Una dissertazione sui partiti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una dissertazione sui partiti"

Transcript

1

2

3 Bolingbroke Una dissertazione sui partiti a cura di Matteo Truffelli Rubbettino

4 Questo volume viene pubblicato con i contributi erogati dal Ministero dell istruzione, dell Università e della Ricerca (prin 2008) all Unità dell Università di Parma nell ambito della ricerca nazionale Ragioni e forme della politica nell Europa moderna e contemporanea, coordinata da Nicola Antonetti La selezione e valutazione delle opere viene effettuata attraverso un processo di revisione fra pari con doppio referaggio Titolo originale dell opera: A Dissertation upon Parties. Traduzione di Chiara Rolli e Matteo Truffelli Rubbettino Editore Soveria Mannelli - Viale Rosario Rubbettino, 10 - tel (0968)

5 Introduzione Un ideologia per l opposizione. Libertà, costituzione e partiti nel pensiero di Lord Bolingbroke 1. La Dissertation upon Parties di Henry St. John, Visconte Bolingbroke, che viene qui tradotta per la prima volta 1, rappresenta senza alcun dubbio un testo fondamentale per il pensiero politico anglosassone del Diciottesimo secolo, e non solo. Nelle sue pagine, infatti, Lord Bolingbroke uomo politico e figura di primo piano nell Inghilterra dell epoca 2 affronta, con sferzante tono polemico e in stretta connessione con gli eventi a lui contemporanei, ma anche con il respiro ampio di una trattazione speculativa che si spinge oltre le ragioni contingenti da cui trae origine, una serie di nodi concettuali rivelatisi cruciali in quei processi che, nel corso del Settecento, condussero il sistema politico britannico verso l assunzione delle forme della democrazia moderna. Un evoluzione nella quale giocò un ruolo non secondario l affermarsi di nuove modalità di strutturazione della 1. Per quanto è stato possibile appurare, l opera non è mai stata tradotta in alcuna lingua: nel 1739 Étienne de Silhouette pubblicò in francese un Essai d une traduction des Dissertations sur les partis qui divisent l Angleterre, in cui però era tradotta solo la Dedica composta da Bolingbroke per l edizione in volume della Dissertation. Un breve stralcio delle Lettere x e xiii è stato tradotto nel volume curato da N. Matteucci (a cura), Antologia dei costituzionalisti inglesi, il Mulino, Bologna 1962, pp Per un profilo biografico si veda, innanzitutto, H.T. Dickinson, Bolingbroke, Constable, London 1970, che rimane l opera più completa e puntuale. Lo stesso Dickinson è autore anche della voce Bolingbroke nell Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press, Oxford Diverse altre biografie dell uomo politico e pensatore inglese sono state scritte sia nei decenni immediatamente successivi alla sua morte, sia nel corso dell Ottocento e del Novecento. Tra queste ultime, si può ricordare almeno la ponderosa opera di W. Sichel, Bolingbroke and His Times, 2 voll., James Nisbet, London ; D. Harkness, Bolingbroke. The Man and his Career, Staples Press Limited, London

6 rappresentanza politica, imperniatasi progressivamente su quei partiti politici sorti nel crogiolo delle rivoluzioni che, nel corso del secolo precedente, avevano travolto e insanguinato l Inghilterra degli Stuart. La Dissertation dedicata da Bolingbroke a questi nuovi soggetti della politica moderna costituì, nell ambito delle riflessioni dottrinarie europee, il primo tentativo di interrogarsi in maniera tanto articolata, puntuale e critica sulla loro natura, la loro funzione, la loro rilevanza e problematicità. Nell ampio e intricato panorama del dibattito pubblico che già allora si sviluppò attorno alle trasformazioni politiche, sociali ed economiche in atto, i saggi che compongono la Dissertation ebbero una rilevanza particolare: per il ruolo di primo piano che l autore interpretava sulla scena politica dell epoca, per l influenza che quegli scritti esercitarono allora e in seguito su intellettuali e uomini politici in Inghilterra e, almeno per certi versi, in Europa, come pure per il notevole impatto che essi ebbero nelle colonie americane 3. Soprat- 3. Guido Abbattista, curatore dell apprezzata edizione italiana dell opera forse più nota di Bolingbroke, L idea di un re patriota, ha sottolineato come la circolazione sul continente degli scritti del Visconte inglese nei secoli successivi alla sua morte risultasse, nel complesso, «tutto sommato scarsa e effimera» (G. Abbattista, Premessa, in Bolingbroke, L idea di un re patriota, introduzione, traduzione e commento di G. Abbattista, Donzelli, Roma 1995, p. xiv). Nonostante ciò, si può però senz altro ritenere che le opere del Visconte fossero ben note nei salotti e nei circoli intellettuali europei della sua epoca, soprattutto in Francia, dove Bolingbroke trascorse molti anni in volontario esilio: cfr. in questo senso D.J. Fletcher, The Fortunes of Bolingbroke in France in the Eighteenth Century, «Studies on Voltaire and Eighteenth Century», 47 (1966), pp Per quanto riguarda la significativa diffusione delle opere di Bolingbroke nelle colonie americane, rimangono fondamentali, nel quadro di una letteratura ormai piuttosto articolata, i classici studi di J.G.A. Pocock, Il momento machiavelliano. Il pensiero politico fiorentino e la tradizione repubblicana anglosassone, 2 voll., tr. it. il Mulino, Bologna 1980; e di B. Bailyn, The Ideological Origins of the American Revolution, Harvard University Press, Cambridge (MA) Altri riferimenti si possono trovare, ad esempio, in Z. Haraszti, John Adams and the Prophets of Progress, Harvard University Press, Cambridge (MA) 1957; A. Koch, The Philosophy of Thomas Jefferson, Smith, Gloucester (MA) 1957; F. McDonald, Alexander Hamilton. A Biography, Norton & Company, New York Per una discussione delle tesi di Pocock e Bailyn sull importanza della tradizione repubblicana inglese nell ambito del pensiero politico americano, alla luce dei dibattiti storiografici sviluppatisi negli ultimi decenni, cfr. B. Casali- 6

7 tutto, però, la Dissertation si distinse dagli altri pamphlet dell epoca, assumendo un importanza peculiare, per la forza argomentativa e l incisività con cui in essa venivano individuate e affrontate le principali questioni poste dall evoluzione del sistema partitico rispetto al funzionamento del modello costituzionale della «monarchia limitata», indiscusso punto fermo su cui, almeno formalmente, tutti i protagonisti della vita pubblica fondavano le proprie posizioni politiche. Nel corso della trattazione, infatti, Bolingbroke poneva sul tappeto elementi di riflessione problematici e di notevole spessore dottrinario, non solo criticando a fondo gli intrecci tra potere di governo, politica di partito e interessi economici di parte, che vedeva annodarsi e crescere rigogliosi sotto i suoi occhi, ma anche, ad esempio, proponendo per la prima volta in modo chiaro di distinguere tra fedeltà al «governo di Sua Maestà» e fedeltà alla costituzione, fissando così le basi teoriche per un riconoscimento della legittimità e della funzionalità dell opposizione in un sistema di governo parlamentare. Al tempo stesso, indicava, in modo altrettanto innovativo, il carattere dirompente delle dinamiche legate all affermazione dei partiti politici, dei quali coglieva con una consapevolezza fino ad allora sconosciuta i connotati fondamentali mettendo in evidenza la loro natura ideologica e il loro legame con un retroterra sociale ed economico senza però riuscire a sciogliere il nodo della tensione necessariamente esistente, in un orizzonte concettuale in cui il valore del pluralismo non si era ancora affermato, tra il determinarsi di una molteplicità di identità di «parte» e la comune appartenenza di ogni cittadino al «tutto» del corpo politico della nazione. L epoca in cui venne composta la Dissertation fu un epoca di lenta, ma progressiva (e decisiva), trasformazione della politica moderna: Bolingbroke ne individuò con lucidità e tono allarmato la portata, ma contribuì, al tempo stesso, alla sua evoluzione. ni, Nei limiti del compasso. Locke e le origini della cultura politica e costituzionale americana, Mimesis, Milano Ulteriori rilievi critici sono stati recentemente portati da L.M. Bassani, Machiavelli and the Revolutionary America: Beyond the Republican Paradigm, in A. Arienzo, G. Borrelli (a cura di), Anglo-American Faces of Machiavelli. Machiavelli e machiavellismi nella cultura anglo-americana (secoli xvi-xx), Polimetrica, Monza 2009, pp

8 2. Fin dalla loro apparizione i papers della Dissertation suscitarono, come molti altri scritti di Bolingbroke, roventi polemiche e approvazioni entusiaste. Pubblicati tra l ottobre 1733 e il dicembre 1734, essi videro originariamente la luce sotto forma di «lettere» sulle colonne del «Craftsman», il periodico politico che aveva nello stesso Bolingbroke uno dei principali ispiratori e artefici e che dal 1726, anno della sua fondazione, conduceva una strenua opposizione nei confronti del governo whig 4. Immediatamente dopo essere comparse sul giornale londinese, peraltro, le diciotto lettere vennero raccolte in volume, integrate da un diciannovesimo saggio originariamente pubblicato come testo a sé stante e da un ironica dedica al «primo ministro» Walpole: il testo che ne risultò, stampato per la prima volta nel 1735, ebbe un notevole successo editoriale, tanto da essere riproposto in almeno undici edizioni nel corso del Settecento, di cui sei prima della morte di Bolingbroke, sopraggiunta nel dicembre Per una complessiva ricostruzione della vicenda del «Craftsman» si veda il notevole studio di G. Sanna, Il Craftsman. Giornalismo e cultura politica nell Inghilterra del Settecento, FrancoAngeli, Milano Un approccio e conclusioni almeno in parte differenti, specie in riferimento al ruolo avuto da Bolingbroke nella creazione e nella conduzione del periodico, si trovano nell introduzione del curatore al volume Lord Bolingbroke, Contributions to the Craftsman, ed. by S. Varey, Oxford University Press, New York Cfr. G. Barber, Some uncollected authors XLI. Henry Saint John, Viscount Bolingbroke, , «The Book Collector», 14 (1965), n. 4, pp La prima edizione in volume, indicata sul frontespizio come «second edition», venne stampata a Londra dallo stesso editore del «Craftsman», Richard Francklin. Il testo della Dissertation venne poi naturalmente inserito nella raccolta degli scritti a cui attese l amico David Mallet subito dopo la morte di Bolingbroke. La prima edizione di essa, in cinque volumi, venne stampata a Londra nel Anche dei Works si ebbero diverse edizioni e ristampe, sia in Gran Bretagna che negli Stati Uniti, nel corso del Settecento e dell Ottocento. Data la loro più facile reperibilità, nel corso di questa introduzione si farà riferimento, per quanto riguarda i testi di Bolingbroke non tradotti in italiano, all edizione The Works of Lord Bolingbroke. With a Life, prepared expressly for this Edition, containing additional information relative to his personal and public character, selected from the best authorities, 4 voll., Carey and Hart, Philadelphia 1841, Reprint University of the Pacific, Honolulu (HI) 2001, (d ora in poi citati come Works: tutte le traduzioni, salvo diverso avviso, sono di chi scrive). 8

9 Il successo, ma anche le reazioni polemiche suscitate dalla Dissertation 6 rispecchiarono la più generale fortuna di Bolingbroke tra i suoi contemporanei: un uomo, per usare la lapidaria definizione che ne ha dato John H. Plumb, «nato per opporsi, e per fallire» 7. Personalità carismatica e seducente, colto, abile, dotato di una straordinaria capacità retorica, altrettanto straordinariamente ambizioso, poco affidabile e incline all intrigo, irruento e privo di moderazione, infedele nella vita pubblica e in quella privata, dissoluto nei costumi, Bolingbroke fu un personaggio molto discusso in vita e duramente criticato dopo la morte. Protagonista di battaglie per la conquista del potere condotte senza scrupoli e mezze misure 8, venne fatto oggetto di attacchi politici e personali ugualmente aspri, tanto da essere costretto a più riprese a prendere la via dell esilio. Sir Robert Walpole, il suo grande avversario, lo additò ai membri della Camera dei Comuni come un uomo «privo di qualsiasi fede o onore, traditore di ogni signore che abbia mai servito» 9, alludendo senza giri di parole ai suoi rapporti con il Pretendente di Casa Stuart, che tramava dall esilio 6. Cfr. H.T. Dickinson, Bolingbroke, cit., p J.H. Plumb, Sir Robert Walpole. The King s Minister, Cresset, London 1960, p Fu lo stesso Bolingbroke a sottolineare in un importante testo risalente al periodo del primo esilio francese ( ), su cui si tornerà più avanti l approccio spregiudicato e opportunista con cui aveva affrontato la lotta politica durante gli anni della sua precoce ascesa al potere: «temo che noi giungemmo al governo (court) con la stessa indole degli altri partiti; che la molla principale del nostro agire fosse avere il governo dello Stato nelle nostre mani; che le nostre mire principali consistessero nella conservazione di questo potere, uffici importanti per noi stessi e grandi opportunità di ricompensare coloro che ci avevano aiutato ad affermarci, e di danneggiare quelli che ci erano contro». A Letter to Sir William Wyndham, in Works, vol. I, pp Walpole formulò l accusa durante un importante discorso tenuto alla Camere dei Comuni in occasione del dibattito sulla proposta di abrogazione del Septennial Act, il 13 marzo 1734 (subito dopo, quindi, la pubblicazione del primo blocco di lettere della Dissertation). Il testo del discorso, consultabile integralmente in W. Cobbett (ed.), Parliamentary History of England. From the Norman Conquest, in 1066, to the Year of 1803, vol. IX ( ), Hansard, London 1811, pp , è parzialmente riportato in appendice a B. Cottret, Bolingbroke s Political Writings. The Conservative Enlightenment, Macmillian Press-St. Martin s Press, London-New York 1997, pp

