RELAZIONE GENERALE. Sigla: MRNLL PREMESSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE GENERALE. Sigla: MRNLL PREMESSA"

Transcript

1 RELAZIONE GENERALE PREMESSA Il progetto presentato per la nuova biblioteca del Comune di Maranello punta a valorizzare gli aspetti di identità del capoluogo attraverso un edificio che, reinterpretando il car-design, rispecchia l eleganza, la qualità formale ed i cromatismi per cui il comune è famoso in tutto il mondo. Vuole altresì incentivare l attrattività turistica proponendo una costruzione non solo funzionale ma anche spettacolare, che coinvolga cioè, emozionalmente, il visitatore-utente. INQUADRAMENTO GENERALE In linea con le norme ed i vincoli di legge, gli spazi della nuova biblioteca sono ricavati attraverso un intervento di ristrutturazione edilizia del fabbricato esistente; questi sono infatti delimitati dal perimetro del vecchio edificio produttivo-commerciale acquistato dalla Società Maranello Patrimonio S.R.L.. Questa operazione permette di sfruttare l intera area di sedime, cosa che non sarebbe possibile procedendo alla demolizione ed alla successiva ricostruzione ex-novo. L intervento prevede la demolizione della copertura a shed e di tutti gli interni esistenti e l escavazione di un piano interrato a quota -4,20 m. PROGETTO ARCHITETTONICO Esternamente l idea architettonica è quella di sfruttare il volume puro percettibile dell edificio attuale, rivestendolo ed aprendolo sui due lati di accesso che saranno segnalati da murature rivestite in metallo lucido rosso. Arretrando gli ingressi sotto questi varchi si ricavano i necessari spazi coperti di transizione fra interno ed esterno, dal momento che non è possibile costruire pensiline oltre il confine. Tuttavia, a mitigare l impatto ambientale all interno del tessuto residenziale consolidato, il volume e la sagoma esterna non verrebbero modificati rispetto a quella attuale. L integrazione con gli uffici comunali, a ovest, e con il nuovo archivio-deposito, recentemente recuperato negli ambienti a sud del lotto, è assicurata da un attenta progettazione degli spazi esterni sull area di verde pubblico, spazi che definiscono anche l entrata principale alla nuova struttura [1]. Lungo lo stesso lato è previsto anche un accesso di servizio [6] per permettere le operazioni di carico e scarico del patrimonio librario o delle opere da collocare all interno delle mostre temporanee, senza che questo interferisca con l accesso degli utenti; inoltre con pochi lavori di sistemazione dell area circostante i trasportatori potrebbero addirittura accedere direttamente dal retro, collegando l entrata di servizio a Via della Repubblica. La sistemazione progettata per l area esterna non modifica il posizionamento delle alberature esistenti se non di una unità, che verrebbe a trovarsi davanti all ingresso ma che comunque viene reimpiantata nel giardino interno all edificio. Un entrata secondaria [13] è invece posizionata sul fronte nord; vi si accede da Via Vittorio Veneto attraverso l area pertinenziale del fabbricato residenziale. Internamente troviamo 3 elementi caratterizzanti sui quali si organizzano tutti gli ambienti: un volume in cemento armato, che contiene i collegamenti verticali, un volume rivestito in metallo, che contiene la sala polivalente «sospesa» sulla sala di studio ed il giardino sul quale affacciano la quasi totalità degli ambienti. La Superficie Utile [SU] del progetto è di 1462,52 mq, valore al di sopra dell obiettivo del bando di concorso, ma motivato da tre aspetti principali: uno di natura economica, uno tecnico ed uno prettamente estetico. Il progetto si sviluppa in uno spazio ipogeo che ricalca il perimetro dell edificio attualmente esistente, risulta quindi più conveniente approfittare delle operazioni di scavo e guadagnare un intero piano interrato che non solo una frazione di esso; questo semplificherebbe anche il sistema di fondazione, che come vedremo in seguito, si basa principalmente, sull inserimento di micropali in cemento armato sotto il muro perimetrale; la motivazione estetica è da ricercare nell inclusione di un doppio volume interno, la cui superficie è di oltre 100 mq; il doppio volume non va ad incidere sui costi, in quanto superficie non costruita, ma la sua presenza permette di ottenere una sala studio di ampio respiro e di notevole intensità plastica. 1

