PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI"

Transcript

1 PROVINCIA DI RAVENNA: I POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E PREMESSA Il tema dei costi della politica e della qualità della spesa pubblica assume una importanza strategica, in momento come quello attuale contraddistinto da vecchi e nuovi vincoli di bilancio europei. Si pone quindi l esigenza di coniugare il rigore di bilancio con politiche di sviluppo, perché se è vero che i numeri fanno l economia, è altrettanto vero che è l economia a fare i numeri. Si tratterà, in tale ottica, sempre più di garantire la crescita economica con scelte mirate e coraggiose, dato l alto debito pubblico, che attanaglia il nostro Paese. In questo contesto occorre prefiggersi la riqualificazione della spesa pubblica, concentrando le risorse sulle vere priorità per lo sviluppo socio economico, assicurando nel contempo politiche fiscali che siano realmente in grado di redistribuire la ricchezza. Non sono avulse da questo tema, anzi dovrebbero essere la cartina di tornasole, per la crescita economica e l espansione dell occupazione, le problematiche che riguardano le riforme istituzionali, l attuazione del federalismo fiscale e la riduzione dei costi della politica. Sono tutti, questi, temi che sono la faccia della stessa medaglia. In questo contesto, oltre che tenere sotto osservazione i costi nazionali e regionali, è importante analizzare con attenzione la spesa di tutte le Amministrazioni Locali. Ecco il motivo che ci ha spinto ad elaborare questo lavoro, che non vuole essere solo di denuncia, bensì, uno stimolo per una riflessione a tutto campo, da fare tutti insieme, Istituzioni e Parti Sociali. E per aprire un dibattito su questi temi diventa importante la conoscenza dei dati della spesa, della pressione fiscale, al fine di comprendere le dinamiche reali che si determinano nel territorio. Il tutto ad iniziare dai costi della politica. Lungi da noi l idea che i costi della democrazia non siano produttivi, ma, siamo dell idea che occorra mettere un freno agli sprechi e agli sfarzi, che sono ingiusti, e, a volte, fastidiosi, in questi tempi, con moltissime persone alle prese con una crisi che sta mordendo, soprattutto, sul versante dell occupazione. Nessuno di noi è così demagogo ed irresponsabile da sostenere che, tutti i mali derivino dagli stipendi dei politici, e, che basta tagliarli che si risolvono tutti i problemi delle nostre finanze pubbliche. Così come, però, non ci schieriamo dalla parte di chi sostiene che tagliare gli stipendi dei politici è soltanto una operazione di facciata per i modesti risparmi che comporta. Per questo occorrono riforme di sistema. Occorre, rapidamente, rivedere radicalmente il funzionamento degli Enti Istituzionali, ridurre il numero di componenti degli organi elettivi, snellire gli apparati burocratici, rivederne le funzioni, anche, e soprattutto, per evitare la duplicazione dei ruoli. 1

2 Rivedere, ad esempio, il numero degli assessorati, non in base alla dimensione demografica, che nella realtà non esiste neppure oggi, ma in base alle reali funzioni dell Ente, così come bisogna ridurre all essenziale il numero delle Commissioni Consiliari di Provincia e Comuni. Bisogna, altresì procedere verso uno snellimento degli apparati burocratici, che a volte, oltre ad essere centri di costo, rappresentano una duplicazione degli adempimenti. E indispensabile mettere mano alla moltitudine di Enti e Società pubbliche, spesso improduttive e fonte di produzione di deficit, razionalizzandone il numero e le funzioni. Da questo punto di vista è necessario diminuire il numero dei componenti dei consigli di amministrazione delle controllate pubbliche e abbatterne i compensi; chiudere le società che non svolgono funzioni essenziali per l ente, anche in relazione alla riforma dei servizi pubblici locali. Ma cosa che più ci interessa è una riflessione se gli attuali assetti degli Enti di area vasta (Province), siano ancora attuali, o, se al contrario, al di là degli slogan sulla Regione Romagna, non sia giunto il momento di ragionare in termini di programmazione interprovinciale. Così come, è necessario, nell ottica di forti economie di scala, rivedere il numero dei Comuni, procedendo alla fusione dei piccoli Comuni, incentivando maggiormente forme associative per la gestione dei servizi, privilegiando la forma delle aggregazioni o delle Convenzioni ed eliminare del tutto le Unioni dei Comuni, che sono un ulteriore livello di governo. La nostra idea è non spegnere i piccoli Comuni, ma di valorizzarli, attraverso uno Statuto dei Luoghi, che ne esalti l identità territoriale. In questo modo, si riducono i centri decisionali, a volte inutili, e, si libererebbero risorse per investimenti, infrastrutture e cosa non meno importante per abbassare il carico fiscale sui lavoratori e pensionati. Ecco che cosa significa per la UIL tagliare i costi della politica. Sono queste le scelte che avvicinano i cittadini alla politica e all amministrazione del bene comune, in grado di dare speranza e fiducia. 2

3 ANALISI DEI DATI I POLITICA Le persone che vivono direttamente od indirettamente di politica in Provincia di Ravenna sono tra Presidenti, Sindaci, Assessori, Consiglieri comunali e provinciali; consiglieri di amministrazione di Enti, Fondazioni e Società pubbliche; consulenti collaboratori, apparato politico (consiglieri circoscrizionali, comitati, segreterie partiti ecc.). Di questi 41 sono componenti di Giunta e Consiglio provinciale; 473 sono i componenti di Giunte e Consigli dei 18 Comuni della Provincia; 421 i componenti degli organi di amministrazione di Enti, Fondazioni e Società pubbliche; sono le persone che hanno incarichi e/o consulenze nella pubblica amministrazione; sono le persone del cosiddetto apparato politico. I cosiddetti costi della politica, diretti ed indiretti, ammontano ogni anno, in Provincia di Ravenna ad oltre 24 milioni di euro, tra il funzionamento di Giunte e Consigli della Provincia e dei 18 Comuni, il funzionamento degli organi degli Enti e Società partecipate e per e per le collaborazioni, incarichi e consulenze. Somma, questa che equivale a 62 euro medi pro capite per gli oltre 389 mila cittadini residenti e 97 euro medi pro capite se si considerano i 250 mila contribuenti residenti. Nel dettaglio la Provincia di Ravenna per il funzionamento di Giunta e Consiglio ha speso, nel 2010, 810 mila euro, in diminuzione del 3% rispetto al 2009 e del 9% rispetto al I 18 Comuni, invece, per i propri organi istituzionali hanno speso, sempre nel 2010, 9,8 milioni di euro, in diminuzione dello 0,6% rispetto al 2009 e del 5% rispetto la Il Comune di Ravenna, nello stesso periodo, ha speso 4,7 milioni di euro per il funzionamento degli organi istituzionali, in diminuzione dello 0,6% rispetto al 2009 e del 6,3% sul Per i compensi, le spese di rappresentanza, il funzionamento dei consigli di amministrazione, organi collegiali, degli Enti, Fondazioni, Società pubbliche partecipate, nel 2010, secondo stime della UIL, si sono spesi 5 milioni di euro. Per le consulenze, gli incarichi, le collaborazioni e le spese per i comitati e varie commissioni, la spesa nel 2010, è stata di 8,5 milioni di euro. LE DEGLI ENTI LOCALI Analizzando i Bilanci di previsione del 2010 e 2011, degli Enti Locali (Provincia e Comuni), le entrate sono complessivamente 696,5 milioni di euro, di cui per la Provincia di Ravenna esse ammontano 130,7 milioni di euro; per i 18 Comuni ammontano 575,2 milioni di euro, la quale quasi metà nel Comune di Ravenna (215,7 milioni di euro). Del totale delle entrate 297,6 milioni di euro provengono da imposte, tasse e tariffe locali, con una pressione finanziaria per residente di 633 euro medi l anno. La Provincia di Ravenna incassa da imposte, tributi e tariffe oltre 37,9 milioni di euro l anno di cui 34,6 milioni di euro di imposte e tasse e 3,2 milioni di euro da tariffe. 3

4 La pressione fiscale complessiva della Provincia di Ravenna, tra IPT, Tributo Ambientale, Imposta R.C: Auto e tariffe, è di 97 euro medi per residente, al di sotto della media delle altre Province dell Emilia Romagna (101 euro medi per residente). Infatti, nella Provincia di Piacenza tale pressione fiscale è di 117 euro medi; a Bologna e Ferrara è di 107 euro; a Forlì-Cesena è di 106 euro; a Rimini 101 euro; a Parma 99 euro; a Reggio Emilia 93 euro: a Modena 88 euro. Complessivamente tra ICI, Addizionali IRPEF, Tassa/Rifiuti solidi urbani ecc. e da tariffe, i Comuni della provincia incassano oltre 208,4 milioni di euro (536 euro medi per residente). Nel Comune di Ravenna tra imposte e tariffe si incassano complessivamente 80,3 milioni di euro. La pressione fiscale complessiva del Comune di Ravenna è di 510 euro medi per residente, al di sotto della media degli altri Comuni capoluogo dell Emilia Romagna (617 euro medi per residente). Nel Comune di Bologna tale pressione fiscale è di 938 euro medi; a Modena è di 719 euro; a Parma 640 euro;a Forlì e Piacenza 607 euro; a Rimini 578 euro; a Cesena 532 euro; a Ferra 525 euro; a Reggio Emilia 513 euro. LE SPESE DEGLI ENTI LOCALI Gli Enti Locali destinano alla spesa corrente 361,7 milioni di euro (il 51,2% del totale della spesa); 254,6 milioni di euro (il 36,1%), in spesa in conto capitale; 705,9 milioni di euro per rimborsi di prestiti e mutui (il 12,7% del totale). In particolare i Comuni della provincia destinano il 53,5% del proprio Bilancio alla spesa corrente, il 32,2% alla spesa per investimenti e il 14,3% al rimborso di prestiti e mutui. La Provincia di Ravenna destina alla spesa corrente, percentuale più bassa se paragonata alle altre Province dell Emilia Romagna, il 41,2%; il 53,4%, percentuale più alta rispetto alle altre Province, alla spesa per investimenti; il 5,4% alla spesa per le rate di ammortamento dei prestiti e mutui. Il Comune di Ravenna, invece, destina alla spesa corrente, percentuale nella media delle altre Città capoluogo dell Emilia Romagna, il 59,4%; il 26,6%, percentuale tra le più basse rispetto alle altre Città, alla spesa per investimenti; il 14% alla spesa per le rate di ammortamento dei prestiti e mutui, percentuale tra le più alte rispetto alle altre Città. Interessante, per fare un paragone la spesa pro capite per residente, da questo punto di vista la Provincia di Ravenna, destina a spesa corrente 18 euro medi per residente, a fronte dei 164 euro della Provincia di Piacenza, i 152 euro di Forlì-Cesena, i 116 euro di Modena. Mentre per le spese di investimento, destina 179 euro per residente (cifra più alta delle altre Province), a fonte dei 169 euro di Rimini, i 166 euro di Ferrara, i 106 euro di Bologna, gli 86 euro di Modena. Per le rate di rimborso dei mutui, invece spende 18 euro medi per residente, a fronte 45 euro di Forlì-Cesena, i 5 euro di Piacenza, i 13 di Parma. Il Comune di Ravenna, destina a spesa corrente 815 euro medi per residente, a fronte dei euro di Bologna, i euro di Modena, i di Parma, i 738 euro di Cesena, i 803 euro di Forlì. Mentre per le spese di investimento, destina 364 euro per residente, a fonte dei 954 euro di Parma, i 784 euro di Forlì, passando ai 364 euro di Cesena per arrivare ai 121 di Piacenza. 4

5 Analizzando la spesa corrente per funzioni, la funzione generale di amministrazione e controllo assorbe il 31,3% del totale delle spese, il settore sociale assorbe il 18,7%, l istruzione pubblica il 15,8%, la viabilità e trasporti il 7,4%, il territorio ed ambiente l 8,3%, la cultura e la polizia locale il 5%, lo sviluppo economico il 3,5%, il turismo l 1,4%. Nel dettaglio la Provincia di Ravenna destina il 28,1% del totale della spesa corrente è destinato alla funzione generale di amministrazione e controllo, a fronte del 19,2% della Provincia di Forlì-Cesena e il 35,3% di Parma; il 32,2% all istruzione pubblica (a Forlì-Cesena e Modena il 36,7%); il 17% alla gestione del territorio e ambiente (a Piacenza il 25,1% e Forlì-Cesena il 22,8%); mentre per lo sviluppo economico destina il 14,6% del totale della spesa corrente (Bologna il 20,1% e Forlì-Cesena il 15,2%). A livello di spesa corrente pro capite per residente la Provincia di Ravenna spende 45 euro per l istruzione pubblica (a Forlì-Cesena 56 euro); 39 euro per le funzioni generali di amministrazione e controllo (a Piacenza e Bologna 49 euro); 24 euro per gestione territorio ed ambiente (( a Forlì-Cesena 35 euro); per lo sviluppo economico 20 euro (a Bologna 29 euro). Analizzando la spesa corrente del Comune di Ravenna il 28,4% del totale della spesa corrente è destinato alla funzione generale di amministrazione e controllo, a fronte del 36,6% di Rimini, il 29,1% di Ferrara; il settore sociale assorbe il 22,7% del totale della spesa (a Parma il 37,8%, a Modena il 35,9% a Forlì il 25,3%); all istruzione pubblica è destinato il 15,8% del totale della spesa (a Ferrara il 17,7% e a Forlì il 17,5%); alla viabilità e trasporti è destinato il 10% del totale della spesa (a Cesena il 13,8%, a Reggio Emilia il 10% e a Ferrara l 8,3%); alla gestione del territorio e ambiente va il 6,7%, mentre alla polizia locale è destinato il 6,5%. A livello di spesa corrente pro capite per residente il Comune di Ravenna spende 231 euro per le funzioni generali di amministrazione e controllo (a Bologna se ne spendono 353, a Rimini 288 euro, a Ferrara 249 euro); per il sociale si spendono 185 euro medi per residente (a Modena se ne spendono 415 euro, a Parma 400 euro, a Bologna 268 euro); all istruzione pubblica vengono destinati 129 euro per residente (a Modena 185 euro, a Bologna 173 euro e a Ferrara 152 euro); per la viabilità e trasporto si spendono 81 euro pro capite (a Cesena 102 euro, a Reggio Emilia 78 euro). Per quanto concerne la spesa per investimenti la Provincia di Ravenna spende mediamente per ogni residente 81 euro per le funzioni generali di amministrazione e controllo (a Piacenza 53 euro, a Parma 46 euro); per la gestione del territorio e dell ambiente spende 72 euro medi pro capite (a Ferrara se ne spendono 119 euro, a Rimini 96 euro e a Forlì-Cesena 78 euro); per l istruzione pubblica (manutenzione degli edifici scolastici), la Provincia di Ravenna spende 5 euro procapite (a Rimini 32 euro, Reggio Emilia 39 euro, a Modena e Bologna 15 euro); per lo sviluppo economico si spendono 19 euro pro capite (a Ferrara 25 euro); infine per il turismo e sport la Provincia di Ravenna non fa spese di investimento. Mentre il Comune di Ravenna fa spese di investimento per la funzione generale di amministrazione e controllo per 221 euro pro capite (a Forlì 454 euro, a Reggio Emilia 364 euro e a Bologna 299 euro); per la viabilità e i trasporti il Comune di Ravenna spende 72 euro pro capite (a Ferrara 189 euro, a Parma 172 euro, a Rimini 161 euro); per la gestione del territorio e dell ambiente si spendono 54 euro pro capite (a Parma 299 euro, a Rimini 115 euro); mentre per il sociale ed il turismo non sono previste spese di investimento. Per quanto riguarda la spesa corrente la Provincia di Ravenna destina il 33,4% del totale della spesa per il personale, il 54,4% per acquisto di beni e servizi. 5

6 A livello di spesa pro capite il personale della Provincia di Ravenna costa mediamente 46 euro pro capite (a Ferrara 51 euro, a Piacenza 49 euro, a Forlì-Cesena 47 euro, a Reggio Emilia 33 euro); mentre per l acquisto di beni e servizi la Provincia di Ravenna spende 75 euro pro capite (a Piacenza 99 euro, a Bologna 93, a Forlì-Cesena 89 euro). Per quanto riguarda la spesa corrente il Comune di Ravenna destina il 34,4% del totale della spesa per il personale, il 60,8% per acquisto di beni e servizi. A livello di spesa pro capite il personale il Comune di Ravenna costa mediamente 281 euro pro capite (a Bologna 497 euro, a Modena 394 euro, a Ferrara 370 euro, a Rimini 337 euro); mentre per l acquisto di beni e servizi il Comune di Ravenna spende 495 euro pro capite (a Modena 731 euro, a Bologna 663, a Forlì 444 euro). I POLITICA: METODOLOGIA L ELABORAZIONE DEI DATI La metodologia individuata i dati è stata l elaborazione dei dati dei Certificati Consuntivi e dei Bilanci preventivi, dei Comuni, pubblicati sul sito del Ministero degli Interni e sui siti dei Comuni e della Provincia. Si specifica, che il capitolo di spesa analizzato è relativo alla spesa corrente nella funzione generale di amministrazione e controllo inerente il servizio spese organi istituzionali, partecipazione e decentramento ovvero le spese per il funzionamento per Giunta e Consiglio. Pertanto i dati non si riferiscono, soltanto alle indennità degli amministratori locali, bensì tengono conto delle varie voci, riportate per interventi, che compongono il totale della spesa. In base alle norme, che regolano i Bilanci degli Enti Locali, per la parte spesa, essa viene suddivisa in Titoli, Funzioni, Servizi ed Interventi. I Titoli si riferiscono alla natura della spesa, e viene suddivisa per spese correnti, in conto capitale e rimborsi prestiti e mutui. Le Funzioni si riferiscono alla spesa sia corrente che in conto capitale per le funzioni essenziali degli Enti Locali; la spesa per servizi è riferita ai singoli servizi che compongono le funzioni; mentre la spesa per interventi si suddivide in: personale, acquisto di materie prime e/o beni di servizio, prestazioni di servizi, utilizzo di beni di terzi, trasferimenti, interessi passivi, imposte e tasse, oneri straordinari di gestione, ammortamenti di esercizio. Pertanto nell analizzare i costi per il funzionamento delle giunte e consigli vengono prese in considerazione tutte la spese inerenti tali interventi. Le spese per gli incarichi e le consulenze comprendono le collaborazioni, gli incarichi, le consulenze ed il personale di supporto agli uffici politici. Le spese per il Funzionamento di Enti, Fondazioni, Società partecipate è una stima UIL su dati Ministero dell Innovazione e tengono conto dei costi per il funzionamento degli organi di tali Enti. 6

7 PROVINCIA DI RAVENNA: I POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E NUMERO ASSESSORI E CONSIGLIERI PROVINCIALI E COMUNALI, NUMERO INCARICHI E CONSULENZE, NUMERO CONSIGLIERI DI DI ENTI, FONDAZIONI E SOCIETA PUBBLICHE ENTI NUMERO PROVINCIA ENTI, FONDAZIONI, SOCIETA PUBBLICHE 421 INCARICHI E CONSULENZE APPARATO POLITICO ELABORAZIONE UIL SUI SITI ISTITUZIONALI NUMERO ASSESSORI, CONSIGLIERI, COMMISSIONI CONSILIARI DI PROVINCIA E COMUNE DI RAVENNA ASSESSORI NUMERO ENTI CONSIGLIERI COMMISSIONI CONSILIARI PROVINCIA RAVENNA COMUNE RAVENNA ELABORAZIONE UIL SUI SITI ISTITUZIONALI DI PER GIUNTE E CONSIGLI DI PROVINCIA E, SPESE PER INCARICHI E CONSULENZE, SPESE PER CONSIGLI DI DI ENTI, FONDAZIONI, SOCIETA PUBBLICHE ANNO 2010 ENTI DI COSTO PRO CAPITE COSTO PRO CAPITE PER CITTADINO PER CONTRIBUENTE PROVINCIA ENTI, FONDAZIONI, SOCIETA PUBBLICHE INCARICHI E CONSULENZE GENERALE ELABORAZIONE UIL SUI RENDICONTI E BILANCI DEGLI ENTI LOCALI, MINISTERO INNOVAZIONE 7

8 ENTI GIUNTE E CONSIGLI ANNO 2008 DI PER GIUNTE E CONSIGLI DI PROVINCIA E, ANNI E COSTO PRO CITTADINI E CONTRIBUENTI RESIDENTI PRO PRO PRO PRO GIUNTE E CONSIGLI GIUNTE E CONSIGLI CITTADINO CITTADINO CITTADINO CONTRIBUENTE ANNO 2009 ANNO 2010 ANNO 2008 ANNO 2009 ANNO 2010 ANN PRO CONTRIBUENTE ANNO 2009 PRO CONTRIBUENTE ANNO 2010 PROVINCIA GENERALE ELABORAZIONE UIL SUI RENDICONTI E BILANCI DEGLI ENTI LOCALI ENTE GIUNTA E CONSIGLI0 ANNO 2008 GIUNTA E CONSIGLIO ANNO 2009 GIUNTA E CONSIGLIO ANNO 2010 PRO CITTADINO ANNO 2008 PRO CITTADINO ANNO 2009 PRO CITTADINO ANNO 2010 PRO CONTRIBUENTE ANN PRO CONTRIBUENTE ANNO 2009 PRO CONTRIBUENTE ANNO 2010 COMUNE DI RAVENNA ELABORAZIONE UIL SUI RENDICONTI E BILANCI DEGLI ENTI LOCALI DI PER GIUNTE E CONSIGLI DI PROVINCIA E : DIFFERNZE ANNI ASSOLUTI E PERCENTUALI) ENTI GIUNTE E GIUNTE E GIUNTE E GIUNTE E GIUNTE E GIUNTE E CONSIGLI CONSIGLI CONSIGLI CONSIGLI ANNO CONSIGLI CONSIGLI ANNO DIFFERENZA DIFFERENZA ANNO 2009/ /2010 ANNO 2009/ /2010 ANNO 2008/2009 ANNO 2008/2009 ASSOLUTI) ASSOLUTI) PERCENTUALI) PERCENTUALI) ASSOLUTI) PERCENTUALI) PROVINCIA ,1-3,0-9, ,4-0,6-5, ,5-0,8-5,3 GENERALE ELABORAZIONE UIL SUI RENDICONTI E BILANCI DEGLI ENTI LOCALI ENTI GIUNTA E CONSIGLIO DIFFERENZA ANNO 2008/2009 ASSOLUTI) GIUNTEA E CONSIGLI0 ANNO 2009/2010 ASSOLUTI) GIUNTA E CONSIGLI O ANNO 2008/2010 ASSOLUTI) GIUNTA E CONSIGLIO DIFFERENZA ANNO 2008/2009 PERCENTUALI) GIUNTA E CONSIGLIO ANNO 2009/2010 PERCENTUALI) GIUNTA E CONSIGLIO ANNO 2008/2010 PERCENTUALI) COMUNE ,8-0,6-6,3 RAVENNA ELABORAZIONE UIL SUI RENDICONTI E BILANCI DEGLI ENTI LOCALI 8

9 ENTI TRIBUTARIE LE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER TITOLI DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI STATO, REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI EXTRATRIBUTARIE DERIVANTI DA ALIENAZIONI, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALE E DA RISCOSSIONI DI CREDITI. DERIVANTI DA ACCENSIONI DI PRESTITI AVANZO DI PROVINCIA PROVINCE LE PROVINCIA DI RAVENNA PER TITOLI E RAFFRONTO CON ALTRE PROVINCE TRIBUTARIE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI STATO, REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI EXTRATRIBUTARIE DERIVANTI DA ALIENAZIONI, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALE E DA RISCOSSIONI DI CREDITI. DERIVANTI DA ACCENSIONI DI PRESTITI AVANZO DI Bologna Ferrara Forli -Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini TRIBUTARIE LE COMUNE DI RAVENNA PER TITOLI E RAFFRONTO CON ALTRI DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI STATO, REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI EXTRATRIBUTARIE DERIVANTI DA ALIENAZIONI, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALE E DA RISCOSSIONI DI CREDITI. DERIVANTI DA ACCENSIONI DI PRESTITI AVANZO DI Bologna Ferrara Forlì Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini

10 LE TRIBUTARIE E TARIFFARIE DEI E PROVINCIA E PRESSIONE FINANZIARIA PER TRIBUTARIE EXTRATRIBUTARIE PROPRIE PRESSIONE TRIBUTARIA PER PRESSIONE TARIFFARIA PER PRESSIONE FINANZIARIA PER PROVINCIA LE TRIBUTARIE E TARIFFARIE PROVINCIA DI RAVENNAE PRESSIONE FINANZIARIA PER : RAFFRONTO CON ALTRE PROVINCE PROVINCE TRIBUTARIE EXTRATRIBUTARIE PROPRIE PRESSIONE TRIBUTARIA PER PRESSIONE TARIFFARIA PER PRESSIONE FINANZIARIA PER Bologna Ferrara Forli -Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini LE TRIBUTARIE E TARIFFARIE COMUNE DI RAVENNA E PRESSIONE FINANZIARIA PER : RAFFRONTO CON ALTRI TRIBUTARIE EXTRATRIBUTARIE PROPRIE PRESSIONE TRIBUTARIA PER PRESSIONE TARIFFARIA PER PRESSIONE FINANZIARIA PER Bologna Ferrara Forlì Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini

11 ENTI SPESA CORRENTE LA SPESA DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER TITOLI SPESA IN CONTO CAPITALE RIMBORSO PRESTITI INCIDENZA SPESA CORRENTE INCIDENZA SPESA IN CONTO CAPITALE INCIDENZA RIMBORSO PRESTITI PROVINCIA ,2 53,4 5, ,5 32,2 14, ,2 36,1 12,7 PROVINCE LA SPESA PROVINCIA DI RAVENNA PER TITOLI E RAFFRONTO CON ALTRE PROVINCE SPESA CORRENTE SPESA IN CONTO CAPITALE RIMBORSO PRESTITI INCIDENZA SPESA CORRENTE INCIDENZA SPESA IN CONTO CAPITALE INCIDENZA RIMBORSO PRESTITI Bologna ,4 40,1 5,5 Ferrara ,8 49,3 6,9 Forli -Cesena ,2 40,2 13,6 Modena ,1 39,2 7,7 Parma ,1 41,5 5,4 Piacenza ,2 40,9 1,9 Ravenna ,2 53,4 5,4 Reggio Emilia ,8 52,7 4,6 Rimini ,5 50,9 7,6 LA SPESA COMUNE DI RAVENNA PER TITOLI E RAFFRONTO CON ALTRI SPESA CORRENTE SPESA IN CONTO CAPITALE RIMBORSO PRESTITI INCIDENZA SPESA CORRENTE INCIDENZA SPESA IN CONTO CAPITALE INCIDENZA RIMBORSO PRESTITI Bologna ,3 20,4 8,3 Ferrara ,6 33,1 17,3 Forlì ,5 46,3 6,2 Cesena ,7 30,4 7,9 Modena ,1 29,0 0,9 Parma ,5 44,7 5,8 Piacenza ,8 10,1 20,1 Ravenna ,4 26,6 14,0 Reggio Emilia ,0 42,1 3,9 Rimini ,6 43,9 5,5 11

12 SPESA DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER TITOLI PRO CAPITE ENTI SPESA CORRENTE PRO CAPITE PER SPESA IN CONTO CAPITALE PRO RIMBORSO PRESTITI PRO PRO PROVINCIA LA SPESA PROVINCIA DI RAVENNA PER TITOLI PRO CAPITE E RAFFRONTO CON ALTRE PROVINCE PROVINCE SPESA SPESA IN CONTO CAPITALE PRO RIMBORSO PRESTITI PRO PRO CORRENTE PRO Bologna Ferrara Forli -Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini LA SPESA COMUNE DI RAVENNA PER TITOLI PRO CAPITE E RAFFRONTO CON ALTRI SPESA CORRENTE PRO SPESA IN CONTO CAPITALE PRO RIMBORSO PRESTITI PRO PRO Bologna Ferrara Forlì Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini

13 ENTI LA SPESA CORRENTE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER ASSOLUTI) DI A PROVINCIA PROVINCE E CONTROLLO LA SPESA CORRENTE PROVINCIA DI RAVENNA PER ASSOLUTI)E RAFFONTO CON ALTRE PROVINCE DI LA GESTIONE Bologna Ferrara Forli -Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini LA SPESA CORRENTE COMUNE DI RAVENNA PER ASSOLUTI) E RAFFONTO CON ALTRI DI CAMPO A Bologna Ferrara Forlì Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini

14 ENTI LA SPESA CORRENTE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER : INCIDENZA PERCENTUALE LE SUL SPESA CORRENTE DI A PROVINCIA 28, ,2 2,4 0,1 2,1 0,3 17,0 3,2 14, ,0 1,4 5,9 13,1 5,5 1,6 1,4 8,8 6,8 21,4 1,6 1, ,3 1,1 5,0 15,8 5,0 1,3 1,4 7,4 8,3 18,7 3,5 1,2 100 LA SPESA CORRENTE PROVINCIA DI RAVENNA PER E RAFFRONTO CON ALTRE PROVINCE: INCIDENZA PERCENTUALE LE SUL SPESA CORRENTE PROVINCE E CONTROLLO DI LA GESTIONE Bologna 34,1 22,5 1,5 0,7 1,0 17,7 2,4 20,1 100 Ferrara 26,5 33,9 2,9 5,2 0,9 15,9 2,8 11,9 100 Forli -Cesena 19,2 36,7 1,1 2,4 1,3 22,8 1,3 15,2 100 Modena 28,9 36,7 1,1 1,7 0,9 16,3 1,5 12,9 100 Parma 35,3 28,4 2,6 2,3 0,3 17,5 3,1 10,5 100 Piacenza 30,0 24,7 0,8 1,6 0,1 25,1 2,4 15,3 100 Ravenna 28,1 32,2 2,4 2,1 0,3 17,0 3,2 14,6 100 Reggio Emilia 27,3 34,4 2,8 0,9 1,0 20,8 1,0 11,8 100 Rimini 30,4 35,2 1,8 10,1 0,3 8,6 3,6 10,0 100 LA SPESA CORRENTE COMUNE DI RAVENNA PER E RAFFRONTO CON ALTRI : INCIDENZA PERCENTUALE LE SUL SPESA CORRENTE DI CAMPO A Bologna 27,5 2,1 6,8 13,5 5,3 1,2 0,2 4,5 17,7 20,9 0,4 0,0 100 Ferrara 29,1 1,0 6,7 17,7 9,8 1,5 0,5 8,3 8,3 14,9 2,0 0,1 100 Forlì 25,7 1,0 4,6 17,5 5,8 2,6 0,1 8,0 6,7 25,3 2,9 0,1 100 Cesena 26,3 0,3 5,8 14,7 5,8 1,7 0,2 13,8 7,3 22,2 1,8 0,0 100 Modena 17,1 1,1 5,8 16,0 5,8 2,4 0,1 5,0 8,8 35,9 2,0 0,0 100 Parma 20,2 0,8 4,9 13,4 7,5 2,5 0,3 5,1 6,9 37,8 0,6 0,0 100 Piacenza 24,9 0,8 8,7 11,7 6,5 2,2 0,2 6,4 8,4 28,4 0,6 1,2 100 Ravenna 28,4 1,1 6,5 15,8 5,1 1,2 1,1 10,0 6,7 22,7 1,5 0,0 100 Reggio Emilia 28,5 1,0 5,3 16,8 7,6 3,3 0,2 10,0 5,6 21,1 0,5 0,0 100 Rimini 33,6 0,7 7,1 14,1 3,6 3,0 2,2 6,9 7,8 19,5 1,5 0,

15 ENTI LA SPESA CORRENTE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER : STANZIAMENTI PRO DI A PROVINCIA LA SPESA CORRENTE PROVINCIA DI RAVENNA PER, RAFFRONTO CON ALTRE PROVINCE: STANZIAMENTI PRO PROVINCE E CONTROLLO DI LA GESTIONE Bologna Ferrara Forli -Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini LA SPESA CORRENTE COMUNE DI RAVENNA PER, RAFFRONTO CON ALTRI: STANZIAMENTI PRO DI CAMPO A Bologna Ferrara Forlì Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini

16 ENTI LA SPESA IN CONTO CAPITALE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER ASSOLUTI) DI A PROVINCIA LA SPESA IN CONTO CAPITALE PROVINCIA DI RAVENNA PER E RAFFRONTI CON ALTRE PROVINCE ASSOLUTI) PROVINCE DI LA CAMPO GESTIONE Bologna Ferrara Forli -Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini LA SPESA IN CONTO CAPITALE COMUNE DI RAVENNA PER E RAFFRONTI CON ALTRI ASSOLUTI) DI A Bologna Ferrara Forlì Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini

17 ENTI LA SPESA IN CONTO CAPITALE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER : INCIDENZA PERCENTUALE LE SUL SPESA IN CONTO CAPITALE DI A PROVINCIA 45, ,0 0, ,9 1,1 10, ,4 0 0,5 2,0 2,7 1,7 0,1 25,1 9,8 1,9 1,5 0, ,8 0 0,4 2,3 2,1 1,2 0,1 18,3 18,0 1,7 3,9 0,2 100 LA SPESA IN CONTO CAPITALE PROVINCIA DI RAVENNA PER E RAFFRONTI CON ALTRE PROVINCE: INCIDENZA PERCENTUALE LE SUL SPESA IN CONTO CAPITALE PROVINCE DI LA CAMPO CAMPO GESTIONE Bologna 5,5 14,5 0,3 0,0 0,4 71,9 1,6 5,8 100 Ferrara 8,5 5,2 0,3 0,0 0,0 71,2 0,0 14,8 100 Forli -Cesena 25,7 8,2 0,5 3,4 0,0 59,2 0,9 2,2 100 Modena 35,1 17,3 0,2 3,4 1,7 34,5 0,0 7,7 100 Parma 44,7 9,4 1,1 1,8 0,0 41,1 0,0 1,8 100 Piacenza 45,5 4,3 0,5 0,5 0,0 47,2 0,0 2,0 100 Ravenna 45,1 3,0 0,4 0,0 0,0 39,9 1,1 10,4 100 Reggio Emilia 7,6 19,4 2,3 1,0 1,6 64,5 0,3 3,1 100 Rimini 5,4 18,8 0,3 4,2 2,7 57,1 0,0 11,4 100 LA SPESA IN CONTO CAPITALE COMUNE DI RAVENNA PER E RAFFRONTI CON ALTRI : INCIDENZA PERCENTUALE LE SUL SPESA IN CONTO CAPITALE DI ED AI BENI A Bologna 81,8 0,0 0,2 3,3 0,4 2,5 0,0 4,9 3,2 3,6 0,0 0,0 100 Ferrara 30,4 1,8 0,1 4,5 5,5 1,9 0,1 33,2 16,9 2,1 3,4 0,3 100 Forlì 57,9 0,0 0,7 6,5 6,2 1,0 0,0 13,8 9,6 0,8 2,4 1,1 100 Cesena 32,0 0,0 0,8 5,7 3,0 0,9 0,0 32,6 20,2 4,5 0,2 0,0 100 Modena 30,7 0,0 0,3 10,7 1,4 11,4 0,0 21,1 18,0 6,4 0,0 0,0 100 Parma 21,6 0,1 0,4 14,1 1,0 4,5 0,0 18,0 31,3 5,1 3,8 0,0 100 Piacenza 13,8 0,0 0,5 6,2 35,4 3,7 0,0 39,8 0,0 0,6 0,0 0,0 100 Ravenna 60,6 0,0 0,2 0,0 2,0 2,5 0,1 19,6 14,8 0,0 0,2 0,0 100 Reggio Emilia 59,3 0,1 0,1 2,8 5,7 0,5 0,0 13,7 16,4 1,5 0,0 0,0 100 Rimini 33,1 0,0 0,3 0,9 26,2 0,6 0,0 21,6 15,4 2,0 0,0 0,

18 ENTI LA SPESA IN CONTO CAPITALE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER : STANZIAMENTI PRO DI A PROVINCIA LA SPESA IN CONTO CAPITALE PROVINCIA DI RAVENNA PER RAFFRONTI CON ALTRE PROVINCE: STANZIAMENTI PRO CAPITE PER PROVINCE DI LA CAMPO CAMPO GESTIONE Bologna Ferrara Forli -Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini LA SPESA IN CONTO CAPITALE COMUNE DI RAVENNA PER E RAFFRONTI CON ALTRI : STANZIAMENTI PRO DI ED AI BENI A Bologna Ferrara Forlì Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini

19 LA SPESA CORRENTE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER INTERVENTI IN VALORI ASSOLUTI ENTI Personale Acquisto beni Oneri Prestazioni di Utilizzo di Interessi Imposte e Trasferimenti straordinari di servizio beni passivi tasse gestione altro PROVINCIA LA SPESA CORRENTE PROVINCIA DI RAVENNA PER INTERVENTI IN VALORI ASSOLUTI E RAFFRONTI CON ALTRE PROVINCE PROVINCE Personale Acquisto beni Oneri Prestazioni di Utilizzo di Interessi Trasferimenti Imposte e tasse straordinari di servizio beni passivi gestione altro Bologna Ferrara Forli -Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini LA SPESA CORRENTE COMUNE DI RAVENNA PER INTERVENTI IN VALORI ASSOLUTI E RAFFRONTI CON ALTRI Personale Acquisto beni Oneri Prestazioni di Utilizzo di Interessi Trasferimenti Imposte e tasse straordinari di servizio beni passivi gestione altro Bologna Ferrara Forlì Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini

20 LA SPESA CORRENTE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER INTERVENTI: INCIDENZA PERCENTUALE DEGLI INTERVENTI SUL SPESA CORRENTE ENTI Personale Acquisto beni Oneri Prestazioni di Utilizzo di Interessi Trasferimenti Imposte e tasse straordinari di servizio beni passivi gestione altro PROVINCIA 33,3 0,8 37,7 0,8 15,2 9,2 2,6 0,1 0, ,0 2,8 38,7 1,7 16,3 3,6 2,8 0,6 0, ,0 2,5 38,6 1,5 16,1 4,4 2,8 0,5 0,5 100 LA SPESA CORRENTE PROVINCIA DI RAVENNA PER INTERVENTI E RAFFRONTI CON ALTRE PROVINCE: INCIDENZA PERCENTUALE DEGLI INTERVENTI SUL SPESA CORRENTE PROVINCE Personale Acquisto beni Oneri Prestazioni di Utilizzo di Interessi Trasferimenti Imposte e tasse straordinari di servizio beni passivi gestione altro Bologna 27,8 1,8 22,4 2,6 37,4 4,2 2,4 0,1 1,2 100 Ferrara 34,2 1,5 22,1 0,9 31,6 5,5 3,5 0,1 0,8 100 Forli -Cesena 31,8 2,0 20,2 1,2 34,6 5,5 2,5 1,9 0,3 100 Modena 31,2 0,6 34,7 2,9 21,4 5,0 2,5 0,1 1,6 100 Parma 35,4 1,6 22,6 2,2 27,3 7,6 3,0 0,0 0,4 100 Piacenza 30,1 1,6 34,3 3,5 20,8 0,9 2,5 3,3 2,9 100 Ravenna 33,4 0,8 37,6 0,8 15,2 9,2 2,6 0,1 0,3 100 Reggio Emilia 25,6 0,8 21,2 2,4 37,4 10,0 2,2 0,1 0,4 100 Rimini 28,0 0,8 25,0 2,8 35,0 6,2 1,9 0,0 0,3 100 LA SPESA CORRENTE COMUNE DI RAVENNA PER INTERVENTI E RAFFRONTI CON ALTRI : INCIDENZA PERCENTUALE DEGLI INTERVENTI SUL SPESA CORRENTE Personale Acquisto beni Prestazioni di servizio Utilizzo di beni Trasferimenti Interessi passivi Imposte e tasse Oneri straordinari di gestione Bologna 38,8 0,8 43,4 2,6 5,0 2,8 4,2 0,6 1,8 100 Ferrara 43,1 1,0 32,7 1,3 12,1 4,8 4,4 0,3 0,3 100 Forlì 35,0 1,3 40,3 0,9 12,7 6,7 2,1 0,0 0,9 100 Cesena 33,1 3,5 37,3 1,2 19,3 1,7 2,1 0,3 1,6 100 Modena 34,1 1,6 47,9 4,1 9,6 0,6 1,8 0,0 0,3 100 Parma 28,5 0,8 44,6 1,3 19,2 2,8 2,4 0,1 0,3 100 Piacenza 30,6 1,0 49,8 1,1 11,4 2,4 2,7 0,4 0,6 100 Ravenna 34,5 0,6 36,5 2,2 21,5 1,3 2,7 0,4 0,3 100 Reggio Emilia 42,2 1,0 33,7 0,1 15,9 4,1 2,3 0,2 0,6 100 Rimini 39,3 1,6 33,8 3,1 15,2 4,0 2,2 0,4 0,4 100 altro 20

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO 2 RAPPORTO UIL SUI COSTI DELLA POLITICA (LUGLIO 2012) COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO OLTRE 1,1 MILIONI DI PERSONE VIVONO DI POLITICA, IL 4,9% DEL TOTALE

Dettagli

CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI

CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI Secondo le nostre stime, sono oltre 1,3 milioni le persone che vivono direttamente, o indirettamente, di politica.

Dettagli

GESTIONE FINANZIARIA

GESTIONE FINANZIARIA GESTIONE FINANZIARIA SCELTE QUALIFICANTI Considerato che il bilancio di un Ente locale deve garantire equilibrio tra il rigore dei numeri e i bisogni dei cittadini, tra la necessità del raggiungimento

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA IL FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI CENTRALI E TERRITORIALI DELLA REPUBBLICA COSTA 6,4 MILIARDI DI EURO (209

Dettagli

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione Giovani idee in. Porto Partecipo al Bilancio Com è strutturato il bilancio del Comune A cura dell Ufficio Che cos è il bilancio del Comune? Il bilancio è un insieme di documenti necessari per l organizzazione

Dettagli

Analisi Risultati Differenziali: Accertamenti / Impegni 2011-2014 Gestione Corrente

Analisi Risultati Differenziali: Accertamenti / Impegni 2011-2014 Gestione Corrente Analisi Risultati Differenziali: Accertamenti / Impegni 2011-2014 Gestione Corrente (RATING ENTE) Descrizione 2011 2012 2013 2014 2014/2013 2014/(Media 2011-2012-2013) Entrate Entrate Correnti 3.038.317,25

Dettagli

BILANCIO DELL'ANNO 2006 - ENTRATE

BILANCIO DELL'ANNO 2006 - ENTRATE BILANCIO DELL'ANNO 2006 - ENTRATE Avanzo di amministrazione 1.000.000,00 Entrate tributarie (titolo I) 59.822.705,00 Entrate da trasferimenti (titolo II) 15.548.438,32 Entrate extratributarie (titolo III)

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

Comune di Santa Lucia di Piave (TV) BILANCIO 2011

Comune di Santa Lucia di Piave (TV) BILANCIO 2011 ENTRATE: PREVISIONE 2011 Quota avanzo dell'anno precedente (Titolo 0) 150.000,00 Entrate Tributarie (Titolo 1) 2.152.100,00 Entrate derivanti da contributi e trasferim. correnti dello Stato (Titolo 2)

Dettagli

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA BILANCIO DI PREVISIONE 2011/2013

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA BILANCIO DI PREVISIONE 2011/2013 COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA BILANCIO DI PREVISIONE 2011/2013 Assessore Sergio Parolini Dirigente Dott.ssa MariaGrazia Margonari Responsabile Dott.ssa Tiziana Rossi 1 Nella stesura del bilancio di previsione

Dettagli

RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013

RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013 RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013 Febbraio 2015 IL CAMPIONE DI COMUNI Il presente rapporto è stato redatto prendendo a riferimento i bilanci consuntivi

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 Assessorato al Bilancio Comune di Ostra (AN) 1 - Premessa Con queste diapositive si vuol tentare di illustrare come funziona il bilancio di un comune

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE

BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE Avanzo di amministrazione 1.000.00 Entrate tributarie (titolo I) 63.778.705,00 Entrate da trasferimenti (titolo II) 15.725.005,58 Entrate extratributarie (titolo III)

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2008

BILANCIO DI PREVISIONE 2008 COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità BILANCIO DI PREVISIONE 2008 1 ENTRATE Bilancio 2008 (dati in migliaia di ) SPESE E. tributarie 60.774,00 E. da trasferimenti 32.638,00 E. extratributarie

Dettagli

Quadro generale riassuntivo

Quadro generale riassuntivo BILANCIO DI PREVISIONE 2005 Entrate Quadro generale riassuntivo Spese Titolo I: Entrate tributarie 31.047.465,00 Titolo I: Spese correnti 51.822.716,00 Titolo II: Entrate da contributi e trasferimenti

Dettagli

Governance interna. In questa sezione si coglie l occasione per fare un quadro della gestione delle risor-

Governance interna. In questa sezione si coglie l occasione per fare un quadro della gestione delle risor- Questo capitolo è dedicato alla descrizione del sistema di relazioni dell Ente - la governance - secondo la ormai classica tripartizione: : si tratta dell organizzazione politica e amministrativa, rispettivamente

Dettagli

Comune di Rodengo Saiano

Comune di Rodengo Saiano Comune di Rodengo Saiano RELAZIONE DELLA GIUNTA AL 2013 Prospetti di confronto e considerazioni sul Rendiconto dell esercizio 2013 Analisi dei dati di rendiconto Risultato economico e Stato patrimoniale

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 1 Il quadro finanziario dei Comuni si inserisce in un contesto di finanza pubblica particolarmente indebolito dalla crisi economica che ha

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione A cura del Servizio Politiche Economiche e Finanziarie e del Pubblico Impiego PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

Il bilancio per il cittadino - Comune di Modena. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo

Il bilancio per il cittadino - Comune di Modena. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Il bilancio per il cittadino - Comune di Modena Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Luglio 2010 2 Premessa Il rapporto Civicum-Politecnico di Milano sul Comune di Modena ha l obiettivo di sintetizzare

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

ENTRATE CORRENTI Di seguito si riportano le risorse e gli andamenti relativi alle Entrate correnti dell ultimo triennio.

ENTRATE CORRENTI Di seguito si riportano le risorse e gli andamenti relativi alle Entrate correnti dell ultimo triennio. 1 LE RISORSE ECONOMICO FINANZIARIE Obiettivi Riduzione indebitamento Ente. Mantenimento parametri Patto Stabilità. Miglioramento tempi di pagamento alle imprese e attivazione procedure di cui al D.L. 35/2013.

Dettagli

Il Bilancio 2013 in sintesi

Il Bilancio 2013 in sintesi Il Bilancio 2013 in sintesi Analisi dei principali aggregati di entrata e di spesa Giugno 2013 ENTRATE IL BILANCIO IN POCHI NUMERI Il bilancio dell anno 2013 della Provincia di Milano ammonta a 848,6 milioni

Dettagli

I COSTI DELLA POLITICA

I COSTI DELLA POLITICA III RAPPORTO I COSTI DELLA POLITICA DICEMBRE 2013 I costi della politica, diretti e indiretti, ammontano a circa 23,2 miliardi di euro, tra funzionamento di organi istituzionali, società pubbliche, consulenze

Dettagli

Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo

Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo 2 Premessa Il rapporto Civicum-Politecnico di Milano sul Comune di Venezia ha l obiettivo di sintetizzare

Dettagli

2. Esercizi di contabilità finanziaria

2. Esercizi di contabilità finanziaria 2. Esercizi di contabilità finanziaria di Carmela Barbera e Silvia Rota La lettura del bilancio preventivo 1. Il caso del Comune di Avalonia Viene fornito un estratto semplificato del bilancio di previsione

Dettagli

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali GUIDA ALLA LETTURA DEI BILANCI COMUNALI L esame dei bilanci dei Comuni può costituire un utile strumento di analisi e di supporto all elaborazione di linee

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

Relazione al bilancio di previsione Comune di Spilamberto (MO)

Relazione al bilancio di previsione Comune di Spilamberto (MO) febbraio 9 Relazione al bilancio di previsione 2015 Comune di Spilamberto (MO) 1. Il bilancio Il Bilancio di Previsione è il documento di programmazione e controllo dell'ente; deve assolvere contemporaneamente

Dettagli

La spesa pubblica nella Regione Sardegna. Francesca Piras Coordinatrice Nucleo Regionale CPT Sardegna

La spesa pubblica nella Regione Sardegna. Francesca Piras Coordinatrice Nucleo Regionale CPT Sardegna La spesa pubblica nella Regione Sardegna Francesca Piras Coordinatrice Nucleo Regionale CPT Sardegna Definizione dei soggetti nei livelli di governo del SPA AMMINISTRAZIONI CENTRALI STATO.... IMPRESE PUBBLICHE

Dettagli

Consuntivo 2010. Documenti allegati

Consuntivo 2010. Documenti allegati Consuntivo 2010 Consuntivo 2010 Documenti allegati Relazione dei revisori dei conti Elenco dei residui attivi e passivi distinti per anno di provenienza Conto del Bilancio Conto economico Conto Patrimoniale

Dettagli

LA RELAZIONE CONTABILE

LA RELAZIONE CONTABILE LA RELAZIONE CONTABILE Struttura del Bilancio di Previsione Il bilancio di previsione comunale è il documento di indirizzo politicofinanziario con il quale il Consiglio Comunale, su proposta della Giunta,

Dettagli

ENTRATE E SPESE CORRENTI 2010

ENTRATE E SPESE CORRENTI 2010 RENDICONTO ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 ENTRATE E SPESE CORRENTI 2010 ENTRATE CORRENTI ACCERTAMENTI SPESE CORRENTI IMPEGNI Tit.1' Entrate tributarie 3.767.366,36 Tit.2' Entrate da trasferimenti 2.852.298,09

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BOLOGNA

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BOLOGNA ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BOLOGNA RENDICONTO GENERALE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31/12/2008 - Rendiconto Finanziario al 31/12/2008 - Conto Economico Consuntivo al 31/12/2008

Dettagli

INCONTRO CON I CITTADINI. Comune Unico, una scelta per essere protagonisti del cambiamento

INCONTRO CON I CITTADINI. Comune Unico, una scelta per essere protagonisti del cambiamento INCONTRO CON I CITTADINI Comune Unico, una scelta per essere protagonisti del cambiamento Comune di Campegine, 1 luglio 2015 Di cosa parliamo stasera? Cosa cambierebbe per i cittadini e per le amministrazioni

Dettagli

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Linee generali Il bilancio di previsione 2012 si caratterizza proprio per un forte elemento «previsionale», legato ai recenti interventi legislativi

Dettagli

BILANCIO CONSUNTIVO 2013. Presentazione alla stampa Martedi 4 Marzo 2014

BILANCIO CONSUNTIVO 2013. Presentazione alla stampa Martedi 4 Marzo 2014 BILANCIO CONSUNTIVO 2013 Presentazione alla stampa Martedi 4 Marzo 2014 A quanto ammonta l avanzo di amministrazione senza il sisma? 8,7 milioni di euro Ad essere proprio precisi, per depurare completamente

Dettagli

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni VIII RAPPORTO DI RICERCA NOBEL - Sintesi - A cura di Pierangelo Spano e Federica Vanin 26 settembre 2007 Villa Widmann Foscari Mira (VE) Nobel è un progetto dell

Dettagli

Analisi di bilancio. Comune di Buccinasco

Analisi di bilancio. Comune di Buccinasco Analisi di bilancio Comune di Buccinasco INDICE INDICE... 3 CENNI STORICI... 4 IL BILANCIO COMUNALE alcune nozioni... 5 L ANALISI DELLE ENTRATE... 6 Autonomia Finanziaria... 7 Autonomia tributaria...

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA BILANCIO, - STRUMENTO di GESTIONE - STRUMENTO di PROGRAMMAZIONE delle RISORSE di una ORGANIZZAZIONE Bilancio preventivo 1) Strumento per determinare bisogni

Dettagli

BILANCIO ASSESTATO ENTRATE - Anno 2015 Analitico

BILANCIO ASSESTATO ENTRATE - Anno 2015 Analitico Comune di Terenzo Prov. (PR) BILANCIO ASSESTATO ENTRATE - Anno 2015 Analitico AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 60.759,94 717,16 61.477,10 di cui: - Vincolato - Finaziamento Investimenti - Fondo Ammortamento -

Dettagli

COMUNE DI GATTATICO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI GATTATICO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI GATTATICO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 (punto 9.3 del principio della programmazione, allegato al DPCM 23/12/2011) CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016

BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016 BILANCIO PLURIENNALE 2014 - Pagina 1 di 201 PREVISIONI DEL BILANCIO PLURIENNALE 2014 - AVANZO DI AMMINISTRAZIONE di cui: Avanzo vincolato Avanzo finanziamento investimenti Avanzo fondo ammortamento Avanzo

Dettagli

ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE.

ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE. ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE. TAGLIANDO DEL 30% I COSTI DELLA POLITICA DEI COMUNI SI TROVEREBBERO RISORSE PER 900 MILIONI PER ATTENUARE IL CARICO FISCALE PER LAVORATORI

Dettagli

COMUNE DI BREGANZE. IL BILANCIO 2010 i principali macroaggregati

COMUNE DI BREGANZE. IL BILANCIO 2010 i principali macroaggregati COMUNE DI BREGANZE IL BILANCIO 2010 i principali macroaggregati II bilancio di previsione del Comune, approvato il 29 dicembre 2009 con atto nr 61, risulta in pareggio: il volume delle previsioni di entrata

Dettagli

Comune di Villa Guardia. Bilancio preventivo 2004

Comune di Villa Guardia. Bilancio preventivo 2004 Comune di Villa Guardia Bilancio preventivo Entrate Quadro generale riassuntivo Spese Titolo I: Entrate tributarie 2.345.977,46 Titolo I: Spese correnti 3.626.368,07 Titolo II: Entrate da contributi e

Dettagli

CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO ALMALAUREA Relazione contabile al Rendiconto Finanziario Conto Consuntivo 2014

CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO ALMALAUREA Relazione contabile al Rendiconto Finanziario Conto Consuntivo 2014 CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO ALMALAUREA Relazione contabile al Rendiconto Finanziario Conto Consuntivo 2014 I saldi per titoli del Conto Consuntivo 2014, risultano essere i seguenti. ENTRATE Descrizione

Dettagli

Provincia di Foggia. Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011

Provincia di Foggia. Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011 Provincia di Foggia Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011 Il documento contabile che si sottopone alla discussione ed all approvazione del Consiglio Provinciale concernente

Dettagli

FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE.

FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE. FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE. L ipotesi contemplata nello schema di decreto per il federalismo fiscale

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI)

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI) COMUNE DI VALERA FRATTA PROVINCIA DI LODI P.zza Vittoria, 6 Tel. 0371.99000 Fax 0371.99348 c.a.p. 26859 E-mail: comunevalerafratta@virgilio.it RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 Residui conservati N. di Conto del tesoriere Determinazione dei Maggiori o e stanziamenti riferimento residui minori CODICE DESCRIZIONE definitivi allo Riscossioni

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE

RENDICONTO DELLA GESTIONE Allegato A) alla delibera consiliare n. 18 del 28.4.2014 COMUNE DI BOMPORTO (Modena) RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2013 Approvata dalla Giunta Comunale con

Dettagli

Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014

Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014 Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014 La scadenza ordinaria per l approvazione del bilancio di previsione è stabilita al 31 dicembre di ogni anno (art. 151 del D. Lgs. n. 267/2000). Entro tale

Dettagli

Bilancio di Previsione 2005. Vice Presidente Alberto Mattioli

Bilancio di Previsione 2005. Vice Presidente Alberto Mattioli Bilancio di Previsione 2005 Vice Presidente Alberto Mattioli EQUILIBRI GENERALI DI BILANCIO ENTRATE SPESE TAVOLA 1 TITOLO 1 TITOLO 1 Entrate tributarie 342.600.000 Spese correnti 503.967.510 TITOLO 2 Entrate

Dettagli

RENDICONTO 2012 FIDELIS ELABORAZIONI GRAFICHE. Comune di Brescia

RENDICONTO 2012 FIDELIS ELABORAZIONI GRAFICHE. Comune di Brescia XIA FIDE L I S ELABORAZIONI GRAFICHE Comune di Brescia B RIXIA FIDELIS ELABORAZIONI GRAFICHE INDICE Risultato della gestione finanziaria esercizio 2012 pag. 3 Andamento dell avanzo di amministrazione nel

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

Emilia Romagna. Dati regionali. Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali

Emilia Romagna. Dati regionali. Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali Emilia Romagna Tra le regioni del Nord l economia dell Emilia Romagna ha evidenziato la più ampia fl essione nel 2012, effetto della nuova

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico COMUNE DI BASTIA UMBRA Prov. (PG) BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 170.096,84 170.096,84 di cui: - Vincolato - Finaziamento Investimenti - Fondo Ammortamento

Dettagli

Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007

Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007 Trento ottobre 2009 a cura di Manuela Cumerlotti e Nicoletta Funaro Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007 Premessa La Provincia Autonoma di Trento(*)

Dettagli

Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo

Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo 2 Premessa Il rapporto Civicum-Politecnico di Milano sul Comune di Napoli ha l obiettivo di sintetizzare le

Dettagli

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 COMUNE DI PARABIAGO Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 Relazione al Rendiconto della Gestione - anno 2013 Pagina 137 di 195 Relazione Tecnica al Conto del Bilancio -

Dettagli

Comune di Corneliano d'alba

Comune di Corneliano d'alba Comune di Corneliano d'alba Tipo: ENTRATA Avanzo di Amministrazione + Fondo Pluriennale Vincolato iscritto in Entrata di cui: - Fondi Vincolati - Finanziamento Investimenti - Fondo Ammortamento 18.912,00

Dettagli

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 Comune di Livorno D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 1 Il nuovo Ciclo di Programmazione Programma di governo (locale) Finalità Politiche Programmi/Progetti Obiettivi di gestione Indirizzi di finanza

Dettagli

RENDICONTO ESERCIZIO FINANZIARIO 2011

RENDICONTO ESERCIZIO FINANZIARIO 2011 RENDICONTO ESERCIZIO FINANZIARIO 2011 ENTRATE E SPESE CORRENTI 2011 ENTRATE CORRENTI ACCERTAMENTI SPESE CORRENTI IMPEGNI Tit.1' Entrate tributarie 5.800.712,82 Tit.2' Entrate da trasferimenti 1.146.937,18

Dettagli

RELAZIONE DEL TESORIERE

RELAZIONE DEL TESORIERE COLLEGIO IPASVI MODENA VIALE AMENDOLA 264-41125 MODENA RELAZIONE DEL TESORIERE BILANCIO DI PREVISIONE 2015 RELAZIONE DEL TESORIERE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Il bilancio di previsione 2015 si compone

Dettagli

COMUNE DI SALUGGIA RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO

COMUNE DI SALUGGIA RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 1 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI VERCELLI COMUNE DI SALUGGIA RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2011 2 Introduzione all analisi dei dati del Rendiconto della Gestione La presentazione

Dettagli

Analisi economico-finanziaria

Analisi economico-finanziaria Analisi economico-finanziaria Amministrazione: 015131 - Comune di Magnago Periodo: Anno - 2015 ANDAMENTO DELLE ENTRATE Entrate in conto corrente Accertato % Accertato Titolo I - ENTRATE TRIBUTARIE 4.545.889,55

Dettagli

La politica dell entrata

La politica dell entrata La politica dell entrata Le entrate dello Stato si classificano in: 1.Entrate tributarie: rappresentano la parte più consistente delle entrate statali e sono costituite da: Imposte=sono prelievi obbligatori

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA PRESENTAZIONE BILANCIO PREVISIONALE 2013

COMUNE DI SERDIANA PRESENTAZIONE BILANCIO PREVISIONALE 2013 PRESENTAZIONE PRESENTA IL SINDACO ROBERTO MELONI Il bilancio di previsione annuale, è il più importante strumento di pianificazione annuale dell attività dell Ente, che attua la programmazione definita

Dettagli

Comune di Lessona BILANCIO PLURIENNALE (2014-2015 - 2016) PREVISIONI DEFINITIVE. esercizio in corso 876,40 1.000,00 300,00 300,00 300,00 900,00

Comune di Lessona BILANCIO PLURIENNALE (2014-2015 - 2016) PREVISIONI DEFINITIVE. esercizio in corso 876,40 1.000,00 300,00 300,00 300,00 900,00 Avanzo di Amministrazione 68.500,00 di cui Fondi Vincolati Finanziamento Investimenti Fondo Ammortamento Fondi Non Vincolati 68.500,00 TITOLO I Entrate Tributarie CATEGORIA 1 Imposte 1.01.1001 imu - imposta

Dettagli

3.2 Analisi del contesto interno. L organizzazione di Roma Capitale

3.2 Analisi del contesto interno. L organizzazione di Roma Capitale 3.2 Analisi del contesto interno L organizzazione di Roma Capitale L assetto organizzativo di Roma Capitale, determinato in linea con le funzioni di cui l Ente è titolare e con i programmi e progetti dell

Dettagli

Il Sistema dei Finanziamenti

Il Sistema dei Finanziamenti Il Sistema dei Finanziamenti Dott.ssa Patrizia Ruffini - Contabilità e bilancio delle Pubbliche Amministrazionioni Pubbliche 1 FINANZIAMENTO DELLA GESTIONE Insieme di processi (operazioni di gestione esterna)

Dettagli

PARTE A 1. Si valuti la convenienza della operazione di acquisto di una posizione di cambio a termine a tre mesi, in assenza di costi di negoziazione.

PARTE A 1. Si valuti la convenienza della operazione di acquisto di una posizione di cambio a termine a tre mesi, in assenza di costi di negoziazione. PARTE A 1 A1) L azienda Beta presenta questi due problemi: a) L azienda vende i propri prodotti ad una società straniera per un importo di 480.000 $, con pagamento a tre mesi. L azienda ha sostenuto i

Dettagli

UIL VADEMECUM 2009 PER LA CONTRATTAZIONE CON LE AUTONOMIE LOCALI

UIL VADEMECUM 2009 PER LA CONTRATTAZIONE CON LE AUTONOMIE LOCALI Servizio Politiche Territoriali polterritoriali@uil.it UIL VADEMECUM 2009 PER LA CONTRATTAZIONE CON LE AUTONOMIE LOCALI PREMESSA Il momento di crisi economica e di recessione richiede una serie di interventi

Dettagli

provincia di mantova IL BILANCIO DI PREVISIONE 2014

provincia di mantova IL BILANCIO DI PREVISIONE 2014 IL BILANCIO DI PREVISIONE 2014 IL BILANCIO DI PREVISIONE 2014 TITOLO ENTRATE CONSUNTIVO INIZIALE 2013 ASSESTATO PREVISIONI 2014 2012 2013 I ENTRATE TRIBUTARIE 46.007.613,60 41.930.191,00 42.752.620,96

Dettagli

DOSSIER LE PROVINCE ALLO SPECCHIO LE FUNZIONI, I BILANCI, I COSTI.

DOSSIER LE PROVINCE ALLO SPECCHIO LE FUNZIONI, I BILANCI, I COSTI. DOSSIER LE PROVINCE ALLO SPECCHIO LE FUNZIONI, I BILANCI, I COSTI. Roma, 20 gennaio 2012 Spesa pubblica complessiva (anno 2011): 813 miliardi di euro Settore Amministrazione Centrale Previdenza Interessi

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA DEL CASENTINO Pagina 1

COMUNITÀ MONTANA DEL CASENTINO Pagina 1 COMUNITÀ MONTANA DEL CASENTINO Pagina 1 Parte Entrata - Anno 2011 Risorsa Accertamenti Previsioni Avanzo di Amministrazione 373.866,30 309.907,89 297.201,89 12.706,00 di cui Vincolato 357.565,30 309.907,89

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri. Considerazioni in merito a risparmi e benefici del DDL n. 1542

Presidenza del Consiglio dei Ministri. Considerazioni in merito a risparmi e benefici del DDL n. 1542 Considerazioni in merito a risparmi e benefici del DDL n. 1542 Roma, 29 ottobre 2013 1 Il DDL ha tre finalità: 1. Sviluppo e crescita: - rendere i processi decisionali più veloci e diretti per favorire

Dettagli

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio Indice il contesto i tagli le tasse comunali le linee guida il bilancio 02 La crisi: meno risorse, meno investimenti, più domanda di servizi 03 La finanza dei comuni dal 2008 ad oggi: meno risorse, meno

Dettagli

87083 Amministrazione e controllo. Fondata sulle informazioni tratte dalla contabilità

87083 Amministrazione e controllo. Fondata sulle informazioni tratte dalla contabilità 87083 Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Analisi Analisi di bilancio Fondata sulle informazioni tratte dalla contabilità finanziaria Analisi del bilancio preventivo Analisi del conto del

Dettagli

PROVINCIA DI VITERBO

PROVINCIA DI VITERBO PROVINCIA DI VITERBO Viterbo, 5 luglio 2011 Il periodo delle vacche grasse è finito. Nel 2011 abbiamo ricevuto 3 milioni e 200mila euro in meno di risorse dal Governo centrale, a fronte di un aumento dell

Dettagli

La gestione finanziaria 1

La gestione finanziaria 1 CAPITOLO 6 BILANCIO COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 La gestione finanziaria 1 Le risultanze finali del conto di bilancio dell esercizio finanziario 2007 sono riportate nella Tavola

Dettagli

BILANCIO TRIENNALE 2015 2017

BILANCIO TRIENNALE 2015 2017 BILANCIO TRIENNALE 2015 2017 Bilancio di previsione triennale 2015 2017 - entrata pag 1 Riepilogo generale per missione - spesa pag 51 Bilancio di previsione triennale 2015 2017 - spesa pag 13 Quadro generale

Dettagli

IL CASO DI MISANO GERA D ADDA. venerdì 25 ottobre 13

IL CASO DI MISANO GERA D ADDA. venerdì 25 ottobre 13 IL CASO DI MISANO GERA D ADDA CHE COS E IL BILANCIO COMUNALE Strumento di pianificazione e gestione economica e finanziaria dei Comuni. In esso vengono dettagliate tutte le entrate e le spese dell'ente

Dettagli

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser.

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser. BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013 Stampa per Codice di Bilancio R I S O R S A Accertamenti ult. eser. chiuso 1 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE VINCOLATO 0,00 33.001,17 0,00-33.001,17 0,00 0.00.0000

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 9084443,36 8502962,92 8155504,77 8112844,23 7982265,23 8084026,13 0,52- Contributi e trasferimenti correnti

Dettagli

Comune di Busano. VARIAZIONI Ultimo esercizio. esercizio in corso

Comune di Busano. VARIAZIONI Ultimo esercizio. esercizio in corso Tipo: ENTRATA RISORSA ACCERTAMENTO PREVISIONI Avanzo di Amministrazione di cui Fondi Vincolati Finanziamento Investimenti Fondo Ammortamento Fondi Non Vincolati Entrate Tributarie TITOLO 101 CATEGORIA

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino, 2010 1 Capitolo IV. IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Rapporti tra Stato e - Regioni - Enti locali (Comuni, Province,

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

Relazione al Rendiconto della Gestione 2010

Relazione al Rendiconto della Gestione 2010 Relazione al Rendiconto della Gestione 2010 ai sensi dell art. 151 del D. L.vo n. 267/2000 I N D I C E QUADRO DI SINTESI DELLA GESTIONE pag. 1 L andamento della gestione di competenza pag. 2 L andamento

Dettagli

2.1 ANALISI DELLE RISORSE E DEGLI IMPIEGHI DEL BILANCIO

2.1 ANALISI DELLE RISORSE E DEGLI IMPIEGHI DEL BILANCIO 2.1 ANALISI DELLE RISORSE E DEGLI IMPIEGHI DEL BILANCIO L evoluzione del bilancio pubblico da sintesi di valori solo monetari a strumento di governo e di realizzazione delle politiche per il raggiungimento

Dettagli

Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88 8.314.

Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88 8.314. RENDICONTO ANNO 2014 DATI RIEPILOGATIVI: RESIDUI In conto COMPETENZA Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88

Dettagli

Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi

Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi dei servizi. Quelle per gli investimenti derivano da

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Comune di Modena 2015-2017 BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Ex D.Lgs 118/2011 Approvato con Delibera di Consiglio n. 17 del 05/03/2015 Pag. 1 Allegato n. 9 al D.Lgs. 118/2011 Bilancio di Previsione

Dettagli

Assessorato al Bilancio RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2015. Consuntivo 2015 Pag. 1

Assessorato al Bilancio RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2015. Consuntivo 2015 Pag. 1 Assessorato al Bilancio RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2015 Consuntivo 2015 Pag. 1 Relazione illustrativa della Giunta al Rendiconto Esercizio 2015 Premessa L esercizio 2015 si conclude

Dettagli

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010 COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (TRAPANI) Relazione sullo stato di realizzazione dell attività programmata nell anno 2010 1 - LA LETTURA DEI RISULTATI DELLA GESTIONE 1.1 - Il risultato della gestione di competenza

Dettagli