PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI"

Transcript

1 PROVINCIA DI RAVENNA: I POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E PREMESSA Il tema dei costi della politica e della qualità della spesa pubblica assume una importanza strategica, in momento come quello attuale contraddistinto da vecchi e nuovi vincoli di bilancio europei. Si pone quindi l esigenza di coniugare il rigore di bilancio con politiche di sviluppo, perché se è vero che i numeri fanno l economia, è altrettanto vero che è l economia a fare i numeri. Si tratterà, in tale ottica, sempre più di garantire la crescita economica con scelte mirate e coraggiose, dato l alto debito pubblico, che attanaglia il nostro Paese. In questo contesto occorre prefiggersi la riqualificazione della spesa pubblica, concentrando le risorse sulle vere priorità per lo sviluppo socio economico, assicurando nel contempo politiche fiscali che siano realmente in grado di redistribuire la ricchezza. Non sono avulse da questo tema, anzi dovrebbero essere la cartina di tornasole, per la crescita economica e l espansione dell occupazione, le problematiche che riguardano le riforme istituzionali, l attuazione del federalismo fiscale e la riduzione dei costi della politica. Sono tutti, questi, temi che sono la faccia della stessa medaglia. In questo contesto, oltre che tenere sotto osservazione i costi nazionali e regionali, è importante analizzare con attenzione la spesa di tutte le Amministrazioni Locali. Ecco il motivo che ci ha spinto ad elaborare questo lavoro, che non vuole essere solo di denuncia, bensì, uno stimolo per una riflessione a tutto campo, da fare tutti insieme, Istituzioni e Parti Sociali. E per aprire un dibattito su questi temi diventa importante la conoscenza dei dati della spesa, della pressione fiscale, al fine di comprendere le dinamiche reali che si determinano nel territorio. Il tutto ad iniziare dai costi della politica. Lungi da noi l idea che i costi della democrazia non siano produttivi, ma, siamo dell idea che occorra mettere un freno agli sprechi e agli sfarzi, che sono ingiusti, e, a volte, fastidiosi, in questi tempi, con moltissime persone alle prese con una crisi che sta mordendo, soprattutto, sul versante dell occupazione. Nessuno di noi è così demagogo ed irresponsabile da sostenere che, tutti i mali derivino dagli stipendi dei politici, e, che basta tagliarli che si risolvono tutti i problemi delle nostre finanze pubbliche. Così come, però, non ci schieriamo dalla parte di chi sostiene che tagliare gli stipendi dei politici è soltanto una operazione di facciata per i modesti risparmi che comporta. Per questo occorrono riforme di sistema. Occorre, rapidamente, rivedere radicalmente il funzionamento degli Enti Istituzionali, ridurre il numero di componenti degli organi elettivi, snellire gli apparati burocratici, rivederne le funzioni, anche, e soprattutto, per evitare la duplicazione dei ruoli. 1

2 Rivedere, ad esempio, il numero degli assessorati, non in base alla dimensione demografica, che nella realtà non esiste neppure oggi, ma in base alle reali funzioni dell Ente, così come bisogna ridurre all essenziale il numero delle Commissioni Consiliari di Provincia e Comuni. Bisogna, altresì procedere verso uno snellimento degli apparati burocratici, che a volte, oltre ad essere centri di costo, rappresentano una duplicazione degli adempimenti. E indispensabile mettere mano alla moltitudine di Enti e Società pubbliche, spesso improduttive e fonte di produzione di deficit, razionalizzandone il numero e le funzioni. Da questo punto di vista è necessario diminuire il numero dei componenti dei consigli di amministrazione delle controllate pubbliche e abbatterne i compensi; chiudere le società che non svolgono funzioni essenziali per l ente, anche in relazione alla riforma dei servizi pubblici locali. Ma cosa che più ci interessa è una riflessione se gli attuali assetti degli Enti di area vasta (Province), siano ancora attuali, o, se al contrario, al di là degli slogan sulla Regione Romagna, non sia giunto il momento di ragionare in termini di programmazione interprovinciale. Così come, è necessario, nell ottica di forti economie di scala, rivedere il numero dei Comuni, procedendo alla fusione dei piccoli Comuni, incentivando maggiormente forme associative per la gestione dei servizi, privilegiando la forma delle aggregazioni o delle Convenzioni ed eliminare del tutto le Unioni dei Comuni, che sono un ulteriore livello di governo. La nostra idea è non spegnere i piccoli Comuni, ma di valorizzarli, attraverso uno Statuto dei Luoghi, che ne esalti l identità territoriale. In questo modo, si riducono i centri decisionali, a volte inutili, e, si libererebbero risorse per investimenti, infrastrutture e cosa non meno importante per abbassare il carico fiscale sui lavoratori e pensionati. Ecco che cosa significa per la UIL tagliare i costi della politica. Sono queste le scelte che avvicinano i cittadini alla politica e all amministrazione del bene comune, in grado di dare speranza e fiducia. 2

3 ANALISI DEI DATI I POLITICA Le persone che vivono direttamente od indirettamente di politica in Provincia di Ravenna sono tra Presidenti, Sindaci, Assessori, Consiglieri comunali e provinciali; consiglieri di amministrazione di Enti, Fondazioni e Società pubbliche; consulenti collaboratori, apparato politico (consiglieri circoscrizionali, comitati, segreterie partiti ecc.). Di questi 41 sono componenti di Giunta e Consiglio provinciale; 473 sono i componenti di Giunte e Consigli dei 18 Comuni della Provincia; 421 i componenti degli organi di amministrazione di Enti, Fondazioni e Società pubbliche; sono le persone che hanno incarichi e/o consulenze nella pubblica amministrazione; sono le persone del cosiddetto apparato politico. I cosiddetti costi della politica, diretti ed indiretti, ammontano ogni anno, in Provincia di Ravenna ad oltre 24 milioni di euro, tra il funzionamento di Giunte e Consigli della Provincia e dei 18 Comuni, il funzionamento degli organi degli Enti e Società partecipate e per e per le collaborazioni, incarichi e consulenze. Somma, questa che equivale a 62 euro medi pro capite per gli oltre 389 mila cittadini residenti e 97 euro medi pro capite se si considerano i 250 mila contribuenti residenti. Nel dettaglio la Provincia di Ravenna per il funzionamento di Giunta e Consiglio ha speso, nel 2010, 810 mila euro, in diminuzione del 3% rispetto al 2009 e del 9% rispetto al I 18 Comuni, invece, per i propri organi istituzionali hanno speso, sempre nel 2010, 9,8 milioni di euro, in diminuzione dello 0,6% rispetto al 2009 e del 5% rispetto la Il Comune di Ravenna, nello stesso periodo, ha speso 4,7 milioni di euro per il funzionamento degli organi istituzionali, in diminuzione dello 0,6% rispetto al 2009 e del 6,3% sul Per i compensi, le spese di rappresentanza, il funzionamento dei consigli di amministrazione, organi collegiali, degli Enti, Fondazioni, Società pubbliche partecipate, nel 2010, secondo stime della UIL, si sono spesi 5 milioni di euro. Per le consulenze, gli incarichi, le collaborazioni e le spese per i comitati e varie commissioni, la spesa nel 2010, è stata di 8,5 milioni di euro. LE DEGLI ENTI LOCALI Analizzando i Bilanci di previsione del 2010 e 2011, degli Enti Locali (Provincia e Comuni), le entrate sono complessivamente 696,5 milioni di euro, di cui per la Provincia di Ravenna esse ammontano 130,7 milioni di euro; per i 18 Comuni ammontano 575,2 milioni di euro, la quale quasi metà nel Comune di Ravenna (215,7 milioni di euro). Del totale delle entrate 297,6 milioni di euro provengono da imposte, tasse e tariffe locali, con una pressione finanziaria per residente di 633 euro medi l anno. La Provincia di Ravenna incassa da imposte, tributi e tariffe oltre 37,9 milioni di euro l anno di cui 34,6 milioni di euro di imposte e tasse e 3,2 milioni di euro da tariffe. 3

4 La pressione fiscale complessiva della Provincia di Ravenna, tra IPT, Tributo Ambientale, Imposta R.C: Auto e tariffe, è di 97 euro medi per residente, al di sotto della media delle altre Province dell Emilia Romagna (101 euro medi per residente). Infatti, nella Provincia di Piacenza tale pressione fiscale è di 117 euro medi; a Bologna e Ferrara è di 107 euro; a Forlì-Cesena è di 106 euro; a Rimini 101 euro; a Parma 99 euro; a Reggio Emilia 93 euro: a Modena 88 euro. Complessivamente tra ICI, Addizionali IRPEF, Tassa/Rifiuti solidi urbani ecc. e da tariffe, i Comuni della provincia incassano oltre 208,4 milioni di euro (536 euro medi per residente). Nel Comune di Ravenna tra imposte e tariffe si incassano complessivamente 80,3 milioni di euro. La pressione fiscale complessiva del Comune di Ravenna è di 510 euro medi per residente, al di sotto della media degli altri Comuni capoluogo dell Emilia Romagna (617 euro medi per residente). Nel Comune di Bologna tale pressione fiscale è di 938 euro medi; a Modena è di 719 euro; a Parma 640 euro;a Forlì e Piacenza 607 euro; a Rimini 578 euro; a Cesena 532 euro; a Ferra 525 euro; a Reggio Emilia 513 euro. LE SPESE DEGLI ENTI LOCALI Gli Enti Locali destinano alla spesa corrente 361,7 milioni di euro (il 51,2% del totale della spesa); 254,6 milioni di euro (il 36,1%), in spesa in conto capitale; 705,9 milioni di euro per rimborsi di prestiti e mutui (il 12,7% del totale). In particolare i Comuni della provincia destinano il 53,5% del proprio Bilancio alla spesa corrente, il 32,2% alla spesa per investimenti e il 14,3% al rimborso di prestiti e mutui. La Provincia di Ravenna destina alla spesa corrente, percentuale più bassa se paragonata alle altre Province dell Emilia Romagna, il 41,2%; il 53,4%, percentuale più alta rispetto alle altre Province, alla spesa per investimenti; il 5,4% alla spesa per le rate di ammortamento dei prestiti e mutui. Il Comune di Ravenna, invece, destina alla spesa corrente, percentuale nella media delle altre Città capoluogo dell Emilia Romagna, il 59,4%; il 26,6%, percentuale tra le più basse rispetto alle altre Città, alla spesa per investimenti; il 14% alla spesa per le rate di ammortamento dei prestiti e mutui, percentuale tra le più alte rispetto alle altre Città. Interessante, per fare un paragone la spesa pro capite per residente, da questo punto di vista la Provincia di Ravenna, destina a spesa corrente 18 euro medi per residente, a fronte dei 164 euro della Provincia di Piacenza, i 152 euro di Forlì-Cesena, i 116 euro di Modena. Mentre per le spese di investimento, destina 179 euro per residente (cifra più alta delle altre Province), a fonte dei 169 euro di Rimini, i 166 euro di Ferrara, i 106 euro di Bologna, gli 86 euro di Modena. Per le rate di rimborso dei mutui, invece spende 18 euro medi per residente, a fronte 45 euro di Forlì-Cesena, i 5 euro di Piacenza, i 13 di Parma. Il Comune di Ravenna, destina a spesa corrente 815 euro medi per residente, a fronte dei euro di Bologna, i euro di Modena, i di Parma, i 738 euro di Cesena, i 803 euro di Forlì. Mentre per le spese di investimento, destina 364 euro per residente, a fonte dei 954 euro di Parma, i 784 euro di Forlì, passando ai 364 euro di Cesena per arrivare ai 121 di Piacenza. 4

5 Analizzando la spesa corrente per funzioni, la funzione generale di amministrazione e controllo assorbe il 31,3% del totale delle spese, il settore sociale assorbe il 18,7%, l istruzione pubblica il 15,8%, la viabilità e trasporti il 7,4%, il territorio ed ambiente l 8,3%, la cultura e la polizia locale il 5%, lo sviluppo economico il 3,5%, il turismo l 1,4%. Nel dettaglio la Provincia di Ravenna destina il 28,1% del totale della spesa corrente è destinato alla funzione generale di amministrazione e controllo, a fronte del 19,2% della Provincia di Forlì-Cesena e il 35,3% di Parma; il 32,2% all istruzione pubblica (a Forlì-Cesena e Modena il 36,7%); il 17% alla gestione del territorio e ambiente (a Piacenza il 25,1% e Forlì-Cesena il 22,8%); mentre per lo sviluppo economico destina il 14,6% del totale della spesa corrente (Bologna il 20,1% e Forlì-Cesena il 15,2%). A livello di spesa corrente pro capite per residente la Provincia di Ravenna spende 45 euro per l istruzione pubblica (a Forlì-Cesena 56 euro); 39 euro per le funzioni generali di amministrazione e controllo (a Piacenza e Bologna 49 euro); 24 euro per gestione territorio ed ambiente (( a Forlì-Cesena 35 euro); per lo sviluppo economico 20 euro (a Bologna 29 euro). Analizzando la spesa corrente del Comune di Ravenna il 28,4% del totale della spesa corrente è destinato alla funzione generale di amministrazione e controllo, a fronte del 36,6% di Rimini, il 29,1% di Ferrara; il settore sociale assorbe il 22,7% del totale della spesa (a Parma il 37,8%, a Modena il 35,9% a Forlì il 25,3%); all istruzione pubblica è destinato il 15,8% del totale della spesa (a Ferrara il 17,7% e a Forlì il 17,5%); alla viabilità e trasporti è destinato il 10% del totale della spesa (a Cesena il 13,8%, a Reggio Emilia il 10% e a Ferrara l 8,3%); alla gestione del territorio e ambiente va il 6,7%, mentre alla polizia locale è destinato il 6,5%. A livello di spesa corrente pro capite per residente il Comune di Ravenna spende 231 euro per le funzioni generali di amministrazione e controllo (a Bologna se ne spendono 353, a Rimini 288 euro, a Ferrara 249 euro); per il sociale si spendono 185 euro medi per residente (a Modena se ne spendono 415 euro, a Parma 400 euro, a Bologna 268 euro); all istruzione pubblica vengono destinati 129 euro per residente (a Modena 185 euro, a Bologna 173 euro e a Ferrara 152 euro); per la viabilità e trasporto si spendono 81 euro pro capite (a Cesena 102 euro, a Reggio Emilia 78 euro). Per quanto concerne la spesa per investimenti la Provincia di Ravenna spende mediamente per ogni residente 81 euro per le funzioni generali di amministrazione e controllo (a Piacenza 53 euro, a Parma 46 euro); per la gestione del territorio e dell ambiente spende 72 euro medi pro capite (a Ferrara se ne spendono 119 euro, a Rimini 96 euro e a Forlì-Cesena 78 euro); per l istruzione pubblica (manutenzione degli edifici scolastici), la Provincia di Ravenna spende 5 euro procapite (a Rimini 32 euro, Reggio Emilia 39 euro, a Modena e Bologna 15 euro); per lo sviluppo economico si spendono 19 euro pro capite (a Ferrara 25 euro); infine per il turismo e sport la Provincia di Ravenna non fa spese di investimento. Mentre il Comune di Ravenna fa spese di investimento per la funzione generale di amministrazione e controllo per 221 euro pro capite (a Forlì 454 euro, a Reggio Emilia 364 euro e a Bologna 299 euro); per la viabilità e i trasporti il Comune di Ravenna spende 72 euro pro capite (a Ferrara 189 euro, a Parma 172 euro, a Rimini 161 euro); per la gestione del territorio e dell ambiente si spendono 54 euro pro capite (a Parma 299 euro, a Rimini 115 euro); mentre per il sociale ed il turismo non sono previste spese di investimento. Per quanto riguarda la spesa corrente la Provincia di Ravenna destina il 33,4% del totale della spesa per il personale, il 54,4% per acquisto di beni e servizi. 5

6 A livello di spesa pro capite il personale della Provincia di Ravenna costa mediamente 46 euro pro capite (a Ferrara 51 euro, a Piacenza 49 euro, a Forlì-Cesena 47 euro, a Reggio Emilia 33 euro); mentre per l acquisto di beni e servizi la Provincia di Ravenna spende 75 euro pro capite (a Piacenza 99 euro, a Bologna 93, a Forlì-Cesena 89 euro). Per quanto riguarda la spesa corrente il Comune di Ravenna destina il 34,4% del totale della spesa per il personale, il 60,8% per acquisto di beni e servizi. A livello di spesa pro capite il personale il Comune di Ravenna costa mediamente 281 euro pro capite (a Bologna 497 euro, a Modena 394 euro, a Ferrara 370 euro, a Rimini 337 euro); mentre per l acquisto di beni e servizi il Comune di Ravenna spende 495 euro pro capite (a Modena 731 euro, a Bologna 663, a Forlì 444 euro). I POLITICA: METODOLOGIA L ELABORAZIONE DEI DATI La metodologia individuata i dati è stata l elaborazione dei dati dei Certificati Consuntivi e dei Bilanci preventivi, dei Comuni, pubblicati sul sito del Ministero degli Interni e sui siti dei Comuni e della Provincia. Si specifica, che il capitolo di spesa analizzato è relativo alla spesa corrente nella funzione generale di amministrazione e controllo inerente il servizio spese organi istituzionali, partecipazione e decentramento ovvero le spese per il funzionamento per Giunta e Consiglio. Pertanto i dati non si riferiscono, soltanto alle indennità degli amministratori locali, bensì tengono conto delle varie voci, riportate per interventi, che compongono il totale della spesa. In base alle norme, che regolano i Bilanci degli Enti Locali, per la parte spesa, essa viene suddivisa in Titoli, Funzioni, Servizi ed Interventi. I Titoli si riferiscono alla natura della spesa, e viene suddivisa per spese correnti, in conto capitale e rimborsi prestiti e mutui. Le Funzioni si riferiscono alla spesa sia corrente che in conto capitale per le funzioni essenziali degli Enti Locali; la spesa per servizi è riferita ai singoli servizi che compongono le funzioni; mentre la spesa per interventi si suddivide in: personale, acquisto di materie prime e/o beni di servizio, prestazioni di servizi, utilizzo di beni di terzi, trasferimenti, interessi passivi, imposte e tasse, oneri straordinari di gestione, ammortamenti di esercizio. Pertanto nell analizzare i costi per il funzionamento delle giunte e consigli vengono prese in considerazione tutte la spese inerenti tali interventi. Le spese per gli incarichi e le consulenze comprendono le collaborazioni, gli incarichi, le consulenze ed il personale di supporto agli uffici politici. Le spese per il Funzionamento di Enti, Fondazioni, Società partecipate è una stima UIL su dati Ministero dell Innovazione e tengono conto dei costi per il funzionamento degli organi di tali Enti. 6

7 PROVINCIA DI RAVENNA: I POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E NUMERO ASSESSORI E CONSIGLIERI PROVINCIALI E COMUNALI, NUMERO INCARICHI E CONSULENZE, NUMERO CONSIGLIERI DI DI ENTI, FONDAZIONI E SOCIETA PUBBLICHE ENTI NUMERO PROVINCIA ENTI, FONDAZIONI, SOCIETA PUBBLICHE 421 INCARICHI E CONSULENZE APPARATO POLITICO ELABORAZIONE UIL SUI SITI ISTITUZIONALI NUMERO ASSESSORI, CONSIGLIERI, COMMISSIONI CONSILIARI DI PROVINCIA E COMUNE DI RAVENNA ASSESSORI NUMERO ENTI CONSIGLIERI COMMISSIONI CONSILIARI PROVINCIA RAVENNA COMUNE RAVENNA ELABORAZIONE UIL SUI SITI ISTITUZIONALI DI PER GIUNTE E CONSIGLI DI PROVINCIA E, SPESE PER INCARICHI E CONSULENZE, SPESE PER CONSIGLI DI DI ENTI, FONDAZIONI, SOCIETA PUBBLICHE ANNO 2010 ENTI DI COSTO PRO CAPITE COSTO PRO CAPITE PER CITTADINO PER CONTRIBUENTE PROVINCIA ENTI, FONDAZIONI, SOCIETA PUBBLICHE INCARICHI E CONSULENZE GENERALE ELABORAZIONE UIL SUI RENDICONTI E BILANCI DEGLI ENTI LOCALI, MINISTERO INNOVAZIONE 7

8 ENTI GIUNTE E CONSIGLI ANNO 2008 DI PER GIUNTE E CONSIGLI DI PROVINCIA E, ANNI E COSTO PRO CITTADINI E CONTRIBUENTI RESIDENTI PRO PRO PRO PRO GIUNTE E CONSIGLI GIUNTE E CONSIGLI CITTADINO CITTADINO CITTADINO CONTRIBUENTE ANNO 2009 ANNO 2010 ANNO 2008 ANNO 2009 ANNO 2010 ANN PRO CONTRIBUENTE ANNO 2009 PRO CONTRIBUENTE ANNO 2010 PROVINCIA GENERALE ELABORAZIONE UIL SUI RENDICONTI E BILANCI DEGLI ENTI LOCALI ENTE GIUNTA E CONSIGLI0 ANNO 2008 GIUNTA E CONSIGLIO ANNO 2009 GIUNTA E CONSIGLIO ANNO 2010 PRO CITTADINO ANNO 2008 PRO CITTADINO ANNO 2009 PRO CITTADINO ANNO 2010 PRO CONTRIBUENTE ANN PRO CONTRIBUENTE ANNO 2009 PRO CONTRIBUENTE ANNO 2010 COMUNE DI RAVENNA ELABORAZIONE UIL SUI RENDICONTI E BILANCI DEGLI ENTI LOCALI DI PER GIUNTE E CONSIGLI DI PROVINCIA E : DIFFERNZE ANNI ASSOLUTI E PERCENTUALI) ENTI GIUNTE E GIUNTE E GIUNTE E GIUNTE E GIUNTE E GIUNTE E CONSIGLI CONSIGLI CONSIGLI CONSIGLI ANNO CONSIGLI CONSIGLI ANNO DIFFERENZA DIFFERENZA ANNO 2009/ /2010 ANNO 2009/ /2010 ANNO 2008/2009 ANNO 2008/2009 ASSOLUTI) ASSOLUTI) PERCENTUALI) PERCENTUALI) ASSOLUTI) PERCENTUALI) PROVINCIA ,1-3,0-9, ,4-0,6-5, ,5-0,8-5,3 GENERALE ELABORAZIONE UIL SUI RENDICONTI E BILANCI DEGLI ENTI LOCALI ENTI GIUNTA E CONSIGLIO DIFFERENZA ANNO 2008/2009 ASSOLUTI) GIUNTEA E CONSIGLI0 ANNO 2009/2010 ASSOLUTI) GIUNTA E CONSIGLI O ANNO 2008/2010 ASSOLUTI) GIUNTA E CONSIGLIO DIFFERENZA ANNO 2008/2009 PERCENTUALI) GIUNTA E CONSIGLIO ANNO 2009/2010 PERCENTUALI) GIUNTA E CONSIGLIO ANNO 2008/2010 PERCENTUALI) COMUNE ,8-0,6-6,3 RAVENNA ELABORAZIONE UIL SUI RENDICONTI E BILANCI DEGLI ENTI LOCALI 8

9 ENTI TRIBUTARIE LE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER TITOLI DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI STATO, REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI EXTRATRIBUTARIE DERIVANTI DA ALIENAZIONI, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALE E DA RISCOSSIONI DI CREDITI. DERIVANTI DA ACCENSIONI DI PRESTITI AVANZO DI PROVINCIA PROVINCE LE PROVINCIA DI RAVENNA PER TITOLI E RAFFRONTO CON ALTRE PROVINCE TRIBUTARIE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI STATO, REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI EXTRATRIBUTARIE DERIVANTI DA ALIENAZIONI, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALE E DA RISCOSSIONI DI CREDITI. DERIVANTI DA ACCENSIONI DI PRESTITI AVANZO DI Bologna Ferrara Forli -Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini TRIBUTARIE LE COMUNE DI RAVENNA PER TITOLI E RAFFRONTO CON ALTRI DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI STATO, REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI EXTRATRIBUTARIE DERIVANTI DA ALIENAZIONI, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALE E DA RISCOSSIONI DI CREDITI. DERIVANTI DA ACCENSIONI DI PRESTITI AVANZO DI Bologna Ferrara Forlì Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini

10 LE TRIBUTARIE E TARIFFARIE DEI E PROVINCIA E PRESSIONE FINANZIARIA PER TRIBUTARIE EXTRATRIBUTARIE PROPRIE PRESSIONE TRIBUTARIA PER PRESSIONE TARIFFARIA PER PRESSIONE FINANZIARIA PER PROVINCIA LE TRIBUTARIE E TARIFFARIE PROVINCIA DI RAVENNAE PRESSIONE FINANZIARIA PER : RAFFRONTO CON ALTRE PROVINCE PROVINCE TRIBUTARIE EXTRATRIBUTARIE PROPRIE PRESSIONE TRIBUTARIA PER PRESSIONE TARIFFARIA PER PRESSIONE FINANZIARIA PER Bologna Ferrara Forli -Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini LE TRIBUTARIE E TARIFFARIE COMUNE DI RAVENNA E PRESSIONE FINANZIARIA PER : RAFFRONTO CON ALTRI TRIBUTARIE EXTRATRIBUTARIE PROPRIE PRESSIONE TRIBUTARIA PER PRESSIONE TARIFFARIA PER PRESSIONE FINANZIARIA PER Bologna Ferrara Forlì Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini

11 ENTI SPESA CORRENTE LA SPESA DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER TITOLI SPESA IN CONTO CAPITALE RIMBORSO PRESTITI INCIDENZA SPESA CORRENTE INCIDENZA SPESA IN CONTO CAPITALE INCIDENZA RIMBORSO PRESTITI PROVINCIA ,2 53,4 5, ,5 32,2 14, ,2 36,1 12,7 PROVINCE LA SPESA PROVINCIA DI RAVENNA PER TITOLI E RAFFRONTO CON ALTRE PROVINCE SPESA CORRENTE SPESA IN CONTO CAPITALE RIMBORSO PRESTITI INCIDENZA SPESA CORRENTE INCIDENZA SPESA IN CONTO CAPITALE INCIDENZA RIMBORSO PRESTITI Bologna ,4 40,1 5,5 Ferrara ,8 49,3 6,9 Forli -Cesena ,2 40,2 13,6 Modena ,1 39,2 7,7 Parma ,1 41,5 5,4 Piacenza ,2 40,9 1,9 Ravenna ,2 53,4 5,4 Reggio Emilia ,8 52,7 4,6 Rimini ,5 50,9 7,6 LA SPESA COMUNE DI RAVENNA PER TITOLI E RAFFRONTO CON ALTRI SPESA CORRENTE SPESA IN CONTO CAPITALE RIMBORSO PRESTITI INCIDENZA SPESA CORRENTE INCIDENZA SPESA IN CONTO CAPITALE INCIDENZA RIMBORSO PRESTITI Bologna ,3 20,4 8,3 Ferrara ,6 33,1 17,3 Forlì ,5 46,3 6,2 Cesena ,7 30,4 7,9 Modena ,1 29,0 0,9 Parma ,5 44,7 5,8 Piacenza ,8 10,1 20,1 Ravenna ,4 26,6 14,0 Reggio Emilia ,0 42,1 3,9 Rimini ,6 43,9 5,5 11

12 SPESA DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER TITOLI PRO CAPITE ENTI SPESA CORRENTE PRO CAPITE PER SPESA IN CONTO CAPITALE PRO RIMBORSO PRESTITI PRO PRO PROVINCIA LA SPESA PROVINCIA DI RAVENNA PER TITOLI PRO CAPITE E RAFFRONTO CON ALTRE PROVINCE PROVINCE SPESA SPESA IN CONTO CAPITALE PRO RIMBORSO PRESTITI PRO PRO CORRENTE PRO Bologna Ferrara Forli -Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini LA SPESA COMUNE DI RAVENNA PER TITOLI PRO CAPITE E RAFFRONTO CON ALTRI SPESA CORRENTE PRO SPESA IN CONTO CAPITALE PRO RIMBORSO PRESTITI PRO PRO Bologna Ferrara Forlì Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini

13 ENTI LA SPESA CORRENTE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER ASSOLUTI) DI A PROVINCIA PROVINCE E CONTROLLO LA SPESA CORRENTE PROVINCIA DI RAVENNA PER ASSOLUTI)E RAFFONTO CON ALTRE PROVINCE DI LA GESTIONE Bologna Ferrara Forli -Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini LA SPESA CORRENTE COMUNE DI RAVENNA PER ASSOLUTI) E RAFFONTO CON ALTRI DI CAMPO A Bologna Ferrara Forlì Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini

14 ENTI LA SPESA CORRENTE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER : INCIDENZA PERCENTUALE LE SUL SPESA CORRENTE DI A PROVINCIA 28, ,2 2,4 0,1 2,1 0,3 17,0 3,2 14, ,0 1,4 5,9 13,1 5,5 1,6 1,4 8,8 6,8 21,4 1,6 1, ,3 1,1 5,0 15,8 5,0 1,3 1,4 7,4 8,3 18,7 3,5 1,2 100 LA SPESA CORRENTE PROVINCIA DI RAVENNA PER E RAFFRONTO CON ALTRE PROVINCE: INCIDENZA PERCENTUALE LE SUL SPESA CORRENTE PROVINCE E CONTROLLO DI LA GESTIONE Bologna 34,1 22,5 1,5 0,7 1,0 17,7 2,4 20,1 100 Ferrara 26,5 33,9 2,9 5,2 0,9 15,9 2,8 11,9 100 Forli -Cesena 19,2 36,7 1,1 2,4 1,3 22,8 1,3 15,2 100 Modena 28,9 36,7 1,1 1,7 0,9 16,3 1,5 12,9 100 Parma 35,3 28,4 2,6 2,3 0,3 17,5 3,1 10,5 100 Piacenza 30,0 24,7 0,8 1,6 0,1 25,1 2,4 15,3 100 Ravenna 28,1 32,2 2,4 2,1 0,3 17,0 3,2 14,6 100 Reggio Emilia 27,3 34,4 2,8 0,9 1,0 20,8 1,0 11,8 100 Rimini 30,4 35,2 1,8 10,1 0,3 8,6 3,6 10,0 100 LA SPESA CORRENTE COMUNE DI RAVENNA PER E RAFFRONTO CON ALTRI : INCIDENZA PERCENTUALE LE SUL SPESA CORRENTE DI CAMPO A Bologna 27,5 2,1 6,8 13,5 5,3 1,2 0,2 4,5 17,7 20,9 0,4 0,0 100 Ferrara 29,1 1,0 6,7 17,7 9,8 1,5 0,5 8,3 8,3 14,9 2,0 0,1 100 Forlì 25,7 1,0 4,6 17,5 5,8 2,6 0,1 8,0 6,7 25,3 2,9 0,1 100 Cesena 26,3 0,3 5,8 14,7 5,8 1,7 0,2 13,8 7,3 22,2 1,8 0,0 100 Modena 17,1 1,1 5,8 16,0 5,8 2,4 0,1 5,0 8,8 35,9 2,0 0,0 100 Parma 20,2 0,8 4,9 13,4 7,5 2,5 0,3 5,1 6,9 37,8 0,6 0,0 100 Piacenza 24,9 0,8 8,7 11,7 6,5 2,2 0,2 6,4 8,4 28,4 0,6 1,2 100 Ravenna 28,4 1,1 6,5 15,8 5,1 1,2 1,1 10,0 6,7 22,7 1,5 0,0 100 Reggio Emilia 28,5 1,0 5,3 16,8 7,6 3,3 0,2 10,0 5,6 21,1 0,5 0,0 100 Rimini 33,6 0,7 7,1 14,1 3,6 3,0 2,2 6,9 7,8 19,5 1,5 0,

15 ENTI LA SPESA CORRENTE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER : STANZIAMENTI PRO DI A PROVINCIA LA SPESA CORRENTE PROVINCIA DI RAVENNA PER, RAFFRONTO CON ALTRE PROVINCE: STANZIAMENTI PRO PROVINCE E CONTROLLO DI LA GESTIONE Bologna Ferrara Forli -Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini LA SPESA CORRENTE COMUNE DI RAVENNA PER, RAFFRONTO CON ALTRI: STANZIAMENTI PRO DI CAMPO A Bologna Ferrara Forlì Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini

16 ENTI LA SPESA IN CONTO CAPITALE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER ASSOLUTI) DI A PROVINCIA LA SPESA IN CONTO CAPITALE PROVINCIA DI RAVENNA PER E RAFFRONTI CON ALTRE PROVINCE ASSOLUTI) PROVINCE DI LA CAMPO GESTIONE Bologna Ferrara Forli -Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini LA SPESA IN CONTO CAPITALE COMUNE DI RAVENNA PER E RAFFRONTI CON ALTRI ASSOLUTI) DI A Bologna Ferrara Forlì Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini

17 ENTI LA SPESA IN CONTO CAPITALE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER : INCIDENZA PERCENTUALE LE SUL SPESA IN CONTO CAPITALE DI A PROVINCIA 45, ,0 0, ,9 1,1 10, ,4 0 0,5 2,0 2,7 1,7 0,1 25,1 9,8 1,9 1,5 0, ,8 0 0,4 2,3 2,1 1,2 0,1 18,3 18,0 1,7 3,9 0,2 100 LA SPESA IN CONTO CAPITALE PROVINCIA DI RAVENNA PER E RAFFRONTI CON ALTRE PROVINCE: INCIDENZA PERCENTUALE LE SUL SPESA IN CONTO CAPITALE PROVINCE DI LA CAMPO CAMPO GESTIONE Bologna 5,5 14,5 0,3 0,0 0,4 71,9 1,6 5,8 100 Ferrara 8,5 5,2 0,3 0,0 0,0 71,2 0,0 14,8 100 Forli -Cesena 25,7 8,2 0,5 3,4 0,0 59,2 0,9 2,2 100 Modena 35,1 17,3 0,2 3,4 1,7 34,5 0,0 7,7 100 Parma 44,7 9,4 1,1 1,8 0,0 41,1 0,0 1,8 100 Piacenza 45,5 4,3 0,5 0,5 0,0 47,2 0,0 2,0 100 Ravenna 45,1 3,0 0,4 0,0 0,0 39,9 1,1 10,4 100 Reggio Emilia 7,6 19,4 2,3 1,0 1,6 64,5 0,3 3,1 100 Rimini 5,4 18,8 0,3 4,2 2,7 57,1 0,0 11,4 100 LA SPESA IN CONTO CAPITALE COMUNE DI RAVENNA PER E RAFFRONTI CON ALTRI : INCIDENZA PERCENTUALE LE SUL SPESA IN CONTO CAPITALE DI ED AI BENI A Bologna 81,8 0,0 0,2 3,3 0,4 2,5 0,0 4,9 3,2 3,6 0,0 0,0 100 Ferrara 30,4 1,8 0,1 4,5 5,5 1,9 0,1 33,2 16,9 2,1 3,4 0,3 100 Forlì 57,9 0,0 0,7 6,5 6,2 1,0 0,0 13,8 9,6 0,8 2,4 1,1 100 Cesena 32,0 0,0 0,8 5,7 3,0 0,9 0,0 32,6 20,2 4,5 0,2 0,0 100 Modena 30,7 0,0 0,3 10,7 1,4 11,4 0,0 21,1 18,0 6,4 0,0 0,0 100 Parma 21,6 0,1 0,4 14,1 1,0 4,5 0,0 18,0 31,3 5,1 3,8 0,0 100 Piacenza 13,8 0,0 0,5 6,2 35,4 3,7 0,0 39,8 0,0 0,6 0,0 0,0 100 Ravenna 60,6 0,0 0,2 0,0 2,0 2,5 0,1 19,6 14,8 0,0 0,2 0,0 100 Reggio Emilia 59,3 0,1 0,1 2,8 5,7 0,5 0,0 13,7 16,4 1,5 0,0 0,0 100 Rimini 33,1 0,0 0,3 0,9 26,2 0,6 0,0 21,6 15,4 2,0 0,0 0,

18 ENTI LA SPESA IN CONTO CAPITALE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER : STANZIAMENTI PRO DI A PROVINCIA LA SPESA IN CONTO CAPITALE PROVINCIA DI RAVENNA PER RAFFRONTI CON ALTRE PROVINCE: STANZIAMENTI PRO CAPITE PER PROVINCE DI LA CAMPO CAMPO GESTIONE Bologna Ferrara Forli -Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini LA SPESA IN CONTO CAPITALE COMUNE DI RAVENNA PER E RAFFRONTI CON ALTRI : STANZIAMENTI PRO DI ED AI BENI A Bologna Ferrara Forlì Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini

19 LA SPESA CORRENTE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER INTERVENTI IN VALORI ASSOLUTI ENTI Personale Acquisto beni Oneri Prestazioni di Utilizzo di Interessi Imposte e Trasferimenti straordinari di servizio beni passivi tasse gestione altro PROVINCIA LA SPESA CORRENTE PROVINCIA DI RAVENNA PER INTERVENTI IN VALORI ASSOLUTI E RAFFRONTI CON ALTRE PROVINCE PROVINCE Personale Acquisto beni Oneri Prestazioni di Utilizzo di Interessi Trasferimenti Imposte e tasse straordinari di servizio beni passivi gestione altro Bologna Ferrara Forli -Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini LA SPESA CORRENTE COMUNE DI RAVENNA PER INTERVENTI IN VALORI ASSOLUTI E RAFFRONTI CON ALTRI Personale Acquisto beni Oneri Prestazioni di Utilizzo di Interessi Trasferimenti Imposte e tasse straordinari di servizio beni passivi gestione altro Bologna Ferrara Forlì Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini

20 LA SPESA CORRENTE DEI E PROVINCIA DI RAVENNA PER INTERVENTI: INCIDENZA PERCENTUALE DEGLI INTERVENTI SUL SPESA CORRENTE ENTI Personale Acquisto beni Oneri Prestazioni di Utilizzo di Interessi Trasferimenti Imposte e tasse straordinari di servizio beni passivi gestione altro PROVINCIA 33,3 0,8 37,7 0,8 15,2 9,2 2,6 0,1 0, ,0 2,8 38,7 1,7 16,3 3,6 2,8 0,6 0, ,0 2,5 38,6 1,5 16,1 4,4 2,8 0,5 0,5 100 LA SPESA CORRENTE PROVINCIA DI RAVENNA PER INTERVENTI E RAFFRONTI CON ALTRE PROVINCE: INCIDENZA PERCENTUALE DEGLI INTERVENTI SUL SPESA CORRENTE PROVINCE Personale Acquisto beni Oneri Prestazioni di Utilizzo di Interessi Trasferimenti Imposte e tasse straordinari di servizio beni passivi gestione altro Bologna 27,8 1,8 22,4 2,6 37,4 4,2 2,4 0,1 1,2 100 Ferrara 34,2 1,5 22,1 0,9 31,6 5,5 3,5 0,1 0,8 100 Forli -Cesena 31,8 2,0 20,2 1,2 34,6 5,5 2,5 1,9 0,3 100 Modena 31,2 0,6 34,7 2,9 21,4 5,0 2,5 0,1 1,6 100 Parma 35,4 1,6 22,6 2,2 27,3 7,6 3,0 0,0 0,4 100 Piacenza 30,1 1,6 34,3 3,5 20,8 0,9 2,5 3,3 2,9 100 Ravenna 33,4 0,8 37,6 0,8 15,2 9,2 2,6 0,1 0,3 100 Reggio Emilia 25,6 0,8 21,2 2,4 37,4 10,0 2,2 0,1 0,4 100 Rimini 28,0 0,8 25,0 2,8 35,0 6,2 1,9 0,0 0,3 100 LA SPESA CORRENTE COMUNE DI RAVENNA PER INTERVENTI E RAFFRONTI CON ALTRI : INCIDENZA PERCENTUALE DEGLI INTERVENTI SUL SPESA CORRENTE Personale Acquisto beni Prestazioni di servizio Utilizzo di beni Trasferimenti Interessi passivi Imposte e tasse Oneri straordinari di gestione Bologna 38,8 0,8 43,4 2,6 5,0 2,8 4,2 0,6 1,8 100 Ferrara 43,1 1,0 32,7 1,3 12,1 4,8 4,4 0,3 0,3 100 Forlì 35,0 1,3 40,3 0,9 12,7 6,7 2,1 0,0 0,9 100 Cesena 33,1 3,5 37,3 1,2 19,3 1,7 2,1 0,3 1,6 100 Modena 34,1 1,6 47,9 4,1 9,6 0,6 1,8 0,0 0,3 100 Parma 28,5 0,8 44,6 1,3 19,2 2,8 2,4 0,1 0,3 100 Piacenza 30,6 1,0 49,8 1,1 11,4 2,4 2,7 0,4 0,6 100 Ravenna 34,5 0,6 36,5 2,2 21,5 1,3 2,7 0,4 0,3 100 Reggio Emilia 42,2 1,0 33,7 0,1 15,9 4,1 2,3 0,2 0,6 100 Rimini 39,3 1,6 33,8 3,1 15,2 4,0 2,2 0,4 0,4 100 altro 20

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2013/37 del 30 dicembre 2013 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato: tariffa per gli anni 2012 e 2013 - applicazione

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

Guida per gli Amministratori Locali. Aggiornata alla Legge Delrio n. 56/2014

Guida per gli Amministratori Locali. Aggiornata alla Legge Delrio n. 56/2014 Guida per gli Amministratori Locali Aggiornata alla Legge Delrio n. 56/2014 La Guida per gli Amministratori Locali è a cura di Carlo Garofani (esperto di formazione) con la collaborazione di Amedeo Scarsella

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Chi deve pagare la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani? Tutti coloro che occupano,utilizzano o dispongono di locali e di aree scoperte a qualsiasi

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

IL RIPRISTINO DEL SISTEMA DI TESORERIA UNICA PER GLI ENTI PUBBLICI TERRITORIALI: NORMATIVA E IMPATTI

IL RIPRISTINO DEL SISTEMA DI TESORERIA UNICA PER GLI ENTI PUBBLICI TERRITORIALI: NORMATIVA E IMPATTI IL RIPRISTINO DEL SISTEMA DI TESORERIA UNICA PER GLI ENTI PUBBLICI TERRITORIALI: NORMATIVA E IMPATTI 1. Premessa L art. 35 del D.L. n.1/2012 (Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Per federalismo fiscale si intende l attribuzione della titolarità

Dettagli

Dall Unione alla fusione dei Comuni: il quadro giuridico

Dall Unione alla fusione dei Comuni: il quadro giuridico CONTRIBUTI 5 Dall Unione alla fusione dei Comuni: il quadro giuridico Fabrizio Politi Sommario 1. L Unione di Comuni: la disciplina (costituzionale e legislativa) statale 2. La fusione: le discipline legislative

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. Natura giuridica. Contatti Via Piero Maroncelli, 40 47014 Meldola, Forlì Cesena. Terapie avanzate nell ambito dell oncologia medica

EMILIA ROMAGNA. Natura giuridica. Contatti Via Piero Maroncelli, 40 47014 Meldola, Forlì Cesena. Terapie avanzate nell ambito dell oncologia medica Altri Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico IRCCS (area di ricerca oncologica) presenti sul territorio nazionale, suddivisi per area geografica Gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere

Dettagli

PARTE SPESA. Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1

PARTE SPESA. Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1 Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1 ASSEGNATARIO 15 50 10 00 U.O. GABINETTO DEL SINDACO Dott. Giuseppe De Leo 1010102 1011.203.01 SPESE PER IL FUNZIONAMENTO

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI),

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI), Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione CSSI Direttive del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione che

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

Gli Sportelli Sociali in Emilia Romagna:

Gli Sportelli Sociali in Emilia Romagna: Gli Sportelli Sociali in Emilia Romagna: Esiti del primo monitoraggio Marzo 2010 Gli Sportelli Sociali in Emilia-Romagna: Esiti del primo monitoraggio Marzo 2010 1 Il Rapporto è a cura del Servizio Programmazione

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

40133 BOLOGNA (BO) VIA DE CAROLIS 23 C.F. 91153320378 C.M. BOIC808009. ENTRATE Importi. Voce Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017

40133 BOLOGNA (BO) VIA DE CAROLIS 23 C.F. 91153320378 C.M. BOIC808009. ENTRATE Importi. Voce Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. ENTRATE Voce Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 01 Avanzo di amministrazione presunto 15.217,90 02 Vincolato 15.217,90 02 Finanziamenti

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE COMUNE DI GONARS PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE La relazione al rendiconto in sintesi Contenuto e logica espositiva 1 Programmazione, gestione e controllo 2 Il rendiconto finanziario

Dettagli

C O M U N E D I S P I L A M B E R T O (Provincia di Modena) =================================

C O M U N E D I S P I L A M B E R T O (Provincia di Modena) ================================= C O M U N E D I S P I L A M B E R T O (Provincia di Modena) ================================= I Risultati di gestione dell esercizio Valutazioni politico amministrative della Giunta comunale: 1. Relazione

Dettagli