10 francese per riconquistare il trono perduto. Accuse altrettanto dure gli furono rivolte, oltre che dagli avversari politici e dalla stampa filogovernativa, da uomini di Chiesa, da intellettuali, ma anche da alleati di partito 10. All opposto, non furono poche le personalità di spicco dell epoca che si lasciarono andare a giudizi pieni di ammirazione nei suoi confronti: Jonathan Swift, che condivise con lui le principali scelte politiche e gli fu amico per tutta la vita, lo giudicava «il più grande uomo che io abbia mai conosciuto»: una persona, scriveva l autore dei Viaggi di Gulliver, dotata di «intelligenza, capacità, bellezza, velocità nell apprendere, buona cultura e gusto eccellente; il miglior oratore della Camera dei Comuni, una conversazione ammirabile, buona natura e buone maniere, generoso e sprezzante verso il denaro» 11. Allo stesso modo gli fu vicino un altro grande poeta inglese dell epoca, Alexander Pope, che giudicava Bolingbroke «il più grande uomo al mondo, sia nel suo tempo sia per il futuro» 12. Con costoro e con alcuni altri importanti letterati del tempo, non a caso, Bolingbroke diede vita a un circolo letterario, lo Scriblerus Club: una sorta di officina creativa collettiva da cui emersero alcuni dei più significativi capolavori della letteratura a sfondo politico dell epoca 13. Il Visconte e le sue opere, peraltro, non raccolsero giudizi entusiastici solo in Inghilterra, ma anche oltre confine, tanto in vita che 10. Una rassegna di giudizi dei contemporanei di Bolingbroke si trova, ad esempio, in I. Kramnick, Bolingbroke and His Circle. The Politics of Nostalgia in the Age of Walpole, Cornell University Press, Ithaca and London , pp ; B. Cottret, Bolingbroke s Political Writings, cit., pp Circa la diffidenza nutrita da importanti esponenti del partito Tory nei confronti di Bolingbroke cfr. L. Colley, In Defiance of Oligarchy. The Tory Party , Cambridge University Press, Cambridge 1982, pp Il passo è tratto da una lettera di Swift, datata 23 ottobre 1711, in J. Swift, Journal to Stella, ed. by H. Williams, Clarendon Press, Oxford 1948, vol. II, p Pope to Swift, in The correspondence of Jonathan Swift, ed. by F.E. Ball, Bell, vol. V, London 1913, p Sul rapporto tra i due protagonisti della vita culturale e politica britannica della prima metà del Settecento si veda B.S. Hammond, Pope and Bolingbroke. A Study of Friendship and Influence, University of Missouri Press, Columbia (MO) Sull esperienza del circolo intellettuale si veda A. Brilli, Retorica della satira, con il Peri Bathous, o l arte di inabissarsi in poesia di Martin Scriblerus, il Mulino, Bologna

11 dopo la morte. A partire dalla Francia, dove visse per lungo tempo e dove conobbe alcuni dei principali intellettuali europei, intessendo rapporti culturali e di amicizia con diversi di essi 14. Tra costoro, innanzitutto, Voltaire, che egli frequentò a lungo anche dopo esser tornato in patria, quando il filosofo francese fu a sua volta costretto a rifugiarsi in Inghilterra e trovò proprio in Bolingbroke una fonte privilegiata e un mediatore, dal quale attinse larga parte delle proprie conoscenze del mondo politico e culturale britannico e che, in particolare, gli consentì di conoscere gli ambienti dell empirismo e del deismo d Oltremanica, acquisendo elementi fondamentali per lo sviluppo del proprio pensiero. Basti ricordare, per avere un idea dei rapporti che intercorsero tra i due, che Voltaire il quale considerava Bolingbroke «uno dei più brillanti ingegni (génies) e l uomo di maggiore eloquenza del suo secolo» 15 non solo gli dedicò una tragedia, il Brutus, ma scrisse anche una Defense per controbattere alle critiche formulate dai nemici del Visconte 16. Grande attenzione verso 14. Cfr. J.C. Collins, Bolingbroke: a Historical Study, and Voltaire in England, Murray, London 1886; D.J. Fletcher, The Fortunes of Bolingbroke in France in the Eighteenth Century, cit.; Id., Bolingbroke and the Diffusion of Newtonianism in France, «Studies on Voltaire and Eighteenth Century», 53 (1967), pp ; R.A. Barrell, Bolingbroke and France, University Press of America, Lanham (MD) 1988; B. Cottret, Bolingbroke: exil et écriture au siècle des lumières: Angleterre-France (vers 1715-vers 1750), 2 voll., Klincksieck, Paris Preziose indicazioni per inquadrare lo spirito culturale che permeò la cerchia di amici di cui si circondò Bolingbroke durante il suo primo soggiorno in Francia e per cogliere i legami che intercorsero tra quel circolo intellettuale e il gruppo di scrittori inglesi vicini a Bolingbroke sono presenti in tre differenti saggi di Francesca Fedi: La traduzione e la circolazione del Rape of the Lock, in G. Baldassarri, S. Contarini, F. Fedi (a cura), Antonio Conti: uno scienziato nella République des Lettres, Il Poligrafo, Padova 2009, pp ; Id., Non obtusa adeo gestamus pectora : i lettori italiani e le traduzioni settecentesche del Rape of the Lock, in G. Cantarutti, S. Ferrari, P.M. Filippi (a cura), Traduzioni e traduttori del Neoclassicismo, FrancoAngeli, Milano 2010, pp ; Le officine del Rape of the Lock: redazioni e traduzioni da Londra a Napoli, in corso di stampa nei «Quaderni della Sezione di Italiano», Université de Lausanne. Si veda inoltre N. Childs, A Political Academy in Paris : The Entresol and its members, Voltaire Foundation, Oxford Voltaire, Histoire de Charles XII, in Oeuvres complètes de Voltaire, Garnier, vol. XVI, Paris 1878, p Cfr. Voltaire, Brutus, in Oeuvres complètes de Voltaire, cit., vol. II, Paris 1877, p. 311; Id., Defense de Milord Bolingbroke, ivi, vol. XXIII, Paris 1879, pp

12 l autore della Dissertation, inoltre, dimostrò anche Montesquieu, che ebbe negli scritti di Bolingbroke e negli articoli del «Craftsman» un punto di riferimento per comprendere il sistema politico inglese, pur senza farsi ammaliare dall ambigua figura dell uomo politico dai costumi libertini (che conobbe personalmente e che non esitò a giudicare severamente, stigmatizzandone in modo particolare la passione smodata per il potere) 17. Un successo ancor maggiore, come si è accennato, Bolingbroke riscosse nelle colonie americane, dove le sue opere circolarono ampiamente, concorrendo in modo notevole a formare la cultura politica dei «padri fondatori» e dove, ad esempio, John Adams giudicò la Dissertation «un gioiello», sostenendo che non esistesse in circolazione un opera altrettanto «profonda, corretta e compiuta sul tema del governo, in lingua inglese o in qualunque altra lingua» 18, mentre Thomas Jefferson ne raccomandava la lettura come parte integrante della formazione di ogni buon gentleman con senso civico, insieme ai classici latini, a Locke, a Sidney e allo stesso Montesquieu Nato nel 1678 l anno del Popish Plot, l intrigo politico che anche secondo l affresco storico dipinto dalla Dissertation segnò un momento decisivo per la nascita dei partiti Whig e Tory Bolingbroke divenne membro della Camera dei Comuni appena ventiduenne, occupando un seggio che apparteneva per tradizione alla famiglia St. John. La sua carriere politica sembrò ben presto decollare, sotto il regno della Regina Anna, grazie all accorta vicinanza a figure importanti come il Duca di Marlborough e, soprattutto, Robert Harley, con il quale, peraltro, avrebbe ben presto rotto l alleanza, dando vita a un aspra rivalità personale. Nel 1704 venne nominato Secretary at War e nel 1710, dopo una breve interruzione del suo mandato parlamentare e 17. Cfr. R. Shackleton, Montesquieu, Bolingbroke e la separazione dei poteri, «Occidente», 1952, pp L affermazione è riportata in I. Kramnick, Bolingbroke and His Circle, cit., p Così si esprimeva Jefferson in una lettera Robert Skipwith, il 3 agosto 1771 (citato in G. Sanna, Il Craftsman. Giornalismo e cultura politica nell Inghilterra del Settecento, cit., pp ). 12

13 governativo, Secretary of State for the Northern Department 20. Venne creato Visconte nel 1712, come ricompensa (che giudicò inadeguata e «umiliante») per il ruolo svolto nelle trattative che condussero alla pace di Utrecht, con la quale si mise fine alla guerra per la successione spagnola. Un successo che pur rappresentando, secondo George M. Trevelyan, «il più alto esempio» della sua «capacità politica» 21, gli costò però molto caro: il sospetto che nel corso della trattative avesse intrecciato legami inopportuni con i nemici francesi e con il principe di casa Stuart in esilio, infatti, offrì ai suoi numerosi avversari l opportunità di promuovere nel giro di non molto tempo un processo di impeachment nei suoi confronti. La possibilità di un imputazione divenne una probabilità concreta dopo la morte della Regina Anna e l ascesa al trono di Giorgio I Hannover, quando la sconfitta elettorale dei Tories portò al governo il partito antagonista. Avvertendo il clima minaccioso che si stava creando nei suoi confronti, Bolingbroke preferì allora fuggire in Francia e, una volta là, entrare a far parte della cerchia di Giacomo Francesco Edoardo, il Pretendente di casa Stuart che non aveva rinunciato alle proprie pretese sul trono d Inghilterra. Divenne dunque facile, per i Whigs saliti al potere, ottenere la condanna di Bolingbroke per tradimento, con la conseguente revoca del titolo nobiliare e la confisca di tutte le proprietà. Negli anni passati in esilio, oltre a frequentare alcuni dei principali salotti aristocratici e intellettuali francesi, Bolingbroke si dedicò agli studi, con particolare attenzione alla filosofia di Locke e Newton. Sulla scorta delle molte letture, approfondì non solo le proprie idee politiche ma anche quelle filosofico-religiose, oltre ad ampliare le 20. Per una ricostruzione dell attività politica negli anni in cui fu membro della House of Commons, cfr. in particolare S. Biddle, Bolingbroke and Harley, Allen & Unwin, London 1975, e la più recente voce di S. Handley, Saint John, Henry II, in E. Cruickshanks, S. Handley, D.W. Hayton (eds.), The History of Parliament. The House of Commons , vol. V, Members O-Z, Cambridge University Press, Cambridge 2002, pp Si veda inoltre il classico volume di G. Holmes, British Politics in the Age of Anne, The Ambledon Press, London and Ronceverte, ; oltre al suo saggio Harley, St John and the Death of the Tory Party, in Id. (ed.), Britain after the Glorious Revolution , Macmillian-St Martin s Press, London 1969, pp G.M. Trevelyan, Storia di Inghilterra, tr. it. Garzanti, Milano 1965, p

14 proprie conoscenze storiche. Le sue riflessioni non giunsero mai all elaborazione di un vero e proprio pensiero sistematico, né a una proposta del tutto originale, ma lo fecero approdare, da un lato, a un deismo razionalista rudemente critico nei confronti dei contenuti dottrinari del cristianesimo e di tutte le religioni storiche, dall altro, a un abbozzo di teoria contrattualistica, finalizzata alla legittimazione della monarchia limitata come forma «naturale» e storicamente fondata del potere 22. Per quanto col passare del tempo assumesse vezzosamente l atteggiamento dell uomo di pensiero rassegnato alla condizione dell esilio 23, tuttavia, il suo obiettivo principale rimase sempre quello di riguadagnare le posizioni perdute, sia politiche sia economiche e di rango. Rotti ben presto i rapporti con il Pretendente in seguito al fallito tentativo di sollevazione azzardato in Scozia nel 1715, cercò di recuperare credibilità politica in patria, prendendo le distanze dalla causa giacobita e tentando di riavvicinare i Tories che si erano allineati alla successione hannoveriana. È in quest ottica che si dedicò alla stesura di uno dei primi testi nei quali si possono trovare enunciate alcune delle idee politiche che, da quel momento, avrebbe portato avanti in maniera metodica. Dall esilio francese, infatti, Bolingbroke indirizzò a una personalità di primo piano del partito Tory, William Wyndham, un appello da far circolare tra i principali esponenti del partito, nel quale giustificava la propria condotta degli anni precedenti, ricusava la causa giaco- 22. Le riflessioni condotte durante il periodo di esilio portarono alla stesura di una serie di saggi di natura sia filosofica sia politica, che rimasero però inediti fino alla loro pubblicazione postuma (cfr. Works, voll. III e IV). Parte dei saggi dedicati a discutere la natura, l origine, le prerogative e i limiti del potere politico monarchico (per la precisione i Fragments or Minutes of Essays, X-XVI, pubblicati ivi, vol. IV, pp ) sono stati tradotti ed efficacemente introdotti a cura di Eugenio Capozzi nel volume H. Saint-John Visconte di Bolingbroke, Sul governo, Guida, Napoli Sulla teoria della conoscenza umana, la filosofia e il deismo di Bolingbroke si vedano in particolare W. McIntosh Merrill, From Statesman to Philosopher, a Study in Bolingbroke s Deism, Philosophical Library, New York 1949; D.G. James, The Life of Reason. Hobbes, Locke, Bolingbroke, Longmans Green, London 1949; S.W. Jackman, Man of Mercury. An Appreciation of the Mind of Henry St. John, Viscount Bolingbroke, (1965), The Lutterwort Press, Cambridge Si vedano ad esempio le sue Reflections upon Exile, stese presumibilmente nel 1716 ma pubblicate solo postume, in Works, vol. I, pp

15 bita e invitava tutti i Tories a fare altrettanto. Già in quell occasione, quindi, delineava alcuni elementi portanti della propria strategia politica, che prevedeva la piena adesione all assetto istituzionale e ai princìpi politici che si erano affermati con la Glorious Revolution. Una strategia perseguita nella speranza di riottenere tanto per il partito quanto per se stesso legittimazione politica agli occhi della Corte e di quella parte di Whigs che erano rimasti tagliati fuori dalle posizioni di potere 24. Ottenuto dopo diversi anni un parziale perdono, fece ritorno in Inghilterra nel 1725, senza però rientrare in possesso del proprio seggio alla House of Lords. Ciò non gli impedì, tuttavia, di lavorare alacremente alla costruzione di una opposizione unitaria al governo che Walpole guidava saldamente dal Questo, in una parola, divenne il suo programma politico, che egli perseguì con costanza per più di un ventennio, senza tuttavia riuscire mai a riconquistare il potere perduto e, anzi, vedendo sempre corrispondere all ammirazione dei suoi amici la persecuzione, oltreché il pubblico disprezzo, dei suoi avversari. Cosa che lo spinse, tra l altro, a lasciare l Inghilterra altre due volte, riparando ancora in Francia per diversi anni. Se in vita, dunque, Bolingbroke dovette far fronte a diverse e ripetute traversie politiche e personali, fu però dopo la sua morte che 24. Cfr. A Letter to Sir William Wyndham, cit. pp Sulla figura straordinariamente significativa di Robert Walpole e sulla sua opera politica esiste, ovviamente, una letteratura assai vasta. Nell ambito di essa, si possono segnalare almeno, oltre ai classici volumi di J.H. Plumb, Sir Robert Walpole. The making of a Statesman, The Cresset Press, London 1956; Id., Sir Robert Walpole. The King s Minister, cit.; H.T. Dickinson, Walpole and the Whig Supremacy, English Universities Press, London 1973; J. Black (ed.), Britain in the Age of Walpole, Macmillan, London ; Id., Walpole in Power, Sutton, Stroud 2001, oltre alla voce biografica di S. Taylor nell Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press, Oxford Fondamentali rimangono poi i cinque tomi della monumentale History of Parliament dedicati al regno di Guglielmo e Maria e a quello di Anna: cfr. D. Hayton, E. Cruickshanks, S. Handley (eds.), The History of Parliament: the House of Commons , 5 voll., cit., e soprattutto quelli relativi al periodo di governo walpoliano: cfr. R. Sedgwick (ed.), The History of Parliament. The House of Commons , 2 voll., History of Parliament Trust, London 1970 (consultabili all indirizzo in cui lo stesso Sedgwick ha redatto la specifica voce biografica su Walpole. 15

16 la sua fama fu messa, se possibile, ancor più in discussione. L edizione postuma delle sue opere apparsa a Londra nel 1754 a cura dell amico David Mallet, uno scrittore scozzese con fama di miscredente 26, rese infatti evidente a tutti, con la pubblicazione di molti testi rimasti fino ad allora inediti, l empio e dissacrante deismo che animava le sue convinzioni filosofiche, gettando una luce imbarazzante anche sull attendibilità delle idee politiche di un uomo che, in pubblico, aveva sempre apertamente sostenuto l importanza della religione anglicana e il ruolo dell istituzione ecclesiastica. I suoi detrattori ebbero così buon gioco a dipingerlo come «l uomo peggiore e insieme il peggior scrittore sulla terra» 27 : «un farabutto e un codardo», come spiegava puntigliosamente il severo Dottor Johnson: «un farabutto per aver puntato il suo archibugio contro la religione e contro la morale; un codardo per non aver avuto il fegato di premere il grilletto da sé, ma aver dato mezza corona a un sordido scozzese affinché facesse fuoco lui dopo la sua morte» 28. Persino un uomo di pensiero come David Hume, che era stato, tutto sommato, un ammiratore del Visconte tory quando costui era in vita, sembrò modificare almeno in parte il proprio giudizio alla luce degli scritti raccolti da Mallet, criticandone l arroganza e lo spirito fazioso 29. Una fama che avrebbe accompagnato l autore della Dissertation per molto tempo. 26. Sulla figura di Mallet cfr. S. Jung, David Mallet, Anglo-Scot: Poetry, Patronage and Politics in the Age of Union, Rosemont Publishing, Cranbury (NJ) Così si esprimeva in una lettera privata del dicembre 1754 Horace Walpole, figlio di Robert, anch egli deputato dal 1741 e, soprattutto, uomo di lettere: cfr. G. Sanna, Il Craftsman. Giornalismo e cultura politica, cit., p Cfr. Ibidem. 29. Nell edizione riveduta dei propri Saggi morali, politici e sociali, che diede alle stampe subito dopo la pubblicazione postuma dei Works di Bolingbroke, ad esempio, Hume eliminò un riferimento al «genio» oratorio del Visconte, sostituendolo con il nome di Edmund Waller. Alcune pagine dopo, inoltre, inserì uno specifico inciso relativo agli «scritti di lord Bolingbroke», per sottolineare «tutti i loro difetti di argomentazione di metodo e di precisione». Cfr. D. Hume, Dell eloquenza, in Id., Saggi morali, politici e letterari, ora in Id., Saggi e trattati morali letterari politici e economici, a cura di M. Dal Pra e E. Ronchetti, utet, Torino 1974, pp (i due passi citati alle pp. 291 e 295). Ancora più severo il giudizio che lo stesso Hume espresse in privato scrivendo all abate Jean-Bernard Le Blanc nel 1754: «La produzione postuma di Lord Bolingbroke ha alla fine convinto il mondo intero che 16

17 4. Bolingbroke rappresentò, insomma, un «raro esempio di illuminista newtoniano che fosse pure deista e oppositore della corte» 30. Egli, infatti, pur aderendo con entusiasmo ai nuovi princìpi della scienza newtoniana (come emerge anche tra le righe della Dissertation) 31, non condivise l idea, abbracciata da diversi intellettuali dell epoca, che le dinamiche sociali e politiche che caratterizzarono l Inghilterra della prima metà del Settecento, con l insediamento al governo del partito Whig e l affermazione dei ceti sociali che con quel potere più si identificarono, rappresentassero una coerente attuazione della nuova mentalità razionalista. Parte dei legami intellettuali che ebbe modo di stringere durante gli anni dell esilio, al contrario, furono favoriti, oltre che dall interesse condiviso da molti frequentatori dei salotti europei per le teorie di Newton, proprio dal comune timore che in molti, tra i protagonisti della vita mondana e intellettuale dell Europa dell Ancien Regime, nutrivano nei confronti dei cambiamenti sociali, culturali e economici in corso non solo in Inghilterra, ma anche sul continente 32. In questo senso, sembra almeno parzialmente condivisibile l interpretazione proposta da Isaac Kramnick, autore di uno dei più accurati studi sul pensiero e l azione politica di Bolingbroke, secondo il quale tanto il Visconte quanto il gruppo di intellettuali e uomini politici che gli furono vicini erano mossi essenzialmente da un insuperabile rifiuto dei mutamenti in atto, sia sul piano politico sia su quello dei valori morali e sociali 33. egli dovette la sua fama principalmente al suo essere uomo di rango e al prevalere della fazione. Non si sono mai visti così tanti volumi contenere così poca varietà e istruzione: così tanta arroganza e declamazione». The Letters of David Hume, ed. by J.Y.T. Creig, (1932), vol. I, Oxford University Press, Oxford 2011, p M.C. Jacob, L illuminismo radicale. Panteisti, Massoni e repubblicani, tr. it. il Mulino, Bologna 1983, p Si veda ad esempio la Lettera ix. 32. Cfr. F. Fedi, La traduzione e la circolazione del Rape of the Lock, cit. 33. I. Kramnick, Bolingbroke and His Circle, cit. Un articolata critica all interpretazione proposta da Kramnick è stata mossa da Jonathan Clark, il quale, nel suo The English Society Religion, ideology and politics during the ancien regime, Cambridge University Press, Cambridge 2000, contesta innanzitutto il ricorso alla categoria della «politics of nostalgia», chiave interpretativa con cui Kramnick illustrava la visione del mondo di Bolingbroke e del «suo circolo»: secondo Kramnick, infatti, la prospettiva del gruppo di intellettuali e uomini politici vicini all autore 17

18 Di fronte alle nuove dinamiche, connesse alla progressiva affermazione dell individualismo liberale, Bolingbroke e i componenti del «suo circolo» rimasero ancorati a un insieme di princìpi aristocratici e patriarcali radicati nella tradizione e in un modello di società (e di politica) legato all importanza della proprietà terriera e all idea che la squirearchy, la piccola aristocrazia fondiaria formata dai «country gentlemen» di provincia, svolgesse un ruolo equilibratore necessario e insostituibile nel tessuto del Paese, secondo un modello sociale statico, in cui la vita delle periferiche comunità locali si reggeva sulla loro sostanziale capacità di autoregolamentazione e sulla conservazione delle antiche forme e delle consuetudini consolidate. Un approccio alimentato dalla ferma convinzione dell esistenza di una gerarchia naturale delle cose, individuabile tanto nel creato (quella «great chain of being» sulla quale anche il Bolingbroke filosofo si era fermato a riflettere) 34 quanto nell ordinamento dei gruppi umani e nel funzionamento dei rapporti sociali e politici. Visione del mondo che trovava un ulteriore concreta declinazione nella difesa degli interessi del ceto artigianale e mercantile delle grandi città, spaventato dall incipiente processo di finanziarizzazione della ricchezza e fermo nella richiesta di una politica economica, diplomatica e navale che proteggesse i «reali» interessi della nazione, essenzialmente commerciali 35. Proprio per questo, del resto, l autore della Dissertation ha potuto essere considerato da più parti nonostante la sua discutibile fama personale e, ancor più, le sue discusse posizioni filosofiche e religiose come un capostipite, se non il capostipite, del conservatorismo anglosassone. Numerosi studiosi, intellettuali e uomini politici, infatti, hanno fatto propria la tesi avanzata da Benjamin della Dissertation sarebbe stata dominata dalla necessità di difendere gerarchie e forme sociali, economiche, politiche e persino estetiche che essi avrebbero avvertito in via di dissoluzione. Ma tanto l uso della categoria della «nostalgia» quanto l attribuzione agli uomini del Diciottesimo secolo della percezione di trovarsi in una fase di trapasso verso la modernità, a scapito di quello che da allora sarebbe stato un «mondo perduto», costituiscono, secondo Clark, dei «solecismi». 34. Cfr. I. Kramnick, Bolingbroke and His Circle, cit. pp Cfr. G. Abbattista, Commercio colonie e impero alla vigilia della Rivoluzione americana. John Campbell pubblicista e storico nell Inghilterra del sec. xviii, Olschki, Firenze 1990, pp

19 Disraeli negli anni Trenta dell Ottocento sulla base di una rilettura complessiva della storia britannica 36 dell esistenza di una ininterrotta tradizione di pensiero conservatore che dall epoca della cacciata degli Stuart giungerebbe fino alla politica otto e novecentesca e le cui premesse teoriche sarebbero rappresentate, oltre che dalle opere di Bolingbroke, da quelle, pur discordanti sotto tanti punti di vista, di Hume, Burke e dello stesso Disraeli 37. Un accostamento un po semplicistico di autori e posizioni troppo differenti tra loro, che larga parte della storiografia recente ha motivatamente messo in discussione: uno studioso autorevole come David Armitage, ad esempio, ha insistito sull importanza di Bolingbroke per lo sviluppo del patriottismo e del costituzionalismo anglosassone in senso democratico, derubricando l abitudine di incasellare l autore della Dissertation nel ruolo di «patriarca» del conservatorismo britannico come una «grave violenza storica e intellettuale al suo pensiero» 38. Se si guarda al complesso dell opera di Bolingbroke, tuttavia, è possibile cogliere sotto quale profilo una simile interpretazione mantenga una sua validità. È quanto ha fatto, ad esempio, Guido Abbattista, sottolineando come nelle riflessioni bolingbrokeane siano già in qualche modo presenti tutti quegli elementi che, sedimentandosi nel tempo, 36. Cfr. B. Disraeli, Vindication of the English Constitution. In a Letter to a noble and learned Lord, Saunders and Otley, London Si vedano, ad esempio, W. Sichel, Bolingbroke and His times, cit.; G.G. Butler, The Tory Tradition: Bolingbroke, Burke, Disraeli, Salisbury, John Murray, London 1914; K. Feiling, What is conservatism?, Faber & Faber, London 1930; F.J.C. Hearnshaw, Bolingbroke and progressive conservatism, (1928), in Id., Some Great Political Idealists of the Christian Era, Harrap, London 1937, pp ; C. Petrie, Bolingbroke, Collins, London 1937; R. Faber, Beaconsfield and Bolingbroke, Faber & Faber, London 1961; J. Hart, Viscount Bolingbroke, Tory humanist, Routledge & K. Paul, London Kramnick avanza invece un interpretazione almeno in parte differente del pensiero di Bolingbroke, classificandolo come emblematica espressione del «proto-conservatorismo», categoria interpretativa utilizzata da Karl Mannheim per indicare, con riferimento a Justus Möser «la prima trasformazione del mero tradizionalismo in un conservatorismo funzionale alla vita politica e sociale» (cfr. K. Mannheim, Conservatorismo. Nascita e sviluppo del pensiero conservatore, a cura di D. Kettler, V. Meja, N. Stehr, tr. it. Laterza, Roma-Bari 1989, pp ). 38. D. Armitage, Introduction, in Bolingbroke, Political Writings, ed. by D. Armitage, Cambridge University Press, Cambridge 1997, pp. xxiii-xxiv. 19

20 hanno dato forma al cosiddetto «ethos tory»: da un lato, l avversione alla modernità e al cosiddetto «individualismo possessivo», dall altro, la difesa delle gerarchie sociali, il culto per la tradizione e per la «saggezza degli antenati», e ancora, una concezione statica degli equilibri istituzionali, la predisposizione all insularismo e l opzione per la cosiddetta «blue-water policy». Senza dimenticare, ovviamente, un altro aspetto fondamentale di questa tradizione, su cui gli scritti del nostro autore hanno indubbiamente esercitato un importante influenza: l elaborazione di quella che è stata definita «teoria tory del partito», ossia «l idea di un partito nazionale dedito all interesse generale distinto dalla fazione e contrapposto a forme di partito più legate a matrici di classe e quindi all espressione di interessi parziali della società» 39. Che però il pensiero di Bolingbroke non possa essere ridotto esclusivamente a questo suo più o meno congruente ruolo di «padre nobile» della famiglia conservatrice inglese è reso evidente, tra le altre cose, dal fatto che le sue opere siano state considerate, in modo meno paradossale di quanto possa sembrare in base a quanto detto finora, dei veri e propri capisaldi della più ortodossa «interpretazione wigh della storia» 40. Proprio la Dissertation, infatti, insieme soprattutto a 39. Cfr. G. Abbattista, Premessa, cit., p. xv. Circa l influenza esercitata dall opera di Bolingbroke sull elaborazione della «tory theory of party» si veda I. Kramnick, Bolingbroke and His Circle, cit. pp Valga per tutti il giudizio di Henry Butterfield, secondo cui Bolingbroke scrisse una storia dell Inghilterra «so full of the song of liberty» da essere definita «the founder of the whig interpretation». H. Butterfield, The Englishman and his History, Cambridge University Press, London1944, p. 2. Tra gli altri fondamentali studi dello stesso autore sul tema si veda anche The whig Interpretation of History, Bell & sons, London Bolingbroke si dedicò sia allo studio degli avvenimenti storici, tracciando una storia d Inghilterra dai tempi della conquista romana al regno di Carlo I nelle 24 lettere delle Remarks on the History of England (apparse sul «Craftsman» tra l autunno del 1730 e la primavera del 1731, pubblicate con lo pseudonimo di Oldcastle), sia a una riflessione sul significato della storia, che lo portò tra l altro alla stesura di una serie di Letters on the Study and Use of History, scritte durante il periodo del secondo esilio francese e stampate a beneficio di una piccola cerchia di amici a cura di Alexander Pope nel 1738, ma rimaste inedite per il pubblico fino alla loro pubblicazione curata da David Mallet dopo la morte di Bolingbroke, nel Sull opera storiografica di Bolingbroke, sul suo significato 20

Il design come valore negli scambi economici tra paesi

Il design come valore negli scambi economici tra paesi Il design come valore negli scambi economici tra paesi Design come processo Il design nasce all inizio del secolo scorso con lo sviluppo della produzione industriale e come conseguenza della separazione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA UNITÀ DI APPRENDIMENTO n 1 UNA NUOVA VISIONE DEL MONDO Durata prevista: SETTEMBRE - OTTOBRE Individuare e definire i caratteri fondamentali del nuovo periodo storico che ha inizio con l Umanesimo Cogliere

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

ALICE SALOMON. Samantha & Jessica

ALICE SALOMON. Samantha & Jessica ALICE SALOMON Samantha & Jessica come assistenti sociali siamo uniti nella certezza che il mondo non potrà essere riformato, che non potrà essere liberato da tutte le sue attuali sofferenze fino a quando

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840.

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. PENSIERO DI LENIN Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. Articolo datato 6 gennaio 1923 e pubblicato sulla «Pravda» del 27 gennaio 1923. ******

Dettagli

Nazione e autodeterminazione

Nazione e autodeterminazione Luka Bogdanić Nazione e autodeterminazione Premesse e sviluppi fino a Lenin e Wilson Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5 «Filosofia» Norme redazionali Regole generali Autore: Times New Roman, corpo 14, corsivo, interlinea 1,5 Titolo saggio: Times New Roman, corpo 14, grassetto, interlinea 1,5 Titolo paragrafo: Times New

Dettagli

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà Comunità di pratica e reti professionali di Massimo Tomassini Vorrei ringraziare per questo invito. Sono molto lieto di essere in questa sala in cui sono stato circa quattro anni fa, presentando con altri

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Non dimentichiamoci di Dio

Non dimentichiamoci di Dio Angelo Scola Non dimentichiamoci di Dio Libertà di fedi, di culture e politica Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06129-2 Prima edizione: marzo 2013 Prefazione

Dettagli

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 Il volume è pubblicato con i contributi erogati dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

Dal Settecento ad oggi: ecco come si è evoluto il giornalismo. Caldara, Bassini, Baracchi,Capelletti,Fava

Dal Settecento ad oggi: ecco come si è evoluto il giornalismo. Caldara, Bassini, Baracchi,Capelletti,Fava Dal Settecento ad oggi: ecco come si è evoluto il giornalismo Caldara, Bassini, Baracchi,Capelletti,Fava Affermazione nel Settecento Rischi & conseguenze Il primo giornale: The Spectator TRASFORMAZIONE

Dettagli

Formato europeo per il curriculum vitae

Formato europeo per il curriculum vitae Formato europeo per il curriculum vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fax E-mail FRANCESCO RASCHI francesco.raschi@unipr.it; francesco.raschi@unimi.it; francesco.raschi2@unibo.it; Nazionalità italiana Data

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

L economia aziendale: i contenuti e l oggetto di studio

L economia aziendale: i contenuti e l oggetto di studio Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza Corso di Economia Aziendale Prof.ssa Lucia Giovanelli giovanel@uniss.it L economia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA MODULO n. 1 TITOLO: L ETA DELL ASSOLUTISMO ORE TOTALI: 12 PREREQUISITI MODULO Conoscere termini e concetti fondamentali del linguaggio

Dettagli

LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397

LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397 LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397 di VALENTINO SCATIGNA Questo testo ripropone alcuni passaggi della conferenza del Prof. Carlo Taormina, Docente di Procedura penale all Università Tor

Dettagli

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA VIALE MICHELANGELO GRIGOLETTI, 5 PORDENONE Tel. 0434/362431 - Fax 0434/1702623 - Cell. 340-5900148 e-mail: chiesabattistapn@libero.it chiesabattistapn@gmail.com sito:

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

Processo di referaggio collana punto org

Processo di referaggio collana punto org Caro Referee, grazie in anticipo per aver accettato di referare per la collana punto org. Il Suo è un ruolo delicato: appartiene a una comunità di studiosi, docenti e professionisti che forniscono ai colleghi

Dettagli

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro. ABSTRACT La presenti tesi affronterà i problemi legati ai diritti umani, focalizzandosi specificatamente sul trattamento e lo sviluppo di questi diritti in Cina e nelle sue due Regioni Amministrative Speciali,

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Simone Tosi, Tommaso Vitale To cite this version: Simone Tosi, Tommaso Vitale. Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro. Piccolo

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

Cap. 3 - le utopie del sec. XIX - Robert Owen

Cap. 3 - le utopie del sec. XIX - Robert Owen Cap. 3 - le utopie del sec. XIX - Robert Owen In questa terza lezione si incominciano a studiare le grandi utopie del XIX sec. Nate per dare risposta alle disfunzioni della citta industriale. Partiamo

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA L esempio di un cittadino nell antichità Poiché Socrate non ha lasciato testi scritti, conosciamo la sua vita e il suo pensiero attraverso le opere di Platone, famoso filosofo,

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

La ricchezza immateriale. Giornata della proprietà intellettuale. Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro

La ricchezza immateriale. Giornata della proprietà intellettuale. Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La ricchezza immateriale Giornata della proprietà intellettuale Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro On. Prof. Antonio Marzano CNEL Roma, 29 aprile 2011 1. La Ricchezza

Dettagli

Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani

Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani vademecum_dizionario 04/10/13 11:31 Pagina 1 a cura di Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani Vademecum della democrazia UN DIZIONARIO PER TUTTI Editrice AVE vademecum_dizionario 04/10/13 11:28 Pagina

Dettagli

La sponsorizzazione e la sua pianificazione strategica. Abstract

La sponsorizzazione e la sua pianificazione strategica. Abstract Abstract L attuale ricerca di sempre nuove opportunità di comunicazione da parte delle imprese e la crescente richiesta di sponsorizzazione da parte delle organizzazioni sponsee rendono necessarie procedure

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE CURRICOLO PER L ORA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA Presentazione LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE Secondo la delibera del Collegio dei Docenti tenutosi in data 3 ottobre 2013

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

MBO - Management by objectives

MBO - Management by objectives DAL 1946, CONSULENTI DI DIREZIONE 10133 TORINO CORSO FIUME 2 - Tel.(011) 6604346 6603826 (fax) Email: consulenti@studiobarale.it MBO - Management by objectives Una breve guida all introduzione in azienda

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

Workcare synergies. Il progetto in Italia. Social care and work-care balance

Workcare synergies. Il progetto in Italia. Social care and work-care balance Workcare synergies Il progetto in Italia Social care and work-care balance Newsletter n. 1 del 1/05/2011 Il progetto Gli obiettivi del progetto WORKCARE SYNERGIES è un progetto di supporto per diffondere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

- Programmi per la scuola elementare. Divisione della scuola, Ufficio delle scuole comunali. Approvati il 22 maggio 1984 dal Consiglio di Stato

- Programmi per la scuola elementare. Divisione della scuola, Ufficio delle scuole comunali. Approvati il 22 maggio 1984 dal Consiglio di Stato 1. Elementi di contesto La revisione dei piani di studio svizzeri avviene all interno di un contesto ben definito che è quello legato all Accordo intercantonale sull armonizzazione della scuola obbligatoria

Dettagli

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo Quesito 1 In linea generale ritieni positiva la tendenza di molti paesi europei a cercare di proteggere alcuni settori ritenuti strategici per

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Il caso della Scuola Oliver Twist

Il caso della Scuola Oliver Twist Il caso della Scuola Oliver Twist di Giorgio Vittadini C è un opinione che oggi va per la maggiore: quella secondo cui, per poter essere efficacemente impegnati nella realtà, occorre partire da una visione

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno

Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno Competenze storiche economiche e sociali 1 Le competenze storico-economiche e sociali:

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare Progettare A. applicando le indicazioni, cerca informazioni

Dettagli

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre Cos è l infinito? Infinito: che è assolutamente privo di determinazioni spaziali o temporali. l infinito è molto difficile da immaginare nel suo complesso: possiamo avere un accenno ammirando un cielo

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

La Rivoluzione Inglese

La Rivoluzione Inglese Programma di storia A.S. 2014/2015 Classe IV F In corsivo letture, approfondimenti o fotocopie La Rivoluzione Inglese 1. L Inghilterra prima della Rivoluzione - Lo sviluppo di Londra e del commercio -

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato BUON MANAGEMENT = BUONA SANITA La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato Bassano del Grappa, 25 giugno 2012 Questo Convegno nasce dall idea che un confronto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI 1) Favorire la formazione di una cultura storica tesa a recuperare la memoria del passato più lontano, in cui il nostro

Dettagli

Storia delle istituzioni politiche

Storia delle istituzioni politiche Storia delle istituzioni politiche Corso di laurea triennale in filosofia a.a. 2014-2015 Lezione terza NICCOLO MACHIAVELLI Discorsi sulla prima deca di Tito Livio Niccolò Machiavelli Firenze 1469-1527

Dettagli

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Ordine di scuola Scuola Primaria De Amicis Santa Maria Nuova di Jesi: classe IV B Insegnante Silvia Cherubini Tempi A discrezione

Dettagli

Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn

Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn Martina Aicardi Kliton Marku Classe 4H Docente coordinatore Prof. Bellonotto Liceo Scientifico O. Grassi Savona, 21 maggio 2013

Dettagli

La valutazione critica. Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione. Università degli Studi di Padova.

La valutazione critica. Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione. Università degli Studi di Padova. La valutazione critica Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Università degli Studi di Padova Lucia Mason Prof.ssa ordinaria di Psicologia dello Sviluppo e dell Educazione Proposta

Dettagli

LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016

LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016 LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016 FINALITA SPECIFICHE Il corso di Diritto nel biennio promuove e sviluppa: 1) la comprensione

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook: BUR Rizzoli

Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook: BUR Rizzoli Proprietà letteraria riservata 1998 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07132-1 Prima edizione Rizzoli 1998 Seconda edizione BUR Storia giugno 2014 Seguici su: Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook:

Dettagli

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini La formazione dello stato moderno Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini Un solo stato cristiano? Il Medioevo aveva teorizzato l unità politica e religiosa

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni

L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni Cercare le origini Qualunque sia l attività umana studiata il medesimo errore aspetta al varco i ricercatori di origini : confondere

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO

PROGRAMMA PREVENTIVO COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA Liceo Linguistico Manzoni DOCENTE: Gabriele Gualtieri MATERIA: Storia Classe 4 Sezione A FINALITÀ DELLA DISCIPLINA OBIETTIVI: COGNITIVI

Dettagli

Confronto su alcune domande:

Confronto su alcune domande: Confronto su alcune domande: Possono esistere più madri? Possono esistere più padri? Nella nostra società è veramente cambiato il compito dei genitori? Fabrizia Alliora 8 Novembre 2013 Cosa significa essere

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli