno gonfi e lucidi. La produzione del latte può fermarsi a causa di un grave ingorgo. Il tipo di assistenza fornito alle madri che allattano dovrebbe essere rivalutato se nella maternità si notano molti ingorghi. La pratica dei 10 passi per allattare al seno con successo impedirà molti dolorosi ingorghi. Se si può rispondere positivamente alle seguenti domande, ci saranno pochi ingorghi nella maternità: L allattamento al seno è iniziato entro un ora dalla nascita? I neonati e le madri sono lasciati insieme 24 ore al giorno? Il personale aiuta fin dall inizio ed assicura che ogni madre sappia come attaccare al seno il proprio bambino? Le madri sono incoraggiate ad allattare ogni qualvolta e per tutto il tempo in cui il neonato lo richiede, giorno e notte (circa 8-12 pasti in 24 ore)? Le madri si sentono a loro agio e in un ambiente che si prende cura di loro? Una madre in difficoltà ad allattare il proprio neonato viene incoraggiata? Le viene mostrato come spremere frequentemente il latte dal seno? Ai neonati non vengono dati succhiotti, tettarelle di gomma o biberon, che verrebbero a sostituirsi alla suzione al seno? Per riassumere, le cause di ingorgo sono: l eccesso di latte, il ritardo nell inizio dell allattamento, un attaccamento inadeguato al seno da parte del bambino, la rimozione infrequente del latte dal seno, i limiti posti alla durata delle poppate. Come aiutare le madri con un ingorgo mammario a star meglio? Controllare la posizione per assicurarsi che il neonato sia ben attaccato al seno. Se sono stati posti dei limiti alle poppate, incoraggiare piuttosto la madre ad allattare ogni qualvolta il bambino lo voglia. Impacchi freddi tra le poppate diminuiscono il dolore e riducono l edema. Un panno caldo sulla zona dell areola appena prima del pasto può aiutare ad avviare il flusso di latte. Suggerire il ricorso al massaggio ossitocinico, da effettuare lungo la regione paravertebrale dorsale per aiutare la fuoriuscita del latte per attivazione del riflesso ossitocinico. Consigliare di spremere dolcemente il latte dal seno prima della poppata per ammorbidire l areola così da aiutare il bambino ad attaccarsi. Per evitare il dolore, lasciare che la madre lo faccia da sola. Se l allattamento da solo non riduce la congestione, consigliare alla madre di spremere il latte tra le poppate. Nei casi in cui il seno sia talmente dolente da non poter essere toccato, usare il metodo della bottiglia calda (vedere Lezione 14). 92

5 Studio di casi Serena ha 22 anni. Ha partorito un bambino prematuro tre giorni fa. Il pediatra le ha detto che il bambino è troppo piccolo per essere allattato. Sta ricevendo latte artificiale attraverso un sondino per alimentazione. Serena aveva progettato di allattare, ma non le è stato mostrato come togliere il latte dal seno. Quando l ostetrica fa il giro delle puerpere, trova che i seni di Serena sono molto congestionati e Serena dice che sono molto dolorosi. Cosa può fare l ostetrica per aiutare Serena? Come si sarebbe potuto evitare questo ingorgo mammario? Cosa può fare Serena per non avere nuovamente un ingorgo? Esposizione 4. Capezzoli dolenti L allattamento al seno non deve far male! Le cause più comuni e ad insorgenza precoce dell infiammazione dei capezzoli sono tutte semplici ed evitabili. Se nella maternità ci sono molti casi di capezzoli dolenti, assicurarsi che tutto il personale sappia come aiutare le madri ad attaccare al seno i bambini. La maggioranza delle madri non avrà i capezzoli dolenti, se i bambini saranno attaccati bene al seno e allattati frequentemente. Le cause più frequenti di capezzoli dolenti sono: La madre aveva bisogno di aiuto e non le é stato mostrato come attaccare il bambino al seno. I seni della madre erano congestionati, perchè il bambino non veniva allattato frequentemente, così da rendere l attaccamento del bambino al seno inadeguato. Il bambino non ha ancora raggiunto uno schema di suzione efficace. Il bambino ha un infezione micotica del cavo orale che ha passato ai capezzoli della madre. Il bambino ha un frenulo linguale corto. Il movimento della lingua è così limitato che questa non può estendersi fuori e sopra il labbro. Cosa fare in pratica coi capezzoli dolenti ed infiammati? Controllare la posizione del bambino al seno e migliorarla, se necessario. Questo può rappresentare la soluzione nella maggioranza dei casi. Applicare un panno caldo e umido al seno prima della poppata per stimolare la fuoriuscita di latte. Iniziare ogni poppata col seno meno infiammato. Evitare limitazioni arbitrarie della frequenza delle poppate. Se il bambino si addormenta al seno, ma rimane attaccato senza mangiare.attivamente, staccare il bambino dolcemente. Esporre i seni all aria e al sole per aiutare la guarigione. Curare l eventuale presenza di candidiasi sia sui capezzoli materni che in bocca al bambino. 93

6 Se il frenulo linguale del bambino è così corto che la lingua non può estendersi sopra il labbro inferiore, ed i capezzoli della mamma sono infiammati da 2-3 settimane, valutare la necessità di far tagliare il frenulo (questo accade raramente). 94

