Carta dei tipi forestali delle proprietà silvo-pastorali del comune di Rovereto Scala 1: Tipi forestali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carta dei tipi forestali delle proprietà silvo-pastorali del comune di Rovereto Scala 1:30.000 Tipi forestali"

Transcript

1 Carta dei tipi forestali delle proprietà silvo-pastorali del comune di Rovereto Scala 1: Tipi forestali abieteto calcicolo con faggio aceri-frassineto faggeta altimontana faggeta con carpino nero faggeta tipica a dentarie lariceto secondario o sostitutivo mugheta a erica mugheta acidofila di invasione su pascolo orno-ostrieto primitivo orno-ostrieto tipico ostrio-querceto pecceta secondaria o sostitutiva pineta di pino nero k Meters

2 Carta dei tipi forestali delle proprietà silvo-pastorali del comune di Rovereto Scala 1: Tipi forestali abieteto calcicolo con faggio aceri-frassineto faggeta altimontana faggeta con carpino nero faggeta tipica a dentarie lariceto secondario o sostitutivo mugheta a erica mugheta acidofila di invasione su pascolo orno-ostrieto primitivo orno-ostrieto tipico ostrio-querceto pecceta secondaria o sostitutiva pineta di pino nero Meters k

3 Carta degli habitat Natura 2000 del SIC Monte Ghello (IT ) Scala 1: * Formazioni erbose secche seminaturali e facies cespugliate su substrato calcareo 8160 Ghiaioni dell'europa centrale calcarei di collina e montagna 8210 Pareti rocciose calcaree con vegetazione casmofitica Habitat che non rientrano in U Fonte: Maurizio Odasso 2003

4 79 Carta degli habitat Natura 2000 del SIC Monte Zugna (IT ) 4070 boscaglie di Pinus mugo e Rhododendron hirsutum 80 80Scala 1: * Formazioni erbose secche seminaturali e facies cespugliate su substrato calcareo 6410 Praterie con molinia su terreni calcarei, torbosi o argilloso-limosi (Molinion caeruleae) 6510 Praterie magre da fieno a bassa altitudine 8160 Ghiaioni dell'europa centrale calcarei di collina e montagna 8210 Pareti rocciose calcaree con vegetazione casmofitica Faggeti dell'asperulo-fagetum Foresta subatlantiche e medio-europee di querce o querce e carpino bianco del Carpinion betuli 35 91K0 Foreste illiriche di Fagus sylvatica 34 Habitat che non rientrano in U Fonte: Maurizio Odasso

5

6

7 C C

8

9

10 C C C C C

PIANO DI GESTIONE della Zona di Protezione Speciale (ZPS) Foresta del Cansiglio

PIANO DI GESTIONE della Zona di Protezione Speciale (ZPS) Foresta del Cansiglio PIANO DI GESTIONE della Zona di Protezione Speciale (ZPS) Foresta del Cansiglio KLJ òjàklj Habitat Natura 2000 Sup. (ha) % 3150 Laghi eutrofici naturali con vegetazione del Magnopotamion o Hydrocharition

Dettagli

Progettare la gestione del bosco nelle aree protette: valutazioni ambientali e valutazioni di incidenza

Progettare la gestione del bosco nelle aree protette: valutazioni ambientali e valutazioni di incidenza GIORNATA DI STUDIO VALUTAZIONE AMBIENTALE DEI PROGETTI DI INTERVENTI SELVICOLTURALI E DEI PIANI DI GESTIONE FORESTALE Progettare la gestione del bosco nelle aree protette: valutazioni ambientali e valutazioni

Dettagli

Ente per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Misure Specifiche di Conservazione - Piani di Gestione

Ente per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Misure Specifiche di Conservazione - Piani di Gestione Misura 323 Sottomisura 2 del P.S.R. 2007-2013 Ente per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Problematiche generali e prime indicazioni David Bianco - Luglio 2012 Presentazione Documento preliminare

Dettagli

CARTA DEGLI HABITAT FORESTALI

CARTA DEGLI HABITAT FORESTALI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI VERCELLI PARCO NATURALE ALTA VALSESIA CARTA DEGLI HABITAT FORESTALI di INTERESSE COMUNITARIO nei SIC IT1120028 Alta Valsesia e IT1120006 Val Mastallone RELAZIONE a cura di

Dettagli

Il progetto sulle sorgenti pietrificanti del Parco regionale Campo dei Fiori. SIC Monti Legnone e Chiusarella

Il progetto sulle sorgenti pietrificanti del Parco regionale Campo dei Fiori. SIC Monti Legnone e Chiusarella Il progetto sulle sorgenti pietrificanti del Parco regionale Campo dei Fiori. SIC Monti Legnone e Chiusarella Premessa Il Consorzio ha beneficiato del finanziamento di un progetto LIFE Natura nell anno

Dettagli

GAL Gardavaslabbia scrl Piano di Sviluppo Locale Check Listt ORGOGLIO RURALE VIVERE BENE IN UN AREA MONTANA DOCUMENTO DI SINTESI

GAL Gardavaslabbia scrl Piano di Sviluppo Locale Check Listt ORGOGLIO RURALE VIVERE BENE IN UN AREA MONTANA DOCUMENTO DI SINTESI ORGOGLIO RURALE VIVERE BENE IN UN AREA MONTANA REG CE 1698/2005 DOCUMENTO DI SINTESI Analisi preliminare al processo di V.A.S. Decreto Dirigente Unità Organizzativa 10 Giugno 2008 n. 6080 Pubblicato sul