2 PROGETTO FUNZIONALE E LOGISTICO La distribuzione interna del nuovo edificio ricalca le idee biblioteconomiche di ultima generazione che si possono brevemente riassumere nel seguente schema: una sala principale attorno alla quale gravitano una serie di ambienti, specializzati o polivalenti, opportunamente disimpegnati ed eventualmente utilizzabili indipendentemente dal resto della struttura. Il progetto vuole quindi sostituire il concetto di biblioteca con quello più contemporaneo di city library, un sistema che opera non solo nei modi e nei tempi consueti ma che può essere sfruttato in fasce orarie diverse a seconda delle eventualità, diventando punto di aggregazione e di riferimento per tutta la comunità cittadina. Seguendo questa direzione la nuova biblioteca è suddivisa, attraverso semplici chiusure, in tre entità che possono essere utilizzate anche autonomamente. Alla prima si accede dall entrata principale [1] e comprende, oltre al guardaroba [4] ed ai servizi igienici [3], la sala per esposizioni o allestimenti temporanei [2], la caffetteria [5] e la sala polivalente [8]. Alla seconda, si accede invece dall entrata secondaria [13], e contiene gli spazi dedicati agli uffici: la sede del consorzio «Maranello Terra del Mito» [11], l archivio storico del «Comune di Maranello» [10] e l amministrazione della biblioteca [9]. Queste prime due entità occupano l intero piano terra, sono separate fra loro dal vuoto del doppio volume, ma collegate da una passerella [collegamento orizzontale] sovrastante la sala studio e consultazione. La terza entità, il vero cuore della biblioteca, si sviluppa sull intero piano interrato ed è collegata alle altre due attraverso un ascensore ed una rampa a lieve pendenza [15] e direttamente con l esterno, attraverso un montacarichi di servizio [7-18] e le scale antincendio [14-27] [collegamenti verticali]. Quest ultima entità è suddivisa in due zone principali dai setti murari dell ascensore e della rampa [15], sotto la quale è ricavato un magazzino [19]. Da un lato si trovano la sala studio e consultazione [20], il deposito a scaffale aperto [25], l emeroteca [26] ed opportunamente disimpegnati la fonoteca e videoteca [22] e la ludoteca [23]; dall altro le postazioni per la consultazione dei cataloghi e navigazione internet [29], i servizi igienici [24] ed il banco prestito [30] con, alle spalle ed accessibile solo ai dipendenti, il deposito a scaffale chiuso [17]. In questa zona è anche presente un ampio locale tecnico e magazzino [28] e l accesso al giardino [21], le cui vetrate, illuminano la sala principale. Come si evince dai disegni tecnici riportati sulle tavole di concorso esiste un evidente separazione fra le attività che comportano spostamenti [entrare, visitare una esposizione, recarsi in un ufficio], le attività «rumorose» [ristorarsi, partecipare ad una conferenza, richiedere informazioni o volumi in prestito, ascoltare musica o visionare un film, giocare] e quelle «silenziose» [leggere, studiare, consultare] in modo che gli utenti di taluni spazi non provochino disturbo o disagio agli utenti di altri spazi. Seguendo quest ottica sono stati pensati i quattro ambienti, della sala studio e consultazione, della ludoteca, della fonoteca e videoteca e la sala polivalente, per ospitare gli alunni delle scuole, non solo in base alla fascia d età ma soprattutto in base all attività svolta. Infatti le attività per i bambini della scuola per l infanzia [0-6 anni] sfrutteranno per lo più la ludoteca, quelli della scuola primaria [6-11 anni] e di quella secondaria [11-14 anni] si alterneranno fra la fonoteca e videoteca [per le attività di ascolto e visione], la sala polivalente [per le attività laboratoriali] e la sala di studio e consultazione [per le attività di studio e lettura] unendosi agli studenti delle scuole del secondo ciclo [14-19 anni] e universitari in quanto svolgerebbero la stessa attività «silenziosa». PROGETTO DEGLI INTERNI Nel pensare agli interni si sono distinte tre classi di ambienti: rigidi, flessibili, personalizzabili. Fanno parte degli ambienti rigidi quegli spazi che per la loro funzione non necessitano di arredi mobili [la sala di studio e consultazione, il deposito a scaffale aperto, il deposito a scaffale chiuso, la caffetteria ed i vani di servizio], di quelli flessibili gli spazi che consentono variazioni delle attività svolte [la sala per esposizioni, la sala polivalente, la fonoteca e videoteca e la ludoteca] e di quelli personalizzabili gli spazi che progettati come open space possono essere suddivisi con strutture leggere in base alle esigenze contingenti [la sede del consorzio «Maranello Terra del Mito», l archivio storico del «Comune di Maranello» e gli uffici amministrativi]. Nella sala di studio e consultazione sono previsti 46 posti a sedere nella sua parte più luminosa. Il deposito a scaffale aperto può contenere un totale di volumi suddivisi in tre tipologie di librerie: 3 ad altezza uomo [13.000], 4 più basse [3.000] ed 1 perimetrale della medesima altezza ma più profonda [3.000]. Il deposito a scaffale chiuso è dotato di scaffalature di tipo compattabile su binario e può contenere un totale di volumi. 2

3 Per la sala polivalente sono state progettate 50 sedute ed 1 tavolo da conferenza che, ripiegandosi su se stessi, possono essere appesi alle pareti in apposite nicchie ricavate nello spessore murario [le sedute sulla parete di fondo bianca; il tavolo alla parete in parquet]. In questa maniera la sala polivalente è immediatamente sgombra dagli arredi e non è necessario avere uno spazio deposito dove riporli. La fonoteca e la videoteca sono pensati come ambienti informali dotati di chaise-longue, poltroncine e tavolini bassi che diventano tante postazioni di ascolto o di visione [in cuffia] ma che permettono all occorrenza di essere agevolmente spostate per l attività di gruppo [in diffusione]. E prevista una doppia porta di accesso dalla sala di studio ad aumentare l insonorizzazione. Anche la ludoteca è prevista come ambiente informale, dotata di tappeti ed arredi morbidi, in modo da lasciare piena libertà agli educatori nel conformare lo spazio come meglio si adatta alle proprie esigenze. Come per la fonoteca e videoteca è presente una doppia porta di accesso. In prossimità del banco prestito sono previste 7 postazioni per la consultazione dei cataloghi e navigazione internet. La sede del consorzio ha un ampia vetrina che si affaccia sull entrata secondaria [l ingresso agli uffici] e che, grazie all inclinazione del muro, è facilmente visibile anche da Via Vittorio Veneto, al fine di aumentare la valorizzazione commerciale delle produzioni o degli eventi locali. PROGETTO IMPIANTISTICO La sostenibilità della costruzione è raggiunta attraverso più strategie progettuali. Grazie all esposizione dell edificio, alla copertura piana ed al posizionamento dei fabbricati adiacenti, attraverso uno studio delle ombre in copertura, si nota come si disponga di una grande superficie per l installazione di pannelli fotovoltaici [per la produzione di energia elettrica rinnovabile] e di collettori solari [per la produzione di acqua sanitaria calda]. Questo non permette di certo l autosufficienza energetica dell edificio, cosa possibile attualmente in interventi ben più piccoli di questo, ma sicuramente ne integra in modo significativo le esigenze soprattutto nelle stagioni dell anno più assolate. Posizionando delle apposite griglie apribili nella parte inferiore delle vetrate del giardino e in alcuni punti dei tagli in copertura, sul perimetro del vano rampa, si crea, attraverso correnti convettive, una perfetta ventilazione naturale. Il raffrescamento naturale, è ottenuto inserendo in profondità nel terreno un impianto di tubazioni dal funzionamento piuttosto semplice. L aria contenuta si raffredda naturalmente e viene risucchiata all interno dell edificio per convenzione. La diminuzione della superficie coperta, attraverso l inserimento del giardino, va ad incrementare la permealizzazione del suolo, favorendo lo smaltimento delle acque piovane ed il rifornimento della falda acquifera. L uso di materiali eco-compatibili che saranno da individuare in modo più preciso in fase di progettazione più avanzata, ma valga un esempio per tutti: il rivestimento esterno in ardesia naturale. L uso di componenti tecnologiche atte a ridurre i consumi e gli sprechi energetici quali coibentazioni naturali, vetri ed infissi a bassa dispersione energetica, apparecchiature elettriche di classe A, corpi illuminanti a basso consumo, etc. Ad aumentare la qualità ambientale interna vi è poi il fattore luce naturale, elemento fondamentale nella progettazione di una buona biblioteca. Essa proviene per lo più dalle grandi vetrate che si affacciano sul giardino e che sono orientate verso nord. In questo modo si ottiene un illuminazione diffusa, senza forti contrasti fra luce ed ombra, condizione essenziale per non affaticare la vista e per avere una illuminazione omogenea. Anche dai tagli in copertura, stretti e lunghi, proviene lo stesso tipo di luce, in quanto prima di arrivare al suolo viene riflessa sullo spessore del solaio. PROGETTO STRUTTURALE Il progetto contiene due livelli di strutture diverse come tipologia: la prima per sostenere il solaio del piano terra e la seconda per sostenere la copertura. Come già accennato le strutture di fondazione sono composte da micropali in cemento armato alti 5,50 m con passo 0,50 m, posizionati al di sotto del muro perimetrale. Il solaio del piano interrato è costituito dalla platea di fondazione. Su questa si elevano i setti in cemento armato della rampa ed una fila di pilastri posizionati lungo il filo del muro della fonoteca e videoteca e nascosti all interno delle tre librerie alte. Questi ultimi da un lato ed i micropali perimetrali dall altro formano dei portali strutturali che sorreggono il solaio del lato uffici. Dalla parte opposta, i setti della rampa ed i micropali 3

