COMUNE DI ZOCCA (Provincia di Modena)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI ZOCCA (Provincia di Modena)"

Transcript

1 COMUNE DI ZOCCA (Provincia di Modena) COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 34 SEDUTA DEL 24 APRILE 2014 Prot Oggetto: APPROVAZIONE RENDICONTO DI GESTIONE DELL ESERCIZIO FINANZIARIO L anno duemilaquattordici, questo giorno ventiquattro del mese di aprile alle ore 20,30 in sessione ordinaria di prima convocazione ed in seduta pubblica, ai sensi dell art. 38, comma 2, del D.Lgs , n. 267, si è riunito il Consiglio Comunale presso la sala consiliare della sede municipale per la trattazione degli oggetti all Ordine del Giorno. Fatto l appello nominale risultano: PRESENTI ASSENTI 1. Balugani Pietro X 2. Barbieri Flavia X 3. Corsi Elia X 4. Covili Manuele X 5. Franchini Simona X 6. Reggiani Roberto X 7. Zanni Bertelli Giovanni X 8. Zironi Rita X 9. Bicocchi Giuseppe X 10. Roli Giuliana X 11. Ropa Federico X 12. Baccolini Alessandro X TOTALE 12 0 Assiste il Segretario Generale del Comune di Zocca Dott. Rosario Napoleone redattore del presente verbale. L Ing. Pietro Balugani, nella sua qualità di Sindaco, assume la Presidenza, e constata la legalità dell'adunanza, dichiara aperta la seduta, designando a scrutatori i Sigg.ri: Federico Ropa, Giuliana Roli, Roberto Reggiani. L Ordine del Giorno, diramato ai Sigg.ri Consiglieri ai sensi dell art. 18 del vigente Statuto Comunale, porta la trattazione dell oggetto qui in margine indicato, e nella sala sono depositate, da 24 ore, le proposte relative, coi documenti necessari.

2 COMUNE DI ZOCCA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 34 IN DATA 24 APRILE 2014 OGGETTO: APPROVAZIONE RENDICONTO DI GESTIONE DELL ESERCIZIO FINANZIARIO IL CONSIGLIO COMUNALE Visti: - la parte seconda del T.U. n. 267/2000 ordinamento Enti Locali, Titolo VI che disciplina la rilevazione e la dimostrazione dei risultati di gestione e, in particolare, l art. 227 Rendiconto della gestione che al comma 2 individua le modalità e i tempi di presentazione e approvazione del Rendiconto e al comma 5 gli allegati al Rendiconto medesimo; - il D.P.R. 194 del "Regolamento per l'approvazione dei modelli di cui all'art. 114 del D.Lgs. 77/95, concernente l'ordinamento finanziario e contabile degli Enti Locali" che contiene i modelli di Bilancio per i Comuni; - il principio contabile n. 3 approvato dell Osservatorio per la finanza locale nell ultima versione resa disponibile dal Ministero dell Interno l 11 gennaio 2010 riguardante "Il rendiconto degli Enti Locali"; - il Decreto del Ministero dell Interno 18 febbraio 2013 che definisce i nuovi parametri per l individuazione degli Enti strutturalmente deficitari per il triennio 2013 / 2015; - l art. 77-quater, comma 11, del D.L. 112/2008, convertito in Legge 133/2008, che stabilisce che gli enti pubblici soggetti al Sistema Informativo delle Operazioni degli Enti Pubblici (SIOPE), e i relativi tesorieri, non sono tenuti agli adempimenti relativi alla trasmissione dei dati periodici di cassa, ma i prospetti dei dati SIOPE e delle disponibilità liquide costituiranno un allegato obbligatorio del rendiconto, in attuazione di un Decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato che ne stabilisca le modalità; - il Decreto 23 dicembre 2009 del Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato - che prevede la eliminazione della rilevazione trimestrale di cassa a decorrere dal 2010 e l obbligo, per gli enti pubblici soggetti al SIOPE, di allegare al rendiconto relativo agli anni 2010 e successivi i prospetti delle entrate e delle uscite dei dati SIOPE del mese di dicembre contenenti i valori cumulati dell anno di riferimento e la relativa situazione delle disponibilità liquide;