Dettagli

Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO Piano di gestione Bletterbach

Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO Piano di gestione Bletterbach Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO Piano di gestione Bletterbach Datore di lavoro: Provincia Autonoma di Bolzano Ripartizione Natura e Paesaggio Ufficio Parchi Naturali Incaricato: Studio Associato PAN

Dettagli

RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE. L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE. L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Monitoraggio della biodiversità animale in ambiente alpino Monitoraggio Biodiversità Obiettivi 1. Descrivere

Dettagli

(Progetto RI.CO.PRI.) Ripristino e Conservazione delle Praterie aride dell Italia centromeridionale

(Progetto RI.CO.PRI.) Ripristino e Conservazione delle Praterie aride dell Italia centromeridionale (Progetto RI.CO.PRI.) Ripristino e Conservazione delle Praterie aride dell Italia centromeridionale Comune di Cerreto Laziale Il Progettista e Direttore dei Lavori: Dott. Forestale e Dott. in Arch. Del

Dettagli

L Osservatorio Regionale per la Biodiversità

L Osservatorio Regionale per la Biodiversità Convegno: L Osservatorio Regionale per la Biodiversità PAVIA 7-8 febbraio 2013 Antonio Tagliaferri Ruolo delle Regioni nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Programmazione e gestione delle attività

Dettagli

PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I

PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I Azione D.4 Realizzazione e collocazione di Pannelli informativi Accettura, 17 maggio 2012 OBIETTIVI Gli obiettivi generali dell azione sono: Promozione e sensibilizzazione al rispetto

Dettagli

«MISURE DI CONSERVAZIONE PER LE ZONE SPECIALI DI CONSERVAZIONE DELLA REGIONE BIOGEOGRAFICA ALPINA»

«MISURE DI CONSERVAZIONE PER LE ZONE SPECIALI DI CONSERVAZIONE DELLA REGIONE BIOGEOGRAFICA ALPINA» REGIONE DEL VENETO Sezione Parchi Biodiversità Programmazione Silvopastorale e Tutela del consumatore LE MISURE DI CONSERVAZIONE E LA CONSULTAZIONE DIRETTA ONLINE DEL PARTENARIATO Agripolis 18 marzo 2016

Dettagli

MODIFICHE AGLI ALLEGATI A, B, C, ED E DEL REGOLAMENTO REGIONALE 8 DICEMBRE 2011, N. 8/R

MODIFICHE AGLI ALLEGATI A, B, C, ED E DEL REGOLAMENTO REGIONALE 8 DICEMBRE 2011, N. 8/R ALLEGATO 1) (Art. 28, comma 1) MODIFICHE AGLI ALLEGATI A, B, C, ED E DEL REGOLAMENTO REGIONALE 8 DICEMBRE 2011, N. 8/R 1. L Allegato A) del regolamento regionale 20 settembre 2011, n. 8/R è modificato

Dettagli

LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA. Dott. Giovanni Zaccaria Ufficio Parchi e Tutela della Biodiversità Regione Puglia

LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA. Dott. Giovanni Zaccaria Ufficio Parchi e Tutela della Biodiversità Regione Puglia LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA OBIETTIVO DEL PRESENTE INTERVENTO È UNA RIFLESSIONE SULLE STRATEGIE ED AZIONI SVOLTE E DA PIANIFICARE NELLA REGIONE PUGLIA IN TEMA DI GESTIONE DELLA RETE NATURA

Dettagli

RELAZIONE PIANO DI ASSESTAMENTO DELLE PROPRIETÁ DEL COMUNE DI ROVERETO

RELAZIONE PIANO DI ASSESTAMENTO DELLE PROPRIETÁ DEL COMUNE DI ROVERETO RELAZIONE PIANO DI ASSESTAMENTO DELLE PROPRIETÁ DEL COMUNE DI ROVERETO PROSPETTO DELLE SUPERFICI DESCRIZIONI E RILIEVI PARTICELLARI PROSPETTO SUPERFICI PARTICELLARI RIPARTITE PER PARTICELLA FONDIARIA INDICE

Dettagli

COMUNE DI PESCAGLIA Provincia di Lucca PIANO STRUTTURALE

COMUNE DI PESCAGLIA Provincia di Lucca PIANO STRUTTURALE COMUNE DI PESCAGLIA Provincia di Lucca PIANO REGOLATORE GENERALE PIANO STRUTTURALE L.R. 16 gennaio 1995 n 5 art. 24 VALUTAZIONE DELL'INCIDENZA DEL PIANO STRUTTURALE DEL COMUNE DI PESCAGLIA IN RELAZIONE

Dettagli

Piano di Gestione del Sito di Interesse Comunitario integrato al Piano del Parco

Piano di Gestione del Sito di Interesse Comunitario integrato al Piano del Parco Parco Nazionale Gran Paradiso Piano del Parco Piano di Gestione del Sito di Interesse Comunitario integrato al Piano del Parco Novembre 2007 - agg. Novembre 2009 - agg. Febbraio 2013 (approvato con deliberazione

Dettagli

Biodiversità delle praterie semi-naturali: valorizzazione nella pianura veneta

Biodiversità delle praterie semi-naturali: valorizzazione nella pianura veneta Mercoledì, 12 febbraio 2014 Conservare la biodiversità e produrre biologico: sfida possibile per l agricoltura veneta? Corte Benedettina, Legnaro Biodiversità delle praterie semi-naturali: individuazione,

Dettagli

HABITAT DI SPECIE. Habitat forestali. Habitat di specie

HABITAT DI SPECIE. Habitat forestali. Habitat di specie Habitat di specie 575 HABITAT DI SPECIE In Liguria gli habitat di specie, cioè quegli habitat indispensabili per la vita delle specie elencate nell allegato 2 della direttiva 92/43 e nell allegato 1 della

Dettagli

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO 2 INDICE QUERCETI... 4 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SCIOLTI... 6 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SILICATICI... 8 ACERI-FRASSINETI

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA

PROVINCIA DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA SETTORE SOCIO-CULTURALE BENI AMBIENTALI E PATRIMONIALI MOBILITA' VICENZA - Contrà Gazzolle n. 1 Tel. 0444/908323 Fax 0444/908538 - Partita I.V.A.: 496080243 - Codice Fiscale: 0496080243

Dettagli

Azioni di conservazione. Pagina 1

Azioni di conservazione. Pagina 1 realizzabili (= Prati Pr 1 Tutelare i prati da fieno e gestire i prati con modalità attente alle esigenze di tutela della fauna senza costo; a carico dei privati che accedono ai fondi PSR Pr 2 Controllare

Dettagli

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI La vegetazione dei Monti Simbruini FOTO VEGETAZIONE MONTI SIMBRUINI APPUNTI Il massiccio calcareo dei Monti Simbruini presenta una ben conservata copertura forestale, che occupa il 75% dell intero areale

Dettagli

RELAZIONE VEGETAZIONALE

RELAZIONE VEGETAZIONALE COMUNE DI GARESSIO Committente: Simic s.p.a. Camerana (CN) via Vittorio Veneto P.iva 02121640045 Costruzione ed esercizio di un impianto eolico in località Bric Meriano, Garessio ( CN) RELAZIONE VEGETAZIONALE

Dettagli

Direttiva Habitat 92/43/CEE (allegato I)

Direttiva Habitat 92/43/CEE (allegato I) www1.inea.it http://www1.inea.it/ops/ue/natura/allegato1.htm Direttiva Habitat 92/43/CEE (allegato I) Degli orientamenti per l interpretazione dei tipi di habitat vengono dati nel "Manuale d interpretazione

Dettagli

Finanziare la rete ecologica?

Finanziare la rete ecologica? Finanziare la rete ecologica? Panoramica sulle principali fonti di finanziamento Varese, 19 marzo 2015 Tipologie dei finanziamenti europei Fondi indiretti la cui gestione è demandata agli Stati membri

Dettagli

Piani di Gestione delle aree SIC MONTE MATAJUR

Piani di Gestione delle aree SIC MONTE MATAJUR Piani di Gestione delle aree SIC SIC IT3320019 SIC IT3320018 Pulfero, 23 febbraio 2012 La rete N2000: habitat e specie di interesse comunitario La rete Natura2000 si basa su due direttive europee Direttiva

Dettagli

ALLEGATO 4 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI STUDIO D INCIDENZA SUI SITI DELLA RETE NATURA 2000

ALLEGATO 4 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI STUDIO D INCIDENZA SUI SITI DELLA RETE NATURA 2000 REGIONE ABRUZZO ALLEGATO 4 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI STUDIO D INCIDENZA SUI SITI DELLA RETE NATURA 2000 Direttiva Habitat (92/43/CEE) Direttiva uccelli (79/409/CEE) Dgr. n. 4345/2001 e Dgr

Dettagli

AZIENDA: ERSAF. CODICE di REGISTRAZIONE del CERTIFICATO ICILA-GFSPEFC-123

AZIENDA: ERSAF. CODICE di REGISTRAZIONE del CERTIFICATO ICILA-GFSPEFC-123 RAPPORTO PUBBLICO SINTETICO GESTIONE FORESTALE SOSTENIBILE PEFC AZIENDA: ERSAF Certificazione: Singola (AZ) Gruppo (GR) Regionale (AR) CODICE di REGISTRAZIONE del CERTIFICATO ICILA-GFSPEFC-123 DATA di

Dettagli

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Il PSR Marche e le aree Natura 2000 Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Workshop provinciale - 16 aprile 2013 Sede Provincia di Macerata - Sala Convegni Località Piediripa

Dettagli

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it La Rete Natura 2000 nelle Marche Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it Direttiva Habitat (art. 2) Salvaguardia biodiversità mediante la conservazione degli habitat naturali, flora e fauna

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA

PROVINCIA DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA SETTORE SOCIO-CULTURALE BENI AMBIENTALI E PATRIMONIALI MOBILITA' VICENZA - Contrà Gazzolle n. 1 Tel. 0444/908323 Fax 0444/908538 - Partita I.V.A.: 496080243 - Codice Fiscale: 0496080243

Dettagli

PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE

PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE SCHEDE DEI MODELLI COLTURALI E DELLE AZIONI DI PIANO (Periodo di validità 2013-2027) Data: aprile 2010 Agg.: marzo 2011 Parco delle Orobie Valtellinesi Il coordinatore del

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE PROVINCIA DI VERONA AREA PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Patto territoriale della Montagna Veronese D.M. n. 2445 del 22.03.2001 Rimodulazione ai sensi della delibera C.I.P.E. del 23/12/2013 PROGETTO

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti di Importanza Comunitaria «IT5110002 Monte Orsaro», «IT5110003 Monte Matto, Monte Malpasso», «IT5110004 Monte Acuto,

