Il caso biblioteca Panizzi di Reggio Emilia 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il caso biblioteca Panizzi di Reggio Emilia 1"

Transcript

1 Il caso biblioteca Panizzi di Reggio Emilia 1 La città di Reggio Emilia ha circa abitanti, e si trova al centro di un territorio ricco dal punto di vista economico e culturale; le economie locali di Bologna, Parma e Modena sono caratterizzate dal punto di vista settoriale e le tre città sono sedi di poli universitari articolati e di grandi tradizioni. Rispetto a questi, Reggio Emilia appare relativamente più povera e meno specializzata dal punto di vista economico: l agricoltura, la produzione di macchine per agricoltura e l allevamento sono le attività tipiche; nella città è inoltre localizzata la sede distaccata di ingegneria gestionale dell'università di Bologna e potrebbe trovare sede il distaccamento della facoltà di scienza della produzione alimentare dell'università di Parma. Fino alla metà degli anni 70, la città aveva due biblioteche centrali, la Municipale e la Popolare, entrambe biblioteche comunali con missione e segmenti di utenza diversi. La biblioteca Popolare era nata all inizio del 900 con l intento di garantire l accesso alla lettura ai ceti socialmente più bassi, mentre la biblioteca Municipale, di più antica costituzione, era nata come biblioteca di conservazione e di consultazione per i ceti più abbienti e progressivamente aveva allargato il proprio raggio d azione e potenziato la sezione di pubblica lettura. Col tempo, tuttavia, la distinzione fra le due biblioteche era andata sfumando agli occhi dei cittadini e le due istituzioni competevano per le risorse finanziarie e per attirare utenti. A metà degli anni 70, l amministrazione comunale decise di unificare le due istituzioni in un unica biblioteca, intitolata ad Antonio Panizzi 2 ; nella riorganizzazione degli spazi e delle raccolte conseguente alla unificazione, il materiale librario fu distinto in due classi e destinato a due sezioni distinte: il materiale raro, particolarmente pregiato, di uso saltuario, di interesse di pochi specialisti fu destinato alla sezione di conservazione, mentre il materiale nuovo, su temi di attualità, di interesse diffuso fu raccolto nella sezione di pubblica lettura. Le due sezioni furono ospitate in due aree distinte della sede della biblioteca, un ex convento del 1700 nel centro storico della città. Tabella 1: Caratteristiche della biblioteca Panizzi Dotazione libraria di cui in pubblica lettura Utenti (frequenze) Totale opere distribuite Prestiti sezione pubblica lettura di cui ragazzi di cui audiovisivi Opere distribuite sezione conservazione di cui prestate Totale prestiti Nuove acquisizioni librarie 1 Il caso è stato scritto da P.Dubini a fini didattici 2 Antonio Panizzi, cttadino di Reggio Emilia, è un personaggio di spicco nella biblioteconomia. Vissuto all inizio dell 800, fu direttore della biblioteca del British Museum di Londra e vi introdusse un sistema di catalogazione da lui progettato.

2 Il sistema bibliotecario della città è oggi formato dalla sede centrale e da tre biblioteche decentrate; la biblioteca centrale ha una dotazione di oltre volumi nella sezione di pubblica lettura e di oltre documenti nella sezione di conservazione. La tabella 1 mostra alcuni dati di sintesi che testimoniano la recente evoluzione della biblioteca e le differenze fra le sue due sezioni principali. La dotazione libraria complessiva è passata da titoli nel 1989 a nel 1997; nello stesso periodo le frequenze sono passate da a e il totale delle opere distribuite da a Gli iscritti al sistema bibliotecario nel 1997 erano (su abitanti) e i nuovi libri acquistati oltre La tabella 2 presenta alcuni indicatori relativi al periodo che testimoniano la vitalità della biblioteca. Tabella 2: Alcuni indicatori relativi al periodo Iscritti Nuovi iscritti Prestiti annui di cui audiovisivi di cui sez. conservazione Totale opere distribuite Totale nuovi libri La strategia di crescita della biblioteca Panizzi è fortemente orientata a garantire il mantenimento e la vitalità del patrimonio librario: in particolare, grande attenzione è rivolta alla promozione della lettura presso la cittadinanza. Il successo di tale strategia è misurabile da un lato in termini di crescita costante e sostenuta della dotazione libraria, dall'altro dalla capacità di aumentare il flusso dei prestiti (innalzando il livello di saturazione del mercato) e di aumentare di anno in anno il numero di nuovi iscritti (migliorando il tasso di penetrazione sul mercato). Va interpretata sotto questa luce la soddisfazione con cui la Panizzi sottolinea i risultati raggiunti sul fronte del prestito dei materiali audiovisivi e dei libri per ragazzi: il prestito degli audiovisivi, introdotto a partire dal 1997, si configura come un arricchimento del sistema di offerta della biblioteca in termini di ampliamento della gamma di prodotto, mentre l'enfasi posta sul segmento dei libri per ragazzi può essere intesa come la volontà di creare e coltivare un mercato captive di utenti educati alla lettura in giovane età. Il trend di sviluppo del sistema bibliotecario Panizzi trova conferma anche nella sensibile crescita fatta registrare dai prestiti delle tre biblioteche decentrate. (il cui patrimonio titoli oscilla fra le e le unità). Oltre alla Panizzi e alle tre biblioteche decentrate, la città ospita due biblioteche scientifiche (mediche) pubbliche e una biblioteca neocostituita all'interno. Nel centro storico operano 5 librerie con risultati reddituali mediamente superiori alla media nazionale. Il mercato per l editoria di varia in città è fra i 5 e i 6 miliardi di lire, escludendo il fatturato della scolastica e delle 3 librerie a metà prezzo (ci sono 3 librerie in città che hanno la sezione a metà pezzo). Ciascuna libreria ha un posizionamento specifico e fornisce alcuni editori / generi alla biblioteca Panizzi. 3. La riorganizzazione della sezione di pubblica lettura A partire dal 1978, per favorire la massima diffusione del materiale della sezione di pubblica lettura, volumi sono esposti su scaffali accessibili al pubblico, dai quali sono prelevati direttamente dagli interessati, invece di essere conservati in magazzino e prelevati dai bibliotecari. Attualmente, circa volumi sono conservai a scaffale aperto e sono consultati e prelevati direttamente dalle 1.000/1.500 persone che ogni giorno accedono alla biblioteca. Nello stesso

3 tempo, sono istituiti alcuni servizi per consentire all utente di orientarsi all interno della biblioteca e di individuare da solo i libri che sta cercando. Parallelamente alla riorganizzazione a scaffale aperto, è avviata una massiccia campagna di comunicazione, che vuole presentare la biblioteca come un luogo facile da frequentare e vicino al cittadino, invece che un santuario che raccoglie testi preziosi da consultare. Per portare la biblioteca ai cittadini, la Panizzi e le tre biblioteche decentrate hanno organizzato il servizio di prestito in luoghi molto frequentati dalle famiglie attraverso due campagne specifiche: la biblioteca ai giardini e la biblioteca in piscina. A seguito della riorganizzazione, è aumentato sensibilmente il numero dei prestiti: gli iscritti alla biblioteca erano nel 1977, contro i nel 1993, per un totale di prestiti nella sezione di pubblica lettura (circa due libri all anno per abitante). Un altro segmento di utenti privilegiato nelle politiche di comunicazione è stato quello dei ragazzi, coinvolti dalle biblioteche decentrate in collaborazione con le scuole. 4. La gestione automatizzata dei prestiti La riorganizzazione degli spazi e la politica di comunicazione determinano un aumento del flusso di visitatori e dei prestiti, ma anche un ingolfamento nei processi complementari al prestito. La procedura manuale di registrazione dei prestiti prevede le seguenti tappe: una volta che il lettore ha prelevato il titolo che desidera prendere in prestito, va al bancone dei prestiti. L operatore cerca la scheda-lettore nello schedario dei lettori e la estrae, preleva dall'interno del libro la scheda-libro, annota sulla scheda-lettore il codice del libro preso a prestito e la reintroduce nello schedario dei lettori, annota sulla scheda-libro il nome del lettore e la inserisce nello schedario dei libri a prestito, e consegna infine il libro al lettore. L aumento del numero di prestiti, che pure si accompagna ad un potenziamento del numero di addetti a questa funzione, determina un rallentamento notevole nella gestione dei prestiti e un rallentamento nelle procedure di ricollocazione dei titoli sugli scaffali, con un conseguente disservizio nei confronti degli utenti, costretti a code al banco dei prestiti e ad aspettare che i titoli già rientrati in sede fossero ricollocati e resi disponibili per nuovi prestiti. Gli addetti al prestito erano aumentati ma non erano sufficienti a smaltire il lavoro e nelle ore di punta dovevano essere aiutati da altri operatori della biblioteca; inoltre, i ritmi sempre più intensi dell'attività di prestito, rendevano tale mansione (peraltro già di per sé scarsamente apprezzata dagli addetti) demotivante per il personale, che era solito chiamare il banco dei prestiti la trincea. Tutte le sere il personale era costretto a ore di straordinario per compilare a mano le due schede (una cliente e una volume ) relative a ciascun prestito; gli errori erano frequenti e la qualità del lavoro bassa. Infine, la gestione dei rientri e le procedure di invio dei solleciti in caso di mancata consegna alla scadenza non riuscivano ad essere attuate nei tempi e nei modi previsti; il sistema stava entrando in crisi, ricorda il direttore della biblioteca. Nel 1980, pertanto, la biblioteca decide di automatizzare la procedura di distribuzione dei libri a scaffale: si era stimato che a regime un sistema automatizzato avrebbe ridotto il carico di lavoro ad un terzo. Data l'urgenza del problema della gestione dei prestiti, il processo di automatizzazione della biblioteca è partito dalla fase finale, invece che dalle fasi a monte di catalogazione e di consultazione. Ciò è stato possibile: 1. realizzando un archivio elettronico contenente informazioni minimali sul libro, ossia solo quelle essenziali per il riconoscimento del libro e permetterne l'uscita; si è in pratica realizzata un'automatizzazione parziale della catalogazione per titolo, autore, collocazione; 2. provvedendo ad integrare tali informazioni "in batch" in momenti successivi. L'analisi delle procedure da automatizzare è stata svolta congiuntamente da un informatico (dipendente al Centro di Calcolo del Comune di Reggio Emilia 3 ) e da un bibliotecario (che Commento [UB1]: La scheda volume, contenuta nel libro esposto, riportava numero di classificazione, autore, titolo, collocazione (e se il libro era a prestito, era conservata in uno schedario presso il banco distribuzione e conteneva anche il nome del prestatario); la scheda cliente, conservata in uno schedario presso il banco della distribuzione, conteneva nome, cognome, numero di tessera (e libri a prestito). 3 Il Centro Di Calcolo del Comune di Reggio Emilia fornisce ancora oggi servizi di elaborazione dati sia al comune di RE, sia ad alcuni comuni della cintura, sia agli enti che a questi afferiscono. I fabbisogni di elaborazione della biblioteca

4 attualmente continua ad essere il responsabile degli aspetti informatici della biblioteca). Ad essa ha fatto seguito lo sviluppo di una applicazione su misura per la gestione del prestito. Il nuovo sistema di prestito della Panizzi si incentra su un insieme di mezzi informatici e su una articolata procedura automatizzata che gestisce (crea, aggiorna, modifica) due principali archivi di dati: l archivio libri e l archivio lettori (figura 1). Figura 1: Il sistema di gestione dei prestiti MAINFRAME lettori libri SW gestione prestiti linea ded stazione di lavoro PC + lett. ott. stazione di lavoro term. + lett. ott. Banco Prestiti biblioteca Panizzi L'automazione non ha comportato revisioni radicali della procedura prestiti, ma ha condotto pressoché esclusivamente ad una sua trasposizione informatica: non sono effettuati interventi di razionalizzazione profonda ma si compiono a computer le stesse operazioni che si facevano su carta. Il beneficio, quindi, non deriva dall avere rivisto la gestione per mezzo delle tecnologie informatiche, ma dall avere reso le procedure esistenti molto più rapide. La nuova procedura di prestito prevede che il lettore prelevi il libro dallo scaffale aperto e vada al bancone dei prestiti; l operatore aggiorna l'archivio lettori leggendo il bar-code della tessera con una penna ottica, aggiorna l'archivio libri leggendo il bar-code del libro con una penna ottica e consegna il libro al lettore La procedura prestiti è trasversale all'intera gestione operativa della sezione pubblica lettura ed ha forti collegamenti con tutte le altre procedure; attorno al sistema dei prestiti, si incentra una serie di procedure che utilizzano il patrimonio informativo costituito dalla base dei dati dei libri e dalla base dei dati dei lettori. Si tratta di statistiche che permettono di analizzare secondo diverse dimensioni i dati sulla lettura della Panizzi. Le altre procedure che ruotano attorno ai prestiti sono relative alle ricerche nel catalogo, alle stampe in locale, all'invio dei solleciti, alla generazione del bar-code per tessere lettori e per tessere libri. L automazione dei prestiti ci ha permesso di avere una mappa dettagliata del movimento della biblioteca e degli interessi degli utenti, così da aiutarci nelle politiche d acquisto e nella selezione rappresentano circa il 10% degli impegni del Centro di Calcolo e non sono da questo considerati critici; talvolta la biblioteca ha difficoltà ad ottenere le tipiche le risorse scarse dei centri di elaborazione dati: tempo-uomo, investimenti in macchine ed anche spazio su disco (tant'è che la catalogazione dei libri è stata effettuata "tagliando" le informazioni su di essi: la lunghezza massima consentita per il titolo, ad esempio, è di 50 caratteri e talvolta non basta a contenere il titolo intero).

5 dei titoli da mantenere sugli scaffali.. Inoltre, siamo in grado di segmentare le richieste per tipo di utente e di verificare come cambiano nel tempo i gusti dei nostri lettori 5. I processi chiave Le sezioni di pubblica lettura e di conservazione sottendono modelli gestionali e visioni di fondo molto diverse, configurando strutture di costo e richiedendo competenze distintive diverse. Di seguito sono tratteggiate le principali differenze nella gestione delle due sezioni (tabella 3); l analisi dei processi chiave è condotta con riferimento alla sezione di pubblica lettura. Tabella 3: la sezione conservazione e la sezione pubblica lettura della biblioteca Panizzi Sezione conservazione Sezione pubblica lettura Libri acquistati Dotazione libraria Prestiti Consultazioni Personale coinvolto 17 persone full time 4,4 part time 1 obiettore 9,5 volontari 17,8 persone full time 5 part time 3,7 obiettori 13,5 volontari La sezione conservazione ha un patrimonio significativamente più consistente rispetto alla sezione di pubblica lettura che, come intuibile, presenta un indice di circolazione molto basso. La distinzione fra prestiti e consultazioni non è disponibile per la sezione di pubblica lettura, poiché i volumi sono direttamente accessibili dagli utenti. Per quanto riguarda le accessioni, si tratta in genere di acquisti programmati nel caso della sezione di pubblica lettura, di lasciti o donazioni nel caso della sezione di conservazione. Dal punto di vista gestionale, la diversa modalità di accessione delle due sezioni determina una diversa possibilità di prevedere il flusso in entrata dei volumi e una conseguente diversa organizzazione delle attività di catalogazione e di collocazione. La diversa movimentazione dei volumi unita alla consistenza delle raccolte e alla loro localizzazione fisica determina fabbisogni di personale distinti dal punto di vista del numero e delle mansioni. Le due tabelle sottostanti mostrano il grado di assorbimento del tempo del personale e i costi relativi per le attività che compongono i processi chiave all interno delle due sezioni. Il confronto fra le percentuali di tempo dedicato a diverse attività permette alcune riflessioni sulla possibilità e sull opportunità di riprogettare alcune procedure e sul peso relativo di una data attività nell economia di una sezione. Il confronto sull incidenza sui costi di personale consente di individuare le fasi che richiedono il coinvolgimento di personale full-time rispetto o con maggiore esperienza. Acquisizione e trattamento dei volumi, prestito e manutenzione del patrimonio rappresentano, come prevedibile, le principali attività che assorbono il tempo del personale della biblioteca; come prevedibile, le attività di prestito e quelle ad esso connesse sono relativamente più onerose, in termini di tempo e di costi relativi, per la sezione di pubblica lettura. E da notare il fatto che la gestione dei prestiti nella sezione di conservazione segue procedure molto differenti rispetto alla analoga attività nella sezione di pubblica lettura. Nella sezione di conservazione infatti i volumi sono conservati in magazzini climatizzati non accessibili al pubblico e la procedura di prestito è svolta manualmente.

6 Tabella 4: tempi e costi di personale nei processi chiave della sezione conservazione Sezione conservazione Acquisizione e trattamento di libri moderni, manoscritti e libri antichi, periodici, fotografie, stampe manifesti % di tempo assorbito sul totale del tempo uomo dedicato alla sezione costo di personale di competenza dell attività (milioni di lire) Costo di personale di competenza dell attività (%) 35,2% 184,1 25,5% Prestito libri periodici e prestito 15,2% 192,5 26,7% interbibliotecario Manutenzione e gestione del 9,3% ,4% patrimonio Consulenza al pubblico 6,1% 46,3 6,4% Fotocopie al pubblico e microfilm 3,5% 32,3 4,5% Vigilanza in sala 18,5% 38,5 5,3% Attività culturali 0,6% 10,8 1,5% Sistemi informativi 0,9% 19,1 2,6% Attività generali 10,2% 100,9 14,0% Totale 100% 720,1 100% Tabella 5: tempi e costi di personale nei processi chiave della sezione pubblica lettura Sezione pubblica lettura % di tempo assorbito sul totale del tempo uomo dedicato al business costo di personale di competenza dell attività (milioni di lire) costo di personale di competenza dell attività (%) Acquisizione e trattamento di libri 23,6% 256,8 31,8% moderni, documentari e film Prestito libri e audiovisivi 23,5% 221,6 27,4% Manutenzione e gestione del 19,8% 109,3 13,5% patrimonio Consulenza al pubblico 3,7% 51,2 6,3% Fotocopie al pubblico e microfilm 3,9% 5,5 0,7% Vigilanza in sala 12,6% 19,3 2,4% Attività culturali 0,5% 7,8 0,9% Sistemi informativi 1,3% 24,9 3,1% Attività generali 10,7% 110,8 13,7% Totale 100% 807,2 100% Le attività chiave presentano queste caratteristiche: Acquisizione e trattamento I libri e gli altri materiali conservati nella Panizzi raggiungono la biblioteca a seguito di acquisto o di donazioni. Mentre per i libri acquistati dalla biblioteca è possibile una programmazione abbastanza precisa delle attività e la biblioteca ha gradi di libertà molto ampi nel definire impegni di spesa e composizione dell assortimento, la gestione delle donazioni segue un iter parallelo ed è attuata facendo in parte ricorso a volontari, in parte grazie a finanziamenti specifici destinati alla sezione di conservazione.

7 Il budget totale per gli acquisti è ripartito annualmente fra i bibliotecari, sulla base della composizione del patrimonio, delle preferenze espresse dal pubblico attraverso i prestiti o le richieste specifiche e del comportamento seguito negli anni precedenti; alcuni titoli sono acquistati per garantire alla biblioteca di svolgere una funzione di aggiornamento su aspetti particolari (ad esempio l evoluzione delle normative) e per mantenere un livello di vitalità minima dei diversi settori. Le risorse economiche disponibili sono concentrate sugli acquisti di libri; le politiche di acquisto privilegiano le novità in lingua italiana, mentre le decisioni relative al riacquisto sono determinate in funzione del tasso di rotazione dei volumi; i riordini sono quasi automatici per i titoli che escono in prestito almeno sette volte l anno. Gli acquisti annui si aggirano sui volumi; il 95% degli acquisti si riferisce a libri nuovi, destinati alla sezione di pubblica lettura. Ciascun bibliotecario - all interno del budget a sua disposizione - compie le decisioni d acquisto sulla base delle proposte dei lettori da un lato e delle proposte di novità presentate dai librai di Reggio Emilia dall altro. Le proposte dei lettori sono circa all anno, riguardano principalmente i libri destinati alla sezione di pubblica lettura e sono accolte nella quasi totalità dei casi, poiché la biblioteca ritiene che la disponibilità di un libro richiesto da un lettore sia parte del servizio irrinunciabile della Panizzi ai suoi lettori. Poiché i frequentatori più assidui della Panizzi sono studenti e famiglie, i titoli più richiesti tendono ad essere libri di studio ovvero libri di narrativa e di attualità, in buona parte best seller, ma anche libri di catalogo. Gli acquisti sono ripartiti fra le librerie in funzione della casa editrice e dell eventuale specializzazione della libreria, in modo da garantire a ciascun libraio più o meno lo stesso volume di fatturato; i riacquisti sono concentrati su una sola libreria, in modo da minimizzare i tempi di ferma del titolo e garantire un miglior servizio agli utenti della Panizzi. Solitamente trascorrono circa 20 giorni dal momento della richiesta di un titolo da parte di un lettore e la sua effettiva disponibilità sugli scaffali. I libri acquistati sono prevalentemente in lingua italiana; i libri di narrativa sono anche in lingua (inglese, francese, spagnolo, tedesco, egiziano), così come qualche saggio, in genere su richiesta dei lettori.nella valutazione dei titoli da acquistare si tiene anche conto del rapporto prezzo / beneficio per i diversi titoli; questo significa che la biblioteca evita di acquistare volumi con un prezzo di copertina elevato (per ogni genere è calcolato il prezzo medio dei volumi, ottenuto dividendo il valore complessivo del prezzo per il numero di titoli acquistati) La decisione di acquisto da parte della biblioteca comporta l avvio da un lato delle procedure amministrative per il suo pagamento, dall'altro delle operazioni di trattamento dei volumi; ciascun bibliotecario, per i titoli di sua competenza, è tenuto alla catalogazione, all individuazione del soggetto e della descrizione a terminale del volume, gli assistenti provvedono poi a stilare un abstract del libro, a etichettarlo e a riporlo negli scaffali presso la sezione conservazione ovvero in pubblica lettura. A questo punto il volume è pronto per il prestito. Assistenza al pubblico L attività di assistenza al pubblico si sostanzia in una serie di servizi resi dai bibliotecari per rendere più agevole la consultazione e l utilizzo delle strutture da parte degli utenti. Il grado di coinvolgimento e di impegno varia molto fra la sezione di conservazione e quella di pubblica lettura; nel primo caso infatti si tratta di un servizio consolidato per un pubblico già abituato a frequentare la Panizzi; nel caso della sezione di pubblica lettura, l attività di consulenza si affianca a quella di orientamento per un pubblico decisamente più ampio; la varietà delle richieste è anche legata la fatto che il servizio consulenza all interno della sezione di pubblica lettura è localizzato in un punto di grosso passaggio. Le richieste da parte degli utenti sono state rilevate sistematicamente,

8 allo scopo di ridurre il coinvolgimento dei bibliotecari nell attività di orientamento e definire eventuale materiale illustrativo per il pubblico. Nella sezione di pubblica lettura, ciascun bibliotecario dedica il 25% circa del proprio tempo alla consulenza al pubblico, mentre nel settore di conservazione la percentuale si aggira sul 16% 4. Poiché il bibliotecario di turno deve essere in grado di rispondere alle richieste su tutti i generi - e non solo su quelli di sua specializzazione - la attività di consulenza è un modo per garantire un minimo di aggiornamento on the job ai bibliotecari su tutto il fondo della biblioteca. Fra le attività che qualificano l assistenza al pubblico sono: la consulenza nella scelta dei titoli, la composizione di bibliografie, l assistenza nella fase di consultazione, la supervisione al servizio fotocopie e così via. Attività di prestito L attività di prestito è stata, come si è detto, completamente informatizzata ed è di fatto già stata descritta; i volontari o gli assistenti leggono con penna ottica i dati riportati sul volume e immettono a terminale i dati relativi all utente; sempre a terminale sono gestite le restituzioni dei volumi, che sono poi riposti negli scaffali dai volontari. Nella sezione di pubblica lettura è possibile prendere a prestito 4 libri per un mese (in alcuni casi, invalidità, tesi di laurea ecc. si possono prendere a prestito più volumi); nella sezione di conservazione e storia locale - non a scaffali aperti - l'accesso è limitato alle persone che hanno più di 15 anni e sono consentiti due prestiti al mese. Il segmento di utenza che frequenta di più la Panizzi è composto prevalentemente dai ragazzi fra i 18 i 30 anni; i bambini tendono invece a frequentare di più le biblioteche decentrate. Un altro segmento importante è rappresentato dagli anziani, che spesso utilizzano la biblioteca per attività di consultazione più che per il prestito. Il 32% dei libri presenti sugli scaffali non è richiesto in prestito neppure una volta in un anno; poiché la biblioteca è ospitata in un palazzo antico, la disposizione degli scaffali per l accesso diretto da parte del pubblico non è sempre agevole; periodicamente quindi, alcuni volumi disposti sugli scaffali aperti sono rimossi e spostati nei magazzini interni, per lasciare più spazio ai titoli a maggiore rotazione. Promozione e marketing Raggruppa le attività organizzate all interno della Panizzi o delle biblioteche decentrate per promuovere la lettura o valorizzare il patrimonio della biblioteca. A seguito dei tagli di budget intervenuti a partire dal 1990, le attività promozionali (convegni, mostre ecc.) sono state significativamente ridotte; ad oggi rappresentano una componente marginale della catena del valore complessiva della Panizzi, anche se potrebbero essere valorizzate per sviluppare attività imprenditoriali e generare reddito per il sistema bibliotecario. La tabella 6 confronta i risultati della biblioteca Panizzi al 1993 con quelli di una serie di ricerche sull efficacia e l efficienza delle biblioteche italiane effettuati nello stesso periodo. I risultati non sono confrontabili in modo puntuale, poiché provengono da studi diversi fra loro per obiettivi conoscitivi e caratteristiche del campione considerato, ma forniscono un idea seppure sintetica dei risultati conseguiti dalla biblioteca Panizzi rispetto alla situazione nazionale o dell Italia del Nord. 4 Nel calcolo è compreso anche il servizio di vigilanza nelle sale di lettura

9 Tabella 6: i risultati della Panizzi rispetto ai risultati medi di campioni diversi di biblioteche di pubblica lettura (1993) Risultati medi Biblioteca Panizzi (sezione pubblica lettura) Volumi per abitante 1,35 3,56 Accessioni annue 45, Personale ogni abitanti 0,78 0,35 * Indice di circolazione 0,44 2,08 Prestiti / iscritti 6,4 4,1 Prestiti per addetto Prestiti per abitante 0,43 1,77 * Il dato è stato ottenuto considerando solo i dipendenti della biblioteca, full-time e part-time ed è stato utilizzato per calcolare i prestiti per addetto; se si considerano anche i volontari e gli obiettori di coscienza che prestano servizio civile presso la biblioteca il valore sale a 0,6 persone ogni abitanti

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI THIENE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 408 del 27.09.2001

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI THIENE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 408 del 27.09.2001 REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI THIENE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 408 del 27.09.2001 PRESENTAZIONE TITOLO PRIMO: Finalità del servizio TITOLO SECONDO: Direzione, personale e

Dettagli

REGOLAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE PER L INFANZIA

REGOLAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE PER L INFANZIA REGOLAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE PER L INFANZIA TITOLO I PRINCIPI ISPIRATORI - SCOPI E FUNZIONI ART. 1 PRINCIPI ISPIRATORI La Biblioteca Comunale per l Infanzia ai sensi dell art. 2 della Legge Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Alviero Negro

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Alviero Negro Comune di Muzzana del Turgnano REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Alviero Negro Art. 1 DISPOSIZIONI GENERALI E FINALITA DEL SERVIZIO 1. Il Comune di Muzzana del Turgnano favorisce la crescita culturale

Dettagli

ALLEGATO A. Descrizione sedi di lavoro, orari, numero di personale addetto al front office, quantificazione attività di catalogazione

ALLEGATO A. Descrizione sedi di lavoro, orari, numero di personale addetto al front office, quantificazione attività di catalogazione ALLEGATO A Descrizione sedi di lavoro, orari, numero di personale addetto al front office, quantificazione attività di catalogazione 1 DESCRIZIONE SEDI DI LAVORO: La Biblioteca è situata in una delle vie

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI SCHILPARIO

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI SCHILPARIO REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI SCHILPARIO ART. 1 COMPITI E SERVIZI DELLA BIBLIOTECA La Biblioteca Comunale di Schilpario è un istituzione culturale aperta al pubblico e costituisce unità di servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE TITOLO I FINALITA E COMPITI. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE TITOLO I FINALITA E COMPITI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE TITOLO I FINALITA E COMPITI Art. 1 Finalità La biblioteca del Comune di Monte Porzio Catone è istituita come servizio informativo e culturale di base da rendere alla

Dettagli

COMUNE DI VILLANOVA MARCHESANA PROVINCIA DI ROVIGO STATUTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI VILLANOVA MARCHESANA

COMUNE DI VILLANOVA MARCHESANA PROVINCIA DI ROVIGO STATUTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI VILLANOVA MARCHESANA COMUNE DI VILLANOVA MARCHESANA PROVINCIA DI ROVIGO STATUTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI VILLANOVA MARCHESANA 1 TITOLO I DENOMINAZIONE, FINALITA E OBIETTIVI Art. 1 La Biblioteca Comunale è una struttura

Dettagli

Il SiBA dell Università di Pavia: da un modello federativo a un modello organizzativo complessivo

Il SiBA dell Università di Pavia: da un modello federativo a un modello organizzativo complessivo Il SiBA dell Università di Pavia: da un modello federativo a un modello organizzativo complessivo Antonio Scolari Università degli Studi di Pavia Il Centro Il SiBA nasce a Pavia a fine anni 90 (organismo

Dettagli

Sede Comune Indirizzo N. vol. per sede

Sede Comune Indirizzo N. vol. per sede SINTESI SCHEDA PROGETTO Ente proponente il progetto: COMUNE DI FERRARA Titolo Progetto: LEGGERE CON UN CLICK IL PRESTITO DIGITALE (DIGITAL LENDING) NELLE BIBLIOTECHE DEL POLO FERRARESE: PER UNA PROMOZIONE

Dettagli

Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna

Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Finalità e compiti Art. 3 - Sede e patrimonio

Dettagli

PROGETTO: BIBLIOTECHE DA SCOPRIRE 1

PROGETTO: BIBLIOTECHE DA SCOPRIRE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: BIBLIOTECHE DA SCOPRIRE 1 TITOLO DEL PROGETTO: BIBLIOTECHE DA SCOPRIRE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: PATRIMONIO ARTISTICO E CULTURALE Area:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE DI SAN SALVATORE TELESINO

REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE DI SAN SALVATORE TELESINO REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE DI SAN SALVATORE TELESINO Il Comune di San Salvatore Telesino favorisce la crescita culturale individuale e collettiva e riconosce il diritto dei cittadini all informazione

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della Biblioteca Provinciale

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della Biblioteca Provinciale PROVINCIA DI ROMA Regolamento della Biblioteca Provinciale Adottato con delibera del Consiglio Provinciale n. 9 del 17/09/2003 1 TITOLO I FINALITA E FUNZIONI Art. 1 Finalita 1. La Provincia di Roma, ai

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) Allegato 1 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI LIVORNO 2) Codice di accreditamento: NZ01214 3) Classe di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI PIOLTELLO

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI PIOLTELLO REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI PIOLTELLO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N. 60 del 15/09/1998 Art. 1 - Compiti e servizi della Biblioteca La Biblioteca comunale di Pioltello

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO:TROVARE LA STRADA: percorsi, labirinti, sentieri in biblioteca (prima parte)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO:TROVARE LA STRADA: percorsi, labirinti, sentieri in biblioteca (prima parte) ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO:TROVARE LA STRADA: percorsi, labirinti, sentieri in biblioteca (prima parte) SETTORE e Area di Intervento: D 01 PATRIMONIO ARTISTICO E CULTURALE

Dettagli

Mantova e il suo territorio: un anno di servizio civile nell area culturale 2012

Mantova e il suo territorio: un anno di servizio civile nell area culturale 2012 Scheda progetto Mantova e il suo territorio: un anno di servizio civile nell area culturale 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo

Dettagli

ORARIO INVERNALE Martedì e venerdì 15.00 18.00 Giovedì e sabato 9.00 12.00. ORARIO ESTIVO Martedì e venerdì 16.00 19.00 Giovedì e sabato 9.00 12.

ORARIO INVERNALE Martedì e venerdì 15.00 18.00 Giovedì e sabato 9.00 12.00. ORARIO ESTIVO Martedì e venerdì 16.00 19.00 Giovedì e sabato 9.00 12. GUIDA INFORMATIVA E CARTA DEI SERVIZI Biblioteca Comunale A. Cabiati Via De Mari 28/D 17028 Bergeggi (SV) 019/25790216 b.biblioteca@comune.bergeggi.sv.it ORARIO INVERNALE Martedì e venerdì 15.00 18.00

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA DI MOZZANICA

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA DI MOZZANICA REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA DI MOZZANICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 54 del 15.09.1995 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 10.09.1999 Art. 1 - Compiti

Dettagli

Carta della Collezione / Biblioteca di Alice

Carta della Collezione / Biblioteca di Alice Carta della Collezione / Biblioteca di Alice 1. Introduzione La Carta della collezione esplicita i criteri che concorrono alla formazione, alla conservazione e allo sviluppo della collezione libraria e

Dettagli

Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi

Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECARIO INTEGRATO DELLE BIBLIOTECHE C. GENTILI DELL ISTITUTO DI PSICHIATRIA, P. OTTONELLO DELL UNIVERSITÀ DI BOLOGNA E G.

Dettagli

REGOLAMENTO BIBLIOTECA

REGOLAMENTO BIBLIOTECA REGOLAMENTO BIBLIOTECA La Biblioteca dell Istituto Storico Parri Emilia-Romagna è un servizio pubblico che concorre a garantire il diritto dei cittadini ad accedere liberamente alla cultura, ai documenti,

Dettagli

COMUNE DI PAVONE DEL MELLA PROVINCIA DI BRESCIA BOZZA NUOVA REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE

COMUNE DI PAVONE DEL MELLA PROVINCIA DI BRESCIA BOZZA NUOVA REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE 1 COMUNE DI PAVONE DEL MELLA PROVINCIA DI BRESCIA BOZZA NUOVA REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C.N.51 DEL 18.04.2009 PUBBLICATA ALL ALBO PRETORIO DAL 13/05/2009

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO CABIAGLIO

COMUNE DI CASTELLO CABIAGLIO COMUNE DI CASTELLO CABIAGLIO (PROVINCIA DI VARESE) REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASTELLO CABIAGLIO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 31/03/2015 Art. 1 Compiti e servizi

Dettagli

Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni

Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni Coordinamento di Feljeu : Caterina Colonna, Anna Cornacchia, Annalisa Divincenzo Finalità della ricerca Il sondaggio

Dettagli

COMUNE di FIESSE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE di FIESSE PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA ART. 1 - COMPITI E SERVIZI DELLA BIBLIOTECA La Biblioteca Comunale R. Remondi di Fiesse è un istituzione culturale aperta al pubblico e costituisce unità

Dettagli

Sei anni di BSS (2005-2010) a cura del Servizio Monitoraggio

Sei anni di BSS (2005-2010) a cura del Servizio Monitoraggio Sei anni di BSS (2005-2010) a cura del Servizio Monitoraggio 1. Introduzione 2. Utenza 3. Risorse 3.1. Spazi e attrezzature 3.2. Offerta documentaria 3.3. Personale 4. Servizi 4.1. Prestito e prestito

Dettagli

Linee di indirizzo per l affidamento dei servizi di Biblioteca e Archivio storico. 1. Oggetto

Linee di indirizzo per l affidamento dei servizi di Biblioteca e Archivio storico. 1. Oggetto Linee di indirizzo per l affidamento dei servizi di Biblioteca e Archivio storico 1. Oggetto Con il presente atto si definiscono le linee di indirizzo per l affidamento, mediante procedimento ad evidenza

Dettagli

la biblioteca Liceo Classico Paolo Sarpi presentazione gestione regolamento indice 1. la storia 2. la biblioteca scolastica 3. la biblioteca civica

la biblioteca Liceo Classico Paolo Sarpi presentazione gestione regolamento indice 1. la storia 2. la biblioteca scolastica 3. la biblioteca civica Liceo Classico Paolo Sarpi la biblioteca presentazione gestione regolamento indice 1. la storia 2. la biblioteca scolastica 3. la biblioteca civica 4. la consistenza materiale 5. l organigramma e i criteri

Dettagli

REGOLAMENTO BIBLIOTECA

REGOLAMENTO BIBLIOTECA REGOLAMENTO BIBLIOTECA Art. 1 COMPITI E SERVIZI DELLA BIBLIOTECA La Biblioteca Comunale di Sotto il Monte Giovanni è un istituzione culturale aperta al pubblico e costituisce unità di servizio dell organizzazione

Dettagli

SISTEMA BIBLIOTECARIO CERETANO SABATINO REGOLAMENTO DELLE BIBLIOTECHE TITOLO I FINALITA E COMPITI

SISTEMA BIBLIOTECARIO CERETANO SABATINO REGOLAMENTO DELLE BIBLIOTECHE TITOLO I FINALITA E COMPITI SISTEMA BIBLIOTECARIO CERETANO SABATINO REGOLAMENTO DELLE BIBLIOTECHE TITOLO I FINALITA E COMPITI ART. 1 Le Biblioteche del SBCS garantiscono a tutti il diritto di accesso alla cultura e all informazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI OFFIDA

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI OFFIDA REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI OFFIDA TITOLO I : DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 E istituita in Offida, nell ambito del Centro Culturale Permanente, una Biblioteca pubblica comunale, che riconosce

Dettagli

COMUNE DI SUSEGANA REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA ART.4

COMUNE DI SUSEGANA REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA ART.4 COMUNE DI SUSEGANA REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA PARTE PRIMA: Patrimonio bibliografico, arredi ed organizzazione interna. ART.1 Patrimonio Le raccolte bibliografiche, audiovisive e multimediali, le attrezzature,

Dettagli

Da alcuni anni a questa parte

Da alcuni anni a questa parte Misurare la qualità Criteri di valutazione del servizio delle biblioteche pubbliche di base: il caso dell Osservatorio provinciale di Parma di Roberto Montali Da alcuni anni a questa parte si è potuto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ 1) Il Comune di Casier riconosce le funzioni peculiari del Servizio Biblioteca, richiamando e condividendo

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE PIÙ BIBLIOTECA

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE PIÙ BIBLIOTECA SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE PIÙ BIBLIOTECA ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: PIÙ BIBLIOTECA Obiettivi del progetto:

Dettagli

Allegato 1 REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA FRANCESCO PEZZA PRESSO IL CIVICO.17 * Capo primo Istituzione e finalità del servizio

Allegato 1 REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA FRANCESCO PEZZA PRESSO IL CIVICO.17 * Capo primo Istituzione e finalità del servizio Allegato 1 REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA FRANCESCO PEZZA PRESSO IL CIVICO.17 * Capo primo Istituzione e finalità del servizio Art.1 (Finalità del servizio) Il Comune di Mortara attraverso il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI MADIGNANO

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI MADIGNANO REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI MADIGNANO (APPROVATO CON DELIBERA N. 73 DEL 24/6/88 E MODIFICATO CON LE DELIBERE N. 45 E N. 4 DEL 30/10/95 E DEL 2/2/96) Premessa La promozione della cultura e

Dettagli

Censimento delle biblioteche scolastiche - 2015

Censimento delle biblioteche scolastiche - 2015 Censimento delle biblioteche scolastiche - 2015 Modulo B Duplicare e compilare il Modulo B per ogni Plesso che possiede una Biblioteca Sezione 1 Dati Plesso Denominazione Codice Comune CAP Prov. Indirizzo

Dettagli

Regolamento-Quadro delle Biblioteche del Polo di Ingegneria

Regolamento-Quadro delle Biblioteche del Polo di Ingegneria Regolamento-Quadro delle Biblioteche del Polo di Ingegneria - 1 - Sezione I Definizione e Classificazione Art. 1 Denominazioni e finalità Regolamento-Quadro delle Biblioteche del Polo di Ingegneria 1.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE COMUNE DI CERRO AL LAMBRO PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. NR. 44/06 TITOLO 1 LE FINALITA ART. 1 - La Biblioteca Comunale è un istituzione culturale

Dettagli

ALLEGATO B. Modalità di erogazione dei servizi

ALLEGATO B. Modalità di erogazione dei servizi ALLEGATO B Modalità di erogazione dei servizi Il personale è tenuto: ad un comportamento improntato alla massima educazione/correttezza e ad agire, in ogni occasione, con la diligenza professionale del

Dettagli

BIBLIOTECA RENZO RENZI REGOLAMENTO UTENTI

BIBLIOTECA RENZO RENZI REGOLAMENTO UTENTI BIBLIOTECA RENZO RENZI REGOLAMENTO UTENTI INGRESSO E ARMADIETTI REGISTRAZIONE E ACCESSO ACCESSO DI MINORENNI L'accesso in biblioteca è gratuito. Si richiede agli utenti di lasciare eventuali borse o zaini

Dettagli

APPROVATO CON DELIB.G.C.N.223 DEL 10.10.2005. Regolamento del Servizio Bibliotecario Comunale e della sua organizzazione

APPROVATO CON DELIB.G.C.N.223 DEL 10.10.2005. Regolamento del Servizio Bibliotecario Comunale e della sua organizzazione APPROVATO CON DELIB.G.C.N.223 DEL 10.10.2005 Regolamento del Servizio Bibliotecario Comunale e della sua organizzazione Art. 1 - Compiti e servizi della Biblioteca La Biblioteca Comunale di Paullo è un

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA U. POZZOLI E DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA U. POZZOLI E DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA U. POZZOLI E DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO Art. 1 Finalità Il Comune di Lecco favorisce la crescita culturale, civile e sociale dei cittadini, tutela e valorizza

Dettagli

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi PREMESSA La Biblioteca del museo del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali si configura

Dettagli

Nella produzione libraria 2006 sulla gestione

Nella produzione libraria 2006 sulla gestione LE VIE DELLA PROMOZIONE Il segmento intermedio tra lettori forti e deboli di Paola Dubini Il segmento delle persone che leggono dai due ai dieci libri l anno rappresenta la scommessa per la crescita stabile

Dettagli

Regolamento della Biblioteca

Regolamento della Biblioteca Regolamento della Biblioteca Art. 1 Finalità. La Biblioteca dell'inaf-osservatorio Astronomico di Trieste è una Biblioteca specializzata nelle discipline astronomiche, astrofisiche e scienze affini. Essa

Dettagli

Allegato C Scheda progetto ENTE. Denominazione ANCI Lombardia. Città MILANO. Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121. Codice di accreditamento NZ00504

Allegato C Scheda progetto ENTE. Denominazione ANCI Lombardia. Città MILANO. Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121. Codice di accreditamento NZ00504 Allegato C Scheda progetto ENTE Denominazione ANCI Lombardia Città MILANO Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121 Codice di accreditamento NZ00504 Iscrizione all albo regionale ALBO REGIONALE REGIONE LOMBARDIA

Dettagli

Istituto Comprensivo Alda Costa Scuola Secondaria di 1 grado M.M.Boiardo - Ferrara PROGETTO BIBLIOTECA ALUNNI a.s. 2011-2012

Istituto Comprensivo Alda Costa Scuola Secondaria di 1 grado M.M.Boiardo - Ferrara PROGETTO BIBLIOTECA ALUNNI a.s. 2011-2012 Istituto Comprensivo Alda Costa Scuola Secondaria di 1 grado M.M.Boiardo - Ferrara PROGETTO BIBLIOTECA ALUNNI a.s. 2011-2012 Nell anno scolastico 2011/2012 gli studenti della Scuola M.M.Boiardo di Ferrara

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE COMUNE DI RANZANICO PROVINCIA DI BERGAMO SEDE: PIAZZA DEI CADUTI, 1 - C.A.P. 24060 - CODICE FISCALE E PARTITA I.V.A. 00579520164 TEL. (035) 829022 - FAX (035) 829268 - E-MAIL: info@comune.ranzanico.bg.it

Dettagli

Comune di Letojanni Provincia di Messina. Regolamento della Biblioteca Comunale Bianca Garufi

Comune di Letojanni Provincia di Messina. Regolamento della Biblioteca Comunale Bianca Garufi Comune di Letojanni Provincia di Messina Regolamento della Biblioteca Comunale Bianca Garufi Regolamento della Biblioteca Comunale di Letojanni Art.1 Finalità della biblioteca La Biblioteca Comunale di

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA

BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA di Ada Fichera 70 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 1/2014 Un antichità avvolgente e un fascino singolare connotano

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Ente proponente il progetto COMUNE DI SARROCH Titolo del progetto APERILIBRO Settore ed area di intervento del progetto Area D - Settore : Patrimonio Artistico e Culturale

Dettagli

Disciplinare per il funzionamento e la gestione della Biblioteca della Giunta Regionale d Abruzzo L Aquila

Disciplinare per il funzionamento e la gestione della Biblioteca della Giunta Regionale d Abruzzo L Aquila Disciplinare per il funzionamento e la gestione della Biblioteca della Giunta Regionale d Abruzzo L Aquila CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità) 1. Il presente disciplinare è diretto a regolamentare

Dettagli

Biblioteca. Questionario

Biblioteca. Questionario Biblioteca Questionario Gentile utente, Le chiediamo di dedicare alcuni minuti del Suo tempo per rispondere alle domande proposte e per formulare, se lo ritiene opportuno, suggerimenti e osservazioni.

Dettagli

ASSOCIAZIONE CENTRO PER LA PACE, LA COOPERAZIONE, L INTEGRAZIONE INTERETNICA E INTERCULTURALE

ASSOCIAZIONE CENTRO PER LA PACE, LA COOPERAZIONE, L INTEGRAZIONE INTERETNICA E INTERCULTURALE ASSOCIAZIONE CENTRO PER LA PACE, LA COOPERAZIONE, L INTEGRAZIONE INTERETNICA E INTERCULTURALE Relazione relativa alla gestione e alle attività svolte all interno del Centro per la Pace Annalena Tonelli

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI SASSARI. Sviluppo Locale, Politiche Culturali e Marketing Turistico

CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI SASSARI. Sviluppo Locale, Politiche Culturali e Marketing Turistico CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI SASSARI Settore Sviluppo Locale, Politiche Culturali e Marketing Turistico Macro categoria attività Sistema Bibliotecario Comunale Finalità attività La Biblioteca Comunale

Dettagli

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 Abilità alunni Attività insegnante Attività alunno A. LEGGERE AD ALTA VOCE 1. Riattivare le competenze acquisite di lettura

Dettagli

BIBLIOTECA COMUNALE DI GALLIERA VENETA. Regolamento

BIBLIOTECA COMUNALE DI GALLIERA VENETA. Regolamento BIBLIOTECA COMUNALE DI GALLIERA VENETA Regolamento Titolo I Disposizioni generali Art. 1 Ruolo e funzioni della Biblioteca 1. La Biblioteca Comunale è un Servizio del Comune di Galliera Veneta che mira

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA approvata con Deliberazione della Giunta Comunale n. 75 del 01/12/2011

CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA approvata con Deliberazione della Giunta Comunale n. 75 del 01/12/2011 COMUNE DI MONTEVEGLIO BIBLIOTECA COMUNALE Provincia di Bologna "M. ZAGNONI" CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA approvata con Deliberazione della Giunta Comunale n. 75 del 01/12/2011 in vigore dal 01/01/2012

Dettagli

SISTEMA BIBLIOTECARIO PROVINCIALE

SISTEMA BIBLIOTECARIO PROVINCIALE SISTEMA BIBLIOTECARIO PROVINCIALE NORME DI FUNZIONAMENTO DELLA RETE BIBLIOTECARIA INDICE Art. 1 - Oggetto e definizioni pag. 3 Art. 2 - Iscrizione al servizio prestito pag. 3 Art. 3 - Modalità di iscrizione

Dettagli

COMUNE DI SOVIZZO Provincia di Vicenza Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 21

COMUNE DI SOVIZZO Provincia di Vicenza Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 21 LETTURA, CONSULTAZIONE E PRESTITO Dove rivolgersi: Alla Biblioteca sita al 1 piano del palazzo municipale. Quando: Dal Martedì al Giovedì dalle 14.30 alle 19.00 Lunedì dalle 9.00 alle 12.30 e Venerdì dalle

Dettagli

COMUNE DI SARNICO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE

COMUNE DI SARNICO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE COMUNE DI SARNICO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE **aggiornato al 11.7.2005** Art. 1 - Istituzione del Servizio 1. Nel Comune di Sarnico è istituita la Biblioteca Comunale, intesa come

Dettagli

La biblioteca in cifre - Anno 2010

La biblioteca in cifre - Anno 2010 La biblioteca in cifre - Anno 2010 1.0 Patrimonio e servizi Patrimonio complessivo 61.987 documenti Patrimonio per sede e tipologia (n. di pezzi riferito a Castelfranco e Piumateca) Libri Multimediale

Dettagli

REGOLAMENTO QUADRO DEI SERVIZI

REGOLAMENTO QUADRO DEI SERVIZI UNIVERSITA' DEGLI STUDI - L'AQUILA Sistema Bibliotecario di Ateneo REGOLAMENTO QUADRO DEI SERVIZI Approvato dal Consiglio per il Sistema Bibliotecario di Ateneo in data 12 dicembre 2005 REGOLAMENTO QUADRO

Dettagli

PROPOSTA PROGETTUALE a cura del Coordinamento associazioni educazione e promozione della lettura

PROPOSTA PROGETTUALE a cura del Coordinamento associazioni educazione e promozione della lettura LIBRIAMOCI 2015 (-2018) PROPOSTA PROGETTUALE a cura del Coordinamento associazioni educazione e promozione della lettura PREMESSA La presente proposta progettuale è stata elaborata come risposta all invito

Dettagli

PROGETTO REGIONALE MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE VENETE

PROGETTO REGIONALE MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE VENETE PROGETTO REGIONALE MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE VENETE Analisi dinamica dei dati dei questionari per le biblioteche di pubblica lettura. GLI INDICATORI Gli indicatori sono particolari rapporti

Dettagli

biblioteca reale >>TORINO TORINO

biblioteca reale >>TORINO TORINO biblioteca reale TORINO L > PRESENTAZIONE Che cosa è la Carta della Qualità dei Servizi a Carta della qualità dei servizi risponde all esigenza di fissare principi e regole nel rapporto tra le amministrazioni

Dettagli

ILL in E-R situazione attuale e priorità di sviluppo

ILL in E-R situazione attuale e priorità di sviluppo ILL in E-R situazione attuale e priorità di sviluppo 12 dicembre 2007 Alessandro Zucchini IBACN Regione Emilia-Romagna ILL come principio e norma Norme in materia di biblioteche archivi storici musei e

Dettagli

COMUNE DI VALMADRERA Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA

COMUNE DI VALMADRERA Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNE DI VALMADRERA Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA Approvato con Delibera Comunale N.26 del 27-09-2012 INDICE Titolo I: Finalità e compiti della Biblioteca Art.1 - Istituzioni e Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO BIBLIOTECHE

REGOLAMENTO BIBLIOTECHE REGOLAMENTO BIBLIOTECHE TITOLO 1 FINALITA E COMPITI Art. 1 Le biblioteche dell Istituto Comprensivo di Segni hanno lo scopo di: a) diventare parte integrante dei processi formativi della scuola, b) promuovere

Dettagli

REGOLAMENTO DI BIBLIOTECA

REGOLAMENTO DI BIBLIOTECA REGOLAMENTO DI BIBLIOTECA Emanato con D.R. n. 437 del 07/11/2012. Art.1 (La Biblioteca) 1. La Biblioteca è un sistema coordinato di Servizi, istituzionalmente preposto a garantire supporto alla ricerca,

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle biblioteche scolastiche della provincia di Bolzano

Regolamento per l utilizzo delle biblioteche scolastiche della provincia di Bolzano 1 Regolamento per l utilizzo delle biblioteche scolastiche della provincia di Bolzano Premessa Il sistema delle biblioteche scolastiche eroga i propri servizi secondo criteri di imparzialità, equità, inclusione

Dettagli

2. RACCOLTE E LORO INCREMENTO

2. RACCOLTE E LORO INCREMENTO 2. Il secondo obiettivo di fondo è la creazione di una biblioteca intesa più come "accesso alla lettura" che come "luogo della lettura" (cfr. R. RIDI, La biblioteca come portale delle letture, relazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE: Prestito Libri e Utilizzo Postazione Internet

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE: Prestito Libri e Utilizzo Postazione Internet REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE: Prestito Libri e Utilizzo Postazione Internet (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 86 del 28/04/2011) INDICE Introduzione Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI PESCHIERA DEL GARDA

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI PESCHIERA DEL GARDA Approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario n. 109 del 28.04.2004 REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI PESCHIERA DEL GARDA ART. 1 PRINCIPI ISPIRATORI, FINALITA E COMPITI 1) Il Comune

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*) Tecniche Turnaround Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia Italiana SpA di Massimo Lazzari (*) Prosegue la serie di 10 contributi dedicati al turnaround come

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA PUBBLICA COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA PUBBLICA COMUNALE REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA PUBBLICA COMUNALE PARTE PRIMA Compiti e servizi della Biblioteca Art. 1 La Biblioteca comunale di Roè Volciano è un istituzione culturale aperta al pubblico, inquadrata nel

Dettagli

L.R. 17/2007, art. 5 B.U.R. 22/4/2015, n. 16 Reg. int. Consiglio regionale, art. 178

L.R. 17/2007, art. 5 B.U.R. 22/4/2015, n. 16 Reg. int. Consiglio regionale, art. 178 L.R. 17/2007, art. 5 B.U.R. 22/4/2015, n. 16 Reg. int. Consiglio regionale, art. 178 DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 17 marzo 2015, n. 231 Regolamento Biblioteca consiliare

Dettagli

BIBLIOTECA EDUARDO DE FILIPPO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

BIBLIOTECA EDUARDO DE FILIPPO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO MONS. G. CASTALDI VIA PASSANTI SCAFATI BOSCOREALE (NA) BIBLIOTECA EDUARDO DE FILIPPO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PREMESSA La biblioteca scolastica Eduardo De Filippo, dell Ist.

Dettagli

BIBLIOTECA DI RESCALDINA Consorzio Sistema Bibliotecario Nord-Ovest PROGETTO PER L INCREMENTO DEL PATRIMONIO DOCUMENTARIO

BIBLIOTECA DI RESCALDINA Consorzio Sistema Bibliotecario Nord-Ovest PROGETTO PER L INCREMENTO DEL PATRIMONIO DOCUMENTARIO BIBLIOTECA DI RESCALDINA Consorzio Sistema Bibliotecario Nord-Ovest PROGETTO PER L INCREMENTO DEL PATRIMONIO DOCUMENTARIO Si delineano brevemente i punti e gli elementi statistici su cui si intende lavorare

Dettagli

FARFA FARFA biblioteca del monumento nazionale biblioteca del monumento mazionale >> >>

FARFA FARFA biblioteca del monumento nazionale biblioteca del monumento mazionale >> >> FARFA biblioteca biblioteca del delmonumento monumentonazionale mazionale > PRESENTAZIONE Che cosa è la Carta della Qualità dei Servizi biblioteca del monumento nazionale L a Carta della qualità dei servizi

Dettagli

REGOLAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE. Monchio delle Corti

REGOLAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE. Monchio delle Corti REGOLAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE di Monchio delle Corti Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 13.10.2001 ART. 1 FINALITA Il Comune di Monchio delle Corti istituisce la Biblioteca Comunale

Dettagli

TITOLO I FINALITA E COMPITI. Art. 1.

TITOLO I FINALITA E COMPITI. Art. 1. TITOLO I FINALITA E COMPITI Art. 1. La biblioteca comunale di Pofi è istituita come servizio informativo e culturale di base da rendere alla comunità. Essa aderisce, in qualità di biblioteca associata,

Dettagli

Comune di Gargnano REGOLAMENTO COMUNALE DELLA BIBLIOTECA COMUNALE. (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 del 19 febbraio 1988)

Comune di Gargnano REGOLAMENTO COMUNALE DELLA BIBLIOTECA COMUNALE. (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 del 19 febbraio 1988) Comune di Gargnano REGOLAMENTO COMUNALE DELLA BIBLIOTECA COMUNALE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 del 19 febbraio 1988) REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA DI BASE Art. 1 - Compiti e

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI FIUMICINO

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI FIUMICINO COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI FIUMICINO Approvato con deliberazione consiliare n. 40 del 22 marzo 2000 INDICE Titolo I Finalità e compiti... 3 Articolo

Dettagli

ersitarianiversitaria MODENA MODENA biblioteca estense u biblioteca nazionale univ >> >>

ersitarianiversitaria MODENA MODENA biblioteca estense u biblioteca nazionale univ >> >> MODENA biblioteca estense universitaria biblioteca nazionale universitaria > PRESENTAZIONE Che cosa è la Carta della Qualità dei Servizi biblioteca estense universitaria L a Carta della qualità dei servizi

Dettagli

COMUNE DI VARANO DÉ MELEGARI. (Provincia di Parma)

COMUNE DI VARANO DÉ MELEGARI. (Provincia di Parma) COMUNE DI VARANO DÉ MELEGARI (Provincia di Parma) ***************** REGOLAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE 1 INDICE CAPO PRIMO : Istituzione e finalità del servizio Art. 1- Finalità del servizio Art. 2 Cooperazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA FRUIZIONE DEL SERVIZIO BIBLIOTECA SAN CARLO

REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA FRUIZIONE DEL SERVIZIO BIBLIOTECA SAN CARLO REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA FRUIZIONE DEL SERVIZIO BIBLIOTECA SAN CARLO INDICE Art. 1 Definizione e finalità Pag. 2 Art. 2 Sede, Patrimonio e Commissione acquisizione e scarti Pag. 2 Art. 3 Aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE BIBLIOTECHE COMUNALI DI ARGELATO E FUNO.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE BIBLIOTECHE COMUNALI DI ARGELATO E FUNO. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE BIBLIOTECHE COMUNALI DI ARGELATO E FUNO. ART. 1 - FINALITA Il comune di Argelato, con riferimento al 1 comma dell art. 22 della L. 8 giugno 1992, n.

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA - Fondazione Allegato a) alla decisione n. 23/PR del 8.03.2006 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA Art. 1 - Istituzione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL SEMINARIO VESCOVILE DI SAN MINIATO

CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL SEMINARIO VESCOVILE DI SAN MINIATO BIBLIOTECA DEL SEMINARIO VESCOVILE DIOCESI DI SAN MINIATO CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL SEMINARIO VESCOVILE DI SAN MINIATO ORARIO DI APERTURA La Biblioteca del Seminario Vescovile di San Miniato

Dettagli

Figura 1 - Home page del sito www.tecnofer85.it. Politecnico Innovazione 1

Figura 1 - Home page del sito www.tecnofer85.it. Politecnico Innovazione 1 TECNOFER 85 S.R.L. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ Tecnofer 85 è un azienda commerciale che tratta prodotti di ferramenta, nasce nel 1985 come fornitore di aziende artigiane per iniziativa dell attuale titolare

Dettagli

Maria Serena BENEDETTI. La Biblioteca del Ministero dell Interno

Maria Serena BENEDETTI. La Biblioteca del Ministero dell Interno La Biblioteca del Ministero dell Interno CULTURA La Biblioteca del Ministero dell Interno fu istituita nel 1859 a Torino con fondi librari relativi alla Casa Savoia ed al Consiglio del Commercio, ampliati

Dettagli

LE CAMERE DI COMMERCIO DEL PIEMONTE A SOSTEGNO DEI PICCOLI EDITORI

LE CAMERE DI COMMERCIO DEL PIEMONTE A SOSTEGNO DEI PICCOLI EDITORI LE CAMERE DI COMMERCIO DEL PIEMONTE A SOSTEGNO DEI PICCOLI EDITORI Stanziati oltre 40mila euro per la partecipazione al prossimo Salone del Libro di Torino Il sistema camerale piemontese, ha deciso di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECA 3 CAPO I: 3 PRINCIPI GENERALI 3 CAPO II 4 PATRIMONIO E BILANCIO 4 CAPO III 5 ORGANIZZAZIONE E PERSONALE 5

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECA 3 CAPO I: 3 PRINCIPI GENERALI 3 CAPO II 4 PATRIMONIO E BILANCIO 4 CAPO III 5 ORGANIZZAZIONE E PERSONALE 5 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECA 3 CAPO I: 3 PRINCIPI GENERALI 3 ART. 1 - FINALITA DEL SERVIZIO 3 ART. 2 - COOPERAZIONE INTERBIBLIOTECARIA 3 ART. 3 - DOCUMENTAZIONE DI RILEVANZA LOCALE E SEZIONE LOCALE

Dettagli