3 - la Legge 122 del 30 luglio 2010 recante Conversione in legge con modificazione del Decreto Legge 31 maggio 2010 n. 78" recante misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica che definisce i limiti per alcune tipologie di spesa; - l art. 16, comma 26, del D.L. 13 agosto 2011 n. 138 convertito, con modificazioni, dalla Legge 14/9/2011 n. 148 che prevede che le spese di rappresentanza sostenute dagli organi degli Enti locali siano elencate in apposito prospetto allegato al rendiconto; Considerato che: - con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 26 aprile 2013, esecutiva a norma di legge, è stato approvato il rendiconto 2012; - ai sensi dell art. 193 D.Lgs. 267/2000 è stata predisposta ed approvata, con delibera del Consiglio Comunale N. 61 del 25 settembre 2013, la salvaguardia degli equilibri di bilancio 2013; Visti: - il conto del Tesoriere Banco Popolare soc. coop. reso ai sensi e per gli effetti di cui all art. 93, comma 2, del TUEL ed in conformità all art. 226 del D.Lgs. 267/2000; - il conto dell Economo; - il conto degli agenti contabili interni appositamente nominati; - il conto dei consegnatari dei beni mobili; - il conto del consegnatario delle azioni; i cui risultati concordano con le scritture contabili dell ente (tali documenti sono depositati agli atti); - la relazione illustrativa della Giunta Comunale allegata al conto in oggetto, approvata con deliberazione di Giunta Comunale n. 16 del 25 marzo 2014 avente per oggetto Approvazione Relazione illustrativa - art. 151 D.Lgs 267/2000 e schema di rendiconto esercizio 2013, formulata ai sensi e per gli effetti di cui all art. 151, comma 6, del D.Lgs n. 267; - le determinazioni dei Responsabili di Settore dell ente, con le quali sono stati riaccertati, ai sensi del comma 3 dell art. 228 del T.U. n. 267/2000 ordinamento EE.LL., i residui attivi e passivi di propria competenza distinti per anno di formazione; Dato atto: - che le risultanze del rendiconto evidenziano il raggiungimento degli obiettivi fissati dalle norme sul Patto di Stabilità - art. 31, commi 20 e 20-bis della Legge 183 del 12/11/2011 Legge di stabilità 2012" e successive integrazioni;

4 - che le risultanze del rendiconto evidenziano il rispetto del contenimento delle spese di personale di cui all art. 1, comma 557, della Legge 296/2006, così come modificato dalla Legge 122/2010; - che i proventi delle concessioni edilizie sono stati destinati solo a spese per investimenti; - che sono stati rispettati i vincoli di spesa previsti dalla Legge 122 del 30 luglio 2010 ex D.L. 78/2010, art. 6 commi da 7 a 10 e commi da 12 a 14; - che il Revisore dei Conti Dr. Stefano Zanardi, attualmente in carica, ha predisposto l allegata Relazione su questa proposta di deliberazione consiliare di rendiconto della gestione e sullo schema di rendiconto, ai sensi del 1 comma, lettera d) dell art. 239 del D.Lgs , n. 267, con la quale certifica la conformità dei dati del Rendiconto con quelli delle scritture contabili dell Ente e in via generale la regolarità contabile e finanziaria della gestione; - che i Responsabili di Settore ed il Ragioniere hanno sottoscritto l attestazione in ordine alla inesistenza di debiti fuori bilancio alla data di chiusura dell esercizio cui il Rendiconto si riferisce; Considerato: - che il Rendiconto deve essere deliberato dal Consiglio Comunale entro il 30 aprile dell anno successivo ai sensi del comma 7 dell art. 151 citato (così come modificato dall art. 2-quater-comma 6- del D.L. 154/2008 convertito in Legge 189/2008); - che sussistono le condizioni per l approvazione del Rendiconto della gestione 2013, ai sensi del combinato disposto degli artt. 151, commi 6 e 7, e 227 del D.Lgs , n. 267; Il Sindaco cede la parola al dr. Brighenti il quale riferisce che l'anno 2013 è stato molto complesso dal punto di vista gestionale per le norme che si sono succedute. Non si conoscevano fino alla fine dell'anno i trasferimenti statali nonchè la vicenda dell'imu. Quindi è stato difficile gestire il bilancio. Ringrazia il Revisore ed il personale dell'ufficio di ragioneria per l'impegno profuso in questa fase così delicata. La gestione si chiude con un risultato positivo e dà lettura dei risultati contabili. E' stata fatta una verifica dei residui in vista del nuovo sistema di contabilità. Rende noto l'avanzo di amministrazione che potrà essere applicato con una variazione in un prossimo consiglio. Segnala che per la parte investimenti è stata spesa complessivamente una somma di circa ,00 sia finanziata che impegnata. E' stato rispettato il patto di stabilità e gli indicatori individuanti gli enti strutturalmente deficitari. Il Sindaco aggiunge che c'è una situazione favorevole anche se esistono problemi organizzativi che si spera di risolvere. Sottolinea l'impegno dei dipendenti. L'indebitamento è stato ridotto anche se il Comune sta affrontando il problema del mancato introito di circa 1 milione di euro da parte di Hera.