Piani di Gestione dei Siti di Importanza Comunitaria «IT5110002 Monte Orsaro», «IT5110003 Monte Matto, Monte Malpasso», «IT5110004 Monte Acuto, Piani di Gestione dei Siti di Importanza Comunitaria «IT5110002 Monte Orsaro», «IT5110003 Monte Matto, Monte Malpasso», «IT5110004 Monte Acuto, Groppi di Camporaghena» (MS) nel Parco nazionale dell Appennino

Dettagli

Progetto Life+T.E.N. Trentino Ecological Network - LIFE11/NAT/IT/000187 "T.E.N." -

Progetto Life+T.E.N. Trentino Ecological Network - LIFE11/NAT/IT/000187 T.E.N. - Progetto Life+T.E.N. Trentino Ecological Network - LIFE11/NAT/IT/000187 "T.E.N." - AZIONE C2 Inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo

Dettagli

8. LA FILIERA FORESTA-LEGNO (Luca Cesaro - INEA)

8. LA FILIERA FORESTA-LEGNO (Luca Cesaro - INEA) (Luca Cesaro - INEA) 8.1 LE RISORSE FORESTALI E LE PRODUZIONI LEGNOSE NEL VENETO E IN ITALIA 8.1.1 La superficie forestale La definizione, a livello statistico, di superficie forestale (o boscata) è un

Dettagli

SINTESI del PIANO DI ASSESTAMENTO FORESTALE SEMPLIFICATO DELLE FORESTE DI LOMBARDIA

SINTESI del PIANO DI ASSESTAMENTO FORESTALE SEMPLIFICATO DELLE FORESTE DI LOMBARDIA SISTEMA DI GESTIONE FORESTALE SOSTENIBILE SINTESI del PIANO DI ASSESTAMENTO FORESTALE SEMPLIFICATO DELLE FORESTE DI LOMBARDIA Aggiornamento 2015 ERSAF Via Pola 12, 20124 Milano Tel. 02.67404.1 info@ersaf.lombardia.it

Dettagli

SCELTE GESTIONALI DEL PATRIMONIO FORESTALE REGIONALE E ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE. L esperienza di ERSAF Lombardia Nuoro, 5 marzo 2015

SCELTE GESTIONALI DEL PATRIMONIO FORESTALE REGIONALE E ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE. L esperienza di ERSAF Lombardia Nuoro, 5 marzo 2015 SCELTE GESTIONALI DEL PATRIMONIO FORESTALE REGIONALE E ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE L esperienza di ERSAF Lombardia Nuoro, 5 marzo 2015 Enrico Calvo Dipartimento Montagna e Sistemi Verdi Argomenti: La

Dettagli

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra Segonzano 25 novembre 2014 Michele Caldonazzi ALBATROS S.r.l. 1. Recupero

Dettagli

Comune di San Marcello Pistoiese. Piano Strutturale Comunale Studio di incidenza ambientale (L.R.T. 56/2000 - Dir.CEE 92/43)

Comune di San Marcello Pistoiese. Piano Strutturale Comunale Studio di incidenza ambientale (L.R.T. 56/2000 - Dir.CEE 92/43) Comune di San Marcello Pistoiese Provincia di Pistoia Piano Strutturale Comunale Studio di incidenza ambientale (L.R.T. 56/2000 - Dir.CEE 92/43) Il Tecnico incaricato Dr. For. Edoardo Viti Il Responsabile

Dettagli

STUDIO DI INCIDENZA IN RAPPORTO ALLA PRESENZA DI SITI RETE NATURA 2000

STUDIO DI INCIDENZA IN RAPPORTO ALLA PRESENZA DI SITI RETE NATURA 2000 VARIANTE AL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GROMO VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DELLA VARIANTE AL PGT STUDIO DI INCIDENZA IN RAPPORTO ALLA PRESENZA DI SITI RETE NATURA 2000 Luglio 2014

Dettagli

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Fiemme

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Fiemme L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Fiemme Tesero, 27 novembre 2014 Dott. Franco Rizzolli (MUSE) Dott. Angela

Dettagli

Natura Marche. Alfredo Fermanelli

Natura Marche. Alfredo Fermanelli Natura 2000 - Marche Alfredo Fermanelli Normativa regionale LR 6/2007 disposizioni per la rete Natura 2000 Gestione Parchi e Riserve Naturali (ca. 18% dei Siti) Comunità Montane Amministrazioni provinciali

Dettagli

SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale

SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale SEMINARIO INFORMATIVO SUGLI OPEN DATA Servizi cartografici e banche dati disponibili per il lavoro professionale SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale Elisa Guiot Regione Piemonte, Direzione Opere

Dettagli

Atlante degli Habitat

Atlante degli Habitat Atlante degli Habitat Mauro Giorgio Mariotti Con la collaborazione di Mario Pavarino e Stefano Marsili Natura 2000 in Liguria Università di Genova Dip. Te. Ris. Progettazione e coordinamento editoriale

Dettagli

Comune di BRUGNERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE V A R I AN T E 50. (Revisione dei vincoli e altro) VERIFICA DELLA SIGNIFICATIVITÀ DI INCIDENZA

Comune di BRUGNERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE V A R I AN T E 50. (Revisione dei vincoli e altro) VERIFICA DELLA SIGNIFICATIVITÀ DI INCIDENZA Comune di BRUGNERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Pianif. Terr. G. VELCICH V A R I AN T E 50 (Revisione dei vincoli e altro) VERIFICA DELLA SIGNIFICATIVITÀ DI INCIDENZA SU SIC / ZPS 1 1. SIC/ZPS della

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

Foreste e boschi art.142, comma1, lettera g, del Codice

Foreste e boschi art.142, comma1, lettera g, del Codice Foreste e boschi art.142, comma1, lettera g, del Codice Normativa statale Ambiti territoriali oggetto di vincolo sono i territori coperti da foreste e boschi, ancorchè percorsi o danneggiati dal fuoco,

Dettagli

2 UNITÀ DI PAESAGGIO E UNITA AMBIENTALI DI AREA VASTA... 4

2 UNITÀ DI PAESAGGIO E UNITA AMBIENTALI DI AREA VASTA... 4 SOMMARIO SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 UNITÀ DI PAESAGGIO E UNITA AMBIENTALI DI AREA VASTA... 4 2.1 Generalità... 4 2.2 L area vasta... 5 2.2.1 La carta delle unità ambientali di area vasta... 5 2.2.2 Metodologia...

Dettagli

PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI

PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI MODELLI SELVICOLTURA GENERALI TIPOLOGIA DESTINAZIONE ASSETTO SUPERFICIE

Dettagli

RIASSUNTO 7 SUMMARY..9 1. INTRODUZIONE...11 2. MATERIALI E METODI 21

RIASSUNTO 7 SUMMARY..9 1. INTRODUZIONE...11 2. MATERIALI E METODI 21 INDICE RIASSUNTO 7 SUMMARY..9 1. INTRODUZIONE.....11 1.1 OBIETTIVI...19 2. MATERIALI E METODI 21 2.1 DESCRIZIONE DELL AREA DI STUDIO......21 2.2 LE TIPOLOGIE FORESTALI PER SUSCETTIVITA AGLI INCENDI BOSCHIVI

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni 1992L0043 IT 01.01.2007 005.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni B DIRETTIVA 92/43/CEE DEL CONSIGLIO del 21 maggio 1992 relativa

Dettagli

Comunità Montana Valtellina di Sondrio PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE STUDIO DI INCIDENZA

Comunità Montana Valtellina di Sondrio PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE STUDIO DI INCIDENZA Comunità Montana Valtellina di Sondrio Provincia di Sondrio Regione Lombardia PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE (Periodo di validità 2010-2025) STUDIO DI INCIDENZA Comunità Montana Valtellina di Sondrio Federica

Dettagli

SEZIONE I. GIUNTA REGIONALE - Deliberazioni. Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 32 del 11.8.2004

SEZIONE I. GIUNTA REGIONALE - Deliberazioni. Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 32 del 11.8.2004 2 SEZIONE I GIUNTA REGIONALE - Deliberazioni Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 32 del 11.8.2004 DELIBERAZIONE 5 luglio 2004, n. 644 Attuazione art. 12, comma 1, lett. a) della

Dettagli

Piano Territoriale Regionale/Piano Paesaggistico Regionale Individuazione degli Ambiti geografici e delle Unità tipologiche di paesaggio regionali, tavola A PTR/PPR approvato con la deliberazione di Consiglio

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

PIANO DI PASCOLAMENTO

PIANO DI PASCOLAMENTO Progetto LIFE+ Colli Berici Natura 2000 LIFE08 NAT /IT/000362 Azioni di conservazione, miglioramento degli habitat e delle specie e salvaguardia della naturalità del SIC Colli Berici Azione C.2 Acquisto

Dettagli

Crinale Pichea-Rocchetta. Viaggio alla scoperta di Natura 2000. Commissione Tutela Ambiente Montano - SAT

Crinale Pichea-Rocchetta. Viaggio alla scoperta di Natura 2000. Commissione Tutela Ambiente Montano - SAT Commissione Tutela Ambiente Montano - SAT Crinale Pichea-Rocchetta Viaggio alla scoperta di Natura 2000 Due giorni sui sentieri per osservare, conoscere e capire la montagna 25 Presentazione La vita è

Dettagli

Norme Tecniche di regolamentazione del SIC [IT ] Valvestino

Norme Tecniche di regolamentazione del SIC [IT ] Valvestino Norme Tecniche di regolamentazione del SIC [IT 2070021] Valvestino Disposizioni generali Premessa I Piani di Gestione (PG) dei Siti di Importanza Comunitaria Monte Cas Punta Corlor [IT2070015], Cima Comer

Dettagli

Datore di lavoro: Provincia Autonoma di Bolzano Ripartizione natura e paesaggio Ufficio parchi naturali. Incaricato: Studio Associato PAN Mauro Tomasi

Datore di lavoro: Provincia Autonoma di Bolzano Ripartizione natura e paesaggio Ufficio parchi naturali. Incaricato: Studio Associato PAN Mauro Tomasi Datore di lavoro: Provincia Autonoma di Bolzano Ripartizione natura e paesaggio Ufficio parchi naturali Incaricato: Studio Associato PAN Mauro Tomasi Responsabile del lavoro Mauro Tomasi, Maurizio Odasso

Dettagli

Analisi mediante tecniche GIS delle relazioni tra variabili ecologiche e vegetazione forestale nelle Prealpi Giulie.

Analisi mediante tecniche GIS delle relazioni tra variabili ecologiche e vegetazione forestale nelle Prealpi Giulie. Copyright by the Italian Society of Silviculture and Forest Ecology. Analisi mediante tecniche GIS delle relazioni tra variabili ecologiche e vegetazione forestale nelle Prealpi Giulie. Turco S (1), Napolitano

Dettagli

Fondazione Lombardia per l Ambiente. www.regione.lombardia.it LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME.