7 Cosa non fare con i capezzoli dolenti e infiammati Non usare un paracapezzolo. Può causare un disorientamento nella suzione e riduce la quantità di latte che il bambino riesce ad assumere, portando anche ad una riduzione della produzione di latte. Rappresenta anche un rischio di contaminazione (in particolare candidiasi) per il bambino. Non smettere di allattare per far riposare il seno. La madre può sviluppare un ingorgo e avere una produzione inadeguata di latte. Anche il bambino prenderà poco latte, con le conseguenze immaginabili. Non limitare la frequenza o la durata delle poppate. Non applicare creme o pomate sui capezzoli. Candidiasi Uscendo dal canale del parto, un bambino può contrarre il mughetto, un infezione causata dal fungo Candida albicans. Il neonato può poi trasmettere l infezione orale al seno della madre. É importante trattare contemporaneamente madre e figlio per evitare la successiva trasmissione a ping-pong dell infezione. I segni di infezione da Candida albicans sono: I capezzoli della madre possono sembrare normali o più spesso rossi e irritati. La madre sente un dolore profondo e penetrante e può affermare che i capezzoli bruciano e pizzicano dopo la poppata. I capezzoli rimangono dolenti per un tempo prolungato nonostante un corretto attaccamento. Questo può essere l unico segno di infezione. Il neonato può avere macchie bianche sulla mucosa all interno della bocca. Il neonato può avere una dermatite da pannolino. La madre può avere una candidiasi vaginale. Trattamento della madre: Applicare su capezzolo e areola una crema di nistatina ( UI/gr; non in commercio in Italia) o altra crema fungicida (per esempio miconazolo gel orale) dopo ogni pasto per tutta la durata dell infezione e per 7 giorni dopo che l infezione e scomparsa. Non è necessario togliere la crema che rimane prima di ogni poppata. Asciugare all aria i capezzoli ed esporli alla luce del sole dopo ogni poppata. Se vengono usati gli assorbenti per i seni, sostituirli quando sono bagnati. Insegnare alla madre a lavarsi bene le mani dopo aver cambiato i pannolini del bambino e dopo essere andata alla toilette. Se vi é un infezione vaginale, curarla secondo i protocolli in uso. Anche il partner della donna può aver bisogno di essere curato. Trattamento del bambino: Applicare una sospensione di nistatina dopo il pasto per 7 giorni o comunque finché la madre viene trattata ( UI/ml, 2 ml, 4 volte al giorno); in alternativa, miconazolo gel orale al 2% (1/4 di misurino, 4 volte al giorno) per la stessa durata. La madre deve lavarsi bene le mani e usare una garza di cotone per applicare la medicina negli angoli della bocca del bambino, includendo le guance, le gengive e la lingua. Se il bambino ha una dermatite da pannolino, applicare la crema fungicida ad ogni cambio di pannolino o almeno quattro volte al giorno, sulla zona di cute coperta dal pannolino, per tre giorni oltre la scomparsa dei sintomi. 95

8 Smettere l uso di qualsiasi succhiotto, tettarella o paracapezzolo; se vengono usati devono essere bolliti ogni giorno per 20 minuti e sostituiti settimanalmente. Gioco di ruolo Scegliere tre partecipanti per recitare due scene di fronte al gruppo. Usare l analisi della situazione-tipo sotto riportata. Dedicare circa un minuto alla prima scena con la prima infermiera e cinque minuti alla seconda. Alla fine, chiedere ai partecipanti di discutere il modo in cui le due infermiere hanno aiutato la madre. Personaggi: La madre, Angela La prima infermiera La seconda infermiera. Angela ha 18 anni ed è ricoverata tra le puerpere del reparto dopo un cesareo per una sproporzione cefalo pelvica. É il suo quarto giorno postpartum. Il suo bambino è in una culla a lato del letto. Adesso Angela può alzarsi e prendersi cura del bambino. Allatta quando il bambino ne ha voglia. Scena 1 ( 1 minuto). Un infermiera è in piedi accanto al letto e sta insegnando ad Angela a lavarsi i seni prima di allattare. Quando l infermiera la esamina vede che i capezzoli sono arrossati. Angela dice che i capezzoli sono infiammati. L infermiera la rimprovera con voce irritata per non aver posto un limite al tempo consentito al bambino per succhiare da ciascun lato. Dice bruscamente ad Angela: Non più di 10 minuti!, e lascia la stanza. Scena 2 ( 5 minuti). Un altra infermiera dai modi cordiali e rassicuranti entra nella stanza. Sia Angela che il bambino stanno piangendo. L infermiera siede accanto ad Angela, parla con lei delle sue emozioni e l aiuta a calmarsi. Offre di aiutare Angela ed osserva la poppata. L infermiera identifica la causa dei capezzoli infiammati nel cattivo attaccamento e dà ad Angela l aiuto appropriato. 96

9 Autovalutazione Quali difficoltà nell allattamento ti suggeriscono che hai bisogno di esaminare i seni e i capezzoli di una madre? Eleonora ti racconta di aver avuto un ingorgo doloroso quando allattava il suo precedente bambino. Ha paura che accada anche con il prossimo. Cosa le dirai sulla prevenzione dell ingorgo? Laura si lamenta che i suoi capezzoli sono molto infiammati. Mentre la guardi allattare a cosa farai attenzione? Cosa puoi fare per aiutarla? 97

10 Riassunto della lezione 8 Come esaminare i seni ed i capezzoli della madre: Esaminare i seni della madre solo se sorge una difficoltà Cercare differenze fra i due seni Cercare possibili ingorghi, bozze, infiammazioni o arrossamenti Cercare un anatomia insolita o le tracce di un precedente intervento chirurgico Aiutare la madre a correggere i capezzoli rientranti che interferiscono con l attaccamento Come prevenire l ingorgo mammario Iniziare l allattamento al seno, esclusivo e senza limiti, entro un ora dalla nascita Tenere insieme madri e neonati in un ambiente che si prenda cura di loro Mostrare alle madri che ne hanno bisogno come attaccare al seno il bambino Mostrare alle madri che non sono in grado di allattare come spremere il latte Non dare alcun succhiotto, tettarella di gomma o biberon Come trattare l ingorgo mammario Correggere qualunque problema relativo all attaccamento del bambino al seno Allattare più frequentemente Spremere dolcemente un po di latte per ammorbidire l areola e aiutare l attaccamento del bambino Applicare compresse fredde ai seni dopo la poppata per dare un po di sollievo Come trattare i capezzoli dolenti Controllare l inadeguato attaccamento, che è la causa più comune di capezzoli infiammati Massaggiare dolcemente i seni verso i capezzoli. Spremere il latte per stimolarne il flusso Iniziare ogni poppata con il seno meno infiammato Evitare limitazioni arbitrarie alla frequenza delle poppate Applicare un po di latte materno spremuto sui capezzoli dopo la poppata Esporre i seni all aria e al sole Se una madre ha la candidiasi ai capezzoli Applicare il trattamento ai capezzoli della madre, alla bocca del bambino e alla zona del pannolino Asciugare all aria o esporre i capezzoli alla luce del sole dopo ogni poppata Porre particolare attenzione nel lavare qualsiasi cosa che abbia contatto con le zone coinvolte Se è presente un infezione vaginale curarla secondo i protocolli in uso 98

11 99

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura PROBLEMI DEL SENO Ost. Giovo Maura 1 SESSIONE 14 OBIETTIVI DIAGNOSTICARE E TRATTARE CAPEZZOLI PIATTI, INVERTITI E LUNGHI LINFEDEMA DA MONTATA LATTEA INGORGO E STASI DEL LATTE DOTTI GALATTOFORI BLOCCATI

Dettagli

Lezione 9. Bambini che rifiutano il seno

Lezione 9. Bambini che rifiutano il seno Lezione 9. Bambini che rifiutano il seno Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di aiutare: Il bambino che rifiuta di andare al seno Il bambino che non riesce ad attaccarsi

Dettagli

Lezione 13. Problemi del seno ad insorgenza tardiva

Lezione 13. Problemi del seno ad insorgenza tardiva Lezione 13. Problemi del seno ad insorgenza tardiva Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado: Aiutare le madri a trattare un dotto galattoforo bloccato Aiutare le madri a gestire

Dettagli

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento.

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento. 14. Problemi del seno 59 Sessione 14 PROBLEMI DEL SENO Introduzione Esistono numerosi problemi del seno che a volte rendono difficile l allattamento: Capezzoli piatti o invertiti, capezzoli molto lunghi

Dettagli

Lezione 3. Come il bambino riceve latte dal seno

Lezione 3. Come il bambino riceve latte dal seno Lezione 3. Come il bambino riceve latte dal seno Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Identificare le parti del seno coinvolte nella lattazione Descrivere il ruolo

Dettagli

La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno.

La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno. 20. Spremere il latte 92 Sessione 20 SPREMERE IL LATTE Introduzione La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno. Spremere

Dettagli

ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO. Ost. Giovo Maura

ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO. Ost. Giovo Maura ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO Ost. Giovo Maura Come il latte va dal seno al bambino SESSIONE 6 2 Per aiutare una mamma con l'allattamento al seno bisogna sapere come è prodotto il latte

Dettagli

Latte di mamma: gocce di consigli

Latte di mamma: gocce di consigli AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI PAVIA Sede Legale: Viale Repubblica, 34-27100 PAVIA Tel. 0382 530596 - Telefax 0382 531174 www.ospedali.pavia.it Quadro anonimo del XIX secolo conservato presso la

Dettagli

Programma della Formazione A Distanza (FAD) "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute"

Programma della Formazione A Distanza (FAD) Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute Formazione A Distanza "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute" del Istituto Superiore di Sanità e verifica dei contenuti equivalenti nel corso OMS/UNICEF 20 ore. A

Dettagli

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Identificare donne che possono avere problemi con l allattamento al seno Discutere

Dettagli

AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE

AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE 27. Aumentare la produzione di latte e riallattare 129 Sessione 27 AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE Introduzione Se l offerta di latte di una madre si riduce, è necessario aumentarla. Ciò

Dettagli

INIZIATIVA OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Riveduta, aggiornata ed ampliata per un approccio integrato alle cure

INIZIATIVA OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Riveduta, aggiornata ed ampliata per un approccio integrato alle cure INIZIATIVA OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Riveduta, aggiornata ed ampliata per un approccio integrato alle cure Maternity, 1963, 2003 Estate of Pablo Picasso/Artists Rights Society (ARS), New York Strategia

Dettagli

Il Il ruolo del Pediatra di famiglia nell allattamento al seno

Il Il ruolo del Pediatra di famiglia nell allattamento al seno Il Il ruolo del Pediatra di famiglia nell allattamento al seno Dott.Raffaele D Errico Pediatra di famiglia ASL Napoli 1 Distretto 48 Federazione Italiana Medici Pediatri di Napoli «Anche l uomo l potrebbe

Dettagli

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp.

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp. Al mio bambino fragili ali appena nate, piccola voce che canta, nuovo cuoricino che batte, non temere la tua nascita, né il mondo poichè sei l infinito. Il sole risplende, la terra gira, per darti il benvenuto

Dettagli

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione 76 16. Rifiuto del seno Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO Introduzione In alcune comunità il rifiuto del seno da parte del bambino è una delle ragioni più comuni che provocano la sospensione dell allattamento

Dettagli

SEGNI CHE UN BAMBINO NON PRENDE ABBASTANZA LATTE. Segni attendibili

SEGNI CHE UN BAMBINO NON PRENDE ABBASTANZA LATTE. Segni attendibili 21. Poco latte 101 Sessione 21 POCO LATTE Introduzione La maggior parte delle madri può produrre latte a sufficienza per uno o anche due bambini. Generalmente, anche quando una madre pensa di non avere

Dettagli

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione 106 22. Il pianto Sessione 22 IL PIANTO Introduzione Molte madri cominciano a dare aggiunte inutili perché il loro bambino piange. Tuttavia le aggiunte spesso non fanno piangere di meno un bambino, che

Dettagli

Sempre con te, passo dopo passo ALLATTAMENTO AL SENO

Sempre con te, passo dopo passo ALLATTAMENTO AL SENO ALLATTAMENTO AL SENO Allattamento al seno 1) Il latte materno 2) Anatomia del seno 6) Il corretto attacco al seno del tuo bambino 7) Suggerimenti 3) Gli ormoni e i riflessi della lattazione 4) La montata

Dettagli

Lezione 10. Bassa produzione di latte

Lezione 10. Bassa produzione di latte Lezione 10. Bassa produzione di latte Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado: Identificare variazioni nella crescita dei bambini allattati al seno Distinguere la bassa produzione

Dettagli

ESERCIZI SU POCO LATTE E SUL PIANTO

ESERCIZI SU POCO LATTE E SUL PIANTO 23. Esercizi su poco latte e sul pianto 111 Sessione 23 ESERCIZI SU POCO LATTE E SUL PIANTO Esercizio 15. Poco latte e Il pianto Come svolgere l esercizio: Le storie che trovate qui di seguito riguardano

Dettagli

Il latte della mamma. Neonatologia NEONATOLOGIA. Unità operativa complessa. Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata

Il latte della mamma. Neonatologia NEONATOLOGIA. Unità operativa complessa. Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata www.hsangiovanni.roma.it Unità Operativa Complessa NEONATOLOGIA Unità operativa complessa Neonatologia Recapiti Telefono 06 77056841 Fax: 06 77055544 A cura

Dettagli

INCENTIVAZIONE DELL ALLATTAMENTO AL SENO

INCENTIVAZIONE DELL ALLATTAMENTO AL SENO INCENTIVAZIONE DELL ALLATTAMENTO AL SENO Il reparto Maternità del Gaslini favorisce l'allattamento al seno, in base alle norme definite dall'oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) e dall'unicef (Fondo

Dettagli

Sessione 12 ESERCIZI SU COME INFONDERE FIDUCIA. Accettare ciò che una madre pensa

Sessione 12 ESERCIZI SU COME INFONDERE FIDUCIA. Accettare ciò che una madre pensa 48 12. Esercizi su come infondere fiducia Sessione 12 ESERCIZI SU COME INFONDERE FIDUCIA Esercizio 6. Accettare ciò che una madre pensa Gli esempi da 1 a 3 sono concetti errati in cui le madri potrebbero

Dettagli

AZIENDA SANITARIA U.L.S.S. 3 Bassano del Grappa

AZIENDA SANITARIA U.L.S.S. 3 Bassano del Grappa Direttore Dr. Maurizio Demi Equipe: dr. Andrea Antoniol dr.ssa Carla Bizzotto dr.ssa Valeria Lagorio dr.ssa Chiara Palaro dr. Giorgio Picco dr. Andrea Rini AZIENDA SANITARIA U.L.S.S. 3 Bassano del Grappa

Dettagli

Lezione 12. Bambini che hanno bisogno di attenzione speciale

Lezione 12. Bambini che hanno bisogno di attenzione speciale Lezione 12. Bambini che hanno bisogno di attenzione speciale Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado: Aiutare le madri di bambini prematuri e di basso peso a gestire l allattamento

Dettagli

Come allattare al. meglio. senza. stress?

Come allattare al. meglio. senza. stress? meglio Come allattare al senza stress? Allattare al seno è naturale, istintivo, ma c'è molto da imparare. Adottando la "tecnica" giusta fin dagli inizi, ogni poppata sarà un momento prezioso di profonda

Dettagli

Allattare un bambino con esigenze speciali

Allattare un bambino con esigenze speciali Allattare un bambino con esigenze speciali La nascita di un bambino con esigenze speciali può provocare emozioni diverse: gioia ed eccitazione, insieme a preoccupazione per ciò che è sconosciuto. Quello

Dettagli

Ministero della Salute Istituto Superiore di Sanità. Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute

Ministero della Salute Istituto Superiore di Sanità. Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Ministero della Salute Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Allattamento materno una goccia di saggezza una grande opportunita latte materno

Dettagli

Allattare? Allattare! Stillen? Stillen! allaiter? allaiter! Breastfeeding? Breastfeeding! Amamantar? Amamantar!

Allattare? Allattare! Stillen? Stillen! allaiter? allaiter! Breastfeeding? Breastfeeding! Amamantar? Amamantar! Allattare? Allattare! Stillen? Stillen! allaiter? allaiter! Breastfeeding? Breastfeeding! Amamantar? Amamantar! Domande e risposte ai problemi più ricorrenti riguardanti l allattamento Le informazioni

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

Lifting del seno con protesi

Lifting del seno con protesi Lifting del seno con protesi I seni di una donna aiutano a definire la sua femminilità e il suo individualismo, ma come altre zone del corpo, subiscono cambiamenti dovuti al processo di invecchiamento,

Dettagli

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA Nascere 1 COSA NON SI DEVE DIMENTICARE Tessera sanitaria; Codice Fiscale; Cartella della gravidanza con tutti gli esami e le ecografie eseguite. NELLA VALIGIA DELLA MAMMA Camicia

Dettagli

Lezione 16. Come rendere la tua comunità amica del bambino

Lezione 16. Come rendere la tua comunità amica del bambino Lezione 16. Come rendere la tua comunità amica del bambino Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado: Discutere la politica sanitaria nazionale o locale sull allattamento al

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale Guida per i genitori introduzione L a nascita di un bambino è vissuta come un evento meraviglioso e felice, anche

Dettagli

ALLATTARE AL SENO ITALIANO

ALLATTARE AL SENO ITALIANO ALLATTARE AL SENO ITALIANO Il latte materno è un investimento prezioso per il benessere e la salute tua e del tuo bambino. Presso i nostri Centri potete contare sull aiuto per consigli di operatori esperti

Dettagli

Un neonato in casa. Ricominciamo in tre

Un neonato in casa. Ricominciamo in tre Un neonato in casa. Ricominciamo in tre Genitori si diventa. Quando arriva un neonato è sempre una rivoluzione. Il piccolo, fin dalle prime ore di vita, impone nuove regole, diversi orari, cambiamenti

Dettagli

MAM Linee guida per l allattamento

MAM Linee guida per l allattamento MAM Linee guida per l allattamento L allattamento un gesto straordinario L allattamento al seno è un esperienza d amore straordinaria che permette ad ogni mamma di sperimentare l incontro con il suo bambino

Dettagli

PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE

PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE 1. Perché l allattamento al seno è importante 3 Sessione 1 PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE Introduzione Prima di imparare come aiutare le madri, dovete capire perché l allattamento al seno è

Dettagli

Che cosa è la infezione da HIV?

Che cosa è la infezione da HIV? Che cosa è l HIV? L HIV - human immunodeficiency virus è un virus che progressivamente distrugge le difese del nostro corpo contro le infezioni e alcuni tumori Che cosa è la infezione da HIV? L infezione

Dettagli

Direttore Dott. Massimo Mazzella. CONSERVAZIONE DEL LATTE MATERNO TIRATO...un dono tutto tuo

Direttore Dott. Massimo Mazzella. CONSERVAZIONE DEL LATTE MATERNO TIRATO...un dono tutto tuo Direttore Dott. Massimo Mazzella CONSERVAZIONE DEL LATTE MATERNO TIRATO...un dono tutto tuo INDICE Introduzione... 3 Indicazioni per spremitura e conservazione del latte materno... 4 Temperature di conservazione...

Dettagli

Un sano sorriso... per il tuo bambino

Un sano sorriso... per il tuo bambino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Direzione per la promozione e l educazione alla salute Dipartimento di Odontostomatologia Un sano sorriso... per il tuo bambino Progetto

Dettagli

MAMMA, PAPÀ E... TANTI DENTINI!

MAMMA, PAPÀ E... TANTI DENTINI! MAMMA, PAPÀ E... TANTI DENTINI! 10 trucchi per aver cura dei propri denti e non avere mai paura del dentista. Cari genitori, lʼimportanza dellʼigiene orale e la familiarità con lʼambulatorio odontoiatrico

Dettagli

Manuale del partecipante

Manuale del partecipante WHO/CDR/93.4 UNICEF/NUT/93.2 DISTRIBUZIONE: GENERALE ORIGINALE: INGLESE ALLATTAMENTO AL SENO: CORSO PRATICO DI COUNSELLING Manuale del partecipante OMS Questo documento non è una pubblicazione ufficiale

Dettagli

CARTELLA STAMPA Maggio 2008. Crema Antiragadi. Con Ossido di Zinco e Aloe Vera Protettiva e Lenitiva

CARTELLA STAMPA Maggio 2008. Crema Antiragadi. Con Ossido di Zinco e Aloe Vera Protettiva e Lenitiva CARTELLA STAMPA Maggio 2008 Crema Antiragadi Con Ossido di Zinco e Aloe Vera Protettiva e Lenitiva Indice Ragadi al seno: un problema per le mamme da non sottovalutare Sviluppo di una nuova formula e di

Dettagli

un aiuto per tutte le mamme che desiderano allattare!

un aiuto per tutte le mamme che desiderano allattare! Pediatria e Neonatologia Ospedale di Esine un aiuto per tutte le mamme che desiderano allattare! Cari genitori, benvenuti! Pensando a voi, che state vivendo un momento così felice per la nascita del vostro

Dettagli

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno Azienda Usl 7 di Siena Azienda Sanitaria delle zone Senese, Alta Val d'elsa, Amiata Val d'orcia e Valdichiana Senese DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Il libretto è stato elaborato dal gruppo di lavoro multidisciplinare

Dettagli

Informazioni per il paziente domiciliare

Informazioni per il paziente domiciliare Informazioni per il paziente domiciliare Data: Infermiere assistente: Medico curante: Altri numeri utili: Informazioni sul distributore Riportare qui le informazioni per contattare il distributore 2 Introduzione

Dettagli

Il parto nella gatta

Il parto nella gatta Il parto nella gatta Al termine del periodo di gestazione la gatta si appresta al parto. Il periodo di gravidanza nella gatta ha durata variabile da 63 a 65 giorni in media (anche se si possono considerare

Dettagli

Seno. Personalmente, nell ambito della mia specializzazione, ho sempre nutrito un interesse particolare verso la chirurgia estetica del seno.

Seno. Personalmente, nell ambito della mia specializzazione, ho sempre nutrito un interesse particolare verso la chirurgia estetica del seno. Seno Personalmente, nell ambito della mia specializzazione, ho sempre nutrito un interesse particolare verso la chirurgia estetica del seno. Mastoplastica Additiva E uno degli interventi di chirurgia estetica

Dettagli

Informazione sul processo di morte

Informazione sul processo di morte Informazione sul processo di morte Se non avete mai visto qualcuno morire, potreste temere ciò che accadrà, ma il momento della morte è solitamente tranquillo. Questa brochure è stata progettata per aiutarvi.

Dettagli

LA CORRETTA ROUTINE DI MUNGITURA

LA CORRETTA ROUTINE DI MUNGITURA LA CORRETTA ROUTINE DI MUNGITURA Una corretta routine di mungitura assicura un basso livello di contaminazione batterica del latte ed aiuta a ridurre il rischio di infezione mammaria 1 2 Utilizzare sempre

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Allattamento al Seno Alcuni suggerimenti per le mamme Regione Lazio La Regione Lazio, nel suo Piano Sanitario 2002-2004 e con la Delibera n. 1741 del 20 Dicembre

Dettagli

www.sicpre.it Riduzione del seno

www.sicpre.it Riduzione del seno Riduzione del seno I seni troppo grandi rispetto alle proporzioni del resto del corpo sono spesso causa di dolori al collo o alla schiena, nonché di piaghe o irritazioni sulle spalle dovute alle spalline

Dettagli

L allattamento. al seno. CONSIGLI PRATICI PER I GENITORI. Cari genitori, il modo migliore per aiutarvi nella non facile

L allattamento. al seno. CONSIGLI PRATICI PER I GENITORI. Cari genitori, il modo migliore per aiutarvi nella non facile L allattamento al seno. CONSIGLI PRATICI PER I GENITORI Cari genitori, il modo migliore per aiutarvi nella non facile impresa della crescita dei figli è accompagnarvi passo passo lungo le tappe della loro

Dettagli

Allattamento al Seno. come praticarlo con successo. Una guida pratica per gli operatori sanitari. di Tine Vinther Jerris

Allattamento al Seno. come praticarlo con successo. Una guida pratica per gli operatori sanitari. di Tine Vinther Jerris Allattamento al Seno come praticarlo con successo Una guida pratica per gli operatori sanitari di Tine Vinther Jerris WORLD HEALTH ORGANIZATION REGIONAL OFFICE FOR EUROPE COPENHAGEN, 1993 1 Prepared for

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Il neonato: istruzioni per l uso. Dott. Gennaro Salvia Responsabile UOC Pediatria Neonatologia-U.T.I.N. Ospedale Buon Consiglio Fatebenefratelli

Il neonato: istruzioni per l uso. Dott. Gennaro Salvia Responsabile UOC Pediatria Neonatologia-U.T.I.N. Ospedale Buon Consiglio Fatebenefratelli Il neonato: istruzioni per l uso Responsabile UOC Pediatria Neonatologia-U.T.I.N. Ospedale Buon Consiglio Fatebenefratelli Percorso di accompagnamento alla nascita Allattamento materno Formazione a piccoli

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. Voltaren Emulgel 2% gel diclofenac dietilammonio

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. Voltaren Emulgel 2% gel diclofenac dietilammonio Foglio illustrativo: informazioni per il paziente Voltaren Emulgel 2% gel diclofenac dietilammonio Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché contiene importanti informazioni

Dettagli

Comune di Romano d Ezzelino VIA G. GIARDINO, 105 ROMANO D EZZELINO (VI)

Comune di Romano d Ezzelino VIA G. GIARDINO, 105 ROMANO D EZZELINO (VI) L Asilo Nido Comunale Girotondo VIA G. GIARDINO, 105 ROMANO D EZZELINO (VI) 1 PREMESSA L allattamento al seno costituisce il miglior metodo alimentare per garantire una sana crescita ed un sano sviluppo

Dettagli

NUTRIZIONE DELLE DONNE, SALUTE E FERTILITÁ WHO/CDR/93.6 31/1 DA DOVE PROVIENE L ENERGIA PER PRODURRE IL LATTE MATERNO. 200 Calorie.

NUTRIZIONE DELLE DONNE, SALUTE E FERTILITÁ WHO/CDR/93.6 31/1 DA DOVE PROVIENE L ENERGIA PER PRODURRE IL LATTE MATERNO. 200 Calorie. 31. Nutrizione delle donne, salute e fertilità 151 Sessione 31 (Sessione aggiunta) NUTRIZIONE DELLE DONNE, SALUTE E FERTILITÁ Introduzione Quando aiutate una madre ad allattare al seno, è importante ricordarle

Dettagli

L uso delle mani e del corpo

L uso delle mani e del corpo PARTE SECONDA 77 78 1 L uso delle mani e del corpo Il contatto: massimo Il contatto delle mani e, quando possibile, delle avambraccia sul corpo, deve essere pieno e senza interruzioni. Durante il massaggio

Dettagli

Guida per i formatori

Guida per i formatori Guida per i formatori Obiettivi del corso Favorire la trasformazione degli ospedali con reparti di maternità in Ospedali Amici dei Bambini, mediante l applicazione dei 10 passi per allattare al seno con

Dettagli

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia Lettere ai genitori Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia 1 Indice Imparare a conoscersi e ad amarsi 4 Coccolare e curare 10 Allattamento al seno e/o con il biberon? 14 Succhiare non

Dettagli

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Un catetere può migliorare la vostra salute e qualità di vita. Siccome sappiamo che potrebbe richiedere un bel po di adattamento, abbiamo

Dettagli

Gusto di mamma. Allattare al seno con facilità e soddisfazione. con il patrocinio della ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LA FAMIGLIA

Gusto di mamma. Allattare al seno con facilità e soddisfazione. con il patrocinio della ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LA FAMIGLIA Gusto di mamma Allattare al seno con facilità e soddisfazione con il patrocinio della ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LA FAMIGLIA Questo quaderno è dedicato alla memoria e al sorriso di Anna Maria

Dettagli

ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO!

ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO! ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO! Il neonato va posto direttamente nel suo lettino! Non serve farlo dormire nella carrozzina o in ceste o culle. IN CAMERA CON I GENITORI SI NEL LETTONE NO!

Dettagli

Allattamento al seno

Allattamento al seno Dipartimento Materno Infantile Presidio Ospedaliero Pietra Ligure - Albenga Ospedale S. Corona di Pietra Ligure S.C. Ginecologia e Ostetricia Direttore: A. Zolezzi S.C. Neonatologia e Pediatria Direttore:

Dettagli

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni Dispositivo di assistenza meccanica al circolo Consigli per la prevenzione delle infezioni Gentile questo e il vademecum del dispositivo di assistenza meccanica al circolo che le è stato applicato. Lo

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012 Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione Ricerca quantitativa settembre 2012 Questa ricerca COMMISSIONATA AD ASTRARICERCHE DA LILT NEL SETTEMBRE 2012 REALIZZATA TRA L'11 E

Dettagli

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento La Famiglia P Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento Segnalazione 14/02/2012 Ospedale Pediatrico Meyer La piccola G. (2 mesi e 7 giorni) si trova ricoverata al reparto di Terapia Intensiva

Dettagli

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T.

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita degli anziani è quella

Dettagli

Desidero solo spiegarti una tecnica semplice e naturale che ho usato con soddisfazione (finora circa 1 cm in un mese e mezzo).

Desidero solo spiegarti una tecnica semplice e naturale che ho usato con soddisfazione (finora circa 1 cm in un mese e mezzo). ALLUNGAMENTO DEL PENE Nota importante: non sono un medico nè un esperto di queste problematiche pertanto non ponetemi domande scientifiche, sono solo un uomo che, avendo il problema (o è solo un complesso?...mah..)

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca.

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. 1. Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. Circa un bambino su cinque è vittima di varie forme di abuso o di violenza sessuale. Non permettere che accada al tuo bambino. Insegna al tuo bambino

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

BOLZANO. Autoesame del seno

BOLZANO. Autoesame del seno Autoesame del seno La prevenzione dei tumori mammari è un argomento che deve essere ancora trattato, data l'incidenza di tale malattia, ed essere sempre presente nella nostra cultura. Una donna su dieci

Dettagli

Servizio 2-6 anni Turri. Sezione gialla a.s. 2009-10. La casa della salute

Servizio 2-6 anni Turri. Sezione gialla a.s. 2009-10. La casa della salute Servizio 2-6 anni Turri Sezione gialla a.s. 2009-10 La casa della salute La Fiera di Scandicci che si svolge la prima settimana di ottobre, ci dà lo spunto per approfondire la conoscenza della nostra città

Dettagli

COCCOLA DI MAMMA QUI MAMMA CI COVA. Associazioni di Promozione Sociale

COCCOLA DI MAMMA QUI MAMMA CI COVA. Associazioni di Promozione Sociale COCCOLA DI MAMMA QUI MAMMA CI COVA Associazioni di Promozione Sociale Chi siamo? Siamo genitori che vivono con i loro bambini e non nonostante loro. Siamo donne, compagne, mogli, amiche e... Mamme! Siamo

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Ospedale di Oderzo. Nido. Guida ai servizi

Ospedale di Oderzo. Nido. Guida ai servizi Ospedale di Oderzo Nido Guida ai servizi Carissimi genitori, queste informazioni sono dirette a voi che avete scelto questo reparto per i primi giorni di vita del vostro bambino. La nostra struttura è

Dettagli

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno.

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno. Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno. Beatrice Dalla Barba Formatore Azienda Ospedaliera: Ostetrica E.Righetti PERCHE E COSI IMPORTANTE PROMUOVERE L ALLATTAMENTO AL SENO? L AS nei

Dettagli

AISMEL Associazione Italiana Studio Malformazioni Esterne e Labiopalatoschisi

AISMEL Associazione Italiana Studio Malformazioni Esterne e Labiopalatoschisi AISMEL Associazione Italiana Studio Malformazioni Esterne e Labiopalatoschisi LABIOPALATOSCHISI BABY CARE INFERMIERISTICO E COUNSELLING AI GENITORI Sala Gronchi, Tenuta di S. Rossore 4 Giugno 2011 Baby-

Dettagli

il primo giorno il bambino riesce a sentire il battito del suo cuore temperatura superficiale, battito cardiaco e pressione del sangue più stabili

il primo giorno il bambino riesce a sentire il battito del suo cuore temperatura superficiale, battito cardiaco e pressione del sangue più stabili il primo giorno Il momento che segue la nascita di un bambino è molto eccitante, ma altrettanto faticoso. Se si hanno delle informazioni sull allattamento al seno è più semplice affrontare il primo giorno.

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

I TRAUMI MUSCOLARI LE CONTUSIONI Contusioni più o meno gravi, almeno una volta nella vita, le abbiamo subite più o meno tutti. Esse, in parole povere, rappresentano il risultato di un evento traumatico

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Francesco Albanese, 67 anni Ex titolare di una impresa edile Operato 5 anni fa di protesi alle ginocchia Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO ALLATTAMENTO E CARCINOMA DELLA MAMMELLA Relatore: Prof. Biglia Nicoletta Candidata: Spina Federica ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Nei Paesi industrializzati circa il 10% delle

Dettagli

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Atmosfera in sala travaglio Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Libertà di movimento in travaglio Assunzione cibi e liquidi Monitoraggio continuo o intermittente?

Dettagli

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze Corso per Operatori Servizio Emergenza Sanitaria della CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene

Dettagli

con rotazione destra e inclinazione sinistra

con rotazione destra e inclinazione sinistra Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Unità Riabilit. Gravi Disabilità Infantili Dott. A. Ferrari - Direttore Torcicollo con rotazione destra e inclinazione sinistra 1 A cura di: Giulia Borelli,

Dettagli

Le proprietà del latte materno I vantaggi dell'allattamento materno Per la mamma Per il bambino I dubbi delle mamme Avrò abbastanza latte?

Le proprietà del latte materno I vantaggi dell'allattamento materno Per la mamma Per il bambino I dubbi delle mamme Avrò abbastanza latte? IL LATTE MATERNO Il latte della mamma è il miglior alimento per il bambino. Per i primi sei mesi in modo esclusivo e poi ntroducendo la prima pappa con cibi solidi, fino all anno di vita e oltre. Durante

Dettagli

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali La Febbre: Info per i genitori Calvani Mauro e Laura Reali 1. A cosa serve la febbre? La febbre èun importante e benefico meccanismo di difesa con cui il tuo bambino si difende dai germi che entrano nel

Dettagli

LE MIGLIORI CANDIDATE ALL'INTERVENTO DI COMPLICANZE

LE MIGLIORI CANDIDATE ALL'INTERVENTO DI COMPLICANZE astopessi 1 MASTOPESSI Con il passare degli anni le mammelle di una donna subiscono dei cambiamenti dovuti a fattori come la gravidanza, l'allattamento e la forza di gravità. Poichè la cute perde la sua

Dettagli

INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO

INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO Casa Internazionale della Donna Roma, 24 giugno 2011 INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO Ostetrica Antonella Bernardini INTEGRAZIONE OSPEDALE E TERRITORIO L INTEGRAZIONE TRA LE STRUTTURE OSPEDALIERE E QUELLE

Dettagli

Mio figlio ha l eczema?

Mio figlio ha l eczema? FONDATION Mio figlio ha l eczema? Informazioni fornite ai genitori e utili per gli insegnanti Dott. Jacques ROBERT Pediatra - Allergologo A cura della FONDAZIONE PER LA DERMATITE ATOPICA Capire l eczema

Dettagli