5 La situazione economica della montagna sta soffrendo molto e adesso ci troviamo a pagare le nuove tasse con un ulteriore carico fiscale gravante sulla proprietà. Il Consigliere Bicocchi protesta che fino a quando non avrà la password per accedere agli atti del Comune non parteciperanno alla votazione. Escono dall aula i consiglieri Bicocchi, Roli e Baccolini. Visto il Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali approvato con il D.Lgs , n. 267; Dato atto che sulla proposta della presente deliberazione ha espresso parere favorevole il Responsabile del Settore Finanziario in ordine alla regolarità tecnica e contabile, ai sensi dell art. 49, comma 1, del D.Lgs , n. 267; Con la seguente votazione resa per alzata di mano: Presenti n. 9: Voti favorevoli n. 8; Astenuti n. 0; Voti contrari 1 (Ropa) DELIBERA 1) DI APPROVARE, ai sensi e per gli effetti dell'art. 151 comma 6 del D.Lgs 267/2000, il rendiconto di gestione relativo all esercizio finanziario 2013, redatto conformemente ai modelli approvati con il D.P.R. 194/1996, di cui alla deliberazione di Giunta Comunale n. 16 del 25 marzo 2014, allegata al presente atto per formarne parte integrante e sostanziale e comprendente il conto del bilancio, il conto economico, con accluso il Prospetto di Conciliazione, ed il conto del patrimonio; 2) DI DARE ATTO che il quadro riassuntivo della gestione finanziaria 2013 è il seguente:

6 Fondo di cassa al 1 gennaio ,83 Riscossioni , , ,11 Pagamenti , , ,07 Fondo cassa al 31 dicembre ,87 Pagamenti (per azioni esecutive) e non regolarizzati al 31/12 - Differenza ,87 Residui attivi , , ,89 Residui passivi , , ,04 Differenza ,15 AVANZO CONTABILE. (+) ,72 RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE Fondi vincolati ,00 Fondi per finanz. spese in conto capitale ,55 Fondi di ammortamento - Fondi non vincolati ,17 3) DI DARE ATTO che, con l approvazione del rendiconto della gestione dell esercizio 2013, sono contestualmente approvati i risultati e i provvedimenti connessi al riaccertamento dei residui attivi e passivi iscritti nel conto del bilancio, come da elenco dei residui attivi e passivi da riportare, distinti per anno di provenienza, secondo quanto prescritto dall art. 227, comma 5 lettera c), del D.Lgs. 267/2000; 4) DI PRENDERE ATTO della relazione del Revisore dei Conti, allegata alla presente deliberazione, di cui va a formare parte integrante e sostanziale; 5) DI DARE ATTO che: a) non esistono debiti fuori bilancio da finanziare, come da dichiarazione resa dai Responsabili di Settore in data 25 marzo 2014 (depositata agli atti); b) con deliberazione consiliare n. 61 del 25 settembre 2013, depositata agli atti, si e proceduto alla verifica dell equilibrio di gestione del Bilancio 2013 e ricognizione sullo stato dei programmi, ai sensi dell art. 193 del D.Lgs. 267/00; c) il Comune di Zocca, applicando i nuovi parametri validi per il triennio 2013/2015, contenuti nel D.M. 18 febbraio 2013, non si trova nelle condizioni di ente strutturalmente deficitario, come risulta dal prospetto allegato alla presente delibera; d) che le risultanze del rendiconto evidenziano il raggiungimento degli obiettivi fissati dalle norme sul Patto di Stabilità - art. 31, commi 20 e 20-bis della Legge 183 del 12/11/2011 Legge di stabilità 2012" e successive integrazioni;

7 e) che le risultanze del rendiconto evidenziano il rispetto del contenimento delle spese di personale di cui all art. 1, comma 557, della Legge 296/2006, così come modificato dalla Legge 122/2010; f) che sono stati rispettati i vincoli di spesa previsti dalla Legge 122 del 30 luglio 2010 ex D.L. 78/2010, art. 6 commi da 7 a 10 e commi da 12 a 14; 6) DI PARIFICARE ED APPROVARE: - il conto del Tesoriere Banco Popolare Soc. Coop. reso ai sensi dell art. 226 del D.Lgs n. 267; - il conto dell Economo; - il conto degli agenti contabili interni appositamente nominati; - il conto dei consegnatari dei beni mobili; - il conto del consegnatario delle azioni; i cui risultati concordano con le scritture contabili dell ente (tali documenti sono depositati agli atti); 7) DI ALLEGARE al presente atto, in adempimento alle disposizioni di cui all art. 77-quater, comma 11, del D.L. 112/2008 e al Decreto 23 dicembre 2009 del Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, i prospetti delle entrate e delle uscite dei dati SIOPE del mese di dicembre 2013 contenenti i valori cumulati dell anno di riferimento e la relativa situazione delle disponibilità liquide, che corrispondono alle scritture contabili dell Ente e del Tesoriere; 8) DI ALLEGARE al presente atto, in adempimento alle disposizioni di cui all art. 16, comma 26, del D.L. 138/2011, convertito, con modificazioni, nella Legge 148/2011, il prospetto contenente l elenco delle spese di rappresentanza sostenute da questo Ente nell anno 2013, predisposto secondo lo schema tipo adottato dal D.M , che sarà trasmesso alla Sezione regionale di controllo della Corte dei conti e pubblicato sul sito internet dell ente; 9) DI ALLEGARE, altresì, la nota informativa contenente la verifica dei crediti e debiti reciproci tra l Ente e le società partecipate al 31 dicembre 2013, asseverata dall organo di revisione, come prescritto dall art. 6, comma 4, del D.L. 95/2012. stante l urgenza di provvedere in merito, Successivamente, IL CONSIGLIO COMUNALE Con voti favorevoli n. 8, contrari n. 1 (Ropa), astenuti n. 0, espressi per alzata di mano, DELIBERA altresì, di dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi e per gli effetti di cui al comma 4 dell art. 134, del D. Lgs.vo n. 267 del 18/8/2000.

8 COMUNE DI ZOCCA (Provincia di Modena) COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 16 SEDUTA DEL 25 MARZO 2014 Prot. n Oggetto: APPROVAZIONE RELAZIONE ILLUSTRATIVA - ART. 151 D.LGS 267/ E SCHEMA DI RENDICONTO ESERCIZIO L anno duemilaquattordici, questo giorno venticinque, del mese di marzo alle ore 14,30, convocata con appositi avvisi, si è riunita nella solita sala delle adunanze, la Giunta Comunale. Fatto l appello nominale risultano: PRESENTI ASSENTI 1. BALUGANI Pietro (Sindaco) X 2. BARBIERI Flavia X 3. CORSI Elia X 4. COVILI Manuele X TOTALE 4 0 Assiste il Segretario Generale del Comune di Zocca Dott. Rosario Napoleone redattore del presente verbale. Il Sig. Balugani Ing. Pietro nella qualità di Sindaco, assume la Presidenza, e constata la legalità dell adunanza, dichiara aperta la seduta ed invita la Giunta a deliberare sugli oggetti iscritti all Ordine del Giorno. Ratificata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. del

9 COMUNE DI ZOCCA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 16 IN DATA 01 APRILE 2014 OGGETTO: APPROVAZIONE RELAZIONE ILLUSTRATIVA - ART. 151 D.LGS 267/ E SCHEMA DI RENDICONTO ESERCIZIO LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: - l'art. 227 comma 1 del D.Lgs , n. 267 prevede "la dimostrazione dei risultati di gestione avviene mediante il rendiconto, il quale comprende il conto del bilancio, il conto economico ed il conto del patrimonio"; - l art. 227 comma 2 dello stesso Decreto stabilisce che il rendiconto della gestione è deliberato dall organo consiliare dell Ente entro il 30 aprile dell anno successivo (anticipazione del termine introdotta dalla lettera c) del comma 6 dell art. 2-quater, del D. L. 154/2008, come modificato dalla relativa legge di conversione); - l art. 151 comma 6 del D.Lgs. 267/2000 fa obbligo ai comuni di allegare al Conto consuntivo una relazione illustrativa che esprima le valutazioni di efficacia dell azione condotta sulla base dei risultati conseguiti in rapporto ai programmi ed ai costi sostenuti ponendo a carico dell organo esecutivo di predisporre la suddetta relazione; Viste: - la deliberazione del Consiglio Comunale n. 48 del 26/06/2013, con la quale è stato approvato il Bilancio annuale di previsione per l esercizio 2013 ed i suoi allegati; - la deliberazione del Consiglio Comunale n. 61 del 25/09/2013, con la quale, ai sensi dell art. 193 del D.Lgs. 267/2000, si è provveduto alla verifica degli equilibri di bilancio per l anno 2013; - le deliberazioni con le quali sono state disposte variazioni al Bilancio e i prelievi dal Fondo di riserva; - la deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 26/04/2013 con la quale si è approvato il rendiconto 2012; Vista, infine, la deliberazione del Consiglio Comunale n. 68 del 27/11/2013, con la quale è stato approvata la variazione di assestamento generale del bilancio 2013;

10 Dato atto che il Tesoriere dell Ente ha reso in conto della propria gestione relativa all esercizio finanziario 2013, secondo quanto prescritto dall art. 226 del D.Lgs. 267/2000; Dato atto che le risultanze finali del conto finanziario sono così riassumibili: QUADRO RIASSUNTIVO DELLA GESTIONE DI CASSA Residui Competenza Totale Fondo di cassa al 1 gennaio ,83 Riscossioni , , ,11 Pagamenti , , ,07 Fondo cassa al 31 dicembre ,87 Pagamenti (per azioni esecutive) e non regolarizzati al 31/12 Differenza ,87 Residui attivi , , ,89 Residui passivi , , ,04 Differenza ,15 AVANZO CONTABILE. (+) ,72 Accertato che: - i risultati della gestione di cassa del Tesoriere concordano perfettamente con le scritture contabili dell Ente; - sono conservati agli atti il conto del Tesoriere e il conto dell Economo Comunale relativamente alla consistenza dei beni mobili; - sono conservati agli atti i conti di gestione dei concessionari della riscossione pervenuti al Comune; Accertato, altresì, che il Servizio Finanziario, ai sensi dell art. 227 del citato decreto legislativo, ha predisposto il Rendiconto della gestione dell esercizio 2013, comprendente il Conto del Bilancio, il Conto economico e il Conto del patrimonio; Ritenuto, ai sensi delle richiamate disposizioni legislative, di elaborare la Relazione illustrativa del Rendiconto, nella quale sono contenuti: - gli scostamenti principali interventi rispetto alle previsioni, con la motivazione delle cause che li hanno determinati; - la determinazione del risultato di amministrazione, distinto per gestione di competenza e gestione dei residui; - il riepilogo delle opere ed investimenti la cui spesa è stata impegnata nell anno 2012 e le relative modalità di finanziamento; Richiamato il 3' comma dell'art. 228 del citato T.U.E.L. che impone l'obbligo di provvedere al riaccertamento dei residui attivi e passivi consistente nella revisione delle ragioni del mantenimento in tutto o in parte degli stessi;

11 Viste le determinazioni predisposte dai Responsabili di Settore dell ente, relative al riaccertamento dei residui attivi e passivi di propria competenza, ai sensi degli artt. 179 e 183 del D.Lgs. 267/2000: a) Settore Affari generali... Determinazione 1008 del ; b) Settore Finanziario Determinazione 7022 del ; c) Settore Tecnico:.. Determinazione 8017 del Visto, di conseguenza, l'elenco dei residui risultante, distinto per anno di provenienza, da allegare al rendiconto come previsto dall art comma 5 lettera c) - del D.Lgs. 267/2000; Dato atto che sono stati rilevati: - minori residui passivi per ,33 derivanti da economie su impegni conclusi; - minori residui attivi per ,26 eliminati dal conto del bilancio, che determinano, pertanto, un risultato positivo di euro ,07; Dato atto altresì che, ai sensi degli artt. 226 e 233 comma 1 del D.Lgs. 267/2000, gli agenti contabili interni nominati ed il consegnatario delle azioni hanno provveduto alla resa del conto della propria gestione per l esercizio 2013; Considerata la necessità di mettere a disposizione dei Consiglieri comunali, nei termini previsti dalla normativa vigente, la documentazione riconducibile al rendiconto della gestione 2013, al fine di provvedere alla relativa approvazione entro il termine fissato dal legislatore nel 30/04/2014; Visto lo Statuto Comunale ed il Regolamento comunale di contabilità; Dato atto che la presente deliberazione, ai sensi del 1 comma dell art. 49 del D.Lgs n. 267, e corredata dei previsti pareri favorevoli tecnico e contabile, come da certificazioni acquisite agli atti di questa Amministrazione; Con voti favorevoli unanimi, espressi per alzata di mano ed accertati nei modi e nelle forme di legge, DELIBERA 1) DI APPROVARE la Relazione illustrativa al Rendiconto della gestione dell esercizio finanziario allegato A - che verrà sottoposta al Consiglio Comunale, previo esame da parte del Revisore dei Conti;

12 2) DI APPROVARE lo schema di Rendiconto dell esercizio 2013 composto dal conto del Bilancio, Conto del Patrimonio, Conto Economico e Prospetto di Conciliazione, che presenta per quanto riguarda il conto del bilancio le seguenti risultanze finali: QUADRO RIASSUNTIVO DELLA GESTIONE FINANZIARIA GESTIONE Residui Competenza Totale Fondo di cassa al 1 gennaio ,83 Riscossioni , , ,11 Pagamenti Fondo cassa al 31 dicembre , , , ,87 Pagamenti (per azioni esecutive) e non regolarizzati al 31/12 Differenza ,87 Residui attivi , , ,89 Residui passivi , , ,04 Differenza ,15 AVANZO CONTABILE. (+) ,72 3) DI DARE ATTO che l Avanzo di amministrazione, ai sensi dell art. 187 del Tuel, risulta distinto come segue: Fondi vincolati ,00 Fondi per finanz. spese in conto capitale ,55 Fondi di ammortamento - Fondi non vincolati ,17 4) DI DARE ATTO della corrispondenza tra gli elaborati di cui al punto 2) ed il Conto del Tesoriere, reso ai sensi dell'art. 226 del T.U.E.L.; 5) DI DARE ATTO che si è provveduto al riaccertamento dei residui attivi e passivi ai sensi del 3' comma dell'art. 228 D.Lgs. 267/2000; 6) DI DARE ATTO dell avvenuta presentazione, nei termini e con le modalità previste dall art. 233, comma 1 del D.Lgs. 267/2000, dei conti di gestione degli agenti contabili nominati; 7) DI METTERE a disposizione dei Consiglieri e del Revisore dei Conti gli elaborati per il seguito di competenza, in conformità a quanto previsto dall'art. 45 del vigente Regolamento di Contabilità. Con separata unanime votazione, si dichiara il presente provvedimento urgente e pertanto immediatamente eseguibile, ai sensi dell art. 134, comma 4, del D. Lgs n. 267.