Fondazione Lombardia per l Ambiente. www.regione.lombardia.it LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. Atlante dei SIC della Provincia di Bergamo Fondazione Lombardia per l Ambiente www.regione.lombardia.it LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. ATLANTE DEI SIC DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Mauro Perracino Fondazione

Dettagli

I livelli (sintaxa, al singolare sintaxon) della classificazione Sintassonomica

I livelli (sintaxa, al singolare sintaxon) della classificazione Sintassonomica I livelli (sintaxa, al singolare sintaxon) della classificazione Sintassonomica SINTASSONOMIA Boschi sempreverdi Quercetea ilicis bosco subtropicale sempreverde dell area mediterranea Vaccinio-Piceetea

Dettagli

Descrizioni dei siti Smeraldo in Svizzera italiana

Descrizioni dei siti Smeraldo in Svizzera italiana Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell'ambiente UFAM Descrizioni dei siti Smeraldo in Svizzera italiana Stato 30.11. 2012 CH11

Dettagli

VARIANTE GENERALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI BIENTINA STUDIO DI INCIDENZA

VARIANTE GENERALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI BIENTINA STUDIO DI INCIDENZA VARIANTE GENERALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI BIENTINA (PROVINCIA DI PISA) STUDIO DI INCIDENZA SIR-SIC Cerbaie (IT517000) Ex alveo Lago di Bientina (IT5120101) Firenze, febbraio 2010 INDICE

Dettagli

Dallʼalbero al bosco. 4 Itinerari tematici. Sentiero forestale della Valle di Archesane (BS) Per saperne di più. Numeri utili

Dallʼalbero al bosco. 4 Itinerari tematici. Sentiero forestale della Valle di Archesane (BS) Per saperne di più. Numeri utili Per saperne di più ERSAF Struttura Dirigenziale Gestione forestale e monitoraggio ambientale via Oliva, 32 Gargnano (BS) Tel. 02.67404471 www.ersaf.lombardia.it Comunità Montana Parco Alto Garda Bresciano

Dettagli

Stato dell arte dei piani di gestione dei siti Rete Natura 2000 in Puglia

Stato dell arte dei piani di gestione dei siti Rete Natura 2000 in Puglia Stato dell arte dei piani di gestione dei siti Rete Natura 2000 in Puglia Convegno Internazionale LA GESTIONE DI RETE NATURA 2000 Esperienze a confronto Genova 20-21 novembre 2008 Ufficio Parchi e Riserve

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE. D.P.R. 8-9-1997 n. 357 (1) Testo aggiornato e coordinato al D.P.R. 12 marzo 2003 n 120 (2)

MINISTERO DELL'AMBIENTE. D.P.R. 8-9-1997 n. 357 (1) Testo aggiornato e coordinato al D.P.R. 12 marzo 2003 n 120 (2) MINISTERO DELL'AMBIENTE D.P.R. 8-9-1997 n. 357 (1) Testo aggiornato e coordinato al D.P.R. 12 marzo 2003 n 120 (2) Regolamento recante attuazione della direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli

Dettagli

Tabella 5.1.1 - Inquinamento atmosferico di fondo Anno 2004 Tipo stazione (Dec. 2002/752/CE) Rete SO 2 (media anno µg/m 3 )

Tabella 5.1.1 - Inquinamento atmosferico di fondo Anno 2004 Tipo stazione (Dec. 2002/752/CE) Rete SO 2 (media anno µg/m 3 ) 5. STATO DELL AMBIENTE 5.1. Atmosfera La valutazione della qualità dell aria è riconducibile a due aspetti fondamentali: l inquinamento atmosferico di fondo, associato ai livelli medi dell inquinamento

Dettagli

piano provinciale terzo aggiornamento: rifiuti urbani parte strategica allegato 4: relazione di incidenza ambientale dei Provincia Autonoma di Trento

piano provinciale terzo aggiornamento: rifiuti urbani parte strategica allegato 4: relazione di incidenza ambientale dei Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento piano provinciale terzo aggiornamento: rifiuti urbani di smaltimento dei rifiuti parte strategica A cura di: Agenzia Provinciale per la Protezione dell Ambiente Assessorato

Dettagli

UNIVERSITÀ DELLA BASILICATA SAFE - SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED

UNIVERSITÀ DELLA BASILICATA SAFE - SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED UNIVERSITÀ DELLA BASILICATA SAFE - SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI Programma di insegnamento per l anno accademico 2015/2016 Programma dell insegnamento di Selvicoltura speciale

Dettagli

Contributo tematico alla. Strategia Nazionale per la Biodiversità

Contributo tematico alla. Strategia Nazionale per la Biodiversità Contributo tematico alla Strategia Nazionale per la Biodiversità Manuale italiano di interpretazione degli habitat (Direttiva 92/43/CEE) Contributo tematico alla Strategia Nazionale per la Biodiversità

Dettagli

82. Boschi e loro tipologia ORAZIO CIANCIO*

82. Boschi e loro tipologia ORAZIO CIANCIO* 82. Boschi e loro tipologia ORAZIO CIANCIO* Università degli Studi di Firenze Quadro 1 - F. 276 Sez. I - Passo della Consuma - Serie 25 La superficie coperta da boschi, secondo l Inventario Forestale Nazionale

Dettagli

RELAZIONE PIANO DI CONSERVAZIONE E SVILUPPO DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE & PIANO DI GESTIONE DEL SIC/ZPS IT DOLOMITI FRIULANE

RELAZIONE PIANO DI CONSERVAZIONE E SVILUPPO DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE & PIANO DI GESTIONE DEL SIC/ZPS IT DOLOMITI FRIULANE RELAZIONE PIANO DI CONSERVAZIONE E SVILUPPO DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE & PIANO DI GESTIONE DEL SIC/ZPS IT3310001 DOLOMITI FRIULANE Due diverse normative: -Piano di Conservazione e Sviluppo: -Piano

Dettagli

Progetto ENERVAL. Thomas Zinato - Veneto Agricoltura (Sett. Bioenergie e Cambiamento Climatico) Comune di Badia Calavena. Comune di Selva di Progno

Progetto ENERVAL. Thomas Zinato - Veneto Agricoltura (Sett. Bioenergie e Cambiamento Climatico) Comune di Badia Calavena. Comune di Selva di Progno Comune di Badia Calavena Comune di Selva di Progno Comune di Crespadoro Comune di Recoaro Terme Progetto ENERVAL Studio relativo alla filiera del legno-energia nei territori dei quattro comuni di Badia

Dettagli

INDAGINI BOTANICHE PRATERIE AREA PALAZZA-BUSCADA NEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE

INDAGINI BOTANICHE PRATERIE AREA PALAZZA-BUSCADA NEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE INTERREG IV ITALIA-AUSTRIA 2007-2013 IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO DALL ACRONIMO FANALP TUTELA, VALORIZZAZIONE E FRUIZIONE DELLE AREE NATURALI DELL'ARCO ALPINO ORIENT ALE INDAGINI BOTANICHE PRATERIE AREA

Dettagli

MISURE SPECIFICHE DI CONSERVAZIONE E PIANI DI GESTIONE NEI SITI DIRETE NATURA 2000 DELLA VALLE DEL TREBBIA

MISURE SPECIFICHE DI CONSERVAZIONE E PIANI DI GESTIONE NEI SITI DIRETE NATURA 2000 DELLA VALLE DEL TREBBIA MISURE SPECIFICHE DI CONSERVAZIONE E PIANI DI GESTIONE NEI SITI DIRETE NATURA 2000 DELLA VALLE DEL TREBBIA Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 323 Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale

Dettagli

7. Ambiente naturale e paesaggio

7. Ambiente naturale e paesaggio 7. Ambiente naturale e paesaggio 7.1. Inquadramento problematica/introduzione 7.1.1. Introduzione La Provincia di Ancona si estende per un area di circa 1940 Km 2 e comprende 49 Comuni. Si distingue per

Dettagli

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1 U N I T A N 1 1 IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE Libro di geografia classe 1 - Scuola secondaria di primo grado Pagina

Dettagli

Zone fitoclimatiche GLI AR I BUSTI DEL CAS C T AS ANETUM T

Zone fitoclimatiche GLI AR I BUSTI DEL CAS C T AS ANETUM T Zone fitoclimatiche GLI ARBUSTI DEL CASTANETUM IL TERRITORIO ITALIANO La morfologia e le condizioni climatiche sono così varie che sono presenti numerosi ecosistemi. La vegetazione si è diffusa e affermata

Dettagli

ALTOPIANO DEI SETTE COMUNI

ALTOPIANO DEI SETTE COMUNI ALTOPIANO DEI SETTE COMUNI 1. SCHEDA GENERALE DEL BIOTOPO NOME DEL SITO Altopiano dei Sette Comuni CODICE DEL SITO IT3220036 TIPO DI RELAZIONE SIC identico a ZPS designata REGIONE AMMINISTRATIVA Veneto

Dettagli

Fondazione Lombardia per l Ambiente. www.regione.lombardia.it LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME.

Fondazione Lombardia per l Ambiente. www.regione.lombardia.it LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. Atlante dei SIC della Provincia di Lecco Fondazione Lombardia per l Ambiente www.regione.lombardia.it LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. ATLANTE DEI SIC DELLA PROVINCIA DI LECCO Roberto Dellavedova Fondazione

Dettagli

Vegetazione Forestale Emiliana

Vegetazione Forestale Emiliana Vegetazione Forestale Emiliana Fascia collinare Le definizioni di bosco, arbusteto e cespuglieto, definite nelle PMPF (L.R. 4 settembre 1981, n. 30) sono le seguenti: I boschi sono definiti in base a una

Dettagli

Studio agronomico e forestale del territorio comunale

Studio agronomico e forestale del territorio comunale COMUNE DI VALVESTINO Piano di Governo del Territorio Studio agronomico e forestale del territorio comunale Nicola Gallinaro dottore forestale Dicembre 2012 1 Soggetto committente: COMUNE DI VALVESTINO

Dettagli

1 PREMESSA CARATTERISTICHE DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI COMO... 3

1 PREMESSA CARATTERISTICHE DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI COMO... 3 Sommario pag. I SOMMARIO 1 PREMESSA... 1 2 CARATTERISTICHE DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI COMO... 3 2.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2 ELEMENTI STRUTTURALI DEL PIANO... 3 2.2.1 Il sistema paesistico -

Dettagli

Il bosco vetusto. Un investimento per il futuro: in «Foreste, biodiversità, conservazione»

Il bosco vetusto. Un investimento per il futuro: in «Foreste, biodiversità, conservazione» Il bosco vetusto Un investimento per il futuro: in «Foreste, biodiversità, conservazione» I servizi ecosistemici delle foreste alpine Approcci, buone pratiche ed esempi Mercoledì 8 giugno 2016 A cura di

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PIANO DI GESTIONE DELLA ZONA DI PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) IT3240024 DORSALE PREALPINA TRA VALDOBBIADENE E SERRAVALLE

REGIONE DEL VENETO PIANO DI GESTIONE DELLA ZONA DI PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) IT3240024 DORSALE PREALPINA TRA VALDOBBIADENE E SERRAVALLE REGIONE DEL VENETO PIANO DI GESTIONE DELLA ZONA DI PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) IT3240024 DORSALE PREALPINA TRA VALDOBBIADENE E SERRAVALLE DOCUMENTO PER LE CONSULTAZIONE Il Gruppo di lavoro è composto dai

Dettagli

Aspetti vegetazionali delle Alpi Orientali

Aspetti vegetazionali delle Alpi Orientali Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano I Corso per Operatori Sezionali ONC - TAM Aspetti vegetazionali delle Alpi Orientali Paluzza (UD) Sabato 12 Ottobre 2013 Suddivisione sistematica del Regno

Dettagli

a) delle specie animali selvatiche e delle specie vegetali non coltivate; b) degli habitat; c) di altre forme naturali del territorio.

a) delle specie animali selvatiche e delle specie vegetali non coltivate; b) degli habitat; c) di altre forme naturali del territorio. LEGGE REGIONALE 6 aprile 2000, n. 56 Norme per la conservazione e la tutela degli habitat naturali e seminaturali, della flora e della fauna selvatiche - Modifiche alla legge regionale 23 gennaio 1998,

Dettagli

Anagrafica. Parzialmente accolta L osservazione è parzialmente accolta. Elaborato/i di piano osservati

Anagrafica. Parzialmente accolta L osservazione è parzialmente accolta. Elaborato/i di piano osservati Anagrafica n. ID 928 n. Prot. 11826 Data prot. 27/12/2013 Soggetto proponente Pubblico Mittente Comune di Spinazzola Comune Informazioni catastali Elaborato/i di piano osservati 6 - Sistema delle tutele:

Dettagli

CEA: Varese Ligure Val di Vara

CEA: Varese Ligure Val di Vara CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE VARESE LIGURE E VAL DI VARA CEA: Varese Ligure Val di Vara Proposta educativa 2015/2016 Ente di riferimento: comune di Varese Ligure Data d inizio attività: 1996 Sede: via

Dettagli

Come cambia il problema forestale nel Mondo

Come cambia il problema forestale nel Mondo VIVILATERRA -Prim alpe 19 maggio 2012 Come cambia il problema forestale nel Mondo Nel nord del mondo il bosco ha ormai un ruolo di complemento per la vita delle persone: - Depurazione dell aria, - Protezione

Dettagli

VORREI TAGLIARE IL MIO BOSCO COSA DEVO FARE? Guida ai tagli boschivi secondo il nuovo regolamento forestale regionale

VORREI TAGLIARE IL MIO BOSCO COSA DEVO FARE? Guida ai tagli boschivi secondo il nuovo regolamento forestale regionale VORREI TAGLIARE IL MIO BOSCO COSA DEVO FARE? Guida ai tagli boschivi secondo il nuovo regolamento forestale regionale 1 1. COME SI CONSULTA QUESTA GUIDA Il Regolamento approvato dalla Giunta regionale

Dettagli

Giovanni Bacaro. corresponding author 1 st RESILFOR WORKSHOP ACQUASANTA TERME 9-10 Luglio 2010

Giovanni Bacaro. corresponding author   1 st RESILFOR WORKSHOP ACQUASANTA TERME 9-10 Luglio 2010 Vegetazione e diversità nelle faggete dell'appenino centro-settentrionale Una proposta metodologica per caratterizzare l'ecosistema forestale Giovanni Bacaro BIOCONNET, BIOdiversity and CONservation NETwork,

Dettagli

Azione A2 Analisi della gestione attuale e pregressa Deliverable di chiusura dell azione

Azione A2 Analisi della gestione attuale e pregressa Deliverable di chiusura dell azione LIFE12 NAT/IT/000818 Conservazione e recupero delle praterie xero-termiche della Valle di Susa mediante la gestione pastorale Azione A2 Analisi della gestione attuale e pregressa Deliverable di chiusura

Dettagli

AZIONI DI PIANIFICAZIONE

AZIONI DI PIANIFICAZIONE L ENTE PARCO E BENEFICIARIO DEL PROGETTO LIFE NATURA CILENTO IN RETE GESTIONE DELLA RETE DEI SIC E ZPS NEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO DURATA: GENNAIO 2007 DICEMBRE 2010 COSTO TOTALE:

Dettagli

Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna

Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna COMMITTENTE Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna TITOLO DEL LAVORO Rete Natura 2000 - Misure specifiche di conservazione S.I.C-Z.P.S S.I.C-Z.P.S. IT4080003 MONTE GEMELLI,

Dettagli

Rapporto sullo stato delle foreste in Lombardia al 31 dicembre 2010

Rapporto sullo stato delle foreste in Lombardia al 31 dicembre 2010 16 marzo2012 Rapporto sullo stato delle foreste in Lombardia al 31 dicembre 2010 Enrico Calvo RAPPORTO SULLO STATO DELLE FORESTE IN LOMBARDIA IV annualità (2007-2008 2009-2010) Strumento conoscitivo ed

Dettagli