4 perimetrali sostengono il solaio del lato entrata. Il solaio del piano terra è un solaio prefabbricato alveolare. Il lato di destra e quello di sinistra sono collegati poi dalla passerella che viene sostenuta da due travi IPE e dalla struttura metallica leggera del volume della sala polivalente. Il solaio di copertura è invece sorretto, oltre che da pilastri inseriti nel muro perimetrale esistente e dai setti della rampa, da una trave reticolare posta sull estradosso. A differenza del solaio del piano terra, questo è composto da un sandwich sorretto da una struttura metallica leggera, nascosta nell intradosso, da un controsoffitto in cartongesso. I controsoffitti sono previsti in tutti gli ambienti che per ragioni estetiche o tecniche non necessitano di avere un altezza elevata. Questa soluzione permette di nascondere tutti gli impianti nell intercapedine che si forma con il solaio strutturale. RISPETTO DELLE NORME E DEI VINCOLI DI LEGGE Nella redazione del progetto sono state prese in considerazione tutte le prescrizioni riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche. L entrata secondaria, che già presenta una rampa esterna, è stata presa come entrata agibile superando la differenza di quota con un ulteriore rampa a pendenza inferiore al 2%. All interno dei piani dell edificio non sono presenti salti di quota ed il collegamento fra i due piani è assicurato da un ascensore a norma. Sono previsti due servizi igienici [uno ciascun piano] adatti ad utenti diversamente abili. Sono altresì rispettate le norme riguardanti la prevenzione incendi sia dal punto di vista distributivo che dal punto di vista dei materiali. Inoltre sono rispettati tutti i parametri urbanistici previsti dal piano regolatore generale del Comune di Maranello. Essendo il fabbricato conservato nella volumetria esistente è rispettata l altezza massima e tutte le distanze dal confine. Per quel che riguarda la visuale libera, la distanza fra la parte finestrata dell ingresso principale e l edificio prospiciente [sede degli uffici tecnici comunali] misura 14,39 m; la distanza minima fra le vetrate del giardino e la residenza posta a nord dell area di sedime misura 13,57 m; la distanza fra la finestra della caffetteria e la medesima residenza è di 6,57 m, ma a quest apertura non si applica la prescrizione in quanto posta ad un altezza di 2,40 m dal pavimento. 4

5 VALUTAZIONE DI MASSIMA DEI COSTI DELL INTERVENTO 1.0 RECUPERO E RISTRUTTURAZIONE DEL FABBRICATO ESISTENTE 1.1 Opere di scavo , Opere di fondazione speciale , Opere strutturali in c.a. e carpenteria metallica , Opere di finitura e di completamento ,00 SUB-TOTALE , ALLACCIAMENTI ALLE RETI 2.1 Allacciamenti alle reti ,00 SUB-TOTALE , REALIZZAZIONE DELLE COMPONENTI IMPIANTISTICHE 3.1 Impianti elettrici , Impianti meccanici , Impianti di sollevamento ,00 SUB-TOTALE , SPESE TECNICHE CORRELATE ALLA COSTRUZIONE EDILIZIA 4.1 Spese tecniche correlate alla costruzione edilizia ,00 SUB-TOTALE , ARREDAMENTI INTERNI 5.1 Arredamenti interni ,00 SUB-TOTALE ,00 TOTALE ,00 allegato 1

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE 29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE INTRODUZIONE L idea per la nuova biblioteca di maranello, nasce innanzitutto da due

Dettagli

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE MOTTO:LA NAVICELLA DELL INGEGNO 1 PRINCIPI GUIDA GENERALI Il progetto prevede la demolizione del fabbricato

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

Lo spazio è un involuzione dinamica.

Lo spazio è un involuzione dinamica. RELAZIONE GENERALE KL157122 Lo spazio è un involuzione dinamica. È come saltare giù, dentro uno scavo, per scoprire cosa si cela al suo interno; entrarvi vuol dire farsi lentamente risucchiare dall aria

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO Progetto: PROGETTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, ANTINCENDIO E DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DELLA SCUOLA ELEMENTARE RODARI IN VIA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI 1.144 CASSETTONI LUNGO IL MURO DI CINTA AD OVEST DELLA ZONA DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1 - PREMESSE L Amministrazione Comunale

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

ECO-EFFICENCY. I vantaggi economici della diffusione degli impianti geotermici sono dunque:

ECO-EFFICENCY. I vantaggi economici della diffusione degli impianti geotermici sono dunque: L oggetto del concorso riguarda la realizzazione della nuova biblioteca civica di Maranello sul sedime di un edificio industriale dismesso e in un tessuto residenziale ormai consolidato. La terra dei motori

Dettagli

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale... PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...5 DESCRIZIONE INTERVENTO...6 Generalità...6 Motivazioni delle scelte

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

RELAZIONE STATO DI FATTO

RELAZIONE STATO DI FATTO RELAZIONE STATO DI FATTO L intervento è localizzato principalmente nell area denominata Terrazzo del Garove, situata tra il Padiglione di Ponente e i fronti della Reggia esposti a sud. Negli ultimi anni,

Dettagli

DOCET Software di Diagnosi e Certificazione Energetica di Edifici Residenziali Esistenti

DOCET Software di Diagnosi e Certificazione Energetica di Edifici Residenziali Esistenti DOCET Software di Diagnosi e Certificazione Energetica di Edifici Residenziali Esistenti PROTOCOLLO DI ISPEZIONE del sistema edificio-impianto (AUDIT) Versione 1.07.10 Ultimo aggiornamento Ottobre 2007

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE Committente: AUTOSTORE S.R.L. Via Fonderia n. 47/A Treviso Compilatore: Ing. Bonaldo Simone Via Riva IV Novembre n. 38 Cittadella (PD) Data

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

COSA SI PUO' DETRARRE

COSA SI PUO' DETRARRE COSA SI PUO' DETRARRE Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali. INTERVENTI

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

1) RELAZIONE DI PROGETTO

1) RELAZIONE DI PROGETTO 1) RELAZIONE DI PROGETTO Il progetto prevede la realizzazione di una biblioteca di area delle arti, commissionata dall Università degli studi di Roma Tre, da realizzarsi nel quartiere Testaccio di Roma,

Dettagli

Rilevazioni consumi. L Agenda. SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto SCUOLE

Rilevazioni consumi. L Agenda. SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto SCUOLE L Agenda SCUOLE Rilevazioni SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto Ing. Antonio Smaldore ACLI Anni Verdi Regionale schede rilevazioni P.I. Gino

Dettagli

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14 Piazzetta Cardo Nord Est mag. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI AREE EVENTI CLUSTER

Dettagli

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I AL COMUNE DI T O R T O N A S P O R T E L L O U N I C O P E R L E D I L I Z I A C O M U N I C A Z I O N E D I A T T I V I T A D I E D I

Dettagli

Art. 9 Manutenzione ordinaria

Art. 9 Manutenzione ordinaria Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 PdC PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 art. 3 comma 1 lett. e) DPR 380/01 [art.27 lett. e) LR 12/05] a) gli interventi

Dettagli

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO AUTONOME PROVINZ BOZEN GEMEINDE BOZEN SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA Bolzano - 25.07.2005 - Bozen COMMITTENTE:

Dettagli

Attività edilizie e titoli abilitativi

Attività edilizie e titoli abilitativi Attività edilizie e titoli abilitativi quando, dove e come rr 27 luglio 2012 rev 1.01 Attività edilizia libera interventi edilizi per i quali non è richiesto alcun titolo abilitativo, né è prevista alcuna

Dettagli

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007)

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Per problemi con il programma di calcolo si deve considerare principalmente la guida all uso della scheda operativa per il calcolo

Dettagli

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI -

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - Intervento Manutenzione ordinaria (articolo 6, comma 1, lettera a: articolo 3, comma 1, lettera a) Libero Titolo Eliminazione di barriere architettoniche che

Dettagli

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune.

Dettagli

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca Milano - Monza - Cinisello Balsamo Residenza Universitaria denominata U10.2 Piazza dell Ateneo Nuovo, 2 Milano Superficie totale Alloggi

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Variante artt. 26 47 62 63 Progettisti: Arch. Stefano Francesconi Geom. Giovanni Antonio Del Freo Testo Eliminato = Evidenziato

Dettagli

Singoli capitoli CPN Edilizia

Singoli capitoli CPN Edilizia Titoli generali (solo in forma cartacea) 1001I/99 Istruzioni per l uso CPN gratuito 1003I/15 Elenco dei capitoli CPN con indice analitico 79.00 1004I/92 Informazioni per l utenza 49.00 1010I Schede tecniche

Dettagli

costruttivi mantenendo le caratteristiche preesistenti - opere di modifica con variazione delle caratteristiche preesistenti - nuova costruzione

costruttivi mantenendo le caratteristiche preesistenti - opere di modifica con variazione delle caratteristiche preesistenti - nuova costruzione CASISTICA DEGLI INTERVENTI E RELATIVO REGIME AUTORIZZATIVO OPERA INTERVENTO REGIME ALBERATURE - piantumazione o abbattimento - potatura (*) AMPLIAMENTO EDIFICI opere di ristrutturazione e di modifica che

Dettagli

Comune di Trissino Provincia di Vicenza

Comune di Trissino Provincia di Vicenza Comune di Trissino Provincia di Vicenza MODULISTICA ONLINE 2014 www.comune.trissino.vi.it servizi tecnici pianificazione e sviluppo del territorio edilizia privata Definizione dei TIPI di INTERVENTO aggiornato

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO Legenda. Elenco tavole. Tavole R: Elaborati grafici Rilievo architettonico. Tavole P: Elaborati grafici Progetto architettonico

PROGETTO ESECUTIVO Legenda. Elenco tavole. Tavole R: Elaborati grafici Rilievo architettonico. Tavole P: Elaborati grafici Progetto architettonico PROGETTO ESECUTIVO Legenda Tavole R: Elaborati grafici Rilievo architettonico Tavole P: Elaborati grafici Progetto architettonico Tavole S: Elaborati grafici Strutture Tavole ELE: Elaborati grafici Impianto

Dettagli

attività sociali per gli abitanti della zona.

attività sociali per gli abitanti della zona. L area ove è ubicato l immobile è individuata dal Piano Regolatore Generale del Comune di Firenze quale Zona G sottozona G1: aree destinate ad attrezzature sportive, esistenti. I lavori in oggetto riguardano

Dettagli

Centro-Video-Gioco-Sport. RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007

Centro-Video-Gioco-Sport. RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007 Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATI: MULTISALA FITNESS OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007 INQUADRAMENTO GENERALE I fabbricati oggetto dell attuale presentazione di variante

Dettagli

Fabbricati per stabilimenti

Fabbricati per stabilimenti Impostazioni progettuali dello stabilimento Fabbricati per stabilimenti industriali Classificazione dei fabbricati e sistemi costruttivi Elementi principali dei fabbricati industriali Strutture varie Piano

Dettagli

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4.

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4. 1. NOTA GENERALE AL PROGETTO PRELIMINARE Sulla base di quanto stabilito dall Amministrazione Comunale, il presente progetto verrà realizzato per lotti distinti e secondo tempistiche differenti. La prima

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il progetto per la riqualificazione di Piazza dei Martiri e Piazza Vittorio Emanuele II si sviluppa intorno all idea centrale di realizzare un grande spazio urbano con continuità

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: COMMERCIALE-DIREZIONALE RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso

Dettagli

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto RELAZIONE TECNICA L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto dell intervento è individuata come Area Franca ed istituita dalla Regione Calabria con legge

Dettagli

Il complesso edilizio NEGOZI. Il nuovo segno sul territorio della città di Udine

Il complesso edilizio NEGOZI. Il nuovo segno sul territorio della città di Udine Il complesso edilizio MERIDIANA si compone di 6 piani per un totale di 50 mila metri cubi con tre differenti destinazioni d uso: Spazi commerciali sono disponibili al piano terra e 1 piano Uffici e ambienti

Dettagli

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto.

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto. IMMOBILARE DAL ZIN S.R.L. Ogni cosa che vedo e faccio prende senso in uno spazio della mente dove regna la stessa calma di qui, la stessa penombra, lo stesso silenzio percorso da fruscii di foglie. I.

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il sottoscritto è stato incaricato dall Amministrazione Comunale di

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RISTRUTTURAZIONE FABBRICATO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RISTRUTTURAZIONE FABBRICATO ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ANCONA AMPLIAMENTO DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI D I C O R I N A LD O PROGETTO DEFINITIVO N. ELAB. TITOLO

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Ristori 52/2, GORIZIA 1 Indice 1. OGGETTO E

Dettagli

Il restauro della Biblioteca del Palazzo della Consulta

Il restauro della Biblioteca del Palazzo della Consulta Il restauro della Biblioteca del Palazzo della Consulta PROGETTO PRELIMINARE E DISEGNI ORIGINALI DEGLI AMBIENTI DELLA NUOVA BIBLIOTECA DELLA CORTE COSTITUZIONALE (www.cortecostituzionale.it) Criteri generali

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fa 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Manzoni, 18 - MANIAGO (PN) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI RICHIAMI DI TECNICA URBANISTICA SUPERFICIE URBANA Insieme delle superfici occupate da costruzioni ed attrezzature,

Dettagli

Sede centrale I Guzzini. Giorni/ Ore d impiego: 9 ore. Studio di Architettura Mario Cucinella

Sede centrale I Guzzini. Giorni/ Ore d impiego: 9 ore. Studio di Architettura Mario Cucinella Sede centrale I Guzzini Giorni/ Ore d impiego: 9 ore Progettisti: Studio di Architettura Mario Cucinella Ingegneri: Studio di Architettura Mario Cucinella Sorgenti di energia: Ventilazione naturale Copertura

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Il disegno degli infissi e degli impianti tecnologici. Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun

Dettagli

L8000P76 1 - LOGICA PROGETTUALE. 1.1 - Lettura e socializzazione

L8000P76 1 - LOGICA PROGETTUALE. 1.1 - Lettura e socializzazione 1 - LOGICA PROGETTUALE 1.1 - Lettura e socializzazione La vera forza di una biblioteca non dovrebbe stare nel raccogliere i libri, ma nell ospitare i lettori che li usano. E il suo involucro non dovrebbe

Dettagli

Documento integrativo in risposta alla lettera Prot. n. 0035330 del 21-10-2013 recante oggetto: PRATICA N. 74057

Documento integrativo in risposta alla lettera Prot. n. 0035330 del 21-10-2013 recante oggetto: PRATICA N. 74057 Documento integrativo in risposta alla lettera Prot. n. 0035330 del 21-10-2013 recante oggetto: FONDAZIONE CLINICAL INDUSTRIAL RESEARCH PARK Fabbricato ad uso uffici e laboratori di ricerca, in comune

Dettagli

Allegato h) Relazione tecnica sul locale ad uso Caffetteria-Ristoro all interno dell ex Convento delle Oblate, via dell Oriuolo 26, Firenze

Allegato h) Relazione tecnica sul locale ad uso Caffetteria-Ristoro all interno dell ex Convento delle Oblate, via dell Oriuolo 26, Firenze Allegato h) Relazione tecnica sul locale ad uso Caffetteria-Ristoro all interno dell ex Convento delle Oblate, via dell Oriuolo 26, Firenze A. Caratteristiche del locale caffetteria ristoro. Il locale

Dettagli

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TRICASE PROGETTO PER LA COSTRUZIONE DI UN NUOVA CAPPELLA LOCULI COMUNALE NEL CIMITERO CAPOLUOGO IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA Il comune di Tricase ha affidato l incarico al sottoscritto

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli.

Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli. Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli. CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE L inserimento ambientale del progetto tiene conto degli aspetti dell intera area e degli edifici di futura nuova realizzazione

Dettagli

Bando per la Realizzazione del nuovo Palazzo dell Innovazione

Bando per la Realizzazione del nuovo Palazzo dell Innovazione Bando per la Realizzazione del nuovo Palazzo dell Innovazione Scheda Tecnica 1. Che cos è il Palazzo dell Innovazione La realizzazione del Palazzo dell Innovazione è indicata tra gli interventi prioritari

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

L elaborazione del Progetto è stato avviato e sviluppato dallo IACP di Salerno coinvolgendo consulenti ed esperti dell Università di Salerno.

L elaborazione del Progetto è stato avviato e sviluppato dallo IACP di Salerno coinvolgendo consulenti ed esperti dell Università di Salerno. Il Progetto per Castelnuovo Cilento (Salerno) L intervento per Castelnuovo Cilento prevede la realizzazione di 34 alloggi di Edilizia Economica Popolare, in un insediamento misto in cui sono compresenti

Dettagli

GUIDA ALLE VARIANTI PREMESSA INTRODUTTIVA OPERE EDILI PORTATA DELLE PARETI

GUIDA ALLE VARIANTI PREMESSA INTRODUTTIVA OPERE EDILI PORTATA DELLE PARETI GUIDA ALLE VARIANTI PREMESSA INTRODUTTIVA Poiché la nostra figura professionale in questa situazione è solo quella di tecnico-esecutivista e non di consulente progettuale, durante gli incontri che si terranno,

Dettagli

Milano, Giugno 2014. Proposta Immobiliare Turate Via Salvo D Acquisto, 8/14

Milano, Giugno 2014. Proposta Immobiliare Turate Via Salvo D Acquisto, 8/14 Milano, Giugno 2014 Proposta Immobiliare Turate Via Salvo D Acquisto, 8/14 Celtic Italy Srl - all right reserved Milano,Giugno 2014 Introduzione Complesso produttivo multipiano, fronte autostrada, realizzato

Dettagli

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA EDIFICIO RESIDENZIALE IN BIOEDILIZIA A BASSO CONSUMO ENERGETICO Piano di Lottizzazione loc. Bassone lotto B5 EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

Dettagli

TERMOGRAFIA a infrarossi

TERMOGRAFIA a infrarossi TERMOGRAFIA a infrarossi L'energia termica, o infrarossa, consiste in luce la cui lunghezza d'onda risulta troppo grande per essere individuata dall'occhio umano. A differenza della luce visibile, nel

Dettagli

Indice. A. INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROGETTO pag. 3. A1.Inquadramento territoriale pag. 4. A2. Normativa di riferimento pag. 4

Indice. A. INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROGETTO pag. 3. A1.Inquadramento territoriale pag. 4. A2. Normativa di riferimento pag. 4 Indice Premessa A. INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROGETTO pag. 3 A1.Inquadramento territoriale pag. 4 A2. Normativa di riferimento pag. 4 A3. Altri strumenti di pianificazione pag. 5 B. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

Dettagli

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI 4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali spostamento di alcuni locali da

Dettagli

MARCEGAGLIA. steel building the world

MARCEGAGLIA. steel building the world MARCEGAGLIA steel building the world 1 Marcegaglia è un gruppo industriale leader mondiale nella trasformazione dell acciaio, con 5 milioni di tonnellate lavorate ogni anno. La competenza sviluppata nel

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI BRESCIA VIA CUCCA, 16 PALAZINA DEMANIALE ALLOGGIO EBS0034 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione C 129 - VALORIZZAZIONE AREA CAMPI - IKEA DEMOLIZIONE DEL MAGAZZINO E PORZIONE DI MENSA DISMESSI UBICATI IN CORSO FERDINANDO MARIA PERRONE N. 15 NELL AREA EX ILVA LAMINATI PIANI OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

SCUOLA ELEMENTARE LEOPOLDO OTTINO VIA BRISSOGNE 32 TORINO

SCUOLA ELEMENTARE LEOPOLDO OTTINO VIA BRISSOGNE 32 TORINO CITTA DI TORINO SCUOLA ELEMENTARE LEOPOLDO OTTINO VIA BRISSOGNE 32 TORINO Novembre 2007 MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLA SCUOLA ELEMENTARE L. OTTINO SITA IN VIA BRISSOGNE 32 OPERE DI CONSOLIDAMENTO II

Dettagli

Agenzia delle Entrate - mq. 200 circa, su un unico livello, idonea ad ospitare 8 postazioni di lavoro.

Agenzia delle Entrate - mq. 200 circa, su un unico livello, idonea ad ospitare 8 postazioni di lavoro. Direzione Regionale della Sardegna Ufficio Risorse Materiali Prot.n. RM/21375/2007/NT BANDO DI RICERCA IMMOBILE AD USO UFFICIO DI SASSARI SEZIONE STACCATA DI ALGHERO 1) ENTE PROMOTORE DELLA RICERCA: Agenzia

Dettagli

Gli elementi principali che hanno guidato la progettazione sono i seguenti:

Gli elementi principali che hanno guidato la progettazione sono i seguenti: L INTERVENTO Le prime analisi di fattibilità hanno consigliato un radicale rifacimento dell impianto sportivo, considerando che l eventuale modesta incidenza della demolizione (in quanto riguarda per la

Dettagli

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE 1 Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini RELAZIONE GENERALE PREMESSE Il presente progetto esecutivo si riferisce all intervento 17029/2013 Cimiteri Comunali: costruzione ossarini, relativo

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGRAMMA INNOVATIVO IN AMBITO URBANO CONTRATTI DI QUARTIERE II (INTERVENTO ERP) RELAZIONE ILLUSTRATIVA PREMESSA La Regione Puglia con Deliberazione di G.R. n 99/00 ha localizzato nel Comune di Maglie

Dettagli

Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL. BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013

Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL. BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013 Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013 Programma SPQR Strategia Il programma SPQR prevede la razionalizzazione del patrimonio immobiliare BNL a Roma

Dettagli

TECHNISCHER BERICHT RELAZIONE TECNICA. Realisierung des Bibliothekenzentrums in Bozen. Realizzazione di un centro bibliotecario a Bolzano

TECHNISCHER BERICHT RELAZIONE TECNICA. Realisierung des Bibliothekenzentrums in Bozen. Realizzazione di un centro bibliotecario a Bolzano Christoph Mayr Fingerle Architekt St. Oswaldweg 71 I - 39100 Bozen T 0039 / 0471 / 97 50 91 F 0039 / 0471 / 98 17 61 arch@mayrfingerle.com www.mayrfingerle.com Realisierung des Bibliothekenzentrums in

Dettagli

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria Possiamo considerare l architetto austriaco un pioniere dell architettura solare, avendo egli svolto da oltre venti anni attività di ricerca

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

Dettagli

La Rampa Progetto villa singola in classe A Noceto (Pr)

La Rampa Progetto villa singola in classe A Noceto (Pr) La Rampa Progetto villa singola in classe A Noceto (Pr) Albinia Tre srl via Roma 12/2 25049 ISEO (Bs) tel. 030-981959 - fax 030-9868498 www.pelli.it - www.larampa.net email: albiniatre@pelli.it Inserimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Comprensorio ospedale San Luigi Gonzaga di Orbassano. Laboratori C/O ex lavanderie Caratteristiche generali dell intervento Dimensioni degli spazi Normative - Tipi di opere - Materiali RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Risparmio Energetico

Risparmio Energetico Comune di Portogruaro Provincia di Venezia Il Regolamento sul Risparmio Energetico Il Regolamento è un allegato al Regolamento Edilizio Comunale e si compone di una parte normativa-regolamentare e di 5

Dettagli

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO VOLUMI LIBERI RELAZIONE ILLUSTRATIVA

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO VOLUMI LIBERI RELAZIONE ILLUSTRATIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO VOLUMI LIBERI RELAZIONE ILLUSTRATIVA PREMESSA La nuova sede della biblioteca Comunale di Maranello rappresenta

Dettagli

Zona notte. PROGE T TA ZIONE E DIREZIONE LAVORI StudioAta www.studioata.com

Zona notte. PROGE T TA ZIONE E DIREZIONE LAVORI StudioAta www.studioata.com Zona notte Una lunga striscia di LED, incassata nel soffitto del soppalco, illumina la zona pranzo sottostante. Questa scelta, funzionale e d effetto, sostituisce egregiamente il classico lampadario. PROGE

Dettagli

TI004 RELAZIONE GENERALE

TI004 RELAZIONE GENERALE RELAZIONE GENERALE SOMMARIO 1 PREMESSA 1 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 1 2.1 Le strategie progettuali 1 2.2 Il programma economico 1 2.3 Il programma funzionale 1 2.4 Sistemi distributivi e spazi di relazione

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Telefono/fax: 0534521104 http://centrocisa.it/ email : cisa@comune.porrettaterme.bo.it Pianoro 13 giugno 2007 L isolamento degli edifici: un esempio dell

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

LOCALIZZAZIONE:PIANO DI ZONA B44 TORRESINA 2 ROMA OPERATORE:ROCHESTER UNO CO0PERATIVA EDILIZIA A R.L.

LOCALIZZAZIONE:PIANO DI ZONA B44 TORRESINA 2 ROMA OPERATORE:ROCHESTER UNO CO0PERATIVA EDILIZIA A R.L. LOCALIZZAZIONE:PIANO DI ZONA B44 TORRESINA 2 ROMA OPERATORE:ROCHESTER UNO CO0PERATIVA EDILIZIA A R.L. Andrea Mereu DATI DI PROGETTO: 1. VOLUME FUORI TERRA: MC. 4.760 (calcolato con interpiano di ml.3,20,

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

Radici metropolitane, cuore verde

Radici metropolitane, cuore verde RESIDENZA PLURIFAMILIARE Edificio viale Monte Grappa 16 Westway Architects, Luca Aureggi e Maurizio Condoluci Radici metropolitane, cuore verde Italia IL RISPETTO DEI VINCOLI PROGETTUALI IMPOSTI DAGLI

Dettagli