13 COMUNE DI ZOCCA Provincia di Modena RELAZIONE AL CONTO DEL BILANCIO ANNO

14 Introduzione Il bilancio di previsione è lo strumento finanziario mediante il quale l'amministrazione viene autorizzata ad impiegare le risorse destinandole al finanziamento di spese correnti e spese d'investimento. Al bilancio di previsione è allegata la Relazione Previsionale e programmatica con la quale le dotazioni di bilancio vengono destinate alla realizzazione di predefiniti programmi. Il programma costituisce quindi la sintesi tra la programmazione di carattere politico e quella di origine finanziaria. L'ammontare di tutti i programmi di spesa, intesi come complesso di risorse utilizzate per finanziare le spese di gestione (bilancio corrente) e gli interventi in conto capitale (bilancio investimenti) fornisce il risultato finale della gestione dei programmi. Il Bilancio di previsione 2013 è stato approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 26 giugno Nel corso dell'esercizio si è fatto luogo ad operazioni di variazione dei dati originari di previsione con delibere di Consiglio e di Giunta. Con la deliberazione del Consiglio Comunale n. 61 del 25/09/2013, ai sensi dell art. 193 del D.Lgs. 267/2000, si è provveduto alla verifica degli equilibri di bilancio per l anno Con la deliberazione del Consiglio Comunale n.68 del 27/11/2013 è stato approvata la variazione di assestamento generale del bilancio La rendicontazione è un controllo consuntivo. Si tratta del momento fondamentale del processo di pianificazione e controllo, che permette di confrontare i risultati della gestione con il "modello" organizzativo prefigurato dagli strumenti di programmazione (relazione previsionale e programmatica, bilancio, piano esecutivo di gestione). La dimostrazione dei risultati di gestione avviene mediante il Rendiconto, il quale comprende il "conto del bilancio", il "conto economico" ed il "conto del patrimonio". Il conto del bilancio ha la funzione di rappresentare in modo sintetico le risultanze della gestione, ponendo a confronto i dati di previsione, assestati a seguito delle variazioni eventualmente inter- venute in corso d'anno, con quelli derivanti dalle operazioni di accertamento ed impegno eseguite nel corso dell'esercizio. 2

15 CONTO DEL BILANCIO 2013 QUADRO RIASSUNTIVO DELLA GESTIONE FINANZIARIA GESTIONE Residui Competenza Totale Fondo di cassa al 1 gennaio ,83 RISCOSSIONI , , ,11 PAGAMENTI , , ,07 Fondo di cassa al 31/ ,87 PAGAMENTI (per azioni esecutive) e non regolarizzate al 31/12 0,00 DIFFERENZA ,87 RESIDUI ATTIVI , , ,89 RESIDUI PASSIVI , , ,04 DIFFERENZA ,15 AVANZO (+) / DISAVANZO (-) Risultato di amministrazione: - Fondi Vincolati , ,00 - Fondi per finanziamento spese c/capitale ,55 - Fondi di ammortamento 0,00 - Fondi non vincolati ,17 Dalla tabella sopra riportata si può notare che il risultato di amministrazione è prodotto: - dalla gestione di competenza - dalla gestione dei residui, compreso fondo iniziale di cassa - applicazione avanzo / disavanzo esercizio precedente Andiamo ad analizzare le singole gestioni. 3

16 ANALISI DELL AVANZO / DISAVANZO PRECEDENTE ESERCIZIO APPLICATO In base all art. 186 del D.Lgvo 267/2000 Il risultato contabile di amministrazione e' accertato con l'approvazione del rendiconto dell'ultimo esercizio chiuso ed e' pari al fondo di cassa aumentato dei residui attivi e diminuito dei residui passivi e in base all art. 187, comma 1 L'avanzo di amministrazione e' distinto in fondi non vincolati, fondi vincolati, fondi per finanziamento spese in conto capitale e fondi di ammortamento., comma 2, L'eventuale avanzo di amministrazione, accertato ai sensi dell'articolo 186, puo' essere utilizzato: a) per il reinvestimento delle quote accantonate per ammortamento, provvedendo, ove l'avanzo non sia sufficiente, ad applicare nella parte passiva del bilancio un importo pari alla differenza; b) per la copertura dei debiti fuori bilancio riconoscibili a norma dell'articolo 194; c) per i provvedimenti necessari per la salvaguardia degli equilibri di bilancio di cui all'articolo 193 ove non possa provvedersi con mezzi ordinari, per il finanziamento delle spese di funzionamento non ripetitive in qualsiasi periodo dell'esercizio e per le altre spese correnti solo in sede di assestamento; d) per il finanziamento di spese di investimento. In base all art. 188 L'eventuale disavanzo di amministrazione, accertato ai sensi dell'articolo 186, e' applicato al bilancio di previsione nei modi e nei termini di cui all'articolo 193,(salvaguardia degli equilibri di bilancio), in aggiunta alle quote di ammortamento accantonate e non disponibili nel risultato contabile di amministrazione. Nella tabella che segue viene rappresentato l utilizzo dell avanzo / disavanzo di amministrazione effettuato nel corso dell esercizio che troverà riscontro nelle successive tabelle. AVANZO 2012 APPLICATO NELL'ESERCIZIO 2013 ### ## Avanzo risultante dal Conto del Bilancio ,53 di cui: - Avanzo applicato alle spese correnti ,00 - Avanzo applicato agli investimenti , Totale avanzo applicato ,45 DISAVANZO 2012 APPLICATO NELL'ESERCIZIO 2013 Disavanzo applicato al bilancio corrente 0,00 4

17 LA GESTIONE DI COMPETENZA Con questo termine ci riferiamo a quella parte di gestione determinata dalle sole operazioni relative all esercizio in corso, senza considerare quelle generate negli anni precedenti e non ancora concluse. La gestione di competenza evidenzia il risultato della gestione di competenza come differenza tra gli accertamenti e gli impegni di stretta pertinenza dell esercizio e permette di valutare come sono state utilizzate le risorse. Il risultato di questa gestione, di norma, evidenzia la capacità dell ente di prevedere flussi di entrata e di spesa sia nella fase di impegno /accertamento che di pagamento / riscossione, tali da consentire il principio di pareggio finanziario non solo in fase previsionale ma anche durante l intero anno. L art. 193 del D.Lgvo 267/2000 impone il rispetto durante la gestione e nelle variazioni di bilancio, del pareggio finanziario e di tutti gli equilibri stabiliti in bilancio per la copertura delle spese correnti e per il finanziamento degli investimenti. Al termine dell esercizio una attenta gestione dovrebbe dar luogo ad un risultato di pareggio o positivo in grado di dimostrare la capacità dell ente di conseguire un adeguato flusso di risorse tale da assicurare la copertura finanziaria degli impegni di spesa assunti. Quindi un risultato della gestione di competenza positivo evidenzia una equilibrata e corretta gestione, mentre un valore negativo trova generalmente giustificazione nel verificarsi di eventi imprevedibili che hanno modificato le previsioni attese. QUADRO RIASSUNTIVO DELLA GESTIONE DI COMPETENZA RISCOSSIONI ,13 PAGAMENTI ,56 DIFFERENZA ,57 RESIDUI ATTIVI ,27 RESIDUI PASSIVI ,72 DIFFERENZA ,45 AVANZO (+) / DISAVANZO (-) ,12 5

18 Le tabelle che seguono indicano i totali distinti per titoli di entrata e di uscita. RISULTATO DELLA GESTIONE DI COMPETENZA ENTRATE: ACCERTAMENTI DI COMPETENZA ACCERTAMENTI RISULTATO Titolo 1: Entrate tributarie ,64 Titolo 2: Entrate da trasferimenti correnti ,04 Titolo 3: Entrate extratributarie ,52 Titolo 4: Alienazioni, trasferimenti di capitale, riscossione di crediti ,74 Titolo 5: Entrate da accensione di prestiti 0,00 Titolo 6: Partite di giro ,46 Totale Parziale ,40 Avanzo precedente esercizio applicato ,45 Totale (1) ,85 USCITE: IMPEGNI DI COMPETENZA IMPEGNI Titolo 1: Spese correnti ,48 Titolo 2: Spese in conto capitale ,34 Titolo 3: Rimborso di prestiti ,00 Titolo 4: Partite di giro ,46 Totale Parziale ,28 Disavanzo precedente esercizio applicato 0,00 Totale (2) ,28 Avanzo / Disavanzo di gestione ,57 6

19 Equilibri della gestione di competenza Vengono qui di seguito riportati gli equilibri della gestione di competenza degli ultimi due anni di conto del bilancio : EQUILIBRI DELLA GESTIONE DI COMPETENZA GESTIONE DI COMPETENZA CORRENTE Entrate correnti (Titolo I + II + III) (+) , ,20 Spese Correnti: Titolo I (-) , ,48 Spese per rimborso di prestiti (quota capitale) (-) , ,00 DIFFERENZA (+/-) , ,72 Entrate del Titolo IV che finanziano le spese correnti (+) 0,00 0,00 Avanzo applicato al titolo I della spesa (+) , ,00 Alienazioni patrimoniali per debiti fuori bilancio corr. (+) 0,00 0,00 Entrate correnti che finanziano investimenti (-) 0, ,00 Altre (+/-) 0,00 0,00 TOTALE GESTIONE CORRENTE (+/-) , ,72 GESTIONE DI COMPETENZA CONTO CAPITALE Entrate titoli IV e V (+) , ,74 Avanzo applicato al titolo II (+) , ,45 Entrate correnti che finanziano investimenti (+) 0, ,00 Entrate del Titolo IV che finanziano le spese correnti (-) 0,00 0,00 Spese titolo II (-) , ,34 TOTALE GESTIONE C/CAPITALE (+/-) , ,85 SALDO GESTIONE CORRENTE E C/CAPITALE (+/-) , ,57 7

20 ANALISI DELLE COMPONENTI DI BILANCIO Analizziamo ora i riepiloghi per le diverse componenti di bilancio. Composizione del Bilancio per l'anno 2013 Entrate Uscite Differenza Corrente , , ,72 Investimenti , , ,60 Movimento fondi 0, , ,00 Di terzi , ,46 0,00 Totale , , , Composizione del Bilancio , , , , , , , , , ,00 0,00 Corrente Investimenti Movimento fondi Di terzi Entrate Spese Movimento fondi 0% Di terzi Investimenti 6% 4% Incidenza percentuale Corrente 90% Le tabelle che seguono mettono in evidenza le singole voci che compongono il bilancio corrente, il bilancio investimenti, il bilancio movimento di fondi e il bilancio servizi c/terzi, limitati alla sola competenza. Bilancio corrente: misura la quantità di entrate destinate all ordinaria gestione dell ente. 8

21 BILANCIO CORRENTE Parziale Totale Entrate correnti: Titolo I + II + III Spese Correnti: Titolo I + III (int. 3,4,5) ENTRATE (accertamenti) Entrate Tributarie (Titolo I) ,64 Entrate da Trasferimenti correnti (Titolo II) ,04 Entrate Extratributarie (Titolo III) ,52 Totale Accertamenti Entrate correnti (+) ,20 Entrate correnti che finanziano investimenti: rimborso credito iva ,00 dividendo straordinario Coimepa ,00 contributo regionale ccn ,00.. Totale Risparmio corrente (-) ,00 Totale Entrate correnti nette (=) , ,20 Avanzo applicato al bilancio corrente (+) , ,00 Entrate del Titolo IV e V che finanziano spese correnti: - Oneri urbanizzazione per manutenzione ordinaria 0,00 - Alienazioni per riequilibrio 0,00 - Mutui a copertura disavanzi 0,00 - Altre entrate straordinarie 0,00 Totale risorse straordinarie (+) 0,00 0,00 Totale Entrate ,20 USCITE (impegni) Spese correnti (Titolo I) (+) , ,48 Spese per il rimborso di prestiti (Titolo III) (+) , ,00 A detrarre: ,00 - Anticipazione di cassa (int. 1) (-) 0,00 - Rimborso finanziamenti a breve (int. 2) (-) 0,00 Totale Impegni Spese correnti ,48 Disavanzo applicato al bilancio corrente 0,00 0,00 Totale Uscite ,48 RISULTATO bilancio di parte corrente: Avanzo (+) / Disavanzo (-) ,72 Avanzo applicato al bilancio corrente 3% Totale risorse straordinarie 0% Composizione delle entrate - Bilancio corrente - Totale Entrate correnti nette 97% Spese per il rimborso di prestiti (Titolo III) 5% Composizione delle spese - Bilancio corrente - Disavanzo applicato al bilancio corrente 0% Spese correnti (Titolo I) 95% 9

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE COMUNE DI GONARS PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE La relazione al rendiconto in sintesi Contenuto e logica espositiva 1 Programmazione, gestione e controllo 2 Il rendiconto finanziario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA

COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.82 del 03.04.2013 INDICE CAPO I: FINALITÀ E CONTENUTI Art. 1 Finalità e contenuti del Regolamento

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS...

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS... SAPIENZA 1 7 FEB. 2015 Nell'anno duemilaquindici, addì 17 febbraio alle ore 16.00, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0009903 del 12.02.2015, per

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov. Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.it Proposta n. 3560 del 03/08/2015 RIFERIMENTI CONTABILI Anno bilancio

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE COAWYE PERC,1 (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. i Registro Delibere OGGETTO: Prosecuzione fino al 31/12/2014 n. 12 contratti di lavoro di diritto privato a tempo determinato

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE 3 luglio 2014 Sommario Premessa... 5 Sintesi dei risultati e conclusioni... 6 I risultati principali... 7 Conclusioni... 10 Il

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 812 del 28/11/2013 N. registro di area 139 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 28/11/2013 da Laura Dordi Responsabile del Settore AFFARI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 10 ottobre 2012, n. 174

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 10 ottobre 2012, n. 174 Page 1 of 39 TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 10 ottobre 2012, n. 174 Testo del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 10 ottobre 2012, n. 237), coordinato